Numero 4 - Dicembre 2012 RIVISTA DEGLI OSPITI DELLA CASA ANZIANI DI POSCHIAVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Numero 4 - Dicembre 2012 RIVISTA DEGLI OSPITI DELLA CASA ANZIANI DI POSCHIAVO"

Transcript

1 Numero 4 - Dicembre 2012 VOCI RIVISTA DEGLI OSPITI DELLA CASA ANZIANI DI POSCHIAVO

2 VOCI Rivista degli Ospiti della Casa Anziani di Poschiavo Numero 4 - Dicembre 2012 INDICE 3 Editoriale (Gisa Lardi) 4 La collaboratrice sanitaria (Franco Crameri) 5 La collaboratrice: Nadia Cao (Franco Crameri) 8 Ricordiamoli (Suor Rita Haus) 12 L ospite: Luciano Maranta (Franco Crameri) 16 Soddisfazioni autunnali: raccolta delle patate 18 Le fotografie raccontano (Alessandra Jochum e Pierluigi Crameri) 21 L interscambio con i vicini di casa 22 Pranzo a Madreda (Monica Paganini-Zanetti) 24 La poesia delle bisnonne 25 Volontarie «Lavori a maglia» (Gisa Lardi) 27 Lavorare a maglia è sano

3 Questa che state per sfogliare è la quarta uscita di VOCI, la rivista degli ospiti della Casa Anziani. Si può quindi dire che il nostro giornalino è ormai un progetto assodato dell attività di animazione. Tuttavia, come sempre, le opinioni, i consigli, i suggerimenti e le proposte di collaborazione da parte di tutti sono sempre benvenuti. Anche in questa edizione troverete interessanti contributi e molte sorprese. Franco Crameri-Droux ci parla dell importante figura professionale della collaboratrice sanitaria nel servizio cure. A questo proposito segue un intervista a Nadia Cao, che svolge questa professione in Casa Anziani da più di otto anni. Alcune pagine saranno dedicate alla memoria di coloro che, in questi ultimi mesi, purtroppo ci hanno lasciati. Pure in questo numero ci sarà uno spazio dedicato a chi presta il proprio aiuto in Casa Anziani quale volontario: questa volta è il turno di Mirta Crameri e le altre volontarie del gruppo maglia che ci raccontano della loro attività e di come questa è nata e si è sviluppata negli ultimi anni. Ci sarà inoltre un contributo su una giornata che alcuni ospiti della Casa Anziani hanno trascorso al monte di Madreda e uno dedicato alle fotografie conservate nel nuovo Archivio fotografico Valposchiavo, e che a tutti hanno riportato alla mente ricordi di persone e luoghi della vecchia Poschiavo. Inoltre verrà ricordato con delle fotografie alcuni momenti di animazione vissuti dagli Ospiti durante l autunno: la raccolta delle patate, la visita dei scölin, la confezione delle berrettine a favore dell Associazione Save the Children. La redazione augura a tutti, Ospiti, Parenti e Personale, una buona lettura! 3 EDITORIALE a cura di Gisa Lardi

4 La collaboratrice sanitaria nel servizio cure a cura di Franco Crameri-Droux Una figura professionale basilare Il ritmo e lo stile di vita dei nostri tempi danno a volte l impressione che certi ideali ed alcune scelte non ricevano il giusto riconoscimento, per cui i giovani sono orientati verso altre e alte mete. La società richiede preparazione, titoli di studio, formazioni sempre più specifiche, dati tecnici, conoscenze telematiche e via di seguito. Il fare e il prestigio sono determinanti, anche con il rischio di trovarsi a mani vuote. Il ruolo della collaboratrice sanitaria nel servizio cure in Casa Anziani non è sempre appariscente e prestigioso agli occhi di chi guarda dall esterno. Eppure è un ruolo fondamentale. Con la dovuta formazione di base, la collaboratrice è quella persona che vive a diretto contatto con l anziano, condividendo il ritmo della giornata, basando il suo essere e il suo fare sul rapporto umano con la persona curata. È la persona forse più vicina all ospite, perché questa quotidianità la porta a conoscere nei minimi dettagli i gusti, i desideri e i bisogni degli ospiti. Qui sta proprio il valore più alto (e forse troppo nascosto) di questo ruolo professionale. Senza una buona dose di umanità non si può resistere in questa professione, perché è proprio il rapporto umano che dà la forza di essere una presenza valida e apprezzata.

5 Intervista a Nadia Cao, collaboratrice sanitaria Nadia è una persona solare, schietta, con le idee chiare. In poschiavino diremmo che Nadia, la sa chi ca la vol!. Ma questa può essere un impressione superficiale. Parlando con lei si può cogliere tra le righe la sua sensibilità umana, la sua capacità di ascolto e di dialogo, la sua serenità interiore. Ci troviamo ora a casa sua, davanti ad una squisita torta e un buon caffè. Le espongo qualche domanda, le faccio raccontare la sua vita. Risponde con spontaneità, non mi reputa una persona curiosa dei fatti altrui. Suo marito sonnecchia sul divano e sicuramente sta ascoltando attentamente. Nadia, raccontaci la tua infanzia Sono nata a Boalzo/Teglio il 2 ottobre 1974 a casa della nonna. La mia famiglia era composta dai genitori, da due fratelli, da uno zio e dalla nonna. Ho frequentato le scuole di San Giacomo e Tresenda. Ricordo che non mi piaceva giocare con le bambole; preferivo uscire e stare in mezzo alla natura, giocare con la terra e

6 l acqua, nel bosco, vicino al fiume. Stare in casa era per me come stare in gabbia. Volevo vivere con me stessa! Già fin d allora mi piaceva stare vicino alle persone anziane e soprattutto ascoltare le loro storie e le loro esperienze. Ero sempre attratta dai loro racconti. Come ricordi la tua adolescenza? La scuola non era per me. A quattordici anni ho iniziato a lavorare e ho trovato il posto in una profumeria a Livigno dove sono rimasta sei anni (gestione del negozio e venditrice). Come sei arrivata a Poschiavo? Quasi per caso; all inizio pensavo fosse un posto provvisorio ma poi sono rimasta ben cinque anni quale cameriera presso il Caffè Semadeni in Piazza. In quegli anni ho conosciuto mio marito Igino, il quale era un assiduo frequentatore del bar. Così Poschiavo è diventata la mia seconda patria. Come hai conosciuto la Casa Anziani? Nella primavera del 2002 sono entrata alle dipendenze della Casa Anziani nel servizio di pulizie al pomeriggio. Questo ambiente è stato già fin dall inizio di mio gradimento. Il rapporto con gli anziani era spontaneo e piacevole. Nel 2004 ho pertanto accolto con gioia la proposta di entrare nel servizio cure dopo aver assolto il corso base. Se guardo alla mia vita posso vedere che il mondo degli anziani è sempre stato un fil rouge e quindi non ho avuto grandi difficoltà ad inserirmi in questa struttura. Cosa vuol dire per te curare le persone anziane? La mia esperienza di questi anni e i miei ideali mi hanno insegnato che la cura è innanzitutto accompagnamento! È stare

7 a fianco, è stare vicino, essere presente. Non solo fisicamente, ma anche con il cuore, valorizzando così al massimo l umanità, il sostegno, l affetto. L importante della vita è proprio questo. Da queste persone io ricevo anche molta forza. Un sorriso di loro mi fa stare bene. Nel mio piccolo posso fare molto. Se riesco ad entrare con rispetto nel vissuto delle singole persone posso sostenere efficacemente chi mi chiede aiuto, non solo fisicamente, ma anche moralmente. A volte occorre così poco per accontentare le persone. Di che cosa ha maggiormente bisogno la persona anziana? Sono realista: le perdite ci sono, occorre individuarle per sostenere le persone anziane. Queste perdite possono essere di diversa natura: fisiche, morali, intellettuali, umane. La visione deve essere globale per capire veramente la vita. In Casa Anziani noi ci facciamo in quattro per dare queste risposte. Personalmente ritengo che il tesoro più prezioso è il ricordo di ciò che sei, per cui è importante mantenere il più possibile il rapporto di amore con le persone vicine, il rapporto di amicizia come nella famiglia. Come valuti questa tua esperienza lavorativa? La mole di lavoro da compiere è molto ampia. A volte infinita, nel senso che non finisce mai. Al termine del turno arrivo a casa molto stanca. Ma non mancano le soddisfazioni, anche se questo lavoro è umile. A casa rifletto sul mio operato durante la giornata, ai sorrisi che ho ricevuto, alle buone parole sentite. Questo mi dà la forza e la gioia di continuare e mi accorgo che ciò che ricevo è più grande di ciò che ho dato. L importanza del team di cure Naturalmente il mio lavoro è concepibile solo nell ambito del team. Io faccio parte del gruppo cura, il quale è formato da diverse figure professionali al servizio degli ospiti (collaboratrici - assistenti di cura - infermieri). La collaborazione nel team è indispensabile, il passaggio di informazioni e l interazione delle competenze sono fondamentali per la cura individuale degli ospiti. Solo tramite questa impostazione è possibile l efficacia della cura e il raggiungimento degli obbiettivi.

8 8 Fattasi sera Gesù disse: Passiamo all altra riva. Ricordiamo con particolare affetto gli ospiti deceduti durante gli ultimi mesi Ricordiamoli... a cura di Suor Rita Haus Signor Valentino Merlo Il Signor Merlo è venuto a vivere in Casa Anziani perché abitare da solo a Viano era difficile, casa sua era diventata troppo grande per un uomo solo. I famigliari gli prestavano aiuto e consigli, ma per un uomo che nel suo corpo era segnato dalla fatica e dal duro lavoro non era facile accettare aiuto, farsi servire e non far più niente. In Casa Anziani ha così iniziato due apprendistati. Anzitutto ad usare il deambulatore per camminare più speditamente e con maggior sicurezza. Il secondo apprendistato risultava essere più difficile del primo; si trattava infatti di usare la poltrona appoggiandovi comodamente la schiena curva e stanca. Da questa postazione guardava la TV e leggeva il giornale, il suo amato Grigione Italiano. La domenica, il Signor Valentino partecipava alla Santa Messa vestito a festa. Lo ricordiamo mentre fumava una sigaretta in giardino seduto al sole, ascoltare musica folcloristica o canticchiare in occasione delle visite degli Amici del Canto. Lo ricordiamo anche nella sofferenza, le malattie e gli acciacchi minavano le sue forze, la sua presenza in caffetteria diminuiva e la sua camera era diventato il luogo dove riceveva le cure e le visite dei familiari. Dopo l ulteriore aggravarsi della situazione e il suo ricovero all ospedale San Sisto, il Signor Merlo ha lasciato questa terra per dimorare in Cielo.

9 Signora Agnese Menghini Prendiamo congedo dalla nostra Signora Agnese. Dico nostra perché è lei, prima di tutti, che 13 anni fa ha scelto la nostra Casa come luogo di vita e convivenza. Sì proprio lei, che con i suoi familiari parlava di questo progetto e un giorno, presa la decisione con determinazione, si è trasferita da noi. Agnese l abbiamo conosciuta come un ospite con la ferma decisione di mantenere la sua autonomia più a lungo possibile. Il farmaco per la notte lo autogestiva e usava con determinazione il deambulatore per camminare con più sicurezza e conservava gli ausili sanitari sempre pronti per ogni evenienza. La ricordiamo come Signora distinta; ci teneva al suo aspetto, sempre ben vestita, con la collana in tinta e ben abbinata, l acconciatura sempre a posto. Si notava il suo piglio da donna di città. Trascorsi molti anni a Roma e in seguito nella Svizzera tedesca, qui in Casa Anziani ha trovato anche le sorelle Raffaella e Celina. Incontrarsi, scambiarsi delle visite a vicenda e pranzare insieme era facile e Agnese apprezzava molto le visite di altri familiari e conoscenti. Agnese in Casa Anziani ha coltivato e apprezzato una grande amicizia con Cristina e spesso insieme guardavano la TV, giocavano a carte e si facevano tanta compagnia. Partecipava sempre alla celebrazione della Eucarestia, al Santo Rosario e una visita al giorno alla Cappella faceva parte del suo quotidiano. Era una persona sociale, serena e pacifica, anche se negli ultimi anni purtroppo il suo linguaggio era diventato difficile da capire, ma lei si esprimeva con i gesti. Questa era la sua nuova sfida giornaliera e ci riservava delle sorprese, creando maggiore imbarazzo a noi per la difficoltà nel capirla che a lei stessa per la difficoltà ad esprimersi. Signora Mirta Bontognali Cinque anni orsono è arrivata a far parte della famiglia di Casa Anziani, ma molti dei nostri ospiti già la conoscevano per la sua attività di gestione di negozio e ristorante in paese. Ricordare la Signora Mirta significa ricordare una Signora dignitosa, semplice, elegante, serena e sempre sorridente. Una

10 persona affabile e gentile con tutti, una donna riconoscente per ogni servizio ricevuto e con uno sguardo che esprimeva gratitudine anche senza bisogno del sostegno delle parole. Una persona sociale e laboriosa: quanti lavori a maglia ha fatto e quante calde coperte ha confezionato! Si impegnava spesso con lavori di vimini realizzando molteplici cestini. Ricordiamo anche che quando scriveva qualcosa ci stupiva con una calligrafia da fare invidia! Ricordare la Signora Mirta è soprattutto ricordare una persona di grande fede, donna di preghiera ed è qui che sta il segreto di tutta la sua vita spirituale ed il motore della sua alacrità. La corona del Rosario sempre a portata di mano, la partecipazione alla Santa Messa e le numerose visite alla Cappella erano parte del suo programma giornaliero. Anche negli ultimi giorni di vita lei continuava ad esprimere il suo amore e la sua gratitudine ai suoi familiari e a tutti noi; anche noi della Casa Anziani vogliamo ricambiare questi sentimenti perchè la Signora Mirta ci ha offerto una bella esperienza di cammino di vita. Signora Silvia Bolza Fiocchi Noi la ricordiamo come la Signora di Milano che da alcuni anni veniva in Casa Anziani per trascorrere alcune settimane d estate. Per lei era come una vacanza, vicina al figlio, alla famiglia, ed insieme a loro si godeva il giardino, le passeggiate e le tazze di caffè in Piazza. Quattro anni fa la Signora Bolza ha lasciato Milano definitivamente e si è trasferita stabilmente da noi. Certamente non fu una decisione facile, ma il figlio, la nuora, i nipoti e i pronipoti hanno fatto a gara per rendere questa nuova esperienza meno traumatica. Leggeva con piacere i giornali italiani per mantenere vivo il suo rapporto d amore con il Bel Paese dove aveva vissuto per anni. Assistita dal figlio giocava volentieri a carte e risolveva i cruciverba tenendo attiva la memoria. Amava il tennis e guardava le partite in TV, ascoltava musica classica nel ricordo di tutti i concerti ascoltati dal vivo. L età avanzava e di pari passo la salute peggiorava di

11 giorno in giorno e alla fine fu costretta sulla sedia a rotelle e poi immobilizzata a letto ed è qui che tutta la sua vitalità si è concentrata nei suoi occhi, che erano sempre vispi e vigili al punto da comunicare attraverso lo sguardo, fino a quando li ha chiusi a questo mondo per aprirli all eternità. Signora Agnese Zanolari La Signora Agnese ha vissuto otto anni in Casa Anziani trasferendosi dalla sua amata casa di Privilasco. Inserirsi in una nuova realtà lasciando al paesello la casa, la figlia e i nipoti è stata una prova dura per Agnese, che lei ha superato anche grazie alle visite continue dei famigliari, in particolar modo dei nipotini che hanno dato coraggio a nonna Agnese ma in cambio hanno ricevuto tanto amore. In questo modo Agnese ha visto crescere i nipotini e loro hanno avuto lezioni di vita dal valore inestimabile dalla nonna. Fin quando la salute, se pur precaria, l ha consentito, Agnese si recava a casa della figlia e dei nipoti, ma purtroppo la situazione continuava a peggiorare e pur combattendo per mantenere la sua mobilità alla fine fu costretta sulla sedia a rotelle. La forza di continuare a combattere lei la trovava nella fede, una fede semplice ma vissuta. Partecipava quasi tutti i giorni alla Santa Messa e di domenica era ancora più felice quando insieme a lei, alla Santa Messa, partecipavano anche l amata figlia Emanuela e gli adorati nipoti Virgilio e Graziella. Sorrideva sempre Agnese e diceva di stare bene anche quando c era da dubitarne. Sempre riconoscente per le cure che le erano dispensate non si lamentava mai e la vera sfida era quella di capire le sue reali esigenze. La presenza in Casa Anziani di sua sorella Irene favoriva gli incontri di Agnese con il resto dei familiari e dei conoscenti e in una di queste occasioni, pochi giorni prima di andarsene per sempre, rivolgendosi al gruppo degli Amici del Canto, indicando il cielo con un dito ha detto: mi pasi sü!! Era consapevole che di lì a breve avrebbe terminato il suo pellegrinaggio terreno per raggiungere i suoi cari in Cielo.

12 a cura di Franco Crameri-Droux L ospite: Luciano Maranta Già da molto tempo chiedo al signor Luciano di rispolverare la sua chitarra e di suonarci qualche brano. Dice di non essere più capace, ma chi si ricorda di lui giovane, racconta che sul sagrato della chiesa suonava e cantava le melodie dei suoi tempi attorniato da molti giovani che lo ascoltavano. Il sig. Luciano è proprio così: non ama l ammirazione, né gli applausi. Racconta la sua vita con una certa timidezza, ma con un sorriso di saggezza che colpisce subito chi lo ascolta. È una persona che ha saputo vivere i suoi ideali e i suoi sogni, cercando di guardare sempre avanti, pronto a cogliere le sorprese e le intuizioni della vita. E le ha seguite, fino in fondo. Perciò guarda e racconta il suo passato con grande serenità, senza ansie o pentimenti, con la sua oramai proverbiale calma e tranquillità. La sua vita lo ha portato lontano, raccogliendo così un grande bagaglio culturale, che però non vuole sfoggiare. Personalmente sono convito che sa ancora suonare

13 la sua chitarra; il suo sorriso timido è segno che custodisce ancora nel cuore quelle dolci melodie, di cui forse un giorno ci farà nuovamente dono. Se saremo in molti a chiederglielo sicuramente non ci deluderà! Ascoltiamo con attenzione la storia della sua vita: La mia infanzia e i miei studi Sono nato nell ormai lontano 14 dicembre 1932, ultimo di sedici figli della famiglia Riccardo e Palmina Maranta-Lardi. Ho trascorso un infanzia felice all ombra del campanile di San Vittore a Poschiavo e sul sagrato della chiesa ho passato molte ore di gioco e di svago con i compagni di allora. Mio padre era l organista della chiesa prepositurale e quindi la mia infanzia e gioventù sono state intrise della vita ecclesiale di allora. All età di 12 anni sono andato in Val Mesolcina e precisamente a San Vittore dove mio fratello Mons. Reto Maranta era prevosto. Laggiù ho frequentato le tre classi superiori del collegio S. Anna a Roveredo. Nel 1947 sono entrato nel collegio dei cappuccini di Stans e ho concluso questo studio qualche anno dopo con la maturità ginnasiale (con latino e inglese). In seguito ho frequentato la formazione universitaria quadriennale di ingegnere forestale presso il Politecnico di Zurigo, con alcuni mesi di assistente di un professore. La mia carriera professionale Dopo Zurigo sono stato impiegato nell attuale regione del Giura e precisamente a Delémont: ho seguito progetti di strade, di rimboschimento e diversi piani di assestamento per il comune. Sono stati anni veramente intensi. Una mia lettura preferita: Annabella In quel tempo mia sorella Zina mi inviava periodicamente la rivista Annabella, che leggevo assiduamente. Improvvisamente mi ha colpito un racconto di una volontaria a Cochabamba (Bolivia) che illustrava il suo operato. Quindi ho deciso di partire anch io per quel posto, così che qualche mese dopo mi sono trovato al porto di Genova per prendere la nave. Il viaggio è durato tre settimane e durante questo tempo ho avuto l incarico di

14 sorvegliare che una spedizione di cassoni di aiuti umanitari non venissero rubati. Mi ricordo bene di essere pure passato dal canale di Panama. Ho trascorso quindi due anni in Bolivia: lavoravo con un solerte missionario che costruiva un piccolo paese per i bambini abbandonati. Si chiamava P. Antonio Berta, era della diocesi di Bergamo (Associazione Patronato di S. Vincenzo). Io mi occupavo dell orto e dei campi. Coltivavo le verdure e molti frutti per l alimentazione di questi bambini. La rivista Annabella mi ha portato fino laggiù! Un breve ritorno in patria e una nuova partenza Dopo questa esperienza sono entrato nel 1977 fino al 1979 nel convento dei benedettini di Einsiedeln. La vita religiosa mi attraeva ma il Signore disponeva altrimenti. Proprio in quel convento uno studente mi raccontava di voler andare in Perù e così si è riacceso in me la determinazione di diventare nuovamente volontario nel Sudamerica. Quindi, dopo aver preso contatto con il vescovo di Huari (Perù) nel mese di dicembre del 1979 sono partito di nuovo e rimasto laggiù per ben cinque anni e mezzo. Ufficialmente il vescovo era il mio datore di lavoro, così potevo godere della sua

15 protezione. I guerriglieri erano sempre molto minacciosi. Il mio compito era la gestione di un grande vivaio forestale, nel quale si coltivavano le piantine per il rimboschimento della regione. Ho pure guidato la costruzione di canali per l irrigazione. Vivevo da solo in una capanna, ma per il vitto ero sempre ospite di una famiglia di campesinos che lavoravano con me. Queste persone venivano pagate con i viveri della Caritas Americana e così potevamo vivere abbastanza bene. Il vescovo riceveva dalla diocesi austriaca di Linz un piccolo contributo, che mi versava per il mio mantenimento. Dopo un paio di anni sono stato raggiunto da un volontario di Olivone, al quale ho potuto trasmettere la mia esperienza. Siamo riusciti a formare un giovane campesino per continuare questo progetto. Così potevo ritornare in Svizzera. Di nuovo ad Einsiedeln Rientrato alla base, nel 1985, ho trascorso nuovamente un breve periodo nel monastero di Einsiedeln. Il mio cuore mi richiamava però ai patri lidi, ritornai pertanto nel Canton Grigioni. All Hotel Palace di St. Moritz Grazie alle mie conoscenze linguistiche, soprattutto dell inglese, non ho avuto difficoltà ad essere assunto dall Hotel Palace di St.Moritz, quale coordinatore del personale impiegato. Dovevo curare la corrispondenza del personale, telefoni, ecc. A quel tempo eravamo 500 dipendenti per 400 clienti. Lì ho conosciuto molte persone che si dicevano importanti, ma non ho mai dimenticato i poveri del Sudamerica! Finalmente a Poschiavo Dal 1997 sono ritornato felicemente in Valle. Questo pensiero mi ha accompagnato tutta la vita. Ho vissuto per ben dieci anni presso la gentile signora Clelia Lanfranchi, Cimavilla. Da quasi sei anni sono in Casa Anziani. Sono molto contento. Mi sento a casa e non sono abbandonato. Dalla finestra della mia camera posso ammirare tutti i giorni la mia casetta rosa su in Resena e ricordo con una certa nostalgia gli anni della gioventù in cui rientravo brevemente in Valle e dormivo lassù su una semplice branda vicino a un figulà!

16 16 Soddisfazioni autunnali

17 La patata Sia benedetta la patata ed il buon Dio che l ha creata. In natura la regina, in tutto il mondo si cucina. Novella oppur d annata da bianchi e neri è apprezzata, e non ci vuole una gran scienza per dir che non ne puoi star senza. Ma c è qualcuno, a dire tutto, cui non piace questo frutto preferendo, lui meschino, un bel turgido zucchino. Noi non tange questa cosa che abbiam preso come sposa una donna preparata a cucinarci la patata. Paffutella e delicata non fa male la patata, preparata a tutte l ore, con licenza del dottore, e stuzzicante aperitivo o rilassante digestivo. Ogni tipo di patata è da noi ben accettata, ma tra l esotica e la nostrana preferiam la marsicana, col gusto sapido e genuino della terra del giardino.

18 Le fotografie raccontano a cura di Alessandra Jochum e Pierluigi Crameri Un incontro interessante Mercoledì 28 agosto 2012, in una bellissima mattinata di fine estate, gli ospiti di Casa Anziani sono stati invitati nella vicina «biblio.ludo.teca La sorgente» accessibile anche a chi ha difficoltà motorie ad assistere alla presentazione di una serie di vecchie fotografie della Valposchiavo. Immagini risalenti addirittura a prima del 1874, quando la fotografia in valle era appena giunta, oppure le prime foto a colori che raffigurano, per esempio, la vecchia stazione di Poschiavo. Oppure ancora una decina di scatti che ricostruiscono la storia delle fontane della piazza comunale e altrettanti che testimoniano eventi di varia natura, come la visita del generale Guisan a Poschiavo nel 1941, feste, incendi, costruzioni importanti. E poi ancora scene di vita rurale e quotidiana, memorie dell emigrazione, ritratti di famiglia, foto di classi scolastiche. Tutte le immagini commentate da Alessandra Jochum-Siccardi e Pierluigi Crameri hanno evocato tanti ricordi e fatto rivivere scene, luoghi e persone di un tempo. Un tuffo nel passato che i numerosi ospiti hanno gradito molto.

19 Il nuovo Archivio fotografico Valposchiavo Le fotografie presentate fanno parte del nuovo Archivio fotografico Valposchiavo, in fase di realizzazione in seno al progetto istoria, che, in collaborazione con la Società Storica Val Poschiavo, prevede una collezione digitale di foto di tutta la valle dalle più vecchie alle più recenti con relative informazioni raccolte dalla voce dei diretti protagonisti. L archivio sarà poi pubblicato online e pubblicamente accessibile. Il nuovo archivio nasce come ampliamento e continuazione dell Archivio fotografico di Luigi Gisep. La sua collezione conta oltre 2500 fotografie, risalenti agli anni Lo scopo del progetto è il recupero, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio visivo della Valposchiavo quale prezioso strumento di conoscenza della realtà locale nel corso degli anni. Contribuisce quindi ad arricchire e salvaguardare la memoria storica collettiva della Valposchiavo e a tramandarla alle generazioni future. Il progetto CLASSI Contemporaneamente, la biblio.ludo.teca si sta occupando di creare anche un archivio digitale di fotografie delle classi della Foto Archivio fotografico Valposchiavo / Società Storica Val Poschiavo

20 Foto Archivio CLASSI Valposchiavo degli ultimi cento anni, e più, con i rispettivi nomi degli allievi. Anche le foto di classi contengono informazioni importanti. Vi si possono leggere, per esempio, differenze sociali ed economiche, persino religiose, usi e costumi del passato. Nel loro complesso, quindi, queste immagini ritraggono la popolazione della valle nella sua varietà attraverso i decenni. Permettono di rivedersi, ritrovare parenti e amici, riprovare emozioni, lasciar libero corso ai ricordi di una vita. Per condividere pubblicamente quanto raccolto finora, dal 27 ottobre al 16 dicembre in biblio.ludo.teca sarà allestita una mostra con una scelta di una trentina di fotografie di classi della Valposchiavo sull arco di più di un secolo. La primavera prossima, inoltre, sarà pubblicato un libro in cui saranno raccolte tante altre eccezionali fotografie di classi e curiose testimonianze legate al mondo della scuola in valle: una realtà che da sempre unisce tutte le generazioni. E proseguiranno anche gli incontri pubblici in cui saranno presentate ulteriori serie di fotografie. Gli appuntamenti in programma abbondano, le foto da mostrare sono ancora tantissime, i ricordi da condividere riaffiorano facilmente a ogni piccolo stimolo, l interesse e l entusiasmo certo non mancano, quindi a presto!

21 L interscambio con i vicini di casa 19 settembre 2012

22 Pranzo a Madreda a cura di Monica Paganini-Zanetti Il tempo non promette bene ma poco importa: noi attendiamo visite importanti e questo basta a rallegrarci. Spunta il pulmino ATE e inizia la splendida giornata in compagnia dei nostri graditi ospiti: un bel gruppo di utenti della Casa Anziani ci onora della loro visita. Molti li incontriamo per la prima volta ma non importa; c è la gioia e il piacere di conoscerci e di trascorrere la giornata insieme. È un incontro bello e sereno; mangiamo insieme, ci ascoltiamo e ci raccontiamo: per alcuni il ricordo del mondo contadino, del lavoro nei prati, sui maggesi è ancora vivo; riaffiora nei ricordi e nei racconti come se fosse successo ieri. Fotografie e aneddoti si intrecciano a ravvivare il pomeriggio. Clara racconta delle sue esperienze di teatro, delle sue lezioni di italiano, dei pomeriggi trascorsi a creare quadri meravigliosi e a suonare il pianoforte. Giuseppe ricorda tempi più duri e impegnativi e parla con gioia della sua vita attuale, fatta della cara compagnia della sua sposa Maria, delle loro giornate trascorse a cucinare, riassettare e passeg-

23 giare, riconoscenti del reciproco amore e della fortuna che li accompagna. La signora Gritli ha tanto da raccontarci sulla sua vita piena di luoghi, di incontri, del suo lavoro con i bambini, delle sue attività artistiche e manuali, dei suoi esperimenti in cucina. Tutti hanno qualcosa da trasmettere e noi tanto da imparare. Sono ricordi belli, che hanno accumulato durante la loro lunga vita piena di lavoro, di gioie e di inevitabili dolori; un ricco bagaglio di esperienze che li rende fonte preziosa di insegnamenti e di sapere. Le uscite del venerdì sono particolarmente gradite per gli ospiti di Casa Anziani, che le attendono con piacere, incontrano la gente, vedono posti della valle che forse da tempo non visitavano più. Franco e Manuela li accompagnano con gioia e pongono grande attenzione alle esigenze di ognuno: i posti sono scelti con cura, accessibili e comodi, raggiungibili per tutti senza difficoltà. È una giornata diversa, carica di calore umano, di simpatica intesa; per un giorno abbiamo tanti nonni a farci compagnia, godiamo della loro presenza; ci arricchiamo di semplici gioie e speriamo di lasciare un buon ricordo. Ci auguriamo di rivederli presto, di riandare insieme con gioia alla giornata trascorsa sui monti, e li ringraziamo di cuore.

24 24 La poesia delle bisnonne Le bisnonne sono come un albero d argento che la neve ripara e muove il vento. Dicono «no» con la testa, e «sì» col cuore... stanno presso il fuoco e pregano a tutte l ore. Quando la mamma sgrida, loro perdonano... Chi sa perchè le bisnonne sono così buone!

25 Una delle importanti attività offerte agli ospiti di Casa Anziani durante la stagione invernale è sicuramente il lavoro a maglia, della cui organizzazione si occupa da anni un gruppo di volontarie. Per conoscere meglio questa realtà ho chiesto a una di loro, Mirta Crameri, di poter fare quattro chiacchere assieme. Mirta mi ha così accolto a casa sua, in una stüa ben riscaldata, di fronte al camino scoppiettante, e con voce all inizio un po timida ha cominciato a raccontare del loro lavoro di volontariato. Mirta comicia raccontandomi come è nata questa iniziativa. Il tutto iniziò sotto l impulso di alcune signore che frequentavano, per motivi familiari, la Casa Anziani. Suor Miriam Scaramella e Suor Maria Passini, che allora dirigevano l istituto, accolsero subito con favore l idea, e grazie all aiuto di Franco Crameri e alla collaborazione dell Unione femminile questa prese fattivamente forma. L Associazione ATE aiutò le volontarie con l acquisto delle lane. Il primo gruppo, con Ines Gianoli, Adriana Bordoni e Mirta Crameri, cominciò a trovarsi regolarmente il giovedì. L inizio non fu facile, anche perché si trattava di una novità, ma ben presto, grazie all ottima collaborazione da parte delle Suore e del personale, si andò formando un gruppo consistente di volontarie. Sin da subito si creò una bella atmosfera e si poté notare che da parte degli ospiti vi sia un vivo desiderio e piacere per il pomeriggio dedicato al lavoro a maglia. Se all inizio si pensava di fare calzini e maglioni, presto ci si concentrò sui quadretti per coperte o nel ricoprire attaccapanni. «Per me era una soddisfazione e una gioia vedere le mani un po rattrappite ma ancora agili e veloci nel confezionare un pezzo di coperta in modo perfetto» mi dice Mirta. «Purtroppo a volte succedeva che, a causa della malattia o dell età ormai avanzata, una persona veniva a mancare» continua Mirta con un filo di tristezza, «lasciando al nostro tavolo un vuoto e un sentimento di nostalgia». Mirta prosegue quindi il suo racconto, parlando Volontarie Lavori a maglia a cura di Gisa Lardi

26 delle collaboratrici, con cui si instaura da subito una profonda amicizia. «Per me è stato un tempo molto bello, e sono convinta che con questa attività ho ricevuto ben più di quello che ho dato». Le coperte confezionate hanno poi servito a riscaldare chi ne aveva bisogno. In parte sono state destinate alla Casa Anziani, altre sono state inviate a persone meno fortunate. «Poter fare qualcosa per chi ha meno ci ha sempre dato entusiasmo, forza e coraggio» conclude con un sorriso Mirta. * * * Giovedì 8 novembre, Casa Anziani. In un atmosfera prenatalizia incontro le volontarie che oggi portano avanti quanto era stato iniziato da Mirta e dalle sue amiche. Sono Elsa Crameri, Maria Dorizzi, Isa Schiralli e Maria Lavizzari. Quest ultima ha preso il posto della madre Ines, recentemente scomparsa, mentre Elsa e la sorella Maria hanno avuto la mamma ospite in Casa Anziani, e questa è stata l occasione di conoscere molti di quelli che ci vivono. Isa invece, dopo essere venuta ad abitare a Poschiavo in età pensionistica, ha trovato in questa attività di volontariato un modo di sentirsi parte attiva della nostra comunità. «Quest anno abbiamo iniziato già nel mese di ottobre e ci troviamo tutti i giovedì», mi spiegano le volontarie. «Di solito siamo un gruppetto di 8 o 9 donne». Ora stanno lavorando a dei quadretti in lana che verranno poi uniti, facendo così delle belle coperte colorate. Queste saranno poi inviate ai bambini di un ospedale a Betlemme gestito da suore svizzere. Chi non ce la fa più a lavorare a maglia partecipa comunque, sta in compagnia e prepara dei gomitoli che sono sofficissimi. Le sorelle Maria e Elsa, mi dicono, hanno tanto piacere a passare un pomeriggio settimanale in compagnia di persone che nel passato hanno lavorato tanto. «In compagnia si fanno anche quattro chiacchiere» raccontano sorridendo, «ogni tanto intoniamo una canzone e verso le cinque torniamo a casa nostra soddisfatte». Maria Lavizzari mi racconta che questa attività le dà tanta gioia. E aggiunge: «Gli ospiti sicuramente mi danno di più di quanto diamo noi a loro». Esco da questo incontro con un sentimento di serenità e tranquillità e con la certezza che tutte queste volontarie danno un grande contributo al benessere degli ospiti della nostra Casa Anziani.

27 Lavorare a maglia è sano! Chi afferra aghi e lana fa qualcosa di molto utile per la sua salute. Gli scienziati della Scuola di medicina di Harvard hanno scoperto che il lavorare a maglia produce il medesimo effetto dello yoga e della meditazione. La pressione del sangue e lo stress si abbassano sensibilmente. Il suono ritmico degli aghi è un calmante naturale. E mentre la mente si concentra sul lavoro a maglia, i pensieri vengono spesso... dimenticati! 27 Gli ospiti della Casa Anziani, in collaborazione con la Bottega del Mondo, hanno confezionato numerose berrettine a favore dell Associazione Save the Children. Lavorare a maglia è sano!

28

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

incontro bambini-anziani

incontro bambini-anziani Progetto di integrazione sociale: incontro bambini-anziani Tirocinante Scanderebech Roberta 1 La Fondazione Edoardo Filograna è un centro polivalente per la Terza Età che ospita attualmente circa 120 anziani

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana il piacere di muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana Muoviti per la salute Scienziati, medici ed esperti di problemi legati all età anziana

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Leggere, ascoltare, navigare

Leggere, ascoltare, navigare Leggere, ascoltare, navigare L AMORE CONTA di Maurizio Ermisino Fausto Podavini ha seguito per due anni una coppia: un marito malato di Alzheimer, una moglie che l ha seguito con devozione. È nato così

Dettagli

Vi aspettiamo in Bottega! Un caro saluto da tutti noi!

Vi aspettiamo in Bottega! Un caro saluto da tutti noi! Siamo felici di presentarvi un nuovo servizio newsletter pensato per condividere le idee regalo e bomboniere realizzate dalla nostra Bottega. Potremo, così, regolarmente, tenervi aggiornati sui nuovi arrivi

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Progetto Accoglienza Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Ieri 22 settembre è stata una giornata speciale per noi alunni di Gorno delle classi3a, 4a e 5a... infatti non siamo stati

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI SCOIATTOLI VOLPI TOPINI

Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI SCOIATTOLI VOLPI TOPINI Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI Siamo il gruppo più numeroso della scuola e assieme alle maestre Meri e Silvia siamo diventati

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI DOTT. CARLOS A. PEREYRA CARDINI - PROF.SSA ALESSANDRA FERMANI PROF.SSA MORENA MUZI PROF. ELIO RODOLFO PARISI UNIVERSITÀ DEGLI

Dettagli

MA TU QUANTO SEI FAI?

MA TU QUANTO SEI FAI? MA TU QUANTO SEI FAI? 1. VALORIZZARE IL PASSATO PER UN FUTURO MIGLIORE a. Quante volte al mese vai a cercare notizie sulla storia del tuo paese/città nella biblioteca comunale? o 3 volte o 1 volta b. Ti

Dettagli

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco)

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco) INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA (Nepi Veneto Grugliasco) ASSISI, 3 5 aprile 2009 Dal 3 al 5 aprile 09 ci siamo ritrovati ad Assisi come Laici Missionari della Consolata di Nepi,

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori La Scuola Primaria PAOLO NEGLIA di Vanzago, nell ambito delle manifestazioni organizzate per la Festa di fine anno scolastico, ha promosso la seguente iniziativa frutto della collaborazione fra Volontari

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

a cura di CLAUDIA MANDALETTI e BARBARA GIOVANETTI

a cura di CLAUDIA MANDALETTI e BARBARA GIOVANETTI Aprile Maggio 2008 Emozioni in musica Fondazione Casa di Riposo Villa della Pace Stezzano (Bg) a cura di CLAUDIA MANDALETTI e BARBARA GIOVANETTI PREMESSA All interno di un programma assodato di attività

Dettagli

Asilo nido Melograno Anno scolastico 2007-2008

Asilo nido Melograno Anno scolastico 2007-2008 Asilo nido Melograno Anno scolastico 2007-2008 Il progetto è stato illustrato a tutti i genitori dei bambini frequentanti l asilo nido Melograno nell anno 2007-2008 nella riunione dell 11 dicembre 2007,

Dettagli

Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE

Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE A una persona speciale che mi ha dato lo sprint e la fantasia di scrivere. E a mia nonna che mi ha concesso di visionare le sue ricette. Prefazione Vita

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi

Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi 1 MAPPA CONCETTUALE TRIBÙ insieme di CLAN insieme di FAMIGLIE GRUPPO organizzato variabile nel TEMPO SPAZIO generato da BISOGNO di

Dettagli

Aggettivi possessivi

Aggettivi possessivi mio, mia, miei, mie tuo, tua, tuoi, tue suo, sua, suoi, sue nostro, nostra, nostri, nostre vostro, vostra, vostri, vostre loro, loro, loro, loro Aggettivi possessivi L'aggettivo possessivo è sempre preceduto

Dettagli

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Introduzione... 7 Ti lascio una ricetta... 9 Ottobre... 13 Novembre... 51 Dicembre... 89 Gennaio...127 Febbraio...167 Marzo... 203 Aprile... 241

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

Alunni:Mennella Angelica e Yan Xiujing classe 3 sez. A. A. Metodo per l intervista: video intervista con telecamera. video intervista con cellulare

Alunni:Mennella Angelica e Yan Xiujing classe 3 sez. A. A. Metodo per l intervista: video intervista con telecamera. video intervista con cellulare Alunni:Mennella Angelica e Yan Xiujing classe 3 sez. A A. Metodo per l intervista: video intervista con telecamera intervista con solo voce registrata video intervista con cellulare intervista con appunti

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Scuola dell'infanzia A.Cocchetti Brescia a.s. 2011/2012

Scuola dell'infanzia A.Cocchetti Brescia a.s. 2011/2012 Scuola dell'infanzia A.Cocchetti Brescia a.s. 2011/2012 Il progetto Circe Time Il progetto Circe-Time è quello che letteralmente riguarda il momento del cerchio. Il cerchio è uno dei rituali più importanti

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli