Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18"

Transcript

1 Convegno La prevenzione delle infezioni nelle strutture sanitarie della Regione Veneto: i progetti regionali e le esperienze locali Castelfranco Veneto, 18 novembre 2005 Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 1

2 Azienda ULSS 18 Rovigo Il Protocollo di Isolamento in Ospedale Marco Brusaferro Raffaela Marchetto Direzione Medica Ospedaliera Azienda 18 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 2

3 Protocollo di Isolamento in Ospedale Stesura a cura di: Direzione Medica Ospedaliera Soc Malattie Infettive Hanno collaborato: Servizio Prevenzione e Protezione Servizio Medicina Preventiva Ufficio Infermieristico Ospedaliero 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 3

4 Protocollo di Isolamento in Ospedale Il documento si avvale delle indicazioni dettate da: LINEE GUIDA HICPAC (HOSPITAL INFECTION CONTROL PRACTICES ADVISORY COMMITTEE) CDC di Atlanta CIRCOLARE N MARZO 1998 MINISTERO DELLA SANITA Misure di profilassi per esigenze di sanità pubblica 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 4

5 Parte prima: razionale per le misure di isolamento in ospedale Parte seconda: elementi fondamentali per l applicazione delle misure di isolamento Parte terza: le precauzioni di isolamento Parte quarta: tabella delle misure di isolamento, classi di notifica, incubazione, contagiosità e profilassi per infezione o condizioni selezionate Parte quinta: tabella riassuntiva delle misure da adottare in ambito ospedaliero per tipologia di precauzioni/isolamento 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 5

6 - Parte prima - PATOGENICITA VIRULENZA INVASIVITA DOSE SERBATOIO FONTE AGENTE MODALITÀ DI TRASMISSIONE CONTATTO VEICOLO COMUNE VIA AEREA VETTORE MECCANISMI DI DIFESA ASPECIFICI IMMUNITA NAT. IMMUNITA ACQ. OSPITE 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 6

7 Parte seconda: elementi fondamentali per l applicazione delle misure di isolamento Lavaggio mani Smaltimento rifiuti Uso guanti Uso mascherine, occhiali protettivi, schermi facciali Raccolta/trattamento biancheria ed effetti letterecci Trattamento delle stoviglie Uso camici e indumenti protettivi Campioni biologici Manovre rianimatorie Igiene ambientale Manipolazione di strumenti e oggetti taglienti Collocazione del paziente Attrezzature per l igiene l del paziente Trasporto pazienti infetti Trattamento articoli riutilizzabili Educazione sanitaria al paziente ed ai familiari 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 7

8 Parte terza: le precauzioni di isolamento Precauzioni standard Precauzioni basate sulla trasmissione: ISOLAMENTO STRETTO ISOLAMENTO RESPIRATORIO ISOLAMENTO DA CONTATTO ISOLAMENTO ENTERICO PRECAUZIONI PER SANGUE / LIQUIDI BIOLOGICI 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 8

9 Parte terza: le precauzioni di isolamento Precauzioni standard APPLICATE A: sangue tutti i liquidi corporei secrezioni ed escrezioni -NO sudore- cute non integra mucose DA ADOTTARE NELL ASSISTENZA DI TUTTI I PAZIENTI 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 9

10 Parte terza: le precauzioni di isolamento Precauzioni basate sulla trasmissione: ISOLAMENTO STRETTO SPECIFICI PAZIENTI PATOGENI ALTAMENTE CONTAGIOSI CHE POSSONO ESSERE TRASMESSI SIA PER CONTATTO, DIRETTO O INDIRETTO, CHE PER VIA AEREA A LUNGA DISTANZA 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 10

11 Parte terza: le precauzioni di isolamento Precauzioni basate sulla trasmissione: ISOLAMENTO STRETTO TUBERCOLOSI POLMONARE APERTA MORBILLO VARICELLA HERPES ZOSTER DISSEMINATO FEBBRI EMORRAGICHE VIRALI SARS 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 11

12 Parte terza: le precauzioni di isolamento Precauzioni basate sulla trasmissione: ISOLAMENTO RESPIRATORIO SPECIFICI PAZIENTI PATOGENI IMPORTANTI CHE POSSONO ESSERE TRASMESSI PER VIA AEREA A BREVE DISTANZA (DROPLET) 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 12

13 Parte terza: le precauzioni di isolamento Precauzioni basate sulla trasmissione: ISOLAMENTO RESPIRATORIO MENINGITE MENINGOCOCCICA INFLUENZA PAROTITE ROSOLIA SCARLATTINA PERTOSSE 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 13

14 Parte terza: le precauzioni di isolamento Precauzioni basate sulla trasmissione: ISOLAMENTO DA CONTATTO SPECIFICI PAZIENTI PATOGENI IMPORTANTI CHE POSSONO ESSERE TRASMESSI ATTRAVERSO CONTATTI DIRETTI O INDIRETTI 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 14

15 Parte terza: le precauzioni di isolamento Precauzioni basate sulla trasmissione: ISOLAMENTO DA CONTATTO INFEZIONI O COLONIZZAZIONI DELL APPARATO GASTROENT. O RESP. O DELLA CUTE O DELLA FERITA DA BATTERI MULTIRESISTENTI SCABBIA INFEZIONI CUTANEE CONTAGIOSE CONGIUNTIVITE VIRALE 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 15

16 Parte terza: le precauzioni di isolamento Precauzioni basate sulla trasmissione: ISOLAMENTO ENTERICO SPECIFICI PAZIENTI PATOGENI IMPORTANTI CHE POSSONO ESSERE TRASMESSI ATTRAVERSO CONTATTI DIRETTI O INDIRETTI CON FECI CONTAMINATE 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 16

17 Parte terza: le precauzioni di isolamento Precauzioni basate sulla trasmissione: ISOLAMENTO ENTERICO INFEZIONI ENTERICHE DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE EPATITE A SHIGELLA ROTAVIRUS 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 17

18 Parte terza: le precauzioni di isolamento Precauzioni basate sulla trasmissione: PRECAUZIONI PER SANGUE /L. BIOLOGICI PATOGENI EMATICI CHE POSSONO ESSERE TRASMESSI ATTRAVERSO ESPOSIZIONE PARENTERALE, CUTANEA E MUCOSA 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 18

19 Parte terza: le precauzioni di isolamento Precauzioni basate sulla trasmissione: PRECAUZIONI PER SANGUE /L. BIOLOGICI HIV HBV HCV 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 19

20 Protocollo di isolamento in ospedale Parte quarta TABELLA DELLE misure di isolamento classi di notifica periodo di incubazione periodo di contagiosità misure di profilassi per infezioni o condizioni selezionate 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 20

21 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 21

22 Parte quinta: tabella riassuntiva delle misure da adottare in ambito ospedaliero per tipologia di precauzioni/isolamento Tipologia di precauzioni/isolamento Colore di identificazione Descrizione delle precauzioni 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 22

23 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 23

24 Protocollo di Isolamento in Ospedale Stesura definitiva: Marzo 2005 Distribuzione a tutte le Strutture e Servizi: Novembre 2005 Previsione di corso di formazione al personale infermieristico con crediti ECM: inizio /12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 24

25 Questo Questo Protocollo è entrato a far parte di una ricerca finanziata dall ISPESL condotta dalla Direzione per la Prevenzione, Servizio di Prevenzione sui luoghi di lavoro, della Regione Veneto, sulle buone pratiche nel settore ospedaliero ed in particolare nella gestione del rischio biologico nei lavoratori 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 25

26 ... l auspicio l è di riuscire a fornire agli operatori una risorsa, la più pratica possibile, per contribuire ad una sempre più scrupolosa applicazione delle misure di controllo delle infezioni ospedaliere 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 26

27 Grazie per l attenzionel 22/12/2005 Raffaela Marchetto - Marco Brusaferro 27

Precauzioni per il controllo delle malattie trasmissibili. Misure di isolamento

Precauzioni per il controllo delle malattie trasmissibili. Misure di isolamento Precauzioni per il controllo delle malattie trasmissibili Misure di isolamento 1 Precauzioni standard (S) Igiene delle mani Guanti Mascherina con occhiali protettivi o schermo facciale Camici protettivi

Dettagli

Approccio al paziente in Emergenza

Approccio al paziente in Emergenza Approccio al paziente in Emergenza Come Proteggersi, Come Comportarsi, Come Relazionarsi Luca Golinelli, Infermiere specialista U.O. Pronto Soccorso / 118 Ospedale B. Ramazzini - Carpi Autoprotezione e

Dettagli

m.valeria.torregrossa@unipa.it RACCOMANDAZIONI MISURE DI PROFILASSI VIRUS INFLUENZALI PER VIA AEREA

m.valeria.torregrossa@unipa.it RACCOMANDAZIONI MISURE DI PROFILASSI VIRUS INFLUENZALI PER VIA AEREA DSP U.O. Prevenzione e Sorveglianza delle Infezioni ospedaliere (85.02.3) Responsabile Prof. M.Valeria Torregrossa Tel. 0916555214 / 0916553609 / Tel.-Fax 0916555226 e-mail: m.valeria.torregrossa@unipa.it

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA. Cod. IO 19 Rev. 00 EMERGENZE CLINICHE. Data 01/01/2014 Pagina 1 di 7 1. OBIETTIVO... 2 2. NOZIONI GENERALI...

