Sclerosi Multipla Pediatrica: Problematiche di diagnosi differenziale e approccio terapeutico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sclerosi Multipla Pediatrica: Problematiche di diagnosi differenziale e approccio terapeutico"

Transcript

1 Sclerosi Multipla Pediatrica: Problematiche di diagnosi differenziale e approccio terapeutico Claudio Gasperini Ospedale San Camillo Forlanini Roma Roma 24 Settembre 2014

2 S.D, sesso maschile, 15 anni Anamnesi Familiare, Fisiologica, Pat. Remota: N.d.R. AN. PATOLOGICA PROSSIMA Agosto 2014: Il bambino giunge alla nostra osservazione il 26 agosto per comparsa da alcuni giorni di cefalea, nausea e disturbo dell equilibrio caratterizzato da tendenza alla latero pulsione destra. L obiettivita all ingresso evidenziava una modesta atassia nella deambulazione con tendenza alla latero pulsione destra Durante la degenza completa regressione della sintomatologia senza terapia specifica

3 Esami Ematochimici: - Assetto autoanticorpale: nella norma - Assetto coagulopatico: nella norma - Sierologia per Borrellia: negativa - Sierologia per Bartonella : negativa - Tampone faringeo e nasale: nella norma - PCR per Enterovirus, Herpes, Influenza, CMV, Mycoplasma: negativa

4 Esami Strumentali: -RMN Encefalo (25/8/14): sporadiche aree parcellari iperintense in sostanza bianca periventricolare destra, centro semiovale sinistro, periventricolare sinistro ed emisfero cerebellare sinistro e cerebellare medio destro. -RMN Midollo (26/8/14): non alterazioni della corda midollare -Non veniva descritto potenziamento delle lesioni dopo mdc -La lesione cerebellare destra presentava nelle sequenze in DWI caratteristiche di restrizione della diffusivita e riduzione in ADC come per ischemia in fase acuta o infiammatoria - Angio RMN cerebrale (25/8/14): nella norma

5

6 Esami Strumentali: - ECG: nella norma - Ecocardiogramma per ricerca PFO: nella norma - Ecocolor Doppler Epiaortico: nella norma - Capillaroscopia periungueale: nella norma - EEG: sporadiche anomalie irritative e lesionali, prevalenti in emisfero sx

7 Rachicentesi: -Citochimico: Cellule 24 (<10), Proteine 0.68 ( ), Glucosio 0.62 ( ). BEE alterata -Isoelettrofocusing: BO presenti, Link PCR enterovirus, herpes, CMV, EBV : negativa

8 Esami Strumentali: -RMN Encefalo (01/9/14): Invariate per numero e localizzazione le aree di iperintensita della sostanza bianca descritte nel precedente esame del 25/8/14. -Sfumato potenziamento dopo mdc nelle areole localizzate a livello periventricolare destro e capsulare destra

9

10 Caso clinico A.S. M,17enne Remota: ndr Fisiologica: saltuario uso di cannabis Famigliare: zia con SM

11 Caso clinico A.S. Dalla seconda metà di giugno 2014 tosse secca con episodiche febbricole serali Dal 07/07/14 progressivo malessere generale Rallentamento psicomotorio astenia 15/07/14 ricovero in PS Marcata compromissione livello di coscienza Emiparesi sin, babinski sin Afebbrile, lieve leucocitosi neutrofila

12 Caso clinico A.S. 15/07/14 ricovero in PS Marcata compromissione livello di coscienza Emiparesi sin con segni piramidali bilaterali Afebbrile, lieve leucocitosi neutrofila Intubazione, sedazione farmacologica TC-total body negativa RM-encefalo diffuse,rilevanti e numerose areole lesionali di disomogenea iperintensita' (morfoogia a bersaglio), lesioni di dimensioni variabili da parcellari a similnodulari con max diam. di circa 2,4 cm -,distribuite nella sostanza bianca periventricolare -centro ovale -sottocorticale e anche con lesioni corticali. -Alcune lesioni corticali particolarmente nelle regioni frontoparietali e in sede nucleobasale -capsulare e regioni giunzionali corticosottocorticali. Alcune leioni,di iperintensita' piu' tenue, in sede cerebellare bil. Liquor lieve iperproteinorrachia e 15 leucociti, negativo per coltura, virus neurotropi

13

14 Caso clinico A.S. 16/07/14 ricovero in T.I. Bolo steroideo ev alte dosi Ceftriaxone e Acyclovir Valutazione neurologica Ridotta interazione con mondo circostante Tono flaccido ai 4 arti, Babinski bil. Disconiugazione movimenti oculari RM-encefalo (22/07/14) lieve incremento nel numero e soprattutto nella intensita' del 'pattern' di segnale in seq.flairt2 dip e DWI diffusione, relativamente alle numerose lesioni descritte al precedente esame RM del EEG tracciato encefalopatico

15 Caso clinico A.S. 04/08/14 trasferimento in Neurologia Prosegue Terapia cortisonica (tapering) Valutazione neurologica Rimossa l assistenza respiratoria Miglioramento livello di interazione Afasia prettamente espressiva, disartria Disfagia Tetraparesi più marcata a sin RM-encefalo (6/8/14) Più estese e numerose le alterazioni focali evidenziate ai precedenti controlli; la distribuzione è bilaterale ed asimmetrica, con interessamento sparso sopra e sottotentoriale di fibre iuxtacorticali, sostanza bianca sottocorticale e periventricolare, gangli della base e talami. Al controllo attuale pressochè tutte le lesioni mostrano potenziamento, alcune con morfologia anulare incompleta, anche con cercine marginale di restrizione alla diffusività.

16

17 Caso clinico A.S. In Neurologia Prosegue Terapia cortisonica Esegue ciclo di Plasmaferesi Valutazione neurologica Significativo recupero del livello di interazione Miglioramento su disfagia e afasia Mantiene posizione seduta Movimenti oculari normali RM-encefalo (13/8/14) lievissima riduzione dimensionale di almeno due focolai lesionali in sede frontale dx e periventricolare dx, con lieve riduzione dell'edema associato a diverse delle lesioni suddette. - non e' in sostanza rilevabile, all'oderno esame RM, alcun evidente potenziamento patol delle lesioni dopo mdc param. Trasferimento in Riabilitazione

18 Paediatric MS, update in diagnosis and management Key points 1.Epidemiology and clinical aspects 2.Diagnosis 3.Treatment

19 Paediatric MS, update in diagnosis and management Key points 1.Epidemiology and clinical aspects 2.Diagnosis 3.Treatment

20 Frequency of MS cases < 16 years. Published data review Duquette et al subjects: 2.7 % Sindern et al subjects: 5.0 % Ghezzi et al subjects: 4.4 % Boiko et al subjects: 3.6 % Simone et al subjects: 10.8 % Ozakbas et al subjects: 4.0 % Deryck et al subjects: 1.7% Renoux et al subjects: 2.2 % approximately 3-5% of the whole MS population

21 female/male ratio in relation to age of MS onset f/m ratio: 2.3 f/m ratio = 4.2 for age 13-15y In subjects with age of onset < 12 years, f/m ratio = 1.2 Ghezzi A. Neurol. Sci. 2004

22 Peculiar clinical features in very young subjects First attack features Other features of MS course Banwell et al Lancet Neurology

23 Conversion to CP2 course Years from onset of MS to conversion to CP2-MS Age at conversion to CP2-MS 10 years later (28.1 vs. 18.8) 10 years younger (41.4 vs. 52.1) Renoux et al. 2007

24 Key points Epidemiology Diagnosis Treatment

25 2010 Revised McDonald Criteria Dissemination in Space (DIS): one or more T2 lesions in at least two of four areas of the CNS: 1- Periventricular, 2- Juxtacortical, 3- Infratentorial, 4- Spinal cord. Dissemination in Time (DIT): 1- New T2 lesions on serial scan(s), 2 or simultaneous presence of a clinically-silent gadolinium-enhancing lesion and a nonenhancing lesion on a single baseline scan.

26 Brain MRI and MS: dissemination in space Multiple T2-hyperintense lesions are present in 95% of patients Periventricular asymmetrical lesions Juxtacortical lesions Infratentorial lesions Spinal lesions Ovoid shape, Transverse diameter <3 mm

27 McDonald Criteria 2010 Alta sensibilità e specificità per la diagnosi di SMP quando applicati a bambini di età superiore agli 11 anni e senza caratteristiche suggestive di ADEM. RISCHIO di SM in pz con primo Episodio ADEM Like se: 1)Assenza di un pattern diffuso bilaterale 2)Presenza dei Black Holes 3)Presenza di 2 o più lesioni periventricolari Callen et al, Neurology 2009

28 1. Paediatric Acute Disseminated Encephalomyelitis Syndrome (ADEM) 2. Paediatric Clinically Isolated Syndrome (CIS) 3. Paediatric MS 4. Paediatric Neuromyelitis optica (NMO)

29 PAEDIATRIC MS CRITERIA (can be satisfied by any of the following) > 30 days With DIS + DIT > 3 months + DIS With DIS + DIT Krupp et al MSJ 2013

30 ADEM: definition Acute disseminated encephalomyelitis is an immune-mediated mediated inflammatory and demyelinating disorder with acute or subacute onset affecting multifocal areas of the CNS. ADEM clinical presentation: must be polysimtomatic must include encepahalopathy Encepahalopahy is defined as one or more of the following: Behavioral change (e.g., confusion, excessive irritability) Alteration in consciousness (e.g., lethargy, coma) unexplained by fever [Krupp L et al. Neurology 2007, Mult Scler 2013]

31 Focus on Encephalopathy Encepahalopahy is defined as one or more of the following: Behavioral change (e.g., confusion, excessive irritability) Alteration in consciousness (e.g., lethargy, coma) unexplained by fever 42-83% of pediatric ADEM Although consensus criteria might be restrictive for the diagnosis of ADEM, it is very useful to identify patients with a higher risk for multiple sclerosis. [Krupp L et al. Mult Scler 2013]

32 ADEM: epidemiology ADEM is age-related More common in Children (>3 yrs) The mean age at presentation in children ranges from 5 to 8 years 0.4/100000/year among persons less than 20 years old Male predominance In pediatric cohort: F:M ratios of Seasonal distribution winter and spring months Post-infection Post-vaccination encephalomyelitis rarely following application of immune sera 77% of patients reported infection or vaccination in the preceding few weeks [Tenembaum S et al. Neurology 2007, Wender J Neuroimmunol 2011]

33 ADEM: disease course >3 months after the first ADEM event Now resumed in multiphasic ADEM New event of ADEM 3 months or more after the initial event that can be associated with new or re-emergence of prior clinical and MRI findings [Krupp L et al. Neurology 2007] [Krupp L et al. Mult Scler 2013]

34 ADEM: disease course Event should be followed by improvement, either clinically, on MRI, or both, but there may be residual deficits Among multiphasic ADEM, in 80% of individuals the second event occurs within two years of the initial episode. Relapsing disease following ADEM that occurs beyond a second encephalopathic event is no longer consistent with multiphasic ADEM but rather indicates a chronic disorder, most often leading to the diagnosis of MS or NMO Follow-up: At least two additional MRI studies after the first normal MRI, over a period of 5 years from the initial episode [Tenembaum S et al. Neurology 2007] [Krupp L et al. Mult Scler 2013]

35 ADEM: Brain MRI Patchy Symmetrical Poorly marginated Variable from 30 to 100% of cases Brain MRI reveals large (>1 to 2 cm in size) multifocal, T2hyperintense lesions located in the supratentorial or infratentorial white matter regions. T1-hypointense lesions are rare. Gray matter, especially basal ganglia and thalamus, is frequently involved [Krupp L et al. Neurology 2007, Mult Scler 2013]

