valdarno LE BUONE PRATICHE E I MERCATI DELLA TERRA NEL VALDARNO SUPERIORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "valdarno LE BUONE PRATICHE E I MERCATI DELLA TERRA NEL VALDARNO SUPERIORE"

Transcript

1 valdarno LE BUONE PRATICHE E I MERCATI DELLA TERRA NEL VALDARNO SUPERIORE 1

2 INTRODUZIONE 2 Gli attuali 9 comuni che costituiscono il Valdarno aretino contano su una popolazione di circa persone. Un terzo di questa vive ne fondovalle che nel triangolo Terranuova, San Giovanni, Montevarchi vede la grande maggioranza delle attività industriali della vallata. Le colline del Chianti che lo circondano sul lato sinistro dell Arno e il Pratomagno che lo sovrasta sul lato destro limitano questa vallata, crocevia tra le terre di Siena, di Arezzo e Firenze. Alla tradizionale cultura ed economia contadina fondata sulla mezzadria delle aree rurali, il fondovalle oltre un secolo fa proponeva una società fortemente industrializzata. Le battaglie sindacali e la lotta politica facevano crescere nel Valdarno una cultura sociale elevata votata alla partecipazione, con una crescita importante di servizi per la comunità. L abbandono delle campagna e dell area montana si legava in modo inequivocabile allo sviluppo del manifatturiero, ancora fortemente presente con il polo della moda, ed alla nascita di una miriade di piccole imprese che avrebbero definito un situazione di benessere economico e sociale importante a partire dalla fine degli anni sessanta. Negli anni settanta ed ottanta le campagne erano ancora abitate così come i piccoli paesi che costituiscono quella marea di frazioni che caratterizzano questo territorio. È nei primi anni 90 che si inizia a parlare in modo sempre più convinto di turismo rurale e agriturismo. In pochi anni questa diventerà una voce economica importante della nostra economia locale capace di compensare, anche se solamente in parte, la crisi legata alla frenata in altri settori storicamente forti nel nostro territorio, come l edilizia ed il manifatturiero. In questi anni è diventato un pensiero diffuso e condiviso che la straordinaria bellezza della nostra terra, la ricchezza storica e monumentale dei luoghi, sono la risorsa più preziosa su cui costruire processi di sviluppo compatibile e economie sociali innovative. Le aziende che riprendevano le produzioni agricole vent anni fa hanno partorito eccellenze nella produzioni di olio e vino e contribuito la recupero ed al mantenimento di parti importanti del territorio. Crediamo però che ultimamente si stiano avviando processi assolutamente rivoluzionari nelle politiche di comunità che aprano prospettive molto più ampie rispetto a quelle già considerevoli sviluppatesi in campo turistico ricettivo. La valorizzazione della terra non solo nella sua bellezza quanto nei suoi prodotti innesca passaggi virtuosi di politiche economiche sociali di comunità e il ritorno all agricoltura in collina e nell area montana. Da anni si sta diffondendo la cultura del mangiare bene e sano, della valorizzazione dei prodotti locali, della loro tracciabilità, della filiera corta e del km zero. Tutto questo non solamente in una logica di promozione turistica di territorio ma anche di consapevolezza sociale di una comunità attraverso la quale avviare progetti economici compatibili e virtuosi. Stiamo siglando insieme a slowfood, una serie di patti territoriali e progetti che sistematizzino queste esperienze e producano condizioni socio-culturali perché i cittadini pongano al centro delle politiche di comunità la terra come luogo di sviluppo e crescita di nuovi processi economici e sociali capace di ridefinire la qualità della vita di una comunità non misurandola in meri termini economici ma attraverso quel benessere che solo un vita sana ed in armonia con il proprio ambiente può garantire. 3

3 I TERRITORI DEL VALDARNO BUCINE CASTELFRANCO PIANDISCÒ Posto nella fascia dove gli estremi monti del Chianti vanno a toccare la valle superiore dell Arno, lungo il percorso del torrente Ambra nell omonima valle, il territorio del Bucine ha avuto insediamenti ed è stato zona di transito fin dai periodo etrusco - romano (come testimonia l antico ponte di Pogi). Il Territorio di Bucine e della Valdambra, collocato a poche decine di chilometri da centri importanti come Firenze, Arezzo e Siena, è ricco di grandi vigneti ed oliveti, che restituiscono prodotti di qualità eccellente. Bucine fino a circa anni fa era uno dei maggiori centri mondiali d esportazione di scope di erica, fino all avvento dei materiali sintetici. La natura rigogliosa e piccoli gioielli di architettura urbana e castelletti come Montebenichi, Badia a Ruoti e Galatrona, le strutture ricettive di qualità e politiche di promozione attraverso il comparto agroalimentare e sociale hanno favorito lo sviluppo turistico di questo territorio. Il comune di Castelfranco Piandiscò si estende su una fascia di territorio caratterizzata da una forte escursione altimetrica e da un profilo molto allungato che va dalla pianura del fiume Arno al raggiungimento di 1550 mt Sul crinale del Pratomagno. Nella parte a valle le coltivazioni seminative si insinuano nel particolare ambiente naturale delle plioceniche Balze mentre nel territorio pedemontano abbiamo la presenza degli olivi, dai quali si produce un prodotto di qualità. Molto diffusa la coltivazione a filari della vite dalla quale si estrae un nero e un bianco e un particolare Vin Santo. Caratteristica particolare i pianelli terrazzati delimitati da muri a secco pieni di Giaggiolo e Fagiolo Zolfino. Parte della montagna è coperta da lussureggianti boschi di faggi, castagneti e abeti. La verdeggiante superficie boscata facilita la nascita di funghi e prodotti del bosco. Nelle Riguzze la famosa sorgente sulfurea denominata Acqua Zolfina. 4 5

4 CAVRIGLIA LORO CIUFFENNA LATERINA MONTEVARCHI Cavriglia, Comune sorto per volontà di Napoleone Bonaparte nel 1809, dopo essere stato caratterizzato come un territorio che ha ospitato per oltre 150 anni un bacino estrattivo di lignite, si presenta come uno dei Comuni del Valdarno Superiore più moderni e all avanguardia. Attento alle tematiche ambientali, dispone dell impianto fotovoltaico pubblico più grande tra le centrali alimentate con energie rinnovabili. Mine, il suggestivo museo sull attività estrattiva, il Parco Naturale attrezzato, la ciclopista immersa nel verde e lo splendido roseto Fineschi danno la dimensione della vivibilità del territorio da parte dei suoi cittadini, il tutto unito all attenzione per la cultura enogastronomica, all offerta turistico ricettiva e alla posizione strategica che fanno di Cvriglia la porta del Chianti in mezzo al triangolo artistico culturale Firenze, Siena, Arezzo, Cavriglia è una meta appetibile per tutti coloro che decidono di visitare una parte vera di Toscana. Di contro alla dolcezza che caratterizza i rilievi del Pratomagno, lo spettacolo che si apre avvicinandosi all abitato di Loro Ciuffenna è di sicuro impatto: un villaggio adagiato su uno sperone di roccia, a precipizio su una profonda fenditura in cui scorrono le acque del torrente Ciuffenna, che alimentano fra l altro il movimento di un antico mulino. Parimenti suggestivo risulta addentrarsi nel vecchio borgo, con il suo saliscendi labirintico di strade strette, scalinate, attraversamenti con cunicoli tra le case, piazzette. Impossibile non citare infine la bellissima Pieve di Gropina, di impianto romanico, assolutamente priva di decorazioni pittoriche ma ricca al suo interno di vividi elementi scultorei. Il nome di Laterina richiama la presenza in epoca etrusca e romana di fornaci di laterizi (da later, ossia mattone), alcune delle quali sono ancora in attività e producono manufatti di pregio. Laterina è un borgo di origine medievale, che assunse una certa importanza verso il 300, quando fu fortificato a mo di castello e divenne una stazione intermedia nella via di collegamento fra Arezzo e Firenze. Transitando per la via Vecchia Aretina si è colpiti dal paese disteso sulla collina, immerso nel verde e sovrastato dal campanile neogotico della chiesa parrocchiale su di un lato e i segni della tradizionale coltivazione del tabacco segnato dalle ex tabaccaie disseminate tra i campi che si stendono verso l Arno, si possono notare interessanti testimonianze della storia locale: dell antico castello rimangono ampi tratti delle mura, la bella porta del Ghianderino e la Porta Fiorentina. Uniche e variegate le modalità di accoglienza di questo territorio, come unica è la qualità della tipica cucina toscana. Intorno al XI secolo sul Colle dei Cappuccini, sorgeva un castello appartenuto dapprima ai Bourbon del Monte ed ai conti Guidi poi. Il nome deriva dalla presenza di un convento di frati Cappuccini sorto sulle rovine del castello. Montevarchi, la città attuale, nasce come mercatale, ovvero area di mercato ai piedi del castello, lungo le vie di comunicazione. Un mercato che crebbe sempre più di importanza e si trasformò in borgo. Nel Cinquecento, il borgo murato divenne un caposaldo economico di Firenze e un centro di raccolta e smistamento delle derrate alimentari provenienti dal Valdarno e dalla Valdichiana. A questo periodo si ascrive la realizzazione dei Magazzini dell Abbondanza. Nell Ottocento Montevarchi è segnalata tra le cento città d Italia e si avvia a diventare un centro industriale famoso per la produzione di seta e cappelli di feltro. 6 7

5 PERGINE SAN GIOVANNI VALDARNO TERRANUOVA BRACCIOLINI La dipendenza di Pergine da Firenze, inserì questo territorio in un contesto di orizzonti sociali e culturali senz altro più ampi, favorendo in particolare gli investimenti della borghesia cittadina, che sviluppò quel sistema fondiario, formato da poderi e case coloniche, che tanto avrebbe caratterizzato la campagna toscana. Il Comune, formato dall aggregazione di cinque comunelli, ha conservato un economia agricola, ma ha sviluppato, accanto all esperienza industriale relativa allo sfruttamento dell anidride carbonica, anche un tessuto artigianale che si è orientato verso il settore orafo. Oggi il quadro socio-economico sembra aver superato i momenti di crisi causati dall abbandono delle campagne. Il discreto patrimonio ambientale, unito alla riqualificazione dei prodotti dell agricoltura, in particolare l olio e il vino, e infine, le numerose iniziative nel settore dell agriturismo costituiscono ottime premesse per lo sviluppo di questa zona. San Giovanni Valdarno è la più fiorentina tra le cittadine valdarnesi perché nasce da una scelta politica della Repubblica Fiorentina che ne deliberò la fondazione durante il Consiglio dei Cento del 26 gennaio La pianta del castello fu opera dell architetto Arnolfo di Cambio che curò anche la progettazione del Palazzo Pretorio oggi palazzo d Arnolfo attuale sede del Museo delle Terre Nuove. Il forte senso di appartenenza dei cittadini alla propria città è dovuto dagli illustri personaggi che a San Giovanni sono nati: Il Masaccio e Giovanni da San Giovanni. Ma anche dalla ridotta estensione del territorio comunale che vede nella cittadina la quasi totalità degli abitanti favorendo la relazione sociale e culturale. Terranuova è nella valle dell Arno, tra Arezzo e Firenze, tra il massiccio del Pratomagno e la vicina regione del Chianti. Il territorio comunale si estende per quasi 90 kmq ed è per la maggior parte collinare con destinazione rurale. La popolazione del comune supera oggi le unità, distribuite tra il capoluogo e le dieci frazioni. Tutto il territorio ha grande interesse naturalistico e paesaggistico: dalle testimonianze geologiche alle colline ricoperte di vigneti e di oliveti, dalle pendici montuose ai boschi di querce, ginestre, lecci e castagni. Le tante forme del paesaggio sono modellate dalla secolare presenza umana, dall integrazione tra storia e natura, che possiamo riconoscere nelle sistemazioni agrarie, nell alternarsi di coltivati e insediamenti storici, nella diffusione di pievi, fattorie e case coloniche. Bucine Castelfranco Piandiscò Cavriglia Loro Ciuffenna Laterina Montevarchi Pergine San Giovanni Valdarno Terranuova Bracciolini 8 9

6 LA RETE TERRA MADRE VALDARNO La rete che abbiamo costituito si basa sul potere delle idee e sull abilità delle persone di poter trasformare le loro esistenze e quella della comunità che la ospita, avendo come termine di riferimento ciò che si considera giusto per il miglioramento della comunità stessa, attraverso la realizzazione dei principi del bello, buono, pulito e giusto, ma anche affermando i principi di libertà uguaglianza e fratellanza e della dignità del lavoro. La rete Terra Madre Valdarno, diventerà per tutti un ordine naturale, unione di bisogni e interesse di tutti, libertà (di partecipare) dentro solidarietà. Terra Madre è un luogo dove ciascuno porta la sua identità, il suo sapere, la sua creatività e la metterà a disposizione di chi ne vorrà fruire, realizzando un puzzle di opportunità per chi fa parte della rete e per tutta la comunità valdarnese. L intento è di recuperare relazioni sociali, economia, cultura, memoria, storia e luoghi delle nostre comunità e di proporre nuove idee che possano rinnovare con criterio l identità della comunità stessa. Un laboratorio d idee, di esperienze e d incontro per un nuovo umanesimo culturale a casa nostra e che si manifesta a livello internazionale perché internazionale è la rete di Terra Madre. La rete mette in relazione varie parti del mondo e ne costituisce un network solidale. L esperienza fatta in Valdarno fino ad oggi ha portato alla realizzazione di vari progetti locali (es. i Mercati della Terra, gli orti scolastici, i presidi, l educazione alla salute e alla sostenibilità ambientale e alimentare, manifestazioni culturali ) e internazionali (es. Mille Orti in Africa, Progetto Bougafer ). Slow Food non è la rete ma un nodo di questa con la dignità di chi ha favorito la sua nascita PARTNER DELLA RETE Bucine Cavriglia Castelfranco Piandiscò Laterina Loro Ciuffenna Montevarchi Pergine V.no San Giovanni V.no Terranuova Bracciolini Cooperativa Itinera C.E.R.T.A. Cooperativa Margherita Cooperativa Betadue Consorzio Coob Ass.ne Il Grano e le Rose Ass.ne Leonia Ass.ne Pandora Ass.ne Libera Valdarno Ass.ne Le Ali di Icaro Accademia Valdarnese del Poggio Calcit Valdarno A.I.C. Associazione Italiana Celiachia delegazione Valdarno Alcedo Ambiente e Territorio Open Box Valdarno Post Rete dei Teatri di Paglia Il Cassero per la scultura Forum Cooperazione e pace del Valdarno Banca del Valdarno Credito Cooperativo Materiali Sonori Ass. soci coop Montevarchi Associazione produttori del Pratomagno SMOG LE COMUNITÀ DEL CIBO Produttori del fagiolo zolfino Produttori del cece pergentino Produttori dei Mercati della Terra del Valdarno I PRESIDI Tarese del Valdarno LE COMUNITÀ DELL APPRENDIMENTO Ist. Comprensivo F. Mochi - Materna F.lli Grimm (Levane) Ist. Comprensivo Magiotti - Elemantare L. da Vinci (Montevarchi) 10 11

7 PROGETTI DELLA RETE I MERCATI DELLA TERRA Tra le tante iniziative, I mercati della Terra, sono forse lo strumento più efficace per creare la rete e, nel caso che illustreremo, andare anche oltre. La vocazione dei mercatali in Valdarno risale al periodo che va tra l XI e il XIII secolo, con l intensificazione delle produzioni e degli scambi commerciali ha portato il fiorire di cittadine dove, ancora oggi, è evidente come l abitato si sia sviluppato intorno al perimetro del mercatale evidenziandone la forma oblunga e trapezoidale. Tra tutti emergono Figline e Montevarchi, San Giovanni Valdarno e Terranuova Bracciolini. Il Valdarno, per la sua conformazione geologica e morfologica fu considerato per anni il Granaio di Firenze. E proprio in Valdarno, a Montevarchi nasce 10 anni fa il primo mercato della terra slow food al mondo. Oggi Il valore aggiunto dei mercati della terra, lo sappiamo, è quello di ristabilire relazioni tra persone, tra persone e produttori, tra persone e cibo, tra persone e territorio, tra persone e cultura locale. Insomma ristabilisce il criterio relazionale perduto con le logiche delle grandi distribuzioni, delle relazioni virtuali, con al centro il cibo. Nel tempo, in Valdarno. I mercati e le forme di vendita diretta si sono moltiplicate. In questo scenario non ci potevamo non porre quali fossero le nuove sfide che ci aspettano proprio partendo dai Mercati della Terra. Da qui l idea di non pensare più al singolo mercato, quello Coperto dei produttori a Montevarchi, o al Marzocco di San Giovanni Valdarno o al Paniere di Ambra (piattaforma di distribuzione dei prodotti locali nelle mense), la vendita diretta in azienda, ma vedere tutte queste iniziative, come la vicinanza del progetto alla comunità valdarnese. Ecco stiamo parlando del progetto de I Mercati della Terra de Valdarno. Una sola, grande, comunità del cibo dei produttori del Valdarno. Uno strumento di svolta socioculturale. Il Mercatale Mercato Coperto dei Produttori di Montevarchi, aperto tutti i giorni, è lo sviluppo naturale del Mercato Mensile che si svolgeva nella piazza centrale, per andare a soddisfare la richiesta dei cittadini di prodotti agricoli locali e di qualità con la presenza quotidiana di ben 80 aziende. Il Marzocco a San Giovanni Valdarno è il mercato quindicinale lungo il viale Diaz dove 20 aziende vendono direttamente i loro prodotti alla clientela fidelizzata che via via va crescendo. E il luogo d incontro prediletto tra produttori, cittadini, associazioni che vedono il cibo da un ottica non solo nutrizionale ma soprattutto socio-culturale. Mercato Diffuso: non è altro che la vendita diretta in azienda da parte dei produttori locali e che abbiamo valorizzato con la creazione di un apposita app per smartphone ValdarnoSlowApp che potete scaricare con il QRCODE nell ultima pagina o direttamente in rete. Il Paniere, progetto in fase di ristrutturazione, sarà la piattaforma di distribuzione dei prodotti a filiera corta nelle mense scolastiche, ristorazione collettiva, osterie e ristoranti locali

8 PENSA CHE MENSA: I MERCATI E LA RISTORAZIONE COLLETTIVA Quando il comune di Terranuova Bracciolini ha aderito al progetto Pappa Toscana ha introdotto prodotti di filiera breve nelle proprie mense scolastiche, sperimentava un progetto di educazione alimentare, di prevenzione sanitaria investendo direttamente sui prodotti e produttori locali. L esperienza del Paniere di Bucine, ha proposto il rafforzamento del lavoro fatto con le scuole da Terranuova Bracciolini, andando ad impegnare l amministrazione comunale ad acquistare in filiera tutti i prodotti necessari per le proprie mense, stipulare un accordo coi produttori locali ed aprire un piccolo magazzino dove stoccare tutte le commesse settimanalmente per poi fare una distribuzione giornaliera alle varie cucine e ristoranti in rete nel progetto, inserendo ragazzi con disagio lavorativo nella gestione del magazzino e della distribuzione, andando così a creare situazioni di inserimento lavorativo. A chi, sempre più numerosi, ha optato per quella che è oramai un modo di vivere il proprio rapporto tra ciò che si mangia e dove si vive. Slow Folk EDUCAZIONE: Lavoriamo per una diffusione significativa degli Orti in Condotta sul territorio e un attività incisiva e continua di educazione alimentare nelle scuole, gli Orti sociali e/o Urbani come strumento di cultura e auto sussistenza, divulgazione e promozione degli (divulgare il concetto di) Orti Sui Balconi e delle autoproduzioni come vie verso la consapevolezza e pratica domestica ecoefficiente e sostenibile consapevole. Valdarno Lab come ente permanente di educazione alla sostenibilità alimentare e ambientale. Orti /in Condotta /Sociali /Urbani IL TEATRO DI PAGLIA: Con il progetto Slow Folk promuoviamo la diffusione della cultura musicale popolare e dell espressività in collaborazione con Orientoccidente Festival, rete dei Teatri di Paglia. Avvio del progetto Slow Book attorno alla letteratura gastronomica e agroalimentare. Slow Book 14 15

9 SALUTE AL PIACERE: Il diritto al piacere, inteso come piacere gastronomico, è un diritto di tutti e per questo pensiamo che la privazione del piacere del cibo non sia un modo per tutelare la salute delle persone. Con il Calcit Valdarno (comitato autonomo lotta contro i tumori) condividiamo momenti di educazione alimentare che guidano le persone ad una scelta alimentare più corretta come ad esempio il preferire i legumi alle carni, ma senza rinunciare al piacere di un buon fagiolo o cece locale. Con l AIC, invece vogliamo affermare che la conoscenza di alcune intolleranze alimentari e della loro origine possa aprire una nuova porta per coloro che fino ad oggi vivevano l alimentazione come una privazione e come un momento di poca piacevolezza. Con loro si è attivato un percorso di conoscenza e promozione dei presidi slow food attraverso momenti tematici e veri e propri corsi di cucina. Oggi tutta l Unione dei Comuni dei Tre Colli ha attivato il progetto. Anche San Giovanni Valdarno ha rivolto lo sguardo a questo tema legando l approvvigionamento delle materie prime utilizzate dal Nido Comunale al Mercato della Terra della città, Il Marzocco. PRESIDI: La tarese del Valdarno è una pancetta dalle dimensioni inusuali che può arrivare a misurare fino a 50 per 80 centimetri di lato. La tradizione vorrebbe la macellazione solo di scrofe che raggiungono il peso di 200 chilogrammi, e anche oltre. Il lavoro di valorizzazione del Presidio parte dalla ricostituzione di una filiera locale, che ponga la qualità e la tradizione come obiettivo prioritario di allevatori e trasformatori. Tra i primi passi, il recupero delle popolazioni suine storicamente presenti in zona, più adatti alla lavorazione della tarese. Oggi, grazie all impegno della Associazione allevatori di Arezzo questo passaggio della filiera è stato completato: alcuni allevatori locali seguendo il disciplinare del Presidio forniscono materia prima ai norcini che fanno parte del progetto. Le taresi provenienti da questa filiera controllata riportano l apposito marchio della Associazione produttori della tarese Valdarno. L ARCA DEI PRODOTTI DEL VALDARNO SUPERIORE: Lavoriamo alla costituzione di un archivio dei prodotti del territorio, soprattutto di quelli a rischio di estinzione, nell ambito del Progetto dell Arca del gusto di Slow Food, dove la rete sarà protagonista nel reperire e catalogare le informazioni. Da qui la nascita di nuovi Presidi e opportunità per le Comunità di Terra Madre. LA RETE DEI CIRCOLINI DEI VIGNERONS: Definisce un percorso popolare di approccio al vino come strumento sociale di conoscenza condiviso dai giovani e i cittadini con il coinvolgimento dei Vignaioli locali e di operatori e aggregazioni sociali sul territorio. Sviluppare questa rete sul territorio anche attraverso la costituzione di piccole reti e gemellaggi internazionali. DEL CIBO E DELL ARTE: Un produttore agricolo che trasforma un prodotto e un artista hanno molte cose in comune, non ultima quella di avere a disposizione delle materie prime dalle quali ricavarci, ognuno a suo modo, un opera d arte. Come Michelangelo aveva la sua opera già presente nel pezzo di marmo che avrebbe lavorato per farla venire fuori, lo stesso un casaro o un vignaiolo hanno nel latte e nell uva quel prodotto che prenderà forma o sarà riverso in bottiglia. L abilità sta nel mantenere la qualità della materia prima il più integra possibile. Le persone non si nutrono solo di cibo ma anche della bellezza dell arte. Dobbiamo lavorare per integrare ancor di più queste due forme di arte

10 RETE INTERNAZIONALE: Lavorare con le Comunità nel [o del] mondo affinché ognuno, secondo la propria Cultura, possa aderire e realizzare i principi di Buono Pulito e Giusto di conseguenza far sviluppare l Associazione Slow Food, pernio indispensabile per far funzionare il sistema di Terra Madre. Il Valdarno collabora e sostiene molte comunità del cibo internazionali quali i Produttori del Cumino di Alnif, con la quale abbiamo portato a compimento la realizzazione del Presidio, di un orto comunitario e della condotta S.F. locale, in Marocco. Abbiamo sostenuto la realizzazione del Presidi del Pollo Mochuno e l allestimento di un orto comunitario in Kenia, la realizzazione del presidio della gallina dalle uova azzurre in Argentina e la realizzazione di altri 7 orti, nell ambito del progetto 1000 orti in Africa, rispettivamente in Marocco, Kenia, Mauritania, Madaschar. Abbiamo iniziato una forte relazione con una comunità di produttori catalani in particolare per sviluppare il progetto Vignerons d Europe. I NOSTRI PRODOTTI Il Valdarno è ricchissimo di prodotti agricoli straordinari e altrettanti prodotti artigianali. Tra gli ortaggi il pomodoro quarantino del Valdarno, Zucchina tonda del Valdarno, la melanzana violetta, il cavolo nero. I legumi più conosciuti sono il fagiolo zolfino e il fagiolo coco, il Cece piccino valdarnese e il cece pergentino. Tra i frutti la Castagna perella, la mela nesta, le ciliege. Ma anche mais e frumento sono prodotti importanti per questo territorio. E poi il vino con una rete numerosissima di piccoli produttori molti dei quali si sono cementati nel recupero di vitigni autoctoni. Non dimentichiamo che il Chianti nasce proprio in Valdarno da una intuizione del Barone Ricasoli. Ed infine l oro verde del Valdarno, l olio, di straordinaria qualità e con caratteristiche diverse da colle a colle. Prodotti Agricoli del Valdarno 18 19

11 Colli Superiori del Valdarno Manuel Vasquez Montalban Bucine Castelfranco Piandiscò Cavriglia Loro Ciuffenna Laterina Unione dei Comuni del Pratomagno Montevarchi Pergine COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO B ONLUS San Giovanni Valdarno Terranuova Bracciolini Illustrazione in coperttina: Openbox / mob

PROVINCIA DI TERNI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0

PROVINCIA DI TERNI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0 1 COMUNE DI OTRICOLI LA VAL TIBERINA PRODOTTO TIPICO A KM 0 Presso il centro storico di Otricoli dal 07 al 09 settembre 2012 si terrà OTRICOLI MUSIC FESTIVAL Eventi e Antiche Tradizioni, in Terra di Otricoli,

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA IL FAGGETO

AZIENDA AGRICOLA IL FAGGETO AZIENDA AGRICOLA IL FAGGETO Genuinità e località del prodotto: Il ricordo dei sapori e degli odori delle merende della tradizione AZIENDA AGRICOLA IL FAGGETO L area in cui è situata l azienda è la Valtiberina

Dettagli

COOPERATIVA IL GRANONE

COOPERATIVA IL GRANONE COOPERATIVA IL GRANONE Un aggregazione di aziende nella produzione dei cereali 1 COOPERATIVA IL GRANONE L area in cui è situata la cooperativa è quella del comune di San Savino in provincia di Arezzo.

Dettagli

Breve Analisi Tecnica Economica dell Olivicoltura di qualità: difficoltà e prospettive possibili

Breve Analisi Tecnica Economica dell Olivicoltura di qualità: difficoltà e prospettive possibili Breve Analisi Tecnica Economica dell Olivicoltura di qualità: difficoltà e prospettive possibili ISTAT - Censimento 2000 Provincia Arezzo Coltivazioni arboree ha 23.509,74 ISTAT - Censimento 2010 Provincia

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

Il Comune di Monteveglio e la Valle del Samoggia

Il Comune di Monteveglio e la Valle del Samoggia Il Comune di Monteveglio e la Valle del Samoggia L Italia oltre alle più classiche e conosciute mete turistiche, è caratterizzata da centinaia di piccole e piccolissime località custodi di un patrimonio

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB)

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB) Nutrire il pianeta, energia per la vita Expo 2015 Sarà l'occasione anche per ripensare e riacquistare i vecchi saperi e sapori legati ai mestieri del cibo e dell'accoglienza. Includerà tutto ciò che riguarda

Dettagli

Percorsi fra vino e grandi architetture Un progetto unico in Italia

Percorsi fra vino e grandi architetture Un progetto unico in Italia TOSCANA WINE ARCHITECTURE TOSCANA WINE ARCHITECTURE Percorsi fra vino e grandi architetture Un progetto unico in Italia Un circuito di 25 cantine d autore e di design, contemporanee per le loro lo spirito

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

Bologna Abstract: Hotel School S. Cristina è incontro tra formazione e accoglienza, turismo come esperienza e gioia dei sensi, sapori della città e

Bologna Abstract: Hotel School S. Cristina è incontro tra formazione e accoglienza, turismo come esperienza e gioia dei sensi, sapori della città e Hotel School S. Cristina: fare, gustare, sperimentare un altro punto di vista su Bologna Abstract: Hotel School S. Cristina è incontro tra formazione e accoglienza, turismo come esperienza e gioia dei

Dettagli

Associazione Culturale Michele Testa Tor Sapienza. Con i Patrocini di

Associazione Culturale Michele Testa Tor Sapienza. Con i Patrocini di Con i Patrocini di Festa provinciale dell arte di vivere bene lungo il fiume Aniene Un progetto realizzato con Centro Culturale Municipale Giorgio Morandi Il progetto in sintesi Vorremmo contribuire a

Dettagli

FOCUS GROUP: LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ATTRAVERSO LE FILIERE CORTE E MODALITA DI COMMERCIALIZZAZIONE

FOCUS GROUP: LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ATTRAVERSO LE FILIERE CORTE E MODALITA DI COMMERCIALIZZAZIONE FOCUS GROUP: LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ATTRAVERSO LE FILIERE CORTE E MODALITA DI COMMERCIALIZZAZIONE Progettiamo insieme il piano di azione locale leader verso il 2020: partecipa anche tu!

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale»

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future Torino, 24 marzo 2015 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» L AGRICOLTURA

Dettagli

KOLON KANDYA ITALIA ONLUS RELAZIONE MISSIONE

KOLON KANDYA ITALIA ONLUS RELAZIONE MISSIONE KOLON KANDYA ITALIA ONLUS Via Milani 6/a - 20133 Milano kolonkandya@kolonkandya.com www.kkitaliaonlus.org KOLON KANDYA ITALIA ONLUS RELAZIONE MISSIONE BURKINA FASO, 18 OTTOBRE 15 DICEMBRE 2012 KK ITALIA

Dettagli

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Newsletter n.2 La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Presentazione In questa seconda newsletter che accompagna il percorso formativo della nostra Comunità montana sulle opportunità offerte

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Sviluppo sostenibile partecipato e Progetto Mense Tipiche. Realizzato da So.Svi.Ma. SpA

Sviluppo sostenibile partecipato e Progetto Mense Tipiche. Realizzato da So.Svi.Ma. SpA Sviluppo sostenibile partecipato e Progetto Mense Tipiche Scelte alimentari e costi sociali ed ambientali Modello socio economico imperfetto sintetizzato dal sistema dei prezzi cui si affianca il concetto

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

LE(g)ALI AL SUD: UN PROGETTO PER LA LEGALITÀ IN OGNI SCUOLA

LE(g)ALI AL SUD: UN PROGETTO PER LA LEGALITÀ IN OGNI SCUOLA Programma Operativo Nazionale Obiettivo C Azione C.3 Annualità 2010/2011 LE(g)ALI AL SUD: UN PROGETTO PER LA LEGALITÀ IN OGNI SCUOLA Obiettivo C- Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani"

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA

IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA IDENTIKIT delle FATTORIE DIDATTICHE della Regione EMILIA-ROMAGNA Ottobre 2009 Sono passati dieci anni dall avvio del progetto regionale Fattorie Didattiche che ha creato nel periodo un apertura di dialogo

Dettagli

L Orto dei Bambini. Per trasmettere l amore e il rispetto della terra.

L Orto dei Bambini. Per trasmettere l amore e il rispetto della terra. L Orto dei Bambini Per trasmettere l amore e il rispetto della terra. Premessa L idea dell orto didattico nasce dal desiderio di attivare iniziative socio-culturalieducative che comprendessero l area naturalistica.

Dettagli

LE STRADE DEL VINO. Corso di Marketing delle imprese agroalimentari. La Strada dei Sapori del Medio Tirreno Cosentino. Prof. Gervasio Antonelli

LE STRADE DEL VINO. Corso di Marketing delle imprese agroalimentari. La Strada dei Sapori del Medio Tirreno Cosentino. Prof. Gervasio Antonelli Corso di Marketing delle imprese agroalimentari Prof. Gervasio Antonelli LE STRADE DEL VINO La Strada dei Sapori del Medio Tirreno Cosentino A cura di: Mario Motolese Erika Venturini Indice Cos è una strada

Dettagli

Slow Food. for Africa. 10.000 orti. per coltivare il futuro. Paola Viesi. Paola Viesi

Slow Food. for Africa. 10.000 orti. per coltivare il futuro. Paola Viesi. Paola Viesi Slow Food for Africa Paola Viesi 10.000 orti per coltivare il futuro Paola Viesi Diecimila orti: verso una nuova Africa straordinaria ricchezza di biodiversità Slow Food parte da questa ricchezza e cerca

Dettagli

IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI L ORTO IN TAVOLA

IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI L ORTO IN TAVOLA SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI LA GABBIANELLA L ORTO IN TAVOLA Quattro anni fa la nostra scuola iniziò un progetto di educazione scientifica denominato ORTI E FIORI A SCUOLA che aveva

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA. D.S. Patrizia Marini

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA. D.S. Patrizia Marini 2015 NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA D.S. Patrizia Marini GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO Il tema Expo Milano 2015 è collegato ad alcuni degli Obiettivi del Millennio fissati dalle Nazioni Unite: Ridurre

Dettagli

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel -

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Albergo diffuso Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Francesco Testa, Antonio Minguzzi Università degli Studi Del Molise Angelo Presenza Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.

Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora. Fondazione «L Ancora ONLUS» Via Marin Faliero, 97-37138 Verona - Tel. e Fax 045565988 - C.F. 93103260233 Sito web: www.fondazionelancora.org - E-mail: segreteria@fondazionelancora.org PREMESSA La Fondazione

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici L AGRICOLTURA L'agricoltura è l'attività economica che consiste

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Toscana. E ogni edificio sarà adattato alle caratteristiche personali del nuovo proprietario e sarà completamente unico e distinto dagli altri

Toscana. E ogni edificio sarà adattato alle caratteristiche personali del nuovo proprietario e sarà completamente unico e distinto dagli altri Milano 2 h 30 m Venezia 2 h 30 m Firenze 20 MIN Pisa H San Gimignano CHIANTI CLASSICO Arezzo Siena 30 MIN Toscana Roma 2 h 30 m SAN RAFFAELLO CASTELLO DEL NERO SAN LUIGI SAN MICHELE Composta da 300 ettari

Dettagli

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri Villaggio Le Querce All interno del Parco Archeologico-Naturale delle Città del Tufo, nella Maremma Toscana si trova il Villaggio Le Querce, situato ai margini del borgo medioevale di Sorano immerso in

Dettagli

Eventi&Turismo è un Free Press diffuso in provincia di Arezzo. e anche nei territori di Siena, Firenze e Perugia.

Eventi&Turismo è un Free Press diffuso in provincia di Arezzo. e anche nei territori di Siena, Firenze e Perugia. E venti &Turismo un free-press del territorio di Arezzo un free-press per conoscere gli eventi un free-press per il turismo completamente tradotto in inglese Profilo Eventi&Turismo è un Free Press diffuso

Dettagli

Wenext, associazione culturale presenta

Wenext, associazione culturale presenta Wenext, associazione culturale presenta un progetto di valorizzazione del manifesto creatività + innovazione = lavoro proposto in due sessioni: 9/12 maggio e 18/21 ottobre 2012 Firenze Firenze 9/12 maggio

Dettagli

buono, pulito e giusto.

buono, pulito e giusto. Terra Madre è stata ideata da Slow Food nel 2004 per dare voce e visibilità ai piccoli produttori di cibo e per farli dialogare con i cuochi, gli accademici, i giovani e i consumatori, con l obiettivo

Dettagli

L economia solidale. L economia solidale per: Valorizzare le relazioni prima che il capitale" Riconoscere un equa ripartizione delle risorse"

L economia solidale. L economia solidale per: Valorizzare le relazioni prima che il capitale Riconoscere un equa ripartizione delle risorse Pesaro L economia solidale L economia solidale per: Valorizzare le relazioni prima che il capitale" Riconoscere un equa ripartizione delle risorse" Garantire il rispetto dell ambiente e dell ecosistema

Dettagli

La cappella di Santa Teresa di Le Case

La cappella di Santa Teresa di Le Case Elisa Maccioni La cappella di Santa Teresa di Le Case una collettività socio-religiosa in terra toscana (1871-2010) con prefazione di Amleto Spicciani Edizioni ETS www.edizioniets.com Copyright 2013 EDIZIONI

Dettagli

A scuola con il cigno. proposte per la scuola A.S. 2013 2014

A scuola con il cigno. proposte per la scuola A.S. 2013 2014 A scuola con il cigno proposte per la scuola A.S. 2013 2014 1 Centro di educazione ambientale Varese Ligure e Val di Vara Il Centro svolge attività educative in materia di educazione ambientale e sviluppo

Dettagli

CONFERENZA NAZIONALE FEDERCULTURE Le città della cultura

CONFERENZA NAZIONALE FEDERCULTURE Le città della cultura CONFERENZA NAZIONALE FEDERCULTURE Le città della cultura Il valore economico della cultura: come reinvestire l indotto generato dalla produzione culturale Intervento del Sindaco di Siena Franco Ceccuzzi

Dettagli

StileItaliano Italian Flavors

StileItaliano Italian Flavors 2013/2014 La mission Italian Flavors nasce con l intento di promuovere la micro e la piccola impresa del settore dell enogastronomia. La filosofia di base è quella di proporre il meglio delle produzioni

Dettagli

promozione ospitalità formazione sviluppo + 120 + 2000 + 4000 comuni realtà ristorative imprese posti letto ENTI & MUNICIPALITÀ

promozione ospitalità formazione sviluppo + 120 + 2000 + 4000 comuni realtà ristorative imprese posti letto ENTI & MUNICIPALITÀ V E R S O BENVENUTI DA NOI - RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PROGETTO - 16 comuni + 120 realtà ristorative + 2000 imprese + 4000 posti letto ENTI & MUNICIPALITÀ RISTORANTI E AGRITURISMI AZIENDE & ARTIGIANI

Dettagli

GIUNTA REGIONE MARCHE

GIUNTA REGIONE MARCHE Come noto, Recanati è il paese natale di Giacomo Leopardi. Il suo centro caratteristico, gli itinerari culturali e artistici e la vicinanza con alcune delle più note località balneari della riviera Marchigiana,

Dettagli

VISION a Casa del Volontariato VOCE

VISION a Casa del Volontariato VOCE Un oasi di solidarietà, nel cuore della città. VISION a Casa del Volontariato VOCE LVolontari al Centro è il luogo che racchiude in modo nuovo la dimensione comunitaria della vita a Milano e nella sua

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli

La candidatura MaB Unesco dell Appennino Tosco-Emiliano

La candidatura MaB Unesco dell Appennino Tosco-Emiliano La candidatura MaB Unesco dell Appennino Tosco-Emiliano L UNESCO Organizzazione Culturale Scientifica e Educativa delle Nazioni Unite (UNESCO: United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization)

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE

PRESENTAZIONE AZIENDALE PRESENTAZIONE AZIENDALE La Cooperativa Sociale Agricola TERRAVIVA è nata ufficialmente il 15 settembre 2011 attraverso il Progetto Per.So.N.A. presentato dalla Cooperativa Sociale Al Plurale e finanziato

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

Podere Tipertoli. Il Fienile Casa in affitto per vacanze in Toscana

Podere Tipertoli. Il Fienile Casa in affitto per vacanze in Toscana Posizione Podere Tipertoli Il Fienile Casa in affitto per vacanze in Toscana Il Podere Tipertoli, di cui fa parte il Fienile, si trova in collina (ad un altezza di circa 350 metri s.l.m.) ed in posizione

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

I Parchi Letterari sono entrati nel 2012 a fare parte della Società Dante Alighieri.

I Parchi Letterari sono entrati nel 2012 a fare parte della Società Dante Alighieri. Il carnevale di Aliano a Palazzo Firenze e il primo laboratorio di responsabilità sociale nell agroalimentare: due opportunità per il recupero e la valorizzazione delle tradizioni e del patrimonio culturale

Dettagli

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale In collaborazione con E con il patrocinio di: Iniziativa realizzata

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Comunicato stampa PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Presentato a Darfo Boario Terme il programma che apre nuove opportunità turistiche Da cento

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg. CE 1698/2005 MISURA

Dettagli

MESSAGGI IN BOTTIGLIA SOS contro la violenza

MESSAGGI IN BOTTIGLIA SOS contro la violenza MESSAGGI IN BOTTIGLIA SOS contro la violenza IL NOSTRO TEAM Siamo tre ragazze ed un ragazzo, studenti universitari di Giurisprudenza e Relazioni internazionali e Diritti umani. Siamo appassionati di musica,

Dettagli

Prodotti a Km 0 e Gruppi d'acquisto Solidali (G.A.S.)

Prodotti a Km 0 e Gruppi d'acquisto Solidali (G.A.S.) Prodotti a Km 0 e Gruppi d'acquisto Solidali (G.A.S.) Il viaggio dei prodotti del supermercato La globalizzazione e le attuali logiche di mercato stanno distanziato sempre più i produttori dai consumatori.

Dettagli

Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia

Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia LE NOVITA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 INTRODUZIONE APPROCCIO PLURIFONDO FEASR - FEAMP INTRODUZIONE STRATEGIA AREE INTERNE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI MISSIONE IMPRESA capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI con le risorse del fondo per lo sviluppo dell imprenditoria giovanile in agricoltura

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze Attività produttive Artigianato e Agricoltura Questo progetto si pone quattro diversi obiettivi: OBIETTIVO 1: Implementare un modello di economia

Dettagli

Patto comune della Rete dei GAS della provincia di Genova GASaGENOVA

Patto comune della Rete dei GAS della provincia di Genova GASaGENOVA Patto comune della Rete dei GAS della provincia di Genova GASaGENOVA Birulò GAS Fratello Sole GAS Amici di Banca Etica GasSestri GAS Castelletto GAS Impronta GasOsa Gaspacho GAS Le Primule Gas Levante

Dettagli

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA L ACCADEMIA DELLA MONTAGNA, CON IL COMITATO MONDIALI DELLA VALLE DI FIEMME E L APT LOCALE, PROMUOVE IL PROGETTO PILOTA FIEMME ACCESSIBILE

Dettagli

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra Progetto rivolto alle classi della scuola primaria dell Emilia Romagna per l anno scolastico 2010-2011 COLDIRETTI Coldiretti, con un milione

Dettagli

Toscana. E ogni edificio sarà adattato alle caratteristiche personali del nuovo proprietario e sarà completamente unico e distinto dagli altri

Toscana. E ogni edificio sarà adattato alle caratteristiche personali del nuovo proprietario e sarà completamente unico e distinto dagli altri Milano h 30 m Venezia h 30 m Firenze 0 MIN Pisa H San Gimignano CHIANTI CLASSICO Arezzo Siena 30 MIN Toscana Roma h 30 m SAN RAFFAELLO CASTELLO DEL NERO SAN LUIGI SAN MICHELE Composta da 300 ettari (740

Dettagli

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click - 14 gennaio 2015 - L Italia, campione del mangiar bene e del buon vino, leader mondiale nella sicurezza alimentare e nell eco-sostenibilità delle

Dettagli

UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME

UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME La Valle dei Segni 3 marzo 2012 Capo di Ponte UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME Arch. Michela Vielmi Presidente Consorzio Turistico Terme di Boario I TEMI 1. CONTESTO: Valle

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO n. 1 CASARO PER UN GIORNO. Destinatari: - classi 4a, 5a della scuola primaria; - scuola secondaria di I grado.

PERCORSO DIDATTICO n. 1 CASARO PER UN GIORNO. Destinatari: - classi 4a, 5a della scuola primaria; - scuola secondaria di I grado. PERCORSO DIDATTICO n. 1 CASARO PER UN GIORNO : - classi 4a, 5a della scuola primaria; Obiettivi: - conoscere le caratteristiche nutrizionali e merceologiche del latte e dei suoi derivati; - sottolineare

Dettagli

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere.

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. L idea Il Consorzio Il Made in Italy, conosciuto ovunque nel mondo, ha nei PRODOTTI AGROALIMENTARI una delle

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Azienda Agricola biologica Costa Dorothea

Azienda Agricola biologica Costa Dorothea Azienda Agricola biologica Costa Dorothea Qualità e ricerca in una produzione di nicchia 1 L azienda agricola L azienda agricola Dorothea Costa nasce nel 2007 con i fondi del Piano di Sviluppo Rurale 2007/2013

Dettagli

OSPITALITA DIFFUSA: INNOVAZIONE E SVILUPPO TURISTICO

OSPITALITA DIFFUSA: INNOVAZIONE E SVILUPPO TURISTICO OSPITALITA DIFFUSA: INNOVAZIONE E SVILUPPO TURISTICO Click to edit Master subtitle style CONTESTO TERRITORIALE Qual'e' il territorio interessato? - Area Grecanica parco Nazionale dell'aspromonte Localizzazione:

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013 Seminario "La qualità della scuola: che cosa fa il mondo, che cosa può fare l'italia" Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro Milano,

Dettagli

L Alleanza Slow Food dei Cuochi

L Alleanza Slow Food dei Cuochi L Alleanza Slow Food dei Cuochi Photos Oliver Migliore, Alberto Peroli Manifesto e regolamento internazionale Le tappe del progetto Nel 2006 oltre 1000 cuochi provenienti da 150 paesi si sono riuniti a

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MOSSA

AZIENDA AGRICOLA MOSSA AZIENDA AGRICOLA MOSSA quando allevare gli animali significa curarne il benessere 1 L azienda agricola L azienda agricola Mossa pratica l allevamento della pecora di razza sarda. La conduttrice Francesca

Dettagli

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune Il Consorzio Ingauno Energia Pulita: scopi e principali attività Perché unirsi Diritti e doveri del Consorzio

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem Relazione del Presidente Dino Piacentini Assemblea Generale Aniem 26 giugno 2015 Cari amici e colleghi, anzitutto grazie. Per aver condiviso un percorso in un periodo non certo facile per le nostre imprese,

Dettagli

"LA REALIZZAZIONE DEL BIODISTRETTO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO"

LA REALIZZAZIONE DEL BIODISTRETTO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO A.G.C. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - Deliberazione n. 1491 del 25 settembre 2009 Approvazione protocollo d'intesa per "LA REALIZZAZIONE DEL BIODISTRETTO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO

Dettagli

GAS Gruppi d Acquisto Solidali

GAS Gruppi d Acquisto Solidali GAS Gruppi d Acquisto Solidali Una proposta per un modo diverso e possibile Acquistare insieme per vivere bene Da una parte abbiamo i consumatori critici che cercano prodotti etici e compatibili, dall

Dettagli

Le vie del vino e dell'acqua : Promozione degli itinerari del vino nella media valle del Tevere, cerniera e frontiera fra Etruschi e Umbri

Le vie del vino e dell'acqua : Promozione degli itinerari del vino nella media valle del Tevere, cerniera e frontiera fra Etruschi e Umbri ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE ITER VITIS Le vie del vino e dell'acqua : Promozione degli itinerari del vino nella media valle del Tevere, cerniera e frontiera fra Etruschi e Umbri Creazione di un circuito

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA *

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * 1. Premessa Fin dalla fase di ideazione e elaborazione del Piano di Azione Locale Alta Tuscia il tema della qualità, intesa non solo

Dettagli

Fondazione per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari di qualità

Fondazione per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari di qualità Fondazione per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari di qualità Fondazione Qualivita - Piazza Matteotti, 30-53100 Siena, Italy - Tel +39 0577 202545 - Fax +39 0577 202562 e-mail info@qualivita.it

Dettagli

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna INTRODUZIONE Il percorso partecipativo ha avuto l obiettivo di sviluppare un confronto fra i diversi stakeholder sulle proposte

Dettagli

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 CONCEPT Villa d Este ha da tempo valorizzato il proprio legame con la storia del design automobilistico, accogliendo nella sua collezione d arte una Alfa Romeo 6C 2500 SS Coupé

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli