LA GUERRA DELLE GRIFFE IL SETTORE DELLA MODA NON PIÙ APPANNAGGIO ESCLUSIVO DELLE GRANDI CASE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GUERRA DELLE GRIFFE IL SETTORE DELLA MODA NON PIÙ APPANNAGGIO ESCLUSIVO DELLE GRANDI CASE"

Transcript

1 Reporter Anno IV - Numero 8 Settimanale della Scuola Superiore di Giornalismo della Luiss Guido Carli 26 Novembre 2010 Quirinale Prodi sul Colle? C è chi lo spera Mubarak Lo zio di Ruby non mollerà Via Gradoli Un mondo così diverso Festività Il regalo? Impacchettare LA GUERRA DELLE GRIFFE IL SETTORE DELLA MODA NON PIÙ APPANNAGGIO ESCLUSIVO DELLE GRANDI CASE

2 Politica Per il dopo Napolitano, sono insistenti le voci legate al ritorno sulla scena del Professore Prodi sul Colle? C è chi lo spera Ma tra gli osservatori politici i pareri divergono, e lui smentisce Vito Miraglia I PAPABILI In lizza gli stessi del 2006 Giuliano Amato. Del dottor Sottile al Quirinale si era parlato già nel 2006, quando il suo nome fu incluso nella rosa proposta dall allora Casa delle libertà, insieme a Mario Monti, Franco Marini e Lamberto Dini. Anche lui, come Prodi, si è defilato dalla vita politica italiana, assumendo la presidenza dell Istituto dell Enciclopedia Treccani. Gianni Letta. Anche l endorsement a Letta da parte di Berlusconi per il Colle risale al Con Napolitano appena eletto, il Cavaliere dichiarò: «Letta avrebbe garantito tutti». Oggi resta il candidato numero uno del centrodestra. Franco Marini. Il suo nome circola da tempo e una candidatura potrebbe non risultare sgradita al centrodestra. Nel 2006 quando fu eletto presidente del Senato dopo un testa a testa con Andreotti l allora opposizione contestò principalmente il metodo che portò l ex segretario della Cisl a Palazzo Madama. Anna Finocchiaro. «Un uomo col mio curriculum l avrebbero già fatto presidente della Repubblica», sentenziò, peccando di immodestia, nel Il suo nome spunta più per rappresentare le donne impegnate in politica che per il suo pur brillante curriculum. L unica donna che si è davvero battuta per il Quirinale è stata Emma Bonino, protagonista nel 1999 della campagna Emma for president. Dopo la partecipazione di Romano Prodi al seminario del Pd, organizzato a Sarteano per i suoi parlamentari, Repubblica ha lanciato il suo nome per la successione a Giorgio Napolitano. È stato sufficiente il suo ritorno sulla scena politica italiana perché l ex premier fosse accostato al Quirinale. Al meeting ha parlato di crisi e globalizzazione, un tema economico di alto respiro come quelli affrontati negli editoriali del Messaggero. Sulle colonne del quotidiano romano, Prodi parla già da tempo con i toni alti di un presidente della Repubblica: difende l unità d Italia e la Costituzione, e sembra muoversi al di sopra delle parti. Del resto, il suo curriculum lo renderebbe un candidato ideale per il dopo Napolitano: ministro dell Industria, presidente dell Iri, due volte presidente del Consiglio e presidente della Commissione europea. Dopo l ultima esperienza a Palazzo Chigi, Prodi è stato nominato alla guida del gruppo di esperti dell Onu e dell Unione africana che si occupa di peacekeeping in Africa. Da quel momento si è ritirato a vita privata («vado a fare il nonno», aveva dichiarato), non intervenendo più nelle questioni spicciole della politica italiana, pur non risparmiando delle sferzate al Pd. Ma l intervento a Sarteano, in un evento targato Pd, l ha riportato alla ribalta. All inizio di novembre, il suo partito aveva accarezzato l idea di vederlo in corsa per la carica di sindaco di Bologna. E anche questo rifiuto è stato interpretato come un segnale per un eventuale candidatura al Quirinale. «Che Prodi faccia parte delle personalità che possono salire al Colle è fuori dubbio. Il suo rifiuto di entrare nelle polemiche o di candidarsi a sindaco di Bologna sono indicativi: si sta CAMBIO DI GUARDIA? Il Presidente Giorgio Napolitano e Romano Prodi ( Resta un riferimento, dice Bersani) guardando intorno e si considera quasi come una réserve de la République», sostiene Paolo Franchi, notista politico del Corriere della Sera. Da Prodi è arrivata una smentita che è parsa scontata ai commentatori e che nulla toglie all arco delle possibilità. Tutto dipenderà dalla composizione del parlamento nel 2013, alla scadenza del mandato di Napolitano. Servirebbe una maggioranza schiacciante di centrosinistra, uno scenario che oggi appare poco probabile. Anche se una candidatura di Prodi o di Berlusconi potrebbe essere vista come una candidatura di parte: «Nessuno dei due è un candidato super partes. Si dovrebbe evitare di introdurre una logica bipolare selvaggia anche alla presidenza della Repubblica», precisa Franchi. Anche Stefano Menichini, il direttore di Europa, pensa che una nomination di Prodi potrebbe risultare sgradita all opinione pubblica. «Prodi è vissuto da metà degli italiani come un uomo di parte, pur non essendo mai stato divisivo come Berlusconi», dice Menichini. E lancia un altra ipotesi: «In caso di vittoria del centrosinistra non sarebbe male eleggere un esponente di centrodestra, con un forte senso dello Stato e dell unità nazionale: sarebbe un ottima soluzione». Il ruolo dei servizi segreti nel Piano Solo. Un libro ricostruisce il tentato golpe del 1964 D Alema: «Oggi dossier a scopo di ricatto» Andrea Pala Servizi segreti, dossieraggio, intercettazioni. Un tema di stretta attualità. Se ne è parlato mercoledì 24 novembre nella sede romana dell Associazione della Stampa estera. Nella sala di via dell Umiltà è stato infatti presentato Il Piano Solo, di Mimmo Franzinelli, edito dalla Mondadori. «Oggi ha detto durante l incontro Massimo D Alema, presidente del Copasir c è ancora chi usa i dossier a scopo di ricatto. Basti pensare alla vicenda che vede coinvolti Giuliano Tavaroli, ex capo della sicurezza di Pirelli e Telecom, Emanuele Cipriani, investigatore privato, e Marco Mancini, ex responsabile del controspionaggio. Il governo Berlusconi ha deciso di porre sulla vicenda il segreto di stato. E la stessa cosa ha fatto sul caso di Pio Pompa». Alla presentazione del volume che ricostruisce quanto accaduto nel 1964 era presente anche Agnese Moro, figlia di Aldo. «Nel libro ha detto trovo pezzi della sua vita che lui non mi ha potuto raccontare. Allora il centrosinistra era visto da più parti come una sorta di bomba atomica». Suo padre, infatti, era alla guida della prima coalizione con i socialisti della storia repubblicana. E quest apertura non era ben vista dalle frange più conservatrici della Dc. Fu L Espresso a rivelare nel 1967 il progetto di colpo di Stato che si sarebbe dovuto mettere in atto nell estate di tre anni prima. Il piano prevedeva anche la cattura di 731 persone, fra cui alcuni parlamentari, che sarebbero dovuti essere trasferiti nella base di Capo Marrargiu in Sardegna. Miguel Gotor, ricercatore di storia moderna all università di Torino, ha invece illustrato il contenuto del volume. «L autore ha detto ha ricostruito tutta la vicenda utilizzando documenti finora inediti. Sono stati infatti usati gli archivi privati del generale De Lorenzo, del generale Giorgio Manes, all epoca vicecomandante dei Carabinieri, e di Cesare Merzagora, allora presidente del Senato». Dalla lettura del libro emerge chiaramente la conferma che la mente del piano è l allora Capo dello Stato Antonio Segni. «Dalle carte che ho esaminato ha detto Mimmo Franzinelli è emerso che il Presidente della Repubblica ha sviluppato il progetto già nel 1962, in funzione anti Pci. Molti erano a conoscenza del Piano Solo. Almeno dieci personalità della Dc, fra cui Paolo Emilio Taviani, l artefice di Gladio, conoscevano il progetto. Anche il leader socialista Pietro Nenni viene a sapere da Aldo Moro che si stava organizzando un golpe nell estate del 1964». L EVOLUZIONE Il Quirinale tra polemiche e consenso Non c è sondaggio sul gradimento per i leader politici che non collochi Giorgio Napolitano ai vertici della classifica. Con l attuale presidente si è rinnovata la luna di miele tra gli italiani e l amatissimo Carlo Azeglio Ciampi. In uno scenario politico lacerato dalle divisioni esasperate dei partiti, la presidenza della Repubblica resta l istituzione in cui l elettorato ritrova il valore dell unità. Ma nell Italia dei berlusconiani e degli antiberlusconiani, pure il Quirinale rischia di essere trascinato nella rissa. Anche perché in più occasioni gli interventi del presidente sono stati letti come atti politici. Il ruolo del Capo dello Stato è cambiato da Cossiga in poi, con le celebri picconate degli ultimi anni del suo mandato. Con la discesa in campo di Berlusconi, gli scontri più aspri con il Quirinale si sono avuti con esponenti del Pdl. Tuttavia non sono mancati gli attacchi di Lega Nord e Italia dei Valori, a seconda del significato attribuito agli atti e alle parole del presidente. Scalfaro, l artefice del ribaltone del 1994, è oramai un nemico giurato del centrodestra, mentre con Ciampi e Napolitano più volte è calato il gelo istituzionale, basti ricordare il rinvio alle Camere della legge Gasparri nel L ultima grave frizione tra il presidente e il governo c è stata quando Napolitano decise di non firmare il decreto legge sull idratazione, negli ultimi giorni convulsi del caso Englaro, nel V. M Novembre 2010 Reporter

3 Mondo Il leader egiziano Mubarak affronta le legislative, 30 anni al potere e sembra non sentirli Ma lo zio di Ruby non mollerà Intervista a Eric Salerno: «Non cadrà, ha l esercito dalla sua parte» Jacopo Matano È un monumento al tempo che passa, Hosni Mubarak. Divenuto presidente in Egitto quando in Italia governava Forlani, si parlava di P2 e si discuteva di aborto, oggi che in Italia governa Berlusconi, si parla di P3 e si discute di una minorenne marocchina indicata come sua nipote, il Maresciallo è ancora lì. Non lo scalfiscono le proteste delle associazioni per i diritti umani, che lo accusano per i metodi reazionari. Non lo impressionano le lusinghe delle cancellerie occidentali, che lo apprezzano per gli sforzi di pace in Medio Oriente. C è chi aspetta il voto delle legislative del 28 novembre per insidiare il suo potere, come il movimento laico di El Baradei, e la Fratellanza Musulmana, partito fuorilegge che da sempre si presenta in ordine sparso cercando di conquistare seggi in Parlamento. E poi c è chi anche in famiglia - pensa di poterne ereditare la leadership, aspettando le presidenziali del Ma chi l ha detto che il presidente, a 83 anni, sia disposto a farsi da parte? Reporter Nuovo ne ha parlato con Eric Salerno, corrispondente dal Medio Oriente per il Messaggero. Eric Salerno, il 28 novembre si vota per le legislative e a inizio 2011 per le presidenziali. Si sta lentamente concludendo l epoca del grande leader? «Mubarak negli ultimi mesi è stato molto cauto sul proprio destino, anche perché non sta bene di salute. Proprio nel momento in cui tutti si aspettavano un suo ritiro, però, è arrivata la sorpresa: un esponente del suo partito ha detto nei giorni scorsi che il presidente intenderebbe ricandidarsi. E se si presenta lui, non ci sono altre forze in grado di competere». Perché? Qual è il suo punto di forza? «Gode della fiducia dei militari e delle forze armate. Che controllando il territorio detengono il potere, e alimentando la corruzione si arricchiscono». Nei mesi scorsi si è fatto il nome del figlio, Gamal, poi smentito. E pensabile una successione dinastica? «Il figlio ha espresso, la settimana scorsa, l intenzione di non candidarsi. D altra parte ci sono molte forze politiche, anche laiche, che si oppongono all idea della successione di sangue, a cominciare dall ex capo dell agenzia nucleare Mohammed El Baradei, che in Egitto rappresenta l establishment laico dell opposizione. Ma se Gamal riuscisse a EVERGREEN 82 anni, Mubarak, ha vinto 4 volte le elezioni convincere i militari che esiste una continuità con il padre, allora avrebbe ben più di una possibilità». E El Baradei? I Fratelli musulmani? Non c è spazio per gli altri attori? «Il primo non ha i numeri, ma potrebbe farcela alleandosi con i secondi. Loro, nel frattempo, denunciano brogli e incidenti, come hanno sempre fatto in passato. E, sempre come in passato, presentandosi alle legislative arriveranno a guadagnare almeno lo stesso numero di seggi in Parlamento. Appare chiaro, comunque, che né Mubarak né i Fratelli Musulmani hanno intenzione, in questo momento, di cambiare lo scenario». Non sono pronti alla rivoluzione islamica? «Non hanno interesse a rovesciare il regime con la forza, perché non controllano l esercito e non sarebbero, quindi, in grado di creare un governo stabile. Per Mubarak, invece, la loro presenza è vantaggiosa perché riesce in questo modo a costruire l immagine di uno Stato democratico con un opposizione in Parlamento da vendere in occidente». Ecco, l occidente. Come si schiera in questa partita? «Agli Stati Uniti, a Israele e ai partner commerciali interessa la garanzia che il paese non precipiti nel caos. Non dimentichiamo che l Egitto è lo Stato più influente nel medio oriente, il primo ad aver fatto la pace con Gerusalemme. Poco importa, dunque, se mantenere la stabilità significa mantenere un regime, quello di Mubarak, non meno repressivo dell Iran e dell Arabia Saudita». Tanto da non aver accettato l invio di osservatori internazionali per il voto del 28 novembre. «Una reazione normale da parte un paese che si proclama indipendente e che rifiuta le interferenze estere. Non ci sono mai stati dei veri osservatori internazionali alle elezioni egiziane, così come non ci sono mai state delle vere e proprie proteste da parte dei governi occidentali per gli arresti e le violenze. Prendiamo l Italia: è il paese che più dialoga a livello commerciale con l Egitto. Ma da noi nessuno parla delle torture che avvengono nelle sue carceri». Il nome di Mubarak, però, è comparso spesso sui nostri quotidiani negli ultimi tempi. Parliamo del caso Ruby: ha incrinato i rapporti tra l Egitto e Roma? «Gli egiziani hanno protestato, a Palazzo Chigi è arrivata una nota ufficiale dell ambasciata. I rapporti con il Cairo, però, nascono molto prima di Berlusconi e delle sue avventure. A Mubarak, cui sono quasi certo che sia arrivata la voce dell incidente, potrebbe aver dato fastidio a livello personale. E magari, quando incontrerà il presidente del Consiglio italiano, sarà meno sorridente del solito». Corea del Nord. Le scintille di guerra non modificano il dopo caro leader Il brillante compagno è pronto Eloisa Moretti Clementi Fino a due mesi fa nessuno conosceva il suo viso paffuto, eppure potrebbe essere quello del futuro leader di Pyongyang. A 60 anni dalla guerra di Corea, Kim Jong-un erede designato del padre Kim Jong-il potrebbe essere l uomo della riappacificazione. Tuttavia, dopo l attacco all isola sudcoreana di Yeonpyeong, che ha riacceso scintille di guerra tra Nord e Sud, sembra più probabile che il giovane rampollo erediti ceneri di conflitti mai spente. A partire dal padre della patria comunista - l eroe della liberazione Kim Il-sung - il clan dei Kim si è imposto al potere in Corea del Nord mantenendo sempre un aura di mistero intorno ai suoi componenti. Dopo di lui, il potere è finito direttamente nelle mani del figlio, il caro leader che dal 1993 impone la sua dittatura. Con Jong-il, la fantasia dei biografi di regime si è scatenata. La sua nascita è narrata come un momento aulico, preannunciato da un tripudio di rondini, arcobaleni e improvvise stelle nel cielo, ma tanti aspetti della sua vita restano misteriosi. L età incerta e l inesperienza militare sono le poche cose che lo accomunano al terzogenito Jong-un, il cui anno di nascita vaga tra il 1982 e il Il debutto politico risale a settembre, quando per la prima volta è apparso in pubblico accanto al padre. Nominato generale durante i festeggiamenti per il 65esimo anniversario del Partito dei Lavoratori Coreani, Jong-un è stato una sorpresa per i suoi concittadini, che non lo avevano mai visto. Di lui si conoscono solo gli studi svolti in Svizzera, in un collegio privato di Berna, dove ha Kim Jong-un ha studiato a Berna. Per la popolazione non cambierà molto ma ci sarà un rinnovo della classe dirigente imparato a parlare inglese, francese e tedesco. Come sia riuscito a diventare il delfino ufficiale, invece, resta piuttosto incerto. Uno degli altri pretendenti, il fratello Kim Jong-nam, è riuscito ad auto-eliminarsi: beccato all aeroporto giapponese di Tokyo con un improbabile passaporto dominicano, era diretto a Disneyland. Da quel momento è stato scalzato dall elenco dei pretendenti alla successione, così come il secondogenito Kim Jong-chul, considerato poco virile dal padre. Il brillante compagno, come viene chiamato informalmente dalla stampa nordcoreana, ha dunque buone possibilità di diventare il terzo leader della dinastia Kim a governare quella Repubblica Popolare di Corea che è degradata in brutale dittatura. La malattia del padre, che soffre di cuore e ha già avuto un infarto nel 2008, ha accelerato i tempi del rinnovo ai vertici, anche se per il momento il caro leader non sembra intenzionato ad andare in pensione. Secondo AsiaNews, la popolazione nordcoreana guarda a Kim Jong-un con una timida speranza di rinnovamento: Tutti sanno che i prossimi leader potrebbero essere avidi e corrotti come quelli attuali, ma almeno la popolazione potrà sfogare la sua rabbia nei confronti dei vecchi ufficiali destituiti. Per essere degno dei suoi predecessori, a Kim Jong-un manca ancora una biografia adeguata, capace di alimentare miti e leggende all altezza del padre e del nonno. Il caro leader, infatti, è circondato da una sterminata agiografia celebrativa, costruita ad arte dai biografi ufficiali, e da un altrettanto vasta mitologia popolare. Propenso all alcolismo, collezio- DESIGNATO In Corea del Nord l investitura militare è un passaggio fondamentale per l accesso al potere nista di blockbuster hollywoodiani (si dice abbia una videoteca di film), è considerato addirittura un icona di stile dal quotidiano coreano Redong Simun. Merito dei suoi occhialoni neri, da cui è inseparabile, insieme alla perenne divisa militare: i tratti distintivi di un look che vanta persino ammiratori su Internet. Ma la sua passione per il cinema è autentica. Lo testimonia il rapimento, nel 1978, di un regista sudcoreano e della moglie attrice, costretti a girare una sorta di remake in salsa comunista di Godzilla, tra le pellicole più amate dal cinefilo Jong-il. Il giovane rampollo Kim, dunque, studia da leader. Per il momento, la biografia ufficiale almeno quella pubblica - può contare solo sui pochi suggestivi studi in Svizzera e su una forte somiglianza fisica con il nonno. Competere con un eterno presidente, come la Costituzione ha cristallizzato Kim Il-sung, non sarà un impresa facile per il brillante ma inesperto compagno. Reporter 26 Novembre

4 Federica Ionta A Parigi è guerra sulla rive gauche. Il marchio del lusso Hermés ha appena finito di festeggiare l inaugurazione della terza boutique nella capitale francese, la prima sull esclusiva Riva sinistra della Senna, e già deve alzare le barricate contro una possibile scalata da parte del colosso Lvmh: la Louis Vuitton Moet Hennessy ha da poco annunciato l acquisto del 17,2 per cento delle quote di capitale della rivale Hermès. Una notizia che non è piaciuta agli azionisti dell azienda francese, di cui la famiglia Hermès ormai alla quinta generazione detiene il 72 per cento del capitale. L annuncio ha destato anche i sospetti dell Authority per i mercati finanziari e la Consob francese ha deciso di aprire un inchiesta sulla scalata. L operazione ricorda molto quella con cui nel 1999 sempre Lvmh cercò di accaparrarsi il marchio Gucci. Allora, la casa fiorentina tentò un aumento di capitale a solo appannaggio dei dipendenti, allo scopo di indebolire le quote societarie della multinazionale francese. In quel caso la battaglia si concluse con l ingresso in campo di un terzo giocatore: la Pinault-Printemps-Redoute, altra holding del lusso, che per 2,9 miliardi di dollari comprò il 40 per cento del capitale di Gucci, lasciando il presidente di Lvmh Bernard Arnault a bocca asciutta. Adesso come allora Lvmh e Ppr, entrambe francesi, si spartiscono il mercato luxury mondiale. Tantissimi i brand internazionali e italiani comprati dalle due multinazionali. Oltre a Gucci, la Ppr di François-Henri Pinault possiede Economia Una battaglia del lusso contro il non lusso. La griffe Zara forse nel mirino di Louis Vuitton A colpi di borse, scarpe e foulard Nei negozi della catena H&M gli abiti firmati dal francese Jeanne Lanvin LUSSO ACCESSIBILE Il negozio-boutique di H&M sugli Champs-Elisées a Parigi A colloquio con Carola Bodo, vice presidente dell Associazione per l economia della cultura «Senza finanziamenti sarà una catastrofe» Enrico Messina L Associazione per l economia della cultura ha tra i suoi scopi quello di «promuovere la conoscenza e lo sviluppo dell economia nel settore dei beni culturali, dello spettacolo e dell industria culturale». Al vice presidente Carola Bodo Reporter ha chiesto qual è lo stato dell economia della cultura nel nostro Paese. Dopo Pompei, quali sono le altre emergenze culturali del Paese? Dove si concentrano? «Le maggiori sono nel mezzogiorno. È vero che vi sono state destinate molte risorse straordinarie anche provenienti dai Fondi strutturali europei, in particolare sull asse cultura Ma da una indagine è venuto fuori che, al 2008, soltanto il 40% di quei due miliardi e mezzo stanziati erano stati erogati. Ci sono più fondi di prima per il mezzogiorno, ma sono sempre pochi. Per di più, sembra si tratti essenzialmente di fondi aggiuntivi, a compensazione dei mancati investimenti ordinari di Stato, regioni e comuni». È principalmente un problema di fondi, dunque. «Sì: la cultura costa, i restauri costano, ma i finanziamenti sono in calo da dieci anni. E i tagli hanno colpito maggiormente i beni culturali, la spesa per questo settore è quella che è calata di più». Qual è la valutazione del vostro osservatorio sullo più di venti firme: da Stella McCartney a Bottega Veneta e persino le librerie Fnac. Ancora più grande il colosso Lvmh, nato nel 1971 dalla fusione della Louis Vuitton e dell azienda vinicola Moët Hennessy, che oggi gestisce 60 brand per un valore di 58,5 miliardi di euro. Alla base della strategia di entrambi i gruppi un solo imperativo: internazionalizzare il portafoglio di marchi attraverso la progressiva acquisizione dei grandi nomi sciopero dello spettacolo? «Capiamo benissimo e siamo solidali con lo sciopero. Il taglio del Fus (Fondo unico per lo spettacolo, ndr) nella misura ventilata sarebbe la fine di molte valide iniziative. Dall altro lato, però, è anche «Il taglio del Fus sarebbe la fine di molte iniziative dello spettacolo. Ma è il sistema che non funziona» vero che i criteri di spesa dei fondi del Fus non funzionano». Perché? «Perché i fondi vengono erogati prevalentemente alle organizzazioni già esistenti, e non premiano il rinnovamento della scena italiana, penalizzando le nuove iniziative». Se lei fosse il ministro della Cultura, quali sarebbero le sue prime tre riforme? «La prima riforma necessaria è quella del sistema di finanziamento dello spettacolo, per promuovere un ricambio sulle scene. Poi c è ancora il problema sospeso della conflittualità con le regioni: bisognerebbe affidare più gestioni alle regioni e insieme rafforzare le funzioni centrali dello Stato di coordinamento, di valutazione dei risultati e di indirizzo. Andrebbe anche realizzato un sistema statistico e informativo efficiente, che consenta di valutare i risultati dell azione di governo a tutti i livelli». della moda italiana e americana. Nel corso del solo biennio Lvmh assunse il controllo di ben 25 firme. Tranne Gucci, appunto, che finì nel mirino e poi nel portafoglio della Ppr. Oggi, tuttavia, qualcosa sta cambiando. Il 21 novembre la catena svedese H&M ha presentato a New York gli abiti disegnati da Alber Elbaz, direttore creativo di Lanvin. Non è la prima volta che un marchio della haute couture stringe un accordo con un brand commerciale: sempre H&M nel 2009 propose nei suoi negozi una linea firmata da Jummy Choo. Per gli analisti si tratta di una strategia volta a conquistare il mercato dei cosiddetti aspirational: consumatori dal reddito mediobasso molto sensibili al prezzo ma allo stesso tempo desiderosi di lusso. Ed è proprio il mercato del «lusso accessibile» che promette di rivoluzionare gli equilibri del settore. Perché se è vero che il luxury non conosce crisi si pensi alla Diesel, che anziché abbassare il target di mercato ha puntato la strategia sulla cosiddetta fascia premium: clienti disposti a spendere tanto, purché per un prodotto di ottima fattura e qualità è altrettanto vero che la nuova fascia aspirational rappresenta un mercato interessante e dalle molte prospettive. Insomma, in un futuro più o meno lontano potrebbero essere proprio H&M, Zara e i grandi marchi commerciali a minacciare i due colossi Lvmh e Ppr. Una battaglia del lusso contro il non lusso, da combattere a colpi di borse, scarpe e foulard. Rigorosamente firmati. Come sta l economia italiana legata alla cultura? E quale la prospettiva? «L economia della cultura sta malissimo. Si è vissuto fino ad ora grattando il fondo dei residui accumulati negli anni precedenti. Con stanziamenti di poco più di mille e 400 milioni di euro come quelli ventilati per quest anno e per i prossimi, verrà a mancare qualunque possibilità di finanziare attivamente la cultura. Così si andrà alla banca rotta. Il peggio deve ancora venire: esaurite le ultime riserve, sarà un catastrofe. I paesi più avanzati del mondo hanno capito l antifona e stano aumentando i finanziamenti alla cultura, che può essere un volano per superare questa crisi. Da noi è uno dei settori più penalizzati». LEADER MONDIALI Il primato Lvmh: 60 marchi Nata nel 1987 dalla fusione del marchio di pelletteria Louis Vuitton con la casa di vini Moet Hennessy, Lvmh è oggi la prima multinazionale specializzata in beni di lusso. Controlla più di 60 marchi dal vino ai gioielli, dall alta moda ai cosmetici. Da Pinault insieme Puma e Gucci La Pinault Printemps Redoute, dal 2005 Ppr, è il principale concorrente del colosso Lvmh. Nata nel 1963 è stata la prima ad aprire al mondo del non lusso, comprando Puma nel Tra le griffe italiane annovera Gucci, Sergio Rossi e Bottega Veneta. Richemont: gioielli e orologeria Il gruppo fondato nel 1988 dal magnate sudafricano Anton Rupert è il terzo colosso del lusso mondiale. Tra i marchi gestiti da Richemont ci sono Cartier, Piaget e Mont Blanc. Nel 2007 la joint venture con Ralph Lauren per la vendita di gioielli e alta orologeria. I Marzotto e Vfg gli italiani Nato nel 2005 da uno spin off del Gruppo Marzotto, il Valentino Fashion Group opera, tra gli altri, con i marchi Valentino, Hugo Boss, Marlboro Classics e M Missoni. Attualmente è controllata dal fondo di private equity Permira Novembre 2010 Reporter

5 Primo Piano A poco più di un anno dal caso Marrazzo, ecco come vive oggi il comprensorio sulla Cassia Via Gradoli, un mondo così diverso Il cancello, la casa di Natalì, gli stranieri e gli altri residenti. Polemiche Parrucca biondo platino, giacca di jeans, stivali e calze nere, minigonna di paillettes fucsia. Il transessuale, un metro e novanta, aspetta alla fermata dell autobus, esponendo la sua tenuta da lavoro, apparentemente senza preoccuparsi delle telecamere di sicurezza. Le ha fatte installare qualche mese fa il Comune di Roma, guardano l imbocco di via Gradoli. La traversa di via Cassia, tra Tomba di Nerone e via di Grottarossa, scena nell ottobre 2009 dello scandalo che portò alle dimissioni dell allora presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo, ricattato da quattro carabinieri per i suoi incontri con il trans Natalì. Tredici mesi dopo, il colosso biondo non sembra attirare più di tanto l attenzione di chi, poco prima delle undici di sera, passa attraverso il cancello e la sbarra che dovrebbero impedire l accesso ai non residenti nel comprensorio abitato da circa mille famiglie. Un uomo sulla trentina risale la via, ne attraversa l accesso, spalancato nonostante l ora, butta un sacchetto di immondizia, va via indifferente. Due sudamericani, uomo e donna, si fermano addirittura a parlare con la figura in attesa, una sigaretta e poi via. Poco dopo, mentre il camion della nettezza urbana svuota i cassonetti a due metri di distanza, il trans impassibile apre l ombrello: comincia a piovere. Ma la sua è solo una delle vite che trascorrono in via Gradoli: basta oltrepassare la sbarra (chiusa, stavolta) al mattino o al pomeriggio per rendersi conto di una variegata Sui transessuali e non solo, gli abitanti hanno differenti opinioni umanità, apparentemente sempre in movimento. Due anziani portano a spasso il cane, dei bengalesi parlano fitto, incomprensibili. Accanto, una signora distinta, permanente e cappotto lungo, di classe. Di quei viados spesso identificati con la strada, nessuna traccia a quest ora. Solo una macchina è ferma davanti a uno dei primi civici, con le quattro frecce inserite. Ma è una famiglia italiana che svuota il bagagliaio, niente più. E quasi tutti italiani sono anche i cognomi sui citofoni delle prime palazzine. La situazione cambia man mano che si scende, e la strada fa un anello. Davanti al numero 96, due palazzine che erano quelle di Moro e sono diventate quelle di Marrazzo, i cartellini sui campanelli portano nomi stranieri. Tra cui proprio Natalì, stampigliato grosso sull etichetta, accento L ENTRATA Cancello e sbarra automatica che regolano l accesso alla strada privata che si snoda nel gigantesco comprensorio compreso. Il brasiliano vive ancora nelle stanze che inguaiarono il presidente del Lazio. A parte Natalì ce ne sono altri quattro, che dovrebbero essere rumeni, e forse un altro : parla dei transessuali, Carlo Maria Mosco, del Comitato per Via Gradoli che raccoglie circa 80 residenti. Dice che sono rimasti anche dopo gli sgomberi di alcune cantine in altri stabili, usate come dormitori. Il Comitato rivendica il risultato raggiunto, ma, aggiunge Mosco l ordinanza di sgombero è solo un primo passo, quello che chiediamo è la demolizione delle tubazioni dell acqua, del bagno, quelle sono cantine e devono tornare ad essere cantine. Sui provvedimenti dello scorso 15 ottobre, però, si possono sentire anche voci discordi. Non condivido quello che stanno facendo ai trans -dice un giovane studente- le retate hanno tolto la parte visibile, il disagio apparente. Apparenza, una parola di cui tenere conto, in via Gradoli. Le palazzine ridipinte di fresco, ad esempio, sono uno degli aspetti della riqualificazione. Ma proprio accanto al citofono di Natalì, due cartelli dicono Vendesi, e uno Affittasi. Un altro appartamento è disponibile poco più in là. Forse i proprietari si vogliono allontanare, forse condividono l affermazione riportata dal Corriere della Sera all indomani dell installazione del cancello. Cambierà poco o nulla: topi e cimici, anche se sbarri gli accessi, restano dentro, aveva detto un residente ai cronisti. O magari chi vende cerca di monetizzare: con la vicenda Marrazzo i prezzi, concordano tutti, erano scesi ai minimi. Ma oggi vanno, secondo gli annunci, dai 2600 ai 4500 euro al metro quadrato, per appartamenti simili. Apparenza, però, vuol dire anche quello che salta all occhio, e consolida Case in vendita, c è gente che scappa ma anche chi forse guadagnerà un impressione raccolta nella zona: È come una città, via Gradoli. In effetti, ha i suoi quartieri: ogni civico è un gruppo di palazzine dietro un cancello, gli abitanti sono quelli del 56, del 35, del 4 e così via. Ognuno con una visuale privilegiata sul suo angolo, e un idea a volte confusa di quello che accade altrove. Dici gli stranieri ad esempio, e la mente di alcuni corre agli irregolari. Ma ci sono anche famiglie: come i due filippini, marito e moglie, che al mattino accompagnano la figlia, zainetto in spalla, a prendere il bus. Visioni diverse anche sul civico 96: secondo alcuni ritrovo, fino a qualche mese fa, di trans seminudi in attesa di clienti o dei taxi che li conducevano sui marciapiedi romani. A parere di altri, campo di giochi, negli stessi giorni, per ragazzini appassionati di calcio. E anche quando le parole coincidono, sembra che siano usate per dire cose diverse. Tra quelli che non apprezzano il cancello, ad esempio, molti lo descrivono come facile da aggirare. Altri, invece, lo considerano fin troppo efficace: sottolineano, infatti, come sia spesso rotto, impedendo l entrata e qualche volta l uscita non solo agli estranei ma persino ai residenti. Anche chiedendo alla gente cosa è cambiato, dal giorno del filmato che decapitò la Regione Lazio, si otterrebbero tante risposte quante sono le finestre dei palazzi. Diverse a seconda che la visuale sia l arteria della Cassia, il tetto di Natalì, o il vicino parco dell Insugherata. Via Gradoli è così, plurale come il suo ingresso, sigillato in teoria ma aperto in pratica. O forse è il contrario. È stato l appartamento più famoso e misterioso della prima Repubblica, ora ci vive un trans. Al numero 96 di via Gradoli, nel 1978, l ingegner Borghi, alias il capo brigatista Mario Moretti, decideva il destino del sequestrato Aldo Moro. Trent anni dopo, al massimo, si scelgono i tagli di capelli: Marzia, il brasiliano che ci abita, fa la parrucchiera. Il palazzo, visto da fuori, è impersonale. Due aiuole, un piccolo cortile su cui si aprono i portoni: un luogo ideale per la latitanza della cosiddetta sfinge Br e di Barbara Balzerani. Il covo uscì dall anonimato il 18 aprile 78, poche settimane prima della Reporter Fu scoperto nel 1978 grazie a una doccia, ci abitò la sfinge Mario Moretti Lì c era anche il covo delle Br morte di Moro, grazie a una doccia. Aperta e bloccata con un manico di scopa in modo da allagare il bagno. Quando fu aperta la porta per vedere cosa avesse provocato l enorme macchia d umidità e le infiltrazioni al piano di sotto, vennero ritrovate, su un soppalco, le divise usate nell agguato di via Fani. Ma questa è rimasta l unica certezza, almeno per i dietrologi. Non si è mai capito neanche chi abbia aperto l acqua. I brigatisti, per beffare la polizia? O un fiancheggiatore che voleva avvertirli di come il covo fosse ormai bruciato? E anche sugli ospiti delle stanze di Roma Nord le voci si sono rincorse. I giudici, come detto, indicarono Borghi-Moretti e la Balzerani. Ma c è chi giura che lì (e non in via Montalcini come da versione ufficiale) sarebbe stato tenuto, almeno per qualche tempo, anche lo statista rapito. Voce alimentata dall indiscrezione sulla seduta spiritica (forse usata per coprire una fonte riservata) in cui il nome Gradoli sarebbe Pagina a cura di Davide Maggiore stato pronunciato alla presenza del futuro Presidente del consiglio Romano Prodi e di altri professori. La stessa signora Moro ha testimoniato di aver chiesto alla polizia di guardare non nel borgo omonimo in provincia di Viterbo, ma nella strada della Capitale. Richiesta, pare, ignorata con la motivazione che sugli stradari non esistesse una via chiamata così. Inevitabile che tra tanti misteri spuntassero i servizi segreti. Accusati persino di essere proprietari, attraverso società e prestanome, di molti appartamenti del comprensorio, compresi alcuni al famigerato numero 96. I documenti sugli intestatari, però, denunciò nel 1998 il giornalista Giovanni Maria Bellu, sono ormai irreperibili. E l ex-senatore comunista Sergio Flamigni, già membro della Commissione d inchiesta sul caso Moro, si spinse a parlare addirittura di un covo di Stato. I sospetti colpirono anche la polizia che, nel corso di un ispezione due giorni dopo il sequestro, arrivò a bussare alla porta dell appartamento. L ingegner Borghi non era in casa o non aprì. Gli agenti non videro in faccia quel signore distinto, come lo definì la vicina. Un studentessa di origine egiziana, dal cognome destinato a riemergere in un altra inchiesta, oltre trent anni dopo. Lucia Mokbel, si chiamava. Suo fratello è quel Gennaro Mokbel coinvolto nelle indagini sullo scandalo politico-finanziario Fastweb-Telecom Sparkle del Un altro indizio, una traccia da seguire, per i teorici del tutto si tiene. Anche se non è proprio chiaro cosa sia questo tutto. 26 Novembre

6 Cronaca Attiva da febbraio in alcuni ospedali romani una task force. Ne parliamo con Lina Losacco Codice rosa in aiuto delle donne Medici e assistenti sociali per le vittime di maltrattamenti domestici Ilaria Del Prete Arrivano in ospedale spaventate, con qualche abrasione nella migliore delle ipotesi ma sempre con gli occhi carichi di rassegnazione. Sono le donne vittime di violenza domestica, isolate nel loro stesso mondo fatto di maltrattamenti perpetuati. Al pronto soccorso vengono accolte secondo un criterio: si chiama codice rosa, che va a affiancare la triage tradizionale, rosso, giallo verde e bianco. Grazie a un protocollo sottoscritto dal Tribunale Ordinario e per i Minorenni di Roma, dalle Associazioni antiviolenza e da alcuni presidi ospedalieri, una vera e propria task force è a disposizione delle donne e dei figli minorenni vittime di soprusi, violenza sessuale e atti persecutori. L attività sinergica di magistratura, assistenza psicologica e sanitaria è attiva sul territorio romano dallo scorso febbraio, ma negli ultimi nove mesi sono state più di sessanta le richieste d intervento. Attivo presso i Policlinici Umberto I e Tor Vergata, gli ospedali Fatebenefratelli, Bambin Gesù, San Gallicano e le Asl RmD RmC, il codice rosa attiva una procedura diversa da quelle del pronto soccorso tradizionale. A spiegare intenti e metodo d intervento, Lina Losacco, responsabile dell area salute per l Associazione Differenza Donna, firmataria del protocollo e attiva al Policlinico Umberto I. «Nasciamo per contrastare i maltrattamenti sulle donne di qualsiasi età e sui minori in riferimento alla violenza assistita, infatti racconta a Reporter i bambini anche se non sfiorati fisicamente si sentono impotenti perché non sanno impedire la violenza, temono che la madre soccomba e che il padre venga arrestato». Il codice rosa è in realtà una convenzione interna alle strutture ospedaliere, che senza bisogno di maggiori spiegazioni lascia intendere al personale il tipo di intervento necessario secondo indicatori fisici e psicologici. Equiparato a un LA BATTUTA Il vignettista descrive bene una realtà. Infatti, secondo l'istat il 93% delle violenze perpetrate dal partner non viene denunciato, e solo il 18% delle donne che hanno subito abusi in ambito domestico considera questa forma di violenza un reato codice giallo o persino rosso, a seconda della gravità della paziente, mette in moto il sistema di supporto. Il primo passo è accertare la violenza, ricorrere alle cure mediche e attivare il sistema di supporto psicologico. Su questo versante sono attivi sia gli assistenti sociali del presidio sia gli operatori delle associazioni: «All Umberto I spiegano da Differenza Donna interveniamo di norma dopo le 17, quando lo sportello di assistenza interna è chiuso. Il nostro servizio è totalmente gratuito, e ci rendiamo reperibili anche telefonicamente in orario notturno». Fondamentale è riuscire ad acquisire la sensibilità necessaria a considerare la malattia non solo in termini fisici, infatti spesso la vittima di violenza è restia a svelare la propria condizione, e solo grazie all abilità d ascolto degli operatori trova il modo di fidarsi e sentirsi creduta. È proprio per combattere questa iniziale ritrosia, sostiene la responsabile dell Associazione antiviolenza, che «si sta puntando ad entrare in altri dipartimenti oltre al pronto soccorso, come quello cefalea, neurologico e maxillofacciale». Da questi reparti, infatti, provengono spesso vittime di violenza domestica perpetuata. Grazie al protocollo, coordinato con la magistratura, la donna trova anche il supporto necessario per denunciare gli abusi subiti, sia personalmente che nel caso di violenza assistita da parte di minori, anzi, «il medico racconta la Losacco è tenuto a segnalare al Tribunale per i Minori, che - fermo restando che la segnalazione non è una denuncia - prende atto della situazione pregiudizievole e fa partire delle indagini». Per ora, il percorso di sensibilizzazione, iniziato a febbraio, porta buoni risultati: dal prossimo 2 dicembre, infatti, anche l ospedale Sant Eugenio farà parte dei presidi da codice rosa, mentre è già una prassi specificare nel referto medico la natura della violenza subita. Associazioni civiche, paladine del vivere civile. Intervista a Vittorio Emiliani Cultura in resta per l ambiente Marco Maimeri Prima esistevano solo i comitati cittadini o di quartiere. Poi, con l avvento dei municipi e di una maggiore coscienza civile, sempre più gente ha deciso di riunirsi e far sentire la propria voce. Sono nate così le associazioni civiche, organizzazioni apartitiche e senza fini di lucro, sostenute dal finanziamento di soci e simpatizzanti. Costituite da cittadini ed esperti del settore, si riuniscono per parlare e affrontare temi cari alla collettività come traffico, sosta selvaggia, mezzi pubblici, nettezza urbana e molti dei problemi, piccoli o grandi, che riguardano città come Roma. Non mancano, però, vertenze nazionali come sicurezza, sanità, cultura e ambiente. Sono davvero tantissime queste associazioni sul sito del Comune di Roma hanno rinunciato a censirle per l enorme quantità e il più delle volte hanno presidenti carismatici, capaci di dare visibilità agli obiettivi da perseguire. È il caso del consigliere del Partito democratico al Comune di Roma Athos De Luca, da sempre appassionato di ambiente, salute e turismo, che, con il suo comitato Scopri Roma, ha condotto qualche anno fa, insieme ad altre associazioni, una battaglia contro l abusivismo dei mega-cartelloni pubblicitari. Ma spiccano anche figure interessanti come quelle di Alberto Benzoni, ex vice sindaco di Roma nella giunta Petroselli, ora presidente di Roma Nuovo Secolo, e Vittorio Emiliani, ex direttore del Messaggero e membro del consiglio d amministrazione Rai dal 1998 al Il suo Comitato per la Bellezza si Guerra ai mega-cartelloni, alle troppe pale eoliche e alle violenze al paesaggio. Un dossier contro il ministro Bondi ispira all articolo 9 della Costituzione e tutela il patrimonio culturale, artistico e paesaggistico del nostro paese. «E nato alla fine del 1997 spiega Emiliani da un idea mia e di Luigi Manconi, ex Verdi. Volevamo creare un gruppo di pressione che desse vita ad azioni corsare su temi legati al rispetto del paesaggio. Abbiamo redatto un manifesto programmatico cui hanno aderito centinaia di intellettuali, oltre a urbanisti, architetti e tecnici». Numerose le iniziative che in questi anni hanno caratterizzato le loro attività. «Ci siamo battuti continua contro i cartelloni abusivi, o semplicemente deturpanti, ma abbiamo anche dato vita a una campagna contro il motodromo che il comune di Fermo voleva costruire vicino all Abbazia di San Marco alle Paludi, a poca distanza da una storica torre medioevale. Proprio qualche giorno fa hanno bloccato il progetto». Nelle sue battaglie, però, il Comitato per la Bellezza non si muove da solo. «Facciamo parte spiega il presidente di un tavolo di confronto che riunisce 23 sigle ambientaliste come Italia Nostra, Legambiente, Wwf e altre. L obiettivo è quello di coalizzarsi per portare avanti progetti e proposte comuni ma anche discutere criticamente su alcuni temi sensibili. Uno di questi è lo sviluppo dell eolico sul nostro territorio, sempre a rischio inquinamento malavitoso e soprattutto poco utile in un paese, come l Italia, poco ventoso, a parte la Daunia in Puglia o alcune zone di Sicilia e Sardegna. La scarsa attenzione prestata dagli enti locali sull istallazione delle pale poi ha IN LOTTA Rappresentanti di un comitato abbattono un cartellone portato spesso a deturpazioni. Ci siamo battuti ultimamente contro un parco eolico da costruirsi sopra Urbania, che avrebbe distrutto lo splendido e integro paesaggio del Monte dei Torrini e del Monte Picchio, caro a Piero della Francesca e Raffaello. Il referendum contro l impianto è passato con l 81 percento di consensi. Le regioni, e non i comuni, devono pianificare lo sviluppo dell eolico e del fotovoltaico: solo così sarà possibile tutelare il patrimonio nazionale nel suo complesso». Ultima battaglia, infine, la redazione di un dossier contro l attuale ministro per i Beni e le Attività Culturali dal titolo Bondi, un fantasma al Collegio Romano. Proposto in vista della mozione di sfiducia che sarà presentata, lunedì prossimo alla Camera, da Partito democratico e Italia dei Valori, «questo documento spiega lo stesso Emiliani pone l accento sulla gestione sbagliata o meglio la non gestione dei beni culturali da parte del ministro Sandro Bondi» Novembre 2010 Reporter

7 Cronaca Abbiamo parlato con Fausto Bonafaccia, presidente dell associazione BiciRoma, del recente stanziamento da parte della Regione Lazio di 760mila euro per piste e parcheggi Non è una città per biciclette Roma ha poche stazioni di noleggio e un parco veicoli esiguo Marco Maimeri Tutto era iniziato con un incontro privato fra il sindaco di Londra, Boris Johnson, e il suo omologo romano, Gianni Alemanno. «Dovreste aumentare le bici in centro», era stato il consiglio del primo cittadino inglese. Johnson è un patito delle due ruote e sul Tamigi ha fatto istituire un servizio di bike sharing che dalla sua inaugurazione, lo scorso 29 luglio, conta circa 300 parcheggi, e arriveranno a 400 il prossimo anno, con stalli per seimila biciclette, noleggiabili 24 ore al giorno, 7 giorni su 7. L esborso è stato di circa 25 milioni di sterline e ora Londra sta realizzando anche una rete di piste ciclabili, quasi una ragnatela, su ben 12 superstrade delle biciclette (letteralmente, cycle superhighways), tra centro e periferie. Roma, invece, almeno per ora, ha una manciata di stazioni, solo 29, e un parco biciclette di circa 300 unità. Il consiglio del sindaco inglese di realizzare una rete e incentivare Jacopo Matano Nel giorno del ringraziamento, si sa, i tacchini non ringraziano. Farciti con lo stuffing e accompagnati dalle mashed potatoes e dalla pumpkin pie, i volatili impazzano sulle tavole degli americani che abitano in Italia, trasformando l ultimo giovedì di novembre in un occasione per cucinare una ricetta d oltreoceano, e sentirsi un po più vicini a casa. «Castagne, uvetta, sedano, noci, pane raffermo, spezie. Da preparare in anticipo, perché per ottenere la doratura della pelle e la completa cottura servono tre ore e mezza» spiega Martina, illustratrice di Atlanta, in Italia per amore e lavoro, che il Reporter l uso delle bici in centro rischia di scontrarsi con la dura realtà. Unico passo in avanti, la promessa dell assessore alle Infrastrutture e Lavori Pubblici della Regione Lazio, Luca Malcotti, di destinare 760mila euro ai comuni di Roma, Anzio e Norma (Latina) per la realizzazione di piste ciclabili e parcheggi per bici. «Crediamo fortemente nell incentivazione dell uso del mezzo ciclistico come strumento necessario per diminuire il traffico cittadino e, di conseguenza, come utilissimo mezzo per abbattere la piaga degli incidenti stradali», ha dichiarato l assessore. Basterà? Ne abbiamo parlato con Fausto Bonafaccia, presidente e fondatore di BiciRoma, costola dell Associazione Due Ruote d Italia. «Gli stanziamenti a favore della mobilità ciclistica sono sempre una cosa buona. L importante, però, è che si traducano in miglioramenti nelle infrastrutture e nella sicurezza agli utenti. In particolare aggiunge abbiamo chiesto alla regione di insistere con le amministrazioni locali perché venga realizzata al più presto la tratta Roma-Fiumicino finanziata dalla stessa regione. Inoltre stiamo pressando il comune di Roma affinché questo percorso sia realizzato su fondo liscio così da permettere il transito, con maggiore sicurezza, anche ai ciclisti con bici da corsa provenienti da Colombo, Portuense, Aurelia e Via del Mare». Sarà un innovazione per il futuro ma nel frattempo si attende ancora lo sviluppo del Piano Quadro della Ciclabilità, presentato lo scorso maggio. «Speriamo dichiara il presidente di BiciRoma che il comune doti presto di fondi adeguati coloro che lo dovranno attuare, in modo che venga realizzato con cognizione di causa e competenza. I fondi si potrebbero trovare conclude destinando alla realizzazione di percorsi ciclabili una quota delle multe elevate dalla municipale. Questo è già previsto dalla legge, perché non si fa?». Giorno del ringraziamento per i 20mila americani in Italia. Alternative nostrane Thanksgiving ma con tacchino Usa piatto del Thanksgiving lo ha cucinato sotto l occhio vigile della mamma collegata su Skype «anche se, per colpa del fuso orario, mentre io apparecchio per il pranzo lei prepara la colazione». «È la prima volta che mi capita di non fare la fila al supermercato il mercoledì prima del Ringraziamento, è un esperienza unica», ribatte Kelly, a Roma da qualche mese per uno scambio universitario, che ha approfittato della festività «per far assaggiare la prelibatezza ai compagni di corso». Come loro, hanno imbandito le tavole gli oltre 20 mila cittadini residenti nel nostro paese - lavoratori, studenti, personale governativo, militari - che non rinunciano alla tradizione. All ambasciata di Via Veneto, ad esempio, il personale con il passaporto statunitense si è incontrato per un pranzo insieme una volta chiuso l ufficio: «Cerchiamo di ricreare un atmosfera familiare». Oltre al tacchino («rigorosamente americano!», ci tengono a precisare), il menù diplomatico è andato sul classico: «Pannocchie, pane di mais, patate dolci, purè con salsa, torta di zucca, salsa di mirtilli, sformato di fagiolini e numerosi altri dolci ripieni». La tradizione a stelle e strisce, comunque, piace anche agli italiani. Se il tacchino va forte tutto l anno i dati della Coldiretti stimano un consumo annuo della sua carne per 4,1 chilogrammi a persona sul web hanno avuto successo le versioni made in Italy del celebre piatto col pennuto. Dadi di tacchino alla birra artigianale con zucca paprikata dal blog Sale e Pepe Quanto Basta, un apprezzata tagliata di tacchino con pesto di rucola e pomodori saltatai nel portale Newsfood.com, mentre dal sito Buttalapasta.it è arrivata la proposta di un semplice tacchino arrosto aperto a farfalla. Un piatto, si legge, «ottimo anche per il nostro Natale». A far incontrare le due culture, infine, il vino: il californiano Zinfandel e l italiano Santa Maddalena, proposti dal blog del Gambero Rosso. 26 Novembre 2010 DEGRADO Uno stallo e due piste ciclabili. Le unità disponibili per il bike sharing sono soltanto 300. Le piste sono piene di detriti e foglie, vegetazione incolta, buche e segnaletica divelta o sbiadita. I RISCHI DEL CICLISTA È un incubo girare per la capitale Parlando di sicurezza occorre distinguere fra rischi stradali e rischi sociali. Sotto il primo aspetto ci sono la pericolosità del traffico urbano ed extraurbano e il degrado delle piste ciclabili, coperte di detriti e foglie, con vegetazione incolta, buche e segnaletica divelta o sbiadita. Per quanto riguarda i rischi sociali, è sintomatica la cronaca dei giornali che narra spesso di podisti e ciclisti aggrediti al Viadotto della Magliana a causa del buio. Come dimenticare poi, tre anni fa, la vicenda del ciclista Luigi Moriccioli, aggredito sulla pista di Tor di Valle per un cellulare e un lettore cd, e morto al San Camillo, 50 giorni dopo, per le ferite riportate? E allora ben vengano le iniziative di associazioni come BiciRoma che hanno più volte chiesto rassicurazioni al sindaco e insistono nel presentare progetti che sfruttino le nuove tecnologie. Occorrerebbe, fanno sapere i ciclisti, una migliore manutenzione delle piste ciclabili e la loro separazione, protezione e delimitazione con cordoli. Le mere strisce verniciate a terra, quando ci sono, tranquillizzano e danno un minimo di visibilità ma sono facili da oltrepassare e se un mezzo di quasi una tonnellata invade la corsia e travolge il ciclista, le conseguenze sono gravissime. La sicurezza viene prima del bike sharing. M. M. 7

8 Costume & Società Chi parte Gli italiani scelgono mari del sud e vecchio continente per le prossime vacanze Natale tra crociera e nord Europa La crisi economica ha costretto molti a scegliere mete più abbordabili Andrea Pala Non c è fila. È mercoledì mattina e solo una cliente chiede informazioni all agenzia di viaggi Nomentano. La crisi economica ha colpito il settore, ma la voglia degli italiani di trascorrere Natale e Capodanno all estero comunque resiste. «Le mete preferite dice il direttore tecnico Maria Vittoria Stefani - sono quelle dei mari dei Sud. Abbiamo già ricevuto una decina di prenotazioni per le Maldive. Vanno forte anche le crociere. Sono sempre il viaggio preferito da tutte le fasce d età. La spesa si aggira tra i e i 2700 euro a persona. Più economiche invece le capitali europee. Il costo è tra i 700 e gli 800 euro. Le mete preferite sono Londra e Parigi. Il periodo più richiesto è invece quello di Capodanno». I principali tour operator offrono diverse offerte per questo periodo. Velatour è un operatore specializzato nel nord Europa. Propone, infatti, diverse località, tutte situate nella penisola scandinava. «Siamo operativi dal IL VILLAGGIO Allestita in Finlandia la casa di Babbo Natale 1975 racconta Maria Terea Omedè, responsabile della programmazione e dei prodotti e abbiamo da sempre una grande richiesta verso questi paesi. Offriamo ad esempio un pacchetto per Capodanno in due località della Lapponia, Kemi e Rovaniemi, dove si trova il villaggio di Babbo Natale. I costi si aggirano intorno ai euro a persona, dal 30 dicembre al 3 gennaio». Negli ultimi tre anni il settore ha però risentito della crisi economica si è fatta sentire. «Abbiamo perso per strada il cosiddetto ceto medio dice la responsabile di Velatour mentre abbiamo mantenuto la clientela che può ancora permettersi certe cifre. Alcuni clienti hanno invece deciso di ridurre le spese, scegliendo vacanze più economiche». Anche gli amanti della musica classica hanno delle proposte pensate appositamente per loro. Le organizza il tour operator Alderan, in collaborazione con l Accademia di Santa Cecilia. «Ci rivolgiamo spiega il responsabile Massimo Savoia agli appassionati di musica sinfonica, in particolare alla fascia d età anni. Abbiamo iniziato nel 2006 offrendo viaggi agli abbonati alla stagione concertistica dell Accademia. In un secondo momento abbiamo invece deciso di rivolgerci a tutti». Tra le mete offerte ci sono alcune città degli Stati Uniti, New York e Chicago, e le principali capitali europee. È possibile trascorrere il capodanno a Vienna dal 30 dicembre al 2 gennaio, con inclusa la partecipazione al celebre concerto di inizio anno alla Konzerthaus. I prezzi oscillano dai ai euro. Il costo di una poltrona all interno della sala concertistica va invece dai ai euro. Gli italiani che non vanno all estero per Natale e Capodanno tendono però a spostarsi da una parte all altra dell Italia. Lo rivela un indagine dell Istat. I dati raccolti tra Natale 2009 e 6 gennaio 2010 mostrano come gli italiani si sono spostati dalla propria regione per trascorrere le vacanze in un altra. Il fenomeno ha riguardato soprattutto il nord-est, con l 87,8 per cento e il centro, con il 75,5 per cento. Chi resta Piovono lavori stagionali in librerie, profumerie e grandi magazzini Il regalo? Impacchettare i regali Le agenzie reclutano anche camerieri per gli alberghi di lusso Alessio Liverziani Martina ha deciso di trascorrere la Vigilia di Natale al centro commerciale. Dalle nove di mattina fino alle sei di sera. Ma non per comprare gli ultimi regali come la stragrande maggioranza delle sue amiche. Martina, 21 anni, lavora come promoter. Sponsorizza la carta fedeltà di una nota catena di ipermercati. «Meglio qui che con i parenti a fare la tombolata», confessa. Roberta, 19 anni, è stata assunta in profumeria con un contratto a termine. Fino a gennaio aiuterà le commesse a fare le confezioni regalo dei profumi. Anche Luigi, poco più che ventenne, lavorerà come impacchettatore. Ma in libreria. «I libri sono un classico da mettere sotto l albero racconta passerò tutta la giornata a fare pacchetti». Sono solo alcune delle storie di tanti giovani che decidono di restare in città per lavorare. Tutti impieghi stagionali, due o tre mesi a cavallo delle festività natalizie con possibilità di rinnovo in vista dei saldi di gennaio. E le opportunità non mancano. Il mercato del lavoro è sempre stato lo specchio della crisi. I principali interlocutori del settore, le agenzie di reclutamento, stanno riscontrando un incremento delle richieste da parte dei principali operatori commerciali. Dalla Grande distribuzione organizzata (Gdo) al settore turistico-alberghiero, passando per l universo retail della vendita al dettaglio. Tutti sono alla ricerca di personale per il periodo natalizio. Segnale «Quest anno sarà il comparto alimentare a trainare le ricerche di personale» di acquisti compulsivi ai quali gli italiani non riescono a rinunciare. Ma c è sempre il risvolto della medaglia. Perché se da un lato c è chi la crisi la governa e spende migliaia di euro tra spesa, regali e vacanze, dall altro c è chi questi regali li deve vendere, impacchettare, organizzare. Insomma, ci sono più opportunità per chi dalla crisi ancora non è uscito e decide, più o meno volontariamente, di rinunciare a Babbo Natale per guadagnare un po di euro. «Lo scorso anno ci fu una forte tendenza decrescente alle spese di Natale spiega Andrea Malacrida, direttore commerciale marketing di Adecco Italia e una conseguente diminuzione delle richieste di profili di lavoratori per quel periodo». Quest anno la tendenza è cambiata. «Registriamo un picco di richieste sottolinea proprio nei settori della Gdo e della regalistica». Cassieri, scaffalisti, magazzinieri, addetti alle vendite, promoter e i tradizionali impacchettatori, gli addetti al confezionamento dei pacchi regalo. Questi sono i lavoretti natalizi che rimpigueranno le tasche dei giovani in crisi. Tutti impiegati in quei settori che sotto l albero vanno per la maggiore: abbigliamento, tecnologia e profumeria. Senza contare i generi alimentari. Per l amministratore delegato di Ramstad Italia, Marco Ceresa, quest anno «sarà il comparto alimentare a trainare le ricerche di personale». Insomma, crisi sì, ma non a tavola. Di risparmiare sul cenone di Natale, gli italiani non ne vogliono proprio sapere. Di necessità virtù, dunque. Per un italiano che spende ce n è sempre uno che guadagna. Con la differenza che il secondo salta le vacanze. E pensare che in molti saranno reclutati proprio nel settore turistico. Tour operator, agenzie di viaggi e grandi catene di hotel sono a caccia di personale per soddisfare le esigenze di chi decide di partire verso le mete più disparate. «Addetti all accoglienza e alla ristorazione negli alberghi conferma Cristiano Ianna, direttore generale di Metis sono le figure più richieste dalle aziende che si preparano alla stagione sciistica e nelle città d arte che richiamano turisti». Ma c è anche chi resta in città per una nobile causa. Alle mense dei poveri migliaia di volontari servono il pranzo di Natale. La paga? Il sorriso di chi non ha né lavoro né vacanza. AFFOLLATI I centri commerciali il giorno della Vigilia Reporter Settimanale della Scuola Superiore di giornalismo Massimo Baldini della LUISS Guido Carli Direttore responsabile Comitato di direzione Direzione e redazione Stampa Amministrazione Roberto Cotroneo Sandro Acciari, Alberto Giuliani, Sandro Marucci Viale Pola, Roma tel fax Centro riproduzione dell Università Università LUISS Guido Carli viale Pola, Roma Reg. Tribunale di Roma n. 15/08 del 21 gennaio Novembre 2010 Reporter

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

DEMETRA DONNE IN AIUTO Centro antiviolenza DATI STATISTICI 2012

DEMETRA DONNE IN AIUTO Centro antiviolenza DATI STATISTICI 2012 Centro Antiviolenza DEMETRA DONNE IN AIUTO Centro antiviolenza DATI STATISTICI 2012 L Associazione Demetra Donne in aiuto è stata fondata il 25 luglio del 2005 per aprire anche nel territorio lughese un

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. 26 novembre 2014

INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. 26 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 836 INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione

Dettagli

I FURTI DI BICICLETTE A BOLOGNA

I FURTI DI BICICLETTE A BOLOGNA I FURTI DI BICICLETTE A BOLOGNA indagine ISTAT Reati, vittime, percezione della sicurezza. Anni 2008-2009 L unico reato in aumento nel nuovo millennio 2,5% 2002 3,8% 2008-09 è il solo reato che cresce

Dettagli

Camera dei Deputati 449 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti

Camera dei Deputati 449 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti Camera dei Deputati 449 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 450 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 451 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 452 Senato della Repubblica Camera dei

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

informa giugno 15 n. 1 I

informa giugno 15 n. 1 I DUE SGUARDI: UN AFRICA Mostra fotografica - Trento, piazza Fiera - 30 maggio - 2 giugno 2015 informa A febbraio 2012 noi studenti e studentesse trentine abbiamo potuto conoscere la realtà ugandese in un

Dettagli

Leggere, ascoltare, navigare

Leggere, ascoltare, navigare Leggere, ascoltare, navigare L AMORE CONTA di Maurizio Ermisino Fausto Podavini ha seguito per due anni una coppia: un marito malato di Alzheimer, una moglie che l ha seguito con devozione. È nato così

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata Filippo BUBBICO Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata che non si limita presentare il suo

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

29-SET-2015 pagina 1 foglio 1

29-SET-2015 pagina 1 foglio 1 29-SET-2015 pagina 1 foglio 1 26-SET-2015 pagina 1 foglio 1 25-SET-2015 pagina 1 foglio 1 / 2 25-SET-2015 pagina 1 foglio 2 / 2 27-SET-2015 pagina 1 foglio 1 / 2 27-SET-2015 pagina 1 foglio 2 / 2 27-SET-2015

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Convegno Rapporti dall Europa

Convegno Rapporti dall Europa Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Premio Grinzane Cavour Convegno Rapporti dall Europa Saluto augurale dell On. Sandro Gozi Giovedì 27 settembre 2007 Torino 1 Nel marzo scorso, l Europa ha festeggiato

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE Di Alberto Nerazzini MILENA GABANELLI IN STUDIO Di solito quando si è in difficoltà è sempre propositivo andare a vedere come sono organizzati gli altri, non necessariamente

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI Milano Expo Padiglione Italia Giovedì 2 luglio 2015 La città di Roma, con la votazione favorevole dell Assemblea Capitolina il 25 giugno scorso, ha detto sì alla candidatura

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Pianificare il futuro

Pianificare il futuro Pianificare il futuro THINK private. Linea Planning Banca Fideuram Banca Fideuram è uno dei principali protagonisti del private banking in Europa, con oltre 50 miliardi di euro di attività in gestione.

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

Assemblea coordinamento donne Cesena

Assemblea coordinamento donne Cesena Cesena 11-12-2014 Assemblea coordinamento donne Cesena Il motivo per cui oggi ci troviamo qui è legato al fatto che le donne pensionate della CGIL stanno preparando l assemblea Regionale, poi nel 2015

Dettagli

Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! PENSIONI blog. Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile!

Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! PENSIONI blog. Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! Pagina 1 di 6 Search PENSIONI blog Europa Informazioni Notizie Ultimo aggiornamento: 29 marzo 2014-08:24 RSS In Notizie Pensioni: Bomba Nori, il contributivo per tutti è fattibile! 29 marzo 2014-08:24

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 06 marzo 2014

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 06 marzo 2014 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 06 marzo 2014 Giovedì, 06 marzo 2014 06/03/2014 Pagina 14 Salute, sport e divertimento in pillole per passare dal divano allo stile... 1 06/03/2014 Pagina 18

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme!

Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera. Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Giugno 2015 Scuola dell Infanzia Maria Consolatrice di Verghera DIVERSITÀ E AMICIZIA Scuola dell Infanzia di Verghera: un anno da festeggiare insieme! Diversità e amicizia: questi i due temi della festa

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi alla Conferenza Internazionale Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Padova, 15 giugno 2007 1 Il servizio civile come celebrazione del 50 dei trattati

Dettagli

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite secondo il ritmo e la logica di un altra lingua, quella

Dettagli

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 RINGRAZIO IL PRESIDENTE VEGAS PER AVERMI INVITATO IN OCCASIONE DELLA SUA PRIMA RELAZIONE ANNUALE. IL FATTO CHE SIAMO QUI OGGI TESTIMONIA

Dettagli

Alternative: creazione associazione che operi come ha sempre operato isf e creazione una cooperativa nella quale ci siano persone retribuite.

Alternative: creazione associazione che operi come ha sempre operato isf e creazione una cooperativa nella quale ci siano persone retribuite. Odg 1. isf italia Guido: piccola storia isf italia Quest anno week-end nazionale ad Ancona ma sovrapposto con altri eventi qui a TN (festa di mesiano). Cmq c è stato movimento e dopo percorso fatto dalle

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

GIULIO VALESINI FUORI CAMPO

GIULIO VALESINI FUORI CAMPO BIKE TO WORK Di Giulio Valesini FUORI CAMPO Se andate a lavoro in bicicletta il comune vi paga. L ha proposto ai suoi cittadini il sindaco di Massarosa. Un paese in provincia di Lucca, che indossa di diritto

Dettagli

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia Il Medio Oriente si scopre progressista Una ricerca dalla University of Michigan Institute for Social Research mette a fuoco la percezione della donna in sette paesi a maggioranza musulmana (Ilaria Orrù)

Dettagli

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa.

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Vero Falso L archivio telematico contiene solo le offerte di lavoro.

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon

Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon Ci sono delle slide che Renzi in occasione dei due anni dall insediamento del suo governo (22 gennaio 2014) non vi farà certamente

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

PUBBLICITA' E DECORO URBANO. stampa chiudi

PUBBLICITA' E DECORO URBANO. stampa chiudi stampa chiudi PUBBLICITA' E DECORO URBANO Cartelloni abusivi mai rimossi: i comitati per il decoro denunciano sindaco e assessore «Omissione d'atti d'ufficio» e «collocamento pericoloso di cose» i reati

Dettagli

Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati

Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati ebook pubblicato da: www.comefaresoldi360.com Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati Perché possono essere una fregatura Come e quanto si guadagna Quali sono le aziende serie Perché alcune aziende ti pagano

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3 PRONOMI ACCOPPIATI es: Carlo mi porta il libro Carlo me lo porta Mario ci porta gli sci Mario ce li porta Carlo le regala un libro Carlo glielo regala. indiretti diretti IO ME TU TE LUI GLIE - LO LEI GLIE

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono 1 Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono presentati sul mercato del lavoro. Tali informazioni provengono

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

La Costituzione Italiana per i ragazzi

La Costituzione Italiana per i ragazzi The International Association of Lions Clubs Distretto 108 Ib2 La Costituzione Italiana per i ragazzi www.accademiasantagiulia.it Cari ragazzi, vi domanderete chi sono i Lions e perché distribuiscono opuscoli

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini.

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Il nuovo sondaggio politico che abbiamo realizzato nell'universo del nostro indirizzario

Dettagli

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012)

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) POLITIKA Napolitano e Nikolic, Non si devono porre nuove

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari Nono Seminario regionale della Rete europea dei difensori civici Cardiff 22 24 giugno Seconda sessione: Promuovere i diritti di una popolazione che invecchia Invecchiare con cura: tutelare la libertà di

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Costruiamo insieme una nuova cultura!

Costruiamo insieme una nuova cultura! Cittadinanza &Costituzione - Programma nazionale di EducAzione alla pace e ai Diritti Umani La mia scuola per la pace promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Giornalismo investigativo strumento di verità

Giornalismo investigativo strumento di verità colophon editore delos store Ordinaria Follia a cura di ARIANNA E SELENA MANNELLA Giornalismo investigativo strumento di verità di ARIANNA E SELENA MANNELLA Oggi il problema non è la mancanza di informazione

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Benvenuti nell era del web 2.0

Benvenuti nell era del web 2.0 Un utente isolatonon può fare nulla. Si relaziona unicamente con l ambiente esterno e sebbene insoddisfatto non ha la possibilitàdi cambiare le cose. Due utentiin relazione possono confrontarsi e l esperienza

Dettagli

INTERVENTO ON. BERGAMINI

INTERVENTO ON. BERGAMINI Informativa urgente del Governo sul trattamento riservato ai migranti nel Centro di soccorso e di prima accoglienza di Lampedusa, come emerso in un recente filmato trasmesso dalla RAI 21 dicembre 2013

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Quanto costa il mio fondo pensione?

Quanto costa il mio fondo pensione? Quanto costa il mio fondo pensione? Le differenze con il mercato e i nostri punti di forza Uno dei temi principali su cui il mercato della previdenza complementare si confronta è quello relativo ai costi

Dettagli

COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne

COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne t1 COME MISURARE LA VIOLENZA L indagine nazionale sulla sicurezza delle donne Roberta Barletta Ricercatrice ISTAT Diapositiva 1 t1 dimensioni altezza 0,7 larghezza 2,41 posizione 0,93-1,16 tabanell; 19/04/2006

Dettagli

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale?

Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor Unità 2.6 Come usare il mentoring per l orientamento professionale? Tempistica 40-45 minuti Competenze Competenza 27 conoscere i percorsi professionali di un area

Dettagli