La regolazione del sistema distributivo dei farmaci ed il rapporto tra farmacie e SSN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La regolazione del sistema distributivo dei farmaci ed il rapporto tra farmacie e SSN"

Transcript

1 La regolazione del sistema distributivo dei farmaci ed il rapporto tra farmacie e SSN Claudio Jommi Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 1

2 Gli aspetti regolatori essenziali La remunerazione della farmacia La sostituzione della prescrizione Le eccezioni al principio del diritto di esclusiva nella distribuzione dei farmaci La distribuzione sul territorio delle farmacie (pianta organica) Titolarità e gestione della farmacia Orari di apertura e turni Erogazione di servizi Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 2

3 Alcune definizioni preliminari Farmaco in patent (farmaco protetto da brevetto) Originatore Prodotto venduto in licenza con marchio diverso (comarketing) Farmaco off patent (farmaco il cui brevetto è scaduto) Originatore Prodotto venduto in licenza con marchio diverso (comarketing) Generici (semi-branded: nome molecola + nome titolare AIC) Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 3

4 Alcune definizioni preliminari Prezzo di riferimento Medicinali con uguale composizione in principi attivi, forma farmaceutica, via di somministrazione, modalità di rilascio, numero di unità posologiche e dosi unitarie sono rimborsati al farmacista dal SSN fino alla concorrenza del prezzo più basso del corrispondente prodotto disponibile nel normale ciclo distributivo regionale (il cosiddetto prezzo di riferimento); In caso di acquisto di farmaco a prezzo superiore al prezzo di riferimento il cittadino è tenuto a pagare la differenza Farmaci equivalenti: farmaci che condividono lo stesso prezzo di riferimento Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 4

5 La remunerazione della farmacia per la distribuzione dei farmaci Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 5

6 Un quadro di insieme Farmaci rimborsati: remunerazione a margine (quota) sul prezzo Farmaci non rimborsati con obbligo di prescrizione: remunerazione libera, ma prezzi unici sul territorio Altri farmaci e beni: prezzi liberi Servizi: eventuale remunerazione definita a livello regionale / locale (accordi con regioni o aziende sanitarie) Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 6

7 Possibili modalità di remunerazione Margine su prezzo (fisso o regressivo) Tariffa fissa per confezione dispensata Tariffa fissa per servizio erogato Budget complessivo per i servizi erogati Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 7

8 Il prezzo di un farmaco rimborsabile Farmaco ad uso territoriale: componenti del prezzo Prezzo ex fabrica (negoziato con AIFA e praticato dall industria alla distribuzione) Margini alla distribuzione (farmacie e grossisti) IVA (10$) Farmaco usato in ambito ospedaliero: la distribuzione non ha alcun margine Farmaci a prezzo contrattato: prezzo di cessione SSN (negoziato con AIFA) + eventuale sconto agli ospedali Farmaci a prezzo non contrattato, ovvero introdotti prima del 1997: 50% sul prezzo al pubblico netto IVA Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 8

9 La composizione finale del prezzo dei farmaci Greece Finland Germany Switzerland Denmark Belgium Ireland Spain Norway Italy Ex factory price Wholesaler s margin Pharmacy s margin VAT Netherlands Austria France Portugal Sweden United Kingdom 0% 20% 40% 60% 80% 100% Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 9

10 I margini alla distribuzione (da Legge 662/96 fino a Legge 122//2010) 6,65% sul prezzo al pubblico netto IVA: distribuzione intermedia (grossisti) 26,7% sul prezzo al pubblico al pubblico netto IVA: distribuzione finale (farmacie) Sconti in caso di farmaco rimborsato dal SSN* * Con eccezione di farmacie rurali (in comuni con popolazione inferiore ai abitanti) sussidiate (sconto fisso dell 1,5%) e quelle (rurali o urbane) con fatturato fino a 500 milioni di lire ( ,45) (sconti progressivi ridotti del 60%). Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 10

11 I nuovi margini (Legge 122/2010) 3% per cento per i grossisti e 30,35% per i farmacisti sul prezzo al pubblico netto IVA Ulteriore sconto a carico delle farmacie dell 1,82%* Sconto a carico delle imprese dell'1,83% * Lo sconto non si applica alle farmacie rurali sussidiate con fatturato annuo in regime di SSN, al netto dell IVA, non superiore a euro ,67 e alle altre farmacie con fatturato annuo in regime di SSN non superiore a euro ,45. Lo sconto è stato aumentato al 2,25% da Luglio 2012 Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 11

12 Il futuro della remunerazione della farmacia Legge 122/2010 Possibilità di introduzione di una remunerazione della farmacia basata su una prestazione fissa in aggiunta ad una ridotta percentuale sul prezzo di riferimento del farmaco Legge 135/2012 Nuovo sistema (teoricamente dal 2013, ma rimandato di anno in anno) basato su Decreto Ministro della Salute, di concerto con il Ministro dell'economia e delle Finanze, previa intesa presso la Conferenza-Stato Regioni. Tale Decreto dovrebbe basarsi sull accordo stipulato tra Aifa e associazioni di categoria (stipulato ad Ottobre 2012) Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 12

13 Le basi per il nuovo accordo* Accordo Aifa / Associazioni di categoria 16 ottobre 2012 Proposta Min Salute Applicazione da Luglio 2013 Grossisti: 0,10 + 0,09 su farmaci equivalenti con prezzo pari al prezzo di riferimento + 1,9% di margine su prezzo al pubblico Farmacie 0,55 + 0,50 su farmaci equivalenti con prezzo pari al prezzo di riferimento + 17% di margine su prezzo al pubblico per farmaci con prezzo inferiore ai 50 5,5 + 10% per farmaci con prezzo superiore ai 50 * Diversi rinvii (l ultimo all 1/1/2017) Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 13 13

14 Gli sconti intra-filiera In teoria i margini sul prezzo (su prodotti rimborsati) sono fissi e le imprese / grossisti non possono fare sconti a valle Tuttavia le imprese hanno praticato sconti alla distribuzione che si sono riflessi in vantaggi economici per le distribuzione stessa (finale) Legge 79/09: definizione di margini differenziati intra-filiera (+8% alla distribuzione) per i tutti gli equivalenti, esclusi originatori e prodotti in co-marketing (licenze da brevetto); gli sconti intra-filiera sono sanzionati (per la farmacia la sanzione, in caso di violazione, varia da 500 a 3000 euro e, in caso di reiterazione, può essere disposta la chiusura della farmacia per non meno di 15 giorni) Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 14

15 Situazione a livello europeo * Riforma dal 2013 Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 15

16 Il prezzo di un farmaco non rimborsabile Farmaci in Classe C con obbligo di prescrizione Prezzo al pubblico stabilito dall azienda titolare dell AIC (margini sul prezzo al pubblico liberi, ma tendenzialmente simili a quelli per I farmaci rimborsabili) Farmaci in Classe C senza obbligo di prescrizione Farmaci in Classe Cbis Prezzi completamente liberi sul territorio (diversi prezzi nei punti vendita, margini diversi) Legge 27/2012: le farmacie possono praticare sconti sui prezzi di tutti i tipi di farmaci e prodotti venduti pagati direttamente dai clienti, dandone adeguata informazione alla clientela Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 16

17 Il diritto di sostituzione Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 17

18 La sostituzione (farmaci SSN non equivalenti) La sostituzione è possibile (DPR 371/98), qualora il medicinale prescritto sia irreperibile nel normale ciclo di distributivo o la farmacia ne risulti eccezionalmente sprovvista, con un altro medicinale di uguale composizione e forma farmaceutica e di pari indicazione terapeutica, che abbia prezzo uguale o inferiore per il SSN. Nei casi di urgenza assoluta o manifesta il farmacista consegna altro medicinale di uguale composizione e di pari indicazione terapeutica, senza vincoli riguardo al prezzo. L'utente, informato dal farmacista della indisponibilità del medicinale prescritto e della possibilità di ottenerne un altro corrispondente in sostituzione, è libero di accettare o rifiutare l'offerta del farmacista. Il farmacista deve apporre sul verso della ricetta (retro), nell apposito spazio a lui dedicato, idonea annotazione giustificativa dell'avvenuta sostituzione. Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 18

19 La sostituzione (farmaci SSN equivalenti) Per i medicinali il cui principio attivo non è coperto da brevetto (e generico nel normale ciclo distributivo regionale applicazione del prezzo di riferimento), il farmacista ha l obbligo di informare il paziente sull esistenza di un farmaco più economico ed effettua la sostituzione con il corrispondente medicinale di minor costo secondo le disposizioni regionali (liste di trasparenza regionali), a meno che il medico abbia esplicitamente indicato sulla ricetta la non-sostituibilità del medicinale prescritto oppure l'assistito, informato dal farmacista, non accetti la sostituzione. Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 19

20 La sostituzione (farmaci non SSN) All atto della presentazione della ricetta di un medicinale di classe C con obbligo di prescrizione, il farmacista è tenuto ad informare il paziente dell'eventuale presenza in commercio di medicinali equivalenti, come risulta dalle apposita lista di trasparenza compilate dall AIFA (cfr. ultima lista di trasparenza in materiale) Su richiesta dell utente, il farmacista deve fornire un medicinale equivalente avente prezzo più basso di quello del medicinale prescritto (sempreché il medico non abbia indicato la nonsostituibilità del medicinale sulla prescrizione). L equivalenza si riferisce a medicinali aventi uguale composizione in PA., forma farmaceutica, via di somministrazione, modalità di rilascio e dosaggio unitario, e ai fini del confronto del prezzo ci si riferisce alla unità posologica o alla quantità unitaria del principio attivo. Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 20

21 Le eccezioni al diritto di esclusiva (vedi anche politiche del farmaco regionali) Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 21

22 Le eccezioni al diritto di esclusiva nella distribuzione dei farmaci (oltre agli H) Forme alternative distribuzione a quella in regime di convenzione (Legge 405/01) Diretta da parte delle aziende sanitarie (PHT, primo ciclo di terapia post ricovero e visita domiciliare, particolari setting assistenziali) Per conto delle aziende sanitarie da parte delle farmacie (tramite accordi regionali / locali specifici con modalità di remunerazione differenziate) (solo PHT) (http://www.parlamento.it/parlam/leggi/01405l.htm) SOP fuori canale con presenza di farmacista e corner farmaceutico (Legge Bersani 248/06) (http://www.camera.it/parlam/leggi/06248l.htm) Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 22

23 Distribuzione diretta / per conto La dimensione quantitativa del fenomeno Quota DD + DPC su Spesa farmaceutica territoriale (2014) Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 23

24 La distribuzione sul territorio delle farmacie Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 24

25 Numero e distribuzione delle farmacie Pianta Organica (fino a Legge 27/2012) Legge n. 475/68: Ogni Comune deve avere una pianta organica delle farmacie nella quale è determinato il numero, le singole sedi farmaceutiche e la zona di ciascuna di esse Una farmacia ogni abitanti nei comuni con popolazione fino a abitanti ed una farmacia ogni abitanti negli altri comuni. La popolazione eccedente rispetto ai suddetti parametri è computata, ai fini dell apertura di una farmacia, qualora l eccedenza sia pari almeno al 50% dei parametri stessi. In deroga al criterio demografico, nei comuni con meno di abitanti è possibile aprire farmacie quando particolari esigenze dell assistenza farmaceutica in rapporto alle condizioni di topografiche e di viabilità lo richiedono. Ogni nuovo esercizio deve essere situato ad una distanza non inferiore ai 200 metri e comunque in modo da soddisfare le esigenze degli abitanti della zona. L accesso alle farmacie di nuova istituzione avviene per concorso pubblico (per titoli ed esami) bandito annualmente da Regioni e Province Autonome. Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 25

26 Nuove norme previste da Legge 27/2012 (art. 11) Il numero delle autorizzazioni e' stabilito in modo che vi sia una farmacia ogni abitanti Il Comune (al fine di assicurare una maggiore accessibilità), sentiti l azienda sanitaria e l Ordine provinciale dei farmacisti competente per territorio, identifica le zone nelle quali collocare le nuove farmacie tenendo altresì conto dell esigenza di garantire l accessibilità del servizio farmaceutico anche a quei cittadini residenti in aree scarsamente abitate Ciascun Comune individua le nuove sedi farmaceutiche disponibili nel proprio territorio Le regioni provvedono ad assicurare, entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della legge la conclusione del concorso straordinario e l'assegnazione delle sedi Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 26

27 La situazione ad oggi (www.concorsofarmacie.it) Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 27

28 Titolarità e gestione Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 28

29 La normativa di riferimento L , n.475 "Norme concernenti il servizio farmaceutico" L n.362 "Norme di riordino del settore farmaceutico L.248 /2006 (Bersani) DDL Concorrenza (approvato, ma non ancora legge) Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 29

30 Proprietà delle farmacie FARMACIE PRIVATE Di persona fisica Di società di persone Di società cooperative (a responsabilità limitata) Persona fisica e soci devono essere farmacisti iscritti all albo, con i requisiti di idoneità. L'idoneità alla titolarità si può ottenere in seguito al superamento di un concorso per l'assegnazione di sedi farmaceutiche, oppure dopo un periodo di pratica professionale della durata di due anni svolto in una farmacia aperta al pubblico e certificato dall'ufficio farmaceutico della ASL di competenza FARMACIE PUBBLICHE - Di persona giuridica (Comuni) Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 30

31 Tipi di società di persone Società in nome collettivo (tutti i soci rispondono solidalmente e illimitatamente per le obbligazioni sociali) Società in accomandita semplice (i soci accomandatari rispondono solidalmente e illimitatamente per le obbligazioni sociali, i soci accomandanti rispondono limitatamente alla quota conferita) Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 31

32 DDL Concorrenza (3012 approvato il 7 Ottobre) Ingresso di società di capitale nella titolarità dell esercizio della farmacia privata Soppressione dell obbligo che le società siano formate esclusivamente da farmacisti iscritti all albo e in possesso dell idoneità. La direzione della farmacia gestita da una società rimane affidata ad un farmacista in possesso del requisito dell'idoneità Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 32

33 Farmacie comunali Sfruttando il fatto che la normativa in materia di esercizio farmaceutico (Legge 362/91) non estende alle società che prendono parte alla gestione delle farmacie comunali il divieto, previsto per i farmacisti privati, di partecipare all attività di produzione, distribuzione, intermediazione e informazione scientifica del farmaco, diversi Comuni hanno ceduto la proprietà delle farmacie ad imprese di distribuzione intermedia. Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 33

34 Farmacie comunali (2) La possibilità è stata giudicata incostituzionale dalla Corte Costituzionale (Sentenza 275/2003) in quanto la mancata previsione per le farmacie comunali di un tale tipo di incompatibilità appare del tutto irragionevole, specie ove si consideri che il divieto in questione è stato posto dal legislatore proprio al fine di evitare eventuali conflitti di interesse, che possano ripercuotersi negativamente sullo svolgimento del servizio farmaceutico e, quindi, sul diritto alla salute. La sentenza è stata poi confermata dal Consiglio di Stato, cui erano ricorsi in appello Comune di Milano ed Admenta. Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 34

35 Proprietà / titolarità Il titolare è responsabile della gestione patrimoniale e della conduzione tecnico-professionale della farmacia Titolarità della farmacia e proprietà dell'azienda sono inseparabili e seguono lo stesso destino amministrativo Trasferimento titolarità = Cessione proprietà La gestione è riservata ai farmacisti iscritti all'albo della provincia in cui ha sede la farmacia Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 35

36 Incompatibilità Il farmacista titolare non può cumulare l'esercizio della farmacia con quello di altre professioni o arti sanitarie Il titolare della farmacia ed il direttore responsabile non possono ricoprire posti di ruolo nella amministrazione dello Stato e di Enti Locali o comunque pubblici, né esercitare la professione di propagandista di prodotti medicinali Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 36

37 Sostituzione temporanea L'USL competente per territorio autorizza, a seguito di motivata domanda del titolare, e provvede alla sostituzione temporanea con altro farmacista iscritto all'ordine professionale nella conduzione professionale della farmacia. E' facoltà del titolare conferire al sostituto la conduzione economica. Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 37

38 Cause della sostituzione temporanea Infermità (per un periodo continuativo massimo di 5 anni ogni decennio o per un periodo non continuativo di 6 anni ogni decennio) Gravi motivi di famiglia (per un massimo di 3 mesi in un anno) Gravidanza, nei termini e con le condizioni di cui alle norme per la tutela della maternità Adozione di minori e affidamento familiare (9 mesi) Chiamata a funzioni pubbliche elettive o incarichi sindacali Ferie L'USL competente per territorio, trascorsi tre mesi di malattia, ha facoltà di sottoporre il farmacista a visita medica, a seguito della quale viene fissata la riassunzione della gestione della farmacia. Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 38

39 Società di persone La società ha come oggetto esclusivo la gestione di farmacie Ciascuna società può essere titolare di max quattro farmacie, che devono essere ubicate nella stessa provincia dove ha sede legale la società (prevista l abrogazione dal DDL sulla concorrenza) Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 39

40 Requisiti SOCI: farmacisti iscritti all'albo della provincia in cui hanno sede la società e la farmacia in possesso dei requisiti di idoneità alla titolarità (conseguita con concorso o pratica di 2 anni) DIRETTORE RESPONSABILE: uno dei soci Legge 248/06: abrogato il divieto per i farmacisti di detenere quote solo in una società (ciascun farmacista può partecipare anche a più società) Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 40

41 Incompatibilità Altra attività esplicata nel settore della produzione, intermediazione e informazione scientifica del farmaco Posizione di titolare, gestore provvisorio, direttore o collaboratore di altra farmacia Qualsiasi rapporto di lavoro pubblico o privato Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 41

42 Conseguimento titolarità Concorso per conferimento di sedi vacanti o di nuova istituzione (cfr. supra) Atto di compravendita Successione Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 42

43 Trasferimento per atto tra vivi Acquirente deve essere in possesso del requisito dell idoneità, conseguito per superamento di un concorso per sedi farmaceutiche o per esercizio certificato della professione per almeno due anni Il trasferimento della titolarità dell esercizio della farmacia privata è consentito dopo che siano decorsi 3 anni dal rilascio dell autorizzazione da parte dell autorità competente Al farmacista che ha trasferito la propria farmacia è consentito per una sola volta nella vita ed entro due anni dal trasferimento di acquistarne un altra, senza dover superare il concorso per l assegnazione Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 43

44 Trasferimento per atto tra vivi (2) Trascorsi due anni dalla cessione senza avere acquistato una nuova farmacia il cedente perde l idoneità, e deve di nuovo acquisire l idoneità per acquistare una nuova farmacia È fatto divieto di partecipare a concorsi per sedi farmaceutiche nei 10 anni successivi alla cessione della farmacia. Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 44

45 Successione (post Bersani e Legge 27/2012) Erede in possesso dell idoneità: passaggio diretto della farmacia o della quota societaria Erede non in possesso dell idoneità Trasferimento della titolarità (o della quota) da parte degli eredi entro 6 mesi dalla data di presentazione della dichiarazione di successione (entro 12 mesi dalla data di morte) (tempistica per ottenere eventuale idoneità) Durante tale periodo gli eredi hanno diritto di continuare l'esercizio in via provvisoria sotto la responsabilità di un direttore. Nessun erede: vacanza della farmacia Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 45

46 Concorso Requisiti dei concorrenti: Cittadinanza UE Maggiore età Godimento dei diritti civili e politici Iscrizione all albo professionale in Italia Età non superiore ai 60 anni (età massima direzione farmacia 65 anni dal 2015) Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 46

47 Decadenza autorizzazione esercizio Dichiarazione di fallimento Mancato adempimento dell obbligo di rilevare dal precedente titolare o dei suoi eredi provviste e dotazioni della farmacia e di corrispondere l indennità di avviamento Volontaria rinuncia dell interessato Chiusura dell esercizio di durata oltre 15 giorni che non sia stata preventivamente notificata all ASL o alla quale l ASL non abbia consentito Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 47

48 Decadenza autorizzazione esercizio Constatata, reiterata o abituale negligenza e irregolarità nell esercizio della farmacia o altri fatti imputabili al titolare autorizzato, dai quali sia derivato danno alla incolumità individuale o alla salute pubblica Cancellazione dall Albo dei Farmacisti Perdita della cittadinanza Morte dell autorizzato Mancato pagamento della tassa di concessione Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 48

49 Orari e turni Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 49

50 Orari e turni Orari e turni delle farmacie sono disciplinati dalle normative regionali e determinati dal sindaco, in conformità delle norme fissate dal prefetto e sentito l ordine dei farmacisti territorialmente competente. Alcune Regioni (alle quali è attribuita la competenza in materia), hanno adottato forme di flessibilità negli orari (apertura libera a ora di pranzo, non obbligatorietà delle ferie). Legge 27/2012: I turni e gli orari di farmacia stabiliti dalle autorità competenti in base alle vigente normativa non impediscono l'apertura della farmacia in orari diversi da quelli obbligatori. Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 50

51 Erogazione farmaci / erogazione servizi Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 51

52 I nuovi servizi in farmacia Legge 69/2009, Decreto Lgs 153 / 2009, 2 Decreti Attuativi (http://www.salute.gov.it/dettaglio/phprimopianonew.jsp?id=312) 1. Individuazione di nuovi servizi a forte valenza socio-sanitaria erogati dalle farmacie pubbliche e private nell ambito del Servizio Sanitario 1. partecipazione delle farmacie al servizio di assistenza domiciliare integrata 2. collaborazione su programmi di educazione sanitaria della popolazione (servizi di primo livello) 3. realizzazione di campagne di prevenzione delle principali patologie a forte impatto sociale, anche effettuando analisi di laboratorio di prima istanza (servizi di secondo livello) 4. prenotazione in farmacia di visite ed esami specialistici presso le strutture pubbliche e private convenzionate 2. Prevedere nuove forme di remunerazione dei nuovi servizi (n accordo collettivo nazionale), senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 52

53 Assistenza domiciliare integrata Dispensazione e consegna domiciliare di farmaci e dispositivi medici necessari Dispensazione per conto delle strutture sanitarie dei farmaci a distribuzione diretta (PHT) Preparazione, nonché dispensazione al domicilio delle miscele per la nutrizione artificiale e dei medicinali antidolorifici Messa a disposizione di operatori socio-sanitari, di infermieri e di fisioterapisti, per l effettuazione a domicilio di specifiche prestazioni professionali richieste dal medico Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 53

54 Servizi di secondo livello Rivolti ai singoli assistiti, in coerenza con le linee guida ed i percorsi diagnostico-terapeutici previsti per le specifiche patologie, su prescrizione dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, anche avvalendosi di personale infermieristico, prevedendo anche l inserimento delle farmacie tra i punti forniti di defibrillatori automatici Le farmacie effettuano analisi di prima istanza rientranti nell autocontrollo. Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 54

55 Elenco prestazioni di secondo livello Test per glicemia, colesterolo e trigliceridi Test per la misurazione in tempo reale di emoglobina, emoglobina glicata, creatinina, transaminasi, ematocrito Esami delle urine Test di ovulazione, test di gravidanza e test di menopausa Test del colon-retto per la rilevazione di sangue occulto nelle feci Bracciali per la misurazione della pressione arteriosa Dispositivi per la misurazione della capacità polmonare tramite auto - spirometria Elettrocardiografi, purché in tele-collegamento con i centri specialistici accreditati dalle Regioni Dispositivi semiautomatici per la defibrillazione Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 55

56 Attività del personale infermieristico Prestazioni erogabili presso le farmacie (anche con operatori sociosanitari) supporto alle determinazioni analitiche di prima istanza, rientranti nell'ambito dell'autocontrollo effettuazione di medicazioni e di cicli iniettivi intramuscolo; attivita' concernenti l'educazione sanitaria e la partecipazione a programmi di consulting, anche personalizzato; iniziative finalizzate a favorire l'aderenza dei malati alle terapie. Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 56

Fonti giuridiche: L.2.4.1968 n.362 "Norme concernenti il servizio i farmaceutico" " n.475. "Norme di riordino del settore farmaceutico"

Fonti giuridiche: L.2.4.1968 n.362 Norme concernenti il servizio i farmaceutico  n.475. Norme di riordino del settore farmaceutico ORDINAMENTO DELLA FARMACIA Fonti giuridiche: L.2.4.1968 n.362 "Norme concernenti il servizio i farmaceutico" " n.475 L.8.11.1991 1991 n.362 "Norme di riordino del settore farmaceutico" L.248 /2006 (Bersani)

Dettagli

La regolazione del sistema distributivo dei farmaci ed il rapporto tra farmacie e SSN

La regolazione del sistema distributivo dei farmaci ed il rapporto tra farmacie e SSN La regolazione del sistema distributivo dei farmaci ed il rapporto tra farmacie e SSN Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it Claudio Jommi, Org Az Farmacia e Farmacoec, Univ Piem Orientale 1 Gli aspetti

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA IL MINISTRO DELLA SALUTE VISTA la legge 18 giugno 2009, n. 69, recante disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, nonché

Dettagli

*** NORMATTIVA - Stampa ***

*** NORMATTIVA - Stampa *** *** NORMATTIVA - Stampa *** Pagina 1 di 8 DECRETO LEGISLATIVO 3 ottobre 2009, n. 153 Individuazione di nuovi servizi erogati dalle farmacie nell'ambito del Servizio sanitario nazionale, nonche' disposizioni

Dettagli

Le farmacie ed i nuovi servizi per il pubblico. Marco Cossolo Segretario Federfarma Torino

Le farmacie ed i nuovi servizi per il pubblico. Marco Cossolo Segretario Federfarma Torino Le farmacie ed i nuovi servizi per il pubblico Marco Cossolo Segretario Federfarma Torino La farmacia: il servizio più apprezzato La farmacia, da tutte le indagini realizzate da vari istituti di ricerca,

Dettagli

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI TITOLO CONVEGNO DELLA UTIFAR PRESENTAZIONE CONVEGNO UTIFAR Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 RICCIONE 2-3 APRILE 2011 1 L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI Il prossimo futuro vede un

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali.

MINISTERO DELLA SALUTE. DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali. MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 16 dicembre 2010 Erogazione da parte delle farmacie di specifiche prestazioni professionali. (11A04974) IL MINISTRO DELLA SALUTE Vista la legge 18 giugno 2009, n. 69, recante

Dettagli

SBOCCHI PROFESSIONALI PER I LAUREATI DELLE FACOLTA DI FARMACIA. Antonino Annetta

SBOCCHI PROFESSIONALI PER I LAUREATI DELLE FACOLTA DI FARMACIA. Antonino Annetta SBOCCHI PROFESSIONALI PER I LAUREATI DELLE FACOLTA DI FARMACIA Antonino Annetta E quella in cui il titolare è una persona fisica o una società di persone. Viene conseguita per: - concorso; - atto di vendita;

Dettagli

La Farmacia dei servizi FARMACISTA PIU Milano 2015 (1)

La Farmacia dei servizi FARMACISTA PIU Milano 2015 (1) FARMACISTA PIU Milano 2015 (1) Sistema farmacia: unicum di professione, struttura, servizio integrato quale sistema culturale nel Servizio Sanitario Nazionale per tutelare con continuità territoriale e

Dettagli

UNA NUOVA REALTÀ IN OFTALMOLOGIA

UNA NUOVA REALTÀ IN OFTALMOLOGIA Corso ECM n. 309-12867 UNA NUOVA REALTÀ IN OFTALMOLOGIA Siena, venerdì 30 settembre 2011 IL NUOVO APPROCCIO SANITARIO: LA MODERNA FARMACIA DEI SERVIZI E LE PROPOSTE DEGLI ORDINI Prof.ssa Paola Massarelli

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Atto suddiviso in articoli Stampa Nuova Ricerca Indietro Ministero della Salute DECRETO 16 dicembre 2010 Disciplina dei limiti e delle condizioni delle prestazioni analitiche di prima istanza, rientranti

Dettagli

Metodologia di calcolo del pay-back 5% - 2013

Metodologia di calcolo del pay-back 5% - 2013 Metodologia di calcolo del pay-back 5% - 2013 Vista la proroga al 31 dicembre 2013 emanata ai sensi del D.P.C.M. 26 giugno 2013, dei termini previsti all art.9, comma 1, del D.L. 31 dicembre 2007, n.248,

Dettagli

SS FAR 29 IFOSI AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI DEI FARMACISTI LORO SEDI

SS FAR 29 IFOSI AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI DEI FARMACISTI LORO SEDI Roma 11.03.2011 Ufficio: DIR/MRT Protocollo: 201100002336/A.G. Oggetto: Decreto 16 dicembre 2010 Disciplina dei limiti e delle condizioni delle prestazioni analitiche di prima istanza, rientranti nell

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI. Docenti: Dott. Carlo Sardara

CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI. Docenti: Dott. Carlo Sardara CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI Docenti: Dott. Carlo Sardara LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI Quadro normativo La natura giuridica dell impresa farmacia Decreto Liberalizzazioni 24 Gennaio

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA SANITARIA

DISPOSIZIONI IN MATERIA SANITARIA FEDERAZIONE ORDINI FARMACISTI ITALIANI Roma, 29/12/2007 Ufficio: DRE/MDT Protocollo: 20060011058/A.G. Oggetto: Legge 296/2006 - Finanziaria 2007 Circolare n. 6911 SS AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI DEI FARMACISTI

Dettagli

Legge 2 aprile 1968, n. 475: Norme concernenti il servizio farmaceutico. (Pubblicata nella G.U. n. 107 del 27 aprile 1968)

Legge 2 aprile 1968, n. 475: Norme concernenti il servizio farmaceutico. (Pubblicata nella G.U. n. 107 del 27 aprile 1968) Legge 2 aprile 1968, n. 475: Norme concernenti il servizio farmaceutico. (Pubblicata nella G.U. n. 107 del 27 aprile 1968) Art. 1 L'autorizzazione ad aprire una farmacia è rilasciata con provvedimento

Dettagli

Implementazione delle funzioni e del ruolo del farmacista in riferimento all'attuazione della farmacia dei servizi. TERZAPARTE

Implementazione delle funzioni e del ruolo del farmacista in riferimento all'attuazione della farmacia dei servizi. TERZAPARTE In Natura Felicitas Progetto per la diffusione e la formazione in discipline olistiche, analogiche e della naturopatia www.naturafelicitas.it info@ @naturafelicitas.it Corsi ECM FAD UTIFAR 20144 Implementazione

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE

ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE Testo trasmesso al Governo dal Comitato di Settore Sanità delle Regioni ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO Il

Dettagli

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI 20/2011 AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE Dal 4 maggio 2011 alcune prestazioni sanitarie potranno essere erogate

Dettagli

POCA Legislazione (RD 1265/34, L. 475/68, MOLTA Giurisprudenza NORMATIVA FARMACEUTICA DPR 1275/71, L. 362/91, L 326/03, L.

POCA Legislazione (RD 1265/34, L. 475/68, MOLTA Giurisprudenza NORMATIVA FARMACEUTICA DPR 1275/71, L. 362/91, L 326/03, L. NORMATIVA FARMACEUTICA POCA Legislazione (RD 1265/34, L. 475/68, DPR 1275/71, L. 362/91, L 326/03, L. 248/06 ) MOLTA Giurisprudenza (sentenze TAR, Consiglio di stato) Terza legge di Newton Ad ogni azione

Dettagli

Guida al Concorso per Farmacie novità della legge 27 /2012 Integrato legge conversione Decreto 95 del 6/7/2012

Guida al Concorso per Farmacie novità della legge 27 /2012 Integrato legge conversione Decreto 95 del 6/7/2012 Guida al Concorso per Farmacie novità della legge 27 /2012 Integrato legge conversione Decreto 95 del 6/7/2012 Aggiornamento 8 agosto 2012 Carlo Ranaudo 1 Rapporto Farmacie -Popolazione Legge 475/68 e

Dettagli

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia. Il mercato farmaceutico ed i suoi attori

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia. Il mercato farmaceutico ed i suoi attori Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Il mercato farmaceutico ed i suoi attori Claudio Jommi claudio.jommi@.uniupo.it Agenda: il mercato farmaceutico 1) Alcune definizioni 2) Il trend

Dettagli

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 Leggi e normative LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE Articolo 1 Finalità 1. La presente legge tutela il diritto del cittadino

Dettagli

Il CICLO PRODUTTIVO LA GESTIONE DELLE VENDITE

Il CICLO PRODUTTIVO LA GESTIONE DELLE VENDITE CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI IL FUNZIONAMENTO DELL IMPRESA FARMACIA Docenti: Dott. Carlo Sardara 1 IL FUNZIONAMENTO DELL IMPRESA FARMACIA Il ciclo produttivo: 1. La gestione delle vendite

Dettagli

Farmacia Simulata Urbino 10 marzo 2009

Farmacia Simulata Urbino 10 marzo 2009 Farmacia Simulata Urbino 10 marzo 2009 Antonio Astuti Università degli Studi di Urbino Facoltà di Farmacia Ordine dei Farmacisti di Pesaro e Urbino La Farmacia Simulata Settima Edizione: la continua evoluzione

Dettagli

Evoluzione storica della leglislazione italiana in materia di FARMACIE

Evoluzione storica della leglislazione italiana in materia di FARMACIE Evoluzione storica della leglislazione italiana in materia di FARMACIE RIFORMA CRISPI (1888): centralizzazione delle funzioni di vigilanza e d'autorizzazione in materia, riaffermazione del principio del

Dettagli

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO Decreto Legislativo di recepimento della Direttiva 2011/24/UE Dipartimento della Programmazione e del Servizio Sanitario Nazionale Direzione Generale della Programmazione

Dettagli

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella manovra Finanziaria 2008 La sanità nella manovra Finanziaria 2008/1 Più risorse per i livelli essenziali di assistenza e cresce il Fondo per i non autosufficienti Potenziato il piano pluriennale

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO

GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO DELIBERAZIONE N 1614 DEL 30 OTTOBRE 2001 Pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio n. 35 del 20/12/2001 OGGETTO. Disposizioni normative per i soggetti affetti da

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Legge regionale 19 marzo 2009, n. 7 (BUR n. 25/2009) DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Art. 1 - Finalità.

Dettagli

GLI EMENDAMENTI PER LA SANITA

GLI EMENDAMENTI PER LA SANITA GLI EMENDAMENTI PER LA SANITA Al comma 5, dopo la lettera c), aggiungere la seguente: d) nell'ultimo periodo le parole: «Piano sanitario nazionale» sono sostituite dalle seguenti: «comma 34». *39. 1. La

Dettagli

DISTRIBUZIONE PER CONTO (D.P.C.) Anna Campi

DISTRIBUZIONE PER CONTO (D.P.C.) Anna Campi DISTRIBUZIONE PER CONTO (D.P.C.) Anna Campi 1 DISTRIBUZIONE PER CONTO Erogazione di farmaci, acquistati dalla ASL, da parte delle Farmacie Convenzionate: Distribuzione in nome e per conto della ASL 2 FARMACI

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica SUPPORTO OPERATIVO E TECNICO-SPECIALISTICO PER LA MESSA A SISTEMA E L OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA

Dettagli

Economia e regolazione del farmaco AIC, prezzi e rimborso. Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it

Economia e regolazione del farmaco AIC, prezzi e rimborso. Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it Economia e regolazione del farmaco AIC, prezzi e rimborso Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it I soggetti coinvolti nelle politiche del farmaco UE: Ema gran parte delle AIC + Direttive / Regolamenti

Dettagli

Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA

Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA Accordo Contrattuale ex art. 17 l.r. 16.8.2002, n. 22 ed art. 8 quinquies d.lgs. 30.12.1992, n. 502 tra L Azienda Ulss e gli erogatori privati accreditati

Dettagli

2013: Quali strumenti per governare le trasformazioni in atto e recuperare redditività

2013: Quali strumenti per governare le trasformazioni in atto e recuperare redditività 2013: Quali strumenti per governare le trasformazioni in atto e recuperare redditività E.C.M. Educazione Continua in Medicina 17 giugno 2013 ore 20:00 Provider e Segreteria Organizzativa Con il contributo

Dettagli

Giornata di presentazione

Giornata di presentazione Giornata di presentazione Roma, 20 giugno 2014 Sala Auditorium, Ministero della Salute Linee di indirizzo sugli strumenti per concorrere a ridurre gli errori in terapia farmacologica nell ambito dei servizi

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

DECRETO-LEGGE 31 maggio 2010, n. 78

DECRETO-LEGGE 31 maggio 2010, n. 78 DECRETO-LEGGE 31 maggio 2010, n. 78 Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitivita' economica. (10G0101) Vigente al: 28-7-2011 CAPO III CONTENIMENTO DELLE SPESE IN MATERIA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5951 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti

Dettagli

Dinamiche di erogazione, accesso al farmaco ed appropriatezza prescrittiva in psichiatria

Dinamiche di erogazione, accesso al farmaco ed appropriatezza prescrittiva in psichiatria Dinamiche di erogazione, accesso al farmaco ed appropriatezza prescrittiva in psichiatria Dott. Adriano Cristinziano Direttore UOC Farmacia A.O. Ospedali dei Colli - Napoli Premessa Centralità del farmaco

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

nominativo del responsabile scientifico da cui dipende l ISF; attività svolta sulla base di un rapporto di lavoro univoco e a tempo pieno.

nominativo del responsabile scientifico da cui dipende l ISF; attività svolta sulla base di un rapporto di lavoro univoco e a tempo pieno. Allegato alla Delib.G.R. n. 37/34 DEL 30.7.2009 Indirizzi e direttive sull attività di informazione medico - scientifica sul farmaco ai sensi dell art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326.

Dettagli

OGGETTO SPAZI IN CUI SVOLGERE LA LIBERA PROFESSIONE INTRAMOENIA

OGGETTO SPAZI IN CUI SVOLGERE LA LIBERA PROFESSIONE INTRAMOENIA 1 OGGETTO SPAZI IN CUI SVOLGERE LA LIBERA PROFESSIONE INTRAMOENIA QUESITO (posto in data 20 aprile 2012) L'USL può imporre l'effettuazione della libera professione intramoenia nei locali dove viene svolta

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

Le Note AIFA sono strumenti di indirizzo volti a definire gli ambiti di rimborsabilità, senza interferire con la libertà di prescrizione.

Le Note AIFA sono strumenti di indirizzo volti a definire gli ambiti di rimborsabilità, senza interferire con la libertà di prescrizione. LA GESTIONE NORMATIVA DEI MEDICINALI 21 parte 1 Ai sensi della Legge n. 149/2005, il farmacista al quale venga presentata una ricetta medica che contenga la prescrizione di un farmaco di classe c) soggetto

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA Articolo 1 Finalità. 1. Il presente Regolamento disciplina l erogazione delle prestazioni assistenziali di cui all art. 3, comma 2

Dettagli

NUOVI SERVIZI IN FARMACIA: ASPETTI FISCALI

NUOVI SERVIZI IN FARMACIA: ASPETTI FISCALI NUOVI SERVIZI IN FARMACIA: ASPETTI FISCALI Dott.ssa Giovanna Castelli 1 LA FARMACIA DEI SERVIZI L art.11 L.69/2009, il D.lgs n.153/2009 e i DM 57/2010; DM 90/2010 e DM 8.7.2011 hanno previsto la possibilità

Dettagli

Condizioni e limitazioni per la prescrivibilità dei farmaci a carico del SSN

Condizioni e limitazioni per la prescrivibilità dei farmaci a carico del SSN REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE 1. Ricettari S.S.N. Condizioni e limitazioni per la prescrivibilità dei farmaci a carico del SSN ALLEGATO A bis 1.1. Ogni Medico prescrittore del SSN, convenzionato o dipendente

Dettagli

XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI. PROPOSTA DI LEGGE Art. 1. (Finalità).

XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI. PROPOSTA DI LEGGE Art. 1. (Finalità). XVI LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI N. 2024 PROPOSTA DI LEGGE Art. 1. (Finalità). 1. La presente legge prevede misure di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave che siano prive del

Dettagli

Il comma quinto dell articolo 1 del Capitolato Speciale di gara Oggetto e quantità della fornitura deve intendersi così modificato:

Il comma quinto dell articolo 1 del Capitolato Speciale di gara Oggetto e quantità della fornitura deve intendersi così modificato: RISPOSTE AI QUESITI FORMULATI DA DIVERSE AZIENDE CONCORRENTI (ex art. 11 del Disciplinare di Gara) E CONSEGUENTE PARZIALE RETTIFICA DEI DOCUMENTI DI GARA Il comma quinto dell articolo 1 del Capitolato

Dettagli

Il presidente del Consorzio di Rosa Marina

Il presidente del Consorzio di Rosa Marina Avviso pubblico per la formazione di una short list di medici disponibili a svolgere attività di ambulatorio e primo soccorso presso il punto di assistenza medica del Consorzio di Rosa Marina- Ostuni Il

Dettagli

4XDOqORVWUXPHQWRGLLGHQWLILFD]LRQHGHLFRQWULEXHQWLQHLUDSSRUWLFRQLOILVFR"

4XDOqORVWUXPHQWRGLLGHQWLILFD]LRQHGHLFRQWULEXHQWLQHLUDSSRUWLFRQLOILVFR (±,/5(*,0(75,%87$5,2 4XDOqORVWUXPHQWRGLLGHQWLILFD]LRQHGHLFRQWULEXHQWLQHLUDSSRUWLFRQLOILVFR" a) il codice fiscale b) il certificato di nascita c) la partita I.V.A.,OSHULRGRG LPSRVWDSUHVRLQHVDPHDLILQL,53()q

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI 1/8 Sommario Art.1 Principi generali 2 Art.2 Il Piano delle assunzioni e delle collaborazioni 3 Art.3 Reclutamento e

Dettagli

La sanità nella Legge Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella Legge Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella Legge Finanziaria 2008 La sanità nella Legge Finanziaria 2008/1 Per la sanità prosegue la politica di potenziamento dei servizi e dei livelli di assistenza Cresce ancora il fondo sanitario

Dettagli

Articolo 8. Articolo 8. (Piani di rientro, tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico-terapeutici)

Articolo 8. Articolo 8. (Piani di rientro, tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico-terapeutici) Sezione IV Sezione IV Salute Salute Articolo 8. Articolo 8. (Tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico terapeutici) (Piani di rientro, tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico-terapeutici)

Dettagli

Regione Umbria. LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 7. Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi.

Regione Umbria. LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 7. Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi. Regione Umbria LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 7 Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi. Pubblicazione: Bollettino Ufficiale n. 20 del 23/04/2014 L'Assemblea

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva e responsabilità medico - legale Cosenza 04/05 dicembre 2013

Appropriatezza prescrittiva e responsabilità medico - legale Cosenza 04/05 dicembre 2013 Appropriatezza prescrittiva e responsabilità medico - legale Cosenza 04/05 dicembre 2013 Direttore U.O.C., D.ssa Luciana Florio Area Farmaceutica Territoriale - Distretto Tirreno Nasce da una serie di

Dettagli

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO 1 OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO QUESITO (posto in data 21 gennaio 2010) Presso il nostro presidio ospedaliero è in funzione una guardia h 24 di rianimazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARCHIONI, FRONER

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MARCHIONI, FRONER Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3759 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MARCHIONI, FRONER Disciplina delle attività professionali di estetista e di operatore di

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB S1/PZ Anno XL BARI, 5 OTTOBRE 2009 N. 154 Sede Presidenza Giunta Regionale

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI

LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI LINEE GUIDA PER IL REGOLAMENTO DI STRUTTURA SOCIO-SANITARIA PER PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI Il Regolamento di struttura, redatto in coerenza con le linee guida di cui al presente provvedimento,

Dettagli

Alma Mater Studiorum-Università di Bologna. NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna -

Alma Mater Studiorum-Università di Bologna. NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - Testo coordinato del Regolamento sulle modalità di ripartizione dei proventi di cui all Art. 66 del DPR 382/80 derivanti da attività di ricerca e consulenza, eseguite mediante contratti e convenzioni stipulati

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

REGOLAMENTO N. 29 DEL 16 MARZO 2009. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 29 DEL 16 MARZO 2009. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 29 DEL 16 MARZO 2009 REGOLAMENTO CONCERNENTE LE ISTRUZIONI APPLICATIVE SULLA CLASSIFICAZIONE DEI RISCHI ALL INTERNO DEI RAMI DI ASSICURAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 2 DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds. A TUTTE LE STRUTTURE loro sedi. OGGETTO: Manovra sanitaria 2015/2017. Carissimi,

Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds. A TUTTE LE STRUTTURE loro sedi. OGGETTO: Manovra sanitaria 2015/2017. Carissimi, Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Politiche di Riforma delle Pubbliche Amministrazioni, di Cittadinanza Tutela e Promozione Solidarietà e Tutele Sociali Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds

Dettagli

IL QUADRO LEGISLATIVO

IL QUADRO LEGISLATIVO CAPITOLO TERZO IL QUADRO LEGISLATIVO 1. LA COSTITUZIONE Le leggi riportate in questo capitolo sono ordinate in senso cronologico per meglio mettere in evidenza la crescente sensibilità del legislatore

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

PARTE I. dei regolamenti regionali. REGOLAMENTO REGIONALE 16 LUGLIO 2007, N. 17

PARTE I. dei regolamenti regionali. REGOLAMENTO REGIONALE 16 LUGLIO 2007, N. 17 4 PARTE I Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 16 LUGLIO 2007, N. 17 Regolamento per le attività di informazione scientifica sul farmaco, art. 48 commi 21,22,23,24 della l. 24.11.2003 n.

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 3 DEL 13-05-2011 REGIONE BOLZANO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 3 DEL 13-05-2011 REGIONE BOLZANO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 3 DEL 13-05-2011 REGIONE BOLZANO (Prov.) Norme in materia di assistenza e beneficenza, di procedimento amministrativo, di supe-ramento o eliminazione delle barriere architettoniche,

Dettagli

COMUNE DI ROCCARAINOLA

COMUNE DI ROCCARAINOLA COMUNE DI ROCCARAINOLA BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI INTEGRATIVI PER IL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA 2014 ART. 11 LEGGE 431/1998 Questa Amministrazione, in esecuzione della

Dettagli

DI INCARICHI ESTERNI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI

DI INCARICHI ESTERNI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE INCOMPATIBILITÀ E DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI ESTERNI DA PARTE DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI (D.R. N. 302 DEL 29.7.2015) CAPO I AMBITO

Dettagli

TABELLA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZE DELL ENTE.

TABELLA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZE DELL ENTE. Comune di Sperone Provincia di Avellino TABELLA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI DI COMPETENZE DELL ENTE. APPROVATA CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 70 DEL 26.9.2013. ******************************************

Dettagli

LA GESTIONE DELLE FORNITURE DEL FARMACO OSSIGENO IN AMBITO DOMICILIARE E DEI SERVIZI CONNESSI ALL OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE

LA GESTIONE DELLE FORNITURE DEL FARMACO OSSIGENO IN AMBITO DOMICILIARE E DEI SERVIZI CONNESSI ALL OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE LA GESTIONE DELLE FORNITURE DEL FARMACO OSSIGENO IN AMBITO DOMICILIARE E DEI SERVIZI CONNESSI ALL OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE La proposta di Assogastecnici Gruppo Gas Medicinali OTTOBRE 2010 PREMESSA Con

Dettagli

Sezione A COMMERCIALISTI. Mauro D Elia. Via Antonio Angiolini 23 59100 Prato Tel 0574 603765 fax 0574 603765

Sezione A COMMERCIALISTI. Mauro D Elia. Via Antonio Angiolini 23 59100 Prato Tel 0574 603765 fax 0574 603765 Prato, 27 Gennaio 2011 ALLA SPETTABILE CLIENTELA CIRCOLARE OGGETTO DECRETO LIBERALIZZAZIONI Il decreto Cresci Italia punta alla crescita eliminando (in parte) vincoli e privilegi, introducendo massicce

Dettagli

L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione

L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Legislazione Farmaceutica ed Autorizzazioni in Farmacia 4 14 214 244 284 294 324 334 354 494 504 1128 1224 1624 1694 1704

Dettagli

Manuale operativo. Procedure estratte da Sistema Tessera Sanitaria

Manuale operativo. Procedure estratte da Sistema Tessera Sanitaria Manuale operativo Procedure estratte da Sistema Tessera Sanitaria Per le richieste di assistenza riguardanti problematiche di tipo tecnico riguardanti il SAC si può inviare un messaggio alla casella di

Dettagli

LEGGE 29 NOVEMBRE 2007 N. 222 ART. 5 COMMA 1 E 2. NOTA SULLA METODOLOGIA APPLICATIVA

LEGGE 29 NOVEMBRE 2007 N. 222 ART. 5 COMMA 1 E 2. NOTA SULLA METODOLOGIA APPLICATIVA LEGGE 29 NOVEMBRE 2007 N. 222 ART. 5 COMMA 1 E 2. NOTA SULLA METODOLOGIA APPLICATIVA PREMESSA L articolo 5 della legge 29 novembre 2007, n. 222 prevede al comma 1 che: l onere a carico del SSN per l assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 Approvato con deliberazione del consiglio dell unione n

Dettagli

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020 Sanità digitale Cosa e perchè L innovazione digitale dei processi sanitari è un passaggio fondamentale per migliorare il rapporto costo-qualità dei servizi sanitari, limitare sprechi e inefficienze, ridurre

Dettagli

3.BENEFICI IN AMBITO SANITARIO

3.BENEFICI IN AMBITO SANITARIO 3.BENEFICI IN AMBITO SANITARIO c ESENZIONE TICKET. CONDIZIONI GENERALI Soggetti esenti dalla partecipazione alla spesa sanitaria Beneficiari Totalmente esenti CITTADINI DI ETÀ INFERIORE A SEI ANNI e appartenenti

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2311 del 09 dicembre 2014 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 2311 del 09 dicembre 2014 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2311 del 09 dicembre 2014 pag. 1/7 Linee Guida della Regione Veneto per il corretto svolgimento delle attività di restituzione, donazione e recupero

Dettagli

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali LEGGE REGIONALE 7 agosto 2002, n. 29 Approvazione disposizioni normative collegate alla legge finanziaria regionale relative al Settore Sanità. (BUR n. 14 dell 1 agosto 2002, supplemento straordinario

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI. IN ORARIO SCOLASTICO (0-14 anni)

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI. IN ORARIO SCOLASTICO (0-14 anni) AZIENDA USL di Reggio Emilia Distretto di Correggio SCUOLE E NIDI D INFANZIA Comuni del Distretto di Correggio ISTITUTI SCOLASTICI STATALI Per scuole primarie e secondarie di 1 grado F.I.S.M. E COOPERATIVE

Dettagli

L ESPERIENZA DELLA DISTRIBUZIONE DIRETTA NELL ASL2 SAVONESE

L ESPERIENZA DELLA DISTRIBUZIONE DIRETTA NELL ASL2 SAVONESE Genova, 24 maggio 2013 L ESPERIENZA DELLA DISTRIBUZIONE DIRETTA NELL ASL2 SAVONESE Dott.ssa Simona Genta FATTORI CHE INFLUISCONO SULLA SPESA FARMACEUTICA ANALISI DEI CONSUMI FATTORI CHE RIDUCONO LA SPESA

Dettagli

Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014

Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014 Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014 1. Premessa Il Decreto Legislativo 4 marzo 2014, n. 38 recante Attuazione della Direttiva 2011/24/UE concernente l'applicazione dei diritti dei pazienti

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n.

Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. 20del 23 marzo 1984 sulla disciplina dell orario dei turni e

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI VIRGILIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI VIRGILIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4771 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DI VIRGILIO Modifica dell articolo 157 del decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219, in

Dettagli

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI Armando Zambrano,Presidente CNI Rimini, 12 settembre 2012. 1 IL REGOLAMENTO SULLA RIFORMA Il regolamento

Dettagli

Indice 1 CENNI SULLA NORMATIVA SOPRANAZIONALE

Indice 1 CENNI SULLA NORMATIVA SOPRANAZIONALE Indice 1 CENNI SULLA NORMATIVA SOPRANAZIONALE 1-1 Istituzioni sopranazionali che orientano la politica farmaceutica nei singoli Stati 1 1-2 Disciplina degli stupefacenti promossa dall Organizzazione delle

Dettagli

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Agevolazioni ai fini delle imposte sui redditi ARTICOLO

Dettagli

Modalità operative per le attività di informazione scientifica sul farmaco. Art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326.

Modalità operative per le attività di informazione scientifica sul farmaco. Art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326. giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Modalità operative per le attività di informazione scientifica sul farmaco. Art. 48 commi 21, 22, 23, 24 la L. 24.11.2003 n. 326. PUBBLICITÀ PRESSO I MEDICI,

Dettagli