COMITATO DIREZIONALE DEL 21 OTTOBRE 2013 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE AFRICA SUB-SAHARIANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMITATO DIREZIONALE DEL 21 OTTOBRE 2013 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE AFRICA SUB-SAHARIANA"

Transcript

1 COMITATO DIREZIONALE DEL 21 OTTOBRE 2013 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE AFRICA SUB-SAHARIANA 159. AFRICA Burkina Faso AID Unità mobile di pronto intervento sociale , AFRICA Eritrea AID Rafforzamento dei servizi di protezione materno infantile ed a favore degli adolescenti in Eritrea. a UNICEF , AFRICA Etiopia AID Contributo italiano al progetto The reading project , AFRICA Etiopia AID Business Plan per la realizzazione di un parco agroindustriale in Etiopia ,00 Credito d aiuto 163. AFRICA Etiopia AID Contributo italiano al programma Promotion of Basic Services Componente a dono ,00 1/6

2 Parere n. 11. AFRICA Etiopia AID Contributo italiano al programma Promotion of Basic Services Componente a credito d aiuto , AFRICA Niger AID Contributo a IFAD Progetto d accesso ai mercati e di infrastrutture rurali nella regione di Tahoua PAMIRTA ,00 Credito d aiuto 165. AFRICA Niger AID Progetto d accesso ai mercati e di infrastrutture rurali nella regione di Tahoua PAMIRTA. Componente a dono ,00 Parere n. 12. AFRICA Niger AID Progetto d accesso ai mercati e di infrastrutture rurali nella regione di Tahoua PAMIRTA. Componente a credito d aiuto , AFRICA Somalia AID 9003 Contributo a OIM Programma Mida II (Mida Women Somalia II) , AFRICA Sudan AID Prevenzione e risposta alle violenze di genere in Darfur ,00 Contributo finalizzato 168. AFRICA Sud Sudan AID 9955 Contributo a UNOPS Sostegno al settore ospedaliero: Ospedale statale di Rumbeck ed Ospedale della Contea di Yirol Stato dei Laghi ,00 2/6

3 Nota informativa con delibera 169. AFRICA Sud Sudan AID La salute della mamma e del bambino in Sud Sudan II Fase. Approvazione della modifica della suddivisione del contributo DGCS per l iniziativa 10189/AISPO/SSD approvata con delibera n. 158 del 19 settembre BALCANI MEDITERRANEO E MEDIO ORIENTE 170. BMVO Egitto AID Programma Sviluppo socio-economico della Costa Nord Occidentale dell Egitto Programma a dono, ex articolo , BMVO Libano AID Programma di assistenza tecnica per progetti infrastrutturali finanziati a dono e credito di aiuto tramite il Consiglio dello Sviluppo e della Ricostruzione , BMVO Libano AID Miglioramento dell offerta culturale del Museo Nazionale di Beirut: nuovo allestimento del basamento , BMVO Palestina AID UNDP/PAPP al programma Facilitating access to infrastructure resilience FAIR ,00 3/6

4 Nota informativa con parere Parere n. 13. BMVO Palestina AID 6525 Programma di supporto al settore privato mediante la costituzione di una linea di credito a favore delle piccole e medie imprese palestinesi. Proposta di emendamento all Annesso 2 dell Accordo intergovernativo firmato a Ramallah il 22 luglio 2004 per la costituzione di Small Loans Facility. Proposta di lunga missione 174. BMVO Tunisia AID Proposta di lunga missione Ing. Giovanni Semeraro per il Programma di Aiuto alla Bilancia dei Pagamenti , BMVO Giordania AID Crisi siriana Programma a sostegno delle municipalità giordane interessate dal flusso di profughi siriani ,00 ASIA E PACIFICO 176. ASIA Myanmar AID Capacity Building for Safeguarding Cultural Heritage in Myanmar a UNESCO , ASIA Myanmar AID Censimento della popolazione 2014 a UNFPA ,00 4/6

5 AMERICA LATINA E CARAIBI Credito d aiuto 178. AMERICA LATINA Ecuador AID Programma di investimento in attrezzature, infrastrutture e formazione delle risorse umane, in particolare nel settore materno e infantile della rete sanitaria della Zona 6 dell Ecuador. Componente a dono ,00 Parere n. 14. AMERICA LATINA Ecuador AID Programma di investimento in attrezzature, infrastrutture e formazione delle risorse umane, in particolare nel settore materno e infantile della rete sanitaria della Zona 6 dell Ecuador. Componente a credito ,00 Contributo finalizzato 179. AMERICA LATINA El Salvador AID Ciudad Mujer/UN Women , AMERICA LATINA Non Ripartibile AID alla FAO per il progetto: Climate change and mountain forests The Mountain Partnership and the global Island Partnership join hands in Latin America and the Pacific , AMERICA LATINA Non Ripartibile AID CARITALENTS Giovani e Territorio cooperazione interuniversitaria per lo sviluppo di competenza, strumenti innovativi e percorsi formativi nell ambito delle politiche giovanili nella regione caraibica ,00 5/6

6 182. AMERICA LATINA Non Ripartibile AID Contributo a UNEP per il finanziamento dell iniziativa Caraibi (WIder Carribean Region) Programma Biodiversity for Sustainable Development in the Carribean ,00 NON RIPARTIBILE GEOGRAFICAMENTE 183. NON RIPARTIBILE AID al CERF (Central Emergency Response Fund) ,00 6/6

COMITATO CONGIUNTO PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO PROPOSTE APPROVATE

COMITATO CONGIUNTO PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO PROPOSTE APPROVATE COMITATO CONGIUNTO PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO PROPOSTE APPROVATE RIUNIONE n. 3/2016 10 maggio 2016, ore 12.00 Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo Sala Onofri Elenco proposte approvate

Dettagli

COMITATO DIREZIONALE DEL 19 DICEMBRE 2012 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE. Contributi volontari

COMITATO DIREZIONALE DEL 19 DICEMBRE 2012 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE. Contributi volontari COMITATO DIREZIONALE DEL 19 DICEMBRE 2012 DELIBERE ELENCO INIZIATIVE APPROVATE Contributi volontari 111. BMVO - Libano AID 9957 Sostegno all Appello globale al Piano di Risposta Regionale (RRP) per i rifugiati

Dettagli

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO 6 COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO Giampaolo Cantini è il volto e l anima della Direzione italiana per la cooperazione e lo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri.

Dettagli

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale WORLD FOOD DAY 2014 Roma - 29 Ottobre Palazzetto Mattei in Villa Celimontana Il ruolo

Dettagli

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla

Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Cooperazione sanitaria in un SSR: l esperienza della Regione Toscana M. J. Caldés Pinilla Orbassano 10 maggio 2010 Deve una Regione occuparsi di Cooperazione Sanitaria Internazionale? Alcuni elementi dell

Dettagli

COMITATO DIREZIONALE DEL 29 LUGLIO 2014

COMITATO DIREZIONALE DEL 29 LUGLIO 2014 COMITATO DIREZIONALE DEL 29 LUGLIO 2014 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE AFRICA SUB-SAHARIANA Credito d aiuto 88. AFRICA ETIOPIA AID 10254 Programma per la resilienza alle siccità e la sicurezza alimentare.

Dettagli

COMITATO DIREZIONALE DEL 27 MARZO 2014 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE AFRICA SUB-SAHARIANA

COMITATO DIREZIONALE DEL 27 MARZO 2014 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE AFRICA SUB-SAHARIANA COMITATO DIREZIONALE DEL 27 MARZO 2014 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE AFRICA SUB-SAHARIANA 1. AFRICA ANGOLA AID 3421.04.0 Programma di Commodity Aid Rifinanziamento del Fondo in loco. 72.065,00 2. AFRICA

Dettagli

COMITATO DIREZIONALE DEL 24 MARZO 2015 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE

COMITATO DIREZIONALE DEL 24 MARZO 2015 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE COMITATO DIREZIONALE DEL 24 MARZO 2015 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE AFRICA SUB-SAHARIANA Iniziativa bilaterale a dono 1. AFRICA NON RIPARTIBILE AID 10284 "Capacity development in Sub-Saharan Africa in Natural

Dettagli

Cooperazione allo Sviluppo e Sistema Italia : potenzialità ed ipotesi di collaborazione

Cooperazione allo Sviluppo e Sistema Italia : potenzialità ed ipotesi di collaborazione Cooperazione allo Sviluppo e Sistema Italia : potenzialità ed ipotesi di collaborazione ROADSHOW COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DELL UE: NUOVI TREND ED OPPORTUNITA PER LE IMPRESE ITALIANE FOCUS ETIOPIA Unindustria

Dettagli

COMITATO DIREZIONALE DEL 19 NOVEMBRE 2015 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE

COMITATO DIREZIONALE DEL 19 NOVEMBRE 2015 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE COMITATO DIREZIONALE DEL 19 NOVEMBRE 2015 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE NON RIPARTIBILI GEOGRAFICAMENTE Lunga missione 149. NON RIPARTIBILE Lunga missione di due esperti di cooperazione ex Legge n. 49 del

Dettagli

COMITATO DIREZIONALE DEL 24 LUGLIO 2015 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE NON RIPARTIBILI GEOGRAFICAMENTE

COMITATO DIREZIONALE DEL 24 LUGLIO 2015 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE NON RIPARTIBILI GEOGRAFICAMENTE COMITATO DIREZIONALE DEL 24 LUGLIO 2015 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE NON RIPARTIBILI GEOGRAFICAMENTE Nota informativa con delibera 103. NON RIPARTIBILE Revisione e semplificazione dei formati standard per

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Mappatura progetti internazionali in ambito socio-sanitario della Regione Friuli Venezia Giulia (2000-2009)

Mappatura progetti internazionali in ambito socio-sanitario della Regione Friuli Venezia Giulia (2000-2009) Mappatura progetti internazionali in ambito socio-sanitario della Regione Friuli Venezia Giulia (2000-2009) Indice: Sintesi Generale 1 Sintesi mappatura progetti regionali su fondi comunitari in ambito

Dettagli

I crediti agevolati alle imprese miste nei PVS

I crediti agevolati alle imprese miste nei PVS L internazionalizzazione dei servizi innovativi Roma, 30 giugno 2010 I crediti agevolati alle imprese miste nei PVS Intervento del Min. Plen. Filippo Scammacca del Murgo capo dell Ufficio Finanziario della

Dettagli

COMITATO DIREZIONALE DEL 26 GIUGNO 2014 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE

COMITATO DIREZIONALE DEL 26 GIUGNO 2014 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE COMITATO DIREZIONALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO COMITATO DIREZIONALE DEL 26 GIUGNO 2014 ELENCO INIZIATIVE APPROVATE AFRICA SUB-SAHARIANA Iniziativa bilaterale a dono 69. AFRICA ETIOPIA AID 10240

Dettagli

MILANO PER IL CO-SVILUPPO

MILANO PER IL CO-SVILUPPO MILANO PER IL CO-SVILUPPO Contributi a favore della solidarietà e della cooperazione internazionale 2009-2010 Comune di Milano Il Bando Milano per il co-sviluppo del Comune di Milano Obbiettivi chiave

Dettagli

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella.

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella. Studiare con... le tabelle Completa la tabella. UNA REGIONE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. REGIONE... LOCALIZZAZIONE E CONFINI NORD... SUD... EST... OVEST...

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

Addendum. RELAZIONE PROGETTO DALL OSPEDALE AGLI OSPEDALI REGIONE LOMBARDIA BITEB Marzo 2011 Febbraio 2012

Addendum. RELAZIONE PROGETTO DALL OSPEDALE AGLI OSPEDALI REGIONE LOMBARDIA BITEB Marzo 2011 Febbraio 2012 Addendum RELAZIONE PROGETTO DALL OSPEDALE AGLI OSPEDALI REGIONE LOMBARDIA BITEB Marzo 2011 Febbraio 2012 In relazione alla richiesta pervenuta di differenziare i risultati numerici del progetto per anno

Dettagli

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di cooperazione, entrato in vigore nel 1978. Queste relazioni

Dettagli

La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità

La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità Venezia, 27 aprile 2015 Raffaele de Lutio Direttore Centrale per i Paesi dell Africa sub-sahariana Attenzione del MAECI verso l Africa

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE TOSCANA E POTENZIALITA DELLA RETE CSI

EVOLUZIONE DELLA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE TOSCANA E POTENZIALITA DELLA RETE CSI EVOLUZIONE DELLA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE TOSCANA E POTENZIALITA DELLA RETE CSI Siena 09/12/2013 Nicole Mascia Firenze 29 giugno 2012 Il punto di partenza Legge Regionale n.26 del 2009 Piano

Dettagli

Rapporto sulla Cooperazione allo Sviluppo dell OCSE 2014

Rapporto sulla Cooperazione allo Sviluppo dell OCSE 2014 Rapporto sulla Cooperazione allo Sviluppo dell OCSE 214 PROFILO DELL APS DELL ITALIA ESTRATTO DAL RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DELL OCSE 214 Il presente studio è stato pubblicato sotto la

Dettagli

MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO

MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: Prima C Unità 1 GLI STRUMENTI DI BASE Forma e misura della terra Le carte geografiche L informatica applicata

Dettagli

LA GESTIONE DEI SISTEMI D INFORMAZIONE SANITARIA: IL CASO ETIOPIA

LA GESTIONE DEI SISTEMI D INFORMAZIONE SANITARIA: IL CASO ETIOPIA FORUM DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Palazzo dei Congressi di Roma, 29 maggio 2013 LA GESTIONE DEI SISTEMI D INFORMAZIONE SANITARIA: IL CASO ETIOPIA Dr. Sandro Accorsi Esperto in Sistemi Informativi Sanitari

Dettagli

Ing. Luciana Pasimeni. Banco Informatico Tecnologico e Biomedico (BITeB)

Ing. Luciana Pasimeni. Banco Informatico Tecnologico e Biomedico (BITeB) Ing. Luciana Pasimeni Banco Informatico Tecnologico e Biomedico (BITeB) 1 Mission La mission del Banco Informatico Tecnologico e Biomedico (BITeB) è far crescere il non profit italiano attraverso la tecnologia.

Dettagli

SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra

SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra SIRIA. Per le famiglie in fuga dalla guerra AVSI opera nei settori socio-educativo, sviluppo urbano, sanità, lavoro, agricoltura, sicurezza alimentare e acqua, energia e ambiente, emergenza umanitaria e migrazioni, raggiungendo più di 4.000.000

Dettagli

GEOGRAFIA TURISTICA CLASSI QUINTE TURISTICO PRIMO QUADRIMESTRE

GEOGRAFIA TURISTICA CLASSI QUINTE TURISTICO PRIMO QUADRIMESTRE GEOGRAFIA TURISTICA CLASSI QUINTE TURISTICO PRIMO QUADRIMESTRE Modulo 1: Sviluppo e sottosviluppo Conoscenza dei seguenti termini: Paesi sottosviluppati e in via di sviluppo, periferia del mondo, potenze

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI

SINTESI DEI RISULTATI SINTESI DEI RISULTATI I dati relativi alle imprese di costruzioni che hanno preso parte all Indagine Ance 2013 sull internazionalizzazione confermano la dinamicità del settore, nonostante la crisi in atto.

Dettagli

La cooperazione per il mediterraneo

La cooperazione per il mediterraneo La cooperazione per il mediterraneo L unione per il Mediterraneo La politica europea di vicinato Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento politiche europee Teresa Panariello 1 L Unione per il

Dettagli

Sguardo sulla Banca europea per gli investimenti

Sguardo sulla Banca europea per gli investimenti Sguardo sulla Banca europea per gli investimenti In veste di banca dell UE, forniamo finanziamenti e consulenze per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi terzi. I nostri

Dettagli

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI

L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI L IMPEGNO DELL ITALIA PER I DIRITTI DI BAMBINI, ADOLESCENTI E GIOVANI La tutela e la promozione dei diritti dei minori nel mondo sono la strada obbligata per la crescita dei Paesi in Via di Sviluppo e

Dettagli

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 Uff. VII, DGSP, M.A.E. - Roma Tel. 06 3691 + Int. personale - Fax 06 3691 3790 dgsp7@esteri.it N.B.

Dettagli

COOPERAZIONE DIRITTI SVILUPPO GIUSTIZIA EDUCAZIONE GENERE AUTONOMIA ECONOMIA AMBIENTE CAPACITÀ RISPETTO CULTURE COMUNITÀ SOSTENIBILITÀ CITTADINANZA

COOPERAZIONE DIRITTI SVILUPPO GIUSTIZIA EDUCAZIONE GENERE AUTONOMIA ECONOMIA AMBIENTE CAPACITÀ RISPETTO CULTURE COMUNITÀ SOSTENIBILITÀ CITTADINANZA COOPERAZIONE DIRITTI SVILUPPO GIUSTIZIA EDUCAZIONE GENERE AUTONOMIA ECONOMIA AMBIENTE CAPACITÀ RISPETTO CULTURE COMUNITÀ SOSTENIBILITÀ CITTADINANZA SCAMBIO ARIA ACQUA TERRA CAMBIAMENTO SOVRANITÀ ALIMENTARE

Dettagli

Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale

Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale Cooperazione sanitaria internazionale e salute dei migranti: l impegno della Regione Toscana per la salute globale Firenze, 19 novembre 2015 Katia Belvedere La cooperazione sanitaria internazionale - OGGI

Dettagli

Il problema dell accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo: un introduzione

Il problema dell accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo: un introduzione Il problema dell accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo: un introduzione esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che negli anni passati?

Dettagli

Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche

Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche Cristina Scarpocchi, Università della Valle d Aosta, AIIG Piemonte I rifugiati nel mondo: le dimensioni del fenomeno e le implicazioni geopolitiche AIIG Associazione Italiana Insegnanti di Geografia Torino,

Dettagli

Gruppo 2 Documento di sintesi 1. Forum sulla cooperazione allo sviluppo - Gruppo di Lavoro n. 2

Gruppo 2 Documento di sintesi 1. Forum sulla cooperazione allo sviluppo - Gruppo di Lavoro n. 2 Gruppo 2 Documento di sintesi 1 Forum sulla cooperazione allo sviluppo - Gruppo di Lavoro n. 2 Dove stare? Una nuova lettura geopolitica per la cooperazione italiana Premessa Nel 2010 * i Paesi prioritari

Dettagli

Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013

Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013 Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013 Informazioni generali e stato di attuazione 1. Le finalità Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013 fa parte nella componente di cooperazione

Dettagli

Newsletter Internazionale Riepilogo Informazioni 2007

Newsletter Internazionale Riepilogo Informazioni 2007 Newsletter Internazionale Riepilogo Informazioni 2007 N. DATA PAESE OGGETTO 1 16-gen INDIA Missione imprenditoriale Calcutta, Bangladore, Bombay (11/14 febbraio 2007) 2 17-gen Edilizia nei nuovi Stati

Dettagli

Le donne nel mondo della scienza; le attività del Centro Internazionale Ipazia Maria Paola Azzario Chiesa

Le donne nel mondo della scienza; le attività del Centro Internazionale Ipazia Maria Paola Azzario Chiesa Le donne nel mondo della scienza; le attività del Centro Internazionale Ipazia Maria Paola Azzario Chiesa La mia vuol essere una breve presentazione di quanto il Centro UNESCO di Torino, di cui sono presidente,

Dettagli

La Cooperazione Sanitaria Internazionale. Il Centro di Salute Globale della Regione Toscana

La Cooperazione Sanitaria Internazionale. Il Centro di Salute Globale della Regione Toscana La Cooperazione Sanitaria Internazionale Il Centro di Salute Globale della Regione Toscana Maria José Caldés Pinilla Barbara Tomasini Siena 12 Aprile 2014 Il punto di partenza Legge Regionale n.26 del

Dettagli

RAPPORTO 2013. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2013. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2013 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Crescita

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE ROADSHOW 2015 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE NUOVI TREND ED OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE GIORGIO SQUINZI PRESIDENTE CONFINDUSTRIA

Dettagli

La Sfida agli Squilibri

La Sfida agli Squilibri Progetto Food for Learnig - Somalia La Sfida agli Squilibri GLI OBIETTIVI di SVILUPPO DEL MILLENNIO RAGIONI DELLO SQUILIBRIO C è cibo a sufficienza per sfamare l'intera popolazione mondiale di oltre 7

Dettagli

I migranti forzati nel mondo 1

I migranti forzati nel mondo 1 33. i migranti forzati Nel mondo Capitolo 3 / I migranti forzati nel mondo 1 1 A cura di UNHCR in collaborazione con Cittalia. 175 I migranti forzati nel mondo 13,9 milioni I nuovi migranti forzati nel

Dettagli

SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE

SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE Verso la costruzione della SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE Insieme possiamo porre fine alla fame e alla malnutrizione José Graziano da Silva, Direttore Generale della FAO UNA VISIONE COMUNE L Organizzazione

Dettagli

L Africa e la Banca Africana di Sviluppo: Migliore conoscenza, maggiori opportunita

L Africa e la Banca Africana di Sviluppo: Migliore conoscenza, maggiori opportunita L Africa e la Banca Africana di Sviluppo: Migliore conoscenza, maggiori opportunita (Incontro ICE, Roma 4 giugno 2012) Vincenzo Zezza Executive Director Il Gruppo AfDB in sintesi Institutions AfDB ADF

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

La cooperazione italiana e la lotta all Aids, alla tubercolosi e alla malaria dal 2000 al 2003

La cooperazione italiana e la lotta all Aids, alla tubercolosi e alla malaria dal 2000 al 2003 Ministero degli Affari Esteri Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo La cooperazione italiana e la lotta all Aids, alla tubercolosi e alla malaria dal 2000 al 2003 Introduzione Secondo le

Dettagli

3. La salute INDICE 3. La salute

3. La salute INDICE 3. La salute 3. La salute INDICE 3. La salute pag. 1 3.1 I numeri della salute 2 3.2 I servizi sanitari 4 3.3 Che cosa vuol dire assistenza sanitaria di base 6 3.4 Nuovi casi di malattie a trasmissione sessuale non

Dettagli

Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo?

Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo? Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo? intende realizzare una serie di analisi per il provvedono alla strutturazione all andamento e alle prospettive Nel decennio tra il 1995 e il 2004, la produzione

Dettagli

Le migrazioni forzate a livello internazionale ed europeo 1

Le migrazioni forzate a livello internazionale ed europeo 1 Capitolo 4 / Le migrazioni forzate a livello internazionale ed europeo 1 Non fu il mare a raccoglierci Noi raccogliemmo il mare a braccia aperte. Calati da altopiani incendiati da guerre e non dal sole,

Dettagli

2.3 Il tramonto della Costituzione europea e il Trattato di Lisbona

2.3 Il tramonto della Costituzione europea e il Trattato di Lisbona INDICE Prefazioni Renzo Tondo, Presidente Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Patrizio Bianchi, Magnifico Rettore Università degli Studi di Ferrara Angelo Sette, Presidente, Banca Popolare FriulAdria

Dettagli

LE PRINCIPALI GIORNATE DI EXPO 2015

LE PRINCIPALI GIORNATE DI EXPO 2015 LE PRINCIPALI GIORNATE DI EXPO 2015 PERCORSO 1 LE GIORNATE NAZIONALI DI EXPO 2015 PERCORSO 2 LE GIORNATE INTERNAZIONALI DI EXPO 2015 VERSO LA CARTA DI MILANO PERCORSO 3 WOMEN FOR EXPO PERCORSO 4 LE FESTE

Dettagli

1,372,000 Euro sono impiegati per le attività realizzate dalle ONG italiane e così suddivisi:

1,372,000 Euro sono impiegati per le attività realizzate dalle ONG italiane e così suddivisi: Programmi Emergenza 2014 2015 (AID 10387 e AID 10487) - 4.500.000,00 Euro totali Programma Emergenza 2014-2015- Aid 10387, 2.000.000,00 Euro In Corso Il programma Iniziativa di emergenza in favore della

Dettagli

Somalia - Italia. 2. Collaborazioni Unicef, Unhcr, Unfpa, GECPD (Galkayo Education Center for Peace and Development) 3. Fonti di finanziamento

Somalia - Italia. 2. Collaborazioni Unicef, Unhcr, Unfpa, GECPD (Galkayo Education Center for Peace and Development) 3. Fonti di finanziamento BILANCIO DI MISSIONE 2012 1.Attività Tipologie Progetti nei PVS Paesi: Formazione nei PVS Informazione Sanità Sanità- sociosanitaria Sanità Somalia - Italia 2. Collaborazioni Unicef, Unhcr, Unfpa, GECPD

Dettagli

RAPPORTO 2012. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2012. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2012 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Espansione

Dettagli

Migranti in arrivo in Europa

Migranti in arrivo in Europa Migranti in arrivo in Europa Arrivi nel Mediterraneo dati UNHCR aggiornati al 5 settembre Arrivi 289.364 Morti 3.173 Arrivi Grecia 164.166 Arrivi Italia 122.264 Il 29% di chi è arrivato via mare nel Mediterraneo

Dettagli

BORSE DI STUDIO ERASMUS MUNDUS AZIONE 2 www.unibo.it/ema2

BORSE DI STUDIO ERASMUS MUNDUS AZIONE 2 www.unibo.it/ema2 ESPERIENZE DI STUDIO, RICERCA, INSEGNAMENTO E FORMAZIONE ALL ESTERO: BORSE DI STUDIO ERASMUS MUNDUS AZIONE 2 www.unibo.it/ema2 Che cos è Erasmus Mundus Azione 2? Cos è Erasmus Mundus Action 2? Si tratta

Dettagli

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore Un indagine esplorativa condotta dalla Fondazione Giordano Dell Amore e dalla Rete Italia America Latina sulle sfide attuali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Legenda dei Paesi. Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010

Legenda dei Paesi. Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010 Legenda dei Paesi Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010 Afghanistan 155 h 1 Albania 64 i 1 Algeria 84 h 1 Andorra 30 h 2 Angola 146 h 2 Argentina 46 h 4 Armenia 76 Australia 2 Austria 25 i 1

Dettagli

GLOBE 12 maggio 2015 Napoli

GLOBE 12 maggio 2015 Napoli GLOBE 12 maggio 2015 Napoli Una carriera nelle Organizzazioni Internazionali: i Programmi JPO e Fellowships Daniela Giacomelli Responsabile Fellowships Programme United Nations Department of Economic and

Dettagli

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2015 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Dieci anni

Dettagli

Costruzione della Maternità di Matangai

Costruzione della Maternità di Matangai Costruzione della Maternità di Matangai/Sud Sudan 1 Medici con Costruzione della Maternità di Matangai Stato dei Laghi/Sud Sudan Marzo 2015 Costruzione della Maternità di Matangai/Sud Sudan 2 Contesto

Dettagli

Le gare di appalto degli Organismi Internazionali: Opportunità per le imprese. Ancona, 19 giugno 2013

Le gare di appalto degli Organismi Internazionali: Opportunità per le imprese. Ancona, 19 giugno 2013 Le gare di appalto degli Organismi Internazionali: Opportunità per le imprese PARTE PRIMA Introduzione Gli attori coinvolti nelle procedure internazionali Le gare di appalto internazionali I settori di

Dettagli

Sbarchi in aumento La situazione reale in Italia

Sbarchi in aumento La situazione reale in Italia Sbarchi in aumento La situazione reale in Italia La crescente instabilità politico-economica-sociale di tanti Paesi dell'africa sembra avere un effetto immediato sugli sbarchi degli migranti. Il peggioramento

Dettagli

SCHEDA PAESE REPUBBLICA DI SERBIA

SCHEDA PAESE REPUBBLICA DI SERBIA Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo Finanziamenti DGCS (dati in euro) SCHEDA PAESE REPUBBLICA DI SERBIA ANNO TOTALE (doni + crediti) DONI (MULTIBILATERALE) DONI (BILATERALE) CREDITI Deliberato

Dettagli

Iniziative specifiche di animazione e promozione di legami stabili con gli italiani all estero per lo sviluppo integrato del Mezzogiorno

Iniziative specifiche di animazione e promozione di legami stabili con gli italiani all estero per lo sviluppo integrato del Mezzogiorno FORUM P.A. 2006 Seminario di riflessione LE AZIONI DI SISTEMA TRA CAPACITY BUILDING E COOPERAZIONE A RETE La cooperazione a rete nell Azione di Sistema del MAE Direzione Generale Italiani all Estero e

Dettagli

L Impronta Ecologica delle nazioni Aggiornamento

L Impronta Ecologica delle nazioni Aggiornamento L Impronta Ecologica delle nazioni Aggiornamento E stato recentemente redatto un nuovo rapporto sulle impronte ecologiche delle nazioni, sempre a cura dei ricercatori dell associazione californiana Redefining

Dettagli

LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2014 2016. Linee guida. e indirizzi di programmazione

LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2014 2016. Linee guida. e indirizzi di programmazione LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2014 2016 Linee guida e indirizzi di programmazione Aggiornamento: marzo 2014 Direzione Generale per la cooperazione allo sviluppo Linee guida e indirizzi

Dettagli

100 PROGETTI INTERNAZIONALI

100 PROGETTI INTERNAZIONALI 100 PROGETTI INTERNAZIONALI DELLE AREE PROTETTE ITALIANE Una Ricerca di Federparchi sui progetti e le iniziative internazionali delle Aree Protette Italiane Brasile Foto Archivio Federparchi A cura di

Dettagli

COUNTRY RISK MAP: 2013, UN ANNO AD ALTO RISCHIO

COUNTRY RISK MAP: 2013, UN ANNO AD ALTO RISCHIO COMUNICATO STAMPA Email: ufficio.stampa@sace.it Tel: +39 06 6736888 www.sace.it COUNTRY RISK MAP: 2013, UN ANNO AD ALTO RISCHIO SACE aggiorna i profili di rischio di 189 mercati e presenta le principali

Dettagli

Tesi congressuale 1 COOPERAZIONE NELL AREA DEL MEDITERRANEO : DALL INTEGRAZIONE SOCIALE ALLO SVILUPPO DI MERCATO

Tesi congressuale 1 COOPERAZIONE NELL AREA DEL MEDITERRANEO : DALL INTEGRAZIONE SOCIALE ALLO SVILUPPO DI MERCATO Tesi congressuale 1 COOPERAZIONE NELL AREA DEL MEDITERRANEO : DALL INTEGRAZIONE SOCIALE ALLO SVILUPPO DI MERCATO Ufficio di Coordinamento - Consigliere Nazionale Coordinatore: Giuliano D ANTONIO - Presidente

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

RAPPORTO SUI PROGRAMMI MULTILATERALI DI SVILUPPO UMANO

RAPPORTO SUI PROGRAMMI MULTILATERALI DI SVILUPPO UMANO RAPPORTO SUI PROGRAMMI MULTILATERALI DI SVILUPPO UMANO realizzati da UNDP, IFAD, ILO, WHO, UNOPS in collaborazione con HABITAT, IOM, PAHO, UNESCO, UNICEF, UNICRI, UNIFEM, WFP EDINFODEC Project con la cooperazione

Dettagli

Quaderni di Armadilla scs Onlus. Cooperazione Internazionale dell Italia : prospettive con la nuova legge. (a cura di Vincenzo Pira e Marco Pasquini)

Quaderni di Armadilla scs Onlus. Cooperazione Internazionale dell Italia : prospettive con la nuova legge. (a cura di Vincenzo Pira e Marco Pasquini) Quaderni di Armadilla scs Onlus Cooperazione Internazionale dell Italia : prospettive con la nuova legge (a cura di Vincenzo Pira e Marco Pasquini) n. 4 - aprile 2015 Introduzione Armadilla è una organizzazione

Dettagli

ERASMUS MUNDUS AZIONE 2 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA

ERASMUS MUNDUS AZIONE 2 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA ERASMUS MUNDUS AZIONE 2 Che cos è Erasmus Mundus? Finanziato dalla Commissione europea e gestito dall EACEA Education, Audiovisualand Culture Executive Agency: http://eacea.ec.europa.eu/index_en.php Obiettivi

Dettagli

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Roma, 5 ottobre 2015 Direzione Affari Economici e Centro Studi Ufficio Lavori all Estero Relazioni Internazionali Le 38 imprese

Dettagli

Gli accordi di mobilità extra-ue - finanziamento della mobilità studenti

Gli accordi di mobilità extra-ue - finanziamento della mobilità studenti Gli accordi di mobilità extra-ue - finanziamento della mobilità studenti Questa presentazione sarà divisa in due parti: 1. Dedicata all Azione 2 del programma Erasmus Mundus 2. Dedicata alla negoziazione

Dettagli

Contatti Sportello informativo per macroaree geografiche e sesso (tab. 1 grafico 1)

Contatti Sportello informativo per macroaree geografiche e sesso (tab. 1 grafico 1) Contatti Sportello informativo per macroaree geografiche e sesso (tab. 1 grafico 1) 0 2 2 16 11 27 30 8 38 1 7 8 10 3 13 Apolidi 1 0 1 TOTALE 58 31 89 15% 1% 2% 9% 43% 30% Apolide Contatti Sportello informativo

Dettagli

UN FUTURO MIGLIORE PER I PICCOLI PRODUTTORI

UN FUTURO MIGLIORE PER I PICCOLI PRODUTTORI UN FUTURO MIGLIORE PER I PICCOLI PRODUTTORI PROGRAMMA QUADRO SVILUPPO ECONOMICO LOCALE CHI SIAMO La Fondazione Giovanni Paolo II per il dialogo, la cooperazione e lo sviluppo nasce come risultante del

Dettagli

In primo piano. Ministero degli Affari Esteri. della Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo. Cooperazione finanziaria 2008

In primo piano. Ministero degli Affari Esteri. della Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo. Cooperazione finanziaria 2008 In primo piano Ministero degli Affari Esteri Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo Cooperazione finanziaria 2008 Concessione di crediti di aiuto ai sensi dell art. 6 legge n. 49/1987 I crediti

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2013

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2013 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2013 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Disposizioni attuative per l anno 2012 Il quadro di riferimento La Cooperazione

Dettagli

IL MEDITERRANEO E L ITALIA: 1976-2015

IL MEDITERRANEO E L ITALIA: 1976-2015 IL MEDITERRANEO E L ITALIA: 1976-2015 Giuseppe Garofalo Prof. ordinario di Economia politica Dipartimento di Economia e impresa Università della Tuscia Giuseppe Garofalo Lo spunto Un articolo del 1976

Dettagli

Relazione annuale sull attuazione della politica di cooperazione allo sviluppo nel 2004 (art. 3, legge 26 febbraio 1987, n. 49)

Relazione annuale sull attuazione della politica di cooperazione allo sviluppo nel 2004 (art. 3, legge 26 febbraio 1987, n. 49) Ministero degli Affari Esteri Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo Relazione annuale sull attuazione della politica di cooperazione allo sviluppo nel 2004 (art. 3, legge 26 febbraio 1987,

Dettagli

- Graduatoria Bando PVS 2015 Lotto B. N. ONG Titolo progetto Paese Lotto Punteggio I Rata Esito

- Graduatoria Bando PVS 2015 Lotto B. N. ONG Titolo progetto Paese Lotto Punteggio I Rata Esito - Graduatoria Bando PVS 2015 Lotto B N. ONG Titolo progetto Paese Lotto Punteggio I Rata Esito 1 ARCS 2 STC 3 AAI 4 ICU Inclusione sociale, formazione e salute riproduttiva per donne e bambini dell'area

Dettagli

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO Cenni storici e aspetti generali 1. Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), con sede a Roma, è stato creato nel 1977 a seguito di una

Dettagli

ESITO DEL BANDO PUBBLICO RELATIVO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A PROGETTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA E SOLIDARIETA INTERNAZIONALE PER L ANNO 2011

ESITO DEL BANDO PUBBLICO RELATIVO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A PROGETTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA E SOLIDARIETA INTERNAZIONALE PER L ANNO 2011 ESITO DEL BANDO PUBBLICO RELATIVO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A PROGETTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA E SOLIDARIETA INTERNAZIONALE PER L ANNO A conclusione della procedura relativa all Avviso Pubblico

Dettagli

Decreto rettorale 03 novembre 2014, n. 1062 (prot. 86555)

Decreto rettorale 03 novembre 2014, n. 1062 (prot. 86555) Decreto rettorale 03 novembre 2014, n. 1062 (prot. 86555) Bando per la concessione dei contributi per la promozione delle attività internazionali dell Ateneo - Anno 2015 IL RETTORE VISTO il Regolamento

Dettagli

LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2013 2015. Linee guida e indirizzi di programmazione

LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2013 2015. Linee guida e indirizzi di programmazione LA COOPERAZIONE ITALIANA ALLO SVILUPPO NEL TRIENNIO 2013 2015 Linee guida e indirizzi di programmazione (presentata al Tavolo Interistituzionale 14.12.12) PREMESSA Il presente documento di Linee Guida

Dettagli

Dichiarazione congiunta de L Aquila sulla sicurezza alimentare globale

Dichiarazione congiunta de L Aquila sulla sicurezza alimentare globale Traduzione non ufficiale Dichiarazione congiunta de L Aquila sulla sicurezza alimentare globale L Iniziativa de L Aquila sulla Sicurezza Alimentare (AFSI) 1. Noi, i Capi di Stato e di Governo e i Direttori

Dettagli

Foto: Alessandro Gandolfi/Parallelozero. Ciad - Marò, ospedale per partorienti al campo rifugiati di Yaroungou, una madre pesa il proprio bambino.

Foto: Alessandro Gandolfi/Parallelozero. Ciad - Marò, ospedale per partorienti al campo rifugiati di Yaroungou, una madre pesa il proprio bambino. Foto: Alessandro Gandolfi/Parallelozero. Ciad - Marò, ospedale per partorienti al campo rifugiati di Yaroungou, una madre pesa il proprio bambino. HEADQUARTERS: VIA F. DE LEMENE 50-20151 MILANO - ITALIA

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Costo al minuto (Euro) a base d'asta, IVA esclusa 1.368.000 0,0066 595.000 0,0087 70.000 0,1053 625 0,0710 1.250 0,0911 1.250 0,2900 0 0,2000 0 0,4500

Costo al minuto (Euro) a base d'asta, IVA esclusa 1.368.000 0,0066 595.000 0,0087 70.000 0,1053 625 0,0710 1.250 0,0911 1.250 0,2900 0 0,2000 0 0,4500 Telefonia di base Direttrici di traffico Distrettuale, incluso urbane Interdistrettuale Verso rete mobile Internazionale - Area 1 Internazionale - Area 2 Internazionale - Area 3 Internazionale - Area 4

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA ( O. M. S. ) WORLD HEALTH ORGANIZATION ( W. H. O. ) AGENZIA SPECIALIZZATA DELL O.N.U.

Dettagli

Corso televisivo di Alfabetizzazione: Presentazione di un prototipo

Corso televisivo di Alfabetizzazione: Presentazione di un prototipo Giornata Nazionale dell Alfabetizazione in Marocco Rabat 13 ottobre 2008 Corso televisivo di Alfabetizzazione: Presentazione di un prototipo di Maria Amata Garito Professore Psicotecnologie nell Università

Dettagli