La TORRE. Periodico di in-formazione della parrocchia Natività della Beata Vergine Maria in Zianigo Dicembre 2011 n 23. Buon Anno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La TORRE. Periodico di in-formazione della parrocchia Natività della Beata Vergine Maria in Zianigo Dicembre 2011 n 23. Buon Anno"

Transcript

1 La TORRE Buon Anno Trova il tempo di pensare Trova il tempo di pregare Trova il tempo di ridere È la fonte del potere È il più grande potere sulla Terra È la musica dell anima. Trova il tempo per giocare Trova il tempo per amare Ed essere amato Trova il tempo di dare È il segreto dell eterna giovinezza È il privilegio dato da Dio La giornata è troppo corta Per essere egoisti. Trova il tempo di leggere Trova il tempo di essere amico Trova il tempo di lavorare È la fonte della saggezza È la strada della felicità È il prezzo del successo. Trova il tempo di fare la carità È la chiave del Paradiso. Periodico di in-formazione della parrocchia Natività della Beata Vergine Maria in Zianigo Dicembre 2011 n 23

2 In questo numero troverete la busta parrocchiale di Dicembre. Grazie per quello che potrete liberamente fare! SOMMARIO: I nostri collaboratori: (in ordine alfabetico) A.C.R. (ragazzi e non) Caccin Anna Caravello Guanni Concollato Paola Barban Sebastiano De Marchi Marisa De Marinis Francesco De Pieri Anna e Marta Doria Paolo e Nicoletta Fontanella Fabio Gallo don Ruggero Lazzarini Simonetta Seno Giuliano Ringraziamo Il gruppo stampa, fascicolatura e distribuzione. Editoriale 3 Cresima: Un grande dono 4 La Cresima e dopo? 5 22 Jamboree 6 Le luppettiadi 7 La luce di Betlemme 8 Un campo scuola al mare/ una serata a Lourdes 9 festa patronale: una sera speciale 10 Zianigo vive - Bilancio festa 11 L organo 12 La Chiesa la Parrochia: come si mantiene 13 Grease in th word 14 Cuore missionario Una bancarella davvero speciale 18 Un capitello dedicato a Bakhita 19 News dal mondo 20 Panettoni e costumi da bagno 21 a proposti di formazione Il nostro cammino 24 Il gruppo liturgico c è 25 Calendario liturgico/pastorale 26 L angolo della poesia 29 Piccole storie 30 S. Martino di Tour 31 Le nostre radici 32 RECAPITO DELLA PARROCCHIA di ZIANIGO: Via Scortegara, 166 Tel Potete trovare LA TORRE su (Mirano informa: luoghi di culto) 2

3 Natale 2011 Cari parrocchiani, Ogni Natale si presenta alla storia con la sua particolare novità che tocca tutti gli uomini. Quest anno il Natale sarà più povero per tante persone e famiglie in difficoltà economica per mancanza di lavoro o per il lavoro precario che non dà un minimo di sicurezza. Il Natale della famiglia di Gesù, Giuseppe e Maria è stato proprio come quello che vivono certe famiglie d oggi, che non trovano aiuto, solidarietà e accoglienza. La vera ricchezza, però, della famiglia di Nazareth è stata la loro dignità pur nella povertà e nella solitudine. Perché? Perché erano sicuri della presenza di Dio nella loro vita. La fede ci dona questa certezza: non siamo mai completamente soli. Dio manda sempre qualcuno (... gli angeli, i pastori, i magi ) nella nostra vita per dirci: non abbiate paura, voi miei amici e discepoli, Io sono con voi sempre, fino alla fine del mondo. Con questo pensiero vi auguro un Santo Natale. Il vostro arciprete don Ruggero. 3

4 Domenica 9 Ottobre 2011 il vicario del Vescovo, Mons. Lucio Bonomo, ha segnato con il sigillo dello Spirito Santo: Brazzolotto Matteo Casarin Andrea Masiero Marco Perin Daniele Pesce Francesca Polato Davide Simion Arianna Silvestrini Giulio Spolaore Enrico Stevanato Mosè Tagliapietra Anna Tagliapietra Silvia Tondato Susanna Zamengo Andrea (1) Zamengo Andrea (2) È stato un grande giorno per i miei ragazzi perché hanno ricevuto in dono lo Spirito Santo nel sacramento della Confermazione. Con l aiuto del nostro parroco abbiamo insieme percorso un cammino di fede che li ha aiutati a capire che per essere testimoni di Gesù è necessario saper scegliere da che parte stare. Non è stato facile, sia per la loro età particolare sia perché disorientati da incertezze che tendono a portarli a scegliere strade diverse Un pensiero da parte mia ai ragazzi: Sappiate riconoscere l azione dello Spirito nella vostra vita, nei momenti di gioia e nei momenti tristi che la vita vi donerà, solo così potrete essere luce nel mondo La catechista Marisa. 4

5 Abbiamo visto più di un milione di giovani alla Giornata mondiale della Gioventù a Madrid, raccolti intorno al Papa: un fatto mondiale che dà speranza e coraggio per il futuro dell umanità. Giovani che cantano, che pregano, che fanno adorazione, che sono impegnati nelle associazioni, nel volontariato ma questi giovani sono l 1 per cento. Ci sono invece molti più milioni di giovani che cantano e credono ad altri messaggi più immediati, più di facile consumo. Possono essere riassunti nelle canzoni d oggi, tipo Voglio una vita spericolata, una vita maleducata, esagerata, di quelle fatte così; una vita che se ne frega di tutto vado al massimo, vado a gonfie vele e voglio vedere come andrà a finire. Ecco il catechismo quotidiano di tantissimi ragazzi! Questi messaggi sono bevuti da milioni di giovani attraverso le loro cuffiette...per ore ed ore. Cosa fare? Che cosa potrà fare la povera parola del Vangelo ascoltata a catechismo o a Messa (quando e se vengono)?! Abbiamo preparato i nostri ragazzi alla Cresima fino all inizio della seconda Superiore mettendoci tutte le nostre forze. Che cosa avranno recepito i nostri ragazzi? Che cosa sarà rimasto impresso nella loro mente e nel loro cuore? Avranno il coraggio di continuare a vivere da giovani cristiani anche dopo la Cresima o per loro sarà finalmente la fine di un martirio? E per i loro genitori? A voi la risposta! Da parte mia e da parte dei loro animatori la fiducia che lo Spirito Santo, luce dei cuori, luce beatissima invadi nell intimo il cuore di questi suoi figli A tutti voi chiedo di ricordare sempre nella preghiera questi nostri figli e tutti i nostri giovani che hanno ricevuto il dono dello Spirito Santo perché sappiano scegliere da che parte stare. Alla lettera dei cresimati il Vescovo risponde: Don Ruggero Treviso, 17 ottobre 2011 Carissimi cresimati della parrocchia di Zianigo, da pochi giorni avete ricevuto la santa Cresima, sacramento della maturità cristiana, e vivete l esperienza, nuova per voi, della libertà che comincia, della coscienza chiamata a scegliere, della volontà che si impegna e può volere il bene, ma può anche cedere al male. Ciascuna e ciascuno di voi comincia a percorrere il proprio sentiero verso la pienezza della vita, che tanto vi attira. Si costruisce lentamente dentro di voi, con l aiuto dei genitori, dei catechisti, dei sacerdoti, della scuola, di coloro che vi guidano nell esercizio dello sport, la persona che già siete ma, soprattutto, che sarete. Il Signore, attraverso lo Spirito Santo, partecipa a questa impresa meravigliosa. Egli non costringe, non impone, non esclude, ma chiama ecco la parola che mi pare come la chiave per entrare nella casa della vostra vita: la chiamata, che nel Vangelo viene detta vocazione. Non è la chiamata di un momento, ma voce che continua a risuonare, amorevole e persuasiva, per tutta la vita. Da ciascuno di voi, dalla vostra generazione, Dio si prepara a far crescere uomini e donne, papà e mamme, professionisti, operai, lavoratori della terra; ma anche sacerdoti, missionari, religiose come vedete, la Cresima è una cosa grande, è un passo verso la vita. Essa deve insegnarvi che comincia il tempo non solo di ricevere il dono degli altri, come avete fatto finora, ma il tempo di iniziare a fare doni, cioè gesti di amicizia, di collaborazione, di fedeltà, di attenzione agli altri Altrimenti grandi non diverrete mai. Il dono generoso che avete inviato al Vescovo per le opere di carità della nostra Chiesa, lo prendo come il segno di un desiderio e una decisione di cominciare a fare qualcosa per gli altri. Vi saluto e vi benedico, con tutta la vostra comunità: affez.mo nel Signore Gianfranco Agostino Gardin Arcivescivo-Treviso 5