36 ADEM: Spinal MRI Spinal cord MRI may show confluent intramedullary lesion(s) Often swelling lesions Predominantly affects the thoracic region. Variable enhancement (patchy or pheripheral)

37 Role of MRI in the differentiation of ADEM from MS in children Callen et al. Neurology 2008

38 ADEM: MRI Complete resolution of MRI abnormalities after treatment has been described in 37% to 75% Partial resolution in 25% to 53% of patients

39 ADEM: CSF features [Krupp L et al. Neurology 2007] [Brilot et al., 2009]

40 ADEM: criteria summary [Krupp L et al. Mult Scler 2013]

41 Paediatric MS, update in diagnosis and management, Key points 1.Epidemiology 2.Diagnosis 3.Treatment

42 THREE COMMON QUESTIONS IN CLINICAL PRACTICE 1.Why should we consider the possibility to use DMDs in paed-ms? 2.Are data available on the use of DMDs in paed-ms? 3.What to do in non-responders?

43 Paediatric MS, update in diagnosis and management, May 2014 THREE COMMON QUESTIONS IN CLINICAL PRACTICE 1.Why should we consider the possibility to use DMDs in paed-ms? 2.Are data available on the use of DMDs in paed-ms? 3.What to do in non-responders?

44 Paediatric MS, update in diagnosis and management, May 2014 Disease modifying drugs (DMDs) in paed-ms There are many evidences showing that DMDs are safe, well tolerated and useful in paed-ms There are many reasons suggesting that immunomodulatory treatment should be useful in paed-ms 1. The course is RR in most cases 2. Relapse rate is high in initial phases of the disease 3. Relapse rate is correlated to a bad prognosis 4. Progression is slower, compared to adults, but moderate-severe disability are reached at a lower age 5. The time to shift from moderate to severe disability is short (mean 7 yrs) compared to the time to reach moderate disability (mean 17 yrs) 6. Cognitive impairment is frequent and with a negative impact on social activities and school performances

45 The treatment of paediatric multiple sclerosis - Many observational studies providing data on treatment options efficacy, safety and tolerability in paediatric MS patients - Two recent consensus papers have critically reviewed the experience of treatment with DMDs in paed-ms and delineated the best strategies: Mult Scler : Mult Scler Jan;18(1):116-27

46 The use of immunomodulators in paed-ms (Chitnis 2012)

47 IFNB - Side Effects in MS children Flu-like symptoms 8% to 71 % iinection skin reaction 7% to 75% Headache 8% to 28% Frequency: similar to that observed in adults Myalgia 5% to 17% Fatigue 3% to 6% Nausea 3% to 10% Increased liver enzyme 6% to 33% Thyroid dysfunction 8% (transient in 4%) Abnormal blood count 1% to 39% What to do Paracetamol, ibuprofen, education Initiation at 25-50% of adult dose, escalation to full dose within 1-3 months Blood cell count, liver enzymes, bilirubin: month 0, 1, 3, every 3 months in the 1 st year, every 6 months Thyroid function assessment: yearly Ghezzi et al, The management of multiple sclerosis in children: a European view. Mult Scler 2010

48 Use of first-line therapies in pediatric MS (where available) is generally accepted as the standard care. Based on these findings, the IPMSSG recommends that all pediatric patients with MS, as defined by Krupp et al., should be considered for treatment with either a beta-interferon or glatiramer acetate as first line therapy Mult Scler Jan;18(1):116-27

49 About 30% of paediatric MS cases do not adequately respond to first line medications IFNB 1a 30 ug IFNB high dose/freq GA 30% 64% 36% Ghezzi et al Neurol. Sci. 2009, 30:193 Yeh et al. Arch. Neurol., 68:473

50 SECOND LINE THERAPY: Natalizumab Mitoxantrone Cyclophosphamide Fingolimod

51 SECOND LINE THERAPY: Natalizumab Mitoxantrone Cyclophosphamide Fingolimod

52 No relapses during the whole follow up (p<0.001). Only 1 subject continued to deteriorate during the 1 st infusion pre- 4,1 post- 3 2,6 1,9 0,1 0 RR EDSS Gd + Reduction of the mean EDSS, from 2.6 ±1.0 to 1.9 ±1.0 (p< 0.001) By at least 0.5 score in 6 pts, by at least 1 score in 8 pts No Gd+ lesions during the follow up (RM every 6 months) (p=0.008)

53 Anti-JCV antibodies Anti-JCV-Ab have been found in 39% of cases Ghezzi et al MSJ 2013

54 Paediatric MS, update in diagnosis and management, May 2014 SECOND LINE THERAPY: Natalizumab Mitoxantrone Cyclophosphamide Fingolimod

55 Mitoxantrone: Two major adverse events Cardiomiotoxicity and Leukaemia In addition to many other side effects (nausea, vomiting, hair loss, infertility, increased risk of infections, etc.) Chitnis et al. Mult Scler Jan;18(1):116-2

56 Paediatric MS, update in diagnosis and management, May 2014 SECOND LINE THERAPY: Natalizumab Mitoxantrone Cyclophosphamide Fingolimod

57 Neurology 2009; 72: subjects mean age 15 years, mean disease duration 3.1 yrs Treatment schedule: Induction with 5 doses over 8 days + monthly pulsed treatments Single induction of 5 days in acute relapses Monthly Cy administration 600/1000 mg/m 2 Relapse rate EDSS

58 Ciclofosfamide in Paediatric MS, Adverse Events (n=17) SHORT TERM Nausea, vomiting 15 Lymphopenia 16 Anemia 10 Thrombocytopenia 3 Alopecia 10 Menstrual disorder 5 Infections 3 Fatigue 2 Hematuria, paresthesias, urticaria, myalgias, repeated central line placement: 1 LONG TERM Amenorrhea 3 Sterility 1 Osteoporosis 2 Bladder cancer 1 Makhani et al, Neurology 2009; 72:

59 Chitnis et al. Mult Scler Jan;18(1):116-27

60 Paediatric MS, update in diagnosis and management, May 2014 SECOND LINE THERAPY: Natalizumab Mitoxantrone Cyclophosphamide Fingolimod

61 Paediatric MS, update in diagnosis and management, May 2014 SECOND LINE THERAPY: Natalizumab Mitoxantrone Cyclophosphamide Fingolimod

62 Chitnis et al. Mult Scler Jan;18(1):116-27

63 ADEM: therapy High doses steroids (tapering for 3 weeks?) Plasmapheresis Iv Immunoglobulins [Wender et al. 11, Alper et al. 2012]

64 Grazie per l attenzione

Il trattamento delle forme aggressive

Il trattamento delle forme aggressive Il trattamento delle forme aggressive Luigi igrimaldi Fondazione Istituto t San Raffaele G. Giglio di Cefalù Un caso clinico Donna di 24 anni con anamnesi di mononucleosi infettiva all età di 14 anni e

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Caso Clinico. Dott.ssa Claudia D Agostino Policlinico Umberto I di Roma

Caso Clinico. Dott.ssa Claudia D Agostino Policlinico Umberto I di Roma Caso Clinico Dott.ssa Claudia D Agostino Policlinico Umberto I di Roma Caso Clinico Paziente di 42 anni, maschio, omosessuale Anamnesi patologica remota negativa Gennaio 2011: episodio di perdita di coscienza,

Dettagli

Patogenesie terapiadellagbs

Patogenesie terapiadellagbs Patogenesie terapiadellagbs IL RUOLO DELLE IMMUNOGLOBULINE NELLA PATOLOGIA NEUROLOGICA MILANO 6 MARZO 2015 SALA Pirelli Raffaella Fazio Ospedale San Raffaele DEFINIZIONE Guillain-Barrè syndrome is a acute

Dettagli

La Sindrome di Miller Fisher- Bickerstaff come causa di coma in etàpediatrica

La Sindrome di Miller Fisher- Bickerstaff come causa di coma in etàpediatrica La Sindrome di Miller Fisher- Bickerstaff come causa di coma in etàpediatrica A. Le Pira, M. R. Politi, I. Conti, R. M. Pulvirenti, F. Bruno, E. Lionetti, P. Smilari, F. Greco Clinica Pediatrica, A.O.U.

Dettagli

La vita in gioco ed il gioco della vita. dell adolescente e psicopatologia)

La vita in gioco ed il gioco della vita. dell adolescente e psicopatologia) La vita in gioco ed il gioco della vita (comportamenti ti estremi dell adolescente e psicopatologia) p M. Vaggi Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze ASL 3 Genovese

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

PFA "La diagnostica per immagini ed il M.M.G. - patologie del sistema nervoso centrale"

PFA La diagnostica per immagini ed il M.M.G. - patologie del sistema nervoso centrale PFA "La diagnostica per immagini ed il M.M.G. - patologie del sistema nervoso centrale" E. Arena *, S. Calia^,, A. Leonardi* * U.O.C. Neurologia ^U.O.C. Diagnostica per Immagini Ospedale S. Paolo Aspetti

Dettagli

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS

IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS I tumori in Italia Rapporto AIRTUM 1 TUMORI INFANTILI -1 ANNI IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI TESSUTI ESCLUSO OSSO SOFT TISSUE AND OTHER EXTRAOSSEOUS SARCOMAS IX SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI E ALTRI

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

Confronto tra studi osservazionali e trials nella Sclerosi Multipla

Confronto tra studi osservazionali e trials nella Sclerosi Multipla Confronto tra studi osservazionali e trials nella Sclerosi Multipla Graziella Filippini Convegno di primavera AIE Roma 14-15 maggio 2009 Observational studies - Cons Provide no useful means of assessing

Dettagli

Psicogeriatria e Medicina

Psicogeriatria e Medicina 53 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria L Italia? Non è un paese per vecchi Firenze, 29 novembre 2008 Lettura AIP/SIGG Psicogeriatria e Medicina Marco Trabucchi Presidente Associazione

Dettagli

Gestione del trauma cranico pediatrico

Gestione del trauma cranico pediatrico Gestione del trauma cranico pediatrico Forze traumatiche del Danno Primario: impatto lesioni cerebrali dirette lesioni da contraccolpo 15 Forze traumatiche del Danno Primario: accelerazione/decelarazione,

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

Vincenzo Canonico Unità di Valutazione Alzheimer Cattedra di Geriatria Università Federico II Napoli

Vincenzo Canonico Unità di Valutazione Alzheimer Cattedra di Geriatria Università Federico II Napoli Ipertensione arteriosa e decadimento cognitivo Vincenzo Canonico Unità di Valutazione Alzheimer Cattedra di Geriatria Università Federico II Napoli Hypertension, have a negative correlation with cognitive

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO. Alfredo Guarino

USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO. Alfredo Guarino USO ED ABUSO DEGLI ANTIBIOTICI NEL BAMBINO Alfredo Guarino Outline della presentazione Dimensioni del problema Cause e conseguenze dell uso inappropriato di antibiotici Strategie per la razionalizzazione

Dettagli

CASO INSOLITO DI NISTAGMO: QUADRO MISCONOSCIUTO O DIAGNOSI FORTUITA

CASO INSOLITO DI NISTAGMO: QUADRO MISCONOSCIUTO O DIAGNOSI FORTUITA Bosisio Parini 14 marzo 2015 XXII INCONTRO DI STRABOLOGIA E NEUROFTALMOLOGIA CASO INSOLITO DI NISTAGMO: QUADRO MISCONOSCIUTO O DIAGNOSI FORTUITA E. Piozzi A. Del Longo S.C.Oculistica Pediatrica Azienda

Dettagli

LE CEFALEE. Diagnosi

LE CEFALEE. Diagnosi + LE CEFALEE Diagnosi 1 + Epidemiologia 2 3 anni 5 anni 7 anni 7-15 anni 3-8 % 19,5 % 37-51 % 26-82 % + Le cefalee 3 * Cefalea non secondaria ad altra patologia CEFALEA PRIMARIA * Cefalea secondaria ad

Dettagli

NEURITE OTTICA RETROBULBARE BILATERALE IN ETÀ PEDIATRICA : CASO CLINICO

NEURITE OTTICA RETROBULBARE BILATERALE IN ETÀ PEDIATRICA : CASO CLINICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI PEDIATRIA U.O. CLINICA PEDIATRICA NEURITE OTTICA RETROBULBARE BILATERALE IN ETÀ PEDIATRICA : CASO CLINICO M.R. Politi¹, I. Conti¹, R.M. Pulvirenti¹, P.

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA Andrea MAGNANO Dirigente Nefrologo UOC Medicina Interna Ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro Azienda USL di Parma DEFINIZIONE THE

Dettagli

Focus on sclerosi multipla: il Farmacista del SSN tra clinica, terapia e innovazione

Focus on sclerosi multipla: il Farmacista del SSN tra clinica, terapia e innovazione Focus on sclerosi multipla: il Farmacista del SSN tra clinica, terapia e innovazione Palermo, 7 maggio 2015 Davide Integlia, PhD L importanza della Farmacoeconomia I fondi destinati alla sanità non sono

Dettagli

Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening

Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening Sessione IV Ricerca e sviluppo per i programmi di screening o L Adeguamento delle linee-guida dello screening del cervicocarcinoma o I Vaccini anti-hpv e gli Screening o Modelli di interazione tra screening

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma

Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014. Laboratorio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, U.O. Cardiologia, A.O.U. di Parma Diagnosi e Terapia delle Aritmie Cardiache: Ablazione transcatetere endoepicardica di Tachicardia Ventricolare in paziente con Malattia di Anderson-Fabry Martedì dell Ordine 15 Aprile 2014 Laboratorio

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA

GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA e&p GLI ANDAMENTI TEMPORALI DELLA PATOLOGIA ONCOLOGICA IN ITALIA Linfomi: linfomi di Hodgkin e linfomi non Hodgkin Lymphomas: Hodgkin and non-hodgkin Lymphomas Massimo Federico, 1 Ettore M. S. Conti (

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly?

Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Acute Asthma in the Emergency Department: a neglected cause of Acute Respiratory Failure in the Elderly? Rodolfo Ferrari, Fabrizio Giostra, Giorgio Monti, Mario Cavazza Unità Operativa di Medicina d'urgenza

Dettagli

Lesioni ghiandolari in campioni bioptici. Giovanni Negri Bolzano

Lesioni ghiandolari in campioni bioptici. Giovanni Negri Bolzano Lesioni ghiandolari in campioni bioptici Giovanni Negri Bolzano Pap test di invio con lesione ghiandolare in 40% dei casi AIS puro in 50.6% dei coni Colposcopia negativa in 24% dei casi Biopsia negativa

Dettagli

La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS)

La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS) La vaccinazione HPV: dalla prevenzione primaria alla riduzione delle recidive G. Baitelli G. Tisi (AO Spedali Civili BS) In Italia, ogni anno, si stimano 14.700 casi di CIN 2/3 e 47.000 CIN1 È INDICATO:

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 RIORGANIZZAZIONE DEI CENTRI PER LA SCLEROSI MULTIPLA DELLA REGIONE VENETO SECONDO UN MODELLO HUB & SPOKE PREMESSA La sclerosi multipla

Dettagli

Aggiornamenti in Audiovestibologia Varese, 11 marzo 2015 Demenza e Sordità Marco Mauri

Aggiornamenti in Audiovestibologia Varese, 11 marzo 2015 Demenza e Sordità Marco Mauri Aggiornamenti in Audiovestibologia Varese, 11 marzo 2015 Demenza e Sordità Marco Mauri Università degli Studi dell Insubria- DBSV U.O. Neurologia e Stroke Unit Ospedale di Circolo - Varese Alzheimer with

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

La terapia farmacologica

La terapia farmacologica La terapia farmacologica Angelo Bianchetti Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Dipartimento Medicina e Riabilitazione, Istituto Clinico S.Anna, Brescia Gli outcome del trattamento del delirum Prevenzione

Dettagli

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA LE FRAGILITA DELL ANZIANO Motoria FRAGILITA Cerebro-vascolare Cognitiva Ambientale Metabolica STROKE 80 % ISCHEMICO EMORRAGICO 20 % CORTICALE A. cerebrale ant. A. cerebrale media A. cerebrale post. SOTTOCORTICALE

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

ICTUS CEREBRALE E RISCHIO EMORRAGICO

ICTUS CEREBRALE E RISCHIO EMORRAGICO GESTIONE DEI FARMACI ANTIAGGREGANTI E ANTICOAGULANTI IN SPECIFICI CONTESTI CLINICI Rimini 15 marzo 2011 Dipartimento Malattie Cardiovascolari U.O. Medicina Interna - Angiologia ICTUS CEREBRALE E RISCHIO

Dettagli

Sintomatologia, decorso e impatto sulla qualità di vita

Sintomatologia, decorso e impatto sulla qualità di vita University of Trieste Faculty of Medicine Department of Clinical Medicine and Neurology Center for the Diagnosis and Therapy of Multiple Sclerosis Cattinara Hospital, Strada di Fiume, 447-34149-Trieste,

Dettagli

REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica. Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome

REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica. Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome Lorenzo Emmi Francesca Chiarini Centro di Riferimento Regionale per le Malattie Autoimmuni Sistemiche

Dettagli

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II

CODI/21 PIANOFORTE II // CODI/21 PIANO II MASTER di II livello - PIANOFORTE // 2nd level Master - PIANO ACCESSO: possesso del diploma accademico di II livello o titolo corrispondente DURATA: 2 ANNI NUMERO ESAMI: 8 (escluso l esame di ammissione)

Dettagli

Disturbi della vista e deficit cognitivi. Dr. Claudio Campa

Disturbi della vista e deficit cognitivi. Dr. Claudio Campa Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico Specialistiche Clinica Oculistica Antonio Rossi Direttore Prof. Paolo Perri Disturbi della vista e deficit cognitivi Dr.

