Controllo dell EGR in un MCI Diesel Sovralimentato per Autotrazione: Influenza sui Diagrammi Indicati di Pressione.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Controllo dell EGR in un MCI Diesel Sovralimentato per Autotrazione: Influenza sui Diagrammi Indicati di Pressione."

Transcript

1 Controllo dell EGR in un MCI Diesel Sovralimentato per Autotrazione: Influenza sui Diagrammi Indicati di Pressione. G. Zamboni Istituto di Macchine e Sistemi Energetici (IMSE) Facoltà di Ingegneria - Università di Genova Sommario Nell articolo vengono presentati alcuni risultati di un attività sperimentale svolta al banco dinamometrico dell Istituto di Macchine e Sistemi Energetici dell Università di Genova e finalizzata alla misura di diagrammi indicati della pressione all interno del cilindro; i rilievi sono stati condotti su un motore a combustione interna Diesel ad iniezione diretta, di 1.9 l di cilindrata, sovralimentato a gas di scarico, interrefrigerato ed equipaggiato con sistema di ricircolo dei gas di scarico (EGR). L indagine ha permesso di analizzare l influenza del controllo dell EGR sugli andamenti della pressione e del rilascio di calore in varie condizioni operative a carico parziale; per una di esse tale analisi è stata estesa anche alle variazioni dei diagrammi indicati indotte dalla regolazione della turbina di sovralimentazione. 1. Introduzione Nei prossimi anni l applicazione dei motori a combustione interna (MCI) a ciclo Diesel ad iniezione diretta nel campo dell autotrazione è destinata a diventare sempre più estesa: le previsioni di alcuni costruttori per la fine del primo decennio del 2 indicano infatti che una consistente quota delle vetture circolanti in Europa (fino al 4%) sarà equipaggiata con questa tipologia di propulsore, estremamente vantaggiosa per i bassi consumi specifici di combustibile. Allo stato attuale è però necessario affrontare alcuni problemi, connessi in particolare con i livelli di alcuni inquinanti allo scarico: nel volgere di pochi anni, infatti, sono previste ulteriori sensibili riduzioni dei limiti sulle emissioni allo scarico dei motori per autotrazione stabiliti dalla normativa europea, per il rispetto dei quali sarà inevitabile modificare profondamente la configurazione impiantistica dei propulsori ed estendere notevolmente l utilizzazione dei sistemi di controllo elettronici. In particolare sarà necessario sviluppare sistemi di post-trattamento dei gas, integrando dispositivi già normalmente utilizzati, quali i sistemi di ricircolo dei gas di scarico (EGR) con nuovi componenti, come ad esempio catalizzatori e trappole per particolato. Ciascuno di essi presenta particolari specifiche di funzionamento, che devono essere rispettate per garantirne una corretta operatività, tenendo sempre presente il raggiungimento degli obiettivi prefissati per il motore, in termini di prestazioni, consumi ed emissioni; i sistemi di controllo elettronico dedicati con le relative strategie diventano quindi insostituibili per consentire una corretta

2 gestione dei singoli dispositivi, che tenga conto anche delle reciproche interazioni con altri componenti del motore (sistema di iniezione combustibile, gruppo di sovralimentazione, ecc.). La definizione della configurazione dei sistemi di post-trattamento dei gas di scarico e la messa a punto delle relative strategie di controllo richiedono una estesa attività di ricerca: in quest ambito presso l Istituto di Macchine e Sistemi Energetici dell Università di Genova (IMSE) viene sviluppata da alcuni anni [1, 2, 3, 4, 5] un indagine sul controllo ed il matching dei sistemi di aspirazione e scarico di MCI per autotrazione, con particolare riferimento ai gruppi sovralimentatori ed ai sistemi EGR, che prevede l approfondimento di aspetti sia sperimentali che teorici. Nell articolo viene descritta una attività sperimentale sviluppata su un tipico MCI Diesel ad iniezione diretta per autotrazione leggera, finalizzata alla misura di diagrammi indicati della pressione all interno del cilindro in corrispondenza di differenti condizioni operative del motore, sia a carico massimo che parziale; per queste ultime i rilievi sono stati condotti al variare della frazione di gas ricircolati f EGR, con l obiettivo di analizzare l influenza del controllo dell EGR sui fenomeni di combustione; infine per una modalità di funzionamento le misure sono state effettuate anche con differenti valori del grado di apertura del sistema di regolazione della turbina di sovralimentazione, per valutare le variazioni negli andamenti di pressione indotte dal controllo di questo componente. I dati sperimentali raccolti hanno inoltre consentito di definire una correlazione, del tipo a singola zona [5], per il calcolo della legge teorica di rilascio di calore in funzione dei principali parametri operativi del propulsore (velocità di rotazione del motore n, rapporto aria-combustibile α, frazione di gas ricircolati f EGR ); tale correlazione, pur avendo fornito incoraggianti risultati con una discreta concordanza tra i valori teorici e quelli ricavati dalle misure, richiede però ulteriori verifiche, che verranno sviluppate a partire da nuovi rilievi di diagrammi indicati della pressione all interno del cilindro. Vengono quindi presentati alcuni risultati sperimentali e teorici dell attività fin qui svolta, focalizzando in particolare l attenzione sull influenza del controllo dell EGR sui fenomeni che avvengono nella camera di combustione. 2. Misure di Diagrammi Indicati di Pressione L attività sperimentale è stata condotta utilizzando il banco prova motore allestito da alcuni anni presso l IMSE [3, 4], che consente la misura, in condizioni stazionarie, dei principali parametri operativi del motore e del gruppo di sovralimentazione; le misure sono state eseguite su un propulsore a ciclo Diesel ad iniezione diretta, di cilindrata pari a 1.9 l, sovralimentato a gas di scarico mediante un gruppo dotato di turbina con distributore palettato a geometria variabile (Garrett VNT25), provvisto di interrefrigeratore e di un sistema EGR non raffreddato per il controllo delle emissioni di ossidi di azoto. Il banco dinamometrico è dotato di un sistema automatico di acquisizione ed elaborazione dei dati e di un sistema per l analisi delle concentrazioni volumetriche di inquinanti allo scarico del propulsore, costituito da due strumenti di tipo non dispersivo ad infrarosso per il CO e la CO 2, un misuratore a chemiluminescenza per gli NO x ed un analizzatore a ionizzazione di fiamma per gli HC; inoltre è possibile rilevare la fumosità allo scarico mediante un fumosimetro a campionamento variabile. Per i rilievi dei diagrammi indicati di pressione il sistema di misura è stato integrato con un trasduttore di pressione piezoelettrico non raffreddato, installato mediante un opportuno adattatore nella sede della candeletta di un cilindro del motore e collegato, tramite un amplificatore, ad un oscilloscopio con memoria digitale; un encoder incrementale fotoelettrico montato solidalmente all albero motore ha fornito parallelamente due segnali relativi, rispettivamente, alla misura dell angolo di manovella ed alla posizione del PMS: il primo di essi è costituito da un onda quadra di periodo pari ad una rotazione dell albero motore di.5 gradi, mentre il secondo è un impulso che, a seguito di una opportuna fasatura durante l installazione dell encoder, individua il PMS del cilindro prescelto per i rilievi; questo impulso è stato anche utilizzato come segnale di trigger per l oscilloscopio. I diagrammi indicati di pressione sono stati rilevati in corrispondenza di condizioni operative del motore a carico massimo ed a carico parziale (par.3), considerando per queste ultime differenti livelli della frazione di gas ricircolati f EGR (definita come rapporto percentuale tra la

