Capire l evoluzione del mercato del fitness & wellness

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capire l evoluzione del mercato del fitness & wellness"

Transcript

1 1 lungo termine. E perciò indispensabile seguire l evoluzione del mercato e del proprio lavoro per stabilire una strategia. A tal fine, svilupperemo principalmente i 4 temi seguenti: Capire l evoluzione del mercato del fitness & wellness Cresce ancora il mercato del fitness? Quali sono le tendenze nei principali paesi europei e negli USA? Quali sono le evoluzioni possibili? Il mercato fa parte dell ambiente nel quale sviluppate la vostra attività. Come professionista avete certamente una grande esperienza e pensate di conoscere bene questo settore, ma ne siete proprio sicuri? Questo capitolo va oltre al semplice approccio economico, si prefigge di farvi comprendere l evoluzione degli stili di vita, sia in Italia che negli Stati Uniti ed in Europa. L analisi di queste tendenze costituisce una fonte di ispirazione per il futuro ed il vero imprenditore è colui che sa immaginare il futuro e prepararsi in tempo Come abbiamo accennato nel corso dell introduzione, il marketing strategico mira a progettare l attività dell impresa consentendo di scegliere i settori di attività strategica nei quali desiderate essere presenti e definendo obiettivi a medio- CAPITOLO Analizzare il proprio mercato Comprendere il processo decisionale dei vostri clienti attuali e potenziali Controllare le specificità del marketing dei servizi Stabilire una strategia marketing 1. Analisi del mercato del fitness Abbiamo organizzato questo capitolo in due parti: nella prima presenteremo le caratteristiche del mercato italiano del fitness, nella seconda lo posizioneremo rispetto agli Stati Uniti ed a un certo numero di paesi europei. 1.1 Il mercato del fitness in Italia Lo sport attivo in Italia è fortunatamente una pratica sempre più diffusa. Ad una fase iniziale di diffusione dell attività fisica, dettata principalmente da finalità edonistiche, si è gradatamente giunti ad 15

2 Figura 1.1. Praticanti sport con continuità divisi per regione Persone di oltre 3 anni che praticano sport con continuità (fonte: Sole 24 ore ) Calabria Campania Basilicata Sicilia Molise Puglia Abruzzo Liguria Sardegna Umbria Piemonte Toscana Marche Friuli Lazio Lombardia Emilia Romagna Valle d Aosta Veneto Trentino Alto Adige 12,9 13,2 14,2 14,3 15,7 16,8 18,3 18,7 19,0 19,3 21,1 21,4 21,4 22,3 23,0 23,3 24,4 24,7 26,7 30,1 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 un approccio che finalmente inizia ad essere dettato principalmente da finalità salutistiche. Un grande indicatore di cambiamento del mercato è stata la pubblicazione, ad ottobre 2000, dell inserto Il Sole 24 Ore Sport con una tiratura iniziale di copie e cadenza quindicinale. Il fatto che il quotidiano economico più importante d Italia ritenesse maturi i tempi per un iniziativa editoriale di questo genere indica che questo mercato sta entrando finalmente nell età adulta. Dobbiamo in questo contesto dare atto a chi, pur con le dovute trasformazioni, ha sempre creduto ad un connubio indissolubile tra l attività delle palestre e una gestione professionale delle stesse cioè riviste quali Professione Fitness (specie con orientamento agli istruttori), Il Nuovo Club che dal primo numero edito nel 1990 continua ad essere il punto di riferimento del settore e, on-line, Stage-Up. A partire dal 2000 anche il Ministero della Salute si è finalmente accorto che la pratica sportiva poteva ottenere importanti 16

3 e positive ricadute sulla salute pubblica e sulle disastrate casse della Sanità. Questa nuova attenzione si è concretizzata peraltro soltanto in timide campagne di prevenzione, attraverso l attività fisica, delle malattie cardio-vascolari e del soprappeso. Ovviamente il tutto senza mai nominare le palestre (e soprattutto i professionisti che dovrebbero esserci all interno) come punto di riferimento per l ottenimento di risultati degni di nota. Questo atteggiamento superficiale emerge anche dalle numerosissime trasmissioni televisive, vero veicolo per modificare il comportamento di massa, nelle quali illustri studiosi consigliano quale attività preventiva l andare a fare la spesa a piedi o il saltare 2 o 3 fermate del tram: un po come se per combattere l analfabetismo di ritorno degli adulti che non leggono più nulla, si consigliasse loro di dare un occhiata alla propria targhetta del campanello quando escono al mattino. Dall indagine I cittadini e il tempo libero svolta dall Istat a dicembre 2000, su un campione di circa famiglie, è emerso che oltre 16 milioni e 700mila persone di età superiore ai 3 anni praticano uno o più sport con continuità (20,2%) o saltuariamente (9,8%) per un totale pari al 30%. Inoltre, un altro 31,2% della popolazione anche se non pratica uno sport, svolge una leggera attività fisica, come andare in bicicletta o fare lunghe passeggiate, con sufficiente regolarità. I sedentari duri e puri cioè coloro che non svolgono alcun tipo di attività fisica, sono purtroppo oltre 21 milioni pari al 38,4% della popolazione. Consoliamoci constatando che, in rapporto alla precedente indagine del 1995, le persone che praticano sport aumentano del 3,4% (2,4% in più in modo continuativo). Interessante in questo confronto è constatare che la crescita più forte è avvenuta da parte delle donne (+ 4%). (Fonte Il Sole 24 Sport, 05/2002) Avendo analizzato la macro-composizione del mercato dell attività sportiva in Italia, entriamo ora nello specifico dei frequentanti i fitness center. I dati riportati sono tratti da una ricerca di AC Nielsen e Acciari Consulting pubblicata nel 2002 dalla rivista Il Nuovo Club. Partiamo parlando di denaro. Facendo riferimento ai dati Eurispes pubblicati nel 2002, il settore bellezza e benessere, incrementando il proprio giro di affari dal 1999 al 2001 dell 8%, avrebbe raggiunto la ragguardevole cifra di circa 20miliardi di euro. La ripartizione di questa cifra sarebbe soprattutto incamerata dai seguenti settori: Centri estetici e cosmesi 35,8% Terme 18,9% Fitness center e tecnologie connesse 17,2%, per un valore di oltre 3 miliardi di euro Da questo primo dato emerge che una valutazione sull integrazione fra fitness center e centro estetico, pur mantenendo le reciproche competenze e professionalità, sia senz altro da valutare con attenzione per la somma di profitti che potrebbe produrre realizzando un economia di scala. Abbiamo visto una suddivisione ampia della popolazione italiana che pratica attività fisica. I dati seguenti considerano, a nostro avviso giustamente, solo la popo- 17

4 Figura 1.2. Praticanti over 14 (milioni) 21,6 15,8 10,0 2,4 Non attivi Praticanti irregolari Praticanti non intensi (max 3 volte/mese) Praticanti intensi lazione di età superiore ai 14 anni quando le scelte di carattere sportivo non sono più strettamente dipendenti da quelle della famiglia ma diventano più personali quindi anche più durature nel tempo. Su una base di 19,8 milioni di abitanti sopra i 14 anni, i praticanti attivi sono circa 28,2 milioni pari al 56,6% della popolazione che secondo l ultimo censimento corrisponde a circa 57 milioni. Nella suddivisione per attività sportive vediamo come il nuoto con il 16,1% sia lo sport più praticato, seguito a ruota dalle attività tipiche di tutte le palestre: l uso di attrezzi isotonici e cardio (10,1%) e l aerobica (9,7%). La somma di tutte queste attività produce un risultato percentuale pari al 35,90% che tradotto in persone è pari a circa Tabella 1.1. Praticanti attivi Tipi Numeri Percentuali Praticanti intensi ,10% Praticanti non intensi (max 3 volte/mese) ,80% Praticanti irregolari ,70% Non attivi ,40% 18

