PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE ONCOLOGICO AFFETTO DA METASTASI OSSEE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE ONCOLOGICO AFFETTO DA METASTASI OSSEE"

Transcript

1 PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE ONCOLOGICO AFFETTO DA METASTASI OSSEE PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/2009 1/31

2 1. BACKGROUND E RAZIONALE L osso è una delle sedi più comuni di metastasi, essendo preceduto solo da fegato e polmone. In Italia, ogni anno, si stimano circa nuovi casi di. I tumori che più frequentemente danno sono i tumori della mammella, della prostata, del polmone, del rene e della tiroide. Questi tumori sostengono circa l 80% dei casi di metastasi scheletriche. Le sono la causa maggiore di morbilità nei pazienti con cancro per due motivi, uno epidemiologico e l altro clinico. Negli ultimi anni, infatti, si sta osservando ad un progressivo aumento di incidenza delle e questo è principalmente dovuto ad un miglioramento delle terapie mirate per cui il paziente oncologico, anche se già con malattia metastatica, vive più a lungo con una maggiore probabilità quindi di sviluppare nuove sedi di metastasi. In circa 75% dei casi, le sono responsabili, dal punto di vista clinico, di una serie di complicanze, chiamate Eventi Scheletrici Correlati (SRE), rappresentati, secondo le Linee Guida internazionali, da: frattura patologica; radioterapia su un segmento osseo, (o meglio necessità di un trattamento radiante); chirurgia ortopedica; compressione midollare e ipercalcemia (emergenze oncologiche). Nel restante 25% dei pazienti, la diagnosi di viene fatta, invece, accidentalmente con esami eseguiti per altri motivi o durante la stadiazione del tumore primitivo e questo perché il paziente è asintomatico. Il sintomo più frequente, invece, quando presente, è rappresentato dal dolore. La frequenza degli eventi scheletrici dipende da: tipo di metastasi ossea (osteolitica o osteoaddensante); sede e numero; gestione e trattamento degli eventi stessi. PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/2009 2/31

3 Gli eventi scheletrici e il dolore hanno dimostrato in diversi studi di: peggiorare in maniera significativa la qualità di vita del paziente, ridurre l autonomia funzionale del paziente; peggiorare lo stato psico-emozionale del paziente; incrementare la mortalità nel tumore della mammella,della prostata, del polmone. Problema centrale, inoltre, nella gestione del paziente con e delle sue complicanze è rappresentato dall impatto sulla spesa sanitaria che questo determina. E stato infatti ampiamente dimostrato che la gestione di una o più complicanze scheletriche è più dispendiosa della prevenzione e della gestione in modo razionale delle stesse. 2. SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE Alla luce di quanto esposto precedentemente, lo scopo di questo PDT è quello di definire la gestione del paziente oncologico con che afferisce alla SC di Oncologia e che necessita dell integrazione di attività singole riguardanti la cura e il supporto degli eventi scheletrici correlati alle attraverso la strutturazione della gestione multidisciplinare di questa tipologia di paziente. Le attività per il trattamento di pazienti affetti da comprendono: terapie antineoplastiche (chemioterapia, terapie biologiche, terapie con Bifosfonati); radioterapia; radiologia; chirurgia ortopedica; terapie di supporto o palliative (terapia del dolore, fisiochinesiterapia) PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/2009 3/31

4 L integrazione delle attività elencate si traduce nella formazione di gruppi interdisciplinari di lavoro che prevedono il coinvolgimetno di: medico di settore; coordinatore infermieristico; fisioterapista; infermiere. Ogni disciplina coinvolta rivestirà quindi un ruolo nella gestione del paziente affetto da. I principali obiettivi del PDT delle sono quindi rappresentati da: prevenire gli eventi scheletrici correlati alle (SREs); ridurre il dolore secondario alla malattia ossea metastatica; aumentare la sopravvivenza dei pazienti con ; migliorare la qualità della vita dei pazienti con ; ridurre i costi della spesa sanitaria. IL RUOLO DELL ONCOLOGO MEDICO L Oncologo Medico riveste un ruolo fondamentale nell inquadramento e nel percorso diagnostico-terapeutico del paziente con e in particolare degli eventi ad esse correlati (SRE s: skeletal related events). Egli ha il compito di gestire il paziente con lesioni ossee nella fase diagnostica, nella fase di comparsa dell evento scheletrico (fase acuta), nella fase successiva al trattamento. All Oncologo Medico è demandata l indicazione ai vari trattamenti sistemici (chemioterapia, immunoterapia, terapia con bifosfonati)., Il tutto nell ottica della valutazione globale delle condizioni cliniche del paziente (performance status, comorbidità, età), e non ultimo della sua prognosi. PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/2009 4/31

5 Nella gestione multidisciplinare, l Oncololgo Medico è lo specialista che ha in cura il paziente e che spesso ha il compito di coordinare le altre figure specialistiche in base alle necessità cliniche del paziente e in base alle indicazioni dettate dalle Linee Guida nazionali e internazionali. La gestione del paziente con da parte dell Oncologo Medico va inquadrata identificando alcune tipologie di pazienti e di situazioni cliniche diverse: - il paziente non è noto portatore di neoplasia e la diagnosi di metastasi ossea viene eseguita in corso di comparsa di evento acuto (SRE s o dolore). In questo caso la presa in carico del paziente può avviene in un secondo momento (per es dopo il trattamento della fase acuta come la compressione midollare), valutando PS, comorbidità, prognosi se possibile, possibilità di trattamenti sistemici eventuale completamento diagnostico della neoplasia, decisione di trattamenti sistemici e/o palliativi. La presa in carico comporta sin dall inizio anche il coinvolgimento organizzato di alcune figure professionali (Radioterapista, Terapista del dolore, Fisiatra); - il paziente è portatore di neoplasia nota, è già seguito dallo specialista Oncologo e va incontro ad un SRE. In questo caso l Oncologo Medico ha il compito di gestire l evento scheletrico occorso nell ambito della multidisciplinarietà coinvolgendo le figure professionali utili al caso. La diagnosi di metastasi ossea può essere già nota oppure viene fatta in seguito all evento scheletrico. La conoscenza a fondo del paziente e della sua storia oncologica sono presupposti indispensabili per riuscire a ottimizzare il trattamento, e in questo l Oncologo Medico riveste un ruolo fondamentale; - il paziente giunge all osservazione dell Oncologo Medico perché contattato per sospetto diagnostico di neoplasia (quindi il paziente giunge per prima visita oncologica ambulatoriale), oppure per riscontro occasionale durante accertamenti strumentali di stadiazione o eseguiti per altre ragioni, oppure per consulenza in altri reparti (ambulatorio di Fisiatria, Ortopedia, Traumatologia, Neurochirurgia, altri). PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/2009 5/31

6 In questi casi l Oncologo deve avere l opportunità di giungere rapidamente ad una diagnosi certa di lesioni ossee e di eventuali primitività neoplastiche con la collaborazione attiva delle figure specialistiche interessate (radiologo, chirurgo, radioterapista, terapista del dolore, fisiatra, patologo). La gestione multidisciplinare è quindi presupposto indispensabile per l ottimizzazione terapeutica del paziente con e l Oncologo Medico riveste una parte fondamentale in questa gestione assumendo spesso il ruolo di regista delle varie fasi diagnostico-terapeutiche sia delle in fase asintomatica sia a comparsa degli eventi ossei ad esse correlati nelle varie fasi temporali di evoluzione. Una volta adeguatamente strutturati sul piano organizzativo interno dell Ospedale i passaggi principali (ad es. eventuali modalità preferenziali di accesso ad esami radiologici ed ematochimici), il ruolo dell Oncologo Medico è cruciale nella valutazione iniziale e nella successiva gestione del paziente. Una attenzione e trattatazione particolare, per la gravità clinica e per le caratteristiche di emergenza che essa riveste, è la gestione del paziente affetto da metastasi vertebrali. Il problema va inquadrato identificando alcune tipologie di pazienti e di situazioni cliniche diverse che possono presentarsi all oncologo medico: Paziente portatore di neoplasia non nota con sintomatologia mielica acuta: Se non c è una prima diagnosi di neoplasia, dopo il trattamento dell evento acuto (decompressione midollare e/o stabilizzazione di colonna e/o cifoplastica), l Oncologo Medico, o l Ematologo in caso di diagnosi accertata già al momento del trattamento chirurgico di patologia mielomatosa ottenuta per es. tramite semplice apposizione su vetrino di materiale asportato, ha il compito di prendere in carico il paziente. La presa in carico può avvenire dopo consulenza presso il reparto dove il paziente è ricoverato per il trattamento della fase acuta, entro 24 ore dalla richiesta, con decisione, a seconda del caso (valutando PS, comorbidità, prognosi se possibile, possibilità di trattamenti sistemici), di trasferimento in reparto di degenza di Oncologia (entro 5 giorni lavorativi dall approccio all evento acuto) o assicurando una prima visita oncologica entro 3 giorni lavorativi dalla dimissione dal reparto di degenza dove è stato ricoverato per l approccio alla fase acuta, PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/2009 6/31

7 per eventuale completamento diagnostico della neoplasia, decisione di trattamenti sistemici e/o palliativi. La tale presa in carico comporta sin dall inizio anche il coinvolgimento organizzato di alcune delle figure professionali coinvolte nel progetto (Radioterapista, Terapista del dolore, Fisiatra). Se invece c è già una diagnosi di neoplasia ma fatta presso altro centro, l Oncologo Medico del nostro centro deve assicurare comunque una consulenza presso il reparto di degenza del paziente sempre entro le 24 ore dalla richiesta, rimandando eventualmente il paziente al curante Oncologo Medico di riferimento. Paziente portatore di neoplasia nota con sintomatologia mielica acuta: paziente che giunge in Pronto Soccorso: l Oncologo Medico può essere contattato in contemporanea alle altre figure professionali per consulenza (valutazione PS, comorbidità, prognosi se possibile, possibilità di trattamenti sistemici) in previsione di un intervento chirurgico. Il contatto con l Oncologo Medico può anche avvenire dopo il trattamento dell evento acuto (evento avvenuto in giorni festivi, nelle ore notturne). paziente ricoverato c/o Oncologia: si impone la gestione dell urgenza oncologica (v. ruolo del traumatologo, ortopedico, neurochirurgo, radiologo). L Oncologo Medico coordina l urgenza. paziente che giunge in ambulatorio: l Oncologo Medico gestisce l urgenza inviando il paziente in PS o conduce un percorso diagnostico terapeutico come concordato dopo la stesura di questo progetto Paziente portatore di neoplasia non nota, non mielico ma con altra sintomatologia (astenia arti inf-sup e/o dolore del rachide o degli arti) oppure asintomatico Si tratta di pazienti che giungono all osservazione dell Oncologo Medico perché contattato per sospetto diagnostico di neoplasia (prima visita oncologica ambulatoriale), riscontro occasionale durante accertamenti strumentali di stadiazione o eseguiti per altre ragioni, consulenza in altri reparti (ambulatorio di Fisiatria, Ortopedia, Traumatologia, Neurochirurgia, altri) per cui l Oncologo può essere immediatamente contattato ai numeri telefonici forniti per concordare con i colleghi le modalità di valutazione oncologica del PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/2009 7/31

8 paziente (condizione indispensabile per chi ha in corso visita ambulatoriale del paziente es. ambulatorio di Fisiatria) In questi casi l Oncologo deve avere l opportunità di giungere rapidamente ad una diagnosi certa di lesioni vertebrali e di eventuali primitività neoplastiche (ricovero in reparto di Oncologia? Attivazione ambulatorio di Osteoncologia?) quindi coinvolgere le figure professionali del progetto (incontri periodici prestabiliti?) Paziente portatore di neoplasia nota non mielico ma con altra sintomatologia (astenia arti inf-sup e/o dolore del rachide o degli arti ) oppure asintomatico Si tratta di pazienti seguiti in ambulatorio per follow-up oppure in corso di trattamento sistemico (in DH o in Degenza) o per i quali si propongono accertamenti strumentali per sospetto diagnostico di lesioni vertebrali dopo comparsa di sintomatologia (non mielica). Anche in questo caso necessaria una rapida diagnosi per ottimizzare il trattamento multidisciplinare (incontri periodici prestabiliti?) In conclusione, l Oncologo Medico riveste un ruolo fondamentale nella gestione delle metastasi vertebrali e degli eventi ossei ad esse correlati nelle varie fasi temporali di evoluzione. Una volta adeguatamente strutturati sul piano organizzativo interno dell Ospedale i passaggi principali (ad es. eventuali modalità preferenziali di accesso ad esami radiologici ed ematochimici), il ruolo dell Oncologo Medico è cruciale sia nella valutazione iniziale che nella successiva gestione del paziente. In particolare a lui è demandata l indicazione ai vari trattamenti sistemici (chemioterapia, immunoterapia, terapia con bifosfonati)., Il tutto nell ottica della valutazione globale delle le condizioni cliniche del paziente (performance status, comorbidità, età), e non ultimo della sua prognosi. Il ruolo delle altre figure professionali coinvolte nella gestione del paziente affetto da metastasi vertebrali verrà discusso nei singoli paragrafi dedicati. PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/2009 8/31

9 IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA La radioterapia ha un ruolo fondamentale nel trattamento dei pazienti con in quanto trova indicazione nel trattamento del dolore e nel trattamento degli eventi scheletrici come la compressione midollare e le fratture patologiche. Il dolore da è responsabile di circa il 50% dei casi di dolore neoplastico. I meccanismi che mediano l effetto antalgico della radioterapia non sono del tutto noti. L effetto citocida sulle cellule neoplastiche presenti nel focolaio metastatico rappresenta un fattore sicuramente importante; la morte delle cellule neoplastiche riduce infatti gli effetti meccanici di compressione ed infiltrazione del tessuto osseo, e la relativa produzione di citochine che agiscono sui recettori responsabili del dolore. La radioterapia induce un effetto antalgico nel 75-85% dei casi, con una risposta completa, totale abbandono degli analgesici e recupero della funzionalità, del 30-50%. In alcuni casi all inizio del trattamento può comparire un iniziale aumento del dolore, causato dall edema radioindotto e dalla conseguente compressione dei tessuti sani vicini. Questo evento è più frequente per lesioni estese e/o per dosi per frazione più elevate. Il tempo di risposta del dolore alla radioterapia è variabile: nel 25% dei casi entro 2 giorni dall inizio della radioterapia (risposta precoce), nel 50% entro le 4 settimane dal termine del trattamento, e nella restante percentuale dei pazienti più tardivamente. La durata mediana della risposta varia da 11 a 29 settimane. La radioterapia nella maggior parte dei casi è erogata in più frazioni per offrire una tollerabilità maggiore. Il frazionamento convenzionale prevede frazioni giornaliere di Gy, dal lunedì al venerdì, e la dose totale è determinata dalla radiosensibilità del tumore e dalla tolleranza dei tessuti sani coinvolti nel fascio radiante. Si parla di iperfrazionamento quando la dose per singola frazione è inferiore a Gy, e di norma prevede due applicazioni al giorno; si parla invece di ipofrazionamento quando viene erogata una dose elevata per ogni frazione in poche sedute radioterapiche. Storicamente, per il trattamento delle, sono stati utilizzati schemi di ipofrazionamento (30 Gy in 10 sedute di trattamento, 20 Gy in 5 sedute o 8 Gy in una o due sedute in caso di breve aspettativa di vita del paziente) per due motivi PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/2009 9/31

10 dosi relativamente basse di radiazioni sono sufficienti per controllare il dolore nell 80% dei pazienti; 2) un numero esiguo di sedute è vantaggioso per i pazienti in scadute condizioni generali, e per il Centro di Radioterapia, in quanto permette di ridurre le liste di attesa. Dagli anni 80 agli anni 90 sono stati condotti studi randomizzati che hanno valutato diversi regimi di trattamento ipofrazionati. Alla base di questi studi vi è un razionale in base al quale si può ottenere lo stesso effetto terapeutico utilizzando frazionamenti e dosi totali diverse. I risultati hanno condotto alla conclusione che non vi è differenza statisticamente significativa nel controllo del dolore tra ipofrazionamenti di durata più protratta e quelli più brevi e che il trattamento antalgico effettuato in fase iniziale della comparsa del dolore consente di ottenere una maggiore percentuale di risposta completa. Negli ultimi 15 anni, specialmente nelle scuole del Nord Europa, si è cercato di effettuare radioterapia antalgica utilizzando una singola seduta ad alte dosi. In tal senso sono stati eseguiti molti studi randomizzati di confronto tra un trattamento multifrazionato e quello in singola. Questi studi hanno dimostrato che non c è una differenza tra il monofrazionamento ed il trattamento in più frazioni nella palliazione del dolore, nella qualità di vita e negli effetti collaterali. Per quanto riguarda la prevenzione di fratture patologiche, la radioterapia erogata ad alte dosi esercita un azione tumoricida sulla lesione ossea bersaglio; ciò determina la formazione di un tessuto fibroso riparatorio che può andare anche incontro a mineralizzazione. Tuttavia il neo-tessuto cicatriziale a differenza del fisiologico tessuto osseo manca della tipica microarchitettura trabecolare responsabile della stabilità e della resistenza alle fratture patologiche. Da un punto di vista fisiopatologico, si potrebbe quindi affermare che la radioterapia non garantisce una sicura prevenzione delle fratture. Quindi per i pazienti con dolenti ± rischio di frattura patologica è indicato un trattamento radiante in seduta unica di 8 Gy. PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/ /31

11 La possibilità di effettuare un retreatment va valutata in base alle modalità tecniche del precedente trattamento e del segmento osseo (in funzione degli organi a rischio esposti). Non ci sono studi randomizzati che consentano di definire quale sia la dose ottimale per il retreatment delle. La reirradiazione delle è possibile e consente di ottenere una palliazione efficace, specie per pazienti in buone condizioni generali (ECOG 0-1) che hanno avuto una buona risposta al primo ciclo di radioterapia. Jeremic consiglia una seduta unica di 4 Gy. La compressione midollare metastatica (CMM). rappresenta, come visto in precedenza, una delle complicanze più temibili nei pazienti con metastasi vertebrali e si avvale di trattamento sia chirurgico, come descritto più avanti, che radioterapico. Entrambi gli approcci, da soli o in associazione sono validi e consentono di ottenere pari risultati in termini di sopravvivenza e di miglioramento dello stato funzionale del paziente. La decisione terapeutica deve essere quindi individualizzata non essendoci una dimostrazione certa della superiorità della chirurgia rispetto alla radioterapia. I regimi radioterapici con frazionamenti convenzionali (2 Gy per frazione fino alla dose totale di Gy) oggi sono per lo più abbandonati in favore di trattamenti più brevi ( short-course ) con la somministrazione di dosi singole più elevate. Le analisi dei dati della letteratura hanno mostrato la pari efficacia terapeutica nel controllo del dolore degli ipofrazionamenti rispetto a quelli convenzionali. Pur non esistendo studi randomizzati a riguardo, in genere nei pazienti con CMM e aspettativa di vita superiore a 6 mesi (istologia favorevole linfoma, mieloma, seminoma e carcinoma di mammella e prostata, buon performance status, assenza di deficit neurologico e malattia primitiva controllata) si tende ad utilizzare ipofrazionamenti del tipo 3 Gy per 10 frazioni fino a 30 Gy in 2 settimane ovvero 4 Gy per 5 frazioni consecutive fino a 20 Gy. Di contro nei rimanenti pazienti, quelli a prognosi sfavorevole (aspettativa di vita inferiore a 6 mesi) che rappresentano la maggioranza dei casi, è stato dimostrato che il bifrazionamento della dose (8 Gy x 2 in una settimana) ovvero la dose unica di 8 Gy sono efficaci e scevri da danno midollare iatrogeno quanto frazionamenti più prolungati. PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/ /31

12 La RM è l esame diagnostico ottimale per l esecuzione di un migliore trattamento radiante, in quanto è in grado di identificare sia il danno osseo vertebrale sia quello dei tessuti molli circostanti causa della CMM. Dopo la radioterapia può presentarsi una recidiva nel 16-25% dei casi, recidiva che spesso (64%) si verifica nei due corpi vertebrali sopra o sotto la sede della CMM, per cui al momento della pianificazione della radioterapia bisogna comprendere nel campo di irradiazione la lesione ossea e/o paravertebrale con un estensione caudale e craniale di due vertebre. E necessario inoltre controllare nel tempo attentamente i pazienti trattati, programmando prontamente un nuovo controllo RM laddove possa rilevarsi il sospetto clinico di una nuova CMM e poter valutare l esecuzione di una chirurgia o di una re-irradiazione. Considerando il potenziale danno iatrogeno midollare di una re-irradiazione è possibile la reirradiazione in pazienti adeguatamente selezionati. Se è presente un istologia associata a prognosi favorevole si preferisce un trattamento radiante di 2 Gy frazione fino alla dose totale di Gy. Se l istologia è a prognosi sfavorevole possono essere utilizzati regimi di radioterapia quali 8 Gy frazione fino alla dose totale di 16 Gy ovvero 8 Gy in dose unica. Terapia radio metabolica La maggior parte dei pazienti con presenta lesioni multiple. In presenza di diffuse la radioterapia a fasci esterni deve essere erogata su campi ampi. Ciò incrementa notevolmente il rischio di effetti collaterali sistemici, in particolare gastroenterici ed ematologici che ne limitano le indicazioni. La radioterapia metabolica si basa sull utilizzo di radionuclidi somministrati per via orale o parenterale in grado di localizzarsi specificatamente nel sito delle metastasi e di emettere radiazioni ionizzanti in un percorso molto limitato. In pazienti con malattia metastatica estesa la radioterapia metabolica, data la sua distribuzione sistemica, rappresenta quindi una valida opzione terapeutica. I radiofarmaci possono essere distinti in oncotropi e osteotropi. I primi hanno un affinità specifica per le cellule neoplastiche, come ad esempio lo Iodio 131,utilizzato a fini diagnostici e terapeutici nei tumori differenziati della tiroide, e la meta-iodio-benzilguanidina (MIBG), precursore delle catecolamine, impiegata nei tumori neuroendocrini e nei feocromocitomi. PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/ /31

13 I secondi non hanno affinità con il tessuto neoplastico, ma si localizzano nelle sedi di rimaneggiamento osseo dove possono espletare l effetto antalgico e un azione diretta antitumorale. Per eseguire la terapia metabolica, è necessario effettuare una scintigrafia ossea con difosfonati che permette di evidenziare le sedi di rimaneggiamento osseo. I requisiti essenziali del radiofarmaco ideale per la cura delle sono: - selettiva captazione da parte delle metastasi; - rapida clearance dai tessuti molli e dall osso sano; - emissione di energia compresa tra 0.8 e 2 MeV; - biodistribuzione simile a quella dei difosfonati; - limitato irraggiamento del midollo osseo; - emivita fisica maggiore o uguale all emivita biologica; - pronta disponibilità e costi ragionevoli. I radiofarmaci più comunemente utilizzati nella pratica clinica sono il fosforo-ortofosfato (P- 32), lo Stronzio-89 (Sr-39), il Samario-EDTMP (Sm-153) e il Renio-HEDP (Re-186) La radioterapia con SR-89 è indicata principalmente nella terapia delle da carcinoma prostatico ormonorefrattario ed è efficace nel controllo del dolore nei pazienti con multiple con intensità pari alla radioterapia a fasci esterni. Inoltre la radioterapia metabolica con somministrazione di Sr-89 associata alla chemioterapia ottiene un maggiore controllo del dolore rispetto alla sola radioterapia, anche se con un potenziale incremento della tossicità ematologica. Uno degli aspetti organizzativi più importanti di cui si deve tenere conto nella programmazione dei trattamenti di terapia radiometabolica è rappresentato dalla modalità di ricovero dei pazienti in cura. I radiofarmaci emettono fotoni e radiazioni beta e vengono eliminati per via renale e intestinale. Ciò rappresenta un rischio di esposizione a radiazioni ionizzanti per la popolazione sana a contatto con il paziente e di contaminazione ambientale (smaltimento dei rifiuti radioattivi). E quindi estremamente importante che siano definite delle regole chiare che indichino quando sia possibile effettuare la terapia radiometabolica in regime ambulatoriale e, in caso di ricovero, quando sia possibile dimettere il paziente. Tali regole devono garantire che l eventuale irradiazione di individui della popolazione a contatto con i PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/ /31

14 pazienti sia mantenuta entro livelli accettabili, inferiori ai limiti di dose fissati dalla legislazione vigente. I radiofarmaci impiegati nel trattamento delle hanno una emivita molto ridotta ed emettono radiazioni beta, con un emissione fotonica di minima entità. Ciò comporta trascurabili rischi di irradiazione esterna della popolazione sana, irrilevante contaminazione ambientale, e necessità di ricovero solo per paziente incontinenti. In definitiva i radiofarmaci sono efficaci nel trattamento del dolore per pazienti con plurime. In considerazione della tossicità ematologia associata e della clearance renale di questi farmaci, la terapia metabolica può essere applicata soltanto a pazienti con buona funzionalità midollare e renale, e necessita di adeguate norme di radioprotezione previste dalla legge La radioterapia metabolica è efficace nel controllo del dolore nei pazienti con multiple al pari della radioterapia a fasci esterni, con indicazione specifica nel carcinoma prostatico ormono-refrattario plurimetastatizzato. La radioterapia metabolica associata alla chemioterapia ottiene un maggiore controllo del dolore rispetto alla sola radioterapia, con un potenziale incremento della tossicità ematologica. L aggiunta della terapia radiometabolica alla radioterapia a fasci esterni non aumenta la probabilità di controllo del dolore. Il RUOLO DELLA TERAPIA DEL DOLORE Il dolore osseo neoplastico e una manifestazione devastante del cancro metastatico ed e spesso uno dei sintomi piu comuni riferiti dai pazienti. Il carcinoma mammario e prostatico metastatici sono i principali contribuenti alla prevalenza del dolore osseo da cancro poiche le sono presenti in oltre il 90% dei pazienti con queste patologie. Il dolore da e caratterizzato dalla presenza prevalente di dolore intenso durante il movimento anche di modesta entita come il tossire, il girarsi nel letto, il muovere gli arti. La presenza di allodinia meccanica in alcune sedi metastatiche e la percezione dolorosa di stimoli meccanici che non sono normalmente percepiti come dolorosi. Il beneficio clinico delle terapie sintomatiche nei pazienti con cancro deve essere valutato sulla base di misure soggettive dei sintomi, della PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/ /31

15 qualità di vita e del performance status oltre al giudizio di efficacia fornito dal paziente. Esistono delle scale unidimensionali che misurano esclusivamente l intensità del dolore (analogiche visive, numeriche, verbali) e scale multidimensionali che valutano anche altri aspetti della vita del paziente [es Edmonton Symptom Assessment System ESAS, Brief Pain Inventory BPI. Non esistono in letteratura linee guida di trattamento farmacologico specifico nei pazienti con. Quindi, per quanto riguarda il trattamento del dolore da cancro con farmaci analgesici ci riferiamo alle linee guida e raccomandazioni pratiche della Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e alle linee guida dell Associazione Europea di Cure Palliative (EAPC). Le linee guida dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per il trattamento del dolore da cancro, suggeriscono un approccio sequenziale a tre scalini. La sequenza prevede il passaggio da farmaci per il dolore lieve (non oppioidi) a farmaci per il dolore lieve-moderato (oppioidi deboli) a farmaci per il dolore moderato-severo (oppioidi forti), in funzione della persistenza del dolore e della sua intensità. *l ossicodone, quando usato a basse dosi (5 mg) in associazione al paracetamolo (325 mg) può rientrare nel 2 gradino, a dosi superiori rientra nel 3 gradino PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/ /31

16 La tabella mostra la scala dell OMS e i farmaci disponibili attualmente in Italia. Ad ogni gradino possono essere associati i farmaci adiuvanti. I farmaci non-oppioidi, oppioidi e adiuvanti (cortisonici, antiepilettici, anestetici locali, antidepressivi) sono somministrati singolarmente o in associazione secondo il tipo e l intensità della sintomatologia dolorosa. Gli antinfiammatori sono raccomandati come primo scalino della scala analgesica dell OMS o in associazione agli oppioidi per dolore di intensità più severa. Sono inoltre ritenuti particolarmente efficaci nel dolore da metastasi ossee per il loro effetto inibitorio sulla ciclo-ossigenasi e quindi sulla sintesi delle prostaglandine. Gli oppioidi analgesici indicati per il trattamento del dolore da cancro di intensità lievemoderata sono: codeina, tramadolo e destropropossifene. Nonostante la carenza di evidenze, lo Scottish Intercollegiate Guidelines Network (SIGN) conclude che il tramadolo non ha sostanziali vantaggi clinici rispetto ad altri oppioidi del 2 gradino. Uno studio pubblicato nel 2005 ha mostrato che il salto del 2 gradino si associa ad una riduzione delle giornate con dolore più intenso, ma con un aumentata incidenza degli effetti collaterali. I farmaci disponibili per il trattamento del dolore da moderato a severo sono: morfina, metadone, ossicodone, idromorfone, fentanyl, buprenorfina. Per l utilizzo di tali farmaci si può fare riferimento alle raccomandazioni dell EAPC (tabella 2). Secondo l OMS e l EAPC, una efficace terapia analgesica deve possedere i seguenti requisiti: -Prevenire l insorgenza del dolore; per questo motivo i farmaci non devono essere assunti al bisogno, ma a orari regolari, tenuto conto della loro emivita plasmatica, biodisponibilità e durata d azione. La somministrazione al bisogno deve essere riservata per trattare il dolore che sopraggiunge nonostante il paziente sia già in trattamento con farmaci somministrati ad intervalli prefissati (breakthroughpain). -Essere di semplice somministrazione. Per questo motivo la somministrazione orale è ritenuta la migliore. -Essere modificata con tempestività quando l analgesico cessa di essere efficace. -Essere personalizzata per quanto riguarda i dosaggi, le vie di somministrazione ed il tipo di farmaco utilizzato. PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/ /31

17 Un approccio farmacologico al dolore, basato prevalentemente sull uso corretto degli oppioidi analgesici, consente di controllare il sintomo in circa il 90% dei casi (15). Raccomandazioni EAPC: - La morfina è l oppioide di prima scelta per il dolore oncologico moderato-severo - La via di somministrazione preferibile per la morfina è quella orale - La via di somministrazione alternativa più valida per la morfina è quella sottocutanea - Il rapporto morfina orale - morfina sottocutanea varia da 2:1 a 3:1 - L infusione endovenosa di morfina è preferibile nei soggetti con cateteri venosi, con edema generalizzato, con disturbi della coagulazione, con circolazione periferica compromessa, con eritema post somministrazione sottocutanea - Il rapporto morfina orale - morfina endovenosa varia da 2:1 a 3:1 - L utilizzo di fentanyl transmucosale è efficace nel dolore acuto in pazienti stabilizzati con morfina orale o con altro oppioide - L ossicodone e l idromorfone sono un alternativa efficace alla morfina per os - Il metadone è una alternativa efficace alla morfina per os, ma deve essere maneggiato con cura a causa delle variabilità farmacologiche interindividuali - Il fentanyl transdermico è un efficace alternativa alla morfina orale, ma andrebbe riservato ai pazienti in terapia con oppioidi a dose stabile - La somministrazione spinale di oppioidi dovrebbe essere presa in considerazione in pazienti che manifestano analgesia inadeguata nonostante l uso ottimale di oppioidi sistemici. Sintesi e Raccomandazioni: o Il rapporto morfina orale/ morfina sottocutanea/endovenosa è 2:1, 3:1 o L utilizzo di fentanyl transmucosale è efficace nel dolore acuto in pazienti stabilizzati con morfina orale o con altro oppioide o L ossicodone ha la stessa efficacia della morfina per os PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/ /31

18 o Il metadone ha la stessa efficacia della morfina per os, ma presenta variabilità farmacologiche interindividuali o Il fentanyl transdermico ha la stessa efficacia della morfina orale ma richiede titolazione o La somministrazione intratecale o peridurale è in grado di recuperare efficacia terapeutica nei pazienti che manifestano analgesia inadeguata nonostante l uso ottimale di oppioidi sistemici o La morfina è l oppioide di prima scelta per il dolore oncologico moderato-severo o La via di somministrazione preferibile per la morfina è quella orale o La via di somministrazione alternativa più valida per la morfina è quella sottocutanea o L infusione endovenosa di morfina è preferibile nei soggetti con cateteri venosi, con edema generalizzato, con disturbi della coagulazione, con circolazione periferica compromessa, con eritema post somministrazione sottocutanea o ossicodone e metadone sono trattamenti alternativi appropriati alla morfina o il fentanyl transdermico è un trattamento alternativo appropriato nei pazienti già in terapia con oppioidi a dose stabile o il fentanyl transmucosale può essere utilizzato nel dolore acuto incidente in pazienti stabilizzati con altro oppiode o La somministrazione intratecale o peridurale di oppioidi dovrebbe essere presa in considerazione in pazienti che manifestano analgesia inadeguata nonostante l uso ottimale di oppioidi sistemici o La terapia palliativa con acido zoledronico è un approccio terapeutico appropriato nei pazienti con dolore da o La terapia radiometabolica è un approccio terapeutico appropriato nei pazienti con dolore da non in trattamento con farmaci antiblastici o La radioterapia esterna è un approccio terapeutico appropriato nei pazienti con dolore da Per quanto riguarda il ruolo dei bifosfonati (BP) nella terapia antalgica, diversi studi indicano che alcuni di essi risultino efficaci non solo nel diminuire il rischio di eventi PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/ /31

19 scheletrici ma anche nel ridurre il dolore osseo e, di conseguenza, migliorare la qualità della vita dei pazienti in diverse patologie tumorali Questo è stato dimostrato in numerosi studi adeguatamente dimensionati, tuttavia va sottolineato che nella maggior parte degli studi, il consumo di analgesici si è mantenuto quasi sempre invariato tra i pazienti trattati con BP e quelli non trattati, indicando chiaramente che i BP non sostituiscono la terapia anti-dolorifica convenzionale ma contribuiscono con effetto additivo coanalgesico. Oltre ad un controllo del dolore a lungo termine dovuto ai benefici effetti sull integrità ossea, i BP sembrano esercitare effetti analgesici anche sul dolore non responsivo ad alte dosi di oppioidi analgesici quando somministrati con una dose di carico. IL RUOLO DELLA CHIRURGIA Nei pazienti affetti da, la determinazione del trattamento chirurgico corretto e del timing chirurgico risulta fondamentale, ricordando che il trattamento di questi pazienti deve tenere in considerazione la prognosi e la qualità di vita residua. Da un punto di vista diagnostico, è necessario eseguire sempre, quando possibile, alcuni fondamentali esami radiologici: esame radiografico standard del segmento scheletrico coinvolto, anche per distinguere tra una metastasi dello scheletro assiale da quello appendicolare; scintigrafia scheletrica globale per valutare il numero delle lesioni scheletriche; TC total body con mezzo di contrasto per la determinazione delle eventuali metastasi viscerali. Questo esame può essere sostituito dalla PET, anche se non tutti i centri ne sono dotati; RMN con mezzo di contrasto della lesione coinvolta per studiare i rapporti con le parti molli circostanti; nel caso di lesioni vertebrali la RMN deve riguardare il rachide in toto, perché sono frequenti le lesioni vertebrali multiple contestuali, anche non necessariamente captanti alla scintigrafia; TC del segmento scheletrico coinvolto per studiare l entità del danno corticale. La RMN e la TC del segmento servono per la scelta terapeutica, che sarà tanto più aggressiva in funzione della migliore prognosi in relazione all istotipo, ma anche alla sede della lesione (per es il collo del femore). Si raccomanda comunque, in presenza di qualsiasi dubbio diagnostico, di eseguire una biopsia, anche estemporanea, della lesione ossea anche all atto dell intervento chirurgico, PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/ /31

20 ed in presenza di dubbio di nuova primitività, eseguire solo la biopsia. Ed attendere l istologico definitivo per pianificare il trattamento corretto. Quando si prende in considerazione il ruolo della chirurgia in questi tipi di pazienti è fondamentale prendere in considerazione i principali fattori prognostici della malattia metastatica: le caratteristiche biologiche, l aspettativa di sopravvivenza (tipo di tumore primitivo), l estensione della malattia (lesione unica o multipla), le condizioni generali del paziente (performance status); l intervallo libero da malattia; le caratteristiche biomeccaniche: presenza o rischio di frattura patologica nelle ossa lunghe principali (sede e dimensioni della lesione; tipo di lesione litica o addensante); sensibilità prevista alle terapie non chirurgiche (chemioterapia, radioterapia, ormonoterapia etc.). Le indicazioni all intervento sono ormai standardizzate, le tecniche chirurgiche sono più difficilmente standardizzabili, richiedendo un elettività chirurgica capace di utilizzare le tecniche e dei mezzi di sintesi e le protesi di volta in volta in funzione delle lesioni. Per quanto riguarda i pazienti con da carcinoma degli arti e dei cingoli sono assegnati ad una di quattro classi (Tab.1): PDT SC Oncologia Medica Protocollo per il paziente oncologico affetto da Rev. 1 del 31/12/ /31

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta LA RADIOTERAPIA E un metodo di cura conosciuto da più di 100 anni che prevede l utilizzo di radiazioni

Dettagli

LE METASTASI OSSEE Informazioni per i pazienti. A cura di: Daniele Santini e Gaetano Lanzetta

LE METASTASI OSSEE Informazioni per i pazienti. A cura di: Daniele Santini e Gaetano Lanzetta A cura di: Daniele Santini e Gaetano Lanzetta 16 luglio 2015 Gruppo di lavoro Linea Guida AIOM 2015 TRATTAMENTO DELLE METASTASI OSSEE Coordinatore: Daniele Santini Oncologia Medica - Università Campus

Dettagli

IL RUOLO DELL ORTOPEDICO

IL RUOLO DELL ORTOPEDICO AUSL TA/1 P.O. CENTRALE STABILIMENTO SS. ANNUNZIATA TARANTO STRUTTURA COMPESSA ORTOPEDIA-TRAUMATOLOGIA dott. Cosimo MONTELEONE TARANTO 16-17 MARZO 2007 CIRCOLO UFFICIALI DELLA MARINA MILITARE Direttore

Dettagli

LA TERAPIA DEL DOLORE. Dott. Angelo Campagna U.O ONCOLOGIA Ospedale Fatebenefratelli Benevento

LA TERAPIA DEL DOLORE. Dott. Angelo Campagna U.O ONCOLOGIA Ospedale Fatebenefratelli Benevento LA TERAPIA DEL DOLORE Dott. Angelo Campagna U.O ONCOLOGIA Ospedale Fatebenefratelli Benevento DEFINIZIONE DI DOLORE "Un'esperienza sensitiva ed emotiva spiacevole, associata ad un effettivo o potenziale

Dettagli

METASTASI OSSEE: STRATEGIE CHIRURGICHE Dott.ssa Serena Puccini Ortopedia e Traumatologia S. Jacopo PT

METASTASI OSSEE: STRATEGIE CHIRURGICHE Dott.ssa Serena Puccini Ortopedia e Traumatologia S. Jacopo PT : STRATEGIE CHIRURGICHE Dott.ssa Serena Puccini Ortopedia e Traumatologia S. Jacopo PT IMPATTO SOCIALE IMPATTO SOCIALE EPIDEMIOLOGIA PATOLOGIA LARGAMENTE DIFFUSA 1.2 million new cancer cases in 1999 in

Dettagli

chirurgiarticolare.it

chirurgiarticolare.it LE NEOPLASIE DELLE OSSA E DELLE PARTI MOLLI DALLA DIAGNOSI ALLA TERAPIA Cremona 2009 1 METASTASI OSSEE Sede metastatica più rappresentata dopo polmone e fegato Il 15% dei carcinomi metastatizza allo scheletro

Dettagli

Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento

Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento Martedì Salute GAM 3 dicembre 2013 Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento Dott. Antonio Bruno Chirurgia i Vertebrale Clinica Cellini, Torino Resp. Dott J. Demangos OSTEOPOROSI Disordine scheletrico

Dettagli

Bari, 7-10 novembre 2013 Gestione del Carcinoma Tiroideo in progressione Take Home Messages

Bari, 7-10 novembre 2013 Gestione del Carcinoma Tiroideo in progressione Take Home Messages Gestione del Carcinoma Tiroideo in progressione Take Home Messages Rinaldo Guglielmi UOC Endocrinologia Il problema La maggior parte dei carcinomi tiroidei differenziati guarisce con il trattamento iniziale

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

CANCRO SECONDARIO WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

CANCRO SECONDARIO WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ CANCRO SECONDARIO WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Il più frequente dei tumori ossei (60%) Il più frequente dei tumori ossei (60%) Adulti o anziani Il più frequente dei tumori ossei (60%) Adulti o anziani Tumore

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità operativa di Radioterapia Azienda Ospedaliera di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina TUMORI PRIMITIVI DELLA PARETE TORACICA Sono tumori eterogenei che possono prendere origine

Dettagli

L immagine di Giada. 59 aa, avvocato, separata, senza figli, ha una estrema cura della sua persona e del suo aspetto

L immagine di Giada. 59 aa, avvocato, separata, senza figli, ha una estrema cura della sua persona e del suo aspetto Caso clinico Giada L immagine di Giada 59 aa, avvocato, separata, senza figli, ha una estrema cura della sua persona e del suo aspetto Tumore del polmone non a piccole cellule, con presenza di mts costali

Dettagli

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag.

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag. Rif. P 01 Pag. 1 Sommario 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso REVISIONI N REV. DATA STESURA DESCRIZIONE Rif. PARAGR. Rif. PAGINA 00 20/10/2009 Prima emissione

Dettagli

VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO

VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO II CONGRESSO NAZIONALE AIIAO L infermiere in Oncologia tra management e pratica clinica: quale futuro? Napoli 24-25 maggio 2013 VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO N. Galtarossa D. Grosso L.

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico. N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO )

OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico. N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO ) OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO ) OSTEOPOROSI? Malattia del sangue Malattia dell osso OSTEOPOROSI: malattia sistemica dello scheletro

Dettagli

U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE TERAPIA ANTALGICA OSPEDALE DI CHIOGGIA LA TERAPIA ANTALGICA INVASIVA NEL DOLORE ONCOLOGICO DOTT.

U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE TERAPIA ANTALGICA OSPEDALE DI CHIOGGIA LA TERAPIA ANTALGICA INVASIVA NEL DOLORE ONCOLOGICO DOTT. U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE TERAPIA ANTALGICA OSPEDALE DI CHIOGGIA LA TERAPIA ANTALGICA INVASIVA NEL DOLORE ONCOLOGICO DOTT. CINETTO ANDREA DOLORE NEL MALATO NEOPLASTICO 50 80 45 40 35 30 25 20 15 10 5

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

30/04/2009. Introduzione. Lezioni di Medicina Nucleare. Radiofarmaci. Generalità. Tecnica. Scansione total-body. Apparato osteoarticolare

30/04/2009. Introduzione. Lezioni di Medicina Nucleare. Radiofarmaci. Generalità. Tecnica. Scansione total-body. Apparato osteoarticolare Introduzione Lezioni di Medicina Nucleare Apparato osteoarticolare Dr. Angelo Del Sole Istituto di Scienze Radiologiche Università degli Studi di Milano angelo.delsole@unimi.it La scintigrafia ossea valuta

Dettagli

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella!

E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore, L.E. Trodella, L. Poggesi, R.M. D Angelillo, E. Iannacone, L.Trodella! Il trattamento stereotassico delle lesioni surrenaliche in pazienti oligometastatici affetti da NSCLC: una promettente arma per il controllo locale di malattia?! E.Molfese, P.Matteucci, A.Iurato, M. Fiore,

Dettagli

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella DIPARTIMENTO EMATOLOGIA, ONCOLOGIA E MEDICINA DI LABORATORIO - DIRETTORE: PROF. F.W. GRIGIONI DIPARTIMENTO EMERGENZA/URGENZA, CHIRURGIA GENERALE E DEI TRAPIANTI - DIRETTORE: PROF. A.D. PINNA DIPARTIMENTO

Dettagli

TRATTAME TO DEL DOLORE I PAZIE TI AFFETTI DA EOPLASIA PROSTATICA

TRATTAME TO DEL DOLORE I PAZIE TI AFFETTI DA EOPLASIA PROSTATICA TRATTAME TO DEL DOLORE I PAZIE TI AFFETTI DA EOPLASIA PROSTATICA Eur Urol Guidelines Series 2007 EUROPEA ASSOCIATIO OF UROLOGY (EAU) GUIDELI ES 2007 EDITIO PAI MA AGEME T I PROSTATE CA CER PATIE TS 2.3.1.

Dettagli

Tumori ossei. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro

Tumori ossei. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Tumori ossei Cause Sintomi Diagnosi Terapia Prognosi Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Tumori ossei I tumori ossei si formano quasi sempre all'interno di un osso e solo molto raramente

Dettagli

Caso clinico relativo a M. E., di anni 64, di sesso femminile, affetta da carcinoma mammario in stadio avanzato.

Caso clinico relativo a M. E., di anni 64, di sesso femminile, affetta da carcinoma mammario in stadio avanzato. Dott. Castellari Sigerio Specialista in Oncologia Generale Radiologia e Terapia Fisica Caso clinico relativo a M. E., di anni 64, di sesso femminile, affetta da carcinoma mammario in stadio avanzato. Sintesi

Dettagli

del dolore cronico Furio Zucco

del dolore cronico Furio Zucco Basi del trattamento del dolore cronico Furio Zucco Dolore: meccanismi recettoriali e siti d azione Sistema limbico Talamo Corteccia somatosensoriale Sistema mediale Formazione reticolare Sistema laterale

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

La Terapia del dolore

La Terapia del dolore La Terapia del dolore Corso di Introduzione alle Cure Palliative-1 St. Christophe, 10 giugno 2006 Dott. Lorenzo Pasquariello Resp. SSD Terapia del Dolore Azienda USL Valle d Aosta Dolore oncologico Dolore

Dettagli

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena Il Punto Senologico Dott.ssa Elda Longhitano Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena 25 settembre 2009 XIII Conferenza Nazionale della Rete HPH Ospedali e Servizi

Dettagli

I TUMORI del RACHIDE WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

I TUMORI del RACHIDE WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ I TUMORI del RACHIDE WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Tumori ossei Tumori produttori di tessuto osseo Tumori produttori di tessuto cartilagineo Tumori a cellule giganti Tumori del midollo osseo Tumori del tessuto

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Nucleare

Unità Operativa di Medicina Nucleare Parte Seconda (per il Medico di Famiglia) INDICAZIONI "APPROPRIATE" Nonostante la documentata efficacia diagnostica, la diffusione dei tomografi PET/CT sul territorio nazionale e regionale è ancora limitata

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR IDROMORFONE

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR IDROMORFONE RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI CLORIDRATO ATC N02AA03 (JURNISTA ) Presentata da Componente Commissione Prontuario Terapeutico Regionale In data: novembre 2007 Per le seguenti motivazioni (sintesi):

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

HIGHLIGHTS IN TEMA DI NEOPLASIA PROSTATICA: DIAGNOSI, TERAPIA, RICERCA Aviano (PN), venerdì 7 dicembre 2012

HIGHLIGHTS IN TEMA DI NEOPLASIA PROSTATICA: DIAGNOSI, TERAPIA, RICERCA Aviano (PN), venerdì 7 dicembre 2012 HIGHLIGHTS IN TEMA DI NEOPLASIA PROSTATICA: DIAGNOSI, TERAPIA, RICERCA Aviano (PN), venerdì 7 dicembre 2012 QUESTIONARIO DI APPRENDIMENTO RISPOSTE ESATTE Il test si supera se le risposte esatte sono 26

Dettagli

Endoscopia nell anno successivo

Endoscopia nell anno successivo COLON FOLLOW-UP 01 Endoscopia nell anno successivo DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti sottoposti a endoscopia nei 12 mesi successivi all intervento 0-20 DISTRIBUZIONE SPAZIALE 21-40 41-60 61-80

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica RADIAZIONI PERICOLOSE PER LA SALUTE: VERO O FALSO? 1. Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare l organismo dell uomo. Vero. Il danno provocato dalle radiazioni ionizzanti dipende da molti fattori,

Dettagli

APPROCCIO RADIOTERAPICO

APPROCCIO RADIOTERAPICO Unità Operativa Di Radioterapia Azienda Ospedaliera Di Parma APPROCCIO RADIOTERAPICO Dott.ssa Dell Anna Cristina APPROCCIO RADIOTERAPICO I tumori primitivi del mediastino di interesse radioterapico sono

Dettagli

La terapia del dolore nel paziente affetto da neoplasia. www.fisiokinesiterapia.biz

La terapia del dolore nel paziente affetto da neoplasia. www.fisiokinesiterapia.biz La terapia del dolore nel paziente affetto da neoplasia www.fisiokinesiterapia.biz EPIDEMIOLOGIA L organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che almeno 4 milioni di persone soffrano di dolore da malattia

Dettagli

Le malattie della tiroide (dalla diagnosi alla terapia ) Focus sui percorsi aziendali A cura del Gruppo tiroide ASLAL Coordinatore: Dr.

Le malattie della tiroide (dalla diagnosi alla terapia ) Focus sui percorsi aziendali A cura del Gruppo tiroide ASLAL Coordinatore: Dr. Le malattie della tiroide (dalla diagnosi alla terapia ) Focus sui percorsi aziendali A cura del Gruppo tiroide ASLAL Coordinatore: Dr. Singarelli Il follow-up del paziente operato Piero Iacovoni Acqui

Dettagli

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante RETTO TRATTAMENTO MEDICO 01 Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti che effettuano una terapia medica oncologica e radioterapia post-intervento

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

La carcinosi peritoneale

La carcinosi peritoneale La carcinosi peritoneale cos è e come si cura Il peritoneo Il peritoneo è una membrana sottile e trasparente che ricopre la parete interna della cavità addominale e pelvica, e tutti i visceri che vi sono

Dettagli

CONFERENZA STAMPA TUMORI:NASCE A TORINO IL PRIMO GRUPPO INTERDISCIPLINARE CURE

CONFERENZA STAMPA TUMORI:NASCE A TORINO IL PRIMO GRUPPO INTERDISCIPLINARE CURE CONFERENZA STAMPA TUMORI:NASCE A TORINO IL PRIMO GRUPPO INTERDISCIPLINARE CURE Torino Ospedale Molinette - sala medici Coes Corso Bramante 88/90 Mercoledì 5 febbraio 2003 ore 11,30 Relatori Libero Ciuffreda

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE NEL PAZIENTE AFFETTO DA NEOPLASIA POLMONARE Guia Castagnini Raffaella Speranza U. CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE A.O. SAN GERARDO MONZA - FINALITA ED OBIETTIVI

Dettagli

METASTASI UVEALI: ESPERIENZA DEGLI ULTIMI 10 ANNI

METASTASI UVEALI: ESPERIENZA DEGLI ULTIMI 10 ANNI METASTASI UVEALI: ESPERIENZA DEGLI ULTIMI 10 ANNI C.Mosci; F.Nasciuti Centro Specialistico di Oncologia Oculare Ente Ospedaliero Ospedali Galliera - Genova carlo.mosci@galliera.it XXVI RIUNIONE S.O.N.O.

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Sede legale e amministrativa: Via Salvatore Maugeri 4, 27100 Pavia Italy Tel. 0382 592504 Fax 0382 592576 www.fsm.it C.F. e P. IVA 00305700189 Registro Persone Giuridiche Private della Regione Lombardia

Dettagli

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 REGIONE VENETO Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 TITOLO DEL PROGETTO Monitoraggio del dolore e dell efficacia della terapia antalgica nel paziente oncologico seguito in DH o ambulatorio CONCORSO

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA

CARCINOMA DELLA MAMMELLA CARCINOMA DELLA MAMMELLA TRATTAMENTO LOCO REGIONALE e ADIUVANTE NEOPLASIE INTRAEPITELIALI DELLA MAMMELLA Neoplasia Lobulare Intraepiteliale (LIN 2-3) Nessun trattamento (dopo la diagnosi) Resezione mammaria

Dettagli

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

METASTASI POLMONARI. Terapia Oncologica. Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma METASTASI POLMONARI Terapia Oncologica Dott. Marcello Tiseo Unità Operativa di Oncologia Medica Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Metastasi polmonari: EPIDEMIOLOGIA Prevalenza nelle autopsie di

Dettagli

LE NEOPLASIE DIFFERENZIATE DELLA TIROIDE Paolo Fracchia SOC ORL ASL AL Casale Monferrato

LE NEOPLASIE DIFFERENZIATE DELLA TIROIDE Paolo Fracchia SOC ORL ASL AL Casale Monferrato LE NEOPLASIE DIFFERENZIATE DELLA TIROIDE Paolo Fracchia SOC ORL ASL AL Casale Monferrato 19 marzo-2 aprile 2011 INTRODUZIONE Il carcinoma papillare ed il carcinoma follicolare della tiroide, definiti carcinomi

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

Scelta e prescrizione ortesica

Scelta e prescrizione ortesica UNIVERSITA CAMPUS BIO MEDICO di ROMA Scuola di Specializzazione in Medicina Fisica e Riabilitazione Unità Operativa Complessa di Medicina Fisica e Riabilitazione Scelta e prescrizione ortesica nel paziente

Dettagli

EFFETTI COLLATERALI. bla bla bla bla

EFFETTI COLLATERALI. bla bla bla bla EFFETTI COLLATERALI bla bla bla bla E TERAPIA DI SUPPORTO Patrizia Tosi (Rimini) Bortezomib - effetti collaterali Astenia Piastrinopenia Neuropatia periferica Ipotensione Diarrea/nausea Riattivazione Herpes

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE MESSINA UFFICIO STAMPA tel 090-3992859 Oncologia Medica AOOR Papardo-Piemonte. Il COEP, Centro Oncologico di

Dettagli

Carcinoma prostatico

Carcinoma prostatico SIUrO Società Italiana di Urologia Oncologica Alessandro Bertaccini, Sergio Bracarda, Roberta Ceccarelli, Adriana Gelmini Carcinoma prostatico Guida per il paziente e i suoi familiari Introduzione di Giuseppe

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI TUMORI ENDOCRANICI

CLASSIFICAZIONE DEI TUMORI ENDOCRANICI TUMORI ENDOCRANICI Neoplasie che si sviluppano all interno del cranio, prendendo origine sia dal tessuto nervoso (encefalo e nervi cranici), sia dai suoi involucri (meningi e cranio), sia da strutture

Dettagli

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA Struttura Complessa di ONCOLOGIA MEDICA ED EMATOLOGIA Azienda Ospedaliera CARLO POMA - v.le Albertoni, 1 46100 Mantova (Direttore Dr. Enrico Aitini) Gruppo di LavoroEmatologia Dr. Maria Donatella Zamagni,

Dettagli

Esperienza preliminare nel trattamento delle metastasi ossee da carcinoma della prostata resistente alla castrazione con Ra223-dicloruro

Esperienza preliminare nel trattamento delle metastasi ossee da carcinoma della prostata resistente alla castrazione con Ra223-dicloruro Esperienza preliminare nel trattamento delle metastasi ossee da carcinoma della prostata resistente alla castrazione con Ra223-dicloruro S. Mazzarri1, G. Boni1, E. Borsò2, L. Galli 3, A. Farnesi 3, F.

Dettagli

LO STATO DELL ARTE DELLA TERAPIA DEL DOLORE IN ONCOLOGIA CERVICO-CEFALICA

LO STATO DELL ARTE DELLA TERAPIA DEL DOLORE IN ONCOLOGIA CERVICO-CEFALICA LE NUOVE FRONTIERE DELL ONCOLOGIA CERVICO-CEFALICA DAL TRATTAMENTO PERSONALIZZATO ALLA QUALITA DELLA VITA LO STATO DELL ARTE DELLA TERAPIA DEL DOLORE IN ONCOLOGIA CERVICO-CEFALICA U.O.A. Anestesia, Rianimazione

Dettagli

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Complessità Sistema Sanitario e Sociosanitario Natura delle patologie stadio ed evoluzione necessità assistenziali Domanda popolazione che esprime

Dettagli

E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA?

E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA? E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA? Informazioni sui percorsi di trattamento chirurgico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER LA GESTIONE DEL DOLORE CON FARMACI OPPIOIDI NEL PAZIENTE CON NEOPLASIA RICOVERATO PRESSO LA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER LA GESTIONE DEL DOLORE CON FARMACI OPPIOIDI NEL PAZIENTE CON NEOPLASIA RICOVERATO PRESSO LA PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER LA GESTIONE DEL DOLORE CON FARMACI OPPIOIDI NEL PAZIENTE CON NEOPLASIA RICOVERATO PRESSO LA SAN MATTEO PDTA 18 Gestione del dolore nel paziente con Rev

Dettagli

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 RIORGANIZZAZIONE DEI CENTRI PER LA SCLEROSI MULTIPLA DELLA REGIONE VENETO SECONDO UN MODELLO HUB & SPOKE PREMESSA La sclerosi multipla

Dettagli

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015

Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 I numeri del cancro in Italia 2015 Ministero della Salute - Roma 24 Settembre 2015 Incidenza, mortalità e sopravvivenza per tumore in Italia nel 2015 Carmine Pinto Presidente Nazionale AIOM I quesiti per

Dettagli

Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale!

Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale! Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale La malformazione di Chiari tipo I (CMI) è un alterazione della giunzione

Dettagli

La radioterapia nelle metastasi cerebrali

La radioterapia nelle metastasi cerebrali La radioterapia nelle metastasi cerebrali G. Rubino, L. Pirtoli S.C. Radioterapia, Dipartimento ad Attività Integrata dell Immagine, Azienda O. U. Senese ed Università di Siena Il tumore polmonare è la

Dettagli

Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea

Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea Il Ruolo del Chirurgo Federico Rea UOC CHIRURGIA TORACICA Università degli Studi di Padova Ruolo della chirurgia nel PDTA del tumore polmonare DIAGNOSTICO TERAPEUTICO Interventi Diagnostici Se possibile

Dettagli

OSTEOPOROSI perdita di massa ossea microarchitettura tendenza alle fratture

OSTEOPOROSI perdita di massa ossea microarchitettura tendenza alle fratture OSTEOPOROSI DEFINIZIONE: Malattia scheletrica sistemica caratterizzata dalla perdita di massa ossea e dalla distruzione della microarchitettura del tessuto osseo con conseguente aumento della fragilità

Dettagli

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE.

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE. Riassunto LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE Data del documento originale: 7 novembre 2014 MUCOSITE

Dettagli

Indicatori di attività Anno 2012 Anno 2013 N. Ricoveri Regime Ordinario 493 461. N. ricoveri Regime diurno 324 130

Indicatori di attività Anno 2012 Anno 2013 N. Ricoveri Regime Ordinario 493 461. N. ricoveri Regime diurno 324 130 AZIENDA SANITARIA LOCALE BT BARLETTA ANDRIA - TRANI AVVISO PUBBLICO, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO QUINQUENNALE DI DIREZIONE DELLA STRUTTURA COMPLESSA NEUROCHIRURGIA DEL PRESIDIO

Dettagli

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente diagnosi differenziale: carcinoma della mammella sono elementi di sospetto: monolateralità, rapido sviluppo Primitiva: puberale,

Dettagli

Percentuale di soggetti operati entro 60 giorni dalla data della mammografia

Percentuale di soggetti operati entro 60 giorni dalla data della mammografia Codice Interno Definizione Fase PDTA Significato Denominatore Numeratore Formula Matematica Valore di Riferimento Fonti dati BC obj1 Percentuale di soggetti operati entro 60 giorni dalla data della mammografia

Dettagli

Dolore oncologico. Caso clinico

Dolore oncologico. Caso clinico Dolore oncologico Caso clinico Legenda I titoli in rosso sono corrispondenti alle diapositive che descrivono il caso clinico Quelli in blu sono gli inserimenti per la discussione Signor Pietro, 72 anni,

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO 1 PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO RECIDIVA LOCO-REGIONALE Dopo mastectomia, si definisce locale la ripresa della malattia a livello della cicatrice chirurgica o a livello

Dettagli

Raccomandazione per per la la prevenzione dell osteonecrosi della della mascella/mandibola da da bifosfonati in in ambito ambito oncologico

Raccomandazione per per la la prevenzione dell osteonecrosi della della mascella/mandibola da da bifosfonati in in ambito ambito oncologico Raccomandazione 0, 0, Marzo Marzo 008. 008. Raccomandazione per per la la prevenzione dell osteonecrosi della della. Committenza della Direzione Aziendale/Zonale per la prevenzione della osteonecrosi da

Dettagli

Il carcinoma del polmone è associato a una sopravvivenza globale a 5 anni del 10-12%

Il carcinoma del polmone è associato a una sopravvivenza globale a 5 anni del 10-12% Il carcinoma del polmone è associato a una sopravvivenza globale a 5 anni del 10-12% Al momento della diagnosi solo il 10-15% dei soggetti con carcinoma del polmone ha una forma localizzata. Di questi,

Dettagli

.E SE MI DEVO OPERARE?

.E SE MI DEVO OPERARE? Regione Lazio A cura di: U.O.C. Screening Oncologici dell ASL Roma C, via Monza2 U.O.C. Oncologia Medica Ospedale S. Eugenio.E SE MI DEVO OPERARE? Tel. 06.51008021 fax 06.51003771 email: screening.mammografico@aslrmc.it

Dettagli

La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli. Fabrizio Cavalloro

La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli. Fabrizio Cavalloro La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli Fabrizio Cavalloro CHE COSA E IL DOLORE E CHE FUNZIONE HA? IL DOLORE Il dolore è una esperienza spiacevole, sensoriale ed emozionale,

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio

Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio Conclusioni scientifiche Tenendo conto della valutazione del Comitato per

Dettagli

Pubblicazione in collaborazione con l'azienda Unità sanitaria locale di Ravenna

Pubblicazione in collaborazione con l'azienda Unità sanitaria locale di Ravenna Coordinamento editoriale e di redazione: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Carlo Naldoni Redazione testi: Gianni Saguatti, Debora Canuti, Marilena Manfredi, Mario Taffurelli Grafica: Tracce, Modena Stampa:

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO

IL TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO IL TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO Dott. Carlo Gatti U.O. Oncologia - Ematologia 16 Ottobre 2012 Azienda ULSS n.14 CHIOGGIA (VE) via Madonna Marina, 500 30015 CHIOGGIA ( VE) www.asl14chioggia.veneto.it

Dettagli

Eleggibilità e randomizzazione

Eleggibilità e randomizzazione 1 Criteri di inclusione Diagnosi istologica o citologica di tumore solido in fase avanzata locale e/o metastatica... 2. Dolore medio giornaliero 4 misurato con NRS e riferito alle ultime 24 ore, attribuibile

Dettagli

I problemi dell oncologo nel lattante

I problemi dell oncologo nel lattante I problemi dell oncologo nel lattante Paolo D Angelo Riunione GdS GICOP Palermo 27 Maggio 2011 Aspetti peculiari delle neoplasie del lattante Epidemiologia. Sintomatologia all esordio. Gli esami di laboratorio.

Dettagli

Si manifestano nel 30% dei pazienti oncologici. metodiche di diagnostica per immagini più sensibili e accurate

Si manifestano nel 30% dei pazienti oncologici. metodiche di diagnostica per immagini più sensibili e accurate METASTASI CEREBRALI Si manifestano nel 30% dei pazienti oncologici L incidenza è in aumento per: metodiche di diagnostica per immagini più sensibili e accurate migliorata sopravvivenza malattia metastatica

Dettagli

Trattamento individualizzato. Resezione segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale o plurirecidive. Stadio I

Trattamento individualizzato. Resezione segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale o plurirecidive. Stadio I RETTO Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale completa Resezione segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale o plurirecidive Sostituisce la definizione di carcinoma

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

PROTOCOLLO PET/TC ONCOLOGICA

PROTOCOLLO PET/TC ONCOLOGICA Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO ospedale di Castelfranco Veneto e Montebelluna dipartimento diagnostica per immagini sede di Castelfranco Veneto unità operativa medicina nucleare - direttore:

Dettagli

Guida per il paziente

Guida per il paziente microsfere Guida per il paziente all impiego della Radioterapia Interna Selettiva (SIRT) nei tumori epatici tramite impiego di microsfere Il presente foglio illustrativo è stato elaborato dalla Sirtex

Dettagli

Tumori di origine uroteliale

Tumori di origine uroteliale Tumori di origine uroteliale Vescica Si manifestano come: Tumori superficiali a basso grado di malignità Tumori invasivi ad alto grado di malignità Sono tumori multifocali Le loro cellule possono impiantarsi

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA I ANNO Corso Integrato area pre-clinica Tipologia: attività formative di base Ore: 40/0/0/0

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo

Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo Neoplasia renale Fino al 50% dei casi riscontri incidentali Costante aumento dell incidenza di nuove diagnosi Aumento dell eta

Dettagli

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE Riassunto Data del documento originale: 23 gennaio 2014 RACCOMANDAZIONI

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI SSD Terapia del Dolore e Cure Palliative USO DEGLI ANALGESICI Scegliere e e via somministrazione s o più semplice Seguire la scala degli analgesici dell OMS Somministrare

Dettagli