CITTA DI MOGLIANO VENETO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTA DI MOGLIANO VENETO"

Transcript

1 Allegato 3) alla delibera del Commissario Straordinario assunta con i poteri del C.C. n. 22 del 05/05/2009 RELAZIONE sulle modalità di raccolta e gestione dei dati utilizzati per la creazione della matrice e la valutazione dei parametri per il rilascio delle autorizzazioni all esercizio dell attività di somministrazione alimenti e bevande TITOLO I Quadro generale Risulta necessario e propedeutico alla stesura dei criteri di programmazione per il rilascio di autorizzazioni all esercizio dell attività di somministrazione di alimenti e bevande, analizzare lo stato del comune sotto l aspetto urbanistico - ambientale, economico, demografico. PROFILO DEMOGRAFICO Per delineare il profilo demografico del territorio sono stati utilizzati i dati forniti dall ufficio anagrafe del Comune. Dal 2000 ad oggi l andamento demografico evidenzia, con la sola eccezione per gli anni 2001/2002, la tendenza ad un costante incremento della popolazione residente, che passa da abitanti nel 2000 a abitanti nel Popolazione Popolazione al 31/12 al 31/

2 ANNO M NATI DECEDUTI IMMIGRATI EMIGRATI POP AL 31/12 Variazione F TOT M F TOT M F TOT M F TOT M F TOT annuale , , , , , , , ,01 Tabella 1 Media ultimi 5 anni 0,79 L analisi disaggregata dei dati permette di comprendere come tale crescita sia da imputare non tanto ad una differenza tra nati e deceduti, quanto a quella tra emigrati ed immigrati (tabella 2). NATI DECEDUTI IMMIGRATI EMIGRATI ANNO M F TOT M F TOT M F TOT M F TOT Differenza nati/deceduti Differenza immigrati/emigrati Tabella 2 La popolazione straniera nel periodo 2000/2008 è costantemente cresciuta ed anche il rapporto tra il numero degli stranieri e il totale della popolazione residente nel Comune è in aumento (tabella 3) ANNO STRANIERI Variazione Totale stranieri su M F TOT annuale residenti totale residenti , , , , , , , , , , , , , , , ,01 Cittadini stranieri Cittadini italiani 2

3 Tabella 3 La popolazione residente al 31/12/2008 nel territorio comunale è distribuita nel territorio comunale come segue: QUARTIERE su totale residenti QUARTIERE su totale residenti CAMPOCROCE 5,94 OVEST GHETTO 16,15 ZERMAN 4,75 CENTRO NORD 17,57 BONISIOLO 2,96 CENTRO SUD 13,75 MAZZOCCO TORNI 11,11 EST 20,64 MAROCCO 7,12 Tabella 4 3

4 PROFILO URBANISTICO-AMBIENTALE Il Comune di Mogliano Veneto, il cui territorio si estende per 46,15 kmq denota una connotazione prevalentemente residenziale e di servizi. Il centro risulta essere completamente urbanizzato, a differenza delle frazioni che presentano ancora una vocazione agricola del territorio. Negli ultimi anni, la perdita del ruolo primario e trainante dell agricoltura ha ampliato sempre più il ruolo residenziale, quale supporto delle carenze insediative dei Comuni limitrofi ed in modo particolare di Mestre-Venezia. Una particolare tendenza all urbanizzazione si rileva, altresì, lungo l asse viario portante nella direzione nord-sud, cioè lungo Strada Statale 13 Pontebbana (Terraglio), anche se il fenomeno appare più evidente verso Venezia-Mestre. Lo sviluppo del nucleo urbano si è storicamente sedimentato lungo i principali assi viari, in particolare a ridosso dell incrocio fra il Terraglio ed i percorsi verso Scorzè da una parte e verso l Altinate e Casale dall altra - Strada Provinciale 64 Zermanesa. In esso si sono inizialmente sviluppate, oltre alla residenza, le principali attività produttive prevalentemente commerciali da cui è discesa la precipua funzione emporiale e direzionale, in relazione al proprio comprensorio di Mogliano Veneto. Diversi i criteri di sviluppo del capoluogo rispetto le frazioni. Quest ultime, infatti, non sono state coinvolte nella prima fase di sviluppo, conservando le loro caratteristiche di nuclei agricoli; solo successivamente, a seguito della saturazione delle aree centrali, si è assistito ad uno sviluppo delle stesse. Quindi, il Comune di Mogliano Veneto risulta caratterizzato: - dalla spiccata urbanizzazione del nucleo urbano, quasi perfettamente centrale al territorio; - dalla sua propagazione naturale lungo il Terraglio, soprattutto verso sud; - dall esistenza di nuclei urbani minori inseriti in un ambito territoriale prettamente agricolo, nel quale, nell ultimo decennio, si sono insediate attività produttive industriali e artigianali, e precisamente nell area sita nel settore di Zerman, in prossimità dell allacciamento autostradale denominata SPZ e nell area Ovest denominata SAPIM. Marcata è la presenza, in funzione di barriera, della linea ferroviaria che taglia il territorio comunale secondo la direttrice nord-sud, mentre meno sensibile sembra la presenza del tracciato autostradale in quanto lo stesso non interferisce con i centri urbani e con i principali snodi di traffico. 4

5 PROFILO ECONOMICO (PRODUTTIVO) Dal Rapporto annuale sull economia trevigiana 2007 L economia reale dal punto di osservazione delle Camere di Commercio si ricavano dati utili a delineare il profilo produttivo/economico del Comune. Il settore produttivo prevalente è quello del commercio al dettaglio e all ingrosso (28,7), seguito da quello delle costruzioni (16,1), delle attività immobiliari, di noleggio, informatica e ricerca (15,4), dell agricoltura (13,2) e delle attività manifatturiere (11,3). Rispetto al 2006 il numero complessivo di imprese attive è aumentato di 54 unità, da 1836 nel 2006 a 1890 nel 2007 (tabella 5) A B C D E F G H I J K M N O P X agricoltura, caccia, silvicoltura pesca, piscicultura e connessi estrazione di minerali attività manifatturiere energia elettrica, acqua, gas costruzioni commercio ingr. e dett., rip. beni alberghi e ristoranti trasporti, magazzinaggio e comunicazioni intermediazione monetaria e finanziaria attività imm, noleggio, inform, ricerca istruzione sanità e altri servizi sociali altri servizi pubblici, sociali e personali servizi domestici presso famiglie e convivenze imprese non classificate TOTALE Tabella 5 Dall analisi puntuale dei dati si evince che in relazione alla totalità delle imprese indicate (1890), le imprese artigiane hanno un influenza pari al 28 come di seguito illustrati (tabella 6). A B C D E F G H I J K M N O P X agricoltura, caccia, silvicoltura pesca, piscicultura e connessi estrazione di minerali attività manifatturiere energia elettrica, acqua, gas costruzioni commercio ingr. e dett., rip. beni alberghi e ristoranti trasporti, magazzinaggio e comunicazioni intermediazione monetaria e finanziaria attività imm, noleggio, inform, ricerca istruzione sanità e altri servizi sociali altri servizi pubblici, sociali e personali servizi domestici presso famiglie e convivenze imprese non classificate TOTALE Tabella 6 Quasi la metà (47,9) delle imprese attive nel 2007 sono state costituite dopo il 2000 (tabella 7). < e oltre TOTALE Tabella 7 5

6 Nel 2007 a Mogliano V.to erano presenti 310 esercizi di commercio in sede fissa con una superficie di vendita totale di mq di cui mq 1821 destinati alla vendita del settore alimentare (44 esercizi) e mq destinati alla vendita del settore alimentare (185 esercizi). Relativamente all economia insediata nell anno 2008: ECONOMIA INSEDIATA AL 31/12/2008 Esercizi Acconciatori ed estetisti 48 Commercio su A. P. Su posteggio 154 Itinerante 38 Distributori di carburante 9 Commercio in sede fissa Esercizi di vicinato 293 Rivendite di giornali 21 Esercizi di somministrazione Somministrazione in locali aperti al pubblico 100 Circoli privati 9 Igiene Pubblica Lavanderie e stirerie 5 Igiene veterinaria Allevamenti e pensioni per cani 1 Polizia amministrativa Autonoleggio con conducente 14 Autonoleggio senza conducente 11 Noleggio autobus 6 Servizio di noleggio atipico 2 Autorimesse 11 Taxi 3 Direttori e istruttori di tiro 1 Produttori agricoli Vendita diretta in locali aperti al pubblico 25 Strutture sanitarie e sociali 18 Strutture ricettive Affittacamere, agriturismo, alberghi, bed & breakfast, unità abitative Tabella

7 TITOLO II Analisi dei fattori utilizzati per costituire la matrice La popolazione totale è costituita dalla popolazione residente e dalla popolazione fluttuante. LA POPOLAZIONE RESIDENTE È quella risultante al 31 dicembre 2008 all anagrafe del Comune. Tale dato, utilizzato con il dettaglio della via e frazione di residenza, è stato ripartito tra le varie zone nelle quali la via ricade. Per le vie ricadenti in più zone la popolazione è stata attribuita in base al centro abitato di appartenenza, qualora coincidente con i confini di zona, oppure attraverso una attribuzione tra ciascuna zona direttamente proporzionale al numero di abitazioni della via ricadenti in ciascuna di esse. La popolazione residente, nella sua totalità, viene utilizzata al fine di commisurare la domanda stabile di servizi di somministrazione. Per quanto riguarda ulteriori caratteristiche della popolazione, quali classi età, sesso, composizione dei nuclei, si è ritenuto di trascurare tale dettaglio in quanto scarsamente rilevante ai fini di una programmazione di esercizi di somministrazione i quali, nelle loro molteplici tipologie ed articolazioni del servizio, possono indirizzare il loro servizio indifferentemente a tutta la popolazione residente. LA POPOLAZIONE FLUTTUANTE La stima della popolazione fluttuante mira a misurare l entità di una domanda aggiuntiva (o potenziale) di servizi di somministrazione, derivante da segmenti di popolazione diversi da quella residente. In via generale, la popolazione fluttuante deve considerare sia i movimenti sistematici che avvengono sul territorio (per studi e lavoro), sia i movimenti occasionali che possono concorrere nel fabbisogno di servizio. Tale analisi viene articolata nei suoi diversi fattori: a) da traffico La stima ha lo scopo di quantificare il flusso di persone e veicoli che transitano su strade Statali, Regionali, Provinciali o comunque di rilevanza extracomunale, caselli autostradali, presenti nel territorio comunale. Tale fenomeno viene rilevato stimando il flusso nelle sue componenti e quindi applicando a questo una probabilità di fermata. Il numero di veicoli che transitano giornalmente sulle strade individuate viene quindi moltiplicato per un coefficiente di utilizzo del veicolo pari ad 1,3 persone per ciascun mezzo e ad un coefficiente del 0,1 rappresentativo della probabilità di fermata per ogni chilometro percorso. I flussi utilizzati per la matrice sono stati ricavati elaborando le rilevazioni reperite, attraverso la provincia, dalla banca dati regionale. Gli assi viari principali che attraversano il territorio comunale sono la Strada Statale 13 Pontebbana (Terraglio) e la SP 64 denominata Zermanesa. 7

8 013 Pontebbana Mogliano V.to Marocco sito km 7,59 data leggeri pesanti totale 12-ott ott ott nov nov nov nov dic dic gen gen feb feb mag mag giu giu giu giu giu giu giu totale media giornaliera possibilità di fermata Zermanesa Mogliano V.to sito km 20 data leggeri pesanti totale 07-lug lug lug lug lug lug lug lug lug nov nov nov nov dic dic gen gen gen gen feb feb mag mag mag mag giu giu giu giu totale media giornaliera 9211 possibilità di fermata 12 Tabella Zermanesa Mogliano V.to sito km 28,8 data leggeri pesanti totale 18-feb feb feb feb feb feb feb totale media giornaliera 6132 possibilità di fermata 8 8

9 Non si è tenuto conto dei dati relativi ai flussi dei veicoli provenienti dal casello autostradale, essendo questo situato lungo la S.P. 64 Zermanesa e quindi ricadente nelle rilevazioni dei flussi effettuate lungo la provinciale stessa. Relativamente ai flussi generati dalla presenza nel territorio della stazione ferroviaria sono stati utilizzati i dati del censimento 2001 relativi agli spostamenti casa-lavoro e casa-studio. Nella matrice è stato utilizzato il dato relativo alla popolazione che utilizza il treno per uscire da Mogliano Veneto. La stazione ferroviaria infatti è un nodo di scambio che garantisce circa ogni mezz ora un treno sull asse Udine Venezia e concentra una moltitudine di persone che arrivano in macchina o autobus da località o Comuni limitrofi. Diversamente, la popolazione che utilizza il treno per raggiungere Mogliano Veneto non è stata conteggiata nella matrice come popolazione fluttuante da traffico, poiché risulta compresa nelle voci del lavoro, studio o quant altro. Utilizzo del treno per uscire da Mogliano V.to per venire a Mogliano V.to per motivi di lavoro per motivi di studio totale Tabella 10 Dai dati del censimento 2001 si evince inoltre che 1269 persone si recano a Mogliano Veneto utilizzando mezzi pubblici. Risulta però difficile individuare un criterio con cui attribuire questo dato ad ogni zona. In modo similare a quanto detto relativamente alla popolazione in entrata a Mogliano con il treno, si può inoltre ipotizzare che l utilizzo dell autobus sia riferito a persone che arrivano presso il posto di lavoro o l istituto scolastico e quindi la loro incidenza sulla popolazione fluttuante sia già contenuta in questo dato. 9

10 b) da poli di attrazione Per poli di attrazione si intendono ambiti, aree o edifici che generano attrazione nei confronti di popolazione da fuori Comune in modo non costante nel corso dell anno. Per ciascuno polo individuato si è provveduto quindi a stimare un ipotetico giorno di massima domanda potenziale, ossia un picco di presenze. I dati sono stati forniti dall ufficio cultura e dall ufficio sport del Comune di Mogliano Veneto. Nella realtà locale sono stati considerati poli d attrazione le strutture o i luoghi dove si svolgono iniziative per l intero anno o per una parte considerevole di esso. Dai dati forniti dagli uffici competenti si evidenziano altre zone e luoghi che potenzialmente potrebbero configurarsi come polo di attrazione ma che si è ritenuto al momento di non considerare in quanto l attrattiva si conclude in un unica giornata all anno: due mercatini dell antiquariato (25 aprile e 8 dicembre), 2000 persone centro storico; palio dei quartieri (ultimo fine settimana di settembre), 4000 persone centro storico; Per filo e per segno, (due sere a luglio), 600 persone, previsto catering Campocroce; fiere e sagre, prevedono tutte stand gastronomici intero territorio comunale; Mogliano tra parchi e ville, (2^ domenica settembre), 350 persone centro storico. Luogo Periodo Iniziativa Presenze giornaliere (picco massimo di una giornata) Piazzetta Teatro Da giugno ad Estate moglianese: rassegne di Teatro 650 centro storico agosto Popolare, Jazz, Cinema, spettacoli vari Centro sociale Tutto l anno Mostre - Convegni 150 centro storico Il Brolo Tutto l anno Mostre - Esposizioni 130 centro storico Villa Benetton Tutto l anno Museo del ferro del M Toni Benetton 80 Marocco Cinema Teatro Busan centro storico Auditorium Astori centro storico Biblioteca via De Gasperi - centro Stadio Comunale via Ferretto - est Stadio del Rugby via Colelli - est Tutto l anno escluso agosto Spettacoli cinematografici Spettacoli Teatrali 400 Tutto l anno Varie 380 Tutto l anno Incontri in Biblioteca Scrittura d Autore Altro Cinema 80 Tutto l anno atletica leggera, calcio, intrattenimento 4000 Tutto l anno 6000 Tabella 11 10

11 c) da turismo Per il dato della popolazione da turismo si è preso in esame il dato statistico ufficiale che è basato sulle presenze nelle strutture ricettive fornito dalla Provincia di Treviso. Se le presenze rapportate alle capacità ricettive rappresentano un valore senz altro indicativo per località a forte vocazione turistica, soprattutto "residenziale", non lo sono altrettanto invece per i luoghi in cui la presenza di visitatori è funzionale, prevalentemente, ad una fruizione limitata nel tempo di attrattive artistiche, naturali, gastronomiche, ecc. che vengono, per così dire, consumate nella località di riferimento ma di cui non resta alcuna traccia nella statistica ufficiale e che sono quindi quantificabili, con discreta approssimazione, solo attraverso ricerche ed analisi mirate molto accurate. Si ritiene pertanto di riferire il fenomeno del turismo solo alle statistiche ufficiali, come detto limitate ai pernottamenti, mentre i siti turistici che attraggono in modo non costante un turismo di tipo non residenziale possono essere considerati tra i poli di attrazione ARRIVI PRESENZE RAPPORTO 1,80 1,93 2,12 1,95 1,89 1,96 1,83 2,00 2,08 2,21 2,38 2,06 Tabella 12 PRESENZE TURISTICHE 2008 Alberghi Complementari Totali Presenze Posti letto Presenze Posti letto Presenze Posti letto Tabella 13 11

12 Il dato considerato è quello basato sulle presenze medie giornaliere nel Non potendo disporre dei dati per ogni singola struttura, al fine di distribuire le presenze nelle singole zone individuate, si è scelto di rapportare le presenze, distinte per alberghi e strutture complementari, in base ai posti letto. Affittacamere indirizzo posti letto 2008 presenze giornaliere via Altinia , via Torni , Agriturismo via Roette , Unità abitative ammobiliate Alberghi Bed & Breakfast Via Zara, 22/8 2 0, Via Toti dal Monte, 18/6 4 0, via Marconi 73, 81 e , Via Malombra, 6 6 0, Via Marconi, , via Torni , via Bonisiolo 16/b 77 36, via Don Bosco , via Preganziol , via Terraglio , Via Montegrappa , p. zza Duca D'Aosta , Via Terraglio n , via Marignana 45/A 86 41, Via Altinia 101/B 22 10, Via Terraglio, , Via Barbiero n. 68/A 2 0, Via Zero Branco, 7/A 5 0, Via Casoni, , Via Marignana n , Via Malombra, 41/A 6 0, Via Nino Bixio, 4 4 0, Via Pirandello, , Via Malombra, 6 5 0, Via San Michele 33/B , Via Marignana n ,

13 d) da istituzioni Le istituzioni individuate, che hanno una rilevanza tale da generare un flusso di popolazione fluttuante all interno dell area comunale che usufruisce dei servizi offerti, sono: due istituti scolastici superiori; enti pubblici Punto Comune, biblioteca comunale; distretto socio sanitario. 1) Per quanto riguarda la popolazione fluttuante per motivi scolastici si sono considerati gli studenti delle scuole superiori di secondo grado (Liceo Scientifico Berto, Collegio Salesiano Astori) oltre i soli studenti delle Medie dell Astori in quanto provenienti in gran parte da fuori comune. Gli studenti delle altre scuole medie presenti nel territorio, oltre a quelli delle scuole primarie si ritengono, già considerati all interno della popolazione residente. Sono stati richiesti direttamente agli istituti scolastici interessati i dati relativi agli studenti iscritti per l anno scolastico 2008/2009. Al Collegio Salesiano Astori sono iscritti 997 studenti, tra questi 773 provenienti da altri comuni; un ulteriore distinzione riguarda i gradi d istruzione: gli studenti vengono suddivisi tra iscritti alla scuola primaria (259), alla secondaria di I grado (312) e di II grado (426). Nella matrice di programmazione si è tenuto in considerare solamente il numero di studenti iscritti alla scuola secondaria di I e II grado in quanto, per età, possono essere fruitori delle attività di somministrazione esterne all istituto. Al Liceo Statale Giuseppe Berto sono iscritti 872 studenti, di cui 531 provenienti da altri comuni. Nella matrice di programmazione si è tenuto conto della totalità degli studenti 2) Dal sito sezione statistica, è possibile scaricare annualmente la relazione sui dati e rilevazioni del Punto Comune. Gli utenti che si sono rivolti al servizio nel 2008 sono complessivamente 65910, con una media giornaliera, comprensiva del sabato, di 209 persone. 3) La Biblioteca Comunale viene considerata ai fini della nostra analisi, sotto una duplice veste, come polo d attrazione, per le iniziative culturali organizzate e, come istituzione, per i servizi di prestito libri e sala studio. Dalla relazione delle attività della biblioteca, riferita all anno 2008, si ricava che il numero di presenze complessive per l anno è di Considerando che la biblioteca, nello stesso anno è rimasta aperta 302 giorni, è possibile stimare una presenza media giornaliera di 155 utenti. 4) Il distretto socio sanitario- localizzato in centro storico - valuta un flusso giornaliero totale pari a circa 420/450 utenti. La struttura opera dal lunedì al venerdì. Nella matrice si è ritenuto opportuno calcolare 450 persone, pari al picco massimo stimato dall ULSS. Nella matrice verranno quindi considerati i seguenti dati: ISITUZIONI Numero di presenze giornaliere Collegio Salesiano Astori Centro Storico 738 Liceo Scientifico Statale G. Berto - Est 872 Punto Comune Centro Storico 209 Biblioteca Comunale Centro Storico 155 Distretto socio sanitario Centro Storico 450 Tabella 14 13

14 e) da lavoro Il censimento 2001 riporta un dato di 7044 persone che si recano a Mogliano per motivi di lavoro. Tale dato è però aggregato e non permette una suddivisione delle persone in base alla zonizzazione scelta. E stato quindi richiesto alla Camera di Commercio di Treviso un elenco aggiornato al mese di marzo 2009 delle imprese operanti nel territorio comunale con l indicazione degli addetti. Il dato riferito al numero di addetti ricavabile da tale elenco non è aggiornato all anno in corso ma, per la maggior parte delle ditte, al Complessivamente risultano nel Comune 7597 addetti che sono stati quindi suddivisi, in base alla sede della ditta, tra le varie zone del piano. 14

15 TITOLO III Analisi dell offerta GLI ESERCIZI EQUIVALENTI L analisi dei pubblici esercizi distribuiti nel territorio, con particolare riguardo alle sue aree limitrofe, non ha evidenziato casi di esercizi posti esclusivamente o prevalentemente al servizio di popolazione residente e fluttuante di altri Comuni limitrofi. Non si ravvisa quindi la necessità di applicare a nessuna zona un coefficiente percentuale (indicatore di attrazione) volto a depurare il numero di esercizi presenti nella zona dalla quota teorica di esercizi che può essere ritenuta a servizio delle aree extracomunali. Per il calcolo degli indicatori della matrice sono stati considerati gli esercizi di somministrazione alimenti e bevande attualmente autorizzati ed operanti o sospesi. L articolo 8, comma 7, della LR 29/07 prevede che l esame della domanda sia subordinato all indicazione della zona o dei locali nei quali s intende esercitare l attività. L ufficio ha così proceduto: nelle domande indicanti i locali si è considerato l esercizio come già autorizzato e quindi conteggiato nel calcolo degli indicatori; diversamente, per le domande non indicanti i locali ma genericamente la zona, che per l attuale programmazione è unica, non è stato possibile procedere alla collocazione dell attività. Sono fatti salvi i diritti delle ditte che hanno presentato domanda di autorizzazione prima dell adozione dei presenti criteri, per le quali in base ai precedenti parametri, era già stato avviato il procedimento per il rilascio dell autorizzazione. ALTRE FORME DI SOMMINISTRAZIONE Non si ritiene di tener conto delle attività di produzione/vendita di prodotti alimentari (gastronomia, pizza al taglio, rosticceria, pasticcerie, ecc.) in quanto intese prevalentemente alla mera produzione e vendita dei prodotti più che alla loro somministrazione. 15

16 ZONA 1 ZONA 2 ZONA 3 1 GALL. AVOGADRO DEGLI AZZONI 9 5 PIAZZA DEI CADUTI 24 6 PIAZZA DONATORI DI SANGUE 12 7 PIAZZA DUCA D'AOSTA 32 A 8 PIAZZA DUCA D'AOSTA 39 9 PIAZZA DUCA D'AOSTA PIAZZA DUCA D'AOSTA VIA DEGLI ALPINI 8 32 VIA DON BOSCO GIOVANNI VIA DON BOSCO GIOVANNI VIA DON BOSCO GIOVANNI 11 D 35 VIA DON BOSCO GIOVANNI VIA DON BOSCO GIOVANNI VIA DON BOSCO GIOVANNI VIA DON BOSCO GIOVANNI VIA GRIS COSTANTE VIA GRIS COSTANTE 3 47 VIA MARCONI GUGLIELMO 14 A 48 VIA MARCONI GUGLIELMO 9 49 VIA MARCONI GUGLIELMO 17 A 50 VIA MARCONI GUGLIELMO VIA MATTEOTTI GIACOMO VIA MATTEOTTI GIACOMO 8 B 56 VIA MATTEOTTI GIACOMO 31 C 60 VIA PIA VIA ROMA VIA ROMA VIA ROMA VIA TERRAGLIO 6 A 89 VIA TOTI DAL MONTE 4 90 VIA TOTI DAL MONTE VIA TOTI DAL MONTE 1 95 VIA ZARA 5 57 VIA MONTE PASUBIO VIA ROMA 70 A 2 GALLERIA MORO ALDO 2 3 GALLERIA MORO ALDO 11 4 LARGO SAN MARCO 4 12 PIAZZA PIO X VIA ABBA GIUSEPPE CESARE 5 18 VIA BARBIERO FRANCESCO VIA BARBIERO FRANCESCO 81 G 20 VIA BARBIERO FRANCESCO 84 F 46 VIA MARCONI GUGLIELMO VIA OLME VIA OLME VIA RONZINELLA 172 C 73 VIA RONZINELLA VIA RONZINELLA 118 ZONA 3 ZONA 4 77 VIA RONZINELLA VIA TAVONI GAETANO VIA TERRAGLIO VIA TERRAGLIO VIA TERRAGLIO VIA TERRAGLIO VIA VANZO 7 93 VIA VENTIQUATTRO MAGGIO VIA ZENONE 1 A 97 VIA ZERMANESA VIA ZERMANESA 46 B 100 VIA ZERMANESA VIA BARBIERO FRANCESCO VIA MACHIAVELLI VIA MACHIAVELLI VIA PRA' DEI ROVERI 2 E ZONA 5 30 VIA DEL MOLINO 100 ZONA VIA ZERO BRANCO 28 ZONA 7 25 VIA CHIESA ZERMAN VIA CHIESA ZERMAN 25 A 64 VIA PREGANZIOL 1 ZONA 8 40 VIA GIOTTO DA BONDONE 9 ZONA 9 ZONA 10 ZONA 11 ZONA VIA ALTINIA 30 C 16 VIA ALTINIA VIA ALTINIA VIA DEL COTONE 1 A 86 VIA TORNI VIA TORNI VIA TORNI VIA RONZINELLA VIA RONZINELLA VIA RONZINELLA VIA VIVALDI ANTONIO PIAZZA SANT' ANTONIO 11 D 53 VIA MARIGNANA 79 VIA TERRAGLIO VIA TERRAGLIO 91 ZONA VIA GHETTO 71 Residuale 21 VIA BIANCHI 1 C 22 VIA BIANCHI VIA BONISIOLO 16 B 24 VIA CASALE SUL SILE VIA DEL MOLINO VIA DELLA CROCE VIA MALOMBRA 4 B 51 VIA MARIGNANA 45 A 52 VIA MARIGNANA VIA PRA DEI ROVERI 4 99 VIA ZERMANESA 83 A 102 VIA ZERO BRANCO

17 TITOLO IV La ripartizione in zone SCELTA DI FONDO NELLA ZONIZZAZIONE Le zone sono state delimitate compatibilmente con lo strumento urbanistico e a seguito di analisi del territorio - anche sotto il profilo ambientale, demografico ed economico - cercando di mantenere una certa omogeneità di connotazione all interno di ciascuna di esse, giuste le definizioni date dal D.M. 1444/1968 integrate con le delimitazioni esistenti dei centri abitati, dei vincoli ambientali e paesaggistici. SCHEDE DESCRITTIVE DEI PROFILI DI CIASCUNA ZONA ZONA 1 Centro Storico Profilo demografico Profilo urbanistico ambientale Sintesi e possibili interazioni Zona con 1275 residenti. Sono presenti 8444 unità di popolazione fluttuante (23 da traffico, 5290 da poli di attrazione, 139 da turismo, 1552 da istituzioni, 1440 da lavoro) La zona rispecchia la zonizzazione individuata dal PRG vigente e denominata ZTO A. L area ospita funzioni miste, residenza, direzionale e commerciale, oltre che una ex zona industriale denominata area Macevi, per la quale è previsto un piano di recupero. Sono presenti manufatti storici di pregio, quali la chiesa e gli edifici ad essa annessi, alcuni palazzi di inizio 900 ed alcune ville ottocentesche. Sebbene la zona sia attraversata per un breve tratto dalla linea ferroviaria, quest ultima non si percepisce come una barriera fisica in quanto l ampio e ben strutturato sottopasso pedonale mette in diretto collegamento due aree pedonali, diventando esso stesso elemento di continuità. L area è inoltre attraversata da due importanti strade, il Terraglio e via Zermanesa. Si tratta di una zona dedita principalmente ad attività terziarie, in prevalenza direzionale e commerciale, oltre che ad ospitare uffici e servizi pubblici a servizio dell intera cittadinanza. In futuro, con la realizzazione del piano di recupero per l ex area industriale si prevede un aumento delle attività e dei residenti. Si tratta in sostanza di una zona che possiede una serie di connotati che la rendono facilmente riconoscibile dalle altre zone limitrofe, in quanto, ospitando molte funzioni terziarie e molti poli attrattivi, possiede le caratteristiche del centro urbano attrattore, dispensando servizi ed oppurtunità ai city-users ed alla cittadinanza intera. Relativamente alla zona 1 - Centro Storico - si ritiene opportuno scorporare, per un periodo temporalmente circoscritto coincidente con la I^ fase della presente programmazione, l area denomina Ex Macevi, evidenziata nella cartografia con specifica retinatura. L area in parola è infatti oggetto di un piano di recupero in fase di approvazione che ne varierà, in maniera radicale, la destinazione e le funzioni, trasformandola da insediamento produttivo dismesso in avanzato stato di degrado a nuovo e moderno centro residenziale e direzionale. In ogni caso, la durata temporale del suddetto periodo è suscettibile di essere prorogata fino ad attuazione del predetto piano urbanistico. In tale fase transitoria si ritiene opportuno equiparare, quanto al regime programmatorio, l area denominata Ex Macevi, alle restanti zone residuali. Tale impostazione si rende necessaria al fine di assicurare al futuro insediamento abitativo un idonea dotazione di servizi funzionali ai bisogni residenziali e ad assicurare un adeguata qualità al nuovo organismo urbano. 17

18 ZONA 2 Mogliano Ovest Profilo demografico Zona con 3398 residenti. Sono presenti 592 unità di popolazione fluttuante (7 da traffico, 300 da poli di attrazione e 285 da lavoro) Profilo urbanistico ambientale La zona si estende ad ovest della linea ferroviaria. Il tessuto urbano è costituito in gran parte da zone residenziali. Si tratta di una zona dedita principalmente alla residenza. Sintesi e possibili interazioni Si tratta in sostanza di una zona che per soddisfare molte delle necessità dei propri residenti, usufruisce dei servizi presenti nella zona 1. ZONA 3 Mogliano Est Profilo demografico Profilo urbanistico ambientale Sintesi e possibili interazioni Zona con residenti. Sono presenti 6402 unità di popolazione fluttuante (82 da traffico, 3500 da poli di attrazione, 79 da turismo, 872 da istituzioni, 1934 da lavoro) La zona si estende ad est della linea ferroviaria, ed è delimitata a nord dal fiume Zero. L abitato è in prevalenza costituito da zone residenziali, alcune aree PEEP e da un area dedicata ai servizi sportivi ubicata nel mezzo della zona individuata. Si tratta di una zona dedita principalmente alla residenza ma sono comunque presenti alcune aree dedicate al commercio al dettaglio e numerosi uffici distribuiti in maniera abbastanza diffusa all interno dell area. L area è inoltre attraversata da due importanti strade, il Terraglio e via Zermanesa. Si tratta in sostanza di una zona che possiede molte delle caratteristiche dell area residenziale, infatti, la presenza abbastanza diffusa di attività commerciali è funzionale alle necessità dei residenti. ZONA 4 SAPIM Profilo demografico Profilo urbanistico ambientale Sintesi e possibili interazioni Zona con 194 residenti. Sono presenti 889 unità di popolazione fluttuante (11 e 878 da lavoro) La zona è sita a sud dell area 2 ed è delimitata ad est dalla linea ferroviaria. L area è costituita in prevalenza dalla zona industriale denominata SAPIM, a sud di questa si trova una piccola area misto residenziale-artigianale. Si tratta di una zona dedita principalmente all artigianato e alla piccola industria leggera. Si tratta in sostanza di una zona ben definita, in quanto ospita funzioni produttive non presenti nelle aree attigue. ZONA 5 Zona Molino Profilo demografico Zona con 198 residenti. Sono presenti 321 unità di popolazione fluttuante (300 da poli di attrazione e 21 da lavoro) Profilo urbanistico ambientale La zona è un piccolo aggregato di manufatti di carettere quasi esclusivamente residenziale. Le aree edificate sono individuate dal PRG come ZTO E4. Si tratta di una zona dedita principalmente alla residenza e con una vocazione di natura rurale. Sintesi e possibili interazioni Si tratta in sostanza di una zona residenziale di carattere rurale. 18

19 ZONA 6 Campocroce Profilo demografico Zona con 777 residenti. Sono presenti 362 unità di popolazione fluttuante (300 da poli di attrazione e 62 da lavoro) Profilo urbanistico ambientale Il tessuto urbano è costituito in gran parte da zone residenziali. Si tratta di una zona dedita principalmente alla residenza. Sintesi e possibili interazioni La zona possiede alcune attività commerciali funzionali alle necessità della piccola frazione. ZONA 7 Zerman Profilo demografico Zona con 643 residenti. Sono presenti 414 unità di popolazione fluttuante (14 da traffico, 300 da poli di attrazione, 41 da turismo, 59 da lavoro) Profilo urbanistico ambientale Il tessuto urbano è costituito in gran parte da zone residenziali, ma sono anche presenti un piccolo centro storico ed alcune aree dedicate ai servizi e allo sport. Sebbene mantenga le caratteristica di un area residenziale, importanti sono i vicini hotels e il golf club. Sintesi e possibili interazioni La zona possiede alcune attività commerciali funzionali alle necessità della piccola frazione, nonchè alcune strutture (golf ed hotels) di prestigio e di richiamo nazionale. ZONA 8 SPZ Profilo demografico Profilo urbanistico ambientale Sintesi e possibili interazioni Zona con 41 residenti. Sono presenti 1253 unità di popolazione fluttuante, tutte da lavoro. La zona si estende ad est dell autostrada A4, all altezza del casello autostradale, mentre a sud ed est è delimitata da via Casale sul Sile. L area è costituita in prevalenza dalla zona industriale denominata SPZ Si tratta di una zona dedita principalmente all artigianato e all industria. Si tratta in sostanza di una zona ben definita, in quanto ospita funzioni produttive non presenti nelle aree attigue. ZONA 9 Bonisiolo Profilo demografico Zona con 524 residenti. Sono presenti 334 unità di popolazione fluttuante (300 da poli di attrazione, 13 da turismo, 31 da lavoro) Profilo urbanistico ambientale La zona è un piccolo aggregato di manufatti di carettere quasi esclusivamente residenziale. Si tratta di una zona dedita principalmente alla residenza e con una vocazione di natura rurale. Sintesi e possibili interazioni Si tratta in sostanza di una zona residenziale di carattere rurale. ZONA 10 Torni Profilo demografico Profilo urbanistico ambientale Sintesi e possibili interazioni Zona con 1509 residenti. Sono presenti 447 unità di popolazione fluttuante (300 da poli di attrazione, 14 da turismo, 133 da lavoro) La zona si sviluppa lungo via Torni ed è delimitata a nord dal fiume Zero, a sud da un canale di scolo e a est dall autostrada. L area è un aggregato di manufatti di varia natura e funzioni. La residenza svolge un ruole rilevante, come anche le aree dedicate al commercio, come anche la struttura medico-sanitaria dell Istituto Gris. Commerciale/residenziale La zona possiede alcune attività commerciali funzionali alle necessità dei residenti come anche delle zone attigue. 19

20 ZONA 11 Mazzocco Profilo demografico Profilo urbanistico ambientale Sintesi e possibili interazioni Zona con 1219 residenti. Sono presenti 399 unità di popolazione fluttuante (300 da poli di attrazione e 99 da lavoro) La zona è delimitata a nord da un canale di scolo ed a est dall autostrada. Il tessuto urbano è costituito in gran parte da zone residenziali. Si tratta di una zona dedita principalmente alla residenza. La zona possiede alcune attività commerciali funzionali alle necessità della piccola frazione. ZONA 12 Marocco Profilo demografico Zona con 1138 residenti. Sono presenti 528 unità di popolazione fluttuante (40 da traffico, 332 da poli di attrazione, 59 da turismo, 97 da lavoro) Profilo urbanistico ambientale La zona si sviluppa lungo ed in prossimità della direttrice del Terraglio, mentre a sud è delimitata dal fiume Dese. Il tessuto urbano è costituito in gran parte da zone residenziali. Sono inoltre presenti alcune ville venete di significativo pregio. Si tratta di una zona dedita principalmente alla residenza. Sintesi e possibili interazioni La zona possiede alcune attività commerciali funzionali alle necessità della piccola frazione. ZONA 13 Ghetto Profilo demografico Zona con 134 residenti. Sono presenti 312 unità di popolazione fluttuante (300 da poli di attrazione e 12 da lavoro) Profilo urbanistico ambientale Il tessuto urbano è costituito in gran parte da zone residenziali. Si tratta di una zona dedita principalmente alla residenza. Sintesi e possibili interazioni La zona dipende per molti servizi dal resto del territorio comunale. LE ZONE RESIDUALI Tutte le porzioni di territorio che non sono assimilabili per caratteristiche urbanistiche, economiche e demografiche alle zone sopra identificate, confluiscono in un unica Zona Residuale, che non presenta elementi di particolare criticità sotto il profilo della sostenibilità ambientale, nella quale l insediamento o il trasferimento di esercizi è soggetto alla compatibilità urbanistica ed edilizia TITOLO V Regolamento: considerazioni, interpretazioni e fonti di riferimento INTERPRETAZIONE ED UTILIZZO DEI RISULTATI DELLA MATRICE DI PROGRAMMAZIONE Conformemente alle linee guida che individuano l indicatore di sostenibilità quale criterio primario per le scelte di programmazione, si ritiene di escludere dai possibili nuovi insediamenti (aperture o trasferimenti da altra zona) le zone in cui, oltre ad una sostenibilità bassa, vi sia anche un alta accessibilità o un alta concorrenza, ovvero nel caso in cui oltre ad una scarsa capacità del territorio di assorbire nuovi esercizi sussista già un adeguata offerta di servizio. 20

21 REVISIONE ANNUALE ED AGGIORNAMENTO DEI DATI La programmazione locale ha una valenza triennale suscettibile di motivata modifica anche prima della scadenza del triennio. Per garantire un omogeneo sviluppo delle attività, si ritiene opportuno sottoporre ad una valutazione ex-post i risultati effettivamente conseguiti, tramite una revisione della programmazione comunale ad un anno dall adozione dei criteri in parola, mediante l eventuale aggiornamento della matrice con i soli dati relativi alle attivazioni (aperture e trasferimenti) e cessazioni degli esercizi di somministrazione. Pertanto, fino all effettuazione della suddetta revisione annuale, aperture, trasferimenti e cessazioni di attività non comportano la variazione delle risultanze finali della matrice. Le risultanze della matrice variata a seguito della revisione saranno sottoposte ad approvazione del Consiglio Comunale previa consultazione delle Associazioni previste dalla legge. Rimane in capo all Amministrazione la facoltà di effettuare il monitoraggio ai sensi delle linee guida regionali a seguito di trasformazioni urbane derivanti dall effettuazione di interventi della programmazione urbanistica locale tali da essere suscettibili di una motivata modifica della programmazione anche prima della scadenza del triennio. APERTURA DI NUOVI ESERCIZI IN DEROGA NON SOGGETTI A PROGRAMMAZIONE Come già spesso previsto nelle precedenti programmazioni comunali, si ritiene di prevedere il rilascio di nuove autorizzazioni in deroga in specifici contesti urbanistico-strutturali tali da ritenerne sostenibile l insediamento. Per dette attività, oltre al vincolo della non trasferibilità, possono essere previste altre puntuali prescrizioni di esercizio. AUTORIZZAZIONE PER LA SOMMINISTRAZIONE DA PARTE DI ASSOCIAZIONI E CIRCOLI PRIVATI NON AFFILIATI La legge regionale stabilisce che anche i circoli privati di cui all articolo 2 comma 4 (non affiliati), devono essere soggetti a programmazione. Pertanto si ritiene di subordinare il rilascio dell autorizzazione all esercizio di dette forme alle risultanze della matrice come per tutti gli esercizi di somministrazione. COMUNICAZIONE ESITO DI CHIUSURA DELL ISTRUTTORIA La legge regionale stabilisce all articolo 8 che il Comune deve normare appositamente il procedimento relativo all esame delle domande per le nuove aperture degli esercizi. Viene, pertanto, fissato il termine di 180 giorni, dalla data di ricevimento della comunicazione di accoglimento della domanda, per produrre la documentazione necessaria al rilascio della relativa autorizzazione. Viene inoltre fissato il termine di 180 giorni dalla data di adozione dei presenti criteri per la presentazione della documentazione necessaria al rilascio delle autorizzazioni relative alle istanze attualmente sospese e in attesa di integrazioni. SUBINGRESSO La legge regionale utilizza termini differenti quali gestione, titolarità e proprietà che sottendono a casistiche diverse di trasferimento dell azienda. Inoltre è prevista la presentazione 21

22 della comunicazione di subingresso solo nei casi di trasferimento della titolarità dell esercizio, nulla dicendo invece per quanto attiene il trasferimento in gestione. Si ritiene pertanto di adottare le seguenti procedure: - subingresso in gestione o titolarità Sia il subingresso per trasferimento della gestione che quello per trasferimento della titolarità, sono soggetti a comunicazione con successivo rilascio di autorizzazione. - subingresso in proprietà dell azienda Ai fini dell applicazione dell articolo 15 della legge regionale sul subingresso, si ritiene che l azienda sia un bene e di conseguenza sia trasferibile ad altri a prescindere dal possesso dei requisiti di cui all art. 4; cosa diversa è invece l esercizio dell attività, per il quale è indispensabile il possesso di detti requisiti (morali e professionali). MANIFESTAZIONI TEMPORANEE Si ritiene di riconoscere il carattere benefico delle manifestazioni nei casi in cui i proventi vengono destinati ad associazioni o organismi collettivi privi di scopi di lucro, ivi compreso l autofinanziamento. REQUISITI MORALI Si è inteso risolvere la problematica sorta con l'entrata in vigore della nuova legge regionale n. 29/2007, in particolare all'articolo 4, che prevede quali siano i requisiti morali ostativi all'esercizio dell'attività. Alla normativa regionale sopra citata si applicano anche le disposizioni del TULPS, si rileva un contrasto in merito ai requisiti morali previsti agli articoli 11 e 92 (ripresi anche dalla legge regionale) relativamente alla valutazione dell ostatività o meno dei vari reati. La LR stabilisce il divieto di esercizio dell attività per la durata di cinque anni a decorrere dal giorno in cui la pena è stata scontata o dal passaggio in giudicato della sentenza; il TULPS presenta una discrezionalità in tal senso all articolo 11, comma 2, diversamente dal divieto assoluto previsto dall art. 92. Di conseguenza, si ritiene che la legge regionale, avendo stabilito puntualmente i requisiti morali necessari per l esercizio dell attività di somministrazione debba intendersi quale norma speciale e pertanto vengono disattesi i requisiti del TULPS. Si riporta di seguito l interpretazione data nella relazione dei lavori preparatori della legge regionale: Per quanto riguarda i requisiti morali, è stata fatta la scelta di mantenere essenzialmente fermi quelli già individuati dalla legge 287/91, sia perché conformi a quelli previsti dagli articoli 11 e 92 del T.U.L.P.S., sia perché meglio rispondenti agli aspetti igienico sanitari e di ordine pubblico necessariamente connessi all esercizio dell attività di somministrazione. CIRCOLI PRIVATI: CONFORMITÀ EDILIZIA L interpretazione data di seguire la sola norma in materia edilizia, indipendentemente dalla destinazione urbanistica e dalla destinazione d uso dei locali, deriva sia dalle disposizioni dell articolo 32 comma 4 della legge 7 dicembre 2000, n. 383, dal disposto dell articolo 2, comma 2, del DPR 235/2001 nonché dalle sentenze T.A.R. Veneto n del 17 gennaio 2008 e T.A.R. Puglia n del 2 aprile 2008 che ribadiscono che, per le attività di cui trattasi, il solo rispetto delle prescrizioni in materia edilizia, da intendersi evidentemente come osservanza della disciplina 22

23 delle modalità costruttive (con particolare riguardo alle normative tecnico-estetiche, igienicosanitarie, di sicurezza e vivibilità degli immobili e delle pertinenze), che è cosa ben diversa dal controllo sull assetto del territorio e sul corretto sviluppo urbanistico, aspetti questi di sicuro appannaggio delle norme, per l appunto, urbanistiche. RINUNCIA DEL PROCURATORE - RECESSIONE DEL PREPOSTO UNICO CONDUTTORE Di norma la cancellazione del procuratore dal Registro Imprese avviene per iniziativa della società. Qualora la società non intenda far ciò, il procuratore deve istaurare un contraddittorio in merito al quale si pronuncerà il Giudice delle Imprese presso il Tribunale. La comunicazione di rinuncia del procuratore o di recessione del preposto dalla conduzione effettiva dell esercizio è intesa esclusivamente ai soli fini dell accertamento da parte del Comune che l attività venga effettivamente svolta a mezzo di persona in possesso dei requisiti di cui all articolo 4 della legge regionale. Dato atto che spesso tali rinunce sono conseguenti ad una scelta unilaterale, si ritiene comunque di non penalizzare l attività e, analogamente a quanto previsto dall articolo 15, comma 7, della legge regionale per le modifiche di quote societarie, di concedere la continuazione dell attività per un massimo di 30 giorni, ritenuto tempo congruo per la nomina di un sostituto. Scaduto inutilmente tale termine si procederà alla revoca dell autorizzazione nel caso non sia stato nominato un nuovo procuratore, e alla sospensione dell attività,per un massimo di 365 giorni, nel caso di mancata comunicazione del nuovo preposto. DECADENZA/REVOCA DELL AUTORIZZAZIONE AL TITOLARE PRO-TEMPORE La norma in questione intende tutelare la proprietà dell azienda (da intendersi come bene e non semplice titolarità di autorizzazione) per motivi non direttamente imputabili al proprietario bensì alla parte affittuaria. 23

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale.

Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Regolamento di procedura per l apertura delle medie strutture di vendita nel territorio comunale. Norme per l esercizio delle attività di vendita al dettaglio in sede fissa. Decreto legislativo 31 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER

REGOLAMENTO COMUNALE PER COMUNE DI SAN MARTINO DI VENEZZE PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI D.Lgs. 114/98 e L.R. n. 37/99 Aggiornato al 5 dicembre 2001 Allegato alla deliberazione

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE INDICE ARTICOLO 1 definizione ARTICOLO 2 - zone ed aree commerciali ARTICOLO 3 distanze

Dettagli

SUAP - SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE TABELLA

SUAP - SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE TABELLA COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO PROVINCIA DI VERONA SUAP - SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE TABELLA DEI DIRITTI DI ISTRUTTORIA DIFFERENZIATI PER TIPOLOGIA DI SETTORE DI ATTIVITA (ART. 4 C. 13 DEL D.P.R.

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica)

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica) REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO Articolo 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento disciplina la forma di ricettività denominata Albergo Diffuso nei centri storici urbani, di cui all articolo 12,

Dettagli

Controlli sulle imprese

Controlli sulle imprese Controlli sulle imprese Art. 25 del d.lgs. 33/2013 Oggetto dei controlli è la verifica della conformità delle attività esercitate a quanto autorizzato, ovvero del contenuto delle dichiarazioni rilasciate

Dettagli

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza

COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza PIANO DI LOCALIZZAZIONE DEI PUNTI VENDITA ESCLUSIVI DI QUOTIDIANI E PERIODICI E DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI PER PUNTI VENDITA

Dettagli

A1b) Comprende le costruzioni a residenza ordinaria e prime case di cui alla lettera A1a) con non più di tre unità abitative.

A1b) Comprende le costruzioni a residenza ordinaria e prime case di cui alla lettera A1a) con non più di tre unità abitative. COSTI DI COSTRUZIONE STABILITI CON DELIBERA DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 1132 DI DATA 27.05.2011 IN VIGORE DAL 08.06.2011, ED ADEGUATI ALLE DISPOSIZIONI DI CUI ALLA DELIBERA DELLA GIUNTA PROVINCIALE N.

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DIREZIONE REGIONALE,TRASPORTI, INFRASTRUTTURE,MOBILITA E LOGISTICA

GIUNTA REGIONALE DIREZIONE REGIONALE,TRASPORTI, INFRASTRUTTURE,MOBILITA E LOGISTICA GIUNTA REGIONALE DETERMINAZIONE N. 13/2012/ DE10 DEL 20/ 02/ 2012 DIREZIONE: SERVIZIO: UFFICIO: DIREZIONE REGIONALE,TRASPORTI, INFRASTRUTTURE,MOBILITA E LOGISTICA TRASPORTO PUBBLICO LOCALE SU GOMMA E FERRO

Dettagli

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE 1. Finalità del regolamento 2. Definizione di attività temporanee e tipologie consentite 3. Deroghe

Dettagli

OGGETTO: parere in merito al regime autorizzativo di impianti fotovoltaici collocati su serre

OGGETTO: parere in merito al regime autorizzativo di impianti fotovoltaici collocati su serre DIREZIONE GENERALE PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E NEGOZIATA, INTESE. RELAZIONI EUROPEE E RELAZIONI SERVIZIO AFFARI GENERALI, GIURIDICI E PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA INTERNAZIONALI IL RESPONSABILE GIOVANNI

Dettagli

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare,

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare, Viene posto quesito inerente all attività agrituristica, con particolare riferimento alle tipologie di locali che possono essere utilizzati per lo svolgimento di tale attività, per meglio comprendere se

Dettagli

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI DEI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE URP E TUTTE LE ALTRE UNITA ORGANIZZATIVE DEL COMUNE Visione atti e rilascio di copie atti e provvedimenti:

Dettagli

TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA PORTALE SUAP VIGENTI DAL 01/01/2016

TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA PORTALE SUAP VIGENTI DAL 01/01/2016 TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA PORTALE SUAP VIGENTI DAL 01/01/2016 * L insediamento di una NUOVA attività economica all interno del Centro Storico è ESENTE DAL PAGAMENTO DEI DIRITTI SUAP PER TRE ANNI dalla

Dettagli

Anagrafe Immigrazione da altro Comune o dall estero 2 6 Serv. Anagrafe Emigrazione in altro Comune o all estero 5 6 Serv

Anagrafe Immigrazione da altro Comune o dall estero 2 6 Serv. Anagrafe Emigrazione in altro Comune o all estero 5 6 Serv TIPOLOGIA OGGETTO DEL PROCEDIMENTO TERMINE FINALE (in giorni) Andrano Anagrafe Immigrazione da altro Comune o dall estero 2 Anagrafe Emigrazione in altro Comune o all estero 5 Anagrafe Trasferimenti di

Dettagli

Comune di Chiaravalle

Comune di Chiaravalle ALLEGATO A - NUOVE TARIFFE (approvate con Delibera G.C. n. del ) Determinazione dei valori dei Diritti di Segreteria istituiti con il comma 10 dell art. 10 del D.L. 18/01/1993 n. 8, convertito con Legge

Dettagli

20. DEFINIZIONE DELLE ESIGENZE DI SVILUPPO Il PS individua alcune azioni di particolare rilevanza per le principali SEL e più precisamente: - La riqualificazione dell offerta turistica con particolare

Dettagli

SETTORE 6^ SVILUPPO ECONOMICO E MARKETING TERRITORIALE RESPONSABILE DR.SSA ELENA CHIESA ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

SETTORE 6^ SVILUPPO ECONOMICO E MARKETING TERRITORIALE RESPONSABILE DR.SSA ELENA CHIESA ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI SETTORE 6^ RESPONSABILE DR.SSA ELENA CHIESA ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI 1. 2. 3. 4. 5. 6. Denominazione COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SCIA APERTURA ESERCIZIO DI VICINATO SCIA TRASFERIMENTO

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

COMUNE DI MONTEGIORGIO

COMUNE DI MONTEGIORGIO COMUNE DI MONTEGIORGIO (Provincia di ASCOLI PICENO) STUDIO PRELIMINARE DI FATTIBILITA FINALIZZATO ALL AMPLIAMENTO DEL CENTRO COMMERCIALE ROSSETTI Località: Via Faleriense Est, 81 63025 Montegiorgio (AP)

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

Distributori di carburanti

Distributori di carburanti Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio marzo 2015 Distributori di carburanti Criteri semplificati per la caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica dei suoli e delle acque

Dettagli

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA

NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Comune di Padova NORME PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO SU AREA PRIVATA IN SEDE FISSA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 dell'8 ottobre 2012 In vigore dal

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA ( D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE. Il / La sottoscritto/a.. Codice fiscale... Data di nascita./. /...Cittadinanza...

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA ( D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE. Il / La sottoscritto/a.. Codice fiscale... Data di nascita./. /...Cittadinanza... AL COMUNE DI AZZATE Ufficio Commercio DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA ( D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE Il / La sottoscritto/a.. Codice fiscale........ Data di nascita./. /.....Cittadinanza....... Luogo

Dettagli

TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA

TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA C I T T A D I C O R S A N O (Provincia di Lecce) 73033 via Della Libertà Tel. 0833/531170 531190 Fax: 0833/531122 C.F. 00392220752 www.comune.corsano.le.it pec: comune.corsano@pec.rupar.puglia.it utccorsano@pec.it

Dettagli

Diritti di Istruttoria e di Segreteria Settore Attività Produttive Servizio S.U.A.P.

Diritti di Istruttoria e di Segreteria Settore Attività Produttive Servizio S.U.A.P. I DIRITTI di ISTRUTTORIA e di SEGRETERIA Servizio S.U.A.P. I costi relativi alla domanda ( e di segreteria necessari ad ottenere concessioni, autorizzazioni, pareri, nulla osta, etc.) variano a seconda

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI ALL APERTO

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI ALL APERTO Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI ALL APERTO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 57 del 22/12/2009 INDICE Art. 1 Art. 2 Art.

Dettagli

Comune di Trevignano Romano

Comune di Trevignano Romano Comune di Trevignano Romano (Prov. di Roma) REGOLAMENTO IN MATERIA DI FUNZIONAMENTO E RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER SALE GIOCHI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 51 del 13.10.2009 INDICE

Dettagli

SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E MARKETING TERRITORIALE

SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E MARKETING TERRITORIALE SETTORE COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SCIA APERTURA, TRAFERIMENTO, SUBINGRESSO, AMPLIAMENTO/RIDUZIONE ESERCIZIO DI VICINATO COMMERCIO ELETTRONICO SCIA APERTURA, SUBINGRESSO, VARIAZIONE SITO WEB, ATTIVITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNALE DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE NEL COMUNE DI MONTESPERTOLI

PROGRAMMAZIONE COMUNALE DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE NEL COMUNE DI MONTESPERTOLI PROGRAMMAZIONE COMUNALE DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE NEL COMUNE DI MONTESPERTOLI Indice Art. 1 Principi generali Art. 2 Zonizzazione Art. 3 Abilitazione all esercizio dell attività:

Dettagli

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita codice fiscale cittadinanza sesso

luogo di nascita provincia o stato estero di nascita data di nascita codice fiscale cittadinanza sesso spazio per la protocollazione MEDIE STRUTTURE DI VENDITA con superficie di vendita superiore a 1.500 metri quadrati Domanda di commerciale articolo 18, comma 2 della legge regionale 28/12/2012, n. 50 ALLO

Dettagli

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI 1.4. Commercio e attività produttive 1.4 ANALISI E DATI Lo spazio attualmente occupato dal commercio e delle attività produttive è l 11% del territorio, pari 1.707.968 mq.

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni RELAZIONE INDICE Premessa Struttura del Piano Obiettivi del Piano Allegato A Premessa Il linguaggio pubblicitario e commerciale, se da una parte è da

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna 1 COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna Area Programmazione e Gestione del Territorio ALLEGATO 1 DETERMINAZIONE VALORI DI RIFERIMENTO DELLE AREE INSERITE NEL P.R.G., NEL P.S.C. E NEL R.U.E.

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

RISOLUZIONE N. 41/E. Roma, 23 aprile 2015

RISOLUZIONE N. 41/E. Roma, 23 aprile 2015 RISOLUZIONE N. 41/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 23 aprile 2015 OGGETTO: Piani urbanistici particolareggiati - Art. 33, comma 3, della legge n. 388 del 2000 Applicabilità regime

Dettagli

Verifiche di impatto sulla viabilità

Verifiche di impatto sulla viabilità Verifiche di impatto sulla viabilità (ai sensi della D.C.R. n 563-13414 e s.m.i.) Relazione allegata al P.E.C. del Comparto S25 per la realizzazione di nuovo insediamento commerciale-residenziale Premessa

Dettagli

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE INDICE TITOLO I Pag. 1 Art. 1 Pag.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI PORDENONE SETTORE 7 PIANIFICAZIONE EDILIZIA PRIVATA ATTIVITÀ ECONOMICHE DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Regolamento

Dettagli

a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast

a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast Cos è il Bed end Breakfast? Con la denominazione Bed & Breakfast

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

Comune di Civitella in Val di Chiana

Comune di Civitella in Val di Chiana Comune di Civitella in Val di Chiana PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Anno 2011 Approvato con DCC n.38 del 30.4.2011 Comune di Civitella

Dettagli

Comune di Borgio Verezzi Provincia di Savona

Comune di Borgio Verezzi Provincia di Savona Allegato A alla deliberazione C.C. n. 22 in data 14.6.2011. Comune di Borgio Verezzi Provincia di Savona REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DI SAGRE GASTRONOMICHE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

.ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - COMUNICAZIONE AFFIDO IN GESTIONE DI REPARTO - SEZIONE PER L AFFIDANTE IN GESTIONE

.ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - COMUNICAZIONE AFFIDO IN GESTIONE DI REPARTO - SEZIONE PER L AFFIDANTE IN GESTIONE CAPCF16C.rtf (10/2010).ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - COMUNICAZIONE AFFIDO IN GESTIONE DI REPARTO - SEZIONE PER L AFFIDANTE IN GESTIONE AL COMUNE DI * Ai sensi dell art. 8, comma 2, L.R. 13 agosto

Dettagli

Delibera G.C. N.175 Prot. 864. Seduta del 11.3.2004. Oggetto: ZTL BUS variazioni tariffarie. LA GIUNTA COMUNALE

Delibera G.C. N.175 Prot. 864. Seduta del 11.3.2004. Oggetto: ZTL BUS variazioni tariffarie. LA GIUNTA COMUNALE Delibera G.C. N.175 Prot. 864 Seduta del 11.3.2004 Oggetto: ZTL BUS variazioni tariffarie. LA GIUNTA COMUNALE Su proposta dell Assessore al Turismo, Cultura e Comunicazione di concerto con il Vice Sindaco

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

Provincia di Lecco TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI SCHEDA DI DENUNCIA DEI LOCALI ED AREE TASSABILI 1) DATI RELATIVI AL DENUNCIANTE

Provincia di Lecco TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI SCHEDA DI DENUNCIA DEI LOCALI ED AREE TASSABILI 1) DATI RELATIVI AL DENUNCIANTE Si rilascia Ricevuta n. Tesserino Piattaforma Ecologica anno Secchiello per la raccolta Umido Comune di Missaglia Provincia di Lecco TASSA PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI SCHEDA DI DENUNCIA

Dettagli

COMUNE DI LOMBRIASCO

COMUNE DI LOMBRIASCO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LOMBRIASCO CRITERI PER L INSEDIAMENTO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 31 MARZO 1998 N. 114, DELLA LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 1999 N.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Legge 1995023 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Norme per i consorzi fidi di garanzia collettiva tra piccole e medie imprese. Norme interpretative e di modifica delle leggi

Dettagli

COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona. Piano comunale per il commercio su aree pubbliche durante sagre, feste o manifestazioni occasionali.

COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona. Piano comunale per il commercio su aree pubbliche durante sagre, feste o manifestazioni occasionali. COMUNE DI NOGARA Provincia di Verona Piano comunale per il commercio su aree pubbliche durante sagre, feste o manifestazioni occasionali. 1 Indice Art. 1 - Finalità Pag. 3 Art. 2 - Individuazione delle

Dettagli

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI PIANO DI PROGRAMMAZIONE COMUNALE CONCERNENTE I CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ED I CRITERI DI PROGRAMMAZIONE ALL APERTURA, AL TRASFERIMENTO DI SEDE E ALL AMPLIAMENTO DI SUPERFICIE DELLE MEDIE

Dettagli

Glossario. Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT

Glossario. Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT Glossario Tavole relative alla Rilevazione Continua sulle Forze di lavoro condotta da ISTAT Forze di lavoro: comprendono le persone occupate e quelle in cerca di occupazione. Occupati: comprendono le persone

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA BED & BREAKFAST L.R. 26.02.

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA BED & BREAKFAST L.R. 26.02. COMUNE DI TAURIANOVA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA BED & BREAKFAST L.R. 26.02.2003 N 2 Approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA approvato con D.C.C. n. 15 del 10/03/2014 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2 Abilitazione professionale e requisiti Art. 3 Luogo di svolgimento dell attività Art. 4

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER L AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE E PER L OSPITALITA TEMPORANEA IN ALLOGGI DI E.R.P, DI CUI AGLI ARTT. 25, c. 6 d) E 27 DELLA L.R. N. 24/2001. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

Al SIGNOR SINDACO del Comune di MEOLO

Al SIGNOR SINDACO del Comune di MEOLO Al SIGNOR SINDACO del Comune di MEOLO Oggetto: Segnalazione certificata di inizio dell attività di somministrazione alimenti e bevande nelle mense aziendali. L.R. 21.09.2007 n. 29, art. 9 comma 1 lett.

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA

RELAZIONE VIABILE. Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA RELAZIONE VIABILE Committente: GDC Cast S.p.A. Località: Via Vicenza, 62/bis 36071 Arzignano (VI) Progetto: AUMENTO CAPACITÀ PRODUTTIVA Data: 26 febbraio 2015 Autori: arch. Roberta Patt INDICE 1 INTRODUZIONE...2

Dettagli

Formazione Lavoratori, Preposti e Dirigenti

Formazione Lavoratori, Preposti e Dirigenti EcoGeo S.r.l. Formazione - Sicurezza Formazione Lavoratori, Preposti e Dirigenti Accordo del 21 dicembre 2011 Conferenza permanente per i rapporti tra lo stato le regioni e le provincie autonome di Trento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI RICORRENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI RICORRENTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MANIFESTAZIONI RICORRENTI Il presente Regolamento ha lo scopo di definire gli ambiti autorizzatori e gli aspetti connotativi delle varie manifestazioni ricorrenti con

Dettagli

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_05

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_05 AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive - Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 maggio 2009 OGGETTO: Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d impresa Chiarimenti

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ CASE E APPARTAMENTI PER VACANZE Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentante legale,

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 2.536 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA

CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA CONSIGLIO REGIONALE DI BASILICATA Legge Regionale: Norme sulla sanatoria degli abusi edilizi di cui all art. 32 del Decreto Legge 30.09.2003, n. 269. * * * * * * * * * Articolo 1 Oggetto della legge 1.

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 7644 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 38 del 14-03-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 Procedimenti amministrativi in materia di commercio: Attuazione della direttiva 2006/123/CE

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

ISTRUZIONI ALL USO DELLA SCIA

ISTRUZIONI ALL USO DELLA SCIA ISTRUZIONI ALL USO DELLA SCIA 1) Che cos è la SCIA? La SCIA - Segnalazione di Inizio Attività (Produttiva) - è la dichiarazione che, correttamente compilata e consegnata, consente di iniziare, modificare

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia

SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia Tipologia atto Dichiarazione di inizio attività produttiva, ai sensi della legge regionale n. 1/2007 e n. 8/2007

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative ALLEGATO Sub.B ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 015 IN DATA 03.04.2012 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE dott. Roberto Varisco IL SEGRETARIO GENERALE dott.ssa Carmen Cirigliano Comune di

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

DOMANDE PIU FREQUENTI

DOMANDE PIU FREQUENTI DOMANDE PIU FREQUENTI REGISTRAZIONE DELLE ATTIVITA PER LE IMPRESE ALIMENTARI ISTRUZIONI PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO Regolamento CE 852/2004, Decreto legislativo n. 193/2007, Delibera Giunta Regione

Dettagli

attività artigianale acconciatori e barbieri Comunicare la modifica degli orari di apertura nell'attività di Scia / comunicazione

attività artigianale acconciatori e barbieri Comunicare la modifica degli orari di apertura nell'attività di Scia / comunicazione Elenco interventi pubblicati sul portale "Su@p on line" per i quali è obbligatorio l'invio telematico macro settore settore attività Intervento Tipo procedimento acconciatori e barbieri Aprire l'attività

Dettagli

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport...

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport... SOMMARIO: 1. PREMESSA... 1 2. CONTENUTI DELLA VARIANTE... 2 2.1. Soppressione di un'area classificata come aree turistiche di nuovo impianto dal P.R.G. Vigente e inserimento di previsione di area per impianti

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE 1) Cosa è un attività Turistica Ricettiva? DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE Si definisce attività Ricettiva Turistica quella diretta alla produzione ed all offerta al pubblico di

Dettagli

l sottoscritt nat _ a il residente in via Società con sede in Prov. via CF iscritta alla CCIAA di n.

l sottoscritt nat _ a il residente in via Società con sede in Prov. via CF iscritta alla CCIAA di n. Al COMUNE DI POGGIARDO (Provincia di LECCE) Servizio SUAP -ATTIVITA DI BED AND BREAKFAST- SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' l sottoscritt nat _ a il residente in via n. C.F., titolare dell omonima

Dettagli

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Regime di perequazione specifica aziendale per le imprese di distribuzione elettrica con meno di 5.000 punti di prelievo, ai sensi dell articolo 38, comma

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ ASILO - NIDO Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentante legale, ubicazione intervento,

Dettagli

Al Comune di GIARRE - Attività Produttive

Al Comune di GIARRE - Attività Produttive Spazio per il Protocollo del Comune di Giarre GIARRE Scia commercio elettronico Forme speciali di vendita al dettaglio COMMERCIO ELETTRONICO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Al Comune di GIARRE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Legge 1986022 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti

COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti COMUNE DI SCERNI Provincia di Chieti Regolamento comunale per la disciplina delle sagre, feste popolari e similari e per la concessione del patrocinio e di contributi. Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 329 14.12.2015 Locazione immobili: agevolazioni fiscali Categoria: Finanziaria Sottocategoria: Sblocca Italia L art. 21, D.L. n. 133/2014 prevede

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

PI 2014 COMUNE DI CASIER

PI 2014 COMUNE DI CASIER PI 2014 COMUNE DI CASIER Variante n. 4 (Legge Regionale n. 11/2004 e s.m.i.) SCHEDE F (Art.3 L.R. 50/2012) 11.04.2014 19.12.2013 12.12.2013 06.12.2013 Elaborato 24 AREE DEGRADATE Art.3 L.R. n. 50/2012

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: AGGIORNATO IL REDDITOMETRO APPLICABILE DAL 2011 PAG. 2

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: AGGIORNATO IL REDDITOMETRO APPLICABILE DAL 2011 PAG. 2 CIRCOLARE N. 23 DEL 16/12/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: AGGIORNATO IL REDDITOMETRO APPLICABILE DAL 2011 PAG. 2 IN SINTESI: È stato recentemente pubblicato sulla

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. PIANO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (Legge Regionale 3 Marzo 1999 n.

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. PIANO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (Legge Regionale 3 Marzo 1999 n. COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI PIANO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (Legge Regionale 3 Marzo 1999 n. 9 Articolo 9) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 89 in data 27.07.1999

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011 Oggetto: Progetto integrato per la tutela attiva dei locali storici del commercio: censimento dei negozi storici in Sardegna. L Assessore del Turismo, Artigianato e Commercio evidenzia che l'attuale crisi

Dettagli

VALORE UNITARO PROPOSTO PER LA MONETIZZAZIONE DEL PARCHEGGIO PUBBLICO E STIMA DEL VALORE DEL VERDE PUBBLICO

VALORE UNITARO PROPOSTO PER LA MONETIZZAZIONE DEL PARCHEGGIO PUBBLICO E STIMA DEL VALORE DEL VERDE PUBBLICO VALORE UNITARO PROPOSTO PER LA MONETIZZAZIONE DEL PARCHEGGIO PUBBLICO E STIMA DEL VALORE DEL VERDE PUBBLICO IL sottoscritto Architetto Fabio Alderotti, nato ad EMPOLI, il 26/03/1060 con studio ad EMPOLI

Dettagli

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 08.07.2008 In vigore dal 17.09.2008 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

Il sistema economico locale: industria e terziario

Il sistema economico locale: industria e terziario Capitolo 6 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 6 Il sistema economico locale: industria e terziario In questo capitolo sono presentati gli indicatori

Dettagli