ETICHETTATURA DEI PRODOTTI TESSILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ETICHETTATURA DEI PRODOTTI TESSILI"

Transcript

1 CNR ISMAC Istituto per lo Studio delle Macromolecole BIELLA ETICHETTATURA DEI PRODOTTI TESSILI Dr.ssa Cinzia Tonetti

2 NORMATIVA EUROPEA PER L ETICHETTATURA DEI MATERIALI TESSILI DIRETTIVA EC 96/73 Metodi analitici per l analisi quantitativa di mischie di fibre tessili DIRETTIVA EC 96/74 Definizioni fibre tessili CAMPO DI APPLICAZIONE DESCRIZIONE DEL METODO CALCOLI STATISTICA NOME DESCRIZIONE RIPRESA DI UMIDITA

3 ENTI UFFICIALI DI NORMAZIONE ISO International Standard Organisation UNI Ente Nazionale Italiano Di Unificazione DEFINIZIONI METODI ANALITICI DEFINIZIONI METODI ANALITICI

4 ENTI SETTORIALI DI NORMAZIONE BISFA Bureau for Standardization of Man-Made Fibres IWTO International Wool Textile Organization DEFINIZIONI STRUTTURE TECNOLOGIA METODI ANALITICI LANA METODI ANALITICI CHIMICI E FISICI

5 I NOMI DELLE FIBRE LE DENOMINAZIONI DELLE FIBRE DA USARE PER L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI TESSILI DERIVANO DALLA NORMATIVA UFFICIALE EUROPEA EC/96/74. L ITALIA HA RECEPITO LA DIRETTIVA EC/96/74 EMANANDO IL DECRETO LEGISLATIVO N. 194 DEL Direttive comunitarie 71/307/CE del /623 del /140/CE del /74/CE del /37/CE del Norme italiane Legge 883 del DPR 515/76 del Legge 669 del DM n. 482 del Decreto Legislativo n. 194 del Decreto del

6 CODICI MECCANOGRAFICI A LIVELLO COMMERCIALE (TRANSAZIONI, DOCUMENTI, FATTURE, ECC.) LE FIBRE VENGONO IDENTIFICATE MEDIANTE APPOSITI CODICI MECCANOGRAFICI ABBREVIATI. CODICE MECCANOGRAFICO UNIFORME EUROPEO COMITEXTIL

7 CODICE MECCANOGRAFICO UNIFORME EUROPEO COMITEXTIL

8 CODICE MECCANOGRAFICO UNIFORME EUROPEO COMITEXTIL

9 CODICE MECCANOGRAFICO UNIFORME EUROPEO COMITEXTIL

10 UNI FIBRE CHIMICHE : ABBREVIAZIONI

11 DECRETO LEGISLATIVO 194/99 LE FIBRE SONO IDENTIFICATE DA UN NUMERO PROGRESSIVO DI ELENCO, DA UN NOME CHE FA DIRETTAMENTE RIFERIMENTO ALLA LORO PROVENIENZA O ALLA LORO COMPOSIZIONE CHIMICA E DA UNA DESCRIZIONE CHE PUO CONTENERE RIFERIMENTI ANCHE A CARATTERISTICHE TECNOLOGICHE. Art. 1: Definizione del campo di applicazione. Art. 2: Definizione di prodotto tessile. Art. 3: Denominazione delle fibre tessili e loro descrizione (Allegato 1). Art. 4: Definizione di prodotto tessile 100%. Art. 5: Definizione di lana vergine. Art. 6: Designazione della composizione. A - con la denominazione e la sua percentuale: 91% POLIESTERE B - con la fibra seguita dalla dizione: POLIESTERE minimo 91% C - con la composizione completa in ordine decrescente in peso 91% POLIESTERE 9% VISCOSA

12 Art. 7: Definizione delle tolleranze. Art. 8: Etichette e contrassegni. PRODOTTI Prodotti 100% - puro tutto Prodotti 100% lana vergine Prodotti contenenti lana vergine in quantità 25% Prodotti misti con fibre di cui una è 85% oppure di cui nessuna raggiunge l 85% % 2% 5% 7% 2% 0,3% 7% 2% 0,3% 7% 2% 3% 2% 5% 7% 2% 3% TOLLERANZA Presenza non sistematica di altre fibre Presenza non sistematica di altre fibre (cardati) Presenza di fibre ad effetto decorativo Presenza di fibre ad effetto antistatico Presenza impurità altre fibre Presenza di fibre ad effetto decorativo Presenza di fibre ad effetto antistatico Presenza impurità altre fibre Presenza di fibre ad effetto decorativo Presenza di fibre ad effetto antistatico Tolleranza di fabbricazione Presenza non sistematica di altre fibre Presenza non sistematica di altre fibre (cardati) Presenza di fibre ad effetto decorativo Presenza di fibre ad effetto antistatico Tolleranza di fabbricazione

13 ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE DEVONO ESSRE ETICHETTATI TUTTI I PRODOTTI TESSILI. PER PRODOTTO TESSILE SI INTENDE UN PRODOTTO CHE E COMPOSTO ESCLUSIVAMENTE DE FIBRE TESSILI (LANA, COTONE, LINO ), SIA ESSO ALLO STATO GREZZO, DI SEMILAVORATO, DI LAVORATO, DI MANUFATTO, DI CONFEZIONATO. SONO PRODOTTI TESSILI: COSA ETICHETTARE I PRODOTTI CONTENENTI ALMENO L 80% IN PESO DI FIBRE TESSILI I PRODOTTI DI RIVESTIMENTO DI CUI LE FIBRE TESSILI RAPPRESENTANO L 80% IN PESO (COPERTURE PER MOBILI, OMBRELLI, RIVESTIMENTI PER MATERASSI ) TUTTI I PRODOTTI TESSILI INCORPORATI IN ALTRI PRODOTTI DI CUI NE SIANO PARTE INTEGRANTE. ESEMPI: CAPI D ABBIGLIAMENTO, SCIARPE, CALZE, LENZUOLA, TOVAGLIE, COPERTE, TENDE, TESSUTI IN ROTOLI E PEZZE.

14 I PRODOTTI TESSILI DEVONO ESSERE ETICHETTATI O CONTRASSEGNATI ALL ATTO DI OGNI OPERAZIONE DI COMMERCIALIZZAZIONE ATTINENTE AL CICLO INDUSTRIALE E COMMERCIALE (art. 8, comma 1 D.L. 194:1999). COSA NON E OBBLIGATORIO ETICHETTARE I PRODOTTI TESSILI NON ASSOGGETTATI AD ETICHETTATURA SONO RIPORTATI ALL art. 10, comma 1 D.L. 194:1999. ESEMPI: FERMAMANICHE DI CAMICIE, CINTURINI DI MATERIE TESSILI PER OROLOGI, ETICHETTE, FIORI ARTIFICIALI, FELTRI, GHETTE, CHIUSURE LAMPO, ARTICOLI MONOUSO, ARTICOLI DI PROTEZIONE E DI SICUREZZA (PARACADUTE, GIUBBORRI ANTIPROIETTILE, GIUBBOTTI DI SALVATAGGIO ), ECC OBBLIGO DI ETICHETTATURA GLOBALE Allegato 4, D.Lgs. 194/99 ESEMPI: CANOVACCI, CINTURE, BRETELLE, STRIGHE, FAZZOLETTI, CENTRINI, BAVAGLINI, NASTRI, ELASTICI

15 ELEMENTI DI PRODOTTI TESSILI NON ASSOGGETTATI AD ETICHETTATURA NELL ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE DI PRODOTTI TESSILI, LE PERCENTUALI IN FIBRE VENGONO DETERMINATE SENZA TENER CONTO DI BOTTONI E FIBBIE RICOPERTE DI MATERIE TESSILI, ORNAMENTI ACCESSORI (art. 12 D.L. 194:1999). Esempio : se avessimo un tessile costituito da 100% poliestere ed un altro formato da 80% poliestere e 20% resina poliuretanica, l identificazione in etichetta sarà la stessa ovvero 100% poliestere. La dicitura con resina poliuretanica può essere aggiunta per fornire maggiori informazioni sul prodotto tessile. COME DEVE ESSERE L ETICHETTA PUO ESSERE REALIZZATA IN CARTONE, TESSUTO O ALTRO MATERIALE. PUO ESSERE APPLICATA AL PRODOTTO TESSILE MEDIANTE CUCITURA, GRAFFATURA, ADESIVI, ALLACCIATURA CON CORDONCINO, O INSERITA NELL INVOLUCRO CONTENENTE IL CAPO. DEVE RECARE LA COMPOSIZIONE FIBROSA DEL PRODOTTO, UTILIZZANDO LE DENOMINAZIONI DELLE FIBRE RIPORTATE NELL ALL.1 DEL D.Lgs. 194/99, IN LINGUA ITALIANA E CON CARATTERI LEGGIBILI.

16 COSA PUO RIPORTARE L ETICHETTA PUO RIPORTARE I QUALIFICATIVI DEL PRODOTTO, CHE NON DEVONO SOSTITUIRE LE DENOMINAZIONI UFFICIALI RIPORTATE NELL ALL.1 DEL D.Lgs. 194/ QUALIFICATIVI RIGUARDANTI LA FASE DI PRODUZIONE DELLE FIBRE TESSILI (PETTINATO, LAVATO ) 100% COTONE PETTINATO 100% COTONE PETTINATO CORRETTA NON CORRETTA

17 2. QUALIFICATIVI RIGUARDANTI LA QUALITA DELLE FIBRE TESSILI (SUPERFINO, FILO DI SCOZIA ) 100% COTONE FILO DI SCOZIA CORRETTA 100% COTONE FILO DI SCOZIA NON CORRETTA 3. QUALIFICATIVI RAPPRESENTATI DA MARCHI REGISTRATI O DENOMINAZIONI COMMERCIALI (LYCRA, LANA VERGINE, TACTEL ) 95% COTONE 5% ELASTAN LYCRA 95% COTONE 5% LYCRA CORRETTA NON CORRETTA

18 ESPRESSIONE DELLE PERCENTUALI FIBROSE PRODOTTO TESSILE COMPOSTO DA UNA SOLA FIBRA PUO ESSERE QUALIFICATO CON IL TERMINE 100% O PURO O TUTTO COTONE 100% PURO COTONE IN QUESTO CASO SONO AMMESSE DELLE TOLLERANZE CIRCA L EVENTUALE PRESENZA DI ALTRE FIBRE. PRODOTTI % TOLLERANZA Prodotti 100% - puro tutto 2% Presenza non sistematica di altre fibre Prodotti 100% lana vergine 5% 0,3% Presenza non sistematica di altre fibre (cardati) Presenza impurità altre fibre

19 ESEMPI Prodotto tessile costituito da 98% lana e 2% acrilica LANA 100% PURA LANA PURA LANA VERGINE CORRETTE NON CORRETTA Prodotto tessile costituito da 98% cotone e 2% elastan (Es. una calza) COTONE 98% ELASTAN 2% COTONE 98% COTONE minimo 85% CORRETTE COTONE 100% NON CORRETTA L ELASTAN E STATO AGGIUNTO PER CONFERIRE ALL ARTICOLO PROPRIETA PRESTAZIONALI PARTICOLARI

20 PRODOTTO TESSILE COSTITUITO PER ALMENO L 85% DALLA STESSA FIBRA VIENE DESIGNATO MEDIANTE DENOMINAZIONE DELLA FIBRA SEGUITA DALLA % IN PESO, OPPURE DALLA DENOMINAZIONE DELLA FIBRA SEGUITA DALL INDICAZIONE MINIMO 85%, OPPURE MEDIANTE COMPOSIZIONE PERCENTUALE COMPLETA DEL PRODOTTO (art. 6, comma 1 D.L. 194:1999). Esempio: cotone 85%; cotone minimo 85%; cotone 85% poliestere 15% PRODOTTO TESSILE COSTITUITO DA DUE O PIU FIBRE CON % INFERIORI ALL 85% L ETICHETTA DEVE RECARE L INDICAZIONE DELLA DENOMINAZIONE DELLA PERCENTUALE IN PESO DI ALMENO DUE DELLE FIBRE PRESENTI IN MAGGIORE PERCENTUALE SEGUITA DALLE DENOMINAZIONI DELLE ALTRE FIBRE, IN ORDINE DECRESCENTE DI PESO, CON O SENZA L INDICAZIONE DELLE LORO PERCENTUALI IN PESO (art. 6, comma 2 D. L. 194:1999). Esempio: - fibra acrilica 40%, poliestere 30%, lana, elastan - fibra acrilica 40%, poliestere 30%, lana 15%, elastan 15%

21 ESPRESSIONE ALTRE FIBRE L INSIEME DELLE FIBRE CIASCUNA DELLE QUALI COSTITUISCA MENO DEL 10% DELLA COMPOSIZIONE DI UN PRODOTTO PUO ESSERE INDICATO CON L ESPRESSIONE ALTRE FIBRE SEGUITA DA UNA PERCENTUALE GLOBALE (art. 6, comma 2 D.L. 194:1999). Esempio: - cotone 90%, altre fibre 10% - cotone 90%, elastan 10% QUALORA VENGA SPECIFICATA LA DENOMINAZIONE DI UNA FIBRA CHE COSTITUISCA MENO DEL 10% DELLA COMPOSIZIONE DI UN PRODOTTO, SI DEVE INDICARE LA COMPOSIZIONE PERCENTUALE COMPLETA DEL PRODOTTO STESSO (art.6, comma 2 D.L. 194:1999). Esempio: - è corretta l etichettatura : lana 80%, viscosa 8%, seta 7%, cotone 5% - non è corretta l etichettatura : lana 80%, seta 5%, altre fibre 15%

22 LANA VERGINE IN MISTA L INDICAZIONE DELLA COMPOSIZIONE PERCENTUALE COMPLETA E OBBLIGATORIA. LA PERCENTUALE DI LANA DEVE ESSERE MAGGIORE O UGUALE AL 25% DEL TOTALE ESEMPI Prodotto tessile costituito da 75% poliestere e 25% lana vergine POLIESTERE 75% LANA VERGINE 25% CORRETTA Prodotto tessile costituito da 80% poliestere e 20% lana vergine POLIESTERE 80% LANA 20% POLIESTERE 80% LANA VERGINE 20% CORRETTA NON CORRETTA

23 Prodotto tessile costituito da 85% lana vergine e 15% acrilica LANA VERGINE 85% ACRILICA 15% LANA 85% LANA minimo 85% CORRETTE LANA VERGINE minimo 85% LANA VERGINE 85% NON CORRETTE

24 CAPI FINITI COMPOSITI CIASCUNA DELLE PARTI CON DIVERSA COMPOSIZIONE FIBROSA VA MUNITA DI ETICHETTA, AD ECCEZIONE DI QUELLE CHE RAPPRESENTANO MENO DEL 30% IN PESO TOTALE DEL PRODOTTO. LA COMPOSIZIONE DELLE FODERE PRINCIPALI (RIVESTIMENTI INTERNI DI MAGGIORE ESTENSIONE CHE NON SONO DI RINFORZO O SOSTEGNO DEL CAPO) VA SEMPRE DICHIARATA. ESEMPI Abito donna costituito da: Maglia 80% cotone e 20% poliammide Pizzo 90% poliestere e 10% elastan, costituisce il 40% del peso totale TESSUTO: COTONE 80% POLIAMMIDE 20% PIZZO: POLIESTERE 90% ELASTAN 10%

25 Abito donna costituito da: Maglia 80% cotone e 20% poliammide Pizzo 90% poliestere e 10% elastan, costituisce il 20% del peso totale TESSUTO: COTONE 80% POLIAMMIDE 20% PIZZO: POLIESTERE 90% ELASTAN 10% oppure COTONE 80% POLIAMMIDE 20% L ETICHETTATURA DEL PIZZO NON E OBBLIGATORIA PERCHE RAPPRESENTA MENO DEL 30% DEL PESO TOTALE DEL PRODOTTO.

26 Gonna costituita da: Tessuto esterno 100% poliestere Fodera interna 100% acetato, costituisce il 20% del peso totale TESSUTO ESTERNO: POLIESTERE 100% FODERA: ACETATO 100% TRATTANDOSI DI UNA FODERA SICURAMENTE PRINCIPALE, QUALSIASI SIA IL SUO PESO, VA SEMPRE INDICATA IN ETICHETTA INSIEME ALLA PROPRIA COMPOSIZIONE FIBROSA. Maglia uomo costituita da: Tessuto 70% lana e 30% poliammide Finiture (collo, polsini e bordura) 100% acrilica, costituiscono il 10% del peso totale LANA 70% POLIAMMIDE 30%

27 ARTICOLI ARTICOLARI: CORSETTERIA LA COMPOSIZIONE IN FIBRE E DATA INDICANDO LA COMPOSIZIONE DELL INTERO PRODOTTO OPPURE, GLOBALMENTE O SEPARATAMENTE, QUELLA DELLE PARTI DI SEGUITO ELENCATE: PER I REGGISENI: TESSUTO ESTERNO E INTERNO DELLE COPPE E DELLA PARTE POSTERIORE PER LE GUAINE: PARTI DAVANTI, DIETRO E LATERALI PERLE GUAINE INTERE (MODELLATORI): TESSUTO ESTERNO E INTERNO DELLE COPPE, PARTI DAVANTI, DIETRO E LATERALI. L ETICHETTATURA NON E OBBLIGATORIA PER LE PARTI CHE RAPPRESENTANO MENO DEL 10% DEL PESO TOTALE DEL PRODOTTO.

28 Reggiseno: Guaina: POLIAMMIDE 70% COTONE 20% ELASTAN 10% ETICHETTATURA GLOBALE POLIAMMIDE 85% ELASTAN 15% COPPA, TESSUTO ESTERNO: POLIAMMIDE 85% ELASTAN 15% PARTE DAVANTI E PARTE DIETRO: POLIAMMIDE 95% ELASTAN 5% COPPA, TESSUTO INTERNO: COTONE 100% PARTI LATERALI: POLIAMMIDE 80% ELASTAN 20% PARTE POSTERIORE: POLIAMMIDE 85% ELASTAN 15%

29 ETICHETTA DI MANUTENZIONE FORNIRE AL CONSUMATORE SEMPLICI, MA CORRETTE INFORMAZIONI RELATIVAMENTE AI CICLI DI MANUTENZIONE APPLICABILI AL MANUFATTO ACQUISTATO. E FACOLTATIVA IN EUROPA. PREVEDE L UTILIZZO DI SIMBOLI GRAFICI, INTERNAZIONALMENTE UNIFICATI, PROTETTI GIURIDICAMENTE DA GINETEX E DESCRITTI NELLA NORMA UNI EN ISO 3758:2005. non lavare in acqua Lavare alla temperatura massima di 40 C VASCHETTA: SIMBOLO PER IL TRATTAMENTO DI LAVAGGIO AD UMIDO

30 TRIANGOLO: SIMBOLO PER IL TRATTAMENTO DI CANDEGGIO CON CLORO non candeggiare Candeggiare con qualsiasi prodotto ossidante: sodio ipoclorito e perossido di idrogeno FERRO DA STIRO: SIMBOLO PER IL TRATTAMENTO DI STIRATURA CERCHIO: SIMBOLO PER IL TRATTAMENTO DI LAVAGGIO A SECCO non lavare a secco Lavare a secco ciclo normale (con percloro etilene e..)

31 non asciugare in tumbler asciugare in tumbler a temperatura ridotta asciugare in tumbler a temperatura normale QUADRATO: SIMBOLO PER IL TRATTAMENTO DI ASCIUGATURA COMPOSIZIONE MANUTENZIONE

32 MARCHI ECOLOGICI VOLONTARI ECOLABEL Marchio europeo di qualità ecologica che premia i prodotti e i servizi migliori dal punto di vista ambientale. L'etichetta attesta che il prodotto o il servizio ha un ridotto impatto ambientale nel suo intero ciclo di vita. OEKO - TEX Prodotti garantiti dal punto di vista umano-ecologico e sicuri per la salute di chi li indossa. E applicabile ai prodotti tessili e in pelle in tutti gli stadi produttivi, compresi accessori (tessili e non tessili). Non è applicabile a prodotti chimici, ausiliari e coloranti

33 PER IL CONSUMATORE LA QUALITA ECOLOGICA DEI PRODOTTI RAPPRESENTA SEMPRE PIU UN CRITERIO DI SCELTA DECISIVO. LA CRESCITA DELLA CONSAPEVOLEZZA ECOLOGICA E LA CONTINUA TENDENZA AL BENESSERE HANNO FATTO IN MODO CHE GLI ASPETTI RELATIVI ALLA SALUTE RICOPRANO UN RUOLO SEMPRE PIU IMPORTANTE AL MOMENTO DELL ACQUISTO. VALORE AGGIUNTO

34 METODI ANALISI QUALITATIVA E QUANTITATIVA DI MISTE DI FIBRE TESSILI I DECRETI LEGISLATIVI IN VIGORE FORNISCONO IN ALLEGATO UNA SERIE DI METODI ANALITICI PER L ANALISI DI MISTE DI FIBRE TESSILI. TALI METODI SI BASANO SULLA SEPARAZIONE PER VIA CHIMICA DELLE FIBRE SOLUBILI USANDO APPOSITI REATTIVI CHIMICI SPECIFICI PER OGNI TIPO DI FIBRA. I METODI FORNISCONO INDICAZIONI SULLE METODOLOGIE DI PRELIEVO E PREPARAZIONE DEI CAMPIONI E SULLE RICETTE CHIMICHE DI SEPARAZIONE.

35 IDENTIFICAZIONE PRELIMINARE DELLE FIBRE I METODI PREVISTI DAI DECRETI LEGISLATIVI NON FORNISCONO INDICAZIONI PER LA IDENTIFICAZIONE PRELIMINARE DELLE FIBRE COMPONENTI LA MISTA O PER LA LORO CONFERMA: TALI AZIONI ANALITICHE DEVONO ESSERE COMPIUTE IMPIEGANDO METODI ALTERNATIVI DI TIPO MICROSCOPICO O STRUMENTALE. ANALISI MEDIANTE MICROSCOPIA OTTICA IN LUCE TRASMESSA ANALISI MEDIANTE MICROSCOPIA ELETTRONICA A SCANSIONE SPETTROFOTOMETRIA INFRAROSSA FTIR ANALISI TERMICA (DSC) NORMATIVA COGENTE DISPONIBILE IWTO PER L ANALISI SEM ISO TC 38/SC 23 (2006) PER L ANALISI SEM + OTTICO

36 METODI MICROSCOPICI MICROSCOPIA OTTICA IN LUCE TRASMESSA = LM MICROSCOPIA ELETTRONICA A SCANSIONE = SEM L IDENTIFICAZIONE AL MICROSCOPIO OTTICO IN LUCE TRASMESSA SI BASA SULLA MORFOLOGIA INTERNA ED ESTERNA DELLE FIBRE. L IDENTIFICAZIONE AL MICROSCOPIO ELETTRONICO SI BASA SULLA MORFOLOGIA SUPERFICIALE DELLE FIBRE.

37 MICROSCOPIA OTTICA IN LUCE TRASMESSA VANTAGGI CARATTERI DISTINTIVI DELLA MORFOLOGIA SUPERFICIALE; CARATTERI DISTINTIVI DELLA MORFOLOGIA INTERNA (pigmento, midollo); REAZIONI CHIMICHE O VARIAZIONI DI COLORE CON REATTIVI DI CONTRASTO; SEMPLICITA DI PREPARAZIONE DEI CAMPIONI. LIMITI SCARSA RISOLUZIONE E PROFONDITA DI CAMPO; LIMITATI INGRANDIMENTI (max 500 x); INTERFERENZA DA PARTE DI TINTURE SCURE O SOSTANZE SUPERFICIALI; NORMALMENTE NON RISOLUTIVA PER LE FIBRE SINTETICHE.

38 MICROSCOPIA ELETTRONICA A SCANSIONE VANTAGGI RISOLUZIONE ELEVATI INGRANDIMENTI PROFONDITA DI CAMPO LIMITI COMPLESSITA DELLA TECNICA, COSTO DELLO STRUMENTO LE APPLICAZIONI DEL SEM ALLE FIBRE E AI MATERIALI TESSILI SONO DIRETTE ALLO STUDIO DELLA MORFOLOGIA SUPERFICIALE: LA TECNICA NON E UTILIZZABILE PER LO STUDIO DELLE CARATTERISTICHE INTERNE DELLE FIBRE.

39 LM SEM LANA KASHMIR

40 LM SEM ANGORA SETA

41 LM SEM COTONE LINO

42 LM SEM VISCOSA LM POLIESTERE ACRILICO POLIAMMIDE

43 SPETTROFOTOMETRIA INFRAROSSA FTIR IDENTIFICAZIONE DI MATERIALI POLIMERICI FIBROSI DI ORIGINE SCONOSCIUTA DIFFERENZIAZIONE DI COPOLIMERI DIVERSI DERIVANTI DALLO STESSO MONOMERO DI BASE ANALISI DI SOSTANZE CHIMICHE AGGIUNTE AI POLIMERI NELLA MASSA O IN SUPERFICIE ANALISI DEI TRATTAMENTI CHIMICI SUPERFICIALI O IN MASSA DI FIBRE NATURALI

44 ESEMPI POLIESTERE E NYLON POLIESTERE NYLON

45 CN ACRILICO

46 ANALISI TERMICA L ANALISI TERMICA COMPRENDE UN GRUPPO DI TECNICHE MEDIANTE LE QUALI UNA PROPRIETA FISICA O CHIMICA DI UNA SOSTANZA VIENE MISURATA IN FUNZIONE DELLA TEMPERATURA O DEL TEMPO QUANDO LA SOSTANZA VIENE SOTTOPOSTA AD UN EFFETTO TERMICO CONTROLLATO IN UNA SPECIFICA ATMOSFERA, IN CONDIZIONI DI TEMPERATURA COSTANTE (CICLO ISOTERMICO) O VARIABILE IN MODO LINEARE (CICLO DINAMICO). LE PRINCIPALI TECNICHE SONO: CALORIMETRIA DIFFERENZIALE A SCANSIONE (DSC) CALORIMETRIA GRAVIMETRICA (TG) ANALISI TERMICO-MECCANICA (TMA)

47 CALORIMETRIA DIFFERENZIALE A SCANSIONE DSC Le applicazioni della DSC alle fibre tessili riguardano tre principali campi: analisi delle transizioni fisiche : fusione, cristallizzazione analisi delle reazioni chimiche : decomposizioni, ossidazioni studi di cinetica In particolare le modificazioni termiche correlate alle temperature di fusione e di transizione vetrosa sono caratteristiche e riproducibili per i polimeri termoplastici, pertanto i termogrammi DSC sono utili per la loro identificazione.

48 ESEMPI POLIESTERE (PET) C POLIESTERE (PET) : T di picco da 250 a 265 C

49 Nylon 6 Nylon 6-6 NYLON 6: T di picco C NYLON 6-6: T di picco C

50 ANALISI QUANTITATIVA

51 ANALISI QUALITATIVA E QUANTITATIVA DI MISTE DI FIBRE ANIMALI I METODI ANALITICI FORNITI DALLE NORMATIVE DI ETICHETTATURA NON POSSONO ESSERE APPLICATI PER LA RISOLUZIONE DI MISTE DI FIBRE CHIMICAMENTE OMOLOGHE, AD ESEMPIO PELI ANIMALI O FIBRE CELLULOSICHE. UN CASO MOLTO IMPORTANTE DI TALE PROBLEMATICA RIGUARDA L ANALISI DI MISTE DI LANA E PELI ANIMALI NOBILI O DI PELI ANIMALI NOBILI DIVERSI. SI TRATTA DI UNA ANALISI DI ESTREMA IMPORTANZA CHE RIGUARDA: IL VALORE COMMERCIALE DELLA MATERIA PRIMA IL VALORE COMMERCIALE DEL PRODOTTO FINITO LA TUTELA DEI CONSUMATORI DA FRODI DI ETICHETTA

52 ANALISI MEDIANTE MICROSCOPIA OTTICA IN LUCE TRASMESSA ANALISI MEDIANTE MICROSCOPIA ELETTRONICA A SCANSIONE ANALISI DEL DNA METODI ANALISI MEDIANTE ANTICORPI MONOCLONALI LA TECNICA ANALITICA PREVEDE: IL RICONOSCIMENTO DEI DIVERSI PELI ANIMALI COMPONENTI LA MISTA SULLA BASE DELLE LORO CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE IL CONTEGGIO NUMERICO DEI PELI SUDDIVISI PER CATEGORIE DI RICONOSCIMENTO LA MISURA DEI RISPETTIVI DIAMETRI IL CALCOLO DELLE PERCENTUALI SULLA BASE DI FORMULE STATISTICHE (FORMULA DI WILDMAN)

53 CARATTERI DISTINTIVI morfologia superficiale (LM + SEM) forma delle scaglie spessore delle scaglie morfologia interna (LM) morfologia del bordo delle scaglie distribuzione delle scaglie lungo l asse della fibra distribuzione dei granuli di pigmento forma del midollo sezione (SEM + LM) forma del midollo distribuzione del pigmento regolarità del diametro della fibra forma e spessore delle scaglie

54 ESEMPIO LANA : pelo dal vello della pecora scaglie prominenti, irregolari, parzialmente sovrapposte diametro irregolare midollo presente solo nelle fibre più grosse, pigmentazione assente sezione da ovale a circolare SEM

55 KASHMIR : pelo dal sottovello di capra (capra hircus) scaglie poco prominenti, distanziate, avvolgenti l intera fibra diametro regolare, sezione circolare nelle fibre fini midollo presente solo nelle fibre più grosse pigmentazione: tutte le gradazioni da assente a intensa LM SEM

56 ALTRI METODI UNA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DIPENDE IN LARGA MISURA DALL ESPERIENZA DELL OPERATORE. IMPORTANZA DI AVERE METODI OGGETTIVI ANTICORPI MONOCLONALI ANALISI TERMICA (DSC) DNA

57 TECNICA IMMUNOLOGICA SI BASA SULLA CAPACITA DEGLI ANTICORPI DI LEGARSI A SPECIFICHE SEQUENZE DI AMMINOACIDI. Gli anticorpi monoclonali sono proteine prodotte in risposta ad un antigene specifico (cheratina del kashmir). La loro reattività è altamente specifica nei confronti di una corta sequenza di amminoacidi dell antigene. E UNA TECNICA IN FASE DI SPERIMENTAZIONE NON CI SONO NORME DI RIFERIMENTO.

58 DNA IL RICONOSCIMENTO DELLE FIBRE VIENE EFFETTUATO MEDIANTE VALUTAZIONE DELLE CARATTERISTICHE GENETICHE, IN PARTICOLARE IL DNA. TECNICA QUASI ESCLUSIVAMENTE QUALITATIVA, GENERALMENTE NON APPLICABILE ALLE FIBRE TINTE CON COLORANTI AL CROMO E PREMETALLIZZATI E ALLE FIBRE CON TRATTAMENTI SUPERFICIALI. E UNA TECNICA CHE SI E DIMOSTRATA INTERESSANTE PER EVIDENZIARE LA PRESENZA DI YAK, TALVOLTA UTILIZZATO PER ADULTERARE LE FIBRE DI KASHMIR. NON CI SONO NORME DI RIFERIMENTO.

59 RIFERIMENTI CNR-ISMAC, BIELLA Responsabile: Ing. Giorgio Mazzuchetti Referenti per analisi e certificazione: Manuela Basso Dottor Riccardo Innocenti Dott.ssa Cinzia Tonetti

Etichettatura di composizione dei prodotti tessili

Etichettatura di composizione dei prodotti tessili Etichettatura di composizione dei prodotti tessili Giovanna Baglio Responsabile Laboratorio Tessile di Como Via Castelnuovo 3 22100 Como Tel. 031 3312120 Fax. 031 3312180 www.textilecomo.com mailbox@textilecomo.com

Dettagli

Fonti normative: L. 26 novembre 1973, n. 883; D.P.R. 30 aprile 1976, n. 515 (regol. attuativo); Direttiva CEE 96/74; D.Lgs. 22 maggio 1999, n. 194.

Fonti normative: L. 26 novembre 1973, n. 883; D.P.R. 30 aprile 1976, n. 515 (regol. attuativo); Direttiva CEE 96/74; D.Lgs. 22 maggio 1999, n. 194. PRODOTTI TESSILI Fonti normative: L. 26 novembre 1973, n. 883; D.P.R. 30 aprile 1976, n. 515 (regol. attuativo); Direttiva CEE 96/74; D.Lgs. 22 maggio 1999, n. 194. Campo di applicazione: S intendono prodotti

Dettagli

OCCHIO ALLE ETICHETTE

OCCHIO ALLE ETICHETTE PROCESSO DI lavaggio ad umido professionale Lavaggio a umido ciclo molto delicato Lavaggio a umido ciclo delicato Lavaggio a umido ciclo normale OCCHIO ALLE ETICHETTE LINEE GUIDA PER CONOSCERE IL SIGNIICATO

Dettagli

Le etichettature dei prodotti tessili tra normativa obbligatoria, volontaria e aspetti tecnici correlati

Le etichettature dei prodotti tessili tra normativa obbligatoria, volontaria e aspetti tecnici correlati Le etichettature dei prodotti tessili tra normativa obbligatoria, volontaria e aspetti tecnici correlati Gabriella Alberti Fusi Verona, 4 aprile 2011 Dubbi da chiarire e certezze da confermare Marchio

Dettagli

Denominazioni delle fibre tessili ed Etichettatura dei prodotti tessili

Denominazioni delle fibre tessili ed Etichettatura dei prodotti tessili REGOLAMENTO (UE) N. 1007/2011 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 27 settembre 2011 Denominazioni delle fibre tessili ed Etichettatura dei prodotti tessili Prodotti tessili e parti tessili Ai fini

Dettagli

VIGILANZA SUI PRODOTTI TESSILI

VIGILANZA SUI PRODOTTI TESSILI VIGILANZA SUI PRODOTTI TESSILI A cura di In tutta l Unione Europea i prodotti tessili devono essere etichettati o contrassegnati prima di essere posti in vendita. libera circolazione delle merci In una

Dettagli

M inistero della D ifesa

M inistero della D ifesa S.T 1362/UI - CALZE COLLANT MODELLO 2000 Pagina 1 di 5 M inistero della D ifesa D irezione G enerale del Com m issariato e dei Servizi G enerali I R eparto 2^ D ivisione 1^ Sezione Tecnica w w w.com m

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 31.3.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 286/2012 DELLA COMMISSIONE del 27 gennaio 2012 che modifica rispettivamente l

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. - Appendice Settore Abbigliamento

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. - Appendice Settore Abbigliamento Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. - Appendice Settore Abbigliamento Pagina 1 di 5 APPENDICE I SETTORE ABBIGLIAMENTO 1 - Obiettivo

Dettagli

L'ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE DEI PRODOTTI TESSILI. Maddalena Galenti aprile 2013

L'ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE DEI PRODOTTI TESSILI. Maddalena Galenti aprile 2013 L'ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE DEI PRODOTTI TESSILI 1 Normativa di riferimento Reg. (CE) 27 settembre 2011, n. 1007/2011 Decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206 (Codice del consumo) Legge 883 del

Dettagli

prot. 14/MOT1 Roma, 15 gennaio 2004

prot. 14/MOT1 Roma, 15 gennaio 2004 Dipartimento dei Trasporti Terrestri e per i Sistemi Informativi e Statistici prot. 14/MOT1 Roma, 15 gennaio 2004 Oggetto : Circolare - decreto ministeriale 30 dicembre 2003, relativo alle caratteristiche

Dettagli

SCELTA DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE CLASSE III CAT a.s. 2014-2015 L1 1 CONCETTO DI QUALITA Un edificio è di qualità se risponde agli scopi per i quali è stato costruito. Passato: Presente: Il riferimento

Dettagli

Etichettatura di manutenzione

Etichettatura di manutenzione Etichettatura di manutenzione d.ssa Enrica Baldini Tessile di Como Camera di Commercio Como Como, 30 ottobre 2007 L etichetta FACOLTÁ O OBBLIGO?.. Le nostre conclusioni: in Italia l etichettatura di manutenzione

Dettagli

Le etichettature di composizione e manutenzione dei prodotti tessili tra normativa obbligatoria, volontaria e aspetti tecnici correlati

Le etichettature di composizione e manutenzione dei prodotti tessili tra normativa obbligatoria, volontaria e aspetti tecnici correlati Le etichettature di composizione e manutenzione dei prodotti tessili tra normativa obbligatoria, volontaria e aspetti tecnici correlati Ing. Nicola Torreggiani Busto Arsizio, 22 dicembre 2010 Dubbi da

Dettagli

NUOVA SIMBOLOGIA NORMATIVA UNI EN ISO

NUOVA SIMBOLOGIA NORMATIVA UNI EN ISO LABORATORIO ANALISI E RICERCA TESSILE 41012 Carpi (MO) Via Vasco Da Gama, 2 - Telefono 059/645279 Fax 059/621856 e-mail: lart@lartessile.it web:http://www.lartessile.it NUOVA SIMBOLOGIA NORMATIVA UNI EN

Dettagli

SCHEDE TECNICHE SCHEDA TECNICA DIVISA INVERNALE MASCHI. E FEMMINILE

SCHEDE TECNICHE SCHEDA TECNICA DIVISA INVERNALE MASCHI. E FEMMINILE SCHEDE TECNICHE SCHEDA TECNICA DIVISA INVERNALE MASCHI. E FEMMINILE Composizione fibrosa 100% Lana Vergine IWS Legge 669 del 4/01/86 Denominazione del tessuto Cordellino Finezza della lana (ordito e 20

Dettagli

CATALOGO DIVISE LINEA DI ABBIGLIAMENTO DEL GESTORE

CATALOGO DIVISE LINEA DI ABBIGLIAMENTO DEL GESTORE CATALOGO DIVISE LINEA DI ABBIGLIAMENTO DEL GESTORE 245/12 T-SHIRT N-1080A PRIMAVERA-ESTATE PRIMAVERA-ESTATE PARTICOLARI girocollo TESSUTO 96% cotone 4% fibra di carbonio LAVAGGIO in lavatrice 40 gradi,

Dettagli

Etichetta di manutenzione: una tutela per tutti

Etichetta di manutenzione: una tutela per tutti RODOTTI per informazioni: Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Varese iazza Monte Grappa, 5-21100 Varese tel. 0332 295111 - fax 0332 282158 sito internet: www.va.camcom.it e-mail:

Dettagli

IL TESSUTO ALTEZZA DEL TESSUTO ALTEZZA TESSUTO: SEMPLICE CM 140/150 DOPPIA CM 200 L U N G H E Z Z A R D I C I M T O D E L TRAMA

IL TESSUTO ALTEZZA DEL TESSUTO ALTEZZA TESSUTO: SEMPLICE CM 140/150 DOPPIA CM 200 L U N G H E Z Z A R D I C I M T O D E L TRAMA IL TSSUT Per effettuare un posizionamento, cioè la disposizione del cartamodello sulla stoffa è importante conoscere le sue caratteristiche e quelle del tessuto da utilizzare. I tessuti, derivati dalle

Dettagli

Ministero della Difesa

Ministero della Difesa ST 1172 UI VEST CINTURA IN FIBRA POLIAMMIDICA MODELLO 2002 Pagina 1 di 5 Ministero della Difesa Direzione Generale di Commissariato e di Servizi Generali I Reparto 2^ Divisione 1^ Sezione Tecnica Specifiche

Dettagli

L etichettatura di composizione alla luce del nuovo Regolamento n. 1007/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio

L etichettatura di composizione alla luce del nuovo Regolamento n. 1007/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio L etichettatura di composizione alla luce del nuovo Regolamento n. 1007/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio Gabriella Alberti Fusi Direttore Tecnico - Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento SpA

Dettagli

SCHEDA TECNICA N. 18

SCHEDA TECNICA N. 18 SCHEDA TECNICA N. 18 Caratteristiche tecniche giubbino impermeabile con interno trapuntato staccabile colore blu. Introduzione Il giubbino, con guscio esterno impermeabile e corpetto interno staccabile

Dettagli

Ing Cianci LART s.r.l. www.lartessile.it

Ing Cianci LART s.r.l. www.lartessile.it ETICHETTATURA DI COMPOSIZIONE Regolamento UE N 1007/2011 del 27 settembre 2011 pubblicato sulla gazzetta ufficiale della UE il 18/10/2011 Ing Cianci LART s.r.l. LART s.r.l. Pierpaolo Cianci 50 www.lartessile.it

Dettagli

L etichetta e le indicazioni obbligatorie: Composizione fibrosa e Manutenzione

L etichetta e le indicazioni obbligatorie: Composizione fibrosa e Manutenzione L etichetta e le indicazioni obbligatorie: Composizione fibrosa e Manutenzione Come orientarsi tra gli spetti obbligatori, volontari e tecnici Carla Sperotto Responsabile del Centro Ricerche e Prove Tessili

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO SEZIONE DIVISE NON SONO AMMESSE OFFERTE SUPERIORI ALL IMPORTO PREVISTO A BASE D ASTA

CAPITOLATO TECNICO SEZIONE DIVISE NON SONO AMMESSE OFFERTE SUPERIORI ALL IMPORTO PREVISTO A BASE D ASTA Allegato A al Capitolato d oneri GARA PER LA FORNITURA DI BIANCHERIA PIANA E DIVISE PER IL PERSONALE PER L AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA. Nr. Gara: 2243409 CAPITOLATO TECNICO SEZIONE DIVISE NON SONO AMMESSE

Dettagli

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI ALLEGATO 10 ELENCO DELLE LAVORAZIONI O TRASFORMAZIONI ALLE QUALI DEVONO ESSERE SOTTO- POSTI I MATERIALI NON ORIGINARI AFFINCHÉ IL PRODOTTO FINITO POSSA AVERE IL CARATTERE DI PRODOTTO ORIGINARIO Materie

Dettagli

Assistenza clienti 059-645279 338-6071671

Assistenza clienti 059-645279 338-6071671 1 LABORATORIO ANALISI E RICERCA TESSILE 41012 Carpi (MO) Via Vasco Da Gama, 2 Tel. 059/645279 Fax 059/621856 e-mail: lart@lartessile.it web:http://www.lartessile.it Assistenza clienti 059-645279 338-6071671

Dettagli

L ETICHETTURA DI MANUTENZIONE DEI PRODOTTI TESSILI E ABBIGLIAMENTO

L ETICHETTURA DI MANUTENZIONE DEI PRODOTTI TESSILI E ABBIGLIAMENTO L ETICHETTURA DI MANUTENZIONE DEI PRODOTTI TESSILI E ABBIGLIAMENTO Gabriella Alberti Fusi Direzione Tecnica e Ricerca Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A. Carpi, 27 febbraio 2007 Il passato

Dettagli

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto Contenuto o legame chimico C C - legame covalente, energia di legame - struttura tetragonale dei quattro legami del carbonio reazioni di polimerizzazione - poliaddizione, esempi - policondensazione, esempi

Dettagli

Impiegata/o del commercio al dettaglio Assistente del commercio al dettaglio

Impiegata/o del commercio al dettaglio Assistente del commercio al dettaglio Settore Tessili: Obiettivi rendimento Conoscenze speciali del settore CI 1: 2 semestre Materiali tessili Gli apprendisti spiegano le differenze tra materie prime vegetali e animali nonché fibre K2 chimiche

Dettagli

UNIVERSITY. Le caratteristiche peculiari del tessuto in polipropilene al 100%

UNIVERSITY. Le caratteristiche peculiari del tessuto in polipropilene al 100% Le caratteristiche peculiari del tessuto in polipropilene al 1% Sette buone ragioni per credere in questo tessuto: 1. è Certificato contro gli agenti chimici liquidi secondo la norma UNI EN 1334:29 2.

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 28.12.2000 IT L 332/41 REGOLAMENTO (CE) N. 2855/2000 DELLA COMMISSIONE del 27 dicembre 2000 relativo alla classificazione di talune merci nella nomenclatura combinata LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

Dettagli

la certificazione per l etica vegana

la certificazione per l etica vegana la certificazione per l etica vegana certificazione a cura di la certificazione per l etica vegana certificazione a cura di è una Certificazione Guida il consumatore in un acquisto consapevole Sostiene

Dettagli

ST 1323/UI - MAGLIE A MANICHE LUNGHE E MUTANDE LUNGHE IN TESSUTO A DOPPIA PARETE MODELLO 2005 Pagina 1 di 13

ST 1323/UI - MAGLIE A MANICHE LUNGHE E MUTANDE LUNGHE IN TESSUTO A DOPPIA PARETE MODELLO 2005 Pagina 1 di 13 MODELLO 2005 Pagina 1 di 13 Ministero della Difesa Direzione Generale del Commissariato e dei Servizi Generali I Reparto 2^ Divisione 1^ Sezione Tecnica www.commiservizi.difesa.it e-mail: commiser.ad1sez2div@marina.difesa.it

Dettagli

L etichettatura di composizione dei prodotti tessili

L etichettatura di composizione dei prodotti tessili L etichettatura di composizione dei prodotti tessili 2 Premessa 3 Che cosa deve essere etichettato 4 Che cosa non deve essere etichettato 7 Chi è tenuto ad osservare la normativa sui prodotti tessili?

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI I Reparto - 3a Divisione

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI I Reparto - 3a Divisione MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI I Reparto - 3a Divisione SPECIFICHE TECNICHE Per la provvista di: Denominazione del materiale COPERTE DI LANA PER L ESERCITO,

Dettagli

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase Separazione di fase Fasi della materia: solido, liquido, gas SOLIDO Scioglimento solidificazione LIQUIDO evaporazione condensazione

Dettagli

Le categorie di ricerca sono quattro:

Le categorie di ricerca sono quattro: La mappatura ha come finalità quella di evidenziare i siti nei quali è riscontrata la presenza di amianto, ovvero l utilizzo di materiali che lo contengono, includendo nell analisi i siti nei quali la

Dettagli

Descrittiva dei capi.

Descrittiva dei capi. Descrittiva dei capi. 1) AUTISTI a) PANTALONI INVERNALI: tessuto in pura lana vergine, colore grigio, peso gr. 450 mq. c.a. eseguito con due tasche laterali ed una posteriore a filetto, cintura rinforzata

Dettagli

Manuale di Tecnologia della Confezione

Manuale di Tecnologia della Confezione Cap. VIII DOCUMENTAZIONE UTILIZZATA NELLA CONFEZIONE Nel lavoro è sempre utile avere dei modelli di fogli di lavorazione o di schede per l inserimento di tutti i dati necessari ad un attività. In questo

Dettagli

ALLEGATO 1 - PROCEDURA APERTA 02/2011/CFVA LOTTO A - CIG 3545235478 FORNITURA MAGLIETTE POLO CONDIZIONI SPECIALI D ONERI E CRITERI DI VALUTAZIONE

ALLEGATO 1 - PROCEDURA APERTA 02/2011/CFVA LOTTO A - CIG 3545235478 FORNITURA MAGLIETTE POLO CONDIZIONI SPECIALI D ONERI E CRITERI DI VALUTAZIONE ALLEGATO 1 - PROCEDURA APERTA 02/2011/CFVA LOTTO A - CIG 3545235478 FORNITURA MAGLIETTE POLO CONDIZIONI SPECIALI D ONERI E CRITERI DI VALUTAZIONE CAPO I - GENERALITA Oggetto del lotto A della presente

Dettagli

SILMALAB è un laboratorio di analisi per il settore materie plastiche che sfrutta l esperienza maturata dai nostri tecnici in 30 anni di lavoro e

SILMALAB è un laboratorio di analisi per il settore materie plastiche che sfrutta l esperienza maturata dai nostri tecnici in 30 anni di lavoro e SILMALAB è un laboratorio di analisi per il settore materie plastiche che sfrutta l esperienza maturata dai nostri tecnici in 30 anni di lavoro e fornisce interpretazioni applicative dei risultati ottenuti

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WD13U ATTIVITÀ 13.30.00 FINISSAGGIO DEI TESSILI, DEGLI ARTICOLI DI VESTIARIO E ATTIVITÀ SIMILARI Aprile 2013 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore VD13U

Dettagli

Sistemi per il fissaggio

Sistemi per il fissaggio Sistemi per il fissaggio Garantire un ancoraggio del carico in conformità delle normative Sistemi per il fissaggio I Vostri vantaggi: Qualita testata con etichettatura GS Cinghie in materiale robusto Etichette

Dettagli

INDUMENTI IGNIFUGHI ANTIACIDI E ANTISTATICI

INDUMENTI IGNIFUGHI ANTIACIDI E ANTISTATICI 3 1 0 2 A T I V NO INDUMENTI IGNIFUGHI ANTIACIDI E ANTISTATICI / 91 GIUBBETTO Cod. A10150 75% cotone 24% poliestere 1% fibra conduttiva, COD. A10160 Chiusura anteriore con cerniera centrale coperta da

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD13U ATTIVITÀ 17.30.0 FINISSAGGIO DEI TESSILI

STUDIO DI SETTORE UD13U ATTIVITÀ 17.30.0 FINISSAGGIO DEI TESSILI STUDIO DI SETTORE UD13U ATTIVITÀ 17.30.0 FINISSAGGIO DEI TESSILI Settembre 2007 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TD13U Finissaggio dei tessili, è stata condotta analizzando i modelli per la

Dettagli

PRODOTTI TESSILI. Guida sull etichettatura di composizione. (Regolamento UE n. 1007/2011)

PRODOTTI TESSILI. Guida sull etichettatura di composizione. (Regolamento UE n. 1007/2011) PRODOTTI TESSILI Guida sull etichettatura di composizione (Regolamento UE n. 1007/2011) Questa guida è stata realizzata in occasione dell entrata in vigore (8 maggio 2012) del nuovo Regolamento UE 1007/2011,

Dettagli

ELENCO PROVE LABORATORIO CHIMICO INDUSTRIALE Codice Descrizione prove Norme e Metodi SETTORE TESSILE PROVE SU FIBRE

ELENCO PROVE LABORATORIO CHIMICO INDUSTRIALE Codice Descrizione prove Norme e Metodi SETTORE TESSILE PROVE SU FIBRE ELENCO PROVE LABORATORIO CHIMICO INDUSTRIALE Codice Descrizione prove Norme e Metodi SETTORE TESSILE PROVE SU FIBRE 1001 Identificazione delle fibre tessili con il metodo microscopico (1 fibra). ASTM D

Dettagli

Le Fibre Artificiali Vetrose. La determinazione della concentrazione ambientale delle FAV: metodiche analitiche ed interpretazione dei dati

Le Fibre Artificiali Vetrose. La determinazione della concentrazione ambientale delle FAV: metodiche analitiche ed interpretazione dei dati Le Fibre Artificiali Vetrose La determinazione della concentrazione ambientale delle FAV: metodiche analitiche ed interpretazione dei dati ORIETTA SALA ARPA Emilia Romagna Milano, 3 dicembre 2015 PREMESSA

Dettagli

Lavaggio con acqua, asciugatura, finissaggio WetCare il valore aggiunto ideato da Miele

Lavaggio con acqua, asciugatura, finissaggio WetCare il valore aggiunto ideato da Miele Lavaggio con acqua, asciugatura, finissaggio WetCare il valore aggiunto ideato da Miele Sistema WetCare Il trattamento professionale dei tessuti del futuro Il lavaggio con acqua di capi d abbigliamento

Dettagli

E - GIUBBINO EUROPA RISCHI MINIMI

E - GIUBBINO EUROPA RISCHI MINIMI 8045 E GIUBBINO EUROPA Questa linea di abbigliamento da lavoro è caratterizzata da un prodotto dal taglio classico e dai colori standard più diffusi: blu e verde. Il tessuto in 100% cotone sanforizzato

Dettagli

ELENCO E CARATTERISTICHE TECNICHE DEI PRODOTTI OGGETTO DELLA FORNITURA

ELENCO E CARATTERISTICHE TECNICHE DEI PRODOTTI OGGETTO DELLA FORNITURA Allegato A ELENCO E CARATTERISTICHE TECNICHE DEI PRODOTTI OGGETTO DELLA FORNITURA Per ciascuna tipologia di prodotti richiesta dovranno essere presentate le schede tecniche, dalle quali si possa evincere

Dettagli

ALLEGATO A. Regolamento Vestiario. Via Sergio Pansini, 5-80131 Napoli tel. 081. 7463575 Fax 081.7462696 pag. 1/5

ALLEGATO A. Regolamento Vestiario. Via Sergio Pansini, 5-80131 Napoli tel. 081. 7463575 Fax 081.7462696 pag. 1/5 ALLEGATO A Regolamento Vestiario Via Sergio Pansini, 5-80131 Napoli tel. 081. 7463575 Fax 081.7462696 pag. 1/5 1Personale sanitario medico: Donne Camice in tessuto di cotone piquet millerighe sanforizzato,

Dettagli

2.2.2 La fibra: composizione chimica e grado di cristallinità. Analisi spettrofotometrica IR

2.2.2 La fibra: composizione chimica e grado di cristallinità. Analisi spettrofotometrica IR 2.2.2 La fibra: composizione chimica e grado di cristallinità. Analisi spettrofotometrica IR La composizione chimica della fibra di ginestra da noi utilizzata è già stata appurata in una tesi precedente

Dettagli

2. L. 26 novembre 1973, n. 883 (1). Disciplina delle denominazioni e della etichettatura dei prodotti tessili (1/a).

2. L. 26 novembre 1973, n. 883 (1). Disciplina delle denominazioni e della etichettatura dei prodotti tessili (1/a). 2. L. 26 novembre 1973, n. 883 (1). Disciplina delle denominazioni e della etichettatura dei prodotti tessili (1/a). 1. [I prodotti tessili di produzione nazionale ed importati non possono essere a qualsiasi

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER SEDUTE PER UFFICIO

CAPITOLATO TECNICO PER SEDUTE PER UFFICIO ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO PER SEDUTE PER UFFICIO Il presente capitolato è composto dalla descrizione dei requisiti di base delle sedute e dalla tabella riepilogativa dei livelli minimi di prova in

Dettagli

9 Giornata di studio sullo stato di attuazione del Piano Regionale Amianto

9 Giornata di studio sullo stato di attuazione del Piano Regionale Amianto 9 Giornata di studio sullo stato di attuazione del Piano Regionale Amianto Indagini analitiche e Loro prospettive Genova, 23 ottobre 2012 Sonja Prandi ARPAL 1 p12 Analisi dell amianto Microscopia Ottica

Dettagli

ST 1243/UI SOPRAFASCIA PER BERRETTO PER IL PERSONALE DELLA M.M. - MODELLO 2003 Pagina 1 di 6

ST 1243/UI SOPRAFASCIA PER BERRETTO PER IL PERSONALE DELLA M.M. - MODELLO 2003 Pagina 1 di 6 Pagina 1 di 6 Ministero della Difesa Direzione Generale del Commissariato e dei Servizi Generali I Reparto 2^ Divisione 1^ Sezione Tecnica www.commiservizi.difesa.it e-mail: commiservizi.add1sez2div@marina.difesa.it

Dettagli

Gli enzimi nel tessile: applicazioni per il miglioramento delle caratteristiche delle fibre e prospettive future

Gli enzimi nel tessile: applicazioni per il miglioramento delle caratteristiche delle fibre e prospettive future Gli enzimi nel tessile: applicazioni per il miglioramento delle caratteristiche delle fibre e prospettive future Anna Anghileri Stazione Sperimentale per la Seta Milano Matching innovazione tecnologica,

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI PLASTICI IN POLIPROPILENE CON CONTENUTO RICICLATO

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTI PLASTICI IN POLIPROPILENE CON CONTENUTO RICICLATO PROCEDURA OPERATIVA REGOLE PARTICOLARI PER PRODOTTI PLASTICI IN 0 15/03/2012 RQ LTM 1 di 7 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...3 2. TERMINOLOGIA...3 2.1 RICICLO DI MATERIALI PLASTICI...3 2.2 MATERIALE PLASTICO

Dettagli

Allegato B : Tipologia e caratteristiche dei dispositivi tessili. allegato al Capitolato Speciale d Appalto pag. 1/7

Allegato B : Tipologia e caratteristiche dei dispositivi tessili. allegato al Capitolato Speciale d Appalto pag. 1/7 pag. 1/7 GARA D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO INTEGRATO DI NOLEGGIO, LAVAGGIO E TRASPORTO BIANCHERIA PIANA E CONFEZIONATA DELLA AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA MARGHERITA GRAZIOLI POVO

Dettagli

Gold-Zack Ricambi e riparazione

Gold-Zack Ricambi e riparazione Gold-Zack Ricambi e riparazione 5. Ricambi e riparazione Gold-Zack Ricambi e riparazioni Articolo/Misure Colore Confezione N. Materiali Simboli Descrizione dell articolo Illus. Codice manut. Uso/Applicazione

Dettagli

DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA

DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA Art. 1 Denominazione Il marchio Marmo di Carrara con le sottodenominazioni alternativamente inscindibili Estratto nel Distretto di Carrara o Estratto e lavorato nel Distretto

Dettagli

éq studio srl Specifica tecnica di prodotto per la certificazione e la comunicazione dei prodotti vegani destinati ai consumatori consapevoli.

éq studio srl Specifica tecnica di prodotto per la certificazione e la comunicazione dei prodotti vegani destinati ai consumatori consapevoli. éq studio srl Specifica tecnica di prodotto per la certificazione e la comunicazione dei prodotti vegani destinati ai consumatori consapevoli. Specifica Tecnica di prodotto STP QV Qualità Vegana Edizione

Dettagli

LE METODICHE PER L INDIVIDUAZIONE DELL AMIANTO NEI MATERIALI MASSIVI E NELL AERODISPERSO

LE METODICHE PER L INDIVIDUAZIONE DELL AMIANTO NEI MATERIALI MASSIVI E NELL AERODISPERSO LE METODICHE PER L INDIVIDUAZIONE DELL AMIANTO NEI MATERIALI MASSIVI E NELL AERODISPERSO Federica Rossi Università degli Studi di Torino 13 Aprile 2013 Patologie asbesto correlate: attualità in tema di

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 Servizi alla persona Processo Realizzazione di servizi indifferenziati per uso personale e famigliare

Dettagli

Operatore dell abbigliamento. Standard della Figura nazionale

Operatore dell abbigliamento. Standard della Figura nazionale Operatore dell abbigliamento Standard della Figura nazionale Denominazione della figura OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di

Dettagli

DEFINIZIONI INDISPENSABILI

DEFINIZIONI INDISPENSABILI 1 DEFINIZIONI INDISPENSABILI Preimballaggio Per imballaggio preconfezionato, o preimballaggio, si intende l insieme del prodotto e dell imballaggio nel quale è confezionato. Possiamo affermare quindi che

Dettagli

PROGETTO GLOBALIZZAZIONE SOSTENIBILE MADE IN E TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI: IL CASO DEL TESSILE E ABBIGLIAMENTO. Gabriella Alberti Fusi Fabrizio Freti

PROGETTO GLOBALIZZAZIONE SOSTENIBILE MADE IN E TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI: IL CASO DEL TESSILE E ABBIGLIAMENTO. Gabriella Alberti Fusi Fabrizio Freti PROGETTO GLOBALIZZAZIONE SOSTENIBILE MADE IN E TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI: IL CASO DEL TESSILE E ABBIGLIAMENTO Gabriella Alberti Fusi Fabrizio Freti Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A. I QUESITI

Dettagli

Ministero della Difesa Direzione Generale del Commissariato e dei Servizi Generali I Reparto 2^ Divisione 1^ Sezione Tecnica

Ministero della Difesa Direzione Generale del Commissariato e dei Servizi Generali I Reparto 2^ Divisione 1^ Sezione Tecnica Pagina 1 di 5 Ministero della Difesa Direzione Generale del Commissariato e dei Servizi Generali I Reparto 2^ Divisione 1^ Sezione Tecnica SPECIFICHE TECNICHE SPAZZOLINO DA DENTI MODELLO 2001. REGISTRAZIONE

Dettagli

Consigli di lavaggio

Consigli di lavaggio Consigli per indumenti puliti e un ambiente migliore. Consigli sul lavaggio Selezionare i capi Tipo di tessuto: non lavare insieme tessuti delicati, ad esempio lana e seta, e tessuti robusti, ad esempio

Dettagli

Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto

Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto 1 Allegato 1 PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA TRIENNALE DI GUANTI NON CHIRURGICI IN VINILE ELASTICIZZATO, NON STERILI, SENZA POLVERE Allegato Tecnico al Capitolato Speciale d appalto 2 ARTICOLO 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

CAPIAMO IL "LINGUAGGIO" DELLA norma UNI EN ISO serie 9000

CAPIAMO IL LINGUAGGIO DELLA norma UNI EN ISO serie 9000 CAPIAMO IL "LINGUAGGIO" DELLA norma UNI EN ISO serie 9000 Cosa significa UNI EN ISO serie 9000? Significa che si tratta di norme internazionali, in quanto le norme italiane (UNI) non sono altro che la

Dettagli

Specifica Tecnica di prodotto STP QV Qualità Vegana Edizione 01 Revisione 03 Data 31 agosto 2015

Specifica Tecnica di prodotto STP QV Qualità Vegana Edizione 01 Revisione 03 Data 31 agosto 2015 Specifica Tecnica di prodotto STP QV Qualità Vegana Edizione Revisione 03 31 agosto 25 è un progetto di un marchio di Specifica Tecnica di prodotto STP QV Qualità Vegana Edizione Revisione 03 31 agosto

Dettagli

Punte taglienti / Aghi per cucire la pelle e il cuoio

Punte taglienti / Aghi per cucire la pelle e il cuoio Punta a palla»s«punta a perla»p«punta a perla»pcl«punta a perla»pcr«punta tagliente a destra»lr«punta larghissima tagliente a destra»lbr«punta tagliente a sinistra»ll«punta tagliente a sinistra»llcr«punta

Dettagli

L etichettatura di composizione dei prodotti tessili. Stazione Sperimentale per la Seta. Textile Research Centre Centro di Ricerca Tessile

L etichettatura di composizione dei prodotti tessili. Stazione Sperimentale per la Seta. Textile Research Centre Centro di Ricerca Tessile L etichettatura di composizione dei prodotti tessili Stazione Sperimentale per la Seta Textile Research Centre Centro di Ricerca Tessile 1 SOMMARIO Pag. 2...Premessa Che cosa deve essere etichettato Quali

Dettagli

Operatore dell abbigliamento. Standard formativo minimo regionale

Operatore dell abbigliamento. Standard formativo minimo regionale Operatore dell abbigliamento Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate 6. Artigiani,

Dettagli

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione l infiltrazione e l inclusione Poiché la consistenza della maggior parte di tessuti fissati (ad eccezione di quelli congelati che si infiltrano ma non si includono) è tale da non permettere di sezionare

Dettagli

Principali caratteristiche 3M Tutti i prodotti della linea vantano le seguenti caratteristiche

Principali caratteristiche 3M Tutti i prodotti della linea vantano le seguenti caratteristiche Indumenti di Protezione 3M ha sviluppato una linea esclusiva di indumenti di protezione di elevata qualità che offre traspirabilità, comfort e affi dabilità di protezione. Caratterizzata dalla massima

Dettagli

VOCABOLARIO: ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI. Scarpa da uomo. Scarpa da donna

VOCABOLARIO: ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI. Scarpa da uomo. Scarpa da donna SCHEDA 50 VOCABOLARIO: ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI Scarpa da uomo Questa è una scarpa elegante. È marrone e ha i lacci. Scarpa da donna Questa scarpa è rossa e ha il tacco alto. Scarpe da ginnastica Queste

Dettagli

COLLEZIONE AUTUNNO/INVERNO 2014

COLLEZIONE AUTUNNO/INVERNO 2014 GONNA MARRONE PREZZO: 105,00 Gonna simil portafoglio con punte sul lato destro e chiusura con bottone; la parte posteriore è dritta senza volumi aggiuntivi. GONNA POIS PREZZO: 115,00 Tessuto: seta, lana,

Dettagli

Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0. - Protocollo - INDICE. Il Consorzio PolieCo 2. Scopo del Protocollo 2.

Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0. - Protocollo - INDICE. Il Consorzio PolieCo 2. Scopo del Protocollo 2. Regolamento per la Gestione del Marchio RIFIUTI KM0 - Protocollo - INDICE Il Consorzio PolieCo 2 Scopo del Protocollo 2 Definizioni 3 1 Marchio base/marchio Base Mix (KM0 KM0 MIX) 3 2 Marchio Oro (KM0

Dettagli

FONDIMPRESA - P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA. Corsi per aziende del Settore Tessile

FONDIMPRESA - P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA. Corsi per aziende del Settore Tessile FONDIMPRESA - P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA Corsi per aziende del Settore Tessile Ente formativo erogatore: CENTRO TESSILE COTONIERO E ABBIGLIAMENTO S.p.A. INDICE DEI CORSI IL SETTORE

Dettagli

Cotton Soft. Stabilizzatore per ricamo, universale morbido e leggero, da strappare

Cotton Soft. Stabilizzatore per ricamo, universale morbido e leggero, da strappare Cotton Soft per ricamo, universale morbido e leggero, da strappare Supporto professionale, universale per macchina per cucito e ricamo. COTTON SOFT impedisce che il tessuto si deformi durante il ricamo.

Dettagli

Il CAMPIONAMENTO e l ANALISI. vecchi e nuovi riferimenti normativi

Il CAMPIONAMENTO e l ANALISI. vecchi e nuovi riferimenti normativi Il CAMPIONAMENTO e l ANALISI delle fibre di amianto: vecchi e nuovi riferimenti normativi ARPA sez. Provinciale REGGIO EMILIA FERRARA - 26 SETTEMBRE 2008 Valori limite previsti dalla legislazione italiana

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello. Aliquota Iva da applicare alle cessioni di preparazioni alimentari per cani e gatti.

Oggetto: Istanza di interpello. Aliquota Iva da applicare alle cessioni di preparazioni alimentari per cani e gatti. RISOLUZIONE N. 210/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 novembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello. Aliquota Iva da applicare alle cessioni di preparazioni alimentari per cani e gatti.

Dettagli

Sistema di Confezione in Linea

Sistema di Confezione in Linea Cap. VI REPARTO CONFEZIONE L assemblaggio dei vari pezzi di modello è l operazione che porta alla realizzazione del capo e che è argomento di riflessione per la scelta del tipo di organizzazione del lavoro

Dettagli

OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO SARTORIA. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO SARTORIA. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): Denominazione del PROFILO Referenziazioni della Figura nazionale di riferimento OPERATORE DELL ABBIGLIAMENTO SARTORIA 6. Artigiani, operai specializzati e agricoltori. 6.5.3.3 Sarti e tagliatori artigianali,

Dettagli

Piccola enciclopedia tessile

Piccola enciclopedia tessile Piccola enciclopedia tessile 1 C O N T E N U T I Fibre naturali Schema Lana Cotone Lino Seta Viscosa (artificiale) Fibre sintetiche Schema Poliestere Trevira Acrilico Modacrilico Poliammide o Nylon Poliuretano

Dettagli

GLOBALIZZAZIONE 3.0 COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS

GLOBALIZZAZIONE 3.0 COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS CAMPAGNA DI ANALISI => PERCHE Verifica della situazione del mercato rispetto ai

Dettagli

Guida per acquistare abiti in modo consapevole

Guida per acquistare abiti in modo consapevole Progetto finanziato da Ministero dello Sviluppo Economico ABBIGLIAMENTO www.salvafamiglie.it numero verde 800 92 64 22 operativo dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30 Guida

Dettagli

Partecipante. Nome. Cognome. Email

Partecipante. Nome. Cognome. Email Più informazioni per offrire una migliore consulenza Siete pregati di inviare il formulario compilato in ogni sua parte all indirizzo di posta o al numero di fax indicati. Categoria Tessuti per la casa

Dettagli

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Prove di comportamento al fuoco di strutture edilizia isolate con schiume poliuretaniche Protezione passiva dal rischio incendi Come è noto per la valutazione

Dettagli

Lista norme tecniche armonizzate nel campo della sterilizzazione pubblicate in supporto alla direttiva 93/42/CEE Dispositivi medici

Lista norme tecniche armonizzate nel campo della sterilizzazione pubblicate in supporto alla direttiva 93/42/CEE Dispositivi medici Lista norme tecniche armonizzate nel campo della sterilizzazione pubblicate in supporto alla direttiva 93/42/CEE Dispositivi medici Sterilizzatrici per uso medico - Sterilizzazione UNI EN 285 Sterilizzazione

Dettagli

S.T. 1201/E CALZE, TIPO DERBY, CON PIEDE A SPUGNA, IN MISTA LANA-FIBRA POLIAMMIDICA, DI COLORE KAKI, PER ALPINI MODELLO 2002 Pagina 1 di 11

S.T. 1201/E CALZE, TIPO DERBY, CON PIEDE A SPUGNA, IN MISTA LANA-FIBRA POLIAMMIDICA, DI COLORE KAKI, PER ALPINI MODELLO 2002 Pagina 1 di 11 Pagina 1 di 11 Ministero della Difesa Direzione Generale del Commissariato e dei Servizi Generali I Reparto 2^ Divisione 1^ Sezione Tecnica www.commiservizi.difesa.it e-mail: commiservizi.add1sez2div@marina.difesa.it

Dettagli

ALLA RICERCA DELL ECCELLENZA. Tessuti funzione ed emozione CONVENTION2010 LE NUOVE FRONTIERE DEL CONTRACT

ALLA RICERCA DELL ECCELLENZA. Tessuti funzione ed emozione CONVENTION2010 LE NUOVE FRONTIERE DEL CONTRACT ALLA RICERCA DELL ECCELLENZA Tessuti funzione ed emozione CONVENTION2010 LE NUOVE FRONTIERE DEL CONTRACT Venezia, 17-18 Settembre 2010 Il Rivestimento in tessuto è l abito della poltrona Dalla sua natura

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

Allegato I Elenco delle denominazioni delle fibre tessili

Allegato I Elenco delle denominazioni delle fibre tessili 1 Allegato I Elenco delle denominazioni delle fibre tessili (di cui all'articolo 5) Tabella 1 Numero Denominazione Descrizione delle fibre 1 lana fibra tratta dal vello della pecora (Ovis aries) o una

Dettagli

Identificazione dei materiali. Materie plastiche

Identificazione dei materiali. Materie plastiche Le materie plastiche si suddividono in due gruppi principali: fusibili (termoplastiche) e non fusibili (termoindurenti). I materiali termoplastici sono sagomati ad iniezione o per fusione e, a differenza

Dettagli