6 Cari lettori, anche quest'anno a Zianigo arriva la Luce della Pace da Betlemme. Vi chiederete cos'è: bene, ve lo spiego subito. Nella Chiesa della Natività a Betlemme vi è una lampada che arde perennemente da molti secoli, alimentata dall'olio donato da tutte le Nazioni cristiane della Terra. La Luce della Pace arrivò per la prima volta in Italia nel 1992 direttamente da Vienna. Nel 1994 fu costruito un comitato spontaneo tra le Associazioni Scout triestine per l'accoglienza e la diffusione della Luce nelle varie città. Con la collaborazione delle Ferrovie dello Stato, partono da Trieste le staffette scout, che attraversano tutte le Regioni della nostra penisola, cercando di effettuare la distribuzione il più capillarmente possibile. Anche quest'anno siamo impegnati affinché la Fiammella venga donata ad un numero sempre maggiore di persone. La luce della Pace da Betlemme è simbolo di Fratellanza, Amicizia, Carità e Speranza! Sabato 10 dicembre anche nella nostra parrocchia di Zianigo arriverà questa Luce. Vi aspettiamo numerosi alla messa delle 18.00! Auguri di Buon Natale dal gruppo scout di Zianigo IL NOSTRO NATALE È tempo di Avvento : ci preparazione al Santo Natale. Come comunità siamo tutti invitati, in modo particolare gli operatori di pastorale e animatori, e i ragazzi del catechismo con le loro famiglie ecc. alla Novena per entrare spiritualmente nel clima del Santo Natale con segni, preghiere e canti. Da Lunedì 19 a Venerdì 23 Dicembre i ritroviamo in chiesa alle ore 20,30: quest anno i ragazzi costruiranno un piccolo Presepio e offriranno il loro dono ai bambini palestinesi di Betlemme che vivono nell indigenza (Baby Hospital di Betlemme). Sabato 24 Dicembre, alle ore 23,00 inizia la VEGLIA in preparazione alla Messa del Santo Natale (di mezzanotte); mentre un gruppo di ragazzi porterà la Luce di Betlemme in alcune vie di Zianigo, come annunciatori della vera Luce, in chiesa veglieremo per prepararci ad accogliere la nascita di Gesù ancora una volta nei nostri cuori. 6

7 Provate a immaginare un'immensa collina verde con un palco e dei maxischermi che proieano video e tes in varie lingue. Provate a immaginare 40 mila ragazzi sedu in un immenso prato verde. Provate a immaginare molssime mani che baono a ritmo, producendo un unico suono e immaginate tue le emozioni che si possono vivere soo quel palco. Per noi ragazzi del 22ndWorld Scout Jamboree tutto questo è stato realtà. Dal 29 luglio al 7 agosto ho partecipato al 22 world scout jamboree, svoltosi a Rinkaby, piccolo villaggio nel sud della Svezia: più di persone da 161 paesi diversi si sono date appuntamento per vivere 12 giorni indimenticabili sotto un unico slogan: "Simply Scouting". I temi di fondo erano però ben tre: nature, meeting e solidarity (natura, incontro,solidarietà) svolti al campo in varie attività quali earth, dream, quest, GDV, hike in camp e people. Il 4 agosto si è poi svolto il Cultural Festival Day, una giornata dedicata completamente allo scambio culturale, gastronomico, folkloristico e religioso dove ogni reparto di qualsiasi nazione poteva condividere con tutti un aspetto del proprio paese (è stato l'unico giorno in cui abbiamo visto l'olio da condimento e il grana). Vi erano in ogni momento comunque numerose attività spontanee e scambi come gli stand dei vari paesi presenti e la famosa piazza Swop (nome dato da noi), uno spiazzo vicino al museo dei jam passati dove c'era veramente gente che si sarebbe scambiata di tutto per un "badge"(distintivo) raro. Al jamboree ho potuto vivere un'esperienza irripetibile per il mio cammino scout e per la mia crescita personale e solo ora che sono passati tre mesi mi rendo conto del privilegio che ho avuto. Non è un caso infine che la canzone ufficiale del jamboree svedese fosse "Changing the World" un inno allo scoutismo e in particolare alla frase di B.P.: lascia il mondo un pò migliore di così. Sebastiano 7

8 ovvero LE NOSTRE VACANZE DI BRANCO 2011 Siamo partiti il 2 luglio da Zianigo, salutati dai nostri genitori, per le nostre mitiche vacanza di branco. La nostra destinazione era Fongara, un paesino sopra Recoaro. Quando l autobus ci ha scaricati abbiamo pranzato e, mentre stavamo per prepararci alla passeggiata che ci avrebbe portati alla nostra tana, sono arrivati i nostri Vecchi lupi : uno era travestito da Zeus, il padre degli dei e l altro da Hermes, il suo messaggero. Questo era un assaggio del tema del campo: Le Lupettiadi, ovverosia le olimpiadi dei lupetti. La nostra casa era una vecchia scuola adibita a casa vacanze, con tutto il necessario per trascorrere una settimana alla grande. Visitata la casa, per poterci orientare negli spostamenti, ci siamo sistemati nelle camerate: due per le ragazze e una per i ragazzi. Dopo aver cenato abbiamo fatto l inaugurazione delle Lupettiadi con una sfilata in cui ognuno indossava una maglietta che aveva preparato e abbiamo fatto la promessa di essere atleti leali, davanti alle nostre bandiere. Il giorno dopo siamo partiti in caccia per una lunga passeggiata e abbiamo visto da lontano il luogo della frana del Monte Rotolon, che l anno scorso ha devastato molte abitazioni. Alla sera, dopo esserci lavati ed aver cenato, abbiamo partecipato ad un simpatico spettacolo proposto dai nostri capi. E stata una giornata molto faticosa, ma ne è valsa la pena perché ci siamo tanto divertiti. Un altro giorno abbiamo vissuto una giornata speciale: a piedi siamo andati a Recoaro 1000 per preparare i nostri giochi olimpici. Ogni sestiglia aveva in dotazione del materiale (corde, tronchetti, pistole ad acqua, cerbottane...) e doveva inventarsi un percorso da far affrontare agli altri. E stato divertentissimo. Ogni giorno aveva un tema a cui era abbinata la figura di un Santo e in quel giorno abbiamo vissuto con Gioia come San Francesco d Assisi. Le giornate sono volate ricche di esperienze e senza accorgersi si è arrivati al momento del rientro; eravamo un po tristi di dover partire, ma anche contenti perché tornavamo a casa a raccontare le nostre avventure. Ciao e alle prossime Vacanze di Branco. I lupetti del Branco Fiore Rosso di Zianigo 8

9 Ultimo giorno di luglio fa caldo, tanto caldo!! Ma noi siamo pronti, l ACR è pronta. Bagagli caricati, viveri, materiale per le attività, palloni.. e allora via!!!!!!!! si parte destinazione Villaggio San Paolo (Cavallino). Eh sì perché il campo scuola lo facciamo al MA- RE. Tema del campo: Il grande libro delle favole o della vita? Ci siamo confrontati con la vita fantastica delle favole e con la buona novella del vangelo, abbiamo scoperto quanto è importante essere altruisti, fare nuove amicizie, mettersi in ascolto del prossimo, accettare e accogliere i ragazzi diversamente abili e poi perché no! fare un bel tuffo tutti assieme in un mare calmo e blu, poi un bel piatto di spaghetti coi peoci (trovai dal don Ruggero). Attività al pomeriggio e serata al villaggio nella piazza con canti, balli e scenette. Per finire la serata Preghiera in riva al mare al chiaro di luna per ringraziare Gesù della bella giornata e poi.. tutti a letto. In men che non si dica arriva sabato, la fine del campo scuola. Eh sì, una settimana passa veloce ma non ci dimenticheremo mai di tutte quelle persone che abbiamo conosciuto; Michael, Federica, Giacomo, Giordano e tanti altri.ciao San Paolo a presto. I ragazzi dell ACR 30/8/2011 Questa sera sono andato a riposare prima del solito perché la stanchezza si fa sentire: a Lourdes si cammina molto. Ma non posso dormire. Da lontano mi arriva dolce il canto dell Ave Maria della fiaccolata. È come un vento leggero che soffia e ti rinfresca l anima; un vento leggero che spazza le nubi della tristezza e delle paure. Migliaia di voci che riempiono il cielo stellato e il cuore di pace. E mentre si canta, un fiume di persone, con la loro storia e la loro sofferenza, alza la fiaccola della luce e della speranza. E quante mani premurose accompagnano chi soffre e chi piange! Sono mani callose e forti, sono mani tenere e giovani. Sono mani di chi sa ancora amare senza nulla in cambio, mani aperte solo per dare calore e gioia. Mi diceva una giovane sorella: Avevo tutto dalla vita ma ero triste, cercavo la felicità. Ho capito, dopo aver pregato tanto Maria, che l unico modo per essere felici è far felice chi ti sta accanto e soffre. Mi è stato detto vai a Lourdes e senza sapere niente ho obbedito. Ho rinunciato alle mie ferie e ci sono venuta. Ormai è da sei anni che torno perché Lei mi chiama Caro/a giovane Lei chiama anche te! Don Ruggero 9

10 UNA SERA SPECIALE Giovedì 8 Settembre ore 20,30: adagio adagio le famiglie che in questi ultimi 10 anni si sono unite in matrimonio nel Signore e hanno battezzato i loro figli, entrano quasi sommessamente in chiesa. Qualcuna è più pratica del posto, altre meno, ma non importa. Importa che con i loro piccoli si sentano accolti dal Signore, da Maria, nostra Madre e da tutta la comunità. Abbiamo pregato, abbiamo cantato e poi sono venuti all altare per ricevere dei piccoli segni di fede: una preghiera in pergamena e la Corona del Rosario. Appunto la fede: la fede che non è cosa scontata ma che si alimenta con la vita. Abbiamo applaudito con gioia a queste coppie, a queste famiglie e ai loro bambini. La nostra comunità così è più giovane, più bella e più gioiosa, più gioiosa appunto perché con noi sta Colui e Colei che ci danno la vera gioia: quella di credere e amare! Il Rosario secondo Anna e Marta : Il Rosario è molto bello perché lo abbiamo fatto davanti al capitello nel nostro parcheggio, perché abbiamo pregato e imparato molte preghiere. Con noi c era una decina di persone per fare il Rosario e pregare Maria. Per una mezz oretta abbiamo pregato e elencato i misteri della gioia, della gloria, della luce, del dolore, le litanie e i canti. Poi un venerdì è arrivato don Ruggero, l ultimo venerdì di Maggio è ritornato a celebrare la Messa e sono venute molte più persone del solito, abbiamo ascoltato il Vangelo e abbiamo cantato. Sono stata molto contenta perché abbiamo fatto il Rosario tutto il mese della Madonna In confronto all anno scorso, che abbiamo fatto solo un giorno il Rosario, quest anno lo abbiamo fatto tutti i giorni ma non il sabato e la domenica. È stato molto utile pregare vicino al capitello perché per andare in Paradiso bisogna pregare Dio ed esultarlo. Anna e Marta De Pieri sono due gemelline di 8 anni, felici di recitare il Rosario davanti al capitello dedicato a Maria nel parcheggio del Residence Pietre preziose. 10

11 Purtroppo è finita queste sono le parole che spesso ho sentito pronunciare da più persone quando a metà settembre si è conclusa la festa Patronale di Zianigo questo è stato a mio parere il miglior risultato, anche se economicamente si è ottenuto un utile operativo netto superiore del 20% rispetto allo scorso anno. Trovarsi insieme è un inizio, restare insieme un progresso,lavorare insieme un successo Cito Henry Ford perché le sue parole fotografano lo spirito che si sta creando fra gli abitanti di Zianigo, motivandoli al volontariato nei confronti e nell interesse di tutta la comunità paesana. Nei giorni della Festa Patronale è palpabile la sensazione che il Paese viva con uno spirito diverso dal quotidiano e che accomuna tutti nella ricerca di un buon risultato. Il DO UT DES do affinchè tu dia, viene accantonato per far spazio alla partecipazione disinteressata, alla voglia di fare per la comunità, nei limiti della propria disponibilità ed accantonando per alcuni momenti i problemi personali della vita. Chiudo queste Due parole sulla Festa Patronale con una frase di S.Basilio: Un albero è conosciuto per i suoi frutti, un uomo per le sue azioni. Una buona azione non è mai perduta. Colui che semina cortesia miete amicizia,colui che pianta gentilezza raccoglie amore A nome del Direttivo Festa Patronale si ringrazia, Zianigo Tutta, arrivederci al prossimo anno nella speranza di essere più numerosi e di migliorare l organizzazione ed il risultato, saluti ed ancora grazie. Fabio Fontanella Bilancio consuntivo festa patronale 2011 Entrate Stand gastronomico e bar ,00 Contributi Aziende/Privati ,00 Ingresso ballo e varie 5.635,00 Pesca di beneficenza ,00 Varie 277,00 Totale ,00 Uscite Pubblicità e varie 2.525,00 Affitto stand e varie 7.260,00 Acquisto alimentari ,00 Orchestre e SIAE ,00 Spettacolo pirotecnico 2.500,00 Pesca di beneficenza 7.463,00 Ciclisti varie 455, ,00 differenza attiva Totale ,00 11

12 Il nostro papa Luciani, a proposito dell organo del suo paese natale, Canale d Agordo, diceva: Quando ero bambino ed entrando in chiesa sentivo l organo suonare provavo una grande emozione. Mi sembrava di essere accolto come un principe. Credo che questa stessa emozione entri nel nostro animo e ci fa come volare in un altra atmosfera. L organo ha questa strana capacità di elevare gli animi alle vette dello spirito e di scaldare il cuore umano, talora freddo e indifferente. È uno strumento complesso e prezioso, composto da un meccanismo che si può comprendere solo se visto da vicino. In ogni caso il nostro organo, la cui storia si può conoscere in modo approfondito nel nuovo libro Da Julianicus a Zianigo, è composto da 1400 canne di diversa misura installate nella cassa armonica della cantoria. È ovvio che uno strumento così complesso necessiti di manutenzione ordinaria e straordinaria, prima che si deteriori troppo. Da qualche anno abbiamo pensato a questo nuovo lavoro e, dopo le relative domande e concessioni (Curia di Treviso e Sovrintendenza di Venezia), abbiamo concluso un appalto di manutenzione straordinaria con la ditta Michelotto Daniele. L importo si aggira sui da affrontare con le entrate normali della parrocchia. La Regione Veneto, così come la Conferenza Episcopale Italiana, hanno previsto dei contributi per il restauro di organi che hanno valore storicoculturale di pregio come il nostro. Ma è meglio non farsi troppe illusioni!!! I lavori dovrebbero cominciare con l anno nuovo e consisteranno nello smontaggio, revisione, pulizia e rimontaggio delle 1400 canne e la sostituzione della consolle. Nelle occasioni importanti della vita come nascita, matrimonio, anniversari vari, morte e nelle feste principali, tante persone desiderano essere accompagnate dal suono dell organo. Penso che tante di queste, come già diceva papa Luciani, siano molto disponibili a collaborare con un contributo speciale per la realizzazione di questo restauro. Aspetto la vostra risposta generosa e convinta per salvare questo bene prezioso della nostra comunità. Don Ruggero 12

13 La Chiesa..come si mantiene? Per diradare la confusione, l ignoranza della gente e soprattutto la disinformazione ben studiata di certa stampa che, nonostante i fatti, continua a seminare zizzania, è utile spiegare sinteticamente come stanno le cose. 1) i sacerdoti italiani in servizio (sono ) sono retribuiti indistintamente con un minimo che va da 1.050,00 a un massimo di 1.150,00 (a seconda dell anzianità). Tale cifra viene dal fondo del sostentamento del clero finanziato in parte dall 8 per mille. L 8 per mille stabilito per legge è libero e ogni cittadino può destinarlo alla Chiesa Cattolica o ad altre confessioni religiose, associazioni, allo stato se una parte dei cittadini non firma la casella dell 8 per mille il loro 8 per mille va suddiviso in base alla percentuale di quelli che hanno sottoscritto. 2) Per quanto riguarda le tasse (tipo ICI) la chiesa se ha strutture che hanno un reddito commerciale (come un appartamento ) ha sempre pagato l ICI. Non paga l ICI se le strutture sono adibite ad opere di promozione sociale o enti che non hanno scopo di lucro. Questo vale per tutte le strutture pubbliche dei comuni, dei sindacati, dei partiti, delle ONLUS o delle cooperative sociali non ci sono differenze perciò a favore della chiesa come certi giornali falsamente scrivono. Chi ha orecchi per intendere intenda! Don Ruggero N.B.: le chiacchiere su questo argomento le lasciamo a certi giornali e a certuni esperti della televisione.....e come si mantiene la nostra Parrocchia? Da una attenta lettura del bilancio parrocchiale (vedi giornalino La Torre ) ogni parrocchiano (o paesano) può conoscere la situazione economica della sua comunità. Eventualmente può chiedere spiegazioni se ha qualche dubbio. In ogni caso bisogna sapere che la parrocchia si sostiene normalmente con le entrate ordinarie (quelle della domenica si aggira sui 500,00-600,00 uro), con le offerte dei sacramenti (battesimi, matrimoni, funerali ) e quelle straordinarie durante l anno (raccolte - pesca - sagra e le tre buste annuali dispensate alle famiglie). A questo proposito è utile sapere, per esempio, che su buste dispensate a settembre 2011 se sono tornate 271 per un importo di 4.540,00. Grazie a quelli che si sono ricordati. Significa però che molte famiglie si dimenticano facilmente di collaborare, a parte quelle che proprio non possono o non vogliono! Bisogna anche ricordare che per certe funzioni (matrimoni, funerali ) si spende molto per l addobbo e il resto, ma non altrettanto per la chiesa che ha bisogno di essere ordinata, pulita, mantenuta. E bisogna ringraziare chi se ne occupa assiduamente. Ma questo lo si dà per scontato! A fronte di queste entrate bisogna ancora ricordare i grandi costi per le utenze per questi edifici parrocchiali (luce, acqua, gas, rifiuti e tasse ) e soprattutto i lavori straordinari di manutenzione per tutte le opere parrocchiali che vengono sostenute pure dall obolo dei fedeli e dai servizi volontari di tante generose persone. 13

14 Era settembre dello scorso anno e, dopo una breve ed intensa chiacchierata con Luca, assieme ad altri volontari e genitori dell Avid i Fiorellini Onlus, si è azzardata una scommessa: portare in scena un musical con attori le persone diversamente abili che frequentano la nostra Associazione.Abbiamo vissuto questa esperienza come un gioco. Le coreografie sono state studiate in cucina a casa mia la sera dopo cena e, provate e riprovate, con tutto l entusiasmo possibile il sabato pomeriggio in palestra con i ragazzi. Gli abiti sono stati cuciti da mani abili ed esperte, oppure recuperati nei vecchi bauli. Le scene sono state preparate da un gruppo affiatato che ha lavorato tutto lo scorso inverno per fare in modo che a primavera tutto fosse pronto. Gli sponsor hanno fatto la loro parte, dando il loro sostegno unicamente sulla fiducia delle persone. Ad ogni modo tutto il nostro impegno di volontari è stato in realtà ben poco a fronte delle energie e dell impegno speso da parte degli attori, per dare vita ad uno spettacolo divertente e brillante, dove l entusiasmo lo si percepisce e coinvolge anche quanto assistono allo spettacolo. Lo abbiamo visto in palestra dove abbiamo lasciato aperte le porte per una prova generale alla quale potevano assistere liberamente tutti. Lo abbiamo visto in teatro a Santa Maria di Sala, dove una splendida cornice ha saputo dare il giusto risalto alle musiche e coreografie. E abbiamo fatto il botto a Mirano, lo scorso 7 ottobre: addirittura molte persone non sono potute entrare in teatro, gremito fino all ultimo posto disponibile! Grazie di cuore a tutte le persone diversamente abili che mi hanno saputo riempire il cuore di sentimenti e sensazioni che non conoscevo. Grazie ai volontari, soprattutto quelli più giovani che hanno saputo ritagliare nella loro vita qualche spazio anche per la nostra associazione, grazie a Luca Scattolin per l impegno profuso come regista e un grazie di cuore a don Ruggero che non ha mai mancato di sostenere le nostre iniziative. Paola 14

15 un carretto per ripartire Vi racconto una piccola storia di normale tragedia, che si trasforma in seme di speranza. Mi è capitata qualche settimana fa, ed è utile per noi che non riusciamo a vedere i miracoli che succedono ogni giorno. Fabio Mussi (missionario del P.I.M.E. in Camerun-Africa) La breve storia di Hadja è una di quelle tragedie che nessuno si augurerebbe di incontrare nella propria vita. Sua madre Assa morì due anni fa, a 23 anni, il giorno dopo averla data alla luce. Era malata di Aids e suo marito l aveva abbandonata da tempo, lasciandola sola con Maiferle, un altra bambina di 8 anni che frequenta la seconda elementare. Senza sostegno e risorse, Assa tornò dalla madre che l accolse in casa propria con gli altri 5 nipoti, figli di altri fratelli e sorelle che avevano lasciato Yagoua in cerca di fortuna. Tutta questa tribù era a carico di Liouda, che a sua volta era stata abbandonata dal marito per una moglie più giovane. Lei, povera ma coraggiosa, aveva cominciato a vendere qualche prodotto agricolo e con questo cercava di sfamare la numerosa famiglia. Liouda è una donna analfabeta, ma ha una grande fede in Dio che le dà una forza straordinaria per andare avanti. Hadja era seguita dai servizi sanitari della diocesi di Yagoua, in quanto figlia di madre sieropositiva. In questo modo i nostri infermieri cercavano di darle una mano. I due nipoti più grandi terminata la scuola elementare, erano a casa senza lavoro e la nonna Liouda cercava tutti i modi di coinvolgerli nei lavori agricoli e della casa, ma sapeva che fra qualche anno, se non troverà una soluzione adeguata, anche loro prenderanno la strada dell avventura. Lei cominciava a sentirsi fisicamente stanca e bisognosa di qualcuno che la sostenesse, almeno nei momenti di maggior difficoltà. Per questo ha trovato il coraggio di rivolgersi a me. Di cosa hai bisogno?. Pensavo già che volesse chiedermi soldi per acquistare del riso, ma la sua richiesta era diversa: Comprami un carretto per permettere a mio nipote Badi di lavorare, e ti prometto di rimborsarti un po alla volta. Così le ho comprato un carretto e, con l infermiere che segue il caso, l abbiamo portato a nonna Louda. Lei è rimasta senza parole per la meraviglia e ha scosso la testa nascondendo una lacrima di commozione. Poi ha chiamato tutti i nipoti perché capissero che cosa stava succedendo. L infermiere ha spiegato che il carretto era in prestito, per vedere se la famiglia era veramente decisa ad affrontare i suoi problemi di sopravvivenza. Nonna Louda ha ringraziato e ha chiesto al nipote Badi se era disposto a occuparsi di far rendere il carretto e lui ha risposto di sì, fiero di poter andare in giro per la città con un carretto, cosa non possibile a tutti. Un carretto, qui a Yagoua, è una risorsa di valore, come da noi un piccolo camion per il commercio. In questo modo nonna Liouda ha ricominciato a camminare. A lei, ora, il compito di dare seguito a questo primo passo. Tutto questo è successo a partire da una tragedia grave che ha coinvolto una famiglia. È uno dei miracoli che succedono quasi ogni giorno sotto i nostri occhi. A volte facciamo fatica a vederli, ma ci sono. Grazie al programma di sostegno distanza, si riesce a farli accadere. 15

16 Gerusalemme, 1 settembre 2011 Caro amico, desidero ancora ringraziarti di cuore per il contributo che hai voluto affidarci per custodire la Terrs Santa in questi ultimi anni, e colgo l occasione per rinnovare l invito a sostenere con noi la speranza che i Luoghi Santi comunicano al mondo intero. Abbiamo certamente bisogno di aiuto pratico, ma soprattutto di sostenitori che desiderano amare e rimanere vicini a quei Luoghi testimoni della Rivelazione ed Incarnazione di Cristo. La situazione dei cristiani in Terra Santa rimane piuttosto difficile, sia nei Territori Palestinesi sia in Israele, e a tal proposito la Custodia di Terra Santa continua ad impegnarsi con i suoi numerosi progetti. Le attività dei Francescani restano volte alla salvaguardia della presenza cristiana in Terra Santa e alla cura della Gerusalemme cristiana. Il nostro desiderio è, per quanto possibile, quello di facilitare la vita quotidiana dei cristiani locali e limitare la loro migrazione all estero, cosa che lentamente provocherebbe la scomparsa delle pietre vive dal luogo teatro della Passione e Resurrezione di Cristo. mettiamo a disposizione delle famiglie bisognose circa 480 unità abitative, molte delle quali fatiscenti grazie al sostegno di piccoli donatori privati abbiamo restaurato numerose di queste abitazioni...ma molte altre famiglie hanno bisogno del nostro aiuto. A questo proposito ti invito a rinnovare il tuo contributo a favore dei nostri progetti: Online attraverso il nostro sito Tramite bonifico bancario sul seguente conto corrente ATS pro Terra Sancta - Banca popolare Etica - IBAN: IT67 W I Francescani di Terra Santa, da parte loro, possono assicurarvi della loro quotidiana preghiera per tutti i benefattori. Con ogni augurio di pace e bene, fra Pierbattista Pizzaballa OFM N.B.: Da ricordare che a causa della emigrazione, più o meno forzata, la presenza cristiana in Terra Santa si è ridotta del 2%. Arcidiocesi de L Aquila La Parrocchia di San Lorenzo Martire ringrazia Zianigo Molto reverendo Padre, Sono don Mauro Medina, parroco della parrocchia di San Lorenzo in Marruci. Vorrei ringraziarla di vero cuore, a nome mio dell intera comunità affidatami per l offerta che ha voluto devolvere alla mia parrocchia. Questi gesti di carità ci stanno aiutando ad affrontare le spese per rimettere in sesto ciò che il terremoto ha danneggiato del nostro complesso parrocchiale. E questo è stato possibile anche grazie al suo contributo. Non possiamo far altro che ringraziare e pregare per tutte le persone che ci stanno aiutando. Da soli potremmo fare proprio poca cosa! Confido che il Signore non mancherà di ricompensare la carità a tempo opportuno! Assicurando la mia preghiera per lei e per la sua comunità la saluto davvero cordialmente e con tanta gratitudine. Don Mauro Medina Marruci di Pizzoli, , festa della Natività della Beata Vergine Maria. 16

17 Carissimo don Ruggero e amici tutti di Zianigo, ecco che non manchiamo mai all appello, siamo sempre noi, le suore di Ntchen, che stiamo diventando ormai anche le suore di Monkey-Bay (Malawi) Stiamo affrontando continui problemi di vita quaggiù! È il primo anno in cui tutti o quasi hanno avuto un raccolto sufficiente, e questo sembra proprio un miracolo, ma per il resto stiamo combattendo una triste battaglia: il nostro Presidente ha infilato una serie di passi sbagliati (ha espulso alcuni ambasciatori dei Paesi che aiutavano il Malawi ha rifiutato di contrattare il prezzo del tabacco, per cui non è riuscito a vendere niente! Ha litigato col vicino Mozambico che non ci vende più carburante ) per cui il povero Malawi è completamente paralizzato. Riuscire ad avere un po di cemento o il carburante per il trattore che raccoglie il materiale di costruzione è davvero difficile ma finora siamo riusciti, sempre all ultimo momento, a recuperare il necessario, che fortuna straordinaria! E l acqua del pozzo non manca!!! Stiamo costruendo il primo dormitorio per ospitare ragazze orfane e povere che vogliono andare a scuola!! Che bello! Stiamo proprio per cominciare a dar vita ad un altro miracolo molto bello! Questa volta a Monkey-Bay, a circa km 200 da Ntchen. Non si può pensare che la donna in Malawi abbia vita facile: tutto il lavoro di casa e dei campi è adossato a lei.per cui nessuno dà importanza all istruzione delle ragazze. Vogliamo impegnarci con loro, aiutarle a rialzare il capo, solo l educazione può compiere questo grande passo..lo facciamo nelle missioni in cui siamo presenti e ci chiedono di farlo anche qui a Monkey-Bay. Potete immaginare di quanti mattoni abbiamo ancora bisogno!!! Ce li stanno preparando e..appena cotti li dovremo comperare e portare al cantiere col nostro vecchissimo trattore che sta compiendo gli ultimi miracoli della sua lunga vita. Ma proprio ora è arrivato in Malawi il container che trasportava il trattore che qualche generosissimo tra voi ci ha inviato: come si fa a non credere nei miracoli? Grazie infinite per farvi sempre presenti al momento delle più grandi necessità, da soli non riusciremmo certo a risolvere nulla, sicuramente!!! E solo la Provvidenza sa intervenire così a proposito. Un caro saluto a ciascuno. Il Signore benedica lo zelo di don Ruggero e la generosità di ciascuno di voi. Con tanta riconoscenza, Suor Ornella Sala a nome di fratel Costantino e delle suore di Ntchen Un grazie particolare ad Aldo e quindi al Gruppo Arcobaleno, che tanta parte hanno nelle nostre più belle avventure. Che il Signore mantenga sempre il vostro entusiasmo più bello a servizio di tanto bene, anche in terra di missione. Grazie a ciascuno, ciao. 17

18 Durante la nostra festa Patronale, vi sarete accorti di una bancarella dove si vendevano strani lavoretti fatti interamente a mano. Sono oggetti artigianali, frutto di tanta pazienza e di una buona dose di creatività fatti da me e dalla mia famiglia con lo scopo di essere venduti per poter raccogliere dei fondi per finanziare un'operazione. Si trattava di un angio plastica dilatativa, un nome un pò complicato per indicare un'operazione alla quale mi sono sottoposta, pochi giorni dopo la festa della nostra Patrona. La decisione di sottopormi a questo intervento è scaturita dopo lunga riflessione. Questo perché si tratta di una cura sperimentale per il trattamento della sclerosi multipla, malattia dalla quale sono affetta da circa 13 anni. Per chi non la conoscesse, la sclerosi multipla è una malattia infiammatoria cronica che colpisce il sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale). Molti sono i sintomi che la caratterizzano, questo a conseguenza di un processo di degenerazione di una sostanza che impedisce la trasmissione degli impulsi nervosi dal sistema nervoso verso le diverse parti del corpo e viceversa. Studi medici e scientifici dicono che sono circa le persone ammalate di sclerosi multipla in Italia. La malattia si presenta primariamente in età compresa tra i 14 e i 40 anni, con un picco verso i 30 anni. Colpisce le donne con una frequenza doppia rispetto agli uomini. La sclerosi multipla può essere difficile da diagnosticare, in quanto i suoi segni e sintomi possono essere simili ad altre malattie. Non esiste ancora una terapia specifica: i trattamenti sono mirati agli episodi acuti, alla prevenzione delle ricadute e al miglioramento generale del quadro clinico dell'ammalato. Le persone colpite da sclerosi multipla necessitano di una terapia rivolta alle eventuali malattie collaterali. Ed è proprio su questo presupposto che si fonda l'idea di base del dott. Zamboni, che ha ipotizzato come la Sclerosi Multipla possa essere correlata all'insufficienza venosa cronica cerebrospinale (o CCSVI, altra sigla un pò complicata). A detta del dott. Zamboni, esisterebbe una relazione tra le due patologie, ma la sua proposta non è ancora accettata da tutti i medici. Questa insufficienza venosa verrebbe ad essere eliminata sottoponendo l'ammalato ad un intervento di angioplastica. Questa operazione permetterebbe la distruzione di alcuni impedimenti presenti nelle vene e nelle arterie dei pazienti affetti da sclerosi multipla. Tale intervento non è una vera e propria cura alla malattia, ma permette di migliorare le condizioni generali dell'ammalato. Purtroppo, l'angiografia, come tutte le terapie, non è esente da rischi clinici significativi: è infatti ancora in corso la sperimentazione. Per tale motivo l'operazione alla quale mi sono sottoposta viene effettuata soltanto in alcune cliniche italiane private, a seguito del pagamento di una somma di circa Con i soldi, provenienti dalle vendite e dalle offerte raccolte durante il mercatino, sono riuscita a pagare parte dell'intervento. Ora l'operazione è tecnicamente riuscita ed i primi risultati iniziano a vedersi, o meglio a sentirsi. Non sono dei grossi risultati ma continuano a darmi la speranza che questa malattia si possa combattere. Soprattutto perché sono animata da una grossa fiducia: parallelamente alla raccolta dei fondi, per poter effettuare l'operazione, si è creato un gruppo preghiera a mio favore. Vi sembrerà impossibile ma per giorni e giorni moltissime persone durante la giornata, ad un orario fisso, hanno fermato tutte le loro attività per dire una preghiera per me. A tutte loro sono e sempre sarò, infinitamente grata. 18

