DETERMINAZIONE DEI FUNGHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DETERMINAZIONE DEI FUNGHI"

Transcript

1 DETERMINAZIONE DEI FUNGHI

2 DETERMINAZIONE DEI FUNGHI REGOLE Raccogliere esemplari nei vari stadi di sviluppo (nei giovani presenza di veli ed ornamentazioni fugaci,negli adulti colorazione dell imenoforo e sporata). Gli sporofori vanno raccolti interi, in perfetto stato di conservazione e con la base del gambo integra. Utilizzare un foglio di allumino per la conservazione(mantiene l umidità,non si contaminano specie diverse). Annotare l ambiente di crescita (essenze arbore, substrato di crescita). Annotare l odore, sapore e le colorazioni che nel tempo potrebbero variare.

3 MORFOLOGIA DEGLI SPOROFORI OSSERVAZIONE DEI CARATTERI FORME MODI DI CRESCITA CAPPELLO IMENOFORO GAMBO VELO GENERALE VELO PARZIALE CARNE OCCORRE OSSERVARE

4 MORFOLOGIA DEGLI SPOROFORI FORME GLI SPOROFORI POSSONO ESSERE: 1 - A GAMBO E CAPPELLO CON SOTTO LAMELLE 2 - A GAMBO E CAPPELLO CON SOTTO PORI 3 - A GAMBO E CAPPELLO CON SOTTO ACULEI 4 - CON GAMBO E CAPPELLO A FORMA DI CAPPUCCIO 5 - A FORMA DI MENSOLA CON SOTTO PORI,RARAMENTE LAME O ACULEI OPPURE LISCI SU LEGNO 6 - A FORMA DI COPPA CON O SENZA GAMBO 7 - A FORMA SFEROIDALE O A PERA O A STELLA 8 - A FORMA DI CLAVA O DI CESPUGLIO 9 - CROSTOSI,SU LEGNO,LISCI O CON PORI O ACULEI 10- GELATINOSI PER LO PIU SU LEGNO

5 1 A GAMBO E CAPPELLO CON SOTTO LAMELLE

6 2 A GAMBO E CAPPELLO CON SOTTO PORI

7 3 A GAMBO E CAPPELLO CON SOTTO ACULEI

8 4 CON GAMBO E CAPPELLO A FORMA DI CAPPUCCIO(MITRA)

9 5 A FORMA DI MENSOLA CON SOTTO PORI,O RARAMENTE LAMELLE O ACULEI,OPPURE LISCI,SU LEGNO

10 6 A FORMA DI COPPA CON O SENZA GAMBO

11 7 A FORMA SFEROIDALE,A PERA O A STELLA

12 8 A FORMA DI CLAVA O DI CESPUGLIO

13 9 CROSTOSI,SU LEGNO,LISCI O CON PORI O ACULEI

14 10 GELATINOSI PER LO PIU SU LEGNO

15 MORFOLOGIA DEGLO SPOROFORI MODI DI CRESCITA

16 MODI DI CRESCITA DISPOSIZIONI NEL TERRENO Alcune specie sono caratterizzate dalla crescita particolare, realizzando alcune curiose forme nel terreno: 1 IN CERCHI (o più comunemente semicerchi) 2 A ZIG E ZAG (o saette) 3 IN LINEA RETTA

17 IN CERCHI

18 IN CERCHI

19 IN CERCHI

20 A ZIG ZAG

21 IN LINEA RETTA

22 MODI DI CRESCITA GLI SPOROFORI POSSONO CRESCERE 1 ISOLATI 2 A TRUPPA SPARSA 3 DISSEMINATI 4 CONNATI 5 CESPITOSI 6 FASCICOLATI

23 ISOLATI

24 A TRUPPA SPARSA CRESCIUTI A GRUPPI

25 DISSEMINATI CRESCITA ABBONDANTE SEPARATI DISTINTAMENTE

26 CONNATI CRESCIUTI DA UN UNICO CORPO BASE

27 CESPITOSI CRESCIUTI A MAZZI E RIUNITI ALLA BASE DEL PIEDE

28 FASCICOLATI CRESCIUTI A MAZZI UNITI DALLA BASE AD UNA CERTA ALTEZZA DEL GAMBO

29 MODI DI CRESCITA

30 SINTESI CARATTERI MORFOLOGICI CAPPELLO IMENOFORO GAMBO VELO GENERALE VELO PARZIALE

31 MORFOLOGIA DEGLI SPOROFORI CAPPELLO FORMA PIANO CONVESSO DEPRESSO OMBELICATO UMBONATO IMBUTIFORME CONICO E TRONCO-CONICO CAMPANULATO

32 PIANO

33 COVESSO

34 DEPRESSO

35 OMBELICATO

36 CAPPELLO UMBONATO OTTUSO

37 CAPPELLO UMBONATO ACUTO

38 IMBUTIFORME

39 IMBUTIFORME CON UMBONE

40 CONICO E TRONCO-CONICO

41 CAMPANULATO

42 ORLO DEL CAPPELLO - ORLO INTERO (LISCIO) - ORLO STRIATO FINO A SCANALATO - ORLO LOBATO - ORLO APPENDICOLATO - ORLO INVOLUTO - ORLO REVOLUTO

43 ORLO INTERO (LISCIO)

44 ORLO STRIATO

45 FINO A PETTINATO E SCANALATO

46 LOBATO

47 APPENDICOLATO

48 INVOLUTO

49 REVOLUTO

50 ORNAMENTAZIONI DEL CAPPELLO tutto quello che è visibile sulla superficie del cappello: ORNAMENTAZIONI INNATE SCREPOLATURE O FESSURAZIONI DESQUAMATURE FIBRILLOSITA INNATE CHIAZZE O MACCHIE DI COLORAZIONE TOMENTOSITA ORNAMENTAZIONI APPLICATE VILLOSITA VERRUCHE PLACCHE PRUINOSITA GRANULI

51 ORNAMENTAZIONI INNATE SCREPOLATURE

52 FESSURAZIONI o RIMOSITA

53 DESQUAMAZIONI

54 FIBRILLE INNATE

55 ZONATURE

56 TOMENTOSITA

57 ORNAMENTAZIONI APPLICATE VILLOSITA

58 VERRUCHE

59 PLACCHE

60 GRANULAZIONI

61 ALTRE CARATTERISTICHE DELLA CUTICOLA PRUINA IGROFANEITA GLUTINOSITA

62 PRUINA La pruina è una sostanza (cera vegetale) che serve a rendere idrorepellente la superficie pileica di alcuni funghi,questo per aumentare la conservabilità. E una sostanza polverosa la cui presenza si evidenzia in quanto determina un effetto nebbioso del cappello,è detersibile con un corpo lipofilo (dita).

63 PRUINA

64 IGROFAINETA Per igrofainetà si intende la caratteristica che hanno alcuni funghi (soprattutto nel cappello) di assorbire acqua e mostrare come conseguenza un aumento dell intensità della colorazione originale. Aspetto che spesso diventa un importante carattere diagnostico. Gli sporofori che presentano questa caratteristica sono detti IGROFANI

65 IGROFANEITA

66 GLUTINOSITA Muco viscoso appiccitaccio che ricopre la superficie pileica

67 MORFOLOGIA DEGLI SPOROFORI IMENOFORO PARTE FERTILE DELLO SPOROFORO IN CUI E INSERITO E SI SVILUPPA L IMENIO,CHE E COSTITUITO A SUA VOLTA DA BASIDI (NEI BASIDOMICETI) O ASCHI (NEGLI ASCOMICETI)

68 CARATTERI IMENIALI DEI BASIDIOMICETI (BASIDI E CISTIDI) L IMENIO è la struttura deputata alla produzione ed alla dispersione delle spore ed è costituito da un insieme di cellule denominate basidi e cistidi

69 I basidi sono deputati alla poduzione delle spore,sono per lo più a forma di clava e recano alla sommità delle loro appendici (sterigmi) le spore che si distaccano a maturità.le spore sono da 2 a 4 pr basidio. BASIDI

70

71 CARATTERI IMENIALI DEGLI ASCOMICET Gli aschi sono il corrispettivo dei basidi negli ascomiceti,sono cellule a forma cilindrica o di sacco e all interno maturano le spore.le dimensioni la forma e le proprietà chimiche in molti casi sono importanti.le parafisi sono cellule sterili,in genere filiformi disposte tra gli aschi (ASCHI E PARAFISI)

72 IMENOFORO Nei macromiceti può essere diversamente conformato: IMENOFORO A LAMELLE IMENOFORO A TUBULI E PORI IMENOFORO AD ACULEI IMENOFORO A PIEGHE IMENOFORO LISCIO IMENOFORO INTERNO

73 IMENOFORO A LAMELLE L osservazione delle lamelle riguarda : COLORE INSERZIONE AL GAMBO FORMA STRUTTURA

74 COLORE LAMELLE Generalmente (ma non sempre) il colore delle lamelle corrisponde al colore delle spore. GRUPPI DEFINITI PER COLORAZIONE DI SPORATA LEUCOSPOREI RODOSPOREI OCROSPOREI IANTINOSPOREI MELANOSPOREI Spore bianche o leggermente colorate in massa Spore rosa o rosa bruno Spore ocra,ruggine o brune Spore bruno porpora,bruno violaceo Spore nere

75 Colore delle spore MOLTA IMPORTANZA RIVESTE IL COLORE DELLA SPORATA IN MASSA Funghi leucosporei Funghi rodosporei Funghi ocrosporei Funghi iantinosporei Funghi melanosporei

76 Colore delle spore

77 SPORATA

78 SPOROFORI LEUCOSPOREI

79 SPOROFORI LEUCOSPOREI a lamelle diversamente colorate rispetto al colore delle spore

80 LEUCOSPOREI A LAMELLE COLORATE Colore lamelle Giallo Giallo-Arancio Rosa Rosso Lilla o Viola Verde Nero o nerastro Marrone-Ocra o ruggine Specie Amanita cesarea-hygrocybe spp-tricholoma equestre Tricholoma sulfureum-tricholomopsis rutilans Cuphophyllus pratensis-hygrophoropsis auriantaca Hygrophorus nemoreus-lepista flaccida-omphalotus olearius Hygrophorus russula-hyhrophorus pudorinus-laccaria spp Leucoagaricus spp-mycena spp-tricholoma orirubens-hymenopellis radicata Hygrocybe spp Lepista nuda-lepista sordida-mycena pura-mycena pelianthina Laccaria amethystina Clitocybe odora-gliophorus psittacinus Mycena pelianthyna Armillaria spp-clitocybe alexandri-gymnopus peronatus-gymnopus hybridus-gymnopus fusipes-marasmius oreades-tricholoma spp(vaccinum-imbricatum-acerbum e sez.albobrunnea)

81 SPOROFORI RODOSPOREI

82 SPOROFORI OCROSPOREI

83 SPOROFORI IANTINOSPOREI

84 SPOROFORI MELANOSPOREI

85 PARTI E DIMENSIONI DELLA LAMELLA Nella lamella si devono distinguere le seguenti parti: - le due facce, sede dell imenio (basidi, spore, cistidi) -l orlo o filo o tagliente; - il dorso, opposto al filo, che unisce la lamella alla carne del cappello; ed inoltre le seguenti dimensioni: -la larghezza o altezza (distanza tra dorso e filo); -la lunghezza della lamella; -lo spessore (distanza tra le due facce della lamella)

86 PARTI E DIMENSIONI DELLA LAMELLA

87 INSERZIONE DELLE LAMELLE AL GAMBO Le lamelle, rispetto al gambo, possono essere: - LIBERE quando le lamelle non sono saldate al gambo (distanti quando tra gambo e lamella si intravede la carne del cappello); - SMARGINATE O UNCINATE quando toccano il gambo con un ansa ad uncino; - ADNATE quando toccano il gambo per tutta la larghezza; -DECORRENTI quando toccano il gambo e proseguono lungo lo stesso per un tratto più o meno lungo ; -SECEDENTI nel caso di lamelle adnate che tendono facilmente a staccarsi dal gambo nel tratto di contatto con esso

88 LAMELLE LIBERE

89 SPOROFORI A LAMELLE LIBERE

90 SMARGINATE o UNCINATE

91 SPOROFORI A LAMELLE SMARGINATE O UNCINATE

92 LAMELLE ADNATE

93 SPOROFORI A LAMELLE ADNATE

94 LAMELLE DECORRENTI

95 SPOROFORI A LAMELLE DECORRENTI

96 SECEDENTI

97 SECEDENTI

98 LE LAMELLE IN BASE AL PROFILO E ALLE DIMENSIONI POSSONO ESSERE - BASSE o STRETTE - ALTE o LARGHE - PANCIUTE o VENTRICOSE - SPESSE - SOTTILI

99 BASSE o STRETTE

100 BASSE O STRETTE

101 ALTE o LARGHE

102 ALTE o LARGHE

103 PANCIUTE o VENTRICOSE

104 PANCIUTE o VENTRICOSE

105 LAMELLE SPESSE

106 LAMELLE SOTTILI

107 LAMELLE POSSONO ESSERE INOLTRE SEPARABILI dalla carne del cappello NON SEPARABILI dalla carne del cappello

108 LE LAMELLE IN BASE ALLA DISPOSIZIONE POSSONIO ESSERE - RADE o SPAZIATE - FITTE - CON LAMELLULE quando sono presenti lamelle di lunghezza ridotta che partono dal cappello e non raggiungono il gambo -ANASTOMIZZATE quando sono collegate tra di loro, da grosse vene - BIFORCATE quando ad un certo punto possono sdoppiarsi

109 RADE o SPAZIATE

110 RADE o SPAZIATE

111 LAMELLE FITTE

112 LAMELLE FITTE

113 CON LAMELLULE

114 CON LAMELLULE

115 ANASTOMIZZATE

116 ANASTOMIZZATE

117 BIFORCATE

118 BIFORCATE

119 BIFORCATE

120 CARATTERISTICHE DEL FILO DELLA LAMELLA - INTEGRO OSSIA INTERO - FESSURATO in varia maniera -ETEROMORFO quando il filo si presenta di colore diverso, dovuto alla presenza di cellule sterili dette cistidi, o di altre formazioni

121 FILO INTERO

122

123 FILO SEGHETTATO

124

125

126 FILO ETEROMORFO

127 FILO ETEROMORFO

128 FILO ETEROMORFO

129 IMENOFORO A TUBULI E PORI

130 IMENOFORO A TUBULI E PORI

131 IMENOFORO A TUBULI E PORI

132 DEI TUBULI VANNO OSSERVATI - INSERZIONE sul gambo - SEPARABILITA dalla carne del cappello - LUNGHEZZA ( corrispondente alla LARGHEZZA o ALTEZZA delle lamelle) - COLORE

133 INSERZIONE DEI TUBULI AL GAMBO I TUBULI RISPETTO AL GAMBO POSSONO ESSERE LIBERI o DISTANTI quando non sono saldati al gambo ADNATI quando toccano il gambo per tutta la lunghezza; DECORRENTI quando toccano il gambo e proseguono lungo lo stesso per un tratto più o meno lungo

134 TUBULI LIBERI

135 TUBULI ADNATI

136 TUBULI DECORRENTI

137 LUNGHEZZA TUBOLI TUBULI CORTI

138 LUNGHEZZA TUBULI TUBULI LUNGHI

139 DEI PORI VANNO OSSERVATI -DIAMETRO -FORMA - COLORE

140 DIAMETRO PORI PICCOLI

141 PORI PICCOLI

142 PORI ROTONDI

143 PORI ROTONDI

144 PORI IRREGOLARI

145 PORI IRREGOLARI

146 PORI IRREGOLARI

147 PORI LABIRINTIFORMI

148 PORI LABIRINTIFORMI

149 COLORE DEI PORI

150 IMENOFORO AD ACULEI

151 IMENOFORO AD ACULEI ACULEI DECORRENTI

152 IMENOFORO AD ACULEI ACULEI NON DECORRENTI

153 IMENOFORO A PIEGHE

154 IMENOFORO LISCIO

155 IMENOFORO INTERNO

156 IMENOFORO INTERNO

157 GAMBO Quando si esamina il gambo si deve considerare: Posizione rispetto al cappello CENTRALE LATERALE ECCENTRICO Differenziazione tra il tessuto del gambo e quello del cappello: OMOGENEO ETEROGENEO Lamelle non libere Lamelle libere

158 POSIZIONE DEL GAMBO

159 RAPPORTO CON IL CAPPELLO

160

161 OMOGENEO

162 ETEROGENEO

163 GAMBO FORMA - CILINDRICO - CLAVATO -FUSIFORME -OBESO - BULBOSO - MARGINATO - FLESSUOSO - CON RIZOMORFE

164 GAMBO CILINDRICO

165 GAMBO CILINDRICO

166 CLAVATO

167 GAMBO CLAVATO

168 FUSIFORME

169 GAMBO FUSIFORME

170 OBESO

171 GAMBO OBESO

172 BULBOSO

173 GAMBO BULBOSO

174 GAMBO MARGINATO

175 GAMBO MARGINATO

176 FLESSUOSO

177 FLESSUOSO

178 GAMBO CON RIZOIDI

179 GAMBO CON RIZOIDI

180 Il GAMBO in relazione alla sua STRUTTURA e consistenza può essere definito: -PIENO -CAVO - FISTULOSO - CAVERNOSO - FARCITO O MIDOLLOSO - CORTICATO

181 GAMBO PIENO

182 GAMBO PIENO

183 GAMBO CAVO

184 GAMBO CAVO (Boletinus cavipes)

185 GAMBO FISTULOSO

186 GAMBO FISTULOSO

187 GAMBO CAVERNOSO

188 GAMBO CAVERNOSO

189 GAMBO FARCITO

190 GAMBO FARCITO

191 GAMBO CORTICATO

192 Il GAMBO in relazione alla presenza di DECORAZIONI può essere definito: - ZEBRATO - VELLUTATO - RETICOLATO - COSTOLATO - SCROBICOLATO - SCABROSO - SQUAMETTATO - GRANULOSO - PUNTEGGIATO

193 GAMBO ZEBRATO

194 GAMBO ZEBRATO

195 GAMBO ZEBRATO

196 GAMBO VELLUTATO

197 GAMBO VELLUTATO

198 GAMBO RETICOLATO

199 GAMBO RETICOLATO

200 PARTICOLARE GAMBO RETICOLATO

201 GAMBO COSTOLATO

202 GAMBO COSTOLATO

203 GAMBO SCROBICOLATO

204 GAMBO SCROBICOLATO

205 PARTICOLARE GAMBO SCROBICOLATO

206 SQUAMOSO o SCABROSO

207 GAMBO SCABROSO

208 PARTICOLARE GAMBO SCABROSO

209 GAMBO SQUAMETTATO

210 GAMBO GRANULOSO

211 GAMBO GRANULOSO

212 PARTICOLARE GAMBO GRANULOSO

213 GAMBO PUNTEGGIATO

214 VELO GENERALE

215 VELO GENERALE (Membrana che avvolge il primordio) Può essere MEMBRANOSO struttura più o meno elastica FRIABILE FUGACE struttura si disgrega precocemente struttura fugace con residui appena visibili

216 VELO GENERALE MEMBRANOSO il velo generale è di struttura membranosa(cellule allungate) più o meno elastica, cresce con il primordio, quando questo si sviluppa viene lacerato lasciando residui ben visibili (velo generale persistente) e da origine a: - VOLVA MEMBRANOSA situata alla base del gambo a sacco e inguainante - PLACCHE lembi di membrana situati sul cappello - ARMILLA anello di origine inferiore che si prolunga sino al piede come una calza - ANELLO DOPPIO dovuto dal velo generale e da quello parziale

217 VELO GENERALE MEMBRANOSO

218 VOLVA A SACCO MEMBRANOSA

219

220

221 VOLVA INGUAINANTE MEMBRANOSA

222

223 Placche

224 Armilla

225 Anello doppio

226 VELO GENERALE FRIABILE il velo generale è di consistenza friabile (cellule sferiche) e si disgrega precocemente, si tratta quindi di un velo fugace, i suoi residui sono appena visibili sia sul cappello, sia sulla superficie del gambo adulto e da origine a: - VOLVA più o meno dissociata - VERRUCHE - GRANULAZIONI

227 VOLVA DISSOCIATA VOLVA CIRCONCISA

228

229 VOLVA DISSOCIATA IN ANELLI o CERCINI

230

231 VOLVA DISSOCIATA IN PERLE

232

233 VOLVA EVANESCENTE

234

235 VERRUCHE

236 GRANULAZIONI

237 VELO GENERALE FUGACE il velo generale è di struttura diversa, spesso fugace con residui appena visibili e dà origine a : - MUCILLAGGINI vischiose - PRUINE ossia polvere e farinosità - FIBRILLE APPLICATE (ADNATE)

238 MUCILLAGINI VISCHIOSE

239 PRUINA

240

241 FIBRILLE ADNATE

242 VELO PARZIALE Il velo parziale si estende tra l orlo del cappello e la parte superiore del gambo formando una protezione per l imenoforo del giovane sporoforo; quando si apre a maturità il velo si lacera ai bordi del cappello e ricade sul gambo formando una sorta di anello o di cortina.

243 In riferimento all anello sarà opportuno porre attenzione a: - ORIGINE stabilire se l anello è originato dal velo generale (anello infero) oppure dal velo parziale (anello supero) - CONSISTENZA che può essere membranacea, farinosa, ecc. a seconda della sua struttura cellulare - PERSISTENZA permanenza sul gambo - DIMENSIONE ANELLO - COLORE e ALTRE caratteristiche (striature, sfrangiature ecc.)

244 ORIGINE ANELLO SUPERO ORIGINATO DAL VELO PARZIALE

245 ANELLO SUPERO

246 ANELLO INFERO ORIGINATO DAL VELO GENERALE

247 ANELLO INFERO

248 ANELLO MOBILE

249

250 ANELLO DOPPIO

251 Anello doppio

252 ANELLO A RUOTA DENTATA

253

254 CORTINA

255 CORTINA

256 CORTINA In riferimento alla cortina sarà opportuno porre attenzione a: - CONSISTENZA che può essere filamentosa o araneosa e glutinosa - PERSISTENZA permanenza sul gambo - COLORE

257

258 CARNE La carne dello sporoforo (o trama) può presentarsi OMOGENEA O ETEROGENEA ed avere le seguenti caratteristiche: - CONSISTENZA - SAPORE - SUCCULENZA - ODORE - PUTRESCIBILITA - REVICISCENZA - COLORE

259 CONSISTENZA Ossia l insieme delle caratteristiche di resistenza della carne alle sollecitazioni di compressione, trazione, lacerazione; caratteristiche che si apprezzano con il tatto e si esprimono con termini di paragone quali: - CONSISTENZA CARNOSA - CONSISTENZA FIBROSA - CONSISTENZA LEGNOSA-CORIACEA - COSISTENZA GELATINOSA - CONSISTENZA ELASTICA - CONSISTENZA GESSOSA(CASSANTE) - CONSISTENZA SPUGNOSA

260 CONSISTENZA CARNOSA

261 CONSISTENZA FIBROSA

262 CONSISTENZA LEGNOSA - CORIACEA

263 CONSISTENZA LEGNOSA-CORIACEA

264 CONSISTENZA GELATINOSA

265 CONSISTENZA ELASTICA

266 CONSISTENZA GESSOSA - CASSANTE Carne a frattura netta, con o senza emissione di latice, per la diversa struttura ifale della carne formata da cellule a forma sferica dette sferocisti.

267 CONSISTENZA GESSOSA - CASSANTE

268 CONSISTENZA SPUGNOSA

269 SUCCULENZA cioè il contenuto di acqua negli sporofori, che seppure varia entri limiti molto ristretti (80-90%) può comunque far distinguere gruppi di specie a carne acquosa ed altri a carne asciutta.

270 PUTRESCIBILITA La maggior parte dei funghi è putrescibile, ossia soggetta a subire il fenomeno della putrefazione;alcune specie appassiscono e si disseccano, permanendo anche per lungo tempo prima di ridursi in polvere.

271

272 REVIVISCENZA Esistono specie che si seccano a tempo asciutto e che riprendono la loro turgidità con tempo piovoso (riprendono anche ad emettere spore)

273

274 COLORE La carne può avere diversi colori, in alcuni funghi a contato con l aria si ossida e cambia di colore

275 SAPORE La valutazione del sapore di un fungo è più semplice rispetto a quella dell odore. I sapori rilevabili possono essere ripartiri in quattro categorie. MITE PICCANTE AMARO DOLCE Russula aurea-russula virescens Lactaius piperatus-russula nobilis Boletus calopus-tricholoma ustale Clavariadelphus truncatus

276 ODORE Evidenziare l odore di un fungo appena raccolto è in molti casi di estrema importanza per il riconoscimento della specie. La rivelazione dell odore di un fungo viene effettuata annusandone la superficie imeniale al momento della raccolta. L odore si percepisce in modo più netto sfregando le lamelle di un fungo. Alcuni odori si posso percepire in altre parti del fungo ad esempio alla base del gambo o sfregando la cuticola del cappello. Alcuni odori variano con la temperatura e con lo sviluppo del fungo. Essendo la percezione dell odore soggettiva, è bene a non affidarsi per la determinazione al solo carattere olfattivo.

277 GLI ODORI FARINACEO, odore di farina fresca, di farina rancida, di farina bagnata, di pasta fresca. Anche di scorza di anguria, di sego, di cetriolo, di patate crude. RAPACEO, odore di rapa, di radici, terroso-viroso SCLERODERMA, odore sgradevole, con componente simile al precedente, ma più metallico. Agrocybe praecox, A. aegerita, Calocybe gambosa, Catathelasma imperiale, Clitocybe ncerrussata, Clitopilus prunulus, Cortinarius aleuriosmus, C. dionysae, Entoloma sinuatum, E. clypeatum, Hohenenbuehelia georgenia, H. petaloides, Hydnellum coeruleum, H. aurantiacum, Hygrophorus nemoreus, H. pleurotoides, Limacella spp., Mycena inclinata, M. galericulata, Omphalotus olearius, Pleurotus cornucopiae, P. eryngii, Polyporus squamosus, Porpoloma pes-carpae, Rhodocybe truncata, Sarcodon joeides, S. versipellis, Telephrocybe rancida, Tricholoma albobrunnea, T. aurantium, T. portentosum, T. scalpturatum, T. pardinum, T. columbetta, T. sejunctum, Volvariella bombycina. Amanita spissa, A. citrina, A.porphyria, Cortinarius cinnamomeus, C. duracinus, C. cotoneus, C. venetus, Hebeloma sinapizans, H. custuliniforme, Inocybe patouillardii, I. geophylla, Mycena pura, Tricoloma vaccinum, T. bresadolanum. Agaricus impudicius, Bondarzewia montana, Cystolepiota aspera, Lepiota cristata, Melanophyllum echinatum, Suillus variegatus, Genere Scleroderma, Xerocomus rubellus.

278 GLI ODORI FENOLO, odore anche di inchiostro di calamaio. CAPRONE, odore composto di timbrofetido. Anche acetilene. MANDORLE AMARE. anche Lauroceraso. ZUCCHERO, anche zucchero bruciato. Agaricus xanthodermus, A. praceclaresquamosus, Clavatia utriformis, Cortinarius obtusus, Russula amethystina, R. turci, Scleroderma citrinum. Cortinarius caphoratus, C. traganus, Lycoperdon pyriforme, L.foetidum. Clitocybe alexandri, Hebeloma radicosum, Hygrophorus agathosmus, H. odoratus, Inocybe boltonii, Pholiota populena, Russula laurocerasi. Cortinarius sacchariosmus, Cystolepiota sacchariolens, Hebeloma sacchariolens. SAPONE DI MARSIGLIA. TOPINAMBUR COTTI,odore nche di trimetillamina, crostacei in cottura, larva di cosso. PESCE. odore anche salmastro, ammoniacale. Hebeloma subsaponaceum, Ramaria pallida, Tricholoma saponaceum. Hygrophorus eburneus, H. carpini, H. chrysodon, Inocybe Hirsuta, Lactarius volemus, L. rugatus, Russula violeipes, R. amoena, R. amoenicolor. Amanita ovoidea, Entoloma hitipes, Inocybe pisciodora, I. sambucina, Lactarius plumbeus, Macrocystidia cucumis, Russula xerampelina, R. chloroides.

279 GLI ODORI CIANICO. ANISATO, di anice o similare. BURRO. MUFFA. di muschio bagnato, di stracci da pavimento semiasciutti, di terriccio umido. Clitocybe gibba, Marasmius oreades, Phaeolepiota aurea, Pseudoclitocybe cyanthiformis. Agaricus silvicola, A. essettei, A. arvensis, Clitocybe anisata, C. odora, C. suaveolens, C. obsoleta, Cortinarius hinnuloides, C. odorifer, Geophyllum odoratum, Hydnellum suaveolens, Lentinellus cochleatus, Lentinus lepideus, R. fragrantissima, Trametes suaveolens. Clitocybe inornata, Collybia butyracea. Cortinarius hinneuleus, C. coerulescens, Cystoderma carcharias, Hygrocybe fornicata, Inocybe cervicolor, I. godeyi, Ramaria fennica.

280 ASSOCIAZIONE ODORE SPECIE Farina(cetriolo,pepe) Anice Mandorle amare Varechina Miele-Urina Aringhe affumicate Cocco Terroso Acetilene(gas) Agrumi Foglia di geranio Fruttato mele cotte Iodioformio Cicoria tostata Ravanello Spermatico Aglio Calocybe gambosa-clitopilus prunulus Clitocybe odora-cortinarius odorifer Russula grata-agaricus urinascens Russula foetens Russula melliolens Lactarius volemus Lactarius glyciosmus Clitocybe cerussata Tricholoma sulfureum Lactarius porninsi Russula pelargonia Russula queletii Agaricus xanthoderma Ramaria pallida Mycena pura-amanita citrina Morchella spp-inocybe spp Marasmius alliaceus

281 SINTESI CARATTERI MORFOLOGICI

282

283

284 HABITAT L habitat ed i periodi di crescita possono essere a volte di aiuto al riconoscimento ed è quindi importante conoscere le principali specie arboree. Esempi: - Boschi di latifoglia - B. aereus, A.rubescens, A.caesarea, B.regius, B.luridus, A.phalloides, R.vesca - Boschi di aghifoglia - T.terreum, C.aurora, S.granulatus L.deliciosus - Ubiquitario Boletus edulis,boletus aestivalis - Tronchi di pioppo - A.aegerita - Tronchi di latifoglie - A.mellea, F.epatica - Prati - A.campestris, M.procera, C.comatus - Boschi misti - Russule, C.cornucopioides, L.perlatum

285 CARATTERI CHIMICI E MICROSCOPICI (reazioni chimiche, spore, cistidi, basidi,ecc.) Vistosa reazione a potassa concentrata (KOH20/30% Idrato di Potassio ) di Amanita virosa Vistosa reazione allo sfregamento su Russula nigricans. Spore e basidi di Laccaria sp Aschi e spore di Peziza sp Il colore rosso con il tempo diventa nero.

286 CLASSIFICAZIONE DEI FUNGHI Classificare i funghi significa raggruppare entità simili tra loro in funzione di somiglianze morfologiche e/o funzionali. TASSONOMIA SISTEMATICA NOMENCLATURA

287 TASSONOMIA La tassonomia consiste nella delimitazione dei vari taxa.un taxon è un insieme convenzionale di individui che condividono alcune caratteristiche. Esempio 1 - Funghi con imenoforo a lamelle che secernono un latice quando spezzati,con carne non fibrosa. Esempio 2-Funghi con imenoforo a lamelle che non secernono un latice quando spezzati,con carne non fibrosa Esempio 3 Funghi con imenoforo a lamelle e carne più o meno fibrosa A Funghi con imenoforo a lamelle che secernono un latice quando spezzati,con carne non fibrosa B Funghi con imenoforo a lamelle e carne più o meno fibrosa C Funghi con imenoforo a lamelle che non secernono un latice quando spezzati,con carne non fibrosa

288 SISTEMATICA La sistematica definisce le relazioni gerarchiche tra i taxa.ovvero la sistematica organizza i taxa in un sistema gerarchico. Non esiste una sistematica unica e accettata da tutti ma sistematiche diverse a seconda dei caratteri che si ritengono di maggiore importanza per la suddivisione dei taxa.oggi si ha anche una sistematica filogenetica. I taxa individuati sono di rango tassonomico diverso,tra i quali l unità fondamentale è la specie. E Funghi con imenoforo formato da lamelle D Funghi con imenoforo a lamelle,con carne non fibrosa B Funghi con imenoforo a lamelle e carne più o meno fibrosa A Funghi con imenoforo a lamelle che secernono un latice quando spezzati,con carne non fibrosa C Funghi con imenoforo a lamelle che non secernono un latice quando spezzati,con carne non fibrosa

289 I principali ranghi sovraspecifici sono in ordine discendente: REGNO DIVISIONE CLASSE ORDINE FAMIGLIA GENERE SPECIE Taxa organizzati gerarchicamente

290 NOMENCLATURA La nomenclatura,una volta che i taxa sono stati delimitati ed organizzati in una sistematica, attribuisce loro un nome che li individui univocamente. Le basi del sistema nomenclaturale sono state gettate due secoli fa da Linneo che propose una nomenclatura binomia in latino,nella quale ciascuna specie è individuata da due termini,il primo dei quali riferito al genere ed il secondo proprio alla specie. Es.Boletus aestivalis è il nome scientifico della specie ed è riconosciuto in tutto il mondo. La nomenclatura micologica è soggetta a regole codificate dal Codice Internazionale di Nomenclatura Agaricomycetidae Funghi con imenoforo formato da lamelle Russulales Funghi con imenoforo a lamelle,con carne non fibrosa Agaricales Funghi con imenoforo a lamelle e carne più o meno fibrosa Lactarius Funghi con imenoforo a lamelle che secernono un latice quando spezzati,con carne non fibrosa Russule Funghi con imenoforo a lamelle che non secernono un latice quando spezzati,con carne non fibrosa

291 Esempio di classificazione di una specie REGNO DIVISIONE CLASSE ORDINE FAMIGLIA GENERE SPECIE Fungi Eumycota Basidiomycetes Boletales Boletaceae Boletus Boletus aestivalis

292 PROSPETTO SISTEMATICO DEI PRINCIPALI GENERI Accanto alla sistematica ufficiale esistono sistematiche di comodo utilizzate per scopi di un corso micologico. Noi utilizzeremo una sistematica pratica, basata sui caratteri morfologici. Per la classificazione dei funghi a lamelle considereremo la sistematica friesiana basata sul colore della sporata dei funghi a lamelle e sulle affinita morfologiche,vantaggiosa ai fini della distinzione dei generi. Oggetto del corso sono essenzialmente i funghi macroscopici appartenenti alle due classi BasidiomicetI e AscomicetI.

293 CLASSSIFICAZIONE SISTEMATICA

294 Agaricales Agaricaceae Amanita Laccaria Lepiota Marasmius Macrolepiota Collybia Leucoagaricus Mycena Leucocoprinus Lactarius Cystolepiota Russula Melanophyllum Cortinarius Limacella Inocybe Volvariella Pholiota Cystodema Agrocybe Hygrophorus Gymnopilus Hygrocybe Bolbitius Camarophyllus Psilicybe Tricholoma Psathyrella Melanoleuca Entoloma Armillaria Pluteus Lyophyllum Clitopilus Hebeloma Hypholoma Pleurotus Stropharia Lentinus Panaeolus Clitocybe Agaricus Lepista Coprinus Boletaceae Gyrodon Boletus Gyroporus Porphyrellus Strobilomyces Leccinum Boletinus Phylloporus Suillus Paxillus Xerocomus Gomphydius Tylopilus Chroogonphus Aphylloforales Polyporaceae Polyporus Trametes Ganoderma Fistulina Fomes Cantharellaceae Cantharellus Cratarellus Hydnaceae Hydnum Hericium Sarcodon Auriscalpium Clavariaceae Ramaria Clavariadelphus Gasterales Lycoperdaceae Lycoperdon Calvatia Bovista Sclerodermataceae Scleroderma Pisolithus Phallaceae Phallus Clathrus Mutinus Colus Geastreaceae Geastrum BASIDIOMICETI

295 ASCOMICETI Pezizales Morchellaceae Morchella Mitrophora Verpa Helvellaceae Helvella Gyromitra Pezizaceae Peziza Otidea Geopora Scutellina Sarcoscypha Rutstroemia Tarzetta Geopix Caloscypha Humaria Sarcosphaera Aleuria Xylaria Tuberales Tuberaceae Tuber

296 FUNGHI A LAMELLE CHIAVE DI DETERMINAZIONE DEI PRINCIPALI GENERI FUNGHI ETEROGENEI Lamelle libere leucosporei Rodosporei Ocrosporei Iantinosporei Melanosporei Con volva ed anello Amanita anello non sempre Con anello senza volva Limacella Agaricus Coprinus anello non sempre anello labile Macrolepiota Lepiota Leucoagaricus Senza anello con volva Volvariella Senza anello senza volva Marasmius Pluteus Bolbitius Panaeolus soprattutto lignicolo Collybia Marasmius,Collybia,Bolbitius,Panaeolus anche omogenei

297 FUNGHI A LAMELLE CHIAVE DI DETERMINAZIONE DEI PRINCIPALI GENERI FUNGHI OMOGENEI Lamelle non libere Leucosporei Rodosporei Ocrosporei Iantinosporei Melanosporei Con anello Armillaria non sempre Agrocybe Stropharia Senza volva Catathelasma Gymnopilus Cystoderma Galerina Kuehneromyces Pholiota Pholiotina Conocybe Cortina filamentosa Cortinarius Hypholoma a volte Cortina glutinosa Gomphidius Chroogomphus Lactarius a volte Entoloma Lactarius a volte Hypholoma a volte cortina Psatyrella Russula a volte Russula a volte a volte cortina Hygrophorus Clitopilus Hebeloma Psilocybe e anello Hygrocybe Rhodocybe a volta cortina Cuphophyllus Inocybe Tricholoma cortina fugace Lepista Paxillus Senza volva Melanoleuca Tapimnella Senza anello Calocybe Bolbitius Senza cortina Lyophyllum Laccaria Collybia Mycena Clitocybe Marasmius Omphalotus Pleurotus Lentinus Hohenbuelia Porpoloma Dermoloma Leucopaxillus Tricholomopsis Clitocibula Pseudoclitocybe

298 ESEMPIO DI DETERMINAZIONE DEL GENERE Omogeneo

299 ESEMPIO DI DETERMINAZIONE DEL GENERE Eterogeneo

SISTEMATICA DEI PRINCIPALI GENERI OMOGENEI DELLA FAMIGLIA AGARICACAE

SISTEMATICA DEI PRINCIPALI GENERI OMOGENEI DELLA FAMIGLIA AGARICACAE SISTEMATICA DEI PRINCIPALI GENERI OMOGENEI DELLA FAMIGLIA AGARICACAE CLASSSIFICAZIONE SISTEMATICA FUNGHI A LAMELLE CHIAVE DI DETERMINAZIONE DEI PRINCIPALI GENERI FUNGHI OMOGENEI Lamelle non libere Leucosporei

Dettagli

SISTEMATICA DEI GENERI OMOGENEI A CARNE CASSANTE DELLA FAMIGLIA AGARICACAE

SISTEMATICA DEI GENERI OMOGENEI A CARNE CASSANTE DELLA FAMIGLIA AGARICACAE SISTEMATICA DEI GENERI OMOGENEI A CARNE CASSANTE DELLA FAMIGLIA AGARICACAE CLASSSIFICAZIONE SISTEMATICA FUNGHI A LAMELLE CHIAVE DI DETERMINAZIONE DEI PRINCIPALI GENERI FUNGHI OMOGENEI Lamelle non libere

Dettagli

32ª Mostra micologica Funghi e Pisacan Cervasca - domenica 11 ottobre 2015

32ª Mostra micologica Funghi e Pisacan Cervasca - domenica 11 ottobre 2015 Associazione Micologica Bovesana e delle Alpi Cuneesi - Ugo Maria Cumino A.M.B. Gruppo A.M.B.A.C. - CUMINO - Piazza Borelli, 6-12012 BOVES CN 32ª Mostra micologica Funghi e Pisacan Cervasca - domenica

Dettagli

Il Consiglio regionale ha approvato; il Presidente della Giunta regionale promulga. Art. 1

Il Consiglio regionale ha approvato; il Presidente della Giunta regionale promulga. Art. 1 Legge regionale 6 novembre 2002, n. 21. Integrazioni e modifiche alla legge regionale 25 luglio 2001, n. 17 "Norme per la raccolta e la commercializzazione dei funghi epigei spontanei e conservati". Il

Dettagli

DETERMINAZIONE DEI MACROFUNGHI CON APPROFONDIMENTO DELLE TRICHOLOMATACEAE

DETERMINAZIONE DEI MACROFUNGHI CON APPROFONDIMENTO DELLE TRICHOLOMATACEAE DETERMINAZIONE DEI MACROFUNGHI CON APPROFONDIMENTO DELLE TRICHOLOMATACEAE di ELIA AMBROSIO LABORATORIO DI MICOLOGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELL AMBIENTE E DELLA VITA (DISTAV) UNIVERSITÀ DELGI

Dettagli

Le specie di funghi commestibili più comuni

Le specie di funghi commestibili più comuni Le specie di funghi commestibili più comuni Macrolepiota procera Mazza di tamburo Cappello: da 10 a 25 cm di diametro, dapprima ovoidale, quasi sferico, poi piano umbonato al centro, con margine sfrangiato;

Dettagli

AMANITA MALLEATA Piane. AMANITA VAGINATA (Bull.: Fr.) Vittadini

AMANITA MALLEATA Piane. AMANITA VAGINATA (Bull.: Fr.) Vittadini Osvaldo e Rosario Tagliavini AMANITA MALLEATA Piane Cresce, isolata, d estate, sotto latifoglie. Specie non molto comune. Cappello largo 6-12 cm, inizialmente campanulato, poi appianato, segnato da caratteristiche

Dettagli

Boletus aestivalis (Paulet) Fr. Boletus edulis Bull.: Fr. Boletus aereus Bull.: Fr. Boletus pinophilus Poder, Cetto &

Boletus aestivalis (Paulet) Fr. Boletus edulis Bull.: Fr. Boletus aereus Bull.: Fr. Boletus pinophilus Poder, Cetto & 1RWH Boletus aestivalis (Paulet) Fr. 1 Boletus edulis Bull.: Fr. 2 Boletus aereus Bull.: Fr. 3 Boletus pinophilus Poder, Cetto & 4 Zuccherelli Boletus radicans Pers.: Fr. 121 5 Boletus satanas S. Lenz

Dettagli

9 settembre 2015 MariaGrazia Manzoni Ispettore micologo ASL di Bergamo

9 settembre 2015 MariaGrazia Manzoni Ispettore micologo ASL di Bergamo 9 settembre 2015 MariaGrazia Manzoni Ispettore micologo ASL di Bergamo Amanita phalloides (Vaill. : Fr.) Link Amanita vaginata (Bull. : Fr.) Vitt. Bordo del cappello liscio, gambo con netto bulbo alla

Dettagli

SISTEMATICA DEI PRINCIPALI GENERI DELLA FAMIGLIA BOLETACAE

SISTEMATICA DEI PRINCIPALI GENERI DELLA FAMIGLIA BOLETACAE SISTEMATICA DEI PRINCIPALI GENERI DELLA FAMIGLIA BOLETACAE CLASSSIFICAZIONE SISTEMATICA FAMIGLIA BOLETACEAE Funghi carnosi, a gambo e cappello, con imenoforo costituito da tubuli, facilmente separabile

Dettagli

I Funghi delle Madonne

I Funghi delle Madonne I Funghi delle Madonne Presentazione a cura di P.Bonomo PRATAIOLI LEPIOTE AMANITE e VOLVARIE BOLETI CANTARELLI ed IDNI CLAVARIE e RAMARIE COPRINI CORTINARI ed INOCIBI ENTOLOMI IGROFORI PLEUROTI VESCE LATTARI

Dettagli

Questionario d esame incluso nella metodologia messa a punto dalla Regione Veneto

Questionario d esame incluso nella metodologia messa a punto dalla Regione Veneto Questionario d esame incluso nella metodologia messa a punto dalla Regione Veneto Le domande che seguono sono state elaborate da un omitato tecnico scientifico, costituito da esperti delle ssociazioni

Dettagli

Genere AGARICUS. Genere AMANITA

Genere AGARICUS. Genere AMANITA Genere AGARICUS Sporofori sia di grosse sia di piccole dimensioni, con cappello liscio o decorato da una squamatura; lamelle piuttosto fitte di colore dal bianco a rosato libere al gambo; la sporata è

Dettagli

Leccinum lepidum (Bouchet ex Essette) Quadr.

Leccinum lepidum (Bouchet ex Essette) Quadr. La risorsa FUNGO in Alta Valle del Vara Leccinum lepidum (Bouchet ex Essette) Quadr. Famiglia: Boletaceae Sinonimi: Leccinum crocipodium var. lepidum (H. Bouchet ex Essette) Bon Etimologia: Leccinum (cfr.

Dettagli

Tutto FUNGHI. Indice Generale. a cura di A.M.I.N.T. a cura di Gianni Pilato

Tutto FUNGHI. Indice Generale. a cura di A.M.I.N.T.  a cura di Gianni Pilato Tutto FUNGHI a cura di A.M.I.N.T. www.funghiitaliani.it Indice Generale a cura di Gianni Pilato Coprinus disseminatus Omphalotus olearius Boletus rhodopurpureus A Agaricus 21, 47, Chiave B pag 81 Agaricus

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE DI ALCUNI FUNGHI DIFFUSI IN CAMPANIA

SCHEDE DESCRITTIVE DI ALCUNI FUNGHI DIFFUSI IN CAMPANIA SCHEDE DESCRITTIVE DI ALCUNI FUNGHI DIFFUSI IN CAMPANIA a cura dell Ufficio Forestazione dell Area Agricoltura Provincia di Napoli Si ringrazia il Micologo Dott. Camillo Iavarone per la gentile collaborazione

Dettagli

file://e:\funghi\leggi\marche.htm

file://e:\funghi\leggi\marche.htm Pagina 1 di 7 MARCHE L.R. 25 luglio 2001, n. 17. e successive modificazioni Norme per la raccolta e la commercializzazione dei funghi epigei spontanei e conservati. Art. 1 Esercizio delle funzioni amministrative.

Dettagli

Regione Marche L.R. 25 luglio 2001, n. 17 (1). Norme per la raccolta e la commercializzazione dei funghi epigei spontanei e conservati.

Regione Marche L.R. 25 luglio 2001, n. 17 (1). Norme per la raccolta e la commercializzazione dei funghi epigei spontanei e conservati. Regione Marche L.R. 25 luglio 2001, n. 17 (1). Norme per la raccolta e la commercializzazione dei funghi epigei spontanei e conservati. Modificata con la LR 31/2009, art. 24 (1) Pubblicata nel B.U. Marche

Dettagli

di più a quella degli animali; - i funghi hanno una composizione chimica che si avvicina - la luce non è indispensabile alla vita del fungo

di più a quella degli animali; - i funghi hanno una composizione chimica che si avvicina - la luce non è indispensabile alla vita del fungo Generalità I funghi costituiscono una classe sterminata, con molte migliaia di specie, inquadrate in centinaia di raggruppamenti Assonomici (ordini, famiglie, tribù e generi) ai quali non si è ancora dato

Dettagli

Clitopilus prunulus (Scop.: Fr.) P. Kummer

Clitopilus prunulus (Scop.: Fr.) P. Kummer La risorsa FUNGO in Alta Valle del Vara Clitopilus prunulus (Scop.: Fr.) P. Kummer Famiglia: Entolomataceae Sinonimi: Clitopilus orcella (Bull.) P. Kumm.; Agaricus orcella Bull. Etimologia: dal gr. kleitús,

Dettagli

ELENCO DELLE SPECIE FUNGINE EPIGEE SPONTANEE CHE ALLA CONSULENZA RIVOLTA AI CITTADINI/RACCOGLITORI SI POSSONO CONSIDERARE COMMESTIBILI

ELENCO DELLE SPECIE FUNGINE EPIGEE SPONTANEE CHE ALLA CONSULENZA RIVOLTA AI CITTADINI/RACCOGLITORI SI POSSONO CONSIDERARE COMMESTIBILI ALLEGATO 8 ELENCO DELLE SPECIE FUNGINE EPIGEE SPONTANEE CHE ALLA CONSULENZA RIVOLTA AI CITTADINI/RACCOGLITORI SI POSSONO CONSIDERARE COMMESTIBILI Il presente elenco vuole rappresentare una guida per i

Dettagli

Gruppo Micologico Torinese

Gruppo Micologico Torinese Gruppo Micologico Torinese C.so Sicilia 12-10133 Torino c/o Circolo Ricreativo Dipendenti Comunali www.gruppomicologicotorinese.it indirizzo e-mail: gruppomicotorino@libero.it Mostra micologica didattica

Dettagli

Studio, progettazione grafica e impaginazione Rosa Domina Enrico Palmisano. AUSL di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica

Studio, progettazione grafica e impaginazione Rosa Domina Enrico Palmisano. AUSL di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica Direttore: Dott. Fausto Francia U.O. Igiene Alimenti e Nutrizione Direttore: Dott.ssa Emilia Guberti Ispettorato Micologico Direttore: Dott.ssa Luciana Prete

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE DEI FUNGHI

LA CLASSIFICAZIONE DEI FUNGHI LA CLASSIFICAZIONE DEI FUNGHI Classificazione degli organismi Le specie di funghi conosciute sono circa 200.000, ma ancora molte devono essere scoperte e studiate (solo nel continente Africano ne vengono

Dettagli

Caratteri organolettici dei funghi

Caratteri organolettici dei funghi Caratteri organolettici dei funghi L ODORE L odore di un fungo è la percezione sul piano olfattivo dell esalazione prodotta dal suo corpo fruttifero o, meglio sporoforo. L appassionato micologo dilettante

Dettagli

FUNGHI: significato dei nomi per meglio riconoscerli

FUNGHI: significato dei nomi per meglio riconoscerli FUNGHI: significato dei nomi per meglio riconoscerli FUNGO Dal latino fungus Dal greco spòggos Con significato di spugna, organismo molle, spugnoso. Nasce specialmente dopo le piogge di primavera e di

Dettagli

ATTIVITA DI MICOLOGIA MICROSCOPICA ANNO 2012

ATTIVITA DI MICOLOGIA MICROSCOPICA ANNO 2012 ATTIVITA DI MICOLOGIA MICROSCOPICA ANNO 2012 Visto il riscontro positivo che hanno avuto le iniziative legate allo studio microscopico dei funghi nel triennio 2009-2011, la Scuola Umbra di Amministrazione

Dettagli

la Chiocciola Clementina in gita nei boschi per guidarti nella raccolta dei funghi. Taccuino didattico I funghi dal bosco alla tavola

la Chiocciola Clementina in gita nei boschi per guidarti nella raccolta dei funghi. Taccuino didattico I funghi dal bosco alla tavola Dipartimento di Sanità Pubblica la Chiocciola Clementina in gita nei boschi per guidarti nella raccolta dei funghi. Taccuino didattico I funghi dal bosco alla tavola Il testo che presentiamo è frutto

Dettagli

Cosa sono i funghi? Come sono fatti i funghi? Dove crescono e quanti sono i funghi? Come si nutrono? Come si riproducono? A cosa servono?

Cosa sono i funghi? Come sono fatti i funghi? Dove crescono e quanti sono i funghi? Come si nutrono? Come si riproducono? A cosa servono? il Mondo dei funghi Cosa sono i funghi? Come sono fatti i funghi? Dove crescono e quanti sono i funghi? Come si nutrono? Come si riproducono? A cosa servono? Come si riconoscono quelli buoni da mangiare?

Dettagli

Associazione Micologica Fidentina Carlo Oriani. Mostra Micologica a Fidenza ( 12 Ottobre 2014) Relazione

Associazione Micologica Fidentina Carlo Oriani. Mostra Micologica a Fidenza ( 12 Ottobre 2014) Relazione Associazione Micologica Fidentina Carlo Oriani Mostra Micologica a Fidenza ( 12 Ottobre 2014) Relazione Nei giorni precedenti la gran Fiera di Borgo San Donnino, in un'annata che non ha confronti in quanto

Dettagli

IL MONDO DEI FUNGHI NEL PARCO REGIONALE DEI CASTELLI ROMANI

IL MONDO DEI FUNGHI NEL PARCO REGIONALE DEI CASTELLI ROMANI IL MONDO DEI FUNGHI NEL PARCO REGIONALE DEI CASTELLI ROMANI Realizzata con il contributo della Comunità Europea e della Regione Lazio Iniziativa Leader II - fondo FESR PARCO REGIONALE DEI CASTELLI ROMANI

Dettagli

Occhio al Fungo. Saper riconoscere e raccogliere i funghi

Occhio al Fungo. Saper riconoscere e raccogliere i funghi Occhio al Fungo Saper riconoscere e raccogliere i funghi Occhio al Fungo Saper riconoscere e raccogliere i funghi Qualche informazione... Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità

Dettagli

RISORSE AGRICOLE NATURALI FORESTALI E DELLA MONTAGNA

RISORSE AGRICOLE NATURALI FORESTALI E DELLA MONTAGNA DIREZIONE CENTRALE RISORSE AGRICOLE NATURALI FORESTALI E DELLA MONTAGNA REGIONE AUTONOMA F.V.G. NEWSLETTER NUMERO SPECIALE 20 SETTEMBRE 2005 LA RACCOLTA DEI FUNGHI EPIGEI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE FRIULI

Dettagli

FUNGHI A LAMELLE SCURE

FUNGHI A LAMELLE SCURE FUNGHI A LAMELLE SCURE Patrizia Brenna Cantù - 2013 Ad un primo colpo d occhio alcuni funghi che abbiamo appena visto sembrerebbero uguali, in realtà sono tutti generi diversi. Quali strumenti dobbiamo

Dettagli

prataiolo (agaricus campestris) Diametro : lamelle : carne : odore : sapore : spore : commestibilita' : note :

prataiolo (agaricus campestris) Diametro : lamelle : carne : odore : sapore : spore : commestibilita' : note : funghi del parco selezione di alcune specie significative prataiolo (agaricus campestris) 5-10 cm rosee forte deciso gambo con anello tignosa verdognola (amanita phalloides) 5-15 cm molto lieve acidulo

Dettagli

BOLETUS FRAGRANS Vittadini. BOLETUS APPENDICULATUS Schaeffer

BOLETUS FRAGRANS Vittadini. BOLETUS APPENDICULATUS Schaeffer Osvaldo e Rosario Tagliavini BOLETUS FRAGRANS Vittadini Cresce, anche cespitoso, da luglio a ottobre, nei boschi di querce. Specie non molto comune. Cappello largo 5-15 cm, ocra-caffelatte, leggermente

Dettagli

proposta di legge n. 3

proposta di legge n. 3 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 3 a iniziativa del Consigliere Giuseppe Ricci presentata in data 21 luglio 2000 RACCOLTA E COMMERCIALIZZAZIONE DEI FUNGHI EPIGEI SPONTANEI, FRESCHI

Dettagli

CORSO SINTETICO DI MICOLOGIA. Prima lezione

CORSO SINTETICO DI MICOLOGIA. Prima lezione COMUNITÀ MONTANA DEL FORTORE CORSO ROMA, 5 82028 SAN BARTOLOMEO IN GALDO (BN) TEL. (0824) 96.70.88 FAX (0824) 96.43.14 N. VERDE A.I.B. 800.76.76.78 C.F. 82002030623 www.cmfortore.info SERVIZIO BONIFICA

Dettagli

mico-notiziario riservato agli associati Anno XXXIX ~ 2 semestre 2012

mico-notiziario riservato agli associati Anno XXXIX ~ 2 semestre 2012 mico-notiziario riservato agli associati Anno XXXIX ~ 2 semestre 2012 SOMMARIO Dalla Segreteria di P. Bordin L agarico color verderame Stropharia aeruginosa di F. Galvanin Un insolito cortinario Cortinarius

Dettagli

ANTUNNAS. I funghi del territorio di Sedilo. di Franco Sotgiu

ANTUNNAS. I funghi del territorio di Sedilo. di Franco Sotgiu ANTUNNAS I funghi del territorio di Sedilo di Franco Sotgiu Per parlare di funghi del territorio di Sedilo, arbitrariamente dividerò il territorio di pertinenza del comune in tré parti, ciascuna delle

Dettagli

I Funghi Porcini. caratteristiche morfologiche e organolettiche simili. E' il più conosciuto ed apprezzato

I Funghi Porcini. caratteristiche morfologiche e organolettiche simili. E' il più conosciuto ed apprezzato I Funghi Porcini Porcino è il nome comune di alcune specie di funghi del genere Boletus, aventi caratteristiche morfologiche e organolettiche simili. E' il più conosciuto ed apprezzato tra i funghi commestibili,

Dettagli

La risorsa FUNGO in Alta Valle del Vara INDICE DEI NOMI SCIENTIFICI

La risorsa FUNGO in Alta Valle del Vara INDICE DEI NOMI SCIENTIFICI INDICE DEI NOMI SCIENTIFICI La risorsa FUNGO in Alta Valle del Vara Agaricus arvensis Sch.: Fr. p. 74 *Agaricus bisporus (Lange) Imbach p. 76 *Agaricus bitorquis (Quél.) Sacc. p. 77 Agaricus campestris

Dettagli

Tossicologia dei funghi

Tossicologia dei funghi Tossicologia dei funghi Non eccedete nel consumo di funghi e sottoponeteli a cottura!! Utili suggerimenti Prima di fornire alcune informazioni riguardo alla tossicità dei funghi e necessario ricordare

Dettagli

CONOSCERE I FUNGHI PER CAPIRE E PROTEGGERE IL MONDO IN CUI VIVIAMO. a cura di SERGIO RUINI

CONOSCERE I FUNGHI PER CAPIRE E PROTEGGERE IL MONDO IN CUI VIVIAMO. a cura di SERGIO RUINI CONOSCERE I FUNGHI PER CAPIRE E PROTEGGERE IL MONDO IN CUI VIVIAMO a cura di SERGIO RUINI QUANDO SI DICE FUNGO MA I FUNGHI POSSONO AVERE FATTEZZE, SEMBIANZE E COLORI IMPENSABILI E SORPRENDENTI Trametes

Dettagli

Astraeus hygrometricus (Pers.: Pers.) Morgan

Astraeus hygrometricus (Pers.: Pers.) Morgan Astraeus hygrometricus (Pers.: Pers.) Morgan Famiglia: Astraeaceae Sinonimi: Geastrum hygrometricum Pers. ; Lycoperdon stellatus Scop. Etimologia: Asterios in gr. significa stellato, termine riferito alla

Dettagli

FUNGHI PRIMA DI MANGIARLI FACCIAMOLI CONTROLLARE

FUNGHI PRIMA DI MANGIARLI FACCIAMOLI CONTROLLARE FUNGHI PRIMA DI MANGIARLI FACCIAMOLI CONTROLLARE PRESENTAZIONE L AUSL Umbria 1, visto il numero sempre crescente di persone che si dedicano alla raccolta dei funghi, è consapevole che andare nei boschi

Dettagli

Parliamo di funghi. Testo a cura del Micologo: Marino Balma. Azienda Sanitaria Locale di Chieri, Carmagnola, Moncalieri e Nichelino

Parliamo di funghi. Testo a cura del Micologo: Marino Balma. Azienda Sanitaria Locale di Chieri, Carmagnola, Moncalieri e Nichelino Azienda Sanitaria Locale di Chieri, Carmagnola, Moncalieri e Nichelino DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE Sede di Direzione - via S. Francesco d Assisi n. 35 NICHELINO

Dettagli

Giovanni Negri (Calcio, Bergamo, Firenze 1960)

Giovanni Negri (Calcio, Bergamo, Firenze 1960) Giovanni Negri (Calcio, Bergamo, 1877 - Firenze 1960) Laureato prima in Medicina e poi in Scienze naturali, nel 1911 conseguì la libera docenza in botanica; nel 1925 ebbe la cattedra all Università di

Dettagli

SINDROMI A LUNGA LATENZA 6-24 h ed oltre

SINDROMI A LUNGA LATENZA 6-24 h ed oltre MICOTOSSICOLOGIA SINDROMI A LUNGA LATENZA 6-24 h ed oltre Sindrome Falloidea Sindrome Orellanica Sindrome Giromitrica Sindrome Eritro-Acromelalgica Sindrome Norleucinica Sindrome Rabdomiolitica Sindrome

Dettagli

COMMESTIBILITÀ DEI FUNGHI

COMMESTIBILITÀ DEI FUNGHI COMMESTIBILITÀ DEI FUNGHI È assai verosimile ipotizzare che pressoché tutti gli appassionati di micologia, siano essi studiosi, semplici curiosi o accaniti raccoglitori, si sono avvicinati a questa disciplina

Dettagli

COMITATO DI STUDIO Fernando Fraccaro Castelfranco Veneto

COMITATO DI STUDIO Fernando Fraccaro Castelfranco Veneto COMITATO DI STUDIO Fernando Fraccaro Castelfranco Veneto Genere Specie autori Agaricus silvaticus Schff.ex Secr. Agaricus xanthoderma Gen. Abortiporus biennis Bull. Agrocybe aegerita (Brig.) Sing. Albatrellus

Dettagli

Associazione Micologica Bresadola. I migliori funghi commestibili con sosia pericolosi

Associazione Micologica Bresadola. I migliori funghi commestibili con sosia pericolosi Associazione Micologica Bresadola Gruppo G. CERIANI - Saronno I migliori funghi commestibili con sosia pericolosi I migliori funghi commestibili con sosia pericolosi. Tra le specie fungine largamente diffuse

Dettagli

CLASSIFICAZIONE A 6 REGNI

CLASSIFICAZIONE A 6 REGNI organismi eucariotici, unicellulari o pluricellulari, che si nutrono per assorbimento CLASSIFICAZIONE A 6 REGNI Biologia generale 2015 regno Mycota o Fungi Sono organismi eucarioti caratterizzati da :

Dettagli

SISTEMATICA DEI PRINCIPALI GENERI ETEROBASIDIOMICETI

SISTEMATICA DEI PRINCIPALI GENERI ETEROBASIDIOMICETI SISTEMATICA DEI PRINCIPALI GENERI ETEROBASIDIOMICETI CLASSSIFICAZIONE SISTEMATICA APHYLLOPHORALES ORDINE APHYLLOPHORALES Principali famiglie: Polyporaceae Cantharellaceae Hydnaceae Clavariaceae FAMIGLIA

Dettagli

FUNGHI COMMESTIBILI DELLA BASILICATA

FUNGHI COMMESTIBILI DELLA BASILICATA FUNGHI COMMESTIBILI DELLA BASILICATA INTRODUZIONE I funghi eduli, capricciose creature del bosco, figure policrome e seducenti, entrano in un notevole raggruppamento di generi e specie, non sempre facilmente

Dettagli

IMENIO NON A LAMELLE

IMENIO NON A LAMELLE IMENIO NON A LAMELLE Criteri di commestibilità: Commestibile Senza valore Tossico Non commestibile Commestibile solo dopo cottura La commestibilità o velenosità dei funghi è tratta dall elenco pubblicato

Dettagli

Tipologie e caratteristiche

Tipologie e caratteristiche Armillariella mellea Chiodino Agarico color miele Buono È uno dei funghi più noti. Il nome deriva dal latino melleus, color miele, per l aspetto appunto. Cresce a cespiti, ha il cappello opaco e nei soggetti

Dettagli

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto.

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. di Gaia Brancati Le piante Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. Il fusto Il fusto tende a crescere verso l alto. Quando esso

Dettagli

ASSOCIAZIONE MICOLOGICA BRESADOLA

ASSOCIAZIONE MICOLOGICA BRESADOLA 00 Varese Via Appiani, Tel..0 Censimento Micologico Provincia di Varese: elenco specie ordinate alfabeticamente; aggiornamento //00 Abortiporus Abortiporus biennis Agrocybe putaminum Agrocybe semiorbicularis

Dettagli

Richiesta rilascio tesserino

Richiesta rilascio tesserino Richiesta rilascio tesserino Il rilascio dei tesserini di cui all art.2, co.1, lettere a) e b) della L.R. n 3/06 va richiesto al Comune di residenza con domanda in bollo da 16,00 (1) (allegato B); nell'ipotesi

Dettagli

L analisi sensoriale applicata al miele

L analisi sensoriale applicata al miele L analisi sensoriale applicata al miele 1. Generalità sull analisi sensoriale L analisi sensoriale è un metodo per determinare le caratteristiche organolettiche dei prodotti alimentari attraverso il ricorso

Dettagli

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Workshop teorico - pratico per i giardinieri del Comune di Merano Merano 23.03.2006 Copyright: Dr. Valentin Lobis - www.studiolobis.it Le fasi principali

Dettagli

ASSOCIAZIONE MICOLOGICA BRESADOLA

ASSOCIAZIONE MICOLOGICA BRESADOLA 00 Varese Via Appiani, Tel..0 Censimento Micologico Provincia di Varese: elenco specie ordinate alfabeticamente; aggiornamento //00 Abortiporus Abortiporus biennis Agrocybe putaminum Agrocybe semiorbicularis

Dettagli

Comune di Laconi. Mostra Micologica. Palazzo Aymerich. Laconi 6-7-8 Novembre 2009. Alcune schede A.M.I.N.T. di specie fungine

Comune di Laconi. Mostra Micologica. Palazzo Aymerich. Laconi 6-7-8 Novembre 2009. Alcune schede A.M.I.N.T. di specie fungine Comune di Laconi Mostra Micologica Palazzo Aymerich Laconi 6-7-8 Novembre 2009 Alcune schede A.M.I.N.T. di specie fungine realizzate da Pietro CURTI A.M.I.N.T. foto Franco Sotgiu Pietro Curti e Micologi

Dettagli

www.ambpadova.it Anno 42 ~ 1 semestre 2015 mico-notiziario riservato agli associati

www.ambpadova.it Anno 42 ~ 1 semestre 2015 mico-notiziario riservato agli associati www.ambpadova.it Anno 42 ~ 1 semestre 2015 mico-notiziario riservato agli associati SOMMARIO Funghi e Natura 15 febbraio 2015 La cronaca delle attività di P. Bordin A funghi nei parchi londinesi di F.

Dettagli

Le credenze popolari sui funghi

Le credenze popolari sui funghi Le credenze popolari sui funghi (Pubblicato in versione integrale su MicoPonte 1-2007: 8-19) MARCO DELLA MAGGIORA & SERGIO MATTEUCCI INTRODUZIONE Al cospetto dei fenomeni naturali sconosciuti, l uomo si

Dettagli

Comunità Montana Destra Crati Acri DISPENSA CORSO DI MICOLOGIA AI SENSI DELLA LEGGE REG. CALABRIA N. 30 DEL

Comunità Montana Destra Crati Acri DISPENSA CORSO DI MICOLOGIA AI SENSI DELLA LEGGE REG. CALABRIA N. 30 DEL DISPENSA CORSO DI MICOLOGIA AI SENSI DELLA LEGGE REG. CALABRIA N. 30 DEL 26/11/2001 ART. 5 COMMA 5 PROMOSSO DALLA COMUNITÀ MONTANA DESTRA CRATI IN COLLABORAZIONE CON L ASSOCIAZIONE MICOLOGICA BRESADOLA

Dettagli

Alla scoperta di Funghi e Tartufi : Commestibilità e Velenosità dei funghi della Val D Agri

Alla scoperta di Funghi e Tartufi : Commestibilità e Velenosità dei funghi della Val D Agri Alla scoperta di Funghi e Tartufi : Commestibilità e Velenosità dei funghi della Val D Agri Convengo di Micologia a cura del Prof. Perilli Domenica, 4 Novembre c/o Hotel Kiris Villa D Agri Perché organizzare

Dettagli

I FUNGHI NEI COMUNI DI FIDENZA E SALSOMAGGIORE TERME

I FUNGHI NEI COMUNI DI FIDENZA E SALSOMAGGIORE TERME Valentina Boselli Alice Fava Alberto Massimi Lorenzo Rigoni Greta Scaltriti Chiara Zalaffi I FUNGHI NEI COMUNI DI FIDENZA E SALSOMAGGIORE TERME In relazione alla progettazione presentata lo scorso anno

Dettagli

LA COMUNITÀ MONTANA CADORE LONGARONESE ZOLDANO,

LA COMUNITÀ MONTANA CADORE LONGARONESE ZOLDANO, LA COMUNITÀ MONTANA CADORE LONGARONESE ZOLDANO, Vista la L.R. 19 agosto 1996 n. 23 che detta norme per la "Disciplina della raccolta e commercializzazione dei funghi epigei freschi e conservati"; Vista

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente i funghi commestibili e il lievito

Ordinanza del DFI concernente i funghi commestibili e il lievito Ordinanza del DFI concernente i funghi commestibili e il lievito Modifica del 7 marzo 2008 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina: I L ordinanza del DFI del 23 novembre 2005 1 concernente i

Dettagli

Gruppo Micologico Camaiorese Entità trattate in Parliamo di funghi e Andiamo ai funghi...

Gruppo Micologico Camaiorese Entità trattate in Parliamo di funghi e Andiamo ai funghi... Agaricus campestris L.: Fr. 2004 PdF Agaricus praeclaresquamosus E. M. Freeman 2004 PdF Agaricus xanthodermus Genev. 2003 PdF Agrocybe putaminum (Maire) Singer 2001 PdF Amanita caesarea (Scop.) Pers. 2005

Dettagli

Entoloma lividum (Bull.) Quélet

Entoloma lividum (Bull.) Quélet La risorsa FUNGO in Alta Valle del Vara Entoloma lividum (Bull.) Quélet Famiglia: Entolomataceae Sinonimi: Entoloma sinuatum (Bull.: Fr) P. Kumm.; Rhodophyllus sinuatus Singer; Agaricus lividus Bull. Etimologia:

Dettagli

I boleti sotto l albero della luce

I boleti sotto l albero della luce HIC SUNT MYCOTA Micologia e funghi dei boschi alpini I boleti sotto l albero della luce 93 Alcune Boletaceae dei nostri lariceti MARCO FLORIANI Gruppo Micologico «G. Bresadola» di Trento Fig. 1 - Boletus

Dettagli

Epidemiologia delle Malattie Trasmesse da Alimenti in Emilia-Romagna

Epidemiologia delle Malattie Trasmesse da Alimenti in Emilia-Romagna Assessorato Politiche per la Salute Epidemiologia delle Malattie Trasmesse da Alimenti in Emilia-Romagna Aggiornamento al 21 In questo rapporto sono presentati i dati del sistema di sorveglianza dell Emilia-Romagna

Dettagli

Phylum Chytridomycota Phylum Zygomycota Phylum Ascomycota Phylum Basidiomycota Phylum Deuteromycota

Phylum Chytridomycota Phylum Zygomycota Phylum Ascomycota Phylum Basidiomycota Phylum Deuteromycota Phylum Chytridomycota Phylum Zygomycota Phylum Ascomycota Phylum Basidiomycota Phylum Deuteromycota Tutti i veri funghi sono eterotrofi filamentosi o unicellulari, la maggior parte dei quali assorbe il

Dettagli

TRICHOLOMA PORTENTOSUM (Fr.: Fr.) Quélet sin. Gyrophila portentosa Quélet. TRICHOLOMA POPULINUM Lange sin. T. pessundatum ss.

TRICHOLOMA PORTENTOSUM (Fr.: Fr.) Quélet sin. Gyrophila portentosa Quélet. TRICHOLOMA POPULINUM Lange sin. T. pessundatum ss. Osvaldo e Rosario Tagliavini TRICHOLOMA PORTENTOSUM (Fr.: Fr.) Quélet sin. Gyrophila portentosa Quélet Cresce soprattutto nei boschi di conifere in autunno inoltrato. Specie non molto comune. Cappello

Dettagli

I FUNGHI. Sono funghi di due specie, cioè buoni da mangiare e mortiferi (Cit. Dioscoride)

I FUNGHI. Sono funghi di due specie, cioè buoni da mangiare e mortiferi (Cit. Dioscoride) I FUNGHI Sono funghi di due specie, cioè buoni da mangiare e mortiferi (Cit. Dioscoride) CLASSIFICAZIONE DEGLI ESSERI VIVENTI? WORK IN PROGRESS Monera Protista Plantae Fungi Animalia 1) Sistema a cinque

Dettagli

French Tip Overlay Bianco Regole, istruzioni per i giudici e criteri 1

French Tip Overlay Bianco Regole, istruzioni per i giudici e criteri 1 Regole, istruzioni per i giudici e criteri 1 Regole della competizione 3 ore per completare 2 mani. Queste sono unghie da competizione quadrate tradizionali con tip (bianche) French. Alle unghie devono

Dettagli

Il piacere del gusto PERCORSO SENSORIALE OLFATTO

Il piacere del gusto PERCORSO SENSORIALE OLFATTO Il piacere del gusto PERCORSO SENSORIALE OLFATTO Per cogliere i profumi rilasciati da una tazzina d espresso, sono circa 1500 le sostanze aromatiche rilasciate, ( nel vino sono solo 500 ), è necessario

Dettagli

CORTINARIUS VIOLACEUS Linn.: Fries

CORTINARIUS VIOLACEUS Linn.: Fries Osvaldo e Rosario Tagliavini CORTINARIUS VIOLACEUS Linn.: Fries Cresce, in estate-autunno, in boschi di latifoglie e di conifere. Specie comune. Cappello carnoso, largo 6-14 cm, prima globoso, poi disteso

Dettagli

Omphalotus olearius (DC.: Fr.) Fayod

Omphalotus olearius (DC.: Fr.) Fayod La risorsa FUNGO in Alta Valle del Vara Omphalotus olearius (DC.: Fr.) Fayod Famiglia: Omphalotaceae Sinonimi: Omphalotus olearius (DC.) Singer; Agaricus olearius DC.; Clitocybe olearia (DC.) Maire; Pleurotus

Dettagli

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO)

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO) MICRODOCHIUM NIVALIS Dopo un prolungato periodo di condizioni atmosferiche fredde e umide si possono formare macchie circolari depresse di circa 5 cm. O inferiori che cambiano rapidamente di colore dal

Dettagli

Il ruolo del micologo nella gestione delle intossicazioni da funghi

Il ruolo del micologo nella gestione delle intossicazioni da funghi Determinazione dei macrofunghi, con approfondimento delle Tricolomataceae 6 dicembre 2012 Genova, P.zza della Vittoria, 15 - Sala Riunioni Piano Ammezzato Il ruolo del micologo nella gestione delle intossicazioni

Dettagli

ASSOCIAZIONE MANI D ORO I MAESTRI DELLA PIZZA

ASSOCIAZIONE MANI D ORO I MAESTRI DELLA PIZZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA SPECIALITA TRADIZIONALE GARANTITA PIZZA CLASSICA NAPOLETANA Art. 1 Nome del prodotto La pizza è una preparazione alimentare costituita da un supporto di pasta lievitata,

Dettagli

Università degli studi di Perugia. Mostra del tartufo, Valtopina

Università degli studi di Perugia. Mostra del tartufo, Valtopina Università degli studi di Perugia Mostra del tartufo, Valtopina Quando si parla di Mater Tellus, infatti, è a dir poco impossibile non parlare di ciò che metaforicamente potrebbe essere definito l oro

Dettagli

Varietà che produce dei frutti molto buoni, grossi, rotondi e di colore bianco tendente al rosa-viola. Polpa dolce. Varietà origine italiana.

Varietà che produce dei frutti molto buoni, grossi, rotondi e di colore bianco tendente al rosa-viola. Polpa dolce. Varietà origine italiana. Grazie alla nascita del gruppo di acquisto SEMI-AUTONOMI è stato possibile ottenere un prezzo di 2.20 a sacchetto (al posto di 3.30 euro previsto per la vendita al particolare)!!! Chiunque voglia fare

Dettagli

Parco naturale Bosco delle sorti della partecipanza

Parco naturale Bosco delle sorti della partecipanza Parco naturale Bosco delle sorti della partecipanza DI Trino Censimento Micologico 2010 Parco Naturale del Bosco delle Sorti della Partecipanza di Trino Questo lavoro è stato realizzato grazie alla collaborazione

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ Decreto 29 novembre 1996, n. 686.

MINISTERO DELLA SANITÀ Decreto 29 novembre 1996, n. 686. MINISTERO DELLA SANITÀ Decreto 29 novembre 1996, n. 686. Regolamento concernente criteri e modalità per il rilascio dell'attestato di micologo. (Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.11 del 15 gennaio

Dettagli

Esercitazione Funghi e Vegetali simbionti (Licheni)

Esercitazione Funghi e Vegetali simbionti (Licheni) Esercitazione Funghi e Vegetali simbionti (Licheni) Lab. Botanica Sistematica applicata 2010/2011 - Dott.ssa V. Savo I funghi sono organismi: eterotrofi: sono privi di cloroplasti, non possono compiere

Dettagli

La raccolta dei funghi tra passione, rispetto per l ambiente e sicurezza

La raccolta dei funghi tra passione, rispetto per l ambiente e sicurezza Assessorato Agricoltura La raccolta dei funghi tra passione, rispetto per l ambiente e sicurezza a cura di Emmanuele Roca LA RACCOLTA DEI FUNGHI TRA PASSIONE, RISPETTO PER L AMBIENTE E SICUREZZA. Proprietà

Dettagli

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo.

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo. SISTEMA SCHELETRICO Sistema scheletrico Sistema scheletrico è formato da 205 ossa e ha delle funzioni importanti: sostiene il corpo e permette il movimento protegge gli organi delicati (cervello, cuore,

Dettagli

Gli avvelenamenti da funghi

Gli avvelenamenti da funghi Gli avvelenamenti da funghi (Pubblicato in versione integrale su MicoPonte 1-2007: 24-40) MARCO DELLA MAGGIORA INTRODUZIONE È veramente difficile, se non impossibile, quantificare i casi di avvelenamento

Dettagli

a cura di Ernesto Marra e Dario Macchioni

a cura di Ernesto Marra e Dario Macchioni REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE CONFEDERAZIONE MICOLOGICA CALABRESE a cura di Ernesto Marra e Dario Macchioni Manuale realizzato dal settore area

Dettagli

Micoflora della Campania: check-list dei macrofunghi

Micoflora della Campania: check-list dei macrofunghi INFORMATORE BOTANICO ITALIANO, 34 (1) 3-34, 2002 3 Micoflora della Campania: check-list dei macrofunghi U. VIOLANTE, E. ROCA, M. VIOLANTE, S. SORIENTE ef. PIZZOLONGO ABSTRACT - Mycological flora of Campania,

Dettagli

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a L ACQUA L elemento acqua è costituente degli esseri viventi, sia animali che vegetali, superando in alcuni casi anche il 90% della composizione. L acqua per le piante è un elemento indispensabile in quanto

Dettagli

I LATERIZI seconda parte

I LATERIZI seconda parte Materiali per l architettura (6CFU) prof. Alberto De Capua Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 I LATERIZI seconda parte Informazioni

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente i funghi commestibili e il lievito

Ordinanza del DFI concernente i funghi commestibili e il lievito Ordinanza del DFI concernente i funghi commestibili e il lievito 817.022.106 del 23 novembre 2005 (Stato 1 aprile 2008) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visto l articolo 4 capoverso 2, 26 capoversi

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Amanita pantherina (De Cand. : Fr.) Krombholz Lepiota cristata (Bolt. : Fr.) Kummer

Amanita pantherina (De Cand. : Fr.) Krombholz Lepiota cristata (Bolt. : Fr.) Kummer Amanita pantherina (De Cand. : Fr.) Krombholz Specie di medie dimensioni, caratterizzata da un cappello coperto di verruche irregolari, farinose e fugaci, di colore bianco su fondo bruno-ocra o bruno scuro

Dettagli