CONTROLLO DEL RISCHIO CHIMICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTROLLO DEL RISCHIO CHIMICO"

Transcript

1 CONTROLLO DEL RISCHIO CHIMICO COMUNITA SCIENTIFICA PERCEZIONE DEI DANNI AMBIENTALI MONITORAGGIO BIOLOGICO RICERCA A POSTERIORI 1950 COMUNITA AMMINISTRATIVA CONTROLLO DEGLI EFFLUENTI 1950 LISTE DI PRIORITA 1965 ABOLIZIONE DELLE MOLECOLE 1970 GESTIONE DELLE SOSTANZE CHIMICHE 1975 TOXIC SUBSTANCES CONTROL ACT (USA) DIRETTIVA SULLE SOSTANZE PERICOLOSE (CEE) COMUNITA SCIENTIFICA RICERCA A PRIORI VALUTAZIONE DEL PERICOLO POTENZIALE ECOTOSSICOLOGIA PREVISIONALE

2 Tabella Tipologie di rischio ed effetti ad esse associati; sono inoltre riportati gli elementi da utilizzare nella valutazione di rischio. Target Tipologie di rischio Effetti Elementi indispensabili nella Uomo Uomo Ambiente Uomo e Ambiente Rischio a seguito di esposizione diretta (riguarda principalmente la sfera professionale di una determinata popolazione come ad es. agricoltori) Rischio a seguito di esposizione indiretta (deriva principalmente dal grado di diffusione nell ambiente della sosta inquinante e può interessare ampi strati di popolazione) Rischi immediati (riguarda il rischio per specie non target dopo un intervento fitoiatrico nell area trattata o limitrofa) Rischi differiti (riguarda il rischio perspecie non target in una scala spazio temporale più ampia rispetto al precedente) Effetti tossici immediati: tossicità acuta (orale, inalatoria, cutanea), potere irritante (occhi e pelle) potere sensibilizzante Effetti tossici differiti: sub-acuti, sub-cronici, cronici mutageni e cancerogeni riproduttivi Principalmente effetti di tipo differito Effetti tossici immediati: tossicità acuta sugli organismi non target Principalmente effetti di tipo cronico su organismi non target Rischio globale (rappresenta l insieme di quelli precedenti) Rischio da effetti fisici Effetti immediati generalmente derivanti dalle caratteristiche chimico-fisiche della sostanza (infiammabilità, potere esplosivo) valutazione 1. caratteristiche tossicologiche 2. quantità utilizzata 3. bioconcentrazione 4. dimensioni della popolazione 5. pluralità di esposizione 1. scelta di indicatori biologici 2. caratteristiche chimico-fisiche 3. quantità 4. distribuzione ambientale 5. persistenza 6. caratteristiche tossicologiche 1. potere esplodente 2. infiammabilità 3. dimensioni della popolazione 4. quantità

3 L ecotossicologia riguarda gli effetti tossici degli agenti chimici e fisici sugli organismi viventi, in particolare su popolazioni e comunità all interno di definiti ecosistemi; essa comprende anche lo studio delle modalità di diffusione di questi agenti e le loro interazioni con l ambiente. (Butler, 1978) TOSSICOLOGIA AMBIENTALE branca della tossicologia avente per oggetto lo studio degli effetti sui sistemi naturali anni target uomo anni target organismi oggi: COSA SUCCEDE AD UN SISTEMA NATURALE QUANDO SI ALTERANO I NORMALI FLUSSI DI MATERIA ED ENERGIA? ECOTOSSICOLOGIA anni 80 - significato più ampio in quanto comprende anche lo studio dei clicli biogeochimici delle sostanze xenobiotiche

4

5 STUDI SUGLI EFFETTI NOEL CQ HAZARD ASSESSMENT PEC STUDI SUL DESTINO AMBIENTALE TOSSICOLOGIA UMANA MOS = NOED/PED MOS = ADI/PED ECOTOSSICOLOGIA MOS = NOEL/PEC MOS =CQ/PEC

6 La presenza di un effettivo rischio ambientale è determinata dalla concomitanza di tre diversi fattori (effetti, esposizione, sistema bersaglio) area di pericolo potenziale effetti nocivi esposizione area di rischio sistema ambientale esposto Esistono popolazioni realmente esposte al pericolo potenziale? In quale percentuale e con quale distribuzione? La stima del rischio può definirsi come la valutazione quantitativa della probabilità che si verifichi un certo effetto ambientale, come risultato dell esposizione ad una sostanza contaminante

7

8 Ecological Risk Assessment Planning (Risk Assessor/ Risk Manager Dialogue Analysis Problem Formulation Characterisation of Exposure Characterisation of Ecological Effects Risk Characterisation As Necessary: Acquire Data, Iterate Process, Monitor Results Communicating Results to the Risk Manager Risk Management

9 !

10 Problem Formulation: Assessment objectives Identification of the time-space scale scenario Identification of suitable indicators Exposure indicators: quantity (Kg/ha); bioaccumulation (Kow); environmental distribution; persistence of the chemical Effect indicators: cellular (biomarkers) organisms (toxicity tests); population and communities (microcosm, mesocosms, field studies); Risk Assessment TER or SCORE Communicating Risk

11 carichi modalità di uso e di scarico processi ambientali proprietà matrici ambientali modelli valutativi monitoraggio ambientale VALUTAZIONE DELLA ESPOSIZIONE proprietà fisico chimiche QSAR VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI STUDI DI LABORATORIO saggi di tossicità acuta saggi di tossicità cronica saggi su popolazioni e comunità STUDI DI CAMPAGNA indici biotici bioindicatori biomarkers STUDI SUI SISTEMI BIOLOGICI A RISCHIO STIMA DEL RISCHIO dinamica di popolazioni struttura e funzioni di comunità ed ecosistemi

12 Two Different Concepts: Risk Management and Risk Assessment RISK ASSESSMENT Hazard identificazion Dose-Response Assessment Exposure Assessment Risk Characterization RISK MANAGEMENT social legal economic political technical D E C I S I O N Action priorities - research - regulation more research standards - air - water ban other

13 Studi sugli effetti PNEC Studi sulla esposizione PEC Studi sui target Valutazione dei Targets a Rischio Valutazioni Economiche Politiche Sociali Hazard Assessment Stima del Rischio CARICHI AMMISSIBILI SUL TERRITORIO NECESSITA DI INTERVENTO O PREVENZIONE TUTELA AMBIENTALE BASATA SU: GESTIONE DELLE SOSTANZE PERICOLOSE GESTIONE DEL TERRITORIO

14 LA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI

15 Tossicologia Ecotossicologia Organismi Test Ratto, topo, coniglio, cane, scimmia Acquatici (alghe, Daphnia, pesci) Terrestri ( piante, lombrichi, api, uccelli) Estrapolazione all UOMO ECOSISTEMA SCOPO PROTEZIONE DEL SINGOLO INDIVIDUO MANTENERE INALTERATA LA STRUTTURA E LA FUNZIONALITA DI UN ECOSISTEMA

16

17 Proprietà Tossicologiche Tossicità acuta: L effetto che può essere ottenuto a seguito di una somministrazione unica di una determinata sostanza. Determinazione di una dose capace di determinare la morte della metà (DL50 o CL50) (mg/kg o mg/l) degli individui della popolazione sottoposta a sperimentazione, oppure attraverso la determinazione del potere irritante (per occhi e pelle), del potere corrosivo, e di quello sensibilizzante attraverso tre diverse vie di esposizione dell animale: orale, cutanea ed inalatoria. Tossicità subacuta, subcronica, cronica: Valutazione degli effetti derivanti dall esposizione di una popolazione all azione di una sostanza a basse dosi nel tempo (orale, inalatoria e cutanea). Le prove di tossicità subacuta in particolare simulano esposizioni ripetute per brevi periodi, viceversa quelle relative alla valutazione degli effetti cronici servono a verificare i danni che si ottengono in seguito ad esposizioni a basse dosi continuate e prolungate nel tempo. -NEL (No Effect Level) che esprime il livello senza effetti; -NOEL (No Observed Effect Level) che esprime il livello di concentrazione della sostanza al quale non è stato osservato alcun effetto; - NOAEL (No Observed Adverse Effect Level) che rappresenta il livello della concentrazione della sostanza al quale non è stato osservato alcun effetto avverso; Uso di fattori di sicurezza nell estrapolazione. Mutagenesi, Carcinogenesi, Embriotossicità: Modificazioni al corredo cromosomico umano (mutagenesi), del loro potenziale cancerogeno (Cancerogenesi), e della capacità di provocare eventuali malformazioni a livello embrionale (Embriotossicità), sono estremamente difficoltosi e poco estrapolabili al contesto umano.

18 Obiettivi dei saggi multispecie Maggiore conoscenza circa la struttura e la funzionalità degli ecosistemi Sviluppare e validare modelli previsionali per il destino ambientale degli inquinanti o per gli effetti Valutare gli standard di qualità estrapolati dai dati di tossicità in laboratorio (migliorare le tecniche di estrapolazione) Studiare la resilienza di un ecosistema in termini di tempo richiesto per ritornare alla normalità dopo uno stress chimico Ottenere dati per scopi di tipo regolatorio Scelta degli endpoints Endpoint strutturali: Gli endpoints strutturali e le specie selezionate sono numerosi. In genere sulla base dei dati ottenuti dai saggi di tossicità monospecifici si scelgono le spp. da analizzare. Gli effetti di un inquinante sulla struttura del sistema esposto sono importanti anche se all inizio non si verifica un cambio nella funzionalità di un ecosistema. Per es. un declino momentaneo dei rotiferi può avere un ruolo importante per le popolazioni di pesci se avviene nelle fasi in cui è presente lo stadio giovanile della popolazione ittica Endpoint funzionali: riguardano gli effetti sulla fotosintesi o sulla crescita in termini di biomassa Environmental Acceptable Concentration: quella concentrazione in acqua che non produce alcuna modifica alla struttura e alla funzionalità di un ecosistema

19 La previsione degli effetti: relazioni interspecifiche (QUICAR) L uso di questo approccio può essere un utile strumento per prevedere gli effetti di una sostanza da una specie all altra e per avere informazioni circa i rapporti di sensibilità (sensitivity ratio) Concettualmente questo approccio è simile a quello utilizzato dalla tossicologia umana Acute toxicity test Herbicides Fungicides insecticides/ acaricides other functions Total EC50 (96 h) on algae 104 (8) 62 (4) 68 (16) 8 (1) 242 (29) EC50 (48 h) on Daphnia 171 (43) 88 (9) 124 (6) 24 (2) 407 (60) LC50 (96 h) on rainbow trout 200 (50) 94 (6) 130 (16) 23 (1) 447 (73) LC50 (96 h) on bluegill sunfish 127 (43) 51 (5) 74 (8) 15 (0) 267 (56) LC50 (96 h) on fathead minnow 10 (3) 1 6 (1) 1 18 (4) LC50 (96 h) on catfish 24 (6) 6 (0) 11 (2) 2 (0) 43 (8) LC50 (96 h) on carp 41 (12) 34 (2) 30 (7) 4 (1) 109 (22) LC50 (96 h) on golden orfe 7 (3) 10 (0) 27 (1) 3 (0) 47 (4) Total 714 (178) 352 (28) 486 (58) 81 (5) 1633 (269)

20 Relazione interspecifica tra r. trout e b. sunfish per prodotti fitosanitari (divisi in classe) 2 Slope 1 Log LC50 96h blugill (mmol/l) ,3,5-triazine 2-(4-aryloxyphenoxy) prop. acid 2,6-dinitroanilina aryloxyalkanoic acid azole benzoylurea carbamate chloroacetanilide diphenyl ether organophosphorus pyrethroid sulfonylurea thiocarbamate urea unspecified minor classes Log LC50 96h trout (mmol/l) SSR (r.trout./b.sunfish) = 0.77 trota leggermente più sensibile SSR OPs = 1.5 Log LC50 96h on trout (mmol/l) = 0.95 * Log LC50 96h on bluegill (mmol/l) n = 199; R 2 = 0.92; S.E. = 0,44; F = 2168; Significance p < 0,0001

21 Relazione interspecifica tra r. trout e carpa per prodotti fitosanitari (divisi in classe) 1 Log LC50 96h carp (mmol/l) ,3,5-triazine 2-(4-aryloxyphenoxy) prop. acid 2,6-dinitroanilina azole carbamate chloroacetanilide diphenyl ether organophosphorus pyrethroid sulfonylurea urea unspecified minor classes Log LC50 96h trout (mmol/l) Log LC50 96h on trout (mmol/l) = 0.98 * Log LC50 96h on carp (mmol/l) 0.36 n = 65; R 2 = 0.83; S.E. = 0.54; F = 314; Significance p < 0,0001 SSR per OPs bluegill>trout>orfe>carp indica che gli OPs mostrano un meccanismo d azione specifico che produce un diverso livello di effetto per le diverse spp. di pesci

22 Relazione interspecifica tra r. trout e Daphnia per prodotti fitosanitari (divisi in classe) Eq. Generale: Log LC50 96h on trout (mmol/l) = 0,61 * Log EC50 48h on Daphnia (mmol/l) 0,65 n = 267; R 2 = 0,59; S.E. = 0,98; F = 379; Significance p < 0,0001 Log LC50 96h trout (mmol/l) ,3,5-triazine 2-(4-aryloxyphenoxy) propionic acid 2,6-dinitroanilina aryloxyalkanoic acid azole benzoylurea carbamate chloroacetanilide diphenyl ether organophosphorus pyrethroid sulfonylurea thiocarbamate urea unspecified minor classes Log EC50 48h daphnia (mmol/l) Eq. Senza OPs e Carbam.: Log LC50 96h on trout (mmol/l) = 0,82 * Log EC50 48h on Daphnia (mmol/l) 0,41 n = 206; R 2 = 0,77; S.E. = 0,75; F = 683; Significance p < 0,0001 Daphnia più sensibile dei pesci agli insetticidi, mentre SSR circa 1 per gli erbicidi e fungicidi

23 1 0 Relazione interspecifica tra pesci e alghe per prodotti fitosanitari (divisi in classe) Log LC50 96h trout (mmol/l) (4-aryloxyphenoxy) prop. acid 2,6-dinitroanilina aryloxyalkanoic acid thiocarbamate azole unspecified minor classes Log EC50 96h algae (mmol/l) Log EC50 48h daphnia (mmol/l) (4-aryloxyphenoxy) prop. acid 2,6-dinitroanilina aryloxyalkanoic acid thiocarbamate azole unspecified minor classes Relazione interspecifica tra alghe e Daphnia per prodotti fitosanitari (divisi in classe) Log EC50 96h algae (mmol/l) Nessuna relazione rilevante dal punto di vista della previsione. Gli SSR indicano che le Daphnie sono estremamente più sensibili agli insetticidi (0,00056 ), mentre le alghe sono estremamente più sensibili alle triazine (1800). Questo indica il ruolo cruciale dei meccanismi d azione

24 Alcune considerazioni: Esistono delle correlazioni tra gli effetti esercitati da una sostanza su diverse specie acquatiche Tuttavia, queste non sono generalizzabili (es alga/daphnia) Anche nel caso di una correlazione generale tra le specie (es. carpa/trota o Daphnia/trota) possono esistere delle eccezioni in funzione della classe chimica Questo potrebbe derivare da una specificità nel modo d azione

25 Un possibile criterio per definire la specificità o aspecificità d azione di una sostanza può essere la deviazione dalla baseline toxicity (Verhaar 1995). Questo criterio si basa sull assunzione che, in assenza di uno specifico meccanismo d azione, l attività biologica di una sostanza è di tipo narcotico e dipende interamente dalla sua lipofilicità (log Kow). Verhaar ha proposto un schema classificatorio degli inquinanti per quanto riguarda gli effetti: Inert chemicals: Non interagiscono con uno specifico recettore in un organismo (narcosi). L effetto narcotico è totalmente dipendente dall idrofobicità; Less inert chemicals: leggermente più tossici della loro baseline. Sono anche chiamati narcotici polari. Generalmente sono caratterizzati dalla presenza di legami H (donatori di protoni) come i fenoli o le aniline Reactive chemicals: queste sostanze reagiscono per produrre un effetto in maniera non selettiva su strutture chimiche presenti comunemente presenti nelle biomolecole (es. ipossidi che reagiscono con i gruppi sulfidrilici della cisteina); Specifically acting chemicals: reazioni specifiche con un particolare recettore molecolare

26 Struttura chimica Es. classe 1: sostanze che contengono solo H e C Calcolare la baseline toxicity con un sistema QSAR Classificare secondo lo schema Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe Min = 5 Max = 10 Applicare un fattore di tossicità (RF t ) Min = 10 Min = 10 Max = 10 4 Max = 10 4 Stima del range di tossicità EC baseline RF t max < Ec estimated < Ec baseline /RF t min

27 I fattori di tossicità (RF t : Range Factor of Toxicity) sono stati ottenuti attraverso uno studio statistico su diverse classi di sostanze organiche TR = LC50 baseline /LC50 exp TR = Toxic Ratio LC50 baseline = LC 50 prevista dal log Kow LC50 exp = LC 50 sperimentale

28 Applicazione del TR su alga per i prodotti fitosanitari Log EC50 96h algae (mmol/l) Log Kow 1,3,5-triazines 2-(4-aryloxyphenoxy) prop. acids 2,6-dinitroanilines aryloxyalkanoic acids azoles benzoylureas carbamates chloroacetanilides diphenyl ethers organophosphorus pyrethroids sulfonylureas thiocarbamates ureas unspecified minor classes algae 2,6-dinitroanilines chloroacetanilides 1,3,5-triazines azoles carbamates organophosphorus thiocarbamates ureas sulfonylureas Log TR

29 Applicazione del TR su Daphnia per i prodotti fitosanitari Log EC50 48h Daphnia (mmol/l) Log Kow 1,3,5-triazines 2-(4-aryloxyphenoxy) prop. acids 2,6-dinitroanilines aryloxyalkanoic acids azoles benzoylureas carbamates chloroacetanilides diphenyl ethers organophosphorus pyrethroids sulfonylureas thiocarbamates ureas unspecified minor classes diphenyl ethers Daphnia 2-(4-aryloxyphenoxy) propionic acids 2,6-dinitroanilines 1,3,5-triazines sulfonylureas thiocarbamates azoles pyrethroids chloroacetanilides carbamates ureas benzoylureas organophosphorus Log TR

30 Applicazione del TR su pesci per i prodotti fitosanitari Log LC50 96h trout (mmol/l) Log Kow 1,3,5-triazines 2-(4-aryloxyphenoxy) prop. acids 2,6-dinitroanilines aryloxyalkanoic acids azoles benzoylureas carbamates chloroacetanilides diphenyl ethers organophosphorus pyrethroids sulfonylureas thiocarbamates ureas unspecified minor classes aryloxyalkanoic acids trout 1,3,5-triazines ureas 2-(4-aryloxyphenoxy) propionic acids azoles 2,6-dinitroanilines thiocarbamates carbamates pyrethroids organophosphorus Log TR

31 Classificazione proposta per i prodotti fitosanitari narcotic -0,5 < Log TR < 0,5 less inert chemicals 0,5 < Log TR < 1,5 reactive chemicals 1,5 < Log TR < 2,5 specifically acting chemicals 2,5 < Log TR < 4 highly specifically acting chemicals Log TR > 4

32 Mechanism of action, Log calc./exp. Toxicity Ratio distribution parameters (mean, standard deviation and number of cases) and specificity of action (Specif.) of the different classes of herbicides, fungicides and insecticides on algae, Daphnia and fish, according to the text classification: narcotic (narcotic), less inert chemicals (less inert), reactive chemicals (reactive), specifically acting chemicals (specif. acting), highly specifically acting chemicals (highly specif. acting) P e s t ic id e s M e c h a n is m o f a c t io n A lg a e D a p h n ia F is h L o g T R S p e c if. L o g T R S p e c if. L o g T R S p e c if. H e r b ic id e s 1,3,5 -tr ia z in e P h o to s y n t h e tic e le c tr o n tr a n s p o r t in h ib ito r s 2 - ( 4 - a r y lo x y p h e n o x y ) p r o p io n ic a c id L ip id b io s y n th e s is in h ib ito r s 3,1 σ = ; n = 1 0-0,3 σ = ; n = d in itr o a n ili n a C e ll d iv i s io n i n h ib ito r s 0,4 σ = 0.4 ; n = 4 a r y lo x y a lk a n o ic a c id c h lo r o a c e ta n ilid e P r o te in s y n th e s is in h ib ito r s d ip h e n y l e th e r P r o to p o r p h y r in o g e n o x id a s e in h ib ito r s s u l f o n y lu r e a B r a n c h e d c h a i n a m i n o a c id s y n th e s is in h ib ito r s th io c a r b a m a te L ip id m a ta b o lis m in h ib ito r s u r e a P h o to s y n t h e tic e le c tr o n tr a n s p o r t in h ib ito r s I n s e c t ic i d e s /a c a r ic id e s c a r b a m a te C h o li n e s te r a s e in h ib ito r s 2,5 σ = 0.7 ; n = 2 2,9 σ = 0,5 4 ; n = 5 6,1 σ = ; n = 6 0,6 σ = ; n = 4 2,9 σ = ; n = 1 1 0,7 σ = 1.1 ; n = 6 o r g a n o p h o s p h o r u s C h o li n e s te r a s e 0,8 in h ib ito r s σ = 1.2 ; n = 2 8 p y r e t h r o id N e r v o u s s y s te m a c ti n g 0,4 σ = 0,3 9 ; n = 2 b e n z o y lu r e a C h i tin s y n t h e s i s in h ib ito r s F u n g ic id e s a z o le S te r o id d e m e t h y la tio n 0,8 in h ib ito r s σ = 0.9 ; n = 1 3 s p e c if. A c ti n g 0,1 3 σ = ; n = 1 2 N a r c o tic - 0,1 3 σ = ; n = 6 n a r c o tic le s s in e r t r e a c tiv e - s p e c i f. A c ti n g s p e c if. A c ti n g h ig h l y s p e c if. A c ti n g n a r c o tic le s s in e r t s p e c if. a c tin g le s s in e r t le s s in e r t le s s in e r t - 0,1 σ = ; n = 4 1,8 σ = 0.8 ; n = 2 0,2 σ = ; n = 7-0,2 σ = ; n = 4 2,0 σ = ; n = 6-0,0 0 1 σ = ; n = 7 0,2 σ = ; n = 1 2 3,5 σ = ; n = 7 3,8 σ = ; n = 4 5 1,8 σ = ; n = 2 0 1,3 σ = ; n = 5 0,1 σ = 0.7 ; n = 1 8 n a r c o tic 0,6 σ = ; n = 1 1 n a r c o tic 0,6 σ = ; n = 1 1 n a r c o tic 0,6 σ = ; n = 8 r e a c tiv e 2,0 σ = ; n = 4 n a r c o tic 1,5 σ = ; n = 3 n a r c o tic 0, r e a c tiv e 2,1 σ = ; n = 3 n a r c o tic 0,2 σ = ; n = 1 7 n a r c o tic 0,4 σ = ; n = 1 7 s p e c if. a c tin g 1,6 σ = ; n = 9 s p e c if. 1,9 a c tin g σ = ; n = 4 1 r e a c tiv e 2,3 σ = ; n = 1 6 le s s in e r t n a r c o tic 0,6 σ = ; n = 2 5 n a r c o tic - le s s in e r t n a r c o tic - le s s in e r t n a r c o tic - le s s in e r t r e a c tiv e le s s in e r t - r e a c tiv e n a r c o tic r e a c tiv e n a r c o tic n a r c o tic - le s s in e r t le s s in e r t - r e a c tiv e r e a c tiv e r e a c tiv e n a r c o tic - le s s in e r t

33 Sulle alghe i composti più specifici sono le sulfoniluree seguite da cloroacetanilidi feniluree e triazine Altre classi come le 2,6 dinitroaniline, tiocarbammati, così come fungicidi e insetticidi sono classificabili come less inert chemicals o narcotici La specificità delle sulfoniluree dipende dalla sua azione sulla sintesi degli aminoacidi. Del resto la loro specificità è evidenziata dalle basse dosi utilizzate (g/ha) Feniluree e triazine inbiscono il trasporto degli elettroni nella fotosintesi Le altre classi hanno dei meccanismi d azione meno specifici Su Daphnia e pesci gli OPs e i carbammati (insetticidi) sono le classi di composti più tossiche Su Daphnia esplicano un effetto maggiore rispetto ai pesci. Questo è probabilmente dovuto al fatto che il sito bersaglio è più facilmente raggiungibile E interessante notare che i piretroidi pur essendo più tossici degli OPs sono meno specifici (ruolo del log Kow) Erbicidi e fungicidi su queste due spp. agiscono come narcotici. Su queste basi, è possibile concludere che quando la specificità d azione nei confronti di due organismi è differente non è possibile estrapolare la tossicità da una specie all altra. D altro lato quando abbiamo un analoga specificità è possibile ottenere delle estrapolazioni adeguate anche per spp. molto distante filogeneticamente

34 Distribuzione delle sostanze nell ambiente SOSTANZA CHIMICA Aria fotolisi reazioni ozono radicali idrossilici rilascio accumulo deposizione volatilizzazione volatilizzazione precipitazione Suolo ossidazione reattività chimica accumulo rilascio accumulo Biomassa biodegradazione metabolismo rilascio accumulo drenaggio rilascio Sedimento Acqua idrolisi fotolisi ossidazione reattività chimica adsorbimento rilascio ossidazione reattività chimica

35

36 Proprietà chimico-fisiche importanti per la previsione del destino ambientali di potenziali inquinanti Solubilità Tensione di Vapore Costante di Henry Coefficienti di ripartizione Fattore di Bioconcentrazione (BCF)

37 I COEFFICIENTI DI RIPARTIZIONE Il coefficiente di ripartizione n-ottanolo/acqua Il coefficiente di ripartizione suolo/acqua (Kd) o su carbonio organico (Koc) La costante di Henry (o) coefficiente di ripartizione aria/acqua (Kaw) Il coefficiente di ripartizione ottanolo/aria (Koa)

38 IL COEFFICIENTE DI RIPARTIZIONE n-ottanolo/acqua (Kow) Tabella 1 Valori di letteratura di log K OW di permetrina, 2,4D, pendimethalin, aldrin e 4,4-DDT. molecola valori di log K OW permetrina 6,50 (1) 3,48 (6) 2,4D 1,57 (2) 2,62 (7) -1,39 (10) pendimethalin 5,18 (3) 2,86 (8) aldrin 3,00 (4) 6,50 (9) 5,52 (9) 4,4-DDT 3,98 (5) 6,38 (9) 5,94 (11) 1 = Schimmel et al.,1983; 2 = Scheele, 1980; 3 = Worthing e Hance, 1991; 4 = Howard, 1991; 5 = Kapoor et al., 1973; 6 = Verschueren, 1983; 7 = Rao e Davidson, 1980; 8 = Briggs, 1981; 9 = De Bruijn et al., 1989; 10 = Martin e Edgington, 1981; 11 = Ellgehausen et al., 1981.

39 L USO DEI GIS NELLE APPLICAZIONI DI MODELLI DI RIPARTIZIONE MULTICOMPARTIMENTALE Individuare nel territorio aree omogenee relativamente alle principali driving forces dei modelli Applicare gli approcci modellistici in modo modulare in funzione della disuniformità territoriale Restituire in forma cartografica la composizione modulare della applicazione modellistica

40 Monitoring point Water streams Urbanised areas DTM Land use Reality Schematic Approach to territorial characteristic

41 The case of Lambro River Basin Chemical properties Molecular weight Water solubility Vapour pressure Kow half-life in soil Landscape description for UGU definition Soil properties: soil texture, organic carbon content, Hydrological Group maps Land use data and a.i. loads Rainfall data and Areas of the rain gauge stations Basin and sub -basins outlines Hydrographical network and river flow data I Data collection UGU map Water balance II Runoff coefficient Curve Number factor Hydrological network denseness Definition of UGU and their characterization III Application scenario Soil Properties scenario Water Input-Output scenario Definition of environmental scenarios SOILFUG PEC UGU Dilution coefficient IV PEC RIVER

42

43 Uniform Geographic Units

44 Validation of the results Alachlor 0.3 Experimental Whole basin 14 subbasins concentration mg/mc Days after first treatment

45 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT In principle, human beings as well as ecosystems in the aquatic, terrestrial or air compartment are to be protected. Ratio between two different concentration (PNEC/PEC) >/=/<1 For the environment the protection goals at present are limited to the following: Aquatic ecosystem; Terrestrial ecosystem; Atmosphere. Top predators (secondary poisoning); Micro-organisms in sewage treatment systems (for the exposure of the aquatic environment);

46 HISTORICAL BACKGROUND Quantitative Risk Assessment as a science and as a basis for regulatory decision making emerged about 30 years ago Progress since has been considerable and in 1992, Chapter 19 of Agenda 21 of the United Nations Conference on Environment and Development included as first recommendation expanding and accelerating the international assessment of chemical risk In the EU, environmental policy started in 1973 with the adoption of the first 5-year European Community Environmental Action Programme. Since them, the principles of prevention and risk reduction have been firmly established in many regulations of the EU Commission and with them the concepts of risk assessment and risk management of the substances With regards to new substances, i.e. substances not on the EU market in the 10 years prior of the 18 September 1981 and therefore not appearing in the European Inventory of Existing Commercial chemical Substances (EINECS) the first article of the Directive 92/32EEC requires an evalutaion of the potential hazards and risks of notified substances on the basis of a specified data set In 1993 first version of the Technical Guidance Documents (TGD)

47 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT

48 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT (Part II)

49 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT

50 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT Commission Directive 93/67/EEC and Commission Regulation (EC) No. 1488/94 require that an environmental risk assessment be carried out on notified new substances or on priority existing substances, respectively. This risk assessment should proceed in the following sequence: Hazard identification; Dose (concentration) -response (effect) assessment; Exposure assessment; Risk characterization. The risk assessment shall be carried out for all three environmental compartments, i.e. aquatic environment, terrestrial environment and air. TGD is intended to assist the competent authorities to carry out the environmental risk assessment of notified new substances and priority existing substances.

51 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT TGD includes advice on the following issues: How to ca1culate PECs and PNECs and, where this is not possible, how to make qualitative estimates of environmental concentrations and effect/no effect concentrations; How to judge which of the possible administrative decisions on the risk assessment according to Article 3(4) of Directive 93/67/EEC or Article 10 of Regulation 793/93 and Annex V of Regulation 1488/94 need to be taken; How to decide on the testing strategy, if further tests need to be carried out and how the results of such tests can be used to revise the PEC and/or the PNEC Expert judgment is needed

52 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT (Effect Assessment) According to Article 9(2) of Regulation 793/93, the minimum data set that must be submitted for priority substances is the base-set testing package required for notified new substances which is defined in Annex VIIA of Directive 67/548/EEC. (at least studies on short term toxicity for fish, daphnia and an algae must be available). Hence, the procedure for calculating PNEC as well as the testing strategy post baseset can use this as a starting point. For a new substance further but nevertheless limited data are foreseen at level l and level 2 (Annex VIII of Directive 67/548/EEC). For existing substances information beyond the base-set may be available of which the amount and quality of data is expected to vary widely. For the effects assessment there may be several data available on a single endpoint which give dissimilar results. Furthermore, there may be studies, in particular older studies, which have not been conducted according to current test guidelines and quality standards. Expert judgement will be needed to evaluate the adequacy of these data.

53 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT (Exposure Assessment) The environmental exposure assessment is based on representative monitoring data and/or on model calculations. If appropriate, available information on substances with analogous use and exposure patterns or analogous properties is taken into account. The availability of representative and reliable monitoring data and/or the amount and detail of the information necessary to derive realistic exposure levels by modelling, in particular at later stages in the life cycle of a substance, will also vary. Again, expert judgement is needed

54 TECHNICAL GUIDANCE DOCUMENT (Risk Characterization) The risk assessment should be carried out on the basis of all data available applying the methods described in the TGD. In order to ensure that the predicted environmental concentrations are realistic, all available exposure-related information on the substance should be used. When detailed information on the use patterns, release into the environment and elimination, including information on the downstream uses of the substance is provided, the exposure assessment will be more realistic. A general rule for predicting the environmental concentration is that the best and most realistic information available should be given preference. However, it may often be useful to initially conduct an exposure assessment based on worst-case assumptions, and using default values when model calculations are applied. Such an approach can also be used in the absence of sufficiently detailed data.

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 10002430, 10002066, 10033113 Numero CAS: 67-68-5 Numeri CE:

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: A4972 Numero CAS: 9001-63-2 Numeri CE: 232-620-4 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

Declaration of Performance

Declaration of Performance Roofing Edition 06.06.2013 Identification no. 02 09 15 15 100 0 000004 Version no. 02 ETAG 005 12 1219 DECLARATION OF PERFORMANCE Sikalastic -560 02 09 15 15 100 0 000004 1053 1. Product Type: Unique identification

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE Scheda di sicurezza del 18/4/2011, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1 Identificatore del prodotto Identificazione della miscela: Nome commerciale: Codice

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro

A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro 2 DESC Versione 2010 Guida alla consultazione del sito web Realizzato da IRSA-CNR A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro Indice GUIDA ALLA CONSULTAZIONE

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI Ferruccio Trifirò LA DIRETTIVA BIOCIDI PER CAPIRE GLI EFFETTI DEL REACH Con l applicazione della direttiva biocidi, diventata operativa nel 2000, c è stata una forte riduzione dei principi attivi e delle

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014 Pagina: 1/6 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero: 203086 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Kit Components. IPTG, Dioxane Free, 5gm

Kit Components. IPTG, Dioxane Free, 5gm 07/30/2014 Kit Components Product code V3951 Components: V395 Description IPTG IPTG, Dioxane Free, 5gm IPTG Pagina: 1/6 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore

Dettagli

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi

Dettagli

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valeria Garbero vgarbero@golder.it Politecnico di Torino e Golder Associates, Natasa

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici.

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici. 1. Identificazione della miscela e della società 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della miscela e usi sconsigliati Brillantante per impiego industriale a macchina 1.3.

Dettagli

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi:

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: Riferimenti ISS: Protocollo N. 32074-23/06/2009 Criteri

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 31.01.2005 1.1 Identificatore del prodotto Numero CAS: 111211-39-3 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

SCHEDE DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDE DI DATI DI SICUREZZA . SCHEDE DI DATI DI SICUREZZA 1 Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del Prodotto: Foglio numero: 777200 1. 0. 0 Codice del Prodotto: 777200

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza conforme al Regolamento (CE) N. 453/2010

Scheda di dati di sicurezza conforme al Regolamento (CE) N. 453/2010 Antifrogen SOL HT Pagina 1(10) SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome commerciale Antifrogen SOL HT Numero materiale: 232512

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 13.04.2010 Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

DRY PERC - SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA - secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 DRY PERC

DRY PERC - SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA - secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 DRY PERC DRY PERC - Nome del prodotto : DRY PERC - Nome Chimico : Tetracloroetilene - Sinonimi : Tetracloroetene, PERCLOROETILENE - Formula bruta : C2Cl4 - Formula di struttura : CCl2=CCl2 - Numero di registrazione

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 00511319BT, (4)511310BT, (4)511311BT, (4)511312BT, 511313, 5113130,

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Scheda Informativa. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. Reparto Tecnico

Scheda Informativa. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. Reparto Tecnico Pagina n. 1 / 6 Scheda Informativa SEZIONE 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Codice: 78002 Denominazione 78002 - Copper XS Hi-Temp

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 56Z011898, 56P011820 Numero CAS: 7681-11-0 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6 SCHEDA DI SICUREZZA Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6 Scheda di sicurezza n 871 Revisione: Ottobre 2006 1 - Denominazione del preparato e della Ditta DRY PERC Ditta: Clean Life s.r.l. via Tommaso Piroli 22

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A.

Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A. Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A. Sede Operativa di Crema (CR) CENTRALE STOCCAGGIO GAS DI CORTEMAGGIORE (PC) SCHEDA INFORMATIVA SUI RISCHI D INCIDENTE RILEVANTE PER I CITTADINI ED I LAVORATORI ai sensi

Dettagli

: perma High temp. grease SF03

: perma High temp. grease SF03 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8 Valutazione della Minimum Pressurizing Temperature (MPT) per reattori di elevato spessore realizzati in acciai bassolegati al Cr-Mo, in esercizio in condizioni di hydrogen charging Sommario G. L. Cosso*,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/7 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci Associazione nazionale imprese agrofarmaci La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole Finito di stampare nel mese di Marzo 2014 dalla Compagnia della Stampa - Massetti Rodella

Dettagli