Università di Verona. Maria Paola Pasini POLITICHE COMUNALI PER LA RICOSTRUZIONE E LO SVILUPPO DELLA CITTA DI BRESCIA ( ): L EDILIZIA POPOLARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università di Verona. Maria Paola Pasini POLITICHE COMUNALI PER LA RICOSTRUZIONE E LO SVILUPPO DELLA CITTA DI BRESCIA (1945-1956): L EDILIZIA POPOLARE"

Transcript

1 Università di Verona Maria Paola Pasini POLITICHE COMUNALI PER LA RICOSTRUZIONE E LO SVILUPPO DELLA CITTA DI BRESCIA ( ): L EDILIZIA POPOLARE Dottorato di ricerca in storia economica XXVI ciclo 1

2 Presentazione della ricerca Durante il secondo conflitto mondiale, la città di Brescia risulta pesantemente danneggiata dai bombardamenti anglo-americani. Vengono distrutte o lesionate case, fabbriche, edifici pubblici, monumenti storici. Gli ordigni colpiscono più volte il centro storico provocando morti e danni ingenti. Ma la ripresa post-bellica viene subito avviata. Nell immediato dopoguerra, la città mette in campo il massimo impegno per venire incontro ai bisogni urgenti della popolazione (alimentazione, casa, lavoro) e per riorganizzare i servizi. Forte della sua consolidata tradizione manifatturiera, l industria bresciana dà vita ad un vigoroso sforzo di ricostruzione, riconversione e successivamente di assestamento 1. Brescia recupera rapidamente posizioni e riconquista velocemente il ruolo, di tutto rilievo, che aveva nel panorama nazionale e che riuscirà a riconquistare negli anni successivi 2. Tra gli artefici di questa «rinascita» va annoverato il Comune, autore di scelte amministrative finalizzate alla ripresa e allo sviluppo. Non solo «parte» tra le diverse «parti» che concorrono al progetto di rinascita, ma «istituzione intermedia» 3 collocata nel crocevia di sollecitazioni molteplici, soggetto attivo in grado di contemperare 4 interessi economici e istanze sociali, logiche di partito e rivendicazioni di privati, mediando tra centro e periferia, tra potere centrale e esigenze locali. La tesi di dottorato dal titolo Politiche comunali per la ricostruzione e lo sviluppo della città di Brescia ( ) vuole essere un contributo alla conoscenza di questo periodo della storia bresciana e delle principali linee di azione del Comune in uno scenario in rapido mutamento. Il decennio, quello che va dal 1945 al 1956, caratterizzato a livello nazionale e internazionale da tumultuose trasformazioni. 1 G. Gregorini, Problemi e scelte nell economia e nella società bresciane dopo la liberazione, in Dopo la liberazione. L Italia nella transizione tra la guerra e la pace: temi, casi, storiografia, a cura di I. Botteri, Brescia 2008, pp Brescia era già stata, nei primi decenni del ventesimo secolo, una delle province italiane economicamente più avanzate (Camera di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura (1952), pp ). Il suo primato giunge fin nel terzo millennio. Brescia e la sua provincia hanno una popolazione di circa abitanti. Secondo i dati Istat per il 2005, il tasso di disoccupazione è del 4,2%, decisamente inferiore a quello nazionale (7,7%). Il 2,48% del valore aggiunto prodotto dall'economia nazionale deriva dalle attività del sistema imprenditoriale bresciano. Si tratta di un risultato di assoluta eccellenza che proietta la provincia bresciana (come contributo alla formazione del valore aggiunto) subito dietro le quattro grandi province metropolitane (Milano, Roma, Torino, Napoli). Con imprese presenti sul territorio, Brescia e la sua provincia occupano, nella relativa graduatoria a livello nazionale, la sesta posizione. 3 S. Magagnoli, Autorevolezza municipale e architettura istituzionale intermedia, in Istituzioni intermedie e sviluppo locale, a cura di A. Arrighetti e G. Seravalli, Roma 1999, pp L arte di «contemperare» è qualcosa in più della mediazione: è la capacità di spingere le parti ad una sintesi che ricomprenda le diverse posizioni più una via di mezzo. Questa dote viene attribuita a Bruno Boni (primo cittadino di Brescia dal 1948 al 1975 e grande protagonista di questa stagione bresciana) in un celebre articolo di Indro Montanelli dedicato al «sindaco contemperatore» pubblicato su «Corriere della sera», e inserito in Omaggio a Bruno Boni, a cura di G. Valzelli e F. De Zan, Brescia 1998, pp

3 Gli obiettivi. La ricerca si propone di indagare alcune linee di intervento del Comune che hanno influito sulla rinascita economica di Brescia secondo un ampio ventaglio di azione: si curano le ferite della guerra, si crea un nuovo welfare potenziando nuovi servizi, vengono realizzate nuove opere e infrastrutture, si dà vita a interessanti proposte culturali, viene favorito lo sviluppo di iniziative private e imprenditoriali. Sono tre le parole-chiave della ricerca: 1) emergenza, 2) ricostruzione, 3) sviluppo. Tre gli obiettivi cui rispondono gli interventi condotti dall amministrazione comunale: 1) far fronte alle necessità impellenti dettate dalla situazione post-bellica, 2) sostenere la ricostruzione e promuovere un miglioramento sostanziale della vita dei bresciani, 3) porre le basi per un ampio sviluppo economico della città anche grazie a idee e progetti di largo respiro. L articolazione degli interventi del Comune nelle categorie indicate non rispetta un andamento strettamente cronologico. Vi sono decisioni che, negli stessi anni, possono essere collocate nella fase dell emergenza, ma anche della ricostruzione accanto ad altre che guardano già alle finalità dello sviluppo. I protagonisti. La tensione unitiva che anima gli amministratori comunali dell immediato dopoguerra, pur appartenenti a ideologie e schieramenti politici, pone al centro un fine condiviso: risollevare le sorti della popolazione e restituire a Brescia il profilo di città vivace e produttiva, di rilanciare il suo ruolo strategico a livello nazionale. «Io sono certo che Brescia afferma il sindaco Guglielmo Ghislandi nel maggio 1945 potrà risorgere più bella e più grande di prima dalle immani rovine della guerra» 5. E ancora sempre il sindaco Ghislandi, nell aprile 1947 nel corso della seduta del consiglio comunale convocata per fare il punto sulla ricostruzione, sottolinea: «Al di sopra delle nostre competizioni di parte, abbiamo sempre avuto di mira, nella nostra azione di Amministratori, il bene della città, cercando ognora di avere particolare riguardo ai bisogni della classi lavoratrici e meno abbienti» 6. Nell ultima parte della ricerca verranno ricostruiti i profili personali e politici di alcuni degli amministratori di quegli anni, appartenenti alle diverse forze politiche. Una generazione caratterizzata da figure di elevato senso civico e riconosciuto spessore morale. I termini cronologici. La ricerca prende in esame il periodo che va dalla fine della guerra al 1956, anno in cui si svolge il terzo appuntamento elettorale amministrativo del dopoguerra dopo il 1946 e il Il 1945 segna l inizio del percorso di ricostruzione. Subito dopo la fine delle 5 G. Ghislandi, Socialismo e ricostruzione, Brescia 1957, p ACBs, del. c. c

4 ostilità viene nominato da Cnl e Autorità alleate il primo sindaco della Liberazione, il socialista Guglielmo Ghislandi 7 che viene riconfermato alle elezioni comunali del Fin da subito emerge sulla scena bresciana la figura di Bruno Boni 8, giovanissimo amministratore democristiano, vicesindaco dal 1946 e sindaco (nemmeno trentenne) dal 1948 dopo le dimissioni di Ghislandi che viene eletto al parlamento. Nel 1951 i voti dei bresciani portano di nuovo all elezione di Bruno Boni. Nel 1956 Boni è ancora riconfermato alla guida della Loggia (lo resterà fino al 1975). Il ruolo del professore in questi anni si è via via rafforzato. Nella seconda metà degli anni Cinquanta ha ormai raggiunto il controllo della macchina comunale e anche del suo partito: la Democrazia cristiana. Brescia era uscita dalla guerra duramente colpita. La portata delle distruzioni è tale che la città viene definita «gravemente sinistrata» 9. E seconda in Lombardia solo a Milano per danni percentuali rispetto al patrimonio immobiliare. In questo decennio la città cambia volto: passa dalle strade ostruite dai cumuli di macerie ad un nuovo assetto urbano più esteso e moderno anche se non esente da macroscopiche contraddizioni (la trasformazione dell area centrale dell ex ospedale ad esempio con la demolizione di numerosi edifici di pregio storico). Soprattutto in questi anni vengono poste le basi del boom economico che conoscerà la sua piena realizzazione a partire dalla fine degli anni Cinquanta e fino alla metà degli anni Sessanta. Risolti i problemi più urgenti del dopoguerra e della ricostruzione, Brescia rapidamente si avvia verso una solida e duratura fase di sviluppo. Le fonti. La ricerca nel suo complesso si avvale di materiali d archivio fino ad oggi largamente inesplorati: in primo luogo le carte dell Archivio del Comune che riguardano l attività amministrativa: delibere di giunta e di consiglio che costituiscono la base principale dell intero 7 Guglielmo Ghislandi ( ), avvocato socialista della Valle Camonica, appartenente ad una famiglia benestante. Combattè nella prima guerra mondiale. Perseguitato dal fascismo, cadde prigioniero a Firenze della micidiale banca Koch. Nel 1944 fu incarcerato a San Vittore. Fu tra i riorganizzatori del Psi a Brescia dopo la guerra. Venne eletto nel 1948 deputato socialista e lasciò quindi il Comune. Rispettato da tutti per il suo profondo rigore morale. Come parlamentare fu molto attivo con varie iniziative a favore dei mutilati e invalidi di guerra e dei lavoratori. 8 Bruno Boni ( ), appartenente ad una modesta famiglia bresciana (suo padre era un sarto che confezionava abiti per sacerdoti), partecipa alla Resistenza. Venne arrestato e incarcerato dai fascisti per alcuni mesi tra il 1944 e Fu vicesindaco di Brescia dal 1946 al 1948, sindaco dal 1948 al A partire dalla metà degli anni Settanta l influenza di Bruno Boni sulle sorti della città si affievolì. Assunse incarichi politici più marginali senza mai abbandonare completamente la scena politica. Fu presidente della Provincia dal 1975 al Concluse la sua carriera come presidente della Camera di Commercio di Brescia e vicepresidente della Società Autostrade Brescia-Padova. Esponente di spicco della Democrazia cristiana, fu segretario provinciale del partito dal 1947 al 1951 e dal al Venne considerato vicino alle posizioni dell Onorevole Amintore Fanfani. 9 Ai sensi del D. M. 18 luglio 1946, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 207 del In totale, secondo le informazioni acquisite dall ufficio tecnico del Comune, i locali sinistrati risultano In considerazione del fatto che complessivamente si può registrare la presenza, nell «aggregato urbano», di circa locali, la «percentuale di sinistramento» è del il 32, 20 %. La popolazione totale del Comune è di abitanti e quella dell aggregato urbano, soggetto ai bombardamenti, è di abitanti. Le famiglie da assistere sono 7000 per un totale di persone. 4

5 studio. A questi vanno aggiunti altri documenti consultati o in via di consultazione: Fondo Riparazione danni di guerra, Fondo Sepral presso l Archivio di Stato di Brescia, Fondo Danni di guerra e Idrovia Locarno- Venezia presso la Camera di Commercio di Brescia, Fondo Bruno Boni, costituito da carte personali del sindaco. Lo studio si serve inoltre di documentazione di carattere giornalistico: stampa generalista o di settore, quotidiani, riviste, bollettini di varie categorie economiche, oltre alle Relazioni della Banca d Italia. In qualche caso è stato ancora possibile raccogliere alcune interviste ai testimoni di quella stagione. 5

6 Il capitolo : l edilizia popolare Una delle questioni che vedono il Comune di Brescia direttamente coinvolto in questi anni è il problema della casa. Si è scelto di presentare in questa sede un approfondimento relativo a questo settore strategico per l amministrazione. Dalle indicazioni raccolte fin qui nel corso della ricerca 10 è possibile giungere ad una prima conclusione: il Comune di Brescia operò in questa fase con grande impegno acquistando (o espropriando ma solo in casi sporadici) enormi aree in alcune zone della prima periferia urbana e in particolare nelle zone sud (Lamarmora, via Cremona), nordovest (via Chiusure, Ponte Crotte) e nord (Mompiano, San Bartolomeo), realizzando i servizi primari (acqua, fognatura, gas, strade, collegamenti pubblici, arredo urbano) e rimettendo sul mercato (vendita o donazione) buona parte dei terreni acquisiti per la realizzazione di «abitazioni non di lusso», come vengono definite nelle decine e decine di delibere di giunte e di consiglio di questi anni prodotte in questa materia, offrendo la possibilità a numerose famiglie appartenenti ai ceti medi e medio-bassi l opportunità di costruire una casa. Il Comune di Brescia si propone di svolgere in questi anni un ruolo da protagonista nel settore immobiliare allo scopo di venire incontro alla richiesta di alloggi da parte dei cittadini bresciani, non costruendo se non in rarissime occasioni - direttamente le abitazioni, bensì immettendo sul mercato migliaia di metri quadrati di aree a prezzi calmierati ponendo un freno alla speculazione. La legislazione di riferimento. Nel dopoguerra. 11 lo sviluppo dell edilizia economico popolare subisce a livello nazionale una notevole espansione anche in relazione a profonde trasformazioni strutturali della società. In primo luogo, subito dopo il conflitto, vi è la necessità di 10 Per quanto riguarda l edilizia popolare si è lavorato sulle delibere di giunta e di consiglio nei quali veniva decisa l acquisizione, l alienazione o la donazione di aree con la specifica destinazione legata alla costruzione di abitazioni di carattere economico-popolare. Sulla base delle risultanze sono state elaborate alcune tabelle e individuate alcune linee di tendenza. 11 Sul profilo storico-normativo generale cfr. P. Melis, La valutazione della qualità globale degli edifici residenziali nella programmazione degli interventi di riqualificazione alla scala del patrimonio edilizio, Tesi di dottorato, Facoltà di Ingegneria edile, Università degli studi di Cagliari, Cagliari L avvio di una legislazione che favorisca anche per i lavoratori a basso reddito la possibilità di avere una casa si colloca all inizio del XX secolo e si deve alla sensibilità di Luigi Luzzatti. Nella relazione di presentazione della legge, che poi verrà licenziata dalla Camera il 31 maggio 1903 il Ministro Luzzatti avanza l idea di far intervenire nel processo di investimenti per l edilizia popolare anche i Comuni e in generale gli enti pubblici. Per Luzzatti, tuttavia, l intervento pubblico nel settore (di Comuni, Province e Stato) deve essere visto soprattutto nella chiave di un incentivo agli investimenti e di rimozione delle difficoltà a investire in edilizia da parte dei privati introducendo il principio della «temporanea immunità fiscale». Successivamente le diverse norme vigenti in tema di edilizia popolare ed economica che vanno via via aggiungendosi (soprattutto in tema di credito) vengono coordinate in un Testo Unico approvato nel Ne seguirà un altro nel Si giunge al 1938 e all approvazione di un nuovo testo unico 11. Secondo alcuni commentatori la legislazione fascista in materia è lontana dal perseguire obiettivi democratici a reale sostegno delle realizzazione di case per le categorie meno abbienti. Si articola in realtà in edilizia per la classe dominante e, solo in parte, edilizia per i ceti popolari, cfr. F. Spantigati, L espropriazione nella disciplina urbanistica, in «Rivista trimestrale di diritto pubblico», n. 2, Milano

7 ricostruire, ripristinare gli alloggi distrutti o danneggiati dalla guerra, quindi si fanno strada nuove dinamiche che coinvolgono la composizione sociale, la distribuzione insediativa della popolazione. Il fenomeno dell inurbamento sposta una enorme quantità di persone dalle campagne verso le periferie delle città. Nasce la società dei consumi. Tutti i ceti ambiscono a standard di benessere sempre più alti. E la prima aspirazione per tutti è quella della casa. In questo scenario si colloca la nuova legislazione in tema di edilizia residenziale economico-popolare che viene fissata attraverso alcune norme fondamentali 12. La prima è la legge 2 luglio 1949 n. 408, conosciuta come «legge Tupini» che modifica il testo unico del 1938 in alcune parti essenziali. La normativa del 1949 definisce nel dettaglio la tipologia dell abitazione, il numero dei vani, la superficie, i servizi di cui deve essere dotata. Vengono anche individuati i destinatari delle case, cittadini che non sono in possesso di altre abitazioni. Sono definiti precisamente gli enti e gli istituti che possono costruire tale tipo di abitazione in stretta connessione con il fatto che lo Stato fornisce un proprio contributo per la realizzazione di questi edifici. L apporto dello Stato si concretizza anche con l autorizzazione a diversi istituti bancari, tra cui la Cassa depositi e prestiti, a concedere mutui a enti e istituti autorizzati ad un tasso di interesse ridotto e a prolungare fino a 35 anni la durata dell ammortamento. Infine, questa legge prevede una serie ulteriore di agevolazioni fiscali e tributarie. Un altro riferimento normativo fondamentale è legge 28 febbraio 1949 n. 43, la cosiddetta «legge Fanfani» istitutiva dell Ina-Casa (Istituto nazionale assicurazione casa). La legge viene promulgata con l intento di incrementare l occupazione operaia, favorendo la realizzazione di nuovi alloggi e operando così da volano per l intera economia ancora in grave difficoltà. La norma prevedeva il coordinamento di un Comitato di attuazione e un Piano settennale ( ) di costruzioni finanziato dai contributi dei lavoratori e delle aziende che verrà replicato per il settennato successivo. La gestione amministrativa era affidata all Ina-casa mentre le realizzazione venivano affidate ad un ente pubblico (a Brescia il ruolo predominante è affidata allo Iacp) che funziona come stazione appaltante. Grazie al dinamismo del sindaco Boni (e probabilmente alla sua amicizia personale con Amintore Fanfani), nel 1949, nell ambito dell attuazione del Piano, viene assegnato a Brescia un primo contributo di 100 milioni a fronte di un finanziamento nazionale complessivo di un miliardo: il 10 per cento del totale 13. I nuovi quartieri popolari. Dopo le distruzioni arrecate dai bombardamenti si pensa a risanare il centro, ma anche a sviluppare l aggregato storico, realizzando nuovi quartieri. In questa 12 A.B.R.E., L edilizia abitativa economico-popolare in Provincia di Brescia dal 1946 al 1970, Brescia 1971, pp M. Zane, Storia dell Istituto autonomo case popolari di Brescia, Brescia 1990, p

8 fase non esiste alcuna pianificazione organica da parte del Comune. Il Piano di ricostruzione ( ) riguarda quasi esclusivamente l agglomerato storico entro le mura venete. I primi terreni individuati per realizzare nuovi alloggi sono collocati nella periferia sud di Brescia. Sono immersi nella campagna senza contiguità con il centro. Il loro valore in quel momento è molto basso. Il quartiere Lamarmora nasce dal nulla, su un area agricola abbandonata, tra il 1946 e il E realizzato dall Istituto autonomo per le case popolari 14. Il Comune fornisce gratuitamente allo Iacp una parte dei terreni. Vengono costruiti 600 alloggi pari a 2600 vani secondo una logica urbanistica intensiva per dare la possibilità al maggior numero di persone di trovare una sistemazione. E risaputo che una certa critica, trascurando le circostanze pressanti ed impellenti dell epoca di realizzazione, classificò casoni e casermoni i fabbricati che l Istituto ha allora attuati. Il tipo di edificio era l unico adottabile nell immediato dopoguerra, in cui era tassativamente necessario realizzare, colle norme a disposizione, il maggior numero possibile di alloggi 15. Un altra delle operazioni più impegnative sostenute dall amministrazione comunale del dopoguerra riguarda la realizzazione del Villaggio Sant Antonio in zona Forca di Cane su un area messa a disposizione gratuitamente dal Comune (che ha provveduto ad espropriarla ai privati) nel 1949 per costruire un insediamento per i profughi giuliano-dalmati. L area è posta tra il villaggio Ferrari e il quartiere Leonessa, zona sud. Viene espropriata a favore dell Unrra Casas per la costruzione di alloggi per profughi senza tetto e relativi servizi di urbanizzazione 16. Nel periodo successivo, rientrando via via l emergenza più stringente, si pensa a alloggi più ampi, distesi, con un maggiore confort. Per le soluzioni abitative, anche di carattere popolare, si adottano soluzioni più estensive, con standard più alti, alloggi indipendenti e zone a giardino private e pubbliche. Nascono così i quartieri oltre il fiume Mella nella zona di via Chiusure e Ponte Crotte. E ancora a nord San Bartolomeo e Mompiano. Acquisti, donazioni, alienazioni di aree. Nel discorso di fine mandato, datato 10 maggio 1956, un paio di settimane prima delle elezioni amministrative, il sindaco uscente Bruno Boni tira le somme dell attività svolta. E questa l occasione per fare il punto anche in tema di edilizia popolare. 14 M. Zane, Stimatissimo Istituto. Lettere e richieste allo Iacp dal dopoguerra ad oggi, Brescia N. Zucchelli (a cura di), Ingegneria e industria in terra bresciana, Bergamo 1953, p Si tratta di dieci edifici composti da quattro alloggi ciascuno. «Nei quaranta alloggi verranno sistemate altrettante famiglie attualmente ricoverate nei tre campi di raccolta profughi esistenti nella provincia di Brescia: sono famiglie che hanno abbandonato la loro casa e le loro occupazioni per restare italiani Le case pronte per fine aprile verranno consegnate ai capi-famiglia dalle autorità cittadine Il villaggio giuliano-dalmata S. Antonio, prima iniziativa del genere in Italia, è dovuto ad un comitato di profughi e bresciani (la cui sede si trova in via Santa Chiara 18) il quale è riuscito a far convergere su questi nostri connazionali attenzione e simpatia», «Giornale di Brescia», , p. 4. Sulla vicenda dei giuliano-dalmati cfr. P. Cittadini, Esodo a Brescia, Brescia 2012 e V. Di Donato, ISTRIANIeri, Gavardo (Bs)

9 L Amministrazione comunale ha acquistato metri quadrati di aree fabbricabili per un importo di lire dei quali sono stati ceduti a pagamento per un ammontare di lire Queste aree sono state destinate esclusivamente alla costruzione di case non di lusso. Il Comune ha ceduto inoltre gratuitamente ai vari Enti, preposti all edilizia popolare (Istituto autonomo case popolari, Ina Casa, eccetera) mq di area. Le superficie utilizzate dal Comune assommano a metri quadrati. La disponibilità di aree che l Amministrazione può cedere a tutti i cittadini che intendono costruirsi un proprio alloggio, ammonta attualmente a metri quadrati 17. Attraverso l analisi delle delibere di giunta e di consiglio è possibile trovare traccia delle innumerevoli operazioni che hanno portato l amministrazione a questi risultati. Il Comune di Brescia nel primo decennio del dopoguerra agisce in prima persona sul mercato immobiliare. Quasi mai costruisce in forma diretta (solo alcuni alloggi per i dipendenti) ma opera sulla compra-vendita delle aree con massicci interventi di acquisizioni, frazionamenti e lottizzazioni e alienazioni di vaste porzioni di territorio. L amministrazione dà vita ad una vera e propria gara per accaparrarsi aree da destinare alle costruzioni popolari. In consiglio comunale l assessore Franco Apollonio: fa osservare che il prezzo delle aree è oggi continuamente in aumento e non è assolutamente possibile trovarne a migliori condizioni. Parecchi enti e ditte in previsione dell attuazione del Piano Fanfani sono alla ricerca di appezzamenti di area e non sanno dove rivolgersi. Ora l Amministrazione ha pensato che sia compito del Comune facilitare queste costruzioni nell interesse della popolazione fornendo eventualmente le aree agli enti costruttori a prezzo di costo eventualmente maggiorate tenuto conto della spesa occorrente per i pubblici servizi 18. Ancora sempre l assessore Apollonio: Il Comune ha esaurito ormai quasi interamente la sua disponibilità di aree fabbricabili delle quali ha invece urgente bisogno per incrementare la costruzione di abitazioni di carattere popolare destinate ad alleviare la perdurante acuta crisi di alloggi 19. In queste affermazioni è racchiusa la politica del Comune in questi anni sul fronte della promozione dell edilizia popolare: non una presenza passiva, semplicemente non ostacolando sul piano delle regole urbanistiche l iniziativa di altri enti, ma favorendola direttamente, divenendo parte attiva nella nascita di nuovi insediamenti acquisendo le aree e mettendole a disposizione degli enti intermedi, realizzando l urbanizzazione con la creazione dei servizi, garantendo il credito. In questo decennio il Comune ha acquisito quasi un milione di metri quadrati di aree, un novantesimo circa dell estensione totale del Comune che si aggira sui 90 chilometri quadrati. Parte dei terreni vengono ceduti in molti casi gratuitamente allo Iacp e ad altri enti per la realizzazione di nuove abitazioni. Tra l altro il Comune opera come garante per mutui accesi 17 B. Boni, Bilancio e programma amministrativo della Democrazia cristiana nei discorsi del sindaco, Brescia 1960, p ACBs, o.d.g. c.c ACBs, del. c. c

10 dall Istituto, si fa carico di un vasto piano per la realizzazione dei servizi primari (acqua, fognatura, gas) e provvede alle costruzioni sussidiarie come scuole, asili, ambulatori, uffici postali. Infine il Comune a partire dal decide di vendere direttamente le aree suddivise in piccoli e piccolissimi lotti: una parte viene ceduta per lo più a cooperative edilizie, ma soprattutto ed è questa la modalità più originale ad una miriade di privati che acquistano il terreno necessario per la costruzione della prima casa dopo aver presentato richiesta sulla base di avvisi pubblici. Si tratta di lotti molto ridotti (dai 250 ai 500 metri quadrati) tutti risultanti dai frazionamenti dei mappali di aree precedentemente acquisiti in blocco dal Comune. Le operazioni sono gestite direttamente da una «Commissione incaricata della compra-vendita delle aree» 20. Lo strumento amministrativo utilizzato per le grandi acquisizioni è la delibera di Consiglio e così pure per la vendita o la donazione di aree ampie. Per l alienazione dei piccoli lotti a decidere è direttamente la Giunta assumendo in via d urgenza i poteri del Consiglio (che ratifica successivamente) e snellendo così al massimo le procedure. Queste delibere sono decine e decine e sono finalizzate ad accogliere le richieste di acquisto di aree comunali da parte di privati «essendo nei propositi dell Amministrazione di favorire il sorgere di nuovi fabbricati i quali possono contribuire ad alleviare la perdurante crisi degli alloggi» 21. Tutte le aree sono poste lungo le direttrici di espansione: Via Chiusure, Mompiano, San Bartolomeo, Via Cremona. Ipotesi sui prezzi. L analisi dei dati ci porta ad alcune considerazioni. Intanto il prezzo di acquisto dei vari lotti è oscillante ma sempre a vantaggio del Comune che opera sul mercato un discreto margine, anche tenendo conto dell inflazione. L obiettivo non è quello del profitto ma eventualmente dell acquisizione di risorse per finanziare le operazioni in perdita che comportano la donazione tout court degli appezzamenti e le spese per la realizzazione dei servizi. Il Comune acquista a prezzi che vanno da 290 a 1650 lire il metro quadrato con una media che si aggira sulle 800 lire il metro quadrato. Nelle operazioni di vendita a singoli privati il Comune non scende mai sotto i lire il metro quadrato e solo raramente arriva a lire. Quando vende a cooperative edilizie i prezzi sono decisamente più alti: si va dalle 2000 alle 3000 lire al metro quadrato fino a punte di 3500 lire. I prezzi variano anche in relazione alle zone: gli appezzamenti in Via Chiusure, San Bartolomeo, Via Torricella vengono messi sul mercato a costi più contenuti. Sono queste zone già in quegli anni con una connotazione più popolare, più lontane dal centro, caratterizzate da una intensissima urbanizzazione. 20 ACBs, del. g. c ACBs, del. g. c La formula quasi identica viene ripetuta in tutte le delibere di questo genere. 10

11 Più ambite sono invece le aree collocate nella zona nord, Mompiano, e sud-est in particolare in via Berardo Maggi, via Cremona dove i prezzi sono decisamente più alti. Superano sempre le 1500 lire e qualche volta anche le 2000 lire al metro quadrato. Anche oggi a mezzo secolo di distanza questi quartieri hanno conservato le stesse caratteristiche: più popolari quelli dell oltre Mella (via Chiusure, ecc.), più signorili quelli nord (Mompiano) e a sud (via Cremona). In questi anni il mercato immobiliare si mostra estremamente vivace. Basta scorrere gli annunci economici del principale quotidiano bresciano per averne un idea. Un mercato percorso da fenomeni speculativi come denuncia anche una rivista specializzata come «Urbanistica» che, nel 1957, preme affinchè venga promulgata una legge che regolamenti i prezzi delle aree edificabili. Occorre una legge, anzitutto, che in qualche modo determini il calmiere sui prezzi delle aree edificabili, almeno per le città maggiori, dove cioè il costo dei terreni ha raggiunto dappertutto quote tali da non consentire una urbanizzazione socialmente e urbanisticamente accettabile 22. La questione dei prezzi viene segnalata in consiglio sempre dall assessore Apollonio: Il Comune dispone attualmente di pochissima area fabbricabile mentre la necessità di favorire la costruzione di nuovi alloggi specie di carattere popolare si fa sentire ogni giorno di più, e le iniziative di vari enti giovantisi di facilitazioni legislative si vanno facendo sempre più frequenti. Per contro sta il fatto che l intensificata richiesta di aree fabbricabili dovrà portare presto ad una rarefazione delle stesse e quindi ad un aumento di valore di quelle ancora disponibili in località prossima alla città. Per queste considerazioni l Amministrazione ha ritenuto prudente previggenza svolgere trattative per l acquisto di qualche notevole appezzamento sito in favorevole posizione 23. I dati di confronto reperiti fino a questo momento in ambito bresciano relativi alle quotazioni delle aree edificabili sono piuttosto scarsi e molto variabili anche in relazione alle zone, ma possiamo parlare di un dato medio approssimativo di circa 3500 lire al metro quadrato (fuori dall aggregato urbano) quindi ben oltre i prezzi medi adottati dal Comune di Brescia per la messa in vendita dei piccoli e piccolissimi lotti ceduti ai privati per la realizzazione di un abitazione non di lusso. In questo senso, in attesa di reperire serie più ampie di dati, possiamo affermare che il Comune di Brescia si ponesse nell ottica di sostegno alle classi medio-basse che ambivano alla costruzione di una casa in proprietà offrendo sul mercato apprezzamenti edificabili a prezzi abbordabili. Altissimi invece i prezzi praticati dallo stesso Comune nel centro della città in particolare in presenza di cessioni a imprese con fini di lucro. La società per i telefoni Stipel, infatti, acquista dal Comune nel 1953 una porzione dell area del vecchio ospedale di 1300 metri quadrati. Il prezzo convenuto è di lire al metro L. Quaroni, La politica del quartiere, in «Urbanistica», n. 22, 1957, p ACBs, o.d.g. c.c ACBs, del. g. c

12 Bibliografia generale (provvisoria) Amatori F., Colli A. (1999), Impresa e industria in Italia dall Unità ad oggi, Venezia. Amministrazione provinciale di Novara (a cura di) (1990), Il dopoguerra nel novarese ( ), Atti del convegno di studi svoltosi a Omegna il 17 dicembre 1988, Novara. Arrighetti A., Seravalli G. (1999), Istituzioni intermedie e sviluppo locale, Roma. Augè M. (2002), Rovine e macerie. Il senso del tempo, Torino. Baldissara L. (1994), Per una città più bella e più grande, Bologna. Baldissara L. (1998), Tecnica e politica nell amministrazione, Bologna. Baldissara L., Magagnoli S. (1992), Amministratori di provincia. Consiglieri, assessori e sindaci bolognesi dal 1946 al 1970: riflessioni e materiali, Bologna. Baldoli C., Knapp A., Overy R. (2011), Bombing, states and people, Londra. Barazzoni R., Gilioli U. (1979), La liberazione dell Emilia Romagna, Milano. Battilani P., Fauri F.(2008), Mezzo secolo di economia italiana ( ), Bologna. Baudrillard J. (2008), La società dei consumi, Bologna. Bertagnoni G., Guaraldi E. (2007), Democrazia e istituzioni. Uomini e istituzioni, in Dalla guerra al «boom». Territorio, economica, società e politica nei comuni della pianura orientale bolognese, vol. IV, Bologna. Bertolo G., Curti R., Dellavalle C., De Marco P., Flores M., Gallerona N., Ganapini L., Guerrini L., Salvati M. A., Santomassimo G. (1975), Il dopoguerra italiano Guida bibliografica, Torino. Bollati G.(1983), L italiano. Il carattere nazionale come storia e come invenzione, Torino. Bruzzone M. G. (2002), L avventurosa storia del tg in Italia. Dall avvento della televisione a oggi, Milano. Camera di commercio Industria e Artigianato di Novara (a cura di) (1985), 1945: dall economia di guerra all avvio della ricostruzione, Novara. Campus M. (2008), L Italia, gli Stati Uniti e il piano Marshall, Roma-Bari. Canosa R. (1978), Le sanzioni contro il fascismo.processi ed epurazioni a Milano negli anni , Milano. Cardini A. (a cura di) (2006), Il miracolo economico italiano ( ), Bologna. Carocci G. (1975), Storia d Italia dall Unità ad oggi, Milano. Casiello S. (a cura di) (2012), I ruderi e la guerra. Memoria, ricostruzioni, restauri, Firenze. Castagnoli A. (1995), Torino. Dalla ricostruzione agli anni Settanta, Milano. Castronovo V. (a cura di) (1976), L Italia contemporanea , Torino. Castronovo V. (2006), Storia economica d Italia, Torino. Castronovo V. (2010), L Italia del miracolo economico, Roma-Bari. Castronovo V. (a cura di) (2001), Album italiano, Roma-Bari. Catalano F. (1977), Guerra, resistenza, ricostruzione, Milano. Chabod F. (1961), L Italia contemporanea , Torino. Conte L., Della Torre G., Vasta M. (2007), The Human Development Index in Historical Perspective: Italy from Political Unification to the Present Day, in Quaderni del Dipartimento di Economia politica dell'università di Siena, vol. 491, pp Cova A. (1977), L occupazione e i salari, Milano. Covino R. (a cura di) (1999), L Umbria verso la Ricostruzione, Foligno (Pg). 12

13 Crafts N. (2002), The Human Development Index, : some revised estimates, in European Rewiew of Economic History, 6, n. 3, pp Crainz G. (2002), Storia del miracolo italiano. Culture, identità, trasformazioni tra anni cinquanta e sessanta, Roma. Crainz G. (2004), Padania, Roma. Crainz G. (2007), L ombra della guerra, Roma. Daneo C. (1975), La politica economica della ricostruzione, Torino. D Attorre P. P., Zamagni V. (a cura di) (1992), Distretti imprese classe operaia. L industrializzazione dell Emilia-Romagna, Istituto regionale per la storia della resistenza e della guerra di liberazione in Emilia- Romagna, Annale 7-8, Milano. De Grazia V. (2006), L impero irresistibile, Torino. De Luna G. (1987), Dalla Liberazione alla Repubblica: i nuovi ceti dirigenti in Piemonte, Torino. Devoto G. (), Civiltà del dopoguerra, Firenze. Di Biagi P. (2001), La grande ricostruzione: il piano INA-casa e l Italia degli anni Cinquanta, Roma. Farmer S. (1999), Martyred village.commemorating the 1944 Massacre at Oradour-sur-Glane, Berkeley-Los Angeles. Favero G. (2007), Amministrare lo sviluppo: Bassano del Grappa ( ). Bassano del Grappa (Vi). Felice C., Fimiani E. (a cura di) (2007), L Abruzzo e Montenerodomo nel secondo dopoguerra: ricostruzione e nuovo esodo, numero monografico di «Abruzzo contemporaneo», Mosciano S. A. (Te). Ferretti G. (1975), Officina. Cultura, letteratura e politica negli anni cinquanta, Torino. Ferretti R., Venturoli C., Zappaterra P. (2006), Industrializzazione e società. Economia, demografia e stili di vita, in Dalla guerra al «boom». Territorio, economica, società e politica nei comuni della pianura orientale bolognese, vol. III, Bologna. Fini M. (a cura di) (1975), 1945/1975 Italia. Fascismo antifascismo Resistenza rinnovamento, Milano. Fontana S. (1998), La riscossa dei Lombardi. Le origini del miracolo economico nella regione più laboriosa d Europa , Milano. Galli della Loggia E. (1998), L identità italiana, Bologna. Ganapini L., Pozzobon M., Mari R., Guizzi F., Santi E., Rugafiori P., Sapelli G. (1978), La ricostruzione nella grande industria, Bari. Ganapini L. (a cura di) (2005), L Italia alla metà del XX secolo, Milano. Gambino A. (1975), Storia del dopoguerra in Italia dalla Liberazione al potere Dc, Bari. Gasmirri S. (2000), Un economia per la ricostruzione. Riflessione teorica e azione politica dei cattolici italiani ( ), Roma. Gentile E. (1997), La Grande Italia. Ascesa e declino del mito della nazione nel ventesimo secolo, Milano. Ginsborg P. (1989), Storia dell Italia dal dopoguerra ad oggi. Società e politica ( ), Torino. Giovannini P., Montesi B., Papini M. (a cura di) (1999), Le Marche dalla ricostruzione alla transizione , Ancona. Graziani A. (2007), L economia italiana dal 1945 ad oggi, Bologna. Gualerni G. (1980), Ricostruzione e industria, Milano. Isnenghi M. (2010), I luoghi della memoria, Roma-Bari. Laiolo L. (1995), I ribelli di Santa Libera. Storia di un insurrezione partigiana. Agosto 1946, Torino. 13

14 Lanaro S. (1992), Storia dell Italia repubblicana: dalla fine della guerra agli anni 90, Venezia. Lenti L. (1996), Elementi per un piano di ricostruzione economica dell Italia, Milano. Ligi G. (2009), Antropologia dei disastri, Bari. Linguaggi comunicazione e uso pubblico della storia, Milano Mafai M. (1997), Il sorpasso. Gli straordinari anni del miracolo economico , Milano. Magagnoli S. (1999), Autorevolezza municipale e architettura istituzionale intermedia, in Istituzioni intermedie e sviluppo locale, a cura di Arrighetti A. e Seravalli G., Roma, pp Maggiorani M., Mezzadri M., Sardone V. (2003), Resistere, ricominciare. La comunità di Bazzano dal fascismo alla ricostruzione, Bologna. Maggiorani M., Marchi M. (2004), Il territorio e la pianificazione. Continuità e mutamenti, in Dalla guerra al «boom». Territorio, economica, società e politica nei comuni della pianura orientale bolognese, vol. I, Bologna. Magnanini C. (2006), Ricostruzione e miracolo e miracolo economico. Dal sindacato unitario al sindacato di classe nella capitale dell industria, Milano. Mammarella G. (1970), L Italia dopo il fascismo , Bologna. Mangano A. (1977), L Italia nel dopoguerra , Milano. Mastropaolo A. (1991), Le élites politiche locali e la fondazione della Repubblica, Milano. Melis G. (1996), Storia dell amministrazione italiana , Bologna. Mignemi A. (a cura di) (1995), Tra fascismo e democrazia: propaganda politica e mezzi di comunicazione di massa, Novara. Monteleone F. (1992), Storia della radio e della televisione. Un secolo di suoni e immagini, Venezia. Murialdi P. (1973), La stampa italiana nel dopoguerra , Bari. Padovani G. (1979), La liberazione di Torino, Milano. Paladini G. (1966), Gino Luzzatto ( ), Venezia. Patricelli M. (2007), L Italia sotto le bombe, Roma-Bari. Petacco A. (1984), Come eravamo negli anni di guerra, Novara. Petracchi A. (1962), Le origini dell ordinamento comunale e provinciale italiano, Vicenza. Petri R. (2002), Storia economica d Italia, Bologna. Piscitelli E., Novacco D., Foa V., Pavone C., Catalano F., Lurialdi P. (1974), Italia Le origini della Repubblica, Torino. Procacci G., Roveri A., Caputo G., Lanaro S., Quazza G., Turone S., Ganapini L., Mancini F., Scoppola P. (1975), La storia d Italia dall inizio del secolo ai giorni nostri, Ciclo di conferenze Ravenna 6 novembre-19 dicembre 1975, Ravenna. Rotelli E. (a cura di) (1981), Tendenze di amministrazione locale nel dopoguerra, Bologna. Rotelli E. (1975), Dallo Stato accentratore allo Stato delle autonomie, in Italia , a cura di Marco F., Milano. Rotelli E. (a cura di) (1988), Archivi e autonomie dal Cln alla ricostruzione, Reggio Emilia. Salvati M. (1982), Stato e industria nella ricostruzione 1944/1949, Milano. Salvati M. (1975), Ricostruzione e disegno capitalistico, in Il dopoguerra italiano 1945/1948, di G. Bertoldo, R. Curti, C. Dellavalle, P. De Marco, M. Flores, N. Gallerano, L. Ganapini, L. Guerrini, M. A. Salvati, G. Santomassimo, Torino, pp

15 Santomassimo G. (1975), Il dibattito sulle linee della ricostruzione, in Il dopoguerra italiano 1945/1948, di G. Bertoldo, R. Curti, C. Dellavalle, P. De Marco, M. Flores, N. Gallerano, L. Ganapini, L. Guerrini, M. A. Salvati, G. Santomassimo, Torino, pp Saraceno C. (1998), Mutamenti della famiglia e politiche sociali in Italia, Bologna. Saraceno P. (1969), Ricostruzione e pianificazione ( ), Bari. Schiavone A. (1998), Italiani senza Italia. Storia e identità, Torino. Scoccimarro M. (1956), Il secondo dopoguerra, Roma. Sindaci tra Ricostruzione e Liberazione (2010), Atti del convegno di studio tenutosi a Este il 5 giugno 2010, Este (Pd). Sloman J. (2007), Microeconomia, Bologna. Tarrow S. (1979), Tra centro e periferia: il ruolo degli amministratori locali in Italia e in Francia, Bologna. Tarpino A. (2008), Geografie della memoria. Case, rovine e oggetti quotidiani, Torino. Turri E. (1974), Antropologia del paesaggio, Venezia. Vecchiato M. ( ), Verona. La guerra e la ricostruzione, Verona. Vendramini F. (a cura di) (1988), Montagne e veneti nel secondo dopoguerra, Verona. Vidotto V. (2005), Italiani/e, Roma-Bari. Vigna G. (1997), Pasquale Saraceno. L uomo che voleva unificare l Italia, Milano. Woodward C. (2008), Tra le rovine, Parma. Woolf S. J. (1974), Italia La ricostruzione, Roma-Bari. Bibliografia specifica su Brescia (provvisoria) Abeni E. (1990), La storia bresciana. La guerra, la lotta partigiana, la Liberazione, Brescia. Anelli L. (2007), Le amministrazioni locali dopo la Liberazione , in Valtrompia nella storia a cura di Fappani A., Brescia, vol. II, pp A.B.R.E. (1985), Inchiesta sull industria siderurgica bresciana, Brescia. A.B.R.E., Crescini V., Redaeli P. (a cura di) (1976), Aspetti della dinamica localizzativa e occupazionale delle industrie manifatturiere in provincia di Brescia: , Brescia. Amighetti D., Jannacci F. (a cura di) (2005), Atti del consiglio provinciale di Brescia. La storia della Provincia di Brescia attraverso gli Atti del Consiglio Provinciale dal 1860 al 1960, Brescia. Anni R. (2008), Dizionario della Resistenza bresciana, Brescia. Anni R. (2009), Un ponte tra dittatura e democrazia. Brescia e la sua provincia nelle carte del Cln ( ), Milano. Antonioli Corigliano M. (1985), Lo sviluppo industriale nel secondo dopoguerra ( ), in Maestri e imprenditori. Un secolo di trasformazioni nell industria a Brescia, Brescia, pp Argetta M., Scotti W. (2010), 150 anni di Brescia, Brescia. Arrighetti A., Seravalli G. (1999), Istituzioni intermedie e sviluppo locale, Roma. Atti della Conferenza economica provinciale (tenutasi a Brescia il ottobre 1974), (1975), Brescia. Arrigoni P., Lucini F. (a cura di) (2011), Bruno Boni. Sindaco per sempre, Brescia. Aveta C. (2005), Piero Gazzola. Restauro dei monumenti e conservazione dei centri storici e del paesaggio, Tesi di dottorato in conservazione dei beni architettonici, Università degli studi di Napoli Federico II, Napoli. 15

16 Baroncelli M. A. (2005), Biblioteca Queriniana ( ). Memorie, Brescia. Barucco R. (a cura di) (2011), L orgoglio della fatica. Sessantacinque anni di mestieri si raccontano, Brescia. Bendiscioli M. (1989), Storia contemporanea. Scritti , I quaderni di «La resistenza bresciana» n. 4 dicembre, Brescia. Belotti G., Baldoli M. (1999), Una corsa lunga cent anni Storia dei trasporti pubblici a Brescia dal tram a cavalli al progetto Metrobus, Brescia. Belpietro B., Brescia nell immediato dopoguerra 1945/ 47, Tesi di laurea Università di Milano, Facoltà di Scienze politiche, Relatore G. Rochat, A. A Bendiscioli M. (1989), Storia contemporanea. Scritti , Brescia. Bonfantini B. (a cura di) (1998), Brescia , Triennale di Milano - Rete Archivi dei Piani urbanistici, Comune di Brescia - Assessorato all'urbanistica, Preprint 1, Brescia. Boni B. (1960), Bilancio e programma amministrativo della Democrazia Cristiana nei discorsi del sindaco Bruno Boni pronunciati alla vigilia delle due consultazioni popolari per l elezione del Consiglio Comunale di Brescia, (trascrizione stenografica), Brescia. Boni B. (1964), Realizzazioni e programmi. Consultivo del quadriennio e linee di una programmazione per il quinquennio , Brescia. Boni R. (a cura di) (2011), Lettere a Ines sorella buona e serena, Brescia. Borruso E. (1991), Un industrializzazione con fratture: il Bresciano tra due economie di guerra ( ), in Banche e banchieri in terra bresciana negli anni Trenta, a cura di Pegrari M., Brescia, pp Camera di Commercio, Industria e Agricoltura (a cura di) (1949), Dati statistici sulla provincia di Brescia, Brescia. Camera di Commercio, Industria e Agricoltura (a cura di) (1952), La disoccupazione in provincia di Brescia, Brescia. Camera di Commercio, Industria e Agricoltura (a cura di) (1953), Dati statistici della provincia di Brescia negli anni della ricostruzione, Brescia. Camera di Commercio, Industria e Agricoltura di Brescia (a cura di) (1958), Compendio statistico bresciano ( ), Brescia. Camera di Commercio, Industria e Agricoltura di Brescia (a cura di) (1966), Compendio statistico bresciano ( ), Brescia. Camera di Commercio, Industria e Agricoltura di Brescia (a cura di) (s.d.), Dati statistici della provincia di Brescia negli anni della ricostruzione, Brescia. Camera di Commercio di Brescia (2005), La Sede tra presente e passato, Roccafranca (Bs). Capra R.( 1999), Il gas combustibile nei servizi pubblici, Brescia. Capra R., (2011), 150 anni di energia. Le sfide e i primati di Asm di Brescia, Brescia. Carocci G. (1975), Storia d Italia dall Unità ad oggi, Milano, pp Cattini M., Romani M. A (a cura di) (1985), Maestri e imprenditori. Un secolo di trasformazioni dell industria a Brescia, Brescia. Ce. Doc. (1975), Venticinque anni di vita bresciana. Cronologia dei principali avvenimenti dall aprile 1945 al dicembre 1970, Brescia. Ce. Doc. (1982), Stefano Bazoli. Ricordi e testimonianze, Brescia. Ce. Doc. (1982), Franco Feroldi, Brescia. 16

17 Ce. Doc. (1983), L impegno religioso e civile di P. Giulio Bevilacqua, Atti del convegno di studio tenuto a Brescia il 9 giugno 1982, Brescia. Ce. Doc. (1985), Apostolato e socialità in Ottorino Marcolini, Brescia. Ce. Doc. (1997), Franco Salvi, Brescia. Chiarini R. (1985), La modernizzazione a Brescia: un modello interpretativo, in Maestri e imprenditori. Un secolo di trasformazioni nell industria a Brescia, a cura di Cattini M., Romani M. A., Brescia, pp Chiarini R. (a cura di) (1980), Brescia negli anni della ricostruzione , Brescia. Cittadini P. (2012), Esodo a Brescia, Brescia. Comitato bergamasco-bresciano di navigazione interna (a cura di) (s.d.), Il canale di grande navigazione Adda- Bergamo-Brescia-Mantova-Po, Palazzolo sull Oglio (Bs). Corradini M. (1993), L arte a Brescia nel secondo dopoguerra: La ricerca della modernità, Botticino (Bs). Costa G., Bellometti G. (a cura di) (2010), A viso aperto. I sessant anni della Cisl di Brescia, Milano. Cucchini R. (2011), Dalla mitragliatrice al telaio. La VI sezione bresciana della società Ernesto Breda : storia di una riconversione mancata, in La pace oltre le armi a cura dell Osservatorio permanente sulle armi leggere, Bologna. Curami A., Ferrari P., Rastelli A. (a cura di) (2009), Alle origini della Breda Meccanica Bresciana, Brescia. Danesi S., Ragni F.(1993), Il teleriscaldamento di Brescia Una storia di straordinaria energia, Brescia. De Maddalena A. (1964), L economia bresciana nei secoli XIX e XX, in Storia di Brescia IV. Dalla repubblica bresciana ai giorni nostri ( ), Brescia, pp Degrossi L. (s.d.), Il canale di grande navigazione Adda-Bergamo-Brescia-Mantova-Po, Palazzolo sull Oglio (Bs). De Stefani L.,Coccoli C. (a cura di) (2011), Guerra, monumenti, ricostruzione, Padova. Di Donato V. (2006), ISTRIANIeri, Gavardo (Bs). Di Gennaro A., Dominico D., Lovatti M., (1980), La ricostruzione edilizia a Brescia ( ), in Brescia negli anni della ricostruzione , a cura di Chiarini R., Brescia, pp Facchini F. (1980), Alle origini di Brescia industriale, Brescia. Faini M. (1977), Cento anni. Il movimento cattolico bresciano dal 1878 al 1977, Brescia. Fantoni F. (1953), Il traforo del Castello, in Ingegneria e industria in terra bresciana, a cura di Zucchelli N., Brescia, pp Fappani A. (1974), Cattolici nella resistenza bresciana, Roma Fappani A. (1975), P. Giulio Bevilacqua. Prete a cardinale sugli avamposti, Verona. Fappani A. (1979), Padre Marcolini un prete fuori serie, Brescia. Fappani A. (1979), Padre Giulio Bevilacqua. Il cardinale-parroco, Brescia Fappani A., Castelli C. (1988), Il prete di tutti Ottorino Marcolini, Brescia. Feroldi F. (1976), Il reddito in provincia di Brescia, in Notiziario economico bresciano, n. 3, Brescia. Fiorani A., Lega A. (1998), 1948: tutti armati, Milano. Fondazione Calzari Trebeschi (a cura di) (1980), Marzabotto, Brescia, Bologna: il lungo cammino delle stragi fasciste, Brescia. Fontana E. (2011), Storie Democristiane Bresciane, Gianico (Bs). 17

18 Fontana S. (2007), Dal dopoguerra ai giorni nostri, in Valtrompia nella storia a cura di Fappani A., Brescia, vol. II, pp Franzinelli M. (1983), La Valcamonica nella ricostruzione ( ), Esine (Bs). Franzinelli M. (1985), Democrazia e socialismo in Valcamonica, Esine (Bs). Franzinelli M. (1988), Democrazia e socialismo in Valcamonica, Esine (Bs). Frati V., Massa R., Piovanelli G., Robecchi F. (1989), Le città nella storia d Italia. Brescia, Roma-Bari. Galli L. (1975), Incursioni aeree su Brescia e provincia , Brescia. Galli L. (1980), Incursioni aeree nel bresciano ( ), Brescia. Gerola U., Gaffurini P. (a cura di) (2012), Dal ciancol alla playstation. Appunti per una storia di San Polo storico, Brescia. Ghislandi G. (1957), Socialismo e ricostruzione, Brescia. Giannarini M. (1998), Alle origini dell egemonia democristiana a Brescia, Brescia. Giarratana A. (1934), Viaggio per metropoli, Brescia. Giarratana A. (1957), L industria bresciana e i suoi uomini negli ultimi cinquant anni, Brescia. Gregorini G. (2008), Problemi e scelte nell economia e nella società bresciane dopo la liberazione, in Dopo la liberazione. L Italia nella transizione tra la guerra e la pace: temi, casi, storiografia, a cura di Botteri I., Brescia, pp Gregorini G. (2004), La cultura e i problemi dell industrializzazione bresciana: Giulio Bevilacqua e Ottorino Marcolini, in A servizio dello sviluppo. L azione economico-sociale delle congregazioni religiose in Italia tra Otto e Novecento, a cura di Taccolini M., Milano, pp Gregorini G. (2008a), Uno, nessuno e centomila. Imprenditorialità e sviluppo dei sistemi locali: appunti per un profilo storico camuno, in Civiltà bresciana, a (b), n.1-2, pp Gregorini G. (a cura di) (2009), Mario Faini tra lavoro e politica, Brescia. La nuova dimensione urbana. Temi e problemi della politica urbanistica a Brescia, Atti del Convegno tenutosi alla Camera di commercio di Brescia il 13 e 14 ottobre 1995, Brescia L area metropolitana bresciana: la risorsa Asm, Atti del seminario per amministratori pubblici tenutosi a Gussago (Bs) il 18 marzo 1985, Brescia. Manzoni G. (1953), Il ripristino della cupola del Duomo di Brescia, in Ingegneria e industria in terra bresciana, a cura di Zucchelli N., Brescia, pp Minelli S. (1991), La finestra sul corso, Brescia. Mocarelli L.(2010), Edilizia, mercati immobiliari ed economia, in Nuovi percorsi della Storia economica, a cura di M. Taccolini, Brescia. Nardini F. (1982), Brescia e provincia. Storia per date dalla preistoria al 1980, Brescia. Nardini F. (1991), Ottant anni con la città. Breve storia dell Asm di Brescia , Brescia. Nel trigesimo della morte di S. E. Monsignore Giacinto Tredici Arcivescovo-Vescovo di Brescia (1964), Brescia. Nicoletto I. (1981), Anni della mia vita ( ), a cura di Corsini P., Sciola G., Brescia. Onger A. (1978), La stampa a Brescia: appunti e documenti del secondo dopoguerra, Brescia. Onger A., (1985), L informazione economica a Brescia. Realtà produttive e stampa locale dall Unità ad oggi, in Maestri e imprenditori. Un secolo di trasformazioni nell industria a Brescia, a cura di Cattini M., Romani M. A., Brescia, pp

19 Onger S., Taccolini M. (a cura di) (2003), Studi di storia moderna e contemporanea, Brescia. Panazza G. ( ), Il volto storico di Brescia, Brescia. Pasquini L., Del Barba A., Cremona A. (2010), Brescia Voci, suoni e immagini delle lotte operaie nella Ricostruzione, Brescia. Pedrocco G. (2000), Bresciani dal rottame al tondino. Mezzo secolo di siderurgia ( ), Milano. Petrillo G. (a cura di) (1985), Profondo nord. La Camera del lavoro di Brescia , Roma. Porta G. (a cura di) (1998), Alle origini della Repubblica. L Italia tra guerra, resistenza, ricostruzione, Brescia. Porta G. (a cura di) (2001), Cento anni con i lavoratori. La Fiom di Brescia dal 1901 al 2001, Brescia. Radaeli P. (1976), La dinamica demografica in provincia di Brescia dal 1946 al 1975, in Notiziario economico bresciano, n. 4, giugno 1976, pp Ragni F. (2009), Municipalizzati Breve storia di Asm di Brescia, Brescia. Rinaldi Bruno (1982), Storia disegnata della Camera del lavoro di Brescia. Materiali della mostra grafica per il 90 della Camera del lavoro di Brescia al Quadriportico, Brescia. Rivista «Prodotto nazionale e commercio estero» (a cura di) (1957), Monografia illustrata di Brescia e provincia, Brescia. Robecchi F. (2006), Brescia tra Ricostruzione e Boom. Edilizia e urbanistica dal 1945 al 1965, Brescia. Robecchi F. (2009), Due secoli di trasporti pubblici nel bresciano, Roccafranca (Bs). Rupeni A. (1997), Storia e futuro di un impresa: il caso dell Asm di Brescia, Brescia. Savoldi R. (1980), Problemi della ricostruzione nell attività del CLN provinciale ( ), in Brescia negli anni della ricostruzione , a cura di Chiarini R., Brescia, pp Sciola G. (1980), Brescia 1945: dalla liberazione alla crisi del governo Parri, in Brescia negli anni della ricostruzione , a cura di Chiarini R., Brescia, pp Sciola G. (1987), Brescia Ricostruzione e rinascita del comune democratico, Brescia. Secchia P., Frassati F. (1962), La Resistenza e gli alleati, Milano. Spinoni R., Taurchini A. (1994), Il gasometro di Brescia come reperto di archeologia industriale, Tesi di laurea in architettura, Politecnico di Milano, Anno accademico , Quaderni di sintesi, n. 45, Brescia. Squassoni C., Squassoni Negri M. (a cura di) (1991), OM. Una storia nella storia, Brescia. Stella G. (1987), Padre Giulio Bevilacqua e altri saggi, Brescia. Taccolini M. (2005), Il secondo Novecento bresciano: strutture e trasformazioni di un modello di sviluppo, in Taccolini M., Busi M., Aperti al futuro. Sessant anni di Acli bresciane, Milano, pp Taccolini M. (a cura di) (2004), A servizio dello sviluppo. L azione economico-sociale delle congregazioni religiose in Italia tra Otto e Novecento, Milano. Tagliacarne G. (1951, 1961,1971), I conti provinciali e regionali, Unioncamere, Roma. Tedeschi M. (2003), Il calore e la città Teleriscaldamento, il caso bresciano: premesse, implicazioni, sviluppi, Brescia. Tedeschi M. (2008), Il Palazzo e la Città. Storia del consiglio comunale di Brescia dal 1946 al 2006, Brescia. Tedoldi L. ( ), La liberazione della città in L antifascismo bresciano dal 1920 al 1945, pp Treccani G. P. (2007), «Costruire, non ricostruire». Danni bellici e restauri nel nucleo antico di Brescia (1944- ), in Storia urbana, n , pp Treccani G. P. (2008), Monumenti alla guerra. Città, danni bellici e ricostruzione nel secondo dopoguerra, Milano. 19

20 Trezzi L. (1996), Gli anni della «ricostruzione» dell economia bresciana ( ), in Brescia e il suo territorio, a cura di Rumi G., Mezzanotte G., Cova A., Brescia, pp Valzelli G., De Zan F. (a cura di) (1998), Omaggio a Bruno Boni, Brescia. Varini V. (2001), Concorrenza e monopolio nel settore elettrico. L Asm di Brescia dalle origini agli anni Sessanta, Milano. Varini V. (2007), Un secolo vissuto con energia: storia del servizio elettrico Asm, Brescia. Vecchi L. (2002), La stazione ferroviaria e porta stazione a Brescia, Brescia. Zane M. (1992), Stimatissimo Istituto. Lettere e richieste allo Iacp dal dopoguerra ad oggi, Brescia. Zane M. (2000), Storia dell Istituto autonomo case popolari, Brescia. Zane M. (2001), Alfredo Giarratana, Brescia. Zane M. (2002), Brescia: dal gas di città al metano, Brescia. Zane M. (2003), Custodire la città. Il Corpo di Polizia Municipale di Brescia in 130 anni di storia ( ), Brescia. Zane M. (2007), Cent anni tanto per cominciare, Brescia. Zaniboni F. (1992), La città negata. Brescia contemporanea, Brescia. Zaninelli S. (2007), Economia, impresa e lavoro nella Lombardia della seconda metà del Novecento, in Zaninelli S., Cafaro P., Locatelli A., La banca delle imprese. Storia del Mediocredito lombardo. Uno sviluppo possibile, Roma-Bari, pp Zucchelli N. (a cura di) (1953), Ingegneria e industria in terra bresciana, Brescia. Bibliografia specifica sull edilizia popolare A.B.R.E. (1971), L edilizia abitativa economico-popolare in Provincia di Brescia dal 1946 al 1970, Brescia. Bazoli L. (1976), Brescia centro storico e edilizia popolare, in «Edilizia popolare» a cura dell Associazione nazionale fra gli istituti autonomi e consorzi case popolari, Roma, pp Cittadini P. (2012), Esodo a Brescia, Brescia. Conosciani L., D Albergo S., Mattioni E., Tortoreto E. (1969), L organizzazione pubblica dell edilizia. Gli Iacp nella programmazione economica, Milano. Di Donato V. (2006), ISTRIANIeri, Gavardo (Bs). Fabbri M. (1983), L urbanistica italiana dal dopoguerra ad oggi, Bari. Feroldi F. (1953), Problemi finanziari dell attività edilizia, «Il Risparmio», n. II, Milano. Feroldi F. (), L edilizia in Lombardia in Economia della Regione Lombarda, Cassa di risparmio delle Province lombarde, Milano. Gasparelli L. (1961), Edilizia popolare ed economica, Milano. La nuova dimensione urbana (1997), Atti del Convegno tenutosi a Brescia il 13 e 14 ottobre 1995 presso la Camera di commercio, Brescia. Lombardi G. (1976), Il piano del centro storico di Brescia e i primi interventi di edilizia popolare, in «Edilizia popolare» a cura dell Associazione nazionale fra gli istituti autonomi e consorzi case popolari, Roma, pp Lumley R., Foot J. (a cura di) (2007), Le città visibili. Spazi urbani in Italia, culture e trasformazioni dal dopoguerra ad oggi, Milano. 20

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE www.istvap.it 1 ISTVAP ha quattro anni di vita ISTVAP sta per compiere quattro anni di vita. Anni di attività che hanno portato alla scoperta dell importanza del concetto di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Arch. Bernardino Stangherlin PROGETTO SIRENA NAPOLI (un intervento di recupero edilizio diffuso)

Arch. Bernardino Stangherlin PROGETTO SIRENA NAPOLI (un intervento di recupero edilizio diffuso) ISTITUTO NAZIONALE DI URBANISTICA INU GRUPPO DI LAVORO VULNERABILITA SISMICA URBANA E RISCHI TERRITORIALI CONVEGNO SICUREZZA SISMICA NEGLI EDIFICI STORICI AGGREGATI SALONE DEL RESTAURO DI FERRARA Sala

Dettagli

CAPITOLO 5 PP. 229-281

CAPITOLO 5 PP. 229-281 CAPITOLO 5 PP. 229-281 Il Secondo dopoguerra L Italia esce sconfitta dalla 2ª G.M. ma profondamente rinnovata: Passa da una strategia di sviluppo c.d. ISI, ISI = Industrializzazione Sostitutiva di Importazioni;

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA Legge 1977003 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

Statuto dell associazione nazionale di promozione sociale. Art. 1 Costituzione

Statuto dell associazione nazionale di promozione sociale. Art. 1 Costituzione Statuto dell associazione nazionale di promozione sociale Art. 1 Costituzione 1. E costituita l associazione di promozione sociale a carattere nazionale denominata ANTEAS Servizi (Associazione nazionale

Dettagli

Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni di PRG : Contenuti specifici degli strumenti urbanistici Il Piano di Lottizzazione

Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni di PRG : Contenuti specifici degli strumenti urbanistici Il Piano di Lottizzazione Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2015/2016 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Fondamenti di diritto urbanistico L'attuazione delle previsioni

Dettagli

FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI PER ENTI NO PROFIT CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL FOTOVOLTAICO

FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI PER ENTI NO PROFIT CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL FOTOVOLTAICO C.N.E.C. CENTRO NAZIONALE ECONOMI DI COMUNITA 00167 ROMA VIA CARDINAL MASTRANGELO, 59 TELEFONO 06.66.04.33.73 FAX AUTOMATICO 06.66.04.28.83 ADERENTE ALLA CONSULTA NAZIONALE DELLE AGGREGAZIONI LAICALI e-mail:

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011 Oggetto: Progetto integrato per la tutela attiva dei locali storici del commercio: censimento dei negozi storici in Sardegna. L Assessore del Turismo, Artigianato e Commercio evidenzia che l'attuale crisi

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94.

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94. Il riordino dei servizi idrici è stato avviato in Italia con la legge 36/94 (c.d. Legge Galli) che al fine di superare la frammentazione gestionale e ridurre i livelli di inefficienza produttivi ed infrastrutturali

Dettagli

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate 339 3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate Osservando lo sviluppo strutturale di Limbiate dal punto di vista storico, urbano e sociale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4536 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI Disposizioni per ridurre il disagio abitativo mediante la partecipazione delle regioni

Dettagli

PUBBLICAZIONI. Libri e dispense a stampa

PUBBLICAZIONI. Libri e dispense a stampa PUBBLICAZIONI Libri e dispense a stampa 2007 La regola dell arte. Manuale di legislazione urbanistica e regolamentazione edilizia, Edizioni di Legislazione Tecnica, Roma 2007, pp. 186 + CD-Rom 2004 Negoziazione

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 Il settore residenziale FONTI E CRITERI METODOLOGICI

RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 Il settore residenziale FONTI E CRITERI METODOLOGICI RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 data di pubblicazione: 14 maggio 2013 periodo di riferimento: anno 2012 Le informazioni rese nel presente rapporto sono di proprietà esclusiva dell Agenzia delle Entrate. Non

Dettagli

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 14 del 22/7/2009 1 REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA 34 REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 15/I93197/2003 P.G. NELLA SEDUTA DEL 02/02/2004 Art. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010

Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010 9 marzo 2011 Compravendite immobiliari e mutui III trimestre 2010 L Istat diffonde i dati, relativi al terzo trimestre 2010, delle convenzioni contenute negli atti notarili inerenti sia la compravendita

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

Dalle Province alle Città metropolitane. Firenze 22 ottobre 2013

Dalle Province alle Città metropolitane. Firenze 22 ottobre 2013 Dalle Province alle Città metropolitane Firenze 22 ottobre 2013 1 Il caos del Disegno di legge del Governo: una legge in attesa di Il Disegno di Legge sulle Città metropolitane riscrive le leggi su queste

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 95 DEL 5-12-1977 REGIONE SICILIA. Interventi in favore delle cooperative edilizie.

LEGGE REGIONALE N. 95 DEL 5-12-1977 REGIONE SICILIA. Interventi in favore delle cooperative edilizie. Legge 1977095 Pagina 1 di 7 LEGGE REGIONALE N. 95 DEL 5-12-1977 REGIONE SICILIA Interventi in favore delle cooperative edilizie. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 55 del 10 dicembre

Dettagli

Art.3 Dalle provvidenze della presente legge sono esclusi gli alberghi e le altre opere che siano classificabili superiori alla seconda categoria.

Art.3 Dalle provvidenze della presente legge sono esclusi gli alberghi e le altre opere che siano classificabili superiori alla seconda categoria. Legge Regionale 18 marzo 1964, n. 8 Provvidenze a favore dell industria alberghiera e turistica. Il Consiglio Regionale ha approvato Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge: Art.1

Dettagli

Il mercato del credito

Il mercato del credito Il mercato del credito 1 Gli sportelli bancari In riferimento alla distribuzione del numero di istituti bancari per sede amministrativa e del numero di sportelli per localizzazione geografica, i dati statistici

Dettagli

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Statuto STATUTO FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Articolo 1 È costituita ai sensi dell art. 12 e seguenti del Codice Civile per volontà del CREDITO VALTELLINESE

Dettagli

Compravendite immobiliari e mutui IV trimestre 2009

Compravendite immobiliari e mutui IV trimestre 2009 8 giugno 2010 Compravendite immobiliari e mutui IV trimestre 2009 L Istat diffonde i dati, relativi al quarto trimestre 2009, delle convenzioni contenute negli atti notarili inerenti sia la compravendita

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Alberto Gagliardi Sottosegretario agli Affari Regionali

Alberto Gagliardi Sottosegretario agli Affari Regionali Alberto Gagliardi Sottosegretario agli Affari Regionali Verso la conferenza nazionale per la casa Torino 19 novembre 2004 1 Intervento del Sottosegretario di Stato Alberto Gagliardi Presidente, autorità,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem Relazione del Presidente Dino Piacentini Assemblea Generale Aniem 26 giugno 2015 Cari amici e colleghi, anzitutto grazie. Per aver condiviso un percorso in un periodo non certo facile per le nostre imprese,

Dettagli

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 Antonio PIZZINATO scaletta Relazione -Teniamo questa riunione del Comitato regionale ANPI Lombardia, per compiere una riflessione sull attuale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2581 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIULIETTI Iniziative e manifestazioni per la celebrazione del sessantesimo anniversario della

Dettagli

VADEMECUM UFFICIO PACE

VADEMECUM UFFICIO PACE VADEMECUM UFFICIO PACE In questi ultimi anni, in molti comuni italiani, si è andata diffondendo la pratica dell istituzione di un ufficio pace. Ma che cosa sono questi uffici? E di cosa si occupano? Attraverso

Dettagli

(Approvato dall Assemblea dei Sindaci ATI 3 con Deliberazione n. 1 del 19/01/2015)

(Approvato dall Assemblea dei Sindaci ATI 3 con Deliberazione n. 1 del 19/01/2015) Atto di indirizzo alla VUS spa sul contenimento dei costi del personale in attuazione dell art. 18 comma 2 bis della legge n. 133 del 2008, come modificato dall art. 19 della l. 102/2009, dall art. 1 comma

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 56384 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche 6 SCHEDA DI RILEVAZIONE - SOGGETTO PRODUTTORE ENTE 8 Codice Ente Denominazione Denominazione parallela Sede Casa della Serenità del Comune

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA SOMMARIO Premesse:... 2 I fattori di contesto... 2 Gli immobili facenti parte del patrimonio

Dettagli

VALORE UNITARO PROPOSTO PER LA MONETIZZAZIONE DEL PARCHEGGIO PUBBLICO E STIMA DEL VALORE DEL VERDE PUBBLICO

VALORE UNITARO PROPOSTO PER LA MONETIZZAZIONE DEL PARCHEGGIO PUBBLICO E STIMA DEL VALORE DEL VERDE PUBBLICO VALORE UNITARO PROPOSTO PER LA MONETIZZAZIONE DEL PARCHEGGIO PUBBLICO E STIMA DEL VALORE DEL VERDE PUBBLICO IL sottoscritto Architetto Fabio Alderotti, nato ad EMPOLI, il 26/03/1060 con studio ad EMPOLI

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA VENDITA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE Adottato con deliberazione consiliare n.22 dd. 4 maggio 1998. Modificato con deliberazione consiliare

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2680 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato JANNONE Disposizioni per favorire l avvio di nuove attività imprenditoriali da parte dei

Dettagli

Maranhão: Progetto d investimento immobiliare

Maranhão: Progetto d investimento immobiliare Maranhão: Progetto d investimento immobiliare Premessa E noto a tutti come il Brasile rappresenti una delle grandi economie emergenti, caratterizzate da tassi di crescita elevati e relativamente stabili

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

Percorso storico-culturale della professione di Assistente Sociale

Percorso storico-culturale della professione di Assistente Sociale Percorso storico-culturale della professione di Assistente Sociale L assistenza verso i poveri ed i bisognosi è stata storicamente gestita dagli istituti ecclesiastici e dalle organizzazioni caritatevoli

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA AZIONE CATTOLICA ITALIANA ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA Approvato dall assemblea diocesana del 1 aprile 2006 Dichiarato conforme dal consiglio nazionale del 10-11 giugno 2006 Integrato

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 336. Istituzione della «Giornata nazionale della sicurezza sul lavoro» d iniziativa del senatore DE POLI

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 336. Istituzione della «Giornata nazionale della sicurezza sul lavoro» d iniziativa del senatore DE POLI Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 336 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore DE POLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 MARZO 2013 Istituzione della «Giornata nazionale della sicurezza sul

Dettagli

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI ORIGINI Dopo l approvazione della proposta della città di Almeria per il recupero del suo centro storico, nel giugno del 2008, nel contesto

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI

L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI Roma 25 luglio -- Nel 2013 il mercato della terra ha continuato a mostrare segnali di cedimento. Secondo gli operatori del settore,

Dettagli

LAVORO IN VALLE BREMBANA E VALLE IMAGNA

LAVORO IN VALLE BREMBANA E VALLE IMAGNA LAVORO IN VALLE BREMBANA E VALLE IMAGNA ALLEGATO 2 Premessa Le Valli Brembana e Imagna sono oggi tra le aree più problematiche in Provincia di Bergamo, per quanto riguarda l occupazione. La crisi della

Dettagli

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare,

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare, Viene posto quesito inerente all attività agrituristica, con particolare riferimento alle tipologie di locali che possono essere utilizzati per lo svolgimento di tale attività, per meglio comprendere se

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA Prof.ssa Stefania Manfrellotti 2 LA I GUERRA MONDIALE Con lo scoppio della prima guerra mondiale, le spese dello Stato

Dettagli

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate Sommario La Consob ha concluso l iter di approvazione della nuova disciplina sulle operazioni con parti correlate effettuate, direttamente o tramite società controllate, da società che fanno ricorso al

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

[VENETO: LA CIG DI GIUGNO 2012 E NEL

[VENETO: LA CIG DI GIUGNO 2012 E NEL 2012 [VENETO: LA CIG DI GIUGNO 2012 E NEL PRIMO SEMESTRE DI 2009-2010-2011-2012] [Nel mese di giugno la domanda di Cig in Veneto rimane nella media dei mesi di questo primo semestre del 2012. Cresce però,

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Venezia Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1)

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Venezia Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 215 Venezia VENEZIA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 215 1 Venezia Evoluzione delle compravendite Figura 1 Settore residenziale Settore

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA

OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA PERIODO DI RIFERIMENTO NOVEMBRE 2007 - MARZO 2008 - 2 - SOMMARIO Premessa L indagine ha l obiettivo di valutare l andamento del mercato

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE NORME URGENTI A SOSTEGNO DELLE VITTIME DEI FALLIMENTI IMMOBILIARI E MISURE DI PREVENZIONE

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE NORME URGENTI A SOSTEGNO DELLE VITTIME DEI FALLIMENTI IMMOBILIARI E MISURE DI PREVENZIONE PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE NORME URGENTI A SOSTEGNO DELLE VITTIME DEI FALLIMENTI IMMOBILIARI E MISURE DI PREVENZIONE Consigliere Enrico Fontana RELAZIONE Sono numerose (si stima 200.000) le famiglie che

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2776 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NARDUCCI, DI BIAGIO Princìpi generali concernenti l informazione italiana per l estero e

Dettagli

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 La crisi economica europea ha avuto importanti conseguenze sulla tutela dei diritti fondamentali a causa della riduzione

Dettagli

STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE E FINALITA DELL ENTE

STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE E FINALITA DELL ENTE STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE E FINALITA DELL ENTE ART.1 Costituzione e sede E costituito in Milano con sede in Piazza Castello, 3 la Fondazione E.S.A.E. Tale Ente, Ente Morale di diritto privato a norma

Dettagli

IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011

IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011 IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011 Nell ambito di un orientamento strategico fortemente indirizzato all innovazione e allo sviluppo

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

Introduzione. Cos è EPIQR? A chi si rivolge EPIQR?

Introduzione. Cos è EPIQR? A chi si rivolge EPIQR? La Comunità Europea presenta EPIQR. Questo software nasce per ripensare e migliorare la gestione degli immobili, sensibilizzando in particolare sugli aspetti energetici e di qualità dell ambiente interno

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Scuola Michele Pironti : la decisione

Scuola Michele Pironti : la decisione Scuola Michele Pironti : la decisione La decisione di ricostruire la Scuola è stato un atto dovuto. La relazione finale sullo stato di sicurezza del vecchio edificio scolastico rilevò un elevato grado

Dettagli