3 portata di gas ricircolati all aspirazione M EGR e la portata totale evolvente nel motore); la portata di gas ricircolati M EGR è stata valutata a partire dalle curve caratteristiche della valvola EGR installata su motore, misurate al banco componenti operante presso IMSE [3, 5, 6], noti i parametri termodinamici a monte ed a valle della valvola stessa. Infine per una delle condizioni operative a carico parziale (par.3) è stata analizzata anche l influenza sui diagrammi di pressione di diversi valori del grado di apertura A del sistema di regolazione della turbina; per la valutazione di questo parametro è necessario misurare, mediante un trasduttore di posizione lineare, lo spostamento S dell astina di comando del distributore ed utilizzare quindi la relazione A [%] = (S - S min ) / (S max - S min ) 1, dove i valori minimo e massimo dello spostamento dell astina, S min e S max, sono stati valutati con un comparatore centesimale nella fase di taratura del trasduttore. Nella configurazione di serie del motore la valvola EGR ed il distributore a geometria variabile della turbina sono comandati rispettivamente da una unità elettronica di controllo, che permette di modulare il segnale di depressione inviato alla valvola e quindi la sua apertura e la quantità di gas ricircolati, e da un attuatore pneumatico, regolato mediante la pressione di sovralimentazione: per l esecuzione delle prove sono stati invece utilizzati due sistemi pneumatici di controllo, messi a punto in altre fasi della ricerca [4], che permettono di gestire indipendentemente il sistema EGR ed il gruppo di sovralimentazione, impostando quindi i livelli prestabiliti della frazione f EGR e del grado di apertura A. Per ogni condizione operativa considerata (definita dai valori della velocità di rotazione e della coppia del motore, dalla frazione di gas ricircolati f EGR e dal grado di apertura A del sistema di regolazione della turbina) sono state effettuate acquisizioni estese a diversi intervalli angolari: due relative a cicli completi, utilizzando frequenze di campionamento di 2 o 4 khz ed impostando guadagni dell amplificatore differenti per permettere la visualizzazione dell intero diagramma o di parte di esso (fasi di aspirazione e scarico); la terza acquisizione è stata condotta con frequenze di campionamento più elevate (1 o 2 khz) e con un opportuno trattamento del segnale di trigger, in modo da visualizzare una rotazione pari a gradi dell angolo di manovella, in corrispondenza della fase finale della corsa di compressione, della combustione e dell espansione. L elaborazione dei dati acquisiti mediante l oscilloscopio è stata effettuata utilizzando codici sviluppati presso IMSE; le principali operazioni svolte in questa fase sono l impostazione del valore della pressione di riferimento, il filtraggio del segnale ed il calcolo dell andamento del rilascio di calore. Per la prima operazione è stata imposta l uguaglianza tra la pressione misurata nel condotto di aspirazione e la pressione all interno del cilindro in corrispondenza del PMI della fase di aspirazione del motore, secondo l ipotesi comunemente adottata in letteratura [7, 8] che in tale istante l elevato valore del coefficiente di efflusso della valvola di aspirazione e le basse velocità del fluido in ingresso garantiscono una contenuta perdita di carico attraverso la luce di aspirazione. Il filtraggio del segnale sperimentale è stato invece eseguito utilizzando una procedura numerica basata sulle medie mobili per eliminare i disturbi dovuti alla risonanza del condotto di misura (di lunghezza pari a circa 25 mm e diametro pari a 5 mm) che separa l elemento sensibile in quarzo dalla camera di combustione. Le oscillazioni che vengono generate nella colonna di fluido all interno di questo condotto provocano la sovrapposizione di un segnale di pressione a quello presente nel cilindro: la frequenza di queste oscillazioni può essere calcolata con la formula del risuonatore di Helmoltz oppure con l equazione, ricavata dalla teoria acustica, che descrive il fenomeno della risonanza in un condotto con un estremità aperta; in entrambi i casi il valore stimato è pari a circa 6 khz, ipotizzando una temperatura dei gas di circa 9 K. Infine l andamento del rilascio di calore è valutato applicando il primo principio della termodinamica al fluido contenuto nel cilindro, considerato come una miscela di gas perfetti, nell ipotesi di combustione completa e trascurando le variazioni di massa dovute all iniezione di combustibile; in quest ambito è stato inoltre ipotizzato che la portata di aria all aspirazione del motore e la portata di combustibile iniettata, misurate rispettivamente mediante un misuratore a flusso viscoso ed una bilancia gravimetrica, si ripartiscano in parti uguali tra i quattro cilindri. La quantità di calore rilasciata è stata quindi calcolata sulla base

4 dell andamento sperimentale della pressione, del volume istantaneo del cilindro al passo di calcolo considerato, valutato con la nota relazione cinematica in funzione dell angolo di manovella e dei dati geometrici del propulsore [9], e del calore ceduto al refrigerante, stimato mediante la correlazione di Woschni [1]. 3. Scelta delle Condizioni Operative Sperimentali L attività sperimentale descritta nel presente lavoro ha un duplice obiettivo: da un lato analizzare l influenza del ricircolo dei gas di scarico sui fenomeni di combustione, dall altro consentire la realizzazione di un data-base sufficientemente esteso per definire una correlazione per la valutazione della legge teorica di rilascio di calore in funzione dei principali parametri operativi del motore. La scelta delle condizioni operative per l esecuzione delle misure è stata quindi effettuata sulla base degli obiettivi prefissati, cercando di considerare una serie di modalità di funzionamento del propulsore che coprisse gli intervalli di velocità di rotazione e di carico del motore nel modo più ampio possibile. Un ulteriore aspetto di cui si è tenuto conto è quello che riguarda la significatività delle condizioni operative analizzate: a tale scopo si è preso in considerazione il ciclo di guida ECE15+EUDC eseguito al banco a rulli per la prova di controllo delle emissioni allo scarico dopo una partenza a freddo nell omologazione delle vetture; con riferimento al veicolo su cui è installato il motore ed ai suoi principali parametri costruttivi, questo ciclo viene schematicamente ridotto dai costruttori in una serie di modi di funzionamento stazionari, caratterizzati da velocità di rotazione e carico costanti, che possono quindi essere facilmente riprodotti al banco dinamometrico. Alcune delle condizioni operative a carico parziale scelte per la misura dei diagrammi indicati di pressione fanno parte di queste modalità di funzionamento e sono riportate (punti 1 8) nella tabella 1, dove tutti i punti sperimentali utilizzati per i rilievi sono definiti mediante i rispettivi valori di velocità di rotazione e coppia motore; nella fig.1 è invece rappresentata la distribuzione di tali punti sul piano di funzionamento del propulsore. Numero punto Velocità di rotazione motore [giri/min] Coppia motore [Nm] Numero punto Velocità di rotazione motore [giri/min] Coppia motore [Nm] massima massima massima massima massima Tabella 1 - Condizioni operative selezionate per la misura dei diagrammi indicati di pressione. Oltre alle modalità operative del ciclo ECE15+EUDC, le misure sono state eseguite in corrispondenza di 5 punti (9 13) caratterizzati da velocità di rotazione del motore costante, per analizzare le variazioni delle caratteristiche della combustione con la coppia erogata ad una velocità prossima a quella di potenza massima; altre 4 condizioni, oltre alla 13, appartengono alla curva di massimo carico del propulsore (14 17). L influenza del sistema EGR sull andamento della pressione nel cilindro è stata analizzata per le condizioni di funzionamento appartenenti al ciclo ECE15+EUDC, considerando tre diversi livelli della frazione di gas ricircolati f EGR : il valore minimo di f EGR è stato determinato in base alla prima sensibile variazione della temperatura di aspirazione del motore (pari ad

5 almeno 1 C) indotta dal ricircolo, mentre il valore massimo è stato fissato, per ogni condizione operativa, in corrispondenza di un limite di fumosità FSN = 5 (indice di fumosità espresso come Filter Smoke Number, variabile tra e 1); tra i due precedenti livelli è stato infine definito un valore intermedio. Per la prima modalità operativa esaminata (n = 155 giri/min e C e = 3.7 Nm), le prove sono state svolte anche considerando tre diversi valori del grado di apertura del sistema a geometria variabile (A =, 2 e 7%, rispettivamente) a parità di frazione di gas ricircolati, estendendo quindi l analisi della variazione dei diagrammi indicati ad un secondo parametro di controllo di particolare interesse per questa tipologia di motore [4] Coppia motore [Nm] Velocità di rotazione motore [giri/min] Fig.1 - Distribuzione delle condizioni operative sperimentali sul piano motore. 4. Analisi dei Risultati L elaborazione dei dati sperimentali ha permesso di ottenere interessanti indicazioni sulle variazioni dei diagrammi indicati di pressione indotte dal controllo dell EGR e dalla regolazione della portata in turbina; parallelamente però sono stati evidenziati errori nelle misure dovuti alla deriva termica, che comportano una certa incertezza nel calcolo dei valori del calore rilasciato; per ovviare a questo inconveniente è stato deciso di scegliere una diversa tipologia di trasduttore e di ripetere le misure, per consentire una adeguata messa a punto dei risultati ottenuti, con particolare riferimento alla correlazione per il calcolo delle leggi di rilascio di calore. In ogni caso si ritiene possibile svolgere alcune considerazioni di carattere generale a partire da quanto riportato nel seguito. In fig.2 sono rappresentati gli andamenti della pressione e del rilascio di calore (espresso in forma adimensionalizzata rispetto alla quantità di calore totale rilasciata nel ciclo) relativi alla modalità di funzionamento corrispondente a n = 29 giri/min e C e = 82.9 Nm (pari a circa il 5% del massimo carico per questa velocità di rotazione): i dati si riferiscono rispettivamente alle condizioni con f EGR = (in alto) e 1% (in basso).

6 teorico n = 29 giri/min; C e = 82.9 Nm; f EGR = ; A = Pressione cilindro [bar] sperimentale sperimentale Rilascio di calore 3 2 teorico Angolo manovella [gradi] Pressione cilindro [bar] teorico n = 29 giri/min; Ce = 82.9 Nm; f EGR = 1 %; A = sperimentale sperimentale Rilascio di calore 1 teorico Angolo manovella [gradi] Fig.2 - Andamenti sperimentali e teorici della pressione e del rilascio di calore. Il ricircolo dei gas di scarico provoca una diminuzione della pressione massima del ciclo, causata sia dalla riduzione della pressione all aspirazione del motore, che comporta livelli di pressione inferiori nella fase di compressione sino all istante di accensione, sia da un diverso sviluppo della combustione; dagli andamenti del calore rilasciato si evidenzia che i valori massimi nella fase premiscelata ed in quella diffusiva della combustione raggiungono livelli

7 simili nelle due condizioni considerate, mentre la durata della combustione aumenta, anche se in misura contenuta; tale fenomeno è presumibilmente collegato ad una diminuzione della velocità dei processi di ossidazione provocato dal miscelamento dell aria aspirata con i gas combusti inerti ricircolati [11, 12, 13]. I valori di durata della combustione ottenuti (pari a circa 35 4 gradi) sono in linea con quelli reperibili in letteratura per la tipologia di motore considerata [11, 14], ma, come già sottolineato, questi dati verranno sottoposti a verifica. Nei due grafici sono inoltre riportati gli andamenti teorici della pressione e del rilascio di calore calcolati utilizzando la correlazione sviluppata a partire dai dati disponibili; tale correlazione, del tipo a singola zona, prende spunto da quanto proposto in [15] e permette di esprimere la legge di rilascio di calore sotto forma di funzione dei principali parametri operativi del motore (tra i quali velocità di rotazione del motore n, rapporto aria-combustibile α e frazione di gas ricircolati f EGR ); a partire dai valori teorici di rilascio di calore è possibile, applicando il primo principio della termodinamica in modo analogo a quanto descritto nel par.2 per l elaborazione dei dati sperimentali, valutare i livelli di pressione nel cilindro. Gli andamenti calcolati evidenziano un discreto accordo con quelli misurati, confermando la validità dell approccio utilizzato nonostante la sua semplicità e la necessità di una ulteriore messa a punto. Nella fig.3 sono riportati gli andamenti di pressione per la condizione operativa corrispondente a n = 155 giri/min e C e = 3.7 Nm; i diagrammi sono riferiti allo stesso grado di apertura A del distributore a geometria variabile della turbina ed a tre diversi livelli di EGR; all aumentare di f EGR la pressione massima in camera di combustione progressivamente diminuisce, e valgono quindi le stesse considerazioni svolte esaminando la figura precedente. 7 f EGR = f EGR = 2% Pressione cilindro [bar] f EGR = 25% n = 155 giri/min; C e = 3.7 Nm; A = 2 % Angolo manovella [gradi] Fig.3 - Effetto del controllo dell EGR sulla pressione nel cilindro. Nella fig.4 viene invece analizzato l effetto della regolazione della turbina di sovralimentazione a parità di f EGR : al progressivo incremento del grado di apertura A corrisponde una diminuzione dei livelli di pressione dei diagrammi indicati per entrambi i valori di f EGR considerati: l effetto dell apertura del distributore della turbina è più evidente nel caso di assenza di EGR, ma è comunque non trascurabile anche per f EGR = 2%.

8 7 A = 2% A = 6 Pressione cilindro [bar] A = 7% n =155 giri/min; C e = 3.7 Nm; f EGR = Angolo manovella [gradi] 7 A = 2% A = 6 Pressione cilindro [bar] A = 7% n = 155 giri/min; C e = 3.7 Nm; f EGR = 2 % Angolo manovella [gradi] Fig.4 - Effetto della regolazione della turbina di sovralimentazione sulla pressione nel cilindro. All aumentare di A diminuisce la pressione all ingresso della turbina e quindi l energia dei fumi che può essere elaborata e fornita al compressore di sovralimentazione: si ha quindi una riduzione della pressione all aspirazione del motore, che si riflette sui diagrammi indicati.

9 1.11 Pressione aspirazione motore [bar] f EGR = 25% f EGR = f EGR = 15% f EGR = 2% n = 155 giri/min; C e = 3.7 Nm Grado di apertura distributore turbina [%] Fig.5 - Effetto del controllo dell EGR e della turbina di sovralimentazione su p a. 6 Vel. di rotaz. sovralimentatore [giri/min] f EGR = 25% f EGR = n = 155 giri/min; C e = 3.7 Nm f EGR = 15% f EGR = 2% Grado di apertura distributore turbina [%] Fig.6 - Effetto del controllo dell EGR e della turbina di sovralimentazione su n tc. Queste considerazioni sono confermate dagli andamenti dei valori della pressione all aspirazione del motore p a e della velocità di rotazione del gruppo di sovralimentazione n tc riportati nelle figg.5 e 6 in funzione del grado di apertura A per quattro diversi livelli di EGR. A

10 parità di f EGR, queste due grandezze diminuiscono all aumentare di A, così come avviene per valori costanti di A al crescere di f EGR. Dalle figure 4 6 è inoltre possibile evidenziare come l effetto della regolazione della turbina di sovralimentazione sia più marcato nel range di A compreso tra e 2%: la variazione delle diverse grandezze considerate è infatti maggiore (pressione p a e velocità di rotazione n tc ) o praticamente di pari entità (pressione cilindro) in tale intervallo rispetto al secondo passo sperimentale considerato (da 2 a 7%). La maggiore sensibilità del sistema di regolazione nella zona dei più bassi valori dell area di efflusso della turbina era già stata evidenziata nell analisi delle curve caratteristiche di portata rilevate sperimentalmente al banco componenti dell IMSE [6]. 5. Conclusioni I MCI Diesel ad iniezione diretta si stanno sempre più diffondendo nel campo dell autotrazione grazie ad alcune caratteristiche di estremo interesse, quali i ridotti consumi specifici e le limitate emissioni di alcune sostanze inquinanti; è tuttavia indispensabile un forte sviluppo di questa tipologia di propulsore per risolvere alcune problematiche, legate in particolare ai livelli delle emissioni di ossidi di azoto e di particolato, tenendo presente le imminenti riduzioni dei relativi limiti previsti dalle normative europee. La definizione delle configurazioni dei sistemi di post-trattamento dei gas di scarico e lo sviluppo dei relativi sistemi di controllo con le strategie dedicate per i vari dispositivi sono due aspetti di sicuro interesse per costruttori e ricercatori; in quest ambito si colloca l attività di ricerca in corso presso l Istituto di Macchine e Sistemi Energetici dell Università di Genova, finalizzata in particolare a studiare l influenza del sovralimentatore e del sistema EGR sulle prestazioni e sulle emissioni del motore ed a definire logiche integrate per la gestione di tali componenti. Fra le numerose indagini sperimentali sviluppate a tale scopo su un MCI Diesel ad iniezione diretta di taglia automobilistica installato al banco dinamometrico, dotato di un sovralimentatore a gas di scarico con turbina a geometria variabile e di un sistema EGR, una ha riguardato il rilievo di diagrammi indicati di pressione all interno del cilindro, considerando numerose condizioni operative, opportunamente scelte in modo da risultare rappresentative delle condizioni di impiego tipiche dei propulsori automobilistici. Per le modalità di funzionamento a carico parziale le misure sono state condotte al variare della frazione dei gas di scarico ricircolati; infine per una di esse sono stati considerati diversi valori del grado di apertura del sistema di regolazione della turbina. I dati così acquisiti hanno permesso di analizzare l influenza del controllo dell EGR e dalla turbina di sovralimentazione sugli andamenti della pressione nel cilindro e del calore rilasciato; è stata inoltre definita una correlazione per il calcolo della legge teorica di rilascio di calore in funzione dei principali parametri operativi del motore. I risultati ottenuti hanno consentito un primo approfondimento delle conoscenze relative all'effetto della regolazione di alcuni componenti dei sistemi di aspirazione e scarico sul comportamento del motore. Tale indagine verrà comunque ampliata attraverso nuovi rilievi per eliminare le incertezze legate all affidabilità delle misure fin qui svolte e per analizzare in modo approfondito l influenza dell EGR sulla combustione e sulle sue principali caratteristiche; in tal modo sarà anche possibile verificare la correlazione per il calcolo della legge di rilascio di calore, che potrà essere utilmente impiegata per la simulazione dei processi che avvengono all interno del cilindro. Ringraziamenti Il presente lavoro è stato svolto nell ambito e con il finanziamento del Progetto Finalizzato Trasporti 2 del C.N.R., sottoprogetto Veicoli.

11 Simbologia f n p A C FSN M PMI PMS S α frazione massica velocità di rotazione pressione grado di apertura del distributore a geometria variabile della turbina coppia motore Filter Smoke Number portata massica punto morto inferiore punto morto superiore spostamento rapporto aria-combustibile Apici e pedici a e max min tc EGR aspirazione motore effettiva massimo minimo turbosovralimentatore Exhaust Gas Recirculation Riferimenti Bibliografici [1]Capobianco M., Gambarotta A., Nocchi M., 1993, Miglioramento dei Sistemi di Alimentazione e Scarico dei MCI per Autotrazione, 1 Convegno Nazionale Progetto Finalizzato Trasporti 2 del CNR, Roma, Ottobre 1993, pagg [2]Capobianco M., Gambarotta A., Silvestri P., Zamboni G., 1995, Indagine Teorico- Sperimentale sui Sistemi di Aspirazione e Scarico dei MCI Automobilistici, 2 Convegno Nazionale del Progetto Finalizzato Trasporti 2 del CNR, Genova, Maggio 1995, pagg [3]Capobianco M., Gambarotta A., Campora U., Zamboni G., Analisi del Funzionamento dei Sistemi di Sovralimentazione e di Ricircolo dei Gas di Scarico in un MCI Diesel Automobilistico, L Congresso Nazionale ATI, Saint Vincent, Settembre 1995, pagg [4]Capobianco M., Gambarotta A., 1997, Turbocharging and EGR Control in an Automotive DI Diesel Engine, 3rd Interantional Conference on Internal Combustion Engines: Experiments and Modeling (ICE97), Capri, 17-2 Settembre 1997, pagg [5]Capobianco M., Gambarotta A., Silvestri P., Zamboni G., 1997, Sull Ottimizzazione delle Prestazioni e delle Emissioni di MCI Diesel Automobilistici, 3 Convegno Nazionale del Progetto Finalizzato Trasporti 2 del CNR, Taormina, 1-12 Novembre 1997, atti su CD ROM. [6]Capobianco M., Gambarotta A., Silvestri P., Zamboni G., 1996, Intake and Exhaust Systems of Automotive Turbocharged Diesel Engines: Components Characterisation and Modeling, XXVI Congresso Fisita, Praga, Giugno 1996, paper P16.5, atti su CD ROM. [7]Stein R. A., Mencik D. Z., Warren C. C., 1987, Effect of Thermal Strain on Measurement of Cylinder Pressure, SAE Paper

12 [8]Randolph A. L., 199, Methods of Processing Cylinder-Pressure Transducer Signals to Maximize Data Accuracy, SAE Paper 917. [9]Ferrari G., 1992, Motori a Combustione Interna, Edizioni Il Capitello, Torino, [1]Woschni G., 1967, A Universally Applicable Equation for the Instantaneous Heat Transfer Coefficient in the Internal Combustion Engine, SAE Paper [11]Heywood J. B., 198, Internal Combustion Engine Fundamentals, Mc Graw-Hill, New York, [12]Herzog P., Burgler L., Winklhofer E., Zelenka P., Cartellieri W. P., 1992, NO x Reduction Strategies for DI Diesel Engines, SAE Paper [13]Plee S. L., Ahmad T., Myers J. P., 1981, Flame Temperature Correlation for the Effects of Exhaust Gas Recirculation on Diesel Particulate and NOx Emissions, SAE Paper [14]Plint M., Martyr A., 1996, Engine Testing: Theory and Practice, Butterworth-Heinemann, Oxford, [15]Watson N., Pilley A. D., Marzouk M., 198, A Combustion Correlation for Diesel Engine Simulation, SAE Paper 829. Abstract The main results of an experimental study developed at Istituto di Macchine e Sistemi Energetici of Genoa University and related to in-cylinder pressure measurements are presented in the paper; the investigation was carried out on a direct injection automotive Diesel engine, fitted with a variable geometry turbocharger turbine (VGT) and an exhaust gas recirculation system (EGR). Experimental data allowed to analyse the influence of EGR control on in-cylinder pressure trends and heat release rates for different engine part-load operating conditions; moreover for one of the investigated points also the influence of VGT opening degree control on pressure diagrams was studied.

TERMODINAMICA. T101D - Banco Prova Motori Automobilistici

TERMODINAMICA. T101D - Banco Prova Motori Automobilistici TERMODINAMICA T101D - Banco Prova Motori Automobilistici 1. Generalità Il banco prova motori Didacta T101D permette di effettuare un ampio numero di prove su motori automobilistici a benzina o Diesel con

Dettagli

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Motori endotermici Dipartimento Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari I MOTORI ENDOTERMICI Il motore converte l energia termica del

Dettagli

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 Progetto Europeo AIR-BOX AUTOMOTIVE 2014 AIR-BOX (gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 APPARATO AIR-BOX per la riduzione dei NOx e del CO2 e per l incremento delle prestazioni del motore

Dettagli

SUL CONTROLLO DI INIEZIONI MULTIPLE DEL COMBUSTIBILE IN UN MOTORE DIESEL AUTOMOBILISTICO

SUL CONTROLLO DI INIEZIONI MULTIPLE DEL COMBUSTIBILE IN UN MOTORE DIESEL AUTOMOBILISTICO SUL CONTROLLO DI INIEZIONI MULTIPLE DEL COMBUSTIBILE IN UN MOTORE DIESEL AUTOMOBILISTICO L. Della Fiore, G. Zamboni, M. Capobianco Internal Combustion Engines Group (ICEG) Dipartimento di Macchine, Sistemi

Dettagli

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro.

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Lezione IX - 9/03/003 ora 8:30-0:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Ciclo di Carnot Si consideri una macchina termica semplice che compie trasformazioni reversibili,

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Prof. S. Pascuzzi 1 Motori endotermici 2 Il motore endotermico L energia da legame chimico, posseduta dai combustibili

Dettagli

Introduzione ai Motori a Combustione Interna

Introduzione ai Motori a Combustione Interna IPS Mario Carrara Guastalla (RE) Tecnologie e Tecniche di Installazione e Manutenzione Docente: Prof. Matteo Panciroli Introduzione ai Motori a Combustione Interna 1 Classificazione delle macchine MACCHINE

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

file://c:\elearn\web\tempcontent4.html

file://c:\elearn\web\tempcontent4.html Page 1 of 5 GRANDE PUNTO 1.3 Multijet GENERALITA'' - ALIMENTAZIONE INIEZIONE DIESEL CARATTERISTICHE FUNZIONE Il Common Rail Magneti Marelli MJD 6F3 è un sistema di iniezione elettronica ad alta pressione

Dettagli

Motori 4 tempi a ciclo Otto

Motori 4 tempi a ciclo Otto Motori 4 tempi a ciclo Otto 1. Premessa I motori automobilistici più comuni sono del tipo a combustione interna quattro tempi e appartengono a due grandi famiglie, a seconda del tipo di combustibile impiegato

Dettagli

SISTEMA BOSCH EDC 16C39

SISTEMA BOSCH EDC 16C39 SISTEMA BOSCH EDC 16C39 Sommario CIRCUITO DI ASPIRAZIONE 4 Misuratore massa aria digitale HF6 con integrato 10 Sensore pressione collettore d aspirazione 16 Attuatore corpo farfallato 22 Attuatore modificatore

Dettagli

Esercizi non risolti

Esercizi non risolti Esercizi non risolti 69 Turbina idraulica (Pelton) Effettuare il dimensionamento di massima di una turbina idraulica con caduta netta di 764 m, portata di 2.9 m 3 /s e frequenza di rete 60 Hz. Turbina

Dettagli

CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DA MOTORI ALIMENTATI A BIOMASSA LIQUIDA

CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DA MOTORI ALIMENTATI A BIOMASSA LIQUIDA CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DA MOTORI ALIMENTATI A BIOMASSA LIQUIDA MOTORE DIESEL GRANDEZZE CARATTERISTICHE I motori a combustione interna vengono caratterizzati con alcuni importanti parametri

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE ACCADEMIA NAVALE 1 ANNO CORSO APPLICATIVO GENIO NAVALE CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE Lezione 09 Motori diesel lenti a due tempi A.A. 2011 /2012 Prof. Flavio Balsamo Nel motore a due tempi l intero

Dettagli

Aspetti tecnologici della sperimentazione

Aspetti tecnologici della sperimentazione Aspetti tecnologici della sperimentazione I test realizzati dal team di ricerca H2Power in sinergia ai ricercatori del dipartimento di Ingegneria Industriale del prof. Carlo Grimaldi dell Università degli

Dettagli

Tipologie di sistemi di sovralimentazione

Tipologie di sistemi di sovralimentazione Definizioni e tipologie di sistemi di sovralimentazione Architettura e soluzioni tecniche specifiche dei turbocompressori Generalità Specificità inerenti le diverse applicazioni Sistemi di controllo Sovralimentazione

Dettagli

Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte circolanti in area urbana

Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte circolanti in area urbana XV Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE ENEA Roma, 29 aprile 2010 Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte

Dettagli

OM 642. Motore. Motore OM 642

OM 642. Motore. Motore OM 642 Motore OM 642 Motore OM 642 I motori della serie OM 642 sostituiranno i motori diesel delle serie OM 612 e OM 628. Novità essenziali della serie OM 642: Disposizione a V a 72 dei 6 cilindri Iniezione diretta

Dettagli

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE asdf I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA : UN PRIMO SGUARDO 31 March 2012 Introduzione Il seguente articolo vuole essere una prima introduzione a quelli che sono i motori alternativi a combustione

Dettagli

MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE

MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE Stefano Frigo, Ettore Musu, Riccardo Rossi, Roberto Gentili (Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi) Montecatini Terme,

Dettagli

SISTEMA BOSCH EDC 16C39

SISTEMA BOSCH EDC 16C39 SISTEMA BOSCH EDC 16C39 Sommario CIRCUITO DI ASPIRAZIONE 4 Misuratore massa aria digitale HF6 con integrato sensore temperatura aria 10 Sensore pressione collettore aspirazione 16 Attuatore corpo farfallato

Dettagli

CAPITOLO 3 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA

CAPITOLO 3 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA CAPITOLO 3 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA 1 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA I MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA SONO MACCHINE MOTRICI E POSSONO ESSERE BASATI SU

Dettagli

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero Nei motori endotermici (m.e.t.) l energia termica è prodotta mediante combustione di sostanze liquide o gassose, generalmente dette carburanti. Si tratta di motori a

Dettagli

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO VIII Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE Roma, 5 novembre 2003 PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO Massimo Capobianco, Giorgio Zamboni

Dettagli

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 CONVENZIONI DI NOTAZIONE Calore scambiato da 1 a 2. Calore entrante o di sorgente. Calore uscente o ceduto al pozzo. CONVERSIONI UNITÀ DI MISURA PIÙ FREQUENTI

Dettagli

MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA

MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA ALTERNATIVI ROTATIVI CORSO DI MACCHINE 3 - PROF. FEOLA 5 Rappresentazione schematica del gruppo: cilindro, pistone, biella, manovella. Motore alternativo azionato

Dettagli

MICROCOGENERATORI EVOLUTI. Enrico Bianchi

MICROCOGENERATORI EVOLUTI. Enrico Bianchi LA COGENERAZIONE DIFFUSA E UN OPZIONE VALIDA PER LA PRODUZIONE DEI FLUSSI ENERGETICI NECESSARI? Lunedì, 27 ottobre 2003 Auditorium CESI Via Rubattino, 54 Milano MICROCOGENERATORI EVOLUTI Enrico Bianchi

Dettagli

Allo stato attuale dell arte, gli otturatori delle valvole

Allo stato attuale dell arte, gli otturatori delle valvole INGEGNERIA DI MANUTENZIONE Innovazioni sulle valvole dei compressori alternativi Studi ed esperienze per migliorarne la capacità di tenuta e l efficienza fluidodinamica M. Schiavone, A. Bianchi, Dott.

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE. I a Sessione 2014 SEZIONE A PROVA PROGETTUALE SEZIONE INDUSTRIALE

ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE. I a Sessione 2014 SEZIONE A PROVA PROGETTUALE SEZIONE INDUSTRIALE ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE I a Sessione 2014 SEZIONE A PROVA PROGETTUALE SEZIONE INDUSTRIALE Tema 1 Il candidato deve procedere al dimensionamento e

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE ACCADEMIA NAVALE 1 ANNO CORSO APPLICATIVO GENIO NAVALE CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE Lezione 03 Motori a combustione interna A.A. 2011 /2012 Prof. Flavio Balsamo 02 Il motore a combustione interna

Dettagli

Caratterizzazione vibrazionale del collettore di scarico con vibrometro laser Doppler a scansione

Caratterizzazione vibrazionale del collettore di scarico con vibrometro laser Doppler a scansione Caratterizzazione vibrazionale del collettore di scarico con vibrometro laser Doppler a scansione C. Grasso, M. Martorelli, F. Sbarbati * Elasis S.C.p.A., ex-aeroporto s.n., 80038 Pomigliano D Arco (NA),

Dettagli

Approfondimento Tecnico su FAP DPF

Approfondimento Tecnico su FAP DPF Approfondimento Tecnico su FAP DPF Il filtro antiparticolato è un componente dell impianto di scarico integrato con il catalizzatore e consiste in un supporto monolitico a base di carburo di silicio poroso.

Dettagli

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano

Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Il trasporto pesante diventa leggero L opportunità Metano Genova, 2 dicembre 2013 Utilizzo del gas naturale liquido nei sistemi propulsivi: potenzialità e problematiche A. Massardo, G. Zamboni Scuola Politecnica

Dettagli

Motori Volumetrici a Combustione Interna (MCI)

Motori Volumetrici a Combustione Interna (MCI) Motori Volumetrici a Combustione Interna (MCI) I MCI sono macchine endotermiche volumetriche funzionanti a circuito aperto (con scambio di massa) Le varie trasformazioni termodinamiche dei cicli di riferimento

Dettagli

L efficienza incontra la potenza. MAN TGX con nuovi motori D38.

L efficienza incontra la potenza. MAN TGX con nuovi motori D38. L efficienza incontra la potenza. MAN TGX con nuovi motori D38. Prestazioni in una nuova dimensione. In questo prospetto sono raffigurati anche equipaggiamenti che non fanno parte della dotazione di serie.

Dettagli

La propulsione navale

La propulsione navale Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Lecce In condizioni di moto uniforme la spinta deve uguagliare la resistenza globale incontrata nell avanzamento della nave (che dipende dalle proprietà

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 4 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 4 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA Anno Scolastico 2009/2010 Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 4 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA Prof. Matteo Intermite 1 4. FUNZIONAMENTO DEL MOTORE A 4 TEMPI 4.1 LE 4 FASI DEL CICLO

Dettagli

Università degli Studi di Bologna. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Disegno Tecnico Industriale

Università degli Studi di Bologna. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Disegno Tecnico Industriale Università degli Studi di Bologna FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Disegno Tecnico Industriale STUDIO DI MASSIMA DI UNA PIATTAFORMA ELEVATRICE AD IDROGENO Tesi di Laurea di:

Dettagli

FPT INDUSTRIAL PRESENTA I PROPRI MOTORI PER APPLICAZIONI AGRICOLE ALL EIMA

FPT INDUSTRIAL PRESENTA I PROPRI MOTORI PER APPLICAZIONI AGRICOLE ALL EIMA FPT INDUSTRIAL PRESENTA I PROPRI MOTORI PER APPLICAZIONI AGRICOLE ALL EIMA Torino, novembre 2014 FPT Industrial, società all avanguardia nella progettazione e produzione di propulsori per applicazioni

Dettagli

Progetto H 2 Filiera Idrogeno

Progetto H 2 Filiera Idrogeno WP 4 MOTORI AD IDROGENO CON INIEZIONE DIRETTA A BASSA PRESSIONE Un ostacolo all uso dell idrogeno negli autoveicoli è portarne a bordo la quantità necessaria per una ragionevole autonomia. La densità energetica

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015. Conoscere i principi

SCHEDA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015. Conoscere i principi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

Valutazioni di massima sui motori a combustione interna

Valutazioni di massima sui motori a combustione interna Valutazioni di massima sui motori a combustione interna Giulio Cazzoli v 1.0 Maggio 2014 Indice Elenco dei simboli 3 1 Motore ad accensione comandata 4 1.1 Dati........................................

Dettagli

SPERIMENTAZIONE DI UNA MACCHINA FRIGORIFERA FUNZIONANTE AD ARIA PER LA SURGELAZIONE DEI PRODOTTI I.Q.F.

SPERIMENTAZIONE DI UNA MACCHINA FRIGORIFERA FUNZIONANTE AD ARIA PER LA SURGELAZIONE DEI PRODOTTI I.Q.F. SPERIMENTAZIONE DI UNA MACCHINA FRIGORIFERA FUNZIONANTE AD ARIA PER LA SURGELAZIONE DEI PRODOTTI I.Q.F. Andrew Gigiel, Giuliano Giuliani, Fabio Polonara and Christian Vitale Andrew Gigiel CCC Consultants,

Dettagli

Progetto Regione Lombardia Aspetti legati all utilizzo delle miscele metano-idrogeno su veicolo

Progetto Regione Lombardia Aspetti legati all utilizzo delle miscele metano-idrogeno su veicolo Progetto Regione Lombardia Aspetti legati all utilizzo delle miscele metano-idrogeno su veicolo Andrea GERINI Alternative Fuel Engines FPT - Research & Technology Presentazione del progetto Sviluppo veicolo

Dettagli

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3)

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3) CICLI TERMODINAMICI Un ciclo termodinamico è un insieme di trasformazioni tali che lo stato iniziale del sistema coincide con lo stato finale. Un ciclo termodinamico è indivaduato nel diagramma XY generico

Dettagli

REPOWERING DI IMPIANTI PER IL RECUPERO ENERGETICO CON TECNOLOGIA A BASSO COSTO

REPOWERING DI IMPIANTI PER IL RECUPERO ENERGETICO CON TECNOLOGIA A BASSO COSTO REPOWERING DI IMPIANTI PER IL RECUPERO ENERGETICO CON TECNOLOGIA A BASSO COSTO A. Bianchini C. Saccani DIEM Facoltà di Ingegneria Università di Bologna cesare.saccani@unibo.it Sommario L Università di

Dettagli

INQUINAMENTO DA TRAFFICO VEICOLARE: MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA (MCI) VOLUMETRICI

INQUINAMENTO DA TRAFFICO VEICOLARE: MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA (MCI) VOLUMETRICI INQUINAMENTO DA TRAFFICO VEICOLARE: MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA (MCI) VOLUMETRICI Sostanze emesse Monossido di Carbonio (CO) Idrocarburi Incombusti Ossidi di Azoto Ammoniaca Idrogeno solforato, Solfuro

Dettagli

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel Termodinamica Applicazioni del secondo principio ovvero Macchine a vapore a combustione esterna: macchina di Newcomen e macchina di Watt Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Dettagli

Impianti di propulsione navale

Impianti di propulsione navale Motori diesel 4T Sistemi per ridurre la fumosità e le emissioni La sempre più continua attenzione alle problematiche ambientali e l inasprirsi di alcune normative regionali in tema di fumosità ed emissioni,

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Il parametro fondamentale per la valutazione di un compressore alternativo è l efficienza volumetrica: η v = (Portata volumetrica effettiva) / (Volume

Dettagli

LA SOVRALIMENTAZIONE DI MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA PER AUTOTRAZIONE

LA SOVRALIMENTAZIONE DI MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA PER AUTOTRAZIONE LA SOVRALIMENTAZIONE DI MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA PER AUTOTRAZIONE Raffaele Tuccillo Dipartimento di Ingegneria Meccanica per l Energetica (DIME) Università di Napoli Federico II tuccillo@unina.it 1

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA PER L ENERGIA E L AMBIENTE DIPARTIMENTO DI ENERGETICA, TERMOFLUIDODINAMICA APPLICATA

Dettagli

HIGH TECH LUBRICANTS & ADDITIVES 315.630 FAP DPF ECO WASHER FLUIDO DI LAVAGGIO PER FILTRI ANTIPARTICOLATO DI MOTORI DIESEL

HIGH TECH LUBRICANTS & ADDITIVES 315.630 FAP DPF ECO WASHER FLUIDO DI LAVAGGIO PER FILTRI ANTIPARTICOLATO DI MOTORI DIESEL 315.630 FAP DPF ECO WASHER FLUIDO DI LAVAGGIO PER FILTRI ANTIPARTICOLATO DI MOTORI DIESEL DESCRIZIONE GREEN STAR FAP DPF ECO WASHER è un prodotto professionale formulato per effettuare il lavaggio e la

Dettagli

Funzionamento del motore 4 tempi I componenti fondamentali del motore 4 tempi I componenti ausiliari del motore 4 tempi La trasmissione del moto Le innovazioni motoristiche L influenza dell aerodinamica

Dettagli

La tecnologia motore: quali prospettive? A. GERINI FPT Research & Technology

La tecnologia motore: quali prospettive? A. GERINI FPT Research & Technology La tecnologia motore: quali prospettive? A. GERINI FPT Research & Technology Parma 16/03/2010 Convegno ICBI A partire dagli anni 90 Miglioramento della qualità dell aria Sviluppo tecnologie di iniezione

Dettagli

PROGRAMMA DI FORMAZIONE 2015 / 2016

PROGRAMMA DI FORMAZIONE 2015 / 2016 HYB6: Diagnosi su sistemi a trazione ibrida Bosch Le nuove normative antinquinamento sempre più restrittive e la richiesta da parte del mercato di auto ecologiche stanno portando alla ribalta nuove tipologie

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze

ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze ARPAT Dipartimento Provinciale di Firenze Seminario: FATTORI DI EMISSIONE DA TRAFFICO: DATI SPERIMENTALI IN ITALIA Organizzato da: ANPA CTN - ACE Centro Tematico Nazionale Atmosfera Clima Emissioni. Contributo:

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi.

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. Negli ultimi anni, il concetto di risparmio energetico sta diventando di fondamentale

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO NAUTICO 2014 CORSO SPERIMENTALE Progetto NAUTILUS Indirizzo : APPARATI E IMPIANTI MARITTIMI Tema di : MACCHINE

Dettagli

Iveco e FPT Industrial annunciano un esclusiva tecnologia SCR per il rispetto degli standard di emissioni Euro VI

Iveco e FPT Industrial annunciano un esclusiva tecnologia SCR per il rispetto degli standard di emissioni Euro VI Iveco e FPT Industrial annunciano un esclusiva tecnologia SCR per il rispetto degli standard di emissioni Euro VI Iveco e FPT Industrial garantiranno la conformità con le prossime normative Euro VI grazie

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

Mynute Low NOx Mynute Low NOx basse emissioni inquinanti di NOx Mynute Low NOx

Mynute Low NOx Mynute Low NOx basse emissioni inquinanti di NOx Mynute Low NOx Mynute Low NOx La gamma di caldaie murali Mynute di Beretta si completa con un nuovo modello in grado di coniugare prestazioni e rispetto dell ambiente. Mynute Low NOx è la caldaia standard ecologica di

Dettagli

Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica

Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica Classe: 5 Meccanica Docente prof. Angelo Rinaldi Ore settimanali previste: 4 ore ro totale di ore 4x33=132 ore Libro di testo Corso di Meccanica

Dettagli

TECNOLOGIA DEI MOTORI

TECNOLOGIA DEI MOTORI TECNOLOGIA DEI MOTORI UN'AZIENDA CHE CRESCE INSIEME ALLA SOCIETÀ Bobcat è fiera delle sue innovazioni e della loro capacità di dare forma al futuro. Da diversi decenni siamo all'avanguardia nella creazione

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Industriale Dipartimento di Energia Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica SIMULAZIONE TERMO-FLUIDODINAMICA DI UN MOTORE ENDOTERMICO DIESEL SOVRALIMENTATO

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

AGRITECHNICA 2009: FIAT POWERTRAIN TECHNOLOGIES PRESENTA LA GAMMA DI MOTORI AGRICOLI E INDUSTRIALI

AGRITECHNICA 2009: FIAT POWERTRAIN TECHNOLOGIES PRESENTA LA GAMMA DI MOTORI AGRICOLI E INDUSTRIALI 8 Novembre 2009 AGRITECHNICA 2009: FIAT POWERTRAIN TECHNOLOGIES PRESENTA LA GAMMA DI MOTORI AGRICOLI E INDUSTRIALI FPT Fiat Powertrain Technologies, l azienda del Gruppo Fiat specializzata in ricerca,

Dettagli

ARGOMENTI CONTENUTI OBIETTIVI DIDATTICI TIPO DI VERIFICA

ARGOMENTI CONTENUTI OBIETTIVI DIDATTICI TIPO DI VERIFICA Periodo: Settembre - Ottobre La turbina a vapore La turbina a gas nella propulsione Funzionamento e struttura di una turbina a vapore Gli ugelli per la trasformazione dell entalpia in energia cinetica

Dettagli

L idrogeno nella mobilità sostenibile

L idrogeno nella mobilità sostenibile L idrogeno nella mobilità sostenibile Risultati della ricerca Dipartimento di Ingegneria Industriale Workshop L idrogeno nella mobilità sostenibile Giovedì 24 Maggio, Facoltà di Ingegneria Dip. di Ingegneria

Dettagli

MESI DI SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE

MESI DI SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE MESI DI SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE A- Idrostatica o Principali proprietà dei fluidi (densità, peso specifico, viscosità, comprimibilità e dilatabilità) o Nozione di liquido reale e liquido ideale.

Dettagli

file://c:\elearn\web\tempcontent5.html

file://c:\elearn\web\tempcontent5.html Page 1 of 10 GRANDE PUNTO 1.3 Multijet GENERALITA'' - CONTROLLO ELETTRONICO POMPA DI PRESSIONE INIEZIONE DIESEL DESCRIZIONE COMPONENTI CENTRALINA DI INIEZIONE (COMMON RAIL MJD 6F3 MAGNETI MARELLI) E montata

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio DIPARTIMENTO DI ENERGETICA, TERMOFLUIDODINAMICA APPLICATA E CONDIZIONAMENTI

Dettagli

Motori commerciali Tra le varie applicazioni del motore Stirling, esistono anche motori commerciali, realizzati e testati in laboratorio. Tra questi possiamo illustrarne alcuni: Stirling Power System V160

Dettagli

Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico

Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico Vieni a vederla dal 14 al 17 aprile al Pressa HC con motore a Risparmio Energetico Questa gamma di macchine di pressofusione è stata studiata per ottenere

Dettagli

Sensori: Proprietà Generali

Sensori: Proprietà Generali Sensori: Proprietà Generali Trasduttore: Trasduttore / Transducer (dal latino trasducere = condurre attraverso) dispositivo fisico progettato per trasformare grandezze appartenenti a un sistema energetico

Dettagli

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25)

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) Sommario 1 DESCRIZIONE... 2 1.1 LIMITI VERSIONE DIMOSTRATIVA... 2 1.2 INSTALLAZIONE... 2 1.2.1 Installazione completa...2 1.2.2

Dettagli

Preliminary study of the combustion control system

Preliminary study of the combustion control system Preliminarystudyofthecombustioncontrolsystem L Iveco Daily modello A50C31 GNC, è assistito dalla centralina ECU IAW1AF, che rileva i parametri utili per la combustione ed attiva gli attuatori al fine di

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

TSI. Turbocharger stratified injection 1.2 CC 105 CV

TSI. Turbocharger stratified injection 1.2 CC 105 CV TSI Turbocharger stratified injection 1.2 CC 105 CV DATI TECNICI: DESCRIZIONE DATI PREFISSO CODICE MOTORE CBZ DISPOSIZIONE E N CILINDRI 4 CILINDRI IN LINEA CILINDRATA 1197 centimetri cubi ALESAGGIO X CORSA

Dettagli

Cogenerazione. UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria. Dipartimento di Energetica S.Stecco Sezione di Macchine

Cogenerazione. UNIVERSITA DI FIRENZE Facoltà di Ingegneria. Dipartimento di Energetica S.Stecco Sezione di Macchine Cogenerazione La cogenerazione di energia elettrica e calore è considerata come una delle forme più efficaci di risparmio energetico Gran parte dell'energia termica viene utilizzata a temperature relativamente

Dettagli

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale Caldaia a condensazione a basamento con corpo in acciaio, camera di combustione in acciaio inossidabile Hoval UltraGas. Superfici di scambio secondarie

Dettagli

VALVOLA E.G.R. - Exhaust Gas Recirculation

VALVOLA E.G.R. - Exhaust Gas Recirculation 1 VALVOLA E.G.R. - Exhaust Gas Recirculation Tra le sostanze inquinanti emesse dai motori ci sono gli ossidi di azoto (NOx), composti che si formano in presenza di alte temperature e pressioni. Tali emissioni

Dettagli

Caldaie murali a basse emissioni. PLANET LOW NOx

Caldaie murali a basse emissioni. PLANET LOW NOx Caldaie murali a basse emissioni PLANET LOW NOx Caldaie murali PLANET LOW NOx Planet Low NOx: l ecologica Sime La gamma di caldaie murali Planet si arricchisce di notevolmente le emissioni di ossidi di

Dettagli

LA FRIZIONE È UN APPARATO CHE SI INTERPONE TRA MOTORE E CAMBIO E PERMETTE DI PORRE PROGRESSIVAMENTE IN CONTATTO IL MOTORE, GIÀ ACCESO, CON GLI ORGANI DI TRASMISSIONE. LA FORZA ESERCITATA SUL PEDALE DAL

Dettagli

ALL INTERNO DEL MOTORE, QUANDO UN PISTONE VIENE SPINTO VERSO IL BASSO PER COMPRESSIONE, VIENE IMPRESSO IL MOVIMENTO ALTERNATO ALL ALBERO MOTORE CHE VIENE QUINDI MESSO IN ROTAZIONE. PER EVITARE CHE L ALBERO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 8. Sistemi Termici Operatori. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 8. Sistemi Termici Operatori. Roberto Lensi Roberto Lensi 8. Sistemi Termici Operatori Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 8. Sistemi Termici Operatori Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2005-06 Roberto

Dettagli

Corso di Macchine a Fluido A.A. 2003/2004 Docente L. Postrioti

Corso di Macchine a Fluido A.A. 2003/2004 Docente L. Postrioti Corso di Macchine a Fluido A.A. 2003/2004 Docente L. Postrioti Il sistema di iniezione a controllo elettronico common-rail INTRODUZIONE Il sistema di iniezione a controllo elettronico per motori Diesel

Dettagli

SICOM FOR NATURAL GAS FILLING STATIONS TECNOLOGIA CNG

SICOM FOR NATURAL GAS FILLING STATIONS TECNOLOGIA CNG TECNOLOGIA CNG COMPRESSORI ALTERNATIVI SERIE W220 Il modello W220, progettato per portate inferiori a 150 Sm 3 /h e per valori di pressione di aspirazione del gas compresi tra 2 e 16 bar, è il più piccolo

Dettagli

Tecnologia rivoluzionaria Evoluzione progettuale. La nuova èra del motore a combustione interna è arrivata

Tecnologia rivoluzionaria Evoluzione progettuale. La nuova èra del motore a combustione interna è arrivata Tecnologia rivoluzionaria Evoluzione progettuale La nuova èra del motore a combustione interna è arrivata Che cos è un motore a ripartizione del ciclo? I motori a ripartizione del ciclo suddividono i quattro

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I processi termodinamici che vengono realizzati nella pratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE 1 PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE Sono le perdite di carico (o di pressione) che un fluido, in moto attraverso un condotto, subisce a causa delle resistenze

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Meccanica e macchine DOCENTE:Colica CLASSE :IV SEZ.A A.S.

FONDAZIONE MALAVASI. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Meccanica e macchine DOCENTE:Colica CLASSE :IV SEZ.A A.S. FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Meccanica e macchine DOCENTE:Colica CLASSE :IV SEZ.A A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI COMPORTAMENTALI -Potenziare

Dettagli

TEST REPORT ALIMENTAZIONE MOTORE DIESEL CMD: PRESTAZIONI E EMISSIONI STABLE EMULSION IN CONFRONTO AL GASOLIO

TEST REPORT ALIMENTAZIONE MOTORE DIESEL CMD: PRESTAZIONI E EMISSIONI STABLE EMULSION IN CONFRONTO AL GASOLIO TEST REPORT ALIMENTAZIONE MOTORE DIESEL CMD: PRESTAZIONI E EMISSIONI STABLE EMULSION IN CONFRONTO AL GASOLIO INTRODUZIONE A Giugno 2015, Emulsion Power S.r.l. ha incaricato CMD Costruzioni Motori Diesel

Dettagli

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony attività - studi & ricerche ssc Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony Stazione Sperimentale per i Combustibili Viale A. De Gasperi 3, 20097 S. Donato Milanese (MI) tel +39 02 516041; fax

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST 1 Convegno TELERISCALDAMENTO: verso la SMART GRID L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST Torino Lingotto Fiere, 25 maggio 2012 Ing. Carmelo TRIPODI Direttore

Dettagli