IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA"

Transcript

1 IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 21 In breve Il quadro del mercato del lavoro lombardo rimane nel complesso debole, sebbene con qualche segnale di miglioramento. La ripresa del ciclo internazionale e la debolezza della ripresa dell economia lombarda, dato anche il consueto ritardo di aggiustamento del mercato del lavoro al ciclo economico, non consentono alle imprese di riassorbire lo stock di manodopera inutilizzata o sottoutilizzata generata dalla lunga crisi. Nel I trimestre 21, la disoccupazione raggiunge valori tra i più elevati da sempre e l occupazione torna a contrarsi per via di una nuova marcata flessione della componente maschile. E ancora in aumento il ricorso alla CIGS, evidenziando come il rischio di espulsione di manodopera non si sia ancora del tutto esaurito. Tuttavia sono ravvisabili segnali di miglioramento legati alle dinamiche congiunturali con il miglioramento dei saldi occupazionali e della fiducia delle imprese. I dati della rilevazione ISTAT delle Forze di Lavoro riferiti al I trimestre 21, mostrano un calo di circa 7mila occupati su base annua e un tasso di occupazione (15-6 anni) che si attesta al 6,% rispetto al 6,5% del I trimestre 213. Le dinamiche occupazionali riflettono quelle già osservate nei trimestri precedenti con la contrapposizione tra il protrarsi dell andamento positivo dell occupazione femminile (+,6 % su base annua) e la contrazione di quella maschile (-,7%); la crescita dell occupazione degli over 55 (+12,9%) e la riduzione di quella più giovane (-7,9%); le difficoltà occupazionali del comparto delle costruzioni (-1,7%), a fronte però del miglioramento dell agricoltura (+1,2%), dell industria in senso stretto (+1,5%) e la tenuta del terziario (+,6%); il sempre maggior ricorso al lavoro part-time (+,5%), soprattutto involontario che raggiunge il 55,9% del lavoro a tempo parziale. La situazione del mercato del lavoro lombardo appare ancora critica in riferimento alla disoccupazione: il numero di disoccupati nel I trimestre 21 sale a quasi 16mila, il valore più elevato dal 2 ad oggi, con un aumento di più di 9mila unità (+2,3%) rispetto al I trimestre 213. In complesso tra il 28 ed il 21 il volume di persone in cerca di occupazione è più che raddoppiato, facendo salire il tasso di disoccupazione all 8,9%. L aumento del tasso di disoccupazione nell ultimo anno sembra essere ascrivibile alla perdita dei posti di lavoro piuttosto che all aumentata offerta di lavoro secondario che aveva caratterizzato il 213: il tasso di attività è infatti sostanzialmente stabile al 7,7% (78,6% il tasso maschile e 62,7% quello femminile). La situazione è molto critica per i giovani che registrano un tasso di occupazione del 2,5% (-1,9pp su base annua) e un tasso di disoccupazione che raggiunge il 35,% (+6,7pp a/a), sebbene in parte legato ad un aumento del tasso di attività che sale al 31,7%. Segnali positivi emergono però dai dati congiunturali delle Comunicazioni Obbligatorie e dell Indagine Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia e Confindustria che mostrano un generalizzato miglioramento dei saldi occupazionali, con il saldo occupazionale dell artigianato, ininterrottamente negativo da fine 27, che torna in campo positivo. Nel I trimestre 21 si registra un aumento tendenziale della Cassa Integrazione (+15,7%). Aumenta soprattutto la CIGD (+81,8%), per le questioni amministrative legate al blocco della deroga ad inizio 213, così come la CIGS (+35,7%), mentre la componente ordinaria registra un calo delle ore autorizzate del 22,7%. Sono 79, milioni le ore complessivamente autorizzate, di cui 22,6 milioni di CIGO, 3, milioni di CIGS e 13, milioni di CIGD. I licenziamenti rimangono sui livelli elevati del 213 con 79 nuovi approvati alle liste di mobilità nel I trimestre 21. In complesso, ad inizio 21 le situazioni di crisi (CIG+Mobilità) pesano sull occupazione dipendente per il 2,6%. Se, da un lato, la debolezza della ripresa economica, unita al consueto ritardo di aggiustamento del mercato del lavoro al ciclo, porteranno ad un miglioramento del mercato del lavoro solo dal prossimo anno, dall altro la conferma dell inversione di tendenza dell economia ha portato ad un miglioramento della fiducia delle imprese e delle prospettive occupazionali: i saldi tra prospettive di aumento e diminuzione dell occupazione per il prossimo trimestre sono ancora negativi, ma improntati al miglioramento in tutti i comparti ad eccezione del commercio.

2 Sezione 1 Tendenze del mercato del lavoro regionale 1.1 Le dinamiche di medio periodo 1 Disoccupazione ai massimi storici Dalla seconda metà del 213 l economia ha superato la recessione, sebbene senza grandi spunti di crescita. Il periodo recessivo appena concluso ha però generato un surplus di manodopera sottoutilizzata che, data la debolezza della ripresa, le imprese non riescono a riassorbire completamente. Il quadro del mercato del lavoro lombardo, rimane quindi piuttosto critico, sebbene con qualche segnale di miglioramento, con l occupazione maschile in calo, mentre tiene l occupazione femminile, quella giovanile ancora in peggioramento, e livelli di disoccupazione che hanno raggiunto i massimi storici. I dati della rilevazione ISTAT delle Forze di Lavoro riferiti al I trimestre 21, mostrano una diminuzione del numero di occupati di circa 7mila unità su base annua e un tasso di occupazione (15-6 anni) che si attesta al 6,% rispetto al 6,5% del I trimestre 213 (Figura 1), ben 2, punti percentuali in meno rispetto al livello precrisi di inizio 28. La base occupazionale lombarda conta nel I trimestre 21 quasi,3 milioni di lavoratori, lo,2% in meno rispetto al I trimestre 213. In particolare, il tasso di occupazione maschile presenta una nuova flessione scendendo al 71,7%, il valore più basso dal 2, con una riduzione su base annua di,6 punti percentuali (Figura 2); la gravità del calo occupazionale maschile è ancora più evidente considerando i livelli pre-crisi rispetto ai quali il tasso di occupazione perde ben,3 punti percentuali, con l occupazione che si è ridotta di oltre 7mila lavoratori. Cresce invece leggermente l occupazione femminile (+,6%), che conta 1mila lavoratrici in più rispetto al I trimestre 213 e 1mila rispetto ai livelli pre-crisi di inizio 28 (Figura 3); il tasso di occupazione femminile su base annua cresce di,3 punti percentuali attestandosi al 1 Al momento della redazione del documento non sono disponibili i microdati ISTAT sulla Rilevazione Continua delle Forze di Lavoro per il I trimestre 21; non è stato quindi possibile aggiornare le analisi di dettaglio che si riferiscono solo al trimestre ,9%, avvicinandosi ai livelli pre-crisi di inizio 28 quando il tasso si attestava al 57,3%. Figura 1 Evoluzione del tasso di occupazione in Lombardia (15-6 anni) serie ricostruite I I I I I I I I I I I I I I I Figura 2 Evoluzione del tasso di occupazione per genere in Lombardia (15-6 anni) serie ricostruite Maschi Femmine I I I I I I I I Figura 3 - Numero di occupati - Variazioni % tendenziali a/a e contributi alla variazione per sesso Femmine Maschi Totale I I I I I I I I I I Le dinamiche di genere riflettono in parte i diversi andamenti settoriali (Figura ): nel I trimestre 21 continua infatti a contrarsi l occupazione nel settore edile, Sezione 1 Tendenze del mercato del lavoro regionale 2

3 prevalentemente maschile, con una riduzione del 1,7% su base annua, corrispondenti a circa 5mila lavoratori in meno, a fronte però della tenuta dell occupazione nell industria in senso stretto che registra un aumento tendenziale dell 1,5%; L occupazione cresce anche nei servizi, in cui si concentra la componente femminile, con lo,6% di occupati in più, pari a 15mila unità, e nell agricoltura (+6mila occupati, pari al +1,2%). Figura - Numero di occupati - Variazioni % tendenziali a/a e contributi alla variazione per settore I 9 Agricoltura Industria in s.s. Costruzioni Servizi Totale I 1 I I 12 I 13 I 1 La scarsa domanda di lavoro continua a penalizzare le componenti più giovani del mercato lavoro (Figura 5). Il ritardo nella ripresa e le difficoltà nel riassorbire la manodopera sottoutilizzata durante la crisi ritarderà ulteriormente la creazione di nuova occupazione, a discapito soprattutto delle nuove generazioni. Il dato più recente mostra come l occupazione giovanile (15-2 anni) registri una contrazione del 7,9% su base annua con un tasso di occupazione che scende al 2,5%, il valore più basso dal 2 ad oggi, 1,9 punti percentuali in meno su base annua e,2 punti in meno rispetto ai livelli pre-crisi quando si attestava al 31,7%. L occupazione giovanile, più flessibile e meno tutelata, conta circa 88mila occupati in meno rispetto ai valori pre-crisi (-32%). Tiene invece complessivamente l occupazione nelle fasce più adulte, grazie agli effetti delle riforme previdenziali che stanno ritardando l uscita dal mercato del lavoro dei lavoratori più anziani. L analisi per fascia di età conferma la permanenza nell occupazione degli over 55, con un aumento tendenziale del numero di occupati del 12,9%; nella fascia adulta (25-5 anni) l occupazione è invece in calo dell 1,1% rispetto a fine 213 (circa mila occupati in meno). Figura 5 - Numero di occupati - Variazioni % tendenziali a/a e contributi alla variazione per età Over 55 Totale I I I I I I I I I Fonte: Elaborazioni IRS su microdati Rilevazione Continua sulle Forze di Lavoro, Istat Si conferma la tenuta dell occupazione della componente italiana che, dopo oltre due anni di contrazione, è in crescita da inizio 213 (+,3%) a fronte dell aumento più marcato dell occupazione straniera (+1,6%), soprattutto femminile impiegato nei servizi di cura. (Figura 6). Figura 6 - Numero di occupati - Variazioni % tendenziali a/a e contributi alla variazione per cittadinanza I 6 Italiani Stranieri Totale I I I I I I I Fonte: Elaborazioni IRS su microdati Rilevazione Continua sulle Forze di Lavoro, Istat La forte incertezza del quadro economico ha portato le imprese a ricorrere molto più frequentemente alle forme flessibili di lavoro, sia in termini di contratti che di orari di lavoro. Aumenta ancora il ricorso al tempo parziale (+,5% rispetto al I trimestre 213) che sembra rispondere soprattutto alle esigenze di flessibilità delle imprese (Figura 7), con la quota di part-time involontario, accettato dai lavoratori solo in mancanza di occasioni di impiego a tempo pieno, che arriva a rappresentare il 55,9% del lavoro part-time, in aumento del 15,% su base Sezione 1 Tendenze del mercato del lavoro regionale 3

4 annua, sia tra gli uomini (+8,8%) che tra le donne (+17,9%). I dati disponibili per tipologia contrattuale mostrano inoltre come il lavoro dipendente rimanga stabile su base annua, sebbene con andamenti di genere opposti con l aumento della componente femminile (+,5%) e il calo di quella maschile (-,%); l occupazione maschile è in forte cal anche in riferimento al lavoro indipendente (-1,%) a fronte di un aumento di quello femminile (+,7%). Un segnale positivo è riscontrabile nel fatto che tra l occupazione alle dipendenze si registra un aumento tendenziale dello,8% dei contratti a tempo indeterminato, soprattutto per quanto riguarda le donne (+1,8% corrispondente a 25mila contratti in più), mentre è sostanzialmente stabile il lavoro a termine. Figura 7 Numero di occupati Variazioni % a/a e contributi alla variazione per tipologie contrattuale PT Flessibili FT* Indeterminato FT Altro Totale I I I I I I I I * Sono considerati Flessibili i lavoratori con contratto a tempo determinato e i collaboratori (a progetto o i prestatori di opera occasionali). Non è più possibile conteggiare i professionisti non regolamentati perché dal I trimestre 21, Istat non diffonde più il dato sull iscrizione all albo. Fonte: Elaborazioni IRS su microdati Rilevazione Continua sulle Forze di Lavoro, Istat Le condizioni del mercato del lavoro lombardo si presentano ancora critiche soprattutto in riferimento al marcato aumento della disoccupazione, che ha raggiunto i massimi storici soprattutto a causa dei licenziamenti e alla perdita dei posti di lavoro, data la stabilità del tasso di attività sia tra gli uomini che tra le donne. I disoccupati nel I trimestre 21 sono 16mila, il numero più elevato dal 2 ad oggi, in aumento di 9mila unità (+2,3%) rispetto al I trimestre 213. In complesso, tra il 28 ed il 21, il volume di persone in cerca di occupazione è più che raddoppiato rispetto ai 16mila disoccupati di inizio 28, facendo salire il tasso di disoccupazione all 8,9%, in leggero aumento rispetto al I trimestre 213 (Figura 8). L incremento nel tasso di disoccupazione riguarda però solo la componente maschile che raggiunge l 8,6% (+,8pp), mentre quella femminile si contrae al 9,2% (-,6pp), riducendo ulteriormente il differenziale di genere, a conferma delle gravi ripercussioni della crisi tra gli uomini. La disoccupazione assume inoltre un carattere sempre più strutturale, con un crescente rischio di depauperamento del capitale sociale e obsolescenza delle competenze che, nel lungo periodo, potrebbe incidere sulle prospettive di crescita e competitività dell intero sistema economico; l incidenza della disoccupazione di lunga durata (12 mesi o più), raggiunge il 52,2% del totale della disoccupazione, sebbene l aumento tendenziale sia più contenuto di quelli registrati nei trimestri passati (+12,1%). Figura 8 - Andamento del tasso di disoccupazione per genere in Lombardia serie ricostruite Maschi Femmine Totale I La partecipazione al lavoro in Lombardia si conferma stabile nel I trimestre 21 rispetto a quanto fatto registrare nello stesso periodo del 213, con un tasso di attività che si attesta al 7,7%; rimane costante il differenziale di genere a 15,6 punti percentuali, con un tasso maschile che si attesta al 78,6% a fronte di un tasso femminile del 62,7% (Figura 9). Da segnalare tra gli 7.8 Sezione 1 Tendenze del mercato del lavoro regionale

5 inattivi l aumento delle persone scoraggiate (+12,8%), che non cercano lavoro perché ritengono di non trovarlo ma che sono subito disponibili a lavorare, soprattutto tra gli uomini (+5%). Figura 9 - Andamento del tasso di attività per genere in Lombardia serie ricostruite Maschi Femmine I I I I I I I I I I I I I I I Un segnale positivo è riscontrabile nell aumento del tasso di attività giovanile che si attesta al 31,7% rispetto al 29,3% di fine 212 (Figura 1). La diminuzione dell inattività spiega quindi in parte anche per i più giovani l aumento del tasso di disoccupazione, che raggiunge il 35,% (+6,7pp a/a), un nuovo massimo dall inizio della crisi. Figura 1 Evoluzione del tasso di disoccupazione e di inattività giovanile (15-2 anni) in Lombardia Tasso di disoccupazione (scala sx) Tasso di inattività (scala dx) I I I I I I I I I Fonte: Elaborazioni IRS su microdati Rilevazione Continua sulle Forze di Lavoro, Istat Sezione 1 Tendenze del mercato del lavoro regionale 5

6 1.2 I flussi e le dinamiche congiunturali In peggioramento gli avviamenti, ma positivi i saldi in tutti i comparti La debolezza del mercato del lavoro lombardo è confermata anche dai dati di flusso sulle Comunicazioni Obbligatorie: nel I trimestre 21 gli avviamenti sono pari a circa 3mila unità, mentre le cessazioni raggiungono quasi le 31mila unità, determinando un saldo complessivo trimestrale di segno positivo di circa 35mila movimenti, in miglioramento rispetto al I trimestre 213 quando il saldo era positivo per 3mila unità. Si registra quindi un lieve miglioramento nelle dinamiche del mercato del lavoro rispetto al I trimestre 213, pur se in presenza di una leggera diminuzione tendenziale degli avviamenti (-2%) compensata da una più consistente riduzione delle cessazioni (-3,7%). La diminuzione tendenziale degli avviamenti riguarda principalmente il lavoro a progetto (-15,6%), mentre sono in aumento le somministrazioni (+8,%) e i contratti di apprendistato (+,9%) (Figura ). Figura Composizione percentuale degli avviamenti per tipologia contrattuale e variazioni tendenziali (I trimestre 21) Regione Lombardia Quota % Variazione % a/a 5, 5,5, 3, 28,1 2, 1,9 attesta al 1,9% rispetto al 13,5% del I trimestre 213; sostanzialmente invariate invece le incidenze dei contratti a tempo indeterminato (28,1%) e dell apprendistato (3,2%). I dati sulle Comunicazioni Obbligatorie confermano le tendenze settoriali rilevate dalle Forze di Lavoro con una contrazione tendenziale degli avviamenti nelle costruzioni (-1,2%) e i significativi aumenti degli avviamenti nell agricoltura (+7,9%) e nell industria (+6,%). Si contraggono invece su base annua gli avviamenti registrati nel commercio e nei servizi (-,7%). La composizione degli avviamenti per settore varia di poco rispetto al I trimestre 213, confermando la maggiore incidenza di commercio e servizi (69,6% vs 71,6% del I trimestre 213) e pesi più ridotti per l industria (19,8%, +1,6pp), le costruzioni (7%) e l agricoltura (3,6%). Figura 12 Composizione percentuale degli Avviamenti per settore e variazioni tendenziali (I trimestre 21) Regione Lombardia ,6 7,9 Quota % 69,6 7, 19,8 -,7-1,2 Agricoltura Commercio e Servizi Costruzioni Industria Fonte: ARIFL Regione Lombardia Variazione % a/a 6, 1, 8,2 8, 3,2,9, -2,5-2, -1, -15,6-2, Determinato Indeterminato Progetto Somministrazione Apprendistato Fonte: ARIFL Regione Lombardia I tassi di avviamento (Tabella 1), pari al rapporto tra il numero di avviamenti e lo stock occupazionale mostrano un aumento su base annua in tutti i settori ad eccezione di quello di commercio e servizi che cala dal 9% del I trimestre 213 all attuale 8,6%. In complesso circa il 69% degli avviamenti riguarda le forme flessibili (tempo determinato, lavoro a progetto e somministrazione). In particolare, l incidenza dei contratti a progetto cala leggermente scendendo all 8,2% (-1,3pp), e cresce l incidenza delle somministrazioni che si

7 gen-2 apr-2 lug-2 ott-2 gen-3 apr-3 lug-3 ott-3 gen- apr- lug- ott- gen-5 apr-5 lug-5 ott-5 gen-6 apr-6 lug-6 ott-6 gen-7 apr-7 lug-7 ott-7 gen-8 apr-8 lug-8 ott-8 gen-9 apr-9 lug-9 ott-9 gen-1 apr-1 lug-1 ott-1 gen- apr- lug- ott- Tabella 1 Tassi di Avviamento per settore confronto (I trimestre) Regione Lombardia I trim. 213 I trim. 21 Agricoltura 1 9,2 2,6 Commercio e Serv izi 9, 8,6 Costruzioni 7,9 8, Industria 5,6 5,9 Totale 8,2 8, Fonte: ARIFL Regione Lombardia e Istat, Rilevazione Continua sulle Forze di Lavoro La riduzione degli avviamenti si accompagna ad una più intensa riduzione delle cessazioni, portando così a saldi occupazionali positivi in tutti i comparti, in miglioramento per tutti i settori ad eccezione del terziario dove il saldo, pur rimanendo ampiamente positivo, si riduce di movimenti rispetto al I trimestre 213). (Figura 13). concentrazione stagionale dell avviamento di nuovi rapporti di lavoro (Figura 15). Figura 1 Variazione % addetti nel trimestre, indice destagionalizzato e medie mobili Saldo tra ingressi e uscite nell occupazione - Industria 1,,5, -,5-1, -1,5 variazione (scala sx) media mobile di termini (scala sx) Indice Destag. (scala dx) Figura 13 Saldi tra avviamenti e cessazioni per settore confronto (I trimestre) Regione Lombardia -2, 8 Avviamenti (scala sx) Cessazioni (scala sx) 3. Saldo (scala dx) Saldo 213(scala dx) Figura 15 La dinamica occupazionale dell industria Agricoltura Commercio e servizi Costruzioni Industria , 2,5 2, 1,5 1,,5, -,5-1, -1,5-2, Saldo Tasso di ingresso Tasso di Uscita Fonte: ARIFL Regione Lombardia Torna positivo il saldo nell artigianato Nel I trimestre 21, l indagine condotta da Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia e Confindustria presso un campione di imprese dell industria e dei servizi mostra un miglioramento dell occupazione in tutti i comparti ad eccezione del commercio. In particolare nell industria, (Figura 1), il saldo occupazionale è sostanzialmente nullo (+,) e stabile su base annua, sebbene il dato destagionalizzato sia in lieve calo, con tassi d ingresso e d uscita appaiati all 1,%, complice la Migliora invece la situazione nell artigianato, che ha registrato continui saldi negativi da fine 27, con un saldo occupazionale positivo (,2), frutto di una diminuzione del tasso di uscita all 1,7% (vs 2% di inizio 213) e di un tasso di ingresso sostanzialmente stabile all 1,9% (Figure 16 e 17). Positivi e in netto miglioramento anche i saldi nei servizi mentre rimane negativo e in peggioramento il saldo occupazionale del commercio. (Figure 18 e 19).

8 gen-7 mag-7 set-7 gen-8 mag-8 set-8 gen-9 mag-9 set-9 gen-1 mag-1 set-1 gen- mag- set- mag-12 set-12 mag-13 set gen-3 apr-3 lug-3 ott-3 gen- apr- lug- ott- gen-5 apr-5 lug-5 ott-5 gen-6 apr-6 lug-6 ott-6 gen-7 apr-7 lug-7 ott-7 gen-8 apr-8 lug-8 ott-8 gen-9 apr-9 lug-9 ott-9 gen-1 apr-1 lug-1 ott-1 gen- apr- lug- ott- gen-7 apr-7 lug-7 ott-7 gen-8 apr-8 lug-8 ott-8 gen-9 apr-9 lug-9 ott-9 gen-1 apr-1 lug-1 ott-1 gen- apr- lug- ott- Figura 16 Variazione % addetti nel trimestre, indice destagionalizzato e medie mobili Saldo tra ingressi e uscite nell occupazione - Artigianato variazione (scala sx) media mobile di termini (scala sx) Indice Destag. (scala dx) Figura 19 Variazione % addetti nel trimestre e medie mobili Saldo tra ingressi e uscite nell occupazione Commercio 1,5 variazione media mobile di termini 1,,5, ,,5, -,5 -,5 95-1, -1, 9-1,5-1,5-2, 85 8 Figura 17 La dinamica occupazionale dell artigianato Saldo Tasso di ingresso Tasso di uscita Figura 18 Variazione % addetti nel trimestre e medie mobili Saldo tra ingressi e uscite nell occupazione Servizi In aumento le richieste di CIG, soprattutto straordinaria Complessivamente nel I trimestre 21 il ricorso alla CIG ammonta a 79, milioni di ore: 22,6 milioni di CIGO, 3, milioni di CIGS e 13, milioni di CIGD. La composizione complessiva del monte ore CIG vede quella ordinaria al 29%, quella straordinaria al 55% e quella in deroga al 16% (Figure 2 e 21). Figura 2 Cassa Integrazione Guadagni Ore Autorizzate Regione Lombardia Media mobile centrata di 3 termini Ordinaria Straordinaria Deroga variazione media mobile di termini 5.. 3, 2,5 2, 1,5 1,,5, -,5-1, -1,5-2, -2, Fonte: elaborazioni IRS su dati INPS Nel I trimestre 21 la Cassa Integrazione Guadagni ha registrato un aumento del 15,7% rispetto al I trimestre del 213, dovuto in larga parte alla CIGD che cresce dell 81,8%, per via delle questioni amministrative legate al blocco della deroga ad inizio 213, e al +35,7% fatto registrare dalla CIGS, evidenziando un rischio di espulsione di manodopera che non si è ancora del tutto

9 I trimestre trimestre trimestre trimestre I trimestre trimestre trimestre trimestre I trimestre trimestre trimestre trimestre I trimestre trimestre trimestre trimestre I trimestre trimestre trimestre trimestre I trimestre esaurito; la componente ordinaria invece diminuisce del 22,7% rispetto allo stesso trimestre del Guardando alla variazione nel ricorso alla CIG su base annuale nei diversi settori di attività, si registra un aumento del 59,% nei servizi, nel commercio (+51,9%) e nel settore delle industrie meccaniche (+12,%), che rappresentano il,5% del totale delle ore autorizzate. In diminuzione invece il ricorso alla CIG nei settori manifatturieri, soprattutto del chimico (-3,5%) e del tessile (-36,%). Figura 21 Cassa Integrazione Guadagni Ore autorizzate Ordinaria Straordinaria Deroga I I I I I I I Fonte: elaborazioni IRS su dati INPS I dati dell indagine congiunturale Unioncamere Lombardia confermano la riduzione del ricorso alla CIG sia in riferimento alla quota di aziende industriali che ha utilizzato la Cassa pari al 19,9% (rispetto al 28,5% del I trimestre 213) che della quota di ore di CIG sul monte ore trimestrale (pari al 2,3%, dato inferiore al 3,7% fatto registrare nello stesso periodo dell anno precedente). Diminuisce contestualmente anche la quota delle imprese artigiane che hanno fatto ricorso alla CIG nel I trimestre 21 (,1% vs 18,2%) e la quota di ore sul monte ore lavorato che si attesta all 1,6% rispetto al 2,9% precedente. La gravità delle condizioni del mercato del lavoro si riflette nel perdurare dei licenziamenti collettivi e delle situazioni di crisi. Il numero dei lavoratori approvati nelle liste di mobilità è pari nel I trimestre 21 a circa 7.9 unità (Figure 22 e 23), sebbene leggermente in calo (1,1%) tra le imprese con più di 15 addetti (L. 223/91), mentre, a seguito dell'introduzione della legge di stabilità 213 (legge n 228 del 2 dicembre 212), solo lavoratori risultano essere in mobilità ai sensi della L.236/93 che garantiva la possibilità di richiedere l iscrizione nella lista di mobilità da parte dei lavoratori cessati presso imprese con meno di 15 addetti. L aumento delle situazioni di crisi è confermato anche dai dati del Registro imprese sulle procedure concorsuali che mostrano nel I trimestre 21 un aumento dei fallimenti del 16,% e dei concordati del 3,8%. Figura 22 I lavoratori approvati nelle liste di mobilità Regione Lombardia Valori assoluti (I trimestre 21) /91 236/93 Totale Fonte: ARIFL Regione Lombardia Figura 23 Dinamica e composizione dei lavoratori approvati in lista di mobilità anni Regione Lombardia L. 223/91 L. 236/93 e rimangono elevati i licenziamenti collettivi e le situazioni di crisi Fonte: Fonte: ARIFL Regione Lombardia 2 I dati più recenti riferiti ai mesi di Aprile e Maggio21 mostrano invece una contrazione della CIG di circa il 6%, ascrivibile alla forte contrazione della sola componente ordinaria (-1%). 3 In riferimento ai dati sui lavoratori approvati alle liste di mobilità da parte della Sottocommissione Mobilità/Ammortizzatori sociali in deroga (Regione Lombardia), va specificato che essi non si basano né sulla data dell effettivo licenziamento né sulla data della comunicazione alle Province da parte delle imprese. Fra tali eventi può infatti intercorrere un arco temporale variabile che rende necessario leggere con cautela i dati riferiti ad un arco temporale ristretto. La legge 2 dicembre 212, n. 228 (Legge di stabilità 213), non ha più disposto la proroga dell iscrizione nelle liste di mobilità dei lavoratori licenziati in forma individuale ovvero da imprese che occupano anche meno di 15 dipendenti secondo quanto previsto dall art., comma 1, della legge 19 luglio 1993, n. 236, né, di conseguenza, il rifinanziamento degli sgravi contributivi connessi all assunzione di soggetti iscritti in dette liste.

10 Lombardia 2,6% Le potenziali situazioni di crisi (CIG totale 5 + Mobilità) in Lombardia nel I trimestre 21 pesano per il 2,6% sull occupazione dipendente (Figura 2), in aumento di,3pp rispetto all anno precedente, principalmente per via dell aumento delle componenti di CIGS e CIGD, mentre diminuisce l incidenza delle situazioni di crisi per la Cassa Integrazione Ordinaria e, come già detto, per la mobilità dovuta ai cambiamenti introdotti dalla legge di stabilità. Il numero stimato di lavoratori in crisi è pari a circa 86mila unità. Le province (Figura 25) dove è maggiore il coinvolgimento dei lavoratori in situazioni di crisi si riconfermano, in ordine di incidenza, Brescia (,%), Lecco (,2%) e Varese (,2%). Da segnalare il significativo incremento dell incidenza delle crisi in provincia di Mantova, per via del marcato aumento della Cassa Integrazione straordinaria e in deroga. Figura 2 I lavoratori coinvolti in situazioni di crisi Incidenza sull occupazione dipendente Regione Lombardia - (Gennaio- Marzo 21) 3,5 3, 2,5 2, 1,5 1,, ,1 1,,9,7,8,6,7,,5,5,5,6,6,6,,2,3 1,,6,,5,,2,2 1,6 3,2 2,6 2,3 2,2 2,1 Mobilità CIGO CIGS CIGD Totale Fonte: elaborazioni IRS su dati ARIFL Regione Lombardia (Mobilità), INPS (CIG) e Istat (n. occupati). Figura 25 Lavoratori coinvolti in situazioni di crisi Incidenza sull occupazione dipendente (Gennaio-Marzo 21) Milano Brescia Varese Bergamo Como Mantova Lecco Pavia Cremona Lodi Sondrio Brescia Lecco Varese Mantova Bergamo Como Cremona Lodi Pavia Milano Sondrio a) Stima lavoratori Mobilità b) Incidenza % sull occupazione provinciale 1,3 1,6 1,5 1,9 -,5 1, 1,5 2, 2,5 3, 3,5,,5 5, Fonte: elaborazioni IRS su dati ARIFL Regione Lombardia (Mobilità), INPS (CIG) e Istat (n. occupati). 1.3 Una lenta ripresa e prospettive in miglioramento In complesso i dati sul mercato del lavoro confermano un quadro ancora critico, sebbene il miglioramento dello scenario economico si stia riflettendo sulla crescita della fiducia delle imprese. Se da un lato, infatti, la debolezza della ripresa economica, unita al consueto ritardo di aggiustamento del mercato del lavoro al ciclo, porterà ad un vero miglioramento del mercato del lavoro solo dal prossimo anno, dall altro l inversione di tendenza ha determinato un miglioramento delle prospettive occupazionali: i saldi tra prospettive di aumento e diminuzione dell occupazione per il prossimo trimestre sono ancora negativi, ma improntati al miglioramento in tutti i comparti ad eccezione del commercio. CIG 2,5 2,8 2,9 3,8,2,2, 5 La stima dei lavoratori in CIG equivalenti a ore tiene conto dell effettivo tiraggio delle ore di cassa integrazione. Si veda la Nota metodologica.

11 gen-6 apr-6 lug-6 ott-6 gen-7 apr-7 lug-7 ott-7 gen-8 apr-8 lug-8 ott-8 gen-9 apr-9 lug-9 ott-9 gen-1 apr-1 lug-1 ott-1 gen- apr- lug- ott- gen-9 apr-9 lug-9 ott-9 gen-1 apr-1 lug-1 ott-1 gen- apr- lug- ott- gen-9 apr-9 gen-6 apr-6 lug-6 ott-6 gen-7 apr-7 lug-7 ott-7 gen-8 apr-8 lug-8 ott-8 gen-9 apr-9 lug-9 ott-9 gen-1 apr-1 lug-1 ott-1 gen- apr- lug- ott- lug-9 ott-9 gen-1 apr-1 lug-1 ott-1 gen- apr- lug- ott- Figura 26 Prospettive dell occupazione per il trimestre successivo Saldo tra aumento e diminuzione Industria Figura 28 Prospettive dell occupazione per il trimestre successivo Saldo tra aumento e diminuzione Commercio 15 1 saldo media mobile termini -2 saldo media mobile termini Figura 27 Prospettive dell occupazione per il trimestre successivo Saldo tra aumento e diminuzione Artigianato saldo media mobile termini Figura 29 Prospettive dell occupazione per il trimestre successivo Saldo tra aumento e diminuzione Servizi saldo media mobile termini La presente Nota Congiunturale è realizzata, sulla base dei dati disponibili al 16/6/21, dal gruppo di lavoro IRS diretto da Manuela Samek Lodovici e composto Federico Iacaruso e Monica Patrizio.

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Giugno 213 In breve Nel I trimestre 213 permangono le criticità del mercato del lavoro lombardo. Il quadro ancora negativo dell economia

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA Nota congiunturale trimestrale Settembre 213 In breve Il recente rafforzamento del ciclo internazionale ha portato qualche primo debole segnale di inversione di tendenza

Dettagli

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009

Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo. Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 2009 Crisi e mercato del lavoro in provincia di Bergamo Manuela Samek Lodovici Bergamo, 1 dicembre 009 Gli indicatori strutturali Nel I semestre 009 la crisi colpisce soprattutto l occupazione maschile Tasso

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA NUMERO 14 DATI 2009 E PRIMO TRIMESTRE 2010 Modena, 22 Giugno 2010 1 LA DOMANDA DI LAVORO: GLI ADDETTI ALLE UNITA LOCALI DELL INDUSTRIA E SERVIZI

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

LA CONGIUNTURA ECONOMICA. Industria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel terzo trimestre 2014

LA CONGIUNTURA ECONOMICA. Industria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel terzo trimestre 2014 LA CONGUNTURA ECONOMCA ndustria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel terzo trimestre 2014 Servizio Studi della CCAA di Bergamo 4 novembre 2014 2 ndustria, artigianato,

Dettagli

LA CONGIUNTURA ECONOMICA. Industria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel primo trimestre 2013

LA CONGIUNTURA ECONOMICA. Industria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel primo trimestre 2013 LA CONGIUNTURA ECONOMICA Industria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel primo trimestre 2013 Servizio Studi della C C I A A di Bergamo 7 maggio 2013 Industria, artigianato,

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO

Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Le previsioni sull occupazione nel 2010 in provincia di BERGAMO Risultati dell Indagine Excelsior realizzata dal sistema camerale sulla domanda di lavoro delle imprese per l anno 2010 Servizio Documentazione

Dettagli

Report mercato del lavoro in provincia di Pavia Anno 2013

Report mercato del lavoro in provincia di Pavia Anno 2013 Settore Sviluppo Economico Servizi alle Imprese Semplificazione Amministrativa Politiche del Lavoro Formazione Professionale e Istruzione Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Pavia Servizi

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 2.536 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro Provincia di LECCO POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro IL LAVORO RIPARTE? Marzo 2014 Il rapporto di ricerca

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 2 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Settembre 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Provincia di Cremona 1 2015 Nel primo 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare quasi 210.000 nuovi contratti di

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Maggio 2014 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza

Saldi delle posizioni lavorative dal 30 giugno 2008 per genere e cittadinanza LA GRANDE CRISI RACCONTATA DAI NUMERI di Maurizio Gambuzza Saldi delle posizioni lavorative dal 3 giugno 28 per genere e cittadinanza 5-5 -1-15 -2-25 Uomini italiani Donne italiane Uomini stranieri Donne

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO marzo 2014 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Centro Studi Unindustria & CSC Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Novembre 2013 SOMMARIO L Indagine Occupazione Assenze Retribuzioni 1 L Indagine Imprese associate al Sistema Confindustria Struttura

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Giugno 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2014 a cura del NETWORK SECO Febbraio 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Anno 2011 e I semestre 2012 1 ottobre 2012 A cura di Anna Basalisco 1 Fonti proprie - Cubi OLAP

Dettagli

Newsletter ARIFL - IO LAVORO

Newsletter ARIFL - IO LAVORO Variazioni tendenziali e congiunturali del lavoro in somministrazione in Italia nel mese di dicembre 2009 secondo l Osservatorio nazionale Ebitemp - Formatemp Cassa Integrazione nelle province lombarde

Dettagli

LA CONGIUNTURA ECONOMICA. Industria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel quarto trimestre 2014

LA CONGIUNTURA ECONOMICA. Industria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel quarto trimestre 2014 LA CONGUNTURA ECONOMCA ndustria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel quarto trimestre 2014 Servizio Studi della CCAA di Bergamo 10 febbraio 2015 2 ndustria, artigianato,

Dettagli

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA Presentazione dei dati del 4 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA 1 Nell ormai consueto

Dettagli

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI 1 trimestre 201 Allegato Statistico Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica Maggio 201 1. Gli indicatori congiunturali Nel primo trimestre 201 le imprese

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA

IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA V a Edizione dell Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro IL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA RAPPORTO 2011 a cura della Commissione Centri Studi Confindustria Lombardia e di Edoardo Della Torre Università

Dettagli

BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini

BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini BOLLETTINO DEL LAVORO N.3/2013 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini Il Centro studi Politiche del lavoro e società locale della

Dettagli

economico congiunturale

economico congiunturale indicatori Economica Numero 6 novembre-dicembre 55 Osservatorio economico congiunturale indicatori ll punto sull economia della provincia di 56 Economica Numero 6 novembre-dicembre I RISULTATI DI BILANCIO

Dettagli

OCCUPAZIONE E DISOCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI PRATO. ASEL SrL. Report intermedio (Bozza)

OCCUPAZIONE E DISOCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI PRATO. ASEL SrL. Report intermedio (Bozza) OCCUPAZIONE E DISOCCUPAZIONE IN PROVINCIA DI PRATO ASEL SrL Report intermedio (Bozza) Settembre 2013 1 INDICE Introduzione e principali risultati...3 1. Tendenze economiche e sociali in provincia di Prato:

Dettagli

Lunedì 9 presentazione della ricerca con l assessore Aprea Lombardia, tre laureati su quattro trovano lavoro entro un anno Milano Bergamo Brescia

Lunedì 9 presentazione della ricerca con l assessore Aprea Lombardia, tre laureati su quattro trovano lavoro entro un anno Milano Bergamo Brescia Lunedì 9 presentazione della ricerca con l assessore Aprea Lombardia, tre laureati su quattro trovano lavoro entro un anno Stabile (19%), a termine (18%), stage (12%), impresa (12%) Grazie al Jobs Act

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

L'occupazione in FVG Dati al IV trimestre 2012

L'occupazione in FVG Dati al IV trimestre 2012 L'occupazione in FVG Dati al IV trimestre 2012 a regionale REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alle finanze, patrimonio e programmazione, ambiente, energia e politiche per la montagna

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI ANNO 2012 Giugno 2013 1 INDICE 1 Il mercato del lavoro provinciale secondo l Istat p. 3 1.1 Premessa 3 1.2 La partecipazione al mercato del lavoro

Dettagli

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE Sintesi per la stampa Roma, 11 settembre 2014 Sintesi per la Stampa L attività produttiva del settore metalmeccanico, dopo la fase recessiva protrattasi

Dettagli

I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche

I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche I giovani nel contesto socio-economico della regione Marche Analisi estratta dal Capitolo 5 (La valutazione strategica) del Rapporto di valutazione 2012 realizzato da FGB e IRS nell ambito delle Attività

Dettagli

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico Osservatorio sindacale Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico 17 S.O.S. INDUSTRIA METALMECCANICA In caduta libera i dati dell occupazione 17 Rapporto sulle situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

FOCUS ECONOMIA UMBRIA

FOCUS ECONOMIA UMBRIA FOCUS ECONOMIA UMBRIA UMBRIA Occupazione residente Avviamenti Mobilità Cassa Integrazione Guadagni Produzione Industriale Consumi Export Demografia d impresa Credito CGIL UMBRIA FOCUS ECONOMIA 2 2013 UMBRIA

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

REGISTRO IMPRESE: 50indicatori. si rafforza la struttura imprenditoriale. I dati della movimentazione a fine settembre 2013 in provincia di Modena

REGISTRO IMPRESE: 50indicatori. si rafforza la struttura imprenditoriale. I dati della movimentazione a fine settembre 2013 in provincia di Modena 5indicatori REGISTRO IMPRESE: si rafforza la struttura imprenditoriale I dati della movimentazione a fine settembre 213 in provincia di SALDO TRA ISCRIZIONI E CESSAZIONI Nel 3 trimestre del 213 il tessuto

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova 1 In sintesi: Prosegue la

Dettagli

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE

INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE INDAGINE ANNUALE OCCUPAZIONALE Anno 2014 Parma, giugno 2015 A cura di OSSERVATORIO ECONOMICO UFFICIO STUDI Introduzione La prima edizione dell indagine sull occupazione condotta dell Unione Parmense degli

Dettagli

Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014

Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014 Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014 Il Servizio Informazione e Promozione Economica della Camera di Commercio di Mantova rende

Dettagli

LA CONGIUNTURA ECONOMICA. Industria, artigianato, commercio e servizi in provincia di Bergamo nel secondo trimestre 2011

LA CONGIUNTURA ECONOMICA. Industria, artigianato, commercio e servizi in provincia di Bergamo nel secondo trimestre 2011 LA CONGIUNTURA ECONOMICA Industria, artigianato, commercio e servizi in provincia di Bergamo nel secondo trimestre 2011 Servizio Documentazione economica della CCIAA di Bergamo 26 luglio 2011 2 Industria,

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Campania 2 2015 Tra aprile e giugno 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare 282.000 nuovi contratti di lavoro,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Flash Industria 4.2011

Flash Industria 4.2011 15 febbraio 2011 Flash Industria 4.2011 Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una flessione del -1,4 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

INDAGINE APRILE 2016

INDAGINE APRILE 2016 INDAGINE APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA MILANO, 1 APRILE 2016 La crisi è passata anzi no, italiani confusi rispetto alla crisi e alla sua durata: il 33% degli intervistati ritiene che sia in atto una debole

Dettagli

BOLLETTINO DEL LAVORO N.2/2015 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini

BOLLETTINO DEL LAVORO N.2/2015 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini BOLLETTINO DEL LAVORO N.2/2015 Pubblicazione periodica a cura del Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini Il Centro studi Politiche del lavoro e società locale della

Dettagli

Sezione 2 Tendenze del mercato del lavoro a livello provinciale PAVIA Luglio 2016

Sezione 2 Tendenze del mercato del lavoro a livello provinciale PAVIA Luglio 2016 Sezione 2 Tendenze del mercato del lavoro a livello provinciale PAVIA Luglio 216 Nella provincia di i dati del I trimestre 216 mostrano segnali positivi: l occupazione è in aumento e i saldi occupazionali

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

Aggiornamento luglio 2009

Aggiornamento luglio 2009 - Ufficio Studi - Aggiornamento luglio 2009 Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio

Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio Povertà e mercato del lavoro Prof.ssa Enrica Morlicchio Dipartimento di Scienze Sociali Università degli Studi di Napoli Federico II enrica.morlicchio@unina.it La riduzione dell occupazione nella crisi

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO. Premessa

MERCATO DEL LAVORO. Premessa MERCATO DEL LAVORO L Ufficio Studi della Camera di Commercio di Rimini predispone da diversi anni una serie di approfondimenti (al 31 dicembre di ogni anno) sulle principali caratteristiche mercato del

Dettagli

VALLE D AOSTA DATI SOCIO-ECONOMICI

VALLE D AOSTA DATI SOCIO-ECONOMICI VALLE D AOSTA DATI SOCIO-ECONOMICI La Valle d Aosta, costituita in regione autonoma a statuto speciale con legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 4, realizza la singolare condizione, unica nel territorio

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 Udine, 20 novembre 2015 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia

Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia Note per la Stampa - Perugia 29 giugno 2015 - Indagine Excelsior 2015 Provincia di Perugia II trimestre 2015 Presentati dal Presidente della Camera di Commercio di Perugia Giorgio Mencaroni i risultati

Dettagli

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia IL SISTEMA PRODUTTIVO LOMBARDO NEL 2006 SECONDO IL REGISTRO STATISTICO ASIA (giugno 2009) Secondo il registro statistico delle imprese attive e delle loro unità locali (ASIA Imprese e Unità locali) sono

Dettagli

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA

DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA DEPOSITI E PRESTITI BANCARI PROVINCIA DI BRESCIA Dal 31/12/2007 al 30/6/20 QUADERNI DI APPROFONDIMENTO N. 8/20 Ottobre 20 Fonte dati Banca d'italia Elaborazioni Ufficio Studi ed Informazione Statistica

Dettagli

Sezione 2 Tendenze del mercato del lavoro a livello provinciale CREMONA Dicembre 2014

Sezione 2 Tendenze del mercato del lavoro a livello provinciale CREMONA Dicembre 2014 Sezione 2 Tendenze del mercato del lavoro a livello provinciale CREMONA Dicembre 214 I dati relativi al III trimestre 214 mostrano qualche segnale di miglioramento nel mercato del lavoro della provincia

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana

Movimprese III trimestre 2015. Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Movimprese III trimestre 2015 Natalità e mortalità delle imprese registrate presso le Camere di Commercio della Toscana Firenze, Novembre 2015 Indice CAPITOLO 1: IL QUADRO GENERALE CAPITOLO 2: TIPOLOGIE

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 Le previsioni delle imprese manifatturiere liguri per il terzo trimestre 2013 hanno confermato alcuni

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Il mercato del lavoro nella provincia di Ancona: la banca dati Excelsior

Il mercato del lavoro nella provincia di Ancona: la banca dati Excelsior Il mercato del lavoro nella provincia di Ancona: la banca dati Excelsior Relazione di Stefano Staffolani 1) breve sintesi delle informazioni empiriche sul mercato del lavoro provinciale e regionale 2)

Dettagli

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

LAVORO E RETRIBUZIONI

LAVORO E RETRIBUZIONI 10 LAVORO E RETRIBUZIONI Nel 2013, gli occupati diminuiscono di 478 mila unità, portando il tasso di occupazione per la popolazione di 15-64 anni al 55,6 per cento, molto al di sotto del dato Ue (64,1

Dettagli

sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006

sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006 sistema statistico nazionale Milano dati Serie economia e lavoro 12 Le Forze di Lavoro nel Comune di Milano 2004-2006 A cura di: Flavio Necchi, Paolo Mariani, Biancamaria Zavanella, Paolo Pavanati Elaborazioni

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli