Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE"

Transcript

1 Dalla valutazione al miglioramento: strumenti e modelli operativi sperimentati da INDIRE Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Indire Milano 21 Novembre 2013

2 Il progetto VSQ Sperimentazione finalizzata ad attivare processi di valutazione e miglioramento dell organizzazione scolastica; Sinergia tra gli istituti Invalsi ed Indire secondo lo schema di regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione(legge 10/2011; direttiva ministeriale agosto 2012; decreto n.80 del 28 marzo 2013).

3 VSQ come sperimentazione del sistema nazionale di Valutazione e Miglioramento Separazione delle competenze Valutazione esterna (INVALSI) Miglioramento dell organizzazione scoalastica (Indire)

4 Gli obiettivi inerenti al miglioramento nel progetto VSQ: Progettare e sperimentare un modello di miglioramento coerente con il quadro di riferimento utilizzato per la valutazione e con i modelli nazionali ed internazionali di valutazione e miglioramento; Creare un modello di accompagnamento alle scuole per attivare azioni di autoanalisi e miglioramento alla luce delle valutazioni esterne ricevute. Identificare e formare figure che possano seguire e accompagnare le scuole nella pianificazione e realizzazione delle attività di miglioramento;

5 Obiettivo primario: Incrementare le competenze di elaborazione e gestione operativa di progetti per il miglioramento della performance all interno delle organizzazioni scolastiche.

6 La sperimentazione di un modello che: Utilizza i dati della valutazione esterna per attivare processi di riflessione; Sfrutta una modalità di accompagnamento esterno per facilitare l attivazione di processi di miglioramento;

7 Due modelli di riferimento per migliorare 1. CAF(Common Assessment Framework) 2. DASI (Dynamic Approach to School Improvement). Aspetti condivisi: tutti gli elementi considerati nel modello di miglioramento hanno un impatto reciproco l uno sull altro; il miglioramento della qualità dell offerta formativa e degli apprendimenti degli studenti sono l obiettivo primario da raggiungere per l organizzazione stessa.

8 CAF:strumenti manageriali che aiutano a gestire la qualità dell intera organizzazione Si è ripreso: il lessico; gli strumenti; l ispirazione ai principi del Total Quality Management (TQM) il miglioramento continuo dell organizzazione; il coinvolgimento del team di vertice nella programmazione e progettazione del miglioramento;visione e missione dell organizzazione.

9 Il ciclo PDCA (Plan-Do-Check-Act) (Deming,1986).: un metodo di lavoro 1. Chiara definizione degli obiettivi da raggiungere (Fase P, Plan- Pianificazione ); 2. Esecuzione delle attività pianificate (Fase D, Do- Esecuzione ); 3. Verifica del risultato della pianificazione ed esecuzione, sulla base dei riferimenti scelti (obiettivi, confronti con gli altri). (Fase C Check- Verifica ); 4. Eventuali correzioni, miglioramenti, stabilizzazione sui nuovi livelli di performance (Fase A, Act-Azioni ).

10 DASI 1. I progetti di miglioramento: la funzione primaria della scuola è l apprendimento degli studenti. 2. Obiettivi del miglioramento chiari e condivisi per poter influire sia sull insegnamento sia sull apprendimento. 3. I dati della valutazione: fonti utili per l individuazione delle priorità di miglioramento.

11 DASI 4. La progettazione delle azioni di miglioramento svolta sulla base di obiettivi condivisi all interno della scuola; 5. Monitoraggio durante le azioni di miglioramento, attraverso azioni di valutazione. 6. Valutazione finale che possa essere utilizzata per la creazione di nuovi piani di miglioramento.

12 Interventi finalizzati a migliorare prevalentemente: La qualità dell insegnamento a livello di scuola e di classe; gli aspetti legati agli ambienti di apprendimento all interno della scuola.

13 Si sposta l attenzione dal prodotto (risultati) al processo (su cosa intervenire per migliorare) Indispensabile il rapporto tra la valutazione ed il decision making (Allulli, 2012)

14 Un modello di intervento (Creemers & Kyriakides, 2012) Attori della scuola (Dirigente, DSGA, Ins., Ata, Stud, Genitori) Gruppo di supporto al miglioramento 1. Condividere a diversi livelli l importanza nel miglioramento della promozione degli apprendimenti degli studenti ; 2. Condividere a diversi livelli l importanza dei fattori a livello di scuola associati con gli apprendimenti; 3. Condurre processi di autoanalisi interni: raccogliere dati; analizzare dati identificare le priorità del miglioramento. 4. Progettare strategie di miglioramento e piani di azione (Piano di miglioramento). 5. Monitorare il miglioramento; 6. Misurare l impatto del miglioramento: valutazione

15 La struttura dell intervento indire Tutor Gruppi esperti di supporto Ambiente di collaborazione online Scuola

16 Le figure coinvolte

17 TEAM PER IL MIGLIORAMENTO (TPM) Ha la responsabilità della scelta delle piste di miglioramento e dell organizzazione dei progetti da avviare all interno della scuola. Facilita la pratica condivisa della collaborazione Aiuta la crescita e la diffusione all'interno della scuola la cultura del cambiamento e del miglioramento

18 TUTOR Figura che ha l obiettivo di seguire i processi messi in atto dalla scuola e di intervenire attraverso un supporto dinamico che si adatta via via ai cambiamenti ed alle necessità che si presentano (Creemers e Kyriakides 2012 ).

19 Un modello tra Mentor "natura direttiva fornisce indicazioni precise sulle modalità con le quali agire Coach svolge un'attività più riflessiva, stimolando e promuovendo, nel docente suo pari, un processo di auto-consapevolezza (Panayoutu, 2012).

20 IL DIRIGENTE SCOLASTICO UNA LEVA FONDAMENTALE PER L AUTOVALUTAZIONE ED IL MIGLIORAMENTO E la figura che guida il processo di miglioramento nella propria scuola: agisce sulle decisioni da prendere e sull orientamento; comprende le potenzialità ed i limiti della scuola; da motivazione ai docenti durante il percorso verso il cambiamento.

21 IL GRUPPO DI ESPERTI DELL INDIRE Esperti provenienti dal mondo della scuola e dell Università (Dirigenti scolastici, docenti, ricercatori) Divisi in piccoli gruppi rispettando le sezioni del report di valutazione Supporto alle scuole che lo richiedano Forniscono: competenze metodologiche ed esperienza tecnica modalità di accompagnamento per le strategie e i piani di azione che la scuola vorrà sviluppare (DASI the Dynamic Approach to School Improvment)

22 GLI ESPERTI ED IL TUTOR : Lettura ed interpretazione dei bisogni della scuola da parte del Tutor insieme al TdM, in un processo di coaching alla pari; Identificazione del gruppo di esperti più idoneo a fornire una risposta alla problematica emersa, sulla base delle aree affrontate nel miglioramento; Progettazione congiunta degli interventi; Supervisione da parte del Tutor della realizzazione degli interventi.

23 Ciclo continuo del miglioramento

24 Autoanalisi: Maggio-Giugno 2012 Prima del primo incontro in presenza : - la scuola riceve da INDIRE tutta la documentazione che la riguarda (rapporto e 5 allegati) - il tutor studia la documentazione relativa alle scuole di sua competenza (in genere 3) Il tutor e il DS concordano la data del primo incontro.

25 Autoanalisi: Maggio-Giugno 2012 Primo incontro in presenza: Condivisione dell idea di miglioramento Presentazione delle fasi del percorso di miglioramento (tempi e strumenti proposti) analisi del rapporto e delle piste proposte dal Rapporto di valutazione presentazione della griglia di autovalutazione

26 Autoanalisi: Maggio-Giugno 2012 On line: Le scuole sono invitate a partire da maggio iscrivere i componenti del TpM sulla piattaforma INDIRE per la collaborazione on line - Discussione e confronto nella classe virtuale - Apertura dei forum con gli esperti

27 Maggio- Giugno 2012 Piano di miglioramento Secondo incontro in presenza: Identificazione delle criticità e delle potenzialità Individuazione delle priorità secondo i criteri di scelta condivisi Presentazione della struttura del piano di Miglioramento (PDM) e sua implementazione

28 Azioni di miglioramento Settembre 2012 Ottobre 2012 Terzo incontro in presenza Conferma o modifica del Piano di Miglioramento alla luce della Lettura Critica dei PdM effettuata da Università Bicocca e dei cambiamenti nell organizzazione.

29 Azioni di miglioramento Ottobre-Dicembre 2012 Quarto incontro in presenza Avvio delle azioni di miglioramento e controllo della condivisione nella scuola; Coordinamento per la realizzazione degli interventi.

30 Azioni di miglioramento Settembre 2012 Aprile 2013 On line: Proseguimento delle attività di discussione e confronto Monitoraggio delle attività svolte dalle scuole

31 Azioni di miglioramento Gennaio-Aprile 2013 Quinto- Sesto incontro in presenza Monitoraggio dei PdM, analisi dei risultati. Azioni di valutazione interna/autovalutazione Compilazione della versione finale del PdM da inserire in Piattaforma. Invio versione finale del PdM ad Indire

32 Il modello VSQ e l azione di accompagnamento esterno Strumenti per stimolare e guidare il processo: La fase di rispecchiamento; Il Piano di Miglioramento; L avvio delle azioni di miglioramento

33 La centralità della fase di rispecchiamento Riflessione critica sui risultati della valutazione; Processo di autonalisi guidata a partire dai dati; Momento di condivisione degli obiettivi del miglioramento

34 Esempio di strumento Per ogni punto viene chiesto di esprimersi attraverso questi valori: D= Per niente C= Poco B= Abbastanza A= Molto 1-LE CARATTERISTICHE DELLA SCUOLA E LE RISORSE UMANE PUNTI DI FORZA IDENTIFICATI D C B A PUNTI DI DEBOLEZZA IDENTIFICATI

35 Fase 2: I nessi tra i punti di debolezza e quelli di forza identificati I punti di debolezza: alcune tra le criticità individuate sono connesse in qualche modo? Criticità Nessi Area 1 Area 2 Area 3 Area 4 Area 5 Area 6 Area 7

36 5- Le scelte delle piste di miglioramento Tra le piste indicate dal report di valutazione e quelle ritenute strategiche dalla scuola, quali potrebbero essere realizzabili durante il prossimo anno, con un criterio che consideri sia la fattibilità (considerando sia tempi che le risorse disponibili), sia l impatto che l intervento potrebbe avere. Dando un punteggio da 1 a 3 alla fattibilità e all impatto di ciascuna pista, si può ipotizzare un criterio di priorità. Nei punteggi si può considerare i punteggi come: 0= nullo 1= poco 2= abbastanza 3=alto Fattibilità * Impatto =Priorità Piste individuate Fattibilità Impatto Priorità

37 Le sezioni del Piano di Miglioramento Lo scenario di riferimento: elementi utili; Composizione del Team per il miglioramento; L idea guida, la strategia del PdM «La strategia è la riflessione di insieme che orienta la scelta degli obiettivi e che indica le modalità con le quali l amministrazione intende perseguirli» (delibera 112/2010 p.12).

38 Per ciascun progetto di quelli scelti Titolo; Responsabile del progetto; Azioni da svolgere; Modalità di monitoraggio; Modalità di valutazione e diffusione.

39 Complessivamente in fase finale Risultati attesi e rilevati; Budget del PdM e sviluppi futuri;

40 Spunti di riflessione per la revisione del piano e l avvio delle azioni di miglioramento La revisione e l avvio delle azioni del Piano di Miglioramento Sono state scelte le priorità sulla base dell efficacia e della fattibilità? Nessuna definizione delle priorità delle azioni di migliorame nto o dell adozio ne di criteri di determinaz ione delle priorità. Alcune evidenze di definizione delle priorità delle azioni di migliorament o, ma i criteri non sono chiari o coerenti. Buone evidenze di definizione delle priorità delle azioni di miglioramento, sulla base di criteri definiti e coerenti. Chiare evidenze di definizione delle priorità delle azioni di miglioramento, sulla base di criteri definiti e coerenti. I criteri di definizione delle priorità sono documentati e prendono in considerazione l impatto sulla strategia e sugli obiettivi dell organizzazion e, e la fattibilità delle azioni. Forti evidenze di definizione delle priorità delle azioni di miglioramento sulla base di criteri definiti e coerenti. L analisi delle azioni possibili, i criteri di determinazione delle priorità e le valutazioni sono documentate e prendono in considerazione una valutazione quantizzata dell impatto sulla strategia e sugli obiettivi dell organizzazione, e la fattibilità delle azioni.

41 Strumenti per il monitoraggio del progetto per gli attori coinvolti Diario dei tutor Report degli esperti;

42 Esempio pagina diario dei tutor Ambiti Azioni Quando Come è andata? Rapporto con la scuola Riunioni in presenza del TPM Contatti on-line Si veda scheda apposita Contatti telefonici Incontri con il DS Altro Rapporto con gli esperti Incontri in presenza Contatti on-line Si veda scheda apposita Azioni specifiche previste dal progetto di miglioramento 1

43 L indagine interna del progetto Aprile-Maggio 2012: osservazione degli interventi dei forum in piattaforma online e somministrazione di un questionario online ai Dirigenti scolastici; Giugno-Luglio 2012: analisi delle piste di miglioramento suggerite nei Rapporti di valutazione delle equipe esterne e comparazione con quelle scelte dalle scuole nei Piani di Miglioramento; focus group con un campione di Dirigenti. Agosto 2012: lettura critica dei Piani di Miglioramento da parte dell Università Bicocca di Milano e stesura di report di restituzione singoli per ciascuna scuola;

44 Dicembre- Gennaio 2012/2013: incontri provinciali con i Dirigenti scolastici e con i tutor; analisi dei report scritti dagli esperti del progetto che hanno effettuato incontri nelle scuole. Aprile 2013: Valutazione ex post del progetto attraverso la lettura finale dei Piani di Miglioramento e un questionario on-line somministrato ai Team di miglioramento. Sono stati inoltre analizzati i diari dei tutor compilati durante l anno di accompagnamento e sono state intervistate a campione delle scuole segnalate come buone pratiche dai tutor stessi.

45 Gli indicatori indagati nel monitoraggio Il miglioramento scolastico; L accompagnamento ricevuto; La progettazione del miglioramento: il Piano di Miglioramento.

46 Nella fase di progettazione del Piano di Miglioramento

47 Rapporti di Valutazione: Le Piste di miglioramento individuate (dato nazionale) 84 90% 80% 70% 63% 60% 49% 50% 40% 27,3% 28,5% 30% 20% 10% 1,3% 0%

48 Analisi delle piste nei Piani di Miglioramento Azioni di miglioramento individuate (dato nazionale) 80,00% 70,00% 73,1% 67,1% L'utilizzo degli spazi e le risorse materiali I processi in atto tra scuola e territorio 60,00% La progettazione 50,00% La capacità di sostenere il miglioramento I risultati 40,00% 30,00% 20,00% 11,9% 16,4% 22% 10,00% 0,00%

49 Che cosa pensano i dirigenti delle scuole VSQ (1) Il miglioramento scolastico ha bisogno di: coinvolgere di tutto il personale della scuola; dare garanzie di continuità nel tempo (poco tempo in VSQ); far partecipare i genitori alla individuazione degli obiettivi di miglioramento; avere un quadro di sfondo preciso; avere un maggiore livello di collegialità e collaborazione; individuare prima di tutto identità ed obiettivi dell istituto scolastico; Verificare costantemente i risultati.

50 Che cosa pensano i dirigenti delle scuole VSQ (2) Le caratteristiche dell azione di accompagnamento: disponibilità costante del tutor; rapporto alla pari; Importanza del ruolo terzo rispetto al contesto scolastico; tempo a volte non sufficiente per attivare correttamente i processi.

51 Che cosa pensano i dirigenti delle scuole VSQ (3) Il piano di miglioramento: il rispecchiamento è un processo utile che ha coinvolto i team di miglioramento; struttura del PdM: sistematico, rigoroso e analitico, ma poco focalizzato sulla scuola. tempo insufficiente per l elaborazione del PdM rispetto ai tempi della scuola;

52 Che cosa pensano i tutor delle scuole VSQ nei forum on-line (1) Il processo di accompagnamento: Miglioramento nuova realtà in molte scuole; Importanza della presenza del dirigente come guida del miglioramento; Importanza della collaborazione attiva del team di miglioramento all interno della scuola; Buona disponibilità delle scuole se non atteggiamenti di difesa.

53 La rilettura critica dei Piani di miglioramento: Università degli studi La Bicocca

54 77 Piani di Miglioramento analizzati: 14 Provincia di Arezzo (18,2%), 5 Provincia di Mantova (6,5%); 20 Provincia di Pavia (25,9%); 38 provincia di Siracusa (49,4%).

55 Dalla lettura dei PdM da parte del team Università Bicocca

56 Dalla lettura dei PdM da parte del team Università Bicocca

57 La valutazione dell avvio delle azioni dei PdM

58 Dagli incontri provinciali di novembre-gennaio I dirigenti: Progetto utile per incrementare la cultura della valutazione e del miglioramento; Utilità del processo di rispecchiamento Buon accompagnamento del tutor; Necessità di maggiore interazione con gli esperti; Necessità di allargare i tempi e snellire gli strumenti di monitoraggio. I tutor: Progetto utile per incrementare la cultura della valutazione e del miglioramento; Importanza del ruolo del DS nel progetto; Utilità degli strumenti forniti per la progettazione e la revisione del PdM; Necessità di maggiore interazione con gli esperti; Necessità di allargare i tempi e snellire gli strumenti di monitoraggio;

59 punto di forza punto di debolezza Valutazione progetto nelle scuole-tutor non risposta Dati rilevati su un campione di 39 scuole

60

61 La valutazione finale dei team di miglioramento

62 RISPOSTE AI QUESTIONARI SOTTOPOSTI AI TEAM DI MIGLIORAMENTO DELLE SCUOLE

63 Composizione team di miglioramento Numero membri del team: da un massimo di 30 ad un minimo di 3 componenti

64 Provincia di appartenenza TpM 44% 21% 35% Mantova-Pavia, 200 persone Arezzo, 118 persone Siracusa, 252 persone

65 Ruoli specifici membri dei team Altro 83 Referente dipartimento/area disciplinare 49 Funzione strumentale 199 DSGA 32 Docente vicario 52 Docente 116 Dirigente 39

66 Quanto spesso si riuniva il Team di Miglioramento 37% 15% 48% Meno di una volta al mese Circa una volta al mese Più di una volta al mese

67 Incontri effettuati dai Team tra aprile 2012 e aprile % 34% 5% 37% Tra 1 e 6 incontri Tra 6 e 12 incontri Tra 12 e 18 incontri Più di 18 incontri

68 Team che hanno incontrato almeno una volta il collegio docenti No Sì No Sì Team che si sono ritrovati in modo completo

69 Partecipazione DS agli incontri No 97 Sì 471 Partecipazione DSGA agli incontri No 360 Sì 207

70 Soddisfazione del rapporto con il Tutor Per niente Poco Abbastanza Del tutto

71 Quanto ha ritenuto necessario l'accompagnamento del tutor nel corso del progetto? 0% 4% 31% PER NIENTE POCO ABBASTANZA 65% DEL TUTTO

72 Per quali aspetti considera essere stato utile l'intervento del tutor? 3% Supporto metodologico 20% 30% Supporto scientifico 41% 2% 4% Facilitazione relazioni interne Facilitazione nella realizzazione del PdM Per l'impostazione del monitoraggio Altro

73 Quali sono gli eventuali aspetti di criticità nell'operato del tutor? Difficoltà di comunicazione 7 Mancanza di competenze Eccessiva VICINANZA territoriale Eccessiva DISTANZA territoriale 38 Mancanza di continuità/tempo 263 Nessuna criticità 183 Altro

74 Quanto ha ritenuto necessario l'intervento degli esperti? PER NIENTE POCO ABBASTANZA DEL TUTTO

75 Per quali aspetti considera essere stato utile l'intervento degli esperti? Supporto metodologico 272 Supporto scientifico 139 Facilitazione nella realizzazione del PdM 99 Per l'impostazione del monitoraggio 135 Esperto non richesto o non intervenuto 82 Altro

76 Quali sono gli eventuali aspetti di criticità nell'operato dell'esperto? Difficoltà di comunicazione Mancanza di competenze Eccessiva vicinanza territoriale Mancanza di continuità/tempo 321 Nessuna criticità 93 Altro

77 Altri aspetti di criticità riscontrati nel rapporto con l esperto. -Incontro in periodi troppo avanzati del progetto -Distanza territoriale - Scarsa relazione in presenza

78 E' soddisfatto delle relazioni che si sono create all'interno del team di miglioramento? PER NIENTE POCO ABBASTANZA DEL TUTTO

79 Ritiene che i progetti di miglioramento siano stati condivisi all'interno dell'organizzazione scolastica? DEL TUTTO 162 ABBASTANZA 367 POCO 34 PER NIENTE

80 Ritiene che i progetti di miglioramento siano stati realizzati in modo efficace? 97% SI NO 3%

81 Ritiene che il progetto VSQ abbia contribuito a creare una cultura della valutazione e del miglioramento all interno della scuola? 5% 95% SI NO

82 Quali figure le sembrano più utili per accompagnare il miglioramento dell'organizzazione scolastica dall'esterno? La figura del tutor Gli esperti indicati da INDIRE,INVALSI, MIUR Il tutor e gli esperti

83 Grazie per l attenzione

Il Piano di Miglioramento. Sara Mori INDIRE Caltanissetta, 7 Maggio 2015

Il Piano di Miglioramento. Sara Mori INDIRE Caltanissetta, 7 Maggio 2015 Il Piano di Miglioramento Sara Mori INDIRE Caltanissetta, 7 Maggio 2015 DATA DRIVEN IMPROVEMENT No Child Left Behind Act (2002): promozione dell utilizzo dei dati per il miglioramento della scuola. La

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO dell istituto ...

PIANO DI MIGLIORAMENTO dell istituto ... PIANO DI MIGLIORAMENTO dell istituto... RESPONSABILE del Piano di Miglioramento Il Team per il Miglioramento ha la responsabilità della scelta dei percorsi di miglioramento e dell organizzazione dei progetti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PRINCIPESSA ELENA DI NAPOLI RELAZIONE FINALE DELLA FUNZIONE STRUMENTALE PER LA VALUTAZIONE D ISTITUTO PROGETTO VALES

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PRINCIPESSA ELENA DI NAPOLI RELAZIONE FINALE DELLA FUNZIONE STRUMENTALE PER LA VALUTAZIONE D ISTITUTO PROGETTO VALES ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PRINCIPESSA ELENA DI NAPOLI RELAZIONE FINALE DELLA FUNZIONE STRUMENTALE PER LA VALUTAZIONE D ISTITUTO PROGETTO VALES A.S. 2014-15 INS. DARIO AMODEO PREMESSA La disponibilità

Dettagli

Progetto di miglioramento VSQ (Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole)

Progetto di miglioramento VSQ (Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole) Progetto di miglioramento VSQ (Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole) A cura di Francesca Storai e Sara Mori 1 VSQ - PROGETTO DI INTERVENTO A SUPPORTO DEI PIANI DI MIGLIORAMENTO DELLE

Dettagli

PERCORSO LABORATORIO CAF

PERCORSO LABORATORIO CAF PERCORSO LABORATORIO CAF I.I.S.S. Majorana-Laterza Il progetto FORMIUR Miglioramento delle performance delle Istituzioni scolastiche, realizzato nell'ambito del PON 2007-2013 "Competenze per lo sviluppo"

Dettagli

Istituto Comprensivo San Valentino Torio Sistema Nazionale di Valutazione

Istituto Comprensivo San Valentino Torio Sistema Nazionale di Valutazione Istituto Comprensivo San Valentino Torio Sistema Nazionale di Valutazione Prof.ssa A. Esposito Riferimenti Normativi DPR n. 275, 8 marzo 1999: Regolamento per la disciplina dell'autonomia delle Istituzioni

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

Il piano di miglioramento: agire sui processi per migliorare i risultati. Contesto Risorse Processi Risultati

Il piano di miglioramento: agire sui processi per migliorare i risultati. Contesto Risorse Processi Risultati Il piano di miglioramento: agire sui processi per migliorare i risultati Dal RAV: Contesto Risorse Processi Risultati caratteristiche del territorio aspetti sociali materiali organizzativi apprendimenti

Dettagli

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 IL RAV Il RAV (di seguito nominato Report) rappresenta la prima esperienza di autovalutazione dell Ist. Comprensivo

Dettagli

Valutare gli apprendimenti per promuovere la qualità dell istruzione. Francesca Storai - Indire

Valutare gli apprendimenti per promuovere la qualità dell istruzione. Francesca Storai - Indire Valutare gli apprendimenti per promuovere la qualità dell istruzione Francesca Storai - Indire 17 e 18 novembre 2014 Centro Congressi Frentani - Roma Nel 2009 iniziammo da qui. * * Media PISA OCSE in matematica

Dettagli

Il miglioramento scolastico nel sistema Nazionale di Valutazione

Il miglioramento scolastico nel sistema Nazionale di Valutazione Il miglioramento scolastico nel sistema Nazionale di Valutazione Massimo Faggioli Dirigente di ricerca area valutazione e miglioramento Indire - Firenze Caltanisetta, 7 maggio 2015 Due modelli di riferimento

Dettagli

IL RUOLO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA PREDISPOSIZIONE DEL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO. Vanna Monducci 6 settembre 2013

IL RUOLO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA PREDISPOSIZIONE DEL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO. Vanna Monducci 6 settembre 2013 IL RUOLO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA PREDISPOSIZIONE DEL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO Vanna Monducci 6 settembre 2013 IL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO: GLI ELEMENTI PRIORITARI valutazione esterna degli apprendimenti

Dettagli

VSQ. Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole

VSQ. Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole 1 VSQ Progetto sperimentale per un sistema di

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione Ancor prima dell unificazione in entrambi i Plessi erano state avviate iniziative volte al

Dettagli

VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole

VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole 1 VSQ Progetto sperimentale per un sistema di

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

VSQ. Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole

VSQ. Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle scuole 1 VSQ Progetto sperimentale per un sistema di

Dettagli

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale Piazza delle Regioni - 85100 Potenza INCONTRI DEL 13/19/25 FEBBRAIO 2015 AVVIO

Dettagli

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV NORMATIVA E DOCUMENTI Il format di autovalutazione Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV SINTESI PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E RAV DPR 28 Marzo 2013, n. 80 Direttiva n.11 del 18 settembre 2014

Dettagli

Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill

Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill Un cambiamento non sempre produce un miglioramento, ma un miglioramento richiede sempre un cambiamento. Winston Churchill analisi e verifica servizio: rapporto autovalutazione e piano miglioramento valutazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO

LA VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO LA VALUTAZIONE DEL SISTEMA SCOLASTICO 1 IL PROGETTO VALUTAZIONE & MIGLIORAMENTO IL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA CIRCOLARE APPLICATIVA N. 47 DEL 21/10/2014 2 IL PROGETTO VALUTAZIONE & MIGLIORAMENTO

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PEIC828004 I. C. I.SILONE-MONTESILVANO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

oltre l'adempimento Assicurazione interna della qualità: Conferenza di Ateneo sull'accreditamento e la Valutazione Bari, 20 luglio 2012

oltre l'adempimento Assicurazione interna della qualità: Conferenza di Ateneo sull'accreditamento e la Valutazione Bari, 20 luglio 2012 Assicurazione interna della qualità: Conferenza di Ateneo sull'accreditamento e la Valutazione Bari, 20 luglio 2012 oltre l'adempimento Serafina Pastore Qualche precisazione Diverse le modalità per strutturare

Dettagli

Disegno di ricerca per il monitoraggio valutativo delle attività di formazione integrata a supporto del DL59

Disegno di ricerca per il monitoraggio valutativo delle attività di formazione integrata a supporto del DL59 Disegno di ricerca per il monitoraggio valutativo delle attività di formazione integrata a supporto del DL59 1. Obiettivi La ricerca si propone di conseguire tre macro-obiettivi. 1- Verificare nel caso

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

I.C. CRISPI PALERMO S.S.1 GRADO DANTE ALIGHIERI - CT 22/23-11-2010. A cura di Mirella Pezzini

I.C. CRISPI PALERMO S.S.1 GRADO DANTE ALIGHIERI - CT 22/23-11-2010. A cura di Mirella Pezzini I.C. CRISPI PALERMO S.S.1 GRADO DANTE ALIGHIERI - CT 22/23-11-2010 A cura di Mirella Pezzini Lina Barone è uno strumento di Total Quality Management ispirato dal modello di eccellenza EFQM della European

Dettagli

Descrizione del processo. Autovalutazione CAF

Descrizione del processo. Autovalutazione CAF Descrizione del processo Autovalutazione CAF 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DELL'AUTOVALUTAZIONE IL PROCESSO DI ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DELL'AUTOVALUTAZIONE Inizio: settembre 2013 I dieci step: 1. Decidere

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Allegato all Atto d indirizzo al Collegio dei docenti per la predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa.

Dettagli

Progettazione / Programmazione didattica (Processo Principale)

Progettazione / Programmazione didattica (Processo Principale) 1 di 9 Istituto Comprensivo E. Curti di Gemonio Progettazione / Programmazione didattica (Processo Principale) Codice PQ 011 Modalità di distribuzione Copia non controllata Copia controllata numero 1 consegnata

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PDIS003009 "C.CATTANEO" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento

La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento Progetto Valutazione e Miglioramento Strumenti per valutare le scuole Seminario con gli osservatori 21 25 marzo 2011 Radisson Blu Hotel Roma La Fase 2 del Progetto Valutazione e Miglioramento Il Progetto

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO MEIC851001 SCUOLA IC SALVO D ACQUISTO MESSINA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE GENNAIO 2014 1 PARTE

Dettagli

LE FASI DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

LE FASI DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE DIREZIONE DIDATTICA STATALE I CIRCOLO VIA MAZZIERE 90018 TERMINI IMERESE TEL 091 8113191 TEL/FAX 091 8144600/ FAX 091/6197479 E-MAIL paee09300v@istruzione.it E-MAIL paee09300v@pec.it Sito web : www.primocircolotermini.it

Dettagli

Progettare il miglioramento: dalla scelta delle priorità alla realizzazione delle azioni

Progettare il miglioramento: dalla scelta delle priorità alla realizzazione delle azioni Progettare il miglioramento: dalla scelta delle priorità alla realizzazione delle azioni Disfor Dipartimento di Scienze della Formazione di Genova Anna Federico - Indire Maglie (LE) 18 Aprile 2015 Quadro

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

Dall autovalutazione al miglioramento. Francesca Rossi Antonella Turchi INDIRE Altopiano Laceno, 16 luglio 2015

Dall autovalutazione al miglioramento. Francesca Rossi Antonella Turchi INDIRE Altopiano Laceno, 16 luglio 2015 Dall autovalutazione al miglioramento Francesca Rossi Antonella Turchi INDIRE Altopiano Laceno, 16 luglio 2015 Garantire la qualità nell educazione educazione Il potenziamento/miglioramento della qualità

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA Direzione Generale Via Ponte della Maddalena 55-80142 Napoli POLO QUALITÀ DI NAPOLI - istituito con

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA SUL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

LA NUOVA NORMATIVA SUL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA NUOVA NORMATIVA SUL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE La scuola italiana si dota oggi di uno strumento fondamentale che è quello della valutazione del sistema nazionale Bisogna dire con chiarezza che

Dettagli

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL)

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) Feedback report Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) 13 febbraio 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: Telefono: Fax: Direzione Didattica -2 Circolo Niscemi Via Calatafimi,

Dettagli

Scuola S.PIO X Foggia

Scuola S.PIO X Foggia PIANO DI MIGLIORAMENTO Scuola S.PIO X Foggia a.s. 2014-2015 RESPONSABILE del Piano: Giovanna Caserta Composizione del gruppo che segue la progettazione del PdM: Nome e Cognome Ruolo nell organizzazione

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell infanzia-scuola primaria-scuola secondaria di 1 a indirizzo musicale BOER-VERONA TRENTO Via XXIV Maggio,

Dettagli

2012 Le Nuove Indicazioni

2012 Le Nuove Indicazioni REPORT CONCLUSIVO DELL ATTIVITA DI RICERCA-AZIONE: 2012-Le Nuove Indicazioni ISTITUTO COMPRENSIVO DI VERNOLE (LE) 2012 Le Nuove Indicazioni RESTITUZIONE FINALE CONDIVISIONE DEI PERCORSI DIDATTICI EFFETTUATI

Dettagli

Presentazione delle attività formative. Obiettivi e contenuti del Piano

Presentazione delle attività formative. Obiettivi e contenuti del Piano Piano di formazione e informazione dei Team di Valutazione alle indagini nazionali e internazionali Conferenze di servizio per i dirigenti scolastici Presentazione delle attività formative. Obiettivi e

Dettagli

Il percorso di Autovalutazione Collegio Docenti

Il percorso di Autovalutazione Collegio Docenti Il percorso di Autovalutazione Collegio Docenti Gambolò, 5 febbraio 2015 AUTONOMIA R E S P O N S A B I L I T À R I S O R S E V A L U T A Z I O N E non c è vera autonomia senza responsabilità e non c è

Dettagli

Si richiamano i punti salienti del D.M. n. 850 del 27/10/2015, in allegato alla presente comunicazione:

Si richiamano i punti salienti del D.M. n. 850 del 27/10/2015, in allegato alla presente comunicazione: Magenta, 10.11.2015 Circ. n. 58 Al personale docente in anno di formazione in servizio presso l ICS Via S. Caterina Ai docenti con funzione di tutori neo - assunti Oggetto: indicazioni su attività di formazione

Dettagli

Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole

Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole Premessa Nel quadro delle azioni del Ministero da attuare in coerenza con i principi generali contenuti nel Decreto legislativo

Dettagli

L osservazione peer to peer: modalità e strumenti

L osservazione peer to peer: modalità e strumenti L osservazione peer to peer: modalità e strumenti Ufficio Scolastico Provinciale di Modena 12 Gennaio 2016 Roberta Cardarello Docente di Didattica e Pedagogia speciale Università di Modena e Reggio Emilia

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

Il modello formativo dei progetti PON docenti

Il modello formativo dei progetti PON docenti Il modello formativo dei progetti PON docenti Scuola- Presidio Comunità Tutor Blended Collaborazione Laboratorio Peer- Educa5on Competenze Sperimentazione Personalizzazione Ricerca- azione Innovazione

Dettagli

OGGETTO: Piano Formazione Nazionale del Polo Qualità- Scadenza iscrizione 27 febbraio

OGGETTO: Piano Formazione Nazionale del Polo Qualità- Scadenza iscrizione 27 febbraio ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia - di Scuola Primaria e di Scuola Secondaria I grado ad Indirizzo Musicale A N I E L L O C A L C A R A M A R C I A N I S E Prot. n. 1064 C/2 MARCIANISE

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE E SOCIALI

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE E SOCIALI UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE E SOCIALI Corso di Laurea Triennale in Scienze del Servizio Sociale Regolamento attività di Stage 1. Lo Stage L attività di Stage del terzo

Dettagli

1) Il Programma Operativo Nazionale 2007-2013 Competenze per lo Sviluppo

1) Il Programma Operativo Nazionale 2007-2013 Competenze per lo Sviluppo Pagina1 Allegato A Monitoraggio delle formazioni docenti PON 2010/2011 e richieste specifiche per la valutazione e il monitoraggio delle azioni PON DIDATEC corso base e corso avanzato 1) Il Programma Operativo

Dettagli

Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno

Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno Direzione didattica don Lorenzo Milani Villa literno 29/10/2015 Dal RAV al PDM PER ORIENTARE IL PTOF e costruire un curricolo verticale per competenze 29/10/2015 - MA/PIROZZI DAL RAV AL PDM PER REALIZZARE

Dettagli

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE

STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE STEP 5 CONDURRE IL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE: LA RACCOLTA DELLE EVIDENZE Italo Benedini Esperto del Centro Risorse CAF ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 3: STEP 1 Wf STEP 2 Wf STEP 3 Wf Decidere Come organizzare

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 ALLEGATO 1 Progettazione del percorso Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 1. Analisi dei bisogni formativi. Il progetto Alternanza scuola-lavoro è un

Dettagli

Contatto Provincia CPI Visita congiunta CPI / SIL in azienda. sensibilizzazione e di promozione del progetto,

Contatto Provincia CPI Visita congiunta CPI / SIL in azienda. sensibilizzazione e di promozione del progetto, ! "#$%&'()(&&*&"+" Il progetto prevedeva la formazione dei job coach, operatori che svolgono la funzione di mediazione e accompagnamento dei soggetti svantaggiati nel percorso di integrazione lavorativa.

Dettagli

Area POTENZIAMENTO Scientifico

Area POTENZIAMENTO Scientifico Area POTENZIAMENTO Scientifico ALLEGATO 5c Necessità di miglioramento Il potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche, teso sia all individuazione di percorsi funzionali alla premialità

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* TPPPS11000A LICEO SCIENTIFICO STATALE M.CIPOLLA PIAZZALE PLACIDO RIZZOTTO - 91022 CASTELVETRANO

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

1-Il Piano regionale di formazione: presentazione CM.n.47/10/2014 e CM. n.7677del4/12/2014

1-Il Piano regionale di formazione: presentazione CM.n.47/10/2014 e CM. n.7677del4/12/2014 INDICE DIAPOSITIVE 1. Il Piano regionale di formazione: presentazione 2. I principi ispiratori del Piano 3. La normativa: il percorso triennale di valutazione delle scuole 4. L autovalutazione: documentazione

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica METD05000E I.T. L.DA VINCI ECONOMICO TECNOLOGICO Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 23) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

Con il DPR 28 marzo 2013, n. 80 è stato emanato il regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione (SNV) in materia di istruzione e formazione.

Con il DPR 28 marzo 2013, n. 80 è stato emanato il regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione (SNV) in materia di istruzione e formazione. Con il DPR 28 marzo 2013, n. 80 è stato emanato il regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione (SNV) in materia di istruzione e formazione. In vista dell avvio del Sistema Nazionale di Valutazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.CISCATO DOTT. BRUNO SANDRI DIRIGENTE SCOLASTICO RESPONSABILE DEL PIANO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.CISCATO DOTT. BRUNO SANDRI DIRIGENTE SCOLASTICO RESPONSABILE DEL PIANO Istituto Comprensivo Statale G. Ciscato Via Marano, 53-36034 MALO (Vi) Tel. 0445/605202 0445/581418 C.F.:83003630247 C.M. VIIC80800N www.ciscato.gov.it e-mail: viic80800n@istruzione.it viic80800n@pec.istruzione.it

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI MILANO ISTITUTO COMPRENSIVO GUGLIELMO MARCONI - CONCOREZZO

UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI MILANO ISTITUTO COMPRENSIVO GUGLIELMO MARCONI - CONCOREZZO DATI DESCRITTIVI DEI PARTNER Nome Legale UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI MILANO ISTITUTO COMPRENSIVO GUGLIELMO MARCONI - CONCOREZZO Acronimo (se presente) Indirizzo Referente del progetto (indicare anche

Dettagli

Come accompagnare le scuole nel processo di autovalutazione

Come accompagnare le scuole nel processo di autovalutazione Roma 27-11-2014 Come accompagnare le scuole nel processo di autovalutazione A cura di Giancarlo Cerini A cura di Giancarlo Cerini L e t r e g a m b e d e l s i s t e m a Istituti nazionali: Invalsi, Indire,

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

Formazione docenti/ autovalutazione

Formazione docenti/ autovalutazione Formazione docenti/ autovalutazione Il nostro istituto è chiamato a valutare la significatività Il significato da attribuire al processo di autovalutazione è di migliorare la qualità del servizio come

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) IST. SECONDARIO SUP. DI CAIRO MONTENOTTE Corso XXV Aprile, 76 17014 Cairo Montenotte (SV) - tel.: 019-504684 e-mail: svis00300a@istruzione.it PEC: svis00300a@pec.istruzione.it

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

Funzionigramma d Istituto

Funzionigramma d Istituto Dirigente Scolastico Assicura la gestione unitaria dell istituzione È il rappresentante legale È responsabile della gestione delle risorse finanziare e strumentali e dei risultati del servizio Organizza

Dettagli

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014

Istituto Comprensivo di Positano e Praiano C.A.F. 2014 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO CAF E TEMPI Avvio attività processo AV Processo AV Predisposizione Piano di miglioramento Periodo di riferimento 8 mesi GLI STEP DEL VIAGGIO CAF FASI PROCESSO AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ANNO SCOLASTICO 2015-16 PIANO DI MIGLIORAMENTO Secondo la logica del PDC: 1.Plan - 2.Do - 3.Check - 4.Act RESPONSABILE: Brentegani Silvana NIV: Brentegani Silvana, Michele Cullotta, Ciuffi Federica, Paoletti

Dettagli

ANALISI. Questionario per il personale ASI. Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 14.01.2011 Prima emissione documento A

ANALISI. Questionario per il personale ASI. Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 14.01.2011 Prima emissione documento A Pagina: 1 di 13 Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 14.01.2011 Prima emissione documento A Pagina: 2 di 13 QUESTIONARIO PER IL PERSONALE In seno all analisi SWOT, al fine di valutare

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE SOTTOCRITERIO 3.1 Pianificare, gestire e potenziare le risorse umane in modo trasparente in linea con le politiche e le strategie a) analizzare regolarmente

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

INDICATORI NEL R.A.V. - FOCUS PER IL MIGLIORAMENTO

INDICATORI NEL R.A.V. - FOCUS PER IL MIGLIORAMENTO Scolastica - Tavolo Interdipartimentale di supporto all'attuazione del 1 INDICATORI NEL R.A.V. - FOCUS PER IL MIGLIORAMENTO Prospettive per l applicazione del DPR n. 80/2013 Legame tra Autonomia e Valutazione

Dettagli