TEMI DI RICERCA TRATTATI NEI VARI LABORATORI A.A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TEMI DI RICERCA TRATTATI NEI VARI LABORATORI A.A. 2010-2011"

Transcript

1 TEMI DI RICERCA TRATTATI NEI VARI LABORATORI A.A DIPARTIMENTO FARMACO-CHIMICO Laboratorio H (Proff.: G. Natile, C. Pacifico, L. Maresca, Ricercatori: F. P. Intini, N. Margiotta, F.Arnesano) 1) Reattività di molecole insature coordinate a metalli di transizione e loro utilizzo per la sintesi di leganti direttamente nella sfera di coordinazione del metallo. 2) Sintesi di analoghi del Cisplatino (farmaco ad attività antitumorale) con leganti atipici o sitospecifici verso alcune forme tumorali. 3) Sintesi di derivati del Cisplatino di quarta generazione aventi geometria "trans". 4) Studi NMR di macromolecole (proteine e acidi nucleici) e delle loro interazioni con ioni metallici e farmaci antitumorali a base di platino. 5) Caratterizzazione biofisica e strutturale di proteine coinvolte nei processi di neurodegenerazione. Laboratorio di Microbiologia (Ricercatore: A. Rosato, Proff. F. Corbo, A. Carrieri) CdL in Farmacia: 1) Attività antimicrobica di prodotti naturali e loro analoghi sintetici 2) Attività antimicrobica di componenti di prodotti naturali CdL in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche: 1) Attività antimicrobica di prodotti naturali e loro analoghi sintetici 2) Attività antimicrobica di nuovi prodotti di sintesi Laboratorio 205 (Prof.ssa P. Avato, Ricercatore: M.P.Argentieri) 1) Studio fitochimico di piante di interesse economico 2) Identificazione e caratterizzazione strutturale di metaboliti secondari da piante officinali 3) Studio dell'attività biologica di classi di metaboliti secondari da fonti vegetali Laboratorio 232 (Proff.: A. Carotti, S. Cellamare, Ricercatore: A. Stefanachi, M. Catto, F. Leonetti) L attività di ricerca del laboratorio è rivolta alla Progettazione e sintesi e valutazione dell attività biologica di potenziali agenti antitumorali attraverso tecniche avanzate di modellazione molecolare e di sintesi organica preparativa. I progetti di ricerca in corso riguardano: a) Inibitori selettivi di Istone Deacetilasi (HDAC) b) Inibitori di Metallo Proteinasi di Membrana (MMP2 e MMP-9) c) Inibitori delle pompe di efflusso di membrana coinvolte nella resistenza a farmaci antitumorali (MDR) Laboratorio 233 (Proff.: A. Carotti, S. Cellamare, Ricercatore: A. Stefanachi, M. Catto, F. Leonetti) Gli argomenti della ricerca svolta riguardano la progettazione, la sintesi e la valutazione dell attività in vitro di inibitori selettivi e reversibili di enzimi e processi biologici coinvolti in malattie neurodegenerative e neoplastiche, in particolare: - Inibitori delle colinesterasi e inibitori dell aggregazione amiloidea (morbo di Alzheimer); - Inibitori delle monoamino ossidasi (morbo di Parkinson); - Agenti multifunzionali attivi su due o più target biologici coinvolti nei processi neurodegenerativi (es. inibitori duali AChE/MAO); - Sintesi organica avanzata (combinatoriale, in parallelo su fase solida ed in soluzione, assistita da microonde) di nuovi sistemi eterociclici dotati di potenziale attività biologica come inibitori di chinasi, in particolare la Bcr-Abl coinvolta nell insorgenza di tumori ematologici (leucemie); - Sintesi di sistemi policiclici planari opportunamente funzionalizzati come agenti intercalanti e/o inibitori delle topoisomerasi, con potenziale azione antitumorale. 1

2 Laboratorio 003 Chimica computazionale (Prof. A. Carotti, Ricercatore: O. Nicolotti) Le attività di ricerca sono principalmente orientate alla progettazione molecolare razionale di sostanze bioattive potenzialmente utili in patologie neurodegenerative e tumorali. Lo studente in tesi potrà acquisire competenze specifiche sia nel campo della chemoinformatica che della bioinformatica. In particolare, l attività di ricerca in laboratorio impone un pieno coinvolgimento dello studente in tesi nella derivazione di modelli QSAR e QSPR, nelle simulazioni di docking e di dinamica molecolare, nella progettazione di librerie chimiche combinatoriali nonché nello sviluppo di nuove metodologie di ottimizzazione molecolare. Laboratorio 234 (Prof. C. Altomare, Ricercatore: M. De Candia) 1) Progettazione, sintesi e relazioni struttura-attività di inibitori selettivi di proteasi a serina, coinvolte in patologie trombotiche (trombina e fattore Xa), bronchiali e immunologiche (triptasi). 2) Parametrizzazione di proprietà chimico-fisiche (lipofilia, proprietà acido-base, ecc.) e studi di QSAR di nuovi composti a potenziale attività neuroprotettiva (inibitori di colinesterasi e agenti antiossidanti). Laboratorio 235 (Prof. F. Campagna, Ricercatore: F. Palluotto) L interesse è rivolto al drug design, alla sintesi organica ed alle relazioni struttura-attività di nuovi composti policiclici azotati di interesse biologico. I prodotti sintetizzati vengono poi testati in vitro ed in vivo presso laboratori di biochimica e di farmacologia. Sono attualmente oggetto di studio la progettazione e la sintesi di piccole molecole organiche, contenenti residui eteroaromatici, inibitori non-peptidici di due interessanti targets biologici: 1) Il peptide beta Amiloide, A, (lo sviluppo di farmaci che interferiscono con la aggregazione del A rappresenta oggi una grande promessa per il trattamento del morbo di Alzheimer); 2) Le DNA topoisomerasi (targets di diversi agenti antitumorali ampiamente utilizzati nella pratica clinica). Laboratorio 516 (Proff. A. Carrieri, F. Corbo, Ricercatori: G. Fracchiolla, G. Carbonara) 1) Progettazione in silico di nuovi ligandi del recettore delle chemochine quali potenziali agenti anti-hiv. 2) Modellizzazione molecolare di recettori di membrana accoppiati a proteine-g, dei canali del sodio voltaggio e disegno razionale di nuovi ligandi per la terapia del dolore. 3) Studi 2D e 3D-QSAR di agonisti dei recettori nucleari PPAR e nel trattamento di patologie cardiovascolari. Laboratorio 335 (Proff. G. Trapani, A. Latrofa, M. Franco, Ricercatori: V. Laquintana, N. Denora) Le principali tematiche di ricerca condotte nel laboratorio 335 riguardano i seguenti argomenti: a) Sintesi e valutazione biologica di composti a struttura 2-fenilimidazopiridin-acetammidica utilizzabili quali sistemi diagnostici (mediante Tomografia ad Emissione di Positroni (PET), di malattie neurodegenerative, e per il rilascio sito specifico di farmaci antitumorali; b) Approccio chimico per il superamento di barriere biologiche mediante profarmaci o coniugati di ligandi imidazopiridinici con polimeri biodegradabili. Laboratorio 336 (Proff. G. Trapani, A. Latrofa, M. Franco, Ricercatori: Lopedota A., Cutrignelli A., Trapani A., Mandracchia D. ) Le principali tematiche di ricerca condotte nel laboratorio 336 riguardano i seguenti argomenti: a) Preparazione di formulazioni liposomiali ed idrogeli per un rilascio modificato di farmaci; b) Preparazione, caratterizzazione e valutazione biologica di sistemi micro-nanoparticellari, e nanoparticelle lipidiche solide, quali sistemi idonei a conseguire un rilascio modificato di farmaci; c) Miglioramento delle proprietà biofarmaceutiche di principi attivi, mediante complessazione con ciclodestrine o dispersioni solide in polimeri idrofili. 2

3 Laboratorio di Chimica Organica N 409 (Proff. V. Capriati, R. Luisi, S. Florio, Ricercatori: L. Degennaro, F.M. Perna) Le ricerche del Gruppo della Chimica Organica riguardano sostanzialmente le seguenti linee: 1) Sintesi di organolitio funzionalizzati chirali enantio- o diastereomericamente arricchiti: risoluzione dinamica (cinetica e termodinamica), studio dei loro meccanismi di enantiomerizzazione, studio del loro stato di aggregazione in soluzione e della reattività esibita utilizzando avanzate tecniche di risonanza magnetica multinucleare e studi computazionali; applicazioni di tali risultati alla sintesi asimmetrica; 2) Sintesi stereocontrollata di piccoli sistemi ciclici tensionati (ciclopropani, epossidi, aziridine ed ossetani) e di eterocicli (es. isossazoli ed isossazoline) seguita da funzionalizzazione mediante reazioni di deprotonazione/intrappolamento regio- e stereoselettive e trasformazione dei building blocks così ottenuti in molecole con potenziale attività farmacologica; 3) Messa a punto di nuove metodologie di sintesi efficienti, stereoselettive e maggiormente ecocompatibili finalizzate all ottenimento di molecole biologicamente attive e di interesse farmaceutico adoperando composti organometallici polari; 4) Progettazione di nuovi complessi carbenici N-eterociclici chirali non racemici da utilizzare nella catalisi organometallica e, come leganti, nella sintesi asimmetrica; 5) Sintesi stereoselettive organo-catalizzate; 6) Studio della reattività controllata da fenomeni dinamici; 7) Sviluppo di processi stereoselettivi mediante uso di sistemi microfluidici e tecnologia dei microreattori; 8) Studi di dinamica molecolare per applicazioni nel campo dei molecular devices ; Laboratorio di Chimica Organica N 410 (Ricercatore: P. Vitale) - Sviluppo di nuove metodologie di sintesi di sistemi eterociclici. Studio di reattività, meccanismi di reazione e nuove metodologie di sintesi di sistemi eterociclici (isossazoline, isossazoli, beta-lattami); - Catalisi enzimatica e biotrasforazioni applicate alla sintesi stereoselettiva di composti di chimica fine di interesse commerciale (bio-etanolo, target farmaceutici). Sintesi stereoselettiva di composti biologicamente e/o farmacologicamente attivi e molecole ad elevato valore merceologico mediante processi bio-assistiti o chemo-enzimatici (biocatalisi, fermentazioni) per l identificazione di metodi innovativi di sintesi sustainable-chemistry. 1) Questo gruppo di ricerca è impegnato da diversi anni nell individuazione di nuove metodologie di sintesi di vari sistemi eterociclici, in particolare isossazoline, isossazolidine, isossazoli, che rappresentano sistemi di notevole interesse nella sintesi organica ed in campo farmaceutico. Gli studi più recenti hanno riguardato la sintesi e la reattività di sistemi isossazolici, particolarmente versatili nella chimica preparativa, nella ricerca farmaceutica e nella fitochimica. Sono eterocicli diffusamente presenti nella struttura di molti farmaci (antinfiammatori, antitumorali, antibiotici, antivirali, farmaci che agiscono sul SNC, antipertensivi, ecc.), nonché erbicidi, pesticidi, ecc. diffusi nel mondo agricolo. In questo gruppo di ricerca sono stati individuati diversi metodi di sintesi di isossazoli ed isossazoline (cicloaddizione 1,3-dipolare di nitrilossidi ad alcheni, o a litio-enolati di aldeidi o chetoni), che consentono di preparare sistemi variamente funzionalizzati alle posizioni 3, 4 o 5; alcuni dei derivati isossazolici sono risultati inibitori potenti e selettivi della ciclossigenasi-1, le cui metodologie di sintesi sono state brevettate in Italia, Europa e USA. Lo studio dei vari aspetti della reattività di alcuni di questi eterociclici, ha consentito inoltre la sintesi si precursori di altre molecole di interesse biologico: derivati beta dicarbonilici, betaamminoacidici, beta-lattamici, etc. 2) Un altra linea di ricerca riguarda la sintesi stereoselettiva di composti biologicamente e/o farmacologicamente attivi e molecole ad elevato valore merceologico mediante processi bio-assistiti o chemo-enzimatici (biocatalisi, fermentazioni) per l identificazione di metodi innovativi di sintesi con approccio chimica verde sustainable-chemistry. Obiettivi formativi della tesi sperimentale nell ambito di tali progetti: 3

4 - acquisizione di abilità specifiche nella sintesi organica; - acquisizione di abilità specifiche nell identificazione e nella caratterizzazione di composti eterociclici in generale, attraverso tecniche cromatografiche e spettroscopiche avanzate, in particolare tecniche NMR multinucleari, bidimensionali, spettroscopia FT-IR, UV-VIS, spettrometria di massa, ecc. - utilizzo di tecniche avanzate di analisi spettroscopica (NMR, FTIR, GC-MS, UV, spettrofluorimetria), cromatografica (HPLC, GC, TLC); - utilizzo di tecniche avanzate di analisi chimica, identificazione e caratterizzazione e qualiquantitativa di analiti e metaboliti nei processi fermentativi. - utilizzo di biocatalizzatori quali enzimi isolati e non, e cellule intere di lievito; - ottimizzazione di fermentazioni in presenza di lievito di panificazione o lieviti ricombinanti non convenzionali ; - utilizzo di tecniche avanzate di catalisi enzimatica e biotrasformazioni in batch e in bioreattori interfacciati con elaboratori. Laboratorio 411 (Prof. A.Scilimati, Ricercatore: M.G. Perrone) Sviluppo di inibitori della cicloossigenasi (COX-1 e COX-2) - per il trattamento e prevenzione dell aterosclerosi, quale alternativa all aspirina (in circa il 70% dei pazienti trattati la cardio-aspirina è inefficace, anche a causa del fenomeno noto come aspirina-resistenza) - controllo della neuro-infiammazione - trasformazione degli stessi inibitori in composti utili nella diagnostica PET-CT. Il laboratorio è provvisto di attrezzature utili per - sintesi di nuovi composti con l utilizzo di tecniche di chimica classica che di biocatalisi - strutturistica chimica e bio-farmaceutica - prove farmacologiche necessarie per la determinazione dell attività e della selettività - test con isoenzimi isolati, cellule, tessuti animali e umani necessari per pianificare studi preclinici - studi epidemiologici. La formazione ricevuta garantisce un ottima conoscenza sia per attività post-laurea in laboratori pubblico/privati di ricerca, analisi o prettamente industriali. Laboratorio 420 (Prof. G. Lentini, Ricercatori: A. Carocci, M. Cavalluzzi) In continuità con gli studi svolti negli ultimi anni, verranno portate avanti le seguenti tematiche: - Sintesi di derivati O-aril mandelici quali agenti di solvatazione chirale. Questo gruppo di ricerca studia da diversi anni le relazioni struttura-attività in ammine capaci di bloccare i canali sodici in modo uso-dipendente e di legare i recettori della serotonina. In particolare, l attenzione è stata focalizzata sugli effetti della chiralità sulle azioni farmacologiche. Pertanto abbiamo sviluppato diverse vie sintetiche per l ottenimento di composti altamente arricchiti dal punto di vista della purezza enantiomerica. Abbiamo altresì sviluppato metodi di analisi chirale in HPLC, GC ed elettroforesi capillare per verificare l eccesso enantiomerico dei composti ottenuti. Per allargare ulteriormente le nostre possibilità analitiche abbiamo pensato di preparare una serie di agenti di solvatazione chirale a struttura O-aril mandelica per la determinazione diretta degli eccessi enantiomerici di ammine chirali mediante analisi 1 H-NMR. - Preparazione dei derivati 2,2,5,5-tetrametilpirrolinici della mexiletina e dei suoi analoghi a potenziale attività cardioprotettiva. Uno studio recente condotto da un gruppo di ricercatori ungheresi ha dimostrato che coniugando la mexiletina, noto farmaco antiaritmico, con un nucleo 2,2,5,5-tetrametilpirrolinico, le sue attività antiossidante e cardioprotettiva aumentano considerevolmente. La struttura molecolare di tale derivato vede coesistere una testa lipofila, dotata di attività antiaritmica, e una coda idrofila responsabile dell azione antiossidante; tale composto può pertanto offrire una duplice azione cardioprotettiva, inibendo l ingresso di ioni Ca 2+ (mediato dal blocco dei canali sodici, azione propria della mexiletina) e fornendo un azione antiossidante mirata (azione propria delle ammine cicliche a 5 termini stericamente ingombrate). Non essendo presente in 4

5 letteratura nulla riguardo la sintesi di tale derivato, abbiamo di recente messo a punto una via sintetica semplice e versatile che è stata applicata anche alla preparazione dei derivati dei più potenti analoghi della mexiletina, sintetizzati in passato nel nostro laboratorio, con l intento di valutare, anche per questi composti, una eventuale attività cardioprotettiva. -Sintesi di analoghi del lubeluzolo come adiuvanti analgesici. Gli analgesici adiuvanti sono farmaci utili nel trattamento polifarmacologico di varie forme di dolore. Tra questi, recentemente ha richiamato grande attenzione un derivato benzotiazolico omochirale, il lubeluzolo, agente noto anche per le notevoli proprietà antischemiche. Per quanto riguarda la stereoselettività d azione di questo farmaco, sono stati riportati risultati fortemente contraddittori: secondo il modello farmacologico, il lubeluzolo risulta a volte molto più efficace del suo enantiomero; altre volte l indice di stereoselettività è molto vicino a 1. Avendo messo a punto nel recente passato una via sintetica streospecifica per l ottenimento del lubeluzolo e del suo antipodo ottico, progettiamo di preparare alcuni analoghi (nelle due specie omochirali e nella corrispondente miscela racemica) al fine di studiare le relazioni tra le strutture e l attività di blocco dei canali sodici (prove in vitro), come pure l attività analgesica (in vivo, hot plate test) nel topo. Laboratorio 421 (Proff. C. Franchini, F. Corbo, Ricercatore: A. Catalano) Nell ambito dei progetti finanziati sia a carattere regionale che nazionale, da anni ci si è occupati dello studio delle interazioni tra molecole originali e importanti target biologici di tipo eucariotico e procariotico, sviluppando nuove tecniche biologiche, chimiche e analitiche idonee al raggiungimento degli obiettivi proposti. Le tematiche di ricerca più importanti possono essere così riassunte: - Sintesi e valutazione farmacologica di nuove molecole bloccanti dei canali del sodio voltaggio dipendenti, quali potenziali farmaci per la cura di patologie muscolo scheletriche (miotonie congenite e acquisite); - valutazione dell attività antinocicettiva centrale di anestetici locali derivati della Lidocaina e della Tocainide; - sintesi e valutazione farmacologica di molecole ad azione antiipertensiva derivati del Losartan; - sintesi di mercaptobenzotiazoli e valutazione microbiologica della loro attività antibatterica, condotta su ceppi internazionali, utili nell identificazione dei meccanismi di insorgenza della multidrug resistance batterica legata a mutazioni genetiche delle pompe di efflusso batteriche; - sintesi e valutazione farmacologica di metaboliti della Mexiletina. Le competenze di tipo chimico e analitico riguardano la: - sintesi chimica enantioselettiva di small molecules innovative, potenzialmente attive nel campo delle patologie cardiovascolari, muscolari e metaboliche; - caratterizzazione delle proprietà chimico-fisiche dei ligandi bioattivi di nuova sintesi condotta con l ausilio di metodiche analitiche di routine e mediante l utilizzo di tecniche di HPLC chirale. Laboratori 334 (prof. N.De Laurentis, A. Carrieri, Ricercatore: D. Armenise) Estrazione ed isolamento di sostanze organiche (alcaloidi, sostanze fenoliche, flavonoidi, limonoidi, oli essenziali etc.) derivanti dal metabolismo secondario di piante spontanee della regione Puglia. Laboratorio (Proff. R. Perrone, F. Berardi, N. Colabufo, S. Ferorelli, M. Leopoldo, Ricercatori: C. Abate, E. Lacivita) Il programma di ricerca in svolgimento nel laboratorio n 450 (proff. Berardi, Ferorelli e Abate) consiste nella sintesi di nuovi agenti selettivi e nello studio di relazioni tra la loro struttura chimica e l'affinità/attività agonista e antagonista sui recettori sigma ( 1, ) del sistema nervoso centrale e sulla isomerasi 8-7 degli steroidi (EBP), correlata al recettore 1. Tali studi hanno lo scopo di progettare agonisti 1 a potenziale impiego come antipsicotici, antidepressivi, migliorativi della memoria e neuroprotettivi, e antagonisti 1 come pure agonisti, come agenti antitumorali nella ricerca e in terapia. Nell'ambito di tali ricerche si inserisce lo sviluppo e la preparazione di potenziali agenti P.E.T. per la diagnosi di tumori. Un altro studio è la 5

6 sintesi di ligandi con proprietà fluorescenti allo scopo di evidenziare la localizzazione intracellulare di tali recettori e per essere utilizzati come sostituti di radioligandi. Il programma di ricerca in svolgimento nel laboratorio n 449 (proff. Perrone, Leopoldo e Lacivita) si articola secondo i seguenti temi: a) sintesi e studio delle relazioni attività di modulatori dei recettori serotoninergici 5-HT7 opportunamente progettati per studi in vivo come agenti antidepressivi, migliorativi della memoria e per la cura dell'attention deficit hyperactivity disorders; b) sintesi di traccianti per il molecular imaging (Positro Emission Tomography, Fluorescence Tomography) di recettori della bombesina, sovra-espressi in tessuti tumorali; c) sintesi di sonde fluorescenti per lo studio della farmacologia di alcuni sottotipi recettoriali della dopamina e della serotonina. Il programma di ricerca in svolgimento nel laboratorio n 448 (proff. Perrone, Colabufo) consiste nello sviluppo di composti in grado di modulare la farmaco-resistenza, agendo su trasportatori ATPasici come la P-gp. Gli studi vengono condotti su linee cellulari tumorali che sovraesprimono questa proteina. Composti altamente affini e attivi verso la P-gp vengono studiati come radio-traccianti per la PET, per la caratterizzazione dell attività e della espressione biologica di questi trasportatori. Il lavoro finora svolto in questi campi ha originato anche collaborazioni con Università, centri di ricerca italiani e stranieri ed industrie farmaceutiche ed è stato oggetto di numerose pubblicazioni su riviste scientifiche di rilievo internazionale. Laboratorio 412/451 (Proff. F. Loiodice, P. Tortorella, Ricercatori: G. Carbonara, G. Fracchiolla, A. Laghezza) 1) Attività ipolipidemizzante e recettori PPAR: relazioni struttura-attività di analoghi chirali dell acido clofibrico. 2) Nuovi prodotti chirali a potenziale attività sui canali al cloro e sui canali al potassio ATP dipendenti del muscolo scheletrico 3) Progettazione e sintesi di nuovi inibitori di Metalloproteinasi di Matrice (MMP) a potenziale attività antitumorale 4) Nuovi agenti solvatanti chirali nella determinazione, tramite spettroscopia NMR, di eccessi enantiomerici di composti di interesse farmacologico. DIPARTIMENTO FARMACO-BIOLOGICO Laboratorio (Prof. V. Iacobazzi, Ricercatori: S. Todisco, G. Agrimi) -Studio sulla regolazione dell'espressione di geni. -Clonaggio e sequenziamento del DNA. -Interazione farmaci e fattori trascrizionali. -Analisi mutazionale di geni codificanti trasportatori mitocondriali responsabili di patologie. -Espressione e caratterizzazione funzionale di proteine ricombinanti espresse in sistemi eterologhi (cellule batteriche); -Analisi fenotipica dei ceppi di lievito privi del gene in esame o dopo overespressione della proteina di interesse; -Analisi dei principali metaboliti trasportati dal carrier in esame nei diversi compartimenti cellulari; -Analisi di attività enzimatiche correlate all attività di trasporto della proteina in esame; -Localizzazione subcellulare e distribuzione tissutale di proteine -Identificazione e caratterizzazione biochimica di nuovi trasportatori mitocondriali in lievito, organismi vegetali e mammiferi. -Ingegneria genetica e metabolica di S.cerevisiae e altri microrganismi 6

7 Laboratorio 206 (Prof. G. Fiermonte, Ricercatore: A.Vozza) 1) Studio di malattie metaboliche rare. 2) Caratterizzazione funzionale di proteine di trasporto umane. Laboratorio di Biochimica (Ricercatore: A. De Palma) - Clonaggio ed espressione di sensori del Ca 2+ (es. calmodulina) finalizzato allo screening di legandi di nuova sintesi - Studio dell attività antiossidante di molecole neosintetizzate a scopo farmacologico in colture cellulari e determinazione della loro citotossicità. - Studi cinetici e del meccanismo di trasporto di carrier mitocondriali sulla base di una nuova elaborazione matematica di cinetica enzimatica utilizzando la proteina purificata e incorporata nei proteoliposomi al fine di stabilire le modalità con cui queste proteine trasportano o scambiano i loro substrati. Laboratorio di Farmacologia (Proff. D. Conte, A. De Luca, D. Tricarico, J. F. Desaphy, Ricercatori: S. Pierno, A. Liantonio, M. De Bellis, A. Mele) TEMATICHE PRINCIPALI - Canalopatie primarie del muscolo scheletrico e di altri tessuti (neuroni, rene, cuore, pancreas) - Canalopatie secondarie (iatrogene, paraneoplastiche, da dismetabolismo) - Distrofie muscolari - Disfunzioni del sistema neuromuscolare secondario a disuso e invecchiamento - Glaucoma e patologie su base vascolare METODICHE UTILIZZATE Tecniche in vitro o ex-vivo: 1) Elettrofisiologia: microelettrodi endocellulari, voltage clamp (vaseline-gap), e patch clamp 2) Spettrofluorimetria: registrazioni dei livelli di ioni intracellulari (calcio, sodio, protoni) mediante l uso di sonde fluorescenti (fura-2, indo-1) da fibre muscolari, cellule native e linee cellulari. 3) Registrazione di forza di contrazione: contrazione isometrica ed eccentrica in vitro da organi isolati (muscolo scheletrico, cuore, vasi, organi a muscolatura liscia) 4) Biochimica e biologia molecolare: spettrofotometria, ELISA, test di apoptosi, citotossicità, e stress ossidativo, real-time PCR, elettroforesi, mutagenesi-sito diretta, binding con radiomarcati 5) Colture cellulari: Colture primarie e linee cellulari, colture batteriche per amplificazione cdna, sistemi di trasfezione eterologa di canali e proteine cellulari Tecniche in vivo: 1) Gabbie metaboliche per la determinazione dei parametri vitali e studi di farmacocinetica e tossicocinetica. 2) Determinazione della forza muscolare degli arti anteriori e della coordinazione motoria (grip test, wire test, riflessi di raddrizzamento, etc), 3) Determinazione della risposta e della resistenza all esercizio mediante treadmill (esercizio volontario, cronico e/o eccentrico) 4) Sistemi di registrazione dell attività elettrica muscolare in vivo (elettromiografia) e sistemi per registrazione di forza muscolare in contrazione isometrica da singoli muscoli in vivo. Laboratorio di Farmacologia e Tossicologia N 309 (Prof. M. D. Lograno) Il laboratorio di Farmacologia coordinato dal Prof. M.D. Lograno, si occupa di Farmacologia Oculare; in particolare studia la caratterizzazione di siti di legame di eso- e endo-cannabinoidi, di neurotrasmettitori, di ormono-modulatori e autacoidi a livello di tessuti muscolari lisci coinvolti nella fisiologia del sistema oculare e di altri distretti modulati fisiologicamente dal sistema nervoso vegetativo. I metodi sperimentali in uso sono le tecniche biochimiche di binding e il metodo funzionale in vitro. I risvolti clinici del contesto sperimentale su indicato sono volti a stabilire processi di eccitotossicità retinica e delle aree centrali occipitali sensitivo-visivo, e distretti oculari appartenenti al segmento anteriore e al distretto vascolare coinvolti nel glaucoma. Inoltre, l interesse sperimentale è volto al 7

8 coinvolgimento della componente glutamatergica nel distretto periferico gastro-esofageo nella patologia del reflusso gastro-esofageo. Laboratorio B10 (Prof. V. Scalera, Ricercatore: R. Mallamaci) 1) Trasporti di membrana. Laboratorio B4 (Ricercatore: D.A. Meleleo) Studio delle proprietà biofisiche di proteine e peptidi formanti canale in sistemi modello con la tecnica della corrente alternata e della corrente continua. Nel laboratorio B4 vengono studiate sia proteine e peptidi che partecipano, direttamente o indirettamente, ai meccanismi coinvolti in alcune patologie (Alzheimer, Parkinson, Paget) sia proteine e peptidi di origine animale e vegetale coinvolti nei meccanismi di difesa dell organismo. Obiettivo di questi studi è quello di approfondire e chiarire i meccanismi d azione di tali sostanze. DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMEDICHE E ONCOLOGIA UMANA Laboratorio di Patologia generale (Prof. M. Coluccia) Si ritiene generalmente che in un prossimo futuro la genomica e la proteomica rivoluzioneranno la scoperta e lo sviluppo dei farmaci antitumorali. In tale direzione, è necessario utilizzare modelli sperimentali clinicamente rilevanti, e associare i risultati ottenuti con tecnologie omiche a quelli ottenuti con più tradizionali indagini di meccanismo. Così condotto, il lavoro consentirà di identificare le correlazioni fra caratteristiche strutturali di farmaci antitumorali e i geni e prodotti genici che guidano la risposta delle cellule tumorali. L attività sperimentale è suddivisa in tre settori interconnessi: 1. Tumor targeting di farmaci antitumorali su base genomica e proteomica. 2. Interazioni molecolari 3. Screening meccanicistico di candidati nuovi farmaci Le indagini relative al tumor targeting sono effettuate in modelli clinicamente rilevanti sulla base delle conoscenze attuali sui cambiamenti genomici che guidano in modo interconnesso la proliferazione, l invasione e la metastatizzazione delle cellule tumorali. Le interazioni molecolari fra candidati farmaci e bersagli biologici sono analizzate integrando i risultati derivanti dall approccio omico con le attuali conoscenze di meccanismo. Infine, lo screening di attività di nuovi composti viene effettuato in vitro e in vivo, utilizzando linee cellulari tumorali rappresentative dei principali tumori umani. DIPARTIMENTO DI ODONTOSTOMATOLOGIA E CHIRURGIA Laboratorio di Igiene (Prof.ssa D. De Vito) 1) Epidemiologia delle infezioni ospedaliere, con particolare riguardo alle U.O. a maggior rischio di infezione (Terapia Intensiva, Chirurgia Plastica, Neonatologia, Chirurgia generale, etc.) 2) Studio sulla contaminazione delle sale operatorie. 3) Epidemiologia delle infezioni sessualmente trasmesse, con particolare riguardo a quelle sostenute da gonococco, nell ambito di un progetto di sorveglianza ministeriale. 4) Valutazione della antibiotico-resistenza di ceppi responsabili di infezioni invasive, nell ambito di un progetto di sorveglianza ministeriale. 8

9 5) Epidemiologia delle patologie trasmissibili per via oro-fecale nell ambito di un progetto di sorveglianza europea. 6) Studio sulla presenza di batteri entero-patogeni e delle loro tossine in alimenti destinati all uomo. 7) Studio sulla eziopatogenesi delle parodontopatie. 8) Studio sulla contaminazione dei riuniti odontoiatrici. 9) Valutazione della attività degli autovaccini su patologie osteomielitiche ed urinarie. 10) Valutazioni della attività antibiotica ed antimicotica di nuove molecole. 11) Studi di farmaco-economia. 9

Competenze Laboratori (Med-CHHAB)

Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Competenze Laboratori (Med-CHHAB) Asse Portante Tematiche Campi d azione Servizi offerti Applicazioni Polimeri Biocompatibili Preparazione e caratterizzazione chimicofisica di materiali polimerici biocompatibili

Dettagli

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori.

ID55/2005 PROGETTO R&S Lo sviluppo di nuovi inibitori delle istone deacetilasi per un approccio epigenetico alla terapia dei tumori. SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI CONGENIA - CONGENIA Srl Milano - DAC Srl Milano - NIKEM RESEARCH Srl Bollate MI - ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA Milano - ISTITUTO FIRC DI ONCOLOGIA MOLECOLARE Milano

Dettagli

SCIENZE DELLA VITA, DELL'AMBIENTE E DEL FARMACO

SCIENZE DELLA VITA, DELL'AMBIENTE E DEL FARMACO Corso di dottorato in SCIENZE DELLA VITA, DELL'AMBIENTE E DEL FARMACO articolato nei seguenti indirizzi: - BIOMEDICO - BIOLOGIA UMANA E ANIMALE ED ECOLOGIA - SCIENZE DEL FARMACO AREE SCIENTIFICO- DISCIPLINARI

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Interazioni biomolecolari che coinvolgono proteine

Interazioni biomolecolari che coinvolgono proteine B015921 - INTERAZIONI BIOMOLECOLARI: METODI IN SILICO ED IN VITRO Metodi spettroscopici per lo screening di interazioni Modulo B015922 - INTERATTOMICA: STRUTTURA, TERMODINAMICA E CINETICA Definizione di

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO-DIDATTICO del DIPARTIMENTO DI FARMACIA

PROGETTO SCIENTIFICO-DIDATTICO del DIPARTIMENTO DI FARMACIA Allegato C PROGETTO SCIENTIFICO-DIDATTICO del DIPARTIMENTO DI FARMACIA Progetto scientifico Il Dipartimento di Farmacia (DF) promuove la ricerca in ambito chimico, chimicofarmaceutico, formulativo, biologico

Dettagli

Allegato 1. COD_TD2 ATTIVITA PRESTAZIONALI PER CIASCUN PROFILO

Allegato 1. COD_TD2 ATTIVITA PRESTAZIONALI PER CIASCUN PROFILO ATTIVITA PRESTAZIONALI PER CIASCUN PROFILO Profilo 1 Esperto in tecnologie di pastificazione e spettrometria RAMAN L esperto dovrà operare presso la Piattaforma di Tecnologie Alimentari, laboratorio di

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 00-0. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

Prevenzione e sicurezza:l impiego delle biotecnologie nei laboratori e sue applicazioni cliniche

Prevenzione e sicurezza:l impiego delle biotecnologie nei laboratori e sue applicazioni cliniche Dipartimento Installazioni di Produzione e Insediamenti Antropici Prevenzione e sicurezza:l impiego delle biotecnologie nei laboratori e sue applicazioni cliniche Dott.ssa Barbara Ficociello 27 novembre

Dettagli

Piattaforma per studi su larga scala di eventi molecolari associati a patologie umane: applicazioni per la scoperta di nuovi farmaci

Piattaforma per studi su larga scala di eventi molecolari associati a patologie umane: applicazioni per la scoperta di nuovi farmaci Piattaforma per studi su larga scala di eventi molecolari associati a patologie umane: applicazioni per la scoperta di nuovi farmaci Roberto Ravazzolo Direttore Nicoletta Pedemonte Dirigente Biologo U.O.C.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso di Laurea Magistrale

Dettagli

Indice. Introduzione alle metodologie biochimiche 1 (Martino Luigi Di Salvo, Roberto Contestabile)

Indice. Introduzione alle metodologie biochimiche 1 (Martino Luigi Di Salvo, Roberto Contestabile) VII Indice Prefazione XII Capitolo 1 Introduzione alle metodologie biochimiche 1 (Martino Luigi Di Salvo, Roberto Contestabile) 1.1 La Biochimica, una scienza sperimentale 1 1.2 Come si progetta, si esegue

Dettagli

Chimica Farmaceutica e Tossicologica I Programma del corso A.A. 2013-2014

Chimica Farmaceutica e Tossicologica I Programma del corso A.A. 2013-2014 Chimica Farmaceutica e Tossicologica I Programma del corso A.A. 2013-2014 Federico Corelli ARGOMENTI Proprietà chimiche e fisiche dei farmaci Farmacocinetica Progettazione e sviluppo dei farmaci Profarmaci

Dettagli

Affidabilità nella diagnostica

Affidabilità nella diagnostica Affidabilità nella diagnostica Passione per la ricerca Research & Innovation è un laboratorio di medicina molecolare che esegue test genetici avanzati al servizio dei medici e delle strutture di diagnosi

Dettagli

Allegato 3. COD_TD2 MATERIE E PROVE DI ESAME

Allegato 3. COD_TD2 MATERIE E PROVE DI ESAME MATERIE E PROVE DI ESAME 1 Profilo 1 Esperto in tecnologie di pastificazione e spettrometria RAMAN Produzione di pasta Utilizzo del RAMAN Pasta di grano duro L amido La spettroscopia Raman 2 Profilo 2

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

Biosintesi non ribosomiale di metaboliti peptidici bioattivi

Biosintesi non ribosomiale di metaboliti peptidici bioattivi Biosintesi non ribosomiale di metaboliti peptidici bioattivi Principali bersagli degli antibiotici Gli antibiotici derivano per la maggior parte da composti naturali Strutture di alcuni peptidi bioattivi

Dettagli

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus UDA UDA N. 1 I Virus UDA 2 Attività patogena dei microrganismi ITIS ENRICO MEDI PIANO DELLA DISCIPLINA: Biologia, Microbiologia e Tecnologie di controllo Ambientale Classe 4Ab PIANO DELLE UDA ANNO 2013-2014

Dettagli

Tavoli tematici. Contributo

Tavoli tematici. Contributo 1 VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1. Dati proponente contributo Nome Simone Cognome Ronsisvalle Ente/organizzazione di appartenenza Dipartimento Scienze

Dettagli

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16 MASTER DEGREE IN MOLECULAR AND MEDICAL BIOTECHNOLOGY AA 2015/16 Classe LM-9 - Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche Come iscriversi Il Corso di Studio è ad accesso non programmato Accesso

Dettagli

LT in Biotecnologie Agripolis, 24 marzo 2015

LT in Biotecnologie Agripolis, 24 marzo 2015 BIOTECNOLOGIE APPLICATE A CELLULE ANIMALI Colture cellulari e le loro applicazioni: isolamento di cellule in coltura. Tipi di colture. Parametri per la caratterizzazione e il monitoraggio di cellule in

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE?

COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? COME VIENE REALIZZATA UNA RICERCA SPERIMENTALE IN BIOLOGIA MOLECOLARE? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE 0. RICHIESTA DI STUDIARE E/O INDIVIDUARE

Dettagli

BORSE DI STUDIO PER LA FORMAZIONE DI RICERCATORI PER LO STUDIO DI FARMACI SULLE MALATTIE RARE PON01_00862

BORSE DI STUDIO PER LA FORMAZIONE DI RICERCATORI PER LO STUDIO DI FARMACI SULLE MALATTIE RARE PON01_00862 BORSE DI STUDIO PER LA FORMAZIONE DI RICERCATORI PER LO STUDIO DI FARMACI SULLE MALATTIE RARE PON01_00862 SCADENZA 30 giugno 2012 Pagina 1 di 6 PREMESSA Dompè SpA, Axxam SpA, Italsitemi Srl, aziende farmaceutiche

Dettagli

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO DENOMINAZIONE del Dipartimento SCIENZE DELLA VITA PROGETTO SCIENTIFICO E DIDATTICO che abbia una sostenibilità al 31.12.2016 Il Dipartimento di Scienze della Vita

Dettagli

Controllo microbiologico degli alimenti: metodi a confronto

Controllo microbiologico degli alimenti: metodi a confronto Fiera di Cremona, venerdì 17 aprile 2009 Controllo microbiologico degli alimenti: metodi a confronto Valerio Giaccone Facoltà di Medicina veterinaria Università di Padova Dal 1 gennaio 2006 è entrata in

Dettagli

24-Classe delle lauree in scienze e tecnologie farmaceutiche Nome del corso TECNICHE ERBORISTICHE

24-Classe delle lauree in scienze e tecnologie farmaceutiche Nome del corso TECNICHE ERBORISTICHE Università Università degli Studi di Trieste Classe 24-Classe delle lauree in scienze e tecnologie farmaceutiche Nome del corso TECNICHE ERBORISTICHE Adeguamento di TECNICHE ERBORISTICHE (codice=32658)

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

24-Classe delle lauree in scienze e tecnologie farmaceutiche INFORMAZIONE SCIENTIFICA SUL FARMACO Nome del corso

24-Classe delle lauree in scienze e tecnologie farmaceutiche INFORMAZIONE SCIENTIFICA SUL FARMACO Nome del corso Università Università degli Studi di Trieste Classe 24-Classe delle lauree in scienze e tecnologie farmaceutiche INFORMAZIONE SCIENTIFICA SUL FARMACO Nome del corso Modifica di INFORMAZIONE SCIENTIFICA

Dettagli

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

ID4165/2007 PROGETTO R&S Enzimi per biocatalisi.

ID4165/2007 PROGETTO R&S Enzimi per biocatalisi. DG Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI FLAMMA - FLAMMA Spa Chignolo d Isola (BG) - KTEDOGEN Srl Milano - INNOVATE BIOTECHNOLOGY Srl Vigevano (PV) - GNOSIS

Dettagli

Ricerca farmacologica priclinica e clinica

Ricerca farmacologica priclinica e clinica Ricerca farmacologica priclinica e clinica SPERIMENTAZIONE PRECLINICA DURATA MEDIA?? ANNI Consente di isolare, dalle migliaia di sostanze sottoposte al primo screening di base farmacologico e biochimico,

Dettagli

Mitocondri e malattie neurodegenerative. metabolismo energetico bilancio redox sopravvivenza cellulare metabolismo del calcio

Mitocondri e malattie neurodegenerative. metabolismo energetico bilancio redox sopravvivenza cellulare metabolismo del calcio Mitocondri e malattie neurodegenerative Mitocondri metabolismo energetico bilancio redox sopravvivenza cellulare metabolismo del calcio Danno mitocondriale: dismetabolismo energetico (necrosi) stress ossidativo

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree in Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree in Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 202-203. Per ulteriori informazioni si rimanda al numero telefonico : 032 660 63 Sig.ra Stefania Perasso. Corso

Dettagli

DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014

DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 DMM SCIENTIFIC MEETING - PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 QUESTIONARIO RISPOSTE CORRETTE 1. I vaccini a DNA sono potenziati dall uso della elettroporazione in

Dettagli

www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it

www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it www.biotecnologie.univaq.it FACOLTA DI BIOTECNOLOGIE Delegata all orientamento Prof. Anna Poma anna.poma@cc.univaq.it Le Biotecnologie La fine del XX secolo ha conosciuto un incredibile sviluppo della

Dettagli

VIRTUALAB PON01_01297 PON01_01297

VIRTUALAB PON01_01297 PON01_01297 VIRTUALAB Sistemi Avanzati di Meccatronica Biomedicale di Diagnosi e Terapia Medica basati su Realtà Virtuale e Aumentata, Microelettronica, e su Laboratori robotizzati ad elevato throughput Soggetti proponenti

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA www.farmacia.uniba.it Campus - Via Orabona 4-70125 - Bari

FACOLTÀ DI FARMACIA www.farmacia.uniba.it Campus - Via Orabona 4-70125 - Bari FACOLTÀ DI FARMACIA www.farmacia.uniba.it Campus - Via Orabona 4-70125 - Bari Preside prof. Roberto Perrone Tel. 080.544.2680-3601; fax 080.5442050; e-mail: segrfarm@farmacia.uniba.it, preside@farmacia.uniba.it

Dettagli

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni

Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Diagnostica Biomolecolare: Tecnologie e Applicazioni Preparazione dei campioni: (Estrazione del DNA o dell RNA dal tessuto di interesse) Analisi delle mutazioni: SSCP DHPLC Dot blot - Southern - PCR (ARMS

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL MASTER IN BIOMEDICINA MOLECOLARE. Di.S.Te.B.A.

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL MASTER IN BIOMEDICINA MOLECOLARE. Di.S.Te.B.A. SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL MASTER IN BIOMEDICINA MOLECOLARE DIPARTIMENTO PROPONENTE RIFERIMENTI DELLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI DIPARTIMENTO DI APPROVAZIONE DELL INIZIATIVA FORMATIVA (indicare, eventualmente,

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA. presidenza Preside: Prof. Filippo Maria Pirisi

FACOLTÀ DI FARMACIA. presidenza Preside: Prof. Filippo Maria Pirisi FACOLTÀ DI FARMACIA sede via Ospedale, 72 09124 Cagliari Palazzo delle Scienze sito web: http://farmacia.unica.it e-mail: presfarm@unica.it Segreteria di Presidenza tel. 070 675 8601-8602 fax 070 675 8612

Dettagli

Allegato A) REGIONI: FRIULI-VENEZIA GIULIA / TRENTINO-ALTO ADIGE / VENETO

Allegato A) REGIONI: FRIULI-VENEZIA GIULIA / TRENTINO-ALTO ADIGE / VENETO Linea strategica: Dispositivi e sensori innovativi Tematica di lavoro: Proteine transmembrana e loro effetti sul trasporto cellulare, Scienze biologiche, Chimica e tecnologie farmaceutiche, Biotecnologie

Dettagli

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010 PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI VETTORI λ (15-20 Kb) = vettori ottenuti apportando delle modifiche al genoma del batteriofago λ. COSMIDI (40-45 Kb) = plasmidi che contengono i siti cos di λ utili per

Dettagli

Le nanotecnologie farmaceutiche utilizzano sistemi vettori di dimensioni nanometriche che veicolano farmaci e/o agenti diagnostici in essi

Le nanotecnologie farmaceutiche utilizzano sistemi vettori di dimensioni nanometriche che veicolano farmaci e/o agenti diagnostici in essi Le nanotecnologie farmaceutiche utilizzano sistemi vettori di dimensioni nanometriche che veicolano farmaci e/o agenti diagnostici in essi incapsulati, dispersi, adsorbiti o coniugati. Le dimensioni inferiori

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACODINAMICA La farmacodinamica può essere definita come lo studio degli effetti biochimici e fisiologici dei farmaci e dei loro meccanismi d azione. Gli obiettivi dell analisi

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 Personale dei docenti Loredana Decarlo Mascaro Salvatore per la classe V CH. Serale 1) PREREQUISITI Conoscenza dei gruppi funzionali e dei modelli

Dettagli

ALLEGATO A Corso di Laurea in TECNICHE ERBORISTICHE Classe di laurea L-29 Scienze e Tecnologie Farmaceutiche

ALLEGATO A Corso di Laurea in TECNICHE ERBORISTICHE Classe di laurea L-29 Scienze e Tecnologie Farmaceutiche - 1 - ALLEGAT A Corso di Laurea in TECNICHE ERBRISTICHE Classe di laurea L-29 Scienze e Tecnologie Farmaceutiche Descrizione del percorso formativo Il Corso di Studi in Tecniche Erboristiche ha una durata

Dettagli

CORSO: ALIMENTAZIONE. ALIMENTI FUNZIONALI - NUTRACEUTICI- PREBIOTICI e PROBIOTICI NELLA SALUTE UMANA - NUTRIGENOMICA e NUTRIGENETICA

CORSO: ALIMENTAZIONE. ALIMENTI FUNZIONALI - NUTRACEUTICI- PREBIOTICI e PROBIOTICI NELLA SALUTE UMANA - NUTRIGENOMICA e NUTRIGENETICA PRESENTAZIONE CORSO ECM FAD CORSO: ALIMENTAZIONE ALIMENTI FUNZIONALI - NUTRACEUTICI- PREBIOTICI e PROBIOTICI NELLA SALUTE UMANA - NUTRIGENOMICA e NUTRIGENETICA a cura dell ISTITUTO DI SCIENZE DELL ALIMENTAZIONE

Dettagli

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica:

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica: DNA Microarray: griglia di DNA costruita artificialmente, in cui ogni elemento della griglia riconosce una specifica sequenza target di RNA o cdna. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di

Dettagli

Farmaci del sistema nervoso autonomo

Farmaci del sistema nervoso autonomo Farmaci del sistema nervoso autonomo Farmaci colinergici Esercitano i loro effetti farmacologici sul sistema nervoso parasimpatico che utilizza Acetilcolina come mediatore chimico L acetilcolina (Ach)

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE

In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE MEDICHE CLASSE LM-9 Avvertenze per la compilazione:

Dettagli

FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU FREQUENTE USO TERAPEUTICO

FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU FREQUENTE USO TERAPEUTICO Seminario Stili di vita e idoneità al lavoro:uso di farmaci psicotropi Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Associazione Parmense dei Medici del Lavoro FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA. www.farmacia.uniba.it

FACOLTÀ DI FARMACIA. www.farmacia.uniba.it Farmacia FACOLTÀ DI FARMACIA www.farmacia.uniba.it Presidenza Campus - Via Orabona 4-70125 Bari Preside: prof. Marcello Ferappi Tel. 080.5442045-2521; e-mail: segrfarm@farmacia.uniba.it Presidente del

Dettagli

L alunno dovrà: Comprendere le principali caratteristiche del carbonio;

L alunno dovrà: Comprendere le principali caratteristiche del carbonio; Obiettivi minimi di apprendimento, area chimico biologica, da raggiungere al termine dell'a.s. da parte degli alunni per l'ammissione alla classe successiva L alunno dovrà: Comprendere le principali caratteristiche

Dettagli

Corso di Laurea in BIOTECNOLOGIE

Corso di Laurea in BIOTECNOLOGIE Dipartimento di Scienze Biomolecolari Struttura Didattica di Biotecnologie Corso di Laurea in BIOTECNOLOGIE E-mail biotecnologie@uniurb.it Sito web www.uniurb.it/biotecnologie/ Attività Didattica Informazioni

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

- AXXAM Spa Milano - DOMPÈ PHA.R.MA Spa L Aquila - ISTITUTO CLINICO HUMANITAS Spa Rozzano (MI) - BIOXELL Spa Milano

- AXXAM Spa Milano - DOMPÈ PHA.R.MA Spa L Aquila - ISTITUTO CLINICO HUMANITAS Spa Rozzano (MI) - BIOXELL Spa Milano SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI AXXAM - AXXAM Spa Milano - DOMPÈ PHA.R.MA Spa L Aquila - ISTITUTO CLINICO HUMANITAS Spa Rozzano (MI) - BIOXELL Spa Milano ID69/2005 PROGETTO R&S Piattaforma integrata

Dettagli

Corso di Laurea in Ortottica ed Assistenza Oftalmologica PROGRAMMA. C.I Scienze Biologiche e Biochimiche

Corso di Laurea in Ortottica ed Assistenza Oftalmologica PROGRAMMA. C.I Scienze Biologiche e Biochimiche Corso di Laurea in Ortottica ed Assistenza Oftalmologica PROGRAMMA C.I Scienze Biologiche e Biochimiche Insegnamento: BIOCHIMICA Docente: Prof.ssa Grosso Atomo e particelle sub-atomiche Numero atomico

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN IN BIOTECNOLOGIE SANITARIE,MEDICHE E VETERINARIE (LM-9) A.A. 2014/2015

LAUREA MAGISTRALE IN IN BIOTECNOLOGIE SANITARIE,MEDICHE E VETERINARIE (LM-9) A.A. 2014/2015 LAUREA MAGISTRALE IN IN BIOTECNOLOGIE SANITARIE,MEDICHE E VETERINARIE (LM-9) A.A. 2014/2015 GENERALITA Classe di laurea di appartenenza LM-9, Biotecnologie sanitarie mediche e veterinarie Durata del corso

Dettagli

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica Milano, 20 novembre 2015 Dott. Massimo Castoldi Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Medicina di precisione La transizione verso l'era della

Dettagli

Corsi di laurea nell ambito Tecnico-Scientifico FARMACEUTICO - MEDICO - VETERINARIO

Corsi di laurea nell ambito Tecnico-Scientifico FARMACEUTICO - MEDICO - VETERINARIO Corsi di laurea nell ambito Tecnico-Scientifico AREA SANITA I corsi di laurea sono obbligatoriamente a CICLO UNICO, C.U., solo nel comparto SALUTE - SANITA, composto da tre settori: FARMACEUTICO - MEDICO

Dettagli

Farmacodinamica II. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare

Farmacodinamica II. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Farmacodinamica II Mariapia Vairetti Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Processo di riconoscimento fra farmaco e recettore TIPI DI

Dettagli

NANOTECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CURA DEL CERVELLO

NANOTECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CURA DEL CERVELLO NANOTECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CURA DEL CERVELLO Tre punti chiave: 1. POTENZIALE DELLE NANOTECNOLOGIE IN AMBITO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO 2. COSA INTENDIAMO PER NANOMEDICINA 3. COME SVILUPPARE NANOFARMACI

Dettagli

RIAPERTURA TERMINI ELENCO PROPOSTE INSERIMENTI MEDIANTE TIROCINIO. (durata 12 mesi) Dipartimento di Architettura

RIAPERTURA TERMINI ELENCO PROPOSTE INSERIMENTI MEDIANTE TIROCINIO. (durata 12 mesi) Dipartimento di Architettura ALLEGATO 1 RIAPERTURA TERMINI ELENCO PROPOSTE INSERIMENTI MEDIANTE TIROCINIO (durata 12 mesi) CODICE SELEZIONE TIR02 Dipartimento di Architettura Profilo : Specialista con competenze di base utili per

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. B al bando di ammissione pubblicato in data 16/11/2015 ART. 1 - TIPOLOGIA L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2015/2016, il Master Universitario di II livello in Genetica Oncologica,

Dettagli

SCIENZE. facoltà di. guida alle facoltà 2010/2011. Via Brecce Bianche, 12 Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204512

SCIENZE. facoltà di. guida alle facoltà 2010/2011. Via Brecce Bianche, 12 Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204512 f a c o l t à d i S C I E N Z E UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204512 SCIENZE Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE BIOLOGICHE SCIENZE

Dettagli

Comunicazione chimica

Comunicazione chimica Comunicazione chimica La comunicazione tra le cellule Modalità di comunicazione cellulare: Mediante messaggi elettrici Mediante messaggi chimici In ambedue le modalità il messaggio, sia esso una variazione

Dettagli

METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI

METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI Marcatura di acidi nucleici Una sonda per ibridazione è una molecola di DNA marcata, con una sequenza complementare al DNA bersaglio da individuare. Poiché la sonda

Dettagli

Le Offerte Formative della Facoltà di Farmacia di Sassari

Le Offerte Formative della Facoltà di Farmacia di Sassari Le Offerte Formative della Facoltà di Farmacia di Sassari Sede Sede Laboratori Via Via Vienna Vienna 2 Sede Centrale Via Muroni 23/A La Facoltà di Farmacia conferisce Lauree Specialistiche in: Farmacia

Dettagli

A Biomed Kind of Island. Giuseppe Serra Sardegna Ricerche

A Biomed Kind of Island. Giuseppe Serra Sardegna Ricerche A Biomed Kind of Island Giuseppe Serra Sardegna Ricerche MISSION SARDEGNA RICERCHE L Agenzia del Governo Regionale per l innovazione e la R&S Supportare il Governo Regionale nell attuazione delle politiche

Dettagli

SCIENZA DEI MATERIALI E SCIENZE DELLA VITA OBIETTIVI CONVERGENTI NELLA NANOMEDICINA

SCIENZA DEI MATERIALI E SCIENZE DELLA VITA OBIETTIVI CONVERGENTI NELLA NANOMEDICINA SCIENZA DEI MATERIALI E SCIENZE DELLA VITA OBIETTIVI CONVERGENTI NELLA NANOMEDICINA EUGENIO TONDELLO Dipartimento di Scienze Chimiche - Università di Padova Consorzio INSTM e CNR DPM-ISTM Bressanone, 21

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica... 1. Capitolo 2 Acidi nucleici con funzione terapeutica... 11

Indice. Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica... 1. Capitolo 2 Acidi nucleici con funzione terapeutica... 11 Romane Giacca 4b 17-02-2011 11:14 Pagina XI Capitolo 1 Introduzione alla terapia genica........................... 1 Geni come farmaci...................................... 1 Terapia genica: una visione

Dettagli

La trasduzione del segnale intracellulare

La trasduzione del segnale intracellulare La trasduzione del segnale intracellulare Chemical signaling mechanisms Amplification in signal transduction pathways Un aspetto importante è il controllo temporale del comportamento cellulare: il trasferimento

Dettagli

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica I Corsi di Studio in Fisica comprendono quattro percorsi didattici. Al termine di ciascun percorso si consegue uno dei seguenti

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE A.S. 2012/2013

Dettagli

Funzioni della membrana plasmatica

Funzioni della membrana plasmatica TRASPORTO M.P. -Omeostasi cellulare Funzioni della membrana plasmatica Mantenimento della conc. intracell. di ioni e molecole entro valori corretti Scambi interno - esterno Non c è consumo E Consumo E

Dettagli

SEDE E CONTATTI. Direttore Struttura Complessa: Prof.ssa Rossana CAVALLO MACROAREA BATTERIOLOGIA MACROAREA VIROLOGIA E BIOLOGIA MOLECOLARE

SEDE E CONTATTI. Direttore Struttura Complessa: Prof.ssa Rossana CAVALLO MACROAREA BATTERIOLOGIA MACROAREA VIROLOGIA E BIOLOGIA MOLECOLARE afferente al Dipartimento Qualità e Sicurezza dei percorsi di Diagnosi e Cura Direttore Struttura Complessa: Prof.ssa Rossana CAVALLO SEDE E CONTATTI Ospedale MOLINETTE - Ingresso: Corso Bramante, 88-10126

Dettagli

ANTIAGING PROFILE. Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST

ANTIAGING PROFILE. Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST Cod. ID: Data: Paziente: ANTIAGING PROFILE Valutazione globale dello stress ossidativo ANTIAGING PROFILE COS E ANTIAGING PROFILE? GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST LO STRESS OSSIDATIVO NOME COGNOME Cod. ID 215xxxxx

Dettagli

Ricerca e sviluppo: non solo competitività ma speranza

Ricerca e sviluppo: non solo competitività ma speranza Ricerca e sviluppo: non solo competitività ma speranza Sergio Dompé Presidente Farmindustria Malattie rare e disabilità Siamo rari ma tanti Roma, 1 dicembre 2006 Ogni quattro mesi, uno di vita in più Italia:

Dettagli

ALIMENTI: NUOVE PROSPETTIVE DI PREVENZIONE I FARMA-ALIMENTI:

ALIMENTI: NUOVE PROSPETTIVE DI PREVENZIONE I FARMA-ALIMENTI: ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA I FARMA-ALIMENTI: ALIMENTI: NUOVE PROSPETTIVE DI PREVENZIONE Patrizia Hrelia Dipartimento di Farmacologia Bologna, 25 marzo 2010 1 Invecchiamento della popolazione

Dettagli

BIOTECNOLOGIE UNIVERSITA DI UDINE. CORSO DI STUDIO in

BIOTECNOLOGIE UNIVERSITA DI UDINE. CORSO DI STUDIO in UNIVERSITA DI UDINE 1. DIPARTIMENTO DI CHIMICA, FISICA E AMBIENTE 2. DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEGLI ALIMENTI 3. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE ED AMBIENTALI 4. DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED INFORMATICA

Dettagli

CHIMICA FARMACEUTICA DEI PRODOTTI BIOTECNOLOGICI

CHIMICA FARMACEUTICA DEI PRODOTTI BIOTECNOLOGICI CHIMICA FARMACEUTICA DEI PRODOTTI BIOTECNOLOGICI TITOLARE del CORSO: Prof. Marzia Bianchi Tel: 0722 304960; 0722 305201 e-mail: marzia.bianchi@uniurb.it STRUTTURA del CORSO: Il corso si articola in lezioni

Dettagli

GENETICA E GENOMICA. La Missione. BIOTEC GEN

GENETICA E GENOMICA. La Missione. BIOTEC GEN GENETICA E GENOMICA La Missione. Ricerca e sviluppo a livello pilota e/o prototipale di processi/prodotti a base biologica, a forte contenuto innovativo e suscettibili di interesse per imprese industriali

Dettagli

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo)

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) Regolazione della trascrizione Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) I geni possono essere accesi e spenti In un organismo pluricellulare adulto, vi sono molti tipi di cellule differenti,

Dettagli

L adattamento dei batteri. Strategie di adattamento

L adattamento dei batteri. Strategie di adattamento L adattamento dei batteri Strategie di adattamento mutazione trasferimento genico orizzontale regolazione dell espressione genica regolazione della trascrizione regolazione della traduzione regolazione

Dettagli

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine Il flusso dell informazione genetica DNA -->RNA-->Proteine Abbiamo visto i principali esperimenti che hanno dimostrato che il DNA è la molecola depositaria dell informazione genetica nella maggior parte

Dettagli

Allegato 3.3 GIUDIZI INDIVIDUALI

Allegato 3.3 GIUDIZI INDIVIDUALI Allegato 3.3 GIUDIZI INDIVIDUALI Candidato: ENZO AGOSTINELLI Giudizio del Prof. C. Balduini La produzione scientifica del candidato, documentata dai lavori presentati, è indirizzata allo studio di diversi

Dettagli

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company La cellula Gli organismi contengono organi, gli organi sono costituiti da tessuti, i tessuti sono composti da cellule e le cellule sono formate da molecole Evoluzione molecolare L evoluzione è un processo

Dettagli

FINALITÀ DELL AGGREGAZIONE BIOCAM

FINALITÀ DELL AGGREGAZIONE BIOCAM Ricerca, Innovazione & Competitività per la Crescita Economica e l Internazionalizzazione Prospettive ed Opportunità dei Cluster Pubblico/Privati negli Ambiti Agroalimentare, Biotecnologico e Farmaceutico

Dettagli

STRESS OSSIDATIVO. Le specie reattive all ossigeno si formano continuamente nell organismo in seguito ai normali processi metabolici.

STRESS OSSIDATIVO. Le specie reattive all ossigeno si formano continuamente nell organismo in seguito ai normali processi metabolici. STRESS OSSIDATIVO I lipidi, così come del resto altre macromolecole quali proteine, carboidrati e acidi nucleici, possono andare incontro a reazioni di ossidazione. L ossidazione è un processo estremamente

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FARMACIA

DIPARTIMENTO DI FARMACIA TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI A PAGAMENTO 15 NOVEMBRE 2013 1) Supervisione della documentazione chimico-farmaceutica e tecnico analitica approntata da terzi per la registrazione di specialità farmaceutica

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea magistrale in Biotecnologie Mediche

Regolamento didattico del Corso di Laurea magistrale in Biotecnologie Mediche Regolamento didattico del Corso di Laurea magistrale in Biotecnologie Mediche 1. Denominazione e durata del Corso di Laurea Il Corso di Laurea magistrale o specialistica in Biotecnologie Mediche appartiene

Dettagli

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA.

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. La Scuola di specializzazione in Genetica medica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe dei Servizi

Dettagli

Definizione di motore molecolare e di sistemi su nanoscala

Definizione di motore molecolare e di sistemi su nanoscala 1 Definizione di motore molecolare e di sistemi su nanoscala 2 Macchine molecolari semplici devono prevedere almeno tre elementi (molecolari) funzionali e garantire tre requisiti fondamentali. Il campo

Dettagli

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria

finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria Genova 17 novembre 2009 Seminario finanziamenti pubblici ministeriali e regionali in ambito di ricerca biomedica e sanitaria dott. Cristina Grandi dott. Michela Ferlenghi finanziamenti pubblici, ministeriali

Dettagli