RIVISTA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIVISTA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI"

Transcript

1 RIVISTA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI Anno LXI Fasc Giuseppe Verna LA RESPONSABILITÀ DEL CURATORE FALLIMENTARE Estratto Milano Giuffrè Editore

2 LA RESPONSABILITÀ DEL CURATORE FALLIMENTARE di GIUSEPPE VERNA 1. La diligenza richiesta. La natura della responsabilità. Il messaggio dell art. 38, primo comma, della legge fallimentare è chiaro: il curatore è responsabile quando non «adempie ai doveri del proprio ufficio... con la diligenza richiesta dalla natura dell incarico». Messaggio chiaro, ma lapidario, giacché, allorché si verte in tema di responsabilità, occorre delineare almeno gli elementi costitutivi della condotta dell agente e la natura dell obbligazione risarcitoria. Certamente, in merito agli eventi forieri di danno e al grado di diligenza che deve caratterizzare la condotta del curatore, il testo introdotto dal legislatore del 2006 risulta più esplicito di quello ereditato dal L arricchimento del novero degli eventi damni rispetto al testo previgente, ovvero l introduzione, accanto ai «doveri del proprio ufficio imposti dalla legge», di quelli «derivanti dal piano di liquidazione approvato», appare in parte pleonastico ed è forse meramente emblematico dell importanza che la novella attribuisce al programma previsto e disciplinato dall art ter. Il passo avanti, qualificando la «diligenza» come quella «richiesta dalla natura dell incarico», era stato in vero già compiuto dalla dottrina, che aveva sostenuto la necessità di parametrare la diligenza del curatore non a quella ordinaria del buon padre di famiglia (art. 1176, comma 1, c.c.), ma a quella qualificata dalla professionalità dell incarico (art. 1176, comma 2) ( 1 ). È rimasto tuttavia irrisolto il dilemma sulla natura contrattuale o extracontrattuale della responsabilità del curatore. Prima di affrontare tale problema merita trattare la qualificazione della diligenza e gli altri elementi costitutivi della responsabilità. Per quanto concerne l argomento «diligenza», l aggiunta delle parole «richiesta dalla natura dell incarico» è razionale; «siamo di fronte infatti ad una pubblica funzione avente per oggetto l amministrazione di un patri- ( 1 ) PROVINCIALI, Trattato di diritto fallimentare, Milano, 1964, I, 645, CASELLI, Gli organi del fallimento, La legge fallimentare, a cura di BRICOLA, GALGANO; SANTINI, in Commentario, a cura di SCIALOJA e BRANCA, Bologna-Roma, 1977, 25 ss.; SATTA, Istituzioni di diritto fallimentare, Padova, 1996, 122; non mancavano coloro che facevano ancora riferimento alla diligenza del buon padre di famiglia, avvertendo però che il concetto andava incentrato non sull uomo medio, ma sul «modello di cittadino memore dei propri impegni e cosciente delle proprie responsabilità nella società in cui vive e nel settore in cui opera» (B. QUATRARO - D AMORA, Il curatore fallimentare, Milano, 1999, 665). Rivista dei Dottori Commercialisti 1/

3 ATTUALITÀ E PRATICA PROFESSIONALE monio sottoposto a pignoramento e il curatore è scelto tra coloro che non solo sono iscritti in albi professionali, ma anche che godono di fiducia e di attestazione pubblica di competenza specifica» ( 2 ). I compiti gestori del curatore hanno spinto alcuni commentatori ad accostare la sua responsabilità a quella degli amministratori di società di capitali ( 3 ). Ed infatti l accostamento è più che plausibile, atteso che la dizione dell art. 38, comma 1, ripete quella dell art. 2392, comma 1, c.c., che però correla la diligenza richiesta non solo alla natura dell incarico, ma anche alle «specifiche competenze» degli amministratori, termini omessi in relazione alla responsabilità del curatore. La maggior parte degli autori recupera tale omissione rilevando che sarebbe pleonastico richiedere specifiche competenze al curatore, atteso che esse, data la sua veste di professionista, sono condizioni insite nel conferimento dell incarico ( 4 ). L accostamento non va però preso per equiparazione. Gli amministratori sono spesso scelti non tanto per le loro solide competenze, ma, proprio come recita la norma, per le loro «specifiche competenze»; per esempio, in campo alimentare o farmaceutico o ingegneristico o di operazioni di borsa. Orbene ad un curatore fallimentare si può richiedere le competenze che sono tipiche della professione di appartenenza, e quindi competenze giuridiche o economico-giuridiche, non anche quelle che sono appannaggio di altre professioni o ad altre branche della scienza. Tra gli altri elementi costitutivi della responsabilità, qualunque sia la natura che ad essa si vuole ascrivere, si annovera senza dubbio l intenzionalità della condotta causativa del danno, che può atteggiarsi a dolo o per lo più a colpa. E, naturalmente, occorre che si verifichi un danno, che, con riferimento alla condotta del curatore, non può che avere, salvo casi paradossali, natura patrimoniale, e che sussista un nesso eziologico fra condotta e danno medesimo. Fatte queste considerazioni, largamente condivise, ben più complesso si presenta il problema della natura della responsabilità del curatore. Si contendono la scena due teorie: quella della responsabilità contrattuale e quella della responsabilità extracontrattuale, e diversi argomenti sono stati portati ora a sostegno dell una, ora dell altra delle su accennate teorie. La responsabilità contrattuale presuppone che l obbligazione di risarcimento del danno nasca da un inadempimento contrattuale, quindi dall omessa o ritardata o inesatta esecuzione della prestazione dovuta (art c.c.). La responsabilità extracontrattuale sorge invece dal compimento di un atto illecito, dalla violazione cioè del comando «neminem laedere», con la conseguenza che il trasgressore diventa debitore del soggetto dan- ( 2 ) Come avevo scritto sub art. 38, in GROSSI (a cura di), La riforma della legge fallimentare, Milano, 2005, 563. ( 3 ) Più consono appare l accostamento alla responsabilità dei liquidatori di società, ma sul punto l art. 2489, comma 2, c.c., rinvia a quella degli amministratori: v. G. VERNA - S. VERNA, La liquidazione delle società di capitali, Padova, 2009, ( 4 ) Vedasi, per esempio, ABETE, sub art. 38, in Il nuovo diritto fallimentare, diretto da JO- RIO e coordinato da FABIANI, Bologna, 2006, , e D ATTORRE, sub art. 38, in La riforma della legge fallimentare, a cura di NIGRO e SANDULLI, Torino, 2006, Rivista dei Dottori Commercialisti 1/2010

4 LA RESPONSABILITÀ DEL CURATORE FALLIMENTARE neggiato di un importo commisurato al danno da questi patito, in forza della legge introdotta agli inizi del secondo secolo d.c. dal tribuno romano Aquilio da qui «responsabilità aquiliana oggi in forza dell art c.c. La condivisione dell una o dell altra teoria porta a rilevanti conseguenze. L inadempimento contrattuale presume la colpa del prestatore, per cui il soggetto danneggiato si limita alla prova dell inadempimento e del danno subito, spettando al prestatore provare la «impossibilità della prestazione per causa a lui non imputabile» (art. 1218). Allorché la prestazione, che costituisce l obbligazione contrattuale, «implica la soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà, il prestatore non risponde dei danni, se non in caso di dolo o colpa grave» (art. 2236): non c è quindi la responsabilità quando l inadempimento è causato da colpa lieve. L azione di responsabilità contrattuale si prescrive in dieci anni (art. 2946) a decorrere dal giorno in cui si è verificato il danno. Il danneggiato che agisce invocando la responsabilità aquiliana, di converso, deve provare, oltre alla condotta illecita dell autore e il rapporto causale tra la condotta e il danno, anche la colpa o il dolo dell autore medesimo, e quest ultimo non può liberarsi dalla responsabilità, proprio perché ha commesso un atto non dovuto, eccependo la colpa lieve. Inoltre la responsabilità si prescrive in cinque anni, decorrenti dal giorno in cui l atto dannoso si è verificato (art. 2947); la giurisprudenza tende a far decorrere la prescrizione dal memento in cui la produzione del danno si manifesta all esterno diventando oggettivamente percepibile e riconoscibile ( 5 ). Occorre ora eliminare dalla scena alcuni dubbi. Il curatore può compiere atti che rientrano nell esercizio delle sue funzioni o ad esse estranee. Nel primo caso tali atti possono causare un danno alla massa dei creditori o ad un singolo creditore o a terzi contraenti o non contraenti col fallimento. È forse pleonastico osservare che, se un professionista, curatore di un fallimento, causa un danno operando chiaramente al di fuori dell esercizio dell incarico ricevuto, così come previsto e disciplinato dalla legge, non si potrà parlare di responsabilità di un curatore fallimentare e si avrà responsabilità contrattuale o aquiliana di tale professionista in relazione al rapporto esistente col soggetto danneggiato ( 6 ). Se il fallimento è inadempiente in un contratto stipulato con un terzo, costui potrà invocare la responsabilità contrattuale del fallimento stesso e chiedere l ammissione al passivo del suo credito da risarcimento in prededuzione ai sensi dell art. 111, ult. comma, legge fall.; se la pretesa fosse fondata e il curatore avesse potuto evitare l inadempimento, si avrà, a seconda della gravità del caso e la facoltà della prestazione, la continuazione dell incarico del curatore, con o senza la riduzione del suo compenso oppure ( 5 ) Cass., Sez. III, 9 maggio 2000, n ( 6 ) Lo fa notare anche G. LO CASCIO, Il fallimento e le altre procedure concorsuali, Assago, 2007, 263. Rivista dei Dottori Commercialisti 1/

5 ATTUALITÀ E PRATICA PROFESSIONALE la sua revoca, seguita da un azione di responsabilità esercitata dal nuovo curatore. Il curatore, se, con un atto di mala gestio, danneggia un singolo creditore o un terzo ( 7 ), o lo stesso fallito ( 8 ), risponde del danno loro procurato ex art c.c.; è venuto infatti meno ad una norma di legge che egli era tenuto a rispettare con la diligenza richiesta dalla natura del suo incarico ( 9 ). Ora è possibile affrontare l ultimo problema rimasto: la natura della responsabilità del curatore per danni causati al patrimonio fallimentare e quindi alla massa dei creditori. La dottrina è orientata verso la tesi della responsabilità contrattuale ( 10 ), ma non mancano serie affermazioni in senso contrario ( 11 ). La tesi della responsabilità contrattuale si fa preferire per i seguenti motivi: a) l ufficio di curatore è esplicitamente un incarico (munus publicum), quindi un mandato, ovvero un contratto col quale un professionista, che accetta, viene investito dal tribunale dell obbligo di compiere una serie di atti giuridici nell interesse della giustizia e di una massa di creditori; siamo ampiamente dentro lo schema di cui all art c.c.; b) la configurabilità della responsabilità del curatore in dipendenza dall inadempimento dei doveri «derivanti dal piano di liquidazione», ovvero da un atto tipicamente negoziale, frutto dell incontro di più volontà, milita decisamente a favore della natura contrattuale di tale responsabilità; c) ogni sei mesi il curatore redige un «rapporto riepilogativo delle attività svolte... accompagnato dal conto della sua gestione», che viene trasmesso alla massa dei creditori e alla cancelleria del tribunale (art. 33, ult. comma) e ciò costituisce adempimento tipico di un mandato; d) al termine del mandato il curatore presenta il rendiconto delle attività svolte all autorità giudiziaria e a tutti i creditori (art. 116); ( 7 ) Per esempio, non invia il progetto di riparto ad un creditore, che si è dimenticato di inserire nel progetto medesimo, oppure non appronta mezzi di custodia di un automobile, utilizzata dall imprenditore fallito, oggetto di rivendica da parte di una società di leasing. ( 8 ) A mio avviso il fallito può agire contro il curatore solo ai sensi dell art. 2043, sia durante che dopo la chiusura del fallimento e la prescrizione decennale non rimane sospesa durate la procedura. Sul punto vedasi anche TEDESCHI, Manuale del nuovo diritto fallimentare, Padova, 2006, , e SERAO - RUVOLO, in Fallimento e altre procedure concorsuali, diretto da FAUCEGLIA epanzani, Padova, 2009, 334; cfr. anche Cass., Sez. I, 23 luglio 2007, n , in Il fall., 2007, ( 9 ) Ritornando agli esempi fatti nella nota n. 7, egli ha, rispettivamente, violato l art. 111 legge fall. (ordine di ripartizione delle somme) e gli artt. 31, comma 1, e 89, comma 1, in forza dei quali, una volta preso possesso dei beni dell azienda fallita, il curatore ne diventa custode con tutti gli obblighi che ne derivano. ( 10 ) LO CASCIO, Il fallimento e le altre procedure concorsuali, Assago, 2007, 263; RICCI, Lezioni sul fallimento, Milano, 1997, I, 278; D ATTORRE, sub art. 38, cit., 248; RUGGIERO, inla legge fallimentare, a cura di FERRO, Padova, 2007, 290: SERAO - RUVOLO, in Fallimento, cit., 333; anch io avevo manifestato lo stesso orientamento in GROSSI (a cura di), La riforma della legge fallimentare, 563, soprattutto in considerazione dei nuovi elementi introdotti dalla riforma. ( 11 ) CASELLI, Fallimento, «Organi del fallimento», XIII, Roma, 1989; MELI, La responsabilità civile del commissario giudiziale e del liquidatore, in Quad. Giur. comm., 1988, 35; ABETE, sub art. 38, in Il nuovo diritto, cit., 649, e sub art. 38, in Codice commentato, cit., Rivista dei Dottori Commercialisti 1/2010

6 LA RESPONSABILITÀ DEL CURATORE FALLIMENTARE e) l esplicita richiesta di una «diligenza professionale» da correlarsi con la «natura dell incarico» è configurabile solo con la responsabilità contrattuale; f) il mandato di curatore ha un oggetto che non è stabilito dalle parti, ma è predeterminato dalla legge; l eventuale inadempimento si pone quindi nei confronti di doveri specifici e prestabiliti nell interesse della giustizia e della massa dei creditori, non nei confronti di doveri astrattamente elencati, come quelli che danno luogo agli atti illeciti; g) la responsabilità da mandato nasce per l inadempimento di doveri, mentre quella da atto illecito dalla contravvenzione a divieti; h) atteso che il curatore può essere responsabile sia di atti omissivi che commissivi, solo questi ultimi, se si eccettua la disciplina penale, sono forieri di responsabilità da illecito, mentre la responsabilità contrattuale nasce anche da quelli omissivi. La natura contrattuale dell azione di responsabilità fa sorgere una considerazione che ritengo trascurata dalla dottrina. Pur riconoscendo la profonda diversità, sia teleologica sia formale, fra impugnazione del conto della gestione ed azione di responsabilità, una volta approvato detto rendiconto (anche per silenzio-assenso) da tutti i creditori concorsuali regolarmente avvertiti della fissazione dell udienza ex art. 116, comma 3, non può più essere esercitata l azione di responsabilità almeno con riferimento alle operazioni indicate nel rendiconto medesimo. Vero è che «il giudizio di rendiconto non si svolge più nelle forme della cognizione ordinaria e non si conclude con sentenza, ma con... decreto motivato che potrebbe essere anche suscettibile di revoca» ( 12 ), ma ciò comporta solo che le operazioni indicate nel rendiconto potrebbero essere contestate e formare oggetto anche di un azione di responsabilità contro il curatore solo previa revoca del rendiconto medesimo. 2. L estensione della responsabilità del curatore. L estensione della responsabilità del curatore agli atti autorizzati dal giudice delegato ante riforma e da questi o dal comitato dei creditori post riforma è unanimemente affermata dalla dottrina ( 13 ). Invero tale orientamento non può non condividersi, sol che si pensi che è il curatore che si rivolge ad uno dei due organi tutori (o ad entrambi) per chiedere l autorizzazione a compiere un determinato atto. Qui c è già una chiara manifestazione di volontà espressa dall organo gestorio, che quindi più degli organi tutori è a conoscenza delle situazioni e degli interessi su cui andrà ad incidere l atto da autorizzare ( 14 ). Si aggiunga che, ( 12 ) PROTO, in Il diritto fallimentare riformato, a cura di SCHIANO di PEPE, Padova, 2007, ( 13 ) Vedansi, per esempio, RICCI, op. cit., 278,ePROTO, op. ult. cit., ( 14 ) Secondo il MAZZOCCA, Manuale di diritto fallimentare, Napoli, 1996, 165 ss., il curatore non potrà invocare ad esimente della sua responsabilità l atto autorizzativo, rispetto al quale la sua volontà, innegabilmente espressa nella proposta o nel parere, non è fuori dall iter causale, ma, anzi, ne rappresenta un elemento autonomo ed imprescindibile. Rivista dei Dottori Commercialisti 1/

7 ATTUALITÀ E PRATICA PROFESSIONALE una volta ricevuta l autorizzazione al compimento dell atto sulla base della prospettazione dei fatti all autorità tutoria, ove siano intervenuti apprezzabili eventi modificativi che rendano l atto non più legittimo o conveniente, il curatore ha il potere-dovere di astenersi dalla sua realizzazione, di darne comunicazione alla medesima autorità tutoria, chiedendo, se del caso, una nuova e diversa autorizzazione. Tale condotta s impone anche con riferimento alle autorizzazioni ricevute dal giudice delegato con riferimento all esecuzione degli atti contemplati dal programma di liquidazione, che quindi hanno meritato anche il placet del comitato dei creditori ( 15 ). Ripetuti consensi ha raccolto anche la tesi secondo cui il curatore è responsabile, se si accerta la sua culpa in vigilando, dell operato dei suoi ausiliari, qualunque sia il titolo per il quale essi operano (legali, periti, coadiutori, delegati, ancorché nominati come avveniva in passato dal giudice delegato) ( 16 ). 3. L esercizio dell azione di responsabilità contro il curatore. L azione di responsabilità contrattuale, per inadempimento ai doveri del curatore, mirando a risarcire un danno patito dalla massa dei creditori, può essere esercitata solo in costanza di fallimento, quando cioè esiste ancora il possibile beneficiario. Legittimato attivo è il nuovo curatore, qualunque siano i motivi che hanno condotto alla sua nomina: morte, dimissioni, sostituzione o revoca del precedente. Al nuovo curatore compete l iniziativa processuale, ma egli deve munirsi della «autorizzazione del giudice delegato o del comitato dei creditori» (art. 38, comma 2) ( 17 ). L uso della congiunzione alternativa «o» anziché di quella copulativa «e» è stata variamente interpretata dalla dottrina. Si è sostenuto che il curatore ha la scelta di munirsi dell autorizzazione dell uno o dell altro organo o di tutte e due e che, in quest ultimo caso, la mancata autorizzazione di uno dei due, non impedisca l esercizio dell azione, in quanto «la norma pone su un piano di parità i due organi» ( 18 ). Altri hanno affermato che, in caso di pronuncia difforme dei due organi, ambedue aditi, occorra presentare reclamo ( 19 ). Secondo diverso Autore, in considerazione del fatto che il giudice delegato presidia la legittimità degli atti, mentre il comitato dei creditori controlla l opportunità delle scelte gestorie, l autorizzazione dovrebbe essere data da ambedue gli organi. ( 15 ) ABETE, innuovo diritto fallimentare, cit., 646. ( 16 ) LO CASCIO, Il fallimento, cit., 264; ABETE, innuovo diritto fallimentare, cit., 647; RUG- GIERO, in La legge fallimentare, cit., 292; in giurisprudenza vedansi Cass., Sez. I, 13 luglio 2007, n , e 15 febbraio 2008, n. 3791, in Il fall., 2008, 1283, con nota parzialmente adesiva di CATALDO, Carattere personale dell incarico di curatore e regime di responsabilità. ( 17 ) «Nel caso di nomina di studi professionali associati o di società tra professionisti, soggetto responsabile sarà lo studio professionale o la società tra professionisti, il quale risponderà in conformità alle regole che disciplinano la propria responsabilità per debiti nei confronti di terzi» (D ATTORRE, sub art. 38, cit., 250). ( 18 ) D ATTORRE, sub art. 38, cit., 249. ( 19 ) RUGGIERO, inla legge fallimentare, cit., Rivista dei Dottori Commercialisti 1/2010

8 LA RESPONSABILITÀ DEL CURATORE FALLIMENTARE Non senza rimarcare la stranezza della congiunzione alternativa e il mancato coordinamento con l art. 25, n. 6, che condizionano lo stare in giudizio del curatore sia come attore, sia come convenuto ad un autorizzazione del giudice delegato, non ritengo che alla congiunzione «o» si possa dare il significato di «e», pena l elusione della lettera della norma e la violazione quindi di uno dei canoni più fermi della nostra ermeneutica, quello dell interpretazione letterale, allorché essa non si appalesi irrazionale. S impone a questo punto una digressione. Attiene alla legittimità e non al merito l osservanza del dovere generico di corretta e buona amministrazione; concerne il merito, invece, osservare l obbligo di «soddisfacente amministrazione». Tuttavia, mentre l inadempimento del primo dovere è fonte di responsabilità risarcitoria, l inadempimento del secondo può indurre, su proposta del comitato dei creditori, alla revoca del curatore ad opera del tribunale, riconoscendosi ai creditori, attraverso il loro organo di rappresentanza, il legittimo interesse di affidare la gestione del fallimento ad un curatore più capace ( 20 ). Ne consegue che l azione risarcitoria contro il cessato curatore si fonda sempre su inadempienze sindacabili da parte del giudice delegato, oltre bene inteso del comitato dei creditori. L azione di responsabilità, come tutte le altre azioni giudiziarie contemplate dall art. 25, n. 6), non può essere sottratta ad una pur sommaria delibazione di fondatezza da parte del giudice delegato, il cui intervento, data la delicatezza dell azione e degli interessi che possono essere coinvolti (si pensi ad indebite autorizzazioni concesse dal comitato dei creditori), si appalesa nella specie particolarmente necessario. Si può prospettare il caso di qualificate sollecitazioni alla promozione dell anzidetta azione, pervenute al giudice delegato dalla massa dei creditori, non condivise dal loro comitato, quanto meno per il fatto che verrebbero messi in discussione autorizzazioni da questo concesse e omessi controlli su operazioni di mala gestio del curatore. In altri casi, invece, operazioni di mala gestio del curatore, sindacabili dall autorità giudiziaria, potrebbero non essere convenienti per il ceto creditorio, i cui interessi sono istituzionalmente e, di norma, correttamente tutelati dal comitato dei creditori. In questi casi, perché costringere il fallimento in persona del nuovo curatore ad agire contro il suo predecessore (o i suoi eredi), ancorché autore di malefatte, qualora manchi un apprezzabile vantaggio patrimoniale per i creditori, considerando anche la durata della causa e l importo recuperabile in relazione all interesse dei creditori stessi di chiudere al più presto la procedura al fine di emettere nota di credito recuperando l Iva sulle fatture emesse a carico dell imprenditore fallito? Si può anche ipotizzare il caso in cui il giudice delegato, per pregressi rapporti di collaborazione col curatore, non «se la senta» di agire contro di lui, mentre il comitato dei creditori, guidato solo da interessi economici, la pensi in diverso modo. Ne scaturisce un quadro variegato, dipendente da situazioni che ora sono sufficientemente valutate dal giudice delegato, ora da entrambi gli or- ( 20 ) Prendo qui spunto dalla lucida esposizione dell ABETE, inil nuovo diritto fallimentare, cit., 642 e 643. Rivista dei Dottori Commercialisti 1/

9 ATTUALITÀ E PRATICA PROFESSIONALE gani, ora solo da uno di essi, ferma restando la reclamabilità dei decreti del giudice delegato, che negano o concedono l autorizzazione, da parte del comitato, del curatore e di qualsiasi interessato (ai sensi dell art. 26) e delle autorizzazioni o dinieghi od omissioni del comitato da parte del curatore o di qualsiasi interessato (ai sensi dell art. 36). Per ragioni di competenza, quindi, ritengo che il nuovo curatore debba indirizzare la richiesta di autorizzazione all azione di responsabilità ad ambedue gli organi tutori, che l azione possa essere esercitata in forza di una sola autorizzazione, ma opportunamente sospesa ove tale autorizzazione fosse oggetto di reclamo ( 21 ). 4. Condotte causative di responsabilità del curatore. Casistica. Con riferimento alla responsabilità nei confronti della massa la giurisprudenza l ha riconosciuta allorché il curatore ha ritardato la liquidazione dei beni e quindi ha fatto perdere alla massa la possibilità di conseguire gli interessi attivi dal deposito delle somme riscosse ( 22 ) e quando ha dato corso al riparto finale dell attivo impedendo la partecipazione al concorso del concessionario della riscossione che aveva presentato ricorso per insinuazione tardiva ( 23 ). È stato giudicato gravemente colposo il comportamento del curatore che ha causato la perdita dei beni inventariati qualora egli abbia gestito il patrimonio immobiliare della società fallita con interventi del tutto insufficienti ed episodici, senza risolvere il problema della custodia e della conservazione dei beni aziendali, che prima del fallimento erano sottoposti a vigilanza con guardiania e ronda notturna ( 24 ). Parimenti responsabile è stato ritenuto il curatore che non ha proceduto alle azioni di recupero dei crediti del fallito, senza dimostrare che il mancato esercizio di tali azioni è dipeso da una consapevole valutazione dei negativi risultati che potevano scaturire dai tentativi di realizzo ( 25 ). Singolare è stato il caso deciso dalla magistratura contabile. Si è affermato che il curatore del fallimento, qualora sia ritenuto responsabile in relazione alla eccessiva durata della procedura fallimentare per colpevole inerzia o negligenza, deve essere condannato a risarcire il danno erariale; l ammontare del danno può essere ridotto in relazione alla presenza di concause produttive dell evento, quali il difetto di sorveglianza del giudice de- ( 21 ) Non deve sorprendere il fatto che, concessa l autorizzazione dal comitato dei creditori e non dal giudice delegato, questi non possa sporgere reclamo contro l autorizzazione data dall altro organo (come invece può fare nei confronti dei decreti del giudice il comitato dei creditori); infatti, se nessuno dei creditori e lo stesso curatore, che potrebbe essersi convinto dell infondatezza dell azione a seguito della motivazione del decreto del giudice delegato, impugnano l autorizzazione all esercizio dell azione, non si vede perché debbano essere posti ostacoli all esercizio di un azione recuperatoria a vantaggio del patrimonio destinato al soddisfacimento degli interessi della massa. ( 22 ) Trib. Milano, 20 maggio 1985, in banca dati Il fallimento. ( 23 ) App. Torino, 17 settembre 1994, ibidem. ( 24 ) Trib. Napoli, 13 marzo 2004, in questa Rivista, 2004, ( 25 ) Trib. Napoli, ult. cit. 170 Rivista dei Dottori Commercialisti 1/2010

10 LA RESPONSABILITÀ DEL CURATORE FALLIMENTARE legato e la concomitanza in capo al professionista di altre procedure alquanto complesse ( 26 ). In dottrina si è ritenuto responsabile il curatore nei casi di violazione delle direttive del giudice delegato, di commissione di atti svantaggiosi per la procedura, di esperimento di azioni giudiziarie disastrose e di trascuratezza nell esperire liti necessarie ( 27 ), nonché di difettosa compilazione dell inventario, di deficienza della relazione al giudice delegato o falsità o inesattezza del suo contenuto, di omissione o manchevolezze nell esposizione periodica dell amministrazione, di mancato adempimento alla richiesta di esibizione dei documenti giustificativi, di intempestiva, negligente o irregolare vendita dei beni, di omessa sorveglianza sull esercizio provvisorio, di incompleto o falso rendiconto della gestione, e il commissario giudiziale per avere trascurato la sorveglianza nell adempimento del concordato ( 28 ). Merita solo accennare che agli eventi su indicati se ne è aggiunto un altro per iniziativa dello stesso legislatore: l art. 38, comma 1, sancisce infatti l obbligo del curatore di tenere un registro, vidimato da un componente del comitato dei creditori, su cui annotarvi giorno per giorno le operazioni relative alla sua amministrazione. È però evidente che nessuna responsabilità può configurarsi se non viene provato alcun danno per il fallimento derivante da mancata tenuta o annotazione ( 29 ). 5. La responsabilità del commissario e del liquidatore giudiziario nel concordato preventivo e del commissario liquidatore nella liquidazione coatta amministrativa. L art. 38, legge fall., sulla responsabilità del curatore, è richiamato dall art. 165, comma 2, che disciplina la responsabilità del commissario giudiziale nel concordato preventivo, dall art. 182, comma 2, che si applica al liquidatore dei beni nominato per l esecuzione del concordato preventivo, e dall art. 199, che regola la responsabilità del commissario liquidatore nella liquidazione coatta amministrativa. Occorre tuttavia tenere conto delle peculiarità dei compiti nelle citate procedure rispetto a quella del fallimento. Ai sensi dell art. 165, comma 1, legge fall., con norma che ripete nel contenuto l art. 30, nel concordato preventivo il commissario giudiziale, nell esercizio delle sue funzioni, è pubblico ufficiale. Pur applicandosi la disciplina tratteggiata a proposito della responsabilità del curatore, va tenuto in debito conto, sul piano degli eventi causativi di responsabilità, che le fun- ( 26 ) Corte Conti, Sez. giurisd. Lombardia, 12 dicembre 2005, n. 733, in Il fall., 2006, 1183, con nota parzialmente adesiva di PUSTERLA, Il curatore fallimentare e il risarcimento del danno erariale per eccessiva durata della procedura concorsuale; il Ministro della giustizia era stato condannato per la violazione del termine di ragionevolezza del fallimento (19 anni) e il curatore era stato assoggettato alla giurisdizione contabile con un azione di responsabilità per danno erariale; nel caso di specie si è ritenuto che la prescrizione iniziasse a decorrere dal momento in cui il debito dell erario fosse stato accertato con sentenza passata in giudicato. ( 27 ) CUNEO, Le procedure concorsuali, aggiornam. coordinati da Fabiani, Milano, 2002, 393. ( 28 ) QUATRARO - D AMORA, Il curatore fallimentare, Milano, 1999, 668. ( 29 ) D ATTORRE, sub art. 38, cit., 250, e RUGGIERO, inla legge fallimentare, cit., 294. Rivista dei Dottori Commercialisti 1/

11 ATTUALITÀ E PRATICA PROFESSIONALE zioni del commissario giudiziale non sono gestorie, ma prevalentemente di vigilanza (art. 167, comma 1), per cui la sua responsabilità può più adeguatamente accostarsi a quella di un sindaco anziché a quella di un amministratore. Dovrebbero di conseguenza trovare applicazione i concetti di responsabilità esclusiva e di responsabilità concorrente (quest ultima con quella degli amministratori della società debitrice), elaborati dalla dottrina in tema di art c.c., rispettivamente al comma 1ealcomma 2, con la facoltà, quindi, nel caso di responsabilità concorrente, di chiamare in causa i suddetti amministratori per esercitare la rivalsa risarcitoria ( 30 ). Inoltre nel concordato preventivo mancano per il commissario giudiziale gli obblighi di tenere un registro contabile previamente vidimato, di elaborare e sottoporre al comitato dei creditori il programma di liquidazione (anche perché non è previsto il comitato dei creditori se non dopo l omologa e nel caso di cessione dei beni) e di depositare il rendiconto. Particolare diligenza dovrà porre il commissario giudiziale nell accertare se il debitore abbia «occultato o dissimulato parte dell attivo, dolosamente omesso di denunciare uno o più crediti, esposto passività insussistenti o commesso altri atti di frode»; in queste circostanze deve riferirne immediatamente al tribunale (art. 173, comma 2) e, in quanto pubblico ufficiale, ha l obbligo, nel caso in cui ravvisi il compimento di reati perseguibili d ufficio, di denunciare i fatti al pubblico ministero o a un ufficiale di polizia giudiziaria (art. 331, comma 1 e 2, c.p.p.). L azione di responsabilità può essere esercitata contro di lui dai creditori, anche singolarmente, dal debitore e dal curatore del fallimento succedutosi, ma non anche dal nuovo commissario giudiziale, proprio perché questi è privo di poteri gestori e di rappresentanza ( 31 ). Come si è accennato, l art. 38 legge fall. è richiamato anche dall art. 182, comma 2, con riferimento alla responsabilità del liquidatore dei beni nella fase di esecuzione del concordato preventivo per cessione dei beni; mancando un rinvio all art. 30, il liquidatore non è pubblico ufficiale, e ciò ha come conseguenze il fatto che egli non può incorrere nei reati propri di tale categoria giuridica e l assenza dell obbligo di denuncia dei reati perseguibili d ufficio di cui sia venuto a conoscenza. Data la natura dell incarico affidatogli, la sua responsabilità può accostarsi a quella del liquidatore di società, equiparata dall art. 2489, comma 2, c.c. a quella degli amministratori. Così il termine di prescrizione quinquennale stabilito per gli amministratori combacia con quello previsto per il curatore nell ambito della qui sostenuta responsabilità di natura contrattuale ( 32 ). Per finire merita un cenno la responsabilità del commissario liquidatore nella liquidazione coatta amministrativa. L art. 199, al primo comma ( 30 ) Sul punto rinvio al mio La responsabilità dei sindaci e dei revisori contabili, in Le Soc., 2010, 47 ss., specialmente 2, 3e4. ( 31 ) PRINCIPE, in La riforma della legge fallimentare, a cura di NIGRO e SANDULLI, Torino, 2006, 1014; CENSONI, in Il nuovo diritto fallimentare, diretto da JORIO e coordinato da FABIANI, Bologna, 2007, 2305; Cass., Sez. I, 15 settembre 1997, n ( 32 ) Vedasi la parte centrale del paragrafo 1; per ulteriori argomentazioni rinvio a G. VERNA - S. VERNA, La liquidazione delle società, cit., Rivista dei Dottori Commercialisti 1/2010

12 LA RESPONSABILITÀ DEL CURATORE FALLIMENTARE attribuisce la qualifica di pubblico ufficiale al commissario liquidatore nell esercizio delle sue funzioni e al terzo comma richiama l art. 38; il richiamo è effettuato solo al primo comma, giacché, per quanto concerne l esercizio delle azioni di responsabilità, la regolamentazione è contenuta specificamente nel secondo comma del medesimo articolo. Pertanto, durante la liquidazione, l azione di responsabilità contro il commissario revocato è proposta dal nuovo liquidatore con l autorizzazione dell autorità che vigila sulla procedura ( 33 ). ( 33 ) In materia di liquidazione coatta amministrativa di banche, intermediari finanziari e assicurazioni è prevista una aspecifica responsabilità «personale» del commissario liquidatore per l inosservanza alle direttive delle rispettive autorità di vigilanza: sul punto vedasi: R. BELLÈ, in La legge fallimentare, a cura di FERRO, Padova, Rivista dei Dottori Commercialisti 1/

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on L INERZIA DEI COMMISSARI GIUDIZIALI E LIQUIDATORI DEL CONCORDATO PREVENTIVO: POSSIBILI RIMEDI Aprile 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA 11 UN OBBLIGO O UN OPPORTUNITA? LINEE GUIDA PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Vicenza, 13 giugno 2012 AGENDA DELL INCONTRO 22 NOVITA LEGISLATIVE IL NUOVO OBBLIGO DI

Dettagli

IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI

IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI IL RECUPERO IVA SUI CREDITI INESIGIBILI 1 A R T. 2 6 D. P. R. 6 3 3 / 1 9 7 2 C O N D I Z I O N I T E R M I N I E M O N I T O R A G G I O W O R K S H O P GISI 8 O T T O B R E 2 0 1 4 Dott. Bellavite Pellegrini

Dettagli

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale 29 agosto 2008 Vito Meloni - Dottore Commercialista e Revisore 1 Scaletta intervento: La responsabilità del Revisore; I presupposti di danno erariale; Fattispecie

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE Avv. Sibilla Santoni Società sempre più complessa e problematica necessità degli assistenti sociali di conoscere i rischi giuridici a cui vanno incontro

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini Con l allocuzione di responsabilità in medicina si intende la consapevolezza dell impegno assunto o di un comportamento, correlata alle funzioni

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3 Indice sommario 1.1 INDICE SOMMARIO Parte generale...................... pag. 1 Capitolo I La responsabilità (F. Martini)............» 3 1.1. Gli elementi costitutivi della responsabilità.............»

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali avv. prof. Rolandino Guidotti : aspetti sostanziali e processuali Modena 10 ottobre 2013 10 ottobre 2013 1 Società in nome collettivo (non modificata riforma 2003) Art. 2311 c.c. (Bilancio finale di liquidazione

Dettagli

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue:

*** L art. 182 l. fall., infatti, dispone quanto segue: Quesito n. 299-2013/I-E - trasferimento posto in essere dal liquidatore di un concordato preventivo e normativa sulla conformità catastale, urbanistica ed edilizia Si pone i seguenti quesiti relativi all

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

favore degli iscritti www.marsh.it

favore degli iscritti www.marsh.it L assicurazione della Colpa Grave a favore degli iscritti www.marsh.it 1 Premessa Che cos è la colpa grave? E una grave negligenza, imprudenza, imperizia o una grave inosservanza di leggi e regolamenti

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI IL MANDATO IRREVOCABILE AD INCASSARE E A DISTRIBUIRE IL CREDITO ERARIALE ATTRIBUITO A UNA SOCIETA FIDUCIARIA: ESAME DI UN CASO PRATICO 1 Il problema - Le Procedure

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti

1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti SPECIALE DECRETO SVILUPPO I LIMITI ALLA DISCIPLINA SOCIETARIA SULLA PERDITA DI CAPITALE di Giacomo D Attorre, Avvocato Sommario: 1. Il nuovo art. 182-sexies l. fall. e gli orientamenti precedenti - 2.

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

Indice La Chiusura Della Procedura Fallimentare ------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice La Chiusura Della Procedura Fallimentare ------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE IX LA CHIUSURA DELLA PROCEDURA FALLIMENTARE E L ESDEBITAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 La Chiusura Della Procedura Fallimentare -------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE Presentazione.................................. XIII Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE CAPITOLO I L INQUADRAMENTO DELLA TUTELA CAUTELARE NELL AMBITO DEI GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE

Dettagli

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO

LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO LA FASE ESECUTIVA POST OMOLOGA DEL PIANO CONCORDATARIO di Francesco Pedoja (Presidente del Tribunale di Pordenone) SOMMARIO: 1. La liquidazione post omologa ex art.182 L.F.. 2. I piani cd. Chiusi 3. Alcune

Dettagli

Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n.

Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n. Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n. 19200 ) La lesione di un interesse legittimo, al pari di quella di

Dettagli

Direttore generale e responsabilità da amministratore

Direttore generale e responsabilità da amministratore 2/2009 Il Caso Direttore generale e responsabilità da amministratore IN BREVE L inquadramento della figura del direttore generale di S.p.A. rimane una questione aperta, che non è stata del tutto risolta

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA GRAZIE PER AVER SCARICATO LA MIA GUIDA ALLA GESTIONE DELLE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA QUESTA GUIDA,

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Tribunale di Mantova 6 aprile 2006 G.U. Dr. Laura De Simone. Responsabilità della banca Fideiussione Escussione del garante Diligenza, correttezza e buona

Dettagli

La liberazione del fideiussore in caso di ritardo dell azione giudiziale del creditore contro il debitore principale

La liberazione del fideiussore in caso di ritardo dell azione giudiziale del creditore contro il debitore principale Aprile 22, 2016 La liberazione del fideiussore in caso di ritardo dell azione giudiziale del creditore contro il debitore principale Maurizio Tidona Avvocato Corrispondenza: m.tidona@tidona.com L art.

Dettagli

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI Sezioni Accertamento Danni Erariali Dette articolazioni, svolgono l attività operativa a favore della Procura Regionale della Corte dei

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 COMUNICAZIONI AI CREDITORI: I NUOVI ADEMPIMENTI TELEMATICI RIFERIMENTI NORMATIVI: PREMESSA: Art. 17 del D.L.

Dettagli

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO pag. ABBREVIAZIONI... XIX SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA......................... 15 CAPITOLO PRIMO I DELITTI IN MATERIA DI DICHIARAZIONE: ELEMENTI COMUNI 1. I

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

La circostanza è oggetto di una specifica disposizione, l art.19, D.Lgs. n.74/00, a mente del quale:

La circostanza è oggetto di una specifica disposizione, l art.19, D.Lgs. n.74/00, a mente del quale: Accertamento e Verifiche di Thomas Tassani Il principio di specialità nelle sanzioni tributarie, amministrative e penali il caso dell indebita compensazione dei crediti e dell infedele dichiarazione Rapporti

Dettagli

CENTRO STUDI DI DIRITTO FALLIMENTARE DI SIRACUSA CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE

CENTRO STUDI DI DIRITTO FALLIMENTARE DI SIRACUSA CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE CORSO DI DIRITTO FALLIMENTARE dal 9 ottobre al 12 dicembre 2015 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Siracusa Salone Gaspare Conigliaro - Viale Santa Panagia n.141/e I GIORNATA

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA PER ADEMPIMENTI INFEDELI

LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA PER ADEMPIMENTI INFEDELI LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA PER ADEMPIMENTI INFEDELI corrado sanvito Il tema della responsabilità del professionista in quanto pertiene un contratto di prestazione d opera intellettuale trova

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV nella persona del dott. Pier Paolo Lanni ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta

Dettagli

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE D.Lgs. n. 74/2000 Artt. da 1 a 14, D.Lgs. n. 158/2015 Con la pubblicazione sulla G.U. del Decreto attuativo della

Dettagli

OGGETTO: INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA DELLA POSIZIONE PREVIDENZIALE COMPLEMENTARE DI CUI ALL ART. 5 DEL D.LGS. 80/92

OGGETTO: INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA DELLA POSIZIONE PREVIDENZIALE COMPLEMENTARE DI CUI ALL ART. 5 DEL D.LGS. 80/92 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Coordinamento Generale Legale Roma, 22 Febbraio 2008 Circolare n. 23 Allegati 14 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO FALLIMENTARE LEZIONE XIV GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE PROF. SIMONE LABONIA Indice 1 Gli accordi di ristrutturazione dei debiti ------------------------------------------------------------

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE 1 INDICE 1. PRINCIPI GENERALI... 3 2. CONDOTTE SANZIONABILI... 3 3. IL TITOLARE DEL POTERE SANZIONATORIO...

Dettagli

RESPONSABILITA' CIVILE E PENALE DEL REVISORE CONTABILE

RESPONSABILITA' CIVILE E PENALE DEL REVISORE CONTABILE RESPONSABILITA' CIVILE E PENALE DEL REVISORE CONTABILE Marco Bongiovanni 1 FONTI NORMATIVE Art. 2409 sexies C Civile Art. 164 D.Lgs. 58/98 Art. 2407 Codice Civile Art. 1710 Codice Civile Art. 1176 Codice

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIII CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO Guida bibliografica... 3 1. Origini dell istituto.... 5 2. Il concordato preventivo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI Indice ART. 1: Finalita ART. 2: Patrocinio legale ART. 3: Conflitto di interessi ART. 4: Assunzione diretta ed indiretta degli oneri

Dettagli

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices.

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com I progressi in campo scientifico hanno determinato un miglioramento

Dettagli

Determinazione n. 3 del 23/04/2014

Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Determinazione n. 3 del 23/04/2014 Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni contenute nell art. 38, comma 1, lett. a) del D.Lgs. n. 163/2006 afferenti alle procedure di concordato preventivo

Dettagli

Corso Avanzato di Formazione Professionale

Corso Avanzato di Formazione Professionale Corso Avanzato di Formazione Professionale GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NELL AMBITO DELLE PROCEDURE CONCORSUALI Diritto dei Contratti, Diritto Fallimentare e Crisi D impresa MODULO 1: Diritto dei Contratti

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE

CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE www.pg.camcom.gov.it CAMERA DI COMMERCIO DI PERUGIA UFFICIO REGISTRO IMPRESE LE PROCEDURE CONCORSUALI DOPO LA RIFORMA DELLA LEGGE MANUALE OPERATIVO PER GLI ADEMPIMENTI REGISTRO IMPRESE IN MATERIA DI FALLIMENTO,

Dettagli

A conclusione della nostra breve rassegna sul nuovo processo espropriativo immobiliare trattiamo della vendita con incanto.

A conclusione della nostra breve rassegna sul nuovo processo espropriativo immobiliare trattiamo della vendita con incanto. LE ESECUZIONI IMMOBILIARI dopo le varie leggi di riforma del processo civile ed esecutivo in particolare Parte speciale II A conclusione della nostra breve rassegna sul nuovo processo espropriativo immobiliare

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI INDICE ART.1: ART.2: ART.3: ART.4: ART.5: ART.6: ART.7: ART.8: ART.9: Finalita Patrocinio

Dettagli

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE SCHEDA MONOGRAFICA TMG SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE Data aggiornamento scheda 15 novembre 2013 Redattore Ultimi interventi normativi Davide David D.L. 78/2010 (modifica dell art.

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Art. 182bis e 182 ter R.D. 16 marzo 1942, n. 267 Paolo Bonolis Fabrizio Spagnolo Federico Raffaelli Roma, GLI ACCORDI EX ART. 182 BIS LEGGE FALLIMENTARE Istituto

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

La responsabilità personale e solidale nelle associazioni non riconosciute 1. La personalità giuridica di diritto privato.

La responsabilità personale e solidale nelle associazioni non riconosciute 1. La personalità giuridica di diritto privato. La responsabilità personale e solidale nelle associazioni non riconosciute 1. La personalità giuridica di diritto privato. Il codice civile distingue tra associazioni riconosciute come persone giuridiche

Dettagli

Quale responsabilità per il medico competente?

Quale responsabilità per il medico competente? Quale responsabilità per il medico competente? Convegno nazionale SNOP Bologna 14-15 novembre 2012 dr. Alberto Chinaglia A me pare che la figura del medico competente emerga dal nuovo testo sulla sicurezza

Dettagli

Roma, 11 settembre 2009

Roma, 11 settembre 2009 PCIciicER CIRCOLARE POSTA ELETTRONICA N. 41/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 settembre 2009 OGGETTO: Decreto-legge 28 aprile 2009, n. 39 - Eventi sismici che hanno colpito l Abruzzo

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni

Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Edizioni Simone - Vol. 26 Compendio di Diritto delle Società Capitolo 14 Z Controlli esterni sulle società per azioni Sommario Z 1. I controlli amministrativi. - 2. La Commissione nazionale per le società

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi Premessa. La pendenza della procedura di concordato preventivo non produce uno spossessamento del debitore ma soltanto una limitazione dei suoi poteri. Tale limitazione

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) RUSSO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) RUSSO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CONTE (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) RUSSO Membro designato da Associazione

Dettagli

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari Trib. Avellino, Sez. GIP, ud. 18 maggio 2011 Proc. pen. n. 2146/2011 R. GIP Proc. pen. n. 2851/2011 RGNR TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari ORDINANZA DI NON CONVALIDA

Dettagli

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua.

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Società di persone Efficacia verso i soci del titolo esecutivo ottenuto nei confronti della società Iscrizione di ipoteca nei confronti

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

- SCHEMA TIPO - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE A CORREDO DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA

- SCHEMA TIPO - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE A CORREDO DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA - SCHEMA TIPO - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE A CORREDO DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA All AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA Via S. Agostino, 7 67100 L AQUILA LAVORI DI SISTEMAZIONE

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

L insinuazione al passivo dei crediti da lavoro

L insinuazione al passivo dei crediti da lavoro L insinuazione al passivo dei crediti da lavoro Fabio Zuliani Dottore commercialista e revisore contabile in Udine Consulente tecnico del Giudice presso i Tribunali di Udine e Gorizia 1 Fabio Zuliani Dottore

Dettagli

Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia

Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia Con la Legge 9 agosto 2013 n. 80 (S.O. n. 63 alla Gazzetta Ufficiale Serie generale n. 194 del 20 agosto 2013) è stato convertito

Dettagli

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012 La nascita indesiderata Reggio Calabria 2012 La giurisprudenza sulla nascita indesiderata Cass. 12195 /1998 Principi generali Il danno va considerato causato dall illecito (art. 1223 c.c.) quando pur non

Dettagli

GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA PROCEDURE CONCORSUALI

GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA PROCEDURE CONCORSUALI UNIPROF CONSORZIO Università degli Studi di Roma Tor Vergata O.D.C.E.C. di Roma Università di Roma Tor Vergata e Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha attivato, nell ambito

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

Preliminari di compravendita: occultarli è reato

Preliminari di compravendita: occultarli è reato Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 08 07.02.2013 Preliminari di compravendita: occultarli è reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari In tema di reati tributari,

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna N. 00030/2011 REG.PROV.COLL. N. 00004/2004 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna sezione staccata di Parma

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO SU CUSTODIE E VENDITE DELEGATE

PERCORSO FORMATIVO SU CUSTODIE E VENDITE DELEGATE PERCORSO FORMATIVO SU CUSTODIE E VENDITE DELEGATE Primo incontro: Aspetti giuridici Tribunale di Monza e operativi della custodia nelle esecuzioni immobiliari in collaborazione con Monza, 29 giugno 2012

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli