SPORTELLI IMMIGRATI ALTA VAL DI CECINA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPORTELLI IMMIGRATI ALTA VAL DI CECINA"

Transcript

1 SPORTELLI IMMIGRATI ALTA VAL DI CECINA SOGGETTO PROPONENTE DENOMINAZIONE RESPONSABILE DEL PROGETTO Associazione Welcome in Val di Cecina, organizzazione non lucrativa di utilità sociale ONLUS Nome e Cognome: CHIARA MOLINARI Indirizzo: Via Roncalli 14- Pomarance (Pi) Tel: Cell.: Fax: Il presente progetto prevede l apertura degli Sportelli Immigrati a Pomarance e Ponteginori (Comune di Montecatini Val di Cecina) in coerenza all'attuale organizzazione del servizio. Rilevando però che tale organizzazione non è adeguata al fine di garantire risposte omogenee per affrontare serenamente e coordinatamente l afflusso e la gestione dell immigrazione regolare, intendiamo comunque continuare ad offrire un servizio minimo, indispensabile per il nostro territorio, chiedendo un contributo per la realizzazione del progetto. ANALISI DEL CONTESTO Evidenziare i bisogni emergenti specifici del contesto a cui il progetto si riferisce La situazione attuale, relativamente all attività di Sportelli per stranieri dell Alta Val di Cecina, si configura come un servizio presente nei Comuni di Pomarance e Montecatini Val di Cecina, oltre alla compresenza dell operatrice con il personale interno presso la sede distaccata della Questura di Pisa a Volterra in Via Roma 6. Il servizio, da quindici anni presente nell'area dell'alta Val di Cecina con la stessa operatrice, si è caratterizzato negli anni da un progressivo impoverimento di tempo e risorse dedicate. Siamo passati da 4 aperture settimanali (una per ogni Comune dell'area) a 2 (Comuni di Pomarance e Montecatini), sostanzialmente con la stessa popolazione straniera residente, di conseguenza questo ha provocato molte ore d'attesa degli utenti per accedere ai servizi ed un carico di lavoro molto pesante concentrato in due giorni settimanali per l'operatrice. In effetti i bisogni sono aumentati, soprattutto per la progressiva informatizzazione delle procedure difficilmente affrontabili autonomamente per gli stranieri. Inoltre l'operatrice riceve giornalmente diverse telefonate da parte di utenti in difficoltà che chiedono le più svariate informazioni, spesso non potendo aspettare un'intera settimana per avere una risposta, oppure per lamentarsi dell'impossibilità d'ottenere informazioni altrove.

2 MASCH I ) In Alta Val di Cecina la popolazione straniera residente in base al censimento della popolazione 2011 (ultimi dati ISTAT) risulta essere di 1486 persone. Per dare la dimensione dell attività da realizzare riportiamo una serie di dati da noi rilevati agli sportelli nell ultimo anno: Numero utenti presentatisi agli sportelli (anno 2014): SPORTELLO DI RILEVAZIONE FEMMIN E M F + Nuovi utenti TOTALI POMARANCE PONTEGINORI totali utenti Durante l'anno 2015 l'orario ridotto ha creato molte difficoltà agli stranieri che devono accedere agli sportelli in anche perché le lunghe code spesso scoraggiano e in molti abbandonano l'attesa. Numero accessi (un utente può accedere più volte) dal 2007 al 1 semestre 2015: TOTAL I MASCHI % FEMMINE % Stranieri su 100 residenti Castelnuovo Val di Cecina ,7 47,3 16,3 Montecatini Val di Cecina ,7 60,3 7,2 Pomarance ,8 55,2 6,9 Volterra ,6 60,4 5,4 Totali ALTA VAL DI CECINA ,3 55,7 7,2 La decisione del Comune di Castelnuovo Val di Cecina (con la percentuale di stranieri residenti 16.3%, al secondo posto nella classifica provinciale) di non proseguire nell erogazione del servizio, ha fatto emigrare gli utenti verso gli altri sportelli, in particolare Pomarance e Ponteginori, a fronte però di una diminuzione delle ore complessive del servizio.

3 Come già chiaramente emerso nella relazione relativa al servizio dell anno 2014, gli utenti di Castelnuovo Val di Cecina si sono rivolti per necessità e per abitudine (sapendo di trovare l operatrice in giorni diversi e sedi diverse) negli sportelli presenti negli altri Comuni, specialmente a quello di Pomarance, per loro più vicino. Molto alto il numero di utenti che provengono da Pomarance ed accedono a Ponteginori dove, per il momento, anche perché di più recente apertura, l'attesa sembra essere più breve. La scelta del Comune di Volterra di non proseguire il servizio associato è molto preoccupante: gli utenti di Volterra, se non trovano risposte in loco, si rivolgono prevalentemente a Ponteginori, senza disdegnare Pomarance. Nelle prossime relazioni si continuerà a segnalare la provenienza degli stranieri (comune di provenienza) che accedono ai vari sportelli, per monitorarne l incidenza. Comunque, in pratica, l'apertura del servizio è garantita per un solo giorno alla settimana in ogni Comune, mentre sarebbe più utile e sensato, viste le difficoltà attuali, prevedere di poter offrire un accesso pressocchè giornaliero. In attesa della fine dell'anno per la consueta relazione finale, anticipiamo i dati degli accessi del 2015 fino alla fine di novembre: sportello di rilevazione Comune di provenienza Sesso POMARANCE CASTELNUOVO VdC F 46 Totali F+M CASTELNUOVO VdC M CHIANNI F 1 1 FIRENZE M 1 1 MONTECATINI VdC M 1 1 POMARANCE F 93 POMARANCE M PRATO M 1 1 RIPARBELLA M 1 1 VOLTERRA F 6 VOLTERRA M 7 13 PONTEGINORI CASTELNUOVO VdC F 3 CASTELNUOVO VdC M CECINA F 1 1 MONTECATINI VdC F 16 MONTECATINI VdC M 8 24 MONTESCUDAIO F 1 1 POMARANCE F 7 POMARANCE M RIPARBELLA F 2 RIPARBELLA M 5 7 VOLTERRA F 21 VOLTERRA M 6 27 ACCESSI TOTALI 466

4 RAPPORTO CON IL CONTESTO TERRITORIALE I rapporti con il contesto territoriale riguardano sia i destinatari finali sia i destinatari intermedi (istituzioni enti, organizzazioni, associazioni, ecc.) Welcome in Val di Cecina, organizzazione non lucrativa di utilità sociale ONLUS (ASSOCIAZIONE), nasce nel 2007 dall esigenza di alcuni cittadini italiani residenti in Alta Val di Cecina, che a vario titolo si occupano o si sono occupati di immigrazione, e di alcuni cittadini immigrati regolarmente e da anni presenti e inseriti in Alta Val di Cecina, di poter avere voce in capitolo rispetto alle proprie istanze ed attuare in loco una politica di vera conoscenza reciproca, cercando di realizzare, attraverso l associazione, un coordinamento e un riferimento che non esisteva sul territorio. Welcome in Val di Cecina è nata sull onda del corso di Alta Formazione Welcome per operatori di Sportelli presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa in collaborazione con la Provincia di Pisa, con l osservatorio per le politiche sociali e la Regione Toscana e Welcome fase 2 a cura del Dipartimento di Scienze Sociali dell Università degli studi di Pisa, con l obiettivo di mettere in rete saperi e conoscenze per dare una risposta coerente e condivisa alle tematiche ed agli adempimenti in materia di immigrazione. Pertanto l Associazione è nata anche con la precisa volontà di essere professionalmente formati e aggiornati. Infatti la partecipazione e il costante aggiornamento è il principio fondamentale portato avanti da Welcome in Val di Cecina nella convinzione che bisogna essere presenti e propositivi proprio perché l Alta Val di Cecina è una zona lontana e marginale della Provincia di Pisa con problemi e realtà diverse che hanno bisogno di essere viste ed affrontate in loco. L obiettivo principale dell Associazione è di essere un punto di riferimento per cittadini italiani e stranieri ed istituzioni locali in Alta Val di Cecina e coordinare progetti e attività rivolti a migranti residenti in zona. Scopo di Welcome in Val di Cecina è sempre stato quello di diventare un punto di riferimento per attuare una politica territoriale aderente ai bisogni espressi, in accordo con la Società della Salute e gli indirizzi del Piano Integrato di Salute, i Servizi Sociali, i Sindaci, la Provincia di Pisa, altri soggetti istituzionali, del privato sociale e del volontario. Welcome in Val di Cecina da sempre sviluppa rapporti e relazioni con il territorio dell Alta Val di Cecina, inteso anche come esplicitazione delle sinergie sviluppate in collaborazione con il tessuto sociale e gli enti locali. Uno degli obiettivi e degli scopi dell Associazione è quello di perseguire l interesse generale della comunità alla promozione umana ed all integrazione sociale dei cittadini. Il concetto espresso si realizza attraverso azioni tese a: ricercare e sviluppare un collegamento con le associazioni, volontariato, gli enti e le altre realtà presenti sul territorio, richiedendone, in considerazione dei propri scopi sociali, una partecipazione attiva alle iniziative la lettura dei bisogni e delle tendenze territoriali che si esplicita nel tentativo di tradurre i dati in progetti di intervento condivisione del proprio patrimonio culturale dell intervento sociale con gli attori territoriali la capacità di coinvolgere nell espressione della solidarietà la società civile privilegiare il rapporto con le strutture pubbliche, per un confronto ed una collaborazione costruttiva nell ambito delle reciproche iniziative, sia nella fase progettuale che in quella esecutiva

5 monitorare e verificare in modo sistematico la qualità del servizio offerto in relazione al raggiungimento degli obiettivi specifici Welcome in Val di Cecina cerca di sviluppare rapporti e relazioni con associazioni o altri soggetti del territorio, partendo dai committenti e dalle istituzioni, mettendo a disposizione la propria esperienza, proponendosi come interpreti dei bisogni che emergono dai servizi gestiti, dalle collaborazioni con le associazioni e le persone, nell ottica di costruzione di reti di intervento nella comunità locale in cui il servizio è realizzato. L azione d integrazione sociale svolta in seno all associazione è d importanza vitale per il coinvolgimento della popolazione straniera: l appartenenza all associazione favorisce i rapporti interculturali e la partecipazione attiva nella comunità. Pertanto i rapporti con il contesto territoriale da parte di Welcome in Val di Cecina è particolarmente forte, in particolare con i destinatari finali (stranieri) essendo molti associati dell Associazione. Contenuti del progetto DESCRIZIONE Obiettivi generali Il presente progetto relativo agli Sportelli Immigrati dell Alta Val di Cecina ha come finalità generale quella di contribuire alla creazione delle condizioni necessarie all integrazione sociale e culturale della popolazione straniera residente nella zona Alta Val di Cecina. Possiamo individuare come obiettivi generali: facilitare l accesso ai servizi attraverso azioni di orientamento, informazione e accompagnamento; favorire l accoglienza e il dialogo al fine di facilitare l inserimento, nel pieno rispetto della persona umana con il suo bagaglio culturale e sociale, all interno della comunità locale; promuovere percorsi di riconoscimento dei propri diritti e doveri ; sostenere la realizzazione di progetti, attività e percorsi all interno dell area progettuale immigrazione. I destinatari principali delle attività svolte dagli Sportelli sono i cittadini immigrati comunitari e non, presenti sul territorio dell Alta Val di Cecina. Obiettivi specifici Gli obiettivi specifici del progetto sono: garantire ai cittadini stranieri un servizio qualificato e professionale per la procedura di rilascio/rinnovo di permessi/carte di soggiorno e pratiche rivolte al Ministero dell Interno (ricongiungimenti, sanatorie, decreti flussi, test di italiano, ingresso lavoratori altamente qualificati ) oltre ad informazione e

6 Requisiti del Progetto Metodologie utilizzate e strumenti di lavoro consulenza per i procedimenti amministrativi in materia di soggiorno legale; fornire un informazione di qualità, gratuita, completa e aggiornata su tutte le questioni di interesse per i cittadini stranieri con particolare riferimento a quelle relative all accesso alla rete dei servizi territoriali (sanità, istruzione, lavoro, ecc.); essere osservatorio del mondo dell immigrazione per rilevare eventuali bisogni e per fornire indicazioni e supporto alle scelte degli Assessorati alle Politiche Sociali dei Comuni; offrire risposte al bisogno di socializzazione e aggregazione, ad esempio svolgendo funzione di supporto e di collegamento rispetto alle Consulte Stranieri, ove costituite, e agli Assessorati alle Politiche Sociali dei singoli Comuni; promuovere la partecipazione attiva degli stranieri alla vita della comunità. METODOLOGIE UTILIZZATE Welcome in Val di Cecina intende garantire la gestione degli Sportelli Immigrati dell Alta Val di Cecina con una metodologia basata sul rafforzamento del collegamento con il territorio. In particolare: capire le esigenze degli utenti che si rivolgono agli sportelli e proporre attività ed interventi, necessari per una buona convivenza ed armonizzazione con gli abitanti tutti dell Alta Val di Cecina garantire un buon rapporto tra gli utenti stranieri e i Comuni dell Alta Val di Cecina ed altri soggetti pubblici erogatori di servizi in Alta Val di Cecina lavorare in stretto contatto con Provincia, Questura e Prefettura, per poter offrire informazioni aggiornate e/o di risolvere in tempi rapidi le problematiche degli utenti collaborare proficuamente con i vari uffici del territorio (Centro per l Impiego, Ufficio per le entrate, Informagiovani, ecc ) e con le assistenti sociali dell Azienda Usl5, la Casa Circondariale di Volterra e il Centro d accoglienza San Girolamo, per garantire un collegamento continuo per la risoluzione di problematiche specifiche. SEDI Volterra: Ufficio Distaccato Questura di Pisa, via Roma 6 (previste 2 ore settimanali) Pomarance sportello immigrati (sede comunale): via Roncalli 14 presso la biblioteca comunale (previste 6 ore settimanali)

7 Montecatini V.C. sportello immigrati (sede comunale): Ponteginori via A. Volta, 1 piano - edificio scuola materna (previste 3 ore settimanali) Attività - Dettaglio delle attività previste per realizzare obiettivi progettuali - Indicazione monte ore settimanale (front office + back office) L'attività si svolgerà nelle sedi messe a disposizione dai Comuni interessati, dotate dei mezzi minimi necessari alla realizzazione dell'attività (stampanti multifunzione, telefono, fax), anche al fine di garantire l'integrazione con gli altri servizi di pubblico interesse per l'utenza. DETTAGLIO DELLE ATTIVITA PREVISTE Possiamo individuare 3 diverse attività specifiche: 1) Gestione dei punti informativi ovvero degli sportelli Immigrati dell Alta Val di Cecina (comuni di Pomarance e Montecatini Val di Cecina) Attività realizzate dai punti informativi (Sportelli): consulenza e precaricamento delle pratiche inerenti il soggiorno in Italia relativamente al rinnovo/aggiornamento del permesso di soggiorno e della carta di soggiorno, ricongiungimenti familiari, flussi per lavoro, visti di ingresso, consulenza e modulistica per l acquisizione della cittadinanza italiana, aiuto nella compilazione di pratiche (ad esempio contratti, autocertificazioni ); aiuto nella comprensione di lettere e comunicazioni; informazione sui servizi rivolti ai cittadini stranieri ed i servizi svolti dai Comuni o da altri Enti ed associazioni; contatti con la Prefettura - Sportello Unico per l Immigrazione - e la Questura per quanto concerne: - collaborazione attiva con i suddetti soggetti istituzionali attraverso la figura del coordinatore, in stretta relazione con il Responsabile dell Area immigrazione; - attivazione di tutte quelle azioni che possano agevolare la gestione delle pratiche riguardanti il soggiorno; - partecipazione alla realizzazione della rete welcome secondo l intenzione del Protocollo di intesa firmato in data 17 ottobre 2005 da Ufficio Territoriale del Governo di Pisa, Provincia di Pisa, Questura, e Direzione provinciale del Lavoro. Rapporto con il servizio di consulenza legale:

