MONITORAGGIO DEI PRODOTTI TESSILI POSTI IN VENDITA NEI MERCATI EUROPEI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MONITORAGGIO DEI PRODOTTI TESSILI POSTI IN VENDITA NEI MERCATI EUROPEI"

Transcript

1 MONITORAGGIO DEI PRODOTTI TESSILI POSTI IN VENDITA NEI MERCATI EUROPEI RELAZIONE TECNICA FINALE LE MOTIVAZIONI DEL PROGETTO L intensificazione dei traffici commerciali e l apertura dei mercati hanno portato ad un incremento esponenziale dell offerta di prodotti presenti sul mercato, un fenomeno che tocca in maniera particolare il settore moda. Per il consumatore è quindi diventato molto difficile orientarsi e scegliere il prodotto da acquistare, soprattutto perché in molti casi non dispone delle informazioni necessarie a fare una scelta consapevole. L Unione Europea nel corso degli anni si è dotata di un complesso di norme per assicurare l immissione sul mercato di prodotti sicuri, realizzati nel rispetto della dignità dell uomo e dell ambiente e rispondenti ai più generali requisiti di innocuità e sicurezza. Norme analoghe non esistono però in altri paesi del mondo che esportano i propri prodotti in Europa. Per il consumatore è l etichetta l unico strumento disponibile per poter acquisire le informazioni necessarie a fare la propria scelta di acquisto. Purtroppo, però, questa etichetta non sempre è veritiera, nemmeno sull unico aspetto considerato cogente: ad oggi, infatti, a livello europeo è previsto l obbligo di dichiarare la composizione fibrosa del capo. La Proposta di regolamento sull obbligo di indicare l origine sui prodotti tessili di origine extra UE, se approvata, potrebbe fornire al consumatore una informazione aggiuntiva per effettuare la propria scelta. Conoscere la provenienza del capo, infatti, significa avere la ragionevole certezza che questo sia realizzato nel rispetto di alcuni standard minimi, che hanno poi un riflesso sul prezzo al quale il capo viene messo in vendita. Nasce da qui la necessità per ITF Italian Textile Fashion, l organismo del sistema camerale per la valorizzazione e la tutela dei prodotti della filiera moda, di effettuare una indagine sui capi di abbigliamento venduti in Europa. Sono state selezionate cinque grandi città (Barcellona, Amsterdam, Francoforte, Parigi e Stoccolma) dove sono stati acquistati un campione selezionato di prodotti e poi analizzati. Questo a seguito di due indagini dello stesso genere che sono state effettuate in Italia, a Varese e Como, dove sono state riscontrate le stesse aporie in etichetta. Il fatto che il made in sia una informazione importante per il consumatore è dimostrato anche dall alto 1

2 numero di capi non conformi riscontrati anche nella ricerca europea. La Proposta di regolamento sull obbligo di indicare l origine sui prodotti tessili di origine extra UE rappresenta un primo passo per mettere ordine all interno di un mercato come quello della moda nel quale regna una grande confusione, dando la possibilità al consumatore di valorizzare in maniera corretta quello che sta acquistando. PREMESSA ITF ha affidato al Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A. di Busto Arsizio (VA, Italia) le attività operative di definizione del campione, dei criteri di campionamento, delle prove da eseguire, dei requisiti quando non cogenti - rispetto ai quali valutare i risultati, [competenze e riconoscimenti in Allegato II]. Il progetto è stato condotto con modalità analoghe ad altri progetti che, attuati in Italia a partire dal 2002 ad oggi, si sono prefissi obiettivi analoghi. Tra questi citiamo: Progetto Globalizzazione Sostenibile finanziato dalla Camera di Commercio di Varese e attuato dal Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento. Progetto Globalizzazione Sostenibile finanziato dalla Camera di Commercio di Como e attuato dal Tessile di Como. Tali progetti sono descritti in sintesi di seguito; per ciascuno di essi vengono riportati i dati ufficialmente disponibili selezionati in modo da consentirne l aggregazione e il confronto. Il progetto di ITF, tenuto conto delle disponibilità di dati sufficientemente significativi relativamente al mercato italiano, ha condotto l indagine su prodotti tessili posti in vendita in cinque città Europee (Amsterdam, Barcellona, Francoforte, Parigi e Stoccolma) e inoltre, diversamente dai progetti svolti in Italia che hanno previsto anche controlli dei principali requisiti prestazionali dei prodotti, ha circoscritto i controlli alla verifica della rispondenza ai requisiti legislativi e ad alcuni parametri ecologici. La rispondenza ai requisiti legislativi è stata effettuata verificando: la corretta etichettatura di composizione dei capi che deve rispettare i requisiti della Direttiva Europea 96/74/CE relativa alla denominazione del settore tessile. la presenza di ammine aromatiche cancerogene vietate dalla Direttiva Europea 2002/61/CE. La rispondenza ai requisiti ecologici volontari ha compreso: la presenza di sostanze nocive per la salute dell uomo selezionate dai requisiti degli Schemi di Certificazione Ecologica di prodotto più riconosciuti a livello europeo e quindi: carrier clororganici, coloranti allergizzanti, formaldeide libera ed estraibile, metalli pesanti estraibili e ph. 2

3 Allo scopo di consentire una chiara comprensione dei dati proposti e una loro valutazione critica soprattutto per quanto riguarda le conclusioni che se ne possono trarre, si riporta una sintesi di due progetti svolti in Italia. Per tutti come detto, l obiettivo è stato quello di valutare oggettivamente i prodotti tessili presenti sul mercato, ma con qualche differenza nelle scelte soprattutto legata al periodo di attuazione e quindi ai risultati acquisiti. Per tutti i progetti la motivazione originaria era anche legata alla verifica di fattibilità di compiti di controllo di mercato attribuiti dall allora Ministero delle Attività Produttive alle Camere di Commercio, almeno per quanto concerne i requisiti di legge. LA RICERCA SVOLTA IN ITALIA IL PROGETTO GLOBALIZZAZIONE SOSTENIBILE (VARESE) Il progetto, il primo eseguito in ordine temporale, le cui finalità iniziali erano verificare se i prodotti presenti sul mercato fossero rispondenti ai requisiti di legge e se tale rispondenza fosse correlabile all origine, ha previsto controlli su prodotti tessili selezionati in funzione della destinazione d uso (abbigliamento esterno e intimo maschile e femminile, abbigliamento bimbo, calzetteria, tovagliato e lenzuola) e di qualsiasi composizione fibrosa, ad esclusione della seta. Il progetto (in Allegato III le tabelle di sintesi ufficialmente presentate) ha messo in evidenza, relativamente alla tipologia di prodotti tessili oggetto dell indagine, molte criticità. Il Consumatore non dispone di informazioni che gli consentano di effettuare una selezione dei prodotti acquistati sulla base dell Origine. Più del 40% dei campioni analizzati - su un totale di 688 campioni prelevati in parte dall Agenzia delle Dogane italiana (154 campioni) e in parte sul mercato, in provincia di Varese, presso GDO (298 campioni), negozi (116 campioni) e ambulanti (120 campioni) - non riporta infatti alcuna indicazione di Origine. E conseguente a tale situazione la scelta di affidare, nella seconda fase di attuazione del progetto, una parte del prelievo all Agenzia delle Dogane: i campioni prelevati dall Agenzia delle Dogane sono certamente classificabili come importati anche se il 58.5% di questi non ne porta alcun riferimento sull etichetta che il consumatore legge. I prodotti prelevati nei vari canali distributivi hanno mostrato nel loro complesso percentuali di non conformità significative anche per quanto riguarda i requisiti legislativi - composizione fibrosa e ammine aromatiche cancerogene - (cfr. Tabella 1e Tabella 2). Nel contesto generale pare tuttavia abbastanza significativo il fatto che i campioni prelevati dall Agenzia delle Dogane e presso la GDO abbiano valori percentuali di non conformità nettamente inferiori rispetto ai campioni prelevati presso ambulanti e negozi. Per quanto riguarda i campioni prelevati dall Agenzia delle Dogane (in Italia) è plausibile ritenere che il rischio di blocco all importazione a seguito di controlli sia un deterrente per produttori e 3

4 importatori. Per quanto riguarda i dati relativi alla GDO la spiegazione più coerente è da ritenersi il fatto che tali canali di vendita da tempo utilizzano capitolati d acquisto che hanno la forza commerciale di far rispettare ed eseguono sistematicamente, e a loro spese, controlli all accettazione sulla merce acquistata. RISULTATI DEI CONTROLLI SU TUTTI I CAMPIONI CARATTERISTICA NON CONFORME TUTTI I CAMPIONI (%) Composizione fibrosa (Direttiva Europea 96/74/CE) 22.7 Ammine aromatiche cancerogene (Direttiva Europea 2002/61/CE) 2.5 Caratteristiche ecologiche (altre) 8.1 Tabella 1 Campioni non conformi [% sul totale campioni: 688] [Globalizzazione Sostenibile (Varese): ] RISULTATI DEI CONTROLLI PER CANALE DISTRIBUTIVO DI PRELIEVO CARATTERISTICA NON CONFORME AGENZIA DELLE DOGANE (%) GDO (%) AMBULANTI (%) NEGOZI (%) Composizione fibrosa (Direttiva Europea 96/74/CE) Ammine aromatiche cancerogene (Direttiva Europea 2002/61/CE) Caratteristiche ecologiche (altre) Tabella 2 Campioni non conformi [% sul totale campioni: 688], per caratteristica e Canale Distributivo [Globalizzazione Sostenibile (Varese): ] 4

5 I prodotti importati (281 sul totale e comprendenti solo prodotti con Origine in paesi extra UE dichiarata o dicitura generica importati criterio in questo caso utilizzato anche nel caso dei campioni prelevati dall Agenzia delle Dogane) sono risultati ampiamente non conformi sia per quanto riguarda l indicazione della composizione fibrosa dichiarata in etichetta (Direttiva Europea 96/74/CE) (cfr. Tabella 3) sia per quanto riguarda la presenza di ammine aromatiche cancerogene (Direttiva Europea 2002/61/CE) e le caratteristiche ecologiche generali ph dell estratto acquoso, formaldeide libera ed estraibile, clorofenoli, tributilstagno (TBT) (cfr. Tabella 4 e 5). Si precisa che sia in Tabella 4 che in Tabella 5 le percentuali sono espresse rispettivamente sul totale delle non conformità ecologiche riscontrate sui prodotti importati e sul totale delle non conformità ecologiche riscontrate su tutti i prodotti analizzati. Tale modalità di espressione dei risultati si ritiene metta meglio in evidenza la situazione tenuto conto che su uno stesso campione si possono avere più non conformità relative alle caratteristiche ecologiche. E da evidenziare il fatto che i valori riportati in Tabella 5 mostrano chiaramente che le percentuali di non conformità ecologiche sono nettamente prevalenti nei campioni importati [percentuali sempre e nettamente superiori al 50%]. CAMPIONI IMPORTATI E COMPOSIZIONE FIBROSA: LA PERCENTUALE DI CAMPIONI NON CONFORMI CARATTERISTICA NON CONFORME AGENZIA DELLE DOGANE (%) GDO (%) AMBULANTI (%) NEGOZI (%) Composizione fibrosa (Direttiva Europea 96/74/CE) Tabella 3 Campioni importati non conformi [% sul totale campioni importati: 281], per caratteristica e Canale Distributivo [Globalizzazione Sostenibile (Varese): ] 5

6 CAMPIONI IMPORTATI E CARATTERISTICHE ECOLOGICHE: LA RIPARTIZIONE PERCENTUALE DELLE NON CONFORMITÀ CARATTERISTICA NON CONFORME AGENZIA DELLE DOGANE (%) GDO (%) AMBULANTI (%) NEGOZI (%) Ammine aromatiche cancerogene (Direttiva Europea 2002/61/CE) Caratteristiche ecologiche (altre) Tabella 4 Campioni importati [% non conformità specifiche rispetto alle non conformità ecologiche totali rilevate sui prodotti importati: 281 ], per caratteristica e Canale Distributivo [Globalizzazione Sostenibile (Varese): ] CARATTERISTICA NON CONFORME Caratteristiche ecologiche cogenti [Ammine aromatiche cancerogene (Direttiva Europea 2002/61/CE)] e volontarie (altre) CAMPIONI IMPORTATI E CARATTERISTICHE ECOLOGICHE: L INCIDENZA PERCENTUALE RISPETTO AL TOTALE DELLE NON CONFORMITÀ AGENZIA DELLE DOGANE (%) GDO (%) AMBULANTI (%) NEGOZI (%) Tabella 5 Campioni importati non conformi per caratteristiche ecologiche [% non conformità ecologiche dei prodotti importati (281) su non conformità ecologiche rilevate sul totale dei prodotti analizzati (688)], per caratteristica e Canale Distributivo [Globalizzazione Sostenibile (Varese): ] La valutazione critica dei risultati relativi ai campioni importati si ritiene non possa prescindere dalla seguente considerazione: il mancato rispetto del requisito di legge relativo alla corretta dichiarazione in etichetta della composizione fibrosa (Direttiva Europea 96/74/CE) crea certamente un danno commerciale; il mancato rispetto dei requisiti ecologici cogenti (ammine aromatiche cancerogene: Direttiva Europea 2002/61/CE) e volontari crea un danno alla salute. La situazione non è certamente tollerabile e richiede interventi legislativi, organizzativi e di comunicazione tra i quali si ritiene rivestano un ruolo fondamentale controlli e trasparenza nei confronti del Consumatore. Del resto l assenza di controlli istituzionali rende ambulanti e negozi vittime del mercato quasi al pari del Consumatore finale. 6

7 IL PROGETTO GLOBALIZZAZIONE SOSTENIBILE (COMO) Il progetto ha preso in considerazione Prodotti Serici per abbigliamento e accessori e, coerentemente a quanto attuato nel progetto Globalizzazione Sostenibile (Varese), ne ha valutato, tra l altro, la rispondenza ai requisiti legislativi: etichettatura di composizione (Direttiva Europea 96/74/CE) e presenza di ammine aromatiche cancerogene (Direttiva Europea 2002/61/CE). Il campionamento ha di nuovo dimostrato che il consumatore non dispone di informazioni che gli consentano di effettuare una selezione dei prodotti acquistati sulla base dell Origine. Più del 44% dei campioni analizzati, per un totale di 105 campioni prelevati sul mercato, in provincia di Como, presso GDO (36 campioni), negozi (15 campioni), ambulanti (37 campioni) e outlet (17 campioni), non riporta infatti alcuna indicazione di Origine. Le percentuali di prodotti non conformi sono significative; nelle successive tabelle (da Tabella 6 a Tabella 10 ) vengono presentati i risultati rielaborati in modo analogo a quanto fatto per il Progetto (Varese) [si precisa che i dati relativi al canale distributivo negozi comprendono anche i campioni prelevati presso outlet ]. Nella valutazione comparata dei dati dei due progetti va ovviamente tenuto conto della significativa differenza dei campioni analizzati sia in termini di natura fibrosa (prodotti serici a Como tutti i prodotti ad eccezione dei serici a Varese) sia, di conseguenza, in termini di destinazione d uso. Prendendo in considerazione i dati relativi a tutti campioni è probabilmente correlabile a tale situazione la percentuale di campioni in cui è stata rilevata la presenza di ammine aromatiche cancerogene che risulta nettamente più elevata nel Progetto Como (19% contro il 2,5% del Progetto Varese); tutte le classi tintoriali utilizzate per la tintura dei prodotti serici contengono, infatti, coloranti azoici (cfr. Allegato V). Anche i dati di dettaglio relativi al canale distributivo negozi (12% di campioni con presenza di ammine aromatiche contro il 4,3 % del Progetto Varese) è interpretabile in quest ottica. A livello generale, dunque, per il Progetto Como si possono trarre le stesse conclusioni del Progetto Varese: si riconferma la necessità di controlli e di azioni mirate a promuovere scelte d acquisto consapevoli a tutela del Consumatore. 7

8 RISULTATI DEI CONTROLLI SU TUTTI I CAMPIONI CARATTERISTICA NON CONFORME TUTTI I CAMPIONI (%) Composizione fibrosa (Direttiva Europea 96/74/CE) 30.5 Ammine aromatiche cancerogene (Direttiva Europea 2002/61/CE) 19.0 Caratteristiche ecologiche (altre) 11.4 Tabella 6 Campioni non conformi [% sul totale campioni: 105] [Globalizzazione Sostenibile (Como): 2004] RISULTATI DEI CONTROLLI PER CANALE DISTRIBUTIVO DI PRELIEVO CARATTERISTICA NON CONFORME GDO (%) AMBULANTI (%) NEGOZI (%) Composizione fibrosa (Direttiva Europea 96/74/CE) Ammine aromatiche cancerogene (Direttiva Europea 2002/61/CE) Caratteristiche ecologiche (altre) Tabella 7 Campioni non conformi [% sul totale campioni: 105], per caratteristica e Canale Distributivo [Globalizzazione Sostenibile (Como):2004] 8

9 CAMPIONI IMPORTATI E COMPOSIZIONE FIBROSA: LA PERCENTUALE DI CAMPIONI NON CONFORMI CARATTERISTICA NON CONFORME GDO (%) AMBULANTI (%) NEGOZI (%) Composizione fibrosa (Direttiva Europea 96/74/CE) Tabella 8 Campioni importati non conformi [% sul totale campioni importati : 24], per caratteristica e Canale Distributivo [Globalizzazione Sostenibile Como): 2004] CAMPIONI IMPORTATI E CARATTERISTICHE ECOLOGICHE: LA RIPARTIZIONE PERCENTUALE DELLE NON CONFORMITÀ CARATTERISTICA NON CONFORME GDO (%) AMBULANTI (%) NEGOZI (%) Ammine aromatiche cancerogene (Direttiva Europea 2002/61/CE) Caratteristiche ecologiche (altre) Tabella 9 Campioni importati non conformi [% non conformità specifiche rispetto alle non conformità ecologiche totali rilevate sui prodotti di origine importati per caratteristica e Canale Distributivo [Globalizzazione Sostenibile (Como): 2004] CAMPIONI IMPORTATI E CARATTERISTICHE ECOLOGICHE: L INCIDENZA PERCENTUALE RISPETTO AL TOTALE DELLE NON CONFORMITÀ CARATTERISTICA NON CONFORME Caratteristiche ecologiche cogenti [Ammine aromatiche cancerogene (Direttiva Europea 2002/61/CE)] e volontarie (altre) GDO (%) AMBULANTI (%) NEGOZI (%) Tabella 10 Campioni importati non conformi per caratteristiche ecologiche [% non conformità ecologiche dei prodotti importati su non conformità ecologiche rilevate sul totale dei prodotti analizzati ], per caratteristica e Canale Distributivo [Globalizzazione Sostenibile (Como): 2004] 9

10 L ATTUAZIONE DEL PROGETTO IN EUROPA DEFINIZIONE DEI REQUISITI La selezione dei criteri di valutazione è avvenuta tenendo conto degli scopi del progetto e quindi: rispondenza della composizione fibrosa dichiarata in etichetta alla composizione reale (Direttiva Europea 96/74/CE); presenza di ammine aromatiche cancerogene (Direttiva Europea 2002/61/CE); caratteristiche ecologiche dei campioni riferite all utilizzo (ottica del consumatore). La valutazione dell etichetta di manutenzione è stata esclusa in quanto attualmente è ancora controversa l obbligatorietà di tale etichetta sui prodotti europei. I requisiti rispetto ai quali verificare la conformità dei prodotti sono stati definiti sulla base di quanto previsto dalle disposizioni di legge e, in loro assenza, operando una valutazione critica degli standard ecologici disponibili e a maggiore diffusione. Tali requisiti sono equivalenti, per fonte (cfr. Tabella 12) e valore (cfr. Tabella 13), a quelli utilizzati nei progetti attuati in Italia e precedentemente descritti in sintesi. REQUISITI: LE FONTI CARATTERISTICA FONTE DI RIFERIMENTO REQUISITI LEGISLATIVI Composizione fibrosa Ammine aromatiche cancerogene Direttiva Europea 96/74/CE Direttiva Europea 2002/61/CE REQUISITI VOLONTARI Formaldeide libera ed estraibile Schema Oeko-Tex Standard 100 Coloranti allergizzanti Schema Oeko-Tex Standard 100 Carrier clororganici Schema Oeko-Tex Standard 100 Metalli pesanti estraibili Schema Oeko-Tex Standard 100 ph estratto acquoso Schema Oeko-Tex Standard 100 Tabella 12 Definizione dei requisiti Le fonti di riferimento [Monitoraggio prodotti tessili (Europa): 2006] 10

11 REQUISITI: I VALORI CARATTERISTICA REQUISITI REQUISITI LEGISLATIVI Composizione fibrosa Ammine aromatiche cancerogene Tolleranze percentuali in funzione della composizione 30 ppm REQUISITI VOLONTARI Formaldeide libera ed estraibile Coloranti allergizzanti Carrier clororganici Metalli pesanti estraibili ph estratto acquoso Prodotti a diretto contatto con la pelle: 75 ppm Prodotti non a diretto contatto con la pelle: 300 ppm Non rilevabili (tecnica HPLC-MS) 1 ppm da 0.02 a ppm a seconda del metallo Prodotti a diretto contatto con la pelle: Prodotti non a diretto contatto con la pelle: Tabella 13 Definizione dei requisiti I valori [Monitoraggio prodotti tessili (Europa): 2006] CAMPIONAMENTO Il campionamento è stato eseguito acquistando 125 campioni di prodotti tessili confezionati (i campioni sono composti da più capi a seconda delle esigenze di esecuzione delle prove), 25 per ciascuna città individuata (Amsterdam, Barcellona, Francoforte, Parigi e Stoccolma), in negozi al consumo. Il campionamento è stato effettuato da personale tecnico in possesso dunque di competenze per la selezione di campioni rappresentativi ai fini degli obiettivi di progetto. Tutti i campioni acquistati riportano l etichetta di composizione e appartengono alle categorie merceologiche definite nel progetto secondo la seguente distribuzione: 43.2 % Abbigliamento esterno (maschile e femminile) 35.2% Maglieria esterna (maschile e femminile) 13.6% Abbigliamento intimo (maschile e femminile) 2.4% Abbigliamento bimbo (non neonato) 2.4% Calzetteria (maschile) 3.2% Biancheria per la casa (tovaglie e copri piumoni) La composizione fibrosa dei campioni vede rappresentate pressoché tutte le principali fibre naturali, artificiali e sintetiche e le loro miste. 11

12 RISULTATI L ORIGINE Il numero di campioni che non riporta alcuna indicazione di Origine è pari al 36% dei campioni acquistati; la distribuzione del restante 64% è riportata in Tabella 14. DICHIARAZIONI DI ORIGINE: SU TUTTI I CAMPIONI E PER CITTÀ TUTTE LE CITTÀ (%) AMSTERDAM (%) BARCELLONA (%) FRANCOFORTE (%) PARIGI (%) STOCCOLMA (%) Origine non dichiarata Dichiarati Importati Dichiarati Made In... nel paese d acquisto (NL, E, D, F, S) Tabella 14 - L origine dei campioni, il dettaglio [colonna 1- % sul totale campioni: 125; colonne da 2 a 6 - % sul totale dei campioni prelevati in ciascuna città: 25] [Monitoraggio prodotti tessili (Europa): 2006] Il campionamento dimostra che, indipendentemente dalla città europea considerata, una percentuale molto significativa dei campioni analizzati non riporta infatti alcuna indicazione di Origine (in linea con i risultati delle indagini eseguite in Italia); si riconferma dunque che il Consumatore non dispone di informazioni che gli consentano di effettuare una selezione dei prodotti acquistati sulla base dell Origine. La Tabella mette anche in evidenza una situazione di apparente incongruenza. I paesi nord europei sono da sempre contrari alla Proposta di Regolamento sull obbligo di indicare l origine sui prodotti tessili di origine extra UE. Di fatto le percentuali sopra riportate Amsterdam e Stoccolma - mettono in evidenza che, in tali paesi, è già molto elevata la percentuale di campioni che riportano l indicazione di origine e che, almeno apparentemente, non vi è alcuna preclusione all indicazione di origine extra UE (in entrambe le città è alta la percentuale dei prodotti dichiarati importati è molto elevato: Amsterdam 72%, Stoccolma 84%). RISULTATI LE PROVE Le prove sono state eseguite utilizzando metodi riconosciuti in ambito europeo e quindi, quando disponibili, previsti dalle direttive europee e dalle norme europee (EN). Nei casi in cui non sono risultati disponibili metodi normalizzati sono stati adottati metodi interni (Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A.) validati; tale validazione è stata verificata e accettata dal Sistema Nazionale di Accreditamento dei Laboratori di prova e Taratura (SINAL). 12

13 In Tabella 15 sono riportati i risultati delle prove eseguite; in Tabella 16 il dettaglio relativo alle caratteristiche ecologiche (altre) non coperte da disposizioni legislative. RISULTATI DEI CONTROLLI SU TUTTI I CAMPIONI E PER CITTÀ CARATTERISTICA NON CONFORME TUTTE LE CITTÀ (%) AMSTERDAM (%) BARCELLONA (%) FRANCOFORTE (%) PARIGI (%) STOCCOLMA (%) Composizione fibrosa (Direttiva Europea /74/CE) (*) Ammine aromatiche cancerogene (Direttiva Europea /61/CE) (**) Caratteristiche ecologiche (altre) (**) Legenda: (*) Tabella 15 - Le prove, il dettaglio [Monitoraggio prodotti tessili (Europa): 2006] percentuali espresse sul numero di campioni [colonna 1- % sul totale campioni: 125; colonne da 2 a 6 - % sul totale dei campioni prelevati in ciascuna città: 25] (**) percentuali espresse sul numero delle prove eseguite; [colonna 1 - % sul totale delle prove eseguite; colonne da 2 a 6 - % sul totale delle prove eseguite sui campioni prelevati in ciascuna città. La selezione delle prove, infatti, è stata effettuata coerentemente alla tipologia del campione in termini di composizione, colore e processi produttivi coinvolti, ad esempio] 13

14 CARATTERISTICHE ECOLOGICHE (ALTRE): RISULTATI DEI CONTROLLI SU TUTTI I CAMPIONI E PER CITTÀ CARATTERISTICA NON CONFORME TUTTE LE CITTÀ (%) AMSTERDAM (%) BARCELLONA (%) FRANCOFORTE (%) PARIGI (%) STOCCOLMA (%) ph dell estratto acquoso (*) Formaldeide libera ed estraibile (*) Coloranti allergenici (*) Carriers clororganici (*) Metalli pesanti estraibili (*) Tabella 16 - Le prove ecologiche, il dettaglio [Monitoraggio prodotti tessili (Europa): 2006] (*) percentuali espresse sul numero delle prove eseguite; [colonna 1 - % sul totale delle prove eseguite; colonne da 2 a 6 - % sul totale delle prove eseguite sui campioni prelevati in ciascuna città. La selezione delle prove, infatti, è stata effettuata coerentemente alla tipologia del campione in termini di composizione, colore e processi produttivi coinvolti, ad esempio] L insieme dei dati complessivi e di dettaglio evidenzia (in linea con i risultati delle indagini eseguite in Italia) una non conformità critica e diffusa sul requisito legislativo relativo alla composizione fibrosa (Direttiva Europea 96/74/CE). Le non conformità riscontrate sono state le più varie: denominazione scorretta delle fibre (utilizzo del marchio commerciale in sostituzione della denominazione comune prevista dalla legge); dichiarazione falsa delle fibre presenti nel prodotto (lino invece di ramié kashmir invece di lana, è opportuno segnalare che in entrambi i casi le fibre realmente presenti hanno un valore nettamente inferiore a quelle dichiarate); scorretto utilizzo delle deroghe ammesse dalla legislazione che consente ad esempio di non dichiarare fibre presenti al di sotto di una certa percentuale o fibre presenti a scopo decorativo. E opinione condivisa che tale situazione, sia conseguente al fatto che, a oggi, non esiste un sistema di controllo puntuale; non vi sono infatti carenze legislative significative e le aziende dispongono di un know how sufficiente per la corretta applicazione della legge. Per quanto riguarda la presenza di ammine aromatiche cancerogene è evidente la gravità del fatto che sul mercato siano presenti prodotti tessili non conformi a una Direttiva europea che si propone di 14

15 salvaguardare la salute del Consumatore; questo anche se la cancerogenità accertata delle ammine non deve essere indiscriminatamente tramutata in cancerogenità del prodotto tessile. Le ammine aromatiche (sono 22 quelle considerate dalla Direttiva Europea) vengono liberate da alcuni coloranti azoici per scissione del legame azoico, a causa dell azione di riduzione chimica che può avvenire durante l utilizzo del capo. Tali ammine possono quindi essere assorbite dalla pelle attraverso il sudore (cfr. Allegato V per alcune considerazioni tecniche relative a classi tintoriali e loro applicazione sulle varie fibre). La percentuale di prodotti contenenti ammine cancerogene è significativa con differenze tra le varie città, tra le quali si segnala, per il valore particolarmente elevato, Barcellona, dato comunque di difficile interpretazione. La salute del consumatore continua ad essere a rischio e sono evidenti i vantaggi che deriverebbero da un efficace sistema di controlli. Per quanto riguarda le caratteristiche ecologiche non coperte da disposizioni di legge (cfr. Allegato IV. Tabella 2 per note di dettaglio) si segnalano: elevata e diffusa non conformità rispetto al valore di ph dell estratto acquoso. Considerato l elevato range di valori di conformità (cfr. Tabella 16) e il fatto che una corretta conduzione dei processi di lavaggio finali del ciclo di nobilitazione consente l eliminazione del problema, la situazione non ha alcuna giustificazione tecnica ma ha sicuramente una giustificazione economica; un numero ridotto di processi di nobilitazione finali consente una diminuzione del consumo di acqua ed energia e quindi una sostanziale diminuzione dei costi di produzione industriale. Una considerazione su tutte, perché tanta attenzione a pubblicizzare l innocuità di prodotti cosmetici e igienici in quanto a ph neutro e nessuna attenzione in ambito tessile? elevata anche se isolata (Francoforte 40%) non conformità rispetto alla presenza di coloranti allergenici. Considerato il fatto che sono chiaramente accertate le caratteristiche allergiche di una ristretta gamma di coloranti dispersi la situazione pare per lo meno strana. Il problema delle allergie è continuamente fonte di preoccupazioni: perché così poca attenzione a questa tipologia di coloranti? Perché nessun controllo sul loro utilizzo al di fuori dei prodotti oggetto di certificazione volontaria? Perché nessuna disposizione legislativa al riguardo? presenza di metalli pesanti estraibili rilevata ad Amsterdam e Stoccolma (benché poco interpretabile per quanto riguarda le diversità tra le città), potrebbe essere di nuovo correlata all ipotesi di prodotti realizzati con riduzione del numero di fasi finali del ciclo di nobilitazione; i dati sembrano dimostrare, invece, che la formaldeide libera ed estraibile e i carrier clororganici non sono parametri critici e che l impiego di tali sostanze sia decisamente sotto controllo anche nei prodotti di importazione. Relativamente alla formaldeide va peraltro precisato che i campioni sono stati prelevati sul mercato e quindi a una significativa distanza 15

16 di tempo dal momento di fine produzione; in tali condizioni la formaldeide, anche se inizialmente presente, può essersi dispersa nell ambiente (condizioni di falso negativo ). RISULTATI PROVE E ORIGINE Un risultato di particolare interesse è la valutazione delle non conformità dei campioni dichiarati importati e la loro variazione rispetto alla totalità dei campioni oggetto dell indagine. TUTTI I CAMPIONI E I CAMPIONI DICHIARATI IMPORTATI : RISULTATI DEI CONTROLLI A CONFRONTO CARATTERISTICA NON CONFORME Composizione fibrosa (Direttiva Europea 96/74/CE) Ammine aromatiche cancerogene (Direttiva Europea 2002/61/CE) Caratteristiche ecologiche (altre) TUTTI I CAMPIONI (%) CAMPIONI IMPORTATI (%) Tabella 17 - Tutti i Prodotti e Prodotti dichiarati importati. Le prove, il confronto [Monitoraggio prodotti tessili (Europa): 2006] I risultati mostrano una percentuale di prodotti non conformi più alta rispetto alla percentuale riferita al totale dei campioni; la non conformità sulla composizione fibrosa sale dal 57.6 al 68.54%, per le ammine aromatiche cancerogene sale dal 9.5 al 9.6% e la non conformità sulle caratteristiche ecologiche sale dal 6.5 al 11.0%. Il peggioramento di conformità ai requisiti dei prodotti importati in linea con i risultati delle indagini eseguite in Italia, dà chiara evidenza della necessità di innescare un meccanismo di Regolamentazione del mercato basato su un sistema di controllo e di informazione mirato ed efficace che tuteli consumatori e produttori. A supporto dei dati e delle considerazioni precedenti si riportano, anche per il progetto europeo e in analogia ai contenuti di Tabelle 4 e 5 [Globalizzazione Sostenibile (Varese): ] e Tabelle 9 e 10 [Globalizzazione Sostenibile (Como): 2004], i valori delle non conformità ecologiche sui campioni importati espressi sia come percentuale sul totale di non conformità ecologiche dei campioni importati, sia come percentuale sul totale di non conformità ecologiche di tutti i campioni (cfr. 16

17 Tabelle 18 e 19). I dati rilevati nel campionamento in Italia risultato sostanzialmente confermati anche nel campionamento eseguito nelle città europee. CAMPIONI IMPORTATI E CARATTERISTICHE ECOLOGICHE: LA RIPARTIZIONE PERCENTUALE DELLE NON CONFORMITÀ CARATTERISTICA NON CONFORME TUTTE LE CITTÀ (%) AMSTERDAM (%) BARCELLONA (%) FRANCOFORTE (%) PARIGI (%) STOCCOLMA (%) Ammine aromatiche cancerogene (Direttiva Europea /61/CE) (*) Caratteristiche ecologiche (altre) Tabella 18 - Campioni importati [% non conformità specifiche rispetto alle non conformità ecologiche totali rilevate sui prodotti importati] [Monitoraggio prodotti tessili (Europa): 2006] CARATTERISTICA NON CONFORME Caratteristiche ecologiche cogenti [Ammine aromatiche cancerogene (Direttiva Europea 2002/61/CE)] e volontarie (altre) CAMPIONI IMPORTATI E CARATTERISTICHE ECOLOGICHE: L INCIDENZA PERCENTUALE RISPETTO AL TOTALE DELLE NON CONFORMITÀ TOTALI TUTTE LE CITTÀ (%) AMSTERDAM (%) BARCELLONA (%) FRANCOFORTE (%) PARIGI (%) STOCCOLMA Tabella 19 Campioni importati non conformi per caratteristiche ecologiche [% non conformità ecologiche su importati su non conformità ecologiche rilevate sul totale dei prodotti analizzati] [Monitoraggio prodotti tessili (Europa): 2006] (%) CONCLUSIONI La valutazione complessiva dei risultati dei progetti attuati consente di concludere che nei vari paesi europei le problematiche sono sostanzialmente equivalenti; tale condizione è potenzialmente un vantaggio in quanto le strategie di intervento potrebbero essere unitarie in un ottica di cooperazione tra paesi europei a forte tradizione tessile pur nelle differenze tecniche e strategiche di ciascuno che non sarebbe realistico ignorare. Le problematiche emerse e le soluzioni possibili vengono di seguito sintetizzate e correlate. 17

18 INFORMAZIONE DEL CONSUMATORE I dati hanno chiaramente messo in evidenza il fatto che il Consumatore non dispone di informazioni adeguate sull origine del prodotto, elemento, oggi, importante per una scelta d acquisto consapevole. Sia la ricerca italiana che la ricerca europea hanno, infatti, evidenziato che circa il 40% dei campioni analizzati non riporta alcuna dichiarazione di origine. E chiaro che il consumatore è libero di scegliere il prodotto meglio rispondente alle proprie esigenze ma deve poter disporre delle informazioni per valutare oggettivamente tale rispondenza e quindi essere in grado di aggiungere questa informazione a quelle già note relative a stile e prezzo di un prodotto tessile. La Proposta di Regolamento sull obbligo di indicare l origine sui prodotti tessili di origine extra UE va in questa direzione anche se probabilmente non è la sola strategia applicabile. Tale proposta non ha lo scopo di impedire la libera circolazione delle merci in un ottica protezionistica, ma si propone come uno strumento di trasparenza del mercato. E inoltre significativo ricordare che l indicazione dell origine sui prodotti tessili è già obbligatoria in paesi quali gli USA, il Giappone e la Cina, per non citare che i più significativi, e che la sua applicazione in ambito europeo è consentita sulla base dell Articolo IX del General Agreement of Tariffs and Trade (GATT) SALUTE DEL CONSUMATORE E PARITETICITÀ DELLE CONDIZIONI I dati hanno evidenziato una situazione critica riguardo le sostanze nocive alla salute dell uomo oggetto di indagine nei progetti: ammine aromatiche cancerogene la cui presenza sui prodotti tessili è tra l altro vietata per legge dalla Direttiva Europea 2002/61/CE e altre sostanze classificate nocive da marchi ecologici volontari la cui selezione è supportata da pubblicazioni scientifiche in ambito chimico e medico riconosciute a livello mondiale. La criticità è nettamente superiore nel caso dei prodotti importati e tale situazione non è ovviamente tollerabile; è evidente la necessità di mettere in atto strumenti per interventi risolutivi. Di nuovo la Proposta di Regolamento sull obbligo di indicare l origine sui prodotti tessili di origine extra UE potrebbe essere uno di questi strumenti essendo in grado di innescare un circolo virtuoso anche nei paesi extraeuropei di più recente industrializzazione creando le premesse per l attuazione di condizioni paritetiche tra i vari paesi. I produttori extraeuropei e gli importatori potrebbero infatti essere incentivati a migliorare, per fini commerciali, il livello qualitativo dei prodotti e dei processi produttivi anche in ambito ecologico ed etico ad esempio ottimizzando l esecuzione dei processi finali di nobilitazione bilanciando meglio il rapporto impatto ambientale e costi di produzione (è noto che cicli più brevi e condotti a temperature più basse per diminuire i costi, possono avere un impatto negativo sui parametri ecologici). E 18

19 realistico pensare ad un miglioramento in considerazione del fatto che le iniziative di controllo ecologico dei prodotti tessili si stanno rapidamente diffondendo anche in paesi di recente industrializzazione (Standard GB in Cina, ad esempio). TUTELA DEL CONSUMATORE La trasparenza del mercato - attuata mediante la messa a disposizione di informazioni complete al Consumatore per consentire scelte d acquisto consapevoli, interventi mirati ad assicurare la conformità dei prodotti alle disposizioni di legge e la loro innocuità - si traduce in tutela del consumatore. Una tutela che in base ai risultati del progetto si ritiene non possa prescindere dalla seguente considerazione: il mancato rispetto del requisito di legge relativo alla corretta dichiarazione in etichetta della composizione fibrosa (Direttiva Europea 96/74/CE) crea certamente un danno commerciale; il mancato rispetto dei requisiti ecologici cogenti (ammine aromatiche cancerogene: Direttiva Europea 2002/61/CE) e volontari crea un danno alla salute. La situazione non è certamente tollerabile e, ripetiamo, richiede interventi legislativi, organizzativi e di comunicazione. CONTROLLI L efficacia degli strumenti legislativi esistenti ( Proposta di Regolamento sull obbligo di indicare l origine sui prodotti tessili di origine extra UE ad esempio) è drasticamente ridotta dall insufficienza di controlli mirati a verificarne il rispetto. La percentuale di prodotti non conformi rispetto ai requisiti legislativi riscontrata nei progetti è davvero sorprendentemente alta. L insieme dei dati complessivi e di dettaglio evidenzia una non conformità critica e diffusa sul requisito legislativo relativo alla composizione fibrosa (Direttiva Europea 96/74/CE). Come detto le non conformità riscontrate sono state le più varie: denominazione scorretta delle fibre (utilizzo del marchio commerciale in sostituzione della denominazione comune prevista dalla legge); dichiarazione falsa delle fibre presenti nel prodotto (lino invece di ramié kashmir invece di lana) ove quella dichiarata ha un valore commerciale decisamente superiore a quella realmente esistente; scorretto utilizzo delle deroghe ammesse dalla legislazione che consente ad esempio di non dichiarare fibre presenti al di sotto di una certa percentuale o fibre presenti a scopo decorativo. E innegabile ritenere che tale situazione, sia conseguente al fatto che, a oggi, non esiste un sistema di controllo puntuale. Per quanto riguarda la presenza di ammine aromatiche cancerogene è evidente la gravità del fatto 19

20 che sul mercato siano presenti prodotti tessili non conformi a una Direttiva europea che si propone di salvaguardare la salute del Consumatore; questo anche se la cancerogenità accertata delle ammine non deve indiscriminatamente essere tramutata in cancerogenità del prodotto tessile. La soluzione del problema non può dunque prescindere dalla pianificazione (con messa a disposizione di più significative risorse umane, economiche e strumentali) di controlli puntuali dei prodotti tessili presenti sul mercato mediante sinergie dei soggetti istituzionalmente incaricati della loro attuazione. Degno di nota in Italia lo sforzo posto in essere dal Sistema Camerale volto a rendere operativi i controlli di mercato in accordo con il Ministero dello Sviluppo Economico. TRACCIABILITA' In Italia per aiutare il consumatore ad avere il maggior numero di informazioni sul capo di abbigliamento che sta acquistando, le Camere di Commercio stanno predisponendo un sistema di tracciabilità volontario, che sarà gestito da ITF. Le imprese aderenti a questa iniziativa si impegneranno a far diventare l'etichetta una vera e propria "carta di identità" del prodotto, dove saranno presenti non solo informazioni sulle origini delle lavorazioni, ma anche sulle qualità prestazionali o sulla ecologicità, in totale trasparenza. Il sistema di tracciaiblità è già stato progettato ed è in corso di validazione nelle imprese. Una volta sperimentato potrebbe essere esteso anche a livello europeo, per stimolare una concorrenza basata anche sulla valorizzazione della qualità e non solo sul prezzo. 20

21 PROGETTO MONITORAGGIO DEI PRODOTTI TESSILI POSTI IN VENDITA NEI MERCATI EUROPEI RELAZIONE TECNICA FINALE - ALLEGATO I ITF Italian Textile Fashion Data di costituzione (Constitution date) 12 maggio 2005 Sede Legale (registered office) c/o Unioncamere Piazza Sallustio, 21 Roma Sede Operativa (head office) Roma, Via G. B. Morgagni, 30-H Tel fax Sito web: Aderenti (Members) Unioncamere; le Unioni Regionali di Abruzzo, Molise, Sardegna, Toscana, Veneto; le Camere di Commercio di Bari, Bergamo, Biella, Bologna, Brescia, Brindisi, Como, Cremona, Firenze, Forlì e Cesena, Lucca, Milano, Modena, Napoli, Perugia, Pisa, Prato, Reggio Calabria, Varese e Vicenza. Referenti (Representatives) Presidente (President) VicePresidente (Vice President) VicePresidente (Vice President) Luca Mantellassi Presidente della Camera di Commercio di Firenze Luca Rinfreschi Presidente della Camera di Commercio di Prato Angelo Belloli Presidente della Camera di Commercio di Varese 21

22 Mission: Italian Textile Fashion è un Associazione delle Camere di Commercio creata per lo sviluppo e la tutela del settore tessile. Itf riunisce le Camere di Commercio dei principali distretti tessili italiani e tra i suoi obiettivi ci sono quelli di mantenere relazioni istituzionali con organismi pubblici e privati in Italia e all estero, tutelare i diritti dei consumatori, favorire l attuazione di norme appropriate, avviare attività promozionali in Italia e all estero. Il sistema delle Camere di Commercio in Italia è pubblico; ciò significa che è costituito e regolato da leggi nazionali. In Italia ci sono 103 Camere di Commercio, una per ogni Provincia, che formano una rete di organizzazioni pubbliche indipendenti, collegate tra di loro attraverso sia le 19 Unioni regionali, una per ogni Regione, che l Unione Italiana delle Camere di Commercio (Unioncamere), con sede a Roma. Il sistema camerale italiano è l unico in Europa con una completa rappresentanza intersettoriale di almeno 5 milioni di imprese attive. Una recente legge del 1997 riconosce espressamente, per la prima volta, la loro autonomia funzionale, con un preciso ruolo nello sviluppo delle economie locali. Un altra importante legge del 1998 (n. 112) prevede che ogni Camera di Commercio individui un responsabile delle attività finalizzate alla tutela del consumatore ed alla fede pubblica. L intero sistema camerale è sostenuto a livello nazionale da un gruppo di agenzie le quali presidiano un numero di aree considerate strategiche. Italian Textile Fashion è una di queste agenzie, nata per coordinare tutte le attività correlate al sostegno del settore tessile, con particolare riferimento proprio alle attività finalizzate alla tutela del consumatore ed alla fede pubblica. 22

23 PROGETTO MONITORAGGIO DEI PRODOTTI TESSILI POSTI IN VENDITA NEI MERCATI EUROPEI RELAZIONE TECNICA FINALE - ALLEGATO II Il Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A., denominato Centrocot, è stato fondato il 7 ottobre 1987 a Busto Arsizio per volontà delle associazioni imprenditoriali, di categoria e sindacali, degli enti pubblici (Camera di Commercio, Provincia, Comuni) e degli istituti di credito del territorio. Scopo di Centrocot è quello di sostenere, attraverso servizi specializzati, le aziende di tutta la filiera del settore-tessile e abbigliamento. Il Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A., nel corso degli anni, ha articolato la propria struttura, modellandola secondo gli indirizzi dell azionariato e secondo le esigenze dei clienti. Attualmente il Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A. è dislocato in due sedi: - la sede legale a Busto Arsizio in P.zza Sant Anna 2 - e un unità locale a Busto Arsizio in Via Molino 2 ang. V.le Cadorna All interno del Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A., il Laboratorio rappresenta l area di maggiore dimensione, sia per numero di addetti sia per entità di fatturato. Il Laboratorio si avvale, per la sua continua crescita e miglioramento, dell Area Ricerca del Laboratorio. A seguito dell elevata diversificazione del settore tessile e abbigliamento in Italia, i servizi di prova del Laboratorio, che opera come laboratorio di terza parte, si sono ampliati estendendosi nei settori più tecnici e specialistici. Dopo il settore ecologico e protettivo, perciò, sono stati costituiti il laboratorio tessile di microbiologia, il servizio Comfort, il Laboratorio Protezione Cariche Elettrostatiche e onde Elettromagnetiche, il Laboratorio Detergo, tutti nati da progetti di Ricerca. Il Laboratorio del Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A. offre i seguenti servizi Servizio Prove Tecnologiche (prove fisiche su fibre, filati, tessuti, prodotti tessili in genere, non tessuti, abbigliamento) Servizio Prove Chimico Tintoriali (prove chimico-tintoriali su fibre, filati, tessuti, prodotti tessili in genere, non tessuti, abbigliamento) Servizio Prove Ecologiche (prove su prodotti tessili e accessori, coloranti, prodotti chimici, ausiliari, rifiuti e reflui liquidi e gassosi) Servizio Certificazione e Prove DPI (prove su dispositivi di protezione e prove di reazione al fuoco, rilascio di Attestati di certificazione CE di Tipo e sorveglianza della produzione secondo l articolo 11A della Direttiva 89/686/CEE) Servizio Prove Biologiche (prove biologiche su prodotti tessili, acque, medicali, ecc.) 23

24 Servizio Comfort (determinazione delle proprietà termofisiologiche e sensoriali di prodotti tessili) Servizio Tarature (tarature apparecchiature). Specificatamente riferite all accreditamento SIT sono le attività del Servizio SIT (taratura di spettrofotometri e materiali di riferimento). RICONOSCIMENTI 1989 Iscrizione allo schedario dell'anagrafe Nazionale delle Ricerche cod. E019OYZ Registrazione all'albo dei Laboratori Esterni Pubblici e Privati altamente qualificati, Legge n. 46 dei 17/2/1982, con autorizzazione a svolgere ricerche applicative a favore delle piccole e medie industrie D.M. 26/5/ G.U. n. 125 del 31/5/' Laboratorio Accreditato SINAL 0033 in conformità alla norma UNI CEI EN e ai requisiti applicabili delle UNI EN ISO serie Membro dell'oeko-tex, Associazione Internazionale per la Ricerca e Prova nel campo dell'ecologia Tessile, ai fini del rilascio del marchio Oeko-Tex Standard Membro dell'associazione internazionale Textranet: Textile Transfer Network 1996 Autorizzazione dei Ministeri dell'industria, Commercio e dell'artigianato e del Lavoro al rilascio di certificazioni e attestati di conformità CE per indumenti e guanti di protezione individuale e conseguente notifica CEE con n Accreditamento come Centro SIT n. 088 per la misura del fattore spettrale di riflessione 1998 Qualifica Ministeriale secondo la circolare del n del Ministero dell'industria, Commercio e Artigianato ad eseguire attività di controllo preliminare indipendente, finalizzate all'assegnazione del marchio ecologico europeo ECOLABEL 1998 Membro dell'associazione Oeko-Tex International, ai fini del rilascio della certificazione Oeko-Tex Standard 1000 e 100 plus 2000 Rinnovo dell'autorizzazione dei Ministeri dell'industria, Commercio e Artigianato e del Lavoro al rilascio di certificazioni e attestati di conformità CE per indumenti e guanti di protezione individuale ed estensione della notifica ad ulteriori settori protettivi 2002 Servizio Pubblico di analisi sul cotone e altri tessili della CCIAA di Varese 2002 Adeguamento del sistema qualità del laboratorio di prova alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025/2000. Accreditamento in data 26/08/ Accreditamento da parte della Regione Lombardia come ente che eroga formazione e orientamento in Lombardia in attuazione del DM n. 166 del 25/05/ Accreditamento da parte della CCIAA di Varese all esecuzione della verifica periodica biennale degli strumenti metrici ai sensi dell articolo 4 del DM 182/2000 Area Formazione certificata in conformità ai requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2000 da Certiquality per 2003 la progettazione, realizzazione e controllo di servizi formativi, di orientamento, di studio e ricerca formativa (Certificato n. 6532) 2005 Registrazione al sistema di valutazione regionale QuESTIO Sistema di individuazione e valutazione centri di ricerca di trasferimento tecnologico Regione Lombardia ID Crtt Membro della rete dei laboratori delle Camere di Commercio Retelab 24

25 CERTIFICAZIONI E MARCHI Il Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A. è un istituto preposto in Italia per il rilascio di certificazioni sui prodotti del settore tessile. In particolare i marchi rilasciati da Centrocot sono: Marcatura CE degli indumenti e guanti di protezione individuale (DPI) Il Marchio Comfort Centro SIT Marchio Oeko-tex Marchio UV Standard 801 Ecolabel PROGRAMMI DI RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO Tradizionalmente le aziende tessili nazionali, pur dotate di una raffinatissima capacità artigianale, hanno affrontato la ricerca individualmente e in assenza di una vera programmazione e pianificazione a livello nazionale. Attualmente siamo di fronte a un cambiamento importante che ha portato gli Enti di Ricerca nazionali e le Università a rispondere alle esigenze delle imprese spostandosi verso obbiettivi di ricerca applicata. Affinché questo sforzo dia i risultati attesi è tuttavia indispensabile la presenza di strutture di raccordo tra gli Enti di Ricerca istituzionali e il mondo delle imprese in possesso di competenze adeguate per individuare esigenze comuni e trasformare esigenze spesso implicite in progetti. Il Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A ha da sempre svolto questo ruolo e mediante continui contatti dei propri settori tecnologici con partner europei e internazionali ha promosso e attuato progetti di ricerca che hanno avuto ricadute dirette e significative sulle imprese. L'impegno a proseguire su questa linea è totale pur nella consapevolezza delle difficoltà derivanti da un momento congiunturale sfavorevole. La convinzione che solo attraverso il continuo miglioramento del proprio know how il settore tessile abbigliamento nazionale potrà mantenere la leadership a livello mondiale, sono la motivazione principale per tale impegno. 25

GLOBALIZZAZIONE 3.0 COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS

GLOBALIZZAZIONE 3.0 COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO COMO 19 GIUGNO 2014 IN COLLABORAZIONE CON INNOVHUB STAZIONE SPERIMENTALE SETA ISSS CAMPAGNA DI ANALISI => PERCHE Verifica della situazione del mercato rispetto ai

Dettagli

PROGETTO GLOBALIZZAZIONE SOSTENIBILE MADE IN E TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI: IL CASO DEL TESSILE E ABBIGLIAMENTO. Gabriella Alberti Fusi Fabrizio Freti

PROGETTO GLOBALIZZAZIONE SOSTENIBILE MADE IN E TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI: IL CASO DEL TESSILE E ABBIGLIAMENTO. Gabriella Alberti Fusi Fabrizio Freti PROGETTO GLOBALIZZAZIONE SOSTENIBILE MADE IN E TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI: IL CASO DEL TESSILE E ABBIGLIAMENTO Gabriella Alberti Fusi Fabrizio Freti Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A. I QUESITI

Dettagli

La Regione Toscana, con sede in, codice fiscale rappresentata da in qualità di ;

La Regione Toscana, con sede in, codice fiscale rappresentata da in qualità di ; Allegato A ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA REGIONE TOSCANA E ISTITUTO TECNICO STATALE TULLIO BUZZI per il supporto e lo sviluppo di progetti nell ambito del sostegno locale del distretto pratese. La Regione

Dettagli

Tessitura Marco Pastorelli spa

Tessitura Marco Pastorelli spa FASHION Tessitura Marco Pastorelli spa è un impresa TFashion TFashion racconta la storia del prodotto, per promuovere nel mondo una filiera moda italiana più etica, autentica e trasparente. TFashion per

Dettagli

CENTROCOT Fondato a Busto Arsizio - Varese - il 7 ottobre 1987 per volontà delle associazioni imprenditoriali, di categoria e sindacali, degli enti pubblici e degli istituti di credito del territorio,

Dettagli

Partecipante. Nome. Cognome. Email

Partecipante. Nome. Cognome. Email Più informazioni per offrire una migliore consulenza Siete pregati di inviare il formulario compilato in ogni sua parte all indirizzo di posta o al numero di fax indicati. Categoria Tessuti per la casa

Dettagli

L esperienza del settore tessile per la sicurezza del consumatore. Associazione Tessile e Salute

L esperienza del settore tessile per la sicurezza del consumatore. Associazione Tessile e Salute L esperienza del settore tessile per la sicurezza del consumatore Associazione Tessile e Salute Cosa regola il mercato globale? In merito ai rischi per la salute del consumatore, il mercato tessile globale

Dettagli

7. QUALITa DEL PRODOTTO

7. QUALITa DEL PRODOTTO 7. QUALITa DEL PRODOTTO 7. Qualità del prodotto Per Altromercato un prodotto deve essere costituito da materie prime di alta qualità, il più possibile sostenibile nel suo ciclo di produzione, consumo e

Dettagli

Aperitivi del tessile "Obblighi e certificazioni per l'export in Cina, Russia e USA. Requisiti normativi per esportare in Cina

Aperitivi del tessile Obblighi e certificazioni per l'export in Cina, Russia e USA. Requisiti normativi per esportare in Cina Aperitivi del tessile "Obblighi e certificazioni per l'export in Cina, Russia e USA esportare in Cina Dott.ssa Marta Lualdi Area Internazionale Centrocot SpA Euroimpresa, 21 aprile 2011 Product Quality

Dettagli

OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO LE ATTIVITA E LE COLLABORAZIONI DI ASSOCIAZIONE TESSILE E SALUTE

OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO LE ATTIVITA E LE COLLABORAZIONI DI ASSOCIAZIONE TESSILE E SALUTE OSSERVATORIO DISTRETTO TESSILE DI COMO Associazione Tessile e Salute LE ATTIVITA E LE COLLABORAZIONI DI ASSOCIAZIONE TESSILE E SALUTE Como 24 novembre 2015 Cos è l Associazione Tessile e Salute Associazione

Dettagli

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano

LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA Di Roberta Caragnano LE CERTIFICAZIONI SULLA QUALITA...1 a) I principi di gestione della qualità evidenziati dalla Vision 2000...2 b) I principali cambiamenti introdotti dalla Vision 2000...4 c) Il processo di certificazione...5

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Benito Campana Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Itinerario Programmare le politiche aziendali per la qualità in relazione alla normativa, alle esigenze dei mercati e alle

Dettagli

Il ruolo dei verificatori ambientali

Il ruolo dei verificatori ambientali Il ruolo dei verificatori ambientali Certiquality Direttore Marketing Armando Romaniello 1 CERTIQUALITY SALUTE E SICUREZZA Certiquality è stata fondata quasi vent anni fa da Federchimica ed Assolombarda

Dettagli

QUALITA AMBIENTALE DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI

QUALITA AMBIENTALE DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI QUALITA DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI OBIETTIVI INDICATORI Descrivere l evoluzione della sensibilità ambientale delle organizzazioni e delle imprese e la trasparenza nella comunicazione con il

Dettagli

Sono elencate alcune competenze camerali che comportano controlli presso le imprese, con i criteri e le modalità di svolgimento dei sopralluoghi.

Sono elencate alcune competenze camerali che comportano controlli presso le imprese, con i criteri e le modalità di svolgimento dei sopralluoghi. Lista dei controlli alle imprese effettuati dalla Camera di commercio di Torino Area Tutela del Mercato e della Fede Pubblica (art. 14, comma 2, D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito dalla L. 4 aprile

Dettagli

FONDIMPRESA - P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA. Corsi per aziende del Settore Tessile

FONDIMPRESA - P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA. Corsi per aziende del Settore Tessile FONDIMPRESA - P.I.S.T.E. CATALOGO DEI CORSI DI FORMAZIONE GRATUITA Corsi per aziende del Settore Tessile Ente formativo erogatore: CENTRO TESSILE COTONIERO E ABBIGLIAMENTO S.p.A. INDICE DEI CORSI IL SETTORE

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

IL PROCESSO PRODUTTIVO CONCIARIO E LE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PELLE

IL PROCESSO PRODUTTIVO CONCIARIO E LE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PELLE IL PROCESSO PRODUTTIVO CONCIARIO E LE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PELLE Il corso illustra i principali metodi di lavorazione della pelle e le caratteristiche merceologiche degli innumerevoli articoli.

Dettagli

Le etichettature dei prodotti tessili tra normativa obbligatoria, volontaria e aspetti tecnici correlati

Le etichettature dei prodotti tessili tra normativa obbligatoria, volontaria e aspetti tecnici correlati Le etichettature dei prodotti tessili tra normativa obbligatoria, volontaria e aspetti tecnici correlati Gabriella Alberti Fusi Verona, 4 aprile 2011 Dubbi da chiarire e certezze da confermare Marchio

Dettagli

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE:

UFFICIO VIGILANZA SULLA SICUREZZA E CONFORMITA' DEI PRODOTTI - ATTIVITA ISPETTIVE: LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI PARMA (art. 14, comma 2, D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito dalla L. 4 aprile 2012, n. 35) Sono di seguito elencate le competenze camerali

Dettagli

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità.

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. DIREZIONE QUALITÀ La carta servizi di Verona Innovazione Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. 1 Verona Innovazione 5 servizio nuova impresa 10 sportello comunica

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO (Norme di Riferimento: UNI EN ISO 9001:00 ) Viale C. Castracani, 55 55100 Lucca tel.: 0583.464482 464536 Web: www.cartesiostudio.it e-mail: info@cartesiostudio.it Marcatura

Dettagli

Le novità della UNI ISO 27001:2014

Le novità della UNI ISO 27001:2014 Le novità della UNI ISO 27001:2014 La norma ISO 27001 pubblicata nel 2013 è stata tradotta in italiano e convertita in norma UNI nel marzo 2014 come UNI CEI ISO/IEC 27001:2014 Tecnologie informatiche Tecniche

Dettagli

Innovation experience

Innovation experience Innovation experience Ricerca e Innovazione Tecnologica per lo Sport CENTROCOT: un valido supporto per la competitività e lo sviluppo delle imprese Con il contributo della Camera di Commercio di Varese

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. - Appendice Settore Abbigliamento

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. - Appendice Settore Abbigliamento Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. - Appendice Settore Abbigliamento Pagina 1 di 5 APPENDICE I SETTORE ABBIGLIAMENTO 1 - Obiettivo

Dettagli

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze 1 Focus sulla Certificazione Organismi di certificazione Certificazione personale Certificazione

Dettagli

LISTA DEI CONTROLLI SULLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI VERONA

LISTA DEI CONTROLLI SULLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI VERONA Ai sensi dell art. 14 comma 2 D.L. 9.2.2012 n. 5, convertito dalla L. 4.4.2012 n. 35, è pubblicata la seguente lista dei controlli a cui sono assoggettate le imprese operanti nella circoscrizione territoriale

Dettagli

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE Aggiornato il 12 Marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

OCCHIO ALLE ETICHETTE

OCCHIO ALLE ETICHETTE PROCESSO DI lavaggio ad umido professionale Lavaggio a umido ciclo molto delicato Lavaggio a umido ciclo delicato Lavaggio a umido ciclo normale OCCHIO ALLE ETICHETTE LINEE GUIDA PER CONOSCERE IL SIGNIICATO

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33)

LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33) LISTA DEI CONTROLLI ALLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA (art. 25 D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33) Sono di seguito elencate le competenze camerali che comportano controlli presso imprese,

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali fra AUIL FEMCA-CISL FILTEA-CGIL UILTA-UIL Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Sintesi Dati di scenario: 600 imprese per 15 addetti

Dettagli

Materiali nocivi nel campo tessile (e calzaturiero) CCIAA di Treviso 29 Ottobre 2012

Materiali nocivi nel campo tessile (e calzaturiero) CCIAA di Treviso 29 Ottobre 2012 Materiali nocivi nel campo tessile (e calzaturiero) CCIAA di Treviso 29 Ottobre 2012 Rischi per la sicurezza in Sono riconducibili a ambito tessile 1 Rischio fisico/meccanico: soffocamento, strangolamento,

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

Il valore sinergico delle Certificazioni dei Sistemi di Gestione per la Qualità e di servizio rilasciate sotto Accreditamento.

Il valore sinergico delle Certificazioni dei Sistemi di Gestione per la Qualità e di servizio rilasciate sotto Accreditamento. Il valore sinergico delle Certificazioni dei Sistemi di Gestione per la Qualità e di servizio rilasciate sotto Accreditamento Milano 2013 11 21 ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento L unico organismo

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

Camera dei Deputati. Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici. Audizione

Camera dei Deputati. Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici. Audizione Camera dei Deputati Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici Audizione Schema di decreto legislativo concernente modifiche ed integrazioni del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 155, recante

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA INDICE GENERALE 1. 2. PREMESSA... 3 GENERALITÀ... 3 2.1 SCOPO DELLE VERIFICHE DI AGROQUALITÀ... 3 2.2 RIFERIMENTI... 4 2.3

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

Figure Professionali «Eco-innovazioni»

Figure Professionali «Eco-innovazioni» Figure Professionali «Eco-innovazioni» ESPERTO DI ECO-CERTIFICAZIONI GREEN JOBS Formazione e Orientamento INTRODUZIONE DI CONTESTO E LEGAME CON I CONCETTI DI ECO-INNOVAZIONE Le cosiddette certificazioni

Dettagli

Certificazione. Certificazione e accreditamento. Tipi di certificazione. Iter di certificazione. Iter di certificazione

Certificazione. Certificazione e accreditamento. Tipi di certificazione. Iter di certificazione. Iter di certificazione Certificazione Certificazione e accreditamento L'Organismo di Certificazione (spesso abbreviato con OdC) è una società che certifica la conformità dei sistemi di gestione o dei prodotti a specifiche norme

Dettagli

STANDARD FORMATIVO E STANDARD PROFESSIONALE DEL RESPONSABILE TECNICO DI TINTOLAVANDERIA

STANDARD FORMATIVO E STANDARD PROFESSIONALE DEL RESPONSABILE TECNICO DI TINTOLAVANDERIA ALLEGATO A al decreto STANDARD FORMATIVO E STANDARD PROFESSIONALE DEL RESPONSABILE TECNICO DI TINTOLAVANDERIA DESCRIZIONE DELLA FIGURA Il presente documento dà seguito a quanto previsto dalla Legge 84/2006

Dettagli

Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari

Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari Pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari La sperimentazione e lo sviluppo di percorsi di pianificazione e valutazione negli uffici giudiziari che partecipano al Progetto interregionale transnazionale

Dettagli

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009

A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 A che punto siamo con l Alternanza Scuola- Lavoro? Pubblicati gli esiti del Monitoraggio 2008-2009 L Alternanza Scuola-Lavoro è stata introdotta In Italia come una delle modalità di realizzazione dei percorsi

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Mini-guida all acquisto informato dei prodotti tessili

Mini-guida all acquisto informato dei prodotti tessili Mini-guida all acquisto informato dei prodotti tessili Assessorato al Commercio - Direzione Commercio, Sicurezza e Polizia locale Settore Tutela e difesa dei consumatori e degli utenti Come vogliamo la

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e medie imprese con unità produttiva ubicata nella Regione Marche PROGETTI AGEVOLABILI 1) Progetti relativi

Dettagli

PLUSTEX - WORKSHOP INAUGURALE

PLUSTEX - WORKSHOP INAUGURALE PLUSTEX - WORKSHOP INAUGURALE Le sfide del tessile europeo: pratiche e politiche Museo del Tessuto di Prato - Via Santa Chiara, 24 Prato 29 th March 2012 Prodotti tessili e della filiera moda: la sicurezza

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

rispetta il presente per avere un

rispetta il presente per avere un rispetta il presente per avere un domani STUDIO MASTER ECOLOGY CONSULTING crede che una qualsiasi organizzazione, pubblica e privata, possa trarre proficui vantaggi dalla impostazione interna di risorse,

Dettagli

Il Regolamento REACh e la Check Compliance: proposta di Linee Guida

Il Regolamento REACh e la Check Compliance: proposta di Linee Guida Il Regolamento REACh e la Check Compliance: proposta di Linee Guida Piero Franz- Certiquality Bologna - 20 Giugno 2011 CERTIQUALITY IN ITALIA SEDE DI MILANO UFFICIO DI VENEZIA FONDATO NEL 1989 CERTIQUALITY

Dettagli

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI PROVINCIA DI PRATO Campi Bisenzio - FIRENZE 16 Dicembre 2013 Pagina 1 di 25 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. INTRODUZIONE...

Dettagli

Il Piano Straordinario per il Made in Italy: il Sistema Moda-Persona. Milano, 4 Febbraio 2015

Il Piano Straordinario per il Made in Italy: il Sistema Moda-Persona. Milano, 4 Febbraio 2015 Il Piano Straordinario per il Made in Italy: il Sistema Moda-Persona Milano, 4 Febbraio 2015 1 Il Piano per la Moda-Persona 2015 Il Governo recepisce le priorità del settore declinando un piano di filiera

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO SPECIALISTA IN BIOMONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO

BIOLOGA e BIOLOGO SPECIALISTA IN BIOMONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO BIOLOGA e BIOLOGO SPECIALISTA IN BIOMONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO Aggiornato il 17 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 BIOLOGA E BIOLOGO SPECIALISTA IN BIOMONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL RISCHIO...

Dettagli

Sistema di tracciabilità volontario nel settore dei metalli preziosi DOCUMENTO NORMATIVO

Sistema di tracciabilità volontario nel settore dei metalli preziosi DOCUMENTO NORMATIVO REV. DATA DESCRIZIONE PREPARATO VERIFICATO APPROVATO 0 30 gennaio 2012 1 a emissione Unionfiliere Segreteria Tecnica Organizzativa A. Vittoria Comitato Esecutivo di Unionfiliere 1 Revisione Unionfiliere

Dettagli

ALIMENTA. Informazioni ufficiostampa@lombardia.coop.it daniele.deluca@comune.milano.it

ALIMENTA. Informazioni ufficiostampa@lombardia.coop.it daniele.deluca@comune.milano.it Il carrello utilizzato per la raccolta dei prodotti alimentari per cani e gatti. ALIMENTA Informazioni ufficiostampa@lombardia.coop.it daniele.deluca@comune.milano.it La salvaguardia dell ambiente, la

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Oggetto: autocontrollo nelle industrie alimentari indicazioni a seguito delle modifiche al D.Lvo 155/97

Oggetto: autocontrollo nelle industrie alimentari indicazioni a seguito delle modifiche al D.Lvo 155/97 Direzione Sanità Pubblica Settore Vigilanza e Controllo Alimenti di Origine Animale Prot. n. /27.004 Torino, lì Ai Responsabili del SIAN delle ASL del Piemonte Ai Responsabili del Servizio Veterinario

Dettagli

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI Maria, Grazia Cerulo Medico veterinario, Responsabile UO Veterinaria filiera lattiero casearia ASL Napoli 2 Nord EVOLUZIONE

Dettagli

A SERVIZIO DELL UOMO E DELL IMPRESA Faccia il cielo che ognuno eserciti il mestiere che conosce! (Aristofane) La nostra missione aziendale......superare i vincoli per farli diventare opportunità di miglioramento.

Dettagli

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Campagna finanziata dall Unione Europea e dall Italia Chi siamo AIPO è un Unione Nazionale di Associazioni provinciali

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO DEL GRUPPO MIROGLIO

LA SICUREZZA SUL LAVORO DEL GRUPPO MIROGLIO LA SICUREZZA SUL LAVORO DEL GRUPPO MIROGLIO Agenda 1.Il Gruppo Miroglio 2.Le esigenze del Gruppo : Sicurezza e Normative 3.La soluzione adottata ed il progetto 4.Nuove implementazioni: le realizzazioni

Dettagli

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI L efficienza energetica nell industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck La normativa tecnica come strumento Sandro Picchiolutto Comitato

Dettagli

CHARTER A.I.S.E. PER LA PULIZIA SOSTENIBILE

CHARTER A.I.S.E. PER LA PULIZIA SOSTENIBILE CHARTER A.I.S.E. PER LA PULIZIA SOSTENIBILE Spiegazione dettagliata delle CSP (Versione 1.1, 7.11.2006) I. Condizioni generali Il presente documento contiene una serie di procedure di sostenibilità del

Dettagli

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME?

ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE NORME? Le norme volontarie sono emesse da Enti di Normazione, questi sono nazionali o europei: ANFOR (Francia); BSI (Regno Unito); BSI DIN (Germania); DIN UNI (Italia); UNI CEN (Europa). CEN A COSA SERVONO QUESTE

Dettagli

per il miglior eco-packaging alimentare proposto all interno dell evento

per il miglior eco-packaging alimentare proposto all interno dell evento per il miglior eco-packaging alimentare proposto all interno dell evento in collaborazione con Regolamento di partecipazione Art. 1 Enti organizzatori La Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO disegniamo insieme a te il futuro sede Via Savelli, 128-35129 Padova - tel. +39 049 8076143 - fax +39 049 8076136 - sito www.irecoop.veneto.it mail info@irecoop.veneto.it

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo

Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo Premessa L attuazione di uno schema di certificazione prevede, al fine della sua credibilità,

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali di cui alla norma UNI EN 10025-1, edizione

Dettagli

IL PROGETTO COSMIC CSR oriented supply-chain management to improve competitiveness (www.cosmic.sssup.it).

IL PROGETTO COSMIC CSR oriented supply-chain management to improve competitiveness (www.cosmic.sssup.it). LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA DI PISA La Scuola Superiore Sant Anna di Pisa è un istituto universitario pubblico a statuto speciale che opera nel campo delle Scienze applicate. Si propone di sperimentare

Dettagli

Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale.

Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale. Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale. Art. 1 Oggetto e finalità 1. La Regione, in coerenza con i principi internazionali

Dettagli

SCELTA DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE CLASSE III CAT a.s. 2014-2015 L1 1 CONCETTO DI QUALITA Un edificio è di qualità se risponde agli scopi per i quali è stato costruito. Passato: Presente: Il riferimento

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Il contributo dell accreditamento per il miglioramento e l efficacia dei processi produttivi

Il contributo dell accreditamento per il miglioramento e l efficacia dei processi produttivi ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Il contributo dell accreditamento per il miglioramento e l efficacia dei processi produttivi Filippo Trifiletti Direttore Generale Conformità e Affidabilità dei

Dettagli

Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili

Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili Supplemento 1.2009 7 Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili Gian Carlo Muzzarelli* Sommario 1. Tutela e sicurezza del lavoro nei cantieri edili. 2. I cardini della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM05U ATTIVITÀ 52.42.1 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI ATTIVITÀ 52.42.2 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI

STUDIO DI SETTORE UM05U ATTIVITÀ 52.42.1 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI ATTIVITÀ 52.42.2 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI STUDIO DI SETTORE UM05U ATTIVITÀ 52.42.1 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI CONFEZIONI PER ADULTI ATTIVITÀ 52.42.2 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI CONFEZIONI PER BAMBINI E NEONATI ATTIVITÀ 52.42.3 COMMERCIO AL DETTAGLIO

Dettagli

POLITICA AZIENDALE SALIN

POLITICA AZIENDALE SALIN POLITICA AZIENDALE SALIN s.r.l. Via Chiesa Nuova10-36023 Longare - Vicenza - Italy -Tel. +39 0444 555096 - Fax +39 0444 554050 - info@salin.it Pag. 1 a 6 SALIN s.r.l. opera nel settore orafo ( orologeria

Dettagli

Qualità - Privacy - Sicurezza - Ambiente e Mobility Management Soluzioni ICT - Assessment e Formazione - Marketing e Comunicazione

Qualità - Privacy - Sicurezza - Ambiente e Mobility Management Soluzioni ICT - Assessment e Formazione - Marketing e Comunicazione Qualità - Privacy - Sicurezza - Ambiente e Mobility Management Soluzioni ICT - Assessment e Formazione - Marketing e Comunicazione RATE SERVIZI Srl Via Santa Rita da Cascia, 3-20143 Milano Tel 0287382838

Dettagli

PSC 05H - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 22000 - REQUISITI ESSENZIALI -

PSC 05H - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMI DI GESTIONE ISO 22000 - REQUISITI ESSENZIALI - INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. REQUISITI ESSENZIALI RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE... 2 3. REQUISITI ESSENZIALI RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE... 2 4. SOSPENSIONE, REVOCA

Dettagli

Non basta guardare, occorre guardare con occhi che vogliono vedere, che credono in quello che vedono Galileo Galilei

Non basta guardare, occorre guardare con occhi che vogliono vedere, che credono in quello che vedono Galileo Galilei COMPANY PROFILE Non basta guardare, occorre guardare con occhi che vogliono vedere, che credono in quello che vedono Galileo Galilei L'azienda Biocheck srl è situata a Bologna ed ha iniziato ad operare

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività Bilancio di Sostenibilità 2012 dipendenti azionisti e investitori ambiente clienti e collettività fornitori istituzioni e comunità Sicurezza e salute dei lavoratori Per il gruppo A2A la prevenzione degli

Dettagli

Il Laboratorio Fotovoltaico del Cluster Tecnologico Energie Rinnovabili. Accreditamento del Laboratorio presso gli enti certificatori.

Il Laboratorio Fotovoltaico del Cluster Tecnologico Energie Rinnovabili. Accreditamento del Laboratorio presso gli enti certificatori. Il Laboratorio Fotovoltaico del Cluster Tecnologico Energie Rinnovabili Accreditamento del Laboratorio presso gli enti certificatori Gianluca Gatto Sommario Analisi di contesto Certificazione Pannelli

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

la certificazione per l etica vegana

la certificazione per l etica vegana la certificazione per l etica vegana certificazione a cura di la certificazione per l etica vegana certificazione a cura di è una Certificazione Guida il consumatore in un acquisto consapevole Sostiene

Dettagli

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO PREMESSA L Associazione "ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE o più brevemente ANTICRISI.NET, ha scelto di dotarsi di un Codice Etico. Adottare un Codice

Dettagli

LA NORMAZIONE COGENTE E QUELLA VOLONTARIA NELL INGEGNERIA INDUSTRIALE

LA NORMAZIONE COGENTE E QUELLA VOLONTARIA NELL INGEGNERIA INDUSTRIALE Seminari di preparazione all Esame di Stato per Ingegneri - Sessioni 2007 LA NORMAZIONE COGENTE E QUELLA VOLONTARIA NELL INGEGNERIA INDUSTRIALE Relatore Ing. Elio Candussi - Gorizia Udine, 10 maggio 2007

Dettagli

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008

Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Sistemi di gestione aziendale Sistema di gestione per la qualità - ISO 9001:2008 Per dare evidenza dell'efficace gestione organizzativa dell'azienda. Sistema di gestione ambientale - ISO 14001:2004 Per

Dettagli