5 utenti. Questi dati ci fanno comprendere come le strutture mediograndi che normalmente offrono anche il servizio di attività acquatiche sono senza dubbio le più pronte a soddisfare la domanda dei praticanti. Se a questo aggiungiamo le considerazioni sul connubio Fitness Center-Estetica, che è spesso presente nelle strutture di cui sopra, ci rendiamo facilmente conto di quanta evoluzione abbia già avuto, e di quanta potrebbe ancora averne, il nostro mondo e di come i piccoli protagonisti debbano in questo momento storico essere estremamente attenti a quanto succede intorno a loro. Teniamo inoltre presente che sempre le stesse fonti ci indicano che circa il 5,5% della popolazione, per un totale di circa 3milioni di persone, frequenta con una certa assiduità i Fitness Center e che questa cifra raddoppia se si considerano anche i frequentatori saltuari, cioè coloro che frequentano almeno 5 volte all anno (anche in un solo mese) una palestra. Questi dati indicano come sia lo spazio di crescita determinato dal coinvolgimento di nuovi praticanti che il turnover (cioè il ricambio dei clienti) siano particolarmente alti in questo settore. Entrambi questi fattori, ma a nostro avviso soprattutto il secondo, sono elementi determinanti sui quali lavorare per favorire una crescita di redditività. Ma quanti sono realmente i fitness center in Italia? Alcuni dati parlano di oltre centri, altri di ma una stima più vicina alla realtà dovrebbe assestare il loro numero intorno ai 8.000, se si considerano solo le strutture che hanno nell offerta del fitness il loro core business. A questo proposito riportiamo una tabella ripresa dalla rivista Professione Fitness del 12/03 (tabella!.2). Dai dati pubblicati da Il Nuovo Club n. 67 Figura 1.3. Suddivisione per attività sportive 43,9% 16,1% 10,2% 9,7% 6,8% Altro Nuoto Allenamento isotonico Aerobica Calcio a 5 Bocce e bowling Tennis Jogging 3,4% 4,4% 5,5% 19

6 Tabella 1.2. Numero di palestre in Italia suddivise per regioni. La fonte per la determinazione dei dati sulla popolazione è l ISTAT con i risultati del censimento del 2001 Regioni Palestre Abitanti Abitanti/palestre VAL D AOSTA PIEMONTE LOMBARDIA VENETO TRENTINO FRIULI LIGURIA NORD EMILIA TOSCANA UMBRIA MARCHE MOLISE LAZIO ABRUZZO CENTRO CAMPANIA PUGLIA CALABRIA BASILICATA SICILIA SARDEGNA SUD TOTALE scopriamo inoltre che la superficie media destinata alle attività nei fitness center è cresciuta negli ultimi 4 anni a riprova che le strutture piccole stanno diventando sempre più marginali in questo settore. Se consideriamo, inoltre, che il rapporto fra superficie dedicata all attività e gli spa- zi di servizio si è gradualmente spostata oltre il rapporto del 50%, si può dedurre che quasi tutte le nuove aperture, compresi gli sviluppi di strutture esistenti, sono orientate verso superfici maggiori di metri quadrati. 20

7 Tabella 1.3. Superficie media dei fitness club Superficie media mq differenza Sino a 250 mq 27,2% 31,6% -4,4% mq 35,0% 38,0% -3,0% Più di 500 mq 37,8% 30,4% 7,4% Parallelamente all aumento degli spazi è anche cresciuto il numero medio di addetti che oggi si attesta a 7,3 di media per ogni fitness center. Questo incremento dell offerta di spazi, di attività, e di personale a disposizione degli utenti ha prodotto anche un innalzamento dei prezzi che negli ultimi anni ha quasi sempre superato quello dell inflazione (vedi tabella 1.4). E comunque da tenere presente che la spesa media mensile per frequentare un club si aggira intorno ai 41 euro e quindi il prezzo di partenza (l ISTAT ha inserito questa voce nel paniere di spesa dell ita- liano dal 1996) era decisamente basso specie in rapporto agli orari di apertura e agli investimenti necessari per svolgere questa attività Le attività nei fitness center La principale attività, assolutamente imprescindibile, è quella con le macchine a contrappeso unita a quella con le macchine per l allenamento cardio-vascolare. Una tendenza molto in voga, specie dietro la grande pressione promozionale di alcu- Figura 1.4. Spazio dedicato all attività nei fitness center 37,8% 27,2% Più di 500 mq mq Sino a 250 mq 35,0% 21

8 Tabella 1.4. Abbonamento mensile e inflazione Periodo Abbonamento Inflazione Differenza dal 01/96 al 01/97 2,9 2,2 0,7 dal 01/97 al 01/98 3,7 1,8 1,9 dal 01/98 al 01/99 2,1 1,8 0,3 dal 01/99 al 01/2000 1,4 1,5-0,1 dal 01/00 al 01/01 2,8 2,5 0,3 dal 01/01 al 01/02 4,1 2,7 1,4 ne case produttrici, è quella di aumentare la presenza delle postazioni cardio a discapito di quelle di potenziamento. L esempio più lampante è la ripartizione della sala attrezzi nei centri gestiti dalle grandi catene. Speriamo che i loro clienti si accorgano presto che pagare un abbonamento per svolgere un attività che si può tranquillamente fare all esterno, gratis, non è poi così sensato. Il gran numero di postazioni cardio consente inoltre, a chi non tiene in gran conto la customer satisfaction, di risparmiare sul personale avendo un controllo di molti clienti con un solo istruttore, in una trasposizione del concetto della lezione di gruppo. Nella sala attrezzi continua comunque a transitare la maggior parte dei clienti, anche coloro che praticano attività di gruppo. Il dato più rilevante, verificabile semplicemente confrontando gli orari delle lezioni dello stesso centro oggi e 5 anni fa, è il notevole aumento di corsi, tra i più svariati, a riprova del tentativo, da parte dei gestori, di offrire attività sempre più diversificate e varie al fine di mantenere alto lo stimolo e il divertimento dei propri clienti. In grande ascesa sono anche le attività di gruppo legate agli sport da combattimento, private della parte di contatto e sviluppate su base musicale. L indoor rowing si affaccia timidamente alla soglia dei club nostrani ma è praticamente impossibile che possa ripetere il successo dell indoor cycling Le previsioni su questo mercato I dati sopra riportati indicano come il settore dell attività fisica in palestra stia gradualmente, ma costantemente, crescendo. La particolarità di questo mercato, da un punto di vista di analisi finanziaria, è l immensa visibilità che però produce valori economici assolutamente non proporzionati. Le analisi indicano 22

9 Figura 1.6. Le attività più praticate nei fitness club 40 % 27 % 24 % Tonificazione Aerobica Indoor Cycling Ginnastica dolce 9 % che la domanda di questo servizio sarà sempre più orientata verso una cura globale del proprio corpo cioè dello stare bene con se stessi per poter stare bene con gli altri. Le caratterizzazioni del passato, quali la fatica ed il sacrificio orientati al raggiungimento di un risultato competitivo, tenderà ad essere caratteristica di una èlite di appassionati. Deve comunque essere tenuto presente che il mercato continua a non dare il giusto valore al rapporto prezzo/qualità contenuto nel prodotto/servizio offerto dai fitness club, non riconoscendone in pieno il positivo impatto sociale ed un corretto ritorno degli investimenti necessari. Il centro dovrà comunque progredire verso una sempre più caratterizzante offerta di servizi a tutto tondo: dall istituzionale attenzione al corpo ai servizi medici, all estetica, all informazione-educazione su un corretto stile di vita. Proprio questa modifica del ruolo della palestra consentirà l acquisizione di nuove ed importanti fette di mercato, in primo luogo gli anziani. Non dobbiamo dimenticare che il nostro è un paese tra i più longevi al mondo: basti considerare che la popolazione over 50 è quasi raddoppiata nel decennio e che il 19% della popolazione ha un età compresa fra i 45 e i 59 anni. Inoltre, alla tradizionale ricerca del vivere più a lungo oggi si associa il desiderio di vivere meglio e più a lungo. Il grande aumento registrato negli ultimi anni sia di riviste sia di trasmissioni televisive sempre più specificatamente rivolte all attenzione per il proprio corpo e la propria salute, ha contribuito a creare una maggiore sensibilità verso gli strumenti che permettono il raggiungimento di questo obiettivo. Gli anziani sono le persone che possono ricavare i massimi benefici dall attività fisica: sono la categoria sociale con più tempo libero e con il problema di come impiegarlo. La loro disponibilità di orario 23

10 coincide perfettamente con la necessità dei fitness center di distribuire nell arco dell intera giornata le presenze in modo da non avere zone morte ed improduttive. Inoltre l innalzamento della qualità della vita che gli anziani possono ottenere da una corretta e costante pratica sportiva è immediatamente avvertibile dagli stessi e ne produce un tasso di elevata fidelizzazione ed un atteggiamento positivo nei confronti della struttura frequentata. Già nel 2000 il Censis riteneva probabile, proprio con un forte riferimento agli anziani, un esponenziale incremento dei frequentatori dei fitness center proponendo una previsione che possiamo vedere visualizzata nella figura 1.7. Questa previsione, simile per tutti i paesi, rende indubbiamente appetibile per i grandi investitori un business sino ad oggi ritenuto marginale e polverizzato in una serie di micro-realtà imprenditoriali ed associative (o presunte tali). Lo scenario ipotizzabile è quindi sostanzialmente quello comune a tutta Europa: un aumento dei frequentatori dei club specialmente nella fascia over 40 (oggi è predominante quella Figura 1.7. Stime dell aumento dei frequentatori nei fitness club (Fonte: Stime Censis del 2000)

11 under 40), quindi un target più cosciente di ciò che vuole e più pronto a spendere per averlo. La qualità del servizio dovrà aumentare in maniera considerevole ed insieme ad essa anche la differenziazione dell offerta, al fine di creare nuovi centri di profitto che esulino dalla semplice vendita dell abbonamento. Questo comporterà un aumento della dimensione media dei centri che produrrà a sua volta una diminuzione considerevole del rapporto abitanti/numero di palestre. A questo proposito è sicuramente interessante riportare una sintesi di una articolo scritto dal dottor Alessandro Lanzani e pubblicato sul numero di gennaio 2004 della rivista Professione Fitness. In sostanza l autore ritiene che a b c O le palestre sono tante o gli italiani sono pochi: le palestre e 57 milioni gli italiani. Comunque la pensiate qui cominciano e qui finiscono i conti. Le fasce giovanili della popolazione frequentano con alte percentuali le palestre e, a meno di ricorrere alla precettazione, è difficile pensare a un aumento dei soci attingendo ancora da queste categorie. Conseguenza di a e b. Qualsiasi consulente che proponga come strategia vincente quella della battaglia dei prezzi sui clienti esistenti è fautore inconsapevole di una nuova filosofia: il Kamikazen Marketing. Un interessante teoria secondo la quale una concorrenza serrata sul prezzo, spinta al di sotto del livello di break even point, dovrebbe magicamente creare d e profitto dalla somma di ogni perdita su ogni singolo cliente. L esperto non conosce i numeri ma li dà. E tempo di nuovi servizi, di nuove consapevolezze e di nuove alleanze. Piuttosto che guerriglie tra club occorre aprire le porte delle palestre a nuove categorie di italiani. Essendo questa un operazione piuttosto complessa, con ritorni a medio periodo, e che necessita di sinergie tra aziende fitness, enti pubblici, palestre e media, appare naturale ad alcuni esperti ripiegare sul suicida tre per due e varianti sul tema. Risultato: entreranno i soliti tre giovani che pagheranno per due. Alla fine del processo chiuderà una palestra su tre. Complimenti: era dai tempi dei piani quinquennali che non si vedeva tanta attenzione nel soffocare il benessere delle persone e la floridezza del mercato. La riduzione dei prezzi ha significato solo dopo che il mercato si è allargato con nuove categorie di clienti. Se praticata prima si traduce soltanto in una contrazione del numero degli esercizi. Calando il numero delle palestre i centri fitness avranno a disposizione una fetta di clienti maggiore. Tre città Vi presentiamo i dati di tre grandi città: Milano: la capitale economica e del Nord, Roma, la capitale politica, e Napoli, la capitale del Sud e città dalle mille contraddizioni ma anche protagonista di un recente e vigoroso sviluppo. 25

12 Nella figura 1.8. in arancione sono rappresentate le persone comprese tra 18 e 45 anni. Abbiamo selezionato la fascia di età che corrisponde a quella di riferimento dei frequentatori delle palestre. In viola c è la categoria di persone tra i 46 e 65 anni. In arancio chiaro le persone oltre i 46 anni senza il limite a 65. In questa fascia è quindi pienamente inclusa la terza età. Il dato che appare con maggior evidenza è che le categorie di persone sopra i 45 anni sono più di quelle che attualmente frequentano una palestra. Un mercato impressionante: il fattore limitante per l ingresso di queste fasce di età non è certo il prezzo ma la capacità di orientare i servizi del centro fitness anche verso la terza età. Nella figura 1.9. si può costatare il mercato potenziale che spetta a ogni singola palestra delle tre città prese in esame. Aprirsi a nuovi servizi e promuoverli adeguatamente permetterebbe di raddoppiare la clientela potenziale che in questo momento gravita intorno alle palestre. Confrontando i dati si nota come il fenomeno sia ancor più massiccio al Figura 1.8. Situazione a Milano, Roma e Napoli rispetto alle fascie d età /45 anni 46/65 anni oltre 46 Milano Roma Napoli

13 Figura 1.9. Situazione a Milano, Roma e Napoli rispetto al mercato potenziale /45 anni 46/65 anni oltre 46 Milano Roma Napoli Nord dove la popolazione è più anziana e dove la natalità è inferiore. Al Sud invece la popolazione è più giovane e quindi il fenomeno è più contenuto. A Napoli il valore espresso dal target potenziale degli anziani ha un importanza uguale a quello dei giovani adulti. Nella figura evidenziamo l indice di distribuzione delle palestre in relazione alla popolazione delle tre città prese in esame. A Milano c è una palestra ogni residenti: il dato si riferisce a tutta la popolazione esistente quindi anche ai bambini. Sicuramente tra le tre città prese in esame ci sono anche delle differenze organizzative. Infatti nel capoluogo lombardo è più spinta la presenza di centri al di sopra dei metri quadrati. Per garantire la loro copertura economica, questi club hanno bisogno di un numero di soci molto elevato. A Napoli e al Sud in generale è più diffusa la presenza di centri al di sotto dei mille metri. Ovviamente questo tipo 27

14 Figura Indice di distribuzione delle palestre in relazione alla popolazione Milano Roma Napoli di club può affrontare il mercato con un fabbisogno di iscritti più basso. In ogni caso considerando che in questo grafico stiamo parlando di tutta la popolazione vivente e non solo di quella potenzialmente praticante, appare con una certa evidenza che il mercato è abbastanza saturo. Fra dieci anni Alcuni potrebbero pensare che, stando così le cose, comunque non sarebbe necessario affrontare una campagna per diversificare i servizi su nuove categorie di età. Qualcuno potrebbe avere letto qualche importante teoria economica sul prezzo, sul prodotto, sulla vendita. In fin dei conti potrebbe funzionare l antico detto mors tua vita mea e sperare che la selezione del mercato colpisca il vicino e non il nostro club. Il punto è che, se lo sperano tutti, alcuni si troveranno a mal partito. In più il destino demografico dell Italia è già segnato: la demografia è una delle poche scienze in cui si possono fare previsioni attendibili anche a medio e lungo termine. 28

15 La figura 1.11 risponde a questa domanda: come cambierà lo scenario demografico tra dieci anni nelle tre città prese in esame? è stato aggiunto il saldo numerico tra le persone che entreranno e usciranno dal target di riferimento. In tutti e tre i casi il saldo è negativo ma con delle differenze. Abbiamo indicato il numero delle persone comprese tra 8 e 17 anni (in colore viola) e quelle comprese tra 36 e 45 (in colore arancio chiaro). I piccoli sono cresciuti e gli adulti si sono avvicinati alla terza età. In questo modo possiamo prevedere cosa avverrà tra dieci anni nella classe target di riferimento compresa tra 18 e 45 anni. Il dato parla da solo. Non c è alcuna possibilità di rimpiazzare gli anziani con i giovani. Rispetto al precedente, nella figura Milano: è la situazione più grave. Tra dieci anni le palestre che a Milano puntano su un pubblico giovane o giovanile vedranno fortemente ridotte le persone anagraficamente compatibili con i servizi offerti. La perdita supera le centomila unità proprio nella fascia di età che rappresenta la maggior parte del mercato attuale. Significa tra palestre piccole e grandi la chiusura di almeno una cinquantina di club. Roma: il discorso è praticamente uguale a quello di Milano. Tra dieci anni manche- Figura Evoluzione della domanda a Roma, Milano e Napoli rispetto alle fascie d età /17 anni 0 36/45 anni Milano Roma Napoli

16 Figura Evoluzione della domanda a Roma, Milano e Napoli rispetto al saldo numerico tra le persone che entreranno e usciranno dal target di riferimento /17 anni 36/45 anni Saldo Milano Roma Napoli ranno all appello almeno persone che avranno felicemente superato i 45 anni senza alcun rimpiazzo da parte dei teen ager. Napoli: qui la situazione è quasi in pareggio, con un leggero svantaggio di unità. Al Sud la natalità è più alta e questo permette un ricambio generazionale. La situazione è sicuramente meno preoccupante che al Centro Nord. Tra dieci anni a Milano si passerà a soli potenziali iscritti (18/45 anni) con una perdita del 21% rispetto a oggi. A Roma la perdita corrisponde al 17,5%, a Napoli al 2,8%. Ovviamente avverrà il contrario per la categoria di età successiva oltre i 45 anni. Queste fasce di età aumenteranno di centinaia di migliaia di persone al Nord e al Centro. Meno al Sud. (figura 1.13.) Per concludere I numeri presentano una realtà oggettiva e ci danno un vantaggio. Sapere che cosa accadrà a livello demografico e quindi a livello di target di riferimento. Ricordo recenti campagne di automotivazione tra titolari che recitavano Dieci milioni di iscritti nel Per provare a raggiungere questo obiettivo appare chiaro che il punto non è vendere meglio gli stessi servizi, alle stesse persone ma vendere nuovi servizi a nuove categorie di persone. Appare francamente fuorviante insistere su logiche di selling aggressivo ai soliti terget. Molti consulenti forse non hanno colto che le nostre possibilità di successo sono legate alla generazione di nuove strategie di diversificazione dei servizi. L obiettivo è quello di vendere ad una clientela più ampia. Occorre vendere un fitness 30

17 Figura 1.13 Evoluzione della domanda a Roma, Milano e Napoli rispetto alla fascia di età 18/45 anni /45 anni tra dieci anni Milano Roma Napoli preventivo, un fitness che sia benessere, un fitness per famiglie. La palestra del futuro va organizzata secondo un idea semplicissima: quella per cui un nonno può andarci con un nipote senza sentirsi a disagio. E tutti e due fanno qualcosa di interessante. Questa è la sfida che ci porterà al successo, fuori da questa prospettiva i numeri accendono la spia rossa dell attenzione Le società di consulenza La crescita veloce del settore ha messo in luce le carenze che caratterizzano molte realtà imprenditoriali del settore dei club. I proprietari di centri medio-piccoli che desideravano fare il salto di qualità o semplicemente perché pressati da una concorrenza sempre più numerosa, sentivano la necessità di conoscere e disporre di strumenti che regolarmente venivano citati a proposito di altri settori ma raramente del nostro. Cominciavano quindi ad affacciarsi concetti quali Marketing, Comunicazione, Strategia aziendale, Mission, Know How anche se spesso usati a sproposito. Le uniche fonti di apprendimento erano rappresentate dai vari corsi tenuti o da aziende del settore (e che quindi avevano come fine ultimo la promozione del proprio prodotto) o da federazioni ed enti di vario tipo che proponevano stage su specifici argomenti. 31

18 Poi si era obbligati a muoversi da soli e non tutti erano in grado di farlo. In questa realtà, a partire dal 1995, cominciarono ad apparire in maniera consistente sul mercato società di consulenza la cui finalità era, ed è tuttora, quella di affiancare il fitness club nell organizzazione aziendale, specie nel settore vendite, nella formazione del personale e nella comunicazione, al fine di massimizzare la produzione di profitti. A oggi si stima che circa l 8-10% delle palestre abbia avuto, o ha in corso, un contratto di consulenza. Secondo le società interpellate questo numero dovrebbe aumentare considerevolmente, sino a raddoppiare, nei prossimi anni (Fonte Performance 08/2002). L offerta di questo servizio è abbastanza variegata spaziando dalle poche società che operano a livello nazionale ai singoli consulenti, spesso fuoriusciti dalle precedenti società, che agiscono in specifiche realtà estremamente circoscritte. La collaborazione con una società di consulenza va sicuramente vista in modo positivo, perché permette di analizzare e strutturare in modo professionale un attività che ancora oggi è spesso svolta in modo essenzialmente artigianale. Pur senza generalizzare, il problema di queste strutture, costi a parte, è uno: sostanzialmente propongono pacchetti di soluzioni standardizzate, molto aggressive, che ottengono buoni risultati se applicate in club dove non si era mai fatto nulla del genere, ma perdono assai velocemente la loro efficacia se non vengono personalizzate in funzione del target di riferimento. La fidelizzazione del cliente, inoltre, è un processo lungo e continuo che deve essere costantemente aggiustato, in conseguenza del mutare delle numerose componenti che lo caratterizzano. L apprendimento e la padronanza delle competenze che ci permettono di gestire direttamente le operazioni strategiche per la vita del nostro fitness club sono senza dubbio, in un ottica non di brevissimo periodo, la scelta da preferire Il mercato del fitness in Europa In linea generale in Europa si sta verificando quanto già avvenuto negli USA, cioè: Una concentrazione dell offerta determinata da una aggressività al mercato che si esplica con l apertura veloce e pressoché simultanea di nuove strutture: ciò impedisce di fatto, o quantomeno scoraggia molto, l apertura di centri medio-piccoli a gestione diretta. Si verifica quindi una riduzione del numero di palestre per abitante e la polverizzazione del mercato tende a diminuire Aumento della superficie media delle nuove strutture Aumento e consolidamento della presenza delle grandi catene internazionali Fitness First ha intenzione di aprire 800 nuovi club entro il 2008, mentre la grande catena made in USA 24Hour Fitness (400 club in 12 paesi e oltre soci) ha aperto il suo primo centro a Madrid ed ha già dichiarato di volerne aprire altri 30, tutti in Spagna, entro il Germania E il mercato di riferimento sia perché presenta il maggior numero di praticanti, 32

19 circa persone pari al 6,6% della popolazione (fonte DSSV), sia perché ha caratteristiche più variegate in rapporto ad altre nazioni. In questo paese convivono infatti le grandi catene internazionali (che spesso hanno acquistato piccole catene locali), e le catene tedesche di molti piccoli-medi imprenditori, ad esempio il gruppo Elixia con 32 centri presenti anche in Austria e Francia. Anche il numero di palestre, circa è simile a quello italiano, solo il numero di iscritti per centro, la superficie media (circa mq) e una media di incasso di circa euro sono decisamente superiori a quelli di casa nostra (dati del 2001 fonte DSSV-Associazione tedesca dei centri fitness e tennis). Analizzando il numero degli iscritti ai club di proprietà delle grandi catene in rapporto agli altri dobbiamo però constatare che le prime hanno ormai pressoché il controllo del mercato: a fine 2002 il rapporto era di 5 a 1. (Fonte: Il Nuovo Club n. 71). Anche in questo paese le proiezioni indicano un aumento della percentuale della popolazione che si rivolgerà ai centri fitness (l 8-10% entro il 2005) con uno spostamento del target verso gli over 50, le donne e i bambini. Interessante evidenziare il caso della catena in franchising Injoy che nasce dallo sviluppo del lavoro della società di consulenza Inline, nata nel Paul Undenberg, il suo fondatore, all inizio del 2002 ha pensato di proporre ai centri seguiti dalla sua società 33

20 di consulenza di trasformarsi in francisee del nuovo marchio. Dagli originali 75 centri che hanno inizialmente aderito oggi, a due anni dal debutto il marchio conta 140 club di cui 122 in Germania, 12 in Austria e gli altri in Belgio e Spagna, per un totale di circa soci ed un giro d affari di 75 milioni di dollari. Ovviamente questo successo ha stimolato progetti per una grande espansione internazionale e l emanazione italiana della società ha recentemente fatto la sua comparsa sul mercato italiano (fonte Club Business Europe 04/2004). Da segnalare, e tenere sotto controllo, l evolversi della catena Mc Fitness, ap- parsa in Austria e approdata ben presto in Germania: pare guardare con interesse il mercato italiano. Segni distintivi: aperto 24 ore al giorno, grandi locali dotati parcheggio, prezzo aggressivo (15,90 euro al mese). Praticamente il concetto dei campi da tennis interpretato in chiave fitness Gran Bretagna E il paese con la minore frammentazione del mercato. A fronte di circa 6 milioni di frequentatori di un fitness center nel 2003 (fonte Fitness Industry Association) questi ultimi si attestano a circa 3000 unità (2850 club privati alla fine del 2003, fonte Health Figura La crescita del mercato tedesco fitness & wellness (Fonte: DSSV, DAT) Nb. Clubs Nb. Clienti (milioni) , ,10 5, ,89 4,39 4, ,20 3,41 3, ,00 2, ,

21 Club Management 07/03) ma di questi solo 1982 hanno più di 500 soci ((fonte Club Business Europe 04/04), quasi tutte sotto il controllo di catene più o meno grandi. La presenza di grandi gruppi quotati in borsa e quindi capaci di generare un flusso finanziario senza pari, ha permesso a queste società di partire alla conquista del resto d Europa, e non solo. Questo fenomeno si è però in parte smorzato e gli operatori della City hanno, registrato, negli ultimi 2 anni una notevole perdita di fiducia nel settore. Infatti nel 2003 hanno aperto solo 88 nuovi centri privati, contro i 146 del 2002, determinando il peggior risultato dal Inoltre nel 2003 il saldo attivo dei club privati, cioè la differenza fra le nuove aperture e le chiusure, è risultato attivo per sole 13 unità. Da considerare il fatto che esistono ben 2403 centri fitness a gestione pubblica. (fonte Club Business Europe 04/04). Ciò nonostante, a titolo d esempio e fatte salve le normali fluttuazioni dei titoli azionari, il gruppo Fitness First valeva circa 435 milioni di sterline (moltiplicare per 3000 delle vecchie lire e trattenere il respiro) ed è stato acquistato dal fondo privato di investimento Cinven per una cifra di 580 milioni di sterline nel giugno Di contro il valore di Holmes Place era di 219 milioni, Esporta 117 milioni, LA Fitness 97 milioni, sempre di sterline ed ha realizzato nel 2001 utili netti per 7,3 milioni di euro (fonte Sole 24Ore Sport 11/2002) ed è rimasta l unica catena inglese ancora quotata in borsa. L uscita dal mercato azionario, la ricerca di sostegno economico presso il capitale privato ed una crescita non conforme alle aspettative ha indotto i top manager a ripensare la strategia aziendale, liquidando i club non conformi alla vision strategica e cercando nuovi spazi di mercato. Infatti Fitness First è entrato in modo massiccio nel mercato dei centri per sole donne, con particolare riferimento a quelle soprappeso, acquisendo l 85% delle azioni di Fresh Start Fitness, marchio attraverso il quale intende aprire numerosi centri in varie città d Europa. (fonte Il Nuovo Club n 81) Holmes Place è, per importanza, la terza catena europea. E una pubblic company con un bilancio al 31 ottobre 2002 di oltre 100 milioni di euro e con un profitto, al lordo delle tasse, di circa 10 milioni di euro. I suoi centri sono sparsi in Gran Bretagna (44), Austria, Francia, Germania, Grecia, Portogallo, Spagna e Svizzera. Al momento pare che l Italia non rientri nei loro piani anche perché hanno recentemente stretto una joint venture con gli americani della Bally Total Finess per uno scambio di aperture: 3 centri Bally in Europa e 3 centri Holmes in Usa per un investimento di circa 16 milioni di euro. Del gruppo Virgin Active, 4 operatore al mondo nel settore, con un fatturato di 86milioni di sterline nel 2003 e forte di 14 club in Inghilterra, 90 in Sud Africa ed attualmente di 3 in Italia parleremo più approfonditamente nell analisi del mercato italiano Alcuni dati relativi a Fitness First possono aiutarci a capire con chi bisognerà confrontarsi in misura sempre maggiore: Club attivi nel mondo: 360 Fatturato nel mondo: circa 330 milioni di euro Soci nel mondo Club attivi in Italia: 11 Soci in Italia: Fatturato in Italia oltre 8 milioni di euro fonte: Professione Fitness 11-12/

22 Non vi è alcun dubbio che il consolidamento continuerà nel futuro prossimo con una situazione che vedrà alcuni operatori uscire dal business oppure essere costretti a svendere asset, nello sforzo di ridurre i debiti. I player più grandi e più forti saranno in grado di acquisire le sedi migliori e di consolidare le loro posizioni. Ciò non significa che gli operatori di sedi singole non possano farcela, dato che vi sono molti esempi di successo di centri del genere. fonte:health Club Management, luglio A titolo di chiarimento di chi sono i concorrenti che hanno cominciato ad entrare sul nostro mercato, riportiamo l andamento del titolo Fitness First alla borsa di Londra da dicembre Chi ha voglia di fare un po di analisi finanziaria può cominciare da qui. Figura Andamento del titolo Fitness First alla borsa di Londra Tabella 1.5. Fitness First data al 13/03/03 Andamento del titolo il giorno 13/03/03, la tabella riporta l apertura, il massimo raggiunto quel giorno, il minimo e la chiusura del titolo. Interessante notare l estrema variabilità del titolo con una oscillazione di circa l 8% in un giorno qualunque (FTF.L) Exp Trend N/A FTF.L Open High Low Close

23 Francia La Francia conta circa club, di cui sono privati. I grandi marchi - Club Med Gym, Gymnasium, Fitness First - rappresentano il 12% del totale e pesano per il 25% del fatturato. Il 22% dei francesi tra i 18 e i 64 anni frequenta abitualmente un club, e 13 milioni assiduamente o occasionalmente le palestre. Il fatturato è passato dai 230 milioni di euro del 1994 circa a 715 milioni nel Il settore impiega oggi circa lavoratori dipendenti contro i di 8 anni fa. L operazione più eclatante è stata l acquisto, da parte del Club Mediterranée, della catena dei Gymnase Club ribattezzata Club Med Gym. La discesa in campo di un marchio così forte, percepito da tutti come sinonimo di vacanza, divertimento e spensieratezza, poteva provocare un vero scossone al mercato: tutto ciò al momento non si è verificato, anche in seguito al crollo dei mercati azionari, e in special modo del turismo, dopo i fatti dell 11 settembre L impresa ha 900 lavoratori dipendenti (di cui 90 nella sede), 36 club in Francia, 29 con il marchio club Med Gym, 7 Club Med Gym Waou (cinque a Parigi, 1 a Ginevra ed 1 a Bruxelles). Ha clienti, con un giro d affari di 44 milioni d euro. Il concetto Club Med Gym si basa sull idea che lo sport è prima di tutto uno stato d animo. Immaginare luoghi di vita che combinano diversità delle attività, professionalità e comodità, affinché sport e piacere si associno nel più puro spirito club. Tabella 1.6. Le principale catene francesi Club Med gym Numero di sale : 36, principalmente nell ile-de-france e a Toulouse iscritti Waou (club med gym) Numero di sale : 7 (5 a Paris, 1 a Genève e 1 a Bruxelles) iscritti Ogni club : sala di cardio e corsi collettivi - Numerose attività secondo il club: dallo stretching alla salsa passando per il body-combat o l acquaabdo-glutei Installazioni accessorie : sauna, hammam e alcune volte la piscina Le attività sono le stesse svolte nei club Med Gym. Aggiungete un arredamento giovanile ed uno spazio relax (piscine, sauna, hammam, massaggi) di alto livello e la possibilità di avere un Personal Trainer Da 726,50 à 826,50 euro all anno per accedere a tutti i Club Med Gym di Francia Formula senior (con accesso limitato) : 536,50 euro Formula Carte sésame (senza iscrizione) : 192 euro per 10 ingressi Carte Waou : 1.146,50 euro l anno per accedere a tutti i Waou e iclub Med Gym di Francia. Nella cifra è compreso anche il prestito dell asciugamano Moving Numero di sale : 100 (in tutta la Francia) iscritti I club propongono più di una trentina di attività diverse in spazi dedicati : cardio, sala pesi,danza e fitness in tutti i club Zona acquatica, zona relax, estetica in 2/3 dei clubs. Spazio raquette in un club su 5 Tariffe differenziate a seconda della location del club. Ad esempio in provincia l ingresso costa circa 45 euro al mese mentre a Parigi 150 euro! I prezzi sono comunque decrescenti : ad esempio 690 euro per 1 anno nella regione di Parigi Full time fitness Numero di sale: 17 principalmente in provincia Aperte 7 giorni su 7 alcune sino alle 24. Muscolazione, fitness, personal trainer e programmi personalizzati (dimagrimento, muscolazione o energia) Spazio dimagrimento elettrostimolazione, pressoterapia Spazio Senior: ginnastica dolce aquastretch, aquagym... Formula liberty pass, senza impegno. Non abbiamo informazioni sui prezzi praticati... Forest Hill Numero di sale : 13 (Île-de-France) Muscolazione, fitness, danza nella metà dei club Giochi con la racchetta (tennis, squash, badminton...) nella maggior parte dei clubs Relax: piscine, sauna, hammam in alcuni dei club Formula Pacha permette l accesso a tutti i Forest Hill. Il prezzo è di 780 euro all anno in tariffa piena, 660 euro per gli studenti ed i senior Fitnessfirst Numero di sale : 9 (4 nell Île-de-France) Circa iscritti Club alto di gamma. Spazio cardio-trainig, sala pesi, sale per i corsi collettivi, 60 corsi alla settimana Spazio riservato ai bambini con personale addetto Zona relax (sauna, hammam...) Quota di iscrizione : 150 euro in media Abbonamento mensile o annuale con tariffe veriabili a seconda del club In media circa 50 euro al mese 37

24 Olanda E un paese di chilometri quadrati con circa 16 milioni di abitanti, con una densità media di 450 abitanti per chilometri quadrati e con il 42% della popolazione che svolge regolare attività fisica (il 66% la pratica almeno in maniera saltuaria). Il 9,4% della popolazione frequenta i centri che sono circa con una superficie media di 600 metri quadrati (Il Nuovo Club n. 59). La suddivisione di questi centri è molto variegata e spazia dalle piccole palestre di alle grandi strutture. Per la vicinanza con la Gran Bretagna e per i dati che presentava è diventata subito terreno di conquista per i gruppi inglesi che certo non potevano trascurare un mercato così interessante. Da parte sua il governo, proprio per promuovere ulteriormente la pratica sportiva, ha ridotto, da gennaio 2002, le tasse sulle attività di sport e tempo libero dal 19% al 6% di euro. Nel frattempo inizierà ad aprire in paesi di lingua spagnola ma senza disdegnare gli altri Nord Europa E caratterizzato da realtà molto particolari dettate dalla conformazione del territorio e dalle condizioni climatiche e culturali. A questo proposito ci sembra doveroso citare il caso della Svezia. In questo paese la pratica sportiva è da sempre considerata un diritto che il cittadino deve potere esercitare liberamente, cioè senza dovere pagare. Questo ha fatto si che la maggiore catena di club (Friskis & Svettis), quarta in Europa con i suoi 111 club tutti in Svezia, sia un associazione noprofit che ha come mission l avvicinare al fitness il maggior numero di persone ai prezzi più bassi possibili. Questo, ovviamente, contribuisce a tenere lontani tutti gli imprenditori stranieri Spagna E il mercato europeo partito per ultimo ma si sta dando da fare per recuperare il tempo perduto. In parallelo alla vertiginosa crescita economica degli ultimi tempi, il numero dei centri si è moltiplicato partendo dalle grandi metropoli. Questo fermento non è sfuggito alle grandi catene europee che sono già da alcuni anni presenti nelle principali città del paese e le apertura continuano a profusione. La principale catena tutta spagnola, Body Factory, è passata dai di euro di fatturato del 1996 ai del 2003 e prevede di arrivare nel 2007 a 1.3. Gli USA Non poteva mancare in chiusura uno sguardo veloce al mercato americano. Fermo restando che le realtà sociali e culturali, già così diverse fra i vari paesi europei, impediscono di creare dei paragoni tout court, non possiamo dimenticare che tutto ciò che, in questo specifico settore, ci arriva da laggiù è sicuramente destinato a lasciare traccia anche da noi. I numeri che ci propone questo mercato lasciano sbalorditi e devono invitare a riflettere poiché sono i numeri sui quali le grandi società fanno i conti per determinare le loro scelte operative. 38

25 Una delle principali società americane specializzate in ricerche di mercato (Sidoti &C.), analizzando il settore ha prospettato un futuro in crescita ma anche una grande concentrazione degli operatori di settore. Nel 1990 solo il 20% dei club appartenevano a catene organizzate: la previsione è che nel giro di pochi anni almeno il 50% del mercato sarà in mano ai grandi gruppi e che questa tendenza continuerà anche negli anni successivi. A conferma di questi dati, John Mc Carthy (Executive Director Ihrsa, la maggiore associazione di proprietari di club in Usa) dichiara che tra il 1996 e il 2001 il tasso di crescita degli iscritti è stato del 6,35% con un posizionamento del target verso fasce più alte di età con i 35-55enni che rappresentano ormai il 36,5% degli iscritti, contro il 31% dei 18-34enni (Fonte Performance 08/02). Altri dati interessanti emergono dal sondaggio, relativo al 2000, svolto tra i suoi associati dall Ihrsa. Il tasso di fidelizzazione è compreso, per tutti i tipi di club, fra il 60 e il 65%. La maggior parte dei centri Tabella 1.7. Evoluzione negli USA (Fonte IHRSA) Anno fitness club in USA Iscritti ai FC Media iscritti per FC , , , , , , , , , , , , , , , ,18 39

26 Tabella 1.8. Confronto USA versus UE (Fonte Stage UP - Sole 24 Ore Sport 18/01/01) USA e UE a confronto USA ITA GER GB Frequentatori (in milioni) 54,4 3 4,3 3 % sulla popolazione 20.8% 5.5% 5.2% 5,0% Centri fitness Numero iscritti/palestre Palestre/ abitanti 6,7 10,9 7,4 6,6 % frequentatori nel 2005 (stima) nd 12-13% 8-10% 11-12% produce l 80% del proprio fatturato con la vendita delle iscrizioni (in Italia rasenta il 100 per cento) ma ben il 25% del campione sondato è composta da club in cui il 30% del fatturato è prodotto da entrate non legate alla vendita di abbonamenti ma da servizi accessori quali, ad esempio, il Personal Trainer. Gli ultimi dati IHRSA (Forum Nuovo Club 2004) indicano nel 13% la percentuale della popolazione americana over 60 anni attualmente iscritta in uno dei centri. Due storiche catene (sebbene di franchising) made in Usa, Gold s Gym e World Gym, hanno recentemente dichiarato di puntare ad una forte crescita proprio in quei paesi, Russia, Ungheria, Polonia, Republica Ceca, Lituania, Lettonia, Ucraina ed India dove le catene inglesi non si sono ancora presentate. A riprova di un mercato in continua evoluzione la mitica catena Gold s Gym è stata acquistata nella primavera del 2004 dalla TRT Holding per circa 160milioni di $ (The Leisure Management Report 16/06/04) 1.4. Complessivamente I dati resi pubblici nel febbraio 2004, da parte dell Ihrsa dicono che complessivamente ci sono: fitness club in Europa fitness club negli Usa fitness club in Sud America fitness club in Asia Gli iscritti totali sono circa 65 milioni ed il giro d affari prodotto nel 2003 è stato di circa 13,1 miliardi di dollari contro i 12,2 del 2001 e gli 11,6 del L Italia come territorio da conquistare? Alla luce di quanto sopra esposto quali conclusioni possiamo trarre? La nostra realtà è un boccone troppo ghiotto per pensare che i grandi gruppi se lo lasceranno sfuggire. Il principale freno sino ad ora è stata la percezione che del nostro paese 40

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale

L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Comunità di Sant Egidio Anziani nel Mondo, Europa e Italia Le regioni europee in cui si vive più a lungo L invecchiamento demografico: Un fenomeno mondiale Secondo le Nazioni Unite nel 2010 la popolazione

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit Newsletter dell Anno 5, N 64 novembre 2007 - SPECIALE I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano-Pescara

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

GUARDARE IL FUTURO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI

GUARDARE IL FUTURO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI GUARDARE IL FUTURO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI I servizi educativi per l infanzia di San Miniato festeggiano e discutono 30 anni di esperienze e progetti San Miniato, 11 e 12 novembre 2011 Intervento di

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO (ricerca di mercato condotta da GPF e ISPO) 15 dicembre 2005 Mezzogiorno d Italia 2004 1/18 SCOPO DELL INDAGINE Analizzare presso la Business Community

Dettagli

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE 6 novembre 2015 LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare Nomisma Responsabile Wine Monitor Outline Evoluzione dei

Dettagli

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING

In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING In collaborazione con We Sport S.s.d.r.l. e Ferretti Consulenze S.r.l. WE SPORT CONSULTING IL NETWORK DI CONSULENZE PER SOCIETA SPORTIVE E CENTRI FITNESS IMPRESA MODERNA OPPURE PALESTRA TRADIZIONALE? CHI

Dettagli

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Caorle, 25 maggio 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Il mestiere di promuovere i territori (città, province,

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

Un altro anno di crescita per Media Vending

Un altro anno di crescita per Media Vending edia Vending Un altro anno di crescita per edia Vending e i t e n d i v R l I e r c a t o d d e l V e n d i n g edia Vending è una dinamica rivendita che da alcuni anni opera con successo nella Provincia

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

L E S T E R O. Volontariato. Una panoramica sulle esperienze in Italia e negli altri Paesi

L E S T E R O. Volontariato. Una panoramica sulle esperienze in Italia e negli altri Paesi Natalia Restuccia Volontariato nei Vigili del Fuoco Una panoramica sulle esperienze in Italia e negli altri Paesi Q ualche cifra sul ato dei vigili del fuoco in Italia sarà il punto di partenza del viaggio

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013

Il turismo a Bologna nel 2013. Aprile 2013 Il turismo a Bologna nel 213 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

Flussi di cittadini in Italia

Flussi di cittadini in Italia Flussi di cittadini in Italia Il fenomeno dell immigrazione in Italia secondo gli ultimi dati del Ministero del lavoro riguarda più di 4 milioni di stranieri con un incidenza sulla popolazione

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 Il Country Payment Report è uno studio di Intrum Justitia Intrum Justitia raccoglie dati da migliaia di aziende in Europa per acquisire conoscenze sulle abitudini di pagamento

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Studio generale 2008 a cura di Federico Della Puppa con la collaborazione di Dem.Co Indice Risultati principali, 3 Presentazione,

Dettagli

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum IL REDDITO DISPONIBILE DELLE FAMIGLIE: LIVELLI, DIFFERENZIALI

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

CooperfidiSicilia. Servizio Gestione Crediti. www.cooperfidisicilia.it CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI

CooperfidiSicilia. Servizio Gestione Crediti. www.cooperfidisicilia.it CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI CooperfidiSicilia CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI 1 Servizio Gestione Crediti www.cooperfidisicilia.it La gestione dei crediti commerciali. Perché esternalizzare la gestione Aziende di diversi

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Indagine sui fabbisogni finanziari delle fondazioni in Italia Marzo 2014 Con il contributo scientifico di Indice Obiettivi 3 Metodologia 4

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

Imago Report mercato turistico

Imago Report mercato turistico Imago Report mercato turistico REPORT SULLE NUOVE TENDENZE DEL TURISTA ITALIANO ED ESTERO FOCUS SUL TURISTA ENOGASTRONOMICO 22 LUGLIO 2015 Indice: I principali trend del turismo in Italia Il turista ESTERO

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Analisi del mercato Previsioni fino al 2015 Analisi del Dott. Paolo Gardino Consulting per promo_legno In collaborazione con Assolegno di FederlegnoArredo

Dettagli

PROMOTORI & CONSULENTI

PROMOTORI & CONSULENTI art PROMOTORI & CONSULENTI FONDI&SICAV Dicembre 2010 Federico Sella di Banca patrimoni Sella &c.: «Trasparenti e prudenti» Reclutamento I soldi non sono tutto Concentrazione Un mondo sempre più di grandi

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014 Comunicato stampa Inchiesta congiunturale 2013/2014 Sensibile miglioramento nel 2013 per le aziende ticinesi dopo le difficoltà degli ultimi anni. Previsioni sostanzialmente positive anche per il 2014,

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA CERNOBBIO 28 MARZO 2015 PREMESSA L esposizione universale, a due mesi dall avvio, è considerata come la grande occasione per il rilancio del turismo italiano. Non solo

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi

Dettagli

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione

Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione III trimestre 214 Rapporto in sintesi Secondo l ultimo Sondaggio M&G YouGov sulle aspettative di inflazione, in diversi Paesi l inflazione attesa dai

Dettagli

OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 2013, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB

OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 2013, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB Sezione SUICIDI PER CRISI ECONOMICA OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 201, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB (Laboratorio di Ricerca Socio Economica dell'università degli Studi

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

titolo il settore fitness in italia

titolo il settore fitness in italia un team di successo Urban Fitness è un progetto CheForma! azienda che da anni opera con successo nell ambito del fitness e del benessere proponendo una molteplicità di servizi: dal personal training a

Dettagli

Il turismo a Bologna nel 2012

Il turismo a Bologna nel 2012 Il turismo a Bologna nel 212 Aprile 213 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Le elaborazioni sono state effettuate sui

Dettagli

REPORT MERCATO TURISTICO

REPORT MERCATO TURISTICO REPORT MERCATO TURISTICO Report sulle nuove tendenze del turismo italiano ed estero Focus sul turista enogastronomico 22 luglio 2015 INDICE Trend del turismo estero in Italia.. pag. 3 Trend del turismo

Dettagli

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007

Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Statistiche in breve 29 giugno 2007 Turismo a cura di Roberta Savorelli e Manuela Genetti Risultati definitivi stagione invernale 2006-2007 Il Servizio Statistica presenta i dati definitivi relativi agli

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Il mercato italiano delle case in legno nel 2010 Analisi del mercato Previsioni fino al 2015 Analisi del Dott. Paolo Gardino Consulting per promo_legno In collaborazione con Assolegno di FederlegnoArredo

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ).

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). (febbraio 2008) Codice Prodotto- OSPS13-R01-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 $/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 / DUHDGLSURGX]LRQHELRORJLFD A fianco l uso dell olio di oliva tradizionale, sono cresciute la produzione ed il consumo dell olio biologico, con il conseguente aumento dell

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI Il ruolo dei farmaci come strumento per il controllo della spesa sanitaria RAPPORTO DI SINTESI Febbraio 2010 Da anni il sistema sanitario pubblico italiano

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO

INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO 27 Gennaio 2014 Quorum www.quorumsas.it Il campione La definizione del campione Nelle prossime pagine si analizza il discostamento del campione analizzato

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

La Gestione del Personale nelle PMI

La Gestione del Personale nelle PMI La Gestione del Personale nelle PMI 1 GIRO D ITALIA AIDP Verso il 41^ Congresso Nazionale 3^ tappa Orvieto, 13 marzo 2012 LA GESTIONE DEL PERSONALE NELLE PMI APPROCCI E TESTIMONIANZE TRA NORMATIVA E FATTORI

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE (sintesi DELL INTERVENTO) GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS SENZA LETTURA NON C È CRESCITA QUOTIDIANI, PERIODICI E

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

LE VACANZE DEGLI ITALIANI NEL 2006 11.288.000 0 5.000.000 10.000.000 15.000.000 20.000.000 25.000.000 30.000.000 35.000.000

LE VACANZE DEGLI ITALIANI NEL 2006 11.288.000 0 5.000.000 10.000.000 15.000.000 20.000.000 25.000.000 30.000.000 35.000.000 ABSTRACT LE VACANZE DEGLI ITALIANI PRIMO SEMESTRE 2006 Sono 17,8 milioni gli italiani che nel primo semestre 2006 hanno effettuato almeno un periodo di vacanza (35,9% della popolazione). Nel complesso,

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

LE DONNE E LA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO

LE DONNE E LA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO LE DONNE E LA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO 1. Compiti vecchi e nuovi del Consulente del Lavoro Il Consulente del Lavoro appartiene ad una professione ordinistica attualmente regolamentata dalla

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali Il capitale territoriale: una leva per lo sviluppo? Bologna, 17 aprile 2012 Il ruolo delle infrastrutture nei processi di

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE*

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE* 108 Quaderni di ricerca sull artigianato 109 muovono in ambito internazionale, per come affrontano criticità o opportunità offerte del nuovo contesto. Da una parte l evoluzione dei sistemi di comunicazione,

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

L OSPITALITA E INTERNET

L OSPITALITA E INTERNET L OSPITALITA E INTERNET UNO STRUMENTO (DI PROMOCOMMERCIALIZZAZIONE) MA NON LA SOLUZIONE (DEI PROBLEMI) 1 INDICE Premessa 3 1. Aumenta l interesse e l attenzione 5 2. La parola agli albergatori 8 IL TEAM

Dettagli

Indagine tra gli studenti della Laurea Triennale UNISG

Indagine tra gli studenti della Laurea Triennale UNISG Indagine tra gli studenti della Laurea Triennale UNISG Seconda Edizione, A.A. 2013-2014 Principali risultati 18 Giugno 2014 Indagine realizzata a dicembre 2012 tra gli iscritti alla Laurea Triennale nell

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it La scelta della strategia di marketing I Mktg-L04 Principali scenari di sviluppo

Dettagli