8 - invio di utenti con problematiche di natura legale; - accompagnamento degli utenti nei percorsi legali individuati, anche attraverso azioni di mediazione linguistica e/o culturale. Specifiche azioni da intraprendere: Il Punto informativo per stranieri svolge attività di: FRONT-OFFICE Offre consulenza per: documenti relativi al soggiorno rinnovo/aggiornamento del permesso/carta di soggiorno in formato elettronico decreto flussi cittadinanza asilo ricongiungimento familiare visto di ingresso compilazione di pratiche orientamento alla legislazione Offre informazioni su: servizi rivolti ai cittadini stranieri servizi svolti dai Comuni o da altri Enti ed Associazioni invio agli appositi uffici rispetto a tematiche quali lavoro, formazione, problematiche sociali, economiche e familiari, salute, ecc Offre risposte per: Procedure definite di registrazione dell utenza e di organizzazione dei dati raccolti attraverso la compilazione della scheda delle presenze giornaliere, la registrazione della domanda, che saranno successivamente utilizzate per il monitoraggio e le statistiche; Analisi della richiesta ed erogazione dell informazione/servizio pertinente attraverso percorsi personalizzati e, se necessario, utilizzando contatti con i servizi competenti; Compilazione elettronica delle pratiche di rilascio/rinnovo del permesso/carta di soggiorno (su appuntamento, dopo la verifica della completezza della documentazione e le eventuali fotocopie); Aiuto nella compilazione di pratiche inerenti il soggiorno in Italia o da presentare ad altri uffici; Confronto con le risorse presenti nel territorio; Ricerca e consultazione di materiale informativo

9 specifico; Distribuzione di materiale informativo: Accompagnamento guidato tramite invio diretto dell utente, invio previo contatto telefonico, invio previo appuntamento ai servizi competenti: Questura Prefettura Altri Centri Servizi/Sportelli Immigrati Regione/Provincia Servizi Sociali Azienda USL 5 Altri servizi Comunali Inps/Inail/Inpdap CIF/Sindacati/Associazioni di categoria/ccia Cooperative/Associazioni Consultorio Familiare Ambasciate/Consolati Università ed Istituti scolastici Privati BACK-OFFICE Comprende tutte le attività di preparazione e supporto al front-office: gestione delle schede di monitoraggio e dell archivio utenti report delle pratiche di rinnovo/carta on-line come previsto dai servizi immigrazione ANCI gestione archivio e aggiornamento del materiale informativo costruzione e mantenimento della rete dei servizi: mappatura delle risorse di rete, attivazione di relazioni e creazione di un indirizzario dei soggetti (enti pubblici, associazioni, istituzioni...) attivi nell ambito dell immigrazione partecipazione del coordinatore alle riunioni operative di equipe con i servizi della rete riunioni di coordinamento, aggiornamento, programmazione Il servizio prevede un organizzazione (descritta nel dettaglio successivamente) delle ore di apertura frontoffice e di back office nelle sedi di Pomarance e Montecatini Val di Cecina (sede di Ponteginori). Inoltre è garantito il Coordinamento delle attività degli Sportelli in rapporto all Area immigrazione riservando particolare

10 cura: all aggiornamento su tematiche di natura tecnica (legislazione, giurisprudenza, procedure varie, informazione su bandi, lavoro di rete e di sportello, ecc ) ed organizzativa (presentazione e discussione di buone prassi, qualità, i rapporti con gli enti coinvolti, ecc ). a favorire la partecipazione ad incontri di formazione rivolti ad operatori coinvolti nel servizio e/o che hanno la necessità di approfondire argomenti riguardanti le tematiche dell immigrazione. 2) Rapporti con la Prefettura e Questura Prefettura: dopo l uscita del Decreto flussi a febbraio 2006 i rapporti con la Prefettura devono essere particolarmente forti. Infatti la nuova legge conferisce nuovi poteri alla Prefettura, per cui è fondamentale e sarà pertanto garantito il rapporto continuativo tra gli Sportelli e la Prefettura allo scopo di essere formati e informati sui nuovi regolamenti. Questura: la collaborazione ha avuto inizio sin dal primo momento dell attivazione degli Sportelli in Alta Val di Cecina, visto che la Questura era, ai tempi, unico organo preposto in materia d immigrazione: dal rilascio/rinnovo dei permessi di soggiorno (allora previsti anche per turismo) al ricongiungimento familiare. Gli interventi all inizio erano complicati dalla difficoltà di contatto diretto con un istituzione molto blindata. Solo successivamente è stata istituito lo Sportello Unico Immigrazione, prima presso la Direzione Provinciale del Lavoro, poi presso la Prefettura. Dall ottobre del 2005, è stato stipulato un Protocollo di intesa tra Prefettura, Questura, Direzione provinciale del lavoro e Provincia di Pisa con cui sono state poste le condizioni per la creazione di un sistema di collaborazioni tra gli organi cui la legge attribuisce le funzioni amministrative in materia di soggiorno dei cittadini stranieri e gli enti locali territoriali. Lo scopo di tale sistema di collaborazioni era quello di rendere disponibile presso i comuni di residenza dello straniero un adeguata attività informativa sui procedimenti amministrativi in materia di soggiorno. Tale sistema informativo consente agli stranieri di giungere allo sportello della Questura ed allo Sportello Unico per l Immigrazione della Prefettura con un informazione corretta ed

11 univoca circa il tipo di istanza da presentare e con il corredo di tutta la documentazione occorrente per attivare il procedimento. Pertanto è di fondamentale importanza e sarà garantito il rapporto con la Questura. 3) Mediazione con l Ufficio Stranieri della Questura di Pisa decentrato a Volterra Nel gennaio 2005 è stato realizzato l Ufficio decentrato della Questura di Pisa a Volterra, nei locali di via Roma 6, appositamente ristrutturati e messi a disposizione dal Comune di Volterra. RILASCIO O AGGIORNAMENTO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO. L operatrice di sportello affianca gli agenti della Questura incaricati di effettuare il servizio. La collaborazione in compresenza dell operatrice di sportello facilita la comprensione tra gli agenti di Polizia che si occupano delle pratiche e l utenza finale, come pure la velocizzazione delle istanze, evitando il sovraffollamento dell ufficio. Il risultato più evidente è il graduale sveltimento del rilascio o aggiornamento del permesso di soggiorno. Le comunicazioni tra Questura, che richiede integrazioni di pratiche o deve comunicare esiti di istanze presentate, e l utente finale, che a sua volta desidera conoscere il risultato di tali richieste, è molto più incisivo, tempestivo e aggiornato perché gli sportelli informativi sono presenti anche nei Comuni più distanti da Pisa o da Volterra e la corretta informazione direttamente sul luogo di residenza evita inutili spostamenti. Se necessaria la sua presenza, l utente informato si recherà a ritirare la comunicazione nel momento e nell orario appropriato. FOTOSEGNALAMENTO DELLO STRANIERO. E un altro servizio di supporto che consiste nel verificare ed eventualmente prendere l appuntamento per il necessario fotosegnalamento dello straniero. ISTANZE ON-LINE PER PRIMO RILASCIO O RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO. L anno 2006 è stato un anno pieno di grandi cambiamenti nel mondo delle procedure riguardanti l immigrazione, in particolare con il dal decreto flussi del marzo 2006, fino a quando, in virtù di una Convenzione stipulata tra il Ministero dell'interno e Poste Italiane SPA, dall 11 dicembre 2006 i cittadini stranieri, per chiedere il primo rilascio o rinnovo del permesso di soggiorno o della carta di soggiorno, dovevano necessariamente inoltrate le istanze attraverso la rete di Poste Italiane presso gli sportelli abilitati, non più negli uffici immigrazione delle

12 Questure. Sono stati predisposti degli appositi kit contenenti moduli ufficiali da utilizzare per la presentazione delle istanze. Senza entrare nel merito della validità o meno di queste procedure, di fatto tali disposizioni hanno creato molta confusione in quanto, improvvisamente e senza alcuna preparazione, i soggetti preposti all accettazione di queste richieste erano gli impiegati degli uffici postali, che mai avevano visto un permesso di soggiorno in vita loro e non conoscevano la differenza tra un permesso e una carta di soggiorno o un extracomunitario e un comunitario. La norma prevedeva che: i comuni e i patronati assicureranno a titolo gratuito e nell'ambito dei loro fini istituzionali una attività di informazione, consulenza ed assistenza allo straniero finalizzata alla corretta predisposizione delle istanze, ma di fatto la Questura di Pisa ha espressamente chiesto di non compilare le istanze a mano per paura di sbagli da parte della lettura ottica del sistema: solo pochissimi patronati e quasi nessun comune erano stati in grado di avere operatori con l accesso al portale immigrazione per l immissione on-line delle istanze. Nel caso della zona Alta Val di Cecina, nel dicembre 2006 è stata fatta l obbligatoria e specifica richiesta di partecipazione al corso di formazione dell operatrice degli sportelli immigrati: il corso è stato attivato dall ANCI il 16 marzo 2007 e, dal 9 aprile 2007, dopo l acquisizione della necessaria password inviata dal Servizio Immigrazione ANCI per l accesso al Portale Immigrazione, in tutti gli sportelli Alta Val di Cecina è iniziato il servizio di precompilazione on-line. In conseguenza a questo, anche lo sportello decentrato della Questura di Pisa a Volterra è stato temporaneamente chiuso, in attesa della messa in sicurezza dell ufficio, necessaria per poter avere la linea diretta e protetta con Ministero dell Interno, finalizzata alla consegna dei Permessi di Soggiorno Elettronici. Gli Agenti del Commissariato si occupano di fotosegnalare (per i primi ingressi), rilevare le impronte attraverso la procedura informatizzata (per ogni rinnovo) e richiedere integrazioni alle pratiche, se così segnalato dalla Questura, che ha in precedenza già controllato le istanze e rilevato le incongruenze. Questo è il punto cruciale della nuova procedura: se la pratica è stata ben compilata e corredata dai documenti richiesti, in 2/3 mesi il permesso, dopo esser stato stampato dalla zecca dello Stato a Roma, potrà

13 essere ritirato, altrimenti la pratica si blocca, almeno fino che non si riesca a contattare lo straniero, oppure avviare la procedura per il diniego (ulteriore aggravio per la Questura). Il ruolo della mediatrice, che spesso conosce lo straniero, anche se non ha precaricato personalmente la pratica, oppure conosce qualche familiare, cerca di rintracciare lo straniero e metterlo al corrente delle carenze in modo da provvedere all integrazione. Molte sono le pratiche mal precaricate, e soprattutto non corredate di numero telefonico che rimangono a stazionare per mesi negli uffici della Questura o del distaccamento a Volterra. E pertanto di fondamentale importanza e sarà garantito il ruolo dell operatrice che riesce a rintracciare lo straniero per far sì che la pratica possa continuare il suo percorso. Inoltre lo straniero, che attraverso la ricevuta di Poste Italiane, potrebbe conoscere on-line lo stato di avanzamento della pratica, si rivolge normalmente agli sportelli zonali per farsi aiutare dall operatrice che, se rileva dei problemi, può intervenire tempestivamente. INDICAZIONE MONTE ORE SETTIMANALE (FRONT OFFICE + BACK OFFICE) Welcome in Val di Cecina propone la seguente RIORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO: Ufficio decentrato della Questura di Pisa a Volterra, via Roma n 6. (2 ore settimanali in compresenza con gli agenti del Commissariato) GIOVEDÌ (MEDIAZIONE) Comune di Pomarance, presso la biblioteca comunale, via Roncalli, n ore settimanali (3 ore front-office e 3 ore su appuntamento per le istanze on-line e back office) VENERDÌ ALTRI GIORNI DELLA SETTIMANA (da stabilire al bisogno) (FRONT-OFFICE) 3 ORE SU APPUNTAMENTO Comune di Montecatini Val di Cecina, via A.Volta 1 piano (c/o Centro Civico, edificio scuola materna) Frazione di Ponteginori. 3 ore settimanali GIOVEDÌ (FRONT-OFFICE)

14 Coordinamento del servizio tel (risponde al numero telefonico dedicato alla reperibilità a chiamata per le emergenze: riservato al personale dei Comuni, agli organi di Polizia e al personale carcerario, assistenti sociali, USL, Società della Salute, associazioni collegate, ecc ). 69 ore annuali da distribuire secondo necessità. Complessivamente sono pertanto garantite 11h settimanali di servizio presso gli Sportelli + 69h/anno di coordinamento, rapporti istituzionali e formazione d aggiornamento. Il servizio è garantito per 46 settimane nei 12 mesi. Nel corso dello svolgimento del Servizio l organizzazione oraria e logistica potrà comunque subire variazioni, che saranno adeguatamente comunicate alla committenza. Inoltre Welcome in Valdicecina garantisce altre ATTIVITA AGGIUNTIVE, come elemento di valore aggiunto alla gestione degli Sportelli: MEDIAZIONE LINGUISTICA E TRADUZIONE DI DOCUMENTI IN LINGUA (tutte le lingue presenti in zona) tramite i propri soci volontari: attivazione del servizio su chiamata diretta degli interessati. Welcome, in caso di aggiudicazione del servizio, si impegna a fornire tempestivamente l elenco delle persone disponibili, indicando dati anagrafici e lingue parlate. CONSULENZA LEGALE tramite il proprio avvocato socio volontario. Per garantire la continuazione del servizio all interno della Casa Circondariale di Volterra, ormai chiuso da anni, Welcome in Val di Cecina ha già concordato dall anno 2013 con i volontari dell Associazione Spazio Libero la continuazione dell attività all interno del carcere. Si tratta di un costante monitoraggio/dialogo al fine di poter intervenire, continuando dall esterno la mediazione con la Questura per sottoporre la soluzione dei casi risolvibili nonostante il pacchetto sicurezza, ed organizzare degli ingressi, ad appuntamenti programmati, con i detenuti interessati in caso serva il colloquio d approfondimento.

15 Personale Descrivere l organizzazione del personale coinvolto nel servizio (Allegare l elenco degli associati impiegati nell attività, nonché dei lavoratori dipendenti o autonomi, con specificazione della loro qualifica e delle modalità e tempi di impiego) ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE COINVOLTO NEL SERVIZIO Welcome in Val di Cecina propone un organizzazione del personale basato su professionalità altamente qualificate e con esperienza pluriennale nel settore. Welcome in Valdicecina mette a disposizione n 1 coordinatore esperto che svolgerà anche funzioni di operatore di Sportello e n 1 operatore di Sportello supplente. Il personale sarà impiegato con forme di collaborazione, garantendo l applicazione normativa relativa al lavoro autonomo. Si garantisce da subito la disponibilità del personale all impiego nel servizio. N. 1 Coordinatore/operatore: CHIARA MOLINARI. Cittadina italiana: operatrice di Sportello Stranieri dell Alta Val di Cecina dal 01/06/2000 ad oggi. Immediatamente disponibile in qualità di Operatore titolare e coordinatore come lavoratore subordinato. In particolare la persona indicata ha partecipato ai vari incontri organizzati dalla Provincia di Pisa e dall Istituzione Centro Nord Sud che riguardavano tematiche inerenti normative e legislazioni per gli stranieri, aderendo anche alla rete Welcome della Provincia di Pisa per l assistenza ai cittadini stranieri e tutt'ora interviene ad ogni appuntamento formativo o convocazione istituzionale di aggiornamento. L operatrice ha partecipato al corso di formazione sull applicativo, organizzato dall Anci, per quanto riguarda la compilazione elettronica delle istanze di rinnovo dei permessi di soggiorno, attivato su tutti gli sportelli dell Alta Val di Cecina. N. 1 operatore supplente. In caso di eventuale assenza dell operatrice sarà nostra cura garantire la copertura del servizio con personale sostitutivo. Esperienza nel settore Formazione specifica ed esperienza di servizio sviluppate nell area su cui insiste il servizio oggetto di affidamento L associazione è iscritta alla 1 sezione del Registro delle Associazioni e degli enti che svolgono attività a favore degli immigrati dal 20/05/2013 con numero di iscrizione A/799/2013/PI presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali divisione IV (divisione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione) ai sensi dell art. 54 del Decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n. 394, così come modificato dal Decreto del Presidente della Repubblica 18 ottobre 2004, n. 334.

16 L attività di volontariato realizzata dall Associazione è rivolta alla ricerca sul campo dei bisogni espressi dagli Stranieri o da chiunque abbia a che fare con le politiche relative all immigrazione. È già manifestazione di integrazione sociale, essendo composta prevalentemente da soci stranieri residenti in Alta Val di Cecina. In dettaglio le principali attività dell associazione negli ultimi anni: PROGETTO SPORTELLI IMMIGRATI ALTA VAL DI CECINA : o dall 01/07/2008 al 16/09/2011 partner di ARCI Solidarietà Bassa Val di Cecina nel progetto di gestione sportelli Immigrati Alta Val di Cecina. L attività (totalmente volontaristica) dei nostri soci consisteva nell affiancare l operatrice di sportello durante l attività front-office per individuare i bisogni espressi dagli utenti e cercare di favorire, anche con progetti in comune, risposte specifiche. o dal 17/09/2011 ad oggi affidamento della gestione sportelli immigrati Alta Val di Cecina CORSI D ITALIANO PER STRANIERI: o Da ottobre 2010 a giugno 2011 collaborazione con l Associazione Arturo di Santa Croce (Pi) per attività di docenza nell Alta Val di Cecina, finanziato dall Istituzione Centro Nord Sud di Pisa in attuazione del progetto Lingua e cittadinanza - interventi per la diffusione della conoscenza della lingua italiana, ai cittadini extracomunitari in attuazione dell'accordo di programma tra Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali e Regione Toscana, sottoscritto il 18/12/2009, finanziato con delibera di Giunta Regionale n. 634 del 05/07/2010. Per lo stesso periodo, per consentire a tutti gli iscritti di poter frequentare i corsi, è stato chiesto ed ottenuto un ulteriore finanziamento al Comune di Pomarance (progetto Imparli_amo l italiano ). o o Dal 26/01/2012 al 07/06/2012 convenzione con l Istituzione Centro Nord Sud di Pisa per la realizzazione di attività di formazione linguistica ed orientamento al lavoro, cittadinanza e informatica per la zona della Val di Cecina progetto Rete e cittadinanza: la Regione Toscana orienta/forma i cittadini di paesi terzi (FEI ) con contributo aggiuntivo del Comune di Pomarance progetto imparli_amo l italiano 2 Dal 07/02/2013: affidamento del servizio di assistenza ai

17 migranti da parte dell Istituzione Centro Nord Sud della Provincia di Pisa Prog Rete e cittadinanza. Verso un sistema Toscano Integrato (FEI Azione 1, Avviso regionale). Assistenza ai migranti per agevolare la partecipazione ai corsi d italiano presso il Centro Territoriale Permanente (CTP) di Volterra utilizzando azioni atte a ridurre il fenomeno della dispersione attraverso servizi di orientamento, mediazione, socializzazione, misure a supporto di soggetti svantaggiati. o Da giugno 2013 ad oggi: affidamento corsi d italiano per stranieri a Pomarance dall Istituzione Centro Nord Sud della Provincia di Pisa per il programma Rete e cittadinanza. Verso un sistema Toscano Integrato con esame finale e attestato dell Università per Stranieri di Siena (esami CILS) o Dal 29/10/2014 accreditata come sede d'esame CILS per la certificazione di italiano come lingua straniera (protocollo con l'università per Stranieri di Siena) ACCOGLIENZA PROFUGHI: o dal 26/06/2011 al 31/12/2012 accoglienza profughi (ENA) in convenzione con il Comune di Pomarance e la Prefettura di Firenze: progetto PARLA. Accolta in un primo tempo una coppia nigeriana proveniente dalla Libia, successivamente un altra coppia. o Dal 01/01/2013 al 28/02/2013, in convenzione con la Prefettura di Pisa, prosecuzione dell accoglienza ordinaria per i coniugi Kakaba in un appartamento in affitto con utenze a loro intestate. Il signor Kakaba attualmente lavora come metalmeccanico in un azienda della zona ed è indipendente. o Dal 15/11/2011 al 28/02/2013 in convenzione con Azienda Per Servizi alla persona Santa Chiara di Volterra, servizio di assistenza e orientamento legale a favore dei profughi accolti presso la struttura. Circa 35 profughi accolti nel periodo, seguiti nell aiuto della stesura delle memorie per la preparazione all audizione presso le Commissioni Territoriali. Con l eventuale supporto al legale dell associazione per i ricorsi dei denegati. o Dal luglio 2014 ad oggi accoglienza di 4 profughi a Pomarance in convenzione con la Prefettura di Pisa e con il Comune di Pomarance. o Da novembre 2015 convenzione per attività di volontariato degli accolti in affiancamento agli operai del Comune di Pomarance.

18 L Italia sono anch io CAMPAGNA PER I DIRITTI DI CITTADINANZA o Il 16/12/2011 a Pomarance evento per la raccolta di firme per il riconoscimento della cittadinanza ai bambini nati in Italia da genitori stranieri. In collaborazione con Comune di Pomarance, Caritas, Tavolo per la Pace. Successivi banchetti raccolta firme anche a Volterra. Attività di volontariato. o Il 25/05/2012 a Volterra L Italia sono anch io a che punto siamo? con Comune di Volterra, Associazione Spazio Libero, Caritas, Tavolo per la Pace della Val di Cecina ecc. attività di volontariato In tutti gli eventi i soci volontari dell associazione hanno offerto i loro piatti tipici dei paesi d origine. o Da giugno 2013 a ottobre 2013 Progetto Percorsi di identità : conferimento da parte dei Comuni aderenti della cittadinanza onoraria simbolica ai figli di stranieri nati in Italia (finanziamento CESVOT e tutti i Comuni). - A Volterra conferimento da parte del Comune in data 30/06/ A Pomarance, Montecatini V.C. e Monteverdi M.mo conferimento contemporaneo dell attestato in data 29/09/2013 e festa finale con tutte le famiglie dei 3 comuni a Larderello, dove, oltre al pranzo ed attività ludico-ricreative per i bambini, è stato realizzato un incontro-dibattito con gli interventi di tutti i Sindaci, rappresentanti della Regione Toscana e Provincia di Pisa, Unicef, Caritas Diocesana, ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) La modalità operativa dell Associazione è comunque quella degli incontri regolari da parte dei soci per discutere di tematiche e problematiche di integrazione e convivenza, cercando il modo di far convivere e, grazie a questo far risaltare in senso positivo, le diversità.

19 PIANO ECONOMICO Voci di Spesa 11h settimanali operatore di sportello (previste 46 settimane per un totale di 506 ore/anno importo orario lordo Importo , /ora) 69h annuali di Coordinamento, rapporti istituzionali e 1.380,00 formazione (importo orario 20.00/ora) Rimborso spese spostamenti 2.500,00 Consulenza e supporto giuridico ai destinatari finali 3.500,00 TOTALE ,00 SINTESI DEI FINANZIAMENTI PER L'INTERVENTO Importo a carico dell Ente proponente 6.000,00 Importo a carico dell SdS Alta Val di Cecina ,00 Costo totale del progetto ,00 Note ad integrazione Evidenziare in forma descrittiva eventuali note su costi e fonti di finanziamento dell intervento Si mette in evidenza il fatto che l Associazione garantisce risorse aggiuntive, oltre all importo a carico dell SdS, per: - Rimborso spese agli operatori per gli spostamenti e partecipazioni a corsi di aggiornamento quantificate in 2.500,00 - consulenza giuridica tramite prestazioni dirette da parte di un legale, quantificate in 3.500,00 (valorizzazione delle ore di consulenza giuridica del legale dell'associazione)

20 La valutazione Risultati attesi Elencare i risultati attesi descrivendone la tipologia e la quantità Il risultato generale atteso è una gestione qualitativamente elevata del servizio, garantendo la continuità quantitativa e qualitativa del servizio e della rete dei soggetti coinvolti nella gestione. Il servizio è costantemente supportato da un Coordinatore, garantendo un supporto tecnico-organizzativo agli operatori e i rapporti con l Ente Committente. Pertanto uno dei risultati attesi dal soggetto gestore è rispondere alle richieste del Committente con un rapporto continuativo e puntuale. Dovendo dettagliare nel particolare i risultati attesi possiamo evidenziare: Rispetto dell orario descritto nel presente progetto e concordato con il committente. L orario effettuato del servizio verrà registrato tramite appositi documenti giustificativi. In caso di variazione dell orario, avverrà tempestiva comunicazione al Committente. Nessun reclamo o malfunzionamento grave da parte degli utenti. Nel caso di reclamo o malfunzionamento sarà tempestiva la comunicazione al Committente anche per affrontare insieme l esigenza di risoluzione. Raccolta di eventuali segnalazioni migliorative o osservazioni da parte degli utenti. Gli Operatori saranno attenti alle segnalazioni degli utenti e ne daranno comunicazione al Committente in caso di segnalazione significativa. Ampia soddisfazione del Committente e dell utente per il servizio svolto. Il Coordinatore monitorerà il livello di soddisfazione del Committente e anche dell utenza che si rivolge al servizio. Monitoraggio continuo dell utenza che si rivolge al servizio, tramite apposite registrazione. Il Coordinatore invia al Committente report trimestrali relativi all utenza.

21 Strumenti di monitoraggio e valutazione Indicare le modalità di verifica e controllo nonché gli strumenti di registrazione dell utenza e dell attività proposti Gli strumenti di monitoraggio del servizio sono: SCHEDA ACCESSO AGLI SPORTELLI (MODELLO DELL OSSERVATORIO PER LE POLITICHE SOCIALI). Registrazione dei nuovi utenti e aggiornamento in itinere. Si tratta di un database realizzato sulla base della scheda utente fornita dall Osservatorio delle Politiche Sociali della Provincia di Pisa, che viene compilata ad ogni nuovo utente che si rivolge per la prima volta agli sportelli. Sono registrati i dati, la richiesta presentata e la risposta attivata. SCHEDA DI RILEVAZIONE ORARIO: mensilmente, allo scopo di registrare l orario e i giorni di apertura del servizio, secondo quanto concordato con le Amministrazioni FORMAT COMPILAZIONE istanze report ANCI: sistema di trasmissione del numero di pratiche di rinnovo/carta on-line REPORT SEMESTRALE RILEVAZIONE UTENZA: allo scopo di tenere sotto controllo gli accessi al servizio, inviando ogni tre mesi alla Società della Salute il report. Se richiesto, può essere inviato a ciascun Comune RELAZIONE ANNUALE ANDAMENTO SERVIZIO: allo scopo di rendicontare annualmente l andamento del servizio, aggregando tutti i dati in ingresso Le verifiche potranno avvenire in maniera programmata e/o in base alle specifiche necessità secondo le modalità che saranno definite dal soggetto gestore con il Committente al momento dell affidamento del servizio. Periodicamente saranno stabiliti incontri tra operatori e referenti istituzionali. Firma del Legale rappresentante Associazione Welcome in Val di Cecina ONLUS Via Roncalli Pomarance (PI) cell: Tel e fax / Codice fiscale Iscritta alla Sezione Provinciale di Pisa del Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato con determinazione n 5416 del 30/11/2010 Iscritta alla 1 sezione del Registro delle Associazioni e degli enti che svolgono attività a favore degli immigrati dal 20/05/2013 al n A/799/2013/PI presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali divisione IV (divisione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione)

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INFORMAZIONE, ACCESSO E ACCOGLIENZA DELL UTENZA IMMIGRATA NEI SERVIZI TERRITORIALI DEL TERRITORIO DELLA VALDICHIANA SENESE

PROTOCOLLO DI INFORMAZIONE, ACCESSO E ACCOGLIENZA DELL UTENZA IMMIGRATA NEI SERVIZI TERRITORIALI DEL TERRITORIO DELLA VALDICHIANA SENESE PROTOCOLLO DI INFORMAZIONE, ACCESSO E ACCOGLIENZA DELL UTENZA IMMIGRATA NEI SERVIZI TERRITORIALI DEL TERRITORIO DELLA VALDICHIANA SENESE TRA Comune di Sinalunga Assessorati Servizi Sociali e Istruzione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: Bussola - Un sistema

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

Asp Poveri Vergognosi capitolato lotto 7. ASP Città di Bologna Via Marsala n. 7 40126 Bologna AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIALI

Asp Poveri Vergognosi capitolato lotto 7. ASP Città di Bologna Via Marsala n. 7 40126 Bologna AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIALI ASP Città di Bologna Via Marsala n. 7 40126 Bologna AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIALI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO sportello di intermediazione linguistico-culturale, di ascolto, orientamento e informazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

Il progetto richiesto deve articola rsi nelle seguenti tre sezioni, per le quali verranno fornite successivamente alcune specifiche:

Il progetto richiesto deve articola rsi nelle seguenti tre sezioni, per le quali verranno fornite successivamente alcune specifiche: Allegato B CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA : CORSI DI LINGUA ITALIANA PER STRANIERI, MEDIAZIONE LINGUISTICA, SOSTEGNO AD ALUNNI STRANIERI IN AMBITO SCOLASTICO PERIODO

Dettagli

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà

Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Titolo del progetto Il Presidio Leggero in Corso Martiri della Libertà Destinatari Nuclei familiari presenti in 3 insediamenti siti in Corso dei Martiri della Libertà a Catania: Nuclei familiari bulgari

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

In fase iniziale, giugno/luglio 2011, si è resa necessaria soprattutto un attività di sensibilizzazione

In fase iniziale, giugno/luglio 2011, si è resa necessaria soprattutto un attività di sensibilizzazione Relazione annuale 26 maggio 2011 26 maggio 2012 L Ufficio Provinciale Giovani, servizio istituito dalla Provincia del Medio Campidano con l obiettivo di informare e supportare la popolazione giovanile

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati)

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) PROVINCIA DI LATINA SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) Ai sensi della Deliberazione di Giunta Regionale n. 792 del 31

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ RELATIVE AI SERVIZI TERRITORIALI ED ALLE POLITICHE SOCIO-SANITARIE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA. ANNO 2007 Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI ART. 1 FINALITA E OBIETTIVI Il Comune di Santadi con le seguenti modalità gestionali intende riconoscere

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI ISCRITTE AL REGISTRO REGIONALE (L.R.

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI ISCRITTE AL REGISTRO REGIONALE (L.R. BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI ISCRITTE AL REGISTRO REGIONALE (L.R. 9/90) Annualità 2014 (anno scolastico 2015-2016) 1 Premessa Con deliberazione n. 86/2013

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

BANDO COLTIVA BARRIERA!

BANDO COLTIVA BARRIERA! BANDO COLTIVA BARRIERA! Art. 1 Oggetto e finalità Il Comitato Urban Barriera di Milano (di seguito Comitato) e la Circoscrizione 6, facendo riferimento al Regolamento degli orti urbani della Città di Torino

Dettagli

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 1) DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Mediazione interculturale nelle strutture ospedaliere dell Azienda USL 2) SOGGETTO PROPONENTE Azienda USL Valle d Aosta 2.1)

Dettagli

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto:

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI RIMINI, L AZIENDA USL, DELEGATA ALLA GESTIONE DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI MINORI, E GLI ENTI AUTORIZZATI PER L ATTIVITA RELATIVA ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE Approvato

Dettagli

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione

Prefettura di Firenze Area V Diritti Civili, Cittadinanza, Immigrazione, Diritto d Asilo Consiglio Territoriale per l Immigrazione Relazione sull attività svolta nell anno 2003 L attività in sintesi Dal mese di aprile 2002 ad oggi, aprile 2004 si sono svolte sette sedute plenarie del durante le quali sono state esaminate numerose

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

CONVENZIONE TRA COeSO E LE ASSOCIAZIONI: ARCI NUOVA ASSOCIAZIONE, CARITAS, CEIS, COOP. SOLIDARIETÀ È CRESCITA

CONVENZIONE TRA COeSO E LE ASSOCIAZIONI: ARCI NUOVA ASSOCIAZIONE, CARITAS, CEIS, COOP. SOLIDARIETÀ È CRESCITA CONVENZIONE TRA COeSO E LE ASSOCIAZIONI: ARCI NUOVA ASSOCIAZIONE, CARITAS, CEIS, COOP. SOLIDARIETÀ È CRESCITA PER LA GESTIONE DELLE AZIONI PREVISTE NEL PROGETTO FUORI DAL TUNNEL DESTINATO A CITTADINI IN

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

SEZIONE SCUOLE MEDIE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI

SEZIONE SCUOLE MEDIE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Felice Faccio - CASTELLAMONTE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca SEZIONE SCUOLE MEDIE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI A cura della

Dettagli

Target Persone straniere vittime di tratta e sfruttamento sessuale, lavativo, accattonaggio

Target Persone straniere vittime di tratta e sfruttamento sessuale, lavativo, accattonaggio Titolo DIVENTARE PROTAGONISTI DELLA PROPRIA STORIA Servizi di riferimento 1. Sportello Accoglienza vittime di tratta SEDE TORINO CORSO TRAPANI 91 B Il Servizio prevede l accoglienza delle persone in un

Dettagli

ALLEGATO E LINEE GUIDA. Sportelli informativi per immigrati INDICE PRESTAZIONI OFFERTE DAGLI SPORTELLI INFORMATIVI

ALLEGATO E LINEE GUIDA. Sportelli informativi per immigrati INDICE PRESTAZIONI OFFERTE DAGLI SPORTELLI INFORMATIVI ALLEGATO E Sportelli informativi per immigrati LINEE GUIDA INDICE 1. PREMESSA 2. FINALITA E CARATTERISTICHE 3. DESTINATARI E MODALITA DI ACCESSO 4. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 5. OBIETTIVI SPECIFICI DEL SERVIZIO

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016 Ufficio Immigrazione Caritas Italiana Promotore Caritas Italiana Soggetti coinvolti Caritas italiana promuove il progetto nazionale coordinando il monitoraggio delle attività

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Direzione Scuola e Politiche Giovanili Settore Gestione Servizi per l Infanzia e le Scuole dell Obbligo Via di Francia

Dettagli

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative

1.A Indicazioni operative per la progettazione delle Azioni formative DIPARTIMENTO PER LE LIBERTÀ CIVILI E L IMMIGRAZIONE DIREZIONE CENTRALE PER LE POLITICHE DELL IMMIGRAZIONE E DELL ASILO AUTORITÀ RESPONSABILE DEL FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Studio e Progetto 2 2) Codice di accreditamento: NZ03328, 3) Albo e classe di

Dettagli

Uffici di Promozione Sociale dell Ambito Territoriale XXII

Uffici di Promozione Sociale dell Ambito Territoriale XXII Uffici di Promozione Sociale dell Ambito Territoriale XXII Gli UPS Riferimenti normativi Con il nuovo titolo V della nostra Costituzione (legge costituzionale 3/01) si iscrivono per la prima volta nella

Dettagli

Relazione Orientastranieri

Relazione Orientastranieri Coop. sociale a r.l. Onlus Relazione Orientastranieri Gennaio 2015 Giugno 2015 1 Sommario DESCRIZIONE... 3 STATISTICHE UTILIZZATORI DEL SERVIZIO -CASSANO D'ADDA ACCESSO LIBERO... 4 -CASSANO D ADDA SU APPUNTAMENTO...

Dettagli

Istituto Tecnico Statale. L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA

Istituto Tecnico Statale. L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA Istituto Tecnico Statale L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ STUDENTESCA Linee guida per l implementazione delle seguenti forme di mobilità studentesca

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013

Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013 Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013 SCHEDA DI MONITORAGGIO Beneficiario Titolo del Progetto COMUNE DI PERUGIA FOR PA UMBRIA- Formazione nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011).

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011). ALLEGATO A (costituito da n. 8 pagine complessive) Linee guida concernenti modalità e termini di comunicazione, per via telematica - tramite il Portale del Turismo e del Made in Lazio www.ilmiolazio.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del C.C. n dei 00.00.201 CAPO I VALORIZZAZIONE DELLE FORME ASSOCIATIVE Art. 1 Principi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) SETTORE e Area di Intervento: Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Corso di Studio in Servizio sociale e Sociologia Laurea in Servizio Sociale L39 GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Profilo professionale di riferimento L assistente sociale è un professionista chiamato ad

Dettagli

Società Cooperativa Sociale Mediazione Integrazione Onlus

Società Cooperativa Sociale Mediazione Integrazione Onlus PREVENZIIONE DEL DIISAGIIO SCOLASTIICO LA SCUOLA DELLE MAMME ENTE GESTORE ENTI LOCALI COINVOLTI LUOGO DI REALIZZAZIONE DESTINATARI Società Cooperativa Sociale Mediazione Integrazione Onlus Comune di Varese,

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: FILEMONE Comitato di Promozione per l Integrazione tra i Popoli Nato il 23 febbraio 1998 prefiggendosi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali

Bando Volontariato 2015. Reti Nazionali Bando Volontariato 2015 Reti Nazionali SEZIONE 1. CARATTERISTICHE GENERALI DELL INIZIATIVA 1.1 Obiettivi Nell ambito delle numerose iniziative di sostegno al volontariato della Fondazione, il presente

Dettagli

Linee guida per lo svolgimento della certificazione linguistica livello A2 prevista dal DM 4 giugno 2010. presso i CTP della Lombardia

Linee guida per lo svolgimento della certificazione linguistica livello A2 prevista dal DM 4 giugno 2010. presso i CTP della Lombardia Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia TEST DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA PER RICHIEDENTI IL PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNANTI DI LUNGO PERIODO Linee guida per lo svolgimento della

Dettagli

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI ASSOCIAZIONE INTERCULTURALE NARRAMONDI onlus Sede Legale: Via L. Settembrini, n 14 90145 Palermo Via Mario Rapisardi n 68/A 90144 Palermo Codice Fiscale: 97148690825 Partita IVA: 05187110829 telefono e

Dettagli

AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia Settore e Area di Intervento: Il progetto Al Servizio dei più deboli verrà realizzato in 5 città dislocate al nord e al sud Italia:

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

NOTIZIE UTILI. Le associazioni sportive dilettantistiche per essere ammesse al beneficio devono possedere i seguenti requisiti:

NOTIZIE UTILI. Le associazioni sportive dilettantistiche per essere ammesse al beneficio devono possedere i seguenti requisiti: n.19 03/04/2015 NOTIZIE UTILI 5 per mille 5 PER MILLE PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Tutto pronto per l'avvio della campagna relativa al 5 per mille 2015. L'Agenzia delle Entrate ha infatti

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

pvcasa di prima accoglienza Mamma Emilia

pvcasa di prima accoglienza Mamma Emilia Destinatari del servizio pvcasa di prima accoglienza Mamma Emilia Il servizio è rivolto a gestanti e madri con bambini che hanno bisogno di temporanea ospitalità, indipendentemente dalla loro nazionalità,

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

Servizio Inserimento Lavorativo per Disabili e Svantaggiati ANNO SERVIZIO PARTNERS DESTINATARI ENTI FINANZIATORI

Servizio Inserimento Lavorativo per Disabili e Svantaggiati ANNO SERVIZIO PARTNERS DESTINATARI ENTI FINANZIATORI Servizio Inserimento Lavorativo per Disabili e Svantaggiati progetto interambito per l integrazione lavorativa dei disabili e delle persone con fragilità sociale anno 2012 Il progetto, esprime le esperienze

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA INDICE ART. 1 - DEFINIZIONI E AMBITO DI APPLICAZIONE ART. 2 - UFFICI COMPETENTI PER LA

Dettagli

Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014

Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014 Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione Divisione II Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014 A cura della

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Provincia di Pisa U.O. Politiche Giovanili e Sport 2) Codice regionale: RT S00171 2bis)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione del C.C. N. 17 in data 03.04.2007 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO CAPO

Dettagli

Progetto Eguaglianza tra diversi

Progetto Eguaglianza tra diversi Progetto Eguaglianza tra diversi Soggetto realizzatore: Associazione di mediatori culturali Mosaico di Biella Direzione Didattica 2 Circolo di Biella Cooperativa La Dimora Altri enti coinvolti nella realizzazione

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA 1 I SERVIZI SANITARI DELLA A.S.L. CASERTA 1 PER GLI STRANIERI NON COMUNITARI.

REGIONANDO 2000 REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA 1 I SERVIZI SANITARI DELLA A.S.L. CASERTA 1 PER GLI STRANIERI NON COMUNITARI. REGIONANDO 2000 REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA 1 I SERVIZI SANITARI DELLA A.S.L. CASERTA 1 PER GLI STRANIERI NON COMUNITARI. La L. 6 marzo 1998 n.40 ed il D.L. del 25 luglio 1998 n.

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

Servizio Accoglienza Attiva per i Cittadini Stranieri

Servizio Accoglienza Attiva per i Cittadini Stranieri Servizio Accoglienza Attiva per i Cittadini Stranieri Garantisce assistenza e supporto all utenza straniera che afferisce all Azienda. Il servizio si avvale della consulenza di mediatori culturali, del

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

Accordo di rete tra i Centri Provinciali per l'istruzione degli Adulti della Regione Toscana

Accordo di rete tra i Centri Provinciali per l'istruzione degli Adulti della Regione Toscana 1 Accordo di rete tra i Centri Provinciali per l'istruzione degli Adulti della Regione Toscana L anno duemilaquattordicii, addì 24, del mese di Settembre, viene sottoscritto l'accordo di rete, a valere

Dettagli

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore)

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) ART. 1 (Principi fondamentali) La Provincia Regionale di

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

COMUNE DI. VELLEZZO BELLINI (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER IL PRESTITO SULL ONORE

COMUNE DI. VELLEZZO BELLINI (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER IL PRESTITO SULL ONORE COMUNE DI VELLEZZO BELLINI (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER IL PRESTITO SULL ONORE Approvato con Deliberazione del C.C. n. 25 del 12.06.2008 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il servizio verte su un prestito

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

MEDIATORE/MEDIATRICE INTERCULTURALE IL PROFILO PROFESSIONALE

MEDIATORE/MEDIATRICE INTERCULTURALE IL PROFILO PROFESSIONALE MEDIATORE/MEDIATRICE INTERCULTURALE IL PROFILO PROFESSIONALE Saltatori di muri.la convivenza offre e richiede molte possibilità di conoscenza reciproca. Affinché possa svolgersi con pari dignità e senza

Dettagli

C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa

C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa Politica della Qualità L IIS A. Petrocchi adotta un sistema interno di gestione della qualità per garantire l efficacia e il continuo miglioramento dei servizi.

Dettagli

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE FORUMPA SANITA' 2001 Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: VERSO UN DISTRETTO FORTE Amministrazione proponente:

Dettagli

Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri

Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri Protocollo Accoglienza Alunni Stranieri Proposta di lavoro ed intervento a cura del Gruppo Provinciale dei Referenti per Intecultura e l Integrazione degli Alunni Stranieri Scuola Secondaria di 2 grado

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/Nome Indirizzo Telefono E-mail Cittadinanza Dunca Ioana duncaioana@hotmail.it Rumena e Italiana Data di nascita 03.09.1976 Sesso Femminile Esperienza

Dettagli

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture Protocollo d intesa tra Amministrazione Provinciale di Modena Comune di Modena Associazione Servizi per il Volontariato Modena Associazione Casa delle Culture di Modena per la realizzazione del progetto

Dettagli

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA 14. CITTA MULTIETNICA SUPPORTARE INSERIMENTO IMMIGRATI Confermando il ruolo che il Centro Servizi per Stranieri ha assunto all interno delle politiche per l immigrazione,

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO Art.1 Oggetto a. Il presente Regolamento disciplina finalità e attività di gestione dell Asilo Nido d Infanzia Il Melograno, realizzato e gestito dalla Cooperativa

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

1 di 5 05/11/2015 16.42

1 di 5 05/11/2015 16.42 1 di 5 05/11/2015 16.42 Identificazione dell'ente/azienda Denominazione ente/azienda Nominativo Referente (Nome, Cognome) E-mail Ufficio Scolastico Regionale del Lazio Mariangela Caturano mariangela.caturano@istruzione.it

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE. Con atto approvato dal Commissario Straordinario del Comune di Roma n.. del.. e dalla Deliberazione Consiliare

Dettagli

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale Allegato parte integrante Allegato A Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale La Provincia autonoma di Trento ai sensi della Legge Provinciale n. 10/1988

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Approvato con delibera C.C. n. 61 del 17.12.2004 Art. 1 - Finalità 1. Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

PROGETTO DI SINGOLA SCUOLA PROGETTO DI RETI DI SCUOLE PROGETTO IN RETE CON ALTRI SOGGETTI SCUOLA CAPOFILA DI RETE

PROGETTO DI SINGOLA SCUOLA PROGETTO DI RETI DI SCUOLE PROGETTO IN RETE CON ALTRI SOGGETTI SCUOLA CAPOFILA DI RETE PROGETTO n. 1: RETE CON LO SPORTELLO SCUOLA PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI DI VERDELLINO E CON GLI ENTI LOCALI DEL TERRITORIO (PIANO DI ZONA L.328/2000) A- PROGETTUALITÀ DELL ISTITUTO PROGETTO

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli