CANTIERE DEL 900 Opere dalle collezioni Intesa Sanpaolo. Il progetto scientifico. Il percorso espositivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CANTIERE DEL 900 Opere dalle collezioni Intesa Sanpaolo. Il progetto scientifico. Il percorso espositivo"

Transcript

1 CANTIERE DEL 900 Opere dalle collezioni Intesa Sanpaolo Il progetto scientifico Cantiere del 900. Opere dalle collezioni Intesa Sanpaolo è il nuovo progetto espositivo - proposto nelle Gallerie di Piazza Scala, polo culturale e museale di Intesa Sanpaolo a Milano - dedicato alla presentazione delle opere del Novecento presenti nelle collezioni della banca. Curato da Francesco Tedeschi, il primo allestimento espositivo del progetto propone una selezione delle opere più significative dei protagonisti e delle tendenze della seconda metà del secolo, in ambito italiano. Le opere, circa duecento, offrono una visione multiforme della ricchezza delle direzioni di ricerca nelle quali l arte italiana di questo importante periodo ha raggiunto livelli di eccellenza sul piano mondiale. L itinerario storico-critico si articola attraverso momenti di approfondimento su singoli autori e situazioni, ma intende anche intrecciare idee e temi che suggeriscono una lettura aperta a diverse possibilità di approfondimento. Muovendo da tali motivazioni, l immagine che guida questa ipotesi di lavoro è quella del cantiere, come luogo simbolico di una costruzione in fieri, ma anche come metafora del processo di scavo e di ricerca. Cantiere del 900 è dedicato all arte di un periodo ancora vicino, nel quale affondano le radici del presente, ma la cui storia appare ben delineata, almeno nella conoscenza dei maggiori autori (ai quali sono stati dedicati cataloghi generali e ragionati) e delle sue linee complessive e particolari. Nonostante questo, l arte del Novecento necessita di ulteriori attenzioni, non solo per verificare o confermare i valori acquisiti, ma anche per esplorare situazioni e convergenze non ancora compiutamente sondate. La presentazione dell arte del secondo Novecento, poi, nelle sue diramazioni, costituisce occasione per una sua divulgazione allargata. Partendo dalle opere presenti nelle raccolte del Novecento, che in qualche caso coprono in modo dettagliato situazioni e tendenze che meritano di essere riprese e approfondite, scopo dell apertura di un cantiere del Novecento è di offrire occasioni utili ad avviare ulteriori esplorazioni nella conoscenza dell arte recente - che può essere soggetta a riletture, a differenti interpretazioni, a una pluralità di racconti per la sua stessa natura di essere testimonianza di un epoca particolarmente ricca e complessa -, ben esemplificata dalle oltre tremila opere del Novecento nelle collezioni Intesa Sanpaolo. Il percorso espositivo L allestimento, ospitato nei luminosi ambienti della sede storica della Banca Commerciale Italiana - il palazzo che affaccia su piazza della Scala progettato agli inizi del Novecento da Luca Beltrami e rivisitato oggi in

2 chiave espositiva dall architetto Michele De Lucchi -, è organizzato in sezioni tematiche e sale monografiche, raccolte attorno ai tre saloni principali del palazzo che, con diversa funzione, fanno in questo caso da introduzione e cornice al percorso proposto. Sono presentate opere realizzate secondo le diverse tecniche e poetiche proprie dell arte del secondo dopoguerra, suggerendo un dialogo fra scultura e pittura - o tra forme plastiche e rappresentative - e fra i poli della ricerca artistica in Italia, in primis nel confronto fra l ambito milanese e quello romano. Per questo i saloni ospitano unicamente alcune sculture, che guidano verso le sale circostanti e i temi in esse presentati. Dal punto di vista storico-critico il percorso prende le mosse dagli aspetti predominanti dell arte italiana dell immediato secondo dopoguerra, portando attenzione ad alcune delle opere più significative, per qualità e per importanza storica, che le collezioni possiedono, sui versanti delle diverse forme di astrazione dall immagine e di costruzione di nuove ipotesi formali. Le proposte di Lucio Fontana, dello Spazialismo e dell Arte Nucleare sono poste a confronto con le diverse rappresentazioni di una natura interiore delle cose, nell opera di autori come Afro, Giuseppe Santomaso, Renato Birolli, per passare, attraverso le soluzioni proposte da Alberto Burri e da Emilio Vedova, al versante propriamente informale, terreno di incontro di molte personalità che caratterizzano l arte italiana degli anni Cinquanta. In modo parallelo, le elaborazioni del Movimento Arte Concreta e di un astrazione fondata nella volontà costruttiva, pur avendo valore in sé, fungono da preludio per relazioni con il settore del design e del progetto. Rispetto a queste direzioni, chiaramente delineate e delineabili nell ambito dell arte degli anni Cinquanta, altri momenti del progetto espositivo sottolineano la molteplicità degli atteggiamenti che producono una nuova visione dei caratteri e della funzione dell arte negli anni Sessanta, dove l attenzione per il racconto e l immagine costituiscono i punti di partenza per le esperienze assimilabili alla Pop Art, e d altro canto le sperimentazioni tecnologiche e le riflessioni sulle ragioni stesse del fare artistico portano a creare connessioni fra autori come Piero Manzoni e Enrico Castellani, da una parte, e Toti Scialoja, Pietro Consagra, Giuseppe Capogrossi dall altra. La parola e il pensiero entrano nelle modalità creative delle tendenze affini all Arte Concettuale, con le quali la raccolta di Poesia Visiva delle collezioni presenta importanti confluenze, e alle posizioni degli autori che si riconoscono nella seconda metà degli anni Sessanta all interno dell Arte Povera. Le sale dedicate all arte degli anni Sessanta e Settanta, per questo, introducono spunti di lettura allargati e proposte di accostamenti che nascono dal carattere specifico delle opere. Infine, per quanto riguarda le vicende dell arte fra gli anni Settanta e Novanta, vengono enucleati alcuni temi, come quello delle proposte che provengono da un rinnovato dialogo fra arte visiva e architettura, in grado di far emergere una continuità di attenzione per una tradizione rappresentativa e di misurazione dello spazio che ascende alle radici della cultura figurativa italiana, e alcuni temi e presenze che caratterizzano l arte degli ultimi decenni del Novecento.