ISTRUZIONE OPERATIVA. Cod. IO 19 Rev. 00 EMERGENZE CLINICHE. Data 01/01/2014 Pagina 1 di 7 1. OBIETTIVO... 2 2. NOZIONI GENERALI... INDICE ISTRUZIONE OPERATIVA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 7 1. OBIETTIVO... 2 2. NOZIONI GENERALI... 2 AGENTE INFETTANTE:... 2 FONTI D INFEZIONE... 3 VIE DI PENETRAZIONE... 3 VEICOLI e VETTORI... 3 3. PERSONALE

Dettagli

Prevenzione generale delle malattie infettive

Prevenzione generale delle malattie infettive Prevenzione generale delle malattie infettive la sorveglianza epidemiologica l indagine epidemiologica isolamento e contumacia disinfezione e sterilizzazione Sorveglianza epidemiologica: definizione La

Dettagli

RAZIONALE PER LE MISURE DI ISOLAMENTO IN OSPEDALE

RAZIONALE PER LE MISURE DI ISOLAMENTO IN OSPEDALE RAZIONALE PER LE MISURE DI ISOLAMENTO IN OSPEDALE (The Hospital Infection Control Practices Advisory Committee) Il meccanismo di diffusione di una patologia infettiva (infezione ospedaliera o comunitaria)

Dettagli

AGENTI BIOLOGICI PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI PREMESSA FONTI DI PERICOLO

AGENTI BIOLOGICI PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI PREMESSA FONTI DI PERICOLO PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI AGENTI BIOLOGICI DPR 303/56 D.L.gs 626/94 titolo VIII Norme generali per l igiene del lavoro Attuazione delle direttive riguardanti il miglioramento della sicurezza e della

Dettagli

CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA?

CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA? MALATTIE INFETTIVE CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA? E IL RISULTATO DEL CONTATTO TRA UN SOGGETTO SANO E UN MICRORGANISMO I MICRORGANISMI POSSONO ESSERE DI DIVERSI TIPI: BATTERI VIRUS FUNGHI BATTERI Posseggono

Dettagli

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE RISCHIO BIOLOGICO Gestione Aziendale di caso di influenza da virus A/H1N1 percorso di biosicurezza PIACENZA 4 16 Settembre 2009 U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D.Lgs 81/08 Titolo X DIRETTORE

Dettagli

TATUAGGI E PIERCING Aspetti di Sicurezza

TATUAGGI E PIERCING Aspetti di Sicurezza Corso di Formazione TATUAGGI E PIERCING Aspetti di Sicurezza - Principali agenti infettivi - Modalità di trasmissione degli agenti infettivi, con particolare riguardo alla trasmissione per contatto e parenterale

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Definizione Il rischio biologico è legato alla possibilità che ha l agente biologico di penetrare nell organismo e di provocare

Dettagli

Linee guida. Precauzioni per il controllo. delle malattie trasmissibili Pagina di 1/15

Linee guida. Precauzioni per il controllo. delle malattie trasmissibili Pagina di 1/15 delle malattie trasmissibili Pagina di 1/15 Cod. LG 1/DS ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Premessa... 2 2. Riferimenti... 4 3. Precauzioni standard (S)... 4 3.1. Igiene delle mani... 4 3.2. Guanti... 5 3.3.

Dettagli

Le infezioni in ospedale : quando il rischio è invisibile 1. Teresa Audasso Presidio Riabilitativo Fatebenefratelli 22/10/2014

Le infezioni in ospedale : quando il rischio è invisibile 1. Teresa Audasso Presidio Riabilitativo Fatebenefratelli 22/10/2014 Le infezioni in ospedale : quando il rischio è invisibile 1 Teresa Audasso Presidio Riabilitativo Fatebenefratelli 22/10/2014 Definizione di infezione correlata all assistenza Catena delle infezioni Precauzioni

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI NEL RISCHIO BIOLOGICO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE M.O. SORVEGLIANZA SANITARIA MEDICO COMPETENTE DR. GUIDO TONETTO SICUREZZA OPERATORE E PAZIENTE RACCOMANDAZIONI/PRECAUZIONI

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Igiene ed autoprotezione

Igiene ed autoprotezione Igiene ed autoprotezione Alessio Riitano Istruttore PSTI Croce Rossa Italiana Recapiti: E-mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Obiettivi: Conoscere le

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

LINEE GUIDA PER LE MISURE DI ISOLAMENTO IN OSPEDALE

LINEE GUIDA PER LE MISURE DI ISOLAMENTO IN OSPEDALE LINEE GUIDA PER LE MIURE DI IOLAMENTO IN OPEDALE Prof. A. Moiraghi Ruggenini, Dott. P. A. Argentero *, Dott. G. A. Campobasso^ Dipartimento di anità Pubblica e di Microbiologi a, Università degli tudi

Dettagli

altri campioni assimilabili TITOLO X D.Lgs 81/2008

altri campioni assimilabili TITOLO X D.Lgs 81/2008 TITOLO X D.Lgs 81/2008 ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Tutte le attività lavorative nella quali vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Uso deliberato (laboratori microbiologici) Rischio potenziale

Dettagli

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»:

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Sanità Pubblica Definizione: Dal punto di vista etimologico, Epidemiologia è una parola composita (epi-demio-logia) di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Lo

Dettagli

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione Indice I Autore Prefazione XI XIII PARTE I Igiene generale CAPITOLO 1 Medicina clinica, preventiva e predittiva 1 1.1 Concetto di salute 1 1.2 Determinanti della salute 3 1.2.1 Modelli concettuali 3 1.3

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA AEREA E PER CONTATTO

NORME DI COMPORTAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI TRASMISSIBILI PER VIA AEREA E PER CONTATTO Azienda ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi C a t a n i a Direttore Generale: Dr. A. Pellicanò NORME DI COMPORTAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI TRASMISSIBILI PER

Dettagli

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v Cesena, 12 settembre 2009 Direzione Infermieristica e Tecnica Paola Ceccarelli PRECAUZIONI DA ADOTTARE Popolazione: misure

Dettagli

Aspetti di igiene. Inf. Roberta Baldessari. gruppo CRI Pergine Valsugana

Aspetti di igiene. Inf. Roberta Baldessari. gruppo CRI Pergine Valsugana Aspetti di igiene Inf. Roberta Baldessari gruppo CRI Pergine Valsugana Igiene complesso di regole e di pratiche che prevengono la comparsa delle malattie, migliorando le condizioni di vita Infezione ingresso

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

Igiene ed autoprotezione

Igiene ed autoprotezione Igiene ed autoprotezione Alessio Riitano Istruttore PSTI Croce Rossa Italiana Recapiti: E-mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Riepilogo Il nostro organismo

Dettagli

Aspetti preventivi clinici e gestionali della malattia da virus Ebola. Definizione di contatto e sua gestione Toni Francesco

Aspetti preventivi clinici e gestionali della malattia da virus Ebola. Definizione di contatto e sua gestione Toni Francesco Aspetti preventivi clinici e gestionali della malattia da virus Ebola Definizione di contatto e sua gestione Toni Francesco 15 Novembre 2014 Migranti che arrivano con gli sbarchi via mare 1- La grande

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

Precauzioni in caso di malattia infettiva accertata o presunta. Come spezzare la catena!!!!!

Precauzioni in caso di malattia infettiva accertata o presunta. Come spezzare la catena!!!!! NEWSLETTER COLLEGIO IPASVI LA SPEZIA- DICEMBRE 2007 A cura di Patrizia Nunziante Infermiera specialista SC pronto soccorso e medicina d urgenza- DEAC ASL 5-La Spezia Precauzioni in caso di malattia infettiva

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido Servizio Igiene e Sanità Pubblica INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell Azienda ULSS 9 di Treviso, ha ritenuto opportuno

Dettagli

Il nuovo concetto di infezione, le modalità di trasmissione degli agenti patogeni. Importanza della disinfezione

Il nuovo concetto di infezione, le modalità di trasmissione degli agenti patogeni. Importanza della disinfezione Il nuovo concetto di infezione, le modalità di trasmissione degli agenti patogeni. Importanza della disinfezione Nuovi aspetti epidemiologici delle infezioni correlate all assistenza sanitaria Aggiornamento

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Rischio come la probabilità che in presenza di un potenziale fattore di rischio si verifichi un evento indesiderato per la salute

RISCHIO BIOLOGICO. Rischio come la probabilità che in presenza di un potenziale fattore di rischio si verifichi un evento indesiderato per la salute RISCHIO BIOLOGICO RISCHIO BIOLOGICO Rischio come la probabilità che in presenza di un potenziale fattore di rischio si verifichi un evento indesiderato per la salute Rischio biologico come la probabilità

Dettagli

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.)

A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) A cura di: Direzione Sanitaria Aziendale Direzione Medica di Polo Ospedaliero Comitato Infezioni Ospedaliere (C.I.O.) Si espongono, per opportuna conoscenza, gli ultimi aggiornamenti disponibili al 12/10/2014

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

MENU MALATTIA INFETTIVA/CONTAGIOSA INDICAZIONI E FORME DI ISOLAMENTO VIE DI TRASMISSIONE BUONE ABITUDINI

MENU MALATTIA INFETTIVA/CONTAGIOSA INDICAZIONI E FORME DI ISOLAMENTO VIE DI TRASMISSIONE BUONE ABITUDINI MALATTIA MENU INFETTIVA/CONTAGIOSA INDICAZIONI E FORME DI ISOLAMENTO VIE DI TRASMISSIONE BUONE ABITUDINI MALATTIA INFETTIVA/CONTAGIOSA Malattia infettiva : Insieme di manifestazioni anatomo-funzionali,

Dettagli

Igiene e profilassi. Presentazione

Igiene e profilassi. Presentazione Igiene e profilassi Presentazione Un aspetto particolarmente delicato per chi deve operare all interno di una realtà ospedaliera riguarda le misure di igiene e profilassi che si devono adottare per salvaguardare

Dettagli

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Regione Emilia-Romagna Deliberazione della Giunta Regionale N 186/2005 del

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

IGIENE E PREVENZIONE NELL'ASSISTENZA AI PAZIENTI PRECAUZIONI STANDARD

IGIENE E PREVENZIONE NELL'ASSISTENZA AI PAZIENTI PRECAUZIONI STANDARD IGIENE E PREVENZIONE NELL'ASSISTENZA AI PAZIENTI a cura del Servizio di Prevenzione e Protezione dell'università Statale di Padova PRECAUZIONI STANDARD A chi si applicano: Le Precauzioni Standard si applicano

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA..

