L ULTIMA VERA AMICA. di Luigino Pescarolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ULTIMA VERA AMICA. di Luigino Pescarolo"

Transcript

1 L ULTIMA VERA AMICA di Luigino Pescarolo

2 Quest opera è frutto di fantasia, i luoghi descritti sono reali e hanno il solo scopo di fornire veridicità al racconto. Nomi, fatti o riferimenti a persone in vita o realmente esistiti sono puramente casuali. Chiunque può simpatizzare col dolore di un amico, ma solo chi ha un animo nobile riesce a simpatizzare col successo di un amico. (Oscar Wilde) 2

3 Prologo Giovanni Benzi, 46 anni, neurochirurgo di fama mondiale, laureato in medicina e chirurgia con il massimo dei voti, specializzato in neurochirurgia pediatrica con altrettanto risultato, master in vari ospedali statunitensi e britannici, moltissimi articoli pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche di settore, innumerevoli partecipazioni in qualità di relatore ai maggiori congressi internazionali sulla materia, migliaia di interventi chirurgici effettuati con successo, alcuni dei quali eseguiti per la prima volta al mondo, sposato con Emanuela, senza figli. Questo, in sintesi, il curriculum vitae di uno degli scienziati italiani più invidiati al mondo. Una persona che, nonostante la fama e la ricchezza, si era sempre mantenuta umile come le sue origini. Quanti sacrifici avevano compiuto i suoi genitori per farlo studiare. Lui però li aveva ripagati di tutto, ottenendo la cattedra di neurochirurgia pediatrica in una delle più prestigiose università italiane e la direzione dell Unità Operativa di Neurochirurgia Pediatrica dell Ospedale San Giusto a soli 35 anni. Una persona rispettata e benvoluta soprattutto dai piccoli pazienti che molte volte aveva salvato dalla morte. Generoso e altruista, due volte all anno, operava gratuitamente i casi più disperati in ogni parte del mondo tramite un organizzazione umanitaria internazionale. Qualcuno, durante un congresso, disse una frase che restò impressa nella mente di tutti i presenti: Se M ichelangelo Buonarroti mentre dipingeva il Giudizio Universale nella Cappella Sistina avesse usato un bisturi, anziché un pennello, quel bisturi sarebbe stato senz altro quello del professor Benzi. Aveva una cerchia di persone che riteneva amici, molti dei quali potenti. Industriali, direttori di banche, alti prelati, politici, ambasciatori anche di potenze straniere, che non facevano che osannare le prestazioni scientifiche del medico e partecipavano con gusto ai suoi ricevimenti, organizzati in maniera impeccabile dalla moglie. Un uomo che comunque qualche invidia l aveva generata, ma che ancora non sapeva che presto la sua vita sarebbe radicalmente cambiata. In peggio. 3

4 Una qualsiasi città italiana. Ospedale San Giusto. Blocco Operatorio di Neurochirurgia Pediatrica. 1 Erano le tre del pomeriggio quando l assistente del professor Benzi dava l ultimo punto di sutura alla ferita chirurgica di un intervento durato sette ore. Una brutta forma di tumore in una posizione delicatissima del cervello di una bambina di otto anni. Benzi, dopo averla fatta ricoverare, non ci pensò su due volte a tentare l impossibile per salvarla, nonostante altri luminari avessero dichiarato che l intervento era impossibile. Un unica speranza per i genitori della bambina, l abilità di quel medico riconosciuto da tutti uno dei migliori al mondo. Benzi uscì dal blocco operatorio sfinito da quel difficilissimo intervento, perfettamente riuscito dal punto di vista clinico. Si diresse verso la sala d attesa dove l attendevano i genitori della piccola. La madre, appena lo riconobbe, si diresse verso di lui con gli occhi umidi per l emozione. - È andato tutto bene - esordì il medico per tranquillizzarla. - Dovrà rimanere in Terapia Intensiva per qualche giorno, ma sono sicuro che si riprenderà presto, è una bambina molto forte. - - Grazie di cuore professore, che Dio la benedica - riuscì dire a malapena la donna prima che gli occhi si riempissero di lacrime. Il padre gli strinse calorosamente la mano ringraziandolo ancora una volta. Benzi li salutò e si diresse verso il suo studio per bere un buon caffè e rilassarsi un po. Si sedette sull ampia poltrona in pelle posta dietro alla scrivania e accese, a basso volume, lo stereo dove un CD contenente musica di Bach riproduceva il M agnificat in re maggiore. Un buon profumo di caffè si spandeva nello studio, indicando che la macchinetta elettronica dell espresso aveva svolto la sua funzione. Fu mentre si alzò per raggiungere la tazzina che sentì bussare alla porta. - Avanti - disse con voce affaticata. Quando la porta si aprì rimase di stucco. Due uomini, vestiti elegantemente, lo fissavano. - Il professor Benzi? - disse il più anziano tra i due. - Sono io, accomodatevi, cosa posso fare per voi? - chiese il medico incuriosito. I due entrarono nello studio e mostrarono un tesserino di riconoscimento. - Sono il brigadiere De Santis, quello accanto a me è l appuntato Galli. Siamo del comando provinciale dei carabinieri - disse sempre il più anziano dei due. - Lieto di conoscervi, ma ripeto la domanda, cosa posso fare per voi? - rispose Benzi. - Abbiamo da consegnarle un ordine di comparizione in caserma - - Come ha detto scusi? - rispose il medico con gli occhi fuori dalle orbite. Il brigadiere gli consegnò un foglio scritto che lo invitava a recarsi presso il comando carabinieri il prima possibile. - Posso sapere di cosa si tratta? - chiese Benzi. - Le sarà spiegato tutto dal mio superiore, siamo venuti in borghese per evitarle spiegazioni in corsia. Una nostra macchina ci attende all ingresso dell ospedale e lei dovrebbe gentilmente seguirci con la sua. - - Devo chiamare un avvocato? - - Per il momento non serve, se sarà il caso potrà farlo dalla caserma - intervenne il militare più giovane. - Va bene, il tempo di cambiarmi e sono da voi - disse il professore dirigendosi verso la porta dello spogliatoio dello studio. 4

5 In pochi minuti si vestì e uscì con i due militari chiudendo a chiave la porta. Entrarono nel corridoio e, quando giunsero davanti allo studio della caposala, Benzi si fermò. - Anna, io sto uscendo, lascia detto agli infermieri di farmi sapere se ci sono problemi con la bambina appena operata. Per qualsiasi cosa non esitate a chiamarmi sul cellulare. - - D accordo professore, stia tranquillo, buona serata - rispose la donna, non facendo caso più di tanto ai due uomini che lo accompagnavano. M ezz ora dopo il professore venne fatto accomodare nell ufficio del comandante della stazione dei carabinieri. - Sono il maresciallo Fontana - disse il militare. Accanto a lui un uomo giovane, distinto, ben vestito. - Sono Gianni Rovere, giudice per le indagini preliminari - aggiunse porgendo la mano a Benzi. Il medico rispose al saluto e seriamente chiese: - Posso sapere cosa volete da me? - Si accomodi, prego - disse il giudice. Benzi si sedette su una sedia posta davanti alla scrivania del maresciallo. - Professore, veniamo subito al sodo, il nome Carmine Vastano le dice nulla? - - M ai sentito in vita mia - esordì il medico. - Eppure sembra che lui la conosca molto bene - - È stato forse un mio paziente? - - No, è a capo di un organizzazione che vende droga, cocaina per l esattezza. - - E io cosa centro in tutto questo? - - Spero nulla, però Vastano, dopo l arresto e in cambio di qualche favore dalla giustizia, ha deciso di fornire alcuni nomi con i quali aveva un grosso giro d affari, e fra gli altri c era anche il suo. - - Sta scherzando vero? Come può credere ad una cosa simile? Si rende conto dello sproloquio che ha appena detto? - ringhiò Benzi con tutto il fiato che aveva in corpo. - Si calmi, la prego - intervenne il maresciallo. - Come faccio a calmarmi? Un delinquente che non ho mai visto in vita mia mi accusa di spacciare droga e io dovrei restare calmo? - - Lei fa uso di cocaina? - chiese il giudice. - Adesso basta! Sono stato invitato a presentarmi in caserma e sono qui, come potete vedere, ma non intendo accettare oltre queste ridicole accuse. Non dirò più nulla se non in presenza di un avvocato. - - Credo che le serva proprio - aggiunse il giudice ponendo all uomo un foglio di carta con la richiesta di custodia cautelare. Benzi era completamente rintronato. Balzò in piedi e fissò dritto negli occhi il giudice prima di parlare. - Sta dicendo che sono in arresto? - - Purtroppo sì, è necessario per non inquinare le eventuali prove a suo carico. - Benzi sentì le vene del collo che stavano per esplodere. - Posso chiamare mia moglie? - chiese sforzandosi di mantenersi calmo. - Si accomodi - disse il maresciallo indicandogli il telefono posto sulla scrivania. L uomo compose un numero e spiegò l accaduto alla donna ammutolita dall altro capo del filo chiedendogli di procurargli un avvocato. Dieci minuti dopo il professore venne infilato in una pattuglia e tradotto al vicino carcere circondariale. 5

6 2 Dopo gli accertamenti e le domande di rito, il professore venne portato alla cella 4 B, al piano terra del moderno carcere inaugurato da poco. Entrando a testa bassa notò che non era solo. Un uomo quasi calvo e con un paio di occhiali con lenti spesse due dita, divideva la cella con lui. Appena il secondino chiuse la porta alla sue spalle, Benzi fissò il suo compagno di sventura. Il volto gli sembrò famigliare. Cercò di ricordare dove l avesse già visto ma l angoscia di quel momento gli impedì di riflettere adeguatamente. - Benvenuto professore, si sieda la prego - disse con voce diventata roca per le troppe sigarette l uomo dinanzi a lui. - Ci conosciamo? - disse Benzi. - Di certo non può riconoscermi all istante, d altronde non posso biasimarla, chissà quante persone ha conosciuto nella sua carriera. - - Lei è stato un mio paziente? - - No, professore, però lo è stata la mia nipotina. Il suo nome è Anna Prestigiacomo, fu operata da lei tre anni orsono di aneurisma cerebrale e quell intervento, ritenuto da alcuni impossibile, le salvò la vita. - Benzi restò allibito, pensando come a volte il destino è veramente beffardo. - M i chiamo Enzo Prestigiacomo, probabilmente dovremo trascorrere un po di tempo insieme, possiamo darci del tu? - - Certo, tu per cosa sei dentro? - chiese il professore. - Una vecchia storia di truffe, mi hanno condannato a quattro anni. Tu invece di cosa sei accusato? - - Un tizio che non ho mai visto in vita mia mi ha incolpato di spacciare cocaina per lui e qualcuno gli ha creduto. Ancora non riesco a realizzare quanto sia successo. - - Io purtroppo nella mia vita sono sempre stato dalla parte sbagliata. Non so quanto possa valere la parola di un dis graziato come me, ma sono sicuro che tu sei innocente e vedrai che presto uscirai da questa brutta storia. - - Non sono certo io che devo giudicarti, comunque grazie, è l unica cosa bella che ho sentito in tutta la giornata. - Poco dopo si infilava a letto, pronto a trascorrere la sua prima notte in carcere. Fu una notte completamente insonne. Benzi pensò a tutta quell assurda storia, chiedendosi come mai in un Paese ritenuto civile, un delinquente veniva considerato di più di una persona che nella sua vita non aveva mai commesso alcun male, ma non riuscì a darsi una risposta adeguata. * Passarono otto mesi prima che la verità venisse a galla. Un solerte maresciallo dei carabinieri, non convinto della colpevolezza di Benzi, riuscì a far confessare Vastano, che ammise che il nome del medico l aveva letto in un articolo pubblicato su un quotidiano e che non lo aveva mai visto in vita sua. Intanto però la vita del professore era profondamente cambiata. Sua moglie chiese la separazione, senza nemmeno aspettare il processo, portandogli via praticamente tutto. L ospedale l aveva sospeso dal suo ruolo in attesa del giudizio. Tutti i suoi amici, o perlomeno da lui ritenuti tali, erano spariti nel nulla, dissolti come neve al sole. Il principale argomento di conversazione dei suoi colleghi non era se Benzi fosse colpevole o innocente ma su chi avrebbe preso il suo posto. Quando fu scarcerato era un uomo completamente diverso. Ripreso il suo posto ricominciò ad operare, dedicandosi completamente al suo lavoro senza pensare ad altro. 6

7 Viveva in un appartamento in affitto, poco lontano dall ospedale, un bilocale senza troppe pretese. Una mattina di agosto, uscendo dalla sala operatoria, sentì un insolito bruciore al basso ventre. Sentì lo stimolo ad urinare, e quando osservò l urina scendere nel water notò che era di un colore rosso vivo. Pensò subito a una infezione delle vie urinarie e decise di assumere degli antibiotici a largo spettro. Nonostante questi, però, l urina non accennava a riprendere il suo colore normale. Dopo alcuni giorni decise di chiedere un consiglio al suo collega primario di urologia. Questi lo ricevette nel suo studio e lo visitò con cura, consigliandogli di eseguire al più presto una cistoscopia. Tre giorni dopo l esame veniva eseguito in narcosi profonda. Quando Benzi si risvegliò, vide accanto a lui il primario urologo che lo osservava con uno s guardo serissimo. - Allora? - chiese al collega. - Non so come dirtelo, ma purtroppo ho trovato un tumore nella vescica, ho eseguito una biopsia, ma l aspetto, sembra proprio di un tumore maligno inoperabile. - Benzi non disse una parola, si alzò, ringraziò e si diresse verso casa. Dopo tre giorni arrivò il referto della biopsia, che purtroppo confermò quanto anticipato dal medico urologo. Per Benzi, quando lesse la diagnosi istologica, fu come essere colpito da un violento pugno allo stomaco: adenocarcinoma. Capì subito che gli restava ben poco da vivere. Con la stampa del referto salì in urologia e lo consegnò al suo collega. L uomo lesse con cura quanto scritto, poi rivolgendosi a Benzi disse: - È inutile che te lo spieghi vero? Chissà quanto volte avrai letto la stessa diagnosi sui referti dei tuoi piccoli pazienti - - Purtroppo sì, credi che abbia metastasi? - - Possiamo fare una Tac se vuoi - - No grazie, preferisco non saperlo e non voglio neanche la chemioterapia - rispose imperterrito Benzi. L uomo non aveva paura di morire, era credente e questo lo confortava. L unica cosa che davvero lo irritava era di non avere più nessuno accanto per dividere il poco tempo che gli restava. 7

8 3 Il male incurabile avanzava ormai a grandi passi. I dolori si facevano sempre più lancinanti e gli impedivano di operare. Prima di mettersi in malattia decise di chiedere un consiglio presso il servizio di cure palliative e terapia del dolore del suo ospedale. Il vocabolo palliativo deriva dal latino pallium che significa mantello e il senso di avvolgere, proteggere (come un mantello) è quello che più si accosta al significato attribuito a questa parola. Conosceva bene e stimava il primario. Alcune volte aveva purtroppo dovuto inviargli i suoi piccoli pazienti per farli soffrire il meno possibile. Salì al terzo piano e chiese del dottor Alberti. Un infermiere gli chiese di aspettare un attimo. Tornò dopo poco e gli disse che il medico l aspettava nel suo studio. Benzi bussò alla porta ed entrò. Alberti si alzò dalla scrivania e gli porse la mano. - Sono qui per chiederti un consiglio terapeutico - esordì il neurochirurgo. - Accomodati, prego, dimmi cosa ti serve - - Sono certo che sai già di cosa si tratta. Sicuramente tutto l ospedale è al corrente della mia malattia. - - È inutile che lo nego, anch io so del tumore e posso darti una terapia adeguata in modo da tenere sotto controllo il dolore. - - Era esattamente quello che volevo chiederti. - Dopo averlo visitato prescrisse i farmaci appropriati e lo salutò dicendogli che era a sua completa disposizione per qualsiasi cosa avesse bisogno. Benzi lo ringraziò e si congedò da lui. Uscì dall ospedale e dopo pochi metri si voltò indietro osservando l ampio ingresso dell ospedale dove aveva sempre lavorato come medico. Sapeva che la prossima volta sarebbe entrato come paziente e non ne sarebbe più uscito vivo. * Tre mesi dopo non poteva più seguire le terapie da casa. Sapeva che presso l ospedale in cui lavorava esisteva una struttura chiamata hospice con tutte le competenze previste per attuare un adeguato programma di cure palliative riservato alle persone con malattie inguaribili in fase avanzata e terminale, che non possono essere assistite al proprio domicilio. Dopo aver contattato la struttura venne ricoverato due giorni dopo. La stanza che gli venne assegnata era dotata di televisore, telefono, bagno personale, un ampio balcone e un secondo letto dedicato ad un accompagnatore. Benzi lo fissò a lungo, sapendo in cuor suo che nessuno ne avrebbe usufruito. Gli prescrissero una terapia antalgica molto forte in modo da bloccargli il dolore che lo faceva soffrire in maniera terribile. Una mattina, proprio mentre la mistura di farmaci posta in una flebo gli scendeva nelle vene e lo assopiva, sentì qualcuno entrare nella sua stanza. Aprì lentamente gli occhi e mise a fuoco quella figura. Vide una donna di aspetto molto gradevole, capelli ramati, neanche un filo di trucco, che gli sorrideva. - M i scusi, non intendevo svegliarla - disse la donna sottovoce. - Non si preoccupi, ero già sveglio. Lei chi è? - - M i chiamo Francesca Bani e sono una delle volontarie di una associazione che opera all interno di questa struttura. Se vuole un tè, un caffè, una rivista, un libro da leggere oppure, se desidera, scambiare quattro parole, sono a sua disposizione. - - Grazie lei è molto gentile, io mi chiamo Giovanni e ti prego di darmi del tu. - - Come vuoi, per me non è certo un problema. - 8

9 - M i porteresti un caffè espresso come Dio comanda comprandolo al bar dell ospedale - chiese porgendogli delle monete. - Ma certo, volentieri, ci vado subito. - - Ristretto, grazie. - Dopo pochi minuti la donna torno dal bar con il caffè fumante. Benzi la ringraziò ed iniziò a sorseggiarlo gustandone a pieno il sapore. - Hai bisogno d altro? - chiese Francesca. - Per il momento no. Tornerai ancora a trovarmi? - - Certo, sono presente tre volte alla settimana, sempre al mattino, tornerò ancora stanne certo - rispose la donna sorridendo. Si salutarono e uscì dalla camera di Benzi. Nei giorni successivi si instaurò tra di loro un bellissimo rapporto di amicizia. Benzi si confidò con lei raccontandogli praticamente tutta la sua vita. La donna fece altrettanto dicendogli di avere 41 anni, di avere un figlio con la sindrome di Down e di essere stata abbandonata da colui che l aveva messa incinta quando seppe della malattia del bambino. Viveva insieme ai suoi genitori in un trilocale alla periferia della città. Lavorava in una ditta di impianti elettrici ed era in cassa integrazione. - Sei una donna eccezionale. Nonostante tutto dedichi parte del tuo prezioso tempo a seguire i malati di questo reparto. Non so se esistono gli angeli sulla terra, ma sono certo che, se così fosse tu saresti una di loro - disse Benzi tutto d un fiato. Francesca lo guardò negli occhi, orgogliosa delle parole appena sentite. - Senti, fammi una cortesia, se vuoi comprami un biglietto di quella lotterie istantanee che gratti e sai subito se hai vinto. Eccoti dieci euro, anche se non ne ho mai comprato uno nella mia vita voglio provarci prima di andarmene. - La donna annuì e si congedò da lui dicendogli che glielo avrebbe portato il giorno successivo. Così fu, ma furono così impegnati a parlare tra di loro che Benzi si dimenticò del biglietto. Quando la donna se ne andò diede un occhiata distratta sul comodino e vide che il biglietto era lì. Accidenti, me ne ero dimenticato. pensò Benzi. Aprì il cassetto estrasse una moneta ed iniziò a grattarlo. La scritta Puoi vincere fino a due milioni di Euro a caratteri cubitali lo fece sorridere. Quando finì controllò i numeri vincenti e non poté credere ai suoi occhi. Ricontrollò ancora una volta per essere certo che i farmaci che gli somministravano non gli avessero annebbiato la vista. Subito dopo suonò il campanello della camera e quando l infermiera arrivò le chiese se c era a disposizione nel reparto una rubrica telefonica. L infermiera gliela portò poco dopo. Benzi cercò un numero e lo digitò sulla tastiera del suo cellulare. Parlò con chi gli rispose spiegandogli cosa voleva e poco dopo riattaccò soddisfatto. Il giorno dopo Francesca non venne a trovarlo perché era a casa con qualche linea di febbre, così disse la volontaria che la sostituiva. Puntuale come un orologio svizzero, alle undici antimeridiane, un distinto signore bussò alla porta della camera di Benzi. Il professore lo fece accomodare e spiegò cosa voleva da lui. L uomo lo ascoltò con molta attenzione, quindi gli disse che l indomani mattina gli avrebbe procurato quanto richiesto. 9

10 Epilogo Due giorni dopo Francesca Bani, ritornata in servizio, apprese che Giovanni Benzi era spirato durante la notte. Una lacrima le scivolò sulla guancia destra. Al suo funerale si presentò con anticipo. La Chiesa era praticamente vuota. Concluso il rito funebre seguì il feretro fino al camposanto. Depositò un fiore nella buca che attendeva la bara di Benzi, recitò un eterno riposo e salutò per l ultima volta quell amico che, anche se conosciuto da poco, gli aveva dato molto più di altre persone nella sua vita. * Sentì suonare il campanello, chiese al citofono chi era. Il postino disse che c era una raccomandata da firmare. Lo fece salire e ottemperò a quanto richiesto. Rimase stupita dall intestazione presente sulla busta: STUDIO NOTARILE AVV. LORENZO FINI - Via Roma, 13 Aprì la raccomandata e rimase di stucco quando lesse il contenuto. Il notaio la invitava a telefonare il prima possibile al suo studio per importanti notizie che la riguardavano. La donna lesse il numero telefonico sull intestazione della lettera e chiamò immediatamente. Si presentò e la segretaria le disse se poteva recarsi presso di loro l indomani mattina alle dieci. La donna confermò che ci sarebbe stata, ringraziò e chiuse la comunicazione. L elegante studio era gremito di persone, quando Francesca Bani si presentò alla segretaria questa la fece accomodare dal notaio. L uomo, vestito elegantemente la salutò e la fece accomodare su una poltrona posta davanti all ampia scrivania in mogano. - Sono il notaio Fini, lei conosceva il professor Benzi? - - Sì, anche se per troppo poco, una persona straordinaria. Perché me lo chiede? - - Ho avuto l incarico di consegnarle questa lettera da parte sua solo dopo il suo decesso - disse consegnando una busta su cui compariva solo la scritta A Francesca. La donna con mani tremanti la aprì e incominciò a leggerne il contenuto. Cara Francesca, consentimi di chiamarti così. Ho diviso con te gli ultimi giorni della mia vita e, anche se avrei voluto conoscerti prima, ringrazio il Buon Dio di avermelo concesso. Ti ho confidato cose che non avevo mai confidato ad altri e così hai fatto tu con me. Sei stata per me l unica e purtroppo ultima vera amica che abbia mai avuto. Quando avrai finito di leggere queste poche righe il notaio ti consegnerà la ricevuta di un versamento bancario intestato a tuo nome. Ti ricordi quel biglietto che ti avevo fatto acquistare pochi giorni orsono? Ebbene, non ho vinto due milioni di euro ma comunque è una bella somma. Adesso è tua, ti consentirà di non avere problemi economici per te e tuo figlio per il resto della vita. Il destino probabilmente ha voluto ridarmi quanto mi aveva tolto, concedendomi quest ultimo mio gesto di gratitudine ad una persona cara. Grazie ancora di quanto hai fatto per me. Consentimi un ultimo amichevole bacio. Giovanni. La donna chiuse con cura la lettera, la piegò e se la mise in tasca, prima di scoppiare in un pianto dirotto. 10

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

CARMEN TOTARO Le piene di grazia

CARMEN TOTARO Le piene di grazia CARMEN TOTARO Le piene di grazia Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07491-9 Prima edizione: marzo 2015 Impaginazione: studio pym / Milano Le piene di grazia

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA Filippo Merlino Nato a Sant Arcangelo il 25/02/1957, era entrato nei carabinieri a soli 17 anni. Maresciallo Maggiore comandava la stazione dei

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Un uomo mandato da Dio

Un uomo mandato da Dio Bibbia per bambini presenta Un uomo mandato da Dio Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: E. Frischbutter; Sarah S. Tradotta da: Eliseo Guadagno Prodotta da: Bible for

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 08 ottobre 2013

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 08 ottobre 2013 Pagina 1 di 6 rassegna stampa Data 08 ottobre 2013 IL CITTADINO Lodi SANITÀ AVEVA UNA LACERAZIONE DELL AORTA, LA FAMIGLIA HA PRESENTATO UNA DENUNCIA -In ospedale con il mal di pancia, dopo l attesa muore

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto.

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto. L AZIENDUCCIA Analisi: Sketch con molte battute dove per una buona riuscita devono essere ben caratterizzati i personaggi. Il Cavalier Persichetti e il cavalier Berluscotti devono essere 2 industriali

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni Nel nome del padre sono 23 gli interrogatori di massimo ciancimino, il figlio di don vito. E una valanga i pizzini che riscrivono la storia dei misteri d italia da gladio, alle stragi del 92, sino ai politici

Dettagli

Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT

Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT Parola della Grazia Worship Team Song Book WWW.ALPHAGENERATION.IT/PDGWT Ti servirai di me ( 2006 Giovanni Di Sano & Marta Cascio) Verse Sol#Min Si5 Fa#5 Mi Mio Signore Mio Salvatore Fatti Conoscere Sol#Min

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Indice Pasta per due... pag. 5 Scheda culturale - Le carte... pag. 42 Esercizi... pag. 45 Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma.

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli