Partorire senza dolore: realtà

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Partorire senza dolore: realtà"

Transcript

1 Marchio depositato PERIODICO DI INFORMAZIONE SOCIO SANITARIA DELL ULSS N. 10 VENETO ORIENTALE Anno III Numero II Luglio Inaugurato il nuovo Distretto del Litorale Partorire senza dolore: realtà consolidata a San Donà Speciale estate: Come controllare il vostro peso Tatuaggi e massaggi in spiaggia: un pericolo per la vostra salute A pagina A pagina 8-9 A pagina

2 S O M M A R I O Si alza il sipario sul nuovo Distretto del Litorale Nuove nomine in Azienda 6-7 A Caorle lo sportello integrato per le fasce deboli della popolazione 7 Gli istituti scolastici in prima linea contro il fumo di tabacco 7 La solidarietà dell ULSS10 7 Partorire senza dolore: l ULSS10 esegue questa pratica da 13 anni 8-9 Tatuaggi e massaggi in spiaggia: un pericolo per la vostra salute 10 In questo numero Vacanze sicure a Bibione e Jesolo: più mezzi e uomini per la sicurezza dei turisti e dei residenti 11 Operatori sul litorale contro l abuso di sostanze ed alcol 11 La foto notizia di questo numero Estate: come controllare il vostro peso Le insidie del mare: pochi e semplici consigli per evitare che una vacanza possa trasformarsi in tragedia Conoscere l ospedale: l Anatomia Patologica A Portogruaro è aperto il nuovo ambulatorio per la malattia di Parkinson 20 Anche la Pediatria di San Donà aderisce al progetto Baby Reyer 20 A Portogruaro: inaugurato il monumento Al donatore di sangue e di organi 20 Diabete: la gestione integrata del paziente diabetico 21 Violenze e stalking sulle donne: ora c è una struttura che offre protezione e supporto nella massima riservatezza 21 A San Donà una commissione per le pari opportunità tra uomo e donna 22 La casa di riposo Ida Zuzzi raggiungerà i 96 posti letto 22 La casa di riposo Monumento ai caduti in guerra protagonista alla marcia di beneficienza a San Donà 23 Angolo del Sorriso 23 Trimestrale dell ULSS 10 Veneto Orientale Direttore Responsabile: Mauro Zanutto Direttore Editoriale: Paolo Stocco Comitato di redazione Luigi Basso, Ornella Moretto, Pierpaolo Pianozza, Federico Rigutto, Graziano Teso, Mauro Zanutto. Redazione Piazza De Gasperi San Donà di Piave (Ve) 2 Stampa Centro Stampa Puiatti - Via delle Industrie, Fossalta di Portogruaro ProgetTO GRAFICO Studio Idee Materia Anno 1II Numero 1I Registrazione Tribunale di Venezia N. 19 del 13 settembre 2008

3 attualitá IL NUOVO DISTRETTO DEL LITORALE Una meravigliosa giornata di sole, la banda cittadina, le autorità, una cornice di pubblico, lo scorso 11 aprile hanno accolto l inaugurazione del nuovo Distretto del Litorale posto in Riva dei Bragozzi a Caorle. La struttura nuova di zecca, a supporto della comunità locale ma anche dei milioni di turisti che ogni anno soggiornano in questo litorale, raggruppa i servizi sanitari distribuiti precedentemente in varie strutture. E per l occasione, oltre ai vertici dell ULSS10 e del Comune di Caorle, presenti con il direttore generale Paolo Stocco ed il sindaco Marco Sarto, sono intervenuti anche il neo assessore regionale Daniele Stival e la presidente della Provincia di Venezia, Francesca Zaccariotto. <<Il nuovo distretto del litorale corona il proficuo rapporto di collaborazione tra l Azienda sanitaria ed il Comune di Caorle ha detto il direttore generale dell ULSS 10-. Questa struttura era attesa da anni, ora abbiamo finalmente non solo nuovi uffici ma un punto di primo soccorso all altezza dell offerta turistica. Quest opera ci permetterà di erogare un miglior servizio di assistenza socio-sanitaria, sia per gli ospiti di Caorle che per i residenti. Nella redazione del progetto tutto è stato curato nei minimi dettagli, dagli spazi interni ai parcheggi per l utenza, dai nuovi arredi al risparmio energetico>>. Una struttura che la comunità di Caorle ha accolto a braccia aperte: <<Un opera essenziale per la nostra quotidianità- ha precisato il sindaco Marco Sarto-. Ora possiamo offrire ai residenti un servizio di qualità con spazi più consoni e adeguatamente attrezzati. Oltre che ai caorlotti questa struttura costituirà un valore aggiunto alla già qualificata offerta turistica>>. L ex sede del punto di primo soccorso, sarà destinata a finalità pubbliche in ambito socio-sanitario: <<Ci saranno degli spazi per l Avis -ha concluso il sindaco Sarto- ed altri per un progetto che stiamo studiando con i medici di base>>. L assessore regionale all Identità Veneta, Daniele Stival, ha elencato le motivazioni che hanno portato la Regione Veneto, nella legislatura , alla riforma del servizio sanitario e con esso la decisione di costituire il Distretto del Litorale proprio a Caorle perché posto in zona centrale della costa orientale. Il plauso per la concretizzazione di questo progetto è giunto anche dalla presidente della Provincia Francesca Zaccariotto la quale ha rivendicato il ruolo e l importanza della Venezia orientale nel contesto turistico- sanitario regionale. Non sono mancati all inaugurazione anche l ex direttore generale dell ULSS10, Giorgio Spadaro e i tecnici che hanno seguito in prima persona la realizzazione dell edificio, l ingegner Peter Casagrande (direttore del dipartimento delle Risorse Tecniche dell ULSS10) e l ingegner Enzo Lazzarin per il comune di Caorle. 3

4 attualitá IL NUOVO DISTRETTO DEL LITORALE HANNO DETTO: Paolo Stocco Questa struttura era attesa da anni, e con essa, oltre ai nuovi uffici, abbiamo anche un punto di Primo Soccorso di qualità. Da oggi è possibile erogare un miglior servizio dell assistenza socio-sanitaria, sia per gli ospiti di Caorle che per i residenti. F r a n c e s c a Zaccariotto Un opera di grande significato ed utilità: sotto l aspetto sanitario, di immagine del nostro territorio e della nostra efficienza, per i milioni di turisti che ogni anno soggiornano sul litorale veneziano. Daniele Stival La scelta di localizzare il distretto del litorale a Caorle è nata nella legislatura dove andammo a ridisegnare la Sanità del Veneto. Fu deciso che il distretto dovesse essere posto a metà strada; oggi abbiamo la conferma che quella era una scelta giusta. Marco Sarto Ora possiamo offrire ai residenti un servizio di qualità, perché se la professionalità degli operatori è sempre la stessa, con gli spazi più consoni ed attrezzati il lavoro sarà organizzato meglio ed il servizio complessivo sarà migliore. 4

5 attualitá PROGETTAZIONE DELL OPERA E COSTI E stata affidata allo Studio Sanson & associati di Treviso: la progettazione è iniziata nel 2003 e si è conclusa a dicembre 2006 con l approvazione del progetto esecutivo. Il lotto di terreno su cui sorge l edificio è compreso tra viale dei Tropici a sud, l argine del Canale dell Orologio ad est e nord, ed una strada di distribuzione delle residenze attigue alla Darsena, ad ovest. Il costo della struttura è stato fissato dal progetto esecutivo in di cui di euro finanziato dal comune di Caorle (che ha messo a disposizione anche il terreno in cui sorge il nuovo distretto) mentre il restante euro è stato finanziato dall ULSS10. I lavori sono iniziati nel 2007 e conclusi nel Le funzioni di responsabile unico del procedimento sono state svolte dall ingegner Enzo Lazzarin, dirigente del Comune di Caorle, mentre le fasi di progettazione preliminare e definitiva sono state seguite dall ingegner Peter Casagrande, direttore di dipartimento delle Risorse Tecniche dell ULSS10. L EDIFICIO. E progettato come un unico corpo di fabbrica con sviluppo di circa 50 ml e di larghezza intorno ai 13 ml, per una superficie coperta di circa 593 mq ed altezza di tre piani di diversa superficie (piano terra 593 mq, piano primo 457 mq, piano secondo 161 mq. L altezza massima del complesso è di circa 13 m. DISTRIBUZIONE DEGLI SPAZI. La struttura è articolata su più aree funzionali per piano. Al piano terra sono posti: l ingresso principale, l ingresso ambulanze e gli ingressi di servizio (nella parte retrostante); il punto di primo soccorso con un ambulatorio di emergenza (avente caratteristiche tecnico-impiantistiche di sala operatoria da 23,8mq), un ambulatorio visita (16mq) ed astanteria (26,7mq), l accettazione ed una stanza per il medico di guardia; il servizio di Continuità Assistenziale e di medicina turistica con tre ambulatori, le guardie mediche con accettazione dedicata. In questo spazio vi sono inoltre e le attività amministrative del distretto (CUP, Cassa, Anagrafe sanitaria). Al primo piano vi sono: l assistenza sanitaria territoriale con ambulatorio e servizi annessi, i locali per il personale, l Igiene pubblica, il punto prelievi. Il secondo piano ospita: gli uffici della sede direzionale; gli uffici per le attività amministrative del distretto. DETTAGLI ESTERNI RISPARMIO ENERGETICO Sia all interno che all esterno sono state adottate soluzioni per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche, mentre all esterno sono disponibili adeguati spazi per il parcheggio degli utenti. Finalizzato al sensibile risparmio energetico, è stato installato un impianto a pannelli solari posto sulla copertura della torre tecnica, a supporto della caldaia a condensazione per la produzione di acqua calda. Il Punto di Primo Soccorso è servito da un ponte radio dedicato per le comunicazioni di emergenza, anche in assenza delle infrastrutture telefoniche esterne. Messaggio promozionale L acqua e i suoi pregiudizi Durezza, ACQUA Ioni DEL Calcio RUBINETTO: e Magnesio UNA GARANZIA A.S.I. S.p.A., che Considerevoli da L acqua oltre 60 anni e i riduzioni suoi fornisce pregiudizi La durezza di un acqua è dovuta alla concentrazione acqua a costi potabile e di Calcio tariffe ai e comuni Magnesio, sono del elementi state Durezza, territorio del Ioni Basso necessari Calcio decise Piave, alla e salute Magnesio dall A.S.I. è del sempre nostro S.p.A., organismo. posta l azienda come obiettivo che cura prioritario la gestione la a durezza qualità di dell acqua un acqua Calcio e è dovuta Magnesio fornita. alla del servizio Una vengono concentrazione qualità idrico assunti che di nella principalmente Calcio va ben e Magnesio, zona oltre con il elementi del derivati semplice Basso del necessari Piave. rispetto latte alla e carni salute del nostro Tali dei requisiti rispettivamente. organismo. Calcio e Magnesio vengono assunti principalmente con derivati del latte e carni rispettivamente. legislativi, ribassi sono come entrati testimoniato in vigore dalla nel mese dottoressa di marzo Patrizia e sono Soggetta all attività di direzione e Lo sai che: coordinamento della Piave Lo Servizi Ragazzo, sai S.c.r.l. che: Responsabile della Sezione Controllo e Sviluppo Tecnologico Non dei esiste Processi, evidenza Non esiste che di associazione la evidenza manifestazione di si occupa causale associazione della tra qualità durezza concreta causale ed tra dell acqua effetti durezza dell attenzione sanitari ed effetti nei indesiderati? sanitari che indesiderati? l azienda suoi molteplici azienda servizi integrati Bevendo 2 litri Bevendo di acqua rivolge 2 potabile litri di acqua al agli giorno, potabile utenti. la quantità al giorno, di la Ca quantità e Mg assunta di Ca e non Mg assunta supera n on il 15% su p era il della aspetti. quantità 15% assunta d ella q Soggetta all attività di direzione e Più con u a n t precisamente gli it à alimenti? a ssu n t a con g li a lim e n t i? Il sodio sono stati stabiliti ribassi per le tariffe - Dottoressa, ma è vero che l acqua che beviamo viene controllata coordinamento della Piave Servizi S.c.r.l. Il sodio è un minerale tutti essenziale i giorni? presente in Certo, abbondanza di progettazione per nell organismo questo la per dove nostra conto svolge azienda numerose terzi, si e diminuite importantissime è dotata del di funzioni una 30%, tra e Il sodio cui la regolazione dell equilibrio idrico. Un assunzione sezione - con laboratori per i altamente costi eccessiva dell allacciamento di questo elemento può qualificati - per la alla favorire gestione rete fenomeni aziendale, ipertensivi e il controllo per in i Il sodio dell intero è un minerale processo essenziale soggetti di potabilizzazione. presente predisposti, in ai abbondanza quali viene consigliata nell organismo una dieta quali dove povera si svolge di è attuata numerose sale. una e importantissime diminuzione funzioni del 10%. tra cui Sono la regolazione stati, dell equilibrio idrico. Un assunzione Lo sai che eccessiva di questo elemento può favorire fenomeni ipertensivi in soggetti predisposti, ai quali viene consigliata una - dieta Quali povera controlli di sale. vengono In condizioni effettuati? normali le necessità di inoltre, crescita di eliminati neonati e i bambini contributi rispettivamente, che gli richiedono utenti pagavano almeno per Lo Vengono sai che effettuate analisi mg/giorno sia chimiche di sodio mentre che per microbiologiche un adulto le spese la richiesta di minima nei contratto diversi è 500? (25 punti ) di e produzione per le autorizzazioni (risorsa di allo In Soggetta partenza, condizioni normali all attività fasi le di di necessità direzione potabilizzazione Per di crescita coprire questo di neonati e coordinamento e fabbisogno della consegna e bambini rispettivamente, la Piave finale) sola scarico acqua con erogata fognario richiedono frequenza dai tuoi delle almeno rubinetti utenze giornaliera un bambino ad mg/giorno uso dovrebbe in domestico funzione di sodio bere dai mentre della 6 (100 ai 40 per litri ). un adulto la richiesta minima è di 500? d acqua al giorno mentre un adulto dai 20 ai 150? significatività. Inoltre Servizi negli S.c.r.l. Per coprire questo fabbisogno con ultimi la sola anni, acqua erogata per escludere dai Queste alterazioni importanti qualitative al novità rubinetto sono i controlli state sono presentate stati Con 2 litri della stessa acqua l adulto copre dall 1 al 9% del suo fabbisogno giornaliero? tuoi estesi rubinetti anche un bambino alle dovrebbe reti domestiche, bere dai 6 ai 40 presso litri d acqua utenze nell assemblea sentinella individuate dei Comuni per rappresentare soci del 10 le marzo diverse Sodio ed alimenti 2009 al giorno tipologie mentre di un acqua adulto fornita dai 20 ai nel 150? territorio. Con 2 litri della stessa acqua Lo sai l adulto che copre dall 1 al 9% del suo durante la quale è stato approvato il budget per l anno fabbisogno - Un ultima giornaliero? battuta, Il sodio ma lei viene beve assunto l acqua principalmente del con rubinetto? Ovviamente! Il nostro lavoro garantisce un acqua di buona qualità e gli non alimenti? solo conforme ai limiti di legge. Le assicuro che l acqua che beviamo, come si può Sodio verificare ed alimenti confrontando i dati forniti in bolletta e nel nostro sito, è del tutto paragonabile a quella imbottigliata. Un Lo importante sai che: Il sodio obiettivo viene In assunto tabella, per insieme il principalmente 2009 alle - quantità spiega con di gli il sodio alimenti? Presidente Luigi d Elia - è quello di proseguire il miglioramento dell efficienza L acqua distribuita organizzativa contenute in da A.S.I. per alcuni garantire alimenti tipici dichiara il all utenza vengono Presidente un dell azienda, servizio a Comm. minor Luigi costo, d Elia assicurando - dimostra la che qualità scelte della In tabella, insieme alle quantità riportati di i sodio litri d acqua contenute necessari in ad alcuni assumere alimenti strategiche tipici vengono in riportati termini le stesse i di litri tecnologie quantità d acqua di necessari sodio. e competenze ad assume- sono strumenti indispensabili di garanzia e qualità. prestazione. re le stesse quantità di sodio. P CONTATTI CONTATTI CONTATTI TELEFONO: S p ort ello d i S a n Don à di P ia ve S p ort ello d i Jesolo Sportello di Caorle TELEFONO: TELEFONO: FAX : FAX : FAX : Sportello di San Donà di Via Piave N. Sauro, 21: Sportello di Jesolo Via Mameli: Sportello Loc. di Ponte Caorle Bilancia: Sportello Via N. Sauro, di San 21: Donà di Da Piave lunedì a giovedì : 8.30 Via Sportello Mameli: di - Jesolo Lunedì, mercoledì, venerdì: Loc. Sportello Ponte Martedì Bilancia: e di giovedì: Caorle Via Da N. lunedì Sauro, a giovedì 21: : Lunedì, Via Mameli: mercoledì, venerdì: Martedì Loc. e Ponte giovedì: Bilancia: Venerdì : Da lunedì a giovedì : Lunedì, mercoledì, venerdì: Martedì e giovedì: Venerdì : Venerdì :

6 attualitá NUOVE NOMINE IN AZIENDA La direzione generale dell ULSS10 ha proceduto alle nomine di nuovi direttori di distretto e di unità operativa, con decorrenza giugno 2010, per quanto riguarda gli ambiti di San Donà, Jesolo, Portogruaro. Gianfranco Cereser è il nuovo direttore del Distretto 1 Sandonatese e direttore della Funzione Distrettuale dell ULSS10 Il dottor Cereser è specialista in Igiene, ha sempre operato nella sanità pubblica con incarichi di alta responsabilità. Dal febbraio 2003 ricopre l incarico di direttore del Dipartimento Servizi della Direzione Sanitaria, con competenze di coordinamento delle attività territoriali. <<Innanzitutto intendo ringraziare l Amministrazione per la fiducia che mi è stata concessa -dichiara Cereser- in secondo luogo ringrazio i miei predecessori, le dottoresse Battiston e Chinellato, per il ruolo e le attività svolte. Sono convinto che per conseguire gli obiettivi di questa Azienda, relativi al Territorio, sia necessaria la collaborazione e l impegno di tutti, a tutti i livelli. In merito a ciò sarà fondamentale l intesa e la collaborazione con gli altri 2 direttori di distretto, Dario Zanon e Maura Chinellato, nonché con tutti i responsabili delle unità operative aziendali e relativo personale, che ringrazio fin d ora>>. Sergio Stefanon è il nuovo direttore alle Cure Primarie del Distretto 1 Sandonatese Il dottor Stefanon ha lavorato al Dipartimento di Prevenzione (di questa ULSS), con esperienza pluriennale in progetti di cooperazione in sanità pubblica sostenuti dal Ministero degli Affari Esteri, è stato inoltre direttore delle Cure Primarie al Distretto 3 - Portogruarese, dal quale proviene. <<Ringrazio la direzione aziendale per la fiducia dimostratami- dichiara Stefanon- nei pochi giorni trascorsi dalla mia nomina ho avuto il piacere di apprezzare la capacità e la professionalità del personale dell unità operativa delle Cure Primarie, è quindi con spirito di servizio alla persona che mi impegno a svolgere il mio incarico in questo territorio>>. Innocente Piazza è il nuovo direttore dell unità di Medicina presso l ospedale di Jesolo Nato nel trevigiano 58 anni fa, il dottor Piazza si è laureato a Padova con il massimo dei voti, è inoltre specializzato in Ematologia (nel 1980), Allergologia (nel 1983) ed in Pneumologia (1990); ha lavorato per oltre 30 anni presso la medicina dell ospedale di San Donà di Piave dove, oltre all attività di reparto, era responsabile dell ambulatorio di allergologia e di pneumologia. In questa sede, in particolare, ha iniziato e sviluppato l attività broncoscopica, indagine indispensabile nella diagnosi delle malattie respiratorie, in particolare dei tumori del polmone. <<La divisione di Medicina di Jesolo è un ottimo reparto, ricco di professionalità e che risponde, oltre alle esigenze assistenziali del territorio dell ULSS 10 anche a quelle di tutta la popolazione del Cavallino, in quanto - spiega il nuovo primario- anche giuridicamente appartenente all ULSS12, per ovvi motivi geografici si rivolge soprattutto al nosocomio jesolano per il pronto soccorso, per malattie gravi e per patologie minori gestibili in regime ambulatoriale>>. <<Intendo sviluppare attività specialistiche, così come percorsi assistenziali diagnostici e terapeutici - conclude il dottor Piazza- che permettano l integrazione con gli altri reparti medici, e che favoriscano, allo stesso tempo, l integrazione tra i presidi ospedalieri dell ULSS10. In questo modo si potranno erogare migliori livelli di assistenza al cittadino>>. 6

7 attualitá Franco Laterza dal 16 giugno è nuovo direttore del Pronto Soccorso a San Donà e Jesolo Il dottor Laterza è nato a Bolzano 53 anni fa; si è laureato all Università di Ferrara nel 1981 dove ha conseguito anche la specializzazione di Chirurgia d Urgenza e Pronto Soccorso. Per quanto riguarda la carriera lavorativa, dal 1985 al 1987 è stato in servizio al Pronto Soccorso di Portogruaro, dal 1987 al 1990 al pronto soccorso di San Vito al Tagliamento e nell ultimo ventennio nuovamente nel pronto soccorso di Portogruaro. <<In questa unità ho trovato entusiasmo e voglia di lavorare- commenta il dottor Laterza-. Fin da subito ho avviato un processo di riorganizzazione degli spazi ricavando tre distinte zone di lavoro, a seconda dei codici di gravità: il rosso per i casi gravissimi, il giallo per i casi gravi, il verde per i casi meno urgenti. In questo modo è possibile avere un sensibile miglioramento nell organizzazione del lavoro. Sarà inoltre avviato a breve un processo di formazione del personale, con medici interni -continua il nuovo primario del pronto soccorso- al fine di uniformare il personale giovane, qui impiegato, all esperienza dei più esperti>>. LO SPORTELLO INTEGRATO PER LE FASCE DEBOLI DELLA POPOLAZIONE Caorle ha un punto di riferimento dedicato alle fasce deboli della popolazione. Lo scorso giugno è stato infatti inaugurato lo sportello integrato presso la sede del Distretto del Litorale. La finalità del nuovo servizio è concretizzare le dimissioni protette per gli anziani fragili, ma allo stesso tempo è una porta unica di accesso ai servizi per gli anziani, i quali possono trovare informazioni, modulistica, un assistente sociale che offre consulenza per tutti i casi riguardanti stati di difficoltà sociale ed economico: dall anziano che necessita di una badante a chi necessita di essere affidato ad una casa di riposo. Lo sportello integrato è attivo il martedì e giovedì dalle 9 alle 13. Tel GLI ISTITUTI SCOLASTICI CONTRO IL FUMO DI TABACCO Continua l attività di sensibilizzazione dell ULSS10 contro il fumo di tabacco, fenomeno che, secondo l Istituto Superiore della Sanità, coinvolge nel mondo oltre un miliardo di persone tra le quali 20% di sesso femminile. In occasione della giornata mondiale contro il fumo (31 maggio), al centro culturale Leonardo Da Vinci di San Donà è stata organizzata una giornata ed un concorso a tema, con il coinvolgimento degli istituti scolastici locali. Il primo premio è stato assegnato a Riccardo Urban, 3 B dell istituto Enrico Toti di Musile. Hanno partecipato all evento il direttore sociale dell ULSS10, Claudio Beltrame; le dottoresse Giuseppina Valente e Cosetta Lambertini; il dirigente dell istituto comprensivo Schiavinato (San Donà) Anna Maria Babbo; l assessore comunale alla Pubblica Istruzione Ornello Teso. Questi gli istituti che hanno aderito al progetto: De Amicis di Eraclea; Toti di Musile di Piave; Ippolito Nievo di San Donà; Schiavinato di S Donà; media statale Bertolini di Portogruaro; la media statale Toniolo di San Stino; istituto comprensivo Mazzini di Noventa di Piave; la media Mattei di Annone Veneto; il Fogazzaro di La Salute di Livenza; il Tito Livio di San Michele al Tagliamento. LA SOLIDARIETÁ DELL ULSS10 Un gesto di solidarietà in ricordo di Maria Luisa Buran, ex dipendente di questa ULSS, recentemente scomparsa a causa di una malattia inguaribile. E quello che hanno compiuto un gruppo di colleghi sulla scia di un desiderio espresso dalla stessa Maria Luisa, a favore dell Oncologia di San Donà. Ebbene la loro solidarietà ha permesso di raccogliere 720 euro con i quali sono stati acquistati un televisore, una libreria, dei fiori e dei libri: il tutto sarà messo a disposizione dei pazienti che devono sottoporsi alle terapie oncologiche. Un secondo contributo solidale è stato devoluto all associazione veneta Onlus Fibrosi Cistica alla quale Maria Luisa era particolarmente affezionata. 7

8 attualitá PARTORIRE SENZA DOLORE L Ulss10 esegue questa pratica da 13 anni 8 Per spiegare cos è un parto indolore iniziamo dal termine analgesia che deriva dal greco e significa senza dolore. Con il termine di partoanalgesia o parto indolore si intende quindi un trattamento medico che permette di partorire in modo naturale evitando o riducendo al massimo il dolore. Da sempre si cerca infatti di combattere il dolore del parto in svariati modi: gli antichi egizi ricorrevano a riti magici ed amuleti, i greci e i romani utilizzavano infusi di erbe ed in Inghilterra, nel 1853, la Regina Vittoria in occasione della nascita del Principe Leopoldo, fu sottoposta ad anestesia con cloroformio. Attualmente, tra le varie tecniche sperimentate sino ad oggi, quella più efficace e sicura risulta essere la tecnica dell anestesia: la stessa usata per milioni di interventi chirurgici e da oltre 50 anni anche per il travaglio del parto; in una sola parola Analgesia Peridurale. La partoanalgesia peridurale La partoanalgesia peridurale provoca la perdita di sensibilità nelle zone inferiori del corpo lasciando la futura mamma libera di muoversi, di sedersi e di collaborare con le ostetriche. L anestesia peridurale viene somministrata a livello lombare in un piccolo spazio (chiamato peridurale o epidurale) al di sotto del punto in cui termina il midollo spinale. All atto pratico, alla futura mamma verrà chiesto sedersi o sdraiarsi sul fianco con la schiena curvata e di attendere sino al completamento della procedura. Un infermiere di anestesia aiuterà nel frattempo l anestesista a svolgere la citata procedura, supportando la futura mamma nel mantenere la posizione adeguata. I vantaggi del parto indolore La futura mamma rimane sveglia e rilassata per tutta la durata del travaglio e ciò le consente di apprezzare l esperienza del parto; togliere il dolore durante la contrazione uterina permette alla futura mamma di mantenere una respirazione, una pressione arteriosa e una frequenza cardiaca più vicine ai valori normali migliorando l ossigenazione fetale attraverso il circolo feto-placentare; con la partoanalgesia peridurale si ottiene sollievo dal dolore senza somministrare farmaci endovenosi o per via orale alla mamma che possano poi attraversare la placenta, viene così tolto il dolore preservando il benessere fetale; se si rende necessario ricorre a un taglio cesareo, il cateterino peridurale può essere utilizzato per aumentare l analgesia o produrre un anestesia. A questo punto sarà disinfettata la parte inferiore della schiena e la paziente sentirà una piccola puntura di anestesia locale, avvertirà poi una pressione nella fase in cui verrà posizionato un sottile tubicino (cateterino) fissato sterilmente con dei cerotti. Attraverso il cateterino verranno somministrate piccole dosi di farmaco per alleviare il disagio del dolore da travaglio a distanza di minuti; la neo mamma potrà comunque percepire le contrazioni e sentire le visite mediche mentre il travaglio procede. Ottenuto il sollievo dal dolore la stessa potrà anche camminare e muoversi liberamente. In caso fosse necessario fare il taglio cesareo, la stessa tecnica potrà essere utilizzata per l anestesia vera e propria. <<La percezione e soprattutto la tolleranza al dolore sono estremamente variabili da persona a personaspiega il direttore dello staff di anestesia, il dottor Fabio Toffoletto-. Alcune donne sono gratificate e confermano la propria competenza se vivono il travaglio ed il parto al riparo da ogni intervento medico, mentre per altre future mamme il dolore o la paura del dolore possono rappresentare un evento fortemente negativo che impedisce di vivere la nascita del bambino in modo sereno. Alleviare o togliere il dolore nel travaglio di parto può contribuire non solo a migliorare la qualità di vita della futura mamma, ma può anche ridurre gli effetti che il dolore stesso provoca sulla madre e sul bimbo>>. Gli svantaggi del parto indolore A distanza di 50 anni dall utilizzo di questa tecnica per il parto indolore, il nostro ospedale la propone e la utilizza dal 1997, gli svantaggi sono ben pochi; all inizio della procedura si applica oltre al consueto monitoraggio, una fleboclisi al braccio della futura mamma in modo da essere in condizione di massima sicurezza; potrebbe essere necessario l utilizzo di farmaci stimolanti la contrattilità dell utero; complicanze maggiori (cefalea, parestesie, ematoma ed altre) sono descritte in una percentuale minima di casi e dettagliatamente spiegate nel consenso informato.

9 attualitá Cinque domande al dottor Fabio Toffoletto E pericoloso sottoporsi al parto indolore? <<L analgesia peridurale è ormai una pratica comune in tutti i paesi sviluppati, per cui i rischi sono molto ridotti. Per ulteriori dettagli la futura mamma può discuterne con l anestesista, con il ginecologo e con l ostetrica nel corso della visita anestesiologica>> Quando viene messo il cateterino peridurale? <<Generalmente durante la prima fase, quando il travaglio è ben avviato. La donna ne discuterà con l anestesista, con l ostetrica e con il ginecologo>>. Provoca dolore? <<Quando l anestesista inietta l anestetico locale sulla cute si sente una piccola puntura seguita da una sensazione di lieve bruciore>> Il funzionamento è sempre garantito? <<Le statistiche riportano una percentuale di successo del 90%>> Quando è opportuno evitare il parto indolore? <<Il patto indolore non può essere utilizzato in presenza di disturbi della coagulazione del sangue e dell assunzione di farmaci anticoagulanti; se sono presenti infezioni localizzate sulla schiena o generalizzate; se ci sono alcune patologie della colonna vertebrale o rare patologie muscolari. Ovviamente esistono anche casi particolari che andranno discussi specificamente con l anestesista nel corso della visita anestesiologica>> Va considerato anche l aspetto etico della questione, cioè chi preferisce il parto naturale con la consapevolezza di dover affrontare il dolore.. <<La maggior parte delle donne teme che il sollievo dal dolore non renderà naturale la straordinaria esperienza del parto, due travagli di parto non sono mai uguali, il dolore non è mai lo stesso, alcune donne non necessitano di sollievo dal dolore mentre altre trovano che il sollievo dal dolore dia un controllo superiore sul travaglio e sul parto. Io consiglio alle future mamme di parlarne col il proprio ginecologo, con l anestesista, con l ostetrica. Siate aperte e serene, il nostro staff è a vostra completa disposizione per qualsiasi quesito>> Cara futura mammaa, se deciderai di partorire senza dolore sappi che... Intorno alla 37 settimana di gravidanza dovrai sottoporti alla visita con l anestesista che valuta le condizioni cliniche, gli esami necessari, darà quindi l autorizzazione alla procedura e ti farà firmare il consenso informato. Quest ultimo viene lasciato in visione nel corso di una specifica lezione del corso di preparazione al parto, nella quale un medico anestesista spiega la tecnica e si rende disponibile ad eventuali ulteriori domande. La firma del consenso informato è necessaria per poter eseguire il parto indolore, viceversa l aver firmato il consenso non comporta alcun obbligo per la paziente che può tranquillamente riservarsi la facoltà di decidere anche in un secondo momento se sottoporti o meno al parto indolore. Per prenotare una visita con l anestesista, basta rivolgersi alla segreteria di Anestesia posta al primo piano dell ospedale, raggiungibile seguendo il percorso 2 o telefonando al numero , dalle ore alle di tutti i giorni, escluso sabato e domenica. Dott. Fabio Toffoletto Direttore Unità di Anestesia e Rianimazione San Donà 9

10 estate TATUAGGI E MASSAGGI IN SPIAGGIA: UN PERICOLO PER LA VOSTRA SALUTE IL TATUAGGIO ALL HENNE Ogni anno, d estate, si ricorre sempre più spesso al tatuaggio per la voglia di attirare l attenzione con un originale disegno stampato sulla pelle, moda molto in auge in particolare fra i giovani. Poiché non tutti amano tatuarsi in modo permanente con aghi dolorosi ed inchiostri indelebili, si utilizza tuttavia sempre più spesso il tatuaggio all henné, che ha una durata variabile da due settimane ad un mese. Il tatuaggio all henné ha un origine molto antica: è una pratica diffusa fra i popoli dell area sahariana in occasione di feste ed eventi sacri. L henné è stato utilizzato nell antico Egitto per tingere i capelli della mummia di Ramses II. In Cina le donne usavano dipingersi le unghie con motivi floreali e nel XII secolo l henné arrivò anche in India. Questa pratica sta conquistando attualmente ampi consensi in Occidente. L impasto utilizzato per realizzare questo tipo di tatuaggio è formato da una miscela di polvere di henné, acqua tiepida e succo di limone, usato come fissatore per aumentare la durata della colorazione. Fino ad oggi la tintura per queste decorazioni che si fanno in spiaggia, in pochi minuti, era ritenuta del tutto innocua; in realtà l henné può essere pericoloso se si è allergici alla pianta specifica. Non solo: alcuni tatuatori aggiungono all impasto additivi chimici fra cui la para - fenilendiammina allo scopo di intensificare il colore del tatuaggio (dal bruno al nero più apprezzato) e per aumentarne la durata e ridurre il tempo di fissaggio dello stesso. Proprio la para - fenilendiammina è una sostanza che può provocare delle reazioni allergiche anche gravi, reazioni infiammatorie sulla pelle accompagnate da prurito e comparsa di macchie rosse e micro vescicole; può provocare un eczema da Esempio di allergia contatto che riproduce il motivo del disegno tracciato con l henné. E inoltre possibile che nella composizione della tintura usata per l esecuzione del tatuaggio siano presenti altri additivi chimici come l inchiostro o vernici usati per ottenere dei prodotti industriali a basso costo: ebbene questi additivi sono altamente allergizzanti. E evidente che in questo contesto, correlato alle scarse condizioni igieniche di un tattoo praticato in spiaggia, c è la reale possibilità di sviluppare infezioni batteriche come la follicolite o infezioni fungine. massaggi sotto l ombrellone Altra moda in auge sulle spiagge è quella di ricorrere a massaggi da parte di improvvisati operatori ambulanti. Non mi soffermerò sul rischio correlato all esecuzione di alcuni tipi di massaggi che possono essere realmente pericolosi (un massaggio decontratturante del collo può ad esempio provocare anche perdita di coscienza per un improvvisa stimolazione vagale); al di là di queste evenienze estreme e fortunatamente rare, non è trascurabile pensare alle numerose infezioni cutanee che possono essere veicolate da mani poco pulite e che toccano diverse persone durante la giornata, anche infezioni virali come le verruche volgari o i molluschi contagiosi. dott.sa Flavia Puglisi Specialista ambulatoriale Servizio di Dermatologia 10

11 VACANZE SICURE A JESOLO E BIBIONE PIU MEZZI E UOMINI PER LA SICUREZZA DEI TURISTI E DEI RESIDENTI Comuni e ULSS10 assieme per garantire vacanze più sicure ai turisti ed ai residenti durante l estate. Sono questi i presupposti sui quali è nato il progetto Vacanze sicure a Bibione e Jesolo con il finanziamento delle rispettive Amministrazioni locali. Si tratta sostanzialmente un aumento di mezzi e di personale sanitario nei giorni e nelle fasce d orario di maggior afflusso, dunque più a rischio incidenti, e in orari in cui si impennano le richieste di intervento d urgenzaemergenza. La presenza di più risorse sul territorio, dedicate alla salute della persona, è un implementazione del servizio ordinario che poche altre località balneari italiane forniscono alla propria clientela. Ecco allora che in piazza Mazzini a Jesolo, il progetto Vacanze sicure si concretizza dal 12 giugno al 15 agosto. Durante questo periodo, ogni venerdì e sabato, dalle ore alle ore 02.00, è presente un mezzo di soccorso con un infermiere ed un autista soccorritore. Ciò permette di intervenire più rapidamente, in caso di necessità, sia nel cuore del litorale che nelle zone limitrofe. In assenza di soccorsi, è inoltre prevista una fase di prevenzione con la distribuzione di materiale informativo sui rischi e danni provocati dall abuso di alcool e droghe. L orario complessivo di impiego è di 100 ore per gli infermieri e di 100 ore per gli autisti soccorritori, Nei fine settimana estivi molti di voi avranno notato gli operatori del Servizio per le Dipendenze di San Donà (Ser.D) posizionati con il proprio camper all esterno dei locali notturni: si tratta del progetto Off Limits mirato a prevenire i comportamenti a rischio da parte della popolazione giovanile: uso e abuso di sostanze, di alcol, guida in stato di ebbrezza. cui va aggiunto l impegno di altre 50 ore per la distribuzione del materiale al pubblico. A Bibione il progetto Vacanze sicure viene attivato nel punto di primo intervento di via Maja, dal 10 luglio al 29 agosto, dalle ore 8.00 del sabato alle ore della domenica. Qui viene incrementata la presenza del personale con un equipe costituita da un medico ed un infermiere esperti, inoltre l implementazione di un ambulanza attrezzata come unità mobile di rianimazione. In questo modo il mezzo ed il personale aggiuntivo, nelle giornate e fasce orarie in cui a Bibione sono più numerose le richieste di soccorso in codice rosso, possono intervenire con la massima tempestività ed efficacia in presenza di situazioni d urgenza-emergenza. OPERATORI SUL LITORALE CONTRO L ABUSO DI SOSTANZE E ALCOL estate Al camper di Off Limits i ragazzi possono accedere in modo libero, gratuito e anonimo per effettuare semplici test: l alcolimetrico per testare il proprio tasso di alcol nel sangue; inoltre ci si può anche sottoporre al test del CO, al fine di valutare la propria intossicazione da monossido di carbonio, usufruire di materiale informativo su sostanze stupefacenti ed alcol, avere consigli utili sugli effetti dovuti al consumo di sostanze. I giovani vengono accolti nello spazio Off limits possono chiedere informazioni, confrontarsi liberamente con gli educatori. Durante l estate la presenza degli operatori di Off Limits sarà sui litorali di Bibione, Caorle, Jesolo: località che a tutt oggi esercitano una forte attrazione sia sui giovani della zona che su quelli delle province limitrofe, funzionando da potente richiamo per quella fetta più giovane del turismo estivo. Il progetto Off Limits è stato attivato nel 1998 dall ULSS10 e continua a crescere di anno in anno: nel 2009 i contatti estivi sono stati tra i quali 689 ragazzi si sono sottoposti all etiltest. 11

12 live 12 Camminare in autonomia dopo anni di sedia a rotelle: nuova vita Ospedale di Portogruaro, ore L unità operativa complessa di Ortopedia e Traumatologia di Portogruaro tratta le patologie dell anca tipiche dell età giovanile, dell adulto e dell età senile, incluse le forme congenite e degenerative gravi quali la coxartrosi. Le varie patologie possono essere affrontate con interventi chirurgici conservativi (senza l uso di protesi) quali le osteotomie (sezioni) del bacino o del femore volte a ripristinare la normale

13 live morfologia e funzione; la lussazione chirurgica dell anca con risoluzione delle cause di conflitto o anomalo contatto tra bacino e collo femorale, responsabili dell insorgenza della coxartrosi nell adulto. Nelle forme degenerative con gravi lesioni della cartilagine articolare, quota prevalente dell attività chirurgica in questo reparto, viene praticata la sostituzione protesica dell articolazione. Quest ultima procedura viene normalmente eseguita con tecniche mini invasive o con tecniche tradizionali in relazione alla gravità della lesione od alla morfologia dell anca, garantendo così ad ogni singolo e specifico paziente il miglior posizionamento e durata possibile della protesi. Nella foto il direttore dell Ortopedia di Portogruaro, il dottor Luigino Turchetto, sta analizzando il caso di un bambino di otto anni, impossibilitato a camminare autonomamente in quanto colpito da una grave forma di displasia congenita trattata chirurgicamente con una serie di sezioni sul femore e sul bacino (osteotomie) che hanno permesso il riorientamento dell acetabolo e della parte prossimale del femore, rendendo così congruenti le superfici articolari. Con questa chirurgia il piccolo paziente ha potuto riprendere la deambulazione dopo 5 mesi. Ogni anno questo reparto ospedaliero esegue circa 350 interventi di chirurgia protesica e 30 interventi di chirurgia conservativa in giovani pazienti. 13

14 estate ESTATE: COME CONTROLLARE IL VOSTRO PESO 14 LA STORIA. Nell antichità l uomo, la sua famiglia, l intera tribù, trascorrevano la maggior parte del tempo della propria giornata alla ricerca del cibo per soddisfare il bisogno primario di bere e mangiare. Il suo organismo sviluppava tutta una serie di meccanismi biologici che gli permettevano di funzionare in modo semplice, pratico, efficiente. Nasceva così il gene risparmiatore, cioè la capacità biologica dell organismo di mettere da parte l energia sottoforma di grasso, al fine di accumulare carburante necessario per respirare, dormire, lavorare, vivere in periodi di mancanza di cibo. In sostanza chi non era capace di mettere da parte l energia sotto forma di grasso, moriva di fame mentre sopravvivevano, per selezione naturale, coloro che avevano sviluppato il Gene Risparmiatore. IL PReSENTE. Oggi il Gene Risparmiatore esiste ancora. Avendo a disposizione molto più cibo di un tempo, spesso mangiamo molto di più di quanto avremmo davvero bisogno per vivere e oltretutto ci muoviamo molto meno! Pertanto se da un lato la resistenza alle malattie è migliorata, e l aspettativa di vita è aumentata, gli abbondanti apporti alimentari hanno generato un aumento del peso e delle malattie del benessere strettamente collegate ad esso (diabete, cardiopatie, ipertensione, dislipidemie, tumori). Come sapere se il nostro peso è in eccesso? Utilizzate lo schema qui a lato e trovate il punto di intersezione tra il vostro peso e la vostra altezza. Come si può notare ci si discosta un po da un numeretto magico, quello che una volta veniva identificato come peso ideale o peso forma; si tratta invece di un intervallo di peso piuttosto ampio, che chiameremo peso ragionevole o di salute. A far la differenza è il luogo in cui questo grasso in eccesso è distribuito all interno del corpo. il deposito di grasso addominale, più tipicamente maschile (a mela), è molto più pericoloso del grasso sui fianchi tipico delle donne in età fertile (a pera). Il rischio aumenta se la circonferenza vita è maggiore di 102 negli uomini, 88 nelle donne. COME INTERVENIRE. Ricorrere a tristi gambi di sedano o alle carote crude per perdere velocemente i chili di troppo e superare la prova costume? Il peso sulla bilancia certamente scenderà, peccato che non si perderà solo l odiato grasso, ma anche liquidi e muscoli, la conseguenza è che ci ritroveremo un corpo ancora meno efficiente e più predisposto ad accumulare grasso in futuro. STATURA PESO 1,25 IMC ,30 DONNE UOMINI , ,40 Obesità di alto grado , ,50 Obesità di 80 medio grado 75 1,55 1,60 1,65 1,70 1,75 1,80 1,85 1,90 1,95 2,00 2,05 2,10 Sovrappeso NORMALE Sottopeso Una persona di statura 1,70 m per 75 kg rientra nella fascia sovrappeso A questo va aggiunta l impossibilità da parte della nostra macchina biologica di sostenere diete così ferree; se non vogliamo quindi sognare cibo a tutte le ore (sempre che si riesca a prender sonno) bisognerà cambiare ottica e rimettere in discussione il proprio stile di vita. E così che si ottengono dei risultati più lenti, ma duraturi. Ecco allora la PIRAMIDE ALIMENTA- RE: altro non è che una rivisitazione della dieta mediterranea, di ciò che facevano i nostri nonni. Alla base non pone neppure gli alimenti, ma l attività fisica, troppo bassa in una società in cui macchine e tecnologia sostituiscono l uomo nelle sue più semplici attività quotidiane. Questo ci porta ad essere meno connessi col nostro corpo, a riconoscere sempre meno gli stimoli fisici interni di fame e sazietà rendendoci più vulnerabili agli attacchi dei mass media che quasi mai si ispirano a concetti di salute, semmai a logiche commerciali

15 estate COME LEGGERE LA PIRAMIDE ALIMENTARE. In basso i cibi da consumare tutti i giorni nei pasti principali; prosegue in ordine decrescente fino al vertice, dove sono indicati quelli da prevedere solo settimanalmente. L acqua prima di tutto: è in quest elemento che avvengono tutte le reazioni biochimiche, quindi non deve mai mancare sia sulla tavola che nell arco della giornata. È bene assecondare sempre il senso dì sete e tentare anzi di anticiparlo (specie tra gli anziani in cui si avverte meno) bevendo in media due litri di acqua al giorno (in estate anche di più), con sorsi piccoli e frequenti. Moderazione, invece, per le bevande, come aranciate, cola, succhi di frutta ricche di zuccheri semplici. Troviamo alla base pane, pasta, riso, orzo o altri cereali, meglio ancora se integrali. Pensate un po! proprio quei cibi spesso esclusi da diete particolarmente drastiche che promettono risultati facili. Consumare quotidianamente una o due porzioni di frutta e due o più porzioni di verdura, che forniscono fibra, apportano vitamine e minerali e contengono sostanze ad azione protettiva, come vitamina C e carotenoidi. Tra i prodotti da consumare con regolarità, olio d oliva (attenzione solo alla quantità: 1 cucchiaio sono 90 cal.), noci e altra frutta secca (ricchi di omega 3) e legumi (i nostri nonni saggiamente li sostituivano alla carne). DA LIMITARE Carne rossa, insaccati e burro 1-2 porzioni Prodotti caseari 0-2 porzioni Pesce, pollame e uova 1-3 porzioni Noci e legumi in abbondanza Verdure sempre Meglio se Cibi integrali sempre Esercizio fisico quotidiano e controllo del peso La nostra tradizione culinaria con un forte utilizzo di erbe, spezie, aglio e cipolle ci aiuta inoltre a ridurre il sale il cui eccesso è nocivo per cuore e reni. Attenzione anche al sale nascosto: dado da brodo, ketchup, salsa di soia, senape, e merendine. Tra gli alimenti da consumare con minore frequenza troviamo quelli di origine animale. Fa eccezione il pesce soprattutto quello azzurro, il cui contenuto di omega3 svolge un azione protettiva per il cuore, ma non il pesce fritto, tipico alimento di sagre estive. Per quanto riguarda le carni preferire quelle bianche a quelle rosse. Buona norma eliminare il grasso visibile, preferendo la cottura alla griglia, che non necessita di condimenti. Attenzione particolare va rivolta a formaggi: sotto l alibi della fonte di calcio spesso se ne abusa; l astensione dal fumo, l attività fisica all aria aperta hanno un impatto sulla salute delle ossa anche superiore rispetto alle fonti di calcio e vit. D con la dieta. Questi alimenti, insieme con gli insaccati rappresentano una grossa insidia per le arterie perché sono un concentrato di calorie, sale, grassi saturi; inoltre hanno un bassissimo potere saziante. E il vino? Ferma restando la necessità di cautela e moderazione, da numerose ricerche emerge che chi è abituato a un regolare consumo di vino rosso tende a vivere più a lungo e a presentare una minore incidenza di malattie croniche rispetto a chi è la piramide alimentare porzioni giornaliere per un sano stile di vita DA LIMITARE Dolci, saccarosio, bevande grasse a quasi tutti i pasti Olii vegetali: soia, mais, girasole, oliva, ecc. 1-3 porzioni Frutta Sempre Pasta, riso, patate, polenta, farro, orzo, cereali, ecc. astemio. I dolci? Parola d ordine è moderazione per la presenza di zuccheri semplici in eccesso e grassi saturi o idrogenati (fantasia dell industria alimentare). Recenti studi salverebbero il cioccolato, addirittura rivelerebbero un effetto protettivo nei confronti del cuore ma attenzione: questa azione è esercitata solo dalla qualità fondente. DIETA VEGETARIANA. Studi dimostrano che i vegetariani tendono ad ammalarsi di meno e ad avere una vita media più lunga; dimostrato che un vegetariano a dieta libera, senza controllare le dosi, apporta meno calorie e proteine (quindi minor sovraccarico metabolico generale e renale) di una dieta normale libera. I vegetariani infatti consumano più fibra (aumenta il senso di sazietà, facilita l assorbimento di sostanze tossiche), più minerali e vitamine (che migliorano i processi metabolicoenzimatici), più sostanze antiossidanti (riduzione dei radicali liberi), meno sodio e grassi saturi (minor danno cardio-vascolare). La stagione estiva si presta particolarmente a un cambio d abitudine verso la scelta vegetariana. PENSATECI! MANGIATE SANO. Si può migliorare lo stato di salute generale mangiando meglio e con gusto, non dimenticando che il cibo è un importante veicolo di piacere e di emozioni. La sola restrizione calorica non è la soluzione giusta; se non si vuole finire in circoli viziosi di fallimenti, sensi di colpa, bassa autostima, bisogna andare oltre un semplice schema con l indicazione dei grammi di alimento da assumere. Il cibo viene spesso utilizzato in modo improprio, per consolarci, socializzare; spesso finiamo per avere un rapporto egoistico e solitario, si mangia spesso da soli, distratti dalla tv, in velocità: difficile che il cibo così regali benessere. Dott. Adriano Marini Dietista dell ULSS10 15

16 estate LE INSIDIE IN MARE: POCHI E SEMPLICI CONSIGLI PER EVITARE CHE UNA VACANZA POSSA TRaSFORMARSI IN TRAGEDIA Secondo dati forniti dall Organizzazione Mondiale della Sanità sono diverse decine di migliaia i decessi annuali per annegamento in tutto il mondo. Nonostante essi includano indistintamente tutte le fasce d età, risultano tuttavia più frequenti nei bambini e negli anziani. I decessi per annegamento sono inoltre più frequenti tra i maschi e tra le persone non residenti nelle località in cui si verifica l evento. Tale fenomeno è certamente collegato alle attività di balneazione nell ambiente marino, in aggiunta alla poca conoscenza dello stesso e all adozione, da parte dei turisti in genere, di comportamenti impropri durante la permanenza in spiaggia. A questi vanno infine aggiunti comportamenti originati da condizioni ambientali sfavorevoli. Pochi e semplici consigli possono dunque evitare l insorgere di una tragedia, ad iniziare da due presupposti essenziali: l ambiente marino è sempre ricco di insidie, è fondamentale godere di un buono stato di salute prima di entrare in acqua. Le regole di buona condotta al mare* Non entrare in acqua a stomaco pieno o durante la digestione (attendere almeno 3 ore); Non entrare in acqua quando non ci si sente bene o si accusano malesseri; Evitare di entrare in acqua quando si sono consumate bevande alcoliche. Si ricordi che l alcol può rendere meno vigili in circostanze in cui si richiede capacità di controllo. Non entrare in acqua bruscamente dopo una lunga esposizione al sole o se si è accaldati, perché la notevole differenza di temperatura tra il corpo e l acqua può determinare delle alterazioni della funzione cardiorespiratoria, con perdita della conoscenza ed arresto cardiaco; Non improvvisarsi subacquei, in quanto l immersione richiede una forma fisica adeguata, raggiunta dopo una preparazione specifica; Evitare di fare il bagno quando il mare è agitato; Evitare, se possibile, di fare il bagno da soli, perché anche un banale crampo potrebbe mettere in serie difficoltà; possibilmente scegliere luoghi per nuotare sorvegliati da bagnini; Evitare di tuffarsi se non si conosce la profondità dell acqua; si rischia di urtare contro il fondo o contro gli scogli con conseguente morte per trauma cranico o postumi invalidanti per lesioni alla testa ed al collo; Vento forte e temporali con fulmini possono costituire un serio pericolo per chi va in acqua; Fare attenzione alle bandiere colorate di avviso di pericolo in spiaggia; Fare attenzione alle onde pericolose. Se si finisce in una corrente che porta al largo, non cercare di contrastarla subito nel tentativo di guadagnare immediatamente la riva. E meglio cercare piuttosto di uscire dal flusso della corrente, nuotando parallelamente alla spiaggia; Usare molta prudenza in acque dolci (fiumi e laghi) sia per le correnti presenti, sia per la temperatura dell acqua, spesso assai fredda; Massima attenzione ai bambini; Per quanto riguarda piccole piscine in particolare quelle gonfiabili, acquistabili anche nei supermercati, è buona norma vuotarle dopo l uso oppure dotarle di una copertura solida a prova di bambino. *dell Istituto Superiore di Sanità 16

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 SAVONESE Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia L analgesia nel travaglio di parto AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Il miglioramento delle cure urgenti

Il miglioramento delle cure urgenti Ogni anno più di 1 milione e 700 mila cittadini in Emilia-Romagna si rivolgono al pronto soccorso quando hanno un problema sanitario. È un numero che tende a crescere costantemente determinando spesso

Dettagli

Presidio Ospedaliero San Donato

Presidio Ospedaliero San Donato Presidio Ospedaliero San Donato DIPARTIMENTO AREA CRITICA Direttore Dott. M.Feri ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il diabete gestazionale

Il diabete gestazionale Il diabete gestazionale informazioni per la gestante Cosa è il diabete gestazionale? Con il termine di diabete gestazionale (DG) si definisce un disordine della regolazione del glucosio di entità variabile,

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 I BAMBINI E L ATTIVITA MOTORIA: IL PIEDIBUS Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 PER IMMAGINARE IL NOSTRO FUTURO DOBBIAMO

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

Coordinamento provinciale per la Promozione della Salute

Coordinamento provinciale per la Promozione della Salute Coordinamento provinciale per la Promozione della Salute Introduce Franco Tortorella DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Medicina Preventiva di Comunità Mercoledì 4 giugno 2015 ore 16.00-18.00

Dettagli

te lu a s e ità n a S

te lu a s e ità n a S Sanità e salute INTRODUZIONE ALL ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA La salute in Italia oggi: Cos è l assistenza sanitaria integrativa e quali sono i vantaggi L Italia ha un Servizio Sanitario Nazionale

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE Perché rivolgersi al Medico di Famiglia? COME LO MISURIAMO? Con mezzi molto semplici, in ambulatorio 1 COME LO MISURIAMO? Uno sfingomanometro per misurare la pressione COME LO

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

ATTENTI AL CALDO!!!! come affrontare il rischio di ondate di calore. www.anpanacosenza.it

ATTENTI AL CALDO!!!! come affrontare il rischio di ondate di calore. www.anpanacosenza.it A.N.P.A.N.A. (Associazione Nazionale Protezione Animali Natura e Ambiente) Sezione Provinciale di Cosenza e COMUNE DI PAOLA PROVINCIA DI COSENZA presentano ATTENTI AL CALDO!!!! come affrontare il rischio

Dettagli

R.S.A : PREVENZIONE e GESTIONE INFERMIERISTICA dell IDRATAZIONE

R.S.A : PREVENZIONE e GESTIONE INFERMIERISTICA dell IDRATAZIONE CAPITOLO 3 R.S.A : PREVENZIONE e GESTIONE INFERMIERISTICA dell IDRATAZIONE 1-OBBIETTIVI Gli obbiettivi di questo studio è quello di descrivere i fattori di rischio più comuni per la disidratazione o la

Dettagli

Istituto Comprensivo Castelverde - ROMA. Anno scolastico 2013/2014. Dott.sse Valeria Morena e patrizia leggeri

Istituto Comprensivo Castelverde - ROMA. Anno scolastico 2013/2014. Dott.sse Valeria Morena e patrizia leggeri PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde - ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E CORRETTA ALIMENTAZIONE Dott.sse Valeria Morena e patrizia leggeri Istituto Zooprofilattico

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 Organizzazione non lucrativa di utilità sociale- Onlus sita in Demonte (CN) via Colle dell Ortica n 21-12014 Cod. Fisc. 96081720045 Tel.017195218 RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 OBIETTIVO Migliorare

Dettagli

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Il tumore della mammella è il più frequente nella popolazione femminile. E asintomatico per un lungo periodo di tempo; la tempestività della diagnosi e della terapia

Dettagli

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014 ESPOSIZIONE UNIVERSALE (EXPO) EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014 CENNI STORICI Cos è EXPO: EXPO = Esposizione Universale EXPO = esposizione a carattere INTERNAZIONALE. Ogni EXPO

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH L evoluzione della nutrizione negli ultimi decenni accompagna effetti nutrizionali positivi ma anche negativi! Gli scienziati hanno constatato una diminuzione della DENSITÁ delle vitamine e i minerali

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore Informazioni per i pazienti Breve introduzione generale Sala di risveglio centrale Nel laboratorio di ricerca La clinica universitaria di anestesiologia

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

Estate sicura Come vincere il caldo in gravidanza

Estate sicura Come vincere il caldo in gravidanza Estate sicura Come vincere il caldo in gravidanza Pochi e semplici consigli per un estate in salute per la futura mamma ed il suo bambino sapere che... In estate, il caldo può nuocere alla mamma che non

Dettagli

Alimentazione e reflusso gastrico

Alimentazione e reflusso gastrico Cause Il reflusso gastrico è causato dal reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago. Questo succede per esempio con una pressione troppo forte sullo stomaco o perché il muscolo superiore di

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

Il Contributo Delle Associazioni Dei Genitori. Alla Gestione Del Dolore Dei Bambini In Ospedale: L esperienza di ASEOP.

Il Contributo Delle Associazioni Dei Genitori. Alla Gestione Del Dolore Dei Bambini In Ospedale: L esperienza di ASEOP. Il Contributo Delle Associazioni Dei Genitori Alla Gestione Del Dolore Dei Bambini In Ospedale: L esperienza di ASEOP Erica Andreotti ASEOP ONLUS ASSOCIAZIONE SOSTEGNO EMATOLOGIA ONCOLOGIA PEDIATRICA ASEOP

Dettagli

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore I TUMORI Il Rapporto Mondiale dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, dell Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il cancro sia divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

www.dietahl.com Distributore Herbalife Benessere e Salute da Famiglia a Famiglia

www.dietahl.com Distributore Herbalife Benessere e Salute da Famiglia a Famiglia www.dietahl.com Distributore Herbalife Benessere e Salute da Famiglia a Famiglia Ciao! Sono Nella Cortese di www.dietahl.com, distributore Herbalife. In questo piccolo documento voglio spiegarti come usare

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 118 - SCHEDA N.1 CHE COS È IL NUMERO 1-1-8 1-1-8 è il numero telefonico, unico su tutto il territorio nazionale, di riferimento per tutti i casi di richiesta di soccorso sanitario in una situazione di

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore

Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore Perch Perché la cura del dolore e della sofferenza Prendersi cura della persona

Dettagli

Il seno. preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione

Il seno. preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione Il seno preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione Disturbi al seno: una guerra che può essere vinta iniziando da una corretta alimentazione In ogni età la donna può presentare, in relazione

Dettagli

PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s.2011-12

PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s.2011-12 Istituto Sperimentale Rinascita - A. Livi - Milano Scuola statale secondaria di primo grado ad indirizzo musicale PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s.2011-12 TITOLO UNITA

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Più gusto con lo spuntino giusto La fase iniziale: perché mangiamo? Quali sono i principi nutritivi degli alimenti? Insieme all assistente sanitaria Patrizia abbiamo ripreso

Dettagli

Le 10 regole per una corretta alimentazione nel periodo estivo.

Le 10 regole per una corretta alimentazione nel periodo estivo. Le 10 regole per una corretta alimentazione nel periodo estivo. Dott.ssa Stefania Marzona Tecnologa Alimentare Incontro pubblico gratuito Come affrontare le vacanze senza problemi promossa dal Distretto

Dettagli

Si prega di rispondere a tutte le domande nel modo più completo possibile e nel modo più sincero.

Si prega di rispondere a tutte le domande nel modo più completo possibile e nel modo più sincero. CODE N: Caro Insegnante, Apprezziamo la vostra partecipazione al Progetto Insegnante saggio- bambino sano ( WITH.CH ) sulle abitudini alimentari sane e l'attività fisica nella scuola, che è attualmente

Dettagli

L Alcol tra i giovani

L Alcol tra i giovani L Alcol tra i giovani Nella nostra cultura si va affermando un certo consenso sociale per il consumo di bevande alcoliche. La iniziazione avviene spesso in famiglia, con un consumo di alcol in genere alimentare

Dettagli

NON fumare. è la scelta migliore che puoi fare

NON fumare. è la scelta migliore che puoi fare Il programma GUADAGNARE SALUTE, promosso dal Ministero della Salute e dall Istituto Superiore di Sanità, con le Regioni e gli Enti locali, si propone di contrastare i 4 rischi fondamentali per la salute,

Dettagli

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano

Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia. Sergio Fava Oncologia medica Legnano Prevenzione diagnosi precoce come cambia la storia della malattia tumorale in italia Sergio Fava Oncologia medica Legnano Oncologia Medica E'una disciplina che derivata dalla Medicina Interna e dalla Oncologia

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

IL RISTORANTE DEL CUORE

IL RISTORANTE DEL CUORE IL RISTORANTE DEL CUORE Dott. Paolo Bellotti, Cardiologia, OSP. S. Paolo Savona Roma, 4 febbraio 2009 Bergeggi, Savona ..Fumo, Ipertensione, Diabete Dieta e Stile di Vita Consigliato per Ridurre il Rischio

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

PRESENTAZIONE INFORMAZIONI GENERALI DELL U.O. Numero annuale nuovi nati anno 2010: circa 1000 Tasso di mortalità neonatale annuale: anno 2010 = 0

PRESENTAZIONE INFORMAZIONI GENERALI DELL U.O. Numero annuale nuovi nati anno 2010: circa 1000 Tasso di mortalità neonatale annuale: anno 2010 = 0 1 PRESENTAZIONE Il settore di Neonatologia dell U. O. C. di Pediatria dell Ospedale di Vibo Valentia attualmente è rappresentato dal Nido. In questa struttura si accolgono tutti i nati sani all interno

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Vi presentiamo un nuovo centro modernamente attrezzato per la cura di denti e gengive

Vi presentiamo un nuovo centro modernamente attrezzato per la cura di denti e gengive Vi presentiamo un nuovo centro modernamente attrezzato per la cura di denti e gengive ODONTOIATRICA nasce da una idea precisa: realizzare una Clinica Dentale di riferimento per qualità e convenienza della

Dettagli

Non siamo nati per soffrire

Non siamo nati per soffrire Non siamo nati per soffrire Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT con il sostegno di Non siamo nati per soffrire. Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT Non siamo nati per soffrire.

Dettagli

Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario

Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario Campagna Obesity Day 10 Ottobre 2014 OBESITÀ FACCIAMO INSIEME IL PRIMO PASSO! Questionario Campagna Obesity Day 2014 questionario SCHEDA PAZIENTE 1. Provincia... 2. Data... 3. Sesso... A) M B) F 4. Età...

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

valori, qualità, consigli Il corso della vita.

valori, qualità, consigli Il corso della vita. Utenze Servizio domestiche idrico acqua Acqua Hera valori, qualità, consigli Il corso della vita. L acqua è un valore che non va mai fuori corso il ciclo dell acqua Siamo la seconda società italiana nei

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia La nausea e il vomito sono tra gli effetti collaterali più temuti dai soggetti che devono sottoporsi a una chemioterapia per un tumore perché hanno un grande impatto sulla

Dettagli

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS Pag. 1/4 Cognome Nome Nato/a il N.B. Il presente modulo informativo deve essere firmato per presa visione e riconsegnato al sanitario che propone/esegue la procedura di seguito descritta. Questo modulo

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI

DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI DONAZIONE e TRAPIANTO di ORGANI e di TESSUTI A cura del Coordinatore Locale Donazione e Trapianti Asl 1 dott. Ezio Szorenyi I TRAPIANTI NON ESISTONO SENZA DONAZIONI Ad oggi non è possibile sostituire un

Dettagli

Hanno partecipato. Ferrara Maria Piera. Serino Livia. Grafica a cura di. Serino Livia

Hanno partecipato. Ferrara Maria Piera. Serino Livia. Grafica a cura di. Serino Livia Hanno partecipato Ferrara Maria Piera Serino Livia Grafica a cura di Serino Livia Alimentazione e stili di vita Un incontro di grande interesse su un tema estremamente attuale. Giovedì 23 aprile alle 9.30

Dettagli

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI?

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? HAI GIA FATTO DIETE? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? Se hai risposto con almeno tre SI è il momento

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

INCONTRI A TEMA II EDIZIONE

INCONTRI A TEMA II EDIZIONE INCONTRI A TEMA II EDIZIONE Martedì 11 novembre ore 16,30 dr.ssa Iris Volante specialista ostetricia e ginecologia l osteoporosi tra prevenzione, automedicazione e terapia SALA POLIVALENTE FARMACIA EUROPA

Dettagli

Il fenomeno condensa

Il fenomeno condensa Il fenomeno condensa La condensa è un fenomeno naturale molto frequente e presente in vari tipi di abitazioni; è un fenomeno piuttosto fastidioso ed insidioso, anche perché comporta effetti negativi dannosi

Dettagli

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA OPUSCOLO CON INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo

Dettagli

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente.

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Ecco una serie di consigli pratici per prevenire e affrontare i pericoli del caldo estivo. Questi consigli, validi

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE NAZIONALE

PROPOSTA DI LEGGE NAZIONALE PROPOSTA DI LEGGE NAZIONALE approvata dal Consiglio regionale ai sensi dell articolo 26 dello Statuto speciale nella seduta antimeridiana n. 56 del 27 febbraio 2014 ----- ----- Consiglio regionale Friuli

Dettagli

Viaggio delle sostanze nutritive

Viaggio delle sostanze nutritive Viaggio delle sostanze nutritive Il cibo che assumiamo contiene sostanze nutritive per la produzione di nuove cellule Gli alimenti però devono essere ridotti in molecole Esistono 4 fasi fondamentali 1)

Dettagli

Una sana alimentazione per una sana sanità:

Una sana alimentazione per una sana sanità: CESENA 27 SETTEMBRE 2012 Una sana alimentazione per una sana sanità: l impatto di una corretta alimentazione sulla spesa sanitaria Roberto Copparoni Ministero della salute Direzione Generale per l igiene

Dettagli