LA SCUOLA CALABRESE IN CIFRE 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SCUOLA CALABRESE IN CIFRE 2009"

Transcript

1 REGIONE CALABRIA Dipartimento Istruzione, Università, Alta Formazione, Innovazione e Ricerca Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio LA SCUOLA CALABRESE IN CIFRE 2009 CARATTERISTICHE STRUTTURALI, ORGANIZZAZIONE DIDATTICA E ATTIVITA DI ORIENTAMENTO DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE SECONDARIE DI SECONDO GRADO DELLA REGIONE CALABRIA Dicembre 2009

2 Il presente rapporto di ricerca illustra i risultati dell Indagine integrativa 2009 sulle caratteristiche delle scuole secondarie di secondo grado che rientra tra le iniziative del Progetto SISPICAL 2009 Sistema Informativo a Supporto delle Politiche dell Istruzione della Regione Calabria promosso dal Dipartimento Istruzione, Università, Alta Formazione, Innovazione e Ricerca della Regione Calabria in collaborazione con l Università della Calabria nell ambito della Legge Regionale n. 27/85. Coordinatore Scientifico del Progetto Prof.ssa Carmen Argondizzo, Università della Calabria Responsabile delle attività Dott.ssa Sara Laurita, responsabile dell Ufficio Statistico Università della Calabria Responsabile Amministrativo Ing. Antonio Morrone, responsabile Unità organizzativa complessa Università della Calabria Gruppo di lavoro Dott. Andrea Lanzino, dottore in Scienze Statistiche e attuariali Dott.ssa Giovanna Le Pera, dottore in Scienze Politiche Dott.ssa Alessandra Perri, dottore in Economia aziendale Vittorio Trovati, collaboratore Ufficio Statistico dell Università della Calabria Referenti Regione Calabria Dott.ssa Sonia Tallarico, Dirigente Settore Politiche dell Istruzione, Programmazione delle Reti Scolastiche e del Sistema Educativo Regione Calabria Dott.ssa Antonella Cauteruccio, Dirigente Servizio Politiche dell Istruzione Regione Calabria Il rapporto è disponibile sul portale tematico Calabria Istruzione del sito istituzionale della Regione Calabria. I dati della presente pubblicazione, ove non diversamente specificato, sono patrimonio della Regione Calabria. È consentito l utilizzo e la pubblicazione dei dati con citazione della fonte: Regione Calabria, Osservatorio Regionale Istruzione e Diritto allo Studio, 2009 Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 2

3 CONTATTI Università della Calabria Campus di Arcavacata Via P.Bucci Arcavacata di Rende (Cs) Ufficio Statistico Regione Calabria Dipartimento Istruzione, Alta Formazione e Ricerca Via Molè Catanzaro Tel STUDI E RICERCHE DELL OSSERVATORIO ISTRUZIONE E DIRITTO ALLO STUDIO I diplomati calabresi del 2008 Profilo, riuscita, valutazione dellʹesperienza scolastica e aspettative di studio e lavoro. Prima e dopo il diploma Caratteristiche, riuscita scolastica e prospettive di studio o lavoro dei diplomati della banca dati AlmaDiploma (che comprende per il scuole e 4812 studenti calabresi) Rapporto sulle attività di orientamento e valutazione dei fabbisogni delle scuola secondarie di secondo grado della Regione Calabria Esiti scolastici dei diplomandi delle scuole secondarie di secondo grado della Calabria AS 2008/2009. Dieci anni di scuola calabrese Tutti gli studi e le ricerche sono disponibili sul portale tematico Calabria Istruzione del sito istituzionale della Regione Calabria. Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 3

4 INDICE INTRODUZIONE... 6 LE CARATTERISTICHE GENERALI DELL INDAGINE STUDENTI STUDENTI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI STUDENTI CON CITTADINANZA NON ITALIANA ORGANICO DOCENTI PERSONALE A.T.A ORGANIZZAZIONE DIDATTICA ATTIVITA DIDATTICA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA RISORSE STRUTTURALI RISORSE STRUTTURALI DOTAZIONI TECNOLOGICHE ORIENTAMENTO STRUTTURA ORGANIZZATIVA ATTIVITA DI ORIENTAMENTO ALLEGATI BIBLIOGRAFIA...90 Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 4

5 Nel presentare i risultati dell Indagine Integrativa 2009 sulle scuole secondarie di secondo grado della Regione Calabria il Dipartimento Istruzione, Alta Formazione e Ricerca ringrazia le istituzioni scolastiche e i loro Dirigenti per la partecipazione all iniziativa. Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 5

6 INTRODUZIONE Il rapporto illustra i principali risultati dell Indagine integrativa 2009 sulle scuole secondarie di secondo grado della Regione Calabria. L Indagine rientra nell ambito del progetto SISPICAL 2009 Sistema Informativo a Supporto delle Politiche dell Istruzione della Regione Calabria - promosso dal Dipartimento Istruzione, Alta Formazione e Ricerca della Regione Calabria in collaborazione con l Università della Calabria, nell ambito degli interventi della Legge Regionale n. 27/85. A partire dal 2008 il Dipartimento Istruzione, Alta Formazione e Ricerca ha progettato, promosso e realizzato interventi e azioni per elevare nel breve periodo il livello delle capacità e delle competenze di quote significative della popolazione studentesca regionale e per migliorare la capacità organizzativa e formativa delle istituzioni scolastiche e universitarie calabresi. In particolare per colmare il gap informativo sulla scuola calabrese, è stato avviato l Osservatorio regionale sull istruzione e il diritto allo studio, che si propone di monitorare costantemente i dati della scolarità nella regione, in collaborazione con le Province, di fornire informazioni statistiche su fenomeni scolastici rilevanti e di realizzare indagini e studi sui temi di interesse per la programmazione degli interventi regionali in tema di istruzione. La conoscenza puntuale delle principali grandezze scolastiche è, infatti, una delle condizioni necessarie per individuare strategie volte a incrementare la qualità dell offerta formativa. Negli ultimi anni le indagini comparative internazionali, gli approfondimenti territoriali e soprattutto le discussioni in ambito accademico sul ruolo della conoscenza nelle dinamiche di sviluppo Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 6

7 sociale, civile ed economico di un paese hanno contribuito a diffondere nel mondo dell istruzione la consapevolezza di disporre di un patrimonio informativo ampio e in continuo aggiornamento. L Indagine Integrativa sulle scuole secondarie di II grado della Regione Calabria si muove in tale direzione e rappresenta uno dei tasselli nella costruzione del sistema informativo regionale che si impone come centro di raccolta, elaborazione e diffusione di informazioni e dati sul mondo della scuola. L obiettivo generale dell Indagine è realizzare un analisi approfondita sulle peculiarità delle scuole secondarie di secondo grado e raccogliere informazioni complementari a quelle già esistenti a livello ministeriale sulle caratteristiche degli istituti superiori della regione Calabria. In particolare, l Indagine si è focalizzata sulle caratteristiche strutturali, sull organizzazione didattica e sulle attività di orientamento delle scuole secondarie calabresi. Grazie all esecuzione dell Indagine è stato possibile realizzare l Anagrafe regionale degli istituti di secondo grado. 1 Il rapporto restituisce una fotografia aggiornata sugli istituti secondari calabresi e fornisce ai diversi stakeholders coinvolti nel processo educativo indicatori quantitativi e qualitativi da leggere e interpretare per individuare i punti di forza e di debolezza, le criticità e le potenzialità del mondo scolastico. Il rapporto è strutturato in 5 macro aree: Studenti; Organico; Organizzazione didattica e gestionale; 1 E possibile consultare l Anagrafe sul portale telematico della Regione Calabria al seguente indirizzo Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 7

8 Risorse strutturali; Orientamento. La prima macroarea comprende 3 cluster: studenti, studenti diversamente abili e studenti stranieri. La seconda si caratterizza per la presenza di 2 cluster: docenti e personale della scuola. La terza contiene dati ed informazioni relativi all organizzazione didattica e gestionale ed è suddivisa in 2 cluster: attività didattica e piano dell offerta formativa. La quarta macroarea comprende 2 cluster: patrimonio strutturale e dotazione tecnologiche. Infine la macroarea relativa all orientamento con 2 cluster: struttura organizzativa e attività di orientamento. I dati nella maggior parte dei casi sono stati aggregati per tipologia di scuola in quanto tale tipo di classificazione consente di cogliere le peculiarità e le criticità del sistema scolastico nel suo insieme e individuare politiche e azioni di intervento specifiche.. I risultati completi dell Indagine sono riportati in forma tabellare sia per tipologia di scuola che per provincia nell Appendice statistica. Negli allegati del presente rapporto sono disponibili: la classificazione degli istituti per macrotipologia (Allegato A) l elenco degli istituti di secondo grado che hanno aderito all Indagine per tipologia e provincia (Allegato B), l elenco degli istituti che non hanno aderito per tipologia e provincia (Allegato C). Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 8

9 LE CARATTERISTICHE GENERALI DELL INDAGINE L Indagine integrativa sulle scuole secondarie di secondo grado è stata realizzata nel periodo aprile luglio del 2009 e ha coinvolto i 180 istituti di secondo grado localizzati nel territorio calabrese. L adesione a tale Indagine, e alle atre iniziative del progetto Sispical, era condizione necessaria per poter partecipare ai Bandi promossi dalla Regione Calabria orientati a migliorare la qualità dell istruzione e innalzare i livelli di apprendimento. Nonostante la presenza di tale vincolo 28 istituti non hanno aderito all iniziativa, di cui 15 localizzati nella provincia cosentina, 6 in quella catanzarese, 4 a Vibo Valentia e 3 a Reggio Calabria. Crotone è l unica provincia pienamente rappresentata (Cfr. Figura 1). L analisi per tipologia evidenzia che dei 28 istituti 6 sono licei, 7 istituti misti, 6 professionali e 9 istituti tecnici (Cfr. Figura 2). La mancata adesione di tali istituti non ha consentito di censire completamente tutte le unità scolastiche, ma poiché l 84% del campione ha aderito all Indagine i dati che presentiamo nel rapporto ci forniscono una fotografia abbastanza chiara e dettagliata della realtà calabrese. Dei 152 istituti che hanno partecipato il 37% è localizzato nella provincia di Cosenza, il 29% a Reggio Calabria, il 16% a Catanzaro, il 10% a Crotone e l 8% a Vibo Valentia (Cfr. Figura 3). Se consideriamo la tipologia osserviamo che il 29% è rappresentato dai licei, il 29% dagli istituti tecnici, il 22% dagli istituti misti ed il 20% dagli istituti professionali (Cfr. Figura 4). L indagine è stata condotta con la somministrazione di tre questionari ai dirigenti e/o personale amministrativo degli istituti di secondo grado della Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 9

10 Regione Calabria. I questionari erano semistrutturati, con domande aperte, chiuse e a scelta multipla. Il primo questionario relativo alla struttura dell istituto è stato distinto in 4 macroaree: Area 1: Dati anagrafici dell Istituto Area 2: Classi, popolazione studentesca e risorse umane Area 3: Dotazioni tecnologiche e risorse strutturali Area 4: Piano per la sicurezza. Il secondo questionario si concentrava sull organizzazione didattica e di gestione dell istituto con 3 aree: Area 1: Attività didattiche e di valutazione Area 2: Piano dell offerta formativa Area 3: Capacità di attrarre fondi Il terzo questionario relativo alle attività di orientamento promosse e realizzate dalla scuola e comprendeva 6 aree: Area 1: Struttura organizzativa dell orientamento Area 2: Le attività di orientamento Area 3: Competenze dell orientatore Area 4: Risorse finanziarie utilizzate per l orientamento Area 5: Suggerimenti ai nodi critici generali sull orientamento Area 6: Commenti personali Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 10

11 NOTA ESPLICATIVA ALLA LETTURA DI GRAFICI E TABELLE Nelle pagine che seguono sono riportati grafici e tabelle relativi agli aspetti più importanti dell Indagine sulle scuole secondarie di II della Regione Calabria. Di norma grafici e tabelle non evidenziano i dati mancanti, quindi i valori percentuali (e non) riportati fanno riferimento agli istituti che hanno fornito una risposta a quella domanda del questionario. Nell Appendice statistica, che è strutturata in base alle sezioni dei tre questionari utilizzati nell Indagine, sono disponibili le tabelle con i risultati completi che includono anche le mancate risposte e tutte le domande del questionario. Figura 1: Istituti che hanno aderito e che non hanno aderito all Indagine per provincia Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Calabria N Istituti N Istituti che hanno aderito all'indagine Figura 2: Istituti che hanno aderito all Indagine e che non hanno aderito per tipologia di scuola Licei Misti Professionali Tecnici N. istituti N. Istituti che hanno aderito all'indagine Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 11

12 Figura 3: Istituti che hanno aderito all Indagine per provincia (valori %) Reggio Calabria 29% Vibo Valentia 8% Cosenza 37% Crotone 10% Catanzaro 16% Figura 4: Istituti che hanno aderito all Indagine per tipologia di scuola (valori %) Tecnici 29% Licei 29% Professionali 22% Misti 20% Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 12

13 SISPICAL SISPICAL - Sistema Informativo a Supporto delle Politiche dell Istruzione della Regione Calabria è un sistema informativo orientato alla raccolta, trasformazione e distribuzione di informazioni statistiche inerenti il settore dell istruzione e della formazione universitaria calabrese. Il percorso di ideazione SISPICAL si basa su un forte coinvolgimento di tutti gli attori che ruotano intorno al mondo della scuola: Regione, Province, Enti Locali, USR, USP, Istituti scolastici, Università ed Enti di ricerca e formazione, Imprese e Famiglie. Prevede la creazione di anagrafi flessibili, condivise e comparabili tra loro (sia diacronicamente che sincronicamente): anagrafe istituti scolastici, anagrafe studenti anagrafe diplomati, anagrafe studenti universitari anagrafe dei laureati, anagrafe dottorandi anagrafe dottori, anagrafe studenti master, anagrafe studenti IFTS, anagrafe istruzione adulti. La creazione di tali anagrafi consentirà di monitorare il diritto/dovere all istruzione, organizzare il flusso delle informazioni da e verso le scuole, promuovere iniziative di orientamento per gli studenti di secondo ciclo e per gli universitari, migliorare la programmazione, attuazione, monitoraggio e valutazione delle politiche in tema di istruzione e di diritto allo studio, favorire l estensione delle conoscenze, l alternanza scuola-lavoro, l istruzione degli adulti e l inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. I dati raccolti forniranno alle scuole aderenti opportunità conoscitive molto importanti per effettuare analisi di efficacia interna attraverso indagini sulle caratteristiche dei diplomati, valutazioni delle conoscenze degli studenti riguardo il mondo universitario, analisi di efficacia esterna con il monitoraggio degli sbocchi formativi ed occupazionali. I vantaggi per gli studenti sono i seguenti: acquisire una maggiore consapevolezza delle proprie preferenze, capacità e competenze per una scelta oculata del proprio futuro lavorativo o formativo, entrare a far parte di una Banca Dati nazionale con la pubblicazione del proprio curriculum vitae, capire quali sono i corsi di laurea più vicini ai propri interessi. Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 13

14 1. STUDENTI 1.1 STUDENTI 1.2 STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI 1.3 STUDENTI STRANIERI Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 14

15 1.1 STUDENTI Gli studenti che hanno frequentato nell Anno scolastico 2008/2009 i 152 istituti che hanno aderito all Indagine sono all incirca 93mila. Di questi il 36% ha frequentato i licei, il 27% gli istituti tecnici, il 19% gli istituti misti e il 18% gli istituti professionali (Cfr. Figura 5). Per quanto riguarda le classi il valore medio è pari a 31: i licei hanno in media 34 classi, gli istituti misti 30, gli istituti professionali 32 e gli istituti tecnici 28 2 (Cfr. Tabella 1). In media 3 gli alunni per istituto sono 611: si va dai 164 studenti del Liceo artistico Tommaso Campanella di Catanzaro ai 1603 studenti del Liceo Scientifico Modena S. Sperato di Reggio Calabria. I licei hanno in media 742 studenti, gli istituti misti e professionali all incirca 570 e gli istituti tecnici 539 (Cfr. Tabella 2). L analisi per sesso, anno di corso e tipologia di scuola evidenzia che le ragazze scelgano principalmente i licei mentre i ragazzi le scuole professionali e tecniche. Il numero medio di studenti per docente escludendo i docenti di sostegno - è pari a 8: nei licei è presente un docente ogni 10 alunni, negli istituti misti ogni 8 studenti, negli istituti tecnici ogni 7 ed infine negli istituti professionali il rapporto è di uno a 6 4 (Cfr. Figura 6). 2 Il numero medio di classi è dato dal rapporto tra il numero di classi e il numero di istituti ed è stato calcolato per tipologia di scuola. 3 Il valore medio è dato dal rapporto fra numero di alunni e numero di istituti ed è stato calcolato per tipologia di scuola. 4 Il numero medio dei docenti è dato dal rapporto fra il numero degli alunni e quello dei docenti, escludendo i docenti di sostegno. Questa categoria di personale docente viene esclusa per evitare di incorrere in duplicazioni contando sullo stesso posto sia il docente titolare che il docente di sostegno. Nei Paesi Ocse nel 2007 la media del rapporto fra studenti e docente è pari a 12.8 e a livello nazionale Negli Stati Uniti è presente in media un docente ogni 16 alunni mentre in Spagna uno docente ogni 7 studenti. Cfr. Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 15

16 Figura 5: Distribuzione % della popolazione scolastica per tipologia di scuola Tecnica 27% Liceo 36% Professionale 18% Mista 19% Tabella 1: Numero di classi per anno di corso e tipologia di scuola (valori medi) Tipologia di scuola Indicatori Classe prima Classe seconda Numero di sezioni Classe terza Classe quarta Classe quinta Totale Liceale Mista Professionale Tecnica Totale Media Minimo Massimo Media Minimo Massimo Media Minimo Massimo Media Minimo Massimo Media Minimo Massimo Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 16

17 Figura 6: Numero di studenti per docente per tipologia di scuola Liceo Mista Professionale Tecnica Scuole secondarie di II Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 17

18 Tabella 2: Alunni per classi, sesso e tipologia di scuola (valori medi) Tipologia di scuola Liceale Mista Professionale Tecnica Totale Indicatori Classe prima Classe seconda Classe terza Classe quarta Classe quinta Totale Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Media Minimo Massimo Media Minimo Massimo Media Minimo Massimo Media Minimo Massimo Media Minimo Massimo Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 18

19 1.2 STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI Gli alunni disabili che hanno frequentato nell anno scolastico 2008/2009 gli istituti secondari calabresi sono di cui il 49% ha frequentato gli istituti professionali, il 22% gli istituti misti, il 19% gli istituti tecnici e il 10% i licei (Cfr. Figura 7). La disabilità più diffusa è quella di natura psico-fisica. Gli alunni diversamente abili rappresentano all incirca il 2% della popolazione scolastica, mentre negli istituti professionali quasi il 5% della popolazione scolastica (Cfr. Figura 8). In media in un istituto secondario della Regione Calabria sono presenti 12 studenti disabili6; gli istituti professionali rilevano una maggiore presenza con 24 studenti (Cfr. Tabella 3). I soggetti maggiormente coinvolti nell organizzazione degli interventi finalizzati all integrazione degli alunni disabili sono le ASP, i docenti della classe di appartenenza, i genitori dei disabili e la Provincia (Cfr. Figura 9). E stato rilevato, inoltre, che per il 28% circa degli istituti la gestione delle situazioni di disabilità risulta problematica a causa di una disponibilità limitata di assistenti educativi comunali e/o provinciali, di un modesto livello di interesse degli Enti Locali e delle ASP, di un non adeguato livello di assistenza delle ASP (Cfr. Figura 10). Alcuni Istituti hanno evidenziato inoltre che è difficile realizzare Piani Educativi Personalizzati per gli studenti diversamente abili per l assenza di personale specialistico di supporto a tale attività e per una difficile intesa e collaborazione con le famiglie. 5 Sono 137 gli istituti che hanno dichiarato di avere studenti diversamente abili, di cui 54 della provincia cosentina, 20 di Catanzaro, 14 di Crotone, 38 di Reggio Calabria e 11 di Vibo Valentia. L analisi per tipologia evidenzia che 32 sono licei, 30 istituti misti, 33 istituti professionali e 42 istituti tecnici. 6 Il numero medio è dato dal rapporto fra numero di studenti disabili e numero di istituti ed è stato calcolato per tipologia di scuola. Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 19

20 Figura 7: Distribuzione % degli alunni diversamente abili e della popolazione scolastica per tipologia di scuola 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Studenti Studenti diversamente abili Liceo Mista Professionale Tecnica Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 20

21 Figura 8: Incidenza % degli studenti diversamente abili sulla popolazione scolastica per tipologia di scuola Liceo Mista Professionale Tecnica Scuole secondarie di II Figura 9: Soggetti coinvolti nell organizzazione degli interventi finalizzati all integrazione dei disabili (valori %) Asp 85 Docenti della classe di 84 appartenenza Genitori dei disabili 68 Provincia 58 Docenti dell'istituto impegnati in progetti finalizzati 43 Comune 39 Esperti esterni 23 Associazioni di 17 volontariato Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 21

22 Figura 10: Motivi per cui la gestione delle situazioni di disabilità risulta problematica (valori %) Mancanza di sistemi educativi comunali e provinciali 56 Modesto livello di interesse di Enti Locali, Asp, Associazioni di volontariato 54 Non adeguato livello di assistenza delle Asl 51 Mancanza di esperti esterni 36 Difficile intesa con le famiglie 36 Inadeguata collaborazione tra i docenti di sostegno e altri docenti Altro Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 22

23 Tipologia di scuola Indicatori Tabella 3: Alunni disabili per sesso, anno di corso e tipologia di scuola (valori medi) Classe prima Classe seconda Classe terza Classe quarta Classe quinta Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Liceale Media Minimo Massimo Mista Media Minimo Massimo Professionale Media Minimo Massimo Tecnica Media Minimo Massimo Totale Media Minimo Massimo Totale Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 23

24 1.3 STUDENTI CON CITTADINANZA NON ITALIANA Gli studenti con cittadinanza non italiana sono : il 42% ha frequentato gli istituti professionali, il 25% gli istituti tecnici, il 20% i licei ed il 13% gli istituti misti (Cfr. Figura 11). Se rapportiamo il numero degli studenti con cittadinanza non italiana sul totale della popolazione scolastica calabrese emerge che gli studenti stranieri rappresentano l 1% circa della popolazione complessiva. Negli istituti professionali gli studenti stranieri rappresentano il 3% circa (Cfr. Figura 12), confermando anche per la Calabria una forte concentrazione in tale tipologia di scuola, così come registrato a livello nazionale 8. Gli alunni stranieri, sia appartenenti all UE che extra UE, sono in media 6 per istituto 9. I valori massimi sono rappresentati dall istituto tecnico frequentato in media da 64 studenti stranieri appartenenti alla Comunità europea e dall istituto professionale con 27 studenti extra europei (Cfr. Tabella 4 e Tabella 5). Dall Indagine è emerso che per il 16% degli istituti l inserimento degli studenti stranieri risulta problematico a causa delle difficoltà linguistiche ed espressive dello studente, delle carenze disciplinari e delle difficoltà psicologiche relative all inserimento in un nuovo contesto scolastico. 7 Gli Istituti che hanno dichiarato di avere studenti stranieri sono 124; di questi 91 hanno affermato di avere studenti appartenenti all Unione Europea e 101 studenti stranieri extra europei. In particolare dei 124 istituti 29 sono licei (11 di Cosenza, 4 di Catanzaro, 3 di Reggio Calabria e 1 di Vibo Valentia), 27 istituti misti (11 di Cosenza, 3 di Catanzaro, 1 di Crotone, 9 di Reggio Calabria e 3 di Vibo Valentia), 30 istituti professionali (10 di Cosenza, 5 di Catanzaro, 3 di Crotone, 9 di Reggio Calabria e 3 di Vibo) e 38 istituti tecnici (13 di Cosenza, 10 di Catanzaro, 4 di Crotone, 9 di Reggio Calabria e 2 di Vibo). 8 Per maggiori informazioni cfr Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (2009). 9 Il valore medio è dato dal rapporto tra numero di studenti con cittadinanza non italiana e numero di istituti ed è stato calcolato per tipologia di scuola. Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 24

25 Figura 11: Distribuzione % degli alunni stranieri e della popolazione scolastica in totale nelle scuole secondarie di II per tipologia di scuola. 100% 90% 80% % 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Studenti Studenti Stranieri Liceo Mista Professionale Tecnica Figura 12: Incidenza % degli alunni stranieri sulla popolazione scolastica per tipologia di scuola Liceo Mista Professionale Tecnica Scuole secondarie di II Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 25

26 Tabella 4: Alunni di cittadinanza non italiana appartenenti all Unione Europea per sesso, anno di corso e tipologia di scuola (valori medi) Studenti stranieri appartenenti all'unione Europea Tipologia di scuola Indicatori Classe prima Classe seconda Classe terza Classe quarta Classe quinta Totale Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Liceale Media Minimo Massimo Mista Media Minimo Massimo Professionale Media Minimo Massimo Tecnica Media Minimo Massimo Totale Media Minimo Massimo Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 26

27 Tabella 5: Alunni di cittadinanza non italiana provenienti da paesi extra europei per sesso, anno di corso e tipologia di scuola (valori medi) Studenti stranieri extraeuropei Tipologia di scuola Indicatori Classe prima Classe seconda Classe terza Classe quarta Classe quinta Totale Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Maschi Femmine Liceale Media Minimo Massimo Mista Media Minimo Massimo Professionale Media Minimo Massimo Tecnica Media Minimo Massimo Totale Media Minimo Massimo Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 27

28 2. ORGANICO 2.1 DOCENTI 2.2 PERSONALE A.T.A Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 28

29 2.1 DOCENTI I docenti che hanno prestato la loro attività lavorativa nelle 152 scuole secondarie di secondo grado calabresi che hanno aderito all Indagine sono all incirca 12mila, di cui 7421 sono donne e 4547 maschi. In media in un istituto secondario calabrese lavorano 49 donne e 29 maschi 10. Il sesso femminile prevale su quello maschile e tale fenomeno, riscontrato anche a livello nazionale 11, è rilevabile anche fra i docenti di sostegno: in media il corpo docente preposto a supportare studenti disabili è composto da 5 donne e 2 maschi (Cfr. Figura 13, Tabella 6, Tabella 7). La femminilizzazione del personale docente è presente in tutte le tipologie di scuola, in particolare nei licei e negli istituti misti (Cfr. Figura 14). I docenti di sostegno superano di poco le mille unità e rappresentano l 8,5% del corpo docente. L analisi per tipologia evidenzia che negli istituti professionali i docenti di sostegno rappresentano il 16% del personale docente e negli istituti misti il 10% (Cfr. Figura 15). In queste due tipologie di scuola, in cui si concentra una quota significativa di studenti diversamente abili, il corpo docente destinato alle attività di supporto nella didattica degli studenti disabili è composto in media da 15 e 9 unità. 10 Il numero medio è dato dal rapporto fra il numero dei docenti sul numero di istituti ed è stato calcolato per tipologia di scuola. 11 Cfr. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (2009a). Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 29

30 Figura 13: Docenti e docenti di sostegno nelle scuole secondarie di secondo grado per sesso (valori medi) DOCENTI DOCENTI DI SOSTEGNO Maschi Femmine Totale Figura 14: Distribuzione % dei docenti per sesso e tipologia di scuola 100% 90% 80% 70% 60% % 40% 30% 20% 10% 0% Liceo Mista Professionale Tecnica Scuole secondarie di II Docenti femmine Docenti maschi Docenti di sostegno Femmine Docenti di sostegno maschi Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 30

31 Tabella 6: Docenti per tipologia di scuola (valori medi) Tipologia istituto Indicatori Maschi Femmine Totale Liceale Media Minimo Massimo Mista Media Minimo Massimo Professionale Media Minimo Massimo Tecnica Media Minimo Massimo Totale Media Minimo Massimo Tabella 7: Docenti di sostegno per tipologia di scuola (valori medi) Tipologia istituto Indicatori Maschi Femmine Totale Liceale Media Minimo Massimo Mista Media Minimo Massimo Professionale Media Minimo Massimo Tecnica Media Minimo Massimo Totale Media Minimo Massimo Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 31

32 Figura 15: Incidenza % dei docenti di sostegno sul corpo docente per tipologia di scuola Liceo Mista Professionale Tecnica Scuole secondarie di II 2.2 PERSONALE A.T.A Il personale ausiliario, tecnico, amministrativo (A.T.A.) nel 2008/2009 è composto approssimativamente da 4300 unità: 1093 amministrativi, 923 tecnici, 1873 ausiliari e 442 soggetti che svolgono diverse mansioni a seconda delle tipologie di scuola in cui operano e che per semplicità abbiamo classificato nella categoria altro 12. Dei 1093 amministrativi il 28% opera negli istituti tecnici, il 26% nei licei, il 21% negli istituti misti, il 24% negli istituti professionali. Per quanto riguarda il personale tecnico il 37% lavora presso gli istituti professionali, il 32% nelle scuole tecniche, il 20% negli istituti misti ed il 10% nei licei. 12 Riportiamo alcuni esempi di personale che gli istituti secondari hanno classificato come altro : cuochi, guardarobiere, infermieri, bibliotecari, lavoratori socialmente utili. Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 32

33 Il personale ausiliario si distribuisce in modo quasi omogeneo nelle diverse tipologie di scuola: il 28% nei professionali, il 26% nei tecnici, il 24% nei licei ed il 21% negli istituti misti. Infine, quasi la metà del personale che abbiamo classificato come altro presta la propria attività lavorativa negli istituti professionali, circa un quanto in quelli tecnici e negli istituti professionali e solo l 8% nei licei (Cfr. Figura 16). Ogni istituti secondari calabresi presenta mediamente: 7 amministrativi, 6 tecnici, 12 ausiliari e 3 soggetti che prestano attività specifiche 13. Gli istituti professionali registrano valori medi superiori al valore regionale: 8 amministrativi, 10 tecnici, 16 ausiliari e 6 soggetti classificabili come altro (Cfr. Tabella 8). Figura 16: Distribuzione % delle tipologie di Personale ATA nelle scuole secondarie di II grado 100% 90% 80% % 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Amministrativi Tecnici Ausiliari Altro Licei Misti Professionali Tecnici 13 Il valore medio è stato calcolato come rapporto tra personale A.T.A. e numero di istituti, distinguendo le diverse categorie di personale. Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 33

34 Tabella 8: Personale A.T.A. per tipologia di scuola (valori medi) Tipologia istituto Indicatori Amministrativo Tecnico Ausiliario Altro Liceale Media Minimo Massimo Mista Media Minimo Massimo Professionale Media Minimo Massimo Tecnica Media Minimo Massimo Totale Media Minimo Massimo Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 34

35 3. ORGANIZZAZIONE DIDATTICA 3.1 ATTIVITA DIDATTICA 3.2 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 35

36 3.1 ATTIVITA DIDATTICA DIDATTICA Sull organizzazione didattica è stato chiesto agli istituti di indicare gli elementi determinanti la definizione delle strategie didattiche. Il 91% degli istituti ha indicato i requisiti in ingresso degli studenti, l 89% la specificità degli obiettivi disciplinari, l 86% i criteri e le linee guida individuate dal Consiglio di Classe, l 85% l utilizzazione dei laboratori e delle altre risorse strutturali, il 71% il saldo dei debiti, il 68% le situazioni di contesto, il 54% gli ambienti di apprendimento ed il 51% la rilevazione dei crediti (Cfr. Figura 17). Le tipologie di insegnamento maggiormente utilizzate sono le lezioni frontali (99%), i laboratori di apprendimento e di ricerca operativa (il 68%), i laboratori di ricerca teorica (55%) e solo per l 8% l alternanza di moduli di apprendimento in presenza e a distanza (Cfr. Figura 18). La formazione continua dei docenti, l applicazione di tecniche multimediali, il miglioramento del contesto scolastico, l implementazione di modalità attive di insegnamento, la riqualificazione dei laboratori e l ascolto delle esigenze degli studenti sono state individuate dai 150 istituti che hanno risposto al quesito come le principali azioni che consentono di migliorare l efficacia delle attività didattiche (Cfr. Figura 19). Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 36

37 Figura 17: Quali elementi sono determinanti nella scelta delle strategie didattiche? (valori %) 1. Requisiti in ingresso degli studenti 2. Specificità degli obiettivi disciplinari 3. Criteri e linee guida individuate dal Consiglio di classe 4. Utilizzazione dei laboratori e delle altre risorse strumentali 5. Saldo dei debiti 6. Situazioni di contesto Criteri e linee guida definite 7 64 nel Dipartimento 8. Ambienti di apprendimento 9. Rilevazione dei crediti Figura 18: Quali tipologie di insegnamento sono utilizzate? (valori %) Lezioni frontali 99 Laboratori di apprendimento e di ricerca operativa 68 Laboratori di apprendimento e di ricerca teorica 55 Alternanza di moduli di apprendimento in presenza e a distanza 8 Altro 5 Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 37

38 Figura 19: Come potrebbe migliorare l efficacia dell attività didattica? (valori %) Formazione continua e in servizio dei docenti 10. Applicazione di tecniche multimediali 9. Miglioramento della qualità degli ambienti, degli arredi e delle strumentazioni 8. Modalità di insegnamento di tipo attivo 7. Riqualificazione dei laboratori 6. Ascolto delle esigenze degli studenti 5. Collaborazione di esperti esterni 4. Collaborazione con altre agenzie formative o con aziende di settore 3. Organizzazione condivisa delle attività integrative 2. Approfondimenti e ricerche su temi specifici 1. Organizzazione funzionale dell orario PROCESSO DI APPRENDIMENTO In riferimento al processo di apprendimento è stato chiesto - attraverso delle domande a scelta multipla - di evidenziare come viene favorito il processo di apprendimento e gli elementi che lo condizionano negativamente. Sulle modalità è emerso che per il 96% degli istituti un ruolo chiave è rappresentato dal rapporto costruttivo fra docente e classe, per l 87% dalle analisi del Consiglio di classe sul conseguimento degli obiettivi disciplinari, per l 80% da un efficace comunicazione tra docenti e famiglie, per il 76% da un Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 38

39 rapporto costruttivo fra docente e singolo studente, per il 71% da un dialogo efficace fra gli insegnanti (Cfr. Figura 20). Un impegno discontinuo nello studio individuale e la frequenza irregolare sono stati indicati dalla maggior parte degli istituti come i due principali elementi che ostacolano e rallentano il processo di apprendimento degli studenti (Cfr. Figura 21). Figura 20: Nel suo istituto come viene favorito il processo di apprendimento? (valori %) Costruttivo rapporto fra docente e classe 96 Analisi del Consiglio di classe sul conseguimento degli obiettivi disciplinari 87 Efficace comunicazione tra docenti e Famiglie 80 Costruttivo rapporto tra docente e singolo Studente 76 Efficace dialogo professionale tra gli insegnanti del dipartimento 72 Trasmissione ed elaborazione dei contenuti disciplinari in forme multimediali 41 Metodologie didattiche di tipo cooperativo 39 Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 39

40 Figura 21: Quali sono i principali elementi che condizionano il processo di apprendimento degli studenti? (valori %) Impegno discontinuo nello studio individuale 99 Frequenza irregolare 75 Percorsi didattici non adeguatamente finalizzati 11 Difficoltà comunicative del docente con gli studenti 11 Difficoltà comunicative nei rapporti tra gli studenti VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI L Indagine ha consentito di reperire informazioni sulle modalità di valutazione dei risultati degli studenti, sulle procedure utilizzate, gli ambiti disciplinari nei quali gli studenti presentano più frequentemente debiti formativi, sulle iniziative realizzate per saldare i debiti e sulle attività di potenziamento. In riferimento alle modalità di verifica dei processi di apprendimento, tutti gli istituti utilizzano prove orali e prove scritte, il 92% simulazioni di prove di esame, il 91% prove strutturate, l 80% prove pratiche, il 79% questionari, il 68% prove semistrutturate, il 52% tesine, il 33% osservazioni sistematiche e solo il 7% test di repertorio (Cfr. Figura 22). Le procedure di valutazione sono definite nella maggior parte dei casi all interno del Collegio dei docenti e dei singoli consigli di classe (Cfr. Figura 23). Per quanto riguarda le procedure di valutazione dei risultati di profitto degli studenti, su 132 istituti che hanno risposto a tale quesito l 87% analizza in modo sistematico le prestazioni degli studenti, l 80% osserva i risultati degli esami finali, il 43% i criteri per la certificazione delle competenze e solo il 19% le iscrizioni all Università (Cfr. Figura 24). Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 40

41 Figura 22: Attraverso quali strumenti viene verificato il processo di apprendimento degli studenti? (valori %) Prove orali Prove scritte Simulazioni di prove di esame Prove strutturate Prove pratiche Questionari Prove semistrutturate 68 Tesine/relazioni 52 Ossevazioni sistematiche 34 Test di repertorio 7 Figura 23: Organi con i quali sono condivisi gli strumenti di valutazione degli studenti (valori %) Collegio dei docenti 95 Singolo Consiglio di Classe 88 Dipartimento disciplinare 58 Consiglio di corso per indirizzo 10 Figura 24: Procedure di valutazione dei risultati di profitto degli studenti (valori %) Analisi sistematica delle prestazioni degli studenti 87 Analisi dei risultati degli esami finali 80 Criteri per la certificazione delle competenze 44 Analisi delle iscrizioni all'università 19 Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 41

42 Gli ambiti disciplinari nei quali gli studenti presentano più frequentemente debiti formativi sono l ambito logico matematico (96%), l ambito relativo alle lingue straniere (79%), lingue classiche (74%) e lingua italiana (63%) (Cfr. Figura 25). Figura 25: Ambiti disciplinari nei quali gli studenti presentano più frequentemente debiti formativi (valori %) Ambito tecnologico Ambito scientifico Ambito Logico-matematico 96 4 Ambito Linguistico - espressivo: Lingue classiche Ambito Linguistico - espressivo: Lingue straniere Ambito Linguistico - espressivo: Lingua italiana Ambito Storico - Filosofico - sociale Ambito Artistico 4 96 Frequente Non frequente Le attività realizzate per il saldo dei debiti formativi sono le lezioni per studenti della stessa classe con il docente curricolare (l 87%), interventi didattici personalizzati (75%), lezioni per studenti provenienti da classi diverse (67%), sportello didattico (57%), lezioni per studenti della stessa classe con altri docenti (52%) e interventi per l acquisizione di idonee metodologie di apprendimento (44%) (Cfr. Figura 26). Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 42

43 Figura 26: Attività realizzate per il saldo dei debiti formativi (valori %) Lezioni per studenti della stessa classe con il docente curricolare 88 Interventi didattici personalizzati 75 Lezioni per studenti provenienti da classi diverse 67 Sportello didattico 57 Lezioni per studenti della stessa classe con il docente non curricolare 53 Interventi per l'acquisizione di idonne metodologie di apprendimento 44 Per quanto riguarda le modalità utilizzate per lo svolgimento delle attività di potenziamento su 138 Istituti che hanno risposto al quesito, 98 organizzano stage, 84 aree di progetto, 79 conferenze con esperti, 75 gruppi di studio su tematiche specifiche, 44 attività di ricerca-azione e altre 44 simulazioni di impresa (Cfr. Figura 27). Figura 27: Modalità utilizzate per lo svolgimento delle attività di potenziamento (valori %) Stage 71 Aree di progetto 61 Conferenze di esperti 57 Gruppi di studio su tematiche specifiche 54 Attività di ricerca-azione 32 Simulazioni di impresa 32 Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 43

44 3.1.4 DISPERSIONE SCOLASTICA Nell ambito delle attività didattiche vi rientrano le iniziative promosse e realizzate dagli istituti per contrastare la dispersione scolastica. La provincia che realizza maggiori interventi in ogni macrotipologia di scuola è quella cosentina, seguita da quella di Reggio Calabria (Cfr. Tabella 9). Una maggiore attenzione da parte dei docenti alle problematiche e alle difficoltà degli studenti, un analisi all interno dei Consigli di classe delle difficoltà emerse nello svolgimento quotidiano della vita scolastica, incontri con i genitori, interventi didattici personalizzati, attività laboratoriali sono le principali iniziative implementate con maggiore frequenza dai 142 istituti che hanno dichiarato di adottare interventi contro la dispersione scolastica (Cfr. Figura 28). Tabella 9: Istituti che realizzano iniziative per contrastare la dispersione scolastica per tipologia e provincia Liceale Mista Professionale Tecnica Scuole secondarie di II Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Totale Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 44

45 Figura 28: Iniziative adottate per contrastare la dispersione scolastica (valori %) 11 93% % 86% % 73% % 68% % 49% % 20% 11. Attenzione da parte dei docenti alle problematiche e difficoltà degli studenti 10. Analisi da parte del Consiglio di classe delle difficoltà emerse 9. Incontri con i genitori 8. Interventi didattici personalizzati 7. Attività laboratori ali 6. Adozione di strategie funzionali al superamento delle difficoltà emerse 5. Attività integrative finalizzate alla rimotivazione degli studenti 4. Periodi di alternanza scuola-lavoro 3. Incontri degli studenti con personale specializzato esterno 2. Incontri con rappresentanti della formazione professionale 1. Corso di tecniche e metodologie di apprendimento destinato agli studenti INTERVENTI FORMATIVI PER ADULTI Gli interventi formativi destinati agli adulti sono attività didattiche che gli istituti secondari promuovono solo da pochi anni. Su 152 istituti che hanno aderito all indagine solo 68 realizzano queste attività, ed in particolare gli istituti tecnici (Cfr. Tabella 10). Corsi brevi e modulari di alfabetizzazione in lingua Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 45

46 italiana, informatica, lingua straniera e corsi di ordinamento serali sono le iniziative promosse con maggior frequenza (Cfr. Figura 29). Figura 29: Tipologia di interventi formativi per adulti (valori %) 9 78% 8 74% 7 32% 6 25% 5 24% 4 16% 3 15% 2 10% 1 6% 9. Corsi brevi e modulari di alfabetizzazione funzionale 8. Corsi di ordinamento serali 7. Collaborazione con Enti Locali 6. Collaborazione con Agenzie e Centri di formazione professionale 5. Corsi per l integrazione linguistica degli stranieri 4. Corsi di qualificazione professionale 3. Collaborazione e collegamenti con Centri Territoriali Permanenti 2. Utilizzo di oggetti digitali per la formazione a distanza 1. Corsi di ordinamento in strutture di detenzione Tabella 10: Istituti che organizzano interventi formativi per adulti per tipologia e provincia Liceale Mista Professionale Tecnica Scuole secondarie di II Cosenza Catanzaro Crotone Reggio Calabria Vibo Valentia Totale Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 46

47 3.1.6 VALUTAZIONE DEI DOCENTI La valutazione dei docenti è un tema che è emerso negli ultimi anni e che sempre più diventa oggetto di studio e di approfondimento 14. Dall Indagine è emerso che la valutazione dei docenti verte sui seguenti aspetti (Cfr. Figura 30): contenuti e tempi della programmazione disciplinare (78%), criteri di valutazione (77%), numero e tipologie delle prove di verifica (66%), obiettivi formativi (66%), obiettivi specifici delle discipline (64%), metodologie didattiche (59%), strumenti di verifica del profitto scolastico (53%). La valutazione viene effettuata attraverso l esame dei registri di classe (76%) o dei registri personali (42%) da parte del dirigente scolastico o di un suo delegato, oppure con la presentazione di una relazione periodica da parte dei docenti in sede di Consiglio di classe (73%) o al dirigente scolastico (42%) (Cfr. Figura 31). 14 Cfr. Martini A. (2008), Koppich J. (2008), Sanders W.L., Horn S.P. (1995). Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 47

48 Figura 30: Aspetti dei docenti sottoposti a verifica (valori %) Contenuti e tempi della programmazione disciplinare 78 Criteri di valutazione 77 Numero e tipologie delle prove di verifica 66 Obiettivi formativi 66 Obiettivi specifici delle discipline 64 Metodologie didattiche 59 Strumenti di verifica del profitto scolastico 53 Figura 31: Strumenti utilizzati per la valutazione dei docenti (valori %) Esame dei registri di classe da parte del dirigente scolastico o suo delegato 77 Relazione periodica da parte dei docenti in sede di Consiglio di classe 73 Esame dei registri personali dei docenti da perte del dirigente scolastico 69 Relazione periodica da parte dei docenti al dirigente scolastico 43 Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 48

49 3.2 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Il secondo cluster di domande in tema organizzazione didattica riguarda il Piano dell Offerta Formativa (POF). In particolare oggetto di indagine sono stati: i soggetti coinvolti nella predisposizione del POF; le modalità utilizzate per la pubblicizzazione; le attività di monitoraggio e valutazione delle azioni previste nel POF; le attività aggiuntive o extrascolastiche individuate nel POF. I soggetti coinvolti nella definizione del POF sono nella maggior parte dei casi i docenti, il Collegio dei docenti, il Consiglio di istituto e gli studenti. Nel 66% degli istituti partecipa anche il personale ATA e nel 65% le famiglie (Cfr. Figura 32). Il 92% delle scuole secondarie calabresi utilizza la pubblicazione all albo come modalità di informazione, l 81% organizza seminari di presentazione destinati alle famiglie e agli alunni, l 80% rende accessibile sul sito web dell Istituto il POF e il 51% consegna il POF all atto di iscrizione (Cfr. Figura 33). Figura 32: Soggetti direttamente coinvolti nella predisposizione del POF (valori %) Docenti Collegio dei Docenti Consiglio di istituto 87 Studenti 78 Personale Ata Famiglie Istituzioni del territorio 27 Aziende del territorio Agenzie culturali Università e istituti di istruzione superiore Esponenti del mondo del lavoro 9 Osservatorio Regionale sull istruzione e il diritto allo studio 49

Sistema Informativo Statistico SISPICAL

Sistema Informativo Statistico SISPICAL REGIONE CALABRIA ASSESSORATO ISTRUZIONE, ALTA FORMAZIONE E RICERCA Sistema Informativo Statistico SISPICAL Analisi dell offerta formativa degli istituti secondari di secondo grado della Regione Calabria

Dettagli

Scheda Anagrafica Istituto

Scheda Anagrafica Istituto Chi siamo Denominazione Codice meccanografico della sede centrale "FERRARIS" PALMI RCIS021002 Indirizzo Scuola Agraria 89015 Palmi Dirigente Scolastico Caccamo Libero Carmelo Provincia RC Telefono 096646013

Dettagli

Appendice Statistica

Appendice Statistica REGIONE CALABRIA Dipartimento Istruzione, Università, Alta Formazione, Innovazione e Ricerca Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio Dieci anni di scuola calabrese Appendice Statistica

Dettagli

Scheda Anagrafica Istituto

Scheda Anagrafica Istituto Chi siamo Denominazione Codice meccanografico della sede centrale "FRA' LUCA PACIOLI" CATANZARO CZTD09000V Indirizzo Via Sebenico,39 88100 Catanzaro Dirigente Scolastico Levato Maria Provincia CZ Telefono

Dettagli

Istituto Principale di scuola secondaria di II grado

Istituto Principale di scuola secondaria di II grado Istituto Principale di scuola secondaria di II grado Chi siamo Denominazione Istituto Scolastico "M.M.MILANO" POLISTENA Codice meccanografico della sede centrale RCTF030008 Indirizzo VIA DELLO SPORT, Polistena

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO Amministrazione, finanza e marketing Relazioni internazionali per il marketing Sistemi informativi aziendali LICEO SCIENTIFICO Viale San

Dettagli

Scheda Anagrafica Istituto

Scheda Anagrafica Istituto Chi siamo Denominazione Codice meccanografico della sede centrale LIC. SC. ST/LE- SCALEA CSPS20000D Indirizzo Localita' Pantano 87029 Scalea Dirigente Scolastico Cupello Elena Provincia CS Telefono 098521257

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Presentazione dei lavori laboratoriali

Presentazione dei lavori laboratoriali Presentazione dei lavori laboratoriali «Progetto NEVERSTOPLEARNING» Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Dott.ssa Raffaella Gentile Psicologa Insegnante organizzazione: gli insegnanti

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Direzione Generale Uff. I Dirigente Stefano Versari PROGETTO CO-META

Direzione Generale Uff. I Dirigente Stefano Versari PROGETTO CO-META PROGETTO CO-META (Corsi d Orientamento-Moduli di Eccellenza e Trasversali Approfondimenti) Progetto di eccellenza e orientamento ai sensi del D. Lgs. 14 gennaio 2008 n. 21 PREMESSA I dati relativi alla

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n. lì Al Collegio dei Docenti e p.c. al Consiglio d Istituto ai genitori agli alunni al personale ATA Agli atti All albo OGGETTO: atto d indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n. 4726/A19 Calolziocorte, 30/09/2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Prot. n. 10197 Cefalù lì 18/09/2015 DECRETO N.76

Prot. n. 10197 Cefalù lì 18/09/2015 DECRETO N.76 I.I.S.S. Jacopo del Duca-Diego Bianca Amato - Cefalù via Pietragrossa, 68/70 - Centralino 0921.421415 - Fax 0921.420371 Cod. Fisc. 82000410827 sito internet: www.delduca-biancaamato.it - www.delduca-biancaamato.gov.it

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16 Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 Staff del Dirigente e Funzioni strumentali al POF 2 FS1 - Qualità e valutazione di sistema Gestisce la documentazione relativa

Dettagli

ITALIA. 2. Controllo amministrativo e importanza dell istruzione finanziata con fondi pubblici

ITALIA. 2. Controllo amministrativo e importanza dell istruzione finanziata con fondi pubblici ITALIA I DESCRIZIONE DEL SISTEMA EDUCATIVO 1. Popolazione educativa e lingua di istruzione Nell anno scolastico 2005-2006, il totale degli studenti, a tutti i livelli scolastici, è stato di 7.714.557,

Dettagli

Prot. n. 3623/A42 Milano, 28 settembre 2015

Prot. n. 3623/A42 Milano, 28 settembre 2015 ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO - TURISMO LICEO LINGUISTICO PIER PAOLO PASOLINI 20134 MILANO Via L. Bistolfi, 15 Tel 02.2104001 Fax 02.26415178 E-mail: mitn02000x@istruzione.it Cod. Fisc.

Dettagli

Analisi dei progetti contro la dispersione cosa e come valutare dei/nei progetti

Analisi dei progetti contro la dispersione cosa e come valutare dei/nei progetti Analisi dei progetti contro la dispersione cosa e come valutare dei/nei progetti Guido Benvenuto Docente associato di Pedagogia Sociale Università la Sapienza di Roma La ricerca valutativa e i progetti

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE Liceo delle Scienze Umane - Liceo Economico Sociale Vittorio Emanuele II - JESI -

LICEO CLASSICO STATALE Liceo delle Scienze Umane - Liceo Economico Sociale Vittorio Emanuele II - JESI - Prot. n. 5866/C16a Jesi, 13/10/2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

Istituto Principale di scuola secondaria di II grado

Istituto Principale di scuola secondaria di II grado Istituto Principale di scuola secondaria di II grado Chi siamo Denominazione Istituto Scolastico LS "PITAGORA" RENDE Codice meccanografico della sede centrale CSPS18000D Indirizzo SANDRO PERTINI, Rende

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

LOIUDICE DOMENICA VIA S. BARBARA N. 61 70037 RUVO DI PUGLIA (BA) domenica.loiudice@istruzione.it

LOIUDICE DOMENICA VIA S. BARBARA N. 61 70037 RUVO DI PUGLIA (BA) domenica.loiudice@istruzione.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail LOIUDICE DOMENICA VIA S. BARBARA N. 61 70037 RUVO DI PUGLIA (BA) domenica.loiudice@istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo Prot. n. 2994/D6 Sovizzo, 20 novembre 2015 Al Collegio docenti Al Consiglio di Istituto AI Genitori Al Personale ATA dell IC Sovizzo LORO SEDI OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA

Dettagli

Istituto Istruzione secondaria superiore

Istituto Istruzione secondaria superiore Istituto Istruzione secondaria superiore Chi siamo Denominazione Istituto Scolastico Codice meccanografico della sede centrale VVIS003008 IST D'ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Indirizzo VITTORIO VENETO,

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015

Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015 Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER

Dettagli

Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015

Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015 Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S.

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. 2003-2004------------------------------------------ VISTO

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE Gennaio 2016

PIANO DI FORMAZIONE Gennaio 2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE GALLARATE LICEO SCIENTIFICO STATALE Leonardo da Vinci LICEO CLASSICO "Giovanni Pascoli" LICEO delle SCIENZE UMANE opz. ECONOMICO-SOCIALE PIANO DI FORMAZIONE Gennaio 2016

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "EMANUELE MORSELLI INDIRIZZI: CHIMICO - ELETTROTECNICA - MECCANICA E MECCATRONICA- AGRARIA,AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ELETTRONICA- INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI

Dettagli

TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento

TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento Questa breve guida è stata realizzata dalla redazione Edises, casa editrice specializzata in formazione universitaria

Dettagli

Prot. n. 7467/H1 Vercelli, 30 settembre 2015

Prot. n. 7467/H1 Vercelli, 30 settembre 2015 Prot. n. 7467/H1, 30 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE EVANGELISTA TORRICELLI

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE EVANGELISTA TORRICELLI Albo d Istituto Prot. n. 6198/C23 Milano, 13 novembre 2015 Oggetto: atto d indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa ai sensi dell art. 1, comma

Dettagli

Scheda Anagrafica Istituto

Scheda Anagrafica Istituto Chi siamo Denominazione Codice meccanografico della sede centrale IS "MALAFARINA" SOVERATO CZIS00800R Indirizzo Trento E Trieste 88068 Soverato Dirigente Scolastico Servello Domenico A. Provincia CZ Telefono

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) per gli Anni Scolastici 2016-17, 2017-18 e 2018-19

PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) per gli Anni Scolastici 2016-17, 2017-18 e 2018-19 LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B. Quadri Via Carducci, 17-36100 Vicenza - Tel. 0039 0444928877 - www.liceoquadri.gov.it vips05000n@istruzione.it vips05000n@pec.istruzione.it - C. F. 80014650248 PIANO TRIENNALE

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

Istituto Istruzione secondaria superiore

Istituto Istruzione secondaria superiore Istituto Istruzione secondaria superiore Chi siamo Denominazione Istituto Scolastico Codice meccanografico della sede centrale CSIS03800R I.I.S. SAN GIOVANNI IN F. "ITCG-ISA" Indirizzo LOC. CERETTI, San

Dettagli

Schema del PON Competenze per lo Sviluppo

Schema del PON Competenze per lo Sviluppo UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Uff. V PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014

PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014 PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014 La nostra scuola è dotata di Dipartimenti Disciplinari intesi come articolazioni funzionali del Collegio dei Docenti per il sostegno alla didattica e alla progettazione

Dettagli

FAC SIMILE FORMULARIO COMPILAZIONE E CONSEGNA SOLO ON LINE http://www.indire.it/indicazioni/monitoraggio/ Monitoraggio dei documenti programmatici

FAC SIMILE FORMULARIO COMPILAZIONE E CONSEGNA SOLO ON LINE http://www.indire.it/indicazioni/monitoraggio/ Monitoraggio dei documenti programmatici A che punto siamo... indicazioni per il curricolo e indicazioni nazionali Monitoraggio dei documenti programmatici Formulario A PARTE GENERALE Formulario A - PARTE GENERALE - Pagina n 1 /11 Il piano dell

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale Regionale per la Sicilia Via Fattori, 60 90146 Palermo Prot. n. 184 out del 22.9.2008 Segr. Ispettiva USR Sicilia I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

Dettagli

Scuola: I.P.S.S.S. E. DE AMICIS ROMA a.s. 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola: I.P.S.S.S. E. DE AMICIS ROMA a.s. 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione Scuola: I.P.S.S.S. E. DE AMICIS ROMA a.s. 2013/2014 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi ---------------------------------------------------------------------------------

Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Roberta Galassi --------------------------------------------------------------------------------- Istituto Istruzione Superiore Sansi Leonardi - Volta Piazza Carducci, 1 06049 Spoleto (PG) Tel. 0743 22 35 05 Fax 0743 22 53 18 e-mail: pgis026007@istruzione.it sito web: www.liceospoleto.gov.it Circ.

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015 I S T I T U T O O M N I C O M P R E N S I V O SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Centro Provinciale per l Istruzione degli Adulti Via Giordano Bruno sn 97100 RAGUSA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI EDUCAZIONE alla SICUREZZA STRADALE Il Progetto Nazionale Il Progetto ha la finalità di educare a comportamenti corretti e responsabili e, in particolare i giovani utenti della strada, ad una guida dei

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini"

Istituto Scolastico Comprensivo Statale R. Fucini Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini" Scuola Infanzia Primaria e Secondaria di I di Monteroni d Arbia e Murlo Viale Rimembranze,127 Tel 0577375118 53014 - MONTERONI D'ARBIA (SI) e. mail siic80800q@istruzione.it

Dettagli

La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento

La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento Progetto Valutazione e Miglioramento Strumenti per valutare le scuole Seminario con gli osservatori 21 25 marzo 2011 Radisson Blu Hotel Roma La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento Il Progetto

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio

Oberdan: la strada per il mio futuro. Liceo. Tecnico economico. Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Istituto Statale di Istruzione Superiore G. Oberdan Treviglio Oberdan: la strada per il mio futuro Liceo Liceo delle Scienze Umane Liceo Economico Sociale (LES) Tecnico economico Amministrazione, finanza

Dettagli

PROGETTO DI ACCOGLIENZA

PROGETTO DI ACCOGLIENZA ISTITUTO D ISTRUZIONE G. FLORIANI RIVA DEL GARDA PROGETTO DI ACCOGLIENZA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI/E DI MADRE LINGUA NON ITALIANA Premessa Da qualche anno nel nostro Istituto si registra un incremento

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

PTOF del triennio 2016/2019

PTOF del triennio 2016/2019 PTOF del triennio 2016/2019 MISSION E VISION TERRITORIALI : AREA 1. SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI OBIETTIVI In mantenimento/miglioramento, si terrà conto della pianificazione reti territoriali (SPECIFICARE

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità (nell anno scolastico 2013/2014) A. Rilevazione dei BES presenti:

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

"ALVARO - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003

ALVARO - GEBBIONE Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 ISTITUTO COMPRENSIVO " - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 PIANO INTEGRATO PON 2013/14 PROT. N. AOODGAI8439 DEL 02/08/2014 Prot. 2252/18.08.2014 Al personale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ALFREDO FIORINI S c u o l a d e l l I n f a n z i a, S c u o l a P r i m a r i a e S c u o

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

MIURAOODGOS prot. n. 4969 Roma, 25 luglio 2014

MIURAOODGOS prot. n. 4969 Roma, 25 luglio 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica MIURAOODGOS prot. n. 4969 Roma, 25

Dettagli

Area POTENZIAMENTO Scientifico

Area POTENZIAMENTO Scientifico Area POTENZIAMENTO Scientifico ALLEGATO 5c Necessità di miglioramento Il potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche, teso sia all individuazione di percorsi funzionali alla premialità

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Prot. n. 1437/A6 Roma, 15 Marzo 2007 Linee di indirizzo EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE VISTA la Costituzione della Repubblica Italiana; VISTO il D.P.R.

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

L utilizzo di informazioni qualitative e quantitative per la valutazione delle scuole

L utilizzo di informazioni qualitative e quantitative per la valutazione delle scuole ROMA 24-25-26 novembre 2015 L utilizzo di informazioni qualitative e quantitative per la valutazione delle scuole Paola Di Natale Valutazione delle scuole: percorsi di formazione/informazione per i Dirigenti

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione. Legge 107 del 13 luglio 2015 - Elena Centemero

LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione. Legge 107 del 13 luglio 2015 - Elena Centemero LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione 1 FINALITA Dare piena attuazione all autonomia Innalzare i livelli di istruzione e le competenze Contrastare le disuguaglianze Prevenire

Dettagli

Questionario Insegnante Matematica

Questionario Insegnante Matematica Anno Scolastico 2014-2015 Questionario Insegnante Matematica ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il presente questionario è rivolto agli insegnanti di Italiano e Matematica delle classi del

Dettagli

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE 1 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Codice meccanografico - RMPS 010004 Codice Fiscale 80222130587 Scheda -

Dettagli

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso A.S. 2015-2016 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA Direttiva M. 27/12/2012 e CM n 8 del 6/3/2013 A.S. 2015-2016 Nei punti che seguo so riportate

Dettagli

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro.

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro. Adotta il futuro ovvero Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro Promosso e realizzato da: Ufficio Scolastico Provinciale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n.

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 1 REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI E FORMATIVI (classe n. 56/S) Art. 1 - Denominazione del Corso di Studio (CdS) e classe di appartenenza

Dettagli

I risultati dei test d ingresso Documento di analisi delle criticità

I risultati dei test d ingresso Documento di analisi delle criticità UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO I risultati dei test d ingresso Documento di analisi delle criticità (Anno Accademico 2010-2011) 2 Indice 1. Obiettivi del

Dettagli

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE La formazione continua nella programmazione FSE 2014-2020 di Franco Silvestri Insieme con i Fondi Interprofessionali è il Fondo Sociale Europeo la principale fonte di finanziamento per gli interventi di

Dettagli

1. LINEE D INDIRIZZO

1. LINEE D INDIRIZZO Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. 80006880308 anno scolastico 2015/16 1. LINEE D INDIRIZZO 1.1 Indirizzi generali

Dettagli

COSA OFFRE IL PASCAL?

COSA OFFRE IL PASCAL? I. INDICE RAGIONATO COS E IL PASCAL? UN ISTITUTO ORGANIZZATO IN: 4 indirizzi sperimentali: - Informatico (Indirizzo Tecnico) - Linguistico (Indirizzo Tecnico) - Grafico-Beni Culturali (Liceo artistico)

Dettagli

Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio. Anno scolastico 2013/2014

Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio. Anno scolastico 2013/2014 Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Anno scolastico 2013/2014 CLASSE V SEZ. B INDIRIZZO: TURISTICO APPROVATO IL: 14 MAGGIO 2014 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico Non si impara mai pienamente una scienza difficile, per esempio la matematica,

Dettagli

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Direzione Generale Attuazione Protocollo di Intesa Regione Liguria - MIUR del 4/11/2010 per la realizzazione

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Manuale della qualità 1 INTRODUZIONE 3 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4 4.1 Requisiti generali 4 4.2 Requisiti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art.

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2013/2014 Approvato nel Collegio dei Docenti del 13 giugno 2014 1 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca L I C E O S T A T A L E G a l i l e o G a l i l e i Liceo Scientifico- Liceo delle Scienze Applicate - Liceo Linguistico Via S. Francesco n. 63-24043

Dettagli