Perché digiunare. Riflessioni di un cammino di conversione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Perché digiunare. Riflessioni di un cammino di conversione"

Transcript

1 Perché digiunare Riflessioni di un cammino di conversione

2 Alcamo. Marzo 2012

3 Il pensiero del modo Perché digiunare? Che senso ha non mangiare? Il nostro corpo avverte il bisogno di nutrimento; avvertiamo quando ci viene fame e qualcosa la dobbiamo pur mettere sotto i denti. Ci capita spesso che a volte tardiamo a pranzare e addirittura diventiamo nervosi. Allora perché soffrire volontariamente? Abbiamo sentito parlare spesso i nostri anziani di digiuno, o meglio della fame, raccontandoci del periodo della guerra in cui non c'era cibo o anche successivamente, in cui l'obiettivo della giornata era riuscire a mangiare. Allora c'era la fame, ci dicono. Allora si faceva il pane in casa e durava per una settimana. Si mangiava carne solo per le feste. Per il resto solo legumi e verdura. Solo quando sbarcarono gli americani assaggiarono per la prima volta le barrette di cioccolato. Ma oggi, che siamo nell'era dei supermercati, in cui i prodotti confezionati in giornata, domani saranno sugli scaffali di tutto il mondo, perché dobbiamo privarci del cibo? Capiamo bene che il cibo sproporzionato fa altrettanto male. Anche i cibi che ci propinano oggi sono frutto di lavorazioni e pieni di conservanti, per cui adesso si vuole tornare all'alimentazione "biologica"; ma privarcene che senso ha? Qualcuno ci indica che è utile per il

4 valore del sacrifico, ma questa parola ci suona astratta. Sacrificio! A che serve un sacrificio che inizia e finisce con la propria persona. Io digiuno, sto male e che importa a gli altri del mio digiuno? Non ne beneficia nessuno. Addirittura neanche noi stessi, che ci ritroviamo a stomaco vuoto! Sin da piccoli abbiamo sempre sentito parlare del digiuno proposto dalla chiesa nei giorni del mercoledì delle ceneri e del venerdì santo, ma in realtà a che serve? Spesso, anche noi battezzati e cresimati, puntiamo il dito alle contraddizioni degli altri per giustificare le nostre, cioè guardiamo i limiti degli altri per giustificare i nostri, così quando si parla di digiuno o di sacrificio, tiriamo fuori sempre l'esempio di chi frequenta la chiesa, tutte le domeniche va a messa, partecipa alle processioni e poi conduce una vita agiata e sazia. I più scaltri tirano fuori l'esempio di qualche prete che con la forchetta è imbattibile! Così si dice sempre che non ha senso andare a messa e poi comportarsi male nella società. Figuriamoci adesso se dovremmo pensare a digiunare. Prima pensiamo a comportarci bene nella società. Così anche per la preghiera. Ci sono quelli che recitano il Rosario ogni giorno, ma nella vita?.. Preoccupiamoci prima del nostro comportamento e poi poi si vede. Dunque, il digiuno, è l'ultimo dei nostri pensieri. E la preghiera?..... Idem!

5 Il digiuno nell'antico Testamento Eppure qualcosa non quadra! Davvero la chiesa ci propone qualcosa che non ha senso? Qualcosa che dobbiamo fare solo per tradizione! Possiamo provare a capirci qualcosa cercando nella Bibbia e sperando che ci dia una risposta soddisfacente! Un primo accenno del digiuno lo troviamo nel libro dell'esodo, quando Dio consegna a Mosè le tavole della legge. Il Signore disse a Mosè: "Scrivi queste parole, perché sulla base di queste parole io ho stabilito un'alleanza con te e con Israele". Mosè rimase con il Signore quaranta giorni e quaranta notti senza mangiar pane e senza bere acqua. Il Signore scrisse sulle tavole le parole dell'alleanza, le dieci parole. (Es 34, 27-28). Perché Mosè digiunò? Che motivo c'era di tanto digiuno? Non ci viene detto il perché, ma ci viene detto che in quei quaranta giorni e quaranta notti Mosè rimase con il Signore. Ne possiamo dedurre che alla presenza di Dio, l'uomo, non ha più bisogno di nutrimento, in quanto vive della sua Presenza. L'uomo al cospetto di Dio si nutre di Dio stesso, che è l'origine stessa della vita. Dio stesso è

6 la fonte della vita, quindi alla sua Presenza il corpo non ha più bisogno di altro nutrimento che dia vigore alla carne, perché la vita stessa è con lui. Ma il fine di quei quaranta giorni non furono la sola compagnia di Dio, ma le tavole della legge. Cioè le Parole di Dio. I dieci comandamenti. Quindi l'uomo, privato dal cibo, entra in compagnia di Dio e ne riceve una Parola su cui impostare la propria vita. Più avanti, nel terzo capitolo del profeta Giona, troviamo un altro episodio che ci parla del digiuno in maniera diversa e proprio questo brano ci viene proposto dalla liturgia all'inizio della quaresima. Fu rivolta a Giona una seconda volta questa parola del Signore: «Àlzati, va a Ninive, la grande città, e annuncia loro quanto ti dico». Giona si alzò e andò a Ninive secondo la parola del Signore. Ninive era una città molto grande, larga tre giornate di cammino. Giona cominciò a percorrere la città per un giorno di cammino e predicava: «Ancora quaranta giorni e Ninive sarà distrutta». I cittadini di Ninive credettero a Dio e bandirono un digiuno, vestirono il sacco, grandi e piccoli. Giunta la notizia fino al re di Ninive, egli si alzò dal trono, si tolse il manto, si coprì di sacco e si mise a sedere sulla cenere. Per ordine del re e dei suoi grandi fu poi proclamato a Ninive questo

7 decreto: «Uomini e animali, armenti e greggi non gustino nulla, non pascolino, non bevano acqua. Uomini e animali si coprano di sacco, e Dio sia invocato con tutte le forze; ognuno si converta dalla sua condotta malvagia e dalla violenza che è nelle sue mani. Chi sa che Dio non cambi, si ravveda, deponga il suo ardente sdegno e noi non abbiamo a perire!». Dio vide le loro opere, che cioè si erano convertiti dalla loro condotta malvagia, e Dio si ravvide riguardo al male che aveva minacciato di fare loro e non lo fece. (Gn 3, 1-10). Questa volta la situazione è un po diversa. Siamo in presenza di un popolo che a quanto pare seguiva una condotta malvagia e viene ammonito da Dio attraverso il profeta Giona. Il popolo e il suo re, credendo alle parole del profeta e indicono un digiuno, con la speranza che Dio stesso si ravveda. Questa volta il digiuno ha un altro fine. La speranza della misericordia di Dio. L'uomo si ravvede peccatore e compie un atto di penitenza a sconto dei propri peccati. Ma davvero il sacrificio ha il potere di far cambiare il disegno di Dio? No! Il Signore stesso, che aveva preparato la distruzione di un'intera città, nella sua infinita misericordia manda un'avvertimento! La possibilità di salvare il popolo era già nel suo disegno. Mette l'uomo nelle condizioni di salvarsi ed invia un

8 messaggero! Perché Dio, fonte di bene, cerca fino alla fine di salvare l'uomo e dà sempre un ultima possibilità. Dio non cambia idea, ma mette in atto la sua Misericordia. A questo punto non si possono non richiamante le parole di Gesù dettate a suor Faustina Kowalska: "Quanto più grande è la miseria degli uomini, tanto maggior diritto hanno alla mia Misericordia, perché desidero salvarli tutti. Scrivi che prima di venire come Giudice, spalancherò tutta la grande porta della mia Misericordia. Chi non vuol passe da questa porta dovrà passare per quella della mia Giustizia. La sorgente della mia Misericordia è stata aperta dal colpo di lancia sulla Croce, per tutte le anime. Non ne ho esclusa nessuna. L'umanità non troverà ne tranquillità ne pace finche non si rivolgerà con piena fiducia alla mia Misericordia. Di all'umanità sofferente che si rifugi nel mio Cuore Misericordioso, ed io la ricolmerò di pace" che dire adesso! Quando Gesù parla possiamo solo far silenzio....

9 Ma c'è un'urgenza a cui non possiamo non rispondere! È passato il tempo dei profeti, il tempo del popolo di Israele, del popolo Ebreo, è vento il Messia, è nato il cristianesimo, sono passati altri venti secoli e ci ritroviamo oggi nelle stesse condizioni del popolo di Ninive. Non possiamo certo dire che non viviamo un'epoca di peccato! Eppure Dio stesso, attraverso Nostro Signore Gesù Cristo, ci parla! Manda un messaggero! E cosa ci dice? " L'umanità non troverà ne tranquillità ne pace finche non si rivolgerà con piena fiducia alla mia Misericordia ". Allora la cosa più saggia da fare quale sarebbe? Rivolgersi alla sua Misericordia, ma in che modo? Forse con il digiuno e la preghiera?... Ma continuiamo la nostra indagine sul digiuno. Troviamo un altro spunto in Neemia: Il ventiquattro dello stesso mese, gli Israeliti si radunarono per un digiuno, vestiti di sacchi e coperti di polvere. I discendenti d Israele si separarono da tutti gli stranieri e in piedi confessarono i loro peccati e le colpe dei loro padri. (Ne 9, 1-2). Questa volta il digiuno sembra preparatorio. Pur essendo sempre nella condizione di peccato, il popolo di Israele, avendo già riconosciuto e creduto in Dio, si prepara alla confessione dei peccati con la

10 penitenza ed il digiuno. È da ricordare che la confessione di allora era pubblica e tutti chiedevano perdono a Dio. Ben diversa dalla nostra, in cui i nostri peccati vengono cancellati direttamente da Gesù attraverso un suo ministro a cui Lui ha dato potere di farlo. Ma l'atteggiamento preparatorio ricorda molto la nostra quaresima. Rimane però ancora un dubbio! Non si può essere pentiti dei propri peccati, ravvederci dal nostro comportamento sbagliato, senza per forza digiunare? Dobbiamo per forza mortificare il nostro corpo?

11 Il digiuno nel Nuovo Testamento. Nel Nuovo Testamento sono pochi gli episodi in cui si cita il digiuno, ma hanno qualcosa di diverso. In un primo episodio non si parla esplicitamente di digiuno, bensì di un uomo che vive in penitenza del corpo in vista di un avvenimento futuro. Si tratta di Giovanni Battista. Matteo lo presenta in questo modo. In quei giorni venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea dicendo: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!». Egli infatti è colui del quale aveva parlato il profeta Isaia quando disse: Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri! E lui, Giovanni, portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi; il suo cibo erano cavallette e miele selvatico. (Mt 3, 1-4) Tutti conosciamo la sua missione che era quella di annunciare il Messia, ma per farlo egli viveva nel deserto, si vestiva di pelli di cammello e mangiava cavallette e miele selvatico. Possiamo dire che il suo stile di vita era un continuo digiuno! Pensate come poteva mai saziarsi con quello di cui non si

12 cibavano neanche gli animali! Eppure aveva scelto l'assoluta povertà di averi e di cibo. Non sappiamo da che età cominciò la sua missione, ma sapendo che era più grande del cugino Gesù di appena sei mesi, possiamo affermare che fino all'età di trenta anni è vissuto in quel modo. E questo perché? Per annunciare la venuta di Gesù. Ma se non avesse condotto quello stile di vita non poteva ugualmente annunciare la venuta del Messia? Cosa c'entra la mortificazione del proprio corpo? Forse da tutta la Giudea e da Gerusalemme non sarebbero accorsi ugualmente da lui? Certo questo gli diede molta più credibilità. Il fatto che non si nutriva come tutti e rimaneva in vita con vigore, gridando e annunciando, era un segno che Dio gli dava vita e forza. Tanto che scambiavano Lui per il Messia! Ma non era lui! Quindi? Facciamo un passo avanti. Sempre nel vangelo di Matteo, al capitolo quarto, ci viene presentato un digiuno che non ha niente a che vedere con quello finora descritto, almeno in apparenza. Allora Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. Il tentatore gli si avvicinò e gli

13 disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di che queste pietre diventino pane». Ma egli rispose: «Sta scritto: Non di solo pane vivrà l uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio». Allora il diavolo lo portò nella città santa, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gettati giù; sta scritto infatti: Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo ed essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra». Gesù gli rispose: «Sta scritto anche: Non metterai alla prova il Signore Dio tuo». Di nuovo il diavolo lo portò sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e la loro gloria e gli disse: «Tutte queste cose io ti darò se, gettandoti ai miei piedi, mi adorerai». Allora Gesù gli rispose: «Vattene, Satana! Sta scritto infatti: Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto». Allora il diavolo lo lasciò, ed ecco, degli angeli gli si avvicinarono e lo servivano. (Mt 4, 1-11) Questo brano si colloca all'inizio della predicazione di Gesù. Prima di iniziare la sua predicazione, Gesù si ritira nel deserto per digiunare quaranta giorni e quaranta notti. Proprio come Mosè. Ma stavolta per un motivo ben diverso. Marco ci dice che fu condotto dallo Spirito per poi essere tentato.

14 Questo è un elemento nuovo che prima non avevamo incontrato. Adesso come per le altre volte possiamo affermare che il digiuno può essere preparatorio, ma mentre per gli uni serviva a riconoscere i propri peccati, per Gesù che era senza peccato a cosa serviva?... Per essere tentato! Siamo in presenza di un elemento nuovo che ha pure un nome. Satana. L'evangelista ci dice pure che a Gesù venne fame e cosa fa Satana? Lo tenta nel corpo. Ma Gesù finalmente ci illumina con la sua risposta. "Non di solo pane vivrà l uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio". Allora c'è un altro cibo che può nutrire l'uomo! Veramente la parola di Dio ci può nutrire? Per capirlo dobbiamo prendere in considerazione un nuovo elemento. Quello che condusse Gesù nel deserto, cioè lo Spirito. Proprio lo spirito, di cui anche l'uomo ė costituito! L'età moderna e consumistica ci ha fatto dimenticare quali sono gli elementi costitutivi dell'essere umano e cioè che siamo fatti di corpo e di spirito. Abbiamo un corpo mortale e un'anima immortale. Solo che non ce ne rendiamo più conto e viviamo solo per il nostro corpo. Solo per il soddisfacimento dei nostri bisogni terreni. La scienza economica, dalla fine dell'ottocento ha spazzato di mezzo la consapevolezza che l'uomo

15 non è solo materia. Già la definizione stessa di bene economico ha annullato anche il valore del bene, il quale viene presentato secondo la formula: "il bene ė ciò che soddisfa il bisogno dell'uomo ed ha un valore economico". Quindi l'uomo arriva al bene con il soddisfacimento dei propri bisogni, che hanno un prezzo. Questa è la radice della nostra modernità. Questo è il punto di partenza di un sistema sociale che è giunto a noi ed ha prodotto i non frutti di cui possiamo essere testimoni. Questo ci ha fatto dimenticare che noi siamo fatti anche di spirito e a questo dobbiamo dare nutrimento. L'uomo non ha bisogno solo di mangiare e vestirsi. Ha bisogno anche di un nutrimento spirituale che dia vigore alla nostra anima. L'uomo ha bisogno di ritrovare se stesso. Poi disse ai suoi discepoli: "Per questo io vi dico: non preoccupatevi per la vita, di quello che mangerete; né per il corpo, di quello che indosserete. La vita infatti vale più del cibo e il corpo più del vestito" (Lc 12, 22-23). Gesù ci indica chiaramente di non preoccuparci tanto delle cose materiali, ma di quelle spirituali, quelle che poi in definitiva rimarranno per sempre. Ma c'è un impedimento in tutto questo. La

16 tentazione! Gesù stesso fu tentato nel corpo con il cibo, successivamente fu tentato pure con la stessa Parola di Dio. Il tentatore è furbo! Conosce benissimo le scritture e conosce benissimo anche l'uomo. Infatti egli è spirito. Egli è l'angelo decaduto, ed in quanto angelo ė spirito e lo spirito, anche se maligno ha in se la conoscenza, ma la usa per il male. Infine dopo aver tentato Gesù con il corpo e con la mente, sferra l'attacco finale. Si rivela esplicitamente per il suo intento e chiede addirittura al Figlio di Dio di adorarlo, perché egli stesso vuole sostituirsi al vero Creatore. Questa dinamica espressa nel vangelo di Matteo, in realtà è la dinamica di tutta l'esistenza dell'umanità. Infatti la prima tentazione dell'uomo è nel corpo, cominciando dal cibo. La Genesi stessa ce lo rivela, mostrandoci quale è stata la prima tentazione per Eva. Il frutto proibito. Eppure i due si trovavano nel paradiso terrestre e avevano a disposizione tutti i frutti della terra. Potevano ingozzarsi di qualsiasi frutto, ma ecco che arriva l'astuzia del serpente che con le parole è più bravo dell'uomo e lo convince che con quel frutto avrebbero conosciuto il bene ed il male. Addirittura arriva a convincere i due che mangiando di quel frutto sarebbero stati come Dio. È la stessa dinamica che fin dall'origine della creazione ci costituisce. Proviamo ad analizzare il comportamento dell'uomo moderno. Almeno della nostra società occidentale.

17 Innanzitutto il cibo. Su quello possiamo benissimo dire che ormai satana ha vinto la sua battaglia. Il cibo ormai abbonda nelle nostre tavole fino a buttarlo. Ne siamo a volte anche sdegnati di come ci ingozziamo soprattutto, guarda caso, nelle feste di precetto! Natale, Pasqua, Ascensione, Assunzione. Satana ha rovesciato il nostro appetito spirituale con quello materiale in una maniera così strategica che tutto ci appare normale. Anzi, guai a noi se non sediamo a tavola. Ci sembra pure peccato non strafogare tutti in famiglia. Pensiamo un attimo se proponessimo di festeggiare la Pasqua solo con un pezzo di pane azzimo e nutrirci della gioia della risurrezione di Nostro Signore. Che scandalo! Che ipocrisia!..... Eppure in quella maniera, povera e in un atteggiamento autentico di preghiera potremmo godere della presenza viva di Gesù tra noi... Ma a noi è bastata la messa di mezzanotte!... Secondo punto. La tentazione nella parola di Dio. Forse è già insita nell'analisi già fatta, per cui basta osservare il nostro comportamento a messa per capire che neanche più ci interessa la Parola di Dio..... Come spesso diciamo, andiamo a "guardare" la messa, come se fosse uno spettacolo. Ed in effetti che succede ogni domenica a messa? Guardiamo. Guardiamo i nostri vicini, come è vestito l'uno o l'altro, guardiamo la ragazza o il

18 ragazzo che ci interessa. Guardiamo l'orologio. Ma quando finisce......? Adesso il tentatore ha trovato uno strumento ancora più allettante per le nostre distrazioni! Il telefonino! Guardiamo il telefonino come se ci aspettassimo la chiamata decisiva per la nostra vita e anche durante la messa scriviamo sms. Poi, guarda caso, ad un certo punto comincia a squillare. E quando? Proprio al momento della Consacrazione! Quando Gesù è presente sull'altare come vero cibo spirituale per noi ecco che arrivano tutte le distrazioni. E con questo atteggiamento ci cibiamo anche di Lui. Povero Gesù, ancora sulla Croce ti teniamo inchiodato e non sentiamo neanche il peso delle nostre azioni. Terzo punto. Il tentatore ci chiede di adorarlo. Questo sembra proprio impossibile! No! Noi cristiani non potremmo mai adorare il diavolo!.... Siamo proprio sicuri?... Ricordiamoci che satana è furbo! In questi ultimi anni in cui l'uomo sembra emancipato, dove non c'è più analfabetismo, dove tutti sappiamo di tutto, dove non crediamo più a niente che non sia dimostrabile scientificamente, si è diffusa l'idea che Dio non esiste, o se esiste non c'entra niente con la vita. E se Dio non esiste, figuriamoci del diavolo. Sciocchezze da bambini. Trucchetti delle nonne per spaventare i bambini.

19 Che idiozia! L'uomo è padrone di se stesso. Il vero dio è l'uomo stesso!.... Poi quando ci accade una disgrazia cerchiamo qualsiasi rimedio. Qualche esempio! Abbiamo una vita sentimentale che non va per il verso giusto e vorremmo capire se quella è la persona giusta per noi. Che facciamo? Innanzitutto vediamo se ė affine con il nostro segno zodiacale. L'oroscopo dice che quest'anno l'amore andrà bene. Ci buttiamo! Un'amica che sa leggere le carte ce lo ha pure rivelato! Comunque per scaramanzia un bel corno rosso lo portiamo sempre dietro, e casomai tocchiamo ferro. Se poi abbiamo una malattia che non trova rimedi, alla fine tentiamole tutte. Hanno detto che c'è un uomo che fa guarigioni. Addirittura si è sentito dire di santoni indiani che hanno guarito persone! E da dove pensate che hanno avuto origine queste pratiche?... Eppure siamo nel terzo millennio e non crediamo a niente. Ma come si spiegano l'aumento di tutte queste pratiche? E come mai aumentano pure i sacrilegi dei tabernacoli? Guardiamoci bene perché il tentatore è sempre all'opera.

20 Ma ritorniamo al digiuno. Ora che abbiamo analizzato la dinamica del male che ne facciamo di questo Benedetto digiuno? Se abbiamo a che fare con qualcosa di spirituale, se siamo a pancia piena o vuota che cambia? Proprio Gesù ci svela finalmente il motivo. In un solo passo del vangelo chiarisce a cosa serve. Dopo averli ammaestrati, sappiamo che Gesù mandò i suoi apostoli ad annunciare il vangelo e diede loro anche il potere di scacciare i demoni. Ma in un caso fallirono. "Allora i discepoli si avvicinarono a Gesù, in disparte, e gli chiesero: «Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?». Ed egli rispose loro: «Per la vostra poca fede. In verità io vi dico: se avrete fede pari a un granello di senape, direte a questo monte: Spòstati da qui a là, ed esso si sposterà, e nulla vi sarà impossibile. Ma questa razza di demòni non si schiaccia se non con la preghiera ed il digiuno". (Mt 17, 19-21) Con la preghiera ed il digiuno? Allora c'è un digiuno che è necessario! Quindi potremmo ricevere anche i poteri stessi di Gesù, ma senza la

21 preghiera ed il digiuno non potremmo nemmeno allontanare satana! Allora è proprio per questo che Gesù digiunò nel deserto. Doveva essere tentato, ma Egli si preparò con il digiuno e la preghiera. Quindi solo la preghiera non basta. E neanche il solo digiuno. L'arma che può vincere la tentazione è la preghiera ed il digiuno! Infatti tutto torna. La tentazione inizia con il cibo, con il piacere del corpo, per poi insinuassi nella mente, nelle parole, nel modo di pensare. Poi diventa tutto normalità, fino a dimenticarci di chi siamo figli, di chi siamo creati. Chi vuole nutrire il proprio spirito non deve fare altro che iniziare a pregare e digiunare. Perché nella preghiera sincera, si invoca Dio stesso, si entra in comunione con Lui, si dialoga con Lui. Si partecipa della Sua presenza che vivifica, che porta pace, la vera Pace. Poi, siccome siamo creature e siamo pellegrini di questo mondo, essendo soggetti alla carne, ed essendo figli di Eva, siamo soggetti alla tentazione. E quanto più ci avviciniamo a Dio tanto più il tentatore ci prova. Gli da fastidio! E qual'è l'arma per combattere uno che è più forte di noi? Il digiuno e la preghiera. Con il digiuno iniziamo ad avere dominio del nostro corpo, delle nostre passioni. Se riusciamo a fare a meno del cibo allora l'attacco del maligno non trova spazio in noi,

22 perché chi è in grazia di Dio, in comunione con Lui, con lo spirito e con il corpo, cioè con la preghiera e con il dominio di sé, ha chiuso le porte a Satana. Egli ci seduce con le nostre stesse passioni, ma se queste le offriamo a Dio e rinunciamo ai nostri desideri, abbiamo fatto due cose. Abbiamo chiuso le porte al male e abbiamo aperto le porte a Gesù. Ricordiamoci che chi rinnega se stesso per seguire Lui avrà la vita eterna. E rinnegare noi stessi significa mettere a disposizione di Gesù tutta la nostra vita, con lo spirito e con il corpo. Solo così si può spiegare la verginità sacerdotale, solo così si può spiegare la clausura. Ce lo ha insegnato Cristo stesso sulla Croce! Ha rimesso la propria vita, anima e corpo, a Dio Padre. E chi è disposto a dare la propria vita, in realtà non la perderà, ma la ritroverà purificata e santificata, simile al momento del nostro battesimo. Allora il digiuno è una strada! È un cammino verso Gesù. Infatti come potremmo dire di offrire tutta la nostra vita a Lui se poi non siamo capaci di rinunciare a noi stessi? Cosa intendiamo allora quando diciamo di offrire la nostra vita a Lui? Solo un momento della nostra giornata? Tutto il nostro tempo dovrebbe essere teso alla ricerca Sua. Tutto il nostro tempo dovrebbe essere speso per cercare la Sua compagnia. Ma anche il

23 tempo che noi chiamiamo nostro in realtà non è nostro. Il tempo è suo! Il tempo ci è dato. E quante volte noi diciamo di non avere tempo. Ci siamo dimenticati che il tempo ce lo dona Lui. Come sarebbe bello sperimentare il tempo in Lui. Il tempo stesso si annullerebbe, si fermerebbe. Quindi il digiuno è un allenamento a rinunciare a noi stessi. A fare a meno delle nostre passioni. Solo in questa maniera possiamo iniziare a nutrire il nostro spirito. Cominciando a tralasciare ciò che non é necessario alla nostra anima e cercare ciò che edifica il nostro spirito. E su questo potremmo fare un elenco infinito di cose non necessarie. Ormai viviamo immersi in cose futili e nemmeno ce ne accorgiamo, perché abbiamo gli occhi e la mente offuscata. E chi ci offusca la mente? Pensiamoci bene, perché stiamo vivendo un periodo storico difficile! Cerchiamo di aprire gli occhi e vedere meglio quello che sta succedendo. Ormai tutto è rivolto solo al piacere del corpo. Ormai tutto si fa solo per i soldi. Non ci sono più azioni gratuite, tanto che se ne esiste qualcuna non ci crediamo più, pensiamo che sotto ci deve essere per forza qualcuno che ci guadagna! Di cosa ci cibiamo ogni giorno? Proviamo a vedere. Il primo cibo quotidiano sono le immagini, le pubblicità, è la tv e cosa troviamo in essa? Desiderio di sesso, diffusione dell'odio, sete di potere, sete di vendetta. Non esiste ormai nessuna trasmissione

24 che non ci mostri il desiderio del sesso, ce lo fa intravvedere come il frutto proibito alla portata di tutti e siccome noi siamo da questa parte dello schermo e non possiamo averlo cosa si instaura nelle nostre menti? Una sola parola può definirlo: la perversione! Come spiegare infatti tutta la violenza fuori dalle discoteche, i casi di violenza nelle scuole e cosa più grave i casi di violenze all'interno della chiesa? Quante trasmissioni ci presentano l'odio come il fine di ogni cosa. Non c'è confronto che non finisca in divisione, non c'è gara che non finisca in astio, non c'è politico che non accusi nessuno, marito che non accusi la moglie, alunno che non accusi l'insegnate. Come spiegare gli atti di omicidio di famiglie intere eseguite da un coniuge stesso o una madre che abbraccia la figlia di due anni e si butta dal terzo piano? Come giustificare gli assassini di giovani in modo misterioso, senza movente, senza senso! Come giustificare l'odio diffuso nella società dove nessuno si fida più di nessuno? C'è sempre astio nei rapporti sociali, sempre sospetto che l'altro ti inganni. E questo atteggiamento ha contaminato pure chi viveva in maniera semplice. Un tempo gli anziani davano esempio di saggezza ai giovani, di pacatezza, pazienza. Oggi sono più accaniti di tutti! Oggi stiamo vivendo un periodo che è ancora più feroce del periodo della persecuzione dei cristiani e peggiore della persecuzione degli ebrei. Noi ci

25 sentiamo emancipati e studiando la storia, ricordiamo le migliaia di morti del nazismo. Qualche politico, per un suo tornaconto, ci ha pure ricordato che peggio fecero i comunisti con più di due milioni di morti. Ma sappiamo quanti omicidi ci sono in un anno in tutto il mondo? Andiamo a verificare le statistiche! Quasi 44 milioni di aborti accertati. E non sappiano quelli clandestini. Come si spiega altrimenti questa sete di sangue? Non dobbiamo avere il timore di chiamare le cose con il proprio nome. In questo secolo l'umanità ha chiuso le porte a Gesù e le ha aperte a satana. E ha trovato terreno fertile!

26 Un aiuto dal cielo Ma Dio in tutto questo si è dimenticato dell'umanità? Questo è spesso il pensiero del mondo, ma la realtà non è così. È chiaro che é stata l'umanità ad abbandonare Dio, il quale però non se ne sta con le mani in mano. Dio stesso, in vista del potere che sta acquistando satana, ci ha inviato un aiuto. E stavolta non ci ha inviato un messaggero qualunque! Dio aveva due scelte. O annientare l'uomo che adora l'anticristo o darci un'altra possibilità. Come possiamo vedere, la storia si ripete. Malgrado i secoli, le mode, la scienza e la falsa conoscenza, ci ritroviamo allo stesso punto di partenza. Dio, nella sua infinita Misericordia non ci lascia soli e chi manda per sconfiggere il male? L'unica persona che ha il potere di schiacciargli la testa! Fin dal principio Dio fece una promessa per l'umanità e una disfatta per il serpente. Io porrò inimicizia fra te e la donna, fra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno. (Gen 3, 15). E Dio mantiene sempre le promesse! Ci ha inviato direttamente Sua Madre. Ha inviato l'unica nostra speranza, l'unica nostra ancora di salvezza, l'unica nostra Avvocata. Lei, l'unica che può far cambiare i tempi di Dio.

27 Ricordiamoci dell'episodio di Cana. Lì Maria ha un ruolo centrale nel racconto. Spesso ci soffermiamo al miracolo del vino, alla presenza di Gesù in un banchetto di nozze, ma il fulcro centrale è Maria. Lei anticipò il tempo di Dio, tanto che suo Figlio gli rispose pure male! "che vuoi da me, o donna? Non è ancora venuta la mia ora" (Gv 2, 4). La chiamò donna e non madre. A significare che ella è della nostra stirpe, una donna, ma l'unica che ha il potere di anticipare i tempi di Dio. L'unica che intercede per noi e in quel caso per gli sposi. E dopo aver ricevuto una tale risposta da suo figlio Gesù, lei fa un gesto unico, che non si ripeterà più nella descrizione dei vangeli. In un certo senso disubbidì a suo figlio e chiamò i servi. Ricordiamoci che i servi siamo noi. E in quell'occasione cosa disse, quindi ci dice? Fate quello che Mio Figlio vi dirà. Subito toglie ogni dubbio! Lei è l'unica avvocata nostra, nella misura in cui obbediamo a Suo Figlio. E questa nostra avvocata Dio c'è l'ha mandata! Ha mantenuto la promessa e ci ha inviato direttamente Lei, l'unica che può intercedere presso suo Figlio. E quando Dio ci ha inviato Maria? Certamente quando mise al mondo Gesù, durante tutta la sua vita e durante la nascita della prima chiesa. Lei era presente nel cenacolo quando gli apostoli ricevettero lo Spirito Santo e continuò ad accompagnare la chiesa nascente fino al giorno

28 della sua Assunzione al cielo. Ma la sua presenza nella chiesa non è terminata. Esaminando la storia della chiesa si nota come nei diversi secoli essa ha attraversato e superato gravi crisi, come lo scisma della chiesa d'oriente, la divisione protestante, guerre, persecuzioni e si è sempre affidata a Maria. Grazie a Lei ha ottenuto vittorie, invocando Maria ha attraversato dure battaglie, ma c'è un periodo della storia in cui Maria, oltre a dare il suo aiuto materno dal cielo, è venuta direttamente sulla terra ad aiutarci. C'è un periodo preciso in cui Maria ha iniziato un pellegrinaggio continuo verso di noi. A partire dal 1830 all'apparizione di Rue de Bac a Parigi, parlando a suor Caterina Labouré, Maria ci fa un regalo che ancora oggi portiamo con noi. La medaglia miracolosa. E ci ha esortato a chiedere grazie, perché il mondo cominciava a dimenticarsi di Lei. Nel 1846 apparve a La Salette a due pastorelli e rivelò profezie sul mondo e sulla chiesa che sono state tenute nascoste per molto tempo, ed oggi ne stiamo pagando le conseguenze.

29 Nel 1858 l'apparizione di Lourdes, a Bernadette, dove scosse il mondo intero con la sua più bella rivelazione: Io sono l'immacolata Concezione. Nel 1917 nella grande apparizione di Fatima ai tre pastorelli, Maria ci rivela cose incredibili. Innanzitutto ci ricorda ancora una volta la grande potenza del Rosario. Ci insegna come pregare le invocazioni a Dio e consegna tre segreti che puntualmente si verificarono. Forse molti non sanno che la Madonna chiedeva sacrifici ai tre pastorelli per la salvezza delle anime. Chiese a loro tre delle mortificazioni per salvare le anime dei peccatori e in che maniera? Con il digiuno e la preghiera. Ecco un nuovo tassello. Facciamo un riepilogo. Con il digiuno e la preghiera, quindi, possiamo entrare in comunione con Dio, possiamo predisporci alla confessione dei nostri peccati, possiamo predisporci al nutrimento della nostra anima, possiamo allontanare il maligno e... Salvare le anime! Non solo la nostra, ma anche quelle dei peccatori. A questo punto è opportuno, inoltre, ricordare che successivamente allo scoppio della seconda guerra mondiale i nazisti, arrivati al confine con il

30 Portogallo, senza alcuna spiegazione, fecero dietro front. I libri di storia non raccontano questo, ma il Portogallo, sul proprio suolo, non vide sparare nessun proiettile. Nel 1933, pochi sanno che la Madonna apparve anche in Belgio, a Banneux, con il titolo di Vergine dei poveri. Apparve ad una bambina, Mariette, dando un messaggio preciso: Io vengo ad alleviare la sofferenza. Credete in me, io crederò in voi. Io sono la Madre del Salvatore Madre di Dio. Pregate molto. Addio. Anche in questo caso, durante la seconda guerra mondiale, quel piccolo paese del Belgio non fu sfiorato. Altra apparizione poco conosciuta è quella di Ghiaie di Bonate nel 1944, in piena seconda guerra mondiale, in un paesino del Bergamasco, ad una bambina di sette anni, Adelaide, alla quale svela il valore della sofferenza e da un messaggio che si può riassumere nelle ultime parole che la Madonna stessa disse alla bambina. Cara figliola, mi spiace doverti lasciare, ma la mia ora è passata, non sgomentarti se per un po' non mi vedrai. Pensa a quello che ti ho detto, nell'ora della tua morte verrò ancora. In questa valle di veri dolori sarai una piccola martire. Non scoraggiarti, desidero presto il mio trionfo. Prega per il papa e digli che faccia presto, perché voglio essere

31 premurosa per tutti in questo luogo. Qualunque cosa mi si chiederà la intercederò presso mio Figlio. Sarò la tua ricompensa se il tuo martirio sarà allegro. Queste mie parole ti saranno di conforto nella prova. Sopporta tutto con pazienza. Quelli che volontariamente ti faranno soffrire non verranno in paradiso se prima non avranno riparato e si saranno pentiti profondamente. Sta' allegra che ci rivedremo ancora piccola martire. Nel 1947 a Tre Fontane, vicino Roma, la Vergine apparve addirittura ad una famiglia intera, padre e tre figli. Lì la Madonna apparve sotto il titolo di "Vergine della Rivelazione", ed al capo famiglia, Bruno, che si era allontanato dalla chiesa cattolica per seguire quella protestante, disse queste parole: Sono colei che sono nella Trinità divina... Sono la Vergine della Rivelazione... Tu mi perseguiti, ora basta! Entra nell'ovile santo, corte celeste in terra. Il giuramento di Dio è e rimane immutabile: i nove venerdì del Sacro Cuore che tu facesti, amorevolmente spinto dalla tua fedele sposa, prima di iniziare la via dell'errore, ti hanno salvato. Ed in quanto rivelatrice, la Vergine, svelò ciò cui la Chiesa oggi professa. A un certo punto la Madonna muove un braccio, il sinistro, e punta l'indice verso il basso..., indicando

32 qualcosa ai suoi piedi... Bruno segue con l'occhio il gesto e vede per terra un drappo nero, una veste talare da prete e accanto una croce spezzata. «Ecco», spiega la Vergine, «questo è il segno che la Chiesa soffrirà, sarà perseguitata, spezzata; questo e il segno che i miei figli si spoglieranno... Tu, sii forte nella fede!...». La celeste visione non nasconde al veggente che lo attendono giorni di persecuzione e di prove dolorose, ma che lei lo avrebbe difeso con la sua materna protezione. Poi Bruno viene invitato a pregare molto e a far pregare, recitare il rosario quotidiano. E specifica in particolare tre intenzioni: la conversione dei peccatori, degli increduli e per l'unità dei cristiani. E gli rivela il valore delle Ave Maria ripetute nel rosario: «Le Ave Maria che voi dite con fede e con amore sono tante frecce d'oro che raggiungono il Cuore di Gesù». Gli fa una bellissima promessa: «Io convertirò i più ostinati con prodigi che opererò con questa terra di peccato». E per quanto riguarda uno dei suoi celesti privilegi che il veggente combatteva e che ancora non era stato definito solennemente dal Magistero della Chiesa (lo sarà tre anni dopo), la Vergine, con semplicità e chiarezza, gli toglie ogni dubbio: "Il mio corpo non poteva marcire e non marcì. Mio Figlio e gli angeli mi vennero a prendere al momento del mio trapasso"

33 Questa, appena raccontata, ė forse una delle più inedite ma fondamentali apparizioni Mariane degli ultimi secoli, in quanto Maria svela concetti fondamentali della nostra fede, come la sua Assunzione, la sua partecipazione al mistero della Trinità, l'importanza insostituibile del sacrificio e della preghiera ed in fine una profezia che la nostra Chiesa vedrà croci spezzate attraverso i sacerdoti. Ma forse non è proprio quello che accade oggi?... Ma non è tutto, perché Ella ci da una speranza. Una profezia. Che compirà prodigi con questa terra di peccato e convertirà i più ostinati. E per richiamarci alla retta via nel 1953 a Siracusa la Madonna, addirittura, versò lacrime! Ma la profezia arrivò 28 anni dopo. Nel frattempo, però, durante gli anni del dopoguerra l'umanità, ed in particolare l'europa, gustò un periodo di pace e benessere, che portò la società a dimenticarsi di Dio ed addirittura anche di Maria, che insistentemente non cessava di venirci a trovare. Forse in tutta la storia del cristianesimo non c'è stato un periodo così intenso di interventi divini. In poco più di cento anni, la Madre di Dio è venuta a supplicarci per cinque volte, quindi, a voler essere razionali, con una frequenza di venti anni. Significa che non c'è stata generazione che non abbia vissuto della Sua Presenza.

34 Ed il mondo cosa fa? O meglio, noi cosa facciamo?.... La ignoriamo! Forse Dio aveva deciso come a Ninive una punizione esemplare, ma ancora una volta, nella sua infinita Misericordia, oggi ci da un'altra possibilità. Forse l'ultima. E questa possibilità come è arrivata?..... Con la preghiera e il digiuno! Vediamo come. Il racconto di seguito riportato è stato, documentato e scritto nel libro "Guarigione e liberazione con il digiuno" edizioni Shalom, scritto da una suora francese, Suor Emmanuel Maillard. Vediamo cosa scrive. - Il digiuno è una preparazione alle grandi opere di Dio e al compimento della sua volontà per noi e per il mondo. Ho avuto la grande grazia di incontrare un santo prete francescano che abitava presso Siroki Brieg, in ex Iugoslavia. Ai suoi funerali sono venuti migliaia di persone, perché non aveva soltanto il dono della guarigione ma anche quello di leggere nelle anime. Così ha guarito molti bambini e da tutta la Bosnia- Erzegovina e la Croazia, venivano a visitarlo, per essere benedetti da lui. Egli non sprecava tempo a cercare di trovare il problema, era un po brusco. Se qualcuno aveva un problema lo benediceva ed

35 era tutto lì. Dormiva sul pavimento e digiunava tantissimo. Con la sua ascesi d'amore otteneva tante cose dal Signore. Per questo era diventato molto famoso, malgrado i suoi modi un po rudi. Una mia amica croata, mi ha raccontato il seguente episodio, che a lei era stato raccontato da sua nonna, amica d'infanzia di questo frate. Un giorno il Signore ha parlato a questo umile francescano egli ha detto: "Zdenko, accetteresti di digiunare a pane e acqua per sette anni?" Egli ha detto sì, e questo di fatto, non cambiava di molto le sue abitudini, perché già restava spesso a pane e acqua. Così ha digiunato per sette anni. L'ultimo giorno del settimo anno, il Signore gli ha parlato di nuovo: "Zdenko, accetteresti di aggiungere un ottavo anno al tuo digiuno?" Egli accettò di nuovo. Ed ecco che l'ultimo giorno dell'ottavo anno, era il 24 giugno 1981, data della prima apparizione di Medjugorje! - Ciò che possiamo ottenere con la preghiera ed il digiuno è inimmaginabile, ma ancora non ci crediamo! Scrive ancora suor Emmanuel: Non c'è bisogno di dare ulteriori spiegazioni. Chi può sapere come sono preparate le grandi opere di Dio nel segreto? Lo sapremo in Cielo. Ma cosa accede a Medjugorje?

36 La Vergine Santissima apparve a sei ragazzi sotto il titolo di Regina della Pace e fin dalle prime apparizioni svelò il suo intento, sintetizzando tutto quello che abbiamo analizzato fin ora. Cerchiamo di capirlo attraverso le parole stesse della Vergine. Io sono la Beata Vergine Maria. Pace. Pace. Pace. Riconciliatevi. Riconciliatevi tra Dio e tra voi. E per fare questo è necessario credere, pregare, digiunare e confessarsi. ( ) Non c'è che un solo Dio e una sola fede. Credete fermamente e non abbiate paura. ( ) Il 13 giugno '81 disse piangendo: Avete dimenticato la Bibbia. In quei giorni, inoltre, la Vergine svelò ai veggenti ben 10 segreti, di cui solo il terzo è stato svelato e cioè che la Madonna lascerà un segno nel luogo delle prime apparizioni. Poi successivamente aggiunse: Anche quando sulla collina lascerò il segno che vi ho promesso, molti non crederanno. Verranno sulla collina, si inginocchieranno, ma non crederanno. È ora il tempo di convertirsi e di fare penitenza. ( ) Fate penitenza. Rafforzate la vostra fede con la preghiera e i sacramenti. (8.8.81) Pregate il Rosario ogni giorno. Pregate insieme. Dopo circa due ore la Madonna riappare e disse: Grazie per aver risposto alla mia chiamata. ( ) Mi chiedete della mia assunzione. Sappiate che sono salita al

37 Cielo prima della morte. ( ) All'inizio della corona del Rosario pregate sempre il Credo. (3.9.81) Sono venuta a Medjugorje perché qui ci sono molti buoni credenti. Desidero restare con voi per convertire il maggior numero possibile di persone e ridare la pace a quelli che l'anno perduta. ( ) Poi alle tante domande rivolte dai veggenti Maria rispose: Perché fate tante domande? Ogni risposta è nel Vangelo. ( ) Il Papa è vostro padre, è il padre spirituale di tutti. Bisogna pregare molto per lui. ( ) Così Maria iniziò un continuo pellegrinaggio che dura fino ad oggi, insegnandoci a pregare e digiunare in una maniera che mai prima si era compreso. Addirittura scende nei particolari della nostra vita dicendoci: Oltre al cibo, sarebbe bene rinunciare alla televisione, perché dopo aver guardato i programmi televisivi siete distratti e non riuscite a pregare. Potreste rinunciare anche all'alcol, alle sigarette e ad altri piaceri. Sapete da voi stessi ciò che dovreste fare. ( ) E poi per quattro volte consecutive ripeté: pregate e digiunate, non voglio dirvi altro ( ) Pregate e digiunate, vi chiedo soltanto preghiera e digiuno. ( ) Dovete soltanto pregare e digiunare. ( ) Pregate e digiunate. ( )

38 Il digiuno a pane e acqua Sempre nei messaggi delle Madonna leggiamo: Pregate, pregate, pregate. Credete fermamente e confessatevi con regolarità e comunicatevi. È questa l'unica salvezza. ( ) Seguite attentamente la Santa Messa. Siate disciplinati e non chiacchierate durante la Messa. ( ) È necessario formare dei gruppi di preghiera e non soltanto in questa parrocchia. I gruppi di preghiera sono necessari in tutte le parrocchie. ( ) Come nelle altre apparizioni la Vergine svela pure alcuni particolari per farci capire in che pericolo si trova l'umanità e lo fa senza usare mezzi termini. Nel seguente messaggio è contenuta la chiave di lettura del nostro tempo presente! Dovete sapere che Satana esiste. Egli un giorno si è presentato davanti al trono di Dio e ha chiesto il permesso di tentare la Chiesa per un certo periodo con l'intenzione di distruggerla. Dio ha permesso a satana di mettere la Chiesa alla prova per un secolo, ma ha aggiunto: Non la distruggerai! Questo secolo in cui vivete è sotto il potere di satana, ma quando saranno realizzati i segreti che

39 vi sono stati affidati, il suo potere verrà infranto. Già ora egli comincia a perdere il suo potere e perciò è diventato ancora più aggressivo: distrugge i matrimoni, solleva discordie anche tra le anime consacrate, causa ossessioni, provoca omicidi. Proteggetevi dunque con il digiuno e la preghiera, soprattutto con la preghiera comunitaria. Portate addosso oggetti benedetti e poneteli anche nelle vostre case. E riprendete l'uso dell'acqua benedetta. ( ) Queste mie apparizioni qui a Medjugorje sono le ultime per l'umanità. Affrettatevi a convertirvi. ( ) Sono venuta a chiamare il mondo alla conversione per l'ultima volta. In seguito non apparirò più sulla terra. Queste sono le mie ultime apparizioni. (2.5.82) Cari figli, vi invito a pregare e digiunare per la pace nel mondo. Voi avete dimenticato che con la preghiera e il digiuno si possono allontanare anche le guerre e persino sospendere le leggi naturali. Il digiuno migliore è quello a pane e acqua. Tutti, eccetto gli ammalati, devono digiunare. L'elemosina e le opere di carità non possono sostituire il digiuno. ( ) Quindi il digiuno è insostituibile! Infatti da qualsiasi opera l'uomo può trarne gloria, vantaggio, pregio. Mentre dal digiuno non c'è possibilità di

40 vanto, perché si impara a mortificare i propri sensi, ad abbandonarsi alle esigenze dello spirito. Si comincia ad annullarsi per permettere che Dio cresca dentro di noi. Con il digiuno si inizia a capire di più il bisogno dell'altro, del prossimo, perché chi non ė nel bisogno non capisce chi ha bisogno. Chi è ricco non capisce il povero. Perché non vive le condizioni di povertà. Bisogna farsi poveri per capire i poveri. Bisogna farsi umili per capire gli umili. Bisogna abbassassi per scoprire un mondo pieno di dolore. Chi infatti può capire un malato che soffre se non chi ha fatto esperienza della stessa sofferenza? Bisogna quindi diventare poveri per servire i poveri. Ma i poveri di oggi non sono più quelli di una volta. Oggi i poveri sono coloro che hanno perso Dio. A loro dobbiamo rivolge il nostro sguardo, ma non con le parole, bensì con la vita. Con la preghiera e il digiuno ci predisponiamo a comprendere la sofferenza, e piano piano ad uniformarci alla sofferenza di Cristo. Con la preghiera e il digiuno dobbiamo predisporci ad accogliere Gesù nel cuore e nel pane. Abbiamo dimenticato che per accogliere Gesù Eucarestia, dobbiamo avere fame di Lui. Non a caso la Chiesa ci indica di non magiare almeno un'ora prima della messa. Molti Santi, digiunavano giornate intere prima di accostassi all'eucarestia e

41 successivamente rimanevano un altro giorno a digiuno per vivere solo del Pane disceso dal Cielo. Oggi viene direttamente la Madre di Cristo a richiamarci alla preghiera e il digiuno. Non vorremmo mica non credergli!

42 Bibliografia: La Sacra Bibbia, Edizioni CEI 2008 La Bibbia di Ebron, Edizioni San Paolo, 2005 Diario di Santa Sr. Faustina Kowalska Guarigione e liberazione con il digiuno" di Suor Emmanuel Maillard, Edizioni Shalom. I messaggi di Medjugorje : medjugorje.altervista.org Le apparizioni mariane : medjugorje.altervista.org Medjugorje: Il Trionfo del Cuore" di Suor Emmanuel Maillard, Edizioni Shalom. "Fatima, luogo di speranza e di pace" di Severo Rossi. Edizioni Escudo de Oro S.A. Portugal.

43 Commenti: Caro Diego, Grazie per la tua esperienza che hai voluto condividere e per la bella realtà che Maria Regina della pace ti ha fatto vivere a Medjugorje. Ti ringrazio per la tua esperienza, perché tante volte i laici e le persone semplici prendono molto sul serio le parole che vengono dal cielo, più di noi preti e religiosi. Le vivono e sperimentano la verità che rende liberi. Il testo che hai scritto mi sembra molto bello, ben articolato e argomentato nelle sue parti. Credo che farà bene a tante persone. Ti auguro una santa Pasqua. Un abbraccio e ancora grazie Don Pierluigi Cameroni (Animatore spirituale mondiale dell Associazione di Maria Ausiliatrice (ADMA) Roma 29 marzo 2012

44 Diego Pitò via P. M. Rocca Alcamo (TP) cell

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre.

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre. Non siamo i «cercatori» di sofferenza..., e nemmeno gli «entusiasti» per la sofferenza. Siamo persone che si sforzano di «vivere» la loro sofferenza «come Gesù»..., non solo nella contemplazione di Lui

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

Omelia del lettura cardinale Angelo Sodano al Santuario della Madonna del Rosario.

Omelia del lettura cardinale Angelo Sodano al Santuario della Madonna del Rosario. IL Rosario Cose da fare: Pregare il Rosario, 5 decadi del Rosario stasera con la vostra famiglia. Continuare questa pratica attraverso ottobre, il mese che è specialmente dedicato al Rosario. Leggere le

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

PREGHIERE www.ruksak.sk IL SEGNO DELLA CROCE. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. BREVIARIO INTRODUZIONE

PREGHIERE www.ruksak.sk IL SEGNO DELLA CROCE. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. BREVIARIO INTRODUZIONE PREGHIERE www.ruksak.sk IL SEGNO DELLA CROCE Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. BREVIARIO INTRODUZIONE O Dio, vieni a salvarmi. Signore, vieni presto in mio aiuto. BREVIARIO BENEDIZIONE

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO!

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Domenica 31 Marzo 2013 QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Gesù è risorto e noi vogliamo risorgere con lui. GEREMIA 29:11 Dio dice io so i pensieri che medito per voi, pensieri di pace e non di male

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

COME OTTENERE LE GRAZIE DALLA MADONNA DI MEDJUGORJE a cura di Antonio Norrito per la Nuova Devozione Popolare

COME OTTENERE LE GRAZIE DALLA MADONNA DI MEDJUGORJE a cura di Antonio Norrito per la Nuova Devozione Popolare COME OTTENERE LE GRAZIE DALLA MADONNA DI MEDJUGORJE a cura di Antonio Norrito per la Nuova Devozione Popolare Attraverso questa rassegna di messaggi in ordine cronologico si potrà scoprire il cammino di

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Li inviò a due a due

Li inviò a due a due FEBBRAIO 2015 Adorazione eucaristica dell Istituto Santa Famiglia Li inviò a due a due Proseguiamo la riflessione e preghiera sulla Chiesa in uscita missionaria a partire questa volta dalle indicazioni

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

I misteri del Rosario

I misteri del Rosario I misteri del Rosario con i Pastorelli di Fatima a cura dell Armata Bianca della Madonna Misteri Luminosi (giovedì) Misteri Luminosi (giovedì) «Gesù e la sua Mamma scelgono spesso i bambini per affidare

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen.

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen. RITO DELLA MESSA RITI DI INTRODUZIONE Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l'amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo sia con tutti

Dettagli

ELISABETTA VENDRAMINI

ELISABETTA VENDRAMINI ORA MEDIA In onore della beata ELISABETTA VENDRAMINI vergine e fondatrice festa liturgica 27 aprile 2 INNO Nel canto celebriamo la vergine fedele che ha dato alla Chiesa una famiglia nuova. Di nobili natali,

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Maggio ogni giorno con Maria

Maggio ogni giorno con Maria Maggio ogni giorno con Maria Maria, Maestra di contemplazione: i misteri della luce Il Rosario con San Giovanni Paolo II [BRUNA FREGNI] Proposta ispirata alla lettera apostolica sul Rosario di papa Giovanni

Dettagli

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania

www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania www.parrocchiadellaguardia.it Parrocchia Santa Maria della Guardia Ordine Frati Minori Catania IL PECCATO LA CADUTA e L ORIGINE DUE SPECIE DI PECCATO IL PECCATO ATTUALE IL PECCATO ORIGINALE Il peccato

Dettagli

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide,

L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, L'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 1 Entrando

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Regina; O Maria concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a te!

Regina; O Maria concepita senza peccato, prega per noi che ricorriamo a te! NOVENA ALLA MEDAGLIA MIRACOLOSA Iniziare la novena giornaliera con : 1 Segno della croce 2 Atto di contrizione : Mio buon Gesù che per me sei morto sulla croce,abbi pietà di me,perdona i miei peccati e

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli.

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. (Atti degli Apostoli, capitolo 5 versetto 12) Questo libretto è di: Un sacramento cos è? Come l acqua purifica,

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Suppliche e ringraziamenti

Suppliche e ringraziamenti Domenica, 09 ottobre 2011 Suppliche e ringraziamenti Filippesi 4:6-7- Non angustiatevi di nulla, ma in ogni cosa fate conoscere le vostre richieste a Dio in preghiere e suppliche, accompagnate da ringraziamenti.

Dettagli

Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008

Essere con - Essere per Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Bellissima la coincidenza odierna, qui al Suffragio, che celebra insieme la festa

Dettagli

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te!

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te! Liturgia per matrimonio Versione abbreviata della liturgia di matrimonio della Chiesa luterana danese, autorizzata con risoluzione regale del 12 giugno 1992 ENTRATA (PRELUDIO) DI ENTRATA SALUTO Pastore:

Dettagli

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore. MARIA DISCEPOLA DELLA PAROLA E MAESTRA DI PREGHIERA + Dal Vangelo secondo Luca 1,26-56 In quel tempo, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, sposa

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli