Bullismo: Conseguenze e Approcci di Prevenzione nelle Scuole

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bullismo: Conseguenze e Approcci di Prevenzione nelle Scuole"

Transcript

1 Bullismo: Conseguenze e Approcci di Prevenzione nelle Scuole C. Mencacci G. Migliarese Y. Reibman Dipartimento di Neuroscienze A.O.FBF,Milano

2

3 Frontal Gray Matter (cc) Parietal Gray Matter (cc) Brain wave: how adolescents lose gray matter 5 20 Age From Neuropsychopharmacology, Oct., 2007 Temporal Gray Matter (cc) Occipital Gray Matter (cc)

4 Intellectual ability and cortical development in children and adolescents P. Shaw et al., Nature 2006

5 Earlier Development of the Accumbens Relative to Orbitofrontal Cortex Might Underlie Risk-Taking Behavior in Adolescents A. Galvan et al., J. Neurosci, Children Peak % MR Signal Change * * * Adolescent Adult 0 Nucleus Accumbens Orbital Frontal Cortex

6 CONSEGUENZE DEL BULLISMO Il bullismo è un fenomeno complesso le cui conseguenze non si estendono solamente al ragazzo colpito o all aggressore, ma coinvolgono parimenti anche il gruppo, l ambiente familiare, la scuola Psichici Fisici A breve termine A lungo termine Sulla vittima Sul bullo Sugli osservatori FASCIA D ETA

7

8 RISCHI PER LA VITTIMA nel breve-medio termine Disturbi d ansia Fobia sociale o scolare Tentato Suicidio Depressione Distimia Riduzione autostima Rigby K. Consequences of bullying in schools Can J Psychiatry. 2003; 48: Kumpulainen K. Psychiatric conditions associated with bullying. Int J Adolesc Med Health. 2008; 20:

9 BULLISMO E SUICIDIO GIOVANILE Relazione diretta o mediata dalla depressione? Dati di letteratura contrastanti Klomek AB, Sourander A, Kumpulainen K, Piha J, Tamminen T, Moilanen I, AlmqvistF, Gould MS. Childhood bullying as a risk for later depression and suicidal ideation amongfinnish males. J Affect Disord. 2008; 109: boys who were bullies frequently, but not merely sometimes, were more likely to be severely depressed and to report suicidal ideation compared to boys who were not bullies. When controlling for depression at age 8 the association between frequent bullying and severe depression was maintained but the association with suicidal ideation became non-significant.

10 BULLISMO E SUICIDIO GIOVANILE Kaltiala-Heino R, Rimpelä M, Marttunen M, Rimpelä A, Rantanen P. Bullying, depression, and suicidal ideation in Finnish adolescents: school survey. BMJ ; 319: Adolescents who are being bullied and those who are bullies are at an increased risk of depression and suicide. The need for psychiatric intervention should be considered not only for victims of bullying but also for bullies. Kim YS, Leventhal B. Bullying and suicide. A review. Int J Adolesc Med Health. 2008; 20: Despite methodological and other differences and limitations, it is increasingly clear that any participation in bullying increases the risk of suicidal ideations and/or behaviors in a broad spectrum of youth.

11 BULLISMO E SUICIDIO GIOVANILE Victimization and bullying are potential risk factors for adolescent depression and suicidality. In evaluations of students involved in bullying behavior, it is important to assess depression and suicidality. Brunstein Klomek A, Marrocco F, Kleinman M, Schonfeld IS, Gould MS. Bullying, depression, and suicidality in adolescents. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry Jan;46(1):40-9.

12 RISCHI PER LA VITTIMA nel lungo termine POCHI STUDI Complessità Fattori confondenti Disegno prospettico Lund R, Nielsen KK, Hansen DH, Kriegbaum M, Molbo D, Due P, Christensen U. Exposure to bullying at school and depression in adulthood: A study of Danish men born in Eur J Public Health Adulti di sesso maschile (età compresa tra i 31 e i 51 anni): bullismo fattore chiave per lo sviluppo di sintomi depressivi nel lungo termine. Soggetti vittime di bullismo in età scolare risultavano a maggior rischio rispetto ai controlli per lo sviluppo sia di sintomi depressivi che di depressione ad almeno 10 anni di distanza dagli episodi.

13 RISCHI PER IL BULLO Disturbi di personalità cluster B (soprattutto antisociale) Comportamento deviante (comportamenti violenti) Ansia Depressione Abuso di sostanze Andre Sourander et al. What Is the Early Adulthood Outcome of Boys Who Bully or Are Bullied in Childhood? The Finnish "From a Boy to a Man" Study Pediatrics 2007;120;

14

15 RISCHI PER IL BULLO-VITTIMA Categoria di soggetti a maggior rischio Disturbi d ansia Depressione Distimia Disturbi di personalità cluster B (soprattutto antisociale) Tentato Suicidio Comportamento deviante (comportamenti violenti) Abuso di sostanze Young Shin Kim, et al. School Bullying and Youth Violence: Causes or Consequences of Psychopathologic Behavior? Arch Gen Psychiatry. 2006; 63:

16 BULLO E VITTIMA: RUOLI INTERSCAMBIABILI?

17 CONSEGUENZE DEL BULLISMO Per la vittima DISTURBI D ANSIA - FOBIA SOCIALE, FOBIA SCOLARE (FINO ALL ABBANDONO DELLA SCUOLA) DISTURBI DEPRESSIVI, TENTATO SUICIDIO DIMINUZIONE DELL AUTOSTIMA Per il bullo DISTURBI DI PERSONALITA (maggiormente cluster B) COMPORTAMENTO VIOLENTO O DEVIANTE DISTURBI DEPRESSIVI Per il bullo-vittima DISTURBI DI PERSONALITA COMPORTAMENTO VIOLENTO O DEVIANTE DISTURBI DEPRESSIVI, TENTATO SUICIDIO, DISTURBI D ANSIA

18 CONSEGUENZE DEL BULLISMO: II

19 Sourander A et al. Childhood Bullies and Victims and Their Risk of Criminality in Late Adolescence: The Finnish From a Boy to a Man Study Arch Pediatr Adolesc Med. 2007; 161:

20 IL BULLISMO HA SOLAMENTE CONSEGUENZE DI TIPO PSICHICO? Campo sostanzialmente poco esplorato Kivimäki M, Virtanen M, Vartia M, Elovainio M, Vahtera J, Keltikangas- Järvinen L. Workplace bullying and the risk of cardiovascular disease and depression. Occup Environ Med. 2003; 60 : After adjustment odds ratio of incident cardiovascular disease for victims of prolonged bullying compared to non-bullied employees was 2.3 (95% CI 1.2 to 4.6). A further adjustment for overweight at baseline attenuated the odds ratio to 1.6 (95% CI 0.8 to 3.5). The association between prolonged bullying and incident depression was significant, even after these adjustments (odds ratio 4.2, 95% CI 2.0 to 8.6).

21

22 PREVENZIONE NELLA SCUOLA Sulle vittime e/o sui bulli Interventi basati sullo sviluppo di attività sociali o comportamentali Sull intera classe Interventi che si inseriscono nel curriculum scolastico Sull intera scuola Interventi globali (multidisciplinari)

23 Interventi basati sullo sviluppo di attività sociali o comportamentali VITTIME BULLI Gruppi per lo sviluppo dell assertività Sviluppo di capacità per affrontare la situazione Modalità di reazione Possibilità di chiedere aiuto Sanzioni chiare e precise con un aumento della frequenza scolastica (in attività socialmente utili ) Gruppi per lo sviluppo delle tecniche di metacognizione Analisi del disagio Non modificano il clima della classe o della scuola verso il bullismo Meno efficaci degli altri interventi

24 Interventi che si inseriscono nel curriculum scolastico Prevedono di dedicare del tempo (esempio una lezione ogni 15 giorni, oppure 20 minuti a settimana) specificatamente al tema del bullismo. role-playing problem-solving utilizzo di racconti utilizzo di video gruppi di discussione volti a insegnare ai ragazzi a discriminare le emozioni proprie e altrui Obiettivo Modificare il clima della classe verso gli episodi di bullismo

25 Interventi basati sullo sviluppo di attività sociali o comportamentali Rivolti, oltre agli studenti, agli insegnanti, al gruppo dei pari, al personale amministrativo. Prevedono un insieme di regole e norme, accompagnate da sanzioni, traning per la risoluzione dei problemi, formazione del personale docente, counseling individuale. Programma in diversi punti che affronti il problema in modo globale in tutti gli ambiti scolastici

26 Esplicitato Questionari Composto da genitori, insegnanti, personale amministrativo

27 Con specialisti del settore Esplicitate e visibili

28 aumento della frequenza a scuola, attività alternative allo studio Per affrontare il tema del bullismo e favorire la discussione

29 Il mondo è pericoloso non a causa di chi fa del male, ma a causa di chi guarda e lascia fare Albert Einstein Grazie!

1 Convegno Nazionale I Moderni Predatori: Il bullismo Milano, 23-24 Ottobre 2009

1 Convegno Nazionale I Moderni Predatori: Il bullismo Milano, 23-24 Ottobre 2009 1 Convegno Nazionale I Moderni Predatori: Il bullismo Milano, 23-24 Ottobre 2009 LE VITTIME DEL BULLISMO Alberto Ottolini, Maura Rossi U.O. Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza A.O. Fatebenefratelli

Dettagli

BULLISMO E RISCHIO DI SUICIDIO IN ADOLESCENZA: UN CONTRIBUTO SPERIMENTALE

BULLISMO E RISCHIO DI SUICIDIO IN ADOLESCENZA: UN CONTRIBUTO SPERIMENTALE Direttore responsabile Patrizia Santovecchi Reg. Trib. Firenze n. 5751 14/01/2010 BULLISMO E RISCHIO DI SUICIDIO IN ADOLESCENZA: UN CONTRIBUTO SPERIMENTALE di Anna Filippini, Antonella Pomilla Consapevoli

Dettagli

Sinossi dei disegni di studio

Sinossi dei disegni di studio Sinossi dei disegni di studio di intervento osservazionali serie di casi trasversale ecologici individuali quasisperimentali sperimentali (RCT) coorte caso-controllo Studi caso-controllo Il punto di partenza

Dettagli

E POSSIBILE PREVENIRE IL BULLISMO: Da Bullo a Leader positivo. GIUSEPPE DI MAURO Presidente SIPPS

E POSSIBILE PREVENIRE IL BULLISMO: Da Bullo a Leader positivo. GIUSEPPE DI MAURO Presidente SIPPS E POSSIBILE PREVENIRE IL BULLISMO: Da Bullo a Leader positivo GIUSEPPE DI MAURO Presidente SIPPS sembra risalire al 1500 Avrebbe il significato di partecipante a violenza organizzata Secondo alcuni studiosi

Dettagli

La vita in gioco ed il gioco della vita. dell adolescente e psicopatologia)

La vita in gioco ed il gioco della vita. dell adolescente e psicopatologia) La vita in gioco ed il gioco della vita (comportamenti ti estremi dell adolescente e psicopatologia) p M. Vaggi Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze ASL 3 Genovese

Dettagli

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI?

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? CHE COSA E L ETA DI INSORGENZA? Vi sono vari criteri, non univoci, per definire l età di insorgenza

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ Congresso PERCORSI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI CONDIVISI PER L ADHD Una risposta alle criticità e ai bisogni inevasi Milano, 10 novembre 2015 AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ SESSIONE: STRUTTURA DELLA RETE

Dettagli

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi 1 Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi INTRODUZIONE L Associazione Family Time nasce con l obiettivo di offrire un contributo alla tutela dei minori e delle loro famiglie.

Dettagli

La depressione. A cura di Roberta Longo

La depressione. A cura di Roberta Longo La depressione A cura di Roberta Longo Etimologicamente, il termine depressione proviene dal latino depressio, che indica uno stato di abbattimento o infossamento. In relazione ai disturbi dell umore,

Dettagli

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS I tumori in Italia Rapporto AIRTUM 1 TUMORI INFANTILI -1 ANNI IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI

Dettagli

Psicogeriatria e Medicina

Psicogeriatria e Medicina 53 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria L Italia? Non è un paese per vecchi Firenze, 29 novembre 2008 Lettura AIP/SIGG Psicogeriatria e Medicina Marco Trabucchi Presidente Associazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fax E-mail MARIA PONTILLO maria.pontillo@opbg.net maria.pontillo@uniroma1.it Nazionalità Data di nascita

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

BULLISMO: COSA PUO FARE LA SCUOLA?

BULLISMO: COSA PUO FARE LA SCUOLA? BULLISMO: COSA PUO FARE LA SCUOLA? LUOGHI COMUNI SUL BULLISMO IL BULLISMO ESISTE SOLO NEI CONTESTI DEGRADATI IL BULLISMO E UNA QUESTIONE TRA MASCHI LA VIOLENZA FISICA VA CONTRASTATA, LE ALTRE PREPOTENZE

Dettagli

Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele

Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele I programmi per l autismo: obiettivi di programmazione e garanzie di verifica

Dettagli

Anno Scolastico 2013/14 STUDIO DELLA FAMIGLIA DELLA COPPIA E DELL INDIVIDUO

Anno Scolastico 2013/14 STUDIO DELLA FAMIGLIA DELLA COPPIA E DELL INDIVIDUO STUDIO DI PSICOTERAPIA SISTEMICO RELAZIONALE DELLA FAMIGLIA DELLA COPPIA E DELL INDIVIDUO Dott.ssa Alessandra Ferraris C e l l. 3 2 8 7 0 2 3 7 4 8 E m a i l a l e s s a n d r a _ f e r r a r i s @ l i

Dettagli

Comunicazione della diagnosi e continuità assistenziale in età adulta: quale ruolo per il pediatra?

Comunicazione della diagnosi e continuità assistenziale in età adulta: quale ruolo per il pediatra? Strumenti per la sorveglianza e la presa in carico dei soggetti autistici: il ruolo dei pediatri 24 25 novembre 2011 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' BICN Dipartimento di Biologia cellulare e Neuroscienze

Dettagli

Roma, 23 aprile 2009 Alcol e marketing sociale Tiziana Codenotti Contesto della discussione sul marketing sociale Forum Alcol e Salute Organismo individuato all interno della Strategia Europea sull alcol,

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO

ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOZIONALI DEL BULLISMO E DISAGIO GIOVANILE: COME CONTRASTARE IL FENOMENO A cura di Dr.ssa Silvia Testi e Dr.ssa Valeria Salsi Aspetti psicologici del Bullo e della Vittima Quale

Dettagli

Action Anti-bullying

Action Anti-bullying Action Anti-bullying Raccomandazioni dello studio condotto dalle Nazioni Unite sulla violenza contro i bambini In relazione alla riduzione del bullismo ed altre forme di violenza, questo studio pubblicato

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Uno

U Corso di italiano, Lezione Uno 1 U Corso di italiano, Lezione Uno F What s your name? U Mi chiamo Francesco M My name is Francesco U Mi chiamo Francesco D Ciao Francesco F Hi Francesco D Ciao Francesco D Mi chiamo Paola. F My name is

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Tre

U Corso di italiano, Lezione Tre 1 U Corso di italiano, Lezione Tre U Ciao Paola, come va? M Hi Paola, how are you? U Ciao Paola, come va? D Benissimo, grazie, e tu? F Very well, thank you, and you? D Benissimo, grazie, e tu? U Buongiorno

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

IL BULLISMO. Dott.ssa Maria Giuseppina Bartolo

IL BULLISMO. Dott.ssa Maria Giuseppina Bartolo IL BULLISMO Dott.ssa Maria Giuseppina Bartolo Bullying Bullismo Prepotenze Bullying Dan Olweus 1978 Bullo = persona arrogante, violenta o anche colui che ostenta la sua vanità maschile mediante atteggiamenti

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

WORKSHOP TRATTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA : UN' INTEGRAZIONE TRA TERAPIA COGNITIVO-COMPORTAMENTALE ED EMDR. ROMA, 21-22 ottobre 2016

WORKSHOP TRATTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA : UN' INTEGRAZIONE TRA TERAPIA COGNITIVO-COMPORTAMENTALE ED EMDR. ROMA, 21-22 ottobre 2016 Scuola di Psicoterapia Cognitiva s.r.l Scuole di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale Direttore: Prof. Francesco Mancini WORKSHOP Associazione di Psicologia Cognitiva TRATTAMENTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSAI - MARCONI

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSAI - MARCONI SERVIZIO PSICOLOGICO SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO ROSAI - MARCONI IN COLLABORAZIONE PROGETTO A.S. 2013-2014 Sintesi dati Servizio di Psicologia Scolastica FOCUS prevenzione e supporto INTERVENTO sostegno

Dettagli

Punto di vista un progetto di sistema

Punto di vista un progetto di sistema Progetti scuola /extrascuola Punto di vista un progetto di sistema L.Grotti - Promeco Forlì 17 Febbraio 2011 Promeco È un servizio pubblico istituito attraverso una convenzione tra più enti. (Comune, A.USL,

Dettagli

Manifestazioni depressive in adolescenza: differenze di genere e tra fasce d età in un campione di adolescenti.

Manifestazioni depressive in adolescenza: differenze di genere e tra fasce d età in un campione di adolescenti. Chiara Fante, Federico Fontana, Elena Carrozzo, Francesca Romana D Orlando, Edoardo Ercolini e Carlo Pruneti Manifestazioni depressive in adolescenza: differenze di genere e tra fasce d età in un campione

Dettagli

Disturbi della vista e deficit cognitivi. Dr. Claudio Campa

Disturbi della vista e deficit cognitivi. Dr. Claudio Campa Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico Specialistiche Clinica Oculistica Antonio Rossi Direttore Prof. Paolo Perri Disturbi della vista e deficit cognitivi Dr.

Dettagli

UOC NEUROPSICHIATRIA INFANTILE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA IL BAMBINO IPERATTIVO

UOC NEUROPSICHIATRIA INFANTILE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA IL BAMBINO IPERATTIVO Renato Donfrancesco UOC NEUROPSICHIATRIA INFANTILE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA IL BAMBINO IPERATTIVO Una richiesta d aiuto... d che ha il bambino? che devo fare? e e se fosse ADHD? Disturbo da Deficit

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Violenza domestica e famigliare. È tempo di dire basta.

Violenza domestica e famigliare. È tempo di dire basta. ITALIAN Violenza domestica e famigliare. È tempo di dire basta. La violenza domestica e famigliare non è accettabile in alcuna forma. Ha un grave impatto sugli individui, sulle famiglie, sul luogo di lavoro

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

Dai comportamenti aggressivi al bullismo

Dai comportamenti aggressivi al bullismo Dai comportamenti aggressivi al bullismo Ricercatore e Docente di Psicopatologia Clinica Università degli Studi di Udine I LIVELLI DEL COMPORTAMENTO AGGRESSIVO Livello 1. irritabile Livello 2. indisciplinato

Dettagli

Due obiettivi principali:

Due obiettivi principali: Massa E., Conti L., Amadori F., Pierini P., Silvestre V., Vona M. terzocentro@iol.it @ www.terzocentro.it Inclusione dei familiari nel trattamento del paziente grave. Due obiettivi principali: Potenziare

Dettagli

PSICOFARMACI E MINORI: TRA ABUSO E DISINFORMAZIONE

PSICOFARMACI E MINORI: TRA ABUSO E DISINFORMAZIONE PSICOFARMACI E MINORI: TRA ABUSO E DISINFORMAZIONE Secondo l Organizzazione mondiale della Sanità i disturbi del comportamento infantile nel mondo sono in aumento: 1 bambino su 5 soffre di psicopatologie,

Dettagli

GLI INTERVENTI PSICOEDUCATIVI FAMILIARI NELLA DEPRESSIONE MAGGIORE Lorenza Magliano ! " # $ $%$$& ' $ ( ( ) * +,-.,-,- ) / ,) 01 (/ ) 0 2. ( 3 1.! 0 (," $ '31415+*67899:;7

Dettagli

PROGETTO POLLICINO E L'ORCO

PROGETTO POLLICINO E L'ORCO AZIENDA SANITARIA LOCALE N 4 ENNA SERVIZIO NEUROPSICHIATRIA INFANTILE U.O. DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE DISTRETTO AGIRA PROGETTO POLLICINO E L'ORCO Percorsi di prevenzione, di educazione alla salute e di

Dettagli

Comunicazione della diagnosi e continuità assistenziale in età adulta: quale ruolo per il pediatra?

Comunicazione della diagnosi e continuità assistenziale in età adulta: quale ruolo per il pediatra? Strumenti per la sorveglianza e la presa in carico dei soggetti autistici: il ruolo dei pediatri 27 29 novembre 2013 Comunicazione della diagnosi e continuità assistenziale in età adulta: quale ruolo per

Dettagli

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Studi epidemiologici recenti hanno evidenziato che tra i ragazzi della fascia d'età compresa tra i 9 ed i 17 anni, una percentuale

Dettagli

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE

DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE DISABILITA E COMUNICAZIONE DELLA DIAGNOSI ALLE FAMIGLIE Le famiglie di fronte alla disabilità La situazione di disabilità viene vissuta come inaccettabile o, per meglio dire, come un lutto familiare. (Dell

Dettagli

Titoli scientifici e culturali

Titoli scientifici e culturali 1 CURRICULUM VITAE TOFANICCHIO Loretta Docente di Scuola Media Superiore di Lingua e civiltà Francese Inizio Attività di Insegnamento: 1984 Sede di Servizio: I.I.S F. Orioli Viterbo Indirizzo: Via Asinello,

Dettagli

Il cyberbullismo. E. Modica

Il cyberbullismo. E. Modica Il cyberbullismo E. Modica Definizione di cyberbullismo Il cyberbullismo consiste nell uso delle nuove tecnologie per molestare, imbarazzare, intimorire, far sentire a disagio o escludere altre persone.

Dettagli

DEPRESSIONE POST PARTUM Chi è a rischio?

DEPRESSIONE POST PARTUM Chi è a rischio? DEPRESSIONE POST PARTUM Chi è a rischio? Maria Elena Gattoni, Laura Andreoni e Antonio Giampiero Russo Osservatorio Epidemiologico e Registri Specializzati DIPARTIMENTO GOVERNANCE ASL Milano 1 Definizione

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

Cyberbullismo in Italia: alcuni dati di ricerca in Emilia Romagna

Cyberbullismo in Italia: alcuni dati di ricerca in Emilia Romagna Cyberbullismo in Italia: alcuni dati di ricerca in Emilia Romagna Annalisa Guarini, Antonella Brighi, Maria Luisa Genta Dipartimento di Psicologia 8 Febbraio 2012, Combattere il cyberbullismo in Italia:

Dettagli

SPORTELLO PSICOPEDAGOGICO - ITI COBIANCHI - VERBANIA Dott.ssa Elisabetta Perelli Cippo

SPORTELLO PSICOPEDAGOGICO - ITI COBIANCHI - VERBANIA Dott.ssa Elisabetta Perelli Cippo SPORTELLO PSICOPEDAGOGICO - ITI COBIANCHI - VERBANIA Dott.ssa Elisabetta Perelli Cippo Lo Sportello Psicopedagogico nasce, con questo nome, nella metà degli anni 70 insieme all istituzione della maxi-sperimentazione

Dettagli

Il modello dell influenza sociale: un approccio promettente

Il modello dell influenza sociale: un approccio promettente Il modello dell influenza sociale: un approccio promettente Osservatorio Epidemiologico delle Dipendenze S.C. a D.U. Scuola di Sanità Pubblica ASL TO3 Regione Piemonte Grugliasco, 8-9-10 febbraio 2011

Dettagli

Claudio Mencacci, MD. PRESIDENTE SOCIETÀ ITALIANA DI PSICHIATRIA Affiliated to World Psychiatric Association

Claudio Mencacci, MD. PRESIDENTE SOCIETÀ ITALIANA DI PSICHIATRIA Affiliated to World Psychiatric Association Claudio Mencacci, MD PRESIDENTE SOCIETÀ ITALIANA DI PSICHIATRIA Affiliated to World Psychiatric Association Violenza di genere: conseguenze sulla salute Abuso del partner - Violenza sessuale - Abuso

Dettagli

Indice. 1. Capire la complessità del fenomeno del bullismo. 2. Cosa posso fare se i miei compagni di classe fanno i bulli con me

Indice. 1. Capire la complessità del fenomeno del bullismo. 2. Cosa posso fare se i miei compagni di classe fanno i bulli con me IL BULLISMO A SCUOLA LINEE GUIDA PER GLI STUDENTI Introduzione Indice 1. Capire la complessità del fenomeno del bullismo 2. Cosa posso fare se i miei compagni di classe fanno i bulli con me 3. Perchè devo

Dettagli

I minori e l'identitàdi genere

I minori e l'identitàdi genere I minori e l'identitàdi genere Genova, 18 maggio 2010 Dott. Massimo Lavaggi Psicologo Psicoterapeuta massimo.lavaggi@transgenere.it Dott.ssa Chiara Dalle Luche- Psicologo Psicoterapeuta chiara.dalleluche@transgenere.it

Dettagli

Organizzazione psichiatrica cantonale (OSC) - strutture medicalizzate. Le principali urgenze psichiatriche. Comorbidità somatica e mortalità precoce

Organizzazione psichiatrica cantonale (OSC) - strutture medicalizzate. Le principali urgenze psichiatriche. Comorbidità somatica e mortalità precoce Organizzazione psichiatrica cantonale (OSC) - strutture medicalizzate Le principali urgenze psichiatriche Comorbidità somatica e mortalità precoce 26.11.2014 Dr. Med. Rafael Traber Direttore dei Settori

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

L intervento nei Disturbi dello Spettro Autistico in adolescenza e in età adulta

L intervento nei Disturbi dello Spettro Autistico in adolescenza e in età adulta L intervento nei Disturbi dello Spettro Autistico in adolescenza e in età adulta Dr.ssa Roberta Fadda Dipartimento di Pedagogia, Psicologia, Filosofia Università di Cagliari robfadda@unica.it A18 onlus

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Telefono 040 3785236 E-mail claudiaveronica.carletti@burlo.trieste.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

INTRODUZIONE DESCRIZIONE DIMENSIONI. Brain Imaging Unit, Child Psychiatry Branch NIMH, 10 Center Drive, MSC 1367 Bethesda, MD 20892, USA. Giedd J.N.

INTRODUZIONE DESCRIZIONE DIMENSIONI. Brain Imaging Unit, Child Psychiatry Branch NIMH, 10 Center Drive, MSC 1367 Bethesda, MD 20892, USA. Giedd J.N. 263 Il cervello dell adolescente è sbilanciato verso la ricerca del piacere con diversi gradi di vulnerabilità alla dipendenza: fondamenti neuropsicologici per educatori Francesco A. Bricolo 1 Giada Zoccatelli

Dettagli

una prospettiva europea

una prospettiva europea Cyberbullismo: una prospettiva europea Annalisa Guarini Bologna, 7 settembre 2011 Introduzione Nuova generazione di adolescenti cresciuta in una società in cui essere connessi è un esperienza integrante

Dettagli

E BRIANZA SOLIDALE. AIAS Città di Monza ONLUS Brianza Solidale - 09 novembre 2015 Dott. Gaetano Santonocito

E BRIANZA SOLIDALE. AIAS Città di Monza ONLUS Brianza Solidale - 09 novembre 2015 Dott. Gaetano Santonocito A.I.A.S. E BRIANZA SOLIDALE? MISSION Assistenza sanitaria e sociale a favore delle persone disabili ed in particolare di quelle affette da patologie encefaliche svolgendo ogni possibile azione che miri

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

PROGETTO VALUTAZIONE & MIGLIORAMENTO (V&M) RAPPORTO DAI QUESTIONARI a.s. 2012/13 A cura dell INVALSI

PROGETTO VALUTAZIONE & MIGLIORAMENTO (V&M) RAPPORTO DAI QUESTIONARI a.s. 2012/13 A cura dell INVALSI PROGETTO VALUTAZIONE & MIGLIORAMENTO (V&M) RAPPORTO DAI QUESTIONARI a.s. 2012/13 A cura dell INVALSI Il Progetto Valutazione e Miglioramento si propone di: monitorare le capacità progettuali e gestionali

Dettagli

Il futuro dei bambini e degli adolescenti in Europa: quali diritti, quali sfide, quali priorità

Il futuro dei bambini e degli adolescenti in Europa: quali diritti, quali sfide, quali priorità ciò non si riflette ancora nel sistema legislativo 1. Il futuro dei bambini e degli adolescenti in Europa: quali diritti, quali sfide, quali priorità A cura di Telefono Azzurro Giustizia e diritti Nel

Dettagli

Definizione di segnale

Definizione di segnale Signal detection Laura Sottosanti Ugo Moretti Definizione di segnale Information that arises from one or multiple sources (including observations and experiments), which suggests a new potentially causal

Dettagli

Le politiche scolastiche sull alcol hanno un influenza sul consumo di bevande alcoliche tra gli studenti?

Le politiche scolastiche sull alcol hanno un influenza sul consumo di bevande alcoliche tra gli studenti? Le politiche scolastiche sull alcol hanno un influenza sul consumo di bevande alcoliche tra gli studenti? a cura di M. Di Pilato, V. Alotto DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per

Dettagli

Department of Business and Management/ Corso di Laurea Magistrale/ Master s Degree Program In Marketing Studenti iscritti al I anno /

Department of Business and Management/ Corso di Laurea Magistrale/ Master s Degree Program In Marketing Studenti iscritti al I anno / Department of Business and Management/ Corso di Laurea Magistrale/ Master s Degree Program In Marketing Studenti iscritti al I anno / 9 Novembre 2016 Ist year A.Y. 2016-2017 1 Presentazione dei Corsi di

Dettagli

This document was created with Win2PDF available at http://www.win2pdf.com. The unregistered version of Win2PDF is for evaluation or non-commercial use only. This page will not be added after purchasing

Dettagli

Psicopatologia e Prevenzione del Suicidio. Prof. Roberto Tatarelli Direttore Dipartimento di Neuroscienze, Ospedale Sant Andrea

Psicopatologia e Prevenzione del Suicidio. Prof. Roberto Tatarelli Direttore Dipartimento di Neuroscienze, Ospedale Sant Andrea Psicopatologia e Prevenzione del Suicidio Prof. Roberto Tatarelli Direttore Dipartimento di Neuroscienze, Ospedale Sant Andrea Sapienza Universitá di Roma SUICIDIO: UN EVENTO MULTIFATTORIALE Comorbiditá

Dettagli

Il bullismo: caratteristiche e strategie di prevenzione in ambito scolastico

Il bullismo: caratteristiche e strategie di prevenzione in ambito scolastico Il bullismo: caratteristiche e strategie di prevenzione in ambito scolastico Gianluca Gini Facoltà di Psicologia Università degli Studi di Padova Sommario della presentazione 1. Cosa sappiamo? 2. Cosa

Dettagli

Il Bullismo nella Scuola:

Il Bullismo nella Scuola: Il Bullismo nella Scuola: fenomeno in espansione Fondi Aula magna Scuola Media Garibaldi 18 Marzo 2011 Relatore Sov.te P.S. Stefano Graziano 1 Progetto Promozione della cultura della legalità e prevenzione

Dettagli

I dis turbi dello s pettro a utis tic o. C rem o na, 12 m a g g io 2011

I dis turbi dello s pettro a utis tic o. C rem o na, 12 m a g g io 2011 I dis turbi dello s pettro a utis tic o C rem o na, 12 m a g g io 2011 Diagnosi Disturbo del comportamento sociale sguardo, attenzione condivisa, reciprocità Disturbo della comunicazione e del linguaggio

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE:

LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE: Milan, 4 Dicembre 2014 From Nutrition to Health: an EXPO challenge Session: Nutritional diseases:prevention and solutions LA DIETA MEDITERRANEA E LA SALUTE CARDIOVASCOLARE: Dati dallo studio Moli-sani

Dettagli

Art. 1 D.D.G. Prot. N 5735/1 del 18.07.2008. Scuole Polo Oltre le emergenze - Attività di Formazione per docenti a.s. 2008/2009.

Art. 1 D.D.G. Prot. N 5735/1 del 18.07.2008. Scuole Polo Oltre le emergenze - Attività di Formazione per docenti a.s. 2008/2009. Allegato alla Comunicazione Prot. n 169 del 12.01.09 Art. 1 D.D.G. Prot. N 5735/1 del 18.07.2008 Scuole Polo Oltre le emergenze - Attività di Formazione per docenti a.s. 2008/2009 Scheda Progetto Istituzione

Dettagli

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ilaria Malerba Area Sicurezza Prodotti e Igiene Industriale Roma, 19 maggio 2015 1 giugno 2015: alcuni

Dettagli

Prof. PA Michaud Losanna. Violenza giovanile: problema o sintomo?

Prof. PA Michaud Losanna. Violenza giovanile: problema o sintomo? Prof. PA Michaud Losanna Violenza giovanile: problema o sintomo? La maggior parte degli atti di violenza commessi nell'adolescenza, a prescindere dalla loro gravità, si iscrive in una prospettiva di sviluppo

Dettagli

Matteo Balestrieri. Cattedra di Psichiatria - Università di Udine

Matteo Balestrieri. Cattedra di Psichiatria - Università di Udine Matteo Balestrieri Cattedra di Psichiatria - Università di Udine ) "$$ "! $$ #$ " " (& %" &! '& *+,-,. //# 012)2"$ 3.4 4 5,!.#&&, 0 (67 4-!$6 7 4-8, 9:.7

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

PROMECO SERT- AUSL FERRARA

PROMECO SERT- AUSL FERRARA PROMECO Promeco è un servizio pubblico gestito congiuntamente da Comune e Azienda Usl di Ferrara in un rapporto di convenzione con la Provincia di Ferrara. Progetta e svolge interventi educativi con tutte

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

Comportamenti a rischio

Comportamenti a rischio Capitolo 6 Comportamenti a rischio di Giacomo Lazzeri, Alberto Casorelli, Anna Grasso, Valentina Pilato e Mariano Giacchi In questa sezione verrà affrontato il tema complesso e insieme urgente, soprattutto

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Programma: Prevenzione della popolazione a rischio R e g i o n e L a z i o Identificativo della Linea o delle Linee

Dettagli

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT Si prega il medico di famiglia di rispondere con accuratezza ad ogni singola domanda The Medical Attendant is requested to take particular

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO

CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO CONSIDERAZIONI SUL BULLISMO Caratteristiche generali Bullismo = azioni di aggressione o di manipolazione sociale da parte di singoli o gruppi di pari perpetrati in maniera intenzionale e sistematica Diffuso

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BEATO CONTARDO FERRINI. B E S : Ben-Essere-a Scuola a.s. 2015/16

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BEATO CONTARDO FERRINI. B E S : Ben-Essere-a Scuola a.s. 2015/16 L I.C. Ferrini di Olgiate Olona è assegnatario di un contributo da parte della Fondazione Comunitaria del Varesotto per la realizzazione del Progetto: B E S : Ben-Essere-a Scuola a.s. 2015/16 INFORMAZIONI

Dettagli

Il disagio psichiatrico in Università Disagio psichico e malattie psichiatriche: quadro introduttivo e differenze. Università BOCCONI :

Il disagio psichiatrico in Università Disagio psichico e malattie psichiatriche: quadro introduttivo e differenze. Università BOCCONI : Il disagio psichiatrico in Università Disagio psichico e malattie psichiatriche: quadro introduttivo e differenze Università BOCCONI : PRESENTAZIONE DEL DOTT. ANDREA FREDIANI MILANO, 10 D ICEMBRE 2014

Dettagli

per caregiveral S. Martino Maria Paola Barbieri

per caregiveral S. Martino Maria Paola Barbieri La cura oltre il paziente : corsi per caregiveral S. Martino Maria Paola Barbieri Chi è il caregiver? Un inchiesta tra i familiari Il caregiver E una donna nel 70% dei casi E un figlia/o nel 47% E il coniuge

Dettagli

Incontriamoci a scuola

Incontriamoci a scuola a.s. 2014-2015 I. C. via Ferraironi Roma PROGETTO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA Incontriamoci a scuola progetto vincitore bando Regione Lazio Promozione di nuove frontiere per l integrazione sociale Premessa

Dettagli

Brain drain in the Alps - trends, factors and outlook

Brain drain in the Alps - trends, factors and outlook Bundesamt für Raumentwicklung ARE Office fédéral du développement territorial ARE Ufficio federale dello sviluppo territoriale ARE Uffizi federal da svilup dal territori ARE Brain drain in the Alps - trends,

Dettagli

PROGRAMMA ESORDI. P. Carozza, M. Di Stani, D. Marangoni, DSM-U.O. CSM- Ri.Se.A

PROGRAMMA ESORDI. P. Carozza, M. Di Stani, D. Marangoni, DSM-U.O. CSM- Ri.Se.A PROGRAMMA ESORDI P. Carozza, M. Di Stani, D. Marangoni, DSM-U.O. CSM- Ri.Se.A PROGRAMMA ESORDI La nostra ventennale esperienza nel trattamento degli adolescenti al Servizio Ri.Se.A (Servizio Ricerca Adolescenza)

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE DISTRETTO 2 MIRANDOLA : RUOLO DEL MEDICO DI MEDICO DI MEDICINA GENERALE

PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE DISTRETTO 2 MIRANDOLA : RUOLO DEL MEDICO DI MEDICO DI MEDICINA GENERALE PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE DISTRETTO 2 MIRANDOLA : RUOLO DEL MEDICO DI MEDICO DI MEDICINA GENERALE DR.SSA COVIZZI RITA MORENA MMG DR.SSA DI PIETRO MARGHERITA MMG Medolla

Dettagli

Oltre l'inclusione verso la qualità di vita. Prevenire si può

Oltre l'inclusione verso la qualità di vita. Prevenire si può Oltre l'inclusione verso la qualità di vita Percorsi di transizione per l'inserimento sociolavorativo dei giovani con disabilità psichica Prevenire si può Daniela Pavoncello 27 maggio 2014 Nell ambito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LUIGI CAPUANA MINEO PROGETTO SALUTE ED. ALL AFFETTIVITÀ ALLA SESSUALITÀ E ALLA RELAZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO LUIGI CAPUANA MINEO PROGETTO SALUTE ED. ALL AFFETTIVITÀ ALLA SESSUALITÀ E ALLA RELAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO LUIGI CAPUANA MINEO PROGETTO SALUTE ED. ALL AFFETTIVITÀ ALLA SESSUALITÀ E ALLA RELAZIONE A. S. 2013-2014 1 CARATTERISTICHE DEL PROGETTO 1. Titolo del progetto Educazione Salute Educazione

Dettagli

LA QUALITÀ DELLA VITA VISTA DAI GIOVANI

LA QUALITÀ DELLA VITA VISTA DAI GIOVANI AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLE MARCHE Dipartimento Provinciale di Ancona - Servizio di Epidemiologia Ambientale e LA QUALITÀ DELLA VITA VISTA DAI GIOVANI APPROFONDIMENTI DALL ANALISI

Dettagli

Sacca di Goro case study

Sacca di Goro case study Sacca di Goro case study Risposte alle domande presentate all incontro di Parigi (almeno è un tentativo ) Meeting Locale, Goro 15-16/10/2010, In English? 1.What is the origin of the algae bloom? Would

Dettagli