ASSEFA 35 anni di impegno nello sviluppo rurale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSEFA 35 anni di impegno nello sviluppo rurale"

Transcript

1 ASSEFA 35 anni di impegno nello sviluppo rurale Coinvolgimento delle forze sociali e costruzione di nuove istituzioni Relazione annuale Association for Sarva Seva Farms (ASSEFA) 279, Avvai Shanmugam Salai, Royapettah, Chennai Phone: , Fax:

2 Dedicato al Prof. Giovanni Ermiglia Co-Fondatore ASSEFA

3 Sommario ASSEFA 35 anni di impegno nello sviluppo rurale ASSEFA, una Organizzazione per lo Sviluppo Programmi comprensivi per lo sviluppo olistico Strategie per lo Sviluppo L approccio agli interventi Estensione geografica e ambiti di azione Coinvolgere le persone per sviluppare un armonia a livello comunitario Matrimoni comunitari Coinvolgere le Comunità per sviluppare consapevolezza sociale La disseminazione delle nuove conoscenze e la condivisione di esperienze entro una rete più estesa Condizioni di vita soddisfacenti per i poveri delle campagne Aumento della produttività agricola per contadini con appezzamenti molto piccoli e terreni marginali Promozione della produzione di latte per le famiglie povere e senza terra Micro Imprese per artigiani rurali Scuole per promuovere servizi di qualità e assicurare condizioni di vita dignitose Istituzioni fiduciarie gandhiane per servizi di micro-finanza Fondi comunitari per la promozione di iniziative per il miglioramento delle condizioni di vita Istituzioni di mutuo soccorso per le donne delle aree rurali Servizi per migliorare la qualità di vita Scuole gestite dalla comunità per lo sviluppo dei bambini Assistenza sanitaria per donne e bambini La Compagnia per l Habitat, per la promozione di case più confortevoli Modello di sviluppo Sarvodaya - un nuovo approccio, per facilitare creatività e iniziative ai progetti in atto...23 ALLEGATO I Sintesi dei programmi nelle varie aree di progetti ASSEFA...25 ALLEGATO II Istituzioni basate sulla Comunità promosse dall ASSEFA...30 ALLEGATO III Risorse Umane

4 Abbreviazioni ASSEFA NGO SHGs SDM CBOs SJSK SSDF SMBT SNFL FCRA RBI MCH RMK SIDBI NABARD Govt SSGS DEFT SARC NDDB Association for Sarva Seva Farms (Associazione per le Fattorie al servizio di Tutti) Non Government Organisation (Organizzazione Non Governativa) Self Help Groups (Gruppi di auto-aiuto) Sarvodaya Development Model (modello di sviluppo Sarvodaya) Community Based Organisations (organizzazioni su base comunitaria) Sarva Jana Seva Kosh Ltd (banche di villaggio) Sarva Seva Dairy Federations Ltd (Federazioni perlla produzione e commercio di latte) Sarvodaya Mutual Benefit Trust (Fondazione Sarvodaya di mutuo beneficio) Sarvodaya Nano Finance Ltd (organizzazione Sarvodaya per il microcredito) Foreign Contribution Regulation Act (Atto che regolamenta i finanziamenti dall estero) Reserve Bank of India (Banca dell India) Mother and Child Health Care (Assistenza sanitaria delle mamme e dei bambini) Rastriya Mahila Kosh (fondo comunitario nazionale delle donne) Small Industrial Development Bank of India (Banca per lo sviluppo delle piccole industrie) National Bank for Agriculture and Rural Development (Banca Nazionale per l Agricoltura e lo Sviluppo Rurale) Government (Governo) Sarva Seva Gramodhyog Samithi (organizzazione per la creazione di piccole imprese nelle aree rurali) Dairy Engineering and Food Technologies Ltd (Compagnia per la filiera del latte e le tecnologie alimentary) Sarvodaya Action Research Centre (Centro Sarvodaya di Ricerca Azione) National Dairy Development Board (Comitato Nazionale per lo sviluppo dei derivati del latte) NOTA. Le somme citate nel testo sono espresse in Rupie. Per effettuare la conversione, il cambio (settembre 2004) è il seguente: 100 Rupie Indiane = 1,77 EURO 1 Euro = Rupie Indiane 2

5 1 ASSEFA, una Organizzazione per lo Sviluppo L Associazione per le Fattorie al Servizio di Tutti (Sarva Seva) ormai da 35 anni svolge la sua attività al servizio delle comunità rurali. Iniziata come espressione del Movimento Bhoodan (il dono della terra ) per svolgere la nobile missione di sviluppare i terreni donati ai contadini poveri, l ASSEFA realizzò la sua prima Fattoria nel 1969 in un piccolo villaggio del Tamil Nadu; in seguito l ASSEFA ha esteso le sue attività in altre zone del Tamilnadu e in altri Stati dell India, là dove i sui interventi erano considerati utili. Gradualmente l ASSEFA ha modificato il suo approccio, e da un lavoro svolto esclusivamente con i contadini beneficiari dei terreni Bhoodan è passata a iniziative che coinvolgono intere comunità di villaggio; da una attività circoscritta allo sviluppo delle terre a un coinvolgimento articolato e multi-fattoriale allo sviluppo. L ASSEFA si è impegnata per conseguire la condizione che nella filosofia Gandhiana viene chiamata Sarvodaya, che significa il benessere di tutti. In armonia con questo scopo ha fissato i propri obiettivi: migliorare le condizioni economiche, culturali e sociali delle comunità rurali, sviluppando le loro abilità operative e migliorando le loro capacità di auto-gestione. L ASSEFA inoltre chiede che le comunità rurali si uniscano senza esercitare alcuna forma di discriminazione, e che lavorino per il miglioramento della vita sociale, culturale ed economica di tutti; si impegna affinché le comunità impegnate in questo processo diventino auto-sufficienti, possano contare sulle proprie forze, e siano capaci di gestirsi in modo autonomo, sulla basi di principi di libertà, equità economica e giustizia sociale Sulla base dell esperienza e del continuo apprendimento, realizzato grazie al confronto con le comunità, l ASSEFA, oltre a passare dal lavoro specifico di sviluppo rurale all approccio integrato con la realtà locale, si è anche via via concentrata sulla strategia di mobilitare le comunità locali, mettendole in condizioni di partecipare appieno al processo di sviluppo e istituendo delle strutture organizzative e decisionali in grado di sostenere le iniziative allo sviluppo. 1.1 Programmi comprensivi per lo sviluppo olistico Tra i fattori che contribuiscono a provocare l instabilità e la violenza nella società, e che ostacolano i processi generali di sviluppo, l ASSEFA ne ha identificati alcuni come particolarmente rilevanti: Non equità delle situazioni economiche Mancanza di opportunità di accesso ai servizi fondamentali (educazione, salute, ecc.) Divisioni sociali (basate sulle caste, sulle religioni ecc. ) Allo scopo di ridurre, di mitigare la crudezza di queste situazioni, l ASSEFA ha progettato e messo in atto dei progetti di sviluppo che tengono conto di una molteplicità di aspetti, indirizzati allo sviluppo olistico della comunità, alla creazione di un ambiente confortevole e di una comunità coesa. E questo lo scenario entro il quale è opportuno contestualizzare gli sforzi innovativi dell ASSEFA, e le strategie proposte per sollecitare, rendere attive le comunità dei villaggi e prepararle a lavorare insieme per il bene di tutti. Queste strategie sono qui di seguito brevemente descritte. Animare le persone per conseguire una condizione di armonia nella collettività. Matrimoni comunitari: si tratta di matrimoni organizzati dalle comunità stesse, alcuni dei quali sono inter-castali e inter-religiosi Yatras manifestazioni: queste includono Pada Yatras (le marce a piedi) e vengono promosse per sviluppare consapevolezza sulle problematiche che riguardano le comunità stesse, e per aiutare le persone a trovare insieme delle soluzioni amichevoli ai loro problemi. Sviluppo di conoscenze: seminari, workshops, conferenze vengono organizzate con lo scopo di condividere le esperienze con fasce più ampie delle comunità. 3

6 Programmi economici per migliorare la produzione di reddito Sviluppo agricolo: si introducono nuove tecniche di irrigazione, si propongono progetti per la messa a coltura dei terreni abbandonati e la gestione dei bacini idrografici, si mettono a disposizione input di qualità (semi selezionati, letame, compost naturale ecc.). Promozione della produzione e vendita di latte: viene offerto sostegno economico per l acquisto di vacche, e per il funzionamento del sistema di raccolta, impacchettamento e vendita del surplus. Sviluppo delle micro imprese: per facilitare l avvio di piccole iniziative commerciali - soprattutto di artigiani locali e di giovani disoccupati - vengono offerti corsi di formazione e collegamenti con la rete di distribuzione. Credito sociale: forme di credito vengono proposte per iniziare piccolo imprese commerciali, o per far fronte a bisogni immediati. Il micro-credito, in particolare, è indirizzato esclusivamente alle donne, perché possano intraprendere attività economiche. Programmi per il miglioramento delle condizioni sociali, per migliorare la qualità della vita Educazione rurale integrata: si tratta di progetti educativi a diversi livelli, dalla scuola materna fino alla scuola secondaria superiore, e agli istituti di formazione tecnica e professionale. Promozione dell Habitat: costruzione di nuove case, riparazione e modernizzazione di case vecchie (soprattutto con miglioramento delle strutture sanitarie). Sistema sanitario della comunità: promozione della salute, interventi preventivi e curativi sia diretti, sia tramite collaborazioni con programmi governativi. Sistemi di assicurazione: sono state messe a punto delle forme assicurative per mitigare i rischi di malattie degli animali da latte, e per fronteggiare situazioni di malattia o morte dei membri delle comunità locali, con accordi presso alcune Compagnie di Assicurazione locali. 1.2 Strategie per lo Sviluppo Per rendere le comunità locali in grado di sostenere le iniziative di sviluppo, e per trasformarle gradualmente in comunità in grado di contare sulle proprie forze, l ASSEFA sta adottando una duplice strategia: quella di mobilizzare le comunità locali e quella di dar vita a istituzioni basate sulle comunità stesse. I fattori/aree che sono considerati cruciali per la sostenibilità degli interventi di sviluppo, e che perciò vengono particolarmente rafforzati prima che l ASSEFA si ritiri da una particolare area, sono i seguenti: Il rafforzamento delle organizzazioni di base e delle loro competenze L acquisizione di risorse adeguate L attivazione di collegamenti con l esterno Lo sviluppo di un ambiente adatto e confortevole La comunità locale nell area in cui si realizza un progetto viene incoraggiata a partecipare al processo di sviluppo, ivi compresa la fase di identificazione delle problematiche locali, e la pianificazione, sviluppo e realizzazione concreta dei programmi concordati, con il sostegno dell ASSEFA. Questa fase è seguita da un attività di monitoraggio e di valutazione in itinere dei risultati che via via si realizzano. E la Gram Sabha, l Assemblea di villaggio, che in ciascuna comunità è coinvolta a identificare i problemi (per lo più sociali), ed è incoraggiata a mettere in atto delle strategie per cercare di risolvere tali problemi. L Assemblea di villaggio assume anche un ruolo di mediatore nel negoziare con il Governo e con le Istituzioni pubbliche nel processo di sviluppo. I Gruppi di auto-aiuto delle donne sono stati organizzati per venire incontro a problemi specifici delle donne. Per ogni programma vengono formati dei gruppi che si occupano di sviluppare un piano di azione e di realizzarlo in modo che anche la componente femminile ottenga il massimo beneficio. I gruppi sono organizzati in una federazione a livello di area, in modo da favorire il crearsi di reti collaborative tra le donne stesse e con le realtà esterne. Per coordinare le iniziative e fornire consulenza professionale a lungo termine la struttura federativa prevede un gruppo di coordinamento al vertice per ogni progetto. Le risorse sono raccolte a livello di comunità in forma di risparmi e di prestiti a rotazione, e vengono gestiti da apposite strutture legalmente riconosciute. 4

7 L intero processo di sviluppo si realizza attraverso cinque fasi, e richiede complessivamente da 12 a 15 anni, a seconda delle condizioni socio economiche della zona, delle capacità sviluppate dalla comunità locale ecc. L ASSEFA si ritira se e quando la comunità si sente in grado di gestire in modo autonomo i programmi di sviluppo. Rimane comunque a disposizione per fornire supporto alle comunità quando ne abbiano bisogno. 1.3 L approccio agli interventi Le fasi dello sviluppo Progettazione con micro realizzazione: in questa fase si costruiscono rapporti di fiducia, si conducono indagini e si raccolgono dati sulla situazione, si cominciano a cercare possibili fonti di finanziamento. Realizzazione di un Progetto Pilota: si organizzano gruppi locali per dimostrare, con l azione, quali possono essere gli sviluppi future della zona, e si predispongono piani più dettagliati per assicurare le risorse finanziarie necessarie. Realizzazione avanzata: partono e si sviluppano diversi programmi contemporaneamente, e si stabiliscono collegamenti con istituzioni governative e agenzie private per ottenere supporto economico e collaborazione. La fase finale, con il progressivo distacco dell ASSEFA: le comunità sono incoraggiate a prendere in carico le iniziative avviate, a consolidare i progetti, e a gestirli in modo autonomo. Crescita a spirale: programmi simili vengono proposti nelle aree circostanti, dove le comunità locali avendo avuto modo di vedere quanto è avvenuto nei villaggi vicini si dichiarano interessate ad essere coinvolte nel momento in cui l ASSEFA si ritira dalle zone ormai autonome. Lo sviluppo della comunità richiede una serie di interventi articolati e complessi: da un lato occorre fornire input di qualità, dall altro è necessario avere delle competenze professionali in diversi campi. Per conseguire uno sviluppo completo e partecipe dell intera comunità è necessario un approccio collaborativo anche da parte delle agenzie finanziatrici, delle istituzioni finanziarie, dei professionisti che forniscono la loro consulenza come managers, dei Dipartimenti governativi, e naturalmente della comunità locale: se tutto ciò non si verifica, è possibile che gli interventi non portino ai risultati attesi. L ASSEFA adotta, nelle attività di sviluppo, un approccio collaborativo su tutti i fronti. Una situazione tipica è illustrata nello schema che segue: a seconda della natura dell intervento, variano i soggetti coinvolti nella rete. Intervento collaborativo Agenzie finanziatrici Gruppi che forniscono consulenza tecnica: SJSK, SMBT, SFNL, SSDF, Fondazioni per l Educazione Istituzioni finanziarie SIDBI, RMK, HDFC La comunità rurale povera Gruppi di attività, Assemblea di villaggio, Gruppi di auto-aiuto Istituzioni governative Agenzie di coordinamento FCRA, ROC, RBI, etc 5

8 1.4 Estensione geografica e ambiti di azione Allo scopo di consentire al maggior numero possibile di persone di beneficiare dei programmi di sviluppo, l ASSEFA anche quest anno ha lavorato su due versanti: con le comunità già coinvolte, e con gruppi nuovi, in zone in cui l Associazione non aveva precedenti esperienze. Le famiglie vengono organizzate in associazioni basate sulla comunità, e sostenute nel progettare e realizzare programmi di sviluppo adeguati, individuati sulla base ai bisogni da esse stesse riconosciuti. L ASSEFA non lavora con specifici gruppi o caste, ma considera prioritarie le necessità delle donne, dei bambini, dei senza terra, di contadini poveri e marginali, che sono le fasce più fragili della società. Quest anno il numero di villaggi operativi è stato esteso a 5.271: ne sono beneficiarie circa famiglie, in sette Stati dell India: Bihar, Jharkhand, Madhya Pradesh, Rajasthan, Maharastra, Karnataka e Tamil Nadu. L aumento registrato quest anno è dovuto soprattutto all espansione delle attività in Rajasthan, Madhya Pradesh, Bihar e Jharkhand, nell ambito di Progetti che comprendono vaste aree che vengono contemporaneamente coinvolte, e delle iniziative in Tamil Nadu, particolarmente con i progetti di sviluppo dedicati alle donne. 6

9 2 Coinvolgere le persone per sviluppare un armonia a livello comunitario 2.1 Matrimoni comunitari L ASSEFA incoraggia le organizzazioni di base delle comunità a organizzare matrimoni comunitari, allo scopo di promuovere un maggiore senso di amicizia e di armonia nelle aree rurali. In certe zone, in cui episodi di violenza tra gruppi sono particolarmente frequenti, i matrimoni organizzati in collaborazione favoriscono il nascere di atteggiamenti più pacifici. Nel corso di quest anno sono stati organizzati i matrimoni di 43 coppie di sposi, alcuni Hindu, altri Musulmani, altri ancora Cristiani, nell area in cui si sta realizzando il Progetto di Sankarapuram. L organizzazione è stata presa in carico da più di 500 gruppi di auto-aiuto di donne, con l aiuto dell ASSEFA. Alla celebrazione delle nozze sono intervenute più di persone, appartenenti a luoghi e a gruppi sociali molto diversi. La grande processione delle coppie con i loro abiti nuziali, accompagnata da musica tradizionale e dalla banda, ha infatti attirato migliaia di donne, bambini e uomini. Le spese dei matrimoni sono state interamente sostenute dai gruppi delle donne, inoltre gli sposi hanno ricevuto doni, abiti da cerimonia e oggetti per la casa. A tutti i partecipanti è stato offerto uno splendido pranzo. Anche in Karnataka è stato celebrato un matrimonio comunitario, organizzato in grande stile dai gruppi di auto-aiuto delle donne del Progetto di Rangasamudra. 2.2 Coinvolgere le Comunità per sviluppare consapevolezza sociale In tre sedi di progetti, rispettivamente a Natham, Sivaganga e Virudhunagar, è stato celebrato l anniversario della nascita di Gandhi, con la partecipazione di un migliaio di persone. Si è approfittato di questa occasione per ricordare insieme alle comunità coinvolte i principi del Sarvodaya: soprattutto le generazioni più giovani ne hanno sentito parlare molto poco. E stato invitato anche uno studioso molto importante, 'Shri Sukhi Sivam, che ha tenuto alcuni discorsi sul Sarvodaya e il suo significato. Un altro canale tramite il quale si può sviluppare consapevolezza sociale è l educazione: a testimonianza del successo riscontrato, basti dire che le comunità coinvolte sono riuscite a raccogliere la somma di Rupie come contributo alla realizzazione dei programmi educativi nella zona. Infine, sono state coinvolte e motivate le donne: nel villaggio di Aruppukottai è stata organizzata una Conferenza di donne, alla quale hanno partecipato contadine. In questa occasione si è discusso dell importanza della partecipazione femminile ai progetti di sviluppo, e sono stati impostati dei piani di azione per lo sviluppo delle donne. 2.3 La disseminazione delle nuove conoscenze e la condivisione di esperienze entro una rete più estesa. L ASSEFA ha partecipato attivamente a Seminari Internazionali, Workshops e Conferenze, che si proponevano di condividere esperienze sul campo miranti a promuovere la pace e l armonia a livello delle comunità di base. L ASSEFA ha anche collaborato con Associazioni e istituzioni impegnate in modo specifico nel promuovere Pace e Nonviolenza. Sono elencate qui le più rilevanti occasioni di collaborazione e partecipazione internazionale dell ASSEFA su queste tematiche. 7

10 Collaborazione con la Città di Torino e con il Servizio Civile Nazionale Italiano: quattro ragazze italiane collaborano con l ASSEFA su un progetto annuale in cui analizzano l impatto dell ASSEFA nel promuovere Pace e Nonviolenza. Collaborazione con la Fondazione di Shri Vethathiri Maharishi per sviluppare un curriculum su pace e nonviolenza per i bambini delle scuole elementari. L ASSEFA Italia sta collaborando in questa iniziativa. Collaborazione con le Università di Torino e di Genova in Italia, nella condivisione di esperienze e nella sperimentazione di attività scolastiche colte a promuovere una scienza della Pace per i bambini delle scuole ASSEFA. Action Village India (AVI), Londra: è stato ospitato un Forum di Partners allo scopo di incoraggiare l AVI a promuovere attività Gandhiane nei suoi progetti. Aide et Action, Parigi. Un convegno dei vari Partners che rappresentano l Associazione è stato svolto a Parigi, con la presenza di un responsabile dell ASSEFA. E stato sviluppato un progetto per fornire educazione olistica, di qualità e sostenibile ai bambini delle famiglie contadine povere. ICCO, Olanda: in un incontro organizzato a Bangalore è intervenuto il responsabile ASSEFA. E stato sviluppato un sistema integrato di monitoraggio per valutare i progressi compiuti nei progetti. World Social Forum, a Mumbai: cinque membri dell ASSEFA hanno partecipato al Forum, nel corso di un viaggio di formazione, e hanno partecipato attivamente a seminari sullo sviluppo rurale organizzati da ICCO e a un seminario sull educazione organizzato da Aide et Action. 3 Condizioni di vita soddisfacenti per i poveri delle campagne Promuovere condizioni di vita soddisfacenti costituisce la più grande sfida nelle zone rurali, dove molte famiglie dipendono totalmente dal lavoro agricolo e dalle attività ad esso connesse per il proprio sostentamento. Nella comunità rurale i senza terra, e i contadini poveri ed emarginati rappresentano la percentuale maggiore di coloro che vivono sotto la soglia della povertà. Spesso si tratta di famiglie che possiedono dei terreni di estensione molto piccola, in luoghi scomodi: sono terreni per lo più abbandonati e poco adatti ad essere coltivati. Molti di questi piccoli contadini si spostano verso le città vicine, alla ricerca di lavori occasionali: durante i periodi in cui non c è lavoro nei campi si assiste a fenomeni migratori molto cospicui. L ASSEFA fin dall inizio della sua attività si è impegnata a sostenere queste famiglie, aiutandole a uscire dalla povertà e a evitare l emigrazione. Nelle aree interessate dai progetti vengono compiuti degli studi iniziali per individuare la percentuale di famiglie molto povere, capire qual è la maggiore fonte di occupazione, e quali sono i vincoli con cui si devono confrontare. In un secondo tempo le famiglie vengono incoraggiate a prendere qualche iniziativa, e a costituire insieme delle organizzazioni di base, come la Gram Sabha (l Assemblea di villaggio) o i gruppi di Auto Aiuto delle donne. In questi gruppi si fissa l attenzione sui bisogni percepiti, e sui programmi che si potrebbero avviare: la comunità discute a lungo e in profondità queste problematiche. Iniziative a favore dei poveri in Rajasthan Una iniziativa della Banca Mondiale, un programma a livello di distretto a favore delle fasce più povere, è stata affidata all ASSEFA, e ha coinvolto numerosi gruppi di tribali, i Baran, che sono la maggioranza in questa zona. Si tratta di un progetto di 5 anni, che interessa più di 15 villaggi, in cui vivono 5250 persone, molto povere e di etnie tribali. Il progetto si propone di sviluppare le loro capacità di auto-sviluppo, e di migliorare le loro condizioni economiche. Per la realizzazione di questo progetto è stata destinata la somma di 8.79 milioni di Rupie. In base e in risposta a quanto emerge da questi gruppi vengono sviluppate delle strategie di intervento. Si formano gruppi funzionali, cioè gruppi formati da persone che vengono scelte allo scopo di imparare a realizzare gradualmente e a monitorare i programmi durante il loro svolgimento. Poiché il successo dei programmi dipende in grande misura dalle capacità e competenze di queste persone, occorre selezionarle con grande cura. 8

11 I vari gruppi funzionali sono collegati a livello di area tramite rappresentanti eletti entro i gruppi stessi: si forma così una federazione per ciascun gruppo di interesse, che ha lo scopo di facilitare i collegamenti e i confronti e di negoziare collettivamente, per avere un peso maggiore nelle contrattazioni. Infine, per ogni programma viene costituito un gruppo di coordinamento di vertice, adeguatamente riconosciuto sul piano legale, che fornisce sostegno e consulenza tecnica e professionale. I programmi destinati al miglioramento delle condizioni di vita si focalizzano su: Aumento della produttività in agricoltura Promozione delle attività delle donne nella produzione e vendita di latte Micro-imprese per artigiani di villaggio e per giovani che hanno terminato gli studi 3.1 Aumento della produttività agricola per contadini con appezzamenti molto piccoli e terreni marginali L ASSEFA lavora ormai da molti anni con migliaia di contadini, offrendo loro una varietà di opportunità per aumentare la produttività dei loro terreni. Sviluppo delle infrastrutture: per praticare un agricoltura sostenibile è cruciale avere la possibilità di irrigare. A tale scopo è utile costruire e rimodernare sistemi di raccolta dell acqua: pozzi aperti, vasche, piccole dighe, sistemi di irrigazione a sollevamento. Queste iniziative possono essere realizzate grazie allo sforzo congiunto delle comunità locali e del supporto finanziario di NABARD, agenzie governative e agenzie finanziatrici. Durante il periodo che viene descritto in questa relazione, molte di queste attività sono state svolte in Bihar, Rajasthan e Madhya Pradesh nell ambito dei Progetti di Sviluppo Comprensivo dell Area, e in Tamil Nadu grazie al sostegno dell ASSEFA Italia. Nell area di Kayankulam (provincia di Sivagangai), è stato messo a punto e sperimentato un progetto di sviluppo del bacino idrografico in collaborazione con il Governo del Tamil Nadu. Fornitura di materiale di qualità: L ASSEFA si occupa di fornire prodotti utili all agricoltura, come semi selezionati, fertilizzanti, pesticidi, concime organico ecc., o direttamente o tramite la collaborazione di altri agricoltori. Vengono organizzati dei corsi di formazione e di addestramento sull uso di tali materiali, incluse le tecniche dell agricoltura biologica. Quest anno in particolare si è sviluppata la sperimentazione di coltivazione di vegetali con prodotti naturali, e circa 400 contadini hanno seguito dei corsi intensivi nella zona settentrionale del Tamil Nadu. Ulteriori servizi: degli esperti, alcuni su base volontaria e alcuni pagati, sono impegnati a diffondere la conoscenza delle nuove pratiche agricole, soprattutto dove i terreni sono particolarmente aridi e difficili da coltivare. In taluni casi si organizzano dei campi dimostrativi per incoraggiare i contadini delle zone circostanti a intraprendere attività analoghe. Accesso al Credito: sia il Sarva Jana Seva Kosh (la banca di villaggio) e la Fondazione Sarvodaya per il mutuo beneficio sono state organizzate allo scopo di offrire opportunità di credito. I crediti vengono forniti per procurarsi sementi, buoi da tiro, attrezzi agricoli e per mettere a coltura terre mai coltivate prima. Inizialmente i crediti venivano concessi anche per iniziative più impegnative, come la costruzione di pozzi, ma ora non si fa più, perché si è visto che i piccoli contadini hanno troppe difficoltà a restituire il prestito. Per queste attività di maggiore portata, ove necessarie, si 9 L ASSEFA incaricata di un progetto di gestione delle acque in Bihar L ASSEFA in Bihar è stata incaricata di mettere a punto un progetto di sviluppo di un bacino idrografico, nell ambito di un Programma di sviluppo Indo-Tedesco. E un progetto di 42 mesi, destinato a coinvolgere ha di terra in due distretti, Gaya e Jamu, e beneficiare contadini marginali grazie a un finanziamento di 12 milioni di Rupie.

12 cercano altre vie, come i finanziamenti specifici. Incremento di valore locale: quando vendono sul mercato le materie prime i contadini guadagnano molto poco. Vendendo invece prodotti trasformati i contadini non solo guadagnano di più, ma riescono a trovare ulteriori occasioni di impiego. L ASSEFA incoraggia quindi le comunità contadine a trasformare localmente i prodotti, invece di venderli subito. Per esempio nel progetto di Baran, in Rajasthan in un villaggio si è costituito un gruppo di contadini che prepara polvere di curcuma e polvere di peperoncino, li confeziona in sacchetti e li vende nelle zone vicine. Questa iniziativa ha consentito di aumentare gli introiti dei contadini di più del 150%. Collegamenti tra mercati: per fare in modo che i contadini riescano a vendere al più alto prezzo possibile i loro prodotti, sono state intraprese alcune iniziative: - Tecniche di conservazione: in alcuni villaggi i contadini cercano di conservare i prodotti durante la stagione successiva al raccolto. Così i prodotti possono essere poi venduti sul mercato quando la domanda è alta, in modo da spuntare prezzi più elevati. Queste iniziative si stanno svolgendo nei progetti del Nord, in Rajasthan e in Bihar, dove sono particolarmente vistose le fluttuazioni dei prezzi di mercato. - La promozione di mercati settimanali: i contadini spuntano il prezzo migliore quando la differenza tra produttori e consumatori è minima. In base a questa considerazione sono stati promossi i mercati rurali, dove i contadini portano i loro prodotti e li vendono direttamente ai consumatori. L ASSEFA fornisce le infrastrutture grazie a finanziamenti esterni. Le organizzazioni di base delle comunità coinvolte si impegnano a gestire e a mantenere in buone condizioni questi mercati settimanali. Attualmente sono in funzione due di questi mercati: uno è nel villaggio di Mudukankulam in Tamil Nadu, l altro in Rajasthan. Un altro di questi mercati rurali è in progettazione nel villaggio di Mallankinaru in Tamil Nadu: di esso beneficeranno 25 villaggi dell area circostante. - Uno studio di caso sul mercato di frutta e verdure fresca a Mudukankulam Nel corso di quest anno la Banca Mondiale ha documentato come studio di caso il mercato di Mudukankulam, segnalandolo alle Istituzioni Finanziatrici Internazionali come esempio di infrastruttura gestita con successo da una comunità. Questo mercato settimanale, che si trova a circa 20 Km dalla città più vicina, Kariyapattai, ha iniziato a funzionare nel 1984, per la vendita del bestiame, e poi gradualmente si è trasformato in un mercato orticolo in risposta alle richieste dei consumatori. Questo mercato serve una trentina di villaggi dei dintorni. L ASSEFA ha acquistato 5 acri di terra per dargli una sede, e li ha affidati a un Comitato locale (persone elette dalla comunità locale) affinché ne curasse la gestione. Il mercato è aperto ogni sabato dalle 9 alle 15, oltre che in occasione di particolari festività. Il Comitato ha anche l incarico di raccogliere dei piccoli contributi da tutti i venditori che occupano i posti vendita, che servono esclusivamente per i piccoli lavori di manutenzione. 3.2 Promozione della produzione di latte per le famiglie povere e senza terra La produzione e vendita del latte è risultata, grazie a una esperienza ormai consolidata, un attività particolarmente gradita e facile da gestire, e viene proposta soprattutto alle donne delle zone rurali più povere. Si tratta di una attività praticata tradizionalmente dalle popolazioni di questi luoghi, come integrazione delle attività agricole, per cui risulta famigliare alle comunità locali. Grazie a ciò è stato possibile coinvolgere le persone interessate e capaci, fornendo loro un 10

13 sostegno adeguato e sollecitandoli a costituire dei gruppi ufficialmente riconosciuti per gestire l attività di produzione e di vendita del latte in modo sostenibile. L ASSEFA ha coinvolto ormai circa donne, la maggior parte appartenente a famiglie senza terra, e le ha incoraggiate e sostenute nel creare delle Istituzioni basate su gruppi formati a livello di villaggio. Le Società che si occupano della produzione del latte a livello di villaggio raccolgono il surplus dei produttori, le Federazioni a livello di area coordinano e forniscono servizi di supporto ai gruppi e alle centrali che trattano il latte e lo preparano, pastorizzandolo e impacchettandolo per la vendita. Vi sono ormai 19 federazioni, con più di 600 gruppi che operano in 6 distretti del Tamil Nadu. Ogni giorno vengono raccolti più di litri di latte, portati a 6 Centrali 1, dove sono lavorati e successivamente commercializzati attraverso vari canali di vendita. Per assicurare il massimo beneficio alle popolazioni povere coinvolte in questa attività, sono stati organizzati dei servizi di supporto per ogni tappa del processo. L acquisto di animali da latte: per consentire alle persone dei villaggi di acquistare le mucche vengono offerte facilitazioni sui crediti. Una via è quella di attingere ai fondi locali, gestiti dalla banca di villaggio (kosh) e messi a disposizione con un sistema di prestiti a rotazione agli abitanti che ne facciano richiesta. Inoltre vengono attivati altri canali di finanziamento, tramite istituzioni più grandi e più centralizzate, come il SIDBI. Il flusso continuo di denaro è assicurato grazie al pagamento tempestivo del latte ai produttori attraverso i fondi della kosh: una piccola percentuale del pagamento viene trattenuta per il rimborso del credito fornito e un altra piccola parte va ai membri del gruppo. La protezione del bestiame: un sistema assicurativo è stato introdotto per far fronte ai rischi dell attività: per esempio l improvvisa morte di un animale. Per offrire questo servizio sono stati stabiliti degli accordi con alcune Compagnie Assicurative. Tuttavia finora il prezzo pagato come compensazione è stato sempre inferiore alle somme versate, per cui, in seguito ad ampie discussioni tra i produttori di latte, si è deciso di organizzarsi su base locale. Un comitato a livello di federazione raccoglie i premi versati dai consumatori, fissati su base competitiva. Se un animale muore, la persona danneggiata viene compensata con l assegnazione di un nuovo animale. Il surplus del premio versato viene destinato ad attività di sviluppo della collettività, in particolare per sostenere le spese amministrative e per organizzare dei corsi di formazione per le donne che intendono dedicarsi all allevamento di mucche e alla raccolta del latte. Ulteriori Servizi: i servizi di assistenza veterinaria vengono forniti sia grazie all intervento diretto, sia mettendo in contatto i gruppi di donne con centri di assistenza veterinaria già esistenti. Per questo servizio i produttori devono contribuire con una piccola somma. Inoltre, in certe zone dove la disponibilità di foraggio è bassa, viene organizzato un sistema centralizzato di acquisto e distribuzione di mangime e foraggio per gli animali. Raccolta e trasporto: in ciascun villaggio i gruppi hanno organizzato un sistema di raccolta del latte in esubero da parte di tutti i membri, grazie alla costruzione di una tettoia in cui tutti possono recarsi per la mungitura. Il latte così raccolto viene trasportato fino alla più vicina centrale del latte per essere trattato. In ciascuna area la federazione dei gruppi coordina la raccolta e il trasporto dai diversi villaggi, e tiene i conti sulla quantità di latte fornito e sugli aspetti economici (assegnazione di prestiti, servizi ecc.). 1 Gli impianti per la lavorazione del latte a Uchapatti, Natham, Gingee and Pooriyampakkam sono predisposti per tutte le tappe di trasformazione. Quelli di Chinnasalem e Sankarapurm hanno solo gli impianti di refrigerazione e di raffreddamento. Le persone responsabili di queste piccole imprese sono membri eletti dalle comunità locali. Per problemi specifici di gestione vengono interpellati all occorrenza dei professionisti. 11

14 Trattamento e commercializzazione: le Centrali del latte, che attualmente sono 6, sono state costruite e messe in funzione per offrire benefici alle popolazioni povere. Il latte che viene convogliato alle Centrali viene pastorizzato, omogeneizzato e impacchettato per la vendita. Le Centrali sono registrate come associazioni no profit, e sono gestite da un Comitato di Direttori eletti tra i membri delle Federazioni. Il latte viene smerciato attraverso punti di vendita ben collegati, con la collaborazione delle Federazioni Sarva Seva per il latte, una compagnia autonoma che è stata istituita espressamente per occuparsi della commercializzazione del prodotto. Questa compagnia è costituita dai rappresentanti eletti delle 6 centrali. Alcune nuove iniziative Servizi di supporto tecnico: una nuova compagnia, istituita solo da quest anno, è la DEFT-Dairy Engineering and Food Technology Ltd, formata da alcuni contadini giovani e capaci, con l obiettivo di rispondere alle richieste di intervento tecnico nel programma di sviluppo del benessere delle popolazioni rurali. Attualmente questa squadra si occupa di risolvere i problemi di manutenzione delle centrali del latte, e cerca di ottimizzarne il funzionamento, in modo da ridurre le spese. Rafforzamento delle Federazioni di produzione del latte: l istituzione Samithi (delle donne) si è assunta la responsabilità di identificare i problemi, di verificare la gestione finanziaria, di sviluppare piani commerciali e di monitorare i progressi compiuti dalle Federazioni per la produzione del latte. Per la prima fase di lavoro sono state scelte 14 Federazioni, ed è in corso di svolgimento la valutazione delle attività. Sulla base di quanto sta emergendo dall indagine, si pensa di intraprendere delle iniziative per ristrutturare gli impianti, e per introdurre sistemi più agili e funzionali per la contabilità. Sono in progetto anche dei corsi di formazione sugli aspetti amministrativi e di pubblicizzazione dei prodotti. Corsi di formazione su nuove attività: in collaborazione con il Centro di assistenza veterinaria e di ricerca dell università di Madurai sono stati svolti dei corsi sulla selezione dei capi di bestiame, la prestazione di cure veterinarie, la scelta del foraggio ecc. Inoltre per ciascuna Federazione è stato messo a punto un piano di lavoro e un sistema di monitoraggio che consenta di registrare i progressi ottenuti via via dalle federazioni. Collaborazione con il Comitato Nazionale di sviluppo dei latticini (NDDB): L ASSEFA e il NDDB hanno avviato un dialogo al fine di stabilire una collaborazione volta a sostenere le popolazioni rurali più povere attraverso la promozione della produzione e vendita di latte. Il Dr. Belvadi, Direttore della Regione Meridionale, ha visitato le Centrali del latte dell ASSEFA e si è incontrato con i gruppi di gestione degli impianti. Si è concordato di registrare la Federazione delle centrali della zona di Natham in base alle nuove norme vigenti (Producers Company Act), e la pratica è già stata avviata. L attività delle Centrali del latte ASSEFA: una panoramica Voci ADDF SWDD SDP SMPF CGMPF SANK. Sedi Uchapatti Pooriyampakkam Natham Gingee Chinnasalem Sankarapuram Anno di inizio Tipo id impianto Completo completo completo completo refrigerazione raffreddamento Capacità (litri/ giorno) N.ro di Federazioni N.ro di produttori Produzione media di latte (litri/ giorno) Note: Nome delle Compagnie: ADDF: Assefa Dairy Development Federations; SDP: Santhigram Dairy Producer; SWDD: Seva Women Dairy Development SMPF: Sarvodaya Milk Producers Federations and CGMPG: Chinnasalem Grameen Milk Producers Federations 12

15 3.3 Micro Imprese per artigiani rurali L ASSEFA ha iniziato a promuovere attività non agricole, soprattutto iniziative su piccola scala, incoraggiando persone particolarmente capaci e intraprendenti. Artigiani locali vengono stimolati e incoraggiati a sviluppare e valorizzare le loro abilità, e a insegnarle ai giovani dei loro villaggi. Verificati i bisogni locali e la presenza di abilità specifiche, l ASSEFA incoraggia lo sviluppo di iniziative coordinate, gestite da piccoli gruppi. Le attività fin qui avviate comprendono: filatura e tessitura di cotone e seta, taglio delle gemme, produzione di oggetti in cuoio e di bastoncini di incenso, sartoria, mercerie e piccoli negozi di alimentari. A livello di villaggio, a seconda del tipo di attività scelta si formano dei gruppi per mettere in comune le proprie competenze e per negoziare insieme con le istituzioni esterne, in modo da ottenere, uniti, delle condizioni più vantaggiose. Inoltre l ASSEFA ha dato vita al Sarva Seva Gramodhyog Samithi, che è stato ufficialmente riconosciuto dalla Commissione governativa che si occupa delle Industrie di Villaggio e della produzione di Kadhi, come Istituzione che opera per promuovere attività non agricole in modo sostenibile. Il suo ruolo principale è quello di identificare, promuovere e sostenere economicamente iniziative non agricole e ambientalmente sostenibili nel settore rurale. Artigiani tradizionali: L ASSEFA ha esteso i suoi servizi anche agli artigiani tradizionali che, messi in grave difficoltà dal processo di globalizzazione e dallo sviluppo della tecnologia, stanno cambiando mestiere, orientandosi verso il lavoro agricolo o il bracciantato in campo edilizio. Per aiutarli a conservare le proprie attività l ASSEFA ha iniziato a offrire dei sostegni, come corsi di specializzazione, crediti, collegamenti con possibili acquirenti. Iniziative per l auto - impiego: si tratta di un programma destinato alle ragazze e alle donne. Nei villaggi sedei di progetti ASSEFA molti genitori preferiscono non mandare le figlie a studiare alla scuola superiore per una serie di motivi. Queste ragazze, generalmente, aiutano le loro madri nelle attività domestiche. L ASSEFA ha svolto alcune indagini allo scopo di sapere che tipo di attività sarebbe gradito a queste ragazze per guadagnare qualche soldo, e la maggior parte di loro si è espressa a favore del lavoro di cucito e sartoria. Così, durante l anno sono state individuate alcune ragazze che, nelle diverse aree in cui si svolgono progetti ASSEFA, hanno seguito del corsi di addestramento e, al termine, hanno ricevuto delle macchine da cucire per poter avviare un attività in proprio. Giovani contadini con titoli di studio: grazie all istituzione di Centri di Addestramento Industriale l ASSEFA ha creato delle opportunità nuove per giovani che intendano intraprendere delle attività in proprio al termine dei loro studi. In questi Centri ci sono corsi di formazione per elettricisti, meccanici (di impianti di refrigerazione, di pompe diesel, di auto ecc.), tecnici di computer, sarti, ricamatrici, rammendatrici. Al termine dei corsi vengono organizzati degli stages con le industrie della zona, per facilitare l inserimento nel mondo del lavoro. I giovani che desiderano mettersi in proprio vengono sostenuti finanziariamente e tecnicamente nella fase di avvio dell impresa. Ogni anno sono circa 150 i giovani e le giovani che seguono i corsi di addestramento e iniziano delle attività autonome. Per quanto riguarda l aspetto promozionale, in varie località sono stati aperti degli sportelli (16 in tutto) tramite i quali si favorisce la vendita diretta dei prodotti finiti. Sono stati avviati anche dei contatti con altri sbocchi di mercato, come i negozi Sarvodaya. L ASSEFA sostiene queste attività anche provvedendo all acquisto coordinato e collettivo di materie prime, riducendo così le spese e favorendo la produzione di prodotti competitivi sul mercato. 13

16 Avvio di nuove iniziative Kits di generi di prima necessità: per gli abitanti dei villaggi spesso è difficile procurasi cibo di qualità a basso prezzo. Tramite il Sarva Seva Gramodhyog Samithi si è introdotta una nuova strategia che consente di ridurre questo problema. Si acquistano i generi di prima necessità all ingrosso, a basso costo, quindi si confezionano dei panieri di dimensioni adatte alle singole famiglie, che vengono distribuiti con la collaborazione dei gruppi di auto-aiuto delle donne. il Kit di sopravvivenza: contiene generi alimentari di prima necessità, sufficienti a soddisfare le esigenze di una famiglia di 5 persone per una settimana. Il costo è di 100 Rupie. Circa famiglie hanno per ora usufruito di questa iniziativa. Il Kit cosmetico: contiene prodotti essenziali come sapone da toeletta e da bucato, talco, e altri prodotti abitualmente usati in questa zona per l igiene personale e della casa. Il costo è di 50 Rupie, e ne hanno usufruito circa famiglie. Il Kit sanitario: nelle zone di campagna le comunità usano ancora metodi di cura tradizionali, e le medicine fanno parte del sistema di produzione di alimenti. In questo modo spesso si ottengono buoni risultati a prezzi accessibili. Sono state identificate le erbe e i prodotti che servono per curare i malesseri più comuni (febbre, diarrea, dolori di testa e di denti ecc.), e impacchettati in un kit del costo di 50 Rupie, che è stato acquistato da quasi 1.50 famiglie. Kits per le offerte: circa 300 famiglie hanno ricevuto una confezione di prodotti necessari per praticare il tradizionale rito religioso, la puja. Con queste nuove iniziative è stato possibile non solo estendere il sostegno alle famiglie povere, ma anche fornire opportunità di impiego a numerose donne (più di 500), che si sono occupate di confezionare questi kits. Promozione di migliori condizioni di vita con le attività delle piccole imprese S. No Attività n.ro di gruppi coinvolti 1 Artigiani di villaggio 75 2 Produzione di oggetti: donne con abilità manuali e tecniche 70 3 Commercializzazione di prodotti: giovani delle campagne 48 4 Abiti: ragazze che hanno dovuto rinunciare alla scuola Commercializzazione del latte e di prodotti orto-frutticoli: giovani 70 imprenditori 6 Kits di generi di prima necessità: famiglie povere Scuole per promuovere servizi di qualità e assicurare condizioni di vita dignitose L ASSEFA sta pensando di avviare delle scuole che si occupino di identificare e fornire sostegno e servizi di qualità per la promozione di condizioni di vita dignitose. Si tratta di una problematica complessa, che richiede di tener conto di molti aspetti; l idea è quella di individuare diversi ambiti e svilupparli separatamente, in modo da rendere disponibili servizi adeguati in ogni settore: infrastrutture, crediti, tecnologia, sviluppo di competenze e abilità nuove, collegamenti con le reti di distribuzione e vendita, ecc. gradation and market linkages. L ASSEFA ha in mente una scuola itinerante per il miglioramento delle condizioni di vita, in grado di perfezionarsi nei seguenti ruoli: Identificazione delle opportunità di miglioramento delle condizioni di vita nelle zone target Valutazione dei vincoli e sviluppo di strategie di intervento nei diversi ambiti Identificazione dei possibili beneficiari a partire dalle famiglie destinatarie del programma di promozione del miglioramento delle condizioni di vita Identificazione delle necessità di addestramento, sviluppo dei moduli di formazione e realizzazione dei corsi. Individuazione, all occorrenza, di competenze esterne in grado di soddisfare le esigenze formative. 14

17 Messa a punto di strategie per facilitare le famiglie a usufruire di supporti integrati e coordinate tramite un sistema a rete (Mutually Agreeable Intervention Network, M.A.I.N. = reti di intervento mutualmente convenuto). Formazione di un gruppo di giovani nelle aree selezionate, in modo da renderli in grado di fornire i servizi di promozione del miglioramento delle condizioni di vita. 4 Istituzioni fiduciarie gandhiane per servizi di micro-finanza Il problema principale per le famiglie povere delle zone rurali è la difficoltà di accesso a piccoli crediti. In questa situazione i contadini non sono affatto incoraggiati a intraprendere nuove iniziative. In situazioni di emergenza di rivolgono a privati, che concedono loro dei prestiti a interessi altissimi. E quando si tratta di restituire il credito, spesso queste persone sono costrette vendere i loro beni, e rimangono completamente privi di risorse. Avendo messo a fuoco queste disfunzioni nel sistema di piccoli crediti, da 15 anni l ASSEFA ha introdotto il concetto credito sociale, e ha dato vita ad alcune istituzioni che erano già state ipotizzate da Gandhi, le Istituzioni fiduciarie. L idea guida è che l istituzione non offre spazio per la proprietà individuale, quindi i benefici non possono essere goduti da singoli individui, ma solo dal gruppo destinatario dell iniziativa. Affinché le operazioni siano svolte con efficacia ed efficienza, vengono coinvolti professionisti con esperienza adeguata, in grado di gestire le operazioni per il beneficio dei destinatari. 4.1 Fondi comunitari per la promozione di iniziative per il miglioramento delle condizioni di vita In ogni villaggio l ASSEFA ha stabilito una Fondazione Nidhi, i cui membri sono rappresentanti eletti in ciascuno dei gruppi attivi nel villaggio. La funzione principale della Fondazione è di mobilizzare, con prestiti a rotazione, i fondi resi disponibili grazie ai contributi ottenuti con il versamento del surplus incassato dalla comunità locale con le attività generatrici di reddito. Questi fondi vengono utilizzati esclusivamente per sostenere attività volte a migliorare le condizioni di vita della comunità. All interno di una stessa area le Fondazioni Nidhi sono organizzate in Federazioni, che coordinano le attività di tutte le Fondazioni di quello specifico progetto. A loro volta i rappresentanti delle Federazioni formano il Sarva Jana Seva Kosh (SJSK), che ha il compito di gestire i fondi che continuamente, a rotazione, vengono dati in forma di prestiti ai contadini. Grazie al SJSK, che opera dal 1989, l ASSEFA è stata in grado di conseguire due obiettivi: sostenere i villaggi in stato di necessità con fondi disponibili a livello di federazione offrire questo insieme di servizi all interno di istituzioni legalmente riconosciute. In base alle raccomandazioni che ricevono dalle loro Fondazioni Nidhi, i membri ricevono dei crediti per una varietà di attività economiche quali: 1. prodotti per mettere a coltura terre incolte 2. acquisto di bestiame 3. apertura di piccole botteghe 4. piccoli scambi commerciali 5. micro-imprese Progetti per il futuro: si sta valutando l ipotesi di convertire il Sarva Jana Seva Kosh in una Compagnia di investimenti, con adeguato riconoscimento legale. Poiché le regole per l utilizzo dei fondi a rotazione sono decise dalle comunità locali, il ruolo del Sarva Jana Kosh è di consulenza, non di carattere decisionale. Quindi il Kosh non può fissare norme e priorità per lo sviluppo dei prestiti per le attività economiche. Ma spesso capita che a livello di villaggio le comunità decidano di usare i fondi a disposizione per investimenti a lungo termine (come la messa a coltura di un terreno o lo scavo di un pozzo) invece di avviare attività economiche che diano una resa a breve termine. 15 SJSK situazione al 31 Marzo 2004 voci unità No di Stati coinvolti 7 Fondazioni Nidhi Federazioni Nidhi 38 Membri Capitale a disposizione(milioni 329 Rs)

18 Impegnando il capitale a disposizione per investimenti che richiedono prestiti di lunga durata, non riescono a rimettere in circolazione il denaro come sarebbe opportuno. D altra parte, si è visto che un altra organizzazione istituita dall ASSEFA, la Sarvodaya Nano Finance Ltd, ha avuto successo nel fornire servizi in termini di micro-finanza. Per questo si sta pensando di convertire il Kosh in una Compagnia di investimenti, in modo da sostenere la comunità locale sui vari fronti. 4.2 Istituzioni di mutuo soccorso per le donne delle aree rurali Le donne rappresentano la parte più vulnerabile nei villaggi. Cadono facilmente vittime di sfruttamento, data la loro posizione di inferiorità nell organizzazione sociale e il basso livello di alfabetizzazione. In molti villaggi le donne vengono confinate a svolgere esclusivamente lavori casalinghi. Solo alcune sono coinvolte in attività economiche, per lo più connesse al lavoro agricolo, a causa di vincoli economici della famiglia. L ASSEFA da più di vent anni ormai dedica particolare attenzione a progetti di sviluppo indirizzati specificamente alle donne: fin dagli ultimi anni 80, quando il Governo del Tamil Nadu affidò all ASSEFA l incarico di realizzare programmi dell IFAD per le donne in 14 province (L IFAD, International Fund for Agricultural Development, è un organizzazione che eroga fondi per l'agricoltura; dal 1988 si è maggiormente concentrata sul sostegno alle donne.) In ogni provincia furono coinvolte da a donne, che si organizzarono in gruppi di Auto-Aiuto, ciascuno costituito da una ventina di persone. All interno di ogni gruppo furono proposte attività di risparmio collettivo. Ogni gruppo era libero di stabilire le regole in base alle quali raccogliere i risparmi e gestirli. Fornendo a rotazione piccoli prestiti, prontamente restituiti, i gruppi riuscivano a far fronte a molte necessità immediate, per acquistare beni di prima necessità o per risolvere problemi imprevisti. Il finanziamento al Programma di Sviluppo delle Donne si concluse nel A quel punto l ASSEFA, che aveva organizzato circa persone nelle 14 province coinvolte, sentì la necessità e la responsabilità di proseguire su questa strada: per avere un idea più chiara della problematica e capire quali iniziative convenisse intraprendere, chiese che fosse fatta una valutazione esterna del programma. I risultati dell indagine suggerirono di organizzare delle istituzioni appositamente per le donne, con la funzione di fornire crediti ai suoi membri per una varietà di scopi. Su questa base l ASSEFA offrì assistenza ai gruppi di Auto-Aiuto, affinché potessero organizzarsi in Fondazioni di Mutuo soccorso coordinate come Federazioni. Queste Fondazioni sono entità legalmente riconosciute, autorizzate a raccogliere fondi all esterno per soddisfare le necessità dei groppi di donne di ottenere dei prestiti e per fare piccoli investimenti in collaborazione con altre strutture organizzate. I gruppi danno il loro contributo decidendo in che forme utilizzare le risorse comuni da investire in azioni di imprese. Usando questa strategia, queste Fondazioni hanno acquistato tutte le quote della Sarvodaya Nano Finance Limited, che è regolarmente riconosciuta dalla Banca Centrale dell India. La metodologia con cui la Compagnia sostiene le attività dei Gruppi di donne è molto semplice, e passa per il tramite delle Fondazioni di Mutuo Beneficio. Oltre al micro-credito, sono state introdotte delle forme di assicurazione sulla vita e sulle proprietà, grazie a collegamenti con compagnie assicurative esterne. La situazione attuale, in sintesi, è la seguente: 16

19 Voci Unità No di Fondazioni 51 Gruppi di donne registrate nelle Fondazioni Numero complessivo di donne coinvolte Capitale totale autorizzato in quote azionarie (milioni di 100 Rupie) Somma complessiva versata in prestiti (milioni di Rupie) 562 Prestiti assegnati ( in milioni di Rupie) al 31 dic Entità media di ogni prestito in Rupie Nota: Sono stati ottenuti prestiti per l ammontare di 93 milioni di Rupie da grandi istituzioni finanziarie, come la SIDBI Le conseguenze di questo insieme di iniziative sulle donne coinvolte è stato molto positivo. Non solo ha consentito alle donne di diventare produttrici di reddito con adeguati programmi economici, ma ha anche incrementato la loro partecipazione alla vita sociale. Sono emerse delle buone leaders, che stanno svolgendo un ruolo importante contro la discriminazione di genere, che contribuiscono a far crescere la consapevolezza tra le altre componenti della comunità, e che sono attive nell ottenere l erogazione di servizi da parte del governo. 5 Servizi per migliorare la qualità di vita In un processo di sviluppo umano olistico servizi come le cure sanitarie, l educazione e l attenzione per l ambiente sono cruciali. L ASSEFA si è messa a disposizione delle comunità rurali povere con i programmi di educazione dei bambini, di servizio sanitario di comunità e di promozione dell habitat, coordinati tra loro all interno di progetti integrati di sviluppo, caratterizzati dall approccio molto particolare della gestione comunitaria. 5.1 Scuole gestite dalla comunità per lo sviluppo dei bambini L educazione dei bambini è un elemento essenziale nel settore dello sviluppo. L educazione favorisce l acquisizione di conoscenze e abilità, grazie alle quali i bambini crescendo possono assicurarsi una buona qualità di vita. L ASSEFA, partendo da questa convinzione, ormai da 26 anni si è impegnata moltissimo per promuovere il sistema educativo nelle zone rurali povere. L educazione fa parte integrante dei progetti di sviluppo, e a seconda delle necessità che vengono espresse e messe in luce, si forniscono i servizi e si realizzano le infrastrutture necessarie. I servizi offerti dal programma educativo comprendono la scuola materna, elementare, media inferiore e superiore, corsi di recupero e integrativi, scuole tecniche e professionali, scuole in lingua inglese. Le scuole ASSEFA vengono organizzate nei villaggi più sperduti, dove non ci sono altre opportunità. Invece, dove esistono già scuole governative, l ASSEFA offre delle attività integrative per i bambini che si trovano in difficoltà, e dei corsi che vengono tenuti nel tardo pomeriggio, per consentire la frequenza agli studenti che durante il giorno non possono frequentare. Attualmente il programma educativo dell ASSEFA viene realizzato in 27 province situate in tre Stati dell India: Tamil Nadu, Rajasthan and Madhya Pradesh. Si tratta di 572 scuole di grande qualità, frequentate da studenti, e che vedono impegnati insegnanti con una buona formazione professionale. Viene data preferenza alle bambine, che sono considerate più vulnerabili nella società: grazie a questa attenzione particolare, la percentuale di femmine nei programmi educativi ASSEFA è molto alta, quasi il 48%. Per offrire una educazione di qualità vengono impiegate insegnanti qualificate. Oltre al curriculum ufficiale, nelle scuole ASSEFA si offre un educazione basata sui valori, che si propone di favorire lo 17

20 sviluppo intellettuale, fisico, economico e spirituale dei bambini. Questo approccio educativo non solo facilita il proseguimento degli studi nelle classi superiori, ma alimenta negli studenti il rispetto per gli altri e la ricerca di armonia all interno della comunità. Di recente l ASSEFA ha iniziato la sperimentazione di un curriculum basato sull educazione alla pace e alla nonviolenza. Poiché i bambini che frequentano le scuole ASSEFA provengono per lo più da famiglie molto povere, a scuola vengono loro forniti pasti nutrienti tutti i giorni. I bambini che completano la scuola elementare sono incoraggiati a proseguire gli studi nelle scuole medie vicine. Per riuscire a fornire un educazione di qualità, e a mettere la comunità in condizione di farsene gradualmente carico, l ASSEFA usa un approccio integrato: inizialmente la comunità coinvolta, che di solito è molto povera, viene sostenuta con programmi economici in modo che le famiglie possano incominciare a guadagnare quanto basta per soddisfare i bisogni primari. Contemporaneamente si promuove nella comunità lo sviluppo di una crescente consapevolezza dell importanza dell educazione per i bambini, attraverso attività e iniziative che coinvolgono i gruppi di base (l Assemblea di villaggio, i gruppi di donne). Quando la comunità dà prova di aver preso coscienza dei propri bisogni, allora viene proposta una serie di attività: - Sviluppo delle infrastrutture in collaborazione con la comunità - Reclutamento degli insegnanti e degli altri operatori scolastici all interno della comunità stessa - Formazione e tirocinio degli insegnanti - Avvio dei programmi scolastici - Passaggio graduale della gestione della scuola dall ASSEFA alla comunità Inizialmente le scuole vengono organizzate e gestite con il sostegno di fondi esterni. Ma gradualmente si coinvolge la comunità e insieme si cercano delle strategie che consentano di diventare autosufficienti. Nei villaggi si formano dei Comitati scolastici, i cui membri sono i genitori degli studenti. Questi comitati si organizzano in federazioni a livello di block (gruppo di villaggi che partecipano a uno stesso progetto di sviluppo), nominando tra di loro dei rappresentanti. Con questa struttura a due livelli le comunità locali diventano gradualmente responsabili, e gestiscono le scuole attraverso un consorzio tra gruppi di villaggi e ASSEFA. Il Programma educativo dell ASSEFA in cifre Tipi di scuola Regolari Tecniche Integratve Recupero Totale Scuola materna elementare Media Biennio Media superiore Scuole in lingua inglese Scuole tecniche N.ro TOTALE di scuole N.ro di insegnanti N.ro di studenti maschi 53% 88% 52% 46% 52% femmine 47% 12% 48% 54% 48% Nota: la maggior parte delle scuole regolari sono riconosciute dal Governo del Tamil Nadu. Gli studenti che frequentano queste scuole sono autorizzati a sostenere le prove di accesso all educazione superiore e possono continuare a studiare all università. Per fornire guida e sostegno alle scuole sono state istituite delle Fondazioni per l educazione. Ognuna di queste Fondazioni, che si curano delle scuole di una certa area, sono gestite da professionisti e da leaders delle comunità, ai quali sta particolarmente a cuore il benessere dei loro villaggi. Attualmente più del 70% 18

Empowerment dei gruppi di auto-aiuto delle donne tramite micro-iniziative economiche

Empowerment dei gruppi di auto-aiuto delle donne tramite micro-iniziative economiche INDIA ITALIA Association for Sarva Seva Farms ASSEFA ONG e Gruppi ASSEFA Empowerment dei gruppi di auto-aiuto delle donne tramite micro-iniziative economiche L ASSEFA India e i Gruppi di auto-aiuto delle

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Report annuale 2014 Progetto CASA PANGEA Calcutta

Report annuale 2014 Progetto CASA PANGEA Calcutta Report annuale 2014 Progetto CASA PANGEA Calcutta Fondazione Pangea è impegnata in un programma a sostegno di donne e bambine con disabilità fisiche o mentali che vivono negli slum di Calcutta e nell area

Dettagli

ASSEFA. 279, Avvai Shanmugam Salai, Chennai 600 014

ASSEFA. 279, Avvai Shanmugam Salai, Chennai 600 014 ASSEFA 2010 11 279, Avvai Shanmugam Salai, Chennai 600 014 1 - ANC - ASSEFA Ante Natal Care Association for Sarva Seva Farms Associazione per le Fattorie al Servizio di Tutti Assistenza Prenatale - CBOs

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

New Education For Liberation

New Education For Liberation Cotronix O.n.l.u.s. New Education For Liberation Nuova educazione per l emancipazione Il Contesto d intervento: ORIGINI DEL PROGETTO: Il progetto nasce dalla necessità di intervenire a sostegno di un infanzia

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: BIO-logica-MENTE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: Educazione e Promozione Culturale [E] 04- Educazione al cibo OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

ASSEFA INDIA LA RUOTA CHE GIRA REPORT 2011-2012

ASSEFA INDIA LA RUOTA CHE GIRA REPORT 2011-2012 ASSEFA INDIA LA RUOTA CHE GIRA REPORT 2011-2012 INDICE 1 ASSEFA E COME UN ARCOBALENO 2 UN RAGGIO DI SPERANZA : CRESCITA PER LA PROSPERITA 3 IL BAMBINO AL PRIMO POSTO 4 SALUTE E IGIENE PER IL BENESSERE

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

DONNE E LAVORO AGRICOLO:

DONNE E LAVORO AGRICOLO: DONNE E LAVORO AGRICOLO: SFIDE E PROPOSTE PER L AGENDA DI SVILUPPO POST 2015 Valentina Franchi Organizzazione delle Nazioni Unite per l Agricoltura e l Alimentazione IL RUOLO DELLE DONNE NELL AGRICOLTURA

Dettagli

Con le donne per vincere la fame

Con le donne per vincere la fame Con le donne per vincere la fame CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI dal 1 maggio al 1 giugno 2014 Chi è Oxfam Italia Oxfam Italia è parte della confederazione globale Oxfam, presente in oltre 90 paesi del mondo

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Project for People ONLUS

Project for People ONLUS Project for People ONLUS Project for People è una ONLUS che dal 1993 realizza progetti di cooperazione e sviluppo in India, Benin (Africa) e Brasile. I valori dell Associazione sono il rispetto della cultura

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e classe

Dettagli

Progetto Casa Pangea Calcutta. Report semestrale Gennaio-Giugno 2015

Progetto Casa Pangea Calcutta. Report semestrale Gennaio-Giugno 2015 Progetto Casa Pangea Calcutta Report semestrale Gennaio-Giugno 2015 Sommario 3 Introduzione 5 Programma di supporto e riabilitazione fisico-mentale 5 Supporto medico 5 Accesso alle agevolazioni statali

Dettagli

Presentazione Perché i donatori investono?

Presentazione Perché i donatori investono? Presentazione Il fund raising è il carburante che alimenta il motore delle aziende nonprofit, permettendo loro di raggiungere la mission. Tuttavia, rappresenta soltanto un mezzo, non un fine. Il fine è

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S. Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Volontariat International Femme Education Développement International Volunteerism Organization for Women, Education, Development ONG con Statuto Consultivo

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI Art. 1 Finalità La Provincia di Genova, in attuazione di quanto previsto dal proprio Statuto, promuove la cultura della

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP All.5 BPW Italy FEDERAZIONE ITALIANA DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI FIDAPA - BPW ITALY INTERNATIONAL FEDERATION OF BUSINESS AND PROFESSIONAL WOMEN Via Piemonte, 32 00187 Roma Tel 06 4817459 Fax 06 4817385

Dettagli

PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALL ISTRUZIONE DI DONNE E RAGAZZE IN SOMALIA. Galkayo, gennaio 2003

PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALL ISTRUZIONE DI DONNE E RAGAZZE IN SOMALIA. Galkayo, gennaio 2003 PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALL ISTRUZIONE DI DONNE E RAGAZZE IN SOMALIA Galkayo, gennaio 2003 commissione internazionale nord-est milano associazione di cultura e solidarietà PROPOSTA DI SOSTEGNO FINALIZZATO

Dettagli

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO per l innovazione della città CHANGE MILANO è un iniziativa del Partito Democratico: un piano di progetti d innovazione per il governo della Città AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO Per aprire la

Dettagli

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE

Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Una via sostenibile per raggiungere gli obiettivi economici e sociali dell UE Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo sostenibile

Dettagli

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 INDICE CHI SIAMO E COSA FACCIAMO 3 CONTESTO E SITUAZIONE PROBLEMATICA 5 IL NOSTRO PROGETTO 5 2 CHI SIAMO E COSA FACCIAMO Siamo una rete di organizzazioni per l

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

È il momento di condividere

È il momento di condividere È il momento di condividere (Scuola di Tansarga in Burkina prima e dopo la ristrutturazione) Il progetto SOS SCUOLA nasce nel 2014 e si inserisce in un contesto che coinvolge migliaia di bambini e decine

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

o.n.l.u.s. LA COMUNITÀ, L AMBIENTE, PER GLI ORFANI DI AIDS DELLO SWAZILAND Campagna di adozione a distanza di una comunità africana

o.n.l.u.s. LA COMUNITÀ, L AMBIENTE, PER GLI ORFANI DI AIDS DELLO SWAZILAND Campagna di adozione a distanza di una comunità africana o.n.l.u.s. UNA SCUOLA PER AMICA LA COMUNITÀ, L AMBIENTE, PER GLI ORFANI DI AIDS DELLO SWAZILAND Campagna di adozione a distanza di una comunità africana I Rapporto Semestrale di avanzamento del progetto

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

ActionAid International in Somaliland: grazie al contributo di Viaggiare!

ActionAid International in Somaliland: grazie al contributo di Viaggiare! ActionAid International in Somaliland: grazie al contributo di Viaggiare! IL SOMALILAND Più di un miliardo di persone, circa un sesto della popolazione mondiale, ancora oggi in Somaliland non ha accesso

Dettagli

Agricoltura e sistemi alimentari per migliorare la nutrizione

Agricoltura e sistemi alimentari per migliorare la nutrizione Agricoltura e sistemi alimentari per migliorare la nutrizione Giornata Mondiale dell Alimentazione 2013: Sistemi Alimentari sostenibili per la sicurezza alimentare e la nutrizione Convegno Sicurezza alimentare,

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE

RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE Ci prendiamo cura degli altri. Serviamo. Otteniamo risultati. RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT Il Servizio è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio, alla promozione e valorizzazione delle attività sportive, motorie e

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

Investimenti etici e ambiente

Investimenti etici e ambiente Investimenti etici e ambiente Alessandra Viscovi 5 giugno 2014 Etica Sgr Etica Sgr opera con lo scopo di "rappresentare i valori della finanza etica nei mercati finanziari, sensibilizzando il pubblico

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Giulio Tagliavini - Massimo Regalli Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Il microcredito Ma i poveri risparmiano? Si osservi la seguente tabella (ripresa dal sito www.manitese.it) Popolazione

Dettagli

Dove. fa la differenza. Rossella Saoncella, direttore generale Granarolo S.p.A.

Dove. fa la differenza. Rossella Saoncella, direttore generale Granarolo S.p.A. Dove un bicchiere di latte fa la differenza Rossella Saoncella, direttore generale Granarolo S.p.A. la nostra idea di Csr charity cittadinanza d impresa elargire aiutare cooperare l autosviluppo! cooperare

Dettagli

FONDAZIONE PANGEA ONLUS

FONDAZIONE PANGEA ONLUS FONDAZIONE PANGEA ONLUS Le donne rappresentano il più vasto numero di persone soggette a discriminazioni, violenze, povertà e processi di impoverimento nel mondo, semplicemente perché appartenenti al genere

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento al seno: un Programma d Azione per l Europa

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento al seno: un Programma d Azione per l Europa Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento al seno: un Programma d Azione per l Europa Il Programma d Azione per l allattamento al seno in Europa è un progetto che mira ad aiutare le donne ad avere

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

I tribali delle Palani Hills. Tamil Nadu India del Sud

I tribali delle Palani Hills. Tamil Nadu India del Sud I tribali delle Palani Hills Tamil Nadu India del Sud Tamil Nadu Il Tamil Nadu è uno stato federato situato sulla costa orientale della penisola indiana, è l undicesimo stato più grande dell India; presenta

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Progetto Lingua Comune: l italiano per stranieri

Progetto Lingua Comune: l italiano per stranieri Parte Seconda: Relazione illustrativa del progetto Titolo del progetto Progetto Lingua Comune: l italiano per stranieri Settore ed area di intervento del progetto (barrare le tematiche prevalenti nel progetto,

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Dsa3 Università di Perugia

Dsa3 Università di Perugia Dsa3 Università di Perugia Perugia, 3 ottobre 2014 Seminario Agricoltura familiare: riflessioni per una società più sostenibile La PAC 2014-2020 e l agricoltura familiare Angelo Frascarelli Docente di

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

Finanza Etica e microcredito

Finanza Etica e microcredito Finanza Etica e microcredito! Il movimento della finanza etica in Italia nasce alla fine degli anni settanta con la costituzione delle MAG (mutue di autogestione) e si sviluppa fino ai giorni nostri con

Dettagli

Cosa sono e come utilizzare le reti solidali

Cosa sono e come utilizzare le reti solidali Freebook è un progetto di libro libero. L Edup dona ai suoi lettori dei veri e propri libri, prodotti editoriali completi rispetto all opera da cui sono tratti. Possono essere letti, stampati, citati,

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale permettono di investire,

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015

Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015 Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015 100.000 per l individuazione di progetti di utilità sociale Finalità della Fondazione La Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus opera nella provincia di

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO 2015 Career Management Skills

PROGETTO ORIENTAMENTO 2015 Career Management Skills PROGETTO ORIENTAMENTO 2015 Career Management Skills Il progetto Career Management Skills, ovvero capacità di gestione della propria carriera, nasce in un momento storico in cui l'orientamento non è più

Dettagli

MILIONI DI PICCOLI E MEDI IMPRENDITORI NELLA TRAPPOLA DELLA POVERTÀ

MILIONI DI PICCOLI E MEDI IMPRENDITORI NELLA TRAPPOLA DELLA POVERTÀ RASSEGNA STAMPA - 16 aprile 2010 Tratto da San Marino Notizie www.sanmarinonotizie.com A San Marino la prima Unione Mondiale delle Piccole e Medie Imprese 14/04/10 17:29 [c.s.] San Marino ospita la prima

Dettagli

[GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO]

[GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO] PROFESSIONISTINETWORK Pierluigi MAZZOLENA Davide INTEGLIA [GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO] [Un commento alla strategia per l attrazione in Italia dei giovani

Dettagli

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI

RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI RELAZIONE DEL GRUPPO AD ALTO LIVELLO SULLO SVILUPPO DI UNO SPAZIOUNICO EUROPEO DEI TRASPORTI Giugno 2012 Gruppo ad alto livello presieduto dal professor B. T. Bayliss SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI Il gruppo

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE ANALISI dei BISOGNI Compito istituzionale della Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori (LILT) è la PREVENZIONE, considerata nelle sue tre valenze: PRIMARIA,

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

Breve sunto del. di Giovanni Olivero. Come contattare CampusLab

Breve sunto del. di Giovanni Olivero. Come contattare CampusLab La storia di CampusLab, le sue iniziative e i suoi progetti si trovano sul sito www.campuslab.eu. Breve sunto del Come contattare CampusLab c/o Palazzo dell Economia e del Lavoro Luigi Einaudi Via Lungo

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E POLITICHE SOCIALI allegato e Gruppo di Coordinamento Provinciale dei servizi integrativi SPAZI PER BAMBINI E ADULTI QUESTIONI, RIFLESSIONI

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

Lo studio di fattibilità di un programma di MF

Lo studio di fattibilità di un programma di MF Lo studio di fattibilità di un programma di MF Georgia Bertagna 18 e 19 novembre 2009 L identificazione Fase di IDENTIFICAZIONE le idee per la creazione o variazione del progetto e le azioni necessarie

Dettagli