Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 1"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO GIULIO DE PETRA CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel 0872/ Fax 0872/ Cod.Fiscale Cod.Mecc. CHIC80600P web Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 1

2 Sommario Sez. 1. OBIETTIVI DI PROCESSO 1.1. Congruenza tra obiettivi di processo e priorità strategiche espresse nel Rapporto di Autovalutazione (RAV) 1.2. Scala di rilevanza degli obiettivi di processo 1.3. Risultati attesi, indicatori di monitoraggio del processo e modalità di misurazione dei risultati Sez, 2. AZIONI PREVISTE PER RAGGIUNGERE CIASCUN OBIETTIVO DI PROCESSO 2.1. Effetti positivi e negativi nel medio e nellungo delle azioni 2.2. Riferimento delle azioni alla Legge 107/ e alle Avanguardie educative Sez. 3. PIANIFICAZIONE DELLE AZIONI PREVISTE PER CIASCUN OBIETTIVO DI PROCESSO INDIVIDUATO 3.1. Impegno di risorse umane, strumentali e finanziarie 3.2. Tempi di attuazione delle attività 3.3.Programmazione del monitoraggio periodico dello stato di avanzamento del raggiungimento dell obiettivo di processo Sez. 4. VALUTAZIONE, CONDIVISIONE E DIFFUSIONE DEI RISULTATI DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 4.1. Valutazione dei risultati raggiunti sulla base degli indicatori relativi ai traguardi del RAV 4.2. Processi di condivisione del piano scuola 4.3. Modalità di diffusione dei risultati del PdM sia all interno che all esterno dell organizzazione scolastica 4.4. Componenti e modalità di lavoro del Nucleo di Autovalutazione Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 2

3 Sezione 1 Obiettivi di processo Tabella 1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità strategiche del RAV Priorità del RAV: 1. Riduzione delle ripetenze nelle classi I della SS di I grado e degli ammessi alle classi successive con sufficienze assegnate dal CdC. 2. Riduzione della varianza tra le classi 3. Monitoraggio degli esiti sul lungo periodo Area di processo Obiettivi di processo E connesso alle priorità Curricolo, progettazione e valutazione Ambiente di apprendimento Inclusione e differenziazione Continuità e orientamento Orientamento strategico e organizzazione della scuola Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie Revisionare i curriculi verticali disciplinari e trasversali in riferimento alla nuova certificazione delle competenze Completare il dossier di valutazione di processo e di prodotto X X Acquisire risorse finanziare e sviluppare la progettualità partecipando ai progetti PON e del PNSD Personalizzare i percorsi di apprendimento potenziando l utilizzo di pratiche innovative e inclusive Potenziare il progetto orientamento-continuità in tutte le classi X X Incrementare il tempo scuola e la flessibilità organizzativa X X Potenziare la distribuzione della leadership Attivare la formazione e la ricerca-azione su didattica per competenze, strumenti di verifica/valutazione e uso inclusivo delle nuove tecnologie Rafforzare la co-progettazione con il territorio X X X X X X X X Tabella 2 Scala di rilevanza degli obiettivi di processo Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 3

4 Obiettivo di processo 1 Revisionare i curriculi verticali disciplinari e trasversali in riferimento alla nuova certificazione delle competenze Fattibilità (da 1 a 5) Impatto (da 1 a 5) Prodotto: valore che identifica la rilevanza dell intervento Completare il dossier di valutazione di processo e di prodotto Acquisire risorse finanziare e sviluppare la progettualità partecipando ai progetti PON e del PNSD Incrementare il tempo scuola e la flessibilità organizzativa Potenziare la distribuzione della leadership Attivare la formazione e la ricerca-azione su didattica per competenze, strumenti di verifica/valutazione e uso inclusivo delle nuove tecnologie 7 Personalizzare i percorsi di apprendimento potenziando l utilizzo di pratiche innovative e inclusive Potenziare il progetto orientamentocontinuità in tutte le classi Rafforzare la co-progettazione con il territorio Tabella 3 Risultati attesi, indicatori di monitoraggio del processo e modalità di misurazione dei risultati Obiettivo di processo in via di attuazione 1 Revisionare i curriculi verticali disciplinari e trasversali in riferimento alla nuova certificazione delle competenze Risultati attesi Definizione di un modello comune e condivisione di modalità progettuali interdisciplinari, di criteri e metodologie basate sulla didattica per competenze Acquisizione e sviluppo di competenze chiave e disciplinari Indicatori di monitoraggio Presenza di modalità di progettazione collegiali Realizzazione di Uda interdisciplinari e di attività laboratoriali Modalità di rilevazione POF e Piano annuale delle attività Convocazioni e incontri collegiali Numero di Uda interdisciplinari prodotte e realizzate Percentuale delle ore annuali destinate alle attività laboratoriali Dati di sintesi rilevazione competenze 2 Completare il dossier di valutazione di processo e di prodotto Utilizzo condiviso di criteri, strumenti e modalità operative comuni di valutazione e riduzione di eventuali squilibri tra le classi e tra i diversi ordini di scuola Elaborazione di Utilizzo di strumenti di valutazione di processo e di prodotto Varianza nella valutazione tra le classi e tra gli ordini di scuola Efficacia e funzionalità Tipologia di strumenti elaborati Questionari ai docenti e agli alunni Sintesi delle valutazioni, comparazione tra i Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 4

5 strumenti e procedure comuni di progettazione e di rendicontazione degli strumenti prodotti diversi ordini di scuola e con le valutazioni delle prove INVALSI 3 Acquisire risorse finanziare e sviluppare la progettualità partecipando ai progetti PON e del PNSD Potenziamento della didattica per competenze attraverso l'uso delle nuove tecnologie Utilizzo di strumenti digitali per incrementare la condivisione delle procedure e dei prodotti e snellire la comunicazione Presenza di infrastruttura di rete LAN/Wlan Incremento di LIM e notebook Prodotti multimediali elaborati dagli alunni Partecipazione a iniziative del PNSD Realizzazione di laboratori specifici Incremento competenze digitali dei docenti Corsi di formazione svolti dai docenti Rilevazione numero e funzionalità dotazione digitale Questionario rilevazione sulla fruizione delle nuove tecnologie ad alunni e docenti Rilevazione numero docenti/alunni coinvolti nelle iniziative PNSD 4 Incrementare il tempo scuola e la flessibilità organizzativa Numero attività e laboratori di ampliamento realizzati in orario curriculare ed extracurriculare Rilevazione attraverso documenti di programmazione e registri Ampliamento delle opportunità formative e di successo scolastico degli alunni Numero alunni coinvolti Numero esperti e associazioni coinvolti Numero modifiche e adattamenti orari realizzati nel corso dell'anno Progettazioni attività/laboratori Registri Relazioni finali Questionari di gradimento Attività a classi aperte e per gruppi di alunni Frequenza 5 Potenziare la distribuzione della leadership Allargamento della condivisione e della corresponsabilità educativo-didattica e organizzativa Consolidamento dei processi di responsabilizzazione di ciascuna delle componenti della comunità scolastica, in riferimento a ruoli e Numero di docenti impegnati come figure di sistema e membri di commissioni/gruppi di lavoro Numero personale ATA coinvolto nell attuazione del PTOF Nomine e incarichi attribuiti Verifica e rendicontazione delle azioni prodotte Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 5

6 compiti 6 Attivare la formazione e la ricerca-azione su didattica per competenze, strumenti di verifica/valutazione e uso inclusivo delle nuove tecnologie Potenziamento delle competenze progettuali, metodologiche e strategiche Utilizzo di pratiche formative innovative Corsi di formazione attivati Percorsi di ricercaazione implementati Ricaduta dell'azione di formazione nella prassi didattica e sugli esiti degli studenti Questionari Documentazione delle attività di formazione e dei percorsi di ricercaazione Certificazioni rilasciate 7 Personalizzare i percorsi di apprendimento potenziando l utilizzo di pratiche innovative e inclusive Presenza di percorsi personalizzati e inclusivi Osservazioni sistematiche effettuate e documenti di valutazione Verbali degli incontri Garantire il successo formativo a tutti gli alunni riducendo le difficoltà di apprendimento Diffondere le buone pratiche Co-progettazione con enti e associazioni del territorio Incontri periodici per la progettazione e verifica dei piani personalizzati Attestati di partecipazione a corsi di formazione specifici da parte dei docenti Documentazione percorsi inclusivi Esiti alunni Screening e monitoraggio sugli alunni Report sui percorsi formativi Protocolli, convenzioni e intese 8 Potenziare il progetto orientamentocontinuità in tutte le classi Incontri di raccordo tra ordini di scuola Verbali incontri Facilitare il raccordo progettuale, metodologico e didattico tra gli ordini di scuola Percorsi formativi realizzati in continuità Strumenti di progettazione e di valutazione condivisi Laboratori di orientamento e di autoorientamento Coinvolgimento Sc. Sec. di II grado e famiglie Documenti di progettazione e di rendicontazione Calendarizzazione incontri tra i vari ordini di scuola Questionari di autopercezione 9 Rafforzare la co-progettazione con il territorio Aumento e diversificazione delle opportunità formative Miglioramento e funzionalità del servizio Co-progettazione dell'offerta formativa e conseguente realizzazione Partecipazione formale e informale delle Contratti Convenzioni, intese e protocolli Rendicontazione sui Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 6

7 e delle strutture famiglie servizi e sulle strutture Presenza di esperti esterni, enti e associazioni Riorganizzazione del tempo scuola e degli spazi e dei servizi Verbali, fogli firme Percentuale presenza genitori nelle assemblee degli incontri scuolafamiglia, nei consigli, nei colloqui individuali Quadri orario Ristrutturazione ambienti di apprendimento Riorganizzazione dei servizi Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 7

8 SEZIONE 2 Azioni previste per raggiungere ciascun obiettivo di processo Ob. N. 1: REVISIONARE I CURRICULI VERTICALI, DISCIPLINARI E TRASVERSALI, IN RIFERIMENTO ALLA NUOVA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Tabella 4 Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni Azione prevista Formazione del personale Effetti positivi scuola a medio Riflessione sulle proprie competenze Modifica stili di insegnamento Maggiore collegialità e condivisione dei percorsi formativi Effetti negativi scuola a medio Resistenza a modificare prassi consolidate Effetti positivi scuola a lungo Innovazione delle prassi didattiche e dell organizzazione Valorizzazione delle competenze Effetti negativi scuola a lungo Non previsti Maggiore interazione e confronto tra i docenti Elaborazione di strumenti univoci di progettazione e valutazione Modulistica e procedure condivise Diminuzione della varianza tra le classi e gli ordini di scuola Maggiore interdisciplinarità e condivisione dei percorsi progettati Utilizzo passivo e poco consapevole degli strumenti Creazione di una comunità di pratiche Equità degli esiti Creazione di una banca dati Non previsti Costituzione di gruppi di lavoro finalizzati alla revisione del curricolo e alla costruzione degli strumenti di verifica e valutazione Progettazione e valutazione per classi parallele Utilizzo di strumenti condivisi Realizzazione di percorsi formativi interdisciplinari Elaborazione di strumenti di Condivisione parziale Sviluppo di competenze progettuali e relazionali Collegialità e funzionalità delle strategie, metodologie e strumenti condivisi Non previsti Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 8

9 valutazione autentica Implementazione di nuove metodologie e strategie Potenziamento autoefficacia azione formativa Alleanza educativa e condivisione delle responsabilità Condivisione con le famiglie dei percorsi formativi progettati e dei relativi risultati Costruzione di percorsi formativi efficaci in interazione Trasparenza e consapevolezza dell azione formativa Resistenza al coinvolgimento Garanzia del successo formativo per tutti e per ciascuno Non previsti Miglioramento dell apprendimento Tabella 5 Caratteri innovativi Caratteri innovativi dell obiettivo Flessibilità organizzativa e didattica Rispetto del profilo dell alunno previsto nelle nuove indicazioni Attenzione ai processi e non solo ai prodotti Innovazione delle strategie e delle metodologie didattiche Utilizzo diversificato di spazi/tempi Valorizzazione delle competenze sia disciplinari che di cittadinanza attiva e democratica Connessione con il quadro di riferimento della Legge 107/ e delle Avanguardie innovative Sviluppare, potenziare e valorizzare le competenze disciplinari dei vari ambiti e delle competenze chiave europee Finalizzare l azione della scuola allo sviluppo delle competenze e alla loro applicazione nella società Trasformare il modello trasmissivo della scuola a favore di nuovi modi d insegnare, apprendere e valutare Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 9

10 Ob. N. 2: COMPLETARE IL DOSSIER DI VALUTAZIONE DI PROCESSO E DI PRODOTTO Tabella 4 Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni Azione prevista Costituzione di un gruppo di progetto che sulla base dei materiali prodotti e già in uso, li raccolga, li revisioni e li integri nelle parti carenti ed elabori criteri e strumenti di rilevazione delle competenze ( prove esperte, prove autentiche..) Effetti positivi scuola a medio Attenzione ai processi messi in atto Condivisione e utilizzo di criteri, strumenti e modalità comuni di valutazione e rendicontazione Miglioramento e uniformità delle pratiche valutative Coinvolgimento attivo degli studenti nei processi valutativi Effetti negativi scuola a medio Resistenza iniziale all uso degli strumenti elaborati Difficoltà a modificare le pratiche consolidate Effetti positivi scuola a lungo Riduzione della varianza tra le classi e tra gli ordini di scuola Incremento del successo formativo Crescita delle competenze autovalutative degli alunni Equità degli esiti Effetti negativi scuola a lungo Non previsti Diffusione e implementazione degli strumenti elaborati e revisione degli stessi Attivazione di percorsi di ricercaazione Valorizzazione degli strumenti rilevatisi efficaci e revisione di quelli scarsamente funzionali Difficoltà iniziale nell implementazione degli strumenti comuni Tempi esigui a disposizione a causa dei vincoli contrattuali (ore attività funzionali e FIS) Atteggiamenti ostativi verso le pratiche innovative Ottimizzazione degli strumenti, dei tempi e delle procedure Implementazione di processi di autovalutazione efficaci Creazione di una cultura della valutazione formativa Non previsti Tabella 5 Caratteri innovativi Caratteri innovativi dell obiettivo Utilizzo condiviso tra i diversi ordini di scuola di strumenti di valutazione, di processo e di prodotto Connessione con il quadro di riferimento della Legge 107/ e delle Avanguardie innovative Trasformare il modello trasmissivo della scuola attraverso il coinvolgimento attivo dell alunno nella costruzione del proprio sapere anche in un ottica di autovalutazione Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 10

11 Ob. n. 3: ACQUISIRE RISORSE FINANZIARIE E SVILUPPARE LA PROGETTUALITA' PARTECIPANDO AI PROGETTI PON E PNSD Tabella 4 Effetti positivi e negativi delle azioni Azione prevista Formazione sulle nuove tecnologie Costituzione del gruppo di progettazione per predisporre progetti PON e PNSD Effetti positivi scuola a medio Acquisizione competenze digitali per un numero cospicuo di personale scolastico Fruizione potenziata delle nuove tecnologie Modifica delle prassi didattiche trasmissive Coinvolgimento attivo di un gruppo di docenti e acquisizione di competenze progettuali Effetti negativi scuola a medio Resistenza verso le innovazioni Senso di inadeguatezza Formazione vissuta come ulteriore impegno e non come opportunità di miglioramento Delega e deresponsabilizzazione Effetti positivi scuola a lungo Utilizzo allargato e responsabile delle nuove tecnologie sia a livello amministrativo che didattico Valorizzazione delle competenze digitali per alunni Acquisizione di competenze relazionali e collaborative Distribuzione della leaderschip Riduzione della delega Condivisione allargata Effetti negativi scuola a lungo Turn-over Instabilità del personale sulla sede con conseguente perdita di competenze acquisite Carico di lavoro eccessivo che potrebbe indurre alcuni docenti a non essere più disponibili a far parte del gruppo Acquisto di dotazione digitale, riorganizzazione degli spazi e attivazione di percorsi innovativi Possibilità di creare ambienti funzionali all'attivazione di pratiche didattiche innovative e coinvolgenti Riduzione didattica trasmissiva Coinvolgimento attivo degli alunni Reticenza verso l'innovazione e disorientamento Aumento della collegialità Implementazione della didattica per competenze Aumento della flessibilità organizzativodidattica Obsolescenza degli strumenti digitali e costi eccessivi di manutenzione Attivazione di percorsi interdisciplinari e personalizzazione apprendimento Incremento del successo formativo degli alunni Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 11

12 Dematerializzazione Incremento dell'efficacia e dell'efficienza dei servizi Snellimento e rapidità delle azioni Senso di inadeguatezza nell'affrontare l'innovazione Fruibilità e immediatezza delle informazioni Trasparenza Insicurezza nelle procedure di archiviazione e costi per l'istituzione scolastica Facilitazione della comunicazione Sburocratizzazione Tabella 5 Caratteri innovativi Caratteri innovativi dell obiettivo Rinnovamento e potenziamento della didattica basata sulle nuove tecnologie Snellimento delle procedure di comunicazione e documentazione tramite l'utilizzo di strumenti digitali Connessione con il quadro di riferimento della Legge 107/ e delle Avanguardie innovative Sviluppare le competenze digitali al fine di supportare nuovi modi di insegnare, apprendere e valutare Potenziare metodologie laboratoriali e attività di laboratorio al fine di trasformare il carattere trasmissivo della scuola Valorizzare i percorsi individualizzati creando nuovi spazi per l'apprendimento e riorganizzando il tempo scuola Prevenire e contrastare la dispersione scolastica Ob. n. 4: INCREMENTARE IL TEMPO SCUOLA E LA FLESSIBILITA' ORGANIZZATIVA Tabella 4 Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni Azione prevista Progettazione e implementazione di percorsi di ampliamento e potenziamento del tempo scuola Effetti positivi scuola a medio Incremento delle opportunità formative degli alunni Riduzione delle situazioni di disagio, difficoltà di apprendimento e dispersione Sviluppo di interesse e motivazione negli alunni Coinvolgimento del territorio Tempi più distesi di apprendimento Effetti negativi all interno della scuola a medio Costi aggiuntivi per l'istituto non sempre coperti dalla dotazione finanziaria disponibile e necessità di coinvolgere le famiglie con richieste di contributi liberali Effetti positivi scuola a lungo Ampliamento del curricolo con personalizzazione dell'apprendimento e sviluppo di effettive competenze trasversali Effetti negativi all interno della scuola a lungo Coinvolgimento finanziario delle famiglie Eccessivo carico di lavoro dei docenti in rapporto alla retribuzione percepita Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 12

13 Co-progettazione degli interventi formativi Riorganizzazione dei servizi Coinvolgimento del territorio e delle famiglie Apertura della scuola al territorio per rispondere alle esigenze dell'utenza Difficoltà economiche degli Enti Locali a corrispondere alle richieste della scuola Incremento della collaborazione e condivisione delle finalità istituzionali Istituzione scolastica che diviene punto di riferimento per la collettività Non previsti Rendicontazione, documentazione, diffusione delle buone pratiche e pubblicizzazione sul territorio Condivisione delle azioni formative Trasparenza Valorizzazione delle buone pratiche Non previsti Gestione attiva, consapevole e responsabile del territorio Non previsti Consapevolezza e responsabilità degli alunni nell'organizzazione e salvaguardia del proprio territorio e nell'inclusione di culture "altre" Tabella 5 Caratteri innovativi Caratteri innovativi dell obiettivo Offrire maggiori opportunità di apprendimento attraverso la flessibilità organizzativa e oraria e la co-progettazione con enti e associazioni del territorio Connessione con il quadro di riferimento della Legge 107/ e delle Avanguardie innovative Prevenire e contrastare la dispersione scolastica Potenziare e promuovere con percorsi inclusivi individualizzati il diritto allo studio degli alunni BES Riorganizzare il tempo scuola con apertura pomeridiana, creando nuovi spazi di apprendimento e rimodulando il rapporto insegnamento/apprendimento Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 13

14 Ob n. 5: POTENZIARE LA DISTRIBUZIONE DELLA LEADERSHIP Tabella 4 Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni Azione prevista Revisione dell organigramma e del funzionigramma dell Istituto Effetti positivi scuola a medio Incremento della leadership Consapevolezza dei ruoli e dei compiti Coinvolgimento attivo Effetti negativi scuola a medio Resistenza ad assumere incarichi di responsabilità Effetti positivi scuola a lungo Miglioramento degli aspetti organizzativi, gestionali e didattici Suddivisione dei compiti e dei ruoli Incremento del senso di appartenenza e di identità Effetti negativi scuola a lungo Non previsti Tabella 5 Caratteri innovativi Caratteri innovativi dell obiettivo Coinvolgere un maggior numero di docenti al fine di far emergere le competenze di ciascuno Connessione con il quadro di riferimento della Legge 107/ e delle Avanguardie innovative Valorizzare la scuola come comunità attiva investendo sul capitale umano attraverso una maggiore condivisione delle corresponsabilità educative, didattiche e organizzative Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 14

15 Ob. N. 6: ATTIVARE LA FORMAZIONE E LA RICERCA-AZIONE SU DIDATTICA PER COMPETENZE, STRUMENTI DI VERIFICA/VALUTAZIONE E USO INCLUSIVO DELLE NUOVE TECNOLOGIE Tabella 4 Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni Azione prevista Organizzazione, implementazione, verifica e valutazione dei percorsi di formazione e di ricerca-azione Effetti positivi scuola a medio Miglioramento dell azione formativa Acquisizione di competenze specifiche Consolidamento di buone prassi didattiche Implementazione di metodologie e strategie innovative Innovazione dei processi di insegnamento/apprendimento Effetti negativi all interno della scuola a medio Iniziale disorientamento e resistenza al cambiamento Effetti positivi all interno della scuola a lungo Revisione continua dei processi e dei percorsi Modifica della prassi didattica Condivisione di buone pratiche Miglioramento del profitto degli alunni Incremento della qualità dell offerta formativa Effetti negativi all interno della scuola a lungo Non previsti Tabella 5 Caratteri innovativi Caratteri innovativi dell obiettivo Incremento di percorsi di formazione, auto formazione e di ricerca-azione Modifica della prassi didattica Condivisione di strumenti di progettazione, verifica e valutazione di processo e di prodotto anche con il supporto dei linguaggi digitali Connessione con il quadro di riferimento della Legge 107/ e delle Avanguardie innovative Potenziare metodologie e attività laboratoriali Utilizzare i linguaggi digitali a supporto di nuovi modi di insegnare, apprendere e valutare Trasformare il modello trasmissivo della scuola, creare nuovi spazi per l apprendimento e investire sul capitale umano Promuovere l innovazione Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 15

16 Ob. N. 7: PERSONALIZZARE I PERCORSI DI APPRENDIMENTO POTENZIANDO L UTILIZZO DI PRATICHE INNOVATIVE E INCLUSIVE Tabella 4 Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni Azione prevista Effetti positivi scuola a medio Ripartizione del carico di lavoro Effetti negativi scuola a medio Effetti positivi scuola a lungo Effetti negativi scuola a lungo Costituzione di gruppi di lavoro Valorizzazione delle competenze del personale docente Affinamento relazionalità e collegialità Sviluppo del senso di appartenenza al gruppo Tendenza alla delega Allargamento della leadership Consolidamento dei gruppi Acquisizione di competenze progettuali specifiche Non previsti Coinvolgimento degli enti e associazioni territoriali Condivisione dei percorsi e maggiore opportunità formative per gli alunni, calibrate sulle reali necessità Poca rispondenza rispetto alle azioni richieste Difficoltà organizzative e finanziarie Progettazione integrata col territorio Efficacia delle azioni formative Problematiche finanziarie Discontinuità nelle politiche gestionali degli Enti/Associazioni Progettazione, implementazione, verifica, documentazione e diffusione dei percorsi inclusivi elaborati e attivati Rispondenza dei percorsi formativi alle effettive necessità di ognuno Valorizzazione delle buone pratiche Eventuale mancata integrazione degli interventi tra i soggetti coinvolti nell azione educativa Inclusione efficace Rispetto dei diversi stili di apprendimento Sviluppo di una comunità di pratiche Non previsti Tabella 5 Caratteri innovativi Caratteri innovativi dell obiettivo Co-progettazione con enti e associazioni specializzati del territorio Partecipazione dei docenti a corsi di formazione specifici Documentazione e diffusione delle buone pratiche didattiche inclusive attivate Connessione con il quadro di riferimento della Legge 107/ e delle Avanguardie innovative Potenziare l inclusione scolastica attraverso percorsi individualizzati e personalizzati Valorizzare la scuola come comunità attiva aperta al territorio Prevenire e contrastare la dispersione scolastica Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 16

17 Ob n. 8: POTENZIARE IL PROGETTO ORIENTAMENTO-CONTINUITA IN TUTTE LE CLASSI Tabella 4 Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni Azione prevista Pianificazione degli incontri e progettazione delle attività di orientamentocontinuità Effetti positivi scuola a medio Progettazione e condivisione di percorsi formativi tra gli ordini di scuola Riduzione difficoltà e disagi nel passaggio tra un ordine e l altro Incremento delle capacità di autoorientamento Incremento collegialità e competenze progettuali Effetti negativi scuola a medio Difficoltà a implementare i percorsi formativi progettati sulla base di strategie e metodologie condivise Effetti positivi scuola a lungo Miglioramento raccordo progettuale, metodologico e didattico tra gli ordini di scuola Scelte maggiormente consapevoli da parte degli alunni Raccordo tra diversi ordini di scuola Effetti negativi scuola a lungo Difficoltà di raccordo con le scuole superiori di secondo grado a causa della vastità del territorio di appartenenza Costituzione di dipartimenti e gruppi di lavoro per l elaborazione di metodologie, strategie e strumenti condivisi Uniformità degli strumenti, metodologie e strategie da utilizzare Attivazione di laboratori Coinvolgimento degli studenti Parziale implementazione degli strumenti elaborati Miglioramento dei processi di insegnamento e apprendimento Collegialità Diminuzione della dispersione scolastica Mancata condivisione con le scuole del territorio con le quali non si ha avuta l opportunità di progettare insieme Tabella 5 Caratteri innovativi Caratteri innovativi dell obiettivo Ottimizzazione del raccordo tra gli ordini di scuola ( infanzia, primaria, secondaria primo e secondo grado) attraverso progettazioni e azioni condivise e agite Condivisione degli strumenti di progettazione e valutazione Maggiore coinvolgimento delle scuole secondarie di secondo grado Attivazione di laboratori di orientamento e autorientamento Connessione con il quadro di riferimento della Legge 107/ e delle Avanguardie innovative Valorizzare l azione formativa mirata al coinvolgimento degli alunni e a una migliore definizione dei percorsi di orientamento Prevenire e contrastare la dispersione scolastica Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 17

18 Ob. n. 9: RAFFORZARE LA COPROGETTAZIONE CON IL TERRITORIO Tabella 4 Valutazione degli effetti positivi e negativi delle azioni Azione prevista Condivisione della progettazione della scuola e ipotesi di miglioramento Contatti con enti e associazioni del territorio Individuazione dei servizi e dei supporti necessari alla realizzazione dell offerta formativa Effetti positivi scuola a medio Partecipazione condivisa e responsabilizzazione delle famiglie e delle agenzie del territorio Trasparenza e condivisione delle azioni intraprese Apertura al territorio. Coinvolgimento attivo e consapevolezza delle finalità formative Maggiori opportunità di arricchimento dell offerta formativa Integrazione delle azioni progettate Potenziamento delle attività laboratoriali Effetti negativi scuola a medio Non previsti Gestione dei tempi di progettazione Non previsti Effetti positivi scuola a lungo Ampliamento effettivo delle opportunità formative Funzionalità dei servizi e delle strutture Partecipazione attiva di enti, associazioni e famiglie all azione formativa Maggiore incisività e coinvolgimento del territorio nelle azioni educative della scuola Effetti negativi scuola a lungo Non previsti Discontinuità di impegni e ruoli Mancanza di risorse economiche Discontinuità di impegni e ruoli Mancanza di risorse economiche Partecipazione.allargata Tabella 5 Caratteri innovativi Caratteri innovativi dell obiettivo Co-progettazione integrata del POF Incremento del tempo scuola e partecipazione consapevole delle famiglie Connessione con il quadro di riferimento della Legge 107/ e delle Avanguardie innovative Valorizzare l apertura della scuola al territorio creando nuovi spazi per l apprendimento e riorganizzando il tempo scuola antimeridiano e pomeridiano con l ausilio di famiglie, esperti esterni, enti e associazioni Potenziare le metodologie e le attività laboratoriali trasformando il modello trasmissivo della scuola Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 18

19 SEZIONE 3 - PIANIFICAZIONE DELLE AZIONI DI CIASCUN OBIETTIVO INDIVIDUATO AREA: CURRICOLO, PROGETTAZIONE E VALUTAZIONE OBIETTIVO DI PROCESSO N. 1: Revisionare i curricoli verticali disciplinari e trasversali in riferimento alla nuova certificazione delle competenze TABELLA 6 Impegno risorse umane interne alla scuola Figure Tipologia attività professionali Docenti e DS Analisi documenti ministeriali ed elaborazione curricoli verticali disciplinari e trasversali su modello condiviso Elaborazione programmazione coordinata di classe su modello condiviso Progettazione Uda interdisciplinari ed elaborazione strumenti di valutazione competenze disciplinari e trasversali Sperimentazione nuovo modello di certificazione delle competenze (seconda annualità) e raccordo tra curricolo trasversale e disciplinare in un ottica verticale Personale ATA Apertura pomeridiana scuola Ore aggiuntive presunte 12 ore attività funzionali all insegnamento 4 ore a classe attività funzionali all insegnamento S.I.: 33 ore S.P. : 48 ore S.S.: 33 ore Attività funzionali all insegnamento(e incontri di programmazione per la S. P.) Costo previsto 180 ore A recupero Fonte finanziaria Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 19

20 TABELLA 7 Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di spesa Formatori Consulenti Attrezzature Servizi Altro Impegno presunto Fonte finanziaria TABELLA 8 Tempistica delle attività Attività Analisi documenti ministeriali ed elaborazione curricoli verticali disciplinari e trasversali Elaborazione programmazione coordinata di classe su modello condiviso SETT. OTT. NOV. Pianificazione delle attività DIC GENN FEBB MAR APR MAG GIU Progettazione Uda interdisciplinari su modello condiviso ed elaborazione strumenti di valutazione competenze disciplinari e trasversali Sperimentazione nuovo modello di certificazione delle competenze (seconda annualità) e raccordo tra curricolo trasversale e disciplinare in un ottica verticale Incontri e assemblee con i genitori per condividere i percorsi formativi progettati e i relativi esiti TABELLA 9 Monitoraggio delle azioni Data di rilevazione Settembre Indicatori di monitoraggio di processo Incontri collegiali per l elaborazione del curricolo verticale disciplinare e trasversale Strumenti di misurazione Piano annuale attività Contrattazioni Verbali Curricolo trasversale Curricolo trasversale Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiustamenti Tempi ristretti Incremento collegialità e confronto Acquisizione di lessico specifico pertinente Procedure condivise Dilatazione dei tempi Legenda: Rosso = azione non svolta secondo quanto pianificato/non in linea con gli obiettivi previsti; Giallo = azione in corso/ in linea con gli obiettivi previsti, ma ancora non avviata o non conclusa; Verde = azione attuata/conclusa come da obiettivi previsti. Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 20

21 Ottobre Dicembre Febbraio / Aprile / Giugno Incontri collegiali per la stesura della programmazione coordinata di classe, della macroprogettazione delle UdA interdisciplinari e degli strumenti di verifica e valutazione Convocazioni delle assemblee e dei consigli con i genitori Individuazione degli indicatori di valutazione e predisposizione delle prove di verifica per classi parallele Incontri collegiali per la verifica dello stato di avanzamento e microprogettazioni UDA interdisciplinari Definizione dei processi formativi inerenti il secondo bimestre e degli indicatori di competenza Predisposizione delle prove di verifica disciplinari e interdisciplinari sommative Tabulazione dati di sintesi Condivisione con i genitori Incontri collegiali di verifica dello stato di avanzamento delle UDA e riprogettazione Predisposizione delle prove disciplinari e interdisciplinari Tabulazione dei dati di sintesi Condivisione con i Programmazioni coordinate Uda interdisciplinari prodotte Strumenti di valutazione di processo e di prodotto elaborati Coinvolgimento genitori Verbali Prove di verifica predisposte Convocazioni Verbali Uda Prove di verifica disciplinari e interdisciplinari Dati di sintesi Affluenza genitori Convocazioni Verbali Uda Prove di verifica disciplinari e interdisciplinari Dati di sintesi Affluenza genitori Difficoltà nell elaborazione di strumenti di valutazione autentica Coinvolgimento parziale di alcuni docenti e genitori Tempi istituzionali non sempre rispondenti alle necessità (S.S.) Eccessivi esoneri dagli incontri collegiali per sforamento delle ore previste per le attività funzionali all insegnamento (S.S.) Scarso coinvolgimento attivo di alcuni docenti Parziale superamento dell insegnamento disciplinare Utilizzo di pratiche laboratori ali e interattive Condivisione dei percorsi con gli studenti Innalzamento delle prassi condivise Organizzazione della formazione con personale esperto in modalità laboratoriale Costituzione di un gruppo di progetto Diffusione dei documenti prodotti e di materiale informativo Revisione incontri con genitori Incongruenza tra tempi istituzionali (in riferimenti al CCNL) e le effettive necessità Disomogeneità tra i vari ordini di scuola (solo nella scuola primaria è prevista la programmazione settimanale/ plurisettimanale) Si proverà a modificare il Piano Annuale delle Attività per l anno scolastico prossimo per cercare di renderlo più funzionale ai bisogni emersi Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 21

22 genitori OBIETTIVO DI PROCESSO N. 2: Completare il dossier di valutazione di processo e di prodotto TABELLA 6 Impegno risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia attività Ore aggiuntive presunte Docenti dei tre Organizzazione e 20 ore presunte ordini di scuola implementazione dei DS percorsi d formazione e di ricerca/azione su strumenti verifica/valutazione Raccolta materiali e prodotti già in uso, revisione e integrazione degli stessi nelle parti carenti, elaborazione di criteri e strumenti di rilevazione delle competenze ( prove esperte, prove autentiche, diario di bordo, metariflessione, autobiografie cognitive, rubriche valutative, griglie di osservazione) Diffusione e implementazione degli strumenti elaborati e revisione degli stessi DSGA Attività istruttoria per reperimento esperto formatore REFERENTI ORDINI DI SCUOLA 12 ore di attività funzionali all insegnamento per ogni docente Costo previsto Fonte finanziaria 60 ore 1500,00 euro FIS TABELLA 7 Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di Impegno presunto spesa Formatori 1000,00 euro MIUR Consulenti Attrezzature Servizi Altro Fonte finanziaria Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 22

23 TABELLA 8 Tempistica delle attività Attività Organizzazione e implementazione dei percorsi di formazione e di ricerca/azione su strumenti di verifica/valutazione Raccolta materiali e prodotti già in uso, elaborazione di criteri e strumenti di rilevazione delle competenze (prove esperte, prove autentiche, diario di bordo, metariflessione, autobiografie cognitive, rubriche valutative, griglie di osservazione) Diffusione e implementazione degli strumenti elaborati e revisione degli stessi Attività Revisione e integrazione dei materiali e degli strumenti di verifica e di valutazione già in uso nelle parti carenti, elaborazione di criteri e strumenti di rilevazione delle competenze (prove esperte, prove autentiche, diario di bordo, metariflessione, autobiografie cognitive, rubriche valutative, griglie di osservazione) Diffusione e implementazione degli strumenti elaborati e revisione degli stessi SETT SETT OTT OTT NOV NOV Pianificazione delle attività DIC GEN FEB MAR Pianificazione delle attività DIC GEN N FEB MAR APR APR MAG MAG GIU GIU TABELLA 9 Monitoraggio delle azioni Data di rilevazione FEB GIU Indicatori di monitoraggio di processo Riduzione della varianza nelle valutazioni tra le classi e tra ordini di scuola Efficacia e funzionalità degli strumenti prodotti Strumenti di misurazione Tipologia di strumenti elaborati Questionari ai docenti e agli alunni Sintesi valutazioni quadrimestrali e comparazione tra i diversi ordini e con le prove INVALSI Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiustamenti 1 Legenda: Rosso = azione non svolta secondo quanto pianificato/non in linea con gli obiettivi previsti; Giallo = azione in corso/ in linea con gli obiettivi previsti, ma ancora non avviata o non conclusa; Verde = azione attuata/conclusa come da obiettivi previsti. Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 23

24 AREA: AMBIENTI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVO DI PROCESSO N. 3: Acquisire risorse finanziare e sviluppare la progettualità partecipando ai progetti PON e PNSD TABELLA 6 Impegno risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia attività Ore aggiuntive presunte Docenti del gruppo - Costituzione del gruppo di progettazione di progettazione Docente referente Predisposizione progetti Abruzzo Scuola PON e PNSD Digitale - Formazione sulle nuove tecnologie (registro Docente animatore online, sito istituzionale, digitale didattica con la lim) Docente referente - Attivazione di percorsi laboratori di innovativi informatica - Realizzazione biblioteca Personale ATA multimediale DS DS / DSGA - Procedure finalizzate all acquisto di dotazione digitale e alla riorganizzazione degli spazi Costo previsto 20 ore annuali 3.300,00 Euro annuali gruppo di progettazione 300,00 euro annuali doc. ref. Abruzzo Scuola Digitale 150,00 euro annuali ref. Laboratori di informatica Fonte finanziaria MIUR TABELLA 7 Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di Impegno presunto Fonte finanziaria spesa Formatori 2000,00 MIUR Consulenti Attrezzature , ,00 PON, USR, MIUR (BIBLIOTECA) Servizi Altro Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 24

25 TABELLA 8 Tempistica delle attività Attività Costituzione del gruppo di progettazione per predisporre progetti PON e PNSD Predisposizione progetti PON e PNSD Formazione sulle nuove tecnologie (registro online, sito istituzionale, lim) Attivazione di percorsi innovativi Procedure finalizzate all acquisto di dotazioni digitali e alla riorganizzazione degli spazi Realizzazione di una biblioteca multimediale OTT NOV DIC GEN FEBB Pianificazione delle attività MAR APR MAG GIU SETT/ OTT NOV/ DIC GEN/ FEB MAR/ APR/ MAG/ GIU Legenda: Rosso = azione non svolta secondo quanto pianificato/non in linea con gli obiettivi previsti; Giallo = azione in corso/ in linea con gli obiettivi previsti, ma ancora non avviata o non conclusa; Verde = azione attuata/conclusa come da obiettivi previsti. Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 25

26 TABELLA 9 Monitoraggio delle azioni Data di rilevazione Ottobre Febbraio Giugno Dicembre Indicatori di monitoraggio di processo Nomina componenti gruppo di progettazione Assegnazione compiti Compenso FIS in contrattazione integrativa d Istituto Numero di progetti elaborati Numero di progetti approvati Numero convenzioni e accordi di rete Corsi di formazione attivati e loro efficacia Prodotti multimediali elaborati dagli alunni Partecipazione a concorsi e iniziative inerenti il PNSD Realizzazione di laboratori specifici Incremento delle competenze digitali Copertura della connessione di rete Incremento delle LIM e dei notebook Riorganizzazione degli spazi Attivazione di metodologie e strategie innovative Apertura del registro elettronico alle famiglie Strumenti di misurazione Convocazioni Verbali Lettera incarico Delibera degli OO.CC Comunicazioni USR e MIUR Reti di scuole costituite Questionari Funzionalità del sito Correttezza nell utilizzo del registro on-line Ore di formazione svolte Numero di alunni e docenti che partecipano alle iniziative del PNSD Documentazione multimediale Rilevazione della connessione di rete Rilevazione del numero e della funzionalità della dotazione digitale Questionario rivolto agli alunni e ai docenti sull effettiva fruizione delle nuove tecnologie Genitori che utilizzano il registro elettronico Incremento dei prodotti multimediali Abbattimento dell insuccesso scolastico Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiustamenti Disponibilità dei docenti Bandi emanati in tempi ristrettissimi Sovraccarico di lavoro Coesione del gruppo di progettazione Condivisione negli OO.CC. Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 26

27 AREA: ORIENTAMENTO STRATEGICO E ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA OBIETTIVO DI PROCESSO N. 4: Incrementare il tempo scuola e la flessibilità organizzativa TABELLA 6 Impegno risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia attività Ore aggiuntive presunte Docenti - Progettazione e 60 ore attività di implementazione di percorsi di insegnamento Trinity ampliamento dell offerta formativa 63 ore annuali laboratori di recupero Costo previsto 2100,00 euro attività d ins. Trinity 150,00 euro annuali ref. Trinity 2205,00 euro laboratori recupero Fonte finanziaria FIS FF.SS. -Rendicontazione, documentazione, diffusione delle buone pratiche e pubblicizzazione sul territorio 417 ore annuali eccedenti organi collegiali 40 ore (FF.SS.) 7297,50 annuali ore eccedenti organi collegiali 960,00 euro FIS DS Personale ATA DSGA -Potenziamento del tempo scuola - Coinvolgimento degli Enti locali e delle famiglie - Riorganizzazione dei servizi e dei quadri orari - Assegnazione delle risorse umane e finanziarie - Ricerca di competenze specifiche e di sponsor - Coinvolgimento degli OO.CC. - Stipula contratti, accordi, convenzioni - Apertura pomeridiana scuola - Sorveglianza - Attività istruttoria - Organizzazione personale ATA a.s. - ore 20 A recupero Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 27

28 TABELLA 7 Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di Impegno presunto Fonte finanziaria spesa Formatori Esperti esterni e associazioni ,00 euro Famiglie, enti locali, sponsor Attrezzature Servizi Altro TABELLA 8 Tempistica delle attività Attività Potenziamento del tempo scuola Riorganizzazione dei servizi e coinvolgimento degli stakeholders SETT OTT NOV Pianificazione delle attività DIC GEN FEB MAR APR MAG- GIU Progettazione e implementazione di percorsi di ampliamento -Rendicontazione, documentazione, diffusione delle buone pratiche e pubblicizzazione sul territorio Attività Potenziamento del tempo scuola SETT OTT NOV Pianificazione delle attività DIC GEN FEB MAR APR MAG- GIU Riorganizzazione dei servizi e coinvolgimento degli stakeholders Progettazione e implementazione di percorsi di ampliamento -Rendicontazione, documentazione, diffusione delle buone pratiche e pubblicizzazione sul territorio Legenda: Rosso = azione non svolta secondo quanto pianificato/non in linea con gli obiettivi previsti; Giallo = azione in corso/ in linea con gli obiettivi previsti, ma ancora non avviata o non conclusa; Verde = azione attuata/conclusa come da obiettivi previsti. Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 28

29 TABELLA 9 Monitoraggio delle azioni Data di rilevazione Giugno / Indicatori di monitoraggio di processo -Numero di progetti, attività e laboratori realizzati in orario curriculare ed extracurriculare - Numero di alunni e docenti coinvolti - Numero di esperti e associazioni coinvolti - Numero di modifiche/adattamenti orari realizzati nel corso dell anno - Attività effettuate a classi aperte, per gruppi di alunni ( recupero, consolidamento e potenziamento ) - Risultati scolastici Strumenti di misurazione -Rilevazione attraverso documenti di programmazione e registri -Attività/laboratori - Registri, relazioni finali -Questionari di gradimento -Frequenza - Dati di profitto -Certificazione delle competenze Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiustamenti OBIETTIVO DI PROCESSO N. 5: Potenziare la distribuzione della leadership TABELLA 6 Impegno risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia attività Ore aggiuntive presunte Docenti Personale ATA DS Revisione dell organigramma e del funzionigramma dell istituto Costo previsto Fonte finanziaria TABELLA 7 Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di spesa Formatori Consulenti Attrezzature Servizi Altro Impegno presunto Fonte finanziaria Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 29

30 TABELLA 8 Tempistica delle attività Attività Revisione dell organigramma e del funzionigramma dell istituto SET OTT NOV Pianificazione delle attività DIC GEN FEBB MAR APR MAG- GIU TABELLA 9 Monitoraggio delle azioni Data di rilevazione GIUGNO Indicatori di monitoraggio di processo -Personale coinvolto nella gestione della scuola - Tipologia di incarico Strumenti di misurazione -Nomine e incarichi attribuiti -Verifica e rendicontazione delle azioni prodotte Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiustamenti Legenda: Rosso = azione non svolta secondo quanto pianificato/non in linea con gli obiettivi previsti; Giallo = azione in corso/ in linea con gli obiettivi previsti, ma ancora non avviata o non conclusa; Verde = azione attuata/conclusa come da obiettivi previsti. Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 30

31 AREA: Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane OBIETTIVO DI PROCESSO N. 6: Attivare la formazione e la ricerca-azione su didattica per competenze, strumenti di verifica/valutazione e uso inclusivo delle nuove tecnologie TABELLA 6 Impegno risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia attività Ore aggiuntive presunte Docenti - Implementazione, verifica 60 ore e valutazione dei percorsi di formazione e di ricercaazione Costo previsto Fonte finanziaria Personale ATA - Apertura pomeridiana scuola DS/DSGA - Organizzazione corsi di formazione - Monitoraggio e verifica 60 ore a recupero TABELLA 7 Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di Impegno presunto Fonte finanziaria spesa Formatori 4.000,00 euro MIUR Consulenti Attrezzature Servizi Altro TABELLA 8 Tempistica delle attività Attività - Organizzazione e implementazione del corso sulle Tecnologie innovative (LIM e registro elettronico) Attività SETT SETT OTT OTT NOV NOV Pianificazione delle attività DIC GEN FEB Pianificazione delle attività DIC GEN FEB MAR MAR APR APR MAG- GIU MAG - Organizzazione e implementazione del corso su Competenze e valutazione Attività SETT OTT NOV Pianificazione delle attività DIC GEN FEB MAR APR MAG - Organizzazione e implementazione del corso su Strumenti e procedure di valutazione di processo e ricerca azione - Organizzazione e implementazione del corso Uso inclusivo delle tecnologie e ricerca-azione Legenda: Rosso = azione non svolta secondo quanto pianificato/non in linea con gli obiettivi previsti; Giallo = azione in corso/ in linea con gli obiettivi previsti, ma ancora non avviata o non conclusa; Verde = azione attuata/conclusa come da obiettivi previsti. Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 31

32 TABELLA 9 Monitoraggio delle azioni Data di rilevazione Giugno / Indicatori di monitoraggio di processo -Potenziamento delle competenze progettuali, metodologiche e strategiche - Utilizzo di pratiche formative innovative -Utilizzo nuove tecnologie Strumenti di misurazione - N. ore formazione attivate -Percorsi di ricerca-azione implementati -Ricaduta dell azione di formazione nella prassi formativa e organizzativa Criticità rilevate Progressi rilevati Modifiche / necessità di aggiustamenti AREA: INCLUSIONE E DIFFERENZIAZIONE OBIETTIVO DI PROCESSO N. 7: Personalizzare i percorsi di apprendimento potenziando l utilizzo di pratiche innovative e inclusive TABELLA 6 Impegno risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia attività Ore aggiuntive Costo previsto Fonte finanziaria presunte Docenti -Progettazione, implementazione, verifica, documentazione e diffusione dei percorsi personalizzati e inclusivi DS / FFSS Costituzione e 40 ore (FF.SS) 960,00 euro FIS coordinamento gruppi di lavoro Coinvolgimento enti, associazioni territoriali ed esperti esterni DS/ DSGA/Personale ATA Reperimento esperti esterni Stipula contrattiaccordi-convenzioni Organizzazione flessibile di spazi e tempi Acquisto attrezzature e strumenti Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 32

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PEIC828004 I. C. I.SILONE-MONTESILVANO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PDIS003009 "C.CATTANEO" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento TOIC837002 I.C. - BRUINO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento RMIC83000Q GIUSEPPE MONTEZEMOLO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento AGIS014002 I.I.S.S. "MICHELE FODERA'" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. "B.SPAVENTA"

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. B.SPAVENTA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. "B.SPAVENTA" Indice Sommario 1. Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RGIC82000T BERLINGUER Anno Scolastico 2015/2016 Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 28) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Allegato all Atto d indirizzo al Collegio dei docenti per la predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa.

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 22) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica TPRH02000T I.P.S.E.O.A. " I. E V. FLORIO" ERICE Sommario 1. OBIETTIVI DI PROCESSO... 3 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VIIC85900E IC SANDRIGO "G.ZANELLA"

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VIIC85900E IC SANDRIGO G.ZANELLA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VIIC85900E IC SANDRIGO "G.ZANELLA" Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 32) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo o 1.1 Congruenza

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica AGPM03000A LICEO SCIENTIFICO E SCIENZE UMANE POLITI

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica AGPM03000A LICEO SCIENTIFICO E SCIENZE UMANE POLITI Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica AGPM03000A LICEO SCIENTIFICO E SCIENZE UMANE POLITI Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 40) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) ISTITUTO SUPERIORE VERONA - TRENTO I.T.T. VERONA TRENTO - I.PIA. MAJORANA MEIS027008 IST. D'ISTRUZ. SUPERIORE IITI "VERONA TRENTO" MESSINA Via U. Bassi Is. 148 - Tel. ( 090 ) 29.34.854-29.34.070 - Fax

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento TRPS03000X TERNI "R. DONATELLI" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di e priorità/traguardi

Dettagli

Prot. 6453/A20-2 Casoli, 15 ottobre 2015

Prot. 6453/A20-2 Casoli, 15 ottobre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 0872/981187 Fax 0872993450 Cod.Fiscale 81002140697 Cod.Mecc.

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO PADRE VITTORIO FALSINA Via Scuole, 14 25045 Castegnato

Dettagli

PROT. N. 202-A/2 del 15.01.2016. Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CZIC856002 IC CATANZARO "DON MILANI" SALA

PROT. N. 202-A/2 del 15.01.2016. Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CZIC856002 IC CATANZARO DON MILANI SALA PROT. N. 202-A/2 del 15.01.2016 Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CZIC856002 IC CATANZARO "DON MILANI" SALA Indice Sommario 1. Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini"

Istituto Scolastico Comprensivo Statale R. Fucini Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini" Scuola Infanzia Primaria e Secondaria di I di Monteroni d Arbia e Murlo Viale Rimembranze,127 Tel 0577375118 53014 - MONTERONI D'ARBIA (SI) e. mail siic80800q@istruzione.it

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF La compilazione del RAV mira a: MAPPA RAV 2015 a) individuare, analizzare e capire i punti di forza e i punti di debolezza; b) confrontarsi con i dati nazionali/regionali/provinciali

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica METD05000E I.T. L.DA VINCI ECONOMICO TECNOLOGICO Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 23) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento BAIC867006 "PIETRO MENNEA" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

PIANO DI MGLIORAMENTO ELABORATO SUL MODELLO INDIRE (Approvato dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d Istituto in data 14 gennaio 2016)

PIANO DI MGLIORAMENTO ELABORATO SUL MODELLO INDIRE (Approvato dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d Istituto in data 14 gennaio 2016) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Infanzia, Primaria e Secondaria VIA PIAVE, 11 24050 BARIANO Tel 0363/958350 Fax 0363/959455 C.F. 92015020164

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 CF: 92082410512 - cod. MIUR: ARIC841007 - email: aric841007@istruzione.it pec:aric841007@pec.istruzione.it

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento SRIS017003 "ARCHIMEDE" ROSOLINI SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

All'albo della scuola e sul sito web

All'albo della scuola e sul sito web Prot. n. 4684 Roma, 28 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E p.c. Al Consiglio d istituto Alle famiglie Agli alunni Al personale ATA All'albo della scuola e sul sito web OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) IST. SECONDARIO SUP. DI CAIRO MONTENOTTE Corso XXV Aprile, 76 17014 Cairo Montenotte (SV) - tel.: 019-504684 e-mail: svis00300a@istruzione.it PEC: svis00300a@pec.istruzione.it

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017/18, 2018/19

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017/18, 2018/19 ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017/18, 2018/19 Prot. n. 3599/AG08 Rocca Priora, 21/09/2015 e p.c. Al Collegio

Dettagli

PDM Istituto Comprensivo di Castel San Pietro Terme

PDM Istituto Comprensivo di Castel San Pietro Terme ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTEL SAN PIETRO TERME SCUOLA DELL INFANZIA STATALE GABRIELLA GRANDI DI OSTERIA GRANDE SCUOLA PRIMARIA STATALE GUSTAVO SEROTTI DI OSTERIA GRANDE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA INTERVENTI DI SUPPORTO ALLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA INTERVENTI DI SUPPORTO ALLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo "E. Toti" - Musile di Piave PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA INTERVENTI DI SUPPORTO ALLA QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA PREMESSA PIANO TRIENNALE FORMAZIONE DOCENTI ED ATA TRIENNIO

Dettagli

RAV e dintorni. Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015. Maddalena Cassinari

RAV e dintorni. Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015. Maddalena Cassinari RAV e dintorni Laboratorio Regionale DiSAL LIGURIA 8 gennaio 2015 Maddalena Cassinari 1. Motivazione del RAV * La parola chiave è: MIGLIORAMENTO * Attraverso * azioni correttive * cambiamenti necessari

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Statale Paolo Ruffini Scuola dell infanzia primaria secondaria di I grado Via del

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019 La Scuola che cambia Proposta progettuale dell Animatore Digitale Ins. Francesca Cocchi Dirigente Scolastico Rosella Puzzuoli Allegato al POF TRIENNALE 2016/2019 PREMESSA Il Piano Nazionale per la Scuola

Dettagli

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ALFREDO FIORINI S c u o l a d e l l I n f a n z i a, S c u o l a P r i m a r i a e S c u o

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

ESITI DEGLI STUDENTI

ESITI DEGLI STUDENTI ALLEGATO Priorità e Traguardi evidenziati nel Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola NAIC812007 "CAMPO DEL MORICINO" ESITI DEGLI STUDENTI 1. Risultati scolastici Studenti

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno SCHEDA DI PROGETTO INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno Denominazione progetto Priorità cui si riferisce Per tutti e per ciascuno La difficoltà dichiarata anche nel RAV - che la scuola vive nel realizzare

Dettagli

Audit interno d Istituto

Audit interno d Istituto Audit interno d Istituto Riesame della Direzione (a.s. 2014/2015) I.I.S. Remo Brindisi Lido degli Estensi 20 maggio 2015 Riesame della Direzione: l Indice 1.Riesame della Direzione (esame di tutte le articolazioni

Dettagli

Istituto Statale d Istruzione Superiore Pitagora Montalbano Jonico (MT) A.S. 2015/2016

Istituto Statale d Istruzione Superiore Pitagora Montalbano Jonico (MT) A.S. 2015/2016 Istituto Statale d Istruzione Superiore Pitagora Montalbano Jonico (MT) A.S. 2015/2016 PIANO DI MIGLIORAMENTO PREMESSE Visti gli esiti del Rapporto di autovalutazione dell'istituto (RAV) che sottolineano:

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PIIC84100T I.C. FALCONE CASCINA

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PIIC84100T I.C. FALCONE CASCINA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PIIC84100T I.C. FALCONE CASCINA Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 11) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo o 1.1 Congruenza

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo Prot. n. 2994/D6 Sovizzo, 20 novembre 2015 Al Collegio docenti Al Consiglio di Istituto AI Genitori Al Personale ATA dell IC Sovizzo LORO SEDI OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA

Dettagli

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

tel. -095/7252431 - Fax 095/7254848 PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL'ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Ministero dell' Istruzione, dell'università e della Ricerca CIRCOLO DIDATTICO STATALE "TERESA DI CALCUTTA" VIA GUGLIELMINO 49. 95030 TREMESTIERI ETNEO Codice meccanografico: ctee081004 - Mail ctee081004@istruzione.it

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

PIANO ANNUALE FORMAZIONE DOCENTI ED ATA A.S. 2015/2016

PIANO ANNUALE FORMAZIONE DOCENTI ED ATA A.S. 2015/2016 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE O. BERNACCHIA M. BRIGIDA INDIRIZZO MUSICALE Sede Centrale -Via Garibaldi - Tel. 0875/712882 Fax 0875/712889 Plesso Brigida Via Cina, snc Tel. 0875/712860 Fax 0875/

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Prot n. 36/C41 Cunardo, 11 gennaio 2016. Piano di Miglioramento Relativo al Piano Triennale dell Offerta Formativa triennio 2016-2019

Prot n. 36/C41 Cunardo, 11 gennaio 2016. Piano di Miglioramento Relativo al Piano Triennale dell Offerta Formativa triennio 2016-2019 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CUNARDO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria I grado Via Vaccarossi, 17-21035 Cunardo (VA) Codice Fiscale 93012080128 Tel. 0332 71 65 80 Fax 0332 71 60 58 E-mail

Dettagli

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 NOVEMBRE 2015 PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 A CURA DI SALVATORE PAPPALARDO Come anticipato nella legge 107 al comma 118 il 27 ottobre 2015 è stato pubblicato il decreto ministeriale

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE ANTONIO PACINOTTI 84018 SCAFATI (SA) TEL 081/8030377 FAX 081/8563843 E.MAIL satf04000d@istruzione.it CF. 80103800639 C.I.SATF04000D PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016 A)Analisi

Dettagli

PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF. Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso

PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF. Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso Premessa La legge 107 prevede che dall anno 2016 tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell Offerta Formativa azioni coerenti

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE dell OFFERTA FORMATIVA

ATTO DI INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE dell OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO "L. LUZZATTI" SAN POLO DI PIAVE Via Roma, 38-31020 San Polo di Piave (TV) Tel. 0422/855062 C. F.: 80012450260 - C. M.: TVIC86000B - E-mail: tvic86000b@istruzione.it Prot. 5521/C16

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA VISTO l art. 3 comma 4 del D.P.R. 275/1999 come modificato dall art. 1, comma 14, della Legge

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Premessa Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva e di scuola

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE Nella sezione 5 del RAV sono state indicate alcune priorità che la scuola intende perseguire nella sua azione di miglioramento e i relativi risultati/traguardi previsti

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE FEDERICO CAFFÈ (CON SEZIONI ASSOCIATE : I.T.C.G. FEDERICO CAFFE - I.T.I.S.

Dettagli

Circ. n. 38 Chivasso, 12/11/2015 Ai docenti dell istituto interessati alla presentazione domanda ammissione F.S.

Circ. n. 38 Chivasso, 12/11/2015 Ai docenti dell istituto interessati alla presentazione domanda ammissione F.S. Circ. n. 38 Chivasso, 12/11/2015 Ai docenti dell istituto interessati alla presentazione domanda ammissione F.S. Oggetto: Domanda disponibilità per FUNZIONE STRUMENTALE AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

RAV QUESTIONARIO DOCENTI MAGGIO 2015

RAV QUESTIONARIO DOCENTI MAGGIO 2015 RAV QUESTIONARIO DOCENTI MAGGIO 2015 1.AREA:CURRICOLO PROGETTAZIONE VALUTAZIONE (POLITICA SCOLASTICA) 1.1. In questa istituzione scolastica gli studenti sono assegnati alle diverse sezioni secondo modalità

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Prot. n.6128 A/19a, 24 Settembre 2015 Atto di Indirizzo del Dirigente scolastico al Collegio dei docenti per l elaborazione del Piano dell offerta formativa Triennio 2016-2019 Il Dirigente Scolastico VISTO

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Centro Provinciale per l Istruzione degli Adulti Via Giordano Bruno sn 97100 RAGUSA

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO GALILEI Via Danimarca, 54 90146 Palermo c.f. 80012700821 Telefono 091 515231 - Fax 091 520622 www.liceoggalileipalermo.gov.it - paps010002@istruzione.it paps010002@pec.istruzione.it

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RCPS04000R "ZALEUCO" LOCRI

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RCPS04000R ZALEUCO LOCRI Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RCPS04000R "ZALEUCO" LOCRI Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina! 1 di 13! ) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo o 1.1 Congruenza

Dettagli

A.S. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione. Parte I analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014/2015

A.S. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione. Parte I analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERTÀ DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Statale Scuola Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Montalto di Castro (VT)

Dettagli

Prot. 2168/B15 Magnago lì 20/09/2015

Prot. 2168/B15 Magnago lì 20/09/2015 Istituto Comprensivo Ada Negri Via Don Milani, 3 20020 Magnago (MI) C. F. 93018880158 cod. mec. MIIC84200D Tel. 0331658080 Fax 0331659612 Posta Elettronica Certificata: MIIC84200D@pec.istruzione.it Prot.

Dettagli

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORIANO NEL CIMINO Viale Ernesto Monaci, 37-01038 SORIANO NEL CIMINO (VT) -

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "GIUSEPPE SCELSA" CODICE FISCALE 80019800822 - Sito Web www.icscelsa.gov.it

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIUSEPPE SCELSA CODICE FISCALE 80019800822 - Sito Web www.icscelsa.gov.it ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "GIUSEPPE SCELSA" CODICE FISCALE 80019800822 - Sito Web www.icscelsa.gov.it E-mail paic8ar00v@istruzione.it E-mail certificata paic8ar00v@pec.istruzione.it Via Villani, 40

Dettagli

Piano di miglioramento scuola secondaria di I grado N. Monterisi

Piano di miglioramento scuola secondaria di I grado N. Monterisi Piano di miglioramento scuola secondaria di I grado N. Monterisi Il presente Piano di Miglioramento è il documento programmatico successivo alla pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione (RAV) previsto

Dettagli

Il Piano di Miglioramento. (PdM)

Il Piano di Miglioramento. (PdM) Il Piano di Miglioramento (PdM) 1 IDEE GUIDA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO Nel RAV sono state individuate le seguenti priorità: Priorità 1: Riduzione dell insuccesso scolastico nelle classi del biennio, in

Dettagli

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Via Campobasso, 10-66100 CHIETI - tel. Segreteria : 0871 560525 - - fax: 0871565781 codice fiscale: 93048780691 - codice meccanografico: CHIC83700A Indirizzo di posta elettronica

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16 Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 Staff del Dirigente e Funzioni strumentali al POF 2 FS1 - Qualità e valutazione di sistema Gestisce la documentazione relativa

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA

INDIRIZZI GENERALI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Verdellino Scuole dell Infanzia, Primarie e Secondarie di 1 grado Largo Cartesio, 1-24040 Verdellino (BG) Tel. 035 884516

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI. Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D

Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI. Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D 1. Contesto e risorse 1.1 Popolazione scolastica 1.2 Territorio e capitale sociale 1.3 Risorse economiche

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI)

Scuola Secondaria di 1 Grado A. di Cambio Via Volterrana 2-53034 Colle di Val d Elsa (SI) Prot. 28571 c23a Colle di val d Elsa 18/9/2015 ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI PER LA PREDISPOSIZIONE DEL POF TRIENNALE il D.lgs. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO

Dettagli

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica Scuola Secondaria di I grado Progetto realizzato con il contributo del Fondo Sociale Europeo - Programma Operativo Nazionale Competenze

Dettagli

Scuola : LICEO CLASSICO STATALE "C. BECCARIA" - MILANO - a.s.2015-16 Piano Annuale per l Inclusione

Scuola : LICEO CLASSICO STATALE C. BECCARIA - MILANO - a.s.2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Scuola : LICEO CLASSICO STATALE "C. BECCARIA" - MILANO - a.s.2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA 2015/2016. * Collabora con il Dirigente nella gestione e organizzazione dell'istituto

FUNZIONIGRAMMA 2015/2016. * Collabora con il Dirigente nella gestione e organizzazione dell'istituto FUNZIONIGRAMMA 2015/2016 COLLABORATORI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Collaboratore (Vicario) Collaboratore * Collabora con il Dirigente nella gestione e organizzazione dell'istituto collaborazione con il DS

Dettagli

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015

RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 RAV e PDM (Rapporto di Auto-Valutazione) e (Piano di Miglioramento) L Aquila, 10 settembre 2015 IL RAV Il RAV (di seguito nominato Report) rappresenta la prima esperienza di autovalutazione dell Ist. Comprensivo

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento NARH07000E IPSAR "CARMINE RUSSO" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio)

USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015. DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) USR LOMBARDIA TAVOLO 6 LINEE PROGRAMMATICHE FORMAZIONE DIRIGENTI, DOCENTI E ATA BIENNIO 2013/2015 DOCUMENTO DI SINTESI (provvisorio) Le linee programmatiche individuate rispondono alla esigenza di: intercettare

Dettagli