Dettagli

Trattamento aggressivo della SM pediatrica? di A. Ghezzi Centro Studi SM, Gallarate

Trattamento aggressivo della SM pediatrica? di A. Ghezzi Centro Studi SM, Gallarate Trattamento aggressivo della SM pediatrica? Sì di A. Ghezzi Centro Studi SM, Gallarate INFORMAZIONI INTEGRATIVE Angelo Ghezzi onorari come relatore da Biogen, Merck Serono, Novartis, Genzyme, Teva, Almirall

Dettagli

MI PUO CAPITARE! Un caso di dolore e impotenza funzionale. NAME Dott. Aldo Naselli L URGENZA IN PEDIATRIA

MI PUO CAPITARE! Un caso di dolore e impotenza funzionale. NAME Dott. Aldo Naselli L URGENZA IN PEDIATRIA MI PUO CAPITARE! L URGENZA IN PEDIATRIA sul territorio, in pronto soccorso, in reparto Un caso di dolore e impotenza funzionale Torino, 27-29 marzo 2014 NAME Dott. Aldo Naselli F.M./M/ 3 aa e 10 mesi Accesso

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

TUMORI CEREBRALI IN ETA PEDIATRICA: DALLA CLINICA AL TRATTAMENTO. Torino, 27 novembre 2010

TUMORI CEREBRALI IN ETA PEDIATRICA: DALLA CLINICA AL TRATTAMENTO. Torino, 27 novembre 2010 Gliomi ipotalamo- chiasmatici Dr. Christian Carlino Dr.ssa Anna Mussano Dr.ssa Maria Eleonora Basso TUMORI CEREBRALI IN ETA PEDIATRICA: DALLA CLINICA AL Torino, 27 novembre 2010 Gliomi di basso grado 30-40%

Dettagli

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT Si prega il medico di famiglia di rispondere con accuratezza ad ogni singola domanda The Medical Attendant is requested to take particular

Dettagli

Evidenze cliniche nella risposta iniziale al trattamento SAT nella S.M. Dott.ssa Rita Brandi via dei Villini, 10 Roma dott.brandi@gmail.

Evidenze cliniche nella risposta iniziale al trattamento SAT nella S.M. Dott.ssa Rita Brandi via dei Villini, 10 Roma dott.brandi@gmail. Evidenze cliniche nella risposta iniziale al trattamento SAT nella S.M. Dott.ssa Rita Brandi via dei Villini, 10 Roma dott.brandi@gmail.com SCLEROSI MULTIPLA: CARATTERISTICHE GENERALI La sclerosi multipla

Dettagli

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Gravidanza e parto, una nuova coscienza femminile, un nuovo protagonismo maschile ISTAT 12 aprile 2001 1 Prevalenza

Dettagli

Manifestazioni Cliniche

Manifestazioni Cliniche La Sclerosi Multipla Sclerosi Multipla è una malattia infiammatoria cronica che colpisce il SNC (encefalo e midollo spinale) ed è una delle principali cause di disabilità del giovane adulto. Epidemiologia

Dettagli

Oncologici: sistemi e politiche per la sostenibilità

Oncologici: sistemi e politiche per la sostenibilità Oncologici: sistemi e politiche per la sostenibilità Pierluigi Navarra Convegno Nazionale SIFEIT: Innovazione e sostenibilità delle politiche farmaceutiche: quale futuro? Roma, 19 Novembre 2014 Forecasting

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

Confondimento da indicazione ed immeasurable time-bias: alcuni esempi pratici

Confondimento da indicazione ed immeasurable time-bias: alcuni esempi pratici Triple Whammy - Fisiopatologia Confondimento da indicazione ed immeasurable time-bias: alcuni esempi pratici Francesco Lapi, PharmD, PhD Health Search, Società Italiana di Medicina Generale Confondimento

Dettagli

Ictus acuto: fase preospedaliera

Ictus acuto: fase preospedaliera Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Ictus Ruolo del Medico di Medicina Generale nell ambito del programma regionale ed aziendale sulla STROKE CARE Arezzo, Ordine dei Medici,

Dettagli

Casi clinici esemplari

Casi clinici esemplari Modulo 5 Casi clinici esemplari Dott. Stelvio Sestini Medico Nucleare, Dirigente medico, UO di Medicina Nucleare USL4, Prato Background (1) Il radiofarmaco 123I-N-ω-fluoropropyl-2-β-carbometossi-3-β-(4-iodofenil)-nortropano

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results)

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results) GCE Edexcel GCE Italian(9330) Summer 006 Mark Scheme (Results) Unit Reading and Writing Question Answer Testo.. B B C - A 4 Testo. a. passione che passione b. attrae c. sicuramemte d. favorito ha favorito

Dettagli

SCLEROSI MULTIPLA. SM Malattia demielinizzante

SCLEROSI MULTIPLA. SM Malattia demielinizzante SCLEROSI MULTIPLA SM Malattia demielinizzante SM-la mielina La mielina è la membrana proteolipidica fatta dagli oligodendrociti che circonda gli assoni permettendo la conduzione Se la mielina viene distrutta

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio

Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Le Nuove Sfide Scientifiche, Tecniche ed Organizzative in Medicina di Laboratorio Roma, 6 Novembre 2012 HHV-7 ASSOCIATED MENINGOENCEPHALITIS: AN UNFORGETTABLE CLINICAL CASE Relatore: D.ssa Loria Bianchi

Dettagli

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ilaria Malerba Area Sicurezza Prodotti e Igiene Industriale Roma, 19 maggio 2015 1 giugno 2015: alcuni

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

TUMORI CEREBRALI IN ETA PEDIATRICA: DALLA CLINICA AL TRATTAMENTO. Torino, 27 novembre 2010

TUMORI CEREBRALI IN ETA PEDIATRICA: DALLA CLINICA AL TRATTAMENTO. Torino, 27 novembre 2010 Tumori infiltranti pontini Dr.ssa Anna Mussano Dr. Stefano Vallero TUMORI CEREBRALI IN ETA PEDIATRICA: DALLA CLINICA AL Torino, 27 novembre 2010 Introduzione Neoplasie del tronco encefalico: circa 15%

Dettagli

Endpointse disegni di studio nella malattia avanzata: valore clinico Vs valore statistico G. PAPPAGALLO

Endpointse disegni di studio nella malattia avanzata: valore clinico Vs valore statistico G. PAPPAGALLO Endpointse disegni di studio nella malattia avanzata: valore clinico Vs valore statistico G. PAPPAGALLO Endpoint surrogati e outcome nella malattia metastatica Giovanni L. Pappagallo Ufficio di Epidemiologia

Dettagli

Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla

Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla 1. Which are three reasons a company may choose Linux over Windows as an operating system? (Choose three.)? a) It

Dettagli

Il punto di vista del Pediatra ospedaliero

Il punto di vista del Pediatra ospedaliero Torino, 27 novembre 2010 Tumori cerebrali in età pediatrica: dalla clinica al trattamento Il punto di vista del Pediatra ospedaliero Dott. Luigi Besenzon Dott. Nicola Sardi Pediatria, Ospedale SS. Annunziata,

Dettagli

Oppioidi e Cefalea. Dr Antonio Forgione U.O. di Neurologia Casa di Cura Dr Pederzoli Peschiera del Garda

Oppioidi e Cefalea. Dr Antonio Forgione U.O. di Neurologia Casa di Cura Dr Pederzoli Peschiera del Garda Oppioidi e Cefalea Dr Antonio Forgione U.O. di Neurologia Casa di Cura Dr Pederzoli Peschiera del Garda Premesse (1) La cefalea è uno dei principali motivi di visite mediche sia specialistiche che presso

Dettagli

www.gimsi.it Registro GIMSI

www.gimsi.it Registro GIMSI www.gimsi.it Registro GIMSI Registro GIMSI Board: Ammirati if Badami A Brignole M (responsabile progetto) Casagranda I De Seta F Furlan R Registro multicentrico prospettico costituito dai pazienti valutati

Dettagli

Maurizia Rasura. UOS Stroke Unit Azienda Ospedaliera Sant Andrea. Facoltà di Medicina e Psicologia, Sapienza Università, Roma

Maurizia Rasura. UOS Stroke Unit Azienda Ospedaliera Sant Andrea. Facoltà di Medicina e Psicologia, Sapienza Università, Roma DISABILITÀ DEL PAZIENTE CON ICTUS CARDIOEMBOLICO O Maurizia Rasura UOS Stroke Unit Azienda Ospedaliera Sant Andrea Facoltà di Medicina e Psicologia, Sapienza Università, Roma Fibrillazione Atriale (FA)

Dettagli

Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele

Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.P.I. di Psichiatria A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele I programmi per l autismo: obiettivi di programmazione e garanzie di verifica

Dettagli

La sclerosi multipla in età pediatrica: una malattia prevenibile?

La sclerosi multipla in età pediatrica: una malattia prevenibile? La sclerosi multipla in età pediatrica: una malattia prevenibile? Roberto Bergamaschi Centro di Ricerca Interdipartimentale per la Sclerosi Multipla (CRISM) Istituto Neurologico Nazionale Casimiro Mondino

Dettagli

L esperienza del Progetto Leonardo Disease and Care Management

L esperienza del Progetto Leonardo Disease and Care Management AZIENDA SANITARIA LOCALE LECCE L esperienza del Progetto Leonardo Disease and Care Management ASL LECCE Antonio Metrucci Disease and Care Management Obiettivi: Una partnership pubblico privato tra RegionePuglia,

Dettagli

La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia

La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia Sclerosi multipla: una malattia a forte impatto sociale Claudio Gasperini Dipartimento di Neuroscienze Azienda Ospedaliera S. Camillo Forlanini, Roma Sapienza Università di Roma La Sclerosi Multipla (SM)

Dettagli

Aspetti diagnostici della malattia di Alzheimer Lucignano d Arbia (SI) Sabato, 16 maggio 2015

Aspetti diagnostici della malattia di Alzheimer Lucignano d Arbia (SI) Sabato, 16 maggio 2015 Aspetti diagnostici della malattia di Alzheimer Lucignano d Arbia (SI) Sabato, 16 maggio 2015 Orazio ZANETTI Società Italiana di Gerontologia e Geriatria U.O. Alzheimer - Centro per la Memoria IRCCS, Centro

Dettagli

INDICATORI NEUROFISIOLOGICI

INDICATORI NEUROFISIOLOGICI INDICATORI NEUROFISIOLOGICI GDL REGIONALE GCA REGIONALE GCA ARS TOSCANA Fase acuta Fase transizionale Fase protratta RECUPERO RECUPERO COSCIENZA STATO DI MINIMA COSCIENZA (MCS) STATO VEGETATIVO MCS CRONICO

Dettagli

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna Pavia, Giugno 2012 Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna I principali problemi che vedo e il contributo delle ultime LG ACCP Diagnosi

Dettagli

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI G.Minoli Como 28 Aprile 2007 Appropriato uso di GASTROSCOPIA ph METRIA ACG Practice Guidelines: Esophageal Reflux

Dettagli

Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia

Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia HOT TOPICS MALATTIA METASTATICA Malattia Ormonosensibile Alfredo Berruti Università degli Studi di Brescia Azienda Ospedaliera Spedali Civili Brescia MALATTIA METASTATICA ORMONOSENSIBILE Nel paziente in

Dettagli

Eventi climatici estremi in area urbana ed effetti sulla salute umana: le ondate di calore estive

Eventi climatici estremi in area urbana ed effetti sulla salute umana: le ondate di calore estive Eventi climatici estremi in area urbana ed effetti sulla salute umana: le ondate di calore estive Marina Baldi (m.baldi@ibimet.cnr.it) Istituto di Biometeorologia, CNR-Ibimet, Roma Dicembre 2013 Pathways

Dettagli

Dipartimento di Medicina Pubblica, Clinica e Preventiva, Sezione di Medicina Legale L ERRORE IN ONCOLOGIA

Dipartimento di Medicina Pubblica, Clinica e Preventiva, Sezione di Medicina Legale L ERRORE IN ONCOLOGIA Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Medicina Pubblica, Clinica e Preventiva, Sezione di Medicina Legale L ERRORE IN ONCOLOGIA dott.ssa Antonella Masullo Assistente in Formazione in

Dettagli

carmelina.trocino@ausl.bologna.it Sesso Femmina Data di Nascita 30/09/1956 Nazionalità

carmelina.trocino@ausl.bologna.it Sesso Femmina Data di Nascita 30/09/1956 Nazionalità CURRICULUM VITAE DI CARMELINA TROCINO INFORMAZIONI PERSONALI CARMELINA TROCINO e-mail carmelina.trocino@ausl.bologna.it Sesso Femmina Data di Nascita 30/09/1956 Nazionalità POSIZIONE RICOPERTA DIRIGENTE

Dettagli

La storia della dieta ipoantigenica nella crioglobulinemia

La storia della dieta ipoantigenica nella crioglobulinemia Mangiarsi la malattia Pisa 11 Ottobre 2014 La storia della dieta ipoantigenica nella crioglobulinemia Prof. Stefano Bombardieri Unità Operativa di Reumatologia Universitaria Azienda Ospedaliero Universitaria

Dettagli

Coma research Centre Besta- Italy Coma Science Group Ferb- Belgium

Coma research Centre Besta- Italy Coma Science Group Ferb- Belgium Coma research Centre Besta- Italy Coma Science Group Ferb- Belgium Proposals for scientific collaborations 8th March 2012- Liegi Matilde Leonardi, Scientific Director Coma Research Centre M. Leonardi -

Dettagli

REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA PER L EMERGENZA CANNIZZARO Via Messina, 829 95125 Catania

REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA PER L EMERGENZA CANNIZZARO Via Messina, 829 95125 Catania REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA PER L EMERGENZA CANNIZZARO Via Messina, 829 95125 Catania Unità Operativa Complessa di NEUROLOGIA info@neurologiacannizzaro.com Tel: 095-7264378, FAX: 095-7264373

Dettagli

Il referto istologico dei tumori T1 nella gestione clinica dei pazienti. Paola Cassoni

Il referto istologico dei tumori T1 nella gestione clinica dei pazienti. Paola Cassoni Il referto istologico dei tumori T1 nella gestione clinica dei pazienti Paola Cassoni La diagnosi standardizzata dei T1 Best practicenel report istologico: la refertazione utile alla gestione del paziente

Dettagli

LA FARMACOVIGILANZA COME STRUMENTO DI APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA: DAL RISCHIO AL BENEFICIO

LA FARMACOVIGILANZA COME STRUMENTO DI APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA: DAL RISCHIO AL BENEFICIO LA FARMACOVIGILANZA COME STRUMENTO DI APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA: DAL RISCHIO AL BENEFICIO Perché e quando sospettare una ADR e come fare diagnosi Trattazione pratica basata su un caso clinico Aurelio

Dettagli

1 Alla cortese attenzione della commissione scientifica della. Il sottoscritto, Alfonso Fasano, beneficiario della borsa di studio NEURECA per l anno

1 Alla cortese attenzione della commissione scientifica della. Il sottoscritto, Alfonso Fasano, beneficiario della borsa di studio NEURECA per l anno 1 Alla cortese attenzione della commissione scientifica della Fondazione NEURECA Onlus Milano Rendiconto sull attività di ricerca finora svolta (scadenza 19 febbraio 2009) Il sottoscritto, Alfonso Fasano,

Dettagli

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI

Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Angioplastica dopo lisi nel paziente con STEMI Paolo Rubartelli - Genova Key points: Chi usa la fibrinolisi nello STEMI, deve essere pronto a integrare, in maniera individualizzata, la strategia farmacologica

Dettagli

E BRIANZA SOLIDALE. AIAS Città di Monza ONLUS Brianza Solidale - 09 novembre 2015 Dott. Gaetano Santonocito

E BRIANZA SOLIDALE. AIAS Città di Monza ONLUS Brianza Solidale - 09 novembre 2015 Dott. Gaetano Santonocito A.I.A.S. E BRIANZA SOLIDALE? MISSION Assistenza sanitaria e sociale a favore delle persone disabili ed in particolare di quelle affette da patologie encefaliche svolgendo ogni possibile azione che miri

Dettagli

IMAGING AL SERVIZIO DI

IMAGING AL SERVIZIO DI Dalla chiarezza diagnostica all efficacia terapeutica Monza, 2 febbraio 2012 IMAGING AL SERVIZIO DI DIAGNOSI E TERAPIA Marco Rovaris Centro Sclerosi Multipla IRCCS Santa Maria Nascente Fondazione Don Gnocchi

Dettagli

Classi di priorità per RMN Rachide Spalla Ginocchio Bacino

Classi di priorità per RMN Rachide Spalla Ginocchio Bacino 1 di 7 Gruppo di lavoro: Coordinatore : Direzione Sanitaria Componenti Specialisti Radiologia: Componenti Specialisti Ortopedia : Componenti Medicina Generale: 1. DEFINIZIONE CLASSI DI PER RMN - RACHIDE

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli