Parte seconda Rete ferroviaria e tramviaria 8. RETE TRAMVIARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parte seconda Rete ferroviaria e tramviaria 8. RETE TRAMVIARIA"

Transcript

1 8. RETE TRAMVIARIA Parte seconda Rete ferroviaria e tramviaria 177 Un sistema di trasporto innovativo per il nostro territorio, è costituito dal progetto della rete tramviaria, pensata sul modello delle tramvie europee. In tutti i paesi europei sono in corso progetti di sviluppo dei sistemi tranviari. In Francia, undici città hanno già in esercizio reti di tram moderni e sono in previsione ulteriori ampliamenti a: Lille, St.Etienne, Marsiglia, Nantes, Grenoble, Parigi, Strasburgo, Rouen, Montpellier, Orleans, Lione, Bordeaux, Tolone, Valenciennes, Mulhouse. Al 2005 saranno in funzione 15 reti di tramvie moderne, per oltre 200 km di linee ex-novo. Questi sistemi di trasporto sono stati invece conservati e ammodernati nella maggior parte delle città della Germania, Svizzera ed Austria ed anche nei principali centri dell Olanda e del Belgio. La realizzazione delle linee di tram moderno, avvenute nelle città europee, dimostra come si possano ottenere con il mezzo tramviario numerosi e significativi risultati: il tram apporta una nuova fluidità agli spostamenti urbani avvicina i luoghi importanti della conurbazione, permettendo ad essi di assicurare le loro funzioni rende la conurbazione urbana più attraente e più accessibile lungo tutto il tracciato, la città si evolve si creano nuovi paesaggi urbani dove gli alberi e gli spazi verdi sono numerosi la scelta di un modo di spostamento in superficie, permette la riorganizzazione dei quartieri attorno alle linee del tram le strade di grande circolazione diventano anche dei veri viali urbani, dove pedoni, ciclisti e automobilisti trovano il loro posto per la sosta, accedendo più facilmente alle attività commerciali il tram assicura il collegamento tra i quartieri della periferia e il centro della città e rafforza anche la coesione sociale il tram e anche un mezzo per scoprire la città muovendosi a piedi riesce ad attrarre nuovi utenti che non hanno mai utilizzato il trasporto pubblico, anche grazie alla maggiore rapidità, rispetto a quella dell autobus. e l elemento di maggior importanza per lo sviluppo dei trasporti integrati, grazie ai parcheggi di interscambio tra: automobile e tram; automobile e bicicletta; automobile ed autobus la velocità commerciale del tram è doppia rispetto a quella dei pullman ed i passeggeri trasportati sono quattro volte in più rispetto alla capacità dei pullman essendo modulare, si può aggiungere carrozze nell ora di punta, aumentandone la capacità di carico offre una vera alternativa all uso dell automobile, essendo competitivo in termini di tempo di spostamento e convenienza il pubblico lo considera veloce, confortevole, economico e piacevole nell utilizzo non avendo gradini grazie al piano ribassato, apporta vantaggi anche per le persone anziane, carrozzine e disabili. l inquinamento atmosferico prodotto e ovviamente nullo a livello urbano, ma anche le emissioni dovute alla produzione di energia elettrica sono nettamente inferiori a quelle degli altri mezzi di trasporto: emissione di CO 2 della produzione di elettricità del tram, e di 52g per passeggero/km contro gli 89g degli autobus e i 168g delle automobili. l opportunità di ricreare corridoi verdi lungo il percorso di questa infrastruttura, migliorandone sicuramente l impatto e la percezione visiva di tale mezzo

2 178 Infrastrutture per la mobilità Studi e analisi per il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Specialmente per le città di media dimensione, come Strasburgo per esempio, la tramvia e stata scelta come miglior soluzione ai problemi del trasporto pubblico, mettendo in risalto l opportunità per il riassetto urbanistico, di rinnovo e di riqualificazione dell arredo urbano e lo sviluppo socio-economico che l opera aiuta a realizzare. Le due linee tramviarie hanno avuto un notevole successo, che in numeri si può sintetizzare in: - i passeggeri sono quintuplicati dal 1994 ad oggi, rispetto al servizio di pullman esistente sugli stessi tracciati; gli spostamenti complessivi con il mezzo pubblico sono passati dall 11% al 21%; il bilancio del servizio tramviario ha avuto ricavi che superano del 20% i costi di gestione (in Italia, i ricavi del trasporto pubblico su gomma coprono appena il 30-35% dei costi di gestione); l Azienda dei trasporti pubblici della città di Strasburgo ha diminuito il deficit del 10%. Figura 8.1 a - Mezzo tramviario di Strasburgo Figura 8.1 b, c - Mezzo tramviario di Lione e Monpellier

3 Figura 8.1 d - Mezzo tramviario di Orleans Parte seconda Rete ferroviaria e tramviaria 179 In Italia, e stata approvata dal Parlamento la Legge n.211/92 Interventi nel settore dei sistemi di trasporto rapido di massa che ha finanziato in maniera consistente i sistemi di trasporto a guida vincolata, quali le tranvie e metropolitane, ai fini dello sviluppo dei sistemi di trasporto pubblico nelle aree urbane, atti a migliorare in tali aree la mobilità e le condizioni ambientali. Il Governo finora ha stanziato 14 mila miliardi a fondo perduto per la progettazione e la costruzione delle tramvie. Dopo 10 anni, si registrano i primi risultati positivi. Messina ha inaugurato la sua prima linea tranviaria ed e la prima città italiana che ritorna al tram. Il tram è in costruzione anche a Sassari, mentre Verona, Firenze e Bergamo hanno aggiudicato le gare e stanno per cominciare i lavori. A Torino è stato completato il prolungamento della linea 4 e Milano ha in costruzione due nuove linee tramviarie. 8.1 LINEE TRAMVIARIE DI PREVISIONE NELLA PROVINCIA DI BERGAMO Questo innovativo sistema di trasporto potrà divenire, specialmente per le Valli bergamasche e la conurbazione urbana che grava sul centro di Bergamo, un importante opportunità per ridefinire i sistemi della mobilità di questi territori e dell intera Provincia di Bergamo. La bassa Valle Seriana costituisce un tipico esempio di città lineare, con caratteristiche di continuità e di alta densità del tessuto urbanizzato lungo un unico asse stradale, dovute essenzialmente ai caratteri morfologici del territorio. La propria evoluzione insediativa ha comportato, per i Comuni di questa fascia territoriale, la trasformazione in un sistema di conurbazione che si estende dal capoluogo bergamasco fino ai Comuni di Gazzaniga e Vertova. Questo tipo di urbanizzazione presenta diverse diseconomie che, per gli aspetti inerenti alla mobilità, si traduce in quotidiane congestioni della rete stradale a causa dell attraversamento dei numerosi centri abitati e la forte dipendenza dei flussi di lavoratori e studenti che ogni giorno dalla Val Seriana si dirigono verso il centro di Bergamo. Anche la bassa Val Brembana, specie nel tratto da Bergamo a S. Pellegrino Terme, presenta i medesimi caratteri di un tessuto densamente urbanizzato lungo la SS 470 e contestualmente, identiche problematiche.

4 180 Infrastrutture per la mobilità Studi e analisi per il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale In questi casi, la rete tramviaria oltre a costituire un importante infrastruttura di trasporto pubblico che garantisce rapidità, frequenza e regolarità negli spostamenti e nei tempi e una valida alternativa all auto privata e all autobus, costituisce anche un elemento essenziale di riaggregazione del territorio fra i diversi centri urbani. Il progetto di una rete tramviaria per la Provincia di Bergamo, non riguarda solo questi ambiti vallivi, ma propone una rete infrastrutturale tramviaria che in uno scenario futuro, sia conformata da una rete diffusa sull intero territorio provinciale di montagna e di pianura, nonché da un infrastruttura che migliori l accessibilità e l interscambio tra le diverse modalità del trasporto pubblico e privato. L importanza per la Provincia di Bergamo, di una rete tramviaria che colleghi importanti strutture di interesse sovralocale, come l aeroporto di Orio al Serio, l ospedale di Bergamo, poli scolastici e centri commerciali, assume una rilevanza primaria nella riduzione dei flussi di traffico veicolare. La tramvia diviene, inoltre, l armatura portante per un nuovo sviluppo territoriale basato sulla qualità, attraverso la valorizzazione delle aree adiacenti alle fermate con progetti che trasformino i terminali di transito, in punti di erogazione di servizi, di aggregazione e di attrazione per l utente e il residente, oltre alla valorizzazione di aree dismesse lungo il percorso, prevedendo la localizzazione di importanti funzioni di interesse sovracomunale. La rete: linee e fermate Le linee tramviarie previste dalla Provincia di Bergamo, sono: Linea 1: Bergamo Albino, per la Valle Seriana Il tracciato della linea 1, si sviluppa lungo il sedime della ex ferrovia della Valle Seriana, per una lunghezza complessiva di Km 12,6. Si compone di due lotti: 1. Bergamo - Alzano Sopra (lunghezza tracciato: 7,5 Km) 2. Alzano Sopra Albino (lunghezza tracciato: 5,1 Km) Si prevede la formazione di 15 fermate totali, comprese le due stazioni di testa di Piazzale Marconi (Bergamo) e di Albino. Per il tratto da Bergamo ad Alzano Sopra sono previste 11 fermate: P.Marconi (Stazione FS), Borgo Palazzo, San Fermo, Bianzana, Redona, Negrisoli, Silvio Pellico, Torre Boldone, Ranica, Alzano Maggiore, Alzano Sopra. Per il tratto successivo da Alzano Sopra ad Albino sono previste altre 4 fermate: Nembro centro e Nembro Saletti, Pradalunga e Albino La 1ª e la 2ª tratta funzionale sono a doppio binario e collegheranno la Stazione FS di Bergamo con Albino, interessando i territori dei Comuni di: Bergamo, Torre Boldone, Ranica, Alzano, Nembro e Albino. Questa linea inoltre, rende possibile l estensione del tracciato tramviario da Albino fino alle eventuali fermate di Cene, Gazzaniga e Vertova (per 9 km circa), in fase di studio di fattibilità. L estensione complessiva della linea tramviaria P.Marconi-Albino-Vertova e di 21,6 km circa. Linea 2: Bergamo - Villa D Almè, per la Val Brembana La linea 2, collegherà il centro di Bergamo con i Comuni di Ponteranica, Sorisole, Almè fino a Villa D Almè, per i collegamenti con la Valle Brembana. Su questo tracciato della lunghezza di 10,8 Km, si prevedono 15 fermate complessive localizzate a: P. Marconi, Borgo Palazzo, San Fermo, S. Caterina, Stadio, De Gasperi, Crocefisso, Sant Antonio, Pontesecco Ponteranica, Ramera, Petosino, Almè, Paladina e Villa D Almè

5 Parte seconda Rete ferroviaria e tramviaria Vi è anche la possibile estensione di 16 Km circa da Villa D Almè fino a S. Pellegrino Terme, sottoposta attualmente allo studio di fattibilità, con le ulteriori fermate localizzate nei Comuni di: Clanezzo- Botta (n.2 fermate), Sedrina (n.1), Zogno (n.4), Ambria/Bracca (n.1), S. Pellegrino Terme (n.2). Questa estensione nasce dall opportunità di utilizzarla anche per il trasporto merci, oltre che per il trasporto passeggeri. La tratta Villa D Almè-S.Pellegrino Terme e legata anche agli eventuali collegamenti tramviari in fase di studio di fattibilità, che da Villa D Almè proseguono fino a Terno d Isola (in sede nuova) per attestarsi sul Raccordo merci della Dorsale D Isola (di previsione) e garantire il collegamento con il Raccordo ferroviario merci dell Isola. Le fermate individuate, corrispondono a quelle già funzionanti durante il servizio della ex ferrovia di Valle Brembana negli anni 60 (data di dismissione) integrate dalle nuove previsioni. L estensione complessiva P.Marconi-Villa D Almè-S.Pellegrino Terme e di 27 Km circa. 181 Figura 8.2 Linee tramviarie per le Valli Seriana e Brembana (1 fase) Fonte: elaborazione a cura del Servizio Pianificazione Territoriale, Provincia di Bergamo, 2001 Linea 3: Bergamo Ospedale Nuovo - Curno La linea 3, si sviluppa prevalentemente nell area urbana di Bergamo, per 3,5 km da Piazzale Marconi al nuovo Ospedale sito in loc. Trucca. Si prevedono le seguenti fermate: P.Marconi Papa Giovanni - Porta Nuova Medaglie d oro P.Pontida - Broseta Toti Liberazione Loreto Pasteur Briantea - Ospedale nuovo Vi e la possibile estensione fino a Curno/Tangenziale Ovest, che si estende per ulteriori 2,5 km circa, con la dotazione di parcheggio per l interscambio. In fase di studio di fattibilità. L estensione complessiva della linea tramviaria P.Marconi Ospedale - Curno e di 6 km. Linea 4: Bergamo Aeroporto di Orio al Serio Romano di L. La linea 4, si estende da Bergamo fino all aeroporto di Orio al Serio per 5,5 Km. Si prevedono le seguenti fermate: P.Marconi - Campus Scolastico - quartiere Boccaleone Campagnola - Orio al Serio Aeroporto di Orio al Serio Centro commerciale Orio Center di Orio al Serio

6 182 Infrastrutture per la mobilità Studi e analisi per il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Vi e la possibile estensione della linea di 19 km circa proseguendo verso sud, raggiungendo i Comuni di: Zanica Urgnano Cologno al Serio Martinengo - Romano di Lombardia. L estensione complessiva del tratto P.Marconi (Bergamo) Aeroporto di Orio al Serio - Romano di Lombardia e di 24 km circa. Linea: Montello-Trescore Balneario La tratta tramviaria che si estende per 2 Km e diparte dalla stazione ferroviaria di Montello-Gorlago (connessione con la linea ferroviaria Bergamo-Brescia) per attestarsi sull attuale SS 42 nel Comune di Trescore Balneario. Tramite l utilizzo del binario ferroviario da Bergamo a Montello, si realizza una dorsale importante lungo la relazione Bergamo-Trescore B. al servizio della Val Cavallina. La definizione dei piani di ampliamento della rete è stata effettuata congiuntamente dalla società TEB e dai suoi enti Soci, per sfruttare al meglio potenzialità e sinergie, oltre che per evitare di frazionare i finanziamenti su iniziative diverse, sottolineando la riconferma della volontà di assegnare al trasporto tramviario una dimensione di priorità nell ambito del potenziamento dei sistemi di mobilità per l intera Provincia. Per le ipotesi di ampliamento della rete, si stanno predisponendo i relativi studi di fattibilità e/o progetti preliminari necessari al fine di procedere al reperimento dei finanziamenti statali e regionali. Figura Bergamo, piazzale Marconi: la futura stazione tramviaria Fonte: foto-inserimenti a cura della Provincia di Bergamo

7 Parte seconda Rete ferroviaria e tramviaria Figura Schema del tracciato e delle fermate delle linee tramviarie 183 Fonte: elaborazione a cura del Servizio Pianificazione Territoriale, Provincia di Bergamo, novembre 2002 Frequenze e tempi di percorrenza Le stime sui tempi di percorrenza, sono state elaborate sulla linea 1 Bergamo-Albino e sulla linea 2 Bergamo-Villa D Almè. La linea 1 che diparte da P.Marconi (stazione FS) per la Valle Seriana, impiegherà 27 minuti circa per arrivare ad Albino. Nelle ore di punta, avrà una frequenza nell area urbana (Bergamo- Ranica) di 5 minuti, mentre in quella extraurbana (Ranica-Albino) di 10 minuti.

8 184 Infrastrutture per la mobilità Studi e analisi per il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Figura 8.5 Tempi e frequenze della linea Bergamo-Albino Fonte: elaborazione a cura del Servizio Pianificazione Territoriale, Provincia di Bergamo, 2001 Tra gli effetti attesi su questo tracciato, sono soprattutto la forte riduzione dei tempi di percorrenza per i passeggeri, rispetto alle altre modalità di trasporto pubbliche e private, per raggiungere il capoluogo bergamasco. Tabella 8.1 Tempi di percorrenza dalla Valle Seriana alla Stazione ferroviaria di Bergamo Località Distanza progressiva in metri (Tram) Albino Nembro Alzano Ranica Torre Boldone S. Fermo Fonte: TEB e Centro Studi Traffico, 2002 TEMPI PROGRESSIVI mezzo privato Autobus Tram Per la linea 2 Bergamo-Villa D Almè, i tempi di percorrenza complessivi sono di 22 minuti circa. Nelle ore di punta, si prevede una frequenza di 6 minuti. Nelle ore di morbida, tra la Stazione FS e S.Antonio, quindi nell area urbana di Bergamo, si avrà una frequenza di 8 minuti; mentre nell area extraurbana tra S.Antonio e Villa D Almè di 16 minuti. Tabella 8.2 Tempi di percorrenza dalla Valle Brembana alla Stazione ferroviaria di Bergamo Località Distanza progressiva in metri (Tram) Villa D Almè Almè Petosino Ponteranica S.Antonio S.Caterina Fonte: TEB e Centro Studi Traffico, 2002 TEMPI PROGRESSIVI mezzo privato Autobus Tram

9 Bacino d utenza Parte seconda Rete ferroviaria e tramviaria 185 Le stime indicano per la linea 1 Bergamo-Albino, un bacino d utenza complessivo nella Val Seriana di potenziali utenti, servendo un territorio con abitanti lungo il percorso tramviario e abitanti che dall alta Valle Seriana si attestano sul nodo d interscambio di Albino, senza contare poi, gli ulteriori potenziali utenti rappresentati dagli abitanti del Comune di Bergamo. La tabella seguente, mostra le stime (minime e massime) dell utenza giornaliera dei passeggeri trasferiti dal mezzo privato, dal mezzo pubblico e totale della linea 1 Bergamo-Albino, all anno Tabella Stime dell utenza giornaliera sulla linea 1 (passeggeri espansi all anno 2005) trasferiti dal mezzo privato e dal mezzo pubblico alla tramvia Trasferiti dal mezzo Minimo Massimo privato Passeggeri x km totali Spostamenti A+R Distanza media (m) Trasferiti dal mezzo Minimo Massimo pubblico Passeggeri x km totali Spostamenti A+R Distanza media (m) Trasferiti TOTALE Minimo Massimo Passeggeri x km totali Spostamenti A+R Distanza media (m) Fonte: TEB e Centro Studi Traffico, 2001 Figura 8.6 Linea 1 Bergamo-Albino: passeggeri x km, trasferiti dal mezzo pubblico e privato alla tramvia Linea Bergamo - Albino Passeggeri x km totali mezzo pubblico mezzo privato minimo massimo Fonte: elaborazione a cura della Provincia di Bergamo La linea 2 Bergamo-Villa D Almè, raccoglie un bacino d utenza potenziale di abitanti tra la Valle Brembana e la Valle Imagna, che si attestano sul nodo d interscambio di Villa D Almè e abitanti lungo il suo percorso, per un totale complessivo di potenziali utenti provenienti dalle due Valli; a questo si aggiungono i dell area urbana di Bergamo. La tabella seguente mostra le stime (minime e massime) dell utenza giornaliera dei passeggeri trasferiti dal mezzo privato e dal mezzo pubblico (e totale) della linea 2 Bergamo-Villa D Almè.

10 186 Infrastrutture per la mobilità Studi e analisi per il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Tabella Stime dell utenza giornaliera sulla linea 2, (passeggeri espansi all anno 2005) trasferiti dal mezzo privato e dal mezzo pubblico alla tramvia Trasferiti dal mezzo Minimo Massimo privato Passeggeri x km totali Spostamenti A+R Distanza media (m) Trasferiti dal mezzo pubblico Passeggeri x km totali Spostamenti A+R Distanza media (m) Trasferiti TOTALE Minimo Massimo Passeggeri x km totali Spostamenti A+R Distanza media (m) Fonte: TEB e Centro Studi Traffico, 2001 Figura 8.7 Linea 2 Bergamo-Villa D Almè: passeggeri x km, trasferiti dal mezzo pubblico e privato alla tramvia Linea Bergamo-Villa D'Almè Passeggeri x km totali mezzo pubblico mezzo privato Minimo Massimo Fonte: elaborazione a cura della Provincia di Bergamo Figura 8.8 Bacino d utenza previsto con le future linee tramviarie per le Valli Brembana, Imagna e Valle Seriana Fonte: elaborazione a cura del Servizio Pianificazione Territoriale, Prov. Bergamo, 2002

11 Accessibilità Parte seconda Rete ferroviaria e tramviaria 187 Per la linea tramviaria Bergamo-Albino, l accessibilità ad ogni fermata e garantita dalla dotazione di adeguati parcheggi per l interscambio con il mezzo privato e spazi per la fermata del trasporto pubblico su gomma, secondo le stime d utenza giornaliere previste. Inoltre, sono stati ridefiniti con i Comuni interessati, anche i percorsi delle piste ciclabili comunali e dei percorsi pedonali, al fine di permettere il raggiungimento delle fermate tramviarie con questa modalità di trasporto. Tabella 8.5 Dimensionamento dei parcheggi di interscambio: posti auto (previsione all anno 2005) FERMATE Stime minime-massime Linea BG-Albino Bergamo Torre Boldone Ranica Alzano Maggiore Alzano Sopra Nembro Centro Nembro Saletti Pradalunga Albino Linea BG-Villa D Almè Villa D Almè Paladina Almè Petosino Ramera Ponteranica Pontesecco S.Antonio Urbano Fonte: Società TEB e Centro Studi Traffico, 2001 Per la linea 1 Bergamo-Albino, i nodi di interscambio tra tramvia, trasporto pubblico su gomma e mezzo privato, sono localizzati alla fermata di Albino, dove si attestano i flussi provenienti dall alta Valle Seriana, ed alla fermate di Alzano Maggiore. Le rimanenti fermate, hanno comunque un adeguata dotazione di parcheggio per l interscambio con il mezzo privato. Per la linea 2 Bergamo-Villa D Almè, il nodo d interscambio tra tramvia, trasporto pubblico su gomma e mezzo privato, si individua principalmente ad D Almè, quale nodo di attestamento dei flussi dell alta Valle Brembana. Ente Attuatore e Stato di avanzamento dell opera L ente attuatore, è rappresentato dalla Società TEB, compartecipata con quote paritarie dal Comune di Bergamo e dalla Provincia di Bergamo. Lo stato di attuazione dell intervento infrastrutturale prevede: Per la linea 1: appaltati i lavori della 1ª tratta Bergamo-Alzano Sopra e della 2ª tratta Alzano Sopra-Albino. La Gara d appalto per la fornitura dei veicoli tramviari è stata espletata con affidamento alla Società Ansaldo Breda s.p.a. Tempi di previsione: esercizio dell intera linea nel linea 2: I tratto Bergamo Villa D Almè e stato predisposto il progetto preliminare. E in fase di Studio di fattibilità l estensione della linea fino a S. Pellegrino Terme. Per la Linea 3: e stato predisposto il progetto preliminare della tratta Bergamo (Stazione FS) - Ospedale nuovo; l estensione fino a Curno, e in fase di Studio di fattibilità.

12 188 Infrastrutture per la mobilità Studi e analisi per il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Per la Linea 4: e stato predisposto il progetto preliminare per la tratta Bergamo (Stazione FS) Aeroporto di Orio al Serio Per la Linea Montello FS - Trescore B.: da progettare Qualità del servizio Sulla linea 1 Bergamo-Albino, transiteranno 14 vetture climatizzate, ecologiche e bidirezionali, ciascuna con una capacità di trasporto di 250 passeggeri e una velocità max di 70 Km/h. Questo nuovo servizio garantirà affidabilità e qualità: - nella certezza dei tempi di percorrenza; percorsi preferenziali e in sede protetta; attraversamenti a raso semaforizzati con precedenza alla tramvia; minimo impatto ambientale, grazie anche a tratti di sedime a verde e/o pavimentati; infine, comodità del servizio per l utente. Sono previste barriere verdi anti-rumore per abbattere l inquinamento acustico in prossimità delle abitazioni e l adozione di materiali antivibrazione negli attraversamenti che saranno protetti da apposita segnaletica con l arresto automatico del tram in caso di pericolo. Il progetto prevede inoltre, elementi architettonici e di arredo urbano (illuminazione, ecc.) alle fermate, alle stazioni e lungo il tracciato ed ampie zone di parcheggio in prossimità delle fermate. Figura 8.9 Mezzo tramviario della rete bergamasca Fonte: Ansaldobreda per TEB Figura 8.10 Progetto della stazione tramviaria di Albino Fonte: StudioCapitanioArchitetti per TEB

13 Opportunità e benefici conseguenti Parte seconda Rete ferroviaria e tramviaria 189 Le esperienze straniere al riguardo, ci portano a sostenere che questa tipologia di trasporto acquisirà nei prossimi anni, una quota crescente di passeggeri, alle condizioni che ci siano: una politica di ampliamento della rete che interessi in modo importante la città e che da questa raggiunga i nodi strategici della mobilità dell hinterland; una gestione integrata di tutti i sistemi della mobilità e dei trasporti che passa attraverso il coinvolgimento, quantomeno nella gestione, dei principali operatori pubblici e privati che già agiscono sul territorio; una dotazione di strutture complementari (parcheggi intermodali, viabilità di raccordo, ecc.); e inoltre qualità del servizio, con costi certi e una politica della regolamentazione della sosta e dell accessibilità alla città con i mezzi privati. Uno dei principali benefici attesi, e che con la pianificazione di queste reti urbane ed extraurbane a metrò-tramvia, vi saranno forti riduzioni di traffico soprattutto nelle ore di punta nei due bacini della Valle Brembana e Valle Seriana e nell area urbana di Bergamo. Vi saranno vantaggi per gli spostamenti di ogni singolo utente in termini di tempi di percorrenza, frequenza d orario, costi e comodità. Tabella 8.6 Riduzione del traffico: flussi di autovetture bidirezionali nell ora di punta ( ), stime approssimative Comune Quantità autovetture Riduzioni minime - massime Traffico a Bergamo min 16,7% / max 45% Traffico ad Albino min 11,4% / max 32,5% Fonte: Provincia di Bergamo, 2001 A livello di domanda passeggeri, la quota giornaliera trasferita dal mezzo privato e dal mezzo pubblico su gomma, al mezzo tramviario, e evidenziata nella tabella seguente (a cura del Centro Studi Traffico, 2001), suddivisa secondo le diverse linee tramviarie di previsione. Tabella Stime sulla domanda passeggeri trasferita alla tramvia Linee Tramviarie Estensione Domanda trasferita dei passeggeri/gg bidirezionali - dal mezzo privato - dal mezzo pubblico su gomma Totale Percentuale linee per le Valli: 1: BG-Albino 2: BG -Villa D Almè Km 21,8 (12,5+9,3) Ipotesi minima Ipotesi massima linee 1,2,3 Valli + Ospedale Km 25,3 (21,8+3,5) Ipotesi minima Ipotesi massima linee 1,2,3,4 (Valli + ospedale + aeroporto) RETE TRAMVIARIA COMPLESSIVA Km 29,7-31,2 (solo aeroporto 4,4-5,9 Km) Ipotesi minima (a) Ipotesi massima (a) % +71% +113% +96% % % (a) intervalli relativi ai diversi tracciati tra la stazione e Orio al Serio

14 190 Infrastrutture per la mobilità Studi e analisi per il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale 8.2 INTEGRAZIONE TRA RETE FERROVIARIA E TRAMVIARIA PER UN SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO PROVINCIALE L integrazione tra le tratte ferroviarie e quelle tramviarie, potranno garantire nell insieme, un sistema del trasporto su ferro diffuso ed articolato sull intero territorio provinciale, dotato di numerose fermate che faciliteranno l interscambio con le altre modalità di trasporto, garantendo sul territorio provinciale una tipologia di servizi su ferro diversificata. L opportunità di creare una rete forte su ferro che si estenda su tutte le direttrici est-ovest e nord-sud del nostro territorio, costituisce un vantaggio anche in termini di benefici ambientali e monetari per la popolazione e gli utenti. Una distribuzione così estesa della rete su ferro, amplia il diritto d accesso al trasporto pubblico ad una popolazione sicuramente più ampia, aumentando la quota servita da modalità alternative all auto privata. Per l area della conurbazione del capoluogo bergamasco in particolare, si prefigura uno scenario capace di cambiare radicalmente il sistema di mobilità, a servizio di un bacino d utenza che raccoglie una popolazione complessiva di abitanti. Figura 8.11 Il futuro sistema su ferro nella conurbazione del capoluogo bergamasco Nel complesso, rappresenta l opportunità di orientare lo sviluppo urbano del territorio provinciale, dagli insediamenti residenziali a quelli del terziario sulle linee del trasporto pubblico su ferro, anziché sulle infrastrutture stradali, ai fini di una mobilità maggiormente sostenibile. (un modello di riferimento e la pianificazione dei quartieri TOD, Transit Oriented Development).

15 Parte seconda Rete ferroviaria e tramviaria Diversi tipi di servizio su ferro nel bacino provinciale bergamasco 191 L integrazione tra le diverse tipologie di trasporto su ferro, offre la possibilità di avere servizi diversi per l utente, caratterizzati da differenti frequenze, tempi, costi e distanze nei percorsi. Il servizio ferroviario garantisce un tipo di servizio che si rivolge ad un bacino d utenza su una scala vasta, extra-provinciale, regionale, e nazionale, su lunghe distanze e ad elevati livelli di traffico. A confronto, un sistema di trasporto tramviario, e un servizio ottimale per un territorio densamente urbanizzato che richiede rapidità, elevata portata ed elevata frequenza ed integrato al traffico veicolare, ciclabile e pedonale del luogo. VANTAGGi SVANTAGGI TRENO TRAM elevata velocità commerciale elevata accessibilità elevata regolarità ridotti costi di costruzione e tempi di realizzazione elevata capacità Costi specifici di esercizio potenzialmente bassi assenza di interferenze con la Viaggio a contatto con l ambiente circolazione stradale Occasione di riqualificazione urbana ridotta accessibilità Capacità media elevati costi di costruzione Interferenze con la circolazione stradale lunghi tempi di realizzazione (opere sotterranee ecc.) Velocità commerciale e regolarità condizionate dalla circolazione stradale Le caratteristiche tecniche di un mezzo come il tram danno un quadro seppur indicativo dei vantaggi in termini trasportistici, specialmente per alcuni territori della Provincia di Bergamo, come le aree vallive e di conurbazione, ma anche per quei Comuni della pianura isolati da efficienti modalità di trasporto pubblico locale. La comparazione con la ferrovia risulterebbe ben difficile, per la grande varietà delle situazioni in esercizio. E da premettere comunque che un servizio di trasporto ferroviario nell ambito delle conurbazioni urbane, richiederebbe inevitabilmente caratteristiche simili a quelle di un servizio di tipo metropolitano, con interdistanze più brevi ed intervalli dei passaggi maggiormente frequenti. Tabella Valori dei relativi parametri caratteristici della tramvia e metropolitana leggera Parametri Tramvia Metropolitana leggera Portata potenziale min. pax/h * dir Distanziamento in minuti 4 3 Capacità convoglio Distanza media tra stazioni Velocità commerc. Km/h Tabella Caratteristiche dei diversi tipi di servizio ferroviario locale TRENO regionale metropolitano servizio area vasta conurbazione interdistanze fermate media (magg.5 km) piccola (1-2 km) durata viaggio media min. breve 5-20 min. posti prevalenti a sedere in piedi incarrozzamento abbastanza rapido rapidissimo cadenzamento tipico minuti 5-15 minuti prestazione elevata velocità accelerazione Fonte Tabelle: seminario tecnico Tram-Treno, Regione Toscana - Area Trasporti, 2002

16 192 Infrastrutture per la mobilità Studi e analisi per il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Il Servizio Ferroviario Metropolitano provinciale, SFM Un Sistema Integrato del trasporto su ferro nel territorio della Provincia di Bergamo, comprendente il servizio ferroviario comprensoriale e regionale, il servizio ferroviario di tipo metropolitano e il servizio tramviario, permette di prefigurare la realizzazione di un sistema ferroviario provinciale che offra un servizio di trasporto pubblico di tipo metropolitano sull intera rete su ferro. In questo sistema, le linee tramviarie unitamente alle tratte ferroviarie, costituiscono un unico reticolo diffuso ed articolato sull intero territorio provinciale, sul quale si può prevedere anche la realizzazione nel mediolungo periodo, di un servizio di tipo metropolitano mediante l uso di veicoli leggeri quali quelli tramviari. Le esperienze delle città europee, prefigurano lo sviluppo del TRAM- TRENO (vedere box: Progetto Tram-Treno), quale servizio di trasporto pubblico competitivo ed efficiente, ideale anche per il territorio provinciale bergamasco. Si tratta di un unico veicolo, quale miglior compromesso tra un tram ed un treno, capace di circolare indifferentemente su linee tramviarie urbane e di viaggiare ad oltre 100 km/h su tracciati ferroviari, utilizzando diversi tipi di alimentazione elettrica. Lo sviluppo di tale progetto, prevede l intercircolabilità dei treni, tram e metrò leggeri, su sistemi tipologicamente diversi ed interconnessi, ferme restando le caratteristiche proprie di ciascuno dei sistemi sopra definiti. I "tram-treno" visti in quest'ottica, hanno riscontrato significativi successi proprio in quanto hanno consentito di rendere capillari i sistemi ferroviari, entrando nei centri storici ed hanno ridotto drasticamente le rotture di carico. Considerando poi i benefici connessi alla possibilità di realizzare fermate più economiche e di ridurre i costi di esercizio della ferrovia, tale filosofia appare destinata, dal punto di vista tecnico-economico, a migliorare sensibilmente, le prestazioni dei sistemi di trasporto nelle città europee e a costituire un valido esempio anche per un territorio come la Provincia di Bergamo. Opportunità del Tram-Treno nella Provincia di Bergamo Un elemento chiave di questo sistema è la possibilità di offrire una connessione diretta con maggiori centri urbani, eliminando gli interscambi fra treno e mezzo pubblico urbano. Ciò rende il tram-treno un servizio di trasporto competitivo ed efficiente il cui successo non si limita solo a questo vantaggio, potendo offrire altri aspetti positivi quali: riduzione dei costi di investimento utilizzando l infrastruttura ferroviaria già esistente, superando le difficoltà nell individuare le sedi appropriate e i tempi di realizzazione per un impianto costruito ex novo possibilità di aumentare il numero di stazioni lungo la linea ferroviaria mantenendo stessi tempi di percorrenza o diminuendoli grazie a prestazioni più elevate in accelerazione e frenatura proprie dei moderni sistemi tranviari. Ciò rende le stazioni più vicine agli utenti ed il sistema nel complesso più accessibile riduzione dei tempi di percorrenza; il tempo di viaggio porta a porta è paragonabile a quello dell auto privata. A ciò va aggiunto un migliore incarrozzamento dei viaggiatori dovuto al maggior numero di porte per fiancata e maggior facilità di accesso ai convogli a piano ribassato maggior frequenza e puntualità del sistema tranviario rispetto a quello ferroviario con riduzione dei tempi di attesa

17 Parte seconda Rete ferroviaria e tramviaria estrema flessibilità e adattabilità dei sistemi tram treno in grado di circolare nelle zone pedonali coesistendo armoniosamente con i pedoni e riuscendo facilmente a superare curve piuttosto strette, per poi effettuare l interscambio con linee ferroviarie o su tracciati urbani a sede protetta una tariffazione integrata abbinata al sistema interoperabile urbano ne rende l utilizzo semplificato ed elimina tempi di attesa e di accesso riduzione totale dei costi di esercizio rispetto ai veicoli ferroviari poiché è necessario un solo operatore a bordo ed inoltre è semplice variare la composizione dei convogli in base alle esigenze di traffico dotando i veicoli di sistemi ad aggancio automatico 193 La rete Il Servizio Ferroviario Metropolitano provinciale S.F.M., sarà pertanto costituito dall insieme delle seguenti direttrici su ferro: Direttrice: Caravaggio Treviglio/Polo scolastico - Treviglio centrale - Treviglio ovest Arcene Verdellino Levate Stezzano Bergamo Direttrice: Bergamo Stezzano - Levate Dalmine Filago Carnate D Adda Direttrice: Calusco D Adda - Terno D Isola Ponte S.Pietro Mozzo Ospedale nuovo - Longuelo Loreto (zona città mercato) Bergamo Boccaleone/Fiera Seriate Albano S.Alessandro Montello Carrobbio degli Angeli Chiuduno Grumello del Monte -.Palazzolo Sull Oglio. Direttrice: Cisano Bergamasco Pontida Ambivere Ponte S.Pietro - Mozzo Ospedale nuovo - Longuelo Loreto Bergamo - Grumello del Monte Direttrice: Bergamo(P.Marconi) Borgo Palazzo - San Fermo Bianzana Redona Negrisoli - Silvio Pellico - Torre Boldone Ranica - Alzano Maggiore - Alzano Sopra - Nembro centro - Nembro Saletti Pradalunga - Albino Cene Gazzaniga Vertova Direttrice: Bergamo(P.Marconi) - Borgo Palazzo - San Fermo - S. Caterina Stadio - De Gasperi Crocefisso - Sant Antonio Pontesecco - Ponteranica Ramera Petosino Almè Paladina - Villa D Almè Sedrina Zogno San Pellegrino Terme Direttrice: Bergamo(P.Marconi) - Papa Giovanni - Porta Nuova Medaglie D Oro P. Pontida - Broseta Toti Liberazione Loreto Pasteur Briantea - Ospedale nuovo - Curno (centro commerciale/tangenziale ovest) Direttrice: Bergamo (P.Marconi) - Campus Scolastico - Boccaleone Campagnola - Orio al Serio Aeroporto di Orio al Serio Orio Center - Zanica Urgnano Cologno al Serio Martinengo - Romano di Lombardia Direttrice: Bergamo Boccaleone/Fiera Seriate Albano S.Alessandro Montello/ Trescore Balneario/SS 42 Carrobbio degli Angeli Chiuduno Grumello del Monte - Palazzolo Sull Oglio L insieme di queste direttrici ferroviarie-tramviarie, grazie al sistema del Tram-Treno, disegna sul territorio la rete del Sistema Ferroviario Metropolitano provinciale, che si estende per uno sviluppo complessivo di 160 Km circa. I capolinea di queste linee, sono interconnessi con le direttrici del trasporto ferroviario regionale e nazionale passanti nel territorio provinciale bergamasco.

18 194 Infrastrutture per la mobilità Studi e analisi per il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Figura La rete del Servizio Ferroviario Metropolitano provinciale, S.F.M. Nodo d Interscambio Linee del SFM Ambito comunale interessato Fonte: elaborazione a cura del Servizio Pianificazione Territoriale, Provincia di Bergamo, novembre 2002

19 Il sistema delle fermate Parte seconda Rete ferroviaria e tramviaria 195 Il Servizio Ferroviario Metropolitano provinciale, si basa su 84 fermate complessive, che potenzieranno l'efficacia distributiva e l'accessibilità urbana all intero sistema, oltre ad offrire un servizio potenzialmente attrattivo anche per i passeggeri che provengono dalle zone periferiche. L accessibilità esterna e centrata sulla rete del SFM che costituisce la spina dorsale dei luoghi di scambio intermodale. La configurazione della rete e le numerose fermate estenderanno ampiamente sul territorio provinciale la zona di diretta influenza delle linee. Ogni fermata potrà costituire un nodo d interscambio e un centro di servizi attrattivo sia per gli utenti, che per i residenti. Alcune di queste fermate, possono assumere nelle schema di rete complessiva importanti funzioni. La fermata di Treviglio centrale, oltre a divenire un nodo primario di questo servizio ferroviario metropolitano provinciale, sarà anche nodo di attestamento sulla rete ferroviaria regionale e nazionale, ricoprendo il ruolo di principale porta d accesso al territorio provinciale bergamasco del sistema su ferro, superiore alla funzionalità del nodo di Bergamo. A sua volta, il nodo intermodale di Bergamo (Stazione FS/P.Marconi), più che un nodo di attestamento e di interscambio fra più linee su ferro, si configura come un nodo passante. PROGETTO TRAM-TRENO Come risposta all accresciuta domanda di mobilità nelle aree suburbane, negli anni 90 le principali metropoli europee hanno assistito allo sviluppo di un nuovo sistema di trasporto conosciuto come tram-treno. Ad oggi, in Europa vi sono quattro sistemi di tram-treno in esercizio (tutti in Germania) e due in corso di realizzazione (uno in Germania ed uno in Francia), ma è dovunque diffuso l interesse per questa nuova forma di trasporto pubblico integrato. Gli studi di fattibilità finora avviati superano la cinquantina, con un massimo in Germania e Francia (una dozzina in ciascun Paese, oltre a quelli che hanno portato a sistemi già in esercizio o realizzazione). L esempio è partito dalla città tedesca di Karlsruhe, che ha sperimentato e sviluppato concretamente una nuova tecnologia per l inserimento di veicoli tranviari moderni sulla rete ferroviaria regionale e nazionale, in modo da svolgere con questi la maggior parte dei servizi di ambito suburbano ed extraurbano. Karlsruhe è una città del Baden- Württemberg di abitanti, che divengono con il circondario e quasi considerando tutta l area che in qualche modo vi gravita. (Un bacino territoriale simile a quello della Provincia di Bergamo e pertanto può considerarsi un valido modello di riferimento). Il sistema tram-treno, denominato Stadtbahn (ovvero S-Bahn), è partito con l acquisizione nel 1957, di una ferrovia locale privata (Albtalbahn), la sua riconversione e la connessione con la rete tranviaria urbana. Nel MODELLO KARLSRUHE per tram-treno si intende propriamente un sistema di trasporto basato su veicoli di derivazione tranviaria, che circolano congiuntamente su tratte tranviarie urbane e su tratte ferroviarie, su queste ultime in promiscuità con convogli ferroviari; si aggiungono evidentemente apposite tratte di interconnessione ed eventuali tratte indipendenti extraurbane. Obiettivi dei sistemi tram-treno Eliminazione delle rotture di carico: l intercircolazione sulla tratta ferroviaria e su quella tranviaria urbana permette servizi diretti tra le aree suburbane e quelle centrali, con evidenti vantaggi per i viaggiatori.

20 196 Infrastrutture per la mobilità Studi e analisi per il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Miglioramento dell accessibilità: lungo la linea ferroviaria possono essere realizzate economicamente nuove fermate di tipo tranviario; si possono inoltre costruire deviazioni, non soggette ai vincoli geometrici delle ferrovie, per servire più da vicino gli abitati ed altri poli. Economie di realizzazione: l instradamento dei servizi sulle linee ferroviarie permette di evitare i costi di realizzazione di nuove infrastrutture (alle quali si oppongono spesso anche vincoli fisici ed ambientali). Economie di gestione Possono essere adottate modalità e tecniche di esercizio flessibilmente adeguate ai servizi da offrire (aventi quindi costi inferiori a quelli del tipico esercizio ferroviario); ciò consente anche di rivalutare i cosiddetti rami secchi. Tali obiettivi corrispondono a vantaggi sia per l utenza sia per il gestore; si può quindi puntare, sia mediante l incremento di attrattività di relazioni preesistenti sia mediante l offerta di nuove relazioni, ad un significativo trasferimento modale (dal trasporto privato a quello pubblico; dalla gomma in genere, indirizzata verso servizi di adduzione e distribuzione, al ferro). I problemi di compatibilità del Tram-Treno Geometria delle vie Accoppiamento ruota/rotaia In genere la geometria di una ruota tranviaria è diversa da quella ruote ferroviarie; ciò comporta un inidoneo accoppiamento tra la normale ruota tranviaria e la rotaia ferroviaria, nonché il rischio di svio su scambi ed incroci. D altra parte, anche in tratte tranviarie nuove, non possono in genere essere adottate geometrie ferroviarie per ragioni di compatibilità col traffico urbano ordinario. Si sono individuate peraltro soluzioni basate su appositi profili di ruota ed adattamenti puntuali dell armamento ferroviario. Banchine di fermata La minore larghezza dei tram, rispetto alla sagoma ferroviaria, comporta un eccessiva distanza orizzontale tra il ciglio della banchina e la soglia del veicolo. Inoltre banchine ferroviarie di altezza maggiore di quella delle soglie dei moderni tram urbani (ca. 300 mm) comportano un dislivello verticale anche notevole e, comunque, di segno opposto a quello raccomandato (banchina più bassa della soglia). Esistono varie soluzioni per tale problema, attuate sul materiale rotabile, sulle banchine o sull armamento. Resistenza strutturale L esigenza di elevata sicurezza passiva (ovvero del contenimento dei danni in caso di collisione) ha portato a prescrivere, per i veicoli ferroviari, parametri di resistenza strutturale, quale il valore del carico di compressione longitudinale sopportabile (UIC: 1500 kn), che risulta praticamente impossibile adottare nei tram-treno. La soluzione finora adottata e che si profila come generale consiste in un limitato aumento (a 600 kn) di tale valore rispetto a quelli tradizionali dei tram urbani e in adeguati provvedimenti di sicurezza attiva (ovvero di minimizzazione della probabilità di collisione) basati sulle tecniche di analisi dei rischi. Alimentazione elettrica Le linee tranviarie operano in genere con tensioni di 600 o 750 V c.c., mentre le linee ferroviarie elettrificate usano tensioni più alte, anche in c.a.: in Italia 3 kv c.c. (escluse nuove linee A.V., a 25 kv c.a.), mentre in altre reti europee vengono usate anche le tensioni di 1,5 kv c.c. e 15 kv c.a.. Il tram-treno deve dunque poter efficientemente marciare sotto i due tipi di alimentazione, ma ciò non costituisce da tempo un problema, giacché le tecnologie dell elettronica di potenza hanno

21 Parte seconda Rete ferroviaria e tramviaria consentito di realizzare equipaggiamenti di trazione bitensione installabili, senza significative penalizzazioni, a bordo di veicoli tranviari. Nel caso di esercizio congiunto con linee ferroviarie non elettrificate, per le quali le previsioni di traffico dei tram-treno non giustifichino l elettrificazione di tipo tranviario, può essere fatto ricorso a tram bimodali diesel-elettrici, atti a marciare in modo diesel-elettrico nella tratta ferroviaria e in modo elettrico, alimentato da linea di contatto, nella tratta tranviaria. Segnalamento e condotta La circolazione del tram-treno deve avvenire nelle tratte tranviarie e ferroviarie con modalità diverse e nel rispetto di diverse normative: - Tratte tranviarie convenzionali: Marcia a vista, nel rispetto del Codice della Strada (e quindi delle relative segnalazioni) e della locale normativa di esercizio tranviario, con le usuali abilitazioni. - Tratte ferroviarie condivise: Marcia regolata dal segnalamento, nel rispetto delle normative ferroviarie valide sull infrastruttura condivisa; ciò comporta che il tramtreno sia dotato di equipaggiamenti di segnalamento e protezione omogenei a quelli dei veicoli ferroviari, che siano disposte le deroghe normative eventualmente necessarie od opportune, che i conducenti siano abilitati alla circolazione sull infrastruttura ferroviaria. - Tratte ferroviarie non condivise: marcia regolata dal segnalamento, nel rispetto delle specifica normativa ferroviaria. 197 Accesso all infrastruttura La condivisione dell infrastruttura ferroviaria richiede il soddisfacimento di diverse condizioni, tra le quali vanno anzitutto indicate le seguenti: Esistenza di potenzialità residua L inserimento dei tram-treno presuppone la disponibilità di tracce, intercalate con quelle utilizzate dalla circolazione propriamente ferroviaria, in quantità e in collocazione oraria idonee per il servizio da effettuare; oppure di fasce orarie di libera circolazione per i tram-treno. Coordinamento di diversi soggetti Nei dovuti procedimenti per la definizione e l attuazione devono evidentemente intervenire l ente di pianificazione, quelli di gestione delle infrastrutture e quello di esercizio. Modalità di accesso A seconda della situazione in cui si trova l infrastruttura ferroviaria da utilizzare possono delinearsi le condizioni per il trasferimento della titolarità, per il noleggio o per la vendita delle tracce. Costo di accesso L incidenza del costo di accesso sul costo chilometrico del servizio di tram-treno deve risultare compatibile con i vincoli e con gli obiettivi dell ente regolatore del trasporto locale. Garanzia di puntualità Devono essere verificate le condizioni affinché tanto la circolazione dei tram-treno quanto quella ferroviaria non generino all altra cause di irregolarità.

22 198 Infrastrutture per la mobilità Studi e analisi per il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale

L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO. Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.)

L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO. Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.) L ESPERIENZA DIATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO Gianni Scarfone (Direttore Generale ATB Mobilità S.p.A.) INQUADRAMENTO DEL CONTESTO IL TERRITORIO PROVINCIA DI BG o NUMERO COMUNI: 244 o

Dettagli

Le strategie per il trasporto pubblico di Brescia. Stefano Sbardella Responsabile Settore Mobilità e TPL - Comune di Brescia

Le strategie per il trasporto pubblico di Brescia. Stefano Sbardella Responsabile Settore Mobilità e TPL - Comune di Brescia Le strategie per il trasporto pubblico di Brescia Stefano Sbardella Responsabile Settore Mobilità e TPL - Comune di Brescia LA MOBILITA DI BRESCIA IN NUMERI PRIORITA e CRITERI di PIANIFICAZIONE P.U.M.S.

Dettagli

Problematiche realizzative e di esercizio della linea tranviaria Bergamo - Albino

Problematiche realizzative e di esercizio della linea tranviaria Bergamo - Albino Problematiche realizzative e di esercizio Gianni Scarfone Amministratore Delegato TEB S.p.A. Stefano Bernardi Direttore Tecnico TEB S.p.A. Problematiche realizzative e di esercizio 2 Problematiche realizzative

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE 1 SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTO PUBBLICO A SERVIZIO DELL AREA METROPOLITANA DIFFUSA CENTRALE VENETA CON OBIETTIVI DI: DECONGESTIONE DELLE RETI INFRASTRUTTURALI VIARIE RIEQUILIBRIO MODALE CON PASSAGGIO

Dettagli

STORIA LA RETE TRANVIARIA ATTUALE DATI DI ESERCIZIO IL MATERIALE ROTABILE LE APPLICAZIONI DI CONTROLLO CENTRALIZZATO

STORIA LA RETE TRANVIARIA ATTUALE DATI DI ESERCIZIO IL MATERIALE ROTABILE LE APPLICAZIONI DI CONTROLLO CENTRALIZZATO LA RETE TRANVIARIA DI TORINO STORIA LA RETE TRANVIARIA ATTUALE DATI DI ESERCIZIO IL MATERIALE ROTABILE LE APPLICAZIONI DI CONTROLLO CENTRALIZZATO STORIA 1871: prima linea tranviaria su rotaia in Italia

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE

L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE L ESPERIENZA DI ATB: PROGETTI E SERVIZI PER LA MOBILITÀ A BERGAMO PAOLO RAPINESI: RESP. AREA MOBILITÀ INFRASTRUTTURE TECNOLOGIE CONTESTO TERRITORIALE E INDIRIZZI STRATEGICI IL TERRITORIO PROVINCIA DI BG

Dettagli

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete 1 Overview Brescia e l Europa: i corridoi della Rete TEN-T Nodo di Brescia: infrastruttura e servizi Il Piano TPL

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

III CONVEGNO TRAM MEMORIA AREA TEMATICA N.1 RUOLO DELLE TRAMVIE NEI MODERNI SISTEMI DI TRASPORTO URBANO E SUBURBANO

III CONVEGNO TRAM MEMORIA AREA TEMATICA N.1 RUOLO DELLE TRAMVIE NEI MODERNI SISTEMI DI TRASPORTO URBANO E SUBURBANO Con il Patrocinio di Organizzato da III CONVEGNO TRAM MEMORIA AREA TEMATICA N.1 RUOLO DELLE TRAMVIE NEI MODERNI SISTEMI DI TRASPORTO URBANO E SUBURBANO RUOLO DELLA TRAMVIA PRATESE NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario ing. Vincenzo Conforti 1 Scelte economiche e tecniche nel Nodo di Bologna

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Principali obbiettivi: - creare nell area metropolitana un sistema di trasporto pubblico integrato; - migliorare la

Dettagli

7. RETE FERROVIARIA. Interventi infrastrutturali e nuovi servizi per il sistema ferroviario provinciale

7. RETE FERROVIARIA. Interventi infrastrutturali e nuovi servizi per il sistema ferroviario provinciale Parte seconda Rete ferroviaria e tramviaria 163 7. RETE FERROVIARIA Interventi infrastrutturali e nuovi servizi per il sistema ferroviario provinciale Gli interventi previsti nel territorio bergamasco

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari

Dettagli

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO NUOVA FERMATA DI BRUZZANO/BRUSUGLIO 1. spostamento della fermata di circa 500 m verso nord; 2. realizzazione di due banchine di 250 m, alte 55 cm sul p.f.,

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova

Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova. Riccardo Genova Centro Interuniversitario di Ricerca Trasporti Università degli Studi di Genova Stato dell arte e innovazione nel settore filoviario nel moderno contesto dei sistemi a grande capacità di trasporto Fabio

Dettagli

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità.

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità. Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6 Elementi di fattibilità Ottobre 2011 Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento Allegato n.1 La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento L infrastruttura La ferrovia Trento Bassano del Grappa o ferrovia della Valsugana è una linea

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 CESARE LAPIANA Assessore all Ambiente del Comune di Palermo La mobilità nella Città di Palermo 1. MANCANZA DI FLESSIBILITÀ NEL COMPLESSO

Dettagli

Urban Mobility Reloaded - una sfida sostenibile per le aree metropolitane.

Urban Mobility Reloaded - una sfida sostenibile per le aree metropolitane. Urban Mobility Reloaded - una sfida sostenibile per le aree metropolitane. AnsaldoBreda global partner nell'integrazione del trasporto pubblico locale. Sabina Pinto Roma, 1 Febbraio 2013 1 Aree Metropolitane:

Dettagli

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Direttore Settore Attuazione Mobilità Trasporti Ambiente Corridoi Europei in Italia (Reti TEN) Milano: una posizione strategica rispetto alle

Dettagli

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA'

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' Relazione tecnica relativa alle modifiche al progetto di fattibilita

Dettagli

IL TRAM DI MESTRE E LE PROPOSTE DEL PUM. Cappelli Clasarch Lab. I/A Lezione 4 25 novembre 2008

IL TRAM DI MESTRE E LE PROPOSTE DEL PUM. Cappelli Clasarch Lab. I/A Lezione 4 25 novembre 2008 IL TRAM DI MESTRE E LE PROPOSTE DEL PUM Cappelli Clasarch Lab. I/A Lezione 4 25 novembre 2008 Il Tram di Mestre Il materiale rotabile che sarà utilizzato per il servizio, denominato Translohr, è un prodotto

Dettagli

IL SISTEMA TRAM-TRENO e proposte per l attuazione di un servizio del tipo Tram-Treno nell area metropolitana ad ovest di Brescia

IL SISTEMA TRAM-TRENO e proposte per l attuazione di un servizio del tipo Tram-Treno nell area metropolitana ad ovest di Brescia IL SISTEMA TRAM-TRENO e proposte per l attuazione di un servizio del tipo Tram-Treno nell area metropolitana ad ovest di Brescia La rinascita del tram: motivazioni, tecnologie, situazione e prospettive

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive

MOBILITY MANAGEMENT. Piacenza, 7 luglio 2008. Servizio Trasporti e Attività Produttive MOBILITY MANAGEMENT Piacenza, 7 luglio 2008 Decreto Ronchi Decreto Ronchi del 27 marzo 1998 sulla "Mobilità sostenibile nelle aree urbane" Tutte le Aziende e gli Enti Pubblici con più di 300 dipendenti

Dettagli

Divisione Infrastrutture e Mobilità

Divisione Infrastrutture e Mobilità Divisione Infrastrutture e Mobilità Piano Urbano del Traffico e della mobilità delle persone (PUT 2001) Programma Urbano dei Parcheggi (PUP 2001) (Approvato con Del. C.C. 00155/006 del 19/06/2002) Il Piano

Dettagli

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO Inaugurazione 17 settembre 2009 Inizio lavori 28 gennaio 2008 Inaugurazione 17 settembre 2009 Importo contrattuale 10.800.000 Stazione appaltante:

Dettagli

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente

Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente Comune di Prato AREA W Infrastrutture e Ambiente RELAZIONE DI FATTIBILITA ECONOMICA Progetto per la costruzione di una rete di trasporto pubblico locale urbano ad alta capacità. Progetto Preliminare 1

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA Imperia-Porto Maurizio, 21 luglio 2008 Il territorio della Liguria è interessato da un intenso programma di potenziamento infrastrutturale e tecnologico. Rete Ferroviaria Italiana

Dettagli

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia MCE 2010 Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia 9 febbraio 2010 Giuliano Asperti, Vice Presidente di Assolombarda Saluto di apertura Premessa Nella giornata di apertura della Mobility

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti Negli ultimi anni i livelli di traffico e di inquinamento atmosferico registrati a Cuneo hanno indotto istituzioni e cittadini all adozione di nuove e più sostenibili modalità di spostamento. Il Comune

Dettagli

Metrotranvia Milano (Parco Nord) Seregno

Metrotranvia Milano (Parco Nord) Seregno Pag. 0 di 28 Metrotranvia Milano (Parco Nord) Seregno Bresso (Sala Consiglio) - 8.04.2008 Pag. 1 di 28 Intese e Quadro programmatico Accordo tra Regione, e Comuni in ordine alla riqualificazione della

Dettagli

La Ferrovia Elettrica della Val di Fiemme: ipotesi di ripristino del tracciato con sistemi innovativi di

La Ferrovia Elettrica della Val di Fiemme: ipotesi di ripristino del tracciato con sistemi innovativi di CONVEGNO SULLA MOBILITA SOSTENIBILE IN VAL DI FASSA 22 0TT0BRE 2004 tesi di laurea La Ferrovia Elettrica della Val di Fiemme: ipotesi di ripristino del tracciato con sistemi innovativi di Valeria Partel

Dettagli

Alcune proposte per una stazione intermodale

Alcune proposte per una stazione intermodale Reggio Emilia, 21 gennaio 2009 Comune di Reggio Emilia Unità di Progetto Alta Velocità Alcune proposte per una stazione intermodale Una stazione ferroviaria è tanto più frequentata quanto più forti sono

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Ponte strallato sul Po (tratta AV/AC Milano-Bologna) PRESENTAZIONE 29.11.2010 RETE ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Con treno ad Alta Velocità si intende un convoglio per il

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Logistica esterna - intermodalità PREMESSA SISTEMA DEI TRASPORTI Costituisce un organizzazione tecnico

Dettagli

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: 1 INTRODUZIONE In tutte le grandi città italiane e del mondo il problema della circolazione degli autoveicoli e tutti i disagi ad esso connessi,

Dettagli

RILEVAMENTO DEL TRAFFICO AGGIORNATO AL 31.12.2011. Ufficio Catasto Strade Bergamo, febbraio 2012

RILEVAMENTO DEL TRAFFICO AGGIORNATO AL 31.12.2011. Ufficio Catasto Strade Bergamo, febbraio 2012 PROVINCIA DI BERGAMO Settore Viabilità e Trasporti RILEVAMENTO DEL TRAFFICO AGGIORNATO AL 31.12.2011 Ufficio Catasto Strade Bergamo, febbraio 2012 TABELLA A SEZIONE DI RILEVAMENTO FISSE TABELLA B TABELLA

Dettagli

Il servizio automobilistico di Actv

Il servizio automobilistico di Actv PROBLEMATICHE DI ESERCIZIO CONNESSE ALL INTRODUZIONE DEL TRAM SU GOMMA Elio Zaggia - Direttore Settore Automobilistico - Actv Il servizio automobilistico di Actv Produzione: 32.400.000 km / anno Parco

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO DI MILANO Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale

Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale Corridoi del trasporto pubblico Eur-Tor de Cenci ed Eur Laurentina-Tor Pagnotta-Trigoria La mobilità

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico.

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico. Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 3. MODELLO DI SIMULAZIONE 3.1 Generalità Il modello di simulazione del traffico è un importante strumento per la pianificazione, che consente essenzialmente

Dettagli

Provincia. 2 Ancona. Periodico d'informazione della Provincia di Ancona

Provincia. 2 Ancona. Periodico d'informazione della Provincia di Ancona 2 Ancona Provincia Periodico d'informazione della Provincia di Ancona Spedizione in abb. postale - 70% - Direzione commerciale Business Ancona Editore: Provincia di Ancona - Rivista trimestrale - Autorizzazione

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

nuovo INVERNALE orario invernale 2014-2015

nuovo INVERNALE orario invernale 2014-2015 nuovo INVERNALE T1 orario invernale 2014-2015 In bici sul TRAM. TUTTI I GIORNI il numero massimo di biciclette trasportabili sulla tramvia è di 4 senza necessità della prenotazione. Se alla fermata ci

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 52/ 17 DEL 3.10.2008 IBERAZIONE N. 52/ 17 3.10.2008 Oggetto: Programma Operativo Regionale FESR 2007/ 2013 Obiettivo operativo 5.1.1, Cod. 52 lettera (A), Cod. 26 lettera (C), Cod. 28 lettera (D) e Cod. 25 lettera (E). L Assessore

Dettagli

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE . GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE PROPOSTE PROVENIENTI DAL TERRITORIO RELATIVAMENTE ALLA TRATTA FUNZIONALE GRONDA MERCI (SETTORE NORD OVEST) ED

Dettagli

Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio

Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio Tecnica e pianificazione urbanistica AA 2012-13 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 4 Il trasporto pubblico e il suo spazio Bibliografia di riferimento: Isfort, Un futuro in costruzione, 8

Dettagli

ANALISI COSTI BENEFICI

ANALISI COSTI BENEFICI Comune di Pisa Realizzazione di un sistema di collegamento (People Mover) tra l Aeroporto Galileo Galilei e la Stazione ferroviaria di Pisa Centrale, parcheggi scambiatori e viabilità di connessione ANALISI

Dettagli

o v o 4 1 0 -2 3 1 0 2 le a rn e v in rio ra o

o v o 4 1 0 -2 3 1 0 2 le a rn e v in rio ra o nuovo INVERNALE T1 orario invernale 2013-2014 In bici sul TRAM. TUTTI I GIORNI IL NUMERO MASSIMO DI BICICLETTE TRASPORTABILI SULLA TRAMVIA È DI 4 SENZA NECESSITÀ DELLA PRENOTAZIONE. Se alla fermata ci

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO Committente: Fondazione Fiera Milano Progettisti: Massimiliano Fuksas -Studio Altieri, Lombardi & Associati e altri Soggetto attuatore: Fondazione Fiera Milano Inizio attività: Anno 2002 Ultimazione lavori:

Dettagli

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ PER LE CITTÀ L utilizzo di scale mobili e ascensori per facilitare la mobilità delle persone nelle città d arte o in luoghi difficilmente accessibili vede oggi una significativa accelerazione, e dopo il

Dettagli

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna Rapporto di sintesi L indagine e l analisi dei risultati, di cui questo report rappresenta una sintesi,

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile

Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella citt di Palermo Progetti di mobilit sostenibile Covenant of Mayors Comune di Palermo Piano di azione per la riduzione delle emissioni di CO2 nella città di Palermo Progetti di mobilità sostenibile 1 Inventario Base delle Emissioni CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

1. Il contesto territoriale e delle infrastrutture di mobilità. 2. I lavori di riqualificazione della linea suburbana Ferrara-Codigoro

1. Il contesto territoriale e delle infrastrutture di mobilità. 2. I lavori di riqualificazione della linea suburbana Ferrara-Codigoro Un ramo secco rifiorisce? Ferrara Il collegamento tram-treno tra città e nuovo Ospedale Ing. Alberto Croce Dirigente area tecnica AMI - Agenzia Mobilità e Impianti di Ferrara La presentazione 1. Il contesto

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

ALCUNE NOTIZIE SUL TRAMTRENO CHE AVRESTE SEMPRE VOLUTO SAPERE...

ALCUNE NOTIZIE SUL TRAMTRENO CHE AVRESTE SEMPRE VOLUTO SAPERE... ALCUNE NOTIZIE SUL TRAMTRENO CHE AVRESTE SEMPRE VOLUTO SAPERE... MA NESSUNO HA MAI AVUTO IL CORAGGIO DI DIRVELE!! di e con Ivan Beltramba Ingegnere esperto di Trasporto Pubblico PERCHÈ NASCE IL TRASPORTO?

Dettagli

VERSO MALPENSA DUEMILA

VERSO MALPENSA DUEMILA AEROPORTI & MALPENSA VERSO MALPENSA DUEMILA Dopo anni di stasi il programma di attuazione dell aeroporto intercontinentale del nord Italia e del collegamento ferroviario con Milano è entrato in una fase

Dettagli

in bici sul tram infoteb +39 035 236 026 Per saperne di più Informazioni utili / ATB Point /

in bici sul tram infoteb +39 035 236 026 Per saperne di più Informazioni utili / ATB Point / Tutti i giorni il numero massimo di biciclette trasportabili sulla tramvia è di 4 senza necessità della prenotazione. Se alla fermata ci sono più di 4 biciclette, salgono le prime 4 giunte in fermata.

Dettagli

Progetti e servizi per la mobilità regionale

Progetti e servizi per la mobilità regionale ECORailS Progetti e servizi per la mobilità regionale in Regione Lombardia Elena Foresti, Giorgio Stagni Brescia, 14.04.2011 1 Il trasporto regionale in Lombardia 1.920 km di linee con oltre 400 stazioni

Dettagli

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO 1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO Il settore di città Flaminio Foro Italico è compreso nell ansa del Tevere definita a nord da Piazzale di Ponte Milvio, dal sistema del Foro Italico e dello stadio

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

nuovo ESTIVO orario estivo 2014

nuovo ESTIVO orario estivo 2014 nuovo ESTIVO T1 orario estivo 2014 In bici sul TRAM. TUTTI I GIORNI il numero massimo di biciclette trasportabili sulla tramvia è di 4 senza necessità della prenotazione. Se alla fermata ci sono più di

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

Energia e Trasporti: Il Sistema dei Trasporti a Palermo

Energia e Trasporti: Il Sistema dei Trasporti a Palermo L efficientamento del Sistema dei Trasporti a Palermo Prof. Ing. TULLIO GIUFFRE Università degli Studi di Enna Kore Quali metodi o quali misure è possibile mettere in campo per rendere più efficiente la

Dettagli

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO Popolazione/Inhabitants 1,800,000 1,700,000 1,600,000 1,500,000 1,400,000 1,300,000 1,200,000 1,100,000 1,000,000 Residenti a Milano

Dettagli

Marcello De Carli Scuola di Architettura del Politecnico di Milano Lezioni brevi IL CENTRO URBANO CONCENTRARSI O DECENTRARSI

Marcello De Carli Scuola di Architettura del Politecnico di Milano Lezioni brevi IL CENTRO URBANO CONCENTRARSI O DECENTRARSI Marcello De Carli Scuola di Architettura del Politecnico di Milano Lezioni brevi IL CENTRO URBANO CONCENTRARSI O DECENTRARSI Disegno urbano 3 Aggiornamento ottobre 2012 ACCESSIBILITÀ AI SERVIZI ED AL MERCATO

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

4.2 METROPOLITANA DI GENOVA

4.2 METROPOLITANA DI GENOVA 4.2 METROPOLITANA DI GENOVA OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO Questo intervento comprende la prosecuzione dei lavori per la metropolitana di Genova. Ad oggi sono operativi 5,2 chilometri,

Dettagli

PROPOSTA DEL COMITATO PENDOLARI PINEROLO - VAL PELLICE SUL FUTURO DELLA FERROVIA NEL PINEROLESE ED IN VAL PELLICE

PROPOSTA DEL COMITATO PENDOLARI PINEROLO - VAL PELLICE SUL FUTURO DELLA FERROVIA NEL PINEROLESE ED IN VAL PELLICE PROPOSTA DEL COMITATO PENDOLARI PINEROLO - VAL PELLICE SUL FUTURO DELLA FERROVIA NEL PINEROLESE ED IN VAL PELLICE 1 Premessa Il Comitato Pendolari Torino Pinerolo - Val Pellice, costituitosi ai sensi dell

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno

Numero di spostamenti: oltre 400.000 al giorno, tendenza di crescita di circa 2,5 % all anno Mobilità sostenibile Mariano Pedrelli La dinamica degli spostamenti A Parma la mobilità complessiva, intesa come numero di spostamenti, è in continua crescita. Questo è soprattutto il segno di una società

Dettagli