LAVORARE IN SICUREZZA.. LAVORARE IN SICUREZZA.. Non è un concetto assoluto. è la modalità per gestire il rischio: > conoscendolo > prevenendolo > intervenendo prontamente, quando capita l incidente E NECESSARIO AVERE UN METODO,

Dettagli

ELABORAZIONE Dott. Macor A.; ICI Bonfanti M., ICI Fanton C. Data: luglio 2004

ELABORAZIONE Dott. Macor A.; ICI Bonfanti M., ICI Fanton C. Data: luglio 2004 SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Cso. Svizzera, 164 10149 TORINO Tel. PROCEDURA OPERATIVA DA ADOTTARE IN CASO DI ESPOSIZIONE A PAZIENTE CON Pag. 1 di Pag. 16 TIPO DI DOCUMENTO Procedura Operativa ELABORAZIONE

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro S.P.I.S.A.L. Indicazioni Operative per

Dettagli

Concetti base sulle comuni infezioni batteriche e virali

Concetti base sulle comuni infezioni batteriche e virali Concetti base sulle comuni infezioni batteriche e virali 1 Elementi dell infezione La comparsa della malattia mette in gioco le caratteristiche di tre diversi elementi Agente Ospite Ambiente numerosi organismi

Dettagli

PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO

PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO ASS 4 MEDIO FRIULI PROTOCOLLO COMPORTAMENTALE a SEGUITO di ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE a RISCHIO BIOLOGICO Dr.ssa Mauro Katia Dipartimento di Prevenzione DEFINIZIONI Incidente a Rischio Biologico: si definisce

Dettagli

Unità Sanitaria Locale della Valle d'aosta Unité Sanitaire Locale de la Vallée d'aoste

Unità Sanitaria Locale della Valle d'aosta Unité Sanitaire Locale de la Vallée d'aoste Cosa significa l espressione «rischio biologico»? Il rischio biologico è la probabilità di sviluppare una malattia, generalmente di tipo infettivo, a seguito dell esposizione lavorativa ad agenti biologici.

Dettagli

Prof. Stefano TARDIVO

Prof. Stefano TARDIVO Prof. Stefano TARDIVO L ISOLAMENTO: non è segregazione del paziente può avvalersi: - di misure di barriera, tecnologiche e comportamentali - di sistemi di sorveglianza - di strumenti di profilassi attiva

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 -

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2011- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - I dati estratti dal

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA I CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

PROTEZIONE DAL RISCHIO DI PATOLOGIE A

PROTEZIONE DAL RISCHIO DI PATOLOGIE A pag. 1/11 IMPIEGO DEL FACCIALE FILTRANTE PER LA PROTEZIONE DAL RISCHIO DI PATOLOGIE A TRASMISSIONE PER VIA AEREA CE EN 149 FFP2 CE EN 149 FFP2 File: Redazione : Stefania Bertoldo, Emanuela Bissolo Data

Dettagli

LE MALATTIE INFETTIVE

LE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE In base alla loro eziologia (cioè alle loro cause) le malattie possono essere distinte in e NON. Le malattie infettive sono causate da microrganismi, specialmente batteri e virus. Le malattie

Dettagli

Infezioni Ospedaliere

Infezioni Ospedaliere Regione del Veneto I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Istituto Oncologico Veneto - I.R.C.C.S. Infezioni Ospedaliere Strategie di Controllo Dicembre 2011 2 SOMMARIO Raccomandazioni per le misure

Dettagli

Rischi del soccorritore

Rischi del soccorritore Rischi del soccorritore Presidi di autoprotezione Istruttore PSTI e Monitore VDS Rita Damignani Istruttore PSTI e Monitore VDS Carlo Fagioli Obiettivi Informare il volontario dei rischi inerenti all attività

Dettagli

Corso di Livello Base

Corso di Livello Base Corso di Livello Base A CURA DEL GRUPPO DI FORMAZIONE FRATELLANZA POPOLARE VALLE DEL MUGNONE Elementi di Autoprotezione Nel servizio sanitario extraospedaliero Obiettivo della lezione: Fornire conoscenze

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE UFFICIO III COORDINAMENTO USMAF UFFICIO V MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE

MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE UFFICIO III COORDINAMENTO USMAF UFFICIO V MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE Circolare sulla Malattia da Virus Ebola (MVE) Indicazioni operative di massima per il personale sanitario dipendente e/o volontario addetto ai servizi di ambulanza Il MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE

Dettagli

Giornata informativa per acconciatori, estetisti, tatuatori Sanremo 30 Novembre 2015. Introduzione. Dr. Marco Mela

Giornata informativa per acconciatori, estetisti, tatuatori Sanremo 30 Novembre 2015. Introduzione. Dr. Marco Mela Giornata informativa per acconciatori, estetisti, tatuatori Sanremo 30 Novembre 2015 Introduzione Dr. Marco Mela Obiettivo Sanità Pubblica Prevenzione primaria: Ridurre la frequenza di nuovi casi di malattia

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 COMITATO DI CONTROLLO DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA RACCOMANDAZIONE N.3 MODALITA DI ISOLAMENTO

Dettagli

Riconoscere l infezione quale rischio potenziale nei luoghi di cura

Riconoscere l infezione quale rischio potenziale nei luoghi di cura Vicenza 27 maggio 2006 Principi di gestione del rischio infettivo nelle strutture sanitarie Riconoscere l infezione quale rischio potenziale nei luoghi di cura Franco Marranconi Per poter combattere con

Dettagli

A. Delfino, Malattie contagiose: misure di isolamento in ambito ospedaliero, 7 giugno 2010. Pagina 1 di 68

A. Delfino, Malattie contagiose: misure di isolamento in ambito ospedaliero, 7 giugno 2010. Pagina 1 di 68 ASP CATANZARO - DIREZIONE MEDICA PRESIDIO OSPEDALIERO LAMEZIA TERME-SOVERIA MANNELLI U.O. PREVENZIONE INFEZIONI OSPEDALIERE RESPONSABILE: DR. ARCANGELO DELFINO 7 GIUGNO 2010 A. Delfino, Malattie contagiose:

Dettagli

COS E UN AGENTE BIOLOGICO?

COS E UN AGENTE BIOLOGICO? RICHIO BIOLOGICO Rischio connesso con l esposizione a organismi e microrganismi patogeni e non, colture cellulari, endoparassiti umani presenti nell ambiente di lavoro a seguito di emissione e/o trattamento

Dettagli

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 Area igienico sanitaria 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 SALUTE SICUREZZA 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 2 Cosa intendiamo per sicurezza. Sicurezza: situazione certa e costante

Dettagli

07 novembre 2014 daniela.panigati@ao-sanpaolo.it

07 novembre 2014 daniela.panigati@ao-sanpaolo.it LE MISURE DI ISOLAMENTO 07 novembre 2014 daniela.panigati@ao-sanpaolo.it SITUAZIONE ATTUALE Drammatico e progressivo aumento delleinfezioniantibioticoresistenti Comparsa di resistenze, al momento, più

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

Gestione del Paziente Colonizzato o con Infezione da Germi Sentinella

Gestione del Paziente Colonizzato o con Infezione da Germi Sentinella Pagina 1 di 10 Tipo di Documento Procedura Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro V. Crivaro, L. Pagano, A. Rispo, G. Sagliocco, R. Utili Contenuti: Applicazioni Responsabilità Premessa Modalità di contagio

Dettagli

DALLE PRECAUZIONI STANDARD ALLE LINEE GUIDA APPLICATIVE: UN ESEMPIO. (E. Vuillard)

DALLE PRECAUZIONI STANDARD ALLE LINEE GUIDA APPLICATIVE: UN ESEMPIO. (E. Vuillard) DALLE PRECAUZIONI STANDARD ALLE LINEE GUIDA APPLICATIVE: UN ESEMPIO (E. Vuillard) La strategia delle Precauzioni Standard Sangue Liquidi e materiali biologici Tutte le - secrezioni - escrezioni, Cute lesa

Dettagli

E almeno uno dei seguenti sintomi:

E almeno uno dei seguenti sintomi: In relazione al verificarsi di epidemie da Virus Ebola presso gli Stati Africani, la nostra Azienda Ospedaliera ritiene opportuno informare i cittadini sulle procedure operative messe in atto per la gestione

Dettagli

Sono di importanza fondamentale:

Sono di importanza fondamentale: La Pandemia influenzale H1N1 2009 Misure di protezione per operatori sanitari Paola Bertoli - Resp. Servizio Prevenzione Protezione Azienda USL di Parma Sono di importanza fondamentale: 1) Per tutta la

Dettagli

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Aggiornamento alla GU 06/09/98 209. MALATTIE INFETTIVE E SOCIALI A) Malattie infettive e diffusive - Norme generali D.M. 15 dicembre 1990 (1). Sistema

Dettagli

10. Gestione dei rifiuti sanitari a rischio biologico

10. Gestione dei rifiuti sanitari a rischio biologico 10. 10.1 Occasione e modalità di trasmissione Revisione 0 Pagina 1 di 6 E stato evidenziato che in taluni settori sanitari, in particolare quelli ospedalieri con un rischio di maggiore esposizione, le

Dettagli

Rischi da esposizione ad agenti biologici

Rischi da esposizione ad agenti biologici Rischi da esposizione ad agenti biologici Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 Titolo X Esposizione ad agenti biologici Campo di applicazione Tutte le attività lavorative nelle quali

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

Raccomandazioni di comportamento PROCEDURA AZIENDALE PREVENZIONE DELLE INFEZIONI IN OPEDALE

Raccomandazioni di comportamento PROCEDURA AZIENDALE PREVENZIONE DELLE INFEZIONI IN OPEDALE AA Z I EE NN DD AA OO S P EE DD AA L I EE RR AA SS A NN CC A MM I L L OO FF O RR L AA NN I NN I Via Portuense, 332-00149 ROMA Raccomandazioni di comportamento PROCEDURA AZIENDALE PREVENZIONE DELLE INFEZIONI

Dettagli

I MEZZI DI SOCCORSO IGIENE E PREVENZIONE NEL SOCCORSO E SULLE AMBULANZE PREVENZIONE ANTINFORTUNISTICA

I MEZZI DI SOCCORSO IGIENE E PREVENZIONE NEL SOCCORSO E SULLE AMBULANZE PREVENZIONE ANTINFORTUNISTICA I MEZZI DI SOCCORSO IGIENE E PREVENZIONE NEL SOCCORSO E SULLE AMBULANZE PREVENZIONE ANTINFORTUNISTICA Conoscere le caratteristiche tecniche dei mezzi di soccorso Identificare le problematiche relative

Dettagli

TRASPORTO SU VEICOLO SANITARIO PAZIENTE COLONIZZATO - INFETTO

TRASPORTO SU VEICOLO SANITARIO PAZIENTE COLONIZZATO - INFETTO TRASPORTO SU VEICOLO SANITARIO COLONIZZATO - INFETTO Finalità prevenire la trasmissione di malattie infettive, tutelare l'utente, l'operatore sanitario ed il volontario durante le operazioni di trasporto

Dettagli

Modalità di trasmissione delle malattie infettive

Modalità di trasmissione delle malattie infettive Università degli Studi di Perugia FACOLTÀ DI FARMACIA - CORSO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA- Modalità di trasmissione delle malattie infettive Prof. Silvano Monarca Vie di trasmissione delle infezioni Catena

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

La salute materna e dei bambini

La salute materna e dei bambini Capitolo 14 La salute materna e dei bambini Sandra Callery Elementi chiave Le strategie di prevenzione e controllo delle infezioni delle madri e dei bambini si basano sul principio delle cure combinate.

Dettagli

Procedura generale sanitaria. Paziente affetto da scabbia Pagina di 1/10

Procedura generale sanitaria. Paziente affetto da scabbia Pagina di 1/10 Cod. PGS18/DS Paziente affetto da scabbia Pagina di 1/10 ORIGINALE N CONSEGNATO A INDICE 1. Scopo... 2 2. Campo di applicazione... 2 3. Diagramma di flusso... 3 4. Responsabilità... 4 5. Descrizione delle

Dettagli

MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE

MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO:RISCHI MICROBIOLOGICI E MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE PROF. G. Sansebastiano Dr.ssa R. Zoni Dr.ssa L. Bigliardi UNIVERSITA DI PARMA microrganismi

Dettagli

RISCHIO INFETTIVO, LE MALATTIE INFETTIVE E LE NORME DI PREVENZIONE, AUTOPROTEZIONE E RISCHI EVOLUTIVI. LA DISINFEZIONE.

RISCHIO INFETTIVO, LE MALATTIE INFETTIVE E LE NORME DI PREVENZIONE, AUTOPROTEZIONE E RISCHI EVOLUTIVI. LA DISINFEZIONE. RISCHIO INFETTIVO, LE MALATTIE INFETTIVE E LE NORME DI PREVENZIONE, AUTOPROTEZIONE E RISCHI EVOLUTIVI. LA DISINFEZIONE. OBIETTIVI Modalità di trasmissione e di prevenzione delle malattie infettive Cenni

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

REV. 0 C.I.O. - Dirigenza Medica Ospedaliera - U.O. Malattie Infettive - Servizio Prevenzione Protezione Pag. 1

REV. 0 C.I.O. - Dirigenza Medica Ospedaliera - U.O. Malattie Infettive - Servizio Prevenzione Protezione Pag. 1 SARS-CoV Meningococco REV. 0 C.I.O. - Dirigenza Medica Ospedaliera - U.O. Malattie Infettive - Servizio Prevenzione Protezione Pag. 1 Elaborazione a cura di: - Dirigenza Medica Ospedaliera - Servizio Infezioni

Dettagli

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma

Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tattoo e piercing La protezione dell operatore Parma 18 marzo 2013 Dr. Giuliana Battistini Servizio Igiene Pubblica AUSL Parma Tutti i pazienti possono essere portatori di microorganismi trasmissibili

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO

IL RISCHIO BIOLOGICO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA IL RISCHIO BIOLOGICO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

DEFINIZIONI. lavoro. ISPESL- Paola Tomao 2

DEFINIZIONI. lavoro. ISPESL- Paola Tomao 2 La valutazione dei rischi da agenti biologi Paola Tomao ISPESL- Paola Tomao 1 DEFINIZIONI PERICOLO : Proprietà o qualità intrinseca di una determinata entità (es. materiali o attrezzature di lavoro, metodi

Dettagli

CAMPO DI APPLICAZIONE E RESPONSABILITA

CAMPO DI APPLICAZIONE E RESPONSABILITA SCOPO La seguente Procedura, insieme con la PA 36 Prevenzione del rischio d' insorgenza e trasmissione delle infezioni negli operatori e nei pazienti, identifica e delinea i comportamenti da seguire per

Dettagli

ORGANIZZIAMO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI NELLE STRUTTURE SANITARIE

ORGANIZZIAMO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI NELLE STRUTTURE SANITARIE La Spezia 22/12/2003 Oggetto: rischio biologico ORGANIZZIAMO LA VALUTAZIONE DEI RISCHI NELLE STRUTTURE SANITARIE RISCHIO BIOLOGICO La stima della pericolosità degli agenti biologici presenti in ospedale

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

CORSO PER R.S.P.P. MODULO B RISCHIO BIOLOGICO

CORSO PER R.S.P.P. MODULO B RISCHIO BIOLOGICO CORSO PER R.S.P.P. MODULO B RISCHIO BIOLOGICO Corso per RSPP modulo B Rischio biologico 1 Definizione Probabilità di contrarre una infezione o una malattia infettiva a causa del proprio lavoro in seguito

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

PROTOCOLLO DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INFORTUNIO CON ESPOSIZIONE A SANGUE O ALTRI MATERIALI BIOLOGICI

PROTOCOLLO DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INFORTUNIO CON ESPOSIZIONE A SANGUE O ALTRI MATERIALI BIOLOGICI PROTOCOLLO DI COMPORTAMENTO IN CASO DI INFORTUNIO CON ESPOSIZIONE A SANGUE O ALTRI MATERIALI BIOLOGICI Direttori UU.OO.CC. Direttore UOC Risorse Umane Medico Competente Responsabile UOS Pronto Soccorso

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO IN AMBITO ASSISTENZIALE

IL RISCHIO BIOLOGICO IN AMBITO ASSISTENZIALE IL RISCHIO BIOLOGICO IN AMBITO ASSISTENZIALE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SOMMARIO INTRODUZIONE...3 OBBLIGHI DEI LAVORATORI...3 DECRETO LEGISLATIVO 626/94: OBBLIGHI DEI LAVORATORI...3 MISURE DI PROTEZIONE

Dettagli

Le misure di isolamento: evoluzione dell'approccio dei CDC di Atlanta

Le misure di isolamento: evoluzione dell'approccio dei CDC di Atlanta RISCHIO BIOLOGICO IN SANITA': PRECAUZIONI Le misure di isolamento: evoluzione dell'approccio dei CDC di Atlanta 1970 e 1975. Linee Guida CDC con sistema di isolamento per categorie distinte principalmente

Dettagli

Procedura di vestizione e rimozione dei dispostivi di protezione individuale per malattia virus ebola

Procedura di vestizione e rimozione dei dispostivi di protezione individuale per malattia virus ebola Procedura di vestizione e rimozione dei dispostivi di protezione individuale per malattia virus ebola Lorena Martini Ripartiamo dalla SARS Esempio drammatico di un duplice ruolo dell assistenza sanitaria:

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA RACCOMANDAZIONI PER LA TUTELA DEGLI OPERATORI DELLE FORZE DI POLIZIA DAL RISCHIO DA ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI 2 1. PREMESSA Gli operatori delle Forze di polizia

Dettagli

RIISCHIIO BIIOLOGIICO. Manuale delle Procedure

RIISCHIIO BIIOLOGIICO. Manuale delle Procedure Distretto Sanitario Pagina 1 di 35 Manuale delle Procedure RIISCHIIO BIIOLOGIICO AD USO INTERNO DEL INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragra fi variati Pagine variate 1.0 12.03.2012 Prima

Dettagli

Il rischio biologico in ambiente ospedaliero

Il rischio biologico in ambiente ospedaliero Il rischio biologico in ambiente ospedaliero AGENTI BIOLOGICI - Titolo VIII d.lgs.626/94 AGENTI BIOLOGICI - Titolo VIII d.lgs.626/94 Il D.Lgs.626/94 ha classificato gli agenti biologici in 4 gruppi ART.75

Dettagli