Rapporto finale del. Servizio d inchiesta sugli infortuni dei trasporti pubblici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto finale del. Servizio d inchiesta sugli infortuni dei trasporti pubblici"

Transcript

1 Eidgenössisches Departement für Umwelt, Verkehr, Energie und Kommunikation Département fédéral de l Environnement, des Transports, de l Energie et de la Communication Dipartimento federale dell Ambiente, dei Trasporti, dell Energia e delle Comunicazioni Federal Department of the Environment, Transport, Energy and Communications U V E K E T E C A T E C E T E C Servizio d inchiesta sugli infortuni dei trasporti pubblici S I I N. di reg Rapporto finale del Servizio d'inchiesta sugli infortuni dei trasporti pubblici Sul deragliamento di un carro merci del treno (FFS Cargo) verificatosi a Rodi - Fiesso martedì 30 marzo 2004 Telefono Telefax Indirizzo +41 (0) (0) Stützpunkt Ost +41 (0) (0) Uitikonerstr. 9, CH 8952 Schlieren +41 (0)

2 Il presente rapporto è stato redatto esclusivamente allo scopo di contribuire alla prevenzione degli incidenti nei trasporti ferroviari, a fune e in battello. Conformemente all art. 25 dell ordinanza sulla notifica e l inchiesta relative a infortuni e incidenti gravi nell esercizio dei mezzi pubblici di trasporto (OII, RS ), la valutazione giuridica delle circostanze e delle cause dell incidente non costituisce oggetto del presente rapporto. 0. CONSIDERAZIONI GENERALI 0.1 Breve descrizione dell accaduto Martedì 30 marzo 2004, alle ore circa, nei pressi di Rodi Fiesso (scambio n. 20), si verificava il deragliamento di un carro merci carico, agganciato al treno merci (FFS Cargo). Nessuno rimaneva ferito; per contro l incidente causava ingenti danni materiali alle infrastrutture e al materiale rotabile. Il treno merci era in viaggio fra Faido e Rodi - Fiesso 0.2 Inchiesta Il Servizio d'inchiesta sugli infortuni dei trasporti pubblici SII veniva informato dell accaduto alle ore dal centro di segnalazione REGA. Il responsabile dell inchiesta, Jean Gross, si recava senza indugio sul posto. 1. FATTI ACCERTATI 1.1 Antecedenti La formazione del treno merci era avvenuta a Chiasso Smistamento. Il viaggio da Chiasso a Faido si era svolto senza che si verificassero eventi particolari. 1.2 Andamento della corsa Fra Faido e Rodi Fiesso il treno circolava sul binario di sinistra (binario 200). In vista di un sorpasso, il treno merci doveva entrare a Rodi Fiesso sul binario 4. Il corrispondente percorso-treno 72 4 era impostato. Il macchinista riduceva la velocità nei pressi dello scambio 20 a 40 km/h. Immettendosi sul binario 4 egli riduceva ulteriormente la velocità di marcia, per potersi fermare davanti al segnale C4 che indicava arresto. 2

3 Fig. 1 Transitando sullo scambio 20, il carro Ks carico posto in tredicesima posizione nel convoglio (composto da 25 carri merci) deragliava verso sinistra, veniva trascinato in avanti dal carro antecedente e dopo alcuni metri si rovesciava verso destra. Anche il container, carico di cotone, si ribaltava verso destra di 90. Nessuno rimaneva ferito; per contro l incidente causava ingenti danni materiali alle infrastrutture e al materiale rotabile. I binari di transito a Rodi - Fiesso rimanevano chiusi al traffico fino alle ore circa. Carro Ks con container rovesciato su un lato Fig Danni alle persone L incidente non ha causato danni a persone. Tracce del deragliamento sullo scambio Danni al materiale rotabile e all infrastruttura dell impresa ferroviaria Materiale rotabile: Nel deragliamento, il vecchio carro merci del tipo Ks n subiva un danno irreparabile. Impianti infrastrutturali: I danni subiti dai binari ammontano a circa 130'000 franchi. 3

4 1.5 Danni materiali a terzi Nel deragliamento, il container è rimasto danneggiato. 1.6 Persone coinvolte Personale di macchina Macchinista FFS Cargo Personale del treno Il treno merci circolava senza personale di accompagnamento. 1.7 Materiale rotabile Proprietario: FFS Cargo SA (locomotive). I carri merci sono di proprietà di FFS Cargo e di altre imprese ferroviarie europee. Composizione del convoglio: carico rimorchato 1185 t (allegato 3). Treno merci 54942, 86 assi / 25 carri, lunghezza 493 m. Unità motrice: Re 620 n (con macchinista) e Re 420 n Categoria di treno e di D 75%. freno: Dispositivi di frenatura disinseriti: 2 carri di servizio, 8 A / 70 t (carri 3 e 4). 1.8 Autoveicoli Nell incidente non sono stati coinvolti autoveicoli. 1.9 Condizioni meteorologiche, stato dei binari Notte. Cielo coperto, Rotaie asciutte. Illuminazione artificiale Impianti di sicurezza La stazione di Rodi Fiesso è dotata di un impianto di sicurezza del tipo Integra Domino 67 con percorsi di manovra ad itinerario e segnali bassi. L impianto di comando degli scambi funziona in modalità automatica e può essere gestito a distanza dal centro di telecomando di Bellinzona. Le motrici sono equipaggiate con il dispositivo di sicurezza elettronico Teloc 6 (Re 620) e, rispettivamente, con il dispositivo di sicurezza ASEGA (Re 420) e con il sistema di protezione automatico a sonda magnetica, nonché con il sistema di controllo della marcia ZUB 121 (FFS/BLS). I sistemi di sicurezza ferroviari hanno funzionato normalmente e non sono rilevanti ai fini della dinamica dell incidente Comunicazioni radio Le motrici sono equipaggiate con il sistema di radiocomunicazione 88 (ZFK 88). Le conversazioni non vengono registrate. Le conversazioni effettuate via radio non sono rilevanti ai fini della dinamica dell incidente Impianti ferroviari La stazione di Rodi Fiesso dispone di quattro binari. I binari 2 e 3 sono dotati di una piattaforma intermedia raggiungibile senza dover attraversare le rotaie, e servono al traffico di transito. Il binario 4 viene utilizzato per i sorpassi e per lo stazionamento dei convogli (allegato 1). 4

5 Lo scambio 20 si trova in una curva con raggio di 318 m (194 m quando lo scambio è in posizione deviata) e presenta una sopraelevazione di 125 mm. Esso è dotato di due dispositivi di azionamento. Il controllo visivo dello scambio non ha dato adito a contestazioni. I lati interni degli aghi del deviatoio erano asciutti. Fig. 3 Scambio 20 Direzione di marcia del treno Registratore dei dati di marcia La locomotiva Re 620 n era dotata di un misuratore di velocità Hasler modello RT 12 con indicatore ottico e banda di registrazione. I dati di marcia sono stati analizzati dall impresa di trasporto. Dall analisi dei dati di marcia è stato possibile appurare che il macchinista, al momento dell ingresso nel binario 4 di Rodi-Fiesso, ha rispettato la velocità prescritta (allegato 2) Accertamenti relativi ai veicoli ferroviari Durante il controllo visivo del carro merci incidentato Ks n , prima sul luogo dell incidente e più tardi nel deposito di Bellinzona, è stato riscontrato quanto segue: Luogo dell incidente: - Il sistema di accoppiamento (asta di trazione) in direzione del Gottardo era strappato. - La mezzapiastra di guardia posteriore di destra era in parte spezzata e si trovava a terra, alcuni metri dietro il carro merci rovesciato (alla sua destra rispetto al senso di marcia). - L etichetta del carro Ks indicava un peso complessivo di 49,9 t. Su richiesta dell IIS, il Ks veniva trasferito al deposito di Bellinzona per un esame più accurato. Inoltre veniva disposta una nuova pesatura del container. 5

6 Fig. 4 Deposito delle locomotive di Bellinzona (il 15 aprile 2004) Il carro merci del tipo Ks n è stato esaminato giovedì 15 aprile 2004 nel deposito delle locomotive di Bellinzona dal responsabile dell inchiesta del SII e dai collaboratori di FFS Cargo. In quella sede è stato riscontrato quanto segue: - Per prima cosa, i collaboratori del deposito di Bellinzona hanno proceduto alla misurazione delle sale, senza riscontrare irregolarità (allegato 5). - La mezzapiastra di guardia posteriore presentava una vecchia crepa. La spaccatura più recente sembra essere stata causata dal deragliamento. - Sui dispositivi di fissaggio e ammortizzazione delle due aste di trazione sono state riscontrate crepe. Vecchia crepa Spaccature recenti, riconducibili al deragliamento Fig. 5 Fig. 6 Crepa nel dispositivo di fissaggio dell asta di trazione 6

7 1.15 Accertamenti relativi agli autoveicoli Nell incidente non sono stati coinvolti autoveicoli Accertamenti medici Non vi sono notizie di disturbi di carattere medico per le persone coinvolte nell incidente Incendio Non si è verificato alcun incendio Accertamenti speciali Etichetta del carro Sull etichetta del carro era indicato un peso complessivo di 49,9 t (allegato 4). L SII ha disposto che il container fosse nuovamente pesato. Da questa nuova pesatura è risultato che le indicazioni di peso sull etichetta del carro non erano corrette (allegato 4). Il peso effettivo del carro era di 39'900 kg (peso del carico incl. container: 28'600 kg, tara Ks: 11'300 kg). Misurazione delle sale nel deposito di Bellinzona Le sale sono state misurate nel deposito di Bellinzona. Non sono state riscontrare irregolarità (allegato 5) Informazioni sull organizzazione e sulle procedure Il treno merci è un treno che circola regolarmente fra Chiasso Smistamento (partenza ore 20.05) via Gottardo Erstfeld (ore 23.11/13) fino alla stazione di smistamento di Limmattal (arrivo ore 00.41) Varie Nel medesimo punto, il 12 aprile 2001 erano deragliate due carrozze passeggeri del tipo Bm del treno VALUTAZIONE 2.1 Aspetti tecnici Il carro merci del tipo Ks n non era in condizioni ottimali. In considerazione delle tracce riscontrate, bisogna supporre che la crepa nella mezzapiastra di guardia esistesse già da tempo. Anche le crepe nel sistema di ammortizzazione delle aste di trazione esistevano probabilmente già da tempo. - Dal controllo visivo delle rotaie nella zona del deragliamento, effettuato dal responsabile dell inchiesta nella notte dell incidente, non sono emerse irregolarità. - I binari e lo scambio sono stati controllati dai collaboratori delle FFS SA, Divisione Infrastruttura (Disponibilità e Sicurezza), che non hanno riscontrato irregolarità. - I lati interni delle rotaie erano asciutti sia nella curva antecedente lo scambio, sia nella zona degli aghi dello scambio I carri merci del tipo Ks hanno un telaio relativamente rigido. Per le loro caratteristiche costruttive sono particolarmente soggetti al deragliamento. Condizioni esterne sfavorevoli come velocità di marcia, raggio di curvatura del binario, sopraelevazione, stato dei binari (lubrificazione) e le forze di trazione rafforzano la tendenza al deragliamento di questo tipo di carro. 7

8 2.2 Aspetti relativi all esercizio - Il fatto che il peso complessivo indicato fosse eccessivo rispetto al carico ammissibile per un carro a due assi di tipo Ks non è stato notato dai collaboratori di FFS Cargo. - A causa di un previsto sorpasso, a Rodi - Fiesso il treno merci veniva instradato dal binario 72 al binario 4 attraverso gli scambi Secondo le informazioni fornite dalle FFS SA, Divisione Infrastruttura (Gestione dell esercizio) questo percorso-treno viene utilizzato di rado. - L etichetta del carro era errata, in quanto indicava un peso complessivo eccessivo. Da una nuova pesatura del carico è risultato che l etichetta era stata compilata in modo erroneo. Il personale di FFS Cargo non si è accorto di questo fatto. 3. CONCLUSIONI 3.1 Fatti constatati - Gli impianti di sicurezza ferroviari hanno funzionato in maniera ineccepibile. - A causa di un sorpasso, a Rodi Fiesso il treno merci doveva utilizzare il binario 4. - Il carro merci del tipo Ks non era in condizioni ottimali. Una mezzapiastra di guardia era già crepata prima del deragliamento; anche il sistema di ammortizzazione di entrambe le aste di trazione presentava crepe. Questi difetti, da soli, non dovrebbero tuttavia essere stati la causa del deragliamento. Il difetto della mezzapiastra di guardia non era rilevabile durante un normale controllo visivo, poiché la crepa si trovava dietro il longherone del telaio. - Dai controlli effettuati è risultato che i parametri relativi ai binari (raggio delle curve, sopraelevazione, scartamento) corrispondevano alle disposizioni in materia nel punto del deragliamento e prima di esso. - Nel punto del deragliamento e prima di esso, i lati interni delle rotaie non presentavano tracce di lubrificante. - Lo scambio 20 è uno scambio in curva con un raggio di 318 m. La sopraelevazione è di 125 mm. Il raggio del ramo deviato è di 194 m. Lo scambio 20 si trova nel punto di passaggio fra il tratto in pendenza (lato di Faido) della linea e il tratto in pianura nel quale si trova la stazione di Rodi-Fiesso. - Lo scambio 20 si trova immediatamente dopo l inizio della rampa di uscita in una stretta curva piena (raggio minimo d'iscrizione in curva 300 m, sopraelevazione curva piena 144 mm). 3.2 Causa Il deragliamento dovrebbe essere riconducibile all effetto combinato dei seguenti fattori: - Ingresso del treno merci a velocità ridotta nello scambio 20 in posizione deviata, con un raggio di 194 m e una sopraelevazione di von 125 mm. Lo scambio si trova inoltre nel punto di passaggio fra il tratto in pendenza e il tratto in pianura (stazione), immediatamente dopo l inizio della rampa di uscita. - Poiché lo scambio 20, secondo quanto affermato dalla gestione dell esercizio, viene utilizzato raramente in posizione deviata, non erano presenti tracce di lubrificante (resti lasciati dal sistema di lubrificazione del bordino). 8

9 4. RACCOMANDAZIONI DI SICUREZZA - Tutte le imprese di trasporto devono dedicare maggiore attenzione alla regolazione corretta del sistema di lubrificazione del bordino delle motrici per garantire una lubrificazione minima del lato interno delle rotaie nelle curve. - Sui carri merci del tipo Ks è necessario controllare che non vi siano danni nella zona della mezzapiastra di guardia. FFS Cargo ha disposto ed effettuato il controllo dei carri merci del tipo Ks. L inchiesta è stata condotta da Jean Gross. Schlieren, 06. Aprile 2005 Servizio d'inchiesta sugli infortuni dei trasporti pubblici Jean Gross Responsabile dell inchiesta Foto: figura 4 FFS figure 1 3, 5, 6: UUS/grj Allegato 1 Piantina della stazione di Rodi-Fiesso 9

10 Allegato 2 Dati di marcia del treno Diagramma temporale intervalli di 2 min. Einfahrgeschwindigkeit Diagramma spazio/velocità Intervalli di 20 km/h Velocità d ingresso Ein Segnalazione Attenzione del dispositivo di protezione treno autom. Velocità di transito sullo scambio 20 e successivo con valore massimo di 40 km/h 10

11 Allegato 3 Lista di partenza del treno

12 Allegato 4 Etichetta del carro Ks

13 Allegato 5 Documentazione relativa alla misurazione delle sale 13

14 14

Rapporto finale. del. Servizio d inchiesta sugli infortuni dei trasporti pubblici

Rapporto finale. del. Servizio d inchiesta sugli infortuni dei trasporti pubblici Eidgenössisches Departement für Umwelt, Verkehr, Energie und Kommunikation Département fédéral de l Environnement, des Transports, de l Energie et de la Communication Dipartimento federale dell Ambiente,

Dettagli

Direttiva per la sicurezza del trasbordo delle merci.

Direttiva per la sicurezza del trasbordo delle merci. Direttiva per la sicurezza del delle merci. La vostra sicurezza è il nostro obiettivo. Note preliminari. 2 Prima di effettuare il delle merci è necessario leggere e applicare la presente direttiva contenente

Dettagli

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento

Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento Parte I: Meccanica della locomozione ed armamento 1) Meccanica della locomozione: equazione del moto, resistenze al moto, dinamica del veicolo, andamento planoaltimetrico, sopraelevazione in curva, accelerazione

Dettagli

relativo a: collisione contro un paraurti durante la manovra di un treno Tilo-FLIRT di venerdì 11 febbraio 2011 Bellinzona

relativo a: collisione contro un paraurti durante la manovra di un treno Tilo-FLIRT di venerdì 11 febbraio 2011 Bellinzona Unfalluntersuchungsstelle Bahnen und Schiffe UUS Service d enquête sur les accidents des transports publics SEA Servizio d inchiesta sugli infortuni dei trasporti pubblici SII N. di reg.: 11021101 Rapporto

Dettagli

CONTRATTO PER BINARI DI RACCORDO INFRASTRUTTURA

CONTRATTO PER BINARI DI RACCORDO INFRASTRUTTURA Stazione: Comune: Linea / km: CONTRATTO PER BINARI DI RACCORDO INFRASTRUTTURA tra Ferrovie federali svizzere FFS società anonima di diritto speciale con sede a Berna Infrastruttura Orario e design della

Dettagli

I trasporti pubblici nella Svizzera italiana Valutazione delle tesi e dei principi d offerta

I trasporti pubblici nella Svizzera italiana Valutazione delle tesi e dei principi d offerta ATA - Sezione della Svizzera italiana I trasporti pubblici nella Svizzera italiana Valutazione delle tesi e dei principi d offerta Capitolo 03: Obiettivi dell offerta ATA - Sezione della Svizzera italiana

Dettagli

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE 1 INFRASTRUTTURE FERROVIARIE TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE A.A. 2008-09 2 DISTANZIAMENTO DEI TRENI Criteri di sicurezza La tecnica della marcia guida vincolata si basa sul vincolo, imposto dalla via per la

Dettagli

CARRELLO ITALIANO Il carrello sterzante detto Italiano è nato a seguito di una esigenza prettamente italiana dovuta alla situazione in cui versavano le linee ferroviarie agli inizi del 1900. I tracciati

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna 2008

Annuario Statistico della Sardegna 2008 Annuario Statistico della Sardegna 2008 TRASPORTI Trasporti interni Le statistiche sui trasporti interni pubblicate in questa sezione costituiscono il risultato di un insieme di rilevazioni curate direttamente

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI Docente: Ing. Marinella Giunta DEFINIZIONI Vengono definite

Dettagli

Modifiche alle PCT R 300.1 R 300.15 valevoli dal 1 luglio 2015 (ciclo di modifiche A2015), versione in lingua italiana. 1 Osservazioni preliminari

Modifiche alle PCT R 300.1 R 300.15 valevoli dal 1 luglio 2015 (ciclo di modifiche A2015), versione in lingua italiana. 1 Osservazioni preliminari Modifiche alle PCT R 300.1 R 300.15 valevoli dal 1 luglio 2015 (ciclo di modifiche A2015), versione in lingua italiana R o cfr fino ad ora modifica 300.1 1 1 Osservazioni preliminari L ufficio federale

Dettagli

Aggiornamento linee guida sulla sicurezza e abilitazione all uso delle macchine agricole

Aggiornamento linee guida sulla sicurezza e abilitazione all uso delle macchine agricole Aggiornamento linee guida sulla sicurezza e abilitazione all uso delle macchine agricole Vincenzo Laurendi INAIL Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Viterbo 15 maggio 2014 Osservatorio INAIL sugli infortuni

Dettagli

CONTRATTO PER BINARI DI RACCORDO INFRASTRUTTURA

CONTRATTO PER BINARI DI RACCORDO INFRASTRUTTURA Stazione: Comune: Linea / km: CONTRATTO PER BINARI DI RACCORDO INFRASTRUTTURA tra Ferrovie federali svizzere FFS società anonima di diritto speciale con sede a Berna Infrastruttura Orario e design della

Dettagli

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit sarà all altezza delle esigenze di mercato? Nel 2008, circa 900.000 spedizioni stradali hanno attraversato le Alpi svizzere

Dettagli

Roma, 18 febbraio 2011

Roma, 18 febbraio 2011 SICUREZZA ED ESERCIZIO FERROVIARIO: innovazione e nuove sfide nei sistemi ferroviari Il miglioramento dell accessibilità laterale ai binari quale elemento strategico per la manutenzione e per l aumento

Dettagli

Istruzioni relative ai controlli del peso dei veicoli stradali da parte della polizia mediante pese a ponte e bilance pesaruote

Istruzioni relative ai controlli del peso dei veicoli stradali da parte della polizia mediante pese a ponte e bilance pesaruote Istruzioni relative ai controlli del peso dei veicoli stradali da parte della polizia mediante pese a ponte e bilance pesaruote (in virtù dell art. 9 cpv. 2 e 3 OCCS 1, d intesa con l Ufficio federale

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRASPORTO COMBINATO CODIFICATO DELLE CASSE MOBILI E DEI SEMIRIMORCHI Il trasporto per ferrovia delle casse

Dettagli

0.742.140.345.43. Convenzione

0.742.140.345.43. Convenzione Testo originale 0.742.140.345.43 Convenzione tra il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni e il Ministero dei trasporti e della navigazione della Repubblica

Dettagli

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria?

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? FFS Infrastruttura, luglio 2015 Il prezzo della traccia copre circa il 40 percento delle spese infrastrutturali. Mediante

Dettagli

Modulo di richiesta Autorizzazione alla procedura di transito semplificata SWISS-corridor T2

Modulo di richiesta Autorizzazione alla procedura di transito semplificata SWISS-corridor T2 Regime di transito comunitario/comune T2 Modulo di richiesta Autorizzazione alla procedura di transito semplificata SWISS-corridor T2 1. Richiedente (trasportatore contrattuale) (Nome, indirizzo postale,

Dettagli

Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto

Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto Corso di Progettazione di Sistemi ed Infrastrutture di Trasporto Il Tracciato Appunti a cura di Sergio d Elia Demetrio Festa Giuseppe Guido BOZZA Testi di riferimento Lucio Mayer, Impianti ferroviari,

Dettagli

Sicurezza stradale: regole per i pullman

Sicurezza stradale: regole per i pullman Sicurezza stradale: regole per i pullman 1. Prescrizioni concernenti l ammissione dei conducenti di pullman alla circolazione Conformemente all ordinanza sull ammissione alla circolazione Categoria della

Dettagli

Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 146 Bis

Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 146 Bis Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 1/23 SOMMARIO Carro SITFA tipo 146 Bis PROVVISORIO 03/10/2008 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI...

Dettagli

Omologazione Alta Velocità

Omologazione Alta Velocità Omologazione Alta Velocità Omologazione del treno ETR 500 PLT Verifica delle condizioni di progetto della sovrastruttura binario per l esercizio a 300 km/h nelle nuove linee AV/AC I risultati I Record

Dettagli

Ripartizione fra i vari tipi di treni (espressa in numero di treni) osservata nel 1999

Ripartizione fra i vari tipi di treni (espressa in numero di treni) osservata nel 1999 Tonnellaggio medio dei treni merci sulla Linea Storica Analisi del tonnellaggio medio dei treni merci elaborata da LTF e presentata all Osservatorio nella riunione del 7 marzo 2007 Il presente documento

Dettagli

Logistica ed Intermodalità. Ing. Leonardo Fogu Direttore Fleet Management Gallarate, 13.01.2010

Logistica ed Intermodalità. Ing. Leonardo Fogu Direttore Fleet Management Gallarate, 13.01.2010 Logistica ed Intermodalità Ing. Leonardo Fogu Direttore Fleet Management Gallarate, 13.01.2010 Profilo del Gruppo Hupac Facts & figures Anno di fondazione 1967 Capitale azionario CHF 20 mio. Azionisti

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE

Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE INDICE Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE...5 1 GENERALITÀ...5 2 TIPI DI ETICHETTE... 11 2.1 Modello Na... 13 2.2 Modello K... 15 2.3 Modello M... 17 2.4

Dettagli

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132 pag. 1/28 SOMMARIO Carro tipo 130 / 132 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI... 2 1.1 - Descrizione del prodotto... 2 1.2 - Caratteristiche tecniche del prodotto... 4 1.2.1 - Dimensioni... 4 1.2.2 - Carichi...

Dettagli

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012 Riordino del quadro normativo Firenze, 09 maggio 2012 Nuovo TESTO UNICO Il Regolamento sui Segnale diventa una parte del RCT Testo unico: Regolamento per la circolazione dei treni TESTO UNICO Il Testo

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 05 - LE LINEE Docente: Ing. Marinella Giunta Le linee possono essere a semplice

Dettagli

Istruzioni. sull equipaggiamento dei veicoli con luci blu e avvisatori a due suoni alternati (con un promemoria sul loro uso)

Istruzioni. sull equipaggiamento dei veicoli con luci blu e avvisatori a due suoni alternati (con un promemoria sul loro uso) Eidgenössisches Departement für Umwelt, Verkehr, Energie und Kommunikation Département fédéral de l Environnement, des Transports, de l Energie et de la Communication Dipartimento federale dell Ambiente,

Dettagli

COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI

COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI COMUNE DI GARLENDA Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. del 1 Sommario

Dettagli

Lista di controllo Veicoli battipista

Lista di controllo Veicoli battipista Sicurezza realizzabile Lista di controllo Veicoli battipista Qual è il livello di sicurezza durante la guida e la manutenzione dei veicoli battipista nel servizio piste? L uso e la manutenzione dei veicoli

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO Scalo Smistamento Retroporto Casello Alessandria sud A27 Genova - Gravellona Toce Strada di collegamento con la tangenziale 1 PRA STRADA DI COLLEGAMENTO CON LA TANGENZIALE

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione Dall equazione alle

Dettagli

Direttiva sul trasporto di merci pericolose.

Direttiva sul trasporto di merci pericolose. Direttiva sul trasporto di merci pericolose. Merci pericolose a destinazione con la massima sicurezza. Indice. Direttiva sul trasporto di merci pericolose. 2 1. Premessa 3 1. Premessa 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

Torino, 29 marzo 2012

Torino, 29 marzo 2012 Torino, 29 marzo 2012 1 "Il successo di un ramo secco: la Ferrovia della Val Venosta. La nascita e lo sviluppo di un Impresa Ferroviaria Die neue Vinschgerbahn 2 Val Venosta Vinschgau 3 1906 1991 1999

Dettagli

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA

RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA 40 ANNI SUL MERCATO! RISPARMIATE PIU DEL 50% NEI COSTI DI LOGISTICA FERROVIARIA LOCOTRATTORI STRADA-ROTAIA ZEPHIR, MODERNI ED EFFICIENTI PER OPERARE NEI PIAZZALI DI MOVIMENTAZIONE FERROVIARIA TECNOLOGIA

Dettagli

Rapporto finale del. Servizio d inchiesta sugli infortuni dei trasporti pubblici

Rapporto finale del. Servizio d inchiesta sugli infortuni dei trasporti pubblici Eidgenössisches Departement für Umwelt, Verkehr, Energie und Kommunikation Département fédéral de l Environnement, des Transports, de l Energie et de la Communication Dipartimento federale dell Ambiente,

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 01 - GENERALITA SUL TRASPORTO FERROVIARIO Docente: Ing. Marinella Giunta CENNI

Dettagli

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Sicurezza realizzabile Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Conoscete i pericoli collegati alle attività di carico e scarico di cassoni, container per rifiuti e press container? Questa

Dettagli

Panoramica delle modifiche principali

Panoramica delle modifiche principali Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dei trasporti UFT Aggiornamento delle disposizioni d esecuzione dell ordinanza sulle ferrovie

Dettagli

Ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali (OETV)

Ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali (OETV) VI. Ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali (OETV) Autofurgoni con sedili supplementari nel vano di carico Art. 11 cpv. 2 lett. e Autoveicoli di trasporto secondo il diritto svizzero

Dettagli

Cose da sapere IL BOLLINO BLU

Cose da sapere IL BOLLINO BLU Cose da sapere IL BOLLINO BLU Il Bollino Blu è un certificato che dimostra l avvenuto controllo dei gas di scarico di un automobile, per i Comuni e le aree a traffico limitato delle città in cui questo

Dettagli

Speciale SPECCHI RETROVISORI PER VEICOLI Tutto quello che c è da sapere sui: Dispositivi per la visione indiretta * di Franco MEDRI

Speciale SPECCHI RETROVISORI PER VEICOLI Tutto quello che c è da sapere sui: Dispositivi per la visione indiretta * di Franco MEDRI Speciale SPECCHI RETROVISORI PER VEICOLI Tutto quello che c è da sapere sui: Dispositivi per la visione indiretta * di Franco MEDRI Con il termine Dispositivi per la visione indiretta (c.d. specchi retrovisori)

Dettagli

L iniziativa «per i trasporti pubblici» dell ATA nella Svizzera italiana

L iniziativa «per i trasporti pubblici» dell ATA nella Svizzera italiana Sezione della Svizzera italiana L iniziativa «per i trasporti pubblici» dell ATA nella Svizzera italiana Pilastri per la politica dei trasporti pubblici nel Canton Ticino Seconda parte Gambarogno (Bellinzona

Dettagli

La linea Firenze-Empoli-Pisa

La linea Firenze-Empoli-Pisa La linea Firenze-Empoli-Pisa La variante Signa-Montelupo La variante Signa-Montelupo La realizzazione della variante Signa-Montelupo sulla linea Firenze-Empoli-Pisa consentirà il potenziamento del servizio

Dettagli

Senza corrente non funziona Veicoli di intervento rapido per la linea di contatto. Klaus Vetter Plasser Italiana Srl

Senza corrente non funziona Veicoli di intervento rapido per la linea di contatto. Klaus Vetter Plasser Italiana Srl Senza corrente non funziona Veicoli di intervento rapido per la linea di contatto Klaus Vetter Plasser Italiana Srl Stato dell'arte Mantenimento in efficienza della linea aerea mediante OBW/MTW Lavori

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

INDICE. Assessorato turismo, sport, commercio e trasporti Infrastrutture funiviarie

INDICE. Assessorato turismo, sport, commercio e trasporti Infrastrutture funiviarie INDICE 1 CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI IMPIANTI A FUNE... 2 1.1 Definizione di impianto a fune... 2 1.2 Tipologie di impianto... 3 1.3 Funzionamento degli impianti a fune... 6 1.4 Normativa per la costruzione

Dettagli

Sistema Rilevamento Temperatura Sottocassa Treno

Sistema Rilevamento Temperatura Sottocassa Treno Sistema Rilevamento Temperatura Sottocassa Treno 2 Sistema Rilevamento Temperatura Sottocassa Treno Il Sistema Rilevamento Temperatura Sottocassa Treno costituisce un presidio di mitigazione del rischio

Dettagli

Concorso internazionale di studenti Facile accesso verso l ingresso dei veicoli ferroviari

Concorso internazionale di studenti Facile accesso verso l ingresso dei veicoli ferroviari Concorso internazionale di studenti Facile accesso verso l ingresso dei veicoli ferroviari Contenuto Scopo del concorso....................................... S 2 premio..................................................s

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

Uso di prodotti fitosanitari e tutela della salute

Uso di prodotti fitosanitari e tutela della salute SERVIZIO INTERCOMUNALE POLIZIA LOCALE MEDIA PIANURA VERONESE - DISTRETTO VR 5 C (Provincia di Verona) Bovolone - Angiari - Concamarise - Isola Rizza Oppeano - Palù Roverchiara Salizzole - San Pietro di

Dettagli

0.742.140.22. Convenzione

0.742.140.22. Convenzione Traduzione 1 Convenzione fra la Svizzera e l Italia per la congiunzione della rete ferroviaria svizzera con la rete italiana attraverso il Sempione, per la designazione della stazione internazionale e

Dettagli

TRASPORTI FERROVIARI PARTE B

TRASPORTI FERROVIARI PARTE B Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Anno Accademico: 2010/11 CORSO DI TECNICA DEI TRASPORTI FERROVIARI, MARITTIMI E AEREI

Dettagli

INDICE. - Obiettivi del corso pag. 3. - Calendario docenti ed argomenti pag. 4. - Sede del corso pag. 6. - Modalità di partecipazione pag.

INDICE. - Obiettivi del corso pag. 3. - Calendario docenti ed argomenti pag. 4. - Sede del corso pag. 6. - Modalità di partecipazione pag. INDICE - Obiettivi del corso pag. 3 - Calendario docenti ed argomenti pag. 4 - Sede del corso pag. 6 - Modalità di partecipazione pag. 7 - Modulo di iscrizione pag. 8 OBIETTIVI DEL CORSO Il corso di formazione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LE INVESTIGAZIONI FERROVIARIE. Italian Railway Investigation Body

DIREZIONE GENERALE PER LE INVESTIGAZIONI FERROVIARIE. Italian Railway Investigation Body DIREZIONE GENERALE PER LE Ing. Massimo Costa - Viareggio 19 febbraio 2013 Raccomandazioni Ufficiali della Direzione Generale per le investigazioni ferroviarie conseguenti l inchiesta effettuata dalla Commissione

Dettagli

2. SPECIFICHE PRINCIPALI

2. SPECIFICHE PRINCIPALI ! ATTENZIONE Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio leggere il presente manuale di istruzioni. La garanzia del buon funzionamento

Dettagli

REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME

REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME REGISTRAZIONI DEGLI ORDINI DI SERVIZIO E DELLE DISPOSIZIONI CHE HANNO MODIFICATO LE PRESENTI NORME Ordine di Servizio/Disposizione Data di entrata in vigore 1 41/2001 20/06/02 2 39/2003 08/02/04 3 38/2004

Dettagli

D I R E T T I V A. sul controllo degli impianti di deposito per liquidi pericolosi per la acque. 1 Obiettivo 1. 2 Basi legali 1

D I R E T T I V A. sul controllo degli impianti di deposito per liquidi pericolosi per la acque. 1 Obiettivo 1. 2 Basi legali 1 Amt für Natur und Umwelt Uffizi per la natira e l ambient Ufficio per la natura e l ambiente Gürtelstrasse 89, 7001 Chur/Coira Marzo 2007 Telefono: 081 257 29 46 / Telefax 081 257 21 54 E-Mail: info@anu.gr.ch

Dettagli

SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE

SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE Progetto Figi - Corso in Cotutela SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE ING. ANTONIO COLLA DICEMBRE 2009 ARGOMENTI TRATTATI DECRETO E SPECIFICHE DI

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

Direttiva per la garanzia della sicurezza nel settore alimentare e del foraggio.

Direttiva per la garanzia della sicurezza nel settore alimentare e del foraggio. Direttiva per la garanzia della sicurezza nel settore alimentare e del foraggio. Carri merci puliti nel nostro interesse. 2 Indice. Premesse. 4 3 Modalità di prenotazione per i trasporti 6 con carri merci

Dettagli

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario Metropolitana di Genova Regolamento di Esercizio la conoscenza Per Parte Dall art. necessità 2a del l esecutore 1 semplificativa Regolamento Termini sulla e definizioni ESTRATTO viene parte d Esercizio

Dettagli

151.34 Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.34 Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (OTDis) del 12 novembre 2003 (Stato 22 dicembre 2003) Il Consiglio federale svizzero, visti gli

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto. per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI

Condizioni Generali di Contratto. per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI Condizioni Generali di Contratto per il trasporto delle merci per ferrovia PRODOTTI Divisione Cargo EDIZIONE IN VIGORE DAL ORDINE DI SERVIZIO REGISTRAZIONE 1 01/03/2010 n. 3 del 28/01/2010 Serie 3 n.4633

Dettagli

Mezzo utilizzato: autogrù

Mezzo utilizzato: autogrù Procedure per la movimentazione delle billette nelle fasi di scarico dai mezzi di trasporto e per l alimentazione delle linee di forgiatura/stampaggio. La lavorazione riferita alla movimentazione dei fasci

Dettagli

Piano traffico Gottardo

Piano traffico Gottardo Piano traffico Gottardo Concetto di «Autostrada viaggiante (RoLa) per i camion» nella galleria di base del Gottardo Studio delle varianti per gli impianti di trasbordo Rapporto dell Iniziativa delle Alpi

Dettagli

L iniziativa «per i trasporti pubblici» dell ATA nella Svizzera italiana

L iniziativa «per i trasporti pubblici» dell ATA nella Svizzera italiana Sezione della Svizzera italiana L iniziativa «per i trasporti pubblici» dell ATA nella Svizzera italiana Pilastri per la politica dei trasporti pubblici nel Canton Ticino Prima parte Comparto Bellinzona

Dettagli

Dichiarazione sulle modalita del sinistro con veicolo

Dichiarazione sulle modalita del sinistro con veicolo Dichiarazione sulle modalita del sinistro con veicolo Alla Provincia di Lucca Cortile Carrara 55100 Lucca FAX 0583.417326 Il sottoscritto denunciante cognome nome nato a provincia il / / residente a :

Dettagli

VERONA 12-13 Maggio 2007. Norme Base FREMO ITALIA H0:

VERONA 12-13 Maggio 2007. Norme Base FREMO ITALIA H0: VERONA 12-13 Maggio 2007 Norme Base FREMO ITALIA H0: Al fine di poter svolgere meeting fra i diversi gruppi italiani di comune accordo vengono stilate una serie di norme fondamentali che ogni gruppo s

Dettagli

@ LTX Dati Tecnici Trattori e trasportatori elettrici LTX 70 LTX-T 08

@ LTX Dati Tecnici Trattori e trasportatori elettrici LTX 70 LTX-T 08 @ LTX Dati Tecnici Trattori e trasportatori elettrici LTX 70 LTX-T 08 Dati tecnici Le presenti specifiche tecniche, conformi alla direttiva VDI 2198, sono valide solo per il modello standard. L uso di

Dettagli

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento

Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Circolazione ed Impianti di Sicurezza e Segnalamento Principali concetti relativi a: Segnali luminosi; Stazione; Treno; linea a semplice binario, incrocio; linea a doppio binario, precedenza, binario legale

Dettagli

RETE SICURA RETE SICURA

RETE SICURA RETE SICURA Manuale di montaggio RETE SICURA RETE SICURA Larghezza della maglia Larghezza della maglia A) Sicura 1. Luogo e scopi d impiego La rete Sicura ferma persone o oggetti che precipitano. Viene utilizzata

Dettagli

Multipurpose All Terrain Vehicle

Multipurpose All Terrain Vehicle FRESIA F18 4X4 Multipurpose All Terrain Vehicle Mezzo Speciale per Trasporto Materiale Logistico in condizioni estreme su ogni tipo di terreno 4 Ruote Motrici 4 Ruote Sterzanti L F18 4x4 è un veicolo leggero

Dettagli

Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf)

Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf) Settima Commissione consiliare MOBILITA E INFRASTRUTTURE Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf) Indagine conoscitiva

Dettagli

Vedere e farsi vedere

Vedere e farsi vedere edere e farsi vedere 5 lezione Occhio allo specchio 32 Lo specchio retrovisore è un dispositivo importantissimo che permette al conducente la visibilità della strada alle sue spalle senza tuttavia distogliere

Dettagli

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova Stato dell arte e innovazione nel settore filoviario nel moderno contesto dei sistemi a grande capacità di trasporto Fabio

Dettagli

Negli studi P047.1 e P065.1 sono stati messi in evidenza i numerosi fattori di criticità della rete ferroviaria cremonese.

Negli studi P047.1 e P065.1 sono stati messi in evidenza i numerosi fattori di criticità della rete ferroviaria cremonese. 2. CRITICITÀ 2.1 LA STRUTTURA DELLA RETE Negli studi P047.1 e P065.1 sono stati messi in evidenza i numerosi fattori di criticità della rete ferroviaria cremonese. Il fatto che essa sia integralmente a

Dettagli

«La Svizzera per eccellenza» L asse nord-sud del San Gottardo.

«La Svizzera per eccellenza» L asse nord-sud del San Gottardo. «La Svizzera per eccellenza» L asse nord-sud del San Gottardo. 1 Lötschberg San Gottardo L asse nord-sud del San Gottardo è la tratta di transito alpino più importante d Europa. SBB Projekte Nord-Süd Achse

Dettagli

Listino prezzi per prestazioni complementari in Svizzera.

Listino prezzi per prestazioni complementari in Svizzera. Listino prezzi per prestazioni complementari in Svizzera. I seguenti prezzi s intendono IVA esclusa. Dati aggiornati a aprile 2011. Per prestazioni non in relazione a un trasporto effettuato con FFS Cargo,

Dettagli

TRASPORTI ECCEZIONALI Allegato B del Regolamento dei Trasporti Eccezionali

TRASPORTI ECCEZIONALI Allegato B del Regolamento dei Trasporti Eccezionali TRASPORTI ECCEZIONALI Allegato B del Regolamento dei Trasporti Eccezionali MARCA DA BOLLO DA 16,00 Se presentata via PEC la marca da bollo non va applicata ma assolta in modo virtuale aggiungendo 16,00

Dettagli

C4 è la più piccola lavasciuga pavimenti uomo a bordo con le dimensioni di una uomo a terra.

C4 è la più piccola lavasciuga pavimenti uomo a bordo con le dimensioni di una uomo a terra. Lavasciuga pavimenti C4 è la più piccola lavasciuga pavimenti uomo a bordo con le dimensioni di una uomo a terra. Manovrabile, produttiva, modulare e sicura, ha una larghezza di 65 cm incluso il tergipavimento

Dettagli

Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza

Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza Dott. Ing. Alfonso Simoni Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale per la Motorizzazione Il quadro legislativo nel

Dettagli

* * * Prot. 300/A/4628/11/101/3/3/9 Prot. 12409 del 18 maggio 2011 18 maggio 2011 R.U. USCITA

* * * Prot. 300/A/4628/11/101/3/3/9 Prot. 12409 del 18 maggio 2011 18 maggio 2011 R.U. USCITA Prot. 300/A/4628/11/101/3/3/9 Prot. 12409 del 18 maggio 2011 18 maggio 2011 R.U. USCITA - ALLE QUESTURE DELLA REPUBBLICA - AI COMPARTIMENTI DELLA POLIZIA STRADALE - ALLE ZONE POLIZIA DI FRONTIERA - AI

Dettagli

Mi proteggo! Sicurezza nella zona dei binari.

Mi proteggo! Sicurezza nella zona dei binari. Mi proteggo! Sicurezza nella zona dei binari. La sicurezza prima di tutto. Ci presentiamo. La sicurezza riguarda ciascuno di noi sia nella zona dei binari sia in ufficio. I collaboratori e le collaboratrici

Dettagli

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO Scheda n. 1 Il segnale n. 1 1) preavvisa una doppia curva VF 2) preavvisa un tratto di strada in cattivo stato V F 3) preavvisa una discesa pericolosa

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO COLLETTIVO URBANO PARTE A

CLASSIFICAZIONE E TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO COLLETTIVO URBANO PARTE A Facoltà di Ingegneria - Università di Pisa Anno Accademico: 2012/13 CORSO DI TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI Docente: Marino Lupi CLASSIFICAZIONE E TIPOLOGIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO COLLETTIVO URBANO

Dettagli

Regione Calabria Dipartimento n.9 Lavori Pubblici Settore Programmazione e gestione infrastrutture di trasporto - Assistenza APQ trasporti

Regione Calabria Dipartimento n.9 Lavori Pubblici Settore Programmazione e gestione infrastrutture di trasporto - Assistenza APQ trasporti UNIONE EUROPEA REPUBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA S.U.A. Calabria Regione Calabria Dipartimento n.9 Lavori Pubblici Settore Programmazione e gestione infrastrutture di trasporto - Assistenza APQ trasporti

Dettagli

EFFETTI DELLA MANUTENZIONE DEL GESTORE DELL INFRASTRUTTURA FERROVIARIA SULLA CIRCOLAZIONE DEI TRENI

EFFETTI DELLA MANUTENZIONE DEL GESTORE DELL INFRASTRUTTURA FERROVIARIA SULLA CIRCOLAZIONE DEI TRENI Facoltà di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Orientamento Infrastrutture di trasporto EFFETTI DELLA MANUTENZIONE DEL GESTORE DELL INFRASTRUTTURA

Dettagli

Dati tecnici Riscaldatrice HM 4500

Dati tecnici Riscaldatrice HM 4500 Dati tecnici Riscaldatrice HM 4500 Dati tecnici Riscaldamento Larghezza max. di riscaldamento Potenza calorifica max. Radiatori Lunghezza del gruppo radiante anteriore Lunghezza del gruppo radiante posteriore

Dettagli

Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria

Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria Commissione ASSTRA Costi Standard ferroviari A cura dell Ing. Marco Barra Caracciolo Capillarità (km medi tra stazioni) 7,00 Posizionamento

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

Comandi fermodellistici Pittogrammi, Simboli circuitali, Codifica letterale

Comandi fermodellistici Pittogrammi, Simboli circuitali, Codifica letterale 1 Scopo della norma Con questa si devono definire i pittogrammi tipici del fermodellismo e i simboli circuitali dei comandi fermodellistici. Essi devono servire alla rappresentazione di schemi elettrici

Dettagli