CONTROLLO DEL RISCHIO CHIMICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTROLLO DEL RISCHIO CHIMICO"

Transcript

1 CONTROLLO DEL RISCHIO CHIMICO COMUNITA SCIENTIFICA PERCEZIONE DEI DANNI AMBIENTALI MONITORAGGIO BIOLOGICO RICERCA A POSTERIORI 1950 COMUNITA AMMINISTRATIVA CONTROLLO DEGLI EFFLUENTI 1950 LISTE DI PRIORITA 1965 ABOLIZIONE DELLE MOLECOLE 1970 GESTIONE DELLE SOSTANZE CHIMICHE 1975 TOXIC SUBSTANCES CONTROL ACT (USA) DIRETTIVA SULLE SOSTANZE PERICOLOSE (CEE) COMUNITA SCIENTIFICA RICERCA A PRIORI VALUTAZIONE DEL PERICOLO POTENZIALE ECOTOSSICOLOGIA PREVISIONALE

2 Tabella Tipologie di rischio ed effetti ad esse associati; sono inoltre riportati gli elementi da utilizzare nella valutazione di rischio. Target Tipologie di rischio Effetti Elementi indispensabili nella Uomo Uomo Ambiente Uomo e Ambiente Rischio a seguito di esposizione diretta (riguarda principalmente la sfera professionale di una determinata popolazione come ad es. agricoltori) Rischio a seguito di esposizione indiretta (deriva principalmente dal grado di diffusione nell ambiente della sosta inquinante e può interessare ampi strati di popolazione) Rischi immediati (riguarda il rischio per specie non target dopo un intervento fitoiatrico nell area trattata o limitrofa) Rischi differiti (riguarda il rischio perspecie non target in una scala spazio temporale più ampia rispetto al precedente) Effetti tossici immediati: tossicità acuta (orale, inalatoria, cutanea), potere irritante (occhi e pelle) potere sensibilizzante Effetti tossici differiti: sub-acuti, sub-cronici, cronici mutageni e cancerogeni riproduttivi Principalmente effetti di tipo differito Effetti tossici immediati: tossicità acuta sugli organismi non target Principalmente effetti di tipo cronico su organismi non target Rischio globale (rappresenta l insieme di quelli precedenti) Rischio da effetti fisici Effetti immediati generalmente derivanti dalle caratteristiche chimico-fisiche della sostanza (infiammabilità, potere esplosivo) valutazione 1. caratteristiche tossicologiche 2. quantità utilizzata 3. bioconcentrazione 4. dimensioni della popolazione 5. pluralità di esposizione 1. scelta di indicatori biologici 2. caratteristiche chimico-fisiche 3. quantità 4. distribuzione ambientale 5. persistenza 6. caratteristiche tossicologiche 1. potere esplodente 2. infiammabilità 3. dimensioni della popolazione 4. quantità

3 L ecotossicologia riguarda gli effetti tossici degli agenti chimici e fisici sugli organismi viventi, in particolare su popolazioni e comunità all interno di definiti ecosistemi; essa comprende anche lo studio delle modalità di diffusione di questi agenti e le loro interazioni con l ambiente. (Butler, 1978) TOSSICOLOGIA AMBIENTALE branca della tossicologia avente per oggetto lo studio degli effetti sui sistemi naturali anni target uomo anni target organismi oggi: COSA SUCCEDE AD UN SISTEMA NATURALE QUANDO SI ALTERANO I NORMALI FLUSSI DI MATERIA ED ENERGIA? ECOTOSSICOLOGIA anni 80 - significato più ampio in quanto comprende anche lo studio dei clicli biogeochimici delle sostanze xenobiotiche

4

5 STUDI SUGLI EFFETTI NOEL CQ HAZARD ASSESSMENT PEC STUDI SUL DESTINO AMBIENTALE TOSSICOLOGIA UMANA MOS = NOED/PED MOS = ADI/PED ECOTOSSICOLOGIA MOS = NOEL/PEC MOS =CQ/PEC

6 La presenza di un effettivo rischio ambientale è determinata dalla concomitanza di tre diversi fattori (effetti, esposizione, sistema bersaglio) area di pericolo potenziale effetti nocivi esposizione area di rischio sistema ambientale esposto Esistono popolazioni realmente esposte al pericolo potenziale? In quale percentuale e con quale distribuzione? La stima del rischio può definirsi come la valutazione quantitativa della probabilità che si verifichi un certo effetto ambientale, come risultato dell esposizione ad una sostanza contaminante

7

8 Ecological Risk Assessment Planning (Risk Assessor/ Risk Manager Dialogue Analysis Problem Formulation Characterisation of Exposure Characterisation of Ecological Effects Risk Characterisation As Necessary: Acquire Data, Iterate Process, Monitor Results Communicating Results to the Risk Manager Risk Management

9 !

10 Problem Formulation: Assessment objectives Identification of the time-space scale scenario Identification of suitable indicators Exposure indicators: quantity (Kg/ha); bioaccumulation (Kow); environmental distribution; persistence of the chemical Effect indicators: cellular (biomarkers) organisms (toxicity tests); population and communities (microcosm, mesocosms, field studies); Risk Assessment TER or SCORE Communicating Risk

11 carichi modalità di uso e di scarico processi ambientali proprietà matrici ambientali modelli valutativi monitoraggio ambientale VALUTAZIONE DELLA ESPOSIZIONE proprietà fisico chimiche QSAR VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI STUDI DI LABORATORIO saggi di tossicità acuta saggi di tossicità cronica saggi su popolazioni e comunità STUDI DI CAMPAGNA indici biotici bioindicatori biomarkers STUDI SUI SISTEMI BIOLOGICI A RISCHIO STIMA DEL RISCHIO dinamica di popolazioni struttura e funzioni di comunità ed ecosistemi

12 Two Different Concepts: Risk Management and Risk Assessment RISK ASSESSMENT Hazard identificazion Dose-Response Assessment Exposure Assessment Risk Characterization RISK MANAGEMENT social legal economic political technical D E C I S I O N Action priorities - research - regulation more research standards - air - water ban other

13 Studi sugli effetti PNEC Studi sulla esposizione PEC Studi sui target Valutazione dei Targets a Rischio Valutazioni Economiche Politiche Sociali Hazard Assessment Stima del Rischio CARICHI AMMISSIBILI SUL TERRITORIO NECESSITA DI INTERVENTO O PREVENZIONE TUTELA AMBIENTALE BASATA SU: GESTIONE DELLE SOSTANZE PERICOLOSE GESTIONE DEL TERRITORIO

14 LA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI

15 Tossicologia Ecotossicologia Organismi Test Ratto, topo, coniglio, cane, scimmia Acquatici (alghe, Daphnia, pesci) Terrestri ( piante, lombrichi, api, uccelli) Estrapolazione all UOMO ECOSISTEMA SCOPO PROTEZIONE DEL SINGOLO INDIVIDUO MANTENERE INALTERATA LA STRUTTURA E LA FUNZIONALITA DI UN ECOSISTEMA

16

17 Proprietà Tossicologiche Tossicità acuta: L effetto che può essere ottenuto a seguito di una somministrazione unica di una determinata sostanza. Determinazione di una dose capace di determinare la morte della metà (DL50 o CL50) (mg/kg o mg/l) degli individui della popolazione sottoposta a sperimentazione, oppure attraverso la determinazione del potere irritante (per occhi e pelle), del potere corrosivo, e di quello sensibilizzante attraverso tre diverse vie di esposizione dell animale: orale, cutanea ed inalatoria. Tossicità subacuta, subcronica, cronica: Valutazione degli effetti derivanti dall esposizione di una popolazione all azione di una sostanza a basse dosi nel tempo (orale, inalatoria e cutanea). Le prove di tossicità subacuta in particolare simulano esposizioni ripetute per brevi periodi, viceversa quelle relative alla valutazione degli effetti cronici servono a verificare i danni che si ottengono in seguito ad esposizioni a basse dosi continuate e prolungate nel tempo. -NEL (No Effect Level) che esprime il livello senza effetti; -NOEL (No Observed Effect Level) che esprime il livello di concentrazione della sostanza al quale non è stato osservato alcun effetto; - NOAEL (No Observed Adverse Effect Level) che rappresenta il livello della concentrazione della sostanza al quale non è stato osservato alcun effetto avverso; Uso di fattori di sicurezza nell estrapolazione. Mutagenesi, Carcinogenesi, Embriotossicità: Modificazioni al corredo cromosomico umano (mutagenesi), del loro potenziale cancerogeno (Cancerogenesi), e della capacità di provocare eventuali malformazioni a livello embrionale (Embriotossicità), sono estremamente difficoltosi e poco estrapolabili al contesto umano.

18 Obiettivi dei saggi multispecie Maggiore conoscenza circa la struttura e la funzionalità degli ecosistemi Sviluppare e validare modelli previsionali per il destino ambientale degli inquinanti o per gli effetti Valutare gli standard di qualità estrapolati dai dati di tossicità in laboratorio (migliorare le tecniche di estrapolazione) Studiare la resilienza di un ecosistema in termini di tempo richiesto per ritornare alla normalità dopo uno stress chimico Ottenere dati per scopi di tipo regolatorio Scelta degli endpoints Endpoint strutturali: Gli endpoints strutturali e le specie selezionate sono numerosi. In genere sulla base dei dati ottenuti dai saggi di tossicità monospecifici si scelgono le spp. da analizzare. Gli effetti di un inquinante sulla struttura del sistema esposto sono importanti anche se all inizio non si verifica un cambio nella funzionalità di un ecosistema. Per es. un declino momentaneo dei rotiferi può avere un ruolo importante per le popolazioni di pesci se avviene nelle fasi in cui è presente lo stadio giovanile della popolazione ittica Endpoint funzionali: riguardano gli effetti sulla fotosintesi o sulla crescita in termini di biomassa Environmental Acceptable Concentration: quella concentrazione in acqua che non produce alcuna modifica alla struttura e alla funzionalità di un ecosistema

19 La previsione degli effetti: relazioni interspecifiche (QUICAR) L uso di questo approccio può essere un utile strumento per prevedere gli effetti di una sostanza da una specie all altra e per avere informazioni circa i rapporti di sensibilità (sensitivity ratio) Concettualmente questo approccio è simile a quello utilizzato dalla tossicologia umana Acute toxicity test Herbicides Fungicides insecticides/ acaricides other functions Total EC50 (96 h) on algae 104 (8) 62 (4) 68 (16) 8 (1) 242 (29) EC50 (48 h) on Daphnia 171 (43) 88 (9) 124 (6) 24 (2) 407 (60) LC50 (96 h) on rainbow trout 200 (50) 94 (6) 130 (16) 23 (1) 447 (73) LC50 (96 h) on bluegill sunfish 127 (43) 51 (5) 74 (8) 15 (0) 267 (56) LC50 (96 h) on fathead minnow 10 (3) 1 6 (1) 1 18 (4) LC50 (96 h) on catfish 24 (6) 6 (0) 11 (2) 2 (0) 43 (8) LC50 (96 h) on carp 41 (12) 34 (2) 30 (7) 4 (1) 109 (22) LC50 (96 h) on golden orfe 7 (3) 10 (0) 27 (1) 3 (0) 47 (4) Total 714 (178) 352 (28) 486 (58) 81 (5) 1633 (269)

20 Relazione interspecifica tra r. trout e b. sunfish per prodotti fitosanitari (divisi in classe) 2 Slope 1 Log LC50 96h blugill (mmol/l) ,3,5-triazine 2-(4-aryloxyphenoxy) prop. acid 2,6-dinitroanilina aryloxyalkanoic acid azole benzoylurea carbamate chloroacetanilide diphenyl ether organophosphorus pyrethroid sulfonylurea thiocarbamate urea unspecified minor classes Log LC50 96h trout (mmol/l) SSR (r.trout./b.sunfish) = 0.77 trota leggermente più sensibile SSR OPs = 1.5 Log LC50 96h on trout (mmol/l) = 0.95 * Log LC50 96h on bluegill (mmol/l) n = 199; R 2 = 0.92; S.E. = 0,44; F = 2168; Significance p < 0,0001

21 Relazione interspecifica tra r. trout e carpa per prodotti fitosanitari (divisi in classe) 1 Log LC50 96h carp (mmol/l) ,3,5-triazine 2-(4-aryloxyphenoxy) prop. acid 2,6-dinitroanilina azole carbamate chloroacetanilide diphenyl ether organophosphorus pyrethroid sulfonylurea urea unspecified minor classes Log LC50 96h trout (mmol/l) Log LC50 96h on trout (mmol/l) = 0.98 * Log LC50 96h on carp (mmol/l) 0.36 n = 65; R 2 = 0.83; S.E. = 0.54; F = 314; Significance p < 0,0001 SSR per OPs bluegill>trout>orfe>carp indica che gli OPs mostrano un meccanismo d azione specifico che produce un diverso livello di effetto per le diverse spp. di pesci

22 Relazione interspecifica tra r. trout e Daphnia per prodotti fitosanitari (divisi in classe) Eq. Generale: Log LC50 96h on trout (mmol/l) = 0,61 * Log EC50 48h on Daphnia (mmol/l) 0,65 n = 267; R 2 = 0,59; S.E. = 0,98; F = 379; Significance p < 0,0001 Log LC50 96h trout (mmol/l) ,3,5-triazine 2-(4-aryloxyphenoxy) propionic acid 2,6-dinitroanilina aryloxyalkanoic acid azole benzoylurea carbamate chloroacetanilide diphenyl ether organophosphorus pyrethroid sulfonylurea thiocarbamate urea unspecified minor classes Log EC50 48h daphnia (mmol/l) Eq. Senza OPs e Carbam.: Log LC50 96h on trout (mmol/l) = 0,82 * Log EC50 48h on Daphnia (mmol/l) 0,41 n = 206; R 2 = 0,77; S.E. = 0,75; F = 683; Significance p < 0,0001 Daphnia più sensibile dei pesci agli insetticidi, mentre SSR circa 1 per gli erbicidi e fungicidi

23 1 0 Relazione interspecifica tra pesci e alghe per prodotti fitosanitari (divisi in classe) Log LC50 96h trout (mmol/l) (4-aryloxyphenoxy) prop. acid 2,6-dinitroanilina aryloxyalkanoic acid thiocarbamate azole unspecified minor classes Log EC50 96h algae (mmol/l) Log EC50 48h daphnia (mmol/l) (4-aryloxyphenoxy) prop. acid 2,6-dinitroanilina aryloxyalkanoic acid thiocarbamate azole unspecified minor classes Relazione interspecifica tra alghe e Daphnia per prodotti fitosanitari (divisi in classe) Log EC50 96h algae (mmol/l) Nessuna relazione rilevante dal punto di vista della previsione. Gli SSR indicano che le Daphnie sono estremamente più sensibili agli insetticidi (0,00056 ), mentre le alghe sono estremamente più sensibili alle triazine (1800). Questo indica il ruolo cruciale dei meccanismi d azione

24 Alcune considerazioni: Esistono delle correlazioni tra gli effetti esercitati da una sostanza su diverse specie acquatiche Tuttavia, queste non sono generalizzabili (es alga/daphnia) Anche nel caso di una correlazione generale tra le specie (es. carpa/trota o Daphnia/trota) possono esistere delle eccezioni in funzione della classe chimica Questo potrebbe derivare da una specificità nel modo d azione

25 Un possibile criterio per definire la specificità o aspecificità d azione di una sostanza può essere la deviazione dalla baseline toxicity (Verhaar 1995). Questo criterio si basa sull assunzione che, in assenza di uno specifico meccanismo d azione, l attività biologica di una sostanza è di tipo narcotico e dipende interamente dalla sua lipofilicità (log Kow). Verhaar ha proposto un schema classificatorio degli inquinanti per quanto riguarda gli effetti: Inert chemicals: Non interagiscono con uno specifico recettore in un organismo (narcosi). L effetto narcotico è totalmente dipendente dall idrofobicità; Less inert chemicals: leggermente più tossici della loro baseline. Sono anche chiamati narcotici polari. Generalmente sono caratterizzati dalla presenza di legami H (donatori di protoni) come i fenoli o le aniline Reactive chemicals: queste sostanze reagiscono per produrre un effetto in maniera non selettiva su strutture chimiche presenti comunemente presenti nelle biomolecole (es. ipossidi che reagiscono con i gruppi sulfidrilici della cisteina); Specifically acting chemicals: reazioni specifiche con un particolare recettore molecolare

26 Struttura chimica Es. classe 1: sostanze che contengono solo H e C Calcolare la baseline toxicity con un sistema QSAR Classificare secondo lo schema Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe Min = 5 Max = 10 Applicare un fattore di tossicità (RF t ) Min = 10 Min = 10 Max = 10 4 Max = 10 4 Stima del range di tossicità EC baseline RF t max < Ec estimated < Ec baseline /RF t min

27 I fattori di tossicità (RF t : Range Factor of Toxicity) sono stati ottenuti attraverso uno studio statistico su diverse classi di sostanze organiche TR = LC50 baseline /LC50 exp TR = Toxic Ratio LC50 baseline = LC 50 prevista dal log Kow LC50 exp = LC 50 sperimentale

28 Applicazione del TR su alga per i prodotti fitosanitari Log EC50 96h algae (mmol/l) Log Kow 1,3,5-triazines 2-(4-aryloxyphenoxy) prop. acids 2,6-dinitroanilines aryloxyalkanoic acids azoles benzoylureas carbamates chloroacetanilides diphenyl ethers organophosphorus pyrethroids sulfonylureas thiocarbamates ureas unspecified minor classes algae 2,6-dinitroanilines chloroacetanilides 1,3,5-triazines azoles carbamates organophosphorus thiocarbamates ureas sulfonylureas Log TR

29 Applicazione del TR su Daphnia per i prodotti fitosanitari Log EC50 48h Daphnia (mmol/l) Log Kow 1,3,5-triazines 2-(4-aryloxyphenoxy) prop. acids 2,6-dinitroanilines aryloxyalkanoic acids azoles benzoylureas carbamates chloroacetanilides diphenyl ethers organophosphorus pyrethroids sulfonylureas thiocarbamates ureas unspecified minor classes diphenyl ethers Daphnia 2-(4-aryloxyphenoxy) propionic acids 2,6-dinitroanilines 1,3,5-triazines sulfonylureas thiocarbamates azoles pyrethroids chloroacetanilides carbamates ureas benzoylureas organophosphorus Log TR

30 Applicazione del TR su pesci per i prodotti fitosanitari Log LC50 96h trout (mmol/l) Log Kow 1,3,5-triazines 2-(4-aryloxyphenoxy) prop. acids 2,6-dinitroanilines aryloxyalkanoic acids azoles benzoylureas carbamates chloroacetanilides diphenyl ethers organophosphorus pyrethroids sulfonylureas thiocarbamates ureas unspecified minor classes aryloxyalkanoic acids trout 1,3,5-triazines ureas 2-(4-aryloxyphenoxy) propionic acids azoles 2,6-dinitroanilines thiocarbamates carbamates pyrethroids organophosphorus Log TR

31 Classificazione proposta per i prodotti fitosanitari narcotic -0,5 < Log TR < 0,5 less inert chemicals 0,5 < Log TR < 1,5 reactive chemicals 1,5 < Log TR < 2,5 specifically acting chemicals 2,5 < Log TR < 4 highly specifically acting chemicals Log TR > 4

32 Mechanism of action, Log calc./exp. Toxicity Ratio distribution parameters (mean, standard deviation and number of cases) and specificity of action (Specif.) of the different classes of herbicides, fungicides and insecticides on algae, Daphnia and fish, according to the text classification: narcotic (narcotic), less inert chemicals (less inert), reactive chemicals (reactive), specifically acting chemicals (specif. acting), highly specifically acting chemicals (highly specif. acting) P e s t ic id e s M e c h a n is m o f a c t io n A lg a e D a p h n ia F is h L o g T R S p e c if. L o g T R S p e c if. L o g T R S p e c if. H e r b ic id e s 1,3,5 -tr ia z in e P h o to s y n t h e tic e le c tr o n tr a n s p o r t in h ib ito r s 2 - ( 4 - a r y lo x y p h e n o x y ) p r o p io n ic a c id L ip id b io s y n th e s is in h ib ito r s 3,1 σ = ; n = 1 0-0,3 σ = ; n = d in itr o a n ili n a C e ll d iv i s io n i n h ib ito r s 0,4 σ = 0.4 ; n = 4 a r y lo x y a lk a n o ic a c id c h lo r o a c e ta n ilid e P r o te in s y n th e s is in h ib ito r s d ip h e n y l e th e r P r o to p o r p h y r in o g e n o x id a s e in h ib ito r s s u l f o n y lu r e a B r a n c h e d c h a i n a m i n o a c id s y n th e s is in h ib ito r s th io c a r b a m a te L ip id m a ta b o lis m in h ib ito r s u r e a P h o to s y n t h e tic e le c tr o n tr a n s p o r t in h ib ito r s I n s e c t ic i d e s /a c a r ic id e s c a r b a m a te C h o li n e s te r a s e in h ib ito r s 2,5 σ = 0.7 ; n = 2 2,9 σ = 0,5 4 ; n = 5 6,1 σ = ; n = 6 0,6 σ = ; n = 4 2,9 σ = ; n = 1 1 0,7 σ = 1.1 ; n = 6 o r g a n o p h o s p h o r u s C h o li n e s te r a s e 0,8 in h ib ito r s σ = 1.2 ; n = 2 8 p y r e t h r o id N e r v o u s s y s te m a c ti n g 0,4 σ = 0,3 9 ; n = 2 b e n z o y lu r e a C h i tin s y n t h e s i s in h ib ito r s F u n g ic id e s a z o le S te r o id d e m e t h y la tio n 0,8 in h ib ito r s σ = 0.9 ; n = 1 3 s p e c if. A c ti n g 0,1 3 σ = ; n = 1 2 N a r c o tic - 0,1 3 σ = ; n = 6 n a r c o tic le s s in e r t r e a c tiv e - s p e c i f. A c ti n g s p e c if. A c ti n g h ig h l y s p e c if. A c ti n g n a r c o tic le s s in e r t s p e c if. a c tin g le s s in e r t le s s in e r t le s s in e r t - 0,1 σ = ; n = 4 1,8 σ = 0.8 ; n = 2 0,2 σ = ; n = 7-0,2 σ = ; n = 4 2,0 σ = ; n = 6-0,0 0 1 σ = ; n = 7 0,2 σ = ; n = 1 2 3,5 σ = ; n = 7 3,8 σ = ; n = 4 5 1,8 σ = ; n = 2 0 1,3 σ = ; n = 5 0,1 σ = 0.7 ; n = 1 8 n a r c o tic 0,6 σ = ; n = 1 1 n a r c o tic 0,6 σ = ; n = 1 1 n a r c o tic 0,6 σ = ; n = 8 r e a c tiv e 2,0 σ = ; n = 4 n a r c o tic 1,5 σ = ; n = 3 n a r c o tic 0, r e a c tiv e 2,1 σ = ; n = 3 n a r c o tic 0,2 σ = ; n = 1 7 n a r c o tic 0,4 σ = ; n = 1 7 s p e c if. a c tin g 1,6 σ = ; n = 9 s p e c if. 1,9 a c tin g σ = ; n = 4 1 r e a c tiv e 2,3 σ = ; n = 1 6 le s s in e r t n a r c o tic 0,6 σ = ; n = 2 5 n a r c o tic - le s s in e r t n a r c o tic - le s s in e r t n a r c o tic - le s s in e r t r e a c tiv e le s s in e r t - r e a c tiv e n a r c o tic r e a c tiv e n a r c o tic n a r c o tic - le s s in e r t le s s in e r t - r e a c tiv e r e a c tiv e r e a c tiv e n a r c o tic - le s s in e r t

33 Sulle alghe i composti più specifici sono le sulfoniluree seguite da cloroacetanilidi feniluree e triazine Altre classi come le 2,6 dinitroaniline, tiocarbammati, così come fungicidi e insetticidi sono classificabili come less inert chemicals o narcotici La specificità delle sulfoniluree dipende dalla sua azione sulla sintesi degli aminoacidi. Del resto la loro specificità è evidenziata dalle basse dosi utilizzate (g/ha) Feniluree e triazine inbiscono il trasporto degli elettroni nella fotosintesi Le altre classi hanno dei meccanismi d azione meno specifici Su Daphnia e pesci gli OPs e i carbammati (insetticidi) sono le classi di composti più tossiche Su Daphnia esplicano un effetto maggiore rispetto ai pesci. Questo è probabilmente dovuto al fatto che il sito bersaglio è più facilmente raggiungibile E interessante notare che i piretroidi pur essendo più tossici degli OPs sono meno specifici (ruolo del log Kow) Erbicidi e fungicidi su queste due spp. agiscono come narcotici. Su queste basi, è possibile concludere che quando la specificità d azione nei confronti di due organismi è differente non è possibile estrapolare la tossicità da una specie all altra. D altro lato quando abbiamo un analoga specificità è possibile ottenere delle estrapolazioni adeguate anche per spp. molto distante filogeneticamente

34 Distribuzione delle sostanze nell ambiente SOSTANZA CHIMICA Aria fotolisi reazioni ozono radicali idrossilici rilascio accumulo deposizione volatilizzazione volatilizzazione precipitazione Suolo ossidazione reattività chimica accumulo rilascio accumulo Biomassa biodegradazione metabolismo rilascio accumulo drenaggio rilascio Sedimento Acqua idrolisi fotolisi ossidazione reattività chimica adsorbimento rilascio ossidazione reattività chimica

35

36 Proprietà chimico-fisiche importanti per la previsione del destino ambientali di potenziali inquinanti Solubilità Tensione di Vapore Costante di Henry Coefficienti di ripartizione Fattore di Bioconcentrazione (BCF)

37 I COEFFICIENTI DI RIPARTIZIONE Il coefficiente di ripartizione n-ottanolo/acqua Il coefficiente di ripartizione suolo/acqua (Kd) o su carbonio organico (Koc) La costante di Henry (o) coefficiente di ripartizione aria/acqua (Kaw) Il coefficiente di ripartizione ottanolo/aria (Koa)

38 IL COEFFICIENTE DI RIPARTIZIONE n-ottanolo/acqua (Kow) Tabella 1 Valori di letteratura di log K OW di permetrina, 2,4D, pendimethalin, aldrin e 4,4-DDT. molecola valori di log K OW permetrina 6,50 (1) 3,48 (6) 2,4D 1,57 (2) 2,62 (7) -1,39 (10) pendimethalin 5,18 (3) 2,86 (8) aldrin 3,00 (4) 6,50 (9) 5,52 (9) 4,4-DDT 3,98 (5) 6,38 (9) 5,94 (11) 1 = Schimmel et al.,1983; 2 = Scheele, 1980; 3 = Worthing e Hance, 1991; 4 = Howard, 1991; 5 = Kapoor et al., 1973; 6 = Verschueren, 1983; 7 = Rao e Davidson, 1980; 8 = Briggs, 1981; 9 = De Bruijn et al., 1989; 10 = Martin e Edgington, 1981; 11 = Ellgehausen et al., 1981.

39 L USO DEI GIS NELLE APPLICAZIONI DI MODELLI DI RIPARTIZIONE MULTICOMPARTIMENTALE Individuare nel territorio aree omogenee relativamente alle principali driving forces dei modelli Applicare gli approcci modellistici in modo modulare in funzione della disuniformità territoriale Restituire in forma cartografica la composizione modulare della applicazione modellistica

40 Monitoring point Water streams Urbanised areas DTM Land use Reality Schematic Approach to territorial characteristic

41 The case of Lambro River Basin Chemical properties Molecular weight Water solubility Vapour pressure Kow half-life in soil Landscape description for UGU definition Soil properties: soil texture, organic carbon content, Hydrological Group maps Land use data and a.i. loads Rainfall data and Areas of the rain gauge stations Basin and sub -basins outlines Hydrographical network and river flow data I Data collection UGU map Water balance II Runoff coefficient Curve Number factor Hydrological network denseness Definition of UGU and their characterization III Application scenario Soil Properties scenario Water Input-Output scenario Definition of environmental scenarios SOILFUG PEC UGU Dilution coefficient IV PEC RIVER

42

43 Uniform Geographic Units

44 Validation of the results Alachlor 0.3 Experimental Whole basin 14 subbasins concentration mg/mc Days after first treatment

45 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT In principle, human beings as well as ecosystems in the aquatic, terrestrial or air compartment are to be protected. Ratio between two different concentration (PNEC/PEC) >/=/<1 For the environment the protection goals at present are limited to the following: Aquatic ecosystem; Terrestrial ecosystem; Atmosphere. Top predators (secondary poisoning); Micro-organisms in sewage treatment systems (for the exposure of the aquatic environment);

46 HISTORICAL BACKGROUND Quantitative Risk Assessment as a science and as a basis for regulatory decision making emerged about 30 years ago Progress since has been considerable and in 1992, Chapter 19 of Agenda 21 of the United Nations Conference on Environment and Development included as first recommendation expanding and accelerating the international assessment of chemical risk In the EU, environmental policy started in 1973 with the adoption of the first 5-year European Community Environmental Action Programme. Since them, the principles of prevention and risk reduction have been firmly established in many regulations of the EU Commission and with them the concepts of risk assessment and risk management of the substances With regards to new substances, i.e. substances not on the EU market in the 10 years prior of the 18 September 1981 and therefore not appearing in the European Inventory of Existing Commercial chemical Substances (EINECS) the first article of the Directive 92/32EEC requires an evalutaion of the potential hazards and risks of notified substances on the basis of a specified data set In 1993 first version of the Technical Guidance Documents (TGD)

47 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT

48 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT (Part II)

49 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT

50 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT Commission Directive 93/67/EEC and Commission Regulation (EC) No. 1488/94 require that an environmental risk assessment be carried out on notified new substances or on priority existing substances, respectively. This risk assessment should proceed in the following sequence: Hazard identification; Dose (concentration) -response (effect) assessment; Exposure assessment; Risk characterization. The risk assessment shall be carried out for all three environmental compartments, i.e. aquatic environment, terrestrial environment and air. TGD is intended to assist the competent authorities to carry out the environmental risk assessment of notified new substances and priority existing substances.

51 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT TGD includes advice on the following issues: How to ca1culate PECs and PNECs and, where this is not possible, how to make qualitative estimates of environmental concentrations and effect/no effect concentrations; How to judge which of the possible administrative decisions on the risk assessment according to Article 3(4) of Directive 93/67/EEC or Article 10 of Regulation 793/93 and Annex V of Regulation 1488/94 need to be taken; How to decide on the testing strategy, if further tests need to be carried out and how the results of such tests can be used to revise the PEC and/or the PNEC Expert judgment is needed

52 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT (Effect Assessment) According to Article 9(2) of Regulation 793/93, the minimum data set that must be submitted for priority substances is the base-set testing package required for notified new substances which is defined in Annex VIIA of Directive 67/548/EEC. (at least studies on short term toxicity for fish, daphnia and an algae must be available). Hence, the procedure for calculating PNEC as well as the testing strategy post baseset can use this as a starting point. For a new substance further but nevertheless limited data are foreseen at level l and level 2 (Annex VIII of Directive 67/548/EEC). For existing substances information beyond the base-set may be available of which the amount and quality of data is expected to vary widely. For the effects assessment there may be several data available on a single endpoint which give dissimilar results. Furthermore, there may be studies, in particular older studies, which have not been conducted according to current test guidelines and quality standards. Expert judgement will be needed to evaluate the adequacy of these data.

53 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT (Exposure Assessment) The environmental exposure assessment is based on representative monitoring data and/or on model calculations. If appropriate, available information on substances with analogous use and exposure patterns or analogous properties is taken into account. The availability of representative and reliable monitoring data and/or the amount and detail of the information necessary to derive realistic exposure levels by modelling, in particular at later stages in the life cycle of a substance, will also vary. Again, expert judgement is needed

54 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT (Risk Characterization) The risk assessment should be carried out on the basis of all data available applying the methods described in the TGD. In order to ensure that the predicted environmental concentrations are realistic, all available exposure-related information on the substance should be used. When detailed information on the use patterns, release into the environment and elimination, including information on the downstream uses of the substance is provided, the exposure assessment will be more realistic. A general rule for predicting the environmental concentration is that the best and most realistic information available should be given preference. However, it may often be useful to initially conduct an exposure assessment based on worst-case assumptions, and using default values when model calculations are applied. Such an approach can also be used in the absence of sufficiently detailed data.

Destino e comportamento ambientale: scenari di esposizione

Destino e comportamento ambientale: scenari di esposizione Aspetti tecnici e applicativi nella valutazione di un prodotto biocida 19 Ottobre 2010 Destino e comportamento ambientale: scenari di esposizione Maria Antonietta Orrù Centro Nazionale Sostanza Chimiche

Dettagli

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano Classificazione dei rifiuti I criteri di classificazione

Dettagli

GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche. Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica

GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche. Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica LUBE DAY 2010 - Milano, 14 ottobre 2010 GHS, REACH e CLP GHS Identificazione

Dettagli

Fitofarmaci Un indicatore di pressione elaborando proprietà ambientali e dati di utilizzo dei prodotti fitosanitari. Alessandro Franchi ARPA Toscana

Fitofarmaci Un indicatore di pressione elaborando proprietà ambientali e dati di utilizzo dei prodotti fitosanitari. Alessandro Franchi ARPA Toscana Fitofarmaci Un indicatore di pressione elaborando proprietà ambientali e dati di utilizzo dei prodotti fitosanitari Alessandro Franchi ARPA Toscana L'uso di pesticidi in agricoltura produce un impatto

Dettagli

Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging

Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging Raffaella Butera Toxicon srl Università degli Studi di Pavia raffaella.butera@unipv.it normativa complessa articolata obiettivi comuni

Dettagli

Fitofarmaci: valutazione del rischio tossicologico per la salute umana

Fitofarmaci: valutazione del rischio tossicologico per la salute umana I FITOFARMACI: I RISCHI PER L UOMO L E PER L AMBIENTEL Fitofarmaci: valutazione del rischio tossicologico per la salute umana Emma Di Consiglio Istituto Superiore di Sanità-Roma emma.diconsiglio@iss.it

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

REACh e SDS Miscele: approcci possibili. Dr. Giorgio Chierico AssICC 18 Marzo 2015

REACh e SDS Miscele: approcci possibili. Dr. Giorgio Chierico AssICC 18 Marzo 2015 REACh e SDS Miscele: approcci possibili. Dr. Giorgio Chierico AssICC 18 Marzo 2015 COMUNICAZIONE LUNGO LA SUPPLY CHAIN REGISTRANTE CLIENTE (UTILIZZATORE FINALE) ES Sostanza Partire con lo ES del fornitore

Dettagli

Il dossier di registrazione, il CSR e la notifica della classificazione

Il dossier di registrazione, il CSR e la notifica della classificazione Il dossier di registrazione, il CSR e la notifica della classificazione Raffaella Butera Servizio di Tossicologia IRCCS Fondazione Maugeri e Università degli Studi di Pavia raffaella.butera@unipv.it Esperienza

Dettagli

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments

A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments A free and stand-alone tool integrating geospatial workflows to evaluate sediment connectivity in alpine catchments S. Crema, L. Schenato, B. Goldin, L. Marchi, M. Cavalli CNR-IRPI Outline The evaluation

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

IP TV and Internet TV

IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 1 IP TV and Internet TV IP TV e Internet TV Pag. 2 IP TV and Internet TV IPTV (Internet Protocol Television) is the service provided by a system for the distribution of digital

Dettagli

CERTIFICATO CE DI CONFORMITÀ < PRODOTTO(I) (2) >

CERTIFICATO CE DI CONFORMITÀ < PRODOTTO(I) (2) > Allegato 1: Facsimile di Certificato per s.a.c. 1+ < Logo dell Organismo di certificazione > > CERTIFICATO CE DI CONFORMITÀ In conformità alla Direttiva

Dettagli

L approccio dell Industria Chimica all IAQ: esempi dal settore dei prodotti per l edilizia e dei profumatori ambientali

L approccio dell Industria Chimica all IAQ: esempi dal settore dei prodotti per l edilizia e dei profumatori ambientali L approccio dell Industria Chimica all IAQ: esempi dal settore dei prodotti per l edilizia e dei profumatori ambientali Alessandra Pellegrini Mikaela Decio Luciano Pizzato «La qualità dell aria indoor:

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

Le sostanze chimiche i preparati pericolosi e i metodi di saggio

Le sostanze chimiche i preparati pericolosi e i metodi di saggio Paolo Izzo Paola Di Prospero Fanghella Le sostanze chimiche i preparati pericolosi e i metodi di saggio Palombi Editori Presentazione Questo libro presenta la serie completa dei metodi di saggio nella

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA 14 Settembre 2012 Emanuele Riva Coordinatore dell Ufficio Tecnico 1-29 14 Settembre 2012 Identificazione delle Aree tecniche Documento IAF 4. Technical

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

SCENARI DI ESPOSIZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO PER L AMBIENTE

SCENARI DI ESPOSIZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO PER L AMBIENTE Pietro Paris 1 Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Dettagli

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica

QUALITAL. Purpose of the document. Scopo del documento. Scheda Tecnica Via privata Ragni 13/15 28062 Cameri (NO) Tel.: 0321-51.05.78 fax: 0321-51.79.37 e-mail: qualital@qualital.org - web-site: www.qualital.org ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE INDUSTRIALE DELL ALLUMINIO N 1 M a

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

Ruoli professionali nel contesto dell applicazione del Regolamento REACH

Ruoli professionali nel contesto dell applicazione del Regolamento REACH Ruoli professionali nel contesto dell applicazione del Regolamento REACH Dr. Pietro Pistolese Ministero della Salute Autorità Competente REACH R E A C H Registration, Evaluation, Authorisation and restriction

Dettagli

PROGETTO parte di Programma Strategico

PROGETTO parte di Programma Strategico ALLEGATO B1 PROGETTO parte di Programma Strategico FORM 1 FORM 1 General information about the project INSTITUTION PRESENTING THE STRATEGIC PROGRAM (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE): TITLE OF THE

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

su efficienza ed etichettatura dei prodotti ErP e Labelling - guida ai regolamenti UE on EU efficiency and product labelling

su efficienza ed etichettatura dei prodotti ErP e Labelling - guida ai regolamenti UE on EU efficiency and product labelling ErP e Labelling - guida ai regolamenti UE su efficienza ed etichettatura dei prodotti ErP and Labelling - quick guide on EU efficiency and product labelling Settembre 2015 September 2015 2015 ErP/EcoDesign

Dettagli

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni: Codice di Autodisciplina/Amendemnts to the Instructions: Code

Dettagli

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION A P R E AGENZIA P E R L A PROMOZIONE D E L L A RICERCA EUROPEA DESTINAZIONE EUROPA BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION Di Angelo D Agostino con la collaborazione

Dettagli

Comunicato Stampa. Press Release

Comunicato Stampa. Press Release Comunicato Stampa Come previsto dal Capitolo XII, Paragrafo 12.4 del Prospetto Informativo Parmalat S.p.A. depositato presso la Consob in data 27 maggio 2005 a seguito di comunicazione dell avvenuto rilascio

Dettagli

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 Armonizzazione del processo di notifica nell ambito dell economia dello smaltimento e recupero dei rifiuti nell Euroregione Carinzia FVG Veneto Interreg IV Italia Austria Programma

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Il regolamento CLP sulla classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose Debora Romoli

Il regolamento CLP sulla classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose Debora Romoli Il regolamento CLP sulla classificazione ed etichettatura delle sostanze pericolose Debora Romoli ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Regolamento CLP Il Parlamento europeo

Dettagli

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese ELTeach Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese Porta a risultati quantificabili e genera dati non ricavabili dalle sessioni di formazione faccia a faccia

Dettagli

CERTIFICATO DI CONFORMITA' Documento giustificativo ai sensi dell'art. 29, 1 del Reg CE 834/07

CERTIFICATO DI CONFORMITA' Documento giustificativo ai sensi dell'art. 29, 1 del Reg CE 834/07 AZIENDA AGRICOLA SAN DOMENICO DI RUBINO MICHELE & C. SNC VIA RUTIGLIANO, 12 CERTIFICATO DI CONFORMITA' IT BIO 006 P318 10.116 E' CONFORME AI REQUISITI DEL PRODOTTO BIOLOGICO Reg. CE 834/07 E CE 889/08

Dettagli

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for

UNI EN ISO 12944-6. Corrosion protection of steel structures by protective paint systems. Laboratory performance test for via di Marmiceto, 6/C-56016 Ospeetto PISA P.IVA 01115340505 CCIAA Pi 101169 Report n 2050451/5 UNI EN ISO 12944-6 Corrosion protection of steel structures by protective paint systems Laboratory performance

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DELLE POLITICHE AMBIENTALI, ASPETTI EMPIRICI: ANALISI DEL RISCHIO AMBIENTALE

IMPLEMENTAZIONE DELLE POLITICHE AMBIENTALI, ASPETTI EMPIRICI: ANALISI DEL RISCHIO AMBIENTALE IMPLEMENTAZIONE DELLE POLITICHE AMBIENTALI, ASPETTI EMPIRICI: ANALISI DEL RISCHIO AMBIENTALE 1. L analisi del rischio ambientale Concetto di rischio Il concetto di rischio si riferisce in modo generale

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

L allegato alla scheda dati di sicurezza e gli scenari espositivi per le sostanze registrate

L allegato alla scheda dati di sicurezza e gli scenari espositivi per le sostanze registrate Safety Day Symposium 2011 Milano, 9 novembre 2011 L allegato alla scheda dati di sicurezza e gli scenari espositivi per le sostanze registrate Raffaella Butera Servizio di Tossicologia IRCCS Fondazione

Dettagli

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO

A dissertation submitted to ETH ZURICH. for the degree of Doctor of Sciences. presented by DAVIDE MERCURIO DISS. ETH NO. 19321 DISCRETE DYNAMIC EVENT TREE MODELING AND ANALYSIS OF NUCLEAR POWER PLANT CREWS FOR SAFETY ASSESSMENT A dissertation submitted to ETH ZURICH for the degree of Doctor of Sciences presented

Dettagli

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors Censimento e monitoraggio dei consumi energetici e comportamento dei cittadini Controllo Energetico dei Consumi degli Edifici Monitoraggio

Dettagli

Sacca di Goro case study

Sacca di Goro case study Sacca di Goro case study Risposte alle domande presentate all incontro di Parigi (almeno è un tentativo ) Meeting Locale, Goro 15-16/10/2010, In English? 1.What is the origin of the algae bloom? Would

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Chesar Lo strumento informatico sviluppato da ECHA per la Valutazione della Sicurezza Chimica

Chesar Lo strumento informatico sviluppato da ECHA per la Valutazione della Sicurezza Chimica Chesar Lo strumento informatico sviluppato da ECHA per la Valutazione della Sicurezza Chimica Webinar ENEA sul Regolamento REACH 13/10/2015 Stefano Frattini Risk Management Implementation ECHA 13 Ottobre

Dettagli

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION PAGINA 1 DI 7 SPECIFICATION Customer : ELCART Applied To : Product Name : Piezo Buzzer Model Name : : Compliance with ROHS PAGINA 2 DI 7 2/7 CONTENTS 1. Scope 2. General 3. Maximum Rating 4. Electrical

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16 Titolo/Title Elenco norme e documenti di riferimento per l'accreditamento degli Organismi di Verifica delle emissioni di gas ad effetto serra List of reference standards and documents for the accreditation

Dettagli

Linee guida per un approccio semplificato alla validazione del metodo multiresiduo

Linee guida per un approccio semplificato alla validazione del metodo multiresiduo Linee guida per un approccio semplificato alla validazione del metodo multiresiduo Simona Coppi Specializzazione Fitofarmaci ARPA Ferrara 4 CONVEGNO NAZIONALE FITOFARMACI E AMBIENTE Ambiente, Alimenti,

Dettagli

La classificazione CLP nelle miscele

La classificazione CLP nelle miscele La classificazione CLP nelle miscele Maria Alessandrelli Centro Nazionale Sostanze Chimiche Istituto Superiore di Sanità Workshop L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REACH: SVILUPPI SUGLI SCENARI DI ESPOSIZIONE

Dettagli

Name on a passport, HANGTAG

Name on a passport, HANGTAG recagroup design architecture art cinema travel music food Name on a passport, HANGTAG A quick look at printing techniques for hangtags RECA GROUP The hangtag of a garment is its ID card, its passport,

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,

Dettagli

LABORATORIO ELETTROFISICO YOUR MAGNETIC PARTNER SINCE 1959

LABORATORIO ELETTROFISICO YOUR MAGNETIC PARTNER SINCE 1959 FINITE ELEMENT ANALYSIS (F.E.A.) IN THE DESIGN OF MAGNETIZING COILS How does it works? the Customer s samples are needed! (0 days time) FEA calculation the Customer s drawings are of great help! (3 days

Dettagli

Workshop F - INNOVAZIONE - ECO-DESIGN - IMPRESE. Alessandro Santini Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali. alessandro.santini3@unibo.

Workshop F - INNOVAZIONE - ECO-DESIGN - IMPRESE. Alessandro Santini Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali. alessandro.santini3@unibo. Workshop F - INNOVAZIONE - ECO-DESIGN - IMPRESE Ecodesign, integrare economia ed ecologia nel ciclo di vita dei prodotti Alessandro Santini Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Università

Dettagli

AVVISO n.1450 02 Febbraio 2009

AVVISO n.1450 02 Febbraio 2009 AVVISO n.1450 02 Febbraio 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifica alle Istruzioni al Regolamento: in vigore il 18/02/09/Amendments to the Instructions

Dettagli

Verso il summit di Parigi: L aspettativa di una conclusione virtuosa

Verso il summit di Parigi: L aspettativa di una conclusione virtuosa Verso il summit di Parigi: L aspettativa di una conclusione virtuosa Carlo Carraro Università Ca Foscari Venezia Vice Presidente IPCC Gruppo III FEEM and CMCC Parigi Clima 2015: Tre proposte innovative

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

LEEDer in Ecosustainability

LEEDer in Ecosustainability LEEDer in Ecosustainability Da oggi le cucine Ernestomeda sono conformi al rating system LEED, una certificazione internazionale che valuta e attesta la sostenibilità nell edilizia. Ernestomeda kitchens

Dettagli

DNV BUSINESS ASSURANCE

DNV BUSINESS ASSURANCE DNV BUSINESS ASSURANCE CERTIFICATO CE DI TIPO EC TYPE-EXAMINATION CERTIFICATE Certificato No. / Certificate No. 2666-2013-CE-ITA-ACCREDIA Questo certificato è di 5 pagine / This certificate consists of

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no.

Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. Calcolo efficienza energetica secondo Regolamento UE n. 327/2011 Energy efficiency calculation according to EU Regulation no. 327/2011 In base alla direttiva ErP e al regolamento UE n. 327/2011, si impone

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

La gestione tattica di un portafoglio target volatility

La gestione tattica di un portafoglio target volatility La gestione del Portfolio tattico e Money Management La gestione tattica di un portafoglio target volatility Relatore: Federico Pitocco Business Development Manager Morningstar Investment Management Europe

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA DEL PRODOTTO

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA DEL PRODOTTO SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA DEL PRODOTTO 1. Identificazione della sostanza/preparato e della impresa Nome del preparato: Uso del preparato: Fornitore: DAZIDE ENHANCE Regolatore orticolo della crescita

Dettagli

Stato dell arte della certificazione del biochar in Europa e in Italia

Stato dell arte della certificazione del biochar in Europa e in Italia Il Biochar: un opportunità per il settore agricolo ed energetico Stato dell arte della certificazione del biochar in Europa e in Italia Costanza Zavalloni Università di Udine Giustino Tonon Libera Università

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa. G661808 E-Gel (R) CloneWell 0.

SCHEDA DI SICUREZZA. 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa. G661808 E-Gel (R) CloneWell 0. SCHEDA DI SICUREZZA 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificazione della sostanza o preparato Nome del prodotto E-Gel (R) CloneWell 0.8% SYBR Safe (TM) Identificazione

Dettagli

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione To: Agenti che partecipano al BSP Italia Date: 28 Ottobre 2015 Explore Our Products Subject: Addebito diretto SEPA B2B Informazione importante sulla procedura Gentili Agenti, Con riferimento alla procedura

Dettagli

AGLI INSIEMI DI MACCHINE

AGLI INSIEMI DI MACCHINE Ernesto Cappelletti (ErnestoCappelletti) APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/42/CE AGLI INSIEMI DI MACCHINE 6 October 2010 Gli insiemi di macchine o le installazioni complesse normalmente chiamati anche

Dettagli

Residenza Fiscale (Exit tax) Francesco Squeo Partner, Belluzzo & Partners Milano, 27 Maggio 2014

Residenza Fiscale (Exit tax) Francesco Squeo Partner, Belluzzo & Partners Milano, 27 Maggio 2014 Residenza Fiscale (Exit tax) Francesco Squeo Partner, Belluzzo & Partners Milano, 27 Maggio 2014 Normativa interna Residenza persone fisiche art.2 co.2 TUIR Persone che per la maggior parte del periodo

Dettagli

AVVISO n.18049 02 Dicembre 2010 MTA

AVVISO n.18049 02 Dicembre 2010 MTA AVVISO n.18049 02 Dicembre 2010 MTA Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : FIAT dell'avviso Oggetto : Fiat, Fiat Industrial Testo del comunicato Interventi di rettifica, proposte di

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI Chiara Zanolla L importanza di una buona progettazione Aumento fondi FP7 Allargamento Europa Tecniche di progettazione

Dettagli

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino Un trattato per il territorio 1.Ambito di applicazione geografico* 2.Partecipazione attiva degli enti territoriali

Dettagli

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM

NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM For Special Protection Areas (SPA), Proposed Sites for Community Importance (psci), Sites of Community Importance (SCI) and for Special Areas of Conservation (SAC) SITE

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

CATALOGO CATALOGUE GRUPPI ELETTROGENI A GAS METANO E GPL NATURAL GAS AND LPG GENERATING SETS POWER EVERYWHERE.

CATALOGO CATALOGUE GRUPPI ELETTROGENI A GAS METANO E GPL NATURAL GAS AND LPG GENERATING SETS POWER EVERYWHERE. CATAOGO CATAOGUE GRUPPI EETTROGENI A GAS METANO E GP NATURA GAS AND PG GENERATING SETS EVERYWHERE. www.greenpowergen.com GREEN PROFIO AZIENDAE GREEN COMPANY PROFIE Green Power Systems Srl è un azienda

Dettagli

L'esperienza dell'igiene Occupazionale nella definizione degli scenari espositivi previsti dal regolamento

L'esperienza dell'igiene Occupazionale nella definizione degli scenari espositivi previsti dal regolamento Giornate di studio del Laboratorio di Approfondimento Rischio Chimico L'esperienza dell'igiene Occupazionale nella definizione degli scenari espositivi previsti dal regolamento Domenico Maria Cavallo Università

Dettagli

3D territory modeling supporting Containment and Abatement of Noise Plans

3D territory modeling supporting Containment and Abatement of Noise Plans 3D territory modeling supporting Containment and Abatement of Noise Plans La modellazione del territorio 3D a supporto dei piani di Contenimento e Abbattimento del Rumore European and National laws Legge

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

TEST REPORT INDICE - INDEX

TEST REPORT INDICE - INDEX Test Report Number: 10/11/2015 Sesto San Giovanni (MI) Data Emissione - Issuing date Luogo Emissione - Issuing place Verifica della conformità al capitolato prove di KIDS P.A. S.r.l secondo EN 12266-1:2012

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software. Software Project Management

Corso di Ingegneria del Software. Software Project Management Software Project Management Software Project Planning The overall goal of project planning is to establish a pragmatic strategy for controlling, tracking, and monitoring a complex technical project. Why?

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE 2007 ENVIRONMENTAL REPORT 2007

BILANCIO AMBIENTALE 2007 ENVIRONMENTAL REPORT 2007 BILANCIO AMBIENTALE ENVIRONMENTAL REPORT PREMESSA La Fratelli Branca Distillerie S.r.l., società che opera nel settore delle bevande alcoliche con una forte e dinamica presenza internazionale, adotta un

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa

SCHEDA DI SICUREZZA. 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa SCHEDA DI SICUREZZA 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificazione della sostanza o preparato Identificazione della società/dell'impresa Life Technologies 5791

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

Consultazione pubblica sulle priorità di politica ambientale dell'ue per il 2020:

Consultazione pubblica sulle priorità di politica ambientale dell'ue per il 2020: Consultazione pubblica sulle priorità di politica ambientale dell'ue per il 2020: 1. Identificazione Italia Nostra onlus ITALI408096142 1.1. I am answering on behalf of an organisation(ngo) 1.2 Name: Giovanni

Dettagli

New Chemicals Program Industrial Chemicals

New Chemicals Program Industrial Chemicals = f ( ) 2 3 4 New Chemicals Program Industrial Chemicals Sezione del TSCA (Toxic Substance Control Act) assegna a US EPA il compito di valutare i nuovi composti: entro 90 giorni attivo da decenni decine

Dettagli

Chieti (Italy), 26th, 27th May 2011 Campus universitario. Workshop 2: Environmental Struggles and Energy Governance

Chieti (Italy), 26th, 27th May 2011 Campus universitario. Workshop 2: Environmental Struggles and Energy Governance International Conference Social Aspects of the Energetic Issues. Sustainable Development, Social Organization and Acceptance of Energetic Alternative Sources. Chieti (Italy), 26th, 27th May 2011 Campus

Dettagli

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Economic Evaluation of Upstream Technology Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Massimo Antonelli Alberto F. Marsala Nicola De Blasio Giorgio Vicini Vincenzo Di Giulio Paolo Boi Dean Cecil Bahr Lorenzo

Dettagli

3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011

3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011 Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana 3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011 ILARIA CIABATTI Verification of analytical methods

Dettagli

CLINICAL TRIALS E DIMOSTRAZIONE DELL ATTIVITA INVENTIVA

CLINICAL TRIALS E DIMOSTRAZIONE DELL ATTIVITA INVENTIVA CLINICAL TRIALS E DIMOSTRAZIONE DELL ATTIVITA INVENTIVA ESPERIENZA IN SEDE EPO Esperimenti successivi al brevetto come evidenza di attività inventiva in sede EPO Il problema tecnico oggettivo: formulazione

Dettagli