3 La scelta di offrire una molteplicità di focali trova la sua conseguenza maggiore nella proposta di dedicare due sale ad approfondimenti tematici particolari, che in occasione del primo piano espositivo sono riservate una, intitolata Il colore come forma plastica. Percorso attraverso una forma di astrazione, a un tema che attraversa l arte dal Futurismo agli anni Novanta, quello di un astrazione del colore che spinge la pittura a essere una presenza fisica nello spazio, secondo una linea essenzialmente formale, che ha il suo fulcro nell opera di Piero Dorazio, Giulio Turcato e di altri autori del secondo dopoguerra; e l altra a una delle installazioni più significative elaborate nell arte degli ultimi decenni, L ora italiana di Emilio Isgrò, dedicata a uno degli episodi della recente storia italiana, segno di una partecipazione dell arte ai valori civili. Questi due momenti del percorso espositivo, dotati di specifici materiali di complemento e di pubblicazioni a essi riservate, assumono un importante carattere in sé e come spunto per ulteriori ipotesi di studio che possono scaturire dai ricchi materiali presenti nelle collezioni. La proposta espositiva si avvale di materiali di comunicazione e di approfondimento indirizzati a trasmettere e sottolineare i contenuti che vengono presentati. In particolare, la soluzione di impaginare i materiali visivi con l accompagnamento di testi introduttivi e commenti a singole opere e la presentazione di materiali multimediali offerti con strumentazioni aggiornate completano la più tradizionale presenza di un catalogo che raccoglie immagini e valutazioni storico-critiche riguardanti il percorso espositivo, accompagnato da due pubblicazioni specifiche sui due approfondimenti laterali - Il colore come forma plastica e Emilio Isgrò: L ora italiana -, e di audioguide in diverse lingue. Complessivamente il filo conduttore di Cantiere del 900 traccia un percorso nell arte italiana dagli anni Cinquanta agli anni Novanta, che evidenzia le correnti dell astrazione, dell informale, delle sperimentazioni formali e tecnologiche, delle diverse configurazioni di nuove potenzialità espressive e di rappresentazione dell uomo e della società del proprio tempo, che si sono avvicendate in questo periodo. La proposta è però, con attenzione per la nuova destinazione delle sale originariamente create per l attività di uno dei centri del sistema bancario italiano, di indicare la qualità e la particolarità del nuovo spazio espositivo, e occasione per una prima presentazione delle opere appartenenti alle collezioni Intesa Sanpaolo, particolarmente ricche e significative per il periodo considerato, che potranno fornire spunti per ulteriori occasioni di studio e conoscenza delle sue peculiarità. Le dodici sezioni Ouverture 1 1. La memoria dell immagine e la sua rimozione 2. Lucio Fontana, lo Spazialismo e il Movimento Nucleare

4 3. L astrattismo concreto tra gli anni Quaranta e Cinquanta (il MAC - Movimento Arte Concreta) 4. La pittura oltre la pittura. Azioni, tracce, impronte 5. Forme dell informale 6. Arte programmata e cinetica Ouverture 2 7. Gli anni Sessanta: segni, parole, narrazioni 8. Gli anni Sessanta: le cose, le immagini 9. Attorno all Arte Povera 10. Pratiche concettuali 11. Ipotesi costruttive 12. Prospettive di fine Novecento I due approfondimenti monogafici Monographia 1 Il colore come forma plastica Percorso attraverso una forma di astrazione Monographia 2 Emilio Isgrò, L ora italiana 12 sezioni, 2 approfondimenti monografici, 16 sale Ouverture 1 Il contributo degli artisti italiani alle riflessioni sulla scultura di questo periodo è di particolare importanza. Arturo Martini nel 1945 scrive annotazioni nelle quali definisce la scultura una lingua morta, in particolare quella monumentale. E proposte di una concezione antimonumentale della scultura si ritrovano nelle idee e nelle opere di artisti che modificano il rapporto fra le loro realizzazioni e lo spazio, oppure ricorrono a

5 materiali sperimentali, oltre che a temi quotidiani. Le quattro sculture esposte in apertura del percorso sono emblematiche dei caratteri di un periodo compreso tra gli anni Cinquanta e Ottanta. Ettore Colla è tra i primi a costruire assemblaggi di materiali recuperati, piegando il ferro a costruzioni che trovano assonanze anche con temi mitologici. Lucio Fontana usa materiali e forme scultoree in diversi momenti della sua parabola del secondo dopoguerra, spingendosi oltre la fisicità della materia, contemporaneamente all epoca delle esplorazioni nello spazio. Alik Cavaliere propone, anche nel suo ruolo di insegnante a Brera, una scultura narrativa, o antiscultura, in cui le forme della natura sono inserite in rappresentazioni simboliche. Mauro Staccioli porta la scultura a dialogare con lo spazio e interpreta il significato architettonico dei luoghi, producendo, con il movimento interno delle sue geometrie, uno scarto che completa la razionalità delle strutture. 1. La memoria dell immagine e la sua rimozione (Sala 1) La contrapposizione fra realismo e astrattismo ha animato il dibattito critico in Italia alla fine degli anni Quaranta. Una possibile posizione intermedia si riconosce nelle proposte di alcuni dei maggiori protagonisti dell arte del secondo dopoguerra, orientati a valorizzare i caratteri propriamente formali dell opera. Il ricorso all immagine, alle forme della natura, al paesaggio, a una narrazione intima, lirica, viene progressivamente assorbito nei percorsi della memoria. Partendo da ricordi personali, ma agendo con la forza impulsiva del gesto pittorico e con il fascino di colori nati dalla combinazione di diverse materie, essi generano soluzioni in cui la memoria dell immagine viene oscurata o cancellata, per lasciare il posto alla qualità formale di una pittura vicina all arte informale. Le opere qui presentate, alcune delle quali esposte alla Biennale di Venezia negli anni Cinquanta, indicano il carattere dei percorsi individuali degli autori. Ciascuno a suo modo interpreta una nuova condizione, dove le immagini originarie - le figure della realtà - sono assorbite nella forma e nella struttura del rapporto fra segni, materie e colore, fino a generare le parole di un nuovo vocabolario. Ne sono autori artisti come Giuseppe Santomaso, Antonio Corpora, Afro e Renato Birolli, che insieme a Mattia Moreni, Ennio Morlotti, Giulio Turcato ed Emilio Vedova costituiscono per un breve periodo il Gruppo degli Otto, ma anche Bruno Cassinari, più orientato a una continuità di dialogo con la figurazione, o Alberto Burri, che con Vedova e Fontana si libererà decisamente da essa per creare nuove forme, scaturite dalle stesse tecniche adottate. 2. Lucio Fontana, lo Spazialismo e il Movimento Nucleare (Sale 2, 3, 4) Lucio Fontana Lucio Fontana accompagna e promuove negli anni Quaranta-Cinquanta le correnti più audaci dell avanguardia attiva a Milano, in rapporto con altri centri dell arte italiana e internazionale. Nelle sue posizioni teoriche e

6 nelle sue opere egli pone al centro il tema dello spazio, non più sfondo o luogo della rappresentazione, ma materia stessa dell opera. Le superfici animate dai buchi e in seguito dai tagli, in relazione con una pittura che si semplifica fino alla monocromia, sono punto di partenza di una spazialità che si spinge oltre l opera. In esse si rispecchia il fascino per la scienza e per le possibilità di scoperta dell uomo di una nuova era, ma anche il senso di spaesamento di fronte all infinito e alla vertigine del vuoto. Spazialismo e Movimento Nucleare I temi e i miti del secondo dopoguerra sono efficacemente interpretati dalle sperimentazioni di un ampio gruppo di giovani artisti. Tra Milano e Venezia nasce e si sviluppa il Movimento Spaziale, o Spazialismo, che agisce in rapporto con le proposte di Fontana, in direzione di un superamento delle distinzioni tra pittura, scultura, architettura, coinvolgendo lo spazio come materia plastica ed esplorando nuove potenzialità pittoriche. Vicine alle ricerche degli spazialisti sono quelle del Movimento Nucleare, promosso a Milano da Enrico Baj e Sergio Dangelo e caratterizzato dalle relazioni internazionali che essi vanno intrecciando, in un ambito che recupera esempi surrealisti coniugati alle sperimentazioni informali. Diversi sono i punti di incontro fra Spaziali e Nucleari, come dimostrano le opere di Gianni Dova o di Enrico Donati. Le esplorazioni del Movimento Nucleare si allargano a includere l attività di altri artisti, tra cui il vivace gruppo che si raccoglie a Napoli nella seconda metà degli anni Cinquanta. 3. L astrattismo concreto tra gli anni Quaranta e Cinquanta (il MAC - Movimento Arte Concreta) (Sala 5) Nell immediato secondo dopoguerra si affermano forme di astrazione prive di qualsiasi riferimento alla figura, dette concrete, perché rispondono ad un autonoma ideazione e non a un distacco dalla natura. Le iniziative dei singoli artisti, soprattutto in area milanese e romana, trovano nuova forza in aggregazioni nate dalla necessità di creare un area comune. Un ruolo particolare riveste il MAC - Movimento Arte Concreta, sorto a Milano nel 1948 dall azione di alcuni protagonisti della breve stagione astratta degli anni Trenta, come Bruno Munari e Atanasio Soldati, e dall attività pittorica e teorica di autori come Gillo Dorfles e Gianni Monnet. Il MAC, sostenuto da un bollettino e da molte iniziative espositive, coinvolge presto molti altri protagonisti dell arte astratta, giovani o già affermati, come Luigi Veronesi o Mauro Reggiani; promuove affiliazioni e gruppi nelle principali città italiane e avvia relazioni dirette in ambito francese con il gruppo Espace. Le molteplici possibilità di elaborazione delle varianti formali che sono al centro della ricerca del MAC sono indirizzate a produrre una nuova sintesi delle arti. Gli sviluppi delle ipotesi plastiche proprie del linguaggio del MAC troveranno infatti seguito anche nell ambito della progettazione e del design.

7 4. La pittura oltre la pittura. Azioni, tracce, impronte (Sala 6) La necessità di superare la pittura informale degli anni Cinquanta, considerata, alla fine del decennio, eccessivamente ripiegata su se stessa, spinge alcuni autori a elaborare scelte che sembrano negare la pittura, trasformando il quadro in una superficie da animare, modificare, riprogettare. Le soluzioni che Piero Manzoni ed Enrico Castellani propongono sono indirizzate verso l annullamento dell immagine e dell espressione individuale. L opera diviene momento di un processo fisico e operativo, dove la superficie è luogo di azioni che registrano l intervento diretto dell autore, come nelle impronte di Toti Scialoja o di Remo Bianco, e dove le tracce divengono segno, come nelle opere di Antonio Sanfilippo e nel motivo tanto arcaico quanto moderno del tridente, proprio del linguaggio di Giuseppe Capogrossi. La pittura diventa quasi scrittura, esprimendo l esigenza del ritorno a una forma di comunicazione primaria. Anche nella scultura la superficie diventa luogo di costruzione di nuove tracce, nella rigorosa frontalità delle opere di Pietro Consagra. Le diverse formule qui rappresentate dimostrano la presenza di caratteri compositivi che non si identificano in un gruppo o in una tendenza, ma suggeriscono nuovi principi formali. 5. Forme dell informale (Sala 7) L informale è la condizione estetica predominante nell arte degli anni Cinquanta. I suoi confini sono necessariamente vaghi e al loro interno si possono individuare molteplici forme espressive. La varietà del clima informale si può riconoscere nelle posizioni individuali e di gruppo che caratterizzano molti aspetti dell arte italiana del periodo. Rispetto a quanto osservato per autori come Lucio Fontana, Emilio Vedova o Alberto Burri, qui si offre una esemplificazione delle numerose personalità attive in una delle aree più approfonditamente rappresentate nelle collezioni Intesa Sanpaolo. Rapporti con un naturalismo vissuto tramite un coinvolgimento immediato, fisico più che contemplativo, sono presenti nell opera di artisti attivi tra Bologna, Milano, Torino. Un certo individualismo, affine all esistenzialismo che pervade il modo di pensare e di sentire del tempo, costituisce un altra fonte di soluzioni formali che vanno oltre l immagine senza negarla totalmente. Altri aspetti dei linguaggi dell informale riguardano il ricorso a materie extrapittoriche e il libero disporsi di segni e colori all interno dell azione pittorica. Nelle sue varianti l estetica informale interpreta i caratteri di un epoca in cui si incontrano e a volte si scontrano le spinte verso l affermazione della libertà personale e la tendenza all omologazione imposta dal sistema economico e sociale. 6. Arte programmata e cinetica (Sala 10) Le ricerche di arte programmata e cinetica si pongono l obiettivo di attivare l opera, mediante movimenti reali o percettivi delle forme. La loro presentazione complessiva avviene nel 1962 in una mostra organizzata

8 nello spazio Olivetti in Galleria Vittorio Emanuele a Milano, successivamente riproposta a Roma, Venezia e Trieste. Le sperimentazioni sono condotte da due raggruppamenti: il Gruppo T a Milano, che riunisce Giovanni Anceschi, Davide Boriani, Gianni Colombo, Gabriele De Vecchi e Grazia Varisco, e il Gruppo N a Padova, nel quale si identificano Alberto Biasi, Ennio Chiggio, Toni Costa, Edoardo Landi e Manfredo Massironi. Oltre a loro svolgono ricerche in quest ambito Enzo Mari, inserito da Bruno Munari nella mostra milanese, e altri autori, tra cui Getulio Alviani e Dadamaino, aggiuntisi nelle mostre successive. Le loro realizzazioni hanno come elemento qualificante i movimenti reali, prodotti da semplici motori meccanici, o quelli percepibili attraverso la variabilità della grandezza e della direzione dei singoli elementi che vanno a costituire l unità visiva. Gli aspetti meccanici e i processi cinetici sottolineano la volontà di trovare anche nella produzione meccanica e industriale una possibilità creativa originale, dove il caso entra a far parte dell opera, dando vita a soluzioni combinatorie in parte imprevedibili. Ciascuno degli autori di quest area ha maturato una specifica via di ricerca, che dal singolo pezzo si allarga a situazioni ambientali o a progetti che trovano nell ambito della produzione la loro destinazione. Si inseriscono in questo raggruppamento, condividendone il clima e l intenzione di modificare e animare la superficie pittorica, i quadri sagomati di Agostino Bonalumi e Paolo Scheggi, esponenti di una tendenza anch essa in parte derivata dalle proposte di Lucio Fontana e dello Spazialismo. Ouverture 2 Le sculture che introducono gli ambienti circostanti questo salone sollecitano ulteriori riflessioni sulla crisi della monumentalità e sulla trasformazione della scultura tra gli anni Sessanta e Settanta. Le opere di Mario Ceroli e di Pino Pascali facevano parte di complesse installazioni realizzate fra il 1967 e il 1968, di natura quasi teatrale, di cui il singolo elemento costituisce oggi una traccia e una memoria. La struttura di Nicola Carrino introduce i caratteri di un nuovo costruttivismo, che affida all elemento geometrico più semplice la possibilità di invadere lo spazio, misurandolo. La scultura di Giuseppe Maraniello genera invece un immagine priva di peso, che pare frutto di un disegno tracciato nello spazio, dove è accennata una forma di racconto. Nelle loro diverse forme, queste opere interpretano la scultura come confronto con lo spazio reale, instaurando relazioni di verticalità e orizzontalità di nuovo significato ed escludendo il carattere della presenza isolata, assoluta e immobile, proprio della scultura di sapore e di carattere monumentale. 7. Gli anni Sessanta: segni, parole, narrazioni (Sala 11) Negli anni Sessanta la crescente diffusione dei mass media e il loro forte impatto sulla società influenzano l arte visiva, che si trova al centro del dialogo fra le immagini e le parole, protagoniste della comunicazione. Una forma di risposta a tale situazione è la trasformazione del quadro in racconto, attraverso la fusione della

9 pittura con immagini a stampa, sperimentata da Bepi Romagnoni in una serie di composizioni emblematiche del nuovo clima, e in altre proposte di pittura narrativa. La narrazione prende spesso forme frammentarie e accennate; diviene traccia delle suggestioni derivate dall esterno o scaturite da fantasie interiori, come nelle opere di Mino Ceretti e di Mario Raciti, fino a essere la base del personale alfabeto di segni scaturiti da parole e immagini nelle elaborazioni di Achille Perilli e Gastone Novelli. Proprio l alfabeto, riduzione estrema e oggettiva della comunicazione a segnale visivo neutrale, è al centro di una serie di elaborazioni enigmatiche di Jannis Kounellis. In altro modo, quasi opposto, le immagini nelle composizioni di Gianfranco Baruchello diventano quasi parole. Altre possibilità di racconto, attraverso figure essenziali, ispirano le liriche e aeree composizioni scultoree di Fausto Melotti, che fra gli anni Sessanta e Ottanta giungono a gradi di invenzione che saranno universalmente apprezzati. 8. Gli anni Sessanta: le cose, le immagini (Sala 12) I modelli dell Arte Pop sono da individuare negli oggetti della società dei consumi - le cose tendenti ad avere valore esclusivo di merce - e nella loro riduzione a immagine, in una cultura prevalentemente visiva o iconica. Il confronto con il realismo e con il nuovo realismo, che precede l affermazione della Pop Art internazionale, è utile a spiegare la specificità dell Arte Pop italiana, che dal principale polo di Roma si diffonde, con diverse caratteristiche, ad altri centri e autori. Lo stesso Renato Guttuso, che rimane il principale esponente del realismo, si spinge oltre le formule ideologiche dell immediato dopoguerra, per risentire, negli anni Sessanta, di una più diretta espressione dell oggetto e dell immagine, quasi a identificarsi con essa, come nel dipinto qui esposto. Le figure evocate nelle opere di coloro che più sono in sintonia con il nuovo clima, come Giosetta Fioroni, Tano Festa, Mario Schifano, affermano una linea italiana dell icona pop, con riprese da Botticelli, Michelangelo, il Futurismo. Questi e altri spunti sono filtrati dai mass media, o dalla società dello spettacolo, come suggerisce Mimmo Rotella nella serie dei suoi strappi di manifesti affissi pubblicamente (décollage), direttamente ispirati al mondo del cinema. Lo schermo, considerato da Fabio Mauri luogo e strumento esemplare della nuova condizione, dimostra che ogni elemento della realtà può essere soggetto a uno spostamento dalla fisicità concreta alla qualità di immagine. Questo avviene nella natura riletta in modo originale e artificiale da Mario Schifano o da Pino Pascali, o ripresa dalle interpretazioni fornite dalla storia dell arte, come nell opera di Aldo Mondino che rivisita in chiave pop la montagna che ha ispirato Cézanne. L ingrandimento, altro procedimento tipico del periodo, genera nuove immagini, come nella serie di Franco Angeli dedicata a una delle icone più caratteristiche di un mondo unificato dall economia e dalla politica: il dollaro americano. Ricorrono, fra i temi del tempo, immagini di automobili o di altri status symbols, presenti o allusi nelle opere di Valerio Adami, Gianni Bertini, Lucio Del Pezzo; ma, al di là dei temi, è sul piano del linguaggio visivo che la pittura risente della semplificazione che caratterizza l arte in un momento di confronto diretto con la realtà delle immagini.

10 9. Attorno all Arte Povera (Sala 13) Il termine Arte Povera viene usato a partire dal 1967 per indicare un modo di agire e un nucleo di autori che realizzano opere con materiali non convenzionali e che propongono un nuovo coinvolgimento fisico e mentale dell osservatore. La partecipazione degli artisti dell Arte Povera alle principali manifestazioni internazionali della fine degli anni Sessanta concorre a costituire una corrente chiaramente identificabile all interno di un avanguardia che propone opere costituite da azioni temporanee, da forme di analisi del linguaggio artistico, da installazioni che le espandono all ambiente. Negli anni Settanta l attività di gruppo lascia progressivamente spazio alle posizioni individuali, che vanno a caratterizzare i singoli autori, presto affermatisi sulla scena mondiale. Le opere qui raccolte presentano alcuni dei protagonisti dell Arte Povera in diversi momenti della loro attività. Una precoce definizione delle nuove ricerche è rappresentata dalla tela di Jannis Kounellis, dalla semplice struttura oggettuale di Alighiero Boetti, dalla superficie specchiante - con un immagine che produce un incontro fra lo spazio fisico e quello virtuale - di Michelangelo Pistoletto, dal brano di natura ricostruito da Piero Gilardi. La natura è protagonista anche dell opera di Giuseppe Penone, che lascia traccia delle sue esplorazioni in un area boschiva circoscritta dove misurare il senso del tempo, e si ritrova nel dittico di Luciano Fabro, parte di un installazione sul tema del paesaggio realizzata nella Galleria Christian Stein di Torino. Una delle elaborazioni compiute dallo stesso Fabro sulla sagoma dell Italia gioca sull inganno fra sembianza e realtà. Il tema della rappresentazione è al centro delle opere di Giulio Paolini, qui esemplificate dallo scambio fra visibile e invisibile nell immagine di una statua che diventa specchio della memoria (Narciso) e da una delle installazioni più essenziali da lui concepite, Dimostrazione, nella quale l autore riflette in modo immediato sul rapporto fra il doppio e l identico. Spiaggia, di Gilberto Zorio, si può considerare proiezione o progetto di un intervento da immaginarsi nello spazio reale. 10. Pratiche concettuali (Sala 14) L Arte Concettuale costituisce una forma di riflessione sugli strumenti dell arte, al di là di qualsiasi modello stilistico e pratico. Rielaborazione immateriale e finalizzata a produrre idee più che opere, essa ha strette relazioni con le numerose esperienze di opere visive fondate sull espressione verbale, e in molti casi si sofferma a indagare i significati nascosti delle parole. Gli autori qui rappresentati si riconoscono solo in parte nell Arte Concettuale, in quanto procedimenti concettuali si ritrovano in opere realizzate nell ambito del gruppo dell Arte Povera e di altre esperienze dell avanguardia fra gli anni Sessanta e Settanta. Possiamo considerare in quest area alcune proposte concrete di riflessione sulle pratiche concettuali attuate da artisti che operano attorno alla definizione del linguaggio, al rapporto tra fare e pensare, per l affermazione di un identità personale che passa attraverso la misurazione del tempo o dello spazio, o sviluppano altri confronti fra segno e significato. La parola scritta, variamente elaborata, l annullamento del segno comunicante, la definizione di un nuovo codice, lo scambio fra modelli di lettura (ad esempio fra musica e testo letterario) sono alcuni dei meccanismi praticati da autori che spingono verso la concettualizzazione dell operato artistico.

11 Parte delle opere esposte rientra nell ampio e indefinibile universo delle ricerche verbo-visive, fondate sulla combinazione di parole e immagini, di cui le collezione Intesa Sanpaolo custodiscono uno dei più importanti fondi in Italia, per numero e qualità delle opere. 11. Ipotesi costruttive (Sala 15) Negli anni Settanta si diffondono spinte a una semplificazione formale, introdotte in particolare dal minimalismo americano. Tali istanze producono confronti con il costruttivismo della prima metà del Novecento, inteso come elaborazione di progetti formali, spesso fondati sul rapporto fra scultura e architettura. Ne scaturiscono strutture di affinità architettonica o progettuale, ma prive di funzione. Alle radici di tali posizioni, rappresentate nell arte italiana degli anni Settanta-Ottanta da autori come Mauro Staccioli e Nicola Carrino, già incontrati in altri momenti del percorso, si può riconoscere l esigenza di un rapporto con la storia dell arte, nel ricorso alle formule della prospettiva, a temi architettonici, al dialogo con uno spazio organico. Le opere di Giuseppe Uncini, Rodolfo Aricò e Gianfranco Pardi efficacemente dimostrano tale dialogo tra il passato e il presente della storia dell arte; le soluzioni da loro proposte si protendono oltre il momento della loro concezione, affermando la loro natura di opere aperte e coinvolgenti. 12. Prospettive di fine Novecento (Sala 16) Il composito profilo dell arte degli ultimi due decenni del Novecento è ben tracciato dalle opere delle collezioni Intesa Sanpaolo. In questa sala sono esemplificate le direzioni della produzione artistica degli anni Ottanta- Novanta che più hanno contribuito a dare un immagine del presente in cui sono proiettate. La Transavanguardia è il raggruppamento più chiaramente identificabile nello spirito di un momento di svolta, contribuendo al recupero in pittura di una dimensione espressiva, nella quale convergono diversi motivi propri dell arte di tutto il Novecento. Su un altro fronte, atteggiamenti più legati agli aspetti mentali della creazione si possono riconoscere nelle realizzazioni di autori come Alberto Garutti e Remo Salvadori. Il mezzo fotografico è diventato, a partire dagli anni Settanta, il luogo di altre sperimentazioni, fisiche e mentali, qui rappresentate dalle opere di Franco Vaccari, Bruno Di Bello e Franco Vimercati. La concezione apparentemente fredda e analitica della fotografia è il punto di partenza per l ideazione di immagini che portano verso soluzioni sofisticate, in cui si affiancano tecnica, magia e racconto, come si può cogliere nelle opere di Silvio Wolf, Angelo Candiano, Marina Ballo Charmet, Grazia Toderi. Anche la pittura e la scultura, negli anni Novanta, rileggono le ragioni di fondo del fare artistico usando libertà e ironia, in una visione che unisce il cuore e la ragione, l espressività e il concettualismo (da Davide Benati, Enzo Esposito, Luciano Bartolini, Luigi Mainolfi, Paolo Iacchetti, a Stefano Arienti, Umberto Cavenago, Massimo Kaufmann). Ciascuno degli autori qui raccolti - e altri presenti nella collezione potrebbero allargare questo orizzonte - contribuisce a uno sguardo sulla fine del secolo ricco di attesa, ma anche di invenzione, che conduce alle prospettive del presente.

12 Approfondimenti monografici Monographia 1 Il colore come forma plastica Percorso attraverso una forma di astrazione (Sala 8) Le opere selezionate costituiscono un percorso da intendersi con una certa autonomia, esemplificando uno dei possibili itinerari che una collezione come quella di Intesa Sanpaolo può offrire. Le opere possono infatti interpretare trame e intrecci che attraversano i caratteri del momento in cui sono state create, ma proiettano i loro esiti sugli sviluppi successivi dell arte, oltre ad avere relazioni con le fonti dalle quali traggono spunti. La loro collocazione in una forma di allestimento o in un altra permette infatti di leggere il loro legame con una storia che può essere diversamente interpretata nella sua qualità dinamica. Il colore come matrice espressiva e come mezzo compositivo è alla base di ricerche formali originali nell arte italiana del Novecento. Nell esperienza futurista, e in particolare nelle ricerche di Giacomo Balla, si può già riconoscere un attenzione per il colore come forma plastica, sostanza luminosa e possibile nucleo originario di motivi spaziali, anche tridimensionali, che spinge l arte verso forme di astrazione. Tale proposta si fonda su un equilibrio interno e sulla tradizione di una pittura di luce e colore dalle lontane radici, differenziandosi da altre correnti europee della prima metà del secolo - Espressionismo, Cubismo orfico, Suprematismo e Costruttivismo russi o Neoplasticismo olandese - dalle quali sono nate le prime elaborazioni riconoscibili di astrazione. Nel secondo dopoguerra gli sviluppi di un astrattismo del colore, che guardano tanto alle esplorazioni cromatiche di Balla quanto alle sintesi formali delle correnti internazionali degli anni Trenta, di cui Alberto Magnelli è un valido esponente, sono riprese nella ricerca di Piero Dorazio, impegnato in un azione di collegamento fra una via italiana e le spinte europee e americane verso l astrazione. La sua opera va inquadrata insieme a quella di autori come Giulio Turcato e Carla Accardi, che con lui danno vita nel 1947 al gruppo Forma 1 e aderiscono all Art Club, attivo a Roma a sostegno delle tendenze astratte, e permette di riconoscere una linea di ricerca che si estende ad altre ipotesi pittoriche, come il cromatismo di tradizione veneta di Tancredi. A queste esperienze si riallacciano in un certo senso le riflessioni della pittura analitica, che negli anni Settanta-Ottanta dà vita a nuove soluzioni compositive in cui il colore, la linea, la traccia sulla superficie sono le parole di un vocabolario diretto a rinnovare la sintassi del linguaggio pittorico. L austerità delle proposte di Mario Nigro, Giorgio Griffa ed Elio Marchegiani dialoga con le forme di colore di Claudio Olivieri o Valentino Vago. All espansione delle trame cromatiche di Piero Dorazio corrisponde la nuova formulazione di trasparenze geometriche nelle opere di Vittorio Matino. Fra gli anni Ottanta e Novanta, in un nuovo clima di rarefazione e concentrazione di ipotesi espressive che si spingono oltre la pittura, il colore diventa presenza sensibile nelle opere di Ettore Spalletti, Domenico Bianchi e Marco Tirelli, diverse tra loro nell interpretare le tensioni a una tangibilità della forma.

13 Monographia 2 Emilio Isgrò, L ora italiana (Sala 9) Con questo approfondimento si intende prendere in esame un opera o un nucleo di opere omogeneo della collezione Intesa Sanpaolo, che richiede una lettura più approfondita rispetto al suo inserimento in un percorso continuo. L allestimento di questa sala è dedicato a L ora italiana di Emilio Isgrò. Il processo della cancellatura costituisce il modello compositivo prioritario di Isgrò dagli anni Sessanta. Dalla copertura della parola nascono ulteriori possibilità di produrre significati che hanno a che fare con la negazione dell immagine o con la rimozione della memoria, potendo assumere toni narrativi, elegiaci, drammatici, fino a includere, come in questo caso, anche valori civici. L ora italiana si collega alle tragiche vicende che hanno colpito l Italia fra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Ottanta, di cui la strage di Bologna del 2 agosto 1980 è il momento topico, immortalato all esterno della stazione da un orologio fermo a segnarne l ora. Senza entrare nella diretta ed esplicita rappresentazione di fatti e persone, Isgrò partecipa con un gesto artistico a una possibile rilettura della storia collettiva, che passa attraverso i frammenti di ricordi e la loro associazione nel contesto che tende a negarli, distanziandoli da noi e dal tempo che continua la sua inarrestabile corsa. La grande installazione elaborata da Isgrò nel 1986 è composta da venti tondi, identici per il formato e per la tecnica con cui sono stati realizzati. Ciascuno di essi si completa con un orologio, che attribuisce un ulteriore significato ai lacerti di immagini visibili. Le figure di personaggi fantasmatici sono tratte da fotografie di cronaca, che emergono e scompaiono nel colore bianco-calce usato dall artista per generare la sensazione di uno svuotamento della scena. Questi frammenti costituiscono accenni liberamente associabili a fatti e situazioni immersi in un tempo quotidiano che scorre con apparente ripetitività, anche quando i fatti di cronaca e i momenti drammatici che ne segnano gli episodi salienti vanno a interromperla, modificandone la sostanza e la percezione.

La sede storica della Banca Commerciale Italiana diventa uno spazio espositivo e culturale a completamento delle Gallerie di Piazza Scala.

La sede storica della Banca Commerciale Italiana diventa uno spazio espositivo e culturale a completamento delle Gallerie di Piazza Scala. COMUNICATO STAMPA Intesa Sanpaolo inaugura in piazza della Scala a Milano CANTIERE DEL 900 Opere dalle collezioni Intesa Sanpaolo La sede storica della Banca Commerciale Italiana diventa uno spazio espositivo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE La disciplina arte e immagine ha la finalità di sviluppare e potenziare nell alunno

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE ARTISTICA FINALITA La disciplina mira nelle sue varie articolazioni, alla maturazione delle capacità di esprimersi e di comunicare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE. Scuola Primaria / Secondaria I grado CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE Scuola Primaria / Secondaria I grado TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative

Dettagli

Proposta laboratorio creativo

Proposta laboratorio creativo Tino Vaglieri Vaglieri, fantasie di mutamento Opere 1958-1963 Studio d Arte del Lauro Via Mosè Bianchi 60, Milano dal 18 Ottobre al 21 Dicembre Proposta laboratorio creativo La mostra Lo Studio d Arte

Dettagli

CANTIERE DEL 900 Opere dalle collezioni Intesa Sanpaolo

CANTIERE DEL 900 Opere dalle collezioni Intesa Sanpaolo CANTIERE DEL 900 Opere dalle collezioni Intesa Sanpaolo Perché Cantiere? L immagine del cantiere è stata scelta, per le sue molteplici proprietà e significati, come filo conduttore dell allestimento con

Dettagli

Foto di Giovanni Francescon

Foto di Giovanni Francescon PRO LOCO ZUMELLESE COMUNE DI MEL Foto di Giovanni Francescon Era il febbraio del 1981 quando un gruppo di volenterosi da vita alla Pro Loco Zumellese; lo scopo, è fin dall inizio, quello di dare visibilità

Dettagli

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA

CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA CURRICOLO ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno elabora creativamente produzioni personali per esprimere sensazioni ed emozioni. Sperimenta strumenti e tecniche

Dettagli

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo dei linguaggi espressivi, artistici e visivi SCUOLA INFANZIA TRAGUARDI

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Getulio Alviani Superficie a testura vibratile 2 (Opera programmata 3161), 1965 alluminio fresato collezione GNAM

Getulio Alviani Superficie a testura vibratile 2 (Opera programmata 3161), 1965 alluminio fresato collezione GNAM ELENCO DELLE OPERE SALA DI ALESSANDRO Pino Pascali 32 MQ di mare circa, 1967 lamiera di ferro e acqua colorata all'anilina SALA DEL RAMAGLIETTO Fabio Mauri Grande cinema a luce solida, giallo, 1968 plastica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GIOCARE. nel museo. laboratori per bambini a cura di

GIOCARE. nel museo. laboratori per bambini a cura di GIOCARE in biblioteca nel museo a scuola laboratori per bambini a cura di libro ci vuole un albero Giocare con il frottage La pelle del mondo è stata indagata da artisti e scienziati. Marx Ernst, pittore

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria

SCUOLA PRIMARIA. Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria SCUOLA PRIMARIA Traguardi per lo sviluppo di competenze al termine della classe terza della scuola primaria L alunno utilizza gli elementi grammaticali di base del linguaggio visuale per osservare, descrivere

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento classe Prima Primaria 1.PERCEZIONE VISIVA 1.1 Usare la linea grafica consapevolmente 1.2 Riconoscere i colori primari secondari 1.3 Riconoscere le diverse tonalità di colore 1.4 Usare materiale plastico.

Dettagli

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche.

1. Esplorare immagini, forme e oggetti presenti nell ambiente utilizzando le capacità visive, gestuali, tattili e cinestesiche. SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE TERZA COMPETENZE ABILITÁ CONOSCENZE A- Esprimersi,comunicare e sperimentare le tecniche e i codici propri del linguaggio visuale e audiovisivo. 1. Esplorare immagini,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI AL MUSEO DEL NOVECENTO

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI AL MUSEO DEL NOVECENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI AL MUSEO DEL NOVECENTO Organizzato da Museo del Novecento Ad Artem, concessionario servizi educativi Museo del Novecento In collaborazione con Casa editrice Il Castoro

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA:

SCUOLA DELL INFANZIA: CURRICOLO VERTICALE DI ARTE SCUOLA DELL INFANZIA: CAMPO DI ESPERIENZA: LINGUAGGI, CREATIVITÀ, ESPRESSIONE (gestualità, arte, musica, multimedialità) È il campo delle attività inerenti alla comunicazione

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE Programmazione biennio a.s. 2013/2014-2014/2015 (Primo e secondo anno di scuola media) L educazione

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA IMMAGINE

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA IMMAGINE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

Itinerari tematici alla scoperta dei palazzi e delle collezioni delle Gallerie di Piazza Scala. Per gruppi 2013-2014

Itinerari tematici alla scoperta dei palazzi e delle collezioni delle Gallerie di Piazza Scala. Per gruppi 2013-2014 Itinerari tematici alla scoperta dei palazzi e delle collezioni delle Gallerie di Piazza Scala Per gruppi 2013-2014 A cura di È un iniziativa proposta da Intesa Sanpaolo nell ambito di Le Gallerie di Piazza

Dettagli

Lucio Fontana Concetto spaziale 1960 graffiti e tagli su carta telata 81 x 100 cm Milano, Fondazione Lucio Fontana

Lucio Fontana Concetto spaziale 1960 graffiti e tagli su carta telata 81 x 100 cm Milano, Fondazione Lucio Fontana OPERE Lucio Fontana Concetto spaziale 1960 graffiti e tagli su carta telata 81 x 100 cm Milano, Fondazione Lucio Fontana 38 39 Lucio Fontana Concetto spaziale 1950 olio su tela 85 x 65 cm Milano, Fondazione

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Le scuole protagoniste a Palazzo della Ragione 2015 SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO: Quadrittico delle libertà con BIANCONERO VEDOVA.

Le scuole protagoniste a Palazzo della Ragione 2015 SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO: Quadrittico delle libertà con BIANCONERO VEDOVA. Le scuole protagoniste a Palazzo della Ragione 2015 SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO: Quadrittico delle libertà con BIANCONERO VEDOVA. PREMESSA A cura di Cecilia Piubello e Cristina Joechler, Valeria Marchi,

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA SECONDA TERZA

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA SECONDA TERZA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno utilizza le conoscenze e le abilità relative al linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi

Dettagli

DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA VERIFICA E VALUTAZIONE

DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA VERIFICA E VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO E VALUTAZIONE 1. Esprime una propria esperienza o uno stato d animo attraverso l immagine e il colore 2. Realizza sequenze di immagini

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 ARTE E IMMAGINE: CINQUE PISTE DI LETTURA * ARTE E IMMAGINE Walter

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE

PROGRAMMA DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2009-2010 NOVITA SCUOLE MATERNE NOVITA SCUOLE MATERNE FINESTRA O SPECCHIO? Scuola materna ed elementare Il percorso prevede la visita della collezione della Pinacoteca Agnelli, con un approfondimento sulle opere di Henri Matisse. La

Dettagli

Il secondo Novecento. Introduzione Arte informale Pop Art

Il secondo Novecento. Introduzione Arte informale Pop Art Il secondo Novecento Introduzione Arte informale Pop Art CONTESTO STORICO: 1945 formazione aree di alleanze contrapposizione Paesi capitalisti e comunisti guerra fredda 1957 creazione della CEE 1961 primo

Dettagli

Venezia: dal presente al passato. Da Giorgione e Cima da Conegliano alle novità dell arte contemporanea. Dal 19 al 21 marzo 2010

Venezia: dal presente al passato. Da Giorgione e Cima da Conegliano alle novità dell arte contemporanea. Dal 19 al 21 marzo 2010 Venezia: dal presente al passato. Da Giorgione e Cima da Conegliano alle novità dell arte contemporanea. PROGRAMMA (soggetto a modifiche per gli orari di apertura dei siti da visitare) Direzione culturale:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO TR SCUOLA DELL INFANZIA ARTE PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO TR SCUOLA DELL INFANZIA ARTE PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO TR SCUOLA DELL INFANZIA ARTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO MACRO INDICATORI PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO Esprimersi e comunicare 1. Sperimentare tecniche graficopittoriche

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Primaria - Arte ed immagine - Classe Prima COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Profilo dello studente al termine del

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Dettagli

IMMAGINI, SUONI, COLORI

IMMAGINI, SUONI, COLORI IMMAGINI, SUONI, COLORI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 2. Inventa storie

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura)

Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree Laboratorio della figurazione (pittura/scultura) PROFILO GENERALE E COMPETENZE Pittura Al termine del percorso liceale lo studente conoscerà e saprà

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA AMBIENTE SCOLASTICO La scuola dell infanzia di Montebello è situata nell omonimo quartiere della città di Perugia. Dispone di un piccolo giardino che confina con una grande area verde attrezzata ed un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI-MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI-MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO SCOLASTICO STATALE CARDARELLI-MASSAUA SCUOLA PRIMARIA VIA MASSAUA ARTE E IMMAGINE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: Consapevolezza ed espressione culturale riguardano l importanza dell espressione

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE

CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E SECONDA ARTE E IMMAGINE CONTENUTI (Conoscenze) ABILITA (Competenze specifiche) VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE 1. IL MESSAGGIO VISIVO Guardare immagini, forme e oggetti dell ambiente utilizzando

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA-SECONDA E TERZA SCUOLA PRIMARIA Traguardo per lo sviluppo delle competenze Conoscenze (indicazione sommaria dei L alunno utilizza le conoscenze e le

Dettagli

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

Opere d Arte Contemporanea una Collezione Privata Italiana degli Anni 70 Opere dalla Collezione Tonelli

Opere d Arte Contemporanea una Collezione Privata Italiana degli Anni 70 Opere dalla Collezione Tonelli Press Release Milan For Immediate Release Milano Wanda Rotelli +39 02 29500202 wanda.rotelli@sothebys.com Londra Matthew Weigman matthew.weigman@sothebys.com Opere d Arte Contemporanea una Collezione Privata

Dettagli

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE Programmazione curricolare di Istituto SCUOLA PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICAZIONE SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. PERCEPIRE E DESCRIVERE

Dettagli

Gli insegnanti della scuola primaria Vittorio Sereni"di Porto Valtravaglia

Gli insegnanti della scuola primaria Vittorio Serenidi Porto Valtravaglia PROGETTO LETTURA: DALL ANALISI ONIRICA E PROFONDA DEI GRANDI MITI DEL PASSATO, PASSANDO DAL MITO DI ULISSE, FINO A GIUNGERE AI MITI RACCHIUSI NELL OPERA DEI GRANDI CANTAUTORI CONTEMPORANEI Premessa L'immaginario

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Istituto d Arte A. VENTURI LE LETTERE FANNO RUMORE? Progetti per un alfabetiere

Istituto d Arte A. VENTURI LE LETTERE FANNO RUMORE? Progetti per un alfabetiere Istituto d Arte A. VENTURI LE LETTERE FANNO RUMORE? Progetti per un alfabetiere Insegnanti e classi Antonella Battilani, progettazione grafica in collaborazione con Luigi Cappelli, esercitazioni di laboratorio

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

È in preparazione il Catalogo dell Arte Moderna numero

È in preparazione il Catalogo dell Arte Moderna numero È in preparazione il Catalogo dell Arte Moderna numero Catalogo dell arte Moderna Un volume storico, che segna un momento irripetibile P T INA ORIA R Il più longevo e credibile Catalogo dell arte moderna

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO Anno Scolastico 2015/2016 2013/2014 POF 2015-16 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO 65016 MONTESILVANO (PE) Via Olona n. 9 - Distretto Scolastico N. 12 Il futuro del mondo è nelle nostre mani! PIANO

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

LIBROGIOCANDO FORMAZIONE

LIBROGIOCANDO FORMAZIONE LIBROGIOCANDO FORMAZIONE LibroGiocando è un luogo speciale, nato dall'incontro di professionisti con consolidata esperienza in ambito educativo e formativo, uniti dalla passione per il mondo dell'infanzia

Dettagli

Comune di Reggio Emilia Assessorato Cultura Assessorato Città Storica Biblioteca Panizzi Musei Civici. Settimana della fotografia europea

Comune di Reggio Emilia Assessorato Cultura Assessorato Città Storica Biblioteca Panizzi Musei Civici. Settimana della fotografia europea Comune di Reggio Emilia Assessorato Cultura Assessorato Città Storica Biblioteca Panizzi Musei Civici Settimana della fotografia europea La Settimana della fotografia europea è un progetto del Comune di

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI. Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE A.S. 2013/2014 ARTE E IMMAGINE CURRICOLO Ambito disciplinare ARTE E IMMAGINE

Dettagli

PROGRAMMA BABY PARK AL MAXXI

PROGRAMMA BABY PARK AL MAXXI PROGRAMMA BABY PARK AL MAXXI Aprile 2014 PRIMA SETTIMANA: Ricicli creativi. Le attività della settimana sono legate a uno dei temi più dibattuti degli ultimi anni: la possibilità di fare arte riciclando

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti PER LA SCUOLA DELL INFANZIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 IL SE E L ALTRO - Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITA DISCIPLINA ARTE E IMMAGINE CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Esprimere sensazioni, emozioni, pensieri in modo spontaneo tecniche personali sia grafiche che manipolative. OSSERVARE E LEGGERE

Dettagli

Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare

Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare Il viaggio: metafora di una visione interdisciplinare Davide Papotti Università degli Studi di Parma Dipartimento ALEF - Antichistica Lingue Educazione Filosofia Quattro domande Il viaggio e la sua narrazione

Dettagli

University Press. Morlacchi Editore

University Press. Morlacchi Editore University Press Morlacchi Editore Ornella Bovi - Enrico Bocciolesi Dall arte al cervello Profili di un percorso interpretativo fra sinestesie ed emozioni Morlacchi Editore Prima edizione: 2010 Ristampe

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA PROGETTO RETETNA Anno Scolastico 2008/09-2009/10 Laboratorio di educazione scientifica suddiviso nei seguenti quattro percorsi: Trasformazioni Luce, colore,

Dettagli

Geberit dà spazio alle idee con un draft.

Geberit dà spazio alle idee con un draft. Geberit dà spazio alle idee con un draft. Praticamente ridisegnare il bagno, la proposta che Geberit ha rivolto ad una selezione di architetti di Roma chiamati a tracciare un veloce ed essenziale draft

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

COME NASCE EXPOD COS È EXPOD

COME NASCE EXPOD COS È EXPOD Un nuovo sistema dell expo-rre e del pro-muovere Un nuovo canale parallelo e social di condi-vivere EXPO 2015 Un nuovo spazio itinerante di luce, pensiero e racconto COME NASCE EXPOD e(x)pod nasce da un

Dettagli