Reflusso Gastroesofageo - Caso clinico -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reflusso Gastroesofageo - Caso clinico -"

Transcript

1 Dipartimento di dicina Interna Università degli Studi di Roma La Sapienza Reflusso Gastroesofageo - Caso clinico - Prof. Sebastiano Filetti OBIETTIVO DIDATTICO Definire la storia naturale della malattia da reflusso Conoscere terapia medica e modalità di somministrazione e interazione farmacologica Conoscere come gestire una terapia medica a medio- lungo termine Identificare i pazienti candidati ad una terapia chirurgica Conoscere le complicanze della terapia chirurgica antireflusso e la qualità di vita del paziente dopo tale terapia 1

2 Montreal consensus panel (44 experts): a condition which develops when the reflux of stomach contents causes troublesome symptoms and/or complications Troublesome patient gets to decide when reflux interferes with lifestyle Vakil, et al. Am J Gastroenterol 2006;101:1900 Heartburn 1-2 hours after eating, often at night, antacid relief Regurgitation Spontaneous return of gastric contents proximal to GE jxn; less well relieved with antacids Dysphagia (40%) difficulty with swallowing should prompt search for pathologic condition 2

3 Atypical symptoms (20-25%) Cough Asthma Hoarseness on- cardiac chest pain - Caso clinico - Maschio, avvocato 43 anni 180 cm, 92 Kg Da qualche mese riferisce: sensazione fastidiosa retrosternale al passaggio del bolo pirosi e rigurgito acido post-prandiale frequenti risvegli notturni : Ø costretto ad alzarsi e camminare per almeno mezz ora per ridurre il bruciore Ø soprattutto dopo una cena abbondante o l assunzione di bevande alcoliche 3

4 - Caso clinico - Maschio, avvocato 43 anni 180 cm, 92 Kg elle ultime 4 settimane, per l intensità ingravescente dei sintomi, il paziente ha ridotto notevolmente l alimentazione, senza riportare, peraltro, un calo ponderale significativo. In particolare, ha ridotto il pasto serale, con discreto miglioramento dei disturbi - Caso clinico - Maschio, avvocato 43 anni 180 cm, 92 Kg Anamnesi familiare: padre deceduto per cancro gastrico Anamnesi fisiologica: stress lavorativi, ritmi di lavoro e dei pasti irregolari grande mangiatore e bevitore (assume superalcolici) fumo > 25 sigarette die non attività sportiva (ex-nuotatore) assume farmaci ansiolitici da circa 2 anni 4

5 - Caso clinico - Maschio, avvocato 43 anni 180 cm, 92 Kg Il medico curante, in presenza di una sintomatologia tipica per Malattia da Reflusso Gastro-Esofageo (MRGE), ha qualche dubbio sull immediato procedere: Somministrare subito un trattamento? Effettuare qualche indagine? SECODO VOI CHE COSA DEVE SUGGERIRE O PRESCRIVERE IL MEDICO? 1. Suggerire l adozione di norme igienichedietetiche 2. Prescrivere una terapia con antiacidi 3. Suggerire l esofagogastroduodenoscopia (EGDS) 4. Prescrivere una terapia antisecretiva con IPP 5. Eseguire una Ph-metria esofagea 5

6 Terapia Modifiche dello stile di vita Antiacidi e alginato PPI Opzioni Anti-H 2 Procinetici e farmaci motilizzanti Chirurgia Stop al fumo Basso consumo di sostanze pro-reflusso (es. alcool, caffè, cioccolata, menta ) orme comportamentali Riduzione di peso Stile di vita Pasti piccoli, non mettersi a letto subito dopo I pasti, ridurre I cibi grassi Sollevamento della testata del letto Valutare modifiche farmacologiche (es. Teoflllina, anticolinergici) 6

7 Suggerire l'adozione di norme igienicodietetiche L'adozione di norme igienico-dietetiche fa parte integrante dell'educazione alimentare che in ogni caso il medico deve fornire, considerando anche la frequenza di pazienti obesi o con assunzione eccessiva di cibo, bevande alcoliche, fumo, etc.. Tuttavia, esiste scarsa evidenza che tali raccomandazioni siano utili o comunque interferiscano positivamente nel trattamento del paziente con MRGE (ining A, Classen M. The role of diet and lifestyle measures in the pathogenesis and treatment of gastroesophageal reflux disease. Am J Gastroenterol 2000;95:2692-7) SECODO VOI CHE COSA DEVE SUGGERIRE O PRESCRIVERE IL MEDICO? 1.Suggerire l adozione di norme igienichedietetiche 2.Prescrivere una terapia con antiacidi 3.Suggerire l esofagogastroduodenoscopia (EGDS) 4.Prescrivere una terapia antisecretiva con IPP 5.Eseguire una Ph-metria esofagea 7

8 Antiacidi da contatto 1. Innalzano il ph del contenuto gastrico 2. Rapido sollievo dei sintomi di lieve entità 3. Poco efficaci per la terapia di esofagite da GERD 4. Effetti collaterali: 1. Accumulo nei pazienti con insufficienza renale 2. Sindrome alcalinizzante (ad alte dosi) 3. Stipsi 4. Diarrea Farmaci Antiacidi Sistemici: sodio bicarbonato Può provocare alcalosi sistemica, eruttazioni gassose con dilatazione della parete gastrica, ritorno acido on sistemici: ossidi, idrossidi, sali inorganici ed organici del calcio, del magnesio, del bismuto e dell alluminio. Es.: Magaldrato ( Riopan ) : [Al 5 Mg 10 (OH) 31 (SO 4 ) 2 ] idrato 8

9 Prescrivere una terapia con antiacidi La terapia con antiacidi è frequentemente prescritta dal dico in presenza di sintomi dispeptici o suggestivi di MRGE, ma non rientra in alcuna linea-guida internazionalmente accettata SECODO VOI CHE COSA DEVE SUGGERIRE O PRESCRIVERE IL MEDICO? 1.Suggerire l adozione di norme igienichedietetiche 2.Prescrivere una terapia con antiacidi 3. Suggerire l esofagogastroduodenoscopia (EGDS) 4.Prescrivere una terapia antisecretiva con IPP 5.Eseguire una Ph-metria esofagea 9

10 Suggerire un esofagogastroduodenoscopia (EGDS) L'effettuazione di una EGDS in prima battuta, se non sono presenti i sintomi d'allarme, non è necessaria Appropriate use of gastrointestinal endoscopy. Gastrointest Endoscopy 2000;52:831-7 SECODO VOI CHE COSA DEVE SUGGERIRE O PRESCRIVERE IL MEDICO? 1.Suggerire l adozione di norme igienichedietetiche 2.Prescrivere una terapia con antiacidi 3.Suggerire l esofagogastroduodenoscopia (EGDS) 4. Prescrivere una terapia antisecretiva con IPP 5.Eseguire una Ph-metria esofagea 10

11 Prescrivere una terapia antisecretiva con IPP Rappresenta lo standard terapeutico delle varie forme di MRGE (con o senza esofagite) In assenza di sintomi di allarme (disfagia, calo ponderale, anemizzazione) un approccio terapeutico empirico in pazienti con sintomi tipici è giustificato Dent J et al. An evidence-based appraisal of reflux disease management-the Genval Workshop report. Gut 1999;44 (suppl 2):1-16 Durata trattamento: 2-4 settimane, poi: Paziente asintomatico: sospensione Paziente sintomatico: proseguire ancora 1-2 settimane raddoppiando il dosaggio degli IPP Prescrivere una terapia antisecretiva con IPP L utilizzo degli IPP ha valore: diagnostico (ci dice che i sintomi sono legati alla MRGE) terapeutico (inizia il trattamento che ha le maggiori probabilità di rendere il soggetto asintomatico) 11

12 SECODO VOI CHE COSA DEVE SUGGERIRE O PRESCRIVERE IL MEDICO? 1.Suggerire l adozione di norme igienichedietetiche 2.Prescrivere una terapia con antiacidi 3.Suggerire l esofagogastroduodenoscopia (EGDS) 4.Prescrivere una terapia antisecretiva con IPP 5. Eseguire una Ph-metria esofagea Eseguire una ph-metria esofagea L'unica modalità oggettiva di misurazione del RGE (gold-standard diagnostico) Test di secondo livello: utile se l'esame endoscopico non ha dimostrato l'esistenza di esofagite o delle sue complicanze Invasivo, ha dei costi, presenta valori di sensibilità e specificità non molto migliori del test agli IPP Dig Liv Dis 2000;32: Aliment Pharmacol Ther 2000;14:

13 Eseguire una ph-metria esofagea Altre indicazioni: Valutazione del paziente con MRGE refrattario alla terapia con IPP Valutazione del paziente con sintomi "atipici" Valutazione pre e post-operatoria in caso di chirurgia antireflusso PPI vs inibitori recettore H2 PPI Proton pump inhibitors are more effective for healing and symptom relief than histamine H2-receptor antagonists; their efficacy is proportional to their ability to reduce intragatric acidity Canadian Consensus Conference on the menagement of GERD in adults

14 Inibitori della pompa protonica (PPI) 1. Omeprazolo 2. Lansoprazolo 3. Pantoprazolo 4. Rabeprazolo 5. Esomeprazolo 14

15 IIBITORI DI POMPA PROTOICA D O S A G G I O zza dose Dose piena Doppia dose Omeprazolo 10 mg 20 mg 40 mg Rabeprazolo 10 mg 20 mg 40 mg Lansoprazolo 15 mg 30 mg 60 mg Pantoprazolo 20 mg 40 mg 80 mg % di guarigione dell esofagite con i diversi PPI L = lansoprazolo P = pantoprazolo O = omeprazolo R = rabeprazoleo 30 = 30 mg/die, 20 = 20 mg/die, 40 = 40 mg/die Petite et al. L30/O20 Castell et al. L30/O20 e et al. L30/O20 Mulder et al. L30/O40 Mossneret al. P40/O20 Corinaldesi et al. P40/O20 Hotz et al. P40/O20 Vicari et al. P40/O20 Thjodleifsson et al. R20/O20 Dekkers et al. R20/O Pazienti guariti a 8 settimane (%) Thomson, Curr Gastroenterol Rep 2000; 2:

16 PPI e Malattia da reflusso gastroesofageo (diversa efficacia in ERD e EE!!) Fass, JCG 2007 PPI: Chimica Derivati benzimidazolici sostituiti (e.g., solfinilbenzimidazoli) sono il prototipo dei PPI. Tutti contengono un anello piridinico basico che si protona nel fluido gastrico, permettendo il legame del farmaco ai residui anionici dell enzima. Questi composti contengono anche un atomo di zolfo (il gruppo sulfinile), ma sono dei profarmaci inattivi. Quando vengono attivati per protonazione, subiscono una serie di riarrangiamenti non-enzimatici che rendono reattivo l atomo di zolfo, che a sua volta si lega covalentemente al gruppo SH della CYS 813 dell ATPasi. Una volta che si è formato il ponte disolfuro, l H + /K + -ATPasi è inattivata irreversibilmente, per cui i PPI hanno una lunga durata di azione. 16

17 PPI: ccanismo di attivazione O O O O O S O H H + O H S O H O H S O H O H S OH H OH Omeprazolo Forma protonata attivata Intermedio spiro labile H 2 O O O O H S S Enz Enz SH S H 2 O S OH H O Enzima inattivato O Solfenamide O Acido solfenico Enz SH Formazione del ponte disolfuro PPI: ccanismo di azione 17

18 PPI: Introduzione I PP inibitori bloccano l effetto di tutti gli agenti stimolanti la secrezione gastrica, inclusa la gastrina, per cui determinano aumento della secrezione di gastrina con conseguente ipergastrinemia ed iperplasia delle cellule enterocromaffino-simili del fondo gastrico. Fortunatamente non si è osservata nell uomo la progressione dei carcinomi dello stomaco vista negli animali. PPI: tabolismo dell Omeprazolo O O CYP 2C 19 S O O-dealchilazione S O O H HO H Omeprazolo Fenolo (inattivo) CYP 3A4 ossidazione riduzione O O O S O O H O S H Solfone (inattivo) Tioetere (inattivo) 18

19 PPI: Interazioni tra farmaci I PP inibitori si legano in misura notevole alle proteine sieriche e vengono estesamente trasformati dal sistema enzimatico CYP 450 (in particolare le isoforme 2C9 e 3A4) in metaboliti inattivi. Alcuni composti (specialmente l omeprazolo) inibiscono queste isoforme e possono dare importanti interazioni farmaco-farmaco ITERAZIOE DEGLI IPP 19

20 PPI: meccanismo d azione Secrezione nei canalicoli e attivazione per idrolisi acida. Formazione di legami covalenti con la pompa K + /H + -ATPasi Inibizione irreversibile della pompa protonica per formazione di legami disolfuro e conseguente inibizione della secrezione gastrica acida basale e stimolata La cellula dovrà sintetizzare nuove pompe o attivare quelle già esistenti per svolgere la sua funzione Pharmacology 1999 PPI: un paio di domande? Sono veri farmaci o solo protettori? Sono uguali tra loro? 20

21 PPI: farmacocinetica-metabolismo ü Assorbimento intestinale (ritardato dalla concomitante assunzione di cibo che ne riduce anche la biodisponibilità) e distribuzione nell organismo CYP2C19 * esomeprazolo CYP450 pantoprazolo omeprazolo CYP3A4 Sulfotransferasi citosolica * Attenzione ai slow metabolisers, 2 6% Caucasici, 18 23% Asiatici PPI:farmacocinetica-interazioni Eur J Gastroenterol Hepatol 2001,mod. 21

22 PPI: farmacocinetica-escrezione Lansoprazolo Omeprazolo Rabeprazolo Esomeprazolo Pantoprazolo MADAICK R D Cleveland Clinic Journal of dicine 2011;78:

23 PPIs REDUCE THE EFFECT OF CLOPIDOGREL? FDA alert: Avoid using omeprazole or esomeprazole with clopidogrel FDA labeling: Possible risk of fracture with PPIs based on the data so far, it appears possible that there is a small, albeit statistically significant, association between PPI use and fracture risk. PPI: effetti collaterali Occasionali (<5%) Cefalea Diarrea Dolore addominale Costipazione Flautolenza Reazioni allergiche lievi Rari (<1%) Vertigini Orticariaangioedema Reazioni anafilattiche Casi Isolati Febbre Edema periferico Aumento Trigliceridi e gamma-gt Gli effetti collaterali dei PPI riguardano circa il 5% dei pazienti Am J Health Syst Pharm

24 PPI: effetti collaterali L uso prolungato può indurre atrofia della mucosa gastrica Aumento della gastrina sierica: nell uomo 1,5 volte il normale, reversibile all interruzione della terapia Studi di follow-up a 10 anni hanno mostrato che l aumento della gastrina non provoca, nell uomo, trasformazione displastica della mucosa gastrica ma solo aspetti di iperplasia EJM 1991, Digestion 2001 PPI: un paio di domande? ü Sono veri farmaci o solo protettori? Sono uguali tra loro? 24

25 PPI: efficacia ü Omeprazolo 20, lansoprazolo 30, rabeprazolo 20, pantoprazolo 40 sono equivalenti come efficacia di inibizione acida gastrica* ü Esomeprazolo sembra 40 lievemente superiore in termini di inibizione acida gastrica in alcuni studi** ü Tali studi, peraltro, o non erano in doppio cieco o veniva confrontato l esomeprazolo 40 con l omeprazolo 20 mg** Gastroenterology 2000; Aliment Pharmacol Ther 2000**; Drugs 2005* PPI: efficacia 25

26 PPI: in sintesi v I v I PPI sono i farmaci più efficaci per il trattamento della MRGE e possono essere usati in associazione ai procinetici e all acido alginico v Sono farmaci fondamentalmente sicuri* ed equivalenti come efficacia terapeutica e incidenza di effetti collaterali. ** v Vanno tenute in considerazione le diverse interazioni col citocromo P450 in particolare nei pazienti anziani, epatopatici e, soprattutto, in quelli sottoposti a politerapia farmacologica *Drugs 2005, **Pharmacology 1999 MRGE: schema di trattamento 26

27 MRGE: schemi di trattamento Continuativa Intermittente On demand Esofagite>1-2grado on responders Patologie concomitanti <3 recidive/anno Esofagite I-II grado Sintomi lievi ERD mg die 2-4 settimane a dosi piene (30-40 mg anche bid) 10-20mg ogni tre giorni Am J Gastroenterol 1998; Gut 1999; BMJ Caso clinico - Maschio, avvocato 43 anni 180 cm, 92 Kg Il paziente effettua la terapia prescritta, con completa scomparsa dei sintomi 27

28 DOPO LE 6 SETTIMAE DI TERAPIA COME DEVE COMPORTARSI IL MEDICO CURATE? 1. Sospendere la terapia 2. Sospendere la terapia e consigliare l esecuzione di un EGDS di controllo 3. Consigliare la riduzione del dosaggio di IPP 4. Consigliare l esecuzione di un test all ureasi 5. Consigliare l uso di IPP al bisogno (on demand) DOPO LE 6 SETTIMAE DI TERAPIA COME DEVE COMPORTARSI IL MEDICO CURATE? 1. Sospendere la terapia 2. Sospendere la terapia e consigliare l esecuzione di un EGDS di controllo 3. Consigliare la riduzione del dosaggio di IPP 4. Consigliare l esecuzione di un test all ureasi 5. Consigliare l uso di IPP al bisogno (on demand) 28

29 Sospendere la terapia La MRGE è una patologia con una notevole tendenza alla recidiva (sia dei sintomi che, se presenti, delle lesioni endoscopiche) Ø a 6 mesi dalla sospensione dell'ipp la maggioranza dei pazienti ha recidive La sospensione di tali farmaci va pertanto graduata con una metodologia "step-down" di riduzione. Carlsson R et al. Gastro-oesophageal reflux disease in primary care: an international study of different treatment strategies with omeprazole. Eur J Gastroenterol Hepatol 1998;10: DOPO LE 6 SETTIMAE DI TERAPIA COME DEVE COMPORTARSI IL MEDICO CURATE? 1. Sospendere la terapia 2. Sospendere la terapia e consigliare l esecuzione di un EGDS di controllo 3. Consigliare la riduzione del dosaggio di IPP 4. Consigliare l esecuzione di un test all ureasi 5. Consigliare l uso di IPP al bisogno (on demand) 29

30 Sospendere la terapia e consigliare l'esecuzione di una EGDS di controllo L'esecuzione di una EGDS è consigliabile se il paziente non risponde alla terapia iniziale Dent J et al. An evidence-based appraisal of reflux disease management - the Genval Workshop report. Gut 1999;44(suppl 2):1-16 DOPO LE 6 SETTIMAE DI TERAPIA COME DEVE COMPORTARSI IL MEDICO CURATE? 1. Sospendere la terapia 2. Sospendere la terapia e consigliare l esecuzione di un EGDS di controllo 3. Consigliare la riduzione del dosaggio di IPP 4. Consigliare l esecuzione di un test all ureasi 5. Consigliare l uso di IPP al bisogno (on demand) 30

31 Consigliare la riduzione del dosaggio di IPP La riduzione "a scalare" (step-down) del dosaggio degli IPP è una terapia di mantenimento che consente risultati significativamente superiori rispetto al placebo e agli H2 antagonisti nel mantenimento di pazienti con esofagite Am J Gastroenterol 1999;94:931-6 Il rapporto di Genval consiglia di portare il dosaggio del PPI sino a quello minimo efficace Dent J et al. An evidence-based appraisal of reflux disease management -the Genval Workshop report. Gut 1999;44(suppl 2):1-16 DOPO LE 6 SETTIMAE DI TERAPIA COME DEVE COMPORTARSI IL MEDICO CURATE? 1. Sospendere la terapia 2. Sospendere la terapia e consigliare l esecuzione di un EGDS di controllo 3. Consigliare la riduzione del dosaggio di IPP 4. Consigliare l esecuzione di un test all ureasi 5. Consigliare l uso di IPP al bisogno (on demand) 31

32 Consigliare l'effettuazione di un test all'ureasi L'eradicazione dell'infezione da Helicobacter Pylori non determina né guarigione né consente di prevenire la recidiva della MRGE nell'ipotesi di una terapia cronica con IPP lo status Hp potrebbe avere un'importanza a causa delle interazioni tra terapia cronica con IPP ed infezione da Hp nello sviluppo della gastrite cronica atrofica Engl J d 1996;334: Aliment Pharmacol Ther 2001; 15 : DOPO LE 6 SETTIMAE DI TERAPIA COME DEVE COMPORTARSI IL MEDICO CURATE? 1. Sospendere la terapia 2. Sospendere la terapia e consigliare l esecuzione di un EGDS di controllo 3. Consigliare la riduzione del dosaggio di IPP 4. Consigliare l esecuzione di un test all ureasi 5. Consigliare l uso di IPP al bisogno (on demand) 32