19 Probabilmente più di qualche persona continua a pregare per me, nel nostro paese e in quelli vicini. Ci sono anche preghiere che vengono da parecchio lontano, precisamente dal Messico e tutte queste richieste, aiutate dalle medicine, mi stanno aiutando spiritualmente e fisicamente.dopo l'operazione bisognerà attendere alcuni mesi, affinché l'organismo si stabilizzi, durante i quali dovrò fare altri esami ed accertamenti, ma confido sempre nell'aiuto che viene dal Signore e nelle preghiere di tante persone che con queste semplici righe voglio ringraziare. Vi ringrazio per quanto avete fatto e vi mando un grosso abbraccio, Carmen Manarin Nell enciclica Spes salvi Benedetto XVI cita, all inizio della sua lettera, come esempio di speranza, la vita di Giuseppina Bakhita, dichiarata Santa nel 2000 da Giovanni Paolo II. Pochi sapranno che questa umile suora ha avuto una storia straordinaria e meravigliosa e che una parte di questa storia avvenne a Zianigo. Ancora giovane schiava del Sudan fu riscattata, dopo terribili esperienze di sofferenza, dal console italiano Callisto Legnani che la consegnò alla famiglia Micheli. Questa la accolse per alcuni anni nella propria casa padronale a Zianigo, frazione di Mirano, perché facesse da balia o baby sitter alla loro piccola Mimmina. In questa casa di via Righi, Bakhita imparò a conoscere e ad amare Gesù soprattutto per merito del fattore Illuminato Checchini (quel Paron Stefano Massariotto che scriveva sulla Vita del Popolo ), che le regalò un crocifisso. Bakhita lo nascose sotto il materasso e prima di coricarsi lo estraeva e lo guardava con speranza infinita immedesimandosi nella sofferenza del Cristo. Ebbene, questa scena di Bakhita in contemplazione del Gesù crocifisso è stata affrescata nella nicchia del capitello di Zianigo, ad opera di Michelangelo Gatto. Domenica 27 Novembre, alle ore 11.30, proprio a pochi metri dalla casa dove la giovane ha abitato, c è stata la benedizione di questo sacello dedicato a Bakhita, alla quale è intervenuta molta gente di Zianigo di Zianigo, le suore Canossiane - nel cui Istituto Bakhita si consacrò nel e tutti coloro che sono devoti e affezionati a questa umile e grande santa, morta l 8 Febbraio 1947 nella casa delle Canossiane di Schio. Un grazie particolare a chi ha messo a disposizione gratuitamente il terreno per costruire il capitello e ai molti volontari che hanno lavorato. 19

20 OLANDA BIBBIA TRADOTTA IN GERGO GIOVANILE Il gergo giovanile può sposarsi con un testo sacro? In Olanda sono convinti che non solo sia possibile ma che sia la strada più giusta per avvicinare le nuove generazioni ai contenuti biblici.per questo motivo è in arrivo una Bibbia slang. Il linguaggio scelto sarà un misto di olandese, surinamese, turco, marocchino, inglese e caraibico. Il testo tradotto in tutte le lingue del mondo da oggi prende le forme del linguaggio della strada. L opera si compone di Pentateuco, libri storici, libri sapienziali, profeti, Vangeli, Atti degli Apostoli, lettere, Apocalisse. L obiettivo della Bibbia in gergo è quello di avvicinare le nuove generazioni alle Sacre Scritture, con una versione che i ragazzi capiscano. Da un indagine Eurisko apprendiamo che anche in Italia la Bibbia viene letta poco. La ricerca, commissionata dalla Federazione Biblica Cattolica, rivela che solo il 14% degli italiani intervistati ha risposo esattamente ad alcune domande di conoscenza base della Bibbia. L'Italia si è piazzata negli ultimi posti anche come lettura della Bibbia in generale. Lo studio è stato condotto su un campione di 13 mila persone appartenenti a nove paesi: Stati Uniti, Gran Bretagna, Olanda, Francia, Germania, Italia, Spagna, Polonia e Russia. Si sono registrati risultati poco confortanti anche negli altri Paesi. I più bravi nella classifica sono risultati i polacchi. IL PAPA ACCENDERÀ L ALBERO DI NATALE PIÙ GRANDE DEL MONDO CON UN CLIC DAL SUO COMPUTER Sarà il Papa ad accendere l albero di Natale più grande del mondo. Accadrà il 7 dicembre nella città di Gubbio ma la cosa straordinaria è che Benedetto XVI accenderà l albero dalla sua abitazione in Vaticano. Per l evento il Papa userà il proprio tablet pc, premendo un pulsante virtuale collegato al meccanismo reale adibito all accensione. L inizio della cerimonia è previsto per le 17.45, mentre per le il pontefice si connetterà in video conferenza con Gubbio per il suo intervento, un messaggio a tutti gli eugubini, tra cui vi saranno i volontari che da 30 anni si preoccupano di questo importante allestimento, che prenderà forma sul monte Ingino. La sagoma luminosa dell'abete natalizio è disegnata da 260 punti luce e colorata all'interno da altre 270 lampade. La stella cometa è disegnata da 200 luci e si sviluppa su una superficie di mille metri quadrati, il tutto per un'altezza complessiva della creazione luminosa di 650 metri e una larghezza di

21 Con le festività di fine anno in arrivo, una delle attività più ricorrenti, è quella di dedicarsi alla preparazione e consumazione di pranzi e cene. Inevitabile che al termine di questa maratona, si finisca con "mettere su" qualche chilo di troppo. Un altro periodo critico, è rappresentato dall'avvicinarsi dell'estate. Occorre smaltire gli accumuli dei mesi invernali e rimettersi in forma per la spiaggia. La cosiddetta "prova costume" attende al varco indistintamente donne e uomini. Gli esempi accennati, servono ad introdurre l'argomento da discutere. Vi sono persone che non si preoccupano dell'eventuale aumento di peso, altre invece, rifiutano nettamente questa prospettiva, in nome di un malinteso concetto di benessere legato ad una idea di forma fisica, così come viene proposta e presentata da giornali, tv, pubblicità e adottata acriticamente da milioni di persone. Ogni giorno veniamo tempestati da migliaia di messaggi pubblicitari, che propongono corpi troppo magri o eccessivamente muscolosi per essere "reali". Inevitabilmente scatta il confronto con essi e di solito, ci si sente inadeguati. Basterebbe ricordare che si tratta di "modelli"e quindi, nella maggior parte dei casi, sono finti, se non addirittura assurdi. Per capire meglio, partiamo da quella che viene indicata come "immagine corporea". Cos'è?Non è la descrizione del nostro corpo, né ciò che vediamo se ci mettiamo davanti allo specchio. È piuttosto l'idea che abbiamo di esso, cioè come lo rappresentiamo nella nostra mente. Questo è importante, perché da come ci figuriamo di essere, dipende quanta autostima abbiamo. Va da sé che se una persona ritiene di essere goffa, inadeguata fisicamente,probabilmente avrà meno autostima di chi, sul versante opposto, si sente particolarmente attraente. Comunque, se c'è un risultato che certi messaggi pubblicitari hanno ottenuto, è che vi sono innumerevoli persone sempre più insoddisfatte del loro corpo e per tale ragione, lo combattono a suon di esercizi fisici e diete incessanti. C'è da chiedersi quanto questo abbia a che fare con uno stile di vita sano. Come già riferito, la ricerca della "bellezza" non riguarda solo le donne, ma anche gli uomini. Questa volontà di possedere e vivere entro un corpo statuario, può tutta- via degenerare in disturbi della alimentazione quali anoressia e bulimia. Si può verificare anche il rischio di incorrere in un disturbo percettivo della nostra forma corporea. Detto in parole semplici, possiamo "vedere" cose di noi stessi, che invece gli altri non notano. Per essere ancora più chiari, la nostra mente, può "creare" "difetti" o "anomalie" che non esistono nella realtà. Ci si convince di essere imperfetti e quindi inferiori rispetto agli altri. Ma è bene tenere a mente che taluni messaggi pubblicitari propongono un modello di bellezza difficilmente raggiungibile dai "comuni mortali". Alla fine, si corre il rischio di avere un conflitto tra mente e corpo, con il risultato di creare una profonda insoddisfazione, che a sua volta, in casi estremi, può far nascere un vero e proprio disturbo della alimentazione, con la messa in atto di comportamenti anche pericolosi mediante i quali tentare di controllare il peso. Essi vanno dal digiuno, ad esercizi fisici estenuanti, a vomito autoindotto, all'abuso di lassativi. La spiegazione è questa: se non riesco a controllare il peso, provo sentimenti di frustrazione ed autosvalutazione. In altre parole, non valgo un gran che. Se invece vedo che riesco a perdere chili e centimetri, vuol dire che sono in gamba. In questo ultimo caso, aumentano la fiducia in sé ed il senso di autocontrollo. Riassumendo, la capacità di controllare il proprio peso, può rappresentare simbolicamente la capacità di controllare la propria vita. Per correggere questa convinzione, vera solo in minima parte, la proposta è di accettare sé stessi, per quello che si è, a partire dall'adolescenza, senza cercare a tutti i costi, di uniformarsi a modelli che sono mal definiti e soprattutto arbitrari, cioè frutto di decisioni prese a tavolino e imposti dalle regole del mercato e della moda. Un corpo sufficientemente in salute, è quello di una persona che segue una alimentazione equilibrata, dedicandosi ad attività fisiche che siano alla sua portata. dr. Giuliano Seno 21

22 A PROPOSITO DI formazione: 1 Pranzo e cena sono momenti educativi importanti, in cui i bambini imparano a gestirsi e a collaborare con gli altri. E a fare anche le cose che non hanno voglia di fare. Manuela Cantoia, docente di psicologia generale all Università Cattolica di Milano, ama citare una frase di Jean-Jacques Rousseau che, nonostante sia stata scritta nel Settecento, mostra tutto il suo valore ancora oggi: La più grande, la più importante, la più utile regola di tutta l educazione? Non è di guadagnare tempo, ma di perderne.. È significativo che abbia scelto di porla anche all inizio del suo libro La famiglia a tavola. Parlare, giocare, capirsi (La Scuola). Un testo che più di un manuale attorno al tema del pranzo e della cena vissuti insieme in famiglia. La tavola, infatti, può diventare il campo di allenamento per molte fasi della crescita, a cominciare da passi semplici come quelli dell uso del coltello: Non bisogna sottovalutare la gratificazione che ogni passaggio a una nuova capacità porta con sé, perché sancisce un traguardo raggiunto, spiega la Cantoia, che ricorda ancora l amico dei figli, sei anni, ospite a casa sua, che le chiese di pulirgli la bocca perché così faceva la sua mamma. Gesti semplici, da provare giorno per giorno per arrivare ad apparecchiare la tavola, che sembrano piccole mansioni e invece rappresentano un importante stimolo per molti altri ambiti della crescita personale, un cammino altrettanto significativo di una corretta alimentazione. della vita quotidiana, la maggioranza passa molto tempo davanti ai fornelli. Dedicarsi al cibo e alla sua preparazione però, deve essere fatto in famiglia con uno spirito di collaborazione. Spiega ancora Manuela Cantoia: Questa deve essere vissuta come un fatto normale, non come un piacere elargito dai figli ai genitori in situazioni particolari. Ricordiamo che non si aiuta i figli a crescere preservandoli dalla fatica, dall impegno, dalla responsabilità, naturalmente commisurati alla loro età e alle loro possibilità. Come in ogni altro campo non si impara nulla se non si è stati abituati fin da piccoli a confrontarsi per gradi con la fatica (che è anche la non voglia di fare certe cose) e senza la percezione di far parte di una squadra all interno della quale l apporto di tutti è fondamentale. Quando i genitori fanno troppo per i loro figli, i figli non faranno abbastanza per sé stessi. Perché non applicare queste regolette anche a scuola nel gruppo in associazioni? Stare insieme a tavola, chiacchierare fare il punto della giornata sono del resto considerati momenti importanti non solamente dagli psicologi, ma dalle famiglie stesse, come dimostrano i risultati di uno studio commisionato da FoodSaver che mette in luce come quasi 6 italiani su 10 (il 55,8 per cento) consumano il pranzo a casa propria anche nei giorni feriali e che, nonostante i ritmi frenetici 22

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Parrocchia del Crocifisso. In cerca d autore. Incontro con i genitori per presentare le attività 2012/13

Parrocchia del Crocifisso. In cerca d autore. Incontro con i genitori per presentare le attività 2012/13 Parrocchia del Crocifisso In cerca d autore Incontro con i genitori per presentare le attività 2012/13 Dal vangelo di Luca [Cap. 9 ver. 10-17] Nel nome del Padre Al loro ritorno, gli apostoli raccontarono

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Domenica 2 novembre. COMMEMORAZIONE DI TUTTI I FEDELI DEFUNTI S. Messe ore 8.30, 10.00; 18.30

Domenica 2 novembre. COMMEMORAZIONE DI TUTTI I FEDELI DEFUNTI S. Messe ore 8.30, 10.00; 18.30 Il Richiamo Parrocchia Ognissanti Milano Sabato 1 novembre - FESTA DI OGNISSANTI Vangelo del giorno: Matteo 5,1-12 In quel tempo. Vedendo le folle, il Signore Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Parrocchia S. Maria Nuova

Parrocchia S. Maria Nuova Parrocchia S. Maria Nuova Piazza Santa Maria Nuova, 4 01100 Viterbo Tel/Fax 0761.340700 - c/c postale n. 79886701 www.santamarianuova-viterbo.it - info@santamarianuova-viterbo.it Recapiti telefonici dei

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

SETTIMANA VOCAZIONALE PARROCCHIA M. V. ASSUNTA CERVERE ANNO 2012

SETTIMANA VOCAZIONALE PARROCCHIA M. V. ASSUNTA CERVERE ANNO 2012 SETTIMANA VOCAZIONALE PARROCCHIA M. V. ASSUNTA CERVERE ANNO 2012 2 INCONTRI PER I RAGAZZI DEL CATECHISMO + VEGLIA IN CHIESA IL SABATO SERA CON I GENITORI PRIMO INCONTRO L incontro si svolge in due tempi.

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Gabriele Battocchio, Filippo Celeghini, Giulio Iazzetta, Ottavia Persanti, Manuela Pisa, don Enrico

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco)

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco) INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA (Nepi Veneto Grugliasco) ASSISI, 3 5 aprile 2009 Dal 3 al 5 aprile 09 ci siamo ritrovati ad Assisi come Laici Missionari della Consolata di Nepi,

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo S.p.E.S. Servizi per l educazione e la scuola - Onlus Sede legale: Corso Fanti, 89-41012 CARPI (Mo) Recapito postale: Corso Fanti, 44-41012 Carpi (Mo) Codice Fiscale: 90020120367 Tel/Fax 059.686889 Percorso

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Frasi di matrimonio con felicitazioni

Frasi di matrimonio con felicitazioni Frasi di matrimonio con felicitazioni Questo giorno di grande felicità sia l inizio di una serie di splendidi momenti Vi auguro tanta felicità e serenità per la vostra nuova vita insieme Vi auguro di conservare

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli