LA CREATIVITÁ E LA SCRITTURA DRAMMATICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CREATIVITÁ E LA SCRITTURA DRAMMATICA"

Transcript

1 1 LA CREATIVITÁ E LA SCRITTURA DRAMMATICA Lezione del 16 marzo 2012 Docente: Luciano Mariti Resoconto a cura di: Antonella Iallorenzi I parte. La drammaturgia. Durante la conduzione di laboratori ci si trova a dover elaborare materiali scenici insieme al gruppo, siano essi pazienti, bambini, detenuti, ecc. Bisogna ad esempio elaborare uno spettacolo, comporre delle azioni, tutti aspetti riconducibili alla questione della drammaturgia. Drammaturgia in senso etimologico lavoro sulle azioni. Bisogna avere la mente pronta alla creazione, predisporsi rispetto al teatro in modo nuovo, non come nella tradizione dove c è un testo scritto che viene messo in scena. Per drammaturgia non intendiamo quindi solo il testo scritto, ma soprattutto la composizione scenica di azioni e parole. In passato il testo veniva pubblicato dopo che lo spettacolo si era esaurito, non esistevano i diritti d autore e il testo veniva pubblicato solo dopo la morte dell autore, questo permetteva di difendersi dalla concorrenza. Tutto questo inizia a cambiare dalla fine dell ottocento con la nascita della SIAE con la difesa dei diritti degli autori. Da allora si è creato il testo preventivo non consuntivo. Oggi esistono diverse modalità di approccio alla drammaturgia, quella più utilizzata, e a cui noi faremo riferimento, vede l utilizzo di materiali prodotti dal gruppo durante il laboratorio e poi elaborati per divenire spettacolo. Questa modalità di lavoro è nata con Stanislavskij all interno della sua scuola, il percorso che avveniva all interno di questi spazi non doveva sfociare necessariamente in uno spettacolo finale. È un lavoro di teatro legato al gruppo, alla comunità, è un viaggio creativo di un intero gruppo, questo è il concetto che a noi interessa e che oggi si formalizza sempre di più in un evento spettacolare finale. Il lavoro sul corpo, che oggi è alla base dei laboratori, non esisteva nelle compagnie di teatro tradizionale. Fino al 1950 gli attori si incontravano e in una settimana mettevano su

2 2 uno spettacolo, ogni compagnia aveva in repertorio tanti spettacoli all anno. Si lavorava con il sistema dei ruoli. Ad ogni attore era assegnato un ruolo o un personaggio. Con la nascita della regia, e l esperienza dei laboratori, lo spettacolo finale diventa il risultato di un processo molto più complesso in cui il protagonista assoluto è l attore con il suo corpo. Lavoro nei laboratori. All interno dei laboratori il primo obiettivo che ci si pone è quello di lavorare sul corpo per creare un corpo extraquotidiano, diverso dalla quotidianità. Per raggiungere questo obiettivo bisogna lottare con le forze fisiche che ci abitano. La forza di gravità è quella più potente. Quotidiano ed extra-quotidiano: «Il nostro corpo è utilizzato in maniera sostanzialmente differente nella vita quotidiana e nelle situazioni di rappresentazione. Nel contesto quotidiano la tecnica del corpo è condizionata dalla cultura, dallo stato sociale, dal mestiere. Ma in una situazione di rappresentazione esiste una tecnica del corpo differente. Si può quindi distinguere una tecnica quotidiana da una tecnica extra-quotidiana. Le tecniche quotidiane del corpo sono in genere caratterizzate dal principio del minimo sforzo, cioè dal conseguimento della massima resa con il minimo impiego di energia. Le tecniche extra-quotidiane si basano, al contrario, sullo spreco dell energia». 1 Il secondo principio da analizzare e sperimentare è quello del disequilibrio: «In tutte le forme codificate di rappresentazione si ritrova questo principio costante: una deformazione della tecnica quotidiana di camminare, di spostarsi nello spazio, di tenere il corpo immobile. Questa tecnica extra-quotidiana si basa su un alterazione dell equilibrio». 2 Questa condizione di disequilibrio sprigiona nell attore-performer un intensa energia, e questa energia attrae l attenzione. Il laboratorio dovrà lavorare per fare di un corpo quotidiano un corpo altro, per farlo c è bisogno di opporgli degli ostacoli. Corpo organico. Un corpo deve essere organico non meccanico, la differenza sta tra falso, finto, virtuale e vero. Un corpo vero è facilmente riconoscibile, è un corpo quotidiano che noi osserviamo su noi stessi e sugli altri nella vita quotidiana. Ma se chiediamo ad un corpo organico quotidiano di rappresentarsi, di salire su un palcoscenico ecco che subito questo diventa meccanico. 1 Eugenio Barba, La canoa di carta, Ed. Il Mulino, p Ivi, p. 36

3 3 Il compito del laboratorio è trasformare il corpo meccanico in un corpo organico, in una situazione extra-quotidiana di rappresentazione. Quando si inizia un laboratorio il corpo dei partecipanti risulta meccanico nei movimenti. Se proponiamo un esercizio il primo giorno il corpo è meccanico, nel ripeterlo il corpo si abitua e diventa organico, ma il rischio che ridiventi meccanico con l abitudine è evidente, bisogna quindi predisporsi in una condizione di allerta continua opponendo ostacoli sempre nuovi. Affinché l attenzione sia sempre desta, viva. Un cattivo attore ripete meccanicamente delle azioni. Un bravo attore è attento, è allerta. Non subisce quello che fa, ma lo fa perché lo crea, lo crea perché è presente a se stesso. Uno spettacolo perché piace, quando piace? Piace quello che è vitale, le forme dello spettacolo sono forme vitali perché abbiamo a che fare con i corpi animati da un desiderio, da una tensione verso. Ci si innamora della vitalità perché il corpo è in vita, la forma vitale aggancia lo spettatore, c è riconoscimento, risonanza, empatia. Una forma vitale è un momento presente in cui si avverte un cambiamento improvviso rispetto all abitudine. L elemento fondamentale per cui uno spettacolo piace rispetto ad un altro deriva dalla vita che si avverte sulla scena, nello spettacolo, nei corpi. Le forme vitali spiegano l importanza del teatro nel sociale. Spesso la malattia è una perdita di vitalità, di desiderio, di tensione verso il mondo e gli altri. Il teatro può essere utile in contesti in cui questa vitalità è labile. La vitalità non va però ridotta al concetto di Arousal. 3 Sarebbe troppo meccanico, basterebbe un farmaco o una sostanza che stimola l arousal e tutto si risolverebbe? No la vitalità comprende il desiderio, l investimento di senso, la storia della persona. La vitalità da cosa è data? Quali sono i parametri che bisogna studiare per poter gestire la vitalità? Tempo. Nell analisi o nella creazione di uno spettacolo uno dei parametri che ci dà il senso della vitalità è la durata. Lo scorrere del tempo vissuto. Il tempo è molto importante perché tutto sia vitale. Il ritmo ha una radice organica. La durata dei momenti vitali non supera i tre-quattro secondi. Anche nella lettura e nell interpretazione di un testo è fondamentale rispettare il 3 Arousal: Il termine indica lo stato di attivazione neurovegetativa dell organismo ed è legato cambiamenti dell assetto fisico e psicologico di ogni individuo. Sul piano fisico questo stato di attivazione coinvolge diversi sistemi biologici, quali sistema nervoso autonomo e sistema endocrino, e la sua intensità è misurabile attraverso specifici parametri (frequenza cardiaca, sudorazione corporea, pressione arteriosa, concentrazione di cortisolo,..), mentre sul piano psicologico orienta le nostre capacità di memoria, attenzione, presa di decisioni, espressione delle emozioni e messa in atto di comportamenti. L aumento o la diminuzione dell attività neurovegetativa ci permette di perseguire i nostri bisogni o di fronteggiare situazioni di emergenza ed è quindi particolarmente coinvolta nelle scelte legate alla sopravvivenza quali soddisfazione dei bisogni primari (fame, sete, sonno, attività sessuale,..) e risposte a stimoli percepiti come pericolosi (fuga, attacco, svenimento, blocco dell azione). Provenienza:

4 4 tempo delle battute come nella musica. Se questo tempo non viene rispettato il senso della scena può essere compromesso. Più in generale bisogna considerare come le persone vivono il tempo in una determinata situazione: lento-veloce, accelerato-rallentato, immobile-dinamico Energia. Un altro fondamentale parametro per alimentare le forme vitali è l energia. L energia vitale è stata fortemente indagata e definita dagli orientali. Nel teatro Kabuki esiste una forma in cui l attore raggiunge il massimo dell energia seduto, in una posizione di immobilità apparente. «Noi diciamo che un attore ha o non ha koshi per indicare che ha o non ha la giusta energia nel lavoro. Questo dice l attore Kabuki Sawamura Sojuro. Koshi in giapponese non indica un concetto astratto ma una ben precisa parte del corpo: le anche. Nelle tecniche dell attore Kabuki le anche debbono restare fisse» 4. Per definire il concetto di energia non bisogna riferirsi solo all energia nello spazio ma soprattutto all energia nel tempo (tensione, attesa, sospensione ). L energia più è trattenuta più è forte. La donna nella commedia dell arte ha posture statiche e il suo fascino risulta accentuato soprattutto perché in contrasto con il movimento delle altre maschere. Se in uno spettacolo i momenti vitali sono ben evidenti si crea una forte sintonia tra spettatore e attore. Le supposizioni derivate dall analisi del rapporto attore-spettatore da un punto di vista strettamente scientifico sono state avvalorate negli ultimi anni dalla scoperta dei neuroni specchio. 5 Per concludere, all interno dei laboratori bisogna creare i presupposti per la creazione di momenti vitali. I diversi ambiti di applicazione racchiudono in sé un energia vitale evidente data dalla condizione stessa o dal contesto. Ad esempio un detenuto che vive tutto il tempo recluso in uno stpazio ridotto, privato della libertà del movimento in spazi aperti, trova nel teatro la possibilità di liberare il corpo, di dare una direzione e una forma a questa energia compressa. Oppure, pensate a un disabile che impegna tutta la sua attenzione, il suo desiderio, la sua volontà, le sue risorse nel compiere un gesto che normalmente gli è molto difficile compiere. A teatro c è il tempo, il modo, l attenzione, l investimento di senso per realizzare quel semplice gesto. Il teatro quando è necessario è teatro, quando è fame, necessità. II parte. 4 E. Barba, La canoa di carta, cit., pp Per un approfondimento sui neuroni specchio consultare:

5 5 La creatività. In che modo si è creativi? Ci sono delle regole che possono aiutarci nella scrittura drammaturgica? Quando noi parliamo di creazione parliamo di composizione, mettere insieme delle idee, delle azioni fisiche. Il primo processo è la produzione di materiali: improvvisazioni, idee, azioni, parole, associazioni, sequenze di azioni. Poi la scelta, la selezione e infine si compone. Si sceglie in base all ambiente. Dobbiamo selezionare tra diversi elementi. La selezione è un primo momento necessario. Ad esempio per comporre la frase oggi è una bella giornata ho selezionato tra diversi termini e ho scelto quelli più adatti a me. La danzatrice compone i suoi passi attraverso la variazione di certi schemi. Il musicista fa la stessa cosa, seleziona tra le diverse note e compone. La selezione stessa è motivata, orientata (anche inconsciamente) da un desiderio specifico alla situazione. Seleziono certe cose, la mia attenzione è attratta da certe cose che scelgo perché sono sppinto da un desiderio di fare emergere qualcosa in particolare. Il processo di selezione segue un processo di combinazione. Ci sono solo due modi di combinare: per similarità o per contiguità. Ad esempio se faccio un disegno del mare tra il mare e il disegno c è un rapporto di similarità. Un rapporto di contiguità invece c è tra il fumo e il fuoco. Se io dall alto della valle vedo del fumo so che è sicuramente provocato dal fuoco. Il fumo sta al fuoco in un rapporto di contiguità. Se devo rappresentare in una scena un momento di tempesta posso illustrarla attraverso soluzioni di similarità o far apparire gente bagnata, così facendo creo una contiguità tra la tempesta e i suoi effetti. Si può comporre solo per similarità o per contiguità. Difficilmente si associa per similarità molto più spesso per contiguità. Le figure retoriche possono aiutarci in fase di scrittura e creazione scenica. La metafora, la metonimia, la sineddoche, la similitudine, l allegoria, l ossimoro sono figure retoriche che sottendono un modo di funzionamento dei pensieri. In ogni caso, si crea uno scarto creativo quando vengono accostati, composti elementi apparentemente lontani. La sintesi tra questi elementi diventa interessante.

6 6 IL SENTIRE PERFORMATIVO Lezione del 16 Marzo 2012 Docente: Prof. Michele Cavallo Resoconto a cura di: Antonella Iallorenzi L argomento che ci interessa qui affrontare è il sentire nei linguaggi performativi. Non ci interessa quindi sviluppare un sapere sulle sensazioni e le emozioni in generale, ma sul sentire dell esperienza performativa. Ancora più schematicamente ci interessa capire: 1) Come riusciamo a modulare il sentire attraverso il linguaggio performativo. In altre parole, vogliamo indagare in che modo il lavoro performativo può modulare il vissuto personale, l esperienza, il sentire appunto. 2) Che c è un sentire che è specifico della dimensione performativa. Ci sono emozioni propriamente teatrali, proprie dell attore e proprie dello spettatore, che non sono generalizzabili. Chi fa esperienza della performance sa bene che la paura, che la gioia, l ansia che si provano in una certa condizione non sono le stesse che si provano nella vita privata. C è un sentire specifico. Esiste un equivoco per cui si crede che il sentire dell attore possa coincidere con il sentire del personaggio. Questa coincidenza non esiste, le emozioni vissute nella vita privata sono diverse da quelle riprodotte, vissute nella performance. Esistono a tal riguardo le emozioni propriamente estetiche. Ad esempio mi emoziono se ascolto della musica, se ascolto una canzone e questa ha una particolare risonanza. L emozione estetica è precisa, è difficile definirla o confrontarla con altre esperienze che hanno quel tono emozionale. Quando ascolto quella canzone lì è un emozione specifica, riferibile solo a quel contesto. Parliamo in generale di sentire estetico ma per il nostro contesto ci riferiamo alla performance. Facciamo riferimento a degli stimoli particolarmente evocativi, capaci di indurre una risposta nell osservatore, nel fruitore ma anche in chi le produce. È bene distinguere. L emozione del musicista, del pittore, dell attore non coincidono con quelle vissute dallo spettatore-fruitore.

7 7 Quello che prova lo spettatore non lo prova l attore e viceversa, non si tratta di trasmissione, e se lo spettatore prova un emozione non è perché la sta provando l attore. Si può apprendere l arte? L arte di per sé non è oggetto di insegnamento, eppure qualcosa si può trasmettere. Se facciamo riferimento alle arti il nostro lavoro di trainer come si contestualizza? Cosa c è da insegnare e come è possibile imparare? Sicuramente non possiamo insegnare come fare spettacoli e diventare registi o attori affermati e famosi. Il nostro lavoro di trainer è focalizzato sul gruppo e sul processo. È importante l esperienza di gruppo, il percorso che si mette in moto. In base a questo percorso è possibile apprendere uno stile, un modo di procedere. Un modo per non perdersi. Lavoriamo in modo da evocare delle esperienze significative nelle persone che compongono il gruppo nel percorso laboratoriale. Ecco allora che il processo, la dinamica del gruppo, quello che le persone esperiscono durante il laboratorio sia nei singoli esercizi che nei momenti di improvvisazione, di costruzione collettiva e sia nel lungo periodo di condivisione del lavoro lungo l arco di mesi o addirittura di anni, ebbene tutto questo ha a che fare con il sentire. In definitiva l argomento trattato è il sentire performativo, un argomento che raramente è stato messo a fuoco nei diversi studi. Il corpo. Quello che noi chiamiamo corpo è una cosa misteriosa. Il corpo umano è descrivibile, visibile, definibile, ha una sua forma. Siamo rassicurati dalla forma riconoscibile standard del corpo umano. Infatti i corpi che ci inquietano sono quelli che si allontanano dalla forma canonica. È rassicurante avere la percezione del proprio corpo, della sua forma, della sua immagine (che giornalmente teniamo a riconfermare attraverso lo specchio o attraverso lo sguardo degli altri). Ma affermare che il corpo è la sua forma, che è la sua immagine non è proprio esatto, non è preciso. Se io vi dicessi il corpo non è l immagine ma è questo, un canovaccio. (Prende il canovaccio e lo strizza). Questo esperimento ci porta a riflettere su un altro concetto: il corpo-di-dentro, come sentiamo, conosciamo il corpo-di-dentro. Come lo vediamo noi, non come lo vedono, lo pensano gli altri. Questo esperimento ci fa identificare un processo - un canovaccio strizzato con una sensazione interna, con il nostro corpo vissuto, il corpo di dentro. Il sentire mette l accento sulla dimensione del corpo che non è riconducibile alla sua forma. Il mio corpo esiste anche se non vedo la sua immagine, la forma. Posso chiudere gli occhi e percepire comunque il mio corpo.

8 8 Se fin dalla nascita non avessimo mai avuto la percezione della forma del nostro corpo avremmo comunque un corpo, ma che corpo sarebbe? Un insieme di sensazioni frammentate. Nel bambino la costituzione dell identità passa attraverso l immagine del proprio corpo. L immagine è l elemento primario per la costituzione dell identità. Persino nei bambini ciechi, la percezione del corpo si costituisce in immagine unitaria grazie ad altri canali: il tatto, il suono. Se non può essere lo specchio a rimandare la propria immagine, sarà la voce della madre, il suo contatto a fare da rispecchiamento e a definire i confini, i contorni, la forma del corpo. Per Lacan Lo stadio dello specchio è fondamentale per la costituzione dell io. Ma, come accennato prima, il corpo non è tutto nell immagine. C è il sentire. L io si definisce anche attraverso una serie di percezioni che non sono esattamente localizzate, definite in una forma visiva, sono percezioni che sentiamo dentro il corpo, sono sensazioni. Lacan chiama questo fenomeno nel bambino che ancora non ha attraversato lo stadio dello specchio, un corpo in frammenti, un corpo di pure percezioni. Per poter dire che sono percezioni proprie, che appartengono al proprio corpo, per poterle rappresentare come parte di sé, bisogna riferirle ad una immagine di sé. Questa immagine ci permette di dire: questo è mio perché è dentro i confini, dentro i contorni di quell immagine, questo non è mio perché è fuori dai confini. La forma è il contenitore che tiene dentro tutto quello che succede. L identità è come un contenitore, un vestito, un sacco, una bottiglia. Tutto quello che succede, succede all interno. Nei fenomeni patologici più gravi, come ad esempio la psicosi, questo vestito si sfrangia, si rompe, il soggetto percepisce il proprio corpo, i propri pensieri da fuori. Come se non fossero i suoi, sente una voce che gli parla, un pensiero che lo abita, pur sentendolo è come se non fosse nella sua testa. Anche una sensazione (un fremito, un dolore, un calore) pur avvertendola è come se fosse fuori del suo corpo e quindi può essere convinto che qualcuno o qualcosa gli stia procurando quella sensazione da fuori, magari si guarda intorno e a volte vede questo qualcuno o qualcosa nella sua stanza (allucinazione). C è bisogno, quindi, in questi casi di tenere insieme qualcosa che normalmente insieme non sta. Normalmente invece le persone pensano al proprio corpo come qualcosa di naturale, di già fatto. Ignorano il processo costitutivo che nel loro caso ha portato a un corpo-involucro che tiene, e nel caso invece della psicosi porta a un involucro bucato. Quindi, normalmente le persone vedono il proprio corpo come una forma stabile, come un immagine che non si modifica, come un corpo dato naturalmente e che solo l età trasforma. Si ignora che sin dall inizio, alla nascita, questo corpo bisogna farlo, incarnarlo. Il vero mistero del mito cristiano non è la resurrezione del corpo di Cristo, ma l incarnazione. Il mistero dell incarnazione che è al centro del rito della messa: il corpo di dio che si fa uomo e può essere trasmesso nell eucarestia, nel pane e nel vino.

9 9 Quindi da una parte viviamo in questa situazione in cui siamo il nostro corpo, che ci sembra naturale, ma è anche vero che abbiamo un corpo, che non siamo mai esattamente il nostro corpo, il corpo è qualcosa che ci portiamo appresso e ci ricorda che l incarnazione non è mai perfettamente riuscita. Da un lato questo corpo è il mio corpo proprio, dall altro è un corpo estraneo. E a volte questa sensazione è evidente, non solo nelle patologie psichiatriche. Ci sono momenti della vita o stati particolari in cui l estraneità del nostro corpo si fa sentire. Noi siamo ma anche abbiamo il corpo. Io ho un corpo. Io sono il mio corpo. Non è mai del tutto pacificata questa dicotomia. C è una zona di enigma, di sospensione che non riesce mai a risolversi completamente. In tutte le epoche passate, non solo in quella attuale, la società ha spinto l uomo a credere che se non sente di avere il corpo che vuole o che immagina lo può modificare. E tali operazioni culturalizzate non metteranno mai la parola fine alle possibilità di inseguire il corpo perfetto o veramente proprio. Non ci sarà mai società in cui le persone sono esattamente il loro corpo. Non ci sarà una disciplina, né religiosa né teatrale, in grado di azzerare la distanza dal proprio corpo. Una differenza ci sarà sempre. Ci sarà sempre uno scarto, la cosa interessante è come viene simbolizzato, culturalizzato, rappresentato questo scarto. Ad esempio alcune culture o alcune pratiche tendono a negare o a voler ridurre questo scarto, pensando che tutti coincidiamo con il nostro corpo: ognuno è il suo corpo. Per cui le diversità non sarebbero più da ricondurre allo scarto dal proprio corpo che ognuno sente, disabile o no, ma solo alla cattiva coscienza della società. In tal modo non esistono più i corpi allucinati della psicosi, né i corpi disabili, né i corpi violati ecc. ma solo corpi da integrare, corpi con diverse abilità con diverse percezioni, con diverse risorse. Si tratterebbe allora di uniformare i corpi sotto l unica legge naturale del corpo normale. Le diversità non sono altro che altre normalità. Il teatro diventerebbe la catena di montaggio di questa normalità. Eppure, a teatro incontriamo corpi enigmatici. Quando lavoriamo con le persone lavoriamo con i corpi, con l immagine del corpo, con il vissuto, il sentire del corpo, con il corpo simbolizzato, con il desiderio che il soggetto investe sul proprio corpo. Come conduttore vedo solo l immagine del corpo, la sua forma e sono tentato di ricondurre tutta la questione a questo. Tutto il resto, quello che è successo e succede dentro il corpo è misterioso. Non so quale sia il vissuto intimo della persona. Attraverso il teatro posso cominciare a incontrare anche questo corpo-di-dentro. Posso avvicinare il corpo, il vissuto del corpo. Si può partire dal lavoro con la propria immagine o dal lavoro con la percezione, le sensazioni del corpo, dalla consapevolezza e da come ognuno si mette in relazione con gli altri corpi.

10 10 Ci sono diverse possibilità di lavoro sul corpo, ad esempio sull immagine del corpo, diversi spunti da cui partire: le ombre, le descrizioni dell immagine, ecc. La cosa interessante è esplorare la dimensione del corpo che non è mai del tutto coincidente con l immagine che io ho del corpo. Con alcune persone e condizioni non è facile lavorare con le immagini del corpo. È un lavoro delicato, difficile soprattutto in relazione alle esperienze di disagio che hanno a che fare proprio con l immagine. Altre possibilità di lavoro sul corpo partono non dall immagine ma dal vissuto, oppure dal corpo in relazione. Il corpo non è semplicemente la forma, perché anche la percezione della forma è condizionata dai desideri, dai pensieri. Ad esempio una ragazza anoressica percepisce l immagine del suo corpo in maniera condizionata dal suo desiderio inconscio, dalla sua immagine ideale inconscia. Ognuno senza saperlo dentro di sé ha strutturato la sua corporeità a partire da una metafora, una immagine, ed è su questa struttura che penso e vedo il mio corpo. È un immagine depositata in ognuno, spesso inconscia, che funziona come una struttura che ci tiene in piedi e ci fa essere quelli che siamo. Questa struttura fa sì che io senta, veda e usi il mio corpo in un determinato modo. Fa sì che io mi muova, mi relazioni in un certo modo. Come conduttori siamo interessati a questa struttura inconscia e al desiderio che anima in modo specifico ogni corpo. La cosa importante è cosa anima quel corpo, qual è il suo desiderio. L attivazione, l attenzione, l energia vitale, l interesse, sono manifestazioni di questo desiderio che anima. Quando si lavora con il corpo bisogna sapere che non si può dare per scontato nulla ma avere un attenzione particolare per capire che tipo di corpo è. Considerare il suo vissuto, la sua immagine, il suo desiderio. A volte avvengono cambiamenti anche piccoli nell immagine o nel vissuto che possono essere traumatici sul nostro corpo, sull idea e sulla percezione che abbiamo del nostro corpo. Quindi, la forma e l immagine del corpo non è tutto. Anche il vissuto non è tutto, c è una parte del corpo che è inconscio. L integrazione non è mai possibile in senso totale e forse non è neppure la cosa più importante. Piuttosto è importante il riconoscimento dello scarto, della differenza, della non-integrazione. A partire da questo riconoscimento sarà possibile ascoltare la diversità propria di ognuno, dello scarto che ognuno sente con la propria immagine, con il proprio sentire, con quello che gli altri gli rimandano.

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie Introduzione Il presente progetto si riferisce alla strutturazione di un percorso laboratoriale teatrale ai ragazzi delle scuole primarie, con il quale

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

La comunicazione potente dei Coach

La comunicazione potente dei Coach La comunicazione potente dei Coach Il potere delle parole 13 Il Coaching può essere definito come una potente arte sull uso del potere delle parole. Quando si pratica il coaching con una persona si affrontano

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO In un percorso educativo, all'interno di una istituzione scolastica, la Pratica Psicomotoria diventa un'attività privilegiata per il bambino. Egli agisce

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui.

Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui. 2 Ciao, intanto grazie per essere arrivato/a fin qui. Probabilmente ti stai chiedendo se posso aiutarti, la risposta è sì se: vuoi raccontare qualcosa di te o di quello che fai; vuoi dei testi che descrivano

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

ALICE NELLE FAVOLE (Ma come è bello leggere!!!)

ALICE NELLE FAVOLE (Ma come è bello leggere!!!) ALICE NELLE FAVOLE (Ma come è bello leggere!!!) Il valore della lettura Scriveva Gianni Rodari, "il verbo leggere non sopporta l'imperativo". Ed è in effetti impossibile obbligare qualcuno a leggere con

Dettagli

Potere e Significato della Comunicazione Non verbale

Potere e Significato della Comunicazione Non verbale 1 Potere e Significato della Comunicazione Non verbale Riconoscere i gesti di chi ci sta di fronte. Sapere come interagire efficacemente Cosa significano i gesti delle persone che abbiamo di fronte? La

Dettagli

UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO "MA COME TI TRUCCHI?!" PER PERSONE CON DISABILITÀ.

UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO MA COME TI TRUCCHI?! PER PERSONE CON DISABILITÀ. UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO "MA COME TI TRUCCHI?!" PER PERSONE CON DISABILITÀ. Relatore: Martina Tarlazzi Make your smile up LA NASCITA DEL

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

PAROLE E FRASI EVOCATIVE

PAROLE E FRASI EVOCATIVE Continuiamo con il nostro viaggio nella comunicazione che ipnotizza ed attrae. Quante volte magari vi siete soffermati a d ascoltare qualcuno che parlava perché diceva qualcosa di interessante? E quante

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

IL CALORE NON E TEMPERATURA

IL CALORE NON E TEMPERATURA IL CALORE NON E TEMPERATURA Il progetto è nato dalla collaborazione di una rete di scuole supportate dalla competenza scientifica della dott.ssa Paola Bortolon. L idea era quella di stimolare negli allievi

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso

AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso Anna Contardi e Monica Berarducci Aipd Associazione italiana persone down AmiciziA, Amore, sesso: parliamone Adesso imparare A conoscere se stessi, Gli AlTri, le proprie emozioni collana Laboratori per

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA

Ass. culturale Domus de Jana. Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Ass. culturale Domus de Jana Località Vigna della Corte s.n.c. 01020 Bomarzo (VT) www.domusdejana.org L Associazione culturale Domus de Jana propone: IO SONO, TU SEI LABORATORIO DI TEATRO E MUSICA Oggetto:

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA rivolto a persone con disabilità IL CORPO RACCONTA Associazione La Comune Milano Premessa Che cosa è il teatro? Eugenio Barba, uno dei più importanti registi-pedagoghi

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Bressanone, 9 aprile 2009 Adolescenza: definizioni e caratteristiche Periodo della vita che si colloca fra la preadolescenza ed i 17 anni;

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

«DALLA COPPIA ALLA FAMIGLIA: TRANSAZIONE ALLA GENITORIALITÀ»

«DALLA COPPIA ALLA FAMIGLIA: TRANSAZIONE ALLA GENITORIALITÀ» UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE L-24 «DALLA COPPIA ALLA FAMIGLIA: TRANSAZIONE ALLA GENITORIALITÀ» Relatore:

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques)

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) Il metodo delle Costellazioni Familiari e Sistemiche nasce a metà degli anni '70 grazie al lavoro di Bert Hellinger, uno psicoterapeuta

Dettagli

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione Corso di scrittura creativa Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici Prima Lezione Come nasce una storia Il materiale necessario ad uno scrittore Il corso che viene presentato, di

Dettagli

Bien-êTRe Benessere, Teatro e Resilienza

Bien-êTRe Benessere, Teatro e Resilienza Bien-êTRe Benessere, Teatro e Resilienza Il processo di valutazione nel laboratorio di Teatro Sociale e Feldenkrais con i professionisti della cura Torino, 12 Novembre 2015 - Co-Health. Arte, Benessere

Dettagli

Il fumetto Creazione di storie per immagini

Il fumetto Creazione di storie per immagini Il fumetto Creazione di storie per immagini Introduzione Il fumetto è un linguaggio che a sua volta utilizza un linguaggio molto semplice. L efficacia di questo mezzo espressivo è resa dall equilibrio

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE -Anno scolastico 2013/2014 Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

FOTO ROBERTO DE ROSSI CONFINE

FOTO ROBERTO DE ROSSI CONFINE FOTO ROBERTO DE ROSSI CONFINE Immagini rubate ROBERTO DE ROSSI Roberto De Rossi MOSTRE FOTOGRAFICHE: Nasce a Roma, si trasferisce in America Latina e quando può torna. Commenta con l occhio della sua camera

Dettagli

Rispondo con piacere ad un invito pensando all occasione dell incontro.

Rispondo con piacere ad un invito pensando all occasione dell incontro. Roberto Latini Che cosa vuol dire direzione artistica? Santarcangelo 2mila8 Scusate. Rispondo con piacere ad un invito pensando all occasione dell incontro. Eppure arrivo a questo appuntamento con qualche

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

Doposcuola in orario pomeridiano dal Lunedì al Venerdì per bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni.

Doposcuola in orario pomeridiano dal Lunedì al Venerdì per bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni. Doposcuola in orario pomeridiano dal Lunedì al Venerdì per bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni. Attività proposte: Recupero Compiti Introduzione al Latino Laboratorio teatrale Laboratorio musicale Laboratorio

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA DEL PROGRAMMA RADIOFONICO

SCHEDA RIASSUNTIVA DEL PROGRAMMA RADIOFONICO SCHEDA RIASSUNTIVA DEL PROGRAMMA RADIOFONICO DATI FORMAT E GENERE 0 : TITOLO E CLAIM 1 : DURATA DEL PROGETTO 2 : DURATA DELLA PUNTATA 3 : PUBBLICO E FASCIA ORARIA 4 : A CURA DI 5 : CONDUTTORE 6 : PARTE

Dettagli

Sessualità coniugale e metodi naturali

Sessualità coniugale e metodi naturali INER-Italia Istituto per l Educazione alla Sessualità e alla Fertilità Sessualità coniugale e metodi naturali Corso di preparazione per animatori di fidanzati e giovani coppie di sposi INER BS www.fecunditas.it

Dettagli

LA RELAZIONE CON IL PAZIENTE AFFETTO DA DEMENZA

LA RELAZIONE CON IL PAZIENTE AFFETTO DA DEMENZA LA RELAZIONE CON IL PAZIENTE AFFETTO DA DEMENZA Fabrizio Asioli Brescia, 19 settembre 2012 paziente o pazienti? Il paziente affetto da Alzheimer perde progressivamente la sua efficacia comunicativa.. lo

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Leggere, ascoltare, navigare

Leggere, ascoltare, navigare Leggere, ascoltare, navigare L AMORE CONTA di Maurizio Ermisino Fausto Podavini ha seguito per due anni una coppia: un marito malato di Alzheimer, una moglie che l ha seguito con devozione. È nato così

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

Progetto INFEA PENSA CON I SENSI, SENTI CON LA MENTE

Progetto INFEA PENSA CON I SENSI, SENTI CON LA MENTE Progetto INFEA Realizzato con il contributo della Regione Emilia-Romagna Bando INFEA-CEA 2007-2008 PENSA CON I SENSI, SENTI CON LA MENTE educare all ambiente attraverso la parola, i segni, il corpo PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007 Modalità Relazionali Formazione 01/12/2007 R. Magritte Le Therapeute Modalità di resistenza al contatto Introiezione Proiezione Retroflessione Deflessione Confluenza Polster E. Polster M. Psicologia della

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ETICA. Il processo di Comunicazione

LA COMUNICAZIONE ETICA. Il processo di Comunicazione LA COMUNICAZIONE ETICA Il processo di Comunicazione Trasmettere/comunicare TRASMETTERE= mettere tra, passare,inviare COMUNICARE= mettere in comune, scambiare Comunicazione è ciò che arriva non ciò che

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 Triennio 2009/2012 IL GRUPPO Trento 4 Il gruppo Tn4, nato nel 1947 nella parrocchia di Santa Maria, e lì cresciuto fino a che sono iniziati i lavori

Dettagli

SCHEDA DIDATTICA LE LACRIME DEL PRINCIPE. La trama

SCHEDA DIDATTICA LE LACRIME DEL PRINCIPE. La trama SCHEDA DIDATTICA LE LACRIME DEL PRINCIPE La trama C è una regista teatrale che vuole mettere in scena la storia di una principessa che viveva tanto tempo fa in un regno bianco, grigio e nero. Ma in scena,

Dettagli

Perchè ho scritto questo libro

Perchè ho scritto questo libro PARTE PRIMA 9 10 1 Perchè ho scritto questo libro Spiegare il massaggio con le sole parole, i disegni e le foto è molto difficile anche per chi, come me, da anni è impegnato nella divulgazione di questo

Dettagli

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io Creatività / ingegno Risolvo i problemi in modo diverso Riesco a pensare a cose nuove facilmente Ho idee visionarie Sviluppo nuove opportunità e le metto in pratica

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Gruppo di Foggia Clinica, Formazione, Cultura psicoanalitica Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Ascoltarsi è un arte dimenticata, che tutti siamo in grado di ricordare. Il corpo ci parla attraverso

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI Cartella: L esperienza del contare Attività: CONTIAMO I FAGIOLI www.quadernoaquadretti.it Attività testata da Martina Carola (Gruppo di ricerca sulla scuola primaria del Seminario di Didattica della Matematica

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli