SAN GALLO. Una biblioteca con oltre 1200 anni di storia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SAN GALLO. Una biblioteca con oltre 1200 anni di storia"

Transcript

1

2 SAN GALLO Capoluogo del cantone omonimo, è la città più importante della Svizzera orientale. Si compone di un nucleo antico, di impianto medievale, addossato alla celebre abbazia, e di moderni quartieri intorno; nelle belle vie del centro storico prospettano antichi edifici ornati di erker, tipiche finestre a sporto in pietra o legno, alcune delle quali pregevoli per gli intagli. Centro di industrie tessili, meccaniche e di precisione, San Gallo riveste un ruolo commerciale e turistico di prim'ordine. Sede vescovile, è un importante polo universitario. La città andò formandosi attorno a un monastero benedettino fondato nel corso del VIII sec. nel luogo in cui visse come eremita S. Gallo, uno dei compagni di viaggio del monaco irlandese Colombano. Grazie alla protezione dell'imperatore e alle ingenti donazioni, il monastero conobbe presto un periodo di splendore e, nei secoli X e XI, divenne uno dei maggiori centri della cultura tedesca in Europa. A lungo lottò contro il potere degli abati, al cui dominio si sottrasse nel XV sec. Nel 1524 abbracciò la Riforma e da allora si sviluppò considerevolmente grazie alla fiorente industria tessile. Nel 1803 entrò a far parte della Confederazione svizzera e nel 1805 il Gran Consiglio cantonale decise di chiudere definitivamente il monastero. L'importanza turistica della città è data non solo dal suo patrimonio architettonico e artistico, ma anche dall'incanto della campagna circostante. Una biblioteca con oltre 1200 anni di storia La Stiftsbibliothek di San Gallo, considerata una tra le più importanti biblioteche di manoscritti medievali, custodisce i tesori dell'antica Abbazia benedettina della città. Divenuta patrimonio dell'unesco nel 1983 insieme a tutto il complesso abbaziale, la biblioteca è ancora oggi un luogo di ricerca che ospita studiosi da tutto il mondo. Fu nel 612 che il monaco irlandese Gallo si ritirò nella valle superiore dello Steinach, nella Svizzera orientale, per condurre un'esistenza da eremita. A poco a poco attorno a lui si radunarono alcuni discepoli, ma solo a partire dal 719 l'abate Otmar assunse la guida della comunità e la trasformò in un monastero. L'introduzione della Regola benedettina avvenuta nel 747, che obbligava i monaci a letture quotidiane, gettò le basi per la creazione di una biblioteca, attorno alla quale ben presto si costituì anche una scuola. Un segno profondo nella storia della cultura europea. L'Abbazia di San Gallo ha esercitato una grande influenza non solo sullo sviluppo dell'architettura monastica; grazie alla sua scuola e alla biblioteca, tra l'ottavo e l'undicesimo secolo essa assunse un ruolo di primaria importanza anche nel mondo culturale, soprattutto in area tedesca. Nella scuola insegnarono grandi poeti e musicisti come Nokter I Balbulus, ritenuto il padre della sequenza in musica e Tuotilo, il perfezionatore del tropo. Nel suo Scriptorium, la cui esistenza è documentabile dal 760, vennero copiati, decorati e rilegati, incunaboli e preziosi manoscritti, famosi soprattutto per le loro miniature. 2

3 Dalla piazza del Klosterhof un androne, aperto sotto la dimora del vescovo, immette in una corte interna ornata dalla fontana Brunnenhof. Qui si trova l'ingresso alla celebre biblioteca abbaziale, costruita nel per accogliere l'ingente patrimonio librario dei monaci. Diversamente da quanto successe altrove, l'antica e preziosa biblioteca non venne dispersa con la secolarizzazione del monastero e oggi è una delle più importanti raccolte librarie esistenti in Europa. Gli eleganti interni dalla preziosa boiserie sono opera di Peter Thumb e del figlio (1759); li decorano stucchi dei fratelli Gigl e affreschi di J. Wannenmacher (1763). In una splendida sala dalla fastosa decorazione rococò ( ) e dal pavimento ligneo di squisita fattura, sono esposti a rotazione alcuni preziosi cimeli della biblioteca, tra i quali una celebre pianta dell'abbazia datata 820. I tesori raccolti nella Stiftsbibliothek Attualmente la Stiftsbibliothek conta circa 150 mila volumi - dice Ernst Tremp, bibliotecario della Stiftsbibliothek - ma la sua vera ricchezza è costituita dai 2100 codici, la metà dei quali di epoca medioevale. Parecchie centinaia sono i manoscritti databili al periodo compreso tra i secoli IX e XII e ben 400 sono quelli anteriori all'anno 1000». Si tratta di manoscritti tardo antichi, irlandesi, carolingi, ottoniani e in antico altotedesco, molti dei quali di straordinario pregio e magnificamente miniati. Il patrimonio librario della biblioteca conobbe incrementi significativi anche in epoca rinascimentale e le ultime importanti acquisizioni di codici medievali sono databili tra il 1767 e il I documenti conservati nella biblioteca dell'abbazia vanno dalla scienza biblica a quella liturgica; dalla paleografia alla storia dell'arte, della musica e della letteratura; dalla filologia latina e germanica alla storia del diritto e della medicina. Reichenau Il passaggio dall'architettura carolingia a quella ottoniana L'architettura sacra carolingia superstite testimonia varietà di strutture, dalle centrali alle longitudinali, a quelle sviluppate con preminenza del corpo occidentale. Tipicamente carolingio è l'imporre ai diversi sistemi un'attitudine a farsi esemplari, a diffondere un canone che ribadisca il senso universale dell'impero; ne deriva una comunanza di linguaggio. Quando questa unità sotto i successori di Carlo Magno si spezza, dà luogo a un'architettura francese da un lato e tedesca dall'altro. Quando verso l'850 la chiesa di Fulda, dotata di un'abside orientale, adottò un transetto occidentale, si ebbe il tipo, prettamente carolingio, della contrapposizione di due absidi alle due estremità della chiesa, visibile nella chiesa di San Giorgio di Oberzell nell'isola di Reichenau. Le facciate non sono più con semplice atrio o corte addossata alla nuda parete, ma con un organismo sistemato a modo di porta cittadina, con torri, costituente una vera antechiesa con ambienti interni ai vari piani, in posizione opposta al coro orientale, che prende il nome di Westwerk (fabbrica occidentale). 3

4 Data la distruzione quasi completa di affreschi e mosaici dei palazzi imperiali e di tante chiese, la miniatura rimane la testimonianza della produzione carolingia nel settore delle arti applicate. Rifulge per prima la scuola palatina di Carlo Magno, prima scuola di corte medievale, ma anche in altre sedi temporanee della corte vennero lasciati codici mirabili. La scuola palatina si irradia verso centri derivati tra cui i monasteri di Reichenau e San Gallo. Si assiste ad un trionfo del colore-luce di ascendenza ellenistico-romana con la mediazione del gusto bizantino. A partire dall'età degli Ottoni si può cominciare a parlare di un'arte propriamente tedesca. In architettura si avverte un distacco di fronte alla precedente unità di sviluppi: le chiese sorgono riprendendo la bipolarità dell'abside, ma imponendo maggiore maestà al coro occidentale con il suo corpo di facciata turrito, inserito spesso ad un transetto ed in alcuni casi fornito di grandiose tribune interne. Scompaiono le chiese a sole colonne ed appaiono le prime ad alternanza di colonne e pilastri. Si precisa un'articolazione delle navate mediante campate e ci si avvia ad un organico sistema di volte. Gli arconi di scarico della navata centrale concentrano la funzione articolante del punto d'incontro col transetto la cui importanza viene riassunta da una torre sovrastante. La storia Reichenau evoca subito colte e solenni atmosfere medievali. La presenza dell ordine benedettino sull isola risale all VIII secolo, quando il Vescovo Pirmin nel 724, insieme a una quarantina di confratelli, fondò un monastero per volere di Carlo Martello, in onore di Maria e degli apostoli Pietro e Paolo. L isola di Reichenau è definita culla della cultura occidentale e il suo sviluppo indica esemplarmente il ruolo che i monaci benedettini hanno avuto nell incrementare la ricchezza del territorio: da una parte le coltivazioni sull isola (agricoltura, orticoltura e viticoltura), iniziate dai monaci nel primo medioevo, determinano ancora oggi il suo aspetto paesaggistico; dall altra l operare spirituale e artistico delle comunità monastiche caratterizzò fortemente l ambito culturale del Lago di Costanza ed ebbe ampia influenza al di fuori della regione. I monaci di Reichenau eressero sull isola non soltanto numerose cappelle e chiese e un ampio complesso monastico, ma già nel primo medioevo vi era una scuola monastica molto famosa, in cui venivano coltivate la poesia, la musica e la pittura (affreschi e miniature) e che viene oggi considerata la culla del mirabile risveglio culturale noto con il nome di rinascimento carolingio.tra i circa 700 monasteri del regno dei Carolingi c erano 80 abbazie regali, che avevano compiti molto speciali ed erano centri di insegnamento e di formazione dell Europa. In queste funzioni proprio l abbazia di Reichenau aveva una posizione preminente. I suoi abati fungevano a volte da consiglieri e funzionari, educatori dei principi, diplomatici e ambasciatori degli imperatori carolingi. Con la sua scuola monastica, la biblioteca, la sala di scrittura (scriptorium) e la scuola di pittura, come anche con i monaci che si dedicavano alla scienza, aveva un ruolo speciale e i suoi allievi usufruivano di un educazione che li preparava alla carriera di vescovo oppure di abate. La storia e il significato del monastero di Reichenau non possono essere presi in considerazione senza parlare del vicino monastero benedettino di San Gallo. Nel medioevo tra le due abbazie benedettine si ebbe non soltanto un vivace scambio di pensiero e di testi, ma anche uno scambio vicendevole di sapere e di competenze. Un legame spirituale stretto tra i due monasteri fu la fratellanza di preghiera. I due abati conclusero nell 800 un patto di fratellanza che è il più antico di questo genere. Nel medioevo molti monasteri furono uniti con le cosiddette fratellanze di preghiera, con lo scopo di aiutarsi a vicenda con la preghiera e con le Sante Messe, sia in vita che dopo la morte. Il libro delle Fratellanze di preghiera veniva posato sull altare durante la Santa Messa ed era sempre a disposizione durante il Capitolo. Il più antico libro delle fratellanze 4

5 di Reichenau fu iniziato nell 824 e contiene nomi di più di cento monasteri delle attuali nazioni della Germania, della Francia, dell Italia e della Svizzera. I monasteri uniti dalle fratellanze si consideravano una grande comunità spirituale. La ricostruzione politica dell'impero sotto Ottone il Grande coincide con la comparsa di una serie di energici abati, il più illustre dei quali, Witigowo, assume nel 985, la direzione del'augia Fausta. L'abbas aureus (l'abate d'oro) come lo chiama il suo biografo Purchard, risiede più a corte che nel suo monastero e se è forse eccessivo qualificarlo come os regis (la bocca del re), questa definizione ci fa intuire quanto grande fosse l'importanza di Witigowo nella cerchia di Ottone III. Comunque egli si adoperò in ogni modo per abbellire l'aspetto esteriore del suo monastero. Fece eseguire e raccolse oggetti preziosi e ordinò il superbo ciclo di pitture murali che narravano le gesta gloriose del passato in guerra e in pace. Quest'opera purtroppo è andata perduta, ma ci è rimasta un'altra testimonianza dell'intensa attività artistica di questo periodo, il ciclo di affreschi che originariamente copriva tutti i muri della chiesa di S. Giorgio di Oberzell e di cui ci rimangono resti della navata. Malgrado le numerose manomissioni, i grandi pannelli superstiti danno ancora un'idea precisa di queste composizioni monumentali con molti personaggi. Ai due lati della navata sono raffigurate scene con miracoli di Cristo, tema molto frequente nella miniatura di Reichenau. Da qui si deduce come affreschi e miniature fossero intimamente legati, e come per entrambi si usassero le medesime formule pittoriche e i medesimi tipi iconografici; inoltre la notevole qualità artistica degli affreschi ci offre una prova evidentissima delle possibilità creative delle officine di Reichenau. Una testimonianza del genere riveste tanta più importanza in quanto oggi disponiamo solo di rare fonti letterarie sulla storia dei primi decenni dello scriptorium. Alle opere più famose della miniatura ottoniana è indissolubilmente legato il nome di Reichenau; qui venne eseguito un prezioso manoscritto, i Vangeli di Ottone III, nel quale è visibile il ritratto dello stesso imperatore circondato dalla mandorla e sostenuto dalla terra, mentre riceve dalle mani di Dio la corona. Questo manoscritto, oggi conservato nel tesoro della cattedrale di Acquisgrana, è la celebre testimonianza di quello stile che rappresenta il culmine dell'arte di Reichenau e che negli anni a venire creerà manoscritti considerati tra i capolavori più preziosi dell'arte medievale. I Vangeli contengono una lunga teoria di fastose pagine illustrate con cornici altrettanto ricche, composte da arcate e colonne scanalate. Grazie agli antichi e durevoli rapporti che Reichenau aveva con l'italia, esso disponeva certamente di modelli che spiegano gli evidenti parallelismi tra questa fase della sua produzione e le opere coeve dell'italia del Nord. In questa regione furono infatti usati modelli carolingi evidenti nel Codice di Warmondo di Ivrea, e soprattutto nella pittura murale che si riallaccia alla grande tradizione italiana dell'affresco monumentale. Le trascrizioni dei libri venivano fatte nelle sale di scrittura, dove gli scrivani lavoravano in assoluto silenzio sotto la sorveglianza di un bibliotecario. Il monaco Regibert (morto nel 846) lavorava nell abbazia come scrivano e bibliotecario e redasse negli anni il più antico catalogo del medioevo. Nel corso di 40 anni lui stesso trascrisse 42 volumi e lasciò un ammonimento ai lettori affinché trattassero accuratamente i libri e li restituissero. Nel progetto disegnato tra l 825 e l 830 per il monastero di San Gallo, che è il più antico progetto di una biblioteca europea, i monaci di Reichenau inserirono una biblioteca esattamente nel posto in cui anche nel loro monastero si trovava l antica biblioteca e la sala di scrittura, accanto alla chiesa. Questo spazio ospita oggi il tesoro del Duomo. L'estinguersi della dinastia sassone non segna la fine dell'arte ottoniana ma intorno al 1030 e anche oltre questa tradizione artistica prosegue fiorente. Per Reichenau questi decenni rappresentano l'apogeo dell irraggiamento della sua influenza. Dopo i periodi travagliati che il monastero aveva trascorso all'inizio del secolo, il grande abate Bernone ( ) ristabilisce l'ordine e la tranquillità. Come non mai il 5

6 monastero continua a produrre per l'esportazione. Le ordinazioni giungono da ogni dove, come attestano manoscritti conservati ancora oggi in numerose biblioteche. L'arte di Reichenau era divenuta un modello per molti scriptoria, che la imitarono o ne trassero ispirazione. Lo stile degli ultimi manoscritti di Reichenau si fa sempre più duro e, via via che si procede nel secolo, diviene secco e senza vita, fino a irrigidirsi totalmente nello strano Evangeliario di Berlino, manoscritto di incerta provenienza che ha abbandonato anche gli antichi modelli iconografici per sostituirli con formule nuove. Vi si scorge ormai solo l'ombra dell'arte del secolo precedente. Dall VIII al XIII secolo i monasteri dell Europa Centrale furono i custodi della scienza, copiando gli antichi manoscritti e salvandoli dall oblio. Così fu trasmesso anche il sapere medico e sorse la medicina monastica. Poiché gli abati erano anche i responsabili della salute degli uomini nel monastero, venivano tenuti orti con erbe medicinali. Un idea della configurazione di un orto monastico nel primo medioevo ce la trasmette Valafrido con la sua poesia sull Hortulus, che è la più antica descrizione dell orto e delle piante del medioevo. In 444 esametri vengono descritte con strofe di differente lunghezza, 24 piante medicinali e ornamentali, trattando la loro morfologia, l impiego medicinale, l uso come piante utili, come condimento, come colorante e anche la loro bellezza. Gli orti del monastero di Reichenau e il libretto di Valafrid sulla coltivazione delle piante medicinali sono ritenuti il motivo per cui l isola ancora oggi è conosciuta come isola delle erbe. A partire dal secolo XII l abbazia di Reichenau iniziò un lento declino che la portò allo scioglimento definitivo con la secolarizzazione del Tra il 1888 e il 1901 si ebbe la speranza di poter rifondare un monastero con monaci inviati dall arciabbazia di Beuron, ma il progetto fallì a causa di opposizioni politiche. Dal 2001 i monaci benedettini vivono nuovamente sull isola. L'architettura L'insula felix di Reichenau, importante già all'epoca carolingia, è divenuta verso l'anno mille uno dei centri artistici più importanti dell'impero. L'abbazia, sin dalla sua fondazione del VIII sec., era dotata di santuari e cappelle. Gli edifici conventuali sono occupati oggi dagli uffici municipali. S. Giorgio (a Oberzell), è una costruzione della fine del IX sec. o dell'inizio del X sec. (periodo tardocarolingio), in seguito rimaneggiata. È una basilica a tre navate, abside e transetto, con volte gotiche nella crociera risalenti al XV sec. e cripta del IX sec. I capitelli delle colonne della navata sono interessanti in quanto contengono in embrione alcune forme che saranno proprie dell'arte ottoniana. E' celebre per le sue pitture murali, testimonianza della pittura monumentale ottoniana, le quali mostrano scene del Vecchio e Nuovo testamento fino al Giudizio Universale. Tali affreschi, pur occupando uno spazio temporale di circa due secoli (IX-XI sec.) hanno una stupenda unitarietà stilistica. Nella navata destra si trova un Crocifisso del 1170, nelle absidiole laterali sono presenti sculture del tardo XV sec., mentre la mensa d'altare risale al

7 La chiesa dei SS. Pietro e Paolo (a Niederzell) venne fondata nel VIII sec. dal vescovo di Verona Egino. Pianta a tre navate, nel coro a trifoglio, affrescato con la Maiestas Domini, conserva la disposizione carolingia; la navata è dell'xi sec., con colonne coronate da curiosi capitelli troncoconici appiattiti. Nella navata sinistra sono presenti affreschi del XIV e XV sec., mente quelli a destra della cappella di Egino risalgono al XII sec. All'esterno presenta due torri di facciata. La chiesa è posta nelle vicinanze dell'antica foresteria del monastero. Nel villaggio di Mittelzell sorgeva la vera e propria abbazia, con i suoi vasti annessi e un palazzo imperiale; qui in epoca carolingia e ottoniana la cultura germanica ebbe il suo sacrario. S. Maria (a Mittelzell), che conserva vestigia carolinge, è stata rimaneggiata due volte, in periodo ottoniano dall'abate Witigowo, che ricostruì la navata verso il 1000, e dall'abate Bernone che, poco prima del 1050 diede all'estremità occidentale la sua forma definitiva. Dopo l'aggiunta del transetto occidentale da parte di Witigowo la chiesa presentava, alla fine del X sec. la doppia polarità e i due incroci dei transetti quadrati. 7

8 Il nartece è ornato da due eleganti quadrifore e il coro gotico risale al XV-XVI sec. L'interno è a tre navate e transetto, ricco di sculture del XV sec. Nella navata centrale si possono ammirare vetrate del 1556 e affreschi coevi, nella navata sinistra vi è una Madonna del XIV sec. ed un polittico del Il tesoro della chiesa conserva cinque reliquiari gotici, tra cui quello di San Marco. La torre occidentale di Bernone, ispirata forse a quella del coro di Strasburgo, corona l'opera; fatto significativo, tra i lievi aggetti murari appare all'esterno la decorazione a festoni costituita da arcatelle cieche di ispirazione meridionale. La chiesa mostra ancora l'antica loggia dell'imperatore Enrico III. Tutta la produzione architettonica di questa regione appare improntata al più rigido conservatorismo. Eppure è qui che si propaga la facciata a due torri; questa disposizione deriva dalla decomposizione del Westwerk carolingio, ma è sicuramente il risultato di un'interessante evoluzione che tende a differenziare le masse esterne dell'edificio per conferirgli nuovi accenti plastici. Il monastero è diventato centro d'interesse per la storia dell'arte e un punto di riferimento per la conoscenza e la comprensione dell'epoca che va dalla fine dell'era carolingia agli inizi dell'arte romanica. CALW Hermann Hesse, vincitore del premio Nobel per la letteratura nel 1946 e autore dei romanzi Lupo della steppa e Siddhartha, nacque nella cittadina di Calw, situata nell incantevole valle del fiume Nagold (Nagoldtal) e nota per le sue splendide case a graticcio del XVII e XVIII sec. Monastero di Hirsau Ad Hirshau è possibile rivivere momenti della vita monastica, tuffandosi nella cultura storica di monaci e abati del monastero benedettino dei SS. Pietro e Paolo, le cui rovine testimoniano lo splendore del complesso prima dell incendio che lo distrusse nel 1692 (oggi rimane soltanto una torre). Il vescovo di Vercelli Noting ed Erlafried (probabilmente antenati dei conti von Calw) fondarono nell'830 il convento privato (Eigenkloster) di Hirshau. Dopo un periodo di abbandono (X sec.), nel 1059 fu risollevato dal conte Adalbert von Calw, che fece venire alcuni monaci da Einsiedeln. Sotto l'abate Wilhelm, chiamato nel 1069 dal convento di S. Emmerano di Ratisbona, l'abbazia divenne un centro politico e spirituale (detto anche il Cluny tedesco per via della sua adesione alla riforma cluniacense). A lui dobbiamo l'erezione della chiesa dei SS. Pietro e Paolo ( ), oggi in stato di rovina, ed archetipo della celebre scuola architettonica di Hirshau. Nel 1075 l'abbazia ottenne dal re Enrico IV il privilegio di scegliere liberamente l'abate. Hirshau esercitò il proprio influsso attraverso le costituzioni, adottate da più di 120 conventi, di nuova o antica fondazione; esso però non diede vita a un ordine monastico. Durante la lotta per le investiture fu il più importante centro gregoriano e, con la ricostruzione dei propri edifici e della chiesa, assunse anche la funzione di modello sul piano architettonico. Anche lo scriptorium e la letteratura religiosa nata nell'ambito della riforma di Hirshau attestano l'importanza del convento. La mancata acquisizione dei diritti di baliaggio della famiglia fondatrice e la presenza di abati di minore prestigio (specialmente dalla metà del XIII sec.) portarono l'abbazia sulla via del declino. 8

9 Nel XV sec. Hirshau aderì in un primo momento alla riforma di Melk, poi alla congregazione di Bursfeld (1458). Il convento conobbe quindi un secondo breve periodo di splendore, come dimostrano l'attività edilizia e la produzione di opere letterarie (per esempio quelle di Johann Trithemius). Dalla metà del XV sec. la comunità fu influenzata da monaci provenienti dalla cerchia dei notabili del Württemberg. Nel 1535 il duca Ulrich soppresse il monastero. Dopo essere stato di nuovo occupato per un certo periodo, nel 1556 fu trasformato in una scuola conventuale evangelica. Durante la guerra del Palatinato, I francesi nel 1692 incendiarono l'ex monastero provocando ingenti danni. La chiesa di St. Aurelius fu costruita nel : i resti sono stati completati nel 1955 da O. H. Hajeck. Dietro le mura del refettorio estivo si vedono le finestre del chiostro tardogotico del A sud del chiostro vi sono le rovine del castello ducale, edificio rinascimentale terminato nel 1592 e sovrastato da una potente torre detta Ulme. In fondo vi è la romanica torre della civetta a pianta quadrata del , a sei piani di cui tre a bifore, ornata da un rozzo ma vivacissimo fregio di figure ornamentali antropo e zoomorfe. SINDELFINGEN Importante città industriale, nel centro sorgono la parrocchiale evangelica, antica chiesa conventuale agostiniana eretta nel XI sec. in forme romaniche del nord Italia, con interno basilicale a tre navate, e l'altes Rathaus del 1478, in parte a graticcio, sede del museo di stato di archeologia e storia dello sviluppo industriale locale. Interessante è anche l'haus der Donaushwaben, di arte contemporanea dei paesi danubiani. LA STRADA DEI MONASTERI - FORESTA NERA SETTENTRIONALE Parlare di Klosterhopping letteralmente saltellare da un monastero all altro - può sembrare un approccio stridente col misticismo del luogo. In realtà è un modo di muoversi sereno e rispettoso. I panorami della Foresta Nera settentrionale si distinguono per la predominanza di arenaria triassica che, originariamente, aveva formato altipiani quasi piatti ricoperti di foreste di conifere o sui quali sono sorti paesi nelle aree disboscate. In questo scenario fiabesco i turisti si trovano immersi nella solenne spiritualità dei grandi monasteri, lungo i 104 chilometri dell omonima via che collega Maulbronn ad Alpirsbach. Per lungo tempo gli abitanti delle regioni circostanti non si addentrarono nella Selva Nera. Spettò ai monaci fondare per primi solitarie celle che, implementandosi con il passare del tempo, divennero imponenti monasteri dai quali ebbero origine insediamenti e sfruttamento del territorio. IL MONASTERO DI MAULBRONN Il Baden-Wurttenberg è una terra sospesa tra le atmosfere nebulose e sinistre della Foresta Nera e quelle salde e razionali delle grandi città medievali che puntellano questo vivace e composito Land tedesco che confina con la più conosciuta e turistica Baviera. Da nord a sud, le due nature si intrecciano e si fondono in continuazione passando dalle rovine di abbazie sepolte nell intricato sacrario della Foresta Nera (nome che, a buon titolo, evoca presenze fiabesche e inquietanti). 9

10 Nell isolamento della valle del Salzach (Salzachtal) i monaci cistercensi eressero, circa 850 anni fa a Maulbronn, un abbazia tutt ora ben conservata e perfettamente inserita nel paesaggio tra laghi artificiali, vigneti e cave di pietra, realizzando così un opera straordinaria e immortale; quella stessa che, dopo la riforma, è stata trasformata in una scuola molto prestigiosa dove vennero formati personaggi del calibro di Johannes Keplero, Friedrich Hölderlin ed Hermann Hesse. La storia di Maulbronn (Patrimonio dell Umanità dal 1993) si perde all inizio dello scorso millennio, quando Gualtiero di Lomersheim donò un appezzamento di terra al monastero cistercense di Neuburg, in Alsazia, nel Solo nel 1147 il convento si spostò nella sua attuale ubicazione dove fiorì sino ai tempi della riforma luterana. Ancora oggi, la semplicità dei primi edifici riflette il bisogno di rinnovamento e austerità dei nuovi ordini monastici. I successivi interventi, di stampo prettamente gotico, riguardano soprattutto la cattedrale, la costruzione di nuove scalinate e la fortificazione di tutto il complesso. Proseguendo nei secoli, i costumi diventano meno rigidi e aumenta lo spazio per l architettura e la pittura. L atmosfera preziosa e affascinante di questo complesso non risiede solamente nella sua immagine e nella sua compostezza, ma anche nella profonda atmosfera di pace e di sacralità data dal luogo. Il complesso è chiuso da mura e torri del XV e XVI sec. Nella vasta corte sorgono da un lato gli annessi quasi tutti a graticcio del XVI sec., e dall'altro lato l'abbazia. Il vero cuore del monastero, o almeno il cuore sacro, si trova oltre la Klosterhof, e precisamente nella grande chiesa con annesso capitolo, refettorio e chiostro. Nei lunghi portici che corrono attorno alla chiesa, le nervature delle arcate si perdono tra i giochi della prospettiva e le possenti colonne, e i contrafforti si snelliscono per finire in pinnacoli puntati verso il cielo. La chiesa è un solenne edificio basilicale terminato nel 1178, chiuso dal transetto dal quale aggetta l'abside quadrata; la facciata è preceduta da un portico di forme già gotiche del detto Paradies che veniva utilizzato dai laici per assistere alle celebrazioni liturgiche. L'interno, di suggestiva bellezza, su possenti pilastri, è diviso da un tramezzo romanico detto jubè; nel 1424 furono aggiunte le volte gotiche della navata centrale e le cappelle della navata destra; il transetto e il coro conservano invece le possenti volte romaniche. Sempre nel 1424 in tutta la chiesa furono condotti preziosi affreschi ornamentali e nel 1510 nel coro, ove preesistevano affreschi della fine del XIII sec., furono affrescati i simboli degli Evangelisti. Nelle cappelle laterali sono presenti sculture e parti di altari del XV sec., davanti al transetto si trova un grande Crocifisso in pietra del 1473 attribuito a Conrad Seyfert, nel coro si possono ammirare una Madonna protogotica francesizzante e stalli riccamente intagliati del XIV XV sec. A sinistra della chiesa si estende il chiostro romanico-gotico ricco di ornamenti plastici e dei superbi ambienti conventuali che vi si affacciano. Il lato sud, contro la chiesa, è il più antico ( ) e ricorda il portico. Sul lato est si apre la grande sala capitolare e il Parlatorium, galleria del 1493 con volte reticolate e dipinti coevi. Sul lato nord, tardogotico (XIV sec.), si trova il refettorio dei Padri del , costruzione a due navate su alte colonne dai capitelli a fogliami e rilevanti nervature. Ai lati della sala si trovano: a destra l'ipocausto (sistema di riscaldamento), a sinistra la cucina. Di fronte al refettorio vi è la cappella della fontana del XIV sec., a trifore lobate e affreschi decorativi di Jorg Ratgeb (1512). La fontana, o Tonsorium, gioiello di Maulbronn, veniva usata dai monaci per lavarsi prima dei pasti ed è costituita da tre vasche a grandezza scalare che riversano l acqua da piccole teste di leone; essa sorge al centro di una vasta rientranza dal pavimento poligonale che rompe la simmetria quadrangolare del chiostro con la sua circolarità. 10

11 Sul lato ovest del 1300 vi sono il refettorio dei conversi a due navate e la cantina del XIII sec. a due navate coperte da grandi volte. Seduti nel centro del chiostro si può continuare a godere dei colori, delle luci e dei profumi di Maulbronn, ascoltando la cantilena continua dell acqua che è, oggi, l unica voce del monastero, uno dei principali cuori pulsanti della civiltà medievale d Europa. Non è un caso che l abbazia di Maulbronn sia stata scelta come location del film Il nome della rosa. Monastero di Alpirsbach Nel cuore della cittadina di Alpirsbach, l ex monastero benedettino costruito tra il 1095 e il 1117 uno straordinario esempio di monumentalità religiosa d architettura romanica - è una vera oasi di pace. Il visitatore può apprezzare l ottima musica, durante i concerti che hanno luogo nel monastero e nel chiostro. Anche il giardino del monastero merita una visita per osservare dal vivo come venivano allestiti nel medioevo gli orti di erbe aromatiche e officinali: si possono infatti ammirare una quarantina di aiuole, nonché 50 specie diverse di piante che compongono il cosiddetto armadietto dei medicinali di Hildegard von Bingen (Ildegarda di Bingen). La chiesa è coronata da quattro torri e chiusa da abside a colonnine; nella lunetta del portale vi è raffigurato Cristo in maestà tra angeli e donatori. 11

12 L'interno è a tre alte navate separate da colonne e illuminate da monofore; due grandi bifore si aprono a loggiato sul muro della facciata. Resti di affreschi quattrocenteschi si scorgono nei catini absidali, sulla parete sinistra e in sacrestia. Nella nicchia centrale dell'abside si può ammirare il polittico dell'incoronazione della Vergine, del primo '500, attribuito a J. Syrling, mentre i banchi del coro risalgono al Di notevole interesse risultano il chiostro e il refettorio del tardo '400 e la sala capitolare gotica della prima metà del '

13 GLATT E GLI HOHENZOLLERN La casata degli Hohenzollern, tuttora esistente, è una delle più antiche e potenti famiglie dell alta nobiltà sveva. La prima citazione del nome Zollern, presente nella cronaca di Berthold von Reichenau, risale al Tuttavia, da metà del XIV secolo il nobile casato assunse il nome di Hohenzollern. Già agli albori del XII secolo il suo potere si estendeva dalla valle del Neckar al Giura svevo, fino a giungere al Danubio. I territori degli Hohenzollern, le terre natali dei conti e dei principi della Germania meridionale, dei re prussiani e degli imperatori tedeschi, si estendevano nell area compresa attualmente tra il Württemberg e la Baviera. La strada degli Hohenzollern si dipana per 300 chilometri attraversando gli antichi possedimenti di questa potente casata: dall alto corso del Neckar, per poi giungere alla zona antistante il Giura, il Giura svevo, la valle del Danubio, comprendendo ampi tratti dell Alta Svevia fino a giungere in prossimità del Lago di Costanza, tagliando trasversalmente gli attuali distretti di Zollernalb e Sigmaringen. Lungo questo tracciato, caratterizzato da paesaggi estremamente vari e di grande impatto ci si imbatte nella romantica Glatt: soggetta ad alterne dominazioni, passò sotto il controllo del convento di Muri in Svizzera e nel 1806 finì nelle mani degli Hohenzollern-Sigmaringen. La cittadina vanta un imponente castello sull acqua, che risale alla metà del XVI secolo: la costruzione è dotata di quattro ali ed è il più importante edificio rinascimentale posto sull alto corso del Neckar. 13

14 SCIAFFUSA E LE CASCATE Una delle bellezze naturali più straordinarie della Svizzera sono certamente le Cascate del Reno, che nelle vicinanze della città di Sciaffusa, al confine fra la Germania e la Repubblica Helvetica, creano uno spettacolo veramente imponente che può essere osservato da apposite barche o dai castelli di Laufen e Worth. Il fronte di circa 150 metri, l'altezza di circa 25 metri, e la portata d'acqua di oltre 700 metri cubi al secondo, la rendono una delle più importanti cascate d'europa. L importanza della città è dunque legata principalmente al fiume, importante via commerciale nel centro Europa utilizzato come deposito prima delle cascate. All inizio dell XI secolo venne qui fondato un monastero benedettino, in seguito fu possedimento asburgico, dal 1330 al 1415, e si unì al gruppo delle città libere dell impero per entrare definitivamente a far parte della Confederazione nel

15 Il nucleo urbano conserva un aspetto tipicamente medievale. Il pittoresco centro storico gravita attorno alla Fronwagplatz con la torre Fronwag e le due fontane del 500, la Mohrenbrunnen e la Metzgerbrunnen. Dirigendosi verso nord si incontrano alcune case antiche e la Porta di Svevia, mentre verso sud l antico municipio del XV secolo e la Haus Zum Ritter (casa del cavaliere) della fine del 500 con splendidi affreschi sulla facciata. Proseguendo il cammino si raggiunge piazza Herrenacker di epoca medievale su cui si affacciano un granaio e il teatro civico. Verso est si trova la Cattedrale in stile romanico dei secoli XI-XII, sede dell antico monastero benedettino. La città è dominata dal castello di Munot che sorge su di un colle coltivato a vigneti verso est e da cui è possibile godere un ottima vista. Si tratta di un possente edificio della seconda metà del 500 circondato da un fossato. FRIBURGO L antica città di Friburgo nello Uechtland (Svizzera occidentale) è una delle più belle testimonianze dell architettura medievale in Europa. Con le sue numerose facciate gotiche (ce ne sono più di 200) che risalgono al XV secolo, essa ha saputo conservare il suo fascino medievale fino ai nostri giorni. L incontro delle culture è sempre rimasto vivo in questa città bilingue. Fondata nel 1157 dai duchi di Zähringen, è il capoluogo del cantone omonimo e un importante crocevia tra le culture tedesca e francese. La sua posizione sulla strada tra il Vaud e il Bernese le assicurò un rapido sviluppo commerciale, base della sua futura autonomia politica. Già nel 1243 poté contrarre con Berna un'alleanza e in seguito lottò a lungo contro questa e i Savoia, finché, nel 1403, entrò a far parte coi pieni diritti dell'alleanza svizzera con la Francia nella lotta contro la Borgogna. Entrata nel 1481 nella confederazione dei cantoni svizzeri, Friburgo estese il suo territorio; ma la sua fedeltà al cattolicesimo determinò la crisi dei rapporti con le città protestanti e la sua subordinazione, nel XVII e XVIII secolo, alla politica francese. Nel 1831 trionfarono le idee liberali, con una revisione della costituzione; dopo il 1845 prese parte alla guerra contro i cantoni protestanti finché fu costretta a capitolare. Così tornarono al potere i conservatori e solo nel 1921 la sua costituzione venne modificata in senso liberale. La città vecchia, dichiarata patrimonio storico, con gli stretti vicoli, le pittoresche piazze e le fontane artistiche, sorge su uno sperone roccioso affacciato sulla Sarine. Le mura intatte della città formano un unica cinta con 14 torri e bastioni. La torre della cattedrale di Saint-Nicolas, incompiuta ma alta 76 metri, è l elemento più caratteristico della configurazione della città e offre una splendida veduta sui tetti della città e delle Prealpi Friburghesi. 15

16 La cattedrale testimonia più di 600 anni di storia e racchiude celebri capolavori come le vetrate magnificamente decorate da Jozef Mehoffer e Alfred Manessier, e l organo di Aloys Mooser su cui suonò il celebre compositore Franz Liszt. La cappella di Lorette, con il fascino del primo barocco italiano, si trova su un altura che offre un altro panorama della città. Una vecchia funicolare collega il quartiere Neuveville alla città alta, ricca di spazi che invitano a passeggiare in pieno relax. Friburgo è anche una vivace città universitaria che accoglie numerosi studenti da tutto il mondo, creando un mix cosmopolita assai variegato. Negli stretti vicoli si trovano piccole boutique, negozi di antiquari, caffè in cui si ritrovano gli studenti e ristoranti con piatti tipici o con specialità estere. Tra i luoghi frequentati dagli appassionati di arte figura l «Espace Jean Tinguely & Niki de Saint Phalle», ricavato in un vecchio deposito di tram. Un percorso di sculture attraverso il centro città presenta altre opere dei due artisti. Il Museo della marionetta e il Museo di storia naturale entusiasmano i bambini. Non lontano da Friburgo si trova il villaggio di Gruyères, con il suo castello, eponimo del famoso formaggio; qui è possibile scoprire i segreti della sua fabbricazione nel caseificio aperto al pubblico. Monumenti maggiori: Cattedrale di Saint Nicolas. Eretta tra il 1283 e il 1490 in stile gotico fiammeggiante, presenta una ricca architettura e preziose testimonianze di epoche differenti: i famosi organi costruiti da Aloys Mooser, le vetrate di Jozef Mehoffer e Alfred Manessier, il santo sepolcro. 16

17 Basilica di Notre Dame. Chiesa romanica costruita alla fine del secolo XII e in seguito trasformata con decorazioni in stile Luigi XVI. Ospita uno splendido presepio napoletano del secolo XVIII. Chiesa e convento dei Cordeliers. Chiesa francescana edificata nel Presenta un interno medievale di altissimo livello: gli stalli più antichi della Svizzera, il Retablo del Maestro del garofano del 1480 e il Retablo di Furno del , uno tra i più preziosi in Svizzera. Vecchio convento degli Agostiniani. La chiesa des Augustins, importante testimonianza degli ordini mendicanti del secolo XIII, conserva magnifiche opere d'arte più recenti: notevoli vetrate di Aloys Balmer del 1896, altare maggiore di Peter Spring del 1593, il più grandioso della Svizzera dell'epoca Manierista. Chiesa e Collegio di St. Michel. La costruzione gotica più importante della Svizzera. La chiesa, costruita nel secolo XVI, è in stile rococò, con organo di Aloys Mooser e tomba di S. Pietro Canisio. Chiesa della Visitation. Una delle chiese a pianta centrale più interessanti della Svizzera, costruita nel 1653 e 1656, ha l'interno riccamente decorato, con organo a balaustra di Aloys Mooser. 17

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara

La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara è ubicata nell'omonima strada del centro storico, così chiamata in quanto era destinata in epoca medievale a luogo di scarico dei

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

Montemagno: cenni storici

Montemagno: cenni storici Montemagno: cenni storici Il paese di Montemagno ha molto probabilmente origini romane piuché si conoscce l esistenza di un villaggio, Manius, presente su questo territorio. Le prime testimonianze scritte

Dettagli

150.000,00. Rif 0348. Vecchia Cantina in vendita. www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita

150.000,00. Rif 0348. Vecchia Cantina in vendita. www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita Rif 0348 Vecchia Cantina in vendita www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita 150.000,00 Area Comune Provincia Regione Nazione Torrita di Siena Siena Toscana Italia Superficie

Dettagli

Il centro storico di Castellaneta

Il centro storico di Castellaneta Il centro storico di Castellaneta La parte più antica di Castellaneta si trova sul punto più alto, il colle Archinto (241 metri s. l. m.) ed è circondato da due lati dalla gravina. Il centro storico mantiene

Dettagli

L ARCHITETTURA GOTICA

L ARCHITETTURA GOTICA L ARCHITETTURA GOTICA LE ORIGINI DEL GOTICO Per architettura gotica si intende quell architettura nata in Francia, poi sviluppatasi in Germania e diffusasi in tutto il continente europeo, a partire dal

Dettagli

UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA

UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA Nei tempi antichi i pellegrini partivano per i pellegrinaggi con una lettera del parroco o del vescovo che attestava la loro intenzione di compiere un

Dettagli

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso La chiesa di San Bernardo a Monte Carasso si trova sulle pendici della montagna (600 ms.m). La chiesa romanica (fine XI inizio XII sec.) presentava

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

il lago insegna 2011 proposte per una giornata sul Lago di Como

il lago insegna 2011 proposte per una giornata sul Lago di Como *MUSEI E MONUMENTI MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO P. GIOVIO : contiene reperti archeologici di età preistorica, protostorica, egizia, etrusca e romana. MUSEO CIVICO STORICO G. GARIBALDI : raccoglie testimonianze

Dettagli

Cattedrale de Santiago de Compostela. Cattedrale di Santiago de Compostela Lucas Soto Alonso

Cattedrale de Santiago de Compostela. Cattedrale di Santiago de Compostela Lucas Soto Alonso Cattedrale de Santiago de Compostela Cattedrale di Santiago de Compostela Cattedrale di Santiago de Compostela Address: Piazza dell Obradoiro City: Santiago de Compostela Region: Galizia Country: Spagna

Dettagli

Vendrogno e le sue 13 chiese

Vendrogno e le sue 13 chiese Vendrogno e le sue 13 chiese Sono ben 13 le chiese nel territorio del comune di Vendrogno. Partendo dal nucleo del paese e seguendo un itinerario che si snoda attraverso tutte le frazioni, si possono incontrare

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Beni culturali SCHEDA DI DOCUMENTAZIONE N 13 L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Posizione Si trova in contrada Omerelli, all estremità nord del centro storico di San Marino. Epoca Risale ai secoli XVI e XVII.

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 CONCEPT Villa d Este ha da tempo valorizzato il proprio legame con la storia del design automobilistico, accogliendo nella sua collezione d arte una Alfa Romeo 6C 2500 SS Coupé

Dettagli

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza A nord di Pallanza, in posizione comoda da raggiungere anche dalle località di Suna e Intra, ai piedi del Monte Rosso, sorge la celebre e bella struttura

Dettagli

COMUNE DI FORESTO SPARSO

COMUNE DI FORESTO SPARSO 1 CHIESA PARROCCHIALE S. MARCO EVANGELISTA Via Roma Ente pubblico Privato X X Adeguata X Libera X Edificata su un precedente edificio religioso (risalente circa al 1337). La nuova chiesa, consacrata nel

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

web: www.umbriatours.weebly.com Tel: +39 366 3081321 E-Mail: fabriziourbani@yahoo.com

web: www.umbriatours.weebly.com Tel: +39 366 3081321 E-Mail: fabriziourbani@yahoo.com web: www.umbriatours.weebly.com Tel: +39 366 3081321 E-Mail: fabriziourbani@yahoo.com TOUR DEL GUSTO,VINO E CIOCCOLATO 2 PERSONE 229 EURO 3 PERSONE 329 EURO 4 PERSONE 429 EURO 5 PERSONE 559 EURO Da 6 a

Dettagli

L'ANGOLO D'ITALIA PIENZA: la città ideale. di Paolo Castellani. febbraio 2011 - GEOMONDO - 19

L'ANGOLO D'ITALIA PIENZA: la città ideale. di Paolo Castellani. febbraio 2011 - GEOMONDO - 19 PIENZA: la città ideale di Paolo Castellani febbraio 2011 - GEOMONDO - 19 Su una collina allungata a dominio della Val d Orcia, persa in una sinfonia di colli dolcissimi e di bianchi calanchi, tra file

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

La 'Cappella Sistina' di Milano

La 'Cappella Sistina' di Milano IL GALILEO - Anno 5, Numero 8, dicembre 2015 Mensile telematico. www.il-galileo.eu -Direttore responsabile Giuseppe Prunai La 'Cappella Sistina' di Milano San Maurizio, gioiello del Rinascimento lombardo,

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

GUIDE TURISTICHE G.I.A. ASCOM

GUIDE TURISTICHE G.I.A. ASCOM Con il sostegno di ==============================comunicato stampa Torino, 14 febbraio 2013 GUIDE TURISTICHE G.I.A. ASCOM DOMENICA 17 FEBBRAIO TOUR GUIDATI E GRATUITI CON LE GUIDE TURISTICHE DELL ASCOM

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

PIERO DELLA FRANCESCA: NEL CUORE DELL ITALIA RINASCIMENTALE

PIERO DELLA FRANCESCA: NEL CUORE DELL ITALIA RINASCIMENTALE PIERO DELLA FRANCESCA: NEL CUORE DELL ITALIA RINASCIMENTALE TOUR 3 GIORNI 2 NOTTI: Primo giorno: Rimini / Urbino Arrivo a Rimini con mezzi propri. Nel primo pomeriggio, incontro con guida locale parlante

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

IL GOTICO. L Inghilterra. Cattedrale di Ely, le volte

IL GOTICO. L Inghilterra. Cattedrale di Ely, le volte IL GOTICO L Inghilterra Cattedrale di Ely, le volte GOTICO INGLESE L Inghilterra aveva stretti contatti con la Normandia poichè era stata conquistata dai Normanni nel 1081 Attraverso questa via arrivò

Dettagli

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende 1 GIORNO: partenza dalla Vostra sede alla volta di Pisa, città conosciuta già nel Medioevo grazie alle sue navi che intrattenevano rapporti commerciali con Africa settentrionale, Spagna e Oriente. Incontro

Dettagli

INDICE GLI ELEMENTI PRINCIPALI DELL'AULA

INDICE GLI ELEMENTI PRINCIPALI DELL'AULA INDICE PRESENTAZIONE di Don STEFANO RUSSO 5 LO SPAZIO SACRO (AMBROGIO MALACARNE) 9 Elementi naturali che richiamano l'idea del sacro 11 La caverna, santuario naturale 11 I megaliti e il loro riferimento

Dettagli

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri Villaggio Le Querce All interno del Parco Archeologico-Naturale delle Città del Tufo, nella Maremma Toscana si trova il Villaggio Le Querce, situato ai margini del borgo medioevale di Sorano immerso in

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern Il re prussiano Federico II salì al trono nel 1740 alla giovane età di 28 anni.. sotto il suo regno la Prussia diventò la quinta potenza europea per importanza, fu un politico eccezionale, un guerriero,

Dettagli

CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13

CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13 CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13 NAVATA DI DESTRA IL GARGOYLE IL TIBURIO S. ANDREA BASILICA DI SANT ANDREA IN PIAZZA ROMA Fu edificata tra il 1219 e il 1227 per volere del cardinale Guala Bicchieri.

Dettagli

PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE

PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE Rif 698 - CASTELLO PIACENTINO Trattativa Riservata PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE Piacenza - Piacenza - Emilia-Romagna www.romolini.com/it/698 Superficie: 3150 mq Terreno: 5 ettari Camere:

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

REGNO UNITO: UN GRANDE VIAGGIO

REGNO UNITO: UN GRANDE VIAGGIO REGNO UNITO: UN GRANDE VIAGGIO Le tappe del nostro viaggio saranno le città più importanti, cioè: Southampton, Bath, Londra, Oxford, Stratford, Cardiff, Edimburgo e Belfast. INGHILTERRA Southampton Dopo

Dettagli

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI L odierna basilica di Santa Sofia si erge nel centro della principale necropoli dell antica città di Serdica. Questa zona presenta

Dettagli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli BODRUM e EFESO foto di Paola Battisti 18 di Patrizia Civeli mente aperta, un inalterabile serenità di spirito. Proprio come Erodoto, il primo vero reporter della storia, il primo che per scrivere le sue

Dettagli

Turisti a Milano con AVIS

Turisti a Milano con AVIS Turisti a Milano con AVIS Programma visite guidate autunno 2014 Dopo la pausa estiva, prosegue il nostro giro alla scoperta di Milano, con alcuni classici ma anche con alcune novità, tra cui un appuntamento

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

ALSAZIA E FORESTA NERA GERMANIA - COLONIA NAVIGAZIONE SUL RENO & MERCATINI DI NATALE

ALSAZIA E FORESTA NERA GERMANIA - COLONIA NAVIGAZIONE SUL RENO & MERCATINI DI NATALE ALSAZIA E FORESTA NERA GERMANIA - COLONIA NAVIGAZIONE SUL RENO & MERCATINI DI NATALE Cultura, Tradizione ed Atmosfera Natalizia!! Dal 6 al 10 Dicembre 2012 6 Dicembre 2012 Giovedì - MILANO/Haut Koenigsburg/NEUSTADT

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

ESCURSIONI: la costa. Strada dei Sapori Medio Tirreno Cosentino

ESCURSIONI: la costa. Strada dei Sapori Medio Tirreno Cosentino ESCURSIONI: la costa Cetraro Paese (3 km) Belvedere Paese (10 km) Uno dei paesi più popolosi della costa le cui origini sono circa del 13 secolo. Di grande interesse è il castello Aragonese originariamente

Dettagli

breve ciclo di visite guidate e conferenze

breve ciclo di visite guidate e conferenze contesti m edieva l i Il Medioevo a Roma breve ciclo di visite guidate e conferenze settembre - dicembre 2015 Il Medioevo a Roma Oltre la Roma antica, rinascimentale, barocca e moderna, esiste un altra

Dettagli

18 Motoincontro Internazionale. 6 7-8 giugno 2014 Isola Polvese Lago Trasimeno (PG) Italia

18 Motoincontro Internazionale. 6 7-8 giugno 2014 Isola Polvese Lago Trasimeno (PG) Italia 6 7-8 giugno 2014 Isola Polvese Lago Trasimeno (PG) Italia Organizzato dal Moto Club Jarno Saarinen di Petrignano d Assisi Perugia (Italia) In occasione di questo grande appuntamento di Amicizia Internazionale,

Dettagli

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO Dati percorso / itinerario : Responsabile percorso / itinerario : ISTITUTO GRANDIS Roberto Delprete CUNEO 0171-692623 12100 CUNEO (CN) cnis00300e@istruzione.it Italia http://www.grandiscuneo.it Fondata

Dettagli

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Viaggio tra musei di Milano Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Chiesa di Santa Maria delle Grazie L'edificio rappresenta una tra le più importanti realizzazioni del Rinascimento ed

Dettagli

Lingua e Storia dell'arte

Lingua e Storia dell'arte Lingua e Storia dell'arte Una completa immersione nella lingua italiana, nell'arte, nella storia e nella cultura italiana Il corso completo si articola in due settimane: la prima sarà dedicata al Medioevo,

Dettagli

Varsavia. Varsavia (in polacco Warszawa) è la capitale della Polonia. Realizzato da Gabriel Gaio

Varsavia. Varsavia (in polacco Warszawa) è la capitale della Polonia. Realizzato da Gabriel Gaio Varsavia Varsavia (in polacco Warszawa) è la capitale della Polonia. Realizzato da Gabriel Gaio Etimologia La sirena di Varsavia Le prime tracce del nome appaiono nel 1321 come Warseuiensis. Il nome medievale

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Il Cammino del Sacro Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Cammino del Sacro: il Museo diocesano, il Duomo e le altre chiese monumentali della città, tutti straordinariamente ricchi

Dettagli

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI Il paese di Malonno si trova a cavallo della media e alta Valle Camonica, dista 92 Km da Brescia e sorge a596 m. s.l.m. Le popolazione, che consiste in 3350 abitanti è dislocata, oltre che nel capoluogo,

Dettagli

TOUR CON L ARCHEOLOGA IL BAROCCO DI ROMA

TOUR CON L ARCHEOLOGA IL BAROCCO DI ROMA IL BAROCCO DI ROMA L arte della meraviglia e del movimento. Una passeggiata nel centro della città a vedere e fotografare piazze, chiese, fontane e statue del Seicento. Il giro include alcuni capolavori

Dettagli

FERRARA. Città d arte e della bicicletta. Hotel da Pippi www.hoteldapippi.com

FERRARA. Città d arte e della bicicletta. Hotel da Pippi www.hoteldapippi.com FERRARA Città d arte e della bicicletta. BATTAGLIE STORICHE Ferrara, per la sua posizione strategica è stata coinvolta in molte battaglie, famosa rimane la guerra di Ferrara ( del 1308 ) tra la repubblica

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

INDICE. San Maurizio... p. 2. Costi attività didattiche...p. 5. Dove sono i musei e i siti p. 5. Il Museo per gli Insegnanti...p.

INDICE. San Maurizio... p. 2. Costi attività didattiche...p. 5. Dove sono i musei e i siti p. 5. Il Museo per gli Insegnanti...p. INDICE San Maurizio....... p. 2 Costi attività didattiche........p. 5 Dove sono i musei e i siti p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni e Prenotazioni..... p. 7 Pubblicazioni...... p. 8

Dettagli

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale Centro Culturale Vita e Pace 97 98 Quindicesimo anniversario della fondazione (1999-2014) Domenica 19 ottobre 2014 nella Chiesa di Santa Maria Maggiore in Borgo Vecchio di Avigliana è stato celebrato il

Dettagli

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario Itinerario Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario e salvatico ed è troppo bene atto a chi

Dettagli

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI Protocollo d intesa con il Comune di Milano SUMMER SCHOOL 2015 CORSI SETTIMANALI 1-27 giugno 6-18 luglio 24 agosto-5 settembre 9.00-12.00 / 13.00-17.00 TOcCARE CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA

Dettagli

DALLA FORESTA NERA ALL ALSAZIA Friburgo. Strasburgo. Colmar

DALLA FORESTA NERA ALL ALSAZIA Friburgo. Strasburgo. Colmar ITINERARI D ARTE de laformadelviaggio 29 maggio 2 giugno 2015 DALLA FORESTA NERA ALL ALSAZIA Friburgo. Strasburgo. Colmar Probabilmente basterebbero i paesaggi incantati di questa zona a far venire voglia

Dettagli

Speciale AGOAL *595 ESCLUSIVA AGOAL BORGOGNA. 22-26 aprile 2016

Speciale AGOAL *595 ESCLUSIVA AGOAL BORGOGNA. 22-26 aprile 2016 ESCLUSIVA AGOAL Speciale AGOAL *595 BORGOGNA 22-26 aprile 2016 22-26 aprile 2016 PROGRAMMA 22/04/2016 venerdì: ITALIA - ANNECY - DIJON Ritrovo dei partecipanti e partenza da Milano. Soste lungo il percorso.

Dettagli

S. Maria del Carmine Carlo I promosse anche la chiesa in piazza del Carmine. Alla costruzione collaborò anche con generose elargizioni Elisabetta di

S. Maria del Carmine Carlo I promosse anche la chiesa in piazza del Carmine. Alla costruzione collaborò anche con generose elargizioni Elisabetta di S. Maria del Carmine Carlo I promosse anche la chiesa in piazza del Carmine. Alla costruzione collaborò anche con generose elargizioni Elisabetta di Baviera, madre di Corradino di Svevia decapitato proprio

Dettagli

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818 Arte romanica Il romanicoè quella fase dell'arte medievale europea sviluppatasi a partire dalla fine del X secolo fin verso la metà del XII secolo in Francia e nel primo decennio successivo negli altri

Dettagli

SANTA RITA DA CASCIA - LA VITA E I LUOGHI SANTA RITA DA CASCIA LA VITA E I LUOGHI

SANTA RITA DA CASCIA - LA VITA E I LUOGHI SANTA RITA DA CASCIA LA VITA E I LUOGHI 5-09-2011 12:05 Pagina 1 SANTA RITA DA CASCIA - LA VITA E I LUOGHI Cope S.Rita175DORSO:Layout 4 SANTA RITA DA CASCIA LA VITA E I LUOGHI PRESENTAZIONE Le oltre 300 pagine della guida hanno come obiettivo

Dettagli

V i a g g i o P a r r o c c h i a l e 2 0 1 6 Viterbo e i suoi splendidi dintorni

V i a g g i o P a r r o c c h i a l e 2 0 1 6 Viterbo e i suoi splendidi dintorni V i a g g i o P a r r o c c h i a l e 2 0 1 6 Viterbo e i suoi splendidi dintorni 26 30 aprile [partenza puntuale da Piazza Tommaseo alle ore 8.00] 1 Viterbo è definita da secoli la città dei Papi, il

Dettagli

1 HEXENTURM. 3 ElNLASS ZOLLERGARTEN. Zollergarten GIRO VERDE

1 HEXENTURM. 3 ElNLASS ZOLLERGARTEN. Zollergarten GIRO VERDE Zollergarten GIRO VERDE 1 HEXENTURM La "Torre delle streghe" è la più antica delle tre torri di prigione a Memmingen e rappresenta la crudeltà della giustizia di una volta. Prima conosciuta come " Torre

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore VACCARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 12 MARZO 2009 Disposizioni per la valorizzazione del Santuario dei SS. Vittore

Dettagli

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA.

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Vincenzo Zito LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Appunti storici di resistenza Fascicolo 1 Novembre 2014 Il presente opuscolo raccoglie una serie di appunti sul tema pubblicati sul sito Facebook Andria

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

di Amalia Belfiore Torre campanaria sulla parte orientale della navatella destra del Duomo

di Amalia Belfiore Torre campanaria sulla parte orientale della navatella destra del Duomo Sebbene piccola nella sua dimensione, la città di Crema offre grande ricchezza storica, culturale ed artistica, oltre alla tranquillità di un luogo che conserva una dimensione umana. Crema di Amalia Belfiore

Dettagli

Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia

Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia Chiesa san Clemente Chiostro piccolo Cortile e Loggia dei frati Chiostro grande Situazione oggi Progetto del chiostro grande Associazione

Dettagli

finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi

finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi A.A. 2012-2013 Corso di Consolidamento degli edifici storici Prof. Paolo Faccio finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi 1. La Rustica e il cortile

Dettagli

I SIMBOLI MEDIOEVALI

I SIMBOLI MEDIOEVALI I SIMBOLI MEDIOEVALI VERSO UN ARTE SIMBOLICA L arte medioevale ha la funzione di esprimere concetti e simboli religiosi mediante immagini, per far conoscere ai fedeli la storia sacra. Dall arte imperiale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedutmo, romanticmo ed impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

VIAGGIO D'ISTRUZIONE BARCELLONA - 6 GIORNI

VIAGGIO D'ISTRUZIONE BARCELLONA - 6 GIORNI VIAGGIO D'ISTRUZIONE BARCELLONA - 6 GIORNI 1 GIORNO: PALERMO - BARCELLONA Raduno dei partecipanti all'aeroporto di Palermo. Incontro con il nostro assistente e disbrigo delle operazioni d'imbarco. Partenza

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Sondalo, in Valtellina, 940 metri sul livello del mare, si trova a pochi passi dai grandi centri turistiche dell'alta valle e sorge ai piedi del Parco

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO. Tra Vedut"mo, Romantic"mo ed. Impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO. Tra Vedutmo, Romanticmo ed. Impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO Tra Vedut"mo, Romantic"mo ed Impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR ROMA ad ARTE VIAGGI itinerari culturali in Italia FIRENZE VENEZIA AUTUNNO-INVERNO 2012/2013 TOUR OPERATOR v I TOUR di Italy Travels TOUR DI GRUPPO APERTURE STRAORDINARIE TOUR BY NIGHT GUIDE IN LINGUA E

Dettagli

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 FEBBRAIO Sabato 15, ore 16 - Ponte coperto (lato città) MARZO Sabato 8, ore 16 - piazza S. Michele (basilica) PAVIA, CAPITALE DI REGNO

Dettagli

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi Il Basso Medioevo A cura del prof. Marco Migliardi Introduzione Il drammatico scontro per il diritto di nomina dei vescovi (le investiture) che oppone Papato e Impero è in realtà solo un aspetto del più

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

Vienna Monumenti ed edifici storici

Vienna Monumenti ed edifici storici Vienna Monumenti ed edifici storici Legenda dei punti riportati sulla mappa A Palazzo Imperiale di Hofburg Heldenplatz 1 Questo fastoso palazzo fu la sede dell Impero Asburgico per oltre sette secoli,

Dettagli

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO Dai disegni dei bambini e dal loro concetto di casa, spazio vissuto o luogo magico, inizia l esplorazione del palazzo che, così importante per dimensioni e storia, è stato

Dettagli

Turismo Adulti. l incanto degli antichi Borghi

Turismo Adulti. l incanto degli antichi Borghi Turismo Adulti l incanto degli antichi Borghi Massa Marittima Città d arte adagiata tra le Colline Metallifere, antico feudo vescovile, ricca di bellezze storiche ed architettoniche che narrano un illustre

Dettagli