33 Consigliare l uso di IPP al bisogno ( on demand ) uova terapia di mantenimento proposta nel caso di ERD (reflusso senza esofagite) el nostro caso il paziente non ha eseguito la EGDS: non è noto, quindi, se si tratta di MRGE con o senza esofagite o Le raccomandazioni delle principali società di Gastroenterologia, ad esempio quella americana, non pongono limitazioni temporali all'uso degli IPP come mantenimento DeVault KR, Castell DO. Updated guidelines for the diagnosis and treatment of gastroesophageal reflux disease. Am J Gastroenterol 1999;94:

34 - Caso clinico - Maschio, avvocato 43 anni 180 cm, 92 Kg Al paziente viene prescritta una terapia di mantenimento con dosi ridotte di IPP. Dopo circa 1 mese, il paziente si ripresenta al medico curante, con la stessa sintomatologia riferita in precedenza. Il medico, a questo punto, consiglia l esecuzione di una EGDS che dimostra esofagite erosiva grado B (classificazione di Los Angeles) gastrite da Helicobacter pylori (biopsia gastrica). - Caso clinico - Maschio, avvocato 43 anni 180 cm, 92 Kg Il medico curante invia il paziente allo specialista per l ulteriore gestione del caso. Lo specialista consiglia una terapia prolungata con IPP a dosaggio pieno 34

35 SECODO VOI, È IDISPESABILE ASSOCIARE A TALE TERAPIA U TRATTAMETO ERADICATE L IFEZIOE DA HELICOBACTER PYLORI? 1. Sì 2. o 3. Dipende dal grado di severità della gastrite 4. Le evidenze attualmente disponibili non sono tali da qualificare l eradicazione come trattamento indispensabile o Una terapia acido-inibente con IPP, in presenza di una gastrite HP positiva, può determinare una più veloce evoluzione verso la gastrite atrofica? Studio olandese: 230 pazienti terapia di mantenimento con omeprazolo 20 mg/die follow-up: 6,5 anni. L'incidenza annuale di atrofia: 4,7% nei soggetti HP+ VS lo 0,7% dei soggetti HP- l'atrofia si manifestava quasi esclusivamente in soggetti anziani o con gastrite moderata/severa già all'inizio dello studio. (Klinkenberg-Knol EC et al. Gastroenterology 2000;118:661-9) 35

36 o il Consensus Report di Maastricht consiglia: l'eradicazione dell'hp nella MRGE solo nei soggetti che richiedano "profonda soppressione long-term della secrezione gastrica" QUALE ATTEGGIAMETO È UTILE ELL ASSUMERE ELLO SCHEMA DI TERAPIA SUCCESSIVA? 1. Ottenuta la guarigione acuta con IPP, si può continuare con IPP allo stesso dosaggio o provare a ridurre progressivamente il dosaggio (schema step-down) 2. Ottenuta la guarigione acuta con IPP, è utile continuare con H2-antagonisti 3. Ottenuta la guarigione acuta, si possono impiegare dosaggi al bisogno (schema on demand) 36

37 QUALE ATTEGGIAMETO È UTILE ELL ASSUMERE ELLO SCHEMA DI TERAPIA SUCCESSIVA? 1. Ottenuta la guarigione acuta con IPP, si può continuare con IPP allo stesso dosaggio o provare a ridurre progressivamente il dosaggio (schema step-down) 2. Ottenuta la guarigione acuta con IPP, è utile continuare con H2-antagonisti 3. Ottenuta la guarigione acuta, si possono impiegare dosaggi al bisogno (schema on demand) Farmaci anti-h2 (cimetidina, ranitidina, famotidina, nizatidina, roxatidina). Hanno rappresentato una tappa importante nel trattamento dell ulcera peptica. Riducono la produzione di HCl antagonizzando competitivamente l effetto dell istamina sui recettori H2 della cellula parietale. on hanno gravi effetti collaterali (diarrea, mal di testa) possono essere utilizzati anche nella sindrome di Zollinger-Ellison, ma sono stati recentemente quasi completamente sostituiti dagli inibitori della pompa protonica. CIMETIDIA: poco utilizzata attualmente perché inibisce l attività del citocromo P450 (att.ne all associazione con altri farmaci) è in grado di legarsi ai recettori per gli androgeni ed agire da antagonista 37

38 H2 antagonisti Farmacocinetica Dose giornaliera Emivita (ore) Potenza relativa alla cimetidina Cimetidina 800 mg Ranitidina 300 mg Famotidina 40 mg 2, izadine 300 mg QUALE ATTEGGIAMETO È UTILE ELL ASSUMERE ELLO SCHEMA DI TERAPIA SUCCESSIVA? 1. Ottenuta la guarigione acuta con IPP, si può continuare con IPP allo stesso dosaggio o provare a ridurre progressivamente il dosaggio (schema step-down) 2. Ottenuta la guarigione acuta con IPP, è utile continuare con H2-antagonisti 3. Ottenuta la guarigione acuta, si possono impiegare dosaggi al bisogno (schema on demand).b. 38

39 Ottenuta la guarigione acuta, si possono impiegare dosaggi al bisogno (schema on demand) La proposta di una terapia con IPP al bisogno (on demand) è una nuova modalità di terapia di mantenimento proposta nel caso di ERD (reflusso senza esofagite). el nostro caso è stata diagnosticata un'esofagite di grado 2 quindi dopo il trattamento in acuto a pieno dosaggio per il mantenimento va fatta una terapia continuativa e prolungata nel tempo - Caso clinico - Maschio, avvocato 43 anni 180 cm, 92 Kg Dopo 1 anno di terapia con dosaggi ridotti di IPP (alla sospensione il paziente recidiva dopo poco tempo), il paziente chiede allo specialista la sua opinione circa un intervento di chirurgia antireflusso, poiché ha letto sul supplemento medico di un quotidiano che tale intervento può essere fatto con approccio mini-invasivo e che la percentuale di guarigione è ottima. Lo specialista gli presenta i dati di letteratura. 39

40 QUALE TRA LE SEGUETI COSIDERAZIOI RITIEI CORRETTA? 1. on esistono dati sull efficacia a lungo termine della issen laparoscopica 2. I dati sull efficacia a breve-medio termine indicano un efficacia di circa il 90% con un incidenza di disfagia non trascurabile 3. Dati di efficacia della issen (eseguita in laparotomia) provenienti dai centri non specialistici indicano risultati molto meno brillanti ottenuti in centri di riferimento 4. Confronti di lungo periodo tra terapia medica e chirurgica indicano che la seconda è certamente molto più efficace 5. Analisi di costo della terapia medica e di quella chirurgica dopo 5 anni indicano un vantaggio della seconda - Caso clinico - Maschio, avvocato 43 anni 180 cm, 92 Kg Il paziente a questo punto accetta di essere nuovamente trattato continuativamente con IPP a dosaggi ridotti, con buona risposta terapeutica. 40

41 UTILIZZO A LUGO TERMIE DEGLI IPP EFFICACIA E SICUREZZA umerosi studi in letteratura testimoniano come: La terapia a lungo termine con IPP non comporti rischi di particolare rilievo e che comunque questi siano reversibili con l'interruzione del farmaco. Le maggiori informazioni sull efficacia e la sicurezza degli IPP si riferiscono all omeprazolo, il farmaco che da più tempo è disponibile. UTILIZZO A LUGO TERMIE DEGLI IPP EFFICACIA E SICUREZZA ü Studio internazionale multicentrico ü Omeprazolo 20 mg ü 230 pazienti con esofagite severa ü Periodo: anni di trattamento RISULTATI: 86% dei pazienti: guarigione lesioni mucose (in circa 12 settimane) 14% guarivano aumentando la dose di omeprazolo Recidive: una ogni 9,4 anni (curabili con il semplice aumento del dosaggio) 41

42 UTILIZZO A LUGO TERMIE DEGLI IPP EFFICACIA E SICUREZZA Lo studio non ha evidenziato alcun serio effetto collaterale: Atrofia mucosa del corpo gastrico - 0,7% dei pazienti HP negativi vs il 4,7% in HP positivi essun caso di tumore gastrico né di displasia del corpo 42

La terapia della Malattia da reflusso gastroesofageo. Giorgio Menardo U.O : Medicina Interna e Gastroenterologia Ospedale San Paolo SAVONA

La terapia della Malattia da reflusso gastroesofageo. Giorgio Menardo U.O : Medicina Interna e Gastroenterologia Ospedale San Paolo SAVONA La terapia della Malattia da reflusso gastroesofageo Giorgio Menardo U.O : Medicina Interna e Gastroenterologia Ospedale San Paolo SAVONA OBBIETTIVI DELLA TERAPIA Alleviare i sintomi Guarire le lesioni

Dettagli

Terapia della Malattia da Reflusso Gastroesofageo

Terapia della Malattia da Reflusso Gastroesofageo Terapia della Malattia da Reflusso Gastroesofageo Alessandro Grasso UOC Medicina Interna 2 a a.grasso@asl2.liguria.it Tel: 335-247018 Terapia iniziale Terapia di mantenimento MRGE lieve MRGE severa o con

Dettagli

approfondimenti e buone pratiche su inibitori di pompa acida Aula Conferenze Hotel La Bitta Tortoli-Arbatax Giovedi 3 Dicembre 2015, ore 15:00

approfondimenti e buone pratiche su inibitori di pompa acida Aula Conferenze Hotel La Bitta Tortoli-Arbatax Giovedi 3 Dicembre 2015, ore 15:00 approfondimenti e buone pratiche su inibitori di pompa acida Aula Conferenze Hotel La Bitta Tortoli-Arbatax Giovedi 3 Dicembre 2015, ore 15:00 Un numero crescente di studi ha messo in evidenza come gli

Dettagli

ACIDITA. L acidità è stata da sempre considerata alla base di tutte le principali patologie esofagogastriche

ACIDITA. L acidità è stata da sempre considerata alla base di tutte le principali patologie esofagogastriche ACIDITA L acidità è stata da sempre considerata alla base di tutte le principali patologie esofagogastriche ACIDITA NO ACID, NO ULCER Inizi del 1900 LE PATOLOGIE ACIDO-CORRELATE SONO MULTIFATTORIALI 2003

Dettagli

Ranitidina. Enrico Valletta UOC Pediatria Forlì. lunedì 31 maggio 2010

Ranitidina. Enrico Valletta UOC Pediatria Forlì. lunedì 31 maggio 2010 Ranitidina Enrico Valletta UOC Pediatria Forlì 1 Christian Albert Theodor Billroth (Bergen auf Rügen, 26 agosto 1829 Abbazia, 6 febbraio 1894) 2 3 4 5 Ranitidina Indicazioni Esofagite Iperacidità gastrica

Dettagli

INIBITORI DELLA POMPA PROTONICA

INIBITORI DELLA POMPA PROTONICA INIBITORI DELLA POMPA PROTONICA I disturbi peptici acido-correlati comprendono una gamma di condizioni cliniche particolari nelle quali si ritiene che il danno indotto dall acido gastrico (e dall attivazione

Dettagli

NELLE PATOLOGIE GASTROINTESTINALI PIROSI E MALATTIA DA REFLUSSO. Antonio Verginelli

NELLE PATOLOGIE GASTROINTESTINALI PIROSI E MALATTIA DA REFLUSSO. Antonio Verginelli NELLE PATOLOGIE GASTROINTESTINALI PIROSI E MALATTIA DA REFLUSSO Antonio Verginelli pirosi definizione sensazione di bruciore percepito nell area retrosternale indica una disfunzione dell apparato digerente

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

(farmacologiche e non) Fabio Pace USC Gastroenterologia, Az. Bolognini, Seriate

(farmacologiche e non) Fabio Pace USC Gastroenterologia, Az. Bolognini, Seriate Terapie innovative i della MRGE (farmacologiche e non) Fabio Pace USC Gastroenterologia, Az. Bolognini, Seriate 1 Classificazione di Montreal Sindrome esofagea Sindrome extraesofagea Sindrome sintomatica

Dettagli

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA Dr. Alessandro Bernardini Circa il 10% della popolazione nei paesi sviluppati è probabile vada incontro nella sua vita a ulcera peptica: una percentuale di ulcere persistenti dell 1%. La dispepsia è un

Dettagli

Nota 48 e 48bis, Farmaci Antiulcera Commento di Enzo Ubaldi Responsabile Area gastroenterologica, SIMG

Nota 48 e 48bis, Farmaci Antiulcera Commento di Enzo Ubaldi Responsabile Area gastroenterologica, SIMG Rivista SIMG (www.simg.it) Numero 9, 2000 Nota 48 e 48bis, Farmaci Antiulcera Commento di Enzo Ubaldi Responsabile Area gastroenterologica, SIMG Classe A, limitatamente ai seguenti periodi di trattamento

Dettagli

MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO PROPOSTA DI UN PERCORSO DIAGNOSTICO TERAEUTICO CONDIVISO

MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO PROPOSTA DI UN PERCORSO DIAGNOSTICO TERAEUTICO CONDIVISO MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO PROPOSTA DI UN PERCORSO DIAGNOSTICO TERAEUTICO CONDIVISO Alessandro Grasso U..O.C Medicina Interna 2 Ospedale San Paolo Via Genova 38 17100 Savona e-mail: a.grasso@asl2.liguria.it

Dettagli

La Terapia Medica della Malattia da Reflusso Gastro-Esofageo Fabio Pace

La Terapia Medica della Malattia da Reflusso Gastro-Esofageo Fabio Pace La Terapia Medica della Malattia da Reflusso Gastro-Esofageo Fabio Pace Divisione e Cattedra di Gastroenterologia Ospedale Universitario L. Sacco, Milano Principali recenti cambiamenti nella gestione della

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

PIERCLAUDIO BRASESCO. Medico di Medicina Generale Genova

PIERCLAUDIO BRASESCO. Medico di Medicina Generale Genova PIERCLAUDIO BRASESCO Medico di Medicina Generale Genova L INFEZIONE DA HELICOBACTER PYLORI Quando e perché iniziare un trattamento eradicante? Raccomandazioni Terapeutiche (di grado A o B con livello di

Dettagli

Valutazione del controllo della malattia da reflusso gastroesofageo in Medicina Generale attraverso l utilizzo del questionario GERD Impact scale

Valutazione del controllo della malattia da reflusso gastroesofageo in Medicina Generale attraverso l utilizzo del questionario GERD Impact scale Health Search Valutazione del controllo della malattia da reflusso gastroesofageo in Medicina Generale attraverso l utilizzo del questionario GERD Impact scale Enzo Ubaldi, Francesco Innocenti *, Iacopo

Dettagli

Appropriatezza nella EGDS Marco Orsello UOA Gastroenterologia AOU Novara Appropriatezza Misura di quanto una scelta o intervento diagnostico o terapeutico siano adeguati rispetto alle esigenze del paziente

Dettagli

APPROPRIATEZZA TERAPEUTICA DEGLI INIBITORI DI POMPA PROTONICA SINOPSI D'USO PER LA PRATICA CLINICA

APPROPRIATEZZA TERAPEUTICA DEGLI INIBITORI DI POMPA PROTONICA SINOPSI D'USO PER LA PRATICA CLINICA APPROPRIATEZZA TERAPEUTICA DEGLI INIBITORI DI POMPA PROTONICA SINOPSI D'USO PER LA PRATICA CLINICA A CURA DI Carmelo Scarpignato, Luigi Gatta, Angelo Zullo, Anna Kohn, Alberto Chiriatti, Corrado Blandizzi,

Dettagli

Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica AUSL Frosinone

Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica AUSL Frosinone Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica AUSL Frosinone L appropriatezza definisce un intervento sanitario (preventivo, diagnostico, terapeutico, riabilitativo) correlato al bisogno del paziente

Dettagli

LA MALATTIA ULCEROSA PEPTICA http://www.gastronet.it/approfondimento/ulcerapeptica

LA MALATTIA ULCEROSA PEPTICA http://www.gastronet.it/approfondimento/ulcerapeptica LA MALATTIA ULCEROSA PEPTICA http://www.gastronet.it/approfondimento/ulcerapeptica CAP.7 LA TERAPIA MEDICA Ulcera in atto Gestione a lungo termine Eradicazione dell infezione da Helicobacter pylori Malattia

Dettagli

OSSERVATORIO PER IL BUON USO DEL FARMACO

OSSERVATORIO PER IL BUON USO DEL FARMACO OSSERVATORIO PER IL BUON USO DEL FARMACO 13 luglio 2010 Delibera n. 297-7 settembre 2009: Istituzione Osservatorio Permanente per l informazione sull uso appropriato e sicuro del farmaco, Istituzione della

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE

Dettagli

Farmaci Inibitori della Pompa Protonica

Farmaci Inibitori della Pompa Protonica Farmaci Inibitori della Pompa Protonica La malattia da reflusso-gastroesofageo (GERD) rappresenta la principale indicazione d uso dei farmaci Inibitori della Pompa Protonica (IPP), con una percentuale

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 REFLUSSO GASTROESOFAGEO Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 MRGE: sintomi extraesofagei MRGE: molto diffusa e frequente nella pratica clinica. Manifestazioni

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale A cura di: U. GALLO 1 V. NIEDERWANGER 2 M. FAGGIAN 3 1 farmacista ULSS 16 S.C. ASSISTENZA 2 FARMACEUTICA specializzanda TERRITORIALE in farmacia ospedaliera,

Dettagli

Definizione, epidemiologia e clinica Diagnosi

Definizione, epidemiologia e clinica Diagnosi Definizione, epidemiologia e clinica La malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) è una condizione clinica caratterizzata da reflusso di contenuto gastroduodenale nell esofago con comparsa di sintomi

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

Approfondimenti scientifici

Approfondimenti scientifici Approfondimenti scientifici 1 Vantaggi farmacocinetici di Lansoprazolo orodispersibile nel trattamento dei disordini Fabio Baldi Drugs 2005; 65 (10): 1419-1426 OROdispersibile Grazie alle sue caratteristiche

Dettagli

C è relazione con l allergia alimentare?

C è relazione con l allergia alimentare? Un bambino che non riesce a deglutire bene Un bambino che non riesce a deglutire bene c è relazione con l allergia alimentare? C è relazione con l allergia alimentare? Salvatore Oliva U.O.C. di Gastroenterologia

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

La gestione condivisa dei sintomi da reflusso gastroesofageo in 10 assiomi

La gestione condivisa dei sintomi da reflusso gastroesofageo in 10 assiomi La gestione condivisa dei sintomi da reflusso gastroesofageo in 10 assiomi Documento di consenso multidisciplinare per la gestione appropriata dei pazienti in farmacia: ruolo e valore dell'automedicazione

Dettagli

Ernia iatale e Malattia da reflusso gastro-esofageo Cos è l ernia iatale?

Ernia iatale e Malattia da reflusso gastro-esofageo Cos è l ernia iatale? CORSO DI LAUREA MAGISTRALE SCIENZE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE UMANA Insegnamento: Il ruolo dell apparato digerente nella nutrizione umana Ernia iatale e Malattia da reflusso gastro-esofageo Cos

Dettagli

More information >>> HERE <<<

More information >>> HERE <<< More information >>> HERE http://urlzz.org/hbritalian/pdx/port3788/ Tags: download, download

Dettagli

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA Definizione Sensazione generica di fastidio cronico o ricorrente localizzata ai quadranti addominali superiore e che insorge in assenza di patologie organiche

Dettagli

Problemi pratici nella Malattia da Reflusso GastroEsofageo MRGE NERD. esofagite. Malattia da reflusso gastro-esofageo (MRGE)

Problemi pratici nella Malattia da Reflusso GastroEsofageo MRGE NERD. esofagite. Malattia da reflusso gastro-esofageo (MRGE) MMG - RHO aggiornamento obbligatorio marzo 2002 Malattia da reflusso gastro-esofageo (MRGE) Problemi pratici nella Malattia da Reflusso GastroEsofageo Complesso di sintomi patogenesi: reflusso quadro clinico

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE

Dettagli

TUMORE DELLO STOMACO IL RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA DIAGNOSI E TERAPIA

TUMORE DELLO STOMACO IL RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA DIAGNOSI E TERAPIA TUMORE DELLO STOMACO IL RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA DIAGNOSI E TERAPIA EPIDEMIOLOGIA In Europa il tumore dello stomaco è la 5 neoplasia più frequente nella popolazione femminile e maschile

Dettagli

angina esofagea. DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA

angina esofagea. DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA Angina esofagea Angina esofagea Angina pectoris DOLORE TORACICO DI ORIGINE ESOFAGEA Nella diagnosi differenziale del dolore di origine coronarica il ruolo principale spetta al dolore toracico di origine

Dettagli

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze B. B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa

Dettagli

NUOVE ACQUISIZIONI SU VECCHI FARMACI: IL CASO DEI PPI

NUOVE ACQUISIZIONI SU VECCHI FARMACI: IL CASO DEI PPI NUOVE ACQUISIZIONI SU VECCHI FARMACI: IL CASO DEI PPI Gli Inibitori della Pompa Protonica (PPI) esistono ormai da circa 30 anni e costituiscono nel loro insieme una classe di farmaci utili, con un buon

Dettagli

Farmacologia Antiulcera

Farmacologia Antiulcera Farmacologia Antiulcera Goodman & Gilman s, 2001 La cellula parietale gastrica H + K + Cl - G = gastrina, A = ACh, H = istamina; la H + /K + -ATPasi si attiva quando, in seguito a stimoli secretagoghi,

Dettagli

Jama, 2001, 285(19):2486-2496

Jama, 2001, 285(19):2486-2496 Sommariio esecutiivo delllle lliinee-guiida ATP-III per lla prevenziione delllle mallattiie coronariiche Jama, 2001, 285(19):2486-2496 FASE 1. DETERMINARE IL PROFILO LIPIDICO-LIPOPROTEICO NEL SOGGETTO

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE http://pdfo.org/hbritalian/pdx/1181t736/ Tags: :

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE http://urlzz.org/hbritalian/pdx/dyna3530/

Dettagli

Additional information >>> HERE <<<

Additional information >>> HERE <<< Additional information >>> HERE http://urlzz.org/hbritalian/pdx/1154t273/

Dettagli

Farmaci antisecretivi e protettivi della mucosa gastrica

Farmaci antisecretivi e protettivi della mucosa gastrica Farmaci antisecretivi e protettivi della mucosa gastrica Trattamento farmacologico: indicazioni ed obiettivi Patologie acido correlate Ulcere peptiche Riflusso esofageo Sindrome di Zollinger- Ellison Obiettivo

Dettagli

Gastrite: Qualche informazione utile...

Gastrite: Qualche informazione utile... Gastrite: Qualche informazione utile... (Il Seguente articolo non si sostituisce ad un consulto medico) La gastrite è una malattia infiammatoria della mucosa gastrica, sono diverse le cause che portano

Dettagli

More information >>> HERE <<<

More information >>> HERE <<< More information >>> HERE

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATIVO: L ESOFAGO DI BARRETT

PROTOCOLLO INFORMATIVO: L ESOFAGO DI BARRETT Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico ENDOSCOPIA DIGESTIVA AD ALTA TECNOLOGIA Responsabile dott. Giorgio Battaglia PROTOCOLLO INFORMATIVO: L

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE

Dettagli

Additional information >>> HERE <<<

Additional information >>> HERE <<< Additional information >>> HERE http://pdfo.org/hbritalian/pdx/sjzf1222/ Tags: mai piã¹ reflusso acido - curare il

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

More information >>> HERE <<<

More information >>> HERE <<< More information >>> HERE http://pdfo.org/hbritalian/pdx/ftpg163/ Tags: download, 14211 best way to get curare il

Dettagli

Quanto dura l effetto. Limite di età A partire dai 12 anni A partire dai 18 anni. Dove agisce. Modalità d assunzione

Quanto dura l effetto. Limite di età A partire dai 12 anni A partire dai 18 anni. Dove agisce. Modalità d assunzione Bruciore di stomaco? La conoscete? È quella sensazione bruciante dietro lo sterno, ad es. dopo aver mangiato determinati cibi o in situazioni di stress. Oppure quel liquido dal sapore acido o salato, nella

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia La nausea e il vomito sono tra gli effetti collaterali più temuti dai soggetti che devono sottoporsi a una chemioterapia per un tumore perché hanno un grande impatto sulla

Dettagli

FATTORI IN GRADO DI MODIFICARE LE RISPOSTE AI FARMACI

FATTORI IN GRADO DI MODIFICARE LE RISPOSTE AI FARMACI FATTORI IN GRADO DI MODIFICARE LE RISPOSTE AI FARMACI Mariapia Vairetti Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Medica Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare! " $ %&' (%&) ('&*+

Dettagli

More details >>> HERE <<<

More details >>> HERE <<< More details >>> HERE http://urlzz.org/hbritalian/pdx/palo1445/ Tags:

Dettagli

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Corso per farmacisti operanti nei punti di erogazione diretta delle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna AUSL Piacenza

Dettagli

La diagnosi della malattia da reflusso gastroesofageo. Giorgio Menardo.

La diagnosi della malattia da reflusso gastroesofageo. Giorgio Menardo. La diagnosi della malattia da reflusso gastroesofageo Giorgio Menardo Menardo@virgilio.it Genval Workshop: Definizione di MRGE Il termine di MRGE deve essere usato per comprendere -tutti gli individui

Dettagli

Master di secondo livello in FARMACOVIGILANZA

Master di secondo livello in FARMACOVIGILANZA MAFV Master di secondo livello in FARMACOVIGILANZA anno accademico 2008-2009 Valutazione dell appropriatezza prescrittiva degli inibitori di pompa protonica nella regione Puglia Fulvia Corvasce, Piero

Dettagli

Università degli studi di Genova Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia

Università degli studi di Genova Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Università degli studi di Genova Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Relatori: Chiar.ma Prof.ssa Antonietta Piana Chiar.mo Dott. Andrea Stimamiglio Candidata: Oliveri

Dettagli

ne farmaci ne chirurghi?!!

ne farmaci ne chirurghi?!! Trattamento chirurgico del reflusso gastroesofageo 1950-1970: la chirurgia è imperante anni 70 ed 80: la terapia medica è preferita alla chirurgia anni 90: nasce la chirurgia laparoscopica tuttora in continua

Dettagli

L APPROCCIO TERAPEUTICO ALLE PROBLEMATICHE GASTRO-ESOFAGEE: un indagine epidemiologia condotta su un campione di pazienti osservati in farmacia

L APPROCCIO TERAPEUTICO ALLE PROBLEMATICHE GASTRO-ESOFAGEE: un indagine epidemiologia condotta su un campione di pazienti osservati in farmacia L APPROCCIO TERAPEUTICO ALLE PROBLEMATICHE GASTRO-ESOFAGEE: un indagine epidemiologia condotta su un campione di pazienti osservati in farmacia Dott.ssa Aurelia Capuani Società Italiana di Farmacia Clinica

Dettagli

Definizione. scaricato da sunhope.it. Reflusso Gastro-Esofageo (RGE) Malattia da Reflusso Gastro-esofageo. III -V decade di vita

Definizione. scaricato da sunhope.it. Reflusso Gastro-Esofageo (RGE) Malattia da Reflusso Gastro-esofageo. III -V decade di vita Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia U.O.C. di Fisiopatologia Chirurgica dell Apparato Digerente (Dir.: Prof. Landino Fei) Malattia da reflusso gastro-esofageo Reflusso

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

IMPARARE DALLA CLINICA

IMPARARE DALLA CLINICA LA MALATTIA DA REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO APPROCCIO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO Fabio Goffredo Introduzione La malattia da reflusso gastroesofageo (MR- GE) è molto frequente, arrivando a interessare fino al

Dettagli

Endoscopia digestiva. scheda 01.05 Diagnostica per immagini

Endoscopia digestiva. scheda 01.05 Diagnostica per immagini scheda 01.05 Diagnostica per immagini 01.05 pag. 2 Cos è Le patologie ricercate MediClinic offre la possibilità di effettuare, in condizioni di massima sicurezza e confortevolezza, i due principali esami

Dettagli

terapia medica dell ulcera gastrica e duodenale

terapia medica dell ulcera gastrica e duodenale L INEE GUIDA LINEE GUIDA PER LA TERAPIA MEDICA DELLA MALATTIA DA REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO (MRGE) E DELL ULCERA GASTRICA E DUODENALE DIAGNOSI E TERAPIA DELLA DISPEPSIA FUNZIONALE CORRETTA APPLICAZIONE DELLA

Dettagli

Guida pratica alla prescrizione e all uso dei farmaci inibitori della pompa protonica (PPI)

Guida pratica alla prescrizione e all uso dei farmaci inibitori della pompa protonica (PPI) Regione Piemonte Azienda Sanitaria Locale CN2 Guida pratica alla prescrizione e all uso dei farmaci inibitori della pompa protonica (PPI) CFI (Commissione farmaceutica interna) ASL CN2 Alba - Bra Elaborato

Dettagli

Approvate dalla Commissione Linee Guida della Federazione delle Malattie Digestive il 30.09.1999 Commissione Linee Guida Della Federazione Delle Malattie Digestive AIGO-SIED-SIGE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE

Dettagli

Alessandro Repici, MD, PhD Servizio di Endoscopia Digestiva

Alessandro Repici, MD, PhD Servizio di Endoscopia Digestiva La gastrite, la colite e dintorni Alessandro Repici, MD, PhD Servizio di Endoscopia Digestiva IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Milano Mi presento 45 anni, Laurea in Medicina e Chirurgia Toronto Specialista

Dettagli

DISPEPSIA E MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO dys-pepsis digestione difficoltosa

DISPEPSIA E MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO dys-pepsis digestione difficoltosa DISPEPSIA E MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO dys-pepsis digestione difficoltosa Alta prevalenza iter diagnostico corretto gestione a lungo termine spesso difficile counselling necessario Dott. Gian

Dettagli

La diagnosi ed il trattamento della malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) in ambulatorio ed in ospedale.

La diagnosi ed il trattamento della malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) in ambulatorio ed in ospedale. La diagnosi ed il trattamento della malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) in ambulatorio ed in ospedale. Modificazioni del percorso diagnostico terapeutico indotte dall adozione di linee guida comuni.

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE http://urlzz.org/hbritalian/pdx/monc/

Dettagli

More information >>> HERE <<<

More information >>> HERE <<< More information >>> HERE

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Gaviscon Advance sospensione orale 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA 1 ml contiene sodio alginato 100 mg e potassio

Dettagli

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6 2f5hy Per problemi di visualizzazione clicchi qui 2f5hx L eiaculazione precoce (EP) e' una condizione medica frequente, in particolare e' la disfunzione sessuale piu' comune e in Italia ne soffre un uomo

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE http://urlzz.org/hbritalian/pdx/broa7433/

Dettagli

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI G.Minoli Como 28 Aprile 2007 Appropriato uso di GASTROSCOPIA ph METRIA ACG Practice Guidelines: Esophageal Reflux

Dettagli

Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi

Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Corso Integrato Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Scienze Tecniche Dietetiche Anno Accademico 2011-12 Le Vitamine Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Le Vitamine Conosciamo le vitamine dall 800;

Dettagli

ADRs da increatino-mimetici e inibitori DPP-4 nella cura del diabete mellito di tipo 2

ADRs da increatino-mimetici e inibitori DPP-4 nella cura del diabete mellito di tipo 2 ADRs da increatino-mimetici e inibitori DPP-4 nella cura del diabete mellito di tipo 2 SITAGLIPTIN (Januvia, Tesavel ) Sitagliptin è un farmaco anti-iperglicemico di nuova classe, inibitori della dipeptidil

Dettagli

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO Modulo informativo per il paziente Il posizionamento di palloncino intragastrico è indicato per l uso temporaneo nella terapia mirata

Dettagli

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico Dott.ssa Lucy Vannella Università Sapienza Roma, Ospedale Sant Andrea Sabato 25 Ottobre 2008 FIUMICINO (ROMA) Caso Clinico Donna, 40 anni, forte

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE

Dettagli

MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE

MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE U.O.S.D. TERAPIA NUTRIZIONALE Centro di Riferimento Regionale per la Nutrizione Artificiale Domiciliare INRCA IRCCS Ancona Responsabile Dott. Paolo Orlandoni MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE

Dettagli

Funzioni dello stomaco

Funzioni dello stomaco corpo antro Funzioni dello stomaco 1. Storage accumulo di cibo in seguito ad apertura del SEI 2. Mescolamento del cibo con le secrezioni gastriche fino a formare una poltiglia acida detta chimo 3. Digestione

Dettagli

La dispepsia Introduzione. Definizioni

La dispepsia Introduzione. Definizioni La dispepsia Introduzione Il "mal di stomaco" è una delle ragioni che portano molte persone ad entrare in farmacia per chiedere un consiglio al farmacista: c è chi riferisce un senso di pesantezza, di

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE

FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE FISIOPATOLOGIA dell EQUILIBRIO ACIDO-BASE ACIDO = molecola contenente atomi di idrogeno capaci di rilasciare in soluzione ioni idrogeno (H( + ) BASE = ione o molecola che può accettare uno ione idrogeno

Dettagli

Il pediatra e il nutrizionista

Il pediatra e il nutrizionista Milano, 17 Ottobre 2015 Il pediatra e il nutrizionista Dott. ssa Sophie Guez UOSD Pediatria ad Alta Intensità di Cura Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico Milano Bisogni energetici

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Malattie dell'apparato digerente

Domande relative alla specializzazione in: Malattie dell'apparato digerente Domande relative alla specializzazione in: Malattie dell'apparato digerente Domanda #1 (codice domanda: n.351) : Cos'è la Sindrome di Rotor? A: Un tipo di iperbilirubinemia coniugata B: L'osteocondrosi

Dettagli

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Pesaro, 20 Marzo 2015 Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Dott. Andrea Lisotti UOC Gastroenterologia

Dettagli

Limitazioni d uso dei medicinali contenenti domperidone

Limitazioni d uso dei medicinali contenenti domperidone 1 settembre 2014 EMA/465179/2014 Il 23 aprile 2014 il gruppo di coordinamento per le procedure di mutuo riconoscimento e decentrate - medicinali per uso umano (CMDh) ha approvato le raccomandazioni relative

Dettagli

I sintomi da reflusso gastroesofageo: verso una gestione condivisa

I sintomi da reflusso gastroesofageo: verso una gestione condivisa I sintomi da reflusso gastroesofageo: verso una gestione condivisa Documento di orientamento su ruolo e organizzazione delle diverse figure sanitarie secondo criteri di efficacia clinica, appropriatezza,

Dettagli

L APPROCCIO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO

L APPROCCIO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO REGIONE SICILIANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE N 6 PALERMO L APPROCCIO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO nel paziente con malattie Acido-correlate Protocolli diagnostici-terapeutici per la Dispepsia funzionale,

Dettagli