LHCB DRAFT. *Stato dell esperimento e analisi finanziaria globale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LHCB DRAFT. *Stato dell esperimento e analisi finanziaria globale"

Transcript

1 LHCB G. Martellotti CSN DRAFT *Stato dell esperimento e analisi finanziaria globale G. Martellotti 30 m *Stato del rivelatore MU - Camere (proto/test/produz.) C. Forti 30 m - Elettronica A. Lai 15 m *Stato del RICH C. Matteuzzi 15 m *Stato del Trigger U.Marconi 15 m 1

2 Stato dell esperimento - stato dei TDR - stato generale del funding LHCb - stato della collaborazione italiana - breve rassegna dello stato dei progetti italiani con particolare riferimento a costi e funding - proposta di profilo di spesa 2

3 2 nuovi TDR - TRIGGER - RIOTTIMIZZAZIONE (LHCb-light) La milestone e` stata rispettata. Le versioni ufficiali sono state rilasciate l 8 e 9 Settembre. La presentazione a LHCC e` il 24 Settembre. La approvazione in Novembre. Sono stati discussi con i referee, le impressioni (non ufficiali) sono : La presentazione del Trigger e` stata giudicata ottima. Lo studio e i risultati raggiunti sulle prestazioni del rivelatore riottimizzato sono stati considerati convincenti. Nel TDR della riottimizzazione e` stata presentata una simulazione dettagliata e realistica per alcuni canali dimostrativi per illustrare le prestazioni del rivelatore. 3

4 I punti piu` rilevanti dei TDR : - L alleggerimento del rivelatore e il nuovo sistema di TRACKING che si confermano adeguati al raggiungimento delle prestazioni di fisica al livello del Technical Proposal. - il TRIGGER combinato Pt /parametro di impatto, con la nuova stazione TT per risolvere i problemi di band-width al livello L1. - il ridisegno del RICH1 che soddisfa le esigenze di leggerezza per il tracking e di lavoro in campo magnetico residuo per le esigenze del trigger. - Il TDR non include la decisione sui foto-det. del RICH (baseline MAPMT - decisione in Ottobre descritta in un addendum al TDR in Novembre) (Vedi presentazioni sul Trigger e sul RICH) 4

5 Stato del funding di LHCb Dopo il lavoro di riottimizzazione e del TDR del trigger i costi dei vari sottoprogetti hanno subito importanti variazioni. Gli effetti piu` rilevanti sono: - il costo del RICH e` salito MCHF - il costo dell OuterTracker e` sceso 3.8 MCHF - il costo dell InnerTracker e` quasi invariato perche` il minor numero di stazioni e` compensato dalla nuova stazione TT tutta in silicio. - il costo del trigger L0 e` sceso (vedi in seguito) - il nuovo assetto del progetto L1+ HLT + DAH comporta una diversa suddivisione di costi tra Trigger e DAH. Complessivamente il costo Trigger + DAH e` quasi invariato 5

6 Il COSTO GLOBALE stimato di LHCb dopo la riottimizzazione e` complessivamente sceso: ~73 MCHF contro i 75 MCHF del MoU (unerdfunding di ~2.5%) Attualmente abbiamo un underfunding di ~ 0.8 MCHF (compreso l attuale underfunding del Mu di 320 kchf) L underfunding e` modesto ma bisogna gestire lo shift di spese da un item a un altro. - E` fondamentale una certa flessibilita` da parte dei gruppi e delle agenzie finanziatrici (altre agenzie hanno gia` dato il loro accordo) Assumendo questa flessibilita`, lo scenario proposto dalla collaborazione che si vorrebbe presentare al RRB e` : - L underfunding dei MU (320 kchf) viene coperto. - Rimangono sottofinanziati - il RICH (~ 200 kchf) - il DAH (~ 600 kchf) 6

7 Stato della collaborazione italiana - La collaborazione cresce ed e` in buona salute. - Sono aumentati i fisici e tecnologi partecipanti (87 100) e il rapporto FTE/partecipanti (58 62%) Nel corso del 2003 sono aumentate le sinergie tra le diverse sezioni e si sono aperte nuove attivita` Da ricordare in particolare : - nuovo centro di produzione MWPC a Firenze - nuovo impegno di Bologna su L1&HLT (2 progetti INTAS in cantiere su camere MU e Aerogel) 7

8 Il rivelatore di MUONI M1 Inner / soluzione GEM Funding and staging INTAS Proposal Alcune osservazioni sullo stato di avanzamento del lavoro e profilo di spesa 8

9 M1 inner Roadmap presentata ai referee LHCC il Finire i test su GEM e MWPC e fare una proposta al TB di Settembre. Nel caso di test positivi 2 possibili soluzioni : Full GEM R1-R2 (- soluzione piu` costosa e Fattibilita` di camere 20x48 cm2 da dimostrare) GEM R1 e MWPC R2 (Soluzione preferita se le MWPC dimostrano di poter lavorare in R2) Richiesto un nuovo addendum al TDR (per Novembre) - Vedi presentazione MU per i risultati dei test e per le decisioni della collaborazione. 9

10 Stato del funding del rivelatore MU Ricordo quanto discusso precedentemente in CSN1 Ammanco del Brasile (1220) + overcosti rivelatore (tutto a MWPC, M1 R1 con GEM) - riduzione costi elettronica UNDERFUNDING = 1450 kchf Soluzione proposta : - CERN + CF 400 * - INFN Staging Spares in M&O-B 130 * totale 1450 underfunding Il CB ha approvato il piano (in particolare i punti * che devono essere sottoposti al RRB ) 10

11 INTAS -MU Coordinatore: P.L. Campana (Proposal 5571) : SVILUPPO CAMERE MU PER LHCb CERN, INFN (LNF, Fi, RM2), MARSIGLIA, PNPI + ITEP (Russia) Contributi richiesti ai gruppi occidentali : INFN 30 ke CERN 17 Marsiglia 3 INFN : - 22 ke CORE (gia` allocato) - 8 ke consumi + viaggi Contributo INTAS 50 ke In caso di approvazione si guadagna denaro CORE per ~ 60/70 kchf per la costruzione di camere PNPI (oggi valutato 230 kchf) Richiesta aggiuntiva 2004 : 30 ke (LNF) S.J. alla approvazione 11

12 Stato dell elettronica (vedi A. Lai) - Avanza la organizzazione del lavoro e delle responsabilita` per le schede di FE - Non ci sono variazioni rilevanti riguardanti i costi : si conferma la nostra scelta della baseline meno costosa per il chip di FE (CARIOCA) Stato produzione camere (vedi C. Forti) - Disegni finali delle camere - Grosso avanzamento nell approntamento dei tooling e siti di produzione - Non abbiamo cominciato la produzione di massa ma abbiamo cominciato a produrre camere da mettere sul detector. Abbiamo tutti (INFN, CERN e PNPI) un certo ritardo (~2 mesi) ma speriamo di poter rientrare nella schedula generale 12

13 Le PRR (le reviews dello stato di preparazione dei siti di produzione delle camere) sono previste per - CERN a meta` Ott - LNF fine Ott / Nov - PNPI Nov / Dic Verranno coinvolti i reviewrs dell EDR (Rosario ) L approvvigionamento del materiale per tutti i centri di produzione e` un punto critico. - Il materiale che gia` abbiamo e` limitato (per alcuni item) - Se non vogliamo ritardare la produzione, e` necessario fare ora un ordine parziale di materiale non aspettando la conclusione delle gare (a prezzo di un certo overcosto ~20% su un ordine previsto di ~ 100kE) (questo ordine puo` essere fatto su fondi gia` ricevuti o fondi aggiuntivi) - Indispensabile anticipare la partenza delle gare per ridurre rischi di ulteriori ritardi e ulteriori overcosti. 13

14 Stato dei finanziamenti CORE del rivelatore MU Finanziamenti ricevuti : 100 ke (LNF) per il materiale per le prime preserie (gia`spesi) 241 ke (LNF) gara per i pannelli (in attesa del completamento della produzione della preserie) 280 ke (FE) per I catodi Cu (abbiamo buone ragioni per fare una sola gara: catodi Cu + Pads + HV bars ) necessari 880 KE (+ 600) Finanziamenti ulteriori previsti : 600 ke 445 ke Per il resto del materiale e la produzione a PNPI Possibile scenario (se c e` disponibilita` nel 2003) : 2003: Anticipo ~ 600 ke (per la gara dei catodi e per gli ordini urgenti necessari alla produzione dei prossimi mesi) 2004: ~ 150 ke per materiale ~ 70 ke per i centri di produz. PNPI (attualmente non richiesti) : RESTO

15 Il rivelatore RICH # Il costo del RICH e` cresciuto kchf dovuto al nuovo disegno del RICH1 e assumendo che la tecnologia scelta per i foto-rivelatori sia MAPMT con lettura analogica (vedi presentazione di Clara) Lo sharing dell overcosto totale per l INFN secondo gli impegni sarebbe di ~ 300 kchf per i foto-rivelatori Questo overcosto e` in gran misura gia` coperto come discusso e per il momento NON viene chiesto nessun contributo aggiuntivo ai gruppi RICH Come conseguenza della conclusione del TDR e dell addendum previsto per Novembre, saranno sbloccate le attivita` pendenti di Milano e Genova: - Schermo RICH2 - Supporti fotodetector RICH2 - Contenitore Aerogel nel RICH1 15

16 INTAS - Aerogel Coordinatore: C. Matteuzzi Proposal R&D AEROGEL INFN (Mi), CNRS/IN2P3, BINP + BIOC (Russia) Contributi richiesti ai gruppi occidentali : INFN 20 ke Grenoble AMS 20 ke Contributo INTAS 40 ke In caso di approvazione si studiera` la possibilita` di avere i 5 cm di Aerogel in uno strato solo Richiesta aggiuntiva 2004 : 20 ke (Mi) S.J. alla approvazione 16

17 TRIGGER / DAH # Le modifiche all approccio del trigger L1&HLT hanno portato, rispetto al MoU, ad un mescolamento degli investimenti tra TRIGGER e DAH # Il lavoro di Bologna procede egregiamente sia per quanto riguarda il trigger hardware calorimetrico (nel Trigger) che per quanto riguarda il nuovo lavoro sul trigger L1&HLT (nel DAH) (Anche Genova con la Glue-Card lavora nel Trigger/DAH) # Nel Trigger Calo nuove soluzioni hanno permesso di ridurre i costi previsti (~ 350 kchf - vedi U. Marconi) rendendo disponibili risorse da gestire secondo la flessibilita` richiesta. - l INFN contribuisce con 800 e 500 kchf al Trigger e al DAH - con il nuovo impegno di Bologna su L1&HLT (discusso nella CSN1 di Maggio) avremo un controllo piu diretto su entrambi i fronti. 17

18 Anni Profilo CORE globale (KCHF) previsto a Maggio Common Fund Camere Mu Elettronica Mu Trigger Calo RICH DAH TOTALE < Senza IVA (~10%) - considerando uno staging di 320 kfs e gli spares su M&O-B per ~ 130 kfs Totale Il PROFILO TEMPORALE di spesa ha flessibilita`. Va rivisto in Settembre. Probabilmente si possono anticipare spese 18

# nuova Cost-Funding Matrix

# nuova Cost-Funding Matrix LHCb G.Martellotti CSN1 3 Febbraio 2004 # nuova Cost-Funding Matrix Aggiornamento su - stato generale del funding / firme del MoU - ultime stime dei costi di LHCb dopo la riottimizzazione dell apparato

Dettagli

Preparazione RRB di Aprile

Preparazione RRB di Aprile Preparazione RRB di Aprile Addendum al MoU per HLT/DAQ (CERN-RRB 2004-017)* Consuntivi 2003 M&O (CERN-RRB 2004-023 Part 1)* Previsione 2005 M&O (CERN-RRB 2004-023 Part 2) Consuntivi 2003 CORE + CC (CERN-RRB

Dettagli

STATO ESPERIMENTO. ! MAGNETE: pare intravedersi una via di uscita

STATO ESPERIMENTO. ! MAGNETE: pare intravedersi una via di uscita STATO ESPERIMENTO! COMPASS è sul floor e sta prendendo buoni dati! Eccellente lavoro specialmente della componente italiana Complimenti! Tracciamento spettrometro è OK (MWPC, Straw Tubes, Micromega, GEM,

Dettagli

TOTEM Relazione e proposte finanziarie

TOTEM Relazione e proposte finanziarie CSN1 - Assisi 24/09/2004 TOTEM Relazione e proposte finanziarie Referee: G: Chiefari, M. Curatolo, M. de Palma 24 Sett. 04 Totem -Relazione dei referee 1 Totem Eventi ed attività 2004 E stato pubblicato

Dettagli

TDAQ in generale Dry run: 1 mese (Giu-Lug 2012) Il TDAQ rimane sul critical path (manpower)

TDAQ in generale Dry run: 1 mese (Giu-Lug 2012) Il TDAQ rimane sul critical path (manpower) TDAQ in generale Distribuzione clock/trigger: progetto definito, moduli finali in arrivo (?), installazione prevista inizio 2012 Piano veloce di muon veto (D/RU): in costruzione Qualche simulazione di

Dettagli

LHCB : proposte dei referees

LHCB : proposte dei referees LHCB : proposte dei referees Marcello Maggi Roberto Ferrari Sandra Malvezzi Chiara Meroni - Referees LHCB-CSN1 09/08 1 The LHCb spectrometer Special features: a dedicated trigger and Particle Identification

Dettagli

M. della Volpe CSN1 - Lecce - 25 Settembre 2003

M. della Volpe CSN1 - Lecce - 25 Settembre 2003 Stato della Produzione & Programmazione 2004 M. della Volpe CSN1 - Lecce - 25 Settembre 2003 Sommario Stato della Produzione GT Esperimenti Piano di produzione 2004 Varie 25 Settembre 2003 M. della Volpe

Dettagli

Impressioni di Settembre Riassunto della Riunione di CSN1 Bologna 16-20 / 09 / 2013

Impressioni di Settembre Riassunto della Riunione di CSN1 Bologna 16-20 / 09 / 2013 Impressioni di Settembre Riassunto della Riunione di CSN1 Bologna 16-20 / 09 / 2013 1 Agenda 2 Highligths di Fisica Gia' visti a EPS-2103 e presentati in Sezione a Ottobre : http://w w w.pd.infn.it/segreterie/segred/trasparenze/2013/c

Dettagli

I chips di SVT relazione dei referees

I chips di SVT relazione dei referees I chips di SVT relazione dei referees P. Giubellino F. Lacava P. Morettini L. Moroni V. Vercesi 16 Novembre 2004 CSN1 - Frascati 1 Breve storia dell upgrade di SVT Nel settembre 03 CDF ha chiesto un finanziamento

Dettagli

(Osservazioni sulla proposta dei referee del calcolo LHC) Lamberto Luminari

(Osservazioni sulla proposta dei referee del calcolo LHC) Lamberto Luminari Tier-2 ATLAS (Osservazioni sulla proposta dei referee del calcolo LHC) Lamberto Luminari CSN1 Roma, 3 Aprile 2006 Considerazioni generali La richiesta di infrastruttura di calcolo di ATLAS Italia risponde

Dettagli

UNI ISO 21500 Guida alla gestione dei progetti (project management)

UNI ISO 21500 Guida alla gestione dei progetti (project management) UNI ISO 21500 Guida alla gestione dei progetti (project management) adozione nazionale in lingua italiana della norma internazionale ISO 21500 A cura di Relatore: Eugenio Rambaldi Presidente Assirep presidente@assirep.it

Dettagli

LHC-f Referee. Risultati 2010 Proposte finanziarie 2011 Milestone 2010/2011. M.Biasini, P. Checchia 23 Settembre Riunione CSN1

LHC-f Referee. Risultati 2010 Proposte finanziarie 2011 Milestone 2010/2011. M.Biasini, P. Checchia 23 Settembre Riunione CSN1 LHC-f Referee Risultati 2010 Proposte finanziarie 2011 Milestone 2010/2011 M.Biasini, P. Checchia 23 Settembre Riunione CSN1 Profilo temporale Lhcf 2010 Run a 900 GeV (Dic 2009 Mag 2010) Run a 7 TeV (fino

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Questo testo è una versione prestampata. Fa stato la versione pubblicata nel Foglio federale

Questo testo è una versione prestampata. Fa stato la versione pubblicata nel Foglio federale Questo testo è una versione prestampata. Fa stato la versione pubblicata nel Foglio federale (http://www.admin.ch/bundesrecht/00568/index.html?lang=it). 15.xxx Messaggio concernente l introduzione della

Dettagli

Il controllo economico e il ruolo del budget: aspetti metodologici

Il controllo economico e il ruolo del budget: aspetti metodologici Capitolo 10 Il controllo economico e il ruolo del budget: aspetti metodologici di Laura Zoni Il controllo economico e il ruolo del budget: aspetti metodologici OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comprendere le

Dettagli

delle Partecipate e dei fornitori

delle Partecipate e dei fornitori ... I pagamenti della Pubblica Amministrazione,......... L u g l i o 2 0 1 4 Debito PA: miglioramenti più contenuti nel primo trimestre... Sintesi dei risultati C ontinuano nei primi tre mesi del 2014

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

A. Di Mauro (CERN) Italia al CERN, 10/10/14

A. Di Mauro (CERN) Italia al CERN, 10/10/14 A. Di Mauro (CERN) Italia al CERN, 10/10/14 Alcune defnizioni RIVELATORE E un dispositivo che conta, traccia o identifica le particelle prodotte dai decadimenti radioattivi, dalle radiazioni cosmiche o

Dettagli

Impianti di raffreddamento al CERN: tecnologie innovative e sviluppi futuri

Impianti di raffreddamento al CERN: tecnologie innovative e sviluppi futuri Impianti di raffreddamento al CERN: tecnologie innovative e sviluppi futuri CLAUDIO BORTOLIN Università di Udine / INFN PD / CERN Sistemi di raffreddamento per esperimenti di fisica delle particelle prospettive

Dettagli

Attuali proposte di finanziamento di progetti in discussione in gruppo V nel 2014

Attuali proposte di finanziamento di progetti in discussione in gruppo V nel 2014 Attuali proposte di finanziamento di progetti in discussione in gruppo V nel 2014 - Progetti a call - Progetti bottom-up - Progetti simil-firb La metodologia di sottomissione attuale Storicamente, da quando

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

NA62 TDAQ status report. M. Sozzi Incontro con referee INFN CERN 25 Maggio 2012

NA62 TDAQ status report. M. Sozzi Incontro con referee INFN CERN 25 Maggio 2012 NA62 TDAQ status report M. Sozzi Incontro con referee INFN CERN 25 Maggio 2012 TDAQ in generale Distribuzione clock/trigger: progetto completato, nuovi moduli TTCex CERN non funzionanti (OK per 2012, nuovo

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti CASO GRAND HOTEL MIRAMARE SCG-L02 Caso elaborato da S.Nuti F. Amigoni (SDA Bocconi) Pagina 0 di 8 Il Sig. Orlandi

Dettagli

Disaster Recovery: Aspetti tecnico-organizzativi

Disaster Recovery: Aspetti tecnico-organizzativi Disaster Recovery: Aspetti tecnico-organizzativi Business Continuity and Recovery Services IBM Italia 2002 IBM Corporation 2005 IBM Corporation LA CONTINUITÀ OPERATIVA La continuità operativa ha un perimetro

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

Ricerca europea per le Associazioni di imprese

Ricerca europea per le Associazioni di imprese Ricerca europea per le Associazioni di imprese Eurosportello del Veneto Via delle Industrie, 19/d 3175 Venezia Tel. +39 41 99 9411 - Fax +39 41 99 941 E-mail: europa@eurosportelloveneto.it www.eurosportelloveneto.it

Dettagli

P. Schiano, CIRA. Che cosa noi vogliamo con la nostra ricerca? guida, navigazione e controllo con capacità adattive in linea;

P. Schiano, CIRA. Che cosa noi vogliamo con la nostra ricerca? guida, navigazione e controllo con capacità adattive in linea; Guidance, Navigation and Control Technologies for Hypersonic Flight, P. Schiano, CIRA P. Schiano CIRA: grazie dell introduzione, io presenterò in italiano anche se le mie slides sono in inglese così da

Dettagli

Pianificare il futuro

Pianificare il futuro Pianificare il futuro THINK private. Linea Planning Banca Fideuram Banca Fideuram è uno dei principali protagonisti del private banking in Europa, con oltre 50 miliardi di euro di attività in gestione.

Dettagli

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA DEBITI P.A. decreto del fare Di Emanuele Bellano PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ENRICO LETTA IN CONFERENZA STAMPA L impegno che il Ministero dell Economia in particolare sta attuando con grande determinazione

Dettagli

DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI La nostra risposta alle esigenze della

Dettagli

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano)

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Scenario internazionale Economia globale sconta ancora l eredità della crisi

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE CORSO D INGLESE Cod. Progetto 112097

SCHEDA VALUTAZIONE CORSO D INGLESE Cod. Progetto 112097 RISULTATI DELLE ATTIVITA PROGETTUALI Codice112097 - "La lingua inglese per i sistemi informativi specifici utilizzati in aziende di trasporto" - (CORSO LIVELLO INTERMEDIO) Al corso di livello pre-intermedio

Dettagli

Riunione con i Referee: Introduzione. Alessandro Cardini

Riunione con i Referee: Introduzione. Alessandro Cardini Riunione con i Referee: Introduzione Alessandro Cardini Introduzione Stato dell esperimento Stato dell upgrade Stato della collaborazione italiana Sommario richieste finanziarie 21 Settembre 2015 A. Cardini

Dettagli

Consip SpA. La PA e il Mercato: l acquisto di beni e servizi da parte della Pubblica Amministrazione. Dott. Domenico Casalino, Amministratore Delegato

Consip SpA. La PA e il Mercato: l acquisto di beni e servizi da parte della Pubblica Amministrazione. Dott. Domenico Casalino, Amministratore Delegato Consip SpA La PA e il Mercato: l acquisto di beni e servizi da parte della Pubblica Amministrazione Dott. Domenico Casalino, Amministratore Delegato Bologna, 19 ottobre 2012 1 Outline Attuale assetto del

Dettagli

Addendum relativo all Iniziativa per i Consulenti di Servizi e Software Microsoft

Addendum relativo all Iniziativa per i Consulenti di Servizi e Software Microsoft Addendum relativo all Iniziativa per i Consulenti di Servizi e Software Microsoft ALLA FINE DEL PRESENTE ADDENDUM AL CONTRATTO PER MICROSOFT PARTNER PROGRAM ( MSPP ) FACENDO CLIC SUL PULSANTE ACCETTO,

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DELLA COMMISSIONE SCIENTIFICA NAZIONALE I L.N. Frascati (RM), 17-21 Settembre 2007

VERBALE DELLA RIUNIONE DELLA COMMISSIONE SCIENTIFICA NAZIONALE I L.N. Frascati (RM), 17-21 Settembre 2007 VERBALE DELLA RIUNIONE DELLA COMMISSIONE SCIENTIFICA NAZIONALE I L.N. Frascati (RM), 17-21 Settembre 2007 Presenti: F. FERRONI - Presidente U. DOSSELLI - Giunta Esecutiva M. MAGGI - Coord. Sez. di Bari

Dettagli

Fondav. I costi: alti e bassi

Fondav. I costi: alti e bassi Fondav Il volo della pensione Per gli assistenti di volo vi è il fondo pensione chiuso Fondav. Dopo la nostra analisi si è rivelato un fondo con pochi alti e molti bassi sia nei costi, sia, soprattutto,

Dettagli

MILESTONES stato a meta 2003

MILESTONES stato a meta 2003 MILESTONES stato a meta 2003 ATLAS 28/02/2003 RPC: 45% dei volumi di gas prodotti 90 100% raggiunto il 31/03/2003 31/01/2003 RPC: Risultati preliminari test GIF 100 e' stato deciso di proseguire l'irraggiamento

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

rilascio del Prototipo Gestione SAL cantieri e subappalti. 3 mesi 4-8 mesi 20gg 90% Controllo di Gestione Avanzato del 2 mesi 6-10 mesi 15gg 90%

rilascio del Prototipo Gestione SAL cantieri e subappalti. 3 mesi 4-8 mesi 20gg 90% Controllo di Gestione Avanzato del 2 mesi 6-10 mesi 15gg 90% In questo mondo informatico sempre in frenetica e continua evoluzione difficile per le aziende IT medio - grandi rimanere al passo con la tecnologia, mentre per quelle piccole quasi impossibile avere le

Dettagli

Indice strutturato dello studio di fattibilità

Indice strutturato dello studio di fattibilità Indice strutturato dello studio di fattibilità DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 10 Indice 1 2 SPECIFICITÀ DELLO STUDIO DI FATTIBILITÀ IN UN PROGETTO DI RIUSO... 3 INDICE STRUTTURATO DELLO

Dettagli

RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI

RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI RISPARMIO GESTITO E COMPAGNIE ASSICURATIVE TRA MATEMATICA E REGOLAMENTI Il contesto La complessità degli strumenti finanziari e assicurativi è andata crescendo negli ultimi anni, da una lato con effetti

Dettagli

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014

Artigiancassa: : Progetto Key Woman. Roma, 08 aprile 2014 Artigiancassa: : Progetto Key Woman Roma, 08 aprile 2014 La costante crescita di donne che scelgono di intraprendere l attività imprenditoriale è un fenomeno in continuo aumento e può costituire per il

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli

SCENARIO. Personas. 2010 ALICE Lucchin / BENITO Condemi de Felice. All rights reserved.

SCENARIO. Personas. 2010 ALICE Lucchin / BENITO Condemi de Felice. All rights reserved. SCENARIO Personas SCENARIO È una delle tecniche che aiuta il designer a far emergere le esigente dell utente e il contesto d uso. Gli scenari hanno un ambientazione, attori (personas) con degli obiettivi,

Dettagli

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA

RISORSE UMANE PROFILI TECNICI STIMA DEL FABBISOGNO PER IL PTA Pagina: 1 di 9 Registro delle modifiche Data Sezione del documento / Motivo della revisione Revisione 11/03/2010 Emissione formale A ALLEGATI: ---- DISTRIBUZIONE DEL DOCUMENTO: Direttore Generale Dott.

Dettagli

Aggiornamento sul nuovo Sistema Informativo INFN. CD 23 giugno 2006

Aggiornamento sul nuovo Sistema Informativo INFN. CD 23 giugno 2006 Aggiornamento sul nuovo Sistema Informativo INFN Breve storia 1999 Elaborazione progetto esecutivo (ditta ORIGIN) 2000 Gara per software ERP (Oracle+Byte+FileNET) 2001 Gara per realizzazione Sistema (BULL)

Dettagli

XSP IP66 Series Apparecchi per illuminazione stradale a LED

XSP IP66 Series Apparecchi per illuminazione stradale a LED XSP IP66 Series Apparecchi per illuminazione stradale a LED RISPARMIO Garantito DESIGN Ottimizzato DURATA Impareggiabile ALTERNATIVA Reale XSP IP66 Series. Un nuovo record di prestazioni, un nuovo standard

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

BLUE Engineering Via Albenga 98 Rivoli (To) ITALY Danilo LAZZERI Amministratore Delegato Phone +39 011 9504211 Fax +39 011 9504216 info@blue-group.

BLUE Engineering Via Albenga 98 Rivoli (To) ITALY Danilo LAZZERI Amministratore Delegato Phone +39 011 9504211 Fax +39 011 9504216 info@blue-group. BLUE Engineering Via Albenga 98 Rivoli (To) ITALY Danilo LAZZERI Amministratore Delegato Phone +39 011 9504211 Fax +39 011 9504216 E-mail info@blue-group.it Il Cilea, l Engineering nel settore dell industria

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON OPTA SRL

IN COLLABORAZIONE CON OPTA SRL PROGRAMMARE LA PRODUZIONE IN MODO SEMPLICE ED EFFICACE IN COLLABORAZIONE CON OPTA SRL SOMMARIO 1. L AZIENDA E IL PRODOTTO 2. IL PROBLEMA 3. DATI DI INPUT 4. VERIFICA CARICO DI LAVORO SETTIMANALE 5. VERIFICA

Dettagli

Superconduttività RF per e / p

Superconduttività RF per e / p le sigle NTA_ILC SRF506395 ELN506395 FERMILABIL ACINFNDESY CT506008 PRE-XFEL SLHC-PP UEEUROTRAN HPP506395 ovvero Superconduttività RF per e / p, per il gruppo Variegata galassia di sigle filo conduttore:

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Budget e marchi di impresa

Budget e marchi di impresa Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 11 dicembre 2009 Budget e marchi di impresa Costi e ricavi per la pianificazione dell attività Budget e marchi di impresa

Dettagli

Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act

Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act CENTRO STUDI Indagine Cna su 1630 imprendiotri Artigiani e piccole imprese promuovono il Jobs Act Nota CNA N. 10/DICEMBRE 2014 CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL ARTIGIANATO E DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Il mercato dei beni in economia aperta

Il mercato dei beni in economia aperta Il mercato dei beni in economia aperta La differenza tra economia aperta e chiusa In una economia chiusa tutta la produzione viene venduta entro i confini nazionali, la domanda nazionale di beni (la spesa

Dettagli

BIM E IMPRESA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E CASO STUDIO OSPEDALE DI MONZA. Ing. Carlo Alberto Bettini Direttore Centrale Cmb

BIM E IMPRESA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E CASO STUDIO OSPEDALE DI MONZA. Ing. Carlo Alberto Bettini Direttore Centrale Cmb BIM E IMPRESA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E CASO STUDIO OSPEDALE DI MONZA Ing. Carlo Alberto Bettini Direttore Centrale Cmb Firenze 15 Gennaio 2014 CMB: PROFILO Cooperativa con cent anni di storia, con oltre

Dettagli

Futuro del Calcolo in Sezione

Futuro del Calcolo in Sezione Futuro del Calcolo in Sezione INFN Trieste 1 Perche questa presentazione Da tempo e in corso una discussione sul calcolo in sezione e.g. farm di sezione e gia stata argomento di questo consiglio (4 Maggio

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE ACP-EU JOINT PARLIAMENTARY ASSEMBLY ASSEMBLEE PARLEMENTAIRE PARAIRE ACP-UE Commissione per lo sviluppo economico, le finanze e il commercio ACP-UE/101.868/B 19.3.2015 PROGETTO DI RELAZIONE sul finanziamento

Dettagli

18 e 19 Maggio 2011 (ore 9:30-17:30) MILANO - Novotel Milano Linate Aeroporto (Via Mecenate, 121)

18 e 19 Maggio 2011 (ore 9:30-17:30) MILANO - Novotel Milano Linate Aeroporto (Via Mecenate, 121) 18 e 19 Maggio 2011 (ore 9:30-17:30) MILANO - Novotel Milano Linate Aeroporto (Via Mecenate, 121) Obiettivo del corso sarà fornire una conoscenza di base dell universo PA, dei processi inerenti la sua

Dettagli

Emilia Romagna: 2014, l anno della formazione

Emilia Romagna: 2014, l anno della formazione Emilia Romagna: 2014, l anno della formazione FOCUS La formazione dei volontari di Protezione civile, settore che dal 2002 è in continua crescita ed evoluzione, rappresenta il fiore all occhiello dell

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 8 Febbraio 2013 Ancora senza credito ANCORA SENZA CREDITO I primi segnali di inversione del ciclo economico non trovano ancora conferma nei dati del credito. Il 2012 si è infatti

Dettagli

DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEGLI ALTRI OPERATORI ECONOMICI La nostra risposta alle esigenze della

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Il Direttore Generale Federico Luchetti Il Presidente Maurizio Manetti

Dettagli

Tier1, Tier2 e Tier3 CMS Italia. Paolo Capiluppi 23/01/01CNS1

Tier1, Tier2 e Tier3 CMS Italia. Paolo Capiluppi 23/01/01CNS1 Tier1, Tier2 e Tier3 CMS Italia Modello di Calcolo per CMS Italia Modello di Calcolo per CMS Italia Il Modello di CMS e basato su una Gerarchia di Funzioni e Risorse (Tier-n). Tale Gerarchia e integrata

Dettagli

Contratti nazionali hw e sw

Contratti nazionali hw e sw Contratti nazionali hw e sw G. Vita Finzi Commissione Calcolo e Reti Roma, 21 dicembre 2005 Apparati di rete.1 CABLETRON 2005 - Fino al 31 dicembre rimane valido l accordo quadro sugli sconti applicati

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese Milano, 4 luglio 2005 1 La Ricerca >> Obiettivo: definire le caratteristiche del divario digitale in Milano e provincia nelle piccole imprese (fino

Dettagli

del 2 dicembre 1996 (Stato 1 gennaio 2011) Capitolo 1: Organi Sezione 1: Consiglio d amministrazione

del 2 dicembre 1996 (Stato 1 gennaio 2011) Capitolo 1: Organi Sezione 1: Consiglio d amministrazione Ordinanza concernente l amministrazione dei fondi di compensazione dell assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti, dell assicurazione per l invalidità e dell ordinamento delle indennità per perdita

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI BENEFICI Fondamento dell ANALISI COSTI BENEFICI è l idea che un progetto o una politica possono essere considerati validi dal punto di vista della società se i benefici

Dettagli

I N V E S T I E T I C O

I N V E S T I E T I C O I N V E S T I E T I C O FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO IMMOBILIARE DI TIPO CHIUSO RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede legale: Bastioni di Porta Nuova,

Dettagli

Quintiq stabilisce un nuovo standard per la pianificazione delle risorse nel settore ferroviario

Quintiq stabilisce un nuovo standard per la pianificazione delle risorse nel settore ferroviario DB SCHENKER RAIL Case study Quintiq stabilisce un nuovo standard per la pianificazione delle risorse nel settore ferroviario DB Schenker Rail Netherlands è estremamente soddisfatta della soluzione per

Dettagli

Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru

Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru Comune di Oristano Comuni de Aristanis SETTORE LAVORI PUBBLI CI E M ANUTENZIONI SECONDA GIORNATA - 10 DICEMBRE 2014 Comune, imprese, lavori pubblici: le opportunità possibili Ing. Walter Murru LA CRISI

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT CDC -Corte dei conti DGSIA Direzione Generale Sistemi Informativi Automatizzati SGCUS Servizio per la gestione del Centro Unico dei Servizi PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio

Dettagli

Relazione su calcolo GIII e comm.calc Giuseppe Cardella

Relazione su calcolo GIII e comm.calc Giuseppe Cardella Relazione su calcolo GIII e comm.calc Giuseppe Cardella Roma 20-01-06 Vi farò un breve punto della situazione sul calcolo GIII Composizione sottocomm.calcolo GIII Tendenze e suggerimenti per le richieste

Dettagli

DALLA PARTE DEL COMMERCIO. La nostra risposta alle esigenze della tua attività.

DALLA PARTE DEL COMMERCIO. La nostra risposta alle esigenze della tua attività. DALLA PARTE DEL COMMERCIO La nostra risposta alle esigenze della tua attività. LA BANCA COME TU LA VUOI DALLA PARTE DEL COMMERCIO La nostra risposta alle esigenze della tua attività. Gestisci un attività

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

Il Project Management per i Managers

Il Project Management per i Managers Paolo Mazzoni 2012. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2012". Non sono ammesse

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

VELOCITà CONCRETEZZA EFFICACIA

VELOCITà CONCRETEZZA EFFICACIA VELOCITà CONCRETEZZA EFFICACIA Una partnership vincente per la formazione in azienda Enti costituenti Fon.AR.Com. Parte datoriale C.I.F.A. - Confederazione Italiana delle Federazioni Autonome C.I.F.A.

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Risorse Strumentali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Risorse Strumentali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Risorse Strumentali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 28/05/2014 Circolare n. 66 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

Stato del software per l analisi del test beam. 21/6/2002 Tommaso Boccali 1

Stato del software per l analisi del test beam. 21/6/2002 Tommaso Boccali 1 Stato del software per l analisi del test beam 21/6/2002 Tommaso Boccali 1 Analisi del test beam Review di quello che esiste 2 pacchetti software (TT6 e ROB) committati e usabili da tutti Set di macro

Dettagli

Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche

Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche Prof. Jean-Marie BOUROCHE Direttore del Comitato Scientifico Internazionale CRIF Decision Solutions,

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

La salute: un vantaggio concorrenziale

La salute: un vantaggio concorrenziale La salute: un vantaggio concorrenziale La motivazione e dei vostri collaboratori non sono scontate e non devono essere lasciate al caso. Investendo nei vostri collaboratori investite anche nel successo

Dettagli

Congressi: il punto di vista dalle associazioni MEETINGCONSULTANTS

Congressi: il punto di vista dalle associazioni MEETINGCONSULTANTS Congressi: il punto di vista dalle associazioni Le associazioni protagoniste della meeting industry All interno della meeting industry internazionale le associazioni suscitano grande interesse in quanto

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance dott. Matteo Rossi Prospetto F/I Happy Finance Conto Economico 2008 2009 Reddito Netto 350-500 Ammortamenti 800 800 Accantonamenti 2000 300

Dettagli

Tavolo regionale per la mobilità delle merci

Tavolo regionale per la mobilità delle merci Tavolo regionale per la mobilità delle merci Scenari e prospettive di contesto Milano 04 Marzo 2011 Oliviero Baccelli CERTeT Università Bocconi Indice dei temi trattati Gli scenari socio-economici di riferimento

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

LA PSICOLOGIA SUL TERRITORIO DELLA CITTA DI MILANO

LA PSICOLOGIA SUL TERRITORIO DELLA CITTA DI MILANO LA PSICOLOGIA SUL TERRITORIO DELLA CITTA DI MILANO Integrazione al progetto. Il progetto presentato prima dell estate prevedeva la realizzazione della prima fase di un percorso più articolato che vede

Dettagli

Le piante si estinguono

Le piante si estinguono Estinzione e Artenvielfalt conservazione Unità didattica 3 Le piante si estinguono Durata 3 ore Materiali - schede di lavoro reperibili nelle risorse multimediali, estinzione e conservazione, unità didattica

Dettagli

I PRIMI ANNI DELLA MUTUA FIDE BANK. Breve analisi dell attività della MFB in Madagascar e spunti per il futuro

I PRIMI ANNI DELLA MUTUA FIDE BANK. Breve analisi dell attività della MFB in Madagascar e spunti per il futuro I PRIMI ANNI DELLA MUTUA FIDE BANK Breve analisi dell attività della MFB in Madagascar e spunti per il futuro dic-09 gen-10 feb-10 mar-10 apr-10 mag-10 giu-10 lug-10 ago-10 set-10 ott-10 nov-10 dic-10

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

Titolo progetto: ConsoliData. Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali. Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN

Titolo progetto: ConsoliData. Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali. Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN Titolo progetto: ConsoliData Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN Altri EPR coinvolti: - Altri organismi e soggetti coinvolti: Descrizione

Dettagli