Informazioni sulla tutela dei non fumatori dal fumo passivo nel Cantone dei Grigioni (in considerazione delle direttive valide dal 1 maggio 2010)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazioni sulla tutela dei non fumatori dal fumo passivo nel Cantone dei Grigioni (in considerazione delle direttive valide dal 1 maggio 2010)"

Transcript

1 Informazioni sulla tutela dei non fumatori dal fumo passivo nel Cantone dei Grigioni (in considerazione delle direttive valide dal 1 maggio 2010) Premesse In considerazione della minaccia per la salute dovuta al fumo del tabacco, per proteggere i non fumatori dal fumo passivo nel Cantone dei Grigioni il 1 marzo 2008 è stato introdotto il divieto di fumo negli spazi chiusi accessibili al pubblico. Per motivi di prevenzione, all'interno e all'esterno di aree scolastiche e impianti sportivi scolastici, nonché di centri di incontro e assistenza per bambini e adolescenti il fumo è stato vietato in generale, con una eccezione. Art. 15a della legge sull'igiene pubblica del Cantone dei Grigioni (Legge sull'igiene pubblica) 1 È vietato fumare: a) negli spazi chiusi accessibili al pubblico, salvo che ciò avvenga in appositi spazi separati per fumatori; b) all'interno e all'esterno di aree scolastiche e impianti sportivi scolastici, nonché di centri di incontro e assistenza per bambini e adolescenti. 2 I comuni possono abrogare il divieto di fumo secondo il capoverso 1 lettera b per manifestazioni ed eventi che si rivolgono prevalentemente ad adulti o in scuole con un'offerta di formazione esclusivamente post-obbligatoria, se vengono predisposti spazi separati non destinati all'attività scolastica o luoghi all'aperto definiti in cui fumare. La legge federale del 3 ottobre 2008 concernente la protezione contro il fumo passivo e la relativa ordinanza del Consiglio federale del 28 ottobre 2009 stabiliscono delle disposizioni minime valide in tutta la Svizzera. Entreranno in vigore il 1 maggio Sulla base delle prescrizioni della Confederazione, i comuni possono abrogare il divieto di fumo per manifestazioni conformemente all'art. 15a cpv 2 della legge sull'igiene pubblica solo per luoghi all'aperto definiti. La legge federale offre esplicitamente ai Cantoni la possibilità di emanare regolamentazioni più ampie. Le disposizioni per la protezione contro il fumo passivo

2 Pagina 2 vigenti nel Cantone dei Grigioni sin dal 1 marzo 2008 rimangono perciò vincolanti e applicabili, nella misura in cui vadano oltre quanto previsto dal diritto federale. Le nuove regolamentazioni della Confederazione richiedono che in linea di principio negli «spazi chiusi accessibili al pubblico o adibiti a luoghi di lavoro per più persone» sia vietato fumare. I due criteri si applicano alla maggior parte degli stabilimenti del settore alberghiero e della ristorazione. Dal 1 maggio 2010 sarà vietato fumare sia negli spazi di mescita, che negli spazi utilizzati dai clienti (atrio, guardaroba, corridoi, ecc.) Come è già il caso oggi nel Cantone dei Grigioni, i gerenti di imprese del settore alberghiero e della ristorazione hanno la possibilità di creare delle sale fumatori in spazi separati. In conformità con le disposizioni vigenti nel Cantone, per tali spazi valgono le seguenti condizioni, secondo cui le sale fumatori non possono essere locali principali, non servono da passaggio verso altri spazi, hanno una superficie non superiore a un terzo della superficie totale degli spazi di mescita, non offrono al loro interno prestazioni maggiori rispetto al resto dell'esercizio. Fanno eccezione gli articoli e gli accessori per fumatori, non prevedono orari d'apertura più lunghi rispetto al resto dell'esercizio. In aggiunta alle citate disposizioni attuali, la Confederazione ha emanato le seguenti prescrizioni che vanno oltre le prescrizioni dell'attuale legislazione cantonale per le sale fumatori. Le sale fumatori devono essere separate ermeticamente dagli altri spazi mediante elementi costruttivi fissi, disporre di una porta a chiusura automatica, essere dotate di una ventilazione adeguata, essere designate chiaramente come tali in un punto ben visibile a ogni entrata. Il gerente della sala fumatori deve provvedere affinché le persone che si trovano nello spazio adiacente in cui è vietato fumare non vengano infastidite dal fumo. La Confederazione ha rinunciato a precisare i requisiti della ventilazione. Spetta alle autorità esecutive cantonali fissare i requisiti per una ventilazione adeguata. Un sistema di ventilazione meccanica a depressione permette senz'altro di adempiere l'obbligo di

3 Pagina 3 diligenza menzionato. Tale sistema assicura una circolazione costante dell'aria da uno spazio attiguo alla sala fumatori, evitando così che l'aria fumosa fuoriesca negli spazi adiacenti. Nel caso ideale la ventilazione viene garantita da un impianto di ventilazione meccanico a depressione conformemente alla direttiva "SITC VA Ventilazione negli esercizi pubblici". Sono però possibili anche altre soluzioni. La situazione va valutata nel caso concreto da parte degli organi comunali competenti. Il diritto federale offre ai Cantoni la possibilità di autorizzare, su richiesta, quali locali per fumatori le imprese della ristorazione che dispongono di una superficie totale accessibile al pubblico non superiore a 80 metri quadrati (inclusa area d'ingresso, guardaroba e toilette). Il diritto cantonale non prevede la possibilità di autorizzazioni per locali per fumatori.

4 Pagina 4 Domande e risposte Le indicazioni seguenti hanno lo scopo di rispondere alle domande poste in relazione all'attuazione della regolamentazione decisa dal Gran Consiglio a tutela dei non fumatori dal fumo passivo. 1. Spazi chiusi accessibili al pubblico Cosa si intende con spazio accessibile al pubblico? Sono considerati spazi accessibili al pubblico gli spazi chiusi di principio accessibili a tutti, gratuitamente o a pagamento. Quali spazi non sono accessibili al pubblico? Gli spazi ai quali è possibile accedere solo a determinate condizioni, p. es. in qualità di membro di una società, non sono considerati accessibili al pubblico. I requisiti per divenire membro devono essere tali che non tutti possano senz'altro divenirlo. Se lo spazio, nonostante il requisito della qualità di membro, è in fin dei conti di principio accessibile a tutti, esso deve essere qualificato come pubblico ai sensi della presente disposizione ed è quindi soggetto al divieto di fumo. Non sono accessibili al pubblico ad esempio le camere d'albergo e di offerte di pernottamento analoghe. Un club dispone di un locale, nel quale il sabato si svolgono con regolarità delle feste. A queste feste possono però partecipare anche i non membri. Esiste un divieto di fumo per queste feste? Sì. Il divieto di fumo non vige nei casi in cui gli spazi non sono accessibili al pubblico e sono presenti solo i membri del club. Un bar si presenterà in futuro quale barclub. Per l'accesso al bar è necessaria una tessera associativa, che viene rilasciata, su richiesta, a chiunque. Per diventare membro, i richiedenti non devono quindi soddisfare alcun criterio specifico. In questo caso vige il divieto di fumo? Sì.

5 Pagina 5 Un tennis club gestisce un proprio locale. A questo hanno accesso soltanto i membri del club. In linea di principio, ognuno può diventare membro, dietro pagamento della tassa annuale. In questo caso vige il divieto di fumo? No, nella misura in cui non viene impiegata più di una persona. Se il locale funge da luogo di lavoro per più persone, allora va gestito quale locale senza fumo, conformemente alla normativa sulla protezione degli impiegati. Quali premesse devono essere soddisfatte, sulla base di esempi pratici, affinché non tutti possano diventare membri di un club/un'associazione? Quale ruolo viene attribuito alla tassa sociale? È richiesta un'associazione in senso giuridico con statuto, ecc.? A questa domanda non è possibile rispondere in modo esaustivo. La risposta alla domanda se, nonostante il requisito della qualità di membro, uno spazio debba essere qualificato come pubblico ai sensi dell'art. 15a cpv. 1 lett. a della legge sull'igiene pubblica, deve essere valutata caso per caso e dipende in fin dei conti dalla giurisprudenza dei tribunali. Si deve in sostanza affermare che i requisiti per divenire membro devono essere tali da evitare che chiunque possa senz'altro diventarlo (cfr. M 2006/2007, p. 1761); si deve quindi raccomandare ai gestori di club di definire per iscritto i presupposti per divenire membro del club e di non porre a un livello troppo basso il limite per diventarlo. Consigliamo un importo associativo minimo di fr 50.- annuali, una limitazione del numero dei membri valutata in modo realistico in base all'ampiezza dei locali e l'ammissione di soli membri fumatori. Gli esercizi che non sono aperti al pubblico devono inoltre assicurarsi, mediante un adeguato controllo d'accesso, che nel locale si intrattengano effettivamente solo membri del club. I locali di club o associazioni sono anche soggetti al divieto di fumo, se vi lavorano almeno due persone. Come devono essere considerati dancing, discoteche, bar e night club annessi a esercizi alberghieri o a ristoranti? Per quanto riguarda un dancing, una discoteca o un night club, anche se è annesso a un albergo o a un ristorante, esso è considerato esercizio indipendente. Di conseguenza, la superficie degli spazi per fumatori può ammontare al massimo a un terzo della superficie degli spazi chiusi accessibili al pubblico del dancing, della discoteca o del night club. Non è permesso "computare" la superficie con la superficie di altri spazi.

6 Pagina 6 In quale misura, risp. in che modo viene garantita la protezione dei non fumatori dal fumo passivo ai bar degli alberghi? Conformemente all'art. 4 cpv. 4 dell'ordinanza concernente la protezione contro il fumo passivo, sull'arco dell'intero orario d'apertura dell'esercizio, la superficie degli spazi per fumatori può ammontare al massimo a un terzo della superficie degli spazi chiusi accessibili al pubblico. Per gli esercizi pubblici è determinante la superficie destinata al consumo di pasti o bevande. Anche dancing, discoteche, bar (ad eccezione dei bar di alberghi) e night club devono garantire la protezione dei non fumatori. Sulla base della disposizione precedente, in un albergo è permesso gestire un bar quale locale fumatori soltanto se la sua superficie non è superiore a un terzo dell'intera superficie destinata al consumo di pasti o bevande. In almeno due terzi dell'intera superficie dell'esercizio destinata al consumo di pasti o bevande deve quindi essere vietato fumare. Questa direttiva va osservata rigorosamente in ogni momento, vale a dire durante l'intero orario d'apertura dell'esercizio. Se i ristoranti non vengono aperti e gestiti come il bar dell'albergo e vengono quindi chiusi prima di questo, allora o il bar deve essere sempre zona "non fumatori", oppure solo un terzo della sua superficie può essere destinato ai fumatori. Si deve inoltre garantire che i non fumatori non vengano disturbati dal fumo. Come definisce il Dipartimento il bar di un albergo? Ai sensi dell'art. 4 cpv. 4 dell'ordinanza concernente la protezione contro il fumo passivo, un bar di un albergo è un bar che è parte dell'esercizio alberghiero e che è a disposizione in primo luogo degli ospiti dell'albergo. Il bar di un albergo non deve essere situato necessariamente nell'area d'ingresso, può trovarsi anche nel piano interrato o su un altro piano dell'albergo. L'accesso al bar deve tuttavia aver luogo in ogni caso attraverso i locali dell'albergo. Per bar di alberghi accessibili sia dall'area dell'albergo che da una porta esterna ci si deve assicurare che la porta esterna possa essere utilizzata solo per uscire dal bar. Fintantoché il bar di un albergo è accessibile solo tramite un ingresso separato dall'esterno, il bar viene considerato come esercizio autonomo analogamente a una discoteca o a un night club. Molti aperitivi di nozze hanno luogo in aziende agricole, specialmente nei mesi estivi. In caso di brutto tempo, questi si svolgono in spazi chiusi. Vige anche in questi casi il divieto di fumo, fatti salvi gli appositi spazi separati?

7 Pagina 7 No. E per una cantina di vinificazione? Per le cantine di vinificazione vale lo stesso, a meno che queste non vengano gestite quali esercizi pubblici. Cosa si intende con spazio chiuso? Con spazio chiuso si intende un'estensione spaziale strettamente delimitata in lunghezza, larghezza e altezza. In questo senso sono considerati uno spazio chiuso ad esempio un tendone, a meno che almeno due pareti laterali siano completamente aperte, un padiglione o l'area di ingresso di un centro commerciale. È permesso fumare in una veranda con tetto in vetro (ad es. giardino d'inverno), anche se due pareti laterali vengono ad esempio aperte in caso di temperature elevate? Sì, se almeno due superfici sono completamente aperte. In caso contrario la terrazza è considerata spazio chiuso. Se d'inverno questo giardino d'inverno viene riscaldato e non viene aperta nessuna parete laterale, esso fa quindi parte della superficie dell'esercizio? Sì. Se sì, in esso è permesso fumare soltanto se la sua superficie ammonta al massimo al 30% della superficie complessiva? Sì. È permesso fumare in occasione di feste e manifestazioni private non accessibili al pubblico (p. es. gruppo chiuso) che si tengono in spazi chiusi accessibili al pubblico? Anche in queste occasioni è permesso fumare soltanto negli appositi spazi separati per fumatori. È permesso fumare nel proprio appartamento, rispettivamente nella propria casa? Il proprio appartamento, rispettivamente la propria casa non sono considerati spazi chiusi accessibili al pubblico, di conseguenza lì è permesso fumare. È permesso fumare nelle camere d'albergo?

8 Pagina 8 Nelle camere d'albergo è permesso fumare se ciò è previsto dal gestore dell'albergo. Per esercizi pubblici di piccole dimensioni esistono eccezioni al divieto di fumo? La legge sull'igiene pubblica non prevede eccezioni al divieto di fumo per gli esercizi pubblici di piccole dimensioni. 2. Spazi per fumatori Cosa si intende con spazio separato? Agli spazi separati nei quali è permesso fumare si può concedere solo un ruolo di rango inferiore sia dal punto di vista delle dimensioni, sia da quello complessivo dell'esercizio. Gli spazi per fumatori possono occupare al massimo un terzo della superficie totale dell'esercizio. È anche possibile definire più spazi per fumatori nello stesso esercizio, la loro superficie totale non può però essere superiore a un terzo della superficie totale dell'esercizio. Fa parte della superficie dell'esercizio la superficie sfruttata di tutti i ristoranti, caffè, bar e lobby. Gli spazi in cui si svolge l'attività principale di un esercizio pubblico non possono essere considerati "spazi separati" per fumatori. Conformemente alla sentenza U del Tribunale amministrativo dei Grigioni del 21 dicembre 2009, quest'attività principale può essere appurata senza dubbi né problemi di rilievo facendo riferimento a criteri di delimitazione adeguati come ad es. lo svolgersi concreto dell'esercizio (presenza permanente o solo periodica del personale di servizio o del gerente), le misure edilizie prese per quanto riguarda le dimensioni, la delimitazione, lo standard di costruzione e l'arredamento dei locali (ad es. la presenza di un bancone per il servizio o bar con frigoriferi, armadi per le stoviglie, cassa, macchina del caffè), e all'accessibilità degli stessi locali. L'accesso agli spazi per non fumatori non deve passare attraverso gli spazi destinati ai fumatori. Come deve essere designato lo spazio separato? La designazione va applicata a ogni entrata in modo chiaro e in un punto ben visibile. Come devono essere strutturati gli spazi per i fumatori?

9 Pagina 9 Il gerente della sala fumatori deve provvedere affinché le persone che si trovano nello spazio adiacente in cui è vietato fumare non vengano infastidite dal fumo. Gli spazi per i fumatori devono quindi essere allestiti in modo tale che il fumo non possa giungere negli altri spazi. Gli spazi per i fumatori devono disporre di una separazione ermetica dagli spazi adiacenti mediante elementi fissi e di una porta a chiusura automatica. In tendoni chiusi, come ad es. quelli della Gehla, della Higa e delle corse di cavalli di Maienfeld non è permesso fumare. E se due pareti laterali vengono (parzialmente) aperte? È permesso fumare soltanto se due superfici sono completamente aperte. Si può fumare in un tendone chiuso, se esso viene sfruttato quale spazio separato annesso a un tendone principale. La superficie di questo spazio può ammontare al massimo a un terzo della superficie del tendone principale. Gli spazi per fumatori devono disporre di un impianto di ventilazione? Conformemente ali'ordinanza della Confederazione, i locali devono essere dotati di una ventilazione adeguata. Nel caso ideale la ventilazione viene garantita da un impianto di ventilazione meccanico a depressione conformemente alla direttiva "SITC VA Ventilazione negli esercizi pubblici". Sono però possibili anche altre soluzioni. La situazione va valutata nel caso concreto da parte degli organi comunali competenti. Quali raccomandazioni vengono formulate riguardo alla posa di un impianto di ventilazione in spazi per fumatori? Si rinuncia volutamente a indicare tipi di apparecchio e produttori di impianti di ventilazione. Per quanto riguarda la posa di un impianto di ventilazione, si consiglia ai gestori di spazi chiusi accessibili al pubblico di rivolgersi a uno specialista, che potrà consigliare la soluzione ottimale per la situazione specifica. Il divieto di fumo vige anche per il bar ben aerato di un albergo (spazio che non può essere chiuso)? In questo caso è determinante la tecnica di ventilazione (depressione)? Sì. Gli spazi per i fumatori devono disporre di una separazione ermetica dagli spazi adiacenti mediante elementi fissi e di una porta a chiusura automatica. L'accesso agli spazi per non fumatori non deve passare attraverso gli spazi destinati ai fumatori. Questo vale anche per l'accesso alla toilette?

10 Pagina 10 Sì. Negli spazi per fumatori possono essere fornite prestazioni gastronomiche? L'articolo 15a della legge sull'igiene pubblica permette la fornitura di prestazioni gastronomiche negli spazi per fumatori. Conformemente all'art. 5 dell'ordinanza del Consiglio federale concernente la protezione contro il fumo passivo, nelle sale fumatori degli esercizi del settore alberghiero e della ristorazione possono essere impiegati unicamente lavoratori che vi hanno acconsentito per scritto. 3. Aree scolastiche, impianti sportivi scolastici e centri di incontro e assistenza per bambini e adolescenti Cosa si intende con centro di incontro per bambini e adolescenti? Con centri di incontro per bambini e adolescenti si intendono centri giovanili, locali degli scout e simili. Cosa si intende con centro di assistenza per bambini e adolescenti? Con il termine di centro di assistenza si intendono le offerte di assistenza come asili nido, scuole dell'infanzia, posti di accoglienza per il pranzo, ecc. È permesso creare spazi per fumatori in aree scolastiche, impianti sportivi scolastici e centri di incontro e assistenza per bambini e adolescenti? In aree scolastiche e impianti sportivi scolastici, nonché in centri di incontro e assistenza per bambini e adolescenti non è permesso creare spazi separati per fumatori. Questa norma vale in particolare anche per le scuole cantonali che offrono sia una formazione obbligatoria che una formazione post-obbligatoria. Gli insegnanti possono fumare negli spazi a loro riservati? Gli insegnanti non possono fumare negli spazi a loro riservati. In aree scolastiche, impianti sportivi scolastici e centri di incontro e assistenza per bambini e adolescenti vige un divieto generale di fumo. È permesso fumare all'esterno di aree scolastiche (p. es. piazzale pausa), di impianti sportivi scolastici e di centri di incontro e assistenza per bambini e adolescenti?

11 Pagina 11 Il divieto generale di fumo in aree scolastiche e impianti sportivi scolastici, nonché in centri di incontro e assistenza per bambini e adolescenti si estende anche all'esterno di queste zone. I comuni possono prevedere eccezioni al divieto di fumo in aree scolastiche, impianti sportivi scolastici e centri di incontro e assistenza per bambini e adolescenti? I comuni possono concedere eccezioni al divieto di fumo per manifestazioni ed eventi che si rivolgono prevalentemente ad adulti o in scuole con un'offerta di formazione esclusivamente post-obbligatoria, se vengono predisposti luoghi all'aperto definiti in cui fumare. Nell'ambito dell'autorizzazione, i comuni devono definire i luoghi nei quali è consentito fumare. 4. Esecuzione della protezione dei non fumatori Cosa succede se un avventore, rispettivamente un cliente non si attiene al divieto di fumo? In caso di inosservanza del divieto di fumo, il fumatore si rende punibile. A chi deve rivolgersi un avventore che intende reclamare poiché, pur avendo preso posto in un locale per non fumatori, altri avventori non rispettano il divieto di fumo? Al comune. Può procedere anche contro l'esercente, se questi tollera tacitamente il fumo negli spazi per non fumatori? Come procedere in tal caso? A questo proposito interessano i precisi obblighi dell'esercente nell'esecuzione del divieto di fumo e il comportamento attivo che egli deve tenere in caso di violazioni da parte dei suoi avventori. In caso di violazioni del divieto di fumo, l'art. 49 cpv. 3 della legge sull'igiene pubblica prevede unicamente una sanzione che viene inflitta alla persona che fuma (cfr. M , p. 1767). All'esercente e ai suoi collaboratori va raccomandato, nel loro interesse, di richiamare l'attenzione dei clienti che fumano sul divieto di fumo.

12 Pagina 12 Cosa succede se un esercente non si attiene alle prescrizioni dell'art. 4 dell'ordinanza concernente la protezione contro il fumo passivo? ll gestore di spazi chiusi accessibili al pubblico è punibile secondo l'art. 49 cpv. 1 della legge sull'igiene pubblica se gli spazi separati per i fumatori non sono designati a sufficienza, se questi spazi occupano oltre un terzo della superficie dell'esercizio, se per accedere agli spazi per i non fumatori è necessario attraverso gli spazi per i fumatori, se gli spazi per i fumatori non dispongono di una separazione ermetica dagli spazi adiacenti mediante elementi fissi, se non dispongono di una porta a chiusura automatica, se non sono dotati di una ventilazione adeguata e se il fumo infastidisce i non fumatori. Gli esercizi devono inoltrare al comune una domanda di autorizzazione per gli spazi per fumatori con servizio ai tavoli (obbligo di autorizzazione)? La legge sull'igiene pubblica non prevede un obbligo di autorizzazione. Di conseguenza non deve essere inoltrata alcuna domanda al comune, salvo nei casi in cui la legge edilizia o la legge sugli esercizi pubblici e gli alberghi comunali prevedono un obbligo di autorizzazione. A quanto ammonta la multa per violazioni dell'art. 15a della legge sull'igiene pubblica? Il membro della Sovrastanza comunale competente per i compiti di polizia, rispettivamente terzi ai quali il comune ha affidato tali compiti sono autorizzati a punire con una multa disciplinare di 50 franchi le contravvenzioni al divieto di fumo conformemente all'articolo 15a capoverso 1 della legge. La multa disciplinare può essere riscossa sul posto soltanto se l'infrazione è stata osservata direttamente dall'organo di polizia, se la fattispecie è giuridicamente e materialmente inequivocabile, nonché se il contravventore riconosce la fattispecie imputatagli e si dichiara colpevole. Le violazioni dell'art. 15a della legge sull'igiene pubblica che non possono essere risolte nella procedura di multa disciplinare vengono punite dal comune con multa fino a 1000 franchi, in caso di recidiva fino a 5000 franchi. Chi è competente per l'esecuzione del divieto di fumo? Per l'esecuzione del divieto di fumo conformemente all'art. 15a della legge sull'igiene pubblica, per il controllo del rispetto del divieto di fumo e delle disposizioni concernenti la protezione dei lavoratori negli edifici accessibili al pubblico, nonché per la punizione delle infrazioni al divieto di fumo è competente il comune.

13 Pagina 13 Il controllo delle disposizioni concernenti la protezione dei lavoratori negli spazi non accessibili al pubblico compete all'ufficio per l'industria, arti e mestieri e lavoro.

Ordinanza concernente la protezione contro il fumo passivo (Ordinanza concernente il fumo passivo, OPFP)

Ordinanza concernente la protezione contro il fumo passivo (Ordinanza concernente il fumo passivo, OPFP) Ordinanza concernente la protezione contro il fumo passivo (Ordinanza concernente il fumo passivo, OPFP) del... Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 2 capoverso 3 e 6 capoverso 1 della legge

Dettagli

AMTLICHE PUBLIKATIONEN. Referendum facoltativo. Legge d'applicazione della legge federale sulla circolazione stradale (LALCStr)

AMTLICHE PUBLIKATIONEN. Referendum facoltativo. Legge d'applicazione della legge federale sulla circolazione stradale (LALCStr) Referendum facoltativo Scadenza del termine di referendum: 7 settembre 008 Legge d'applicazione della legge federale sulla circolazione stradale (LALCStr) dell' giugno 008 Il Gran Consiglio del Cantone

Dettagli

Informazioni sulla tutela dei non fumatori dal fumo passivo nel Cantone dei Grigioni

Informazioni sulla tutela dei non fumatori dal fumo passivo nel Cantone dei Grigioni Informazioni sulla tutela dei non fumatori dal fumo passivo nel Cantone dei Grigioni Premesse In considerazione della minaccia per la salute dovuta al fumo del tabacco, per proteggere i non fumatori dal

Dettagli

LEGGE SUGLI ESERCIZI PUBBLICI E GLI ALBERGHI

LEGGE SUGLI ESERCIZI PUBBLICI E GLI ALBERGHI Comune di Roveredo Cantone dei Grigioni LEGGE SUGLI ESERCIZI PUBBLICI E GLI ALBERGHI Legge sugli esercizi pubblici e gli alberghi Pagina 1 di 9 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Vigilanza...

Dettagli

Legge federale sul commercio ambulante

Legge federale sul commercio ambulante Legge federale sul commercio ambulante Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95 e 97 della Costituzione federale nonché il numero II capoverso 2 lettera a del

Dettagli

Legge federale sul commercio di bevande alcoliche (Legge sul commercio dell alcol, LCAlc)

Legge federale sul commercio di bevande alcoliche (Legge sul commercio dell alcol, LCAlc) Legge federale sul commercio di bevande alcoliche (Legge sul commercio dell alcol, LCAlc) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95 capoverso 1, 105 e 118 capoverso

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari (Legge sulle borse, LBVM) 954.1 del 24 marzo 1995 (Stato 1 gennaio 2016) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

Legge federale sulle abitazioni secondarie

Legge federale sulle abitazioni secondarie Legge federale sulle abitazioni secondarie (Legge sulle abitazioni secondarie, LASec) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 75 e 75b della Costituzione federale

Dettagli

Legge federale sull applicazione di sanzioni internazionali

Legge federale sull applicazione di sanzioni internazionali Legge federale sull applicazione di sanzioni internazionali (Legge sugli embarghi, LEmb) 946.231 del 22 marzo 2002 (Stato 27 luglio 2004) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

(Ordinanza sulla protezione dei giovani lavoratori, OLL 5) del 28 settembre 2007 (Stato 1 agosto 2014)

(Ordinanza sulla protezione dei giovani lavoratori, OLL 5) del 28 settembre 2007 (Stato 1 agosto 2014) Ordinanza 5 concernente la legge sul lavoro (Ordinanza sulla protezione dei giovani lavoratori, OLL 5) 822.115 del 28 settembre 2007 (Stato 1 agosto 2014) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO NORME DI RIFERIMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO NORME DI RIFERIMENTO COMUNE di LARI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 02/04/2009 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA

Dettagli

823.20 Legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali

823.20 Legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali Legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali (Legge federale sui lavoratori distaccati in Svizzera) dell 8 ottobre 1999

Dettagli

LEGGE PER LA DIFFUSIONE DI CANALI ESTERI NEL MOESANO

LEGGE PER LA DIFFUSIONE DI CANALI ESTERI NEL MOESANO Comune di Mesocco Cantone dei Grigioni LEGGE PER LA DIFFUSIONE DI CANALI ESTERI NEL MOESANO Legge per la diffusione di canali esteri nel Moesano Pagina 1 di 5 Indice A. GENERALITÀ... 3 Art. 1 Principio...

Dettagli

COMUNE DI MESOCCO CANTONE DEI GRIGIONI REGOLAMENTO SULLA NAVIGAZIONE DEL LAGO ARTIFICIALE D ISOLA E DEL LAG DEL LIDO 1 A SAN BERNARDINO

COMUNE DI MESOCCO CANTONE DEI GRIGIONI REGOLAMENTO SULLA NAVIGAZIONE DEL LAGO ARTIFICIALE D ISOLA E DEL LAG DEL LIDO 1 A SAN BERNARDINO COMUNE DI MESOCCO CANTONE DEI GRIGIONI REGOLAMENTO SULLA NAVIGAZIONE DEL LAGO ARTIFICIALE D ISOLA E DEL LAG DEL LIDO 1 A SAN BERNARDINO 1 Al titolo viene aggiunto anche il Lag del Lido A. DISPOSIZIONI

Dettagli

Ordinanza d esecuzione del decreto federale inteso a promuovere le cooperative di fideiussione delle arti e mestieri

Ordinanza d esecuzione del decreto federale inteso a promuovere le cooperative di fideiussione delle arti e mestieri Ordinanza d esecuzione del decreto federale inteso a promuovere le cooperative di fideiussione delle arti e mestieri 951.241 del 9 dicembre 1949 (Stato 1 febbraio 2000) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

Legge federale su prestazioni assistenziali agli Svizzeri all estero

Legge federale su prestazioni assistenziali agli Svizzeri all estero Legge federale su prestazioni assistenziali agli Svizzeri all estero 852.1 del 21 marzo 1973 (Stato 13 giugno 2006) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 45 bis della Costituzione

Dettagli

D E L I B E R A di integrazione della Delibera sull orario di lavoro nei pubblici esercizi

D E L I B E R A di integrazione della Delibera sull orario di lavoro nei pubblici esercizi Ai sensi dell articolo 8 e dell articolo 58 comma 1 della Legge sui pubblici esercizi ( Gazzetta ufficiale, n. 138/06), nonche dell articolo 51 dello Statuto della Città di Rovinj- Rovigno ( Bollettino

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1 REGOLAMENTO EDILIZIO Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986 Regolamento Edilizio pag. 1 I N D I C E Art. 1 Generalità Art. 2 Domande di costruzione Art. 3 Locali Art. 3 bis

Dettagli

Ordinanza sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali

Ordinanza sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali Ordinanza sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali (OPGA) 830.11 dell 11 settembre 2002 (Stato 1 gennaio 2008) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 81 della legge federale

Dettagli

f) mescite aperte saltuariamente.

f) mescite aperte saltuariamente. Disegno di LEGGE cantonale degli esercizi alberghieri e della ristorazione (Lear) Il Gran Consiglio della Repubblica e Cantone Ticino visto il messaggio del Consiglio di Stato; vista la Legge federale

Dettagli

ORDINANZA CHE REGOLA LA PROCEDURA PER LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO IL MUNICIPIO DI MENDRISIO

ORDINANZA CHE REGOLA LA PROCEDURA PER LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO IL MUNICIPIO DI MENDRISIO Mendrisio, 7 ottobre 2004 ORDINANZA CHE REGOLA LA PROCEDURA PER LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO Richiamati: IL MUNICIPIO DI MENDRISIO - la Legge cantonale

Dettagli

Doppia imposizione intercantonale (art. 127 cpv. 3 Cost.) Proposta di una nuova regolamentazione a livello di legge

Doppia imposizione intercantonale (art. 127 cpv. 3 Cost.) Proposta di una nuova regolamentazione a livello di legge Doppia imposizione intercantonale (art. 127 cpv. 3 Cost.) Proposta di una nuova regolamentazione a livello di legge con considerevoli semplificazioni amministrative l articolo 127 capoverso 3 della Costituzione

Dettagli

Promemoria per l esecuzione. 1. Contenuto. 2. Campo d applicazione

Promemoria per l esecuzione. 1. Contenuto. 2. Campo d applicazione Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell'ambiente UFAM Divisione Protezione dell'aria e RNI Riferimento/numero d'incarto: H361-1204

Dettagli

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza

COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza COMUNE DI TRISSINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APERTURA E L ESERCIZIO DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE DI APPARECCHI O CONGEGNI DA TRATTENIMENTO Approvato con delibera consiliare n. 4 del

Dettagli

Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute. (Legge sulla prevenzione, LPrev)

Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute. (Legge sulla prevenzione, LPrev) Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute (Legge sulla prevenzione, LPrev) del L'Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 117 capoverso 1 e 118 capoverso

Dettagli

852.1 Legge federale sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero

852.1 Legge federale sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero Legge federale sull aiuto sociale e i prestiti ai cittadini svizzeri all estero (LAPE) 1 del 21 marzo 1973 (Stato 1 gennaio 2010) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

B. Finanziamento I. Finanziamento per l acquisto di terreni, la costruzione, la ristrutturazione e l ampliamento 1. Principio Art.

B. Finanziamento I. Finanziamento per l acquisto di terreni, la costruzione, la ristrutturazione e l ampliamento 1. Principio Art. Legge concernente il promovimento, il coordinamento e il finanziamento delle attività a favore delle persone anziane (LAnz) (del 30 novembre 2010) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO 6.4.5.1

Dettagli

Foglio ufficiale. 1 Atti legislativi e dell Amministrazione. Legge sui cani. 16/2008 Venerdì 22 febbraio 1457

Foglio ufficiale. 1 Atti legislativi e dell Amministrazione. Legge sui cani. 16/2008 Venerdì 22 febbraio 1457 16/2008 Venerdì 22 febbraio 1457 Foglio ufficiale 1 Atti legislativi e dell Amministrazione Legge sui cani Scopi Identificazione e registrazione a) procedura b) controllo Tassa IL GRAN CONSIGLIO DELLA

Dettagli

OGGETTO: Quesiti vari in materia di attività di intrattenimento e spettacolo. Consumazioni obbligatorie.

OGGETTO: Quesiti vari in materia di attività di intrattenimento e spettacolo. Consumazioni obbligatorie. RISOLUZIONE N. 91/E Roma, 13 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Quesiti vari in materia di attività di intrattenimento e spettacolo. Consumazioni obbligatorie. QUESITO La Società

Dettagli

Regolamento scolastico per il Centro di formazione e consulenza agraria Plantahof

Regolamento scolastico per il Centro di formazione e consulenza agraria Plantahof 99.00 Regolamento scolastico per il Centro di formazione e consulenza agraria Plantahof del 6 settembre 04 (stato gennaio 05) emanato dal Governo il 6 settembre 04 in virtù dell'art. 6 cpv. della legge

Dettagli

151.34 Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.34 Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (OTDis) del 12 novembre 2003 (Stato 22 dicembre 2003) Il Consiglio federale svizzero, visti gli

Dettagli

870.110 Ordinanza della legge d'applicazione della legge federale sulla circolazione stradale (OLALCStr)

870.110 Ordinanza della legge d'applicazione della legge federale sulla circolazione stradale (OLALCStr) 870.0 Ordinanza della legge d'applicazione della legge federale sulla circolazione stradale (OLALCStr) emanata dal Governo l'8 dicembre 008 visto l'art. 5 cpv. della Costituzione cantonale I. Competenze

Dettagli

Ordinanza municipale concernente la posa di impianti pubblicitari, di insegne e di scritte destinate al pubblico

Ordinanza municipale concernente la posa di impianti pubblicitari, di insegne e di scritte destinate al pubblico 6855 Stabio, 10 febbraio 2004 Ordinanza municipale concernente la posa di impianti pubblicitari, di insegne e di scritte destinate al pubblico Il Municipio di Stabio richiamati: l art. 192 della Legge

Dettagli

B C. della SICUREZZA negli ALBERGHI Manuale ad uso dei lavoratori Informazione ai sensi dell art. 36 e dei Titoli II e III del D.Lgs. 81/2008 e s.m.

B C. della SICUREZZA negli ALBERGHI Manuale ad uso dei lavoratori Informazione ai sensi dell art. 36 e dei Titoli II e III del D.Lgs. 81/2008 e s.m. ROCCO VITALE A B C della SICUREZZA negli ALBERGHI Manuale ad uso dei lavoratori Informazione ai sensi dell art. 36 e dei Titoli II e III del D.Lgs. 81/2008 e s.m. 1 A B C della SICUREZZA negli ALBERGHI

Dettagli

Ordinanza sulla promozione dello sport e dell'attività fisica (Ordinanza sulla promozione dello sport)

Ordinanza sulla promozione dello sport e dell'attività fisica (Ordinanza sulla promozione dello sport) 470.00 Ordinanza sulla promozione dello sport e dell'attività fisica (Ordinanza sulla promozione dello sport) del 7 luglio 05 (stato agosto 05) emanata dal Governo il 7 luglio 05 visto l'art. 45 della

Dettagli

Progetto della Commissione di redazione per il voto finale

Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Decreto federale che approva e traspone nel diritto svizzero lo scambio di note tra la Svizzera e l Unione europea concernente il recepimento

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE INTESA A DISCIPLINARE L'USO DA PARTE DI TERZI DELLE SEGUENTI INFRASTRUTTURE E MATERIALI COMUNALI:

ORDINANZA MUNICIPALE INTESA A DISCIPLINARE L'USO DA PARTE DI TERZI DELLE SEGUENTI INFRASTRUTTURE E MATERIALI COMUNALI: ORDINANZA MUNICIPALE INTESA A DISCIPLINARE L'USO DA PARTE DI TERZI DELLE SEGUENTI INFRASTRUTTURE E MATERIALI COMUNALI: - SALA POLIVALENTE CIOSSETTO - PALESTRA CIOSSETTO - PALESTRA SCUOLE ELEMENTARI - SALA

Dettagli

Ordinanza sugli aiuti finanziari alle organizzazioni che concedono fideiussioni alle piccole e medie imprese

Ordinanza sugli aiuti finanziari alle organizzazioni che concedono fideiussioni alle piccole e medie imprese Spiegazioni relative all avamprogetto del 3 novembre 2006 Sezione 1: Procedura di riconoscimento (art. 1 e 2) Questa sezione contiene le disposizioni esecutive concernenti il riconoscimento delle organizzazioni

Dettagli

REGOLAMENTO SALA GIOCHI

REGOLAMENTO SALA GIOCHI REGOLAMENTO SALA GIOCHI APPROVATO CON D.C. N. 1 DEL 31.1.2011 Art. 1 DEFINIZIONE Art. 2 CARATTERISTICHE DEI LOCALI Art. 3 CARATTERISTICHE E NUMERO DEI GIOCHI Art. 4 ESERCIZI AUTORIZZABILI Art. 5 REQUISITI

Dettagli

COMUNE DI BIOGGIO DIRETTIVE PER L USO DEL CENTRO SPORTIVO RICREATIVO

COMUNE DI BIOGGIO DIRETTIVE PER L USO DEL CENTRO SPORTIVO RICREATIVO COMUNE DI BIOGGIO DIRETTIVE PER L USO DEL CENTRO SPORTIVO RICREATIVO 1. Premessa I DISPOSIZIONI GENERALI Le presenti direttive disciplinano l utilizzazione delle strutture che fanno parte del Centro Sportivo

Dettagli

ORDINANZA CHE REGOLA LA PROCEDURA PER LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO

ORDINANZA CHE REGOLA LA PROCEDURA PER LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO COMUNE DI COLDRERIO ORDINANZA CHE REGOLA LA PROCEDURA PER LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO Il Municipio di Coldrerio Richiamati - la Legge cantonale sugli

Dettagli

Su richiesta motivata degli offerenti, le forfettarie possono venire riesaminate e adeguate.

Su richiesta motivata degli offerenti, le forfettarie possono venire riesaminate e adeguate. Ordinanza sui sussidi a fornitori di prestazioni senza finanziamento del disavanzo nella formazione professionale e nelle offerte di formazione continua (Ordinanza sui sussidi) del 5 febbraio 008 (stato

Dettagli

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero (Ordinanza sulle scuole svizzere all estero, OSSE) 418.01 del 28 novembre 2014 (Stato 1 gennaio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visti

Dettagli

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM) Avamprogetto Modifica del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

Ordinanza d'esecuzione della legge federale sulle derrate alimentari e gli oggetti d'uso (Ordinanza sulle derrate alimentari)

Ordinanza d'esecuzione della legge federale sulle derrate alimentari e gli oggetti d'uso (Ordinanza sulle derrate alimentari) 507.00 Ordinanza d'esecuzione della legge federale sulle derrate alimentari e gli oggetti d'uso (Ordinanza sulle derrate alimentari) del 8 febbraio 995 (stato gennaio 0) emanata dal Gran Consiglio il 8

Dettagli

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO

COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA REGOLAMENTO SALE PUBBLICHE DA GIOCO INDICE TITOLO I - PRESCRIZIONI GENERALI Art 1 Definizione e ambito di applicazione Art 2 Licenza amministrativa Art 3 Requisiti

Dettagli

Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sul sistema d informazione elettronico per la gestione degli esperimenti sugli animali

Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sul sistema d informazione elettronico per la gestione degli esperimenti sugli animali Rapporto esplicativo concernente l ordinanza sul sistema d informazione elettronico per la gestione degli esperimenti sugli animali 1. Premessa... 1 2. Basi legali... 2 3. Il sistema d informazione per

Dettagli

Legge per l'integrazione sociale e professionale di persone disabili (legge sull'integrazione dei disabili; LIDis)

Legge per l'integrazione sociale e professionale di persone disabili (legge sull'integrazione dei disabili; LIDis) Legge per l'integrazione sociale e professionale di persone disabili (legge sull'integrazione dei disabili; LIDis) del... Il Gran Consiglio del Cantone dei Grigioni, visto l'art. e l'art. 86 della Costituzione

Dettagli

Protezione dei giovani lavoratori Informazioni per i giovani fino a 18 anni

Protezione dei giovani lavoratori Informazioni per i giovani fino a 18 anni Protezione dei giovani lavoratori Informazioni per i giovani fino a 18 anni SECO Condizioni di lavoro La nostra organizzazione Editore: SECO Condizioni di lavoro 3003 Berna www.seco.admin.ch Direzione

Dettagli

Ordinanza sul registro delle carte per l odocronografo

Ordinanza sul registro delle carte per l odocronografo Ordinanza sul registro delle carte per l odocronografo (ORECO) 822.223 del 29 marzo 2006 (Stato 9 maggio 2006) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 56 e 106 della legge federale del 19 dicembre

Dettagli

363 Legge federale sull utilizzo di profili del DNA nel procedimento penale e per l identificazione di persone sconosciute o scomparse

363 Legge federale sull utilizzo di profili del DNA nel procedimento penale e per l identificazione di persone sconosciute o scomparse Legge federale sull utilizzo di profili del DNA nel procedimento penale e per l identificazione di persone sconosciute o scomparse (Legge sui profili del DNA) del 20 giugno 2003 (Stato 1 gennaio 2015)

Dettagli

http://www.ti.ch/can/argomenti/legislaz/rleggi/rl/dati_rl/f/s/16.htm

http://www.ti.ch/can/argomenti/legislaz/rleggi/rl/dati_rl/f/s/16.htm Pagina 1 di 5 Legge sulle attività private di investigazione e di sorveglianza (dell 8 novembre 1976) 1.4.3.1 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 10 aprile 1974 n. 1958

Dettagli

Angela 10 anni. La nonna è morta a causa di un tumore ai polmoni

Angela 10 anni. La nonna è morta a causa di un tumore ai polmoni Angela 10 anni La nonna è morta a causa di un tumore ai polmoni FINALITÀ La normativa sopra richiamata - e, in particolare, l'art. 51 della legge n. 3/2003 - persegue il fine primario della «tutela della

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Selma Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice I. GENERALITÀ...4 II. SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE...4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2 Autorità

Dettagli

L'altezza dei vani accessori, quali corridoi, disimpegni, bagni, gabinetti e simili, non può essere inferiore metri 2,40.

L'altezza dei vani accessori, quali corridoi, disimpegni, bagni, gabinetti e simili, non può essere inferiore metri 2,40. Legge Regione Friuli - Venezia Giulia : Legge regionale 23/08/1985 N. 44 Altezze minime e principali requisiti igienico-sanitari dei locali adibiti ad abitazione, uffici pubblici e privati ed alberghi.

Dettagli

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Regolamento dell azienda comunale acqua potabile e fognatura Pagina 1 di 7 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia

Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia Ordinanza sugli aiuti finanziari per la custodia di bambini complementare alla famiglia 861.1 del 9 dicembre 2002 (Stato 1 febbraio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 9 della legge

Dettagli

Legge federale sulle professioni mediche universitarie

Legge federale sulle professioni mediche universitarie Decisioni del Consiglio degli Stati del 27.11.2014 Decisioni del Consiglio nazionale del 5.3.2015 Legge federale sulle professioni mediche universitarie (, LPMed) Modifica del 20 marzo 2015 L Assemblea

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Cuoca in dietetica / Cuoco in dietetica con attestato federale di capacità (AFC) del 9 ottobre 2006 79004 Cuoca in dietetica AFC / Cuoco in dietetica AFC

Dettagli

può domandare il riesame della decisione presidenziale alla Commissione per l avvocatura.

può domandare il riesame della decisione presidenziale alla Commissione per l avvocatura. Legge sull avvocatura (LAvv) (del 13 febbraio 2012) 3.2.1.1 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 12 ottobre 2010 n. 6406 del Consiglio di Stato; visto il rapporto 28 novembre

Dettagli

Legge sulle scuole universitarie e sugli istituti di ricerca (LSUIR)

Legge sulle scuole universitarie e sugli istituti di ricerca (LSUIR) Legge sulle scuole universitarie e sugli istituti di ricerca (LSUIR) del... Il Gran Consiglio del Cantone dei Grigioni, visti gli art. 89 cpv. e cpv. della Costituzione cantonale; visto il messaggio del

Dettagli

Ordinanza sul collocamento in vista d adozione

Ordinanza sul collocamento in vista d adozione Ordinanza sul collocamento in vista d adozione (OCAdo) del 29 novembre 2002 Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 269c capoverso 3 del Codice civile 1 (CC); visto l articolo 26 della legge federale

Dettagli

Ordinanza sulle lingue del Cantone dei Grigioni (OCLing)

Ordinanza sulle lingue del Cantone dei Grigioni (OCLing) 49.0 Ordinanza sulle lingue del Cantone dei Grigioni (OCLing) del dicembre 007 (stato maggio 05) emanata dal Governo l' dicembre 007 visto l'art. 45 della Costituzione cantonale ). Disposizioni generali

Dettagli

Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente

Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente Ordinanza sull agricoltura biologica e la designazione dei prodotti e delle derrate alimentari ottenuti biologicamente (Ordinanza sull agricoltura biologica) Modifica del 29 ottobre 2014 Il Consiglio federale

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Cauco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2

Dettagli

Ordinanza municipale sui cani

Ordinanza municipale sui cani Cancelleria comunale Via Municipio 13 6850 Mendrisio 058 688 31 10 cancelleria@mendrisio.ch mendrisio.ch 7.90.90.02 (ris. mun. 3308 del 27.05.2014) 28 maggio 2014 Ordinanza municipale sui cani Il Municipio

Dettagli

COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO

COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO DELLE SALE DA GIOCO ART. 1 Disposizioni generali L esercizio di una sala pubblica per biliardi o per altri giochi leciti, in seguito definita convenzionalmente

Dettagli

Ordinanza 5 concernente la legge sul lavoro. Protezione speciale dei giovani lavoratori Ordinanza sulla protezione dei giovani lavoratori

Ordinanza 5 concernente la legge sul lavoro. Protezione speciale dei giovani lavoratori Ordinanza sulla protezione dei giovani lavoratori Berna, il 28 febbraio 2007 Ordinanza 5 concernente la legge sul lavoro Protezione speciale dei giovani lavoratori Ordinanza sulla protezione dei giovani lavoratori Rapporto esplicativo 1. Contesto Il 29

Dettagli

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Castaneda Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 11 Indice I GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale... 4 Art. 2 Autorità

Dettagli

916.351.0 Ordinanza concernente l assicurazione della qualità e il controllo di qualità nell economia lattiera

916.351.0 Ordinanza concernente l assicurazione della qualità e il controllo di qualità nell economia lattiera Ordinanza concernente l assicurazione della qualità e il controllo di qualità nell economia lattiera (Ordinanza sulla qualità del latte, OQL) del 7 dicembre 1998 (Stato 15 maggio 2001) Il Consiglio federale

Dettagli

Commissione federale delle case da gioco

Commissione federale delle case da gioco Commissione federale delle case da gioco Segretariato 4 novembre 2014/Ama/Mun Riferimento: N452-0038 Revisione parziale dell'ordinanza della Commissione federale delle case da gioco sugli obblighi di diligenza

Dettagli

Referendum facoltativo

Referendum facoltativo Referendum facoltativo Scadenza del termine di referendum: 8 dicembre 00 Legge sulla promozione della cura degli ammalati e dell'assistenza alle persone anziane e bisognose di cure (Legge sulla cura degli

Dettagli

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 08.07.2008 In vigore dal 17.09.2008 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

Fino al 2003 in Italia non esisteva un divieto assoluto di fumare e solo con la legge n. 3 del 16 gennaio 2003 art. 51 tale divieto è stato istituito in tutti i luoghi chiusi ad eccezione di quelli privati,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETTERA C), DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI, CONCERNENTE ATTUAZIONE

Dettagli

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400;

Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 28 agosto 1998, n. 400; D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL UNIVERSITA TELEMATICA e-campus

REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL UNIVERSITA TELEMATICA e-campus REGOLAMENTO SUL DIVIETO DI FUMO NEI LOCALI DELL UNIVERSITA TELEMATICA e-campus Art. 1 - Finalità e riferimenti normativi 1. Il presente Regolamento viene emanato al fine di disciplinare il divieto di fumo

Dettagli

744.10 Legge federale sull accesso alle professioni di trasportatore su strada

744.10 Legge federale sull accesso alle professioni di trasportatore su strada Legge federale sull accesso alle professioni di trasportatore su strada (LPTS) del 20 marzo 2009 1 (Stato 1 gennaio 2016) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 63 capoverso

Dettagli

Legge federale sull attuazione dell Accordo FATCA tra la Svizzera e gli Stati Uniti (Legge FATCA)

Legge federale sull attuazione dell Accordo FATCA tra la Svizzera e gli Stati Uniti (Legge FATCA) Proposta della Commissione del Consiglio degli Stati del 27.8.2013: adesione Decisioni del Consiglio nazionale del 9.9.2013 Legge federale sull attuazione dell Accordo FATCA tra la Svizzera e gli Stati

Dettagli

Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO 2

Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO 2 Legge federale sulla riduzione delle emissioni di CO 2 (Legge sul CO 2) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 74 e 89 della Costituzione federale 1 ; visto

Dettagli

Legge d'introduzione al Codice civile svizzero (LICC)

Legge d'introduzione al Codice civile svizzero (LICC) 0.00 Legge d'introduzione al Codice civile svizzero (LICC) Modifica del... Il Gran Consiglio del Cantone dei Grigioni, visto l'art. cpv. della Costituzione cantonale, visto il messaggio del Governo del...,

Dettagli

Convenzione di privativa

Convenzione di privativa Convenzione di privativa per la distribuzione di energia elettrica fra il Comune di Verdabbio e la Azienda elettrica del comune di Cama in seguito denominata Azienda elettrica comunale Cama abbreviato:

Dettagli

BED & BREAKFAST NUOVA NORMATIVA REGIONALE, ANCHE A PORTATA DI MARCHE, DOVE FLESSIBILITÀ FA RIMA CON PROFESSIONALITÀ.

BED & BREAKFAST NUOVA NORMATIVA REGIONALE, ANCHE A PORTATA DI MARCHE, DOVE FLESSIBILITÀ FA RIMA CON PROFESSIONALITÀ. BED & BREAKFAST PICCOLO VADEMECUM PER CHI VUOLE APRIRE NELLE MARCHE UN BED & BREAKFAST O CAMERA & COLAZIONE CHE DIR SI VOGLIA, MEGLIO NOTO CON LA SIGLA B&B. IL B&B CREA LA POSSIBILITÀ DI OFFRIRE OSPITALITÀ

Dettagli

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base con attestato federale di capacità (AFC) del 25 ottobre 2006 43906 Meccanica di macchine edili AFC/Meccanico di macchine edili AFC Baumaschinenmechanikerin

Dettagli

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero (Ordinanza sulle scuole svizzere all estero, OSSE)

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero (Ordinanza sulle scuole svizzere all estero, OSSE) Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero (Ordinanza sulle scuole svizzere all estero, OSSE) del Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 7 capoverso 3, secondo periodo,

Dettagli

Legge federale sulle finanze della Confederazione

Legge federale sulle finanze della Confederazione Decisioni del Consiglio degli Stati del 10.09.2014 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 18.09.2014 e-parl 23.09.2014 08:45 Legge federale sulle finanze della Confederazione (LFC) (Nuovo

Dettagli

IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO Regolamento della legge di applicazione alla legislazione federale in materia di persone straniere dell 8 giugno 1998 concernente i cittadini CE-AELS e i cittadini di stati terzi beneficiari dell accordo

Dettagli

del 20 ottobre 2010 (Stato 1 gennaio 2013)

del 20 ottobre 2010 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza sul controllo del latte (OCL) 916.351.0 del 20 ottobre 2010 (Stato 1 gennaio 2013) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 15 capoverso 3 e 37 capoverso 1 della legge del 9 ottobre

Dettagli

Regolamento sul trattamento dei rifiuti

Regolamento sul trattamento dei rifiuti Regolamento sul trattamento dei rifiuti APPROVATO DALL ASSEMBLEA COMUNALE DEL 23 NOVEMBRE 2011 1 INDICE I. Generalità Articolo Ambito di validità e scopo 1 Compiti del Comune 2 Informazione 3 Riserva del

Dettagli

00.000. del... Onorevoli presidenti e consiglieri,

00.000. del... Onorevoli presidenti e consiglieri, 00.000 Messaggio concernente una modifica della legge sulla circolazione stradale (revoca della licenza di condurre dopo un'infrazione commessa all'estero) del... Onorevoli presidenti e consiglieri, con

Dettagli

emanate dal Dipartimento dell'educazione, cultura e protezione dell'ambiente il 21 maggio 2013

emanate dal Dipartimento dell'educazione, cultura e protezione dell'ambiente il 21 maggio 2013 Erziehungs-, Kultur und Umweltschutzdepartement Graubünden Departament d'educaziun, cultura e protecziun da l'ambient dal Grischun Dipartimento dell educazione, cultura e protezione dell'ambiente dei Grigioni

Dettagli

Codice civile svizzero

Codice civile svizzero Codice civile svizzero (Mantenimento del figlio) Disegno Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale del 29 novembre 2013 1, decreta: I Il

Dettagli

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004)

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) Ordinanza sulla maturità professionale 412.103.1 del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) L Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (Ufficio federale), visto l articolo

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CUSTODIA DEI CANI

ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CUSTODIA DEI CANI ORDINANZA MUNICIPALE SULLA CUSTODIA DEI CANI Il Municipio di Gravesano, richiamati, la Legge sui cani del 19.02.2008 e relativo Regolamento dell 11.02.2009; l articolo 107, 192 LOC e 23, 24 RALOC; l articolo

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base di impiegato d'albergo e di ristorazione

Ordinanza sulla formazione professionale di base di impiegato d'albergo e di ristorazione 40.50 Ordinanza sulla formazione professionale di base di impiegato d'albergo e di ristorazione emanata dal Governo il agosto 008 visto l'art. 45 della Costituzione cantonale ) I. Disposizioni generali

Dettagli

Legge federale sulle lingue nazionali e la comprensione tra le comunità linguistiche

Legge federale sulle lingue nazionali e la comprensione tra le comunità linguistiche Legge federale sulle lingue nazionali e la comprensione tra le comunità linguistiche (Legge sulle lingue, LLing) Progetto del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 4 e

Dettagli

Regolamento sull avvocatura (RAvv) (del 18 dicembre 2012)

Regolamento sull avvocatura (RAvv) (del 18 dicembre 2012) Regolamento sull avvocatura (RAvv) (del 18 dicembre 2012) 3.2.1.1.1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto l articolo 35 della legge sull avvocatura del 13 febbraio 2012 (LAvv),

Dettagli

COMUNE DI CASLANO. ORDINANZA MUNICIPALE sui cani del 19 maggio 2014. Il Municipio di Caslano, richiamate le disposizioni: Ordina:

COMUNE DI CASLANO. ORDINANZA MUNICIPALE sui cani del 19 maggio 2014. Il Municipio di Caslano, richiamate le disposizioni: Ordina: - le COMUNE DI CASLANO CONFEDERAZIONE SVIZZERA - CANTON TICINO ORDINANZA MUNICIPALE sui cani del 19 maggio 2014 Il Municipio di Caslano, richiamate le disposizioni: - della Legge sui cani del 19febbraio2008;

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Divergenza Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 23.08.2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 14.06.2012 Legge federale

Dettagli