Analisi della salute finanziaria Comune di Cesena

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi della salute finanziaria Comune di Cesena"

Transcript

1 giuseppe farneti & emanuele padovani Analisi della salute finanziaria Comune di Cesena Data elaborazione report: 13 luglio Uno sguardo d insieme Rispetto ai valori di rendiconto 2010, l ultimo consuntivo approvato, il Comune di Cesena gode di un ottima salute finanziaria del proprio bilancio, essendole attribuito un Rating Finanziario A, cioè fra il primo gruppo contenente il 5% dei comuni con le performance migliori in Italia, con un trend di continuo miglioramento a partire dal Anche la valutazione delle prestazioni economico-patrimoniali-finanziarie delle partecipate presenti nel portafoglio azionario del Comune di Cesena è elevata, con un Rating Gruppo Municipale pari a C1, ossia fra il 25% e 35% dei gruppi municipali migliori. Il presente report di analisi è strutturato in 5 sezioni più due allegati che ne costituiscono parte integrante, REPORT PA Gestione finanziaria trasparente del Comune e Rating del Gruppo Municipale di Cesena. La sezione 2 approfondisce il metodo seguito per la determinazione del Rating Finanziario relativo al bilancio della sola amministrazione comunale. La successiva sezione 3 discute i principali risultati in termini di punti di forza e punti di debolezza che emergono dal Rating Finanziario con riferimento al Comune di Cesena. La sezione 4 spiega le modalità di calcolo del Rating Gruppo Municipale, mentre la sezione 5 fornisce un rapido sguardo d insieme sui principali valori di bilancio del gruppo municipale. 2. L analisi della salute finanziaria attraverso il Rating Finanziario Il Rating Finanziario è uno strumento di analisi che consente di ottenere una valutazione sullo stato di salute finanziaria di ciascuna amministrazione comunale (per ciascun anno di riferimento) attraverso l analisi comparata di dieci indicatori di bilancio ricavati dai dati del certificato al conto del bilancio (quindi da dati di origine certificata). Differentemente dai rating delle società di rating Standard & Poor s, Moody s, Fitch, il Rating Finanziario di Bureau van Dijk costituisce una valutazione comparata di sintesi della salute finanziaria limitatamente alle informazioni contenute nel bilancio consuntivo dell amministrazione comunale. Non esprime quindi alcuna valutazione sulle dinamiche future, né sintetizza informazioni relative alle esposizioni ai rischi finanziari (es. mercato dei derivati), operazioni fuori bilancio e informazioni di carattere non finanziario (es. livello di prestazione dei servizi, situazione socio-economica di riferimento, situazione politica, etc.). In particolare, questi ultimi aspetti sono spesso prevalenti nelle valutazioni delle società di rating e ciò spiega perché vi sono amministrazioni locali che possiedono Rating Bureau van Dijk particolarmente diversi rispetto alle analisi delle società di rating (generalmente valutazioni più basse per i Rating Bureau van Dijk rispetto ai rating delle società di rating). L analisi del Rating Finanziario avviene sulla base di dieci indicatori di bilancio, i cui valori del comune selezionato sono messi a confronto con quelli del gruppo di riferimento. I gruppi utilizzati per il confronto sono sei e sono individuati sulla base della popolazione residente: da 0 a abitanti; da a Analisi della salute finanziaria del Comune di Cesena Giuseppe Farneti & Emanuele Padovani

2 Area EQUILIBRIO FINANZIARIO COMPLESSIVO giuseppe farneti & emanuele padovani abitanti, da a abitanti, da a abitanti, da a abitanti, oltre abitanti. Il comune di Cesena ricade nel gruppo dei 94 Comuni fra e abitanti. Il sistema di Rating Finanziario è articolato su 11 classi di merito complessive: A (classe di merito più elevata), B1, B2, C1, C2, C3, C4, C5, D1, D2, E (classe di merito più bassa, ovvero default). In linea generale, il sistema di calcolo del Rating Finanziario è stabilito in modo tale da far ricadere una predeterminata percentuale di casi (con riferimento a ciascun gruppo di enti) in ciascuna classe. Nelle classi di merito A ed E ricadono, rispettivamente, il 5% delle amministrazioni comunali, mentre in tutte le altre (B1, B2, C1, C2, C3, C4, C5, D1, D2) il 10% ciascuna; quindi, le macro-classi B e D contengono, ciascuna, il 20% degli enti, mentre la macro-classe C contiene il 50% degli enti. È calcolato sia un Rating per ciascuno dei dieci indicatori utilizzati (Tavola 1), sia un Rating Finanziario complessivo sulla base della media ponderata dei Rating ottenuti per ciascun indicatore. Per gli indicatori che presentano soglie minime o massime stabilite dai parametri di deficitarietà ex DM 24/09/09 o Testo Unico Enti Locali (soglie al 01/06/11), al raggiungimento di tali limiti è associata la classe di merito E, indipendentemente dal posizionamento relativo calcolato attraverso i percentili. Se, a seguito dell applicazione della soglia fissa, la proporzione di enti che ricadono nella classe di merito E sia superiore a 5%, le rimanenti classi di merito sono riparametrate in base al gruppo di enti che si collocano entro la soglia limite, in modo tale da collocare nelle varie classi di merito la stessa proporzione relativa di casi rimanenti. Tavola 1 - Gli indicatori utilizzati per il calcolo del Rating Finanziario R1 R2 R3 Denominazione Algoritmo di calcolo Val * Consistenza del risultato d amministrazione Qualità del risultato d amministrazione Consistenza dei crediti su entrate proprie correnti sorti da più di 12 mesi Risultato d amministrazione / impegni di spese correnti e per rimborso mutui e prestiti a medio-lungo termine impegnate [titoli I + III solo interventi 3, 4, 5] Residui attivi in conto residui delle entrate proprie [titoli I + III] / valore assoluto del risultato d amministrazione Residui attivi in conto residui entrate titoli I + III / entrate di competenza accertate titoli I + III Soglia ** Significato Q 0 Il risultato d amministrazione (RdA) rappresenta la differenza fra entrate e spese sia in conto competenza che in conto residui. RdA negativi individuano situazioni pericolose, ma anche eccessivi RdA positivi possono evidenziare squilibri le cui cause dovrebbero essere indagate in modo analitico. L RdA è qui messo a confronto con una componente stabile di bilancio, ossia le spese correnti sommate alle rate di rimborso dei prestiti a medio-lungo termine - -- Il RdA è composto da fondo di cassa, residui attivi (maturati nell anno o in conto residui, cioè nuovi e vecchi) e residui passivi (nuovi e vecchi). Il RdA è il tesoretto dell ente che può essere utilizzato a vari scopi, fra cui nuovi investimenti. Vi è quindi l incentivo a mantenerlo più elevato possibile, anche lasciando iscritti residui attivi, cioè crediti (specie di entrate proprie), che hanno elevata probabilità di insoluto (generalmente i più vecchi, cioè fra i residui in c/residui). L indicatore mira ad individuare quanta parte del RdA è rappresentato dai crediti di entrate proprie più vecchi (residui attivi in conto residui) - 0,65 I crediti più vecchi di 12 mesi (residui in c/residui) relativi alle entrate proprie rappresentano i crediti che hanno il più alto potenziale di insoluto; con questo indicatore vengono messi a rapporto con il fatturato delle entrate proprie (imposizione fiscale, tariffaria, altre entrate) Analisi della salute finanziaria del Comune di Cesena Giuseppe Farneti & Emanuele Padovani

3 Area EQ. ECONOMICO Area INDEBITAMENTO Area SOLVIBILITA giuseppe farneti & emanuele padovani R4 R5 R6 R7 R8 R9 R10 Equilibrio strutturale di parte corrente Rigidità della spesa causata dal personale Saturazione dei limiti di indebitamento Tempo di estinzione teorica dell indebitamento Utilizzo anticipazioni di tesoreria Anticipazioni di tesoreria non rimborsate Residui passivi delle spese correnti entrate correnti [titoli I + II + III] / impegni di spese correnti e per rimborso mutui e prestiti a medio-lungo termine impegnate [titoli I + III solo interventi 3, 4, 5] Impegni spese personale [titolo I intervento 1] / accertamenti entrate correnti [titoli I + II + III] Interessi passivi [titolo I intervento 6] / accertamenti entrate correnti [titoli I + II + III] Debiti di finanziamento a fine anno / spese per rimborsi di quota capitale di mutui e prestiti a mediolungo termine impegnate [titolo III, solo interventi 3, 4, 5] Anticipazioni di tesoreria accertate [entrate titolo V, categoria 1] / entrate correnti accertate [titoli I + II + III] Residui passivi anticipazioni di tesoreria [spese titolo III intervento 1] / entrate correnti accertate [titoli I + II + III] Residui passivi totali (in conto competenza e in conto residui) relativi alle spese correnti [residui totali delle spese titolo I] / spese correnti impegnate [spese titolo I] + -- L equilibrio corrente esprime il rapporto fra le entrate correnti accertate (sia quelle proprie che quelle da trasferimenti da altri enti, es. Stato) e gli impegni di spesa corrente e di servizio al debito di finanziamento (ammortamento mutui e prestiti a m-l/t). L ottimo è rappresentato dai valori pari o superiori a 1, ma la legge consente diverse eccezioni, per cui spesso è pericolosamente inferiore a 1-0,40 0,39 0,38 *** La spesa corrente provocata dal personale è una componente rigida che può provocare problemi all equilibrio strutturale di parte corrente (difficoltà di copertura da parte delle entrate correnti); l indicatore indica quanta parte delle entrate correnti accertate è destinata alla copertura delle spese del personale - 0,15 Simile al precedente, l indicatore indica la quantità di entrate correnti accertate che serve alla copertura delle spese per interessi - L indicatore mette a rapporto l ammontare dei debiti di finanziamento e l ammontare della quota capitale rimborsata nell ultimo anno fornendo, quindi, il tempo medio (in anni) di estinzione dello stock di debito ipotizzando rate di quota capitale costanti. Essendo il metodo d ammortamento generalmente di tipo francese, l indice sovrastima i tempi reali di ammortamento - 0,25 L anticipazione di liquidità richiesta dall ente al proprio tesoriere (tipo castelletto ) costituisce l extrema ratio degli enti in difficoltà di liquidità; pertanto, enti che presentano questo indicatore anche solo di poco positivo, possono essere in situazione di pre-default - 0,05 Rispetto all indicatore precedente, in situazioni ancora peggiori sono gli enti che hanno fatto richiesta di anticipazioni di tesoreria e che, a termine d anno, non hanno provveduto al totale rientro (generando quindi residui passivi come differenza fra impegni e pagamenti) - 0,40 Individua l ammontare dei residui passivi (debiti) maturati per la spesa corrente sull ammontare dei relativi impegni. Più il valore è elevato, più denota tempi di dilazione lunghi per i pagamenti delle spese correnti. * Metodo di valutazione dell indicatore: Q = tanto migliore quanto più si avvicina al primo quartile (percentile 25%) del gruppo dei pari; + tanto migliore quanto più elevato; - tanto migliore quanto più contenuto. ** Soglie minime (se indicatore + o Q) o massime (se indicatore ), così come previsto da parametri di deficitarietà DM 24/09/09 o Testo Unico Enti Locali (soglie al ) *** Le soglie si riferiscono, rispettivamente, a comuni appartenenti alle seguenti classi dimensionali: 40% se < abitanti; 39% se abitanti; 38% se > abitanti. Nel calcolo del Rating finanziario complessivo R3, R4 ed R9 sono pesati maggiormente rispetto agli altri indicatori Analisi della salute finanziaria del Comune di Cesena Giuseppe Farneti & Emanuele Padovani

4 giuseppe farneti & emanuele padovani Tavola 2 Il Rating Finanziario del Comune di Cesena: 2009 e outlook L analisi della salute finanziaria del Comune di Cesena attraverso il Rating Finanziario : Rating A Come si evince dalla lettura della Tavola 2 il Comune di Cesena si colloca fra il migliore 5% dei comuni italiani, godendo di un Rating Finanziario pari ad A, sia nel 2009 che nel Considerato che il Rating Finanziario si basa sul confronto dei dati di bilancio del Comune di Cesena con tutti gli enti italiani e che a livello centralizzato la banca dati ora (13 luglio 2011) contiene solo i dati relativi ai consuntivi 2009, la Analisi della salute finanziaria del Comune di Cesena Giuseppe Farneti & Emanuele Padovani

5 giuseppe farneti & emanuele padovani valutazione certa è relativa all anno 2009 (colonna 2009 nella Tavola 2), mentre quella riferita al 2010 (colonna 2010 ) è una proiezione sulla base dell andamento dei vari indicatori con riferimento alla differenza fra il 2010 (colonna 2010 valore ) e il 2009 (colonna 2009 valore ) per il solo Comune di Cesena. La direzione di tale andamento è sintetizzata attraverso il sistema degli smiles (colonna outlook ) e riassunta a livello di Rating Finanziario di Outlook nell ultima riga (riga Rating Complessivo Dettaglio colonna outlook ). In linea generale, emerge chiaramente che il Comune di Cesena si posiziona nella parte alta della graduatoria della salute finanziaria per quanto riguarda tutti i principali indicatori (colonna 2009 Rating ), ad eccezione di due indicatori che, tuttavia, si attestano su livelli poco al disotto della media e, dal 2009 al 2010, in un caso migliora e nell altro peggiora ma solo marginalmente. Nel complesso, si può affermare che (se non specificato diversamente, le considerazioni sono operate con riferimento all anno 2010): l avanzo d amministrazione si attesta su valori fisiologici, né troppo vicini allo zero, né eccessivamente elevati, pari a circa il 5% di spese correnti e rimborso mutui e prestiti; ciò dimostra che da un lato non vi sono difficoltà di copertura delle spese complessive e dall altro le risorse vengono tutte impiegate anziché congelate per impieghi futuri; il risultato d amministrazione è qualitativamente molto buono, in quanto contiene solo una minima parte di crediti ritenuti di difficile riscossione; in effetti la capacità dell ente di riscuotere le entrate proprie derivanti da tributi e tariffe dei servizi è estremamente elevata: a fronte di una media di circa 41% (del gruppo di riferimento abitanti, anno 2009) di crediti per tributi e tariffe più vecchi di 12 mesi rispetto al totale degli accertamenti d entrata relativi ad un anno, per il Comune di Cesena è rilevato un 8% nel 2009, che nel 2010 è diminuito al 6%; la gestione della parte corrente del bilancio genera un surplus di 2 punti percentuali (tuttavia diminuiti rispetto i 5 punti del 2009) rispetto alle spese correnti e per rimborso di mutui e prestiti, che vengono utilizzati per il finanziamento degli investimenti in beni pluriennali ed opere pubbliche; considerando che, a differenza dei comuni che possiedono problemi di riscossione, le entrate correnti proprie si tramutano in effettivi introiti, si può affermare che tale risultato pone il Comune di Cesena fra quella stretta cerchia di comuni che riescono fattivamente ad ottenere risorse dalla gestione corrente da destinare agli investimenti; mediamente, infatti, non si raggiunge l equilibrio e quando si raggiunge spesso l ente ha difficoltà ad introitare effettivamente le risorse accertate (quindi di fatto non si raggiunge l equilibrio di parte corrente); le spese del personale sono al disotto dei limiti stabiliti dal Testo Unico e pari a circa il 29% delle entrate correnti; secondo la manovra correttiva del 2010 (d.l. 78/2010), una recente interpretazione della Corte dei Conti e la più recente manovra correttiva del 2011 (d.l. 98/2011), gli enti locali non possono procedere ad assumere personale se superano il tetto del 40% rispetto alle spese correnti, considerando anche le spese effettuate all interno delle società partecipate; il Comune di Cesena si pone, rispetto alla graduatoria apparsa il 20 giugno su Il Sole 24 Ore dei comuni capoluogo di provincia e i cui calcoli sono stati realizzati da Giuseppe Farneti ed Emanuele Padovani su dati Aida PA e Modulo Aida SPL di Bureau van Dijk, al 5 posto con 21,7%; Analisi della salute finanziaria del Comune di Cesena Giuseppe Farneti & Emanuele Padovani

6 giuseppe farneti & emanuele padovani la situazione debitoria a medio-lungo termine è particolarmente contenuta ed è dimostrata sia dalla bassissima incidenza degli interessi passivi, che sono pari all 1% delle entrate correnti, sia dai tempi di estinzione: se, per ipotesi, la rata di ammortamento dei mutui e prestiti per la parte capitale rimanesse costante e non fossero assunti nuovi mutui, sarebbero sufficienti 5 anni per azzerare i debiti finanziari pregressi; il non utilizzo delle anticipazioni di tesoreria associato alle condizioni di equilibrio finanziario complessivo e di parte corrente e di capacità di riscossione, è sintomo di ottima capacità di solvibilità a breve termine dell ente; dunque, il livello leggermente alto dei residui passivi, ossia grosso modo dei debiti commerciali a breve termine, non è attribuibile a dilazioni di pagamento dei fornitori di beni e servizi, ma piuttosto ad altre situazioni di carattere amministrativo-contabile, tuttavia in fase di risoluzione dimostrata dalla flessione dell indice (da 33% nel 2009 a 30% nel 2010). La scheda REPORT PA Gestione finanziaria trasparente del Comune allegata approfondisce l analisi dei principali trend storici ( ) offrendo: - la struttura del bilancio per macro aggregati di entrata e spesa (tabelle e grafici); - l analisi delle principali entrate proprie correnti (tabelle e grafici); - l analisi dei principali indici di bilancio; - in ultima pagina, l analisi del trend storico negli ultimi cinque anni del Rating Finanziario; - sempre in ultima pagina, l analisi di benchmarking del Rating Finanziario con i comuni più prossimi in termini di dimensione demografica e appartenenti alla medesima regione; per ciascun indicatore è indicata la mediana del gruppo di riferimento (colonna Gruppo dei pari Mediana ). 4. L analisi della salute economico-patrimoniale-finanziaria delle società partecipate attraverso il Rating Gruppo Municipale Il Rating Gruppo Municipale fornisce una valutazione di sintesi dello stato di salute economicopatrimoniale-finanziaria del gruppo di società ed enti partecipati dalle amministrazioni comunali i cui bilanci sono depositati presso le camere di commercio (sono pertanto esclusi dall analisi gli enti per cui non è prevista l obbligatorietà del deposito del bilancio e che non lo hanno depositato). Il Rating Gruppo Municipale si basa sull analisi del posizionamento di ciascuna partecipata in base al proprio settore di business di servizio pubblico locale di appartenenza: idrico; gas; energia elettrica; igiene ambientale; trasporto pubblico locale; edilizia residenziale pubblica; farmaceutico; socio assistenziali e alla persona; funerario e cimiteriale; cultura; turismo sport e tempo libero; Analisi della salute finanziaria del Comune di Cesena Giuseppe Farneti & Emanuele Padovani

7 giuseppe farneti & emanuele padovani formazione; fiere e mercati; ristorazione collettiva; information communication technology; consulenza; altri servizi; multi-servizio (appartenenza a due o più aree di business sopraelencate differenti). In totale, i gruppi municipali includono oltre partecipate di primo livello (partecipate direttamente dalle amministrazioni comunali) secondo livello (partecipate dalle partecipate comunali) e terzo livello (partecipate dalle società di cui al punto precedente) operanti in nei diversi settori. Ciascuna partecipata municipale è analizzata sulla base di una serie di cinque o otto indici di bilancio a seconda del tipo di società (rispettivamente, multi servizio o mono servizio) calcolati sulla base dei dati contenuti nei bilanci civilistici; quando presenti, sono utilizzati i bilanci consolidati. Quando si è in presenza di bilanci abbreviati non dettagliati, alcuni indicatori sono esclusi dal calcolo del rating. Gli indici di bilancio utilizzati prendono in esame la redditività, l indebitamento e la solvibilità (si veda la Tavola 3). A ciascun indice di bilancio di ciascuna partecipata è associato un punteggio sulla base dell andamento del settore di riferimento in funzione della correlazione fra valore dell indicatore e salute economico-patrimonialefinanziaria. A ciascun indicatore è, poi, associato un peso tramite il quale si perviene alla conoscenza del rating economico-patrimoniale-finanziario complessivo di ciascuna partecipata. Il sistema di rating è articolato su 11 classi di merito complessive, da A ad E, come per il Rating Finanziario. Sono stati impostati controlli sugli indicatori in modo tale da scartare dati non ritenuti validi. Le partecipate con patrimonio netto pari o inferiore a zero ricadono sempre nell ultima classe di merito E mentre tutti gli indicatori (escluso ROE) sono utilizzati per il calcolo dei percentili dei relativi indicatori. Per poter sviluppare il rating economico-patrimoniale-finanziario complessivo del gruppo municipale (il Rating Gruppo Municipale), il rating di ciascuna partecipata di primo livello viene pesato in base alla consistenza di - patrimonio netto, - capitale investito, - costi monetari (costi della produzione al netto di accantonamenti e ammortamenti), parametrati rispetto alle consistenze pro-quota totali dell intero gruppo municipale. Analisi della salute finanziaria del Comune di Cesena Giuseppe Farneti & Emanuele Padovani

8 giuseppe farneti & emanuele padovani Tavola 3 - Gli indicatori utilizzati per il calcolo del Rating Gruppo Municipale (ciascuna partecipata) 5. L analisi della salute finanziaria del gruppo municipale del Comune di Cesena attraverso il Rating Gruppo Municipale : Rating C1 Come si evince dalla scheda allegata Rating del Gruppo Municipale di Cesena, il gruppo municipale, ossia il gruppo delle partecipazioni del Comune di Cesena (NB: come specificato, sono inclusi solo le società ed enti partecipati dalle amministrazioni comunali i cui bilanci sono depositati presso le camere di commercio italiane; sono pertanto esclusi dall analisi gli enti per cui non è prevista l obbligatorietà del deposito del bilancio e che non lo hanno volontariamente depositato; dati aggiornati a giugno 2011), ottiene una buona valutazione, pari a C1. Al di là delle valutazioni delle singole società partecipate di primo e di secondo livello, che possono essere direttamente rinvenute nella scheda allegata, ecco alcuni dati maggiormente rilevanti: le società che pesano maggiormente nel Rating Gruppo Municipale complessivo sono: o HERA Spa al 54,97%, valutata B2 o Unica Reti Spa al 25,67%, C4 o Romagna Acque Spa al 14,04%, C1 Patrimonio netto partecipato complessivo: 150,1 mln Capitale investito pro quota (in base alla quota di partecipazione): 273,6 mln Analisi della salute finanziaria del Comune di Cesena Giuseppe Farneti & Emanuele Padovani

9 giuseppe farneti & emanuele padovani Costi monetari pro quota (in base alla quota di partecipazione), elemento di approssimazione per la spesa corrente (calcolo spesa del personale / spesa corrente): 96,5 mln Debiti finanziari pro quota (in base alla quota di partecipazione): 70,5 mln Spese del personale pro quota (in base alla quota di partecipazione), elemento di approssimazione per la spesa corrente (calcolo spesa del personale / spesa corrente): 9,6 mln Per il calcolo dell indice di spesa del personale / spesa corrente complessivo, considerando anche le partecipate (migliaia ): o Spesa per il personale, Comune (dal quadro 3 bis del certificato): o Spesa per il personale, partecipate (partecipate considerate pro quota, solo primo livello, solo depositanti bilancio presso CCIAA): o Spesa corrente, Comune (dato non visibile in articolo Sole): o Costi monetari, partecipate (dato non visibile in articolo Sole): o Indicatore personale comune + partecipate / spesa corrente comune + partecipate (valore indicato nella colonna Peso % nell articolo de Il Sole 24 Ore del 20 giugno 2011): 21,7% (5 posto in classifica nazionale dei comuni capoluogo di provincia) Credits Il Rating Finanziario e il Rating Gruppo Municipale sono sviluppati da Giuseppe Farneti ed Emanuele Padovani, su dati Aida PA e Modulo Aida SPL, Bureau van Dijk. Contatti per eventuali approfondimenti Giuseppe Farneti Emanuele Padovani Analisi della salute finanziaria del Comune di Cesena Giuseppe Farneti & Emanuele Padovani

10 REPORT PA Gestione finanziaria trasparente del Comune Comune: Cesena Provincia: Forlì-Cesena Regione: Emilia-Romagna Codice ISTAT: STRUTTURA PER MACRO AGGREGATI DI ENTRATA E SPESA VOCI DI BILANCIO Entrate - Parte Corrente () Valori espressi in migliaia di EUR Valori % Diff. % Valori % Diff. % Valori % Tributarie ,4 2, ,1-33, ,3 Contributi e Trasferimenti correnti ,6 8, ,8 32, ,6 Extratributarie ,0 0, ,1 11, ,1 TOTALE Entrate - Parte Corrente () ,0 4, ,0 5, ,0 Entrate - Parte c/capitale () Alienazioni, Trasferimenti di capitale ,1-36, ,1 36, ,4 Accensioni di prestiti ,9-25, ,9-0, ,6 TOTALE Entrate - Parte c/capitale () ,0-34, ,0 26, ,0 Spese - Parte Corrente e Rimborso Prestiti (Impegni) Correnti ,0 2, ,4 5, ,5 Rimborso Prestiti ,0-3, ,6-2, ,5 TOTALE Spese - Parte Corrente e Rimborso Prestiti (Impegni) ,0 1, ,0 4, ,0 TOTALE Spese - Parte c/capitale (Impegni) ,0-26, ,0 22, , ENTRATE PROPRIE CORRENTI VOCI DI BILANCIO Imposte e tasse Valori espressi in migliaia di EUR Accert. Riscoss. Riscoss. Accert. Riscoss. Riscoss. Accert. Riscoss. Riscoss. c/comp. c/residui c/comp. c/residui c/comp. c/residui Imposta comunale sugli immobili (ICI) Tassa smaltimento rifiuti solidi urbani (TARSU) Altre imposte e tasse TOTALE Imposte e tasse Entrate Extratributarie Proventi da servizio smaltimento rifiuti Sanzioni Codice della strada Tassa occupazione spazi e aree pubbl. (TOSAP) Utili netti aziende speciali partecipate e dividendi Altre entrate extratributarie TOTALE Entrate Extratributarie Altre entrate Proventi concessioni edilizie e sanz.urbanistiche

11 STRUTTURA PER MACRO AGGREGATI DI ENTRATA E SPESA Cesena Entrate (Parte Corrente) Entrate (Parte conto Capitale) Tributarie Contributi e Trasferimenti correnti Extratributarie Alienazioni, Trasferimenti di capitale Accensioni di prestiti Spese (Parte Corrente e Rimborso prestiti) Spese (Parte conto Capitale) Correnti Rimborso Prestiti TOTALE Spese - Parte c/capitale (Impegni) REPORT PA - Gestione finanziaria trasparente del comune Bureau van Dijk - AIDA PA

12 ENTRATE PROPRIE CORRENTI Cesena Imposte e Tasse % 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% ICI TARSU Altre imposte e tasse Entrate Extratributarie % 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Proventi da RSU Sanzioni da Codice strada TOSAP Utili netti aziende spec.partecipate Altre entrate REPORT PA - Gestione finanziaria trasparente del comune Bureau van Dijk - AIDA PA

13 ENTRATE PROPRIE CORRENTI - Imposte e tasse Cesena ICI (Imposta Comunale Immobili) TARSU (Tassa Smaltimento RSU) Altre imposte e tasse TOTALE Imposte e Tasse REPORT PA - Gestione finanziaria trasparente del comune Bureau van Dijk - AIDA PA

14 ENTRATE PROPRIE CORRENTI - Entrate Extratributarie Cesena Proventi servizio smaltimento rifiuti Sanzioni Codice della strada TOSAP - Tassa occupazione spazi ed aree pubbliche 3 Utili netti aziende speciali e partecipate REPORT PA - Gestione finanziaria trasparente del comune Bureau van Dijk - AIDA PA

15 ENTRATE PROPRIE CORRENTI - Entrate Extratributarie Cesena Altre entrate extratributarie TOTALE Entrate extratributarie ENTRATE PROPRIE CORRENTI - Proventi concessioni edilizie e sanzioni urbanistiche Proventi concessioni edilizie e sanzioni urbanistiche REPORT PA - Gestione finanziaria trasparente del comune Bureau van Dijk - AIDA PA

16 PRINCIPALI INDICI Cesena INDICI Struttura delle entrate correnti Autonomia finanziaria 0,71 0,85 0,84 Autonomia impositiva 0,52 0,59 0,61 Autonomia extratributaria 0,19 0,26 0,23 Struttura delle spese correnti Incid. delle spese di personale (Rigidità della spesa causata dal personale) 0,22 0,24 0,23 Incid. delle spese per rimborso prestiti 0,03 0,06 0,11 Peso relativo delle Funzioni generali di ammin., gestione e controllo su totale spesa corrente 0,26 0,26 0,26 Entità della spesa in conto capitale Spesa in c/capitale in relazione alla spesa corrente 0,15 0,47 0,16 Somme destinate al finanziamento di opere pubbliche pro-capite (EUR) Somme destinate al finanziamento dei beni mobili strumentali (EUR) Modalità di finanziamento delle spese Equilibrio strutturale di parte corrente 1,07 0,96 0,91 Incid. delle spese c/capitale finanziate tramite alienazioni patrimoniali 0,00 0,00 0,22 Incid. delle spese c/capitale finanziate tramite trasfer.di cap. da Stato, Regione e altri enti PA 0,03 0,23 0,01 Incid. degli investimenti diretti finanziati tramite mutui e prestiti obbligazionari 0,00 0,00 0,00 Gestione finanziaria delle entrate e delle spese Entità del risultato d'amministrazione 0,20 0,05 0,13 Qualità del risultato d'amministrazione 0,67 2,25 0,83 Crediti su entrate proprie oltre 12 mesi 0,17 0,15 0,14 Residui passivi delle spese correnti 0,28 0,30 0,34 Situazione debitoria Debiti di finanziamento pro-capite (EUR) Tempi di estinzione debiti di finanziamento 20,28 16,67 0,00 REPORT PA - Gestione finanziaria trasparente del comune Bureau van Dijk - AIDA PA

17 PRINCIPALI INDICI Cesena Struttura delle entrate correnti Struttura delle spese correnti 0,85 0,84 0,71 0,59 0,61 0,22 0,26 0,26 0,24 0,23 0,26 0,52 0,19 0,26 0,23 0,06 0,11 0,03 Autonomia finanziaria Autonomia impositiva Autonomia extratributaria Incidenza delle spese di personale Incidenza delle spese per rimborso prestiti Peso relativo delle Funz.gen.ammin., gest. e contr.su totale spesa corrente Entità della spesa in c/capitale (1) Entità della spesa in c/capitale (2) - EUR 0, ,15 0, Spesa in c/capitale in relazione alla spesa corrente Somme destinate al finanziamento di opere pubbliche pro-capite Somme destinate al finanziamento dei beni mobili strumentali REPORT PA - Gestione finanziaria trasparente del comune Bureau van Dijk - AIDA PA

18 PRINCIPALI INDICI Cesena Modalità di finanziamento delle spese 1,07 0,96 0,91 0,23 0,22 0,03 0,00 0,00 0,01 Equilibrio strutturale di parte corrente Incid. delle spese c/capitale finanz. tramite alienaz.patrimoniali Incid. delle spese c/capitale finanz. tramite trasfer.di cap. da Stato, Regione e altri enti PA Incid. degli investimenti diretti finanz.tramite mutui e prestiti obbligaz. Gestione finanziaria delle entrate e delle spese 2,25 0,67 0,83 0,20 0,28 0,30 0,17 0,15 0,13 0,14 0,05 0,34 Entità del risultato d'amministrazione Qualità del risultato d'amministrazione Crediti su entrate proprie oltre 12 mesi Residui passivi delle spese correnti REPORT PA - Gestione finanziaria trasparente del comune Bureau van Dijk - AIDA PA

19 PRINCIPALI INDICI Cesena Situazione debitoria (1) Situazione debitoria (2) ,28 16,67 0,00 Debiti di finanziamento pro-capite (EUR) Tempi di estinzione debiti di finanziamento REPORT PA - Gestione finanziaria trasparente del comune Bureau van Dijk - AIDA PA

20 RATING INDICATORI E RATING COMPLESSIVO Cesena INDICATORI A B C D E A B C D E A B C D E A B C D E A B C D E A B C D E Entità del risultato d'amministrazione 0,05 0,04 0,04 0,02 0,02 0,02 Qualità del risultato d'amministrazione 0,89 1,14 1,79 2,80 2,17 1,81 Crediti su entrate proprie oltre 12 mesi 0,06 0,08 0,11 0,07 0,06 0,04 Equilibrio strutturale di parte corrente 1,02 1,05 1,02 1,02 1,01 1,00 Rigidità della spesa causata dal personale 0,32 0,32 0,29 0,29 0,28 0,31 Saturazione dei limiti di indebitamento 0,01 0,02 0,03 0,03 0,03 0,02 Tempi di estinzione debiti di finanziamento 5,07 4,98 5,28 5,47 6,16 5,88 Utilizzo anticipazioni di tesoreria 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Anticipazioni di tesoreria non rimborsate 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 Residui passivi delle spese correnti 0,30 0,33 0,37 0,39 0,26 0,27 RATING COMPLESSIVO A A B B B B Diff RATING DI DETTAGLIO (ULTIMO ANNO DISPOSNIBILE) CON CONFRONTO INDICATORI Comune Gruppo del pari Indicatori e rating dei primi sei comuni più simili per dimensione demografica appartenenti alla stessa Regione Valore Rating Mediana Valore Rating Valore Entità del risultato d'amministrazione 0,05 B2 0,07 0,02 B2 0,17 C5 Qualità del risultato d'amministrazione 0,89 B1 2,37 1,96 C2 0,36 B1 1,53 Crediti su entrate proprie oltre 12 mesi 0,06 B1 0,38 0,05 A Equilibrio strutturale di parte corrente 1,02 C2 1,00 0,98 C5 1,03 Rigidità della spesa causata dal personale 0,32 C5 0,30 0,45 E 0,35 D2 CARPI IMOLA FAENZA Rating Valore Rating Valore Rating Valore 0,06 C1 C1 0,09 B1 0,17 C1 C1 0,95 D2 Saturazione dei limiti di indebitamento 0,01 B1 0,03 0,02 C1 0,07 D2 0,05 Tempi di estinzione debiti di finanziamento 5,07 A 16,24 13,55 C1 Utilizzo anticipazioni di tesoreria 0,00 A 0,00 0,00 A 0,00 Anticipazioni di tesoreria non rimborsate 0,00 A 0,00 0,00 A 0,00 A 0,31 C5 D1 24,14 D2 14,31 C2 A 0,00 A Residui passivi delle spese correnti 0,30 C2 0,48 0,26 B1 0,26 B1 0,40 0,00 A E Rating Valore Rating RATING COMPLESSIVO A n.d. B1 B2 C4 REPORT PA - Gestione finanziaria trasparente del comune Bureau van Dijk - AIDA PA

21 Fonte: Aida PA - Bureau van Dijk :: Elaborazione Rating Finanziario a cura di G. Farneti e E. Padovani RATING DEL GRUPPO MUNICIPALE DI: CESENA C1 Società appartenenti al Gruppo Municipale Settore Quota di partecipazione % Quota di partecipazione della partecipata di 1 livello % Quota di partecipazione della partecipata di 2 livello (solo in caso di holding) % Rating partecipata 1 lilvello Rating partecipata 2 lilvello Rating partecipata 3 lilvello (solo holding) Peso per il calcolo del Rating Gruppo Municipale Patrimonio netto pro quota Capitale investito pro quota Costi monetari pro quota Debiti finanziari pro quota (no società bilancio abbreviato) Spese personale pro quota NOVELLO S.P.A.-SOCIETA' DI TRASFORMAZIONE URBANA IN SIGLA NOVELLO S.T. Altri servizi 100,00 C3 0,05% Bil. Abbreviato - FILIERA ORTOFRUTTICOLA ROMAGNOLA SOC. CONS. PER AZIONI Fiere e mercati 99,75 C1 0,37% Bil. Abbreviato 67 ROMAGNA ENERGIA SOCCONS PER AZIONI Energia elettrica 0,04 C3 CESENA FIERA S.P.A. Fiere e mercati 71,57 B1 1,58% Bil. Abbreviato 131 CENTURIA RIT ROMAGNA INNOVAZIONE TECNOLOGIA SOC.CONSORTILE A R.L. Consulenza 0,83 B1 FIERA DI FORLI' - S.P.A. Fiere e mercati 0,72 B1 AC CESENA SPA Altri servizi 0,03 D2 ROMAGNA ENERGIA SOCCONS PER AZIONI Energia elettrica 50,00 C3 CONSORZIO MEDITERRANEAN FRUIT COMPANY Altri servizi - n.d. TECHNE SOCIETA CONSORTILE PER AZIONI Formazione 50,00 C5 0,65% Bil. Abbreviato 256 AVM AREA VASTA MOBILITA SPA Trasporto pubblico locale 44,11 n.d. n.d n.d. n.d. STAR HOLDING S.P.A. 33,33 n.d. A.T.G. - ADRIATIC TRANSPORT GROUP S.P.A. Trasporto pubblico locale 25,91 E METE S.P.A. Trasporto pubblico locale 5,00 D1 SERVIZI INTEGRATI D'AREA - SER.IN.AR. - FORLI' - CESENA - SOCIETA' CON Consulenza 38,27 B2 1,63% CENTRO RESIDENZIALE UNIVERSITARIO DI BERTINORO DI FORMAZIONE E RICERCA Formazione 26,67 C4 UNICA RETI S.P.A. Multiservizi 32,32 C4 25,67% ROMAGNA ACQUE - SOCIETA' DELLE FONTI S.P.A. Multiservizi 0,36 C1 CENTRO PER L'AUTOTRASPORTO-CESENA, SOCIETA' CONSORTILE MISTA A RESPONS Trasporto pubblico locale 9,49 C3 0,38% Bil. Abbreviato 20 ROMAGNA ACQUE - SOCIETA' DELLE FONTI S.P.A. Multiservizi 9,27 C1 14,04% AGENZIA PER L'ENERGIA E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DELLA PROVINCIA DI FOR Consulenza 7,54 A 0,02% Bil. Abbreviato 21 CENTURIA RIT ROMAGNA INNOVAZIONE TECNOLOGIA SOC.CONSORTILE A R.L. Consulenza 7,45 B1 TERME DI S. AGNESE S.P.A.. Turismo sport e t. lib. 5,46 B1 0,33% Bil. Abbreviato 68 LE TERME NEL PARCO S.R.L. Turismo sport e t. lib. 33,33 C1 TRE TERME S.R.L. - BAGNO DI ROMAGNA Turismo sport e t. lib. 33,33 C4 GESTIONE UNICA DELLE ACQUE DI BAGNO DI ROMAGNA S.R.L. Idrico 25,00 D2 COTER - CONSORZIO DEL CIRCUITO TERMALE DELL'EMILIA ROMAGNA S.R.L. Turismo sport e t. lib. 2,21 C4 FA.CE. S.P.A. Farmaceutico 4,98 C1 0,22% PIEVE 6 S.P.A. - SOCIETA' DI TRASFORMAZIONE URBANA IN SIGLA S.T.U. PIE Altri servizi 4,92 C5 0,05% Bil. Abbreviato - FONDAZIONE CENTRO RICERCHE MARINE Altri servizi 2,69 n.d. n.d Bil. Abbreviato n.d. SCUOLA INTERREGIONALE DI POLIZIA LOCALE IN FORMA ABBREVIATA SIPL Formazione 1,52 n.d. n.d Bil. Abbreviato n.d. QUALITA' DEGLI APPALTI E SOSTENIBILITA' DEL COSTRUIRE - SOC. CONSA R.L Consulenza 0,28 B2 0,00% Bil. Abbreviato 3 SOCIETA' ESERCIZIO AEROPORTI-FORLI'-S.E.A.F. - S.P.A. Trasporto pubblico locale 0,02 D2 0,00% LEPIDA S.P.A. ICT 0,01 C2 0,00% Bil. Abbreviato 0 Materiale riservato -

22 Fonte: Aida PA - Bureau van Dijk :: Elaborazione Rating Finanziario a cura di G. Farneti e E. Padovani Società appartenenti al Gruppo Municipale Settore Quota di partecipazione % Quota di partecipazione della partecipata di 1 livello % Quota di partecipazione della partecipata di 2 livello (solo in caso di holding) % Rating partecipata 1 lilvello Rating partecipata 2 lilvello Rating partecipata 3 lilvello (solo holding) Peso per il calcolo del Rating Gruppo Municipale Patrimonio netto pro quota Capitale investito pro quota Costi monetari pro quota Debiti finanziari pro quota (no società bilancio abbreviato) Spese personale pro quota HERA SPA Multiservizi 2,29 B2 54,97% AGEA RETI S.R.L. Gas 100,00 B1 FAMULA ON-LINE S.P.A. ICT 100,00 C2 HERA COMM SRL Multiservizi 100,00 C3 HERA ENERGIE RINNOVABILI S.P.A. Energia elettrica 100,00 D1 HERA SERVIZI FUNERARI SRL Multiservizi 100,00 A HERA TRADING SRL Multiservizi 100,00 B1 MEDITERRANEA ENERGIA AMBIENTE SPA CON DENOMINAZIONE ABBREVIATA MEDEA S Multiservizi 100,00 D1 UNIFLOTTE SRL Trasporto pubblico locale 97,00 C2 HERA LUCE SRL Energia elettrica 89,58 n.d. HERAMBIENTE SRL Igiene ambientale 80,00 C3 SOTRIS SPA SOCIETA TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI Igiene ambientale 5,00 B1 INGENIA S.R.L. IN LIQUIDAZIONE Consulenza 74,00 LIQ. SATCOM S.P.A. ICT 62,50 C1 ACANTHO SPA ICT 62,44 C4 GAL.A. S.P.A. Consulenza 60,00 C3 ROMAGNA COMPOST S.R.L. Altri servizi 60,00 C3 SINERGIA SRL Gas n.d A ERIS SOCIETA' CONSORTILE A RESPONSABILITA' LIMITATA - ENERGIA RISORSE Energia elettrica n.d C5 FRULLO ENERGIA AMBIENTE S.R.L. Multiservizi 51,00 B1 HERASOCREM SOCIETA' PER AZIONI ABBREVIABILE IN HERASOCREM S.P.A. Altri servizi 51,00 C2 HERA COMM MEDITERRANEA S.R.L. Energia elettrica n.d D2 CONSORZIO FRULLO 50,00 n.d. FLAMEENERGY TRADING GMBH n.d n.d. OIKOTHEN S.R.L. Igiene ambientale 46,10 E ACQUE SRL Idrico n.d B1 MARCHE MULTISERVIZI SPA Multiservizi 40,64 C2 FERONIA S.R.L. Igiene ambientale n.d C5 SERVICE IMOLA SRL Altri servizi 40,00 B1 SET SPA Energia elettrica 39,00 C2 ITALCIC - SOCIETA' CONSORTILE A RESPONSABILITA' LIMITATA IN LIQUIDAZIO Altri servizi 33,33 LIQ. TAMARETE ENERGIA SRL Multiservizi 32,00 D1 SGR SERVIZI SPA Multiservizi n.d B1 SOSEL SPA Altri servizi n.d C1 ADRIATICA ACQUE SRL Idrico n.d C5 AIMAG SPA Multiservizi 25,00 n.d. ESTENSE GLOBAL SERVICE SOC. CONS. A R.L. Altri servizi n.d D1 Materiale riservato -

23 Fonte: Aida PA - Bureau van Dijk :: Elaborazione Rating Finanziario a cura di G. Farneti e E. Padovani Società appartenenti al Gruppo Municipale Settore Quota di partecipazione % Quota di partecipazione della partecipata di 1 livello % Quota di partecipazione della partecipata di 2 livello (solo in caso di holding) % Rating partecipata 1 lilvello Rating partecipata 2 lilvello Rating partecipata 3 lilvello (solo holding) Peso per il calcolo del Rating Gruppo Municipale Patrimonio netto pro quota Capitale investito pro quota Costi monetari pro quota Debiti finanziari pro quota (no società bilancio abbreviato) Spese personale pro quota REFRI SRL n.d n.d. SEI SPA Altri servizi 20,00 D2 CALENIA ENERGIA SOCIETA PER AZIONI Multiservizi 15,00 C3 MODENA NETWORK S.P.A. ICT 14,00 D1 ENERGIA ITALIANA S.P.A. Energia elettrica 11,00 C2 ATEL CENTRALE ELETTRICA FORLI' S.R.L. IN LIQUIDAZIONE Energia elettrica 10,00 LIQ. MODENA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E PER L IMPRESASRL A Formazione 7,00 C1 FONDAZIONE FLAMINIA RAVENNA 4,00 n.d. CONSORZIO ITALIANO COMPOSTATORI Igiene ambientale 3,00 B2 TORRICELLI SRL Altri servizi 1,65 C3 CONSORZIO CONSENERGY ,00 n.d. DEMOCENTER-SIPE CENTRO SERVIZI PER L'INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TE Consulenza 1,00 C3 PROG.ESTE. S.P.A. Altri servizi 0,10 D1 ASA AZIENDA SERVIZI AMBIENTALI SCPA Igiene ambientale n.d B2 ETICREDITO - BANCA ETICA ADRIATICA S.P.A. n.d n.d. TOTALI Materiale riservato -

Analisi della salute finanziaria del Comune di Cesena: andamento complessivo

Analisi della salute finanziaria del Comune di Cesena: andamento complessivo Analisi della salute finanziaria del Comune di Cesena: andamento complessivo Emanuele Padovani 13 luglio 2011 Introduzione Federalismo e trasparenza nell utilizzo delle risorse finanziarie occupano da

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE

RENDICONTO DELLA GESTIONE Allegato A) alla delibera consiliare n. 18 del 28.4.2014 COMUNE DI BOMPORTO (Modena) RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2013 Approvata dalla Giunta Comunale con

Dettagli

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali GUIDA ALLA LETTURA DEI BILANCI COMUNALI L esame dei bilanci dei Comuni può costituire un utile strumento di analisi e di supporto all elaborazione di linee

Dettagli

ENTRATE CORRENTI Di seguito si riportano le risorse e gli andamenti relativi alle Entrate correnti dell ultimo triennio.

ENTRATE CORRENTI Di seguito si riportano le risorse e gli andamenti relativi alle Entrate correnti dell ultimo triennio. 1 LE RISORSE ECONOMICO FINANZIARIE Obiettivi Riduzione indebitamento Ente. Mantenimento parametri Patto Stabilità. Miglioramento tempi di pagamento alle imprese e attivazione procedure di cui al D.L. 35/2013.

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Venezia Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Venezia ha l obiettivo di sintetizzare

Dettagli

Quadro generale riassuntivo

Quadro generale riassuntivo BILANCIO DI PREVISIONE 2005 Entrate Quadro generale riassuntivo Spese Titolo I: Entrate tributarie 31.047.465,00 Titolo I: Spese correnti 51.822.716,00 Titolo II: Entrate da contributi e trasferimenti

Dettagli

Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2009 del Comune di Corinaldo 1

Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2009 del Comune di Corinaldo 1 Parere dell Organo di Revisione sul bilancio di previsione 2009 del Comune di Corinaldo 1 ! "!#!!$!%"!&!"'()*)! " # $%!&# '()( * " ( +,-.# '(((+"(/#! 01 %2!& # 0 2 ' #! '! 2 3! 2" % 2!( ) Parere dell Organo

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Modena. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Modena. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Modena Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Luglio 2010 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Modena ha l obiettivo di sintetizzare

Dettagli

2. Esercizi di contabilità finanziaria

2. Esercizi di contabilità finanziaria 2. Esercizi di contabilità finanziaria di Carmela Barbera e Silvia Rota La lettura del bilancio preventivo 1. Il caso del Comune di Avalonia Viene fornito un estratto semplificato del bilancio di previsione

Dettagli

GESTIONE FINANZIARIA

GESTIONE FINANZIARIA GESTIONE FINANZIARIA SCELTE QUALIFICANTI Considerato che il bilancio di un Ente locale deve garantire equilibrio tra il rigore dei numeri e i bisogni dei cittadini, tra la necessità del raggiungimento

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013

BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013 Pagina 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 825.833,33 282.28 282.28 di cui: AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO 288.951,87 80.28 80.28 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE: FINANZIAMENTO INVESTIMENTI AVANZO DI AMMINISTRAZIONE:F.AMMORTAMENTO

Dettagli

BILANCIO 2012 - RENDICONTO

BILANCIO 2012 - RENDICONTO BILANCIO 2012 - RENDICONTO Il controllo di gestione finanziario effettuato sul rendiconto in esame focalizza l analisi sui risultati della gestione finanziaria (risultati di amministrazione, della gestione

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE. Triennio: 2015-2017

Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE. Triennio: 2015-2017 Delibera: 14 / 25 del 31/03/25 Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE Triennio: 25-27 Delibera: 14 / 25 del 31/03/25 ENTRATE Cassa Anno 25 Competenza 25 26 27 SPESE Cassa Anno 25 Competenza 25 26 27

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

87083 Amministrazione e controllo. Fondata sulle informazioni tratte dalla contabilità

87083 Amministrazione e controllo. Fondata sulle informazioni tratte dalla contabilità 87083 Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Analisi Analisi di bilancio Fondata sulle informazioni tratte dalla contabilità finanziaria Analisi del bilancio preventivo Analisi del conto del

Dettagli

Comune di LEVERANO Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011

Comune di LEVERANO Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011 Provincia di LECCE BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2011 PARTE I - ENTRATA 22/06/2011 9:15 Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI DI COMPETENZA AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 314.100,35 34.790,99

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La tabella sottostante riporta l indebitamento globale del Comune, suddiviso per soggetto finanziatore e tipologia di contratto, con

Dettagli

Dinamica indebitamento

Dinamica indebitamento 2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La tabella sottostante riporta l indebitamento globale del Comune, suddiviso per soggetto finanziatore e tipologia di contratto, con

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016

BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016 BILANCIO PLURIENNALE 2014 - Pagina 1 di 201 PREVISIONI DEL BILANCIO PLURIENNALE 2014 - AVANZO DI AMMINISTRAZIONE di cui: Avanzo vincolato Avanzo finanziamento investimenti Avanzo fondo ammortamento Avanzo

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2010

BILANCIO DI PREVISIONE 2010 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2010 Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 55-315 del 28 aprile 2010 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno

Dettagli

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno 2008 Risorsa Accertamenti Previsioni Avanzo di Amministrazione 1.326.30 376.60

Dettagli

COMUNE DI VEGLIE Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2014

COMUNE DI VEGLIE Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2014 COMUNE DI VEGLIE Provincia di LECCE BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2014 COMUNE DI VEGLIE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2014 PARTE I - ENTRATA : Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 1 Il quadro finanziario dei Comuni si inserisce in un contesto di finanza pubblica particolarmente indebolito dalla crisi economica che ha

Dettagli

La gestione finanziaria 1

La gestione finanziaria 1 CAPITOLO 6 BILANCIO COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 La gestione finanziaria 1 Le risultanze finali del conto di bilancio dell esercizio finanziario 2007 sono riportate nella Tavola

Dettagli

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015

RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 RELAZIONE TECNICA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Introduzione In base all art. 162 comma 7 del T.U.E.L. 167/2000: Gli enti assicurano ai cittadini ed agli organismi di partecipazione, di cui all'art. 8,

Dettagli

COMUNE DI BOLSENA Provincia di Viterbo

COMUNE DI BOLSENA Provincia di Viterbo COMUNE DI BOLSENA Provincia di Viterbo REFERTO DI CONTROLLO DI GESTIONE ANNO In conformità alle previsioni dell art. 198 del d lgs 267/2000 il presente referto ha lo scopo di esprimere le valutazioni sullo

Dettagli

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi

Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi Le entrate sulle quali la Provincia può contare per il proprio funzionamento sono costituite da contributi e trasferimenti; imposte e tasse; proventi dei servizi. Quelle per gli investimenti derivano da

Dettagli

ENTRATE E SPESE CORRENTI 2010

ENTRATE E SPESE CORRENTI 2010 RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2010 ENTRATE E SPESE CORRENTI 2010 ENTRATE CORRENTI ACCERTAMENTI SPESE CORRENTI IMPEGNI Tit.1' Entrate tributarie 3.767.366,36 Tit.2' Entrate da trasferimenti 2.852.298,09

Dettagli

Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo

Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli. Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo Il bilancio per il cittadino - Comune di Napoli Marika Arena, Giovanni Azzone, Tommaso Palermo 2 Premessa Il rapporto Civicum-Politecnico di Milano sul Comune di Napoli ha l obiettivo di sintetizzare le

Dettagli

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2009

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2009 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2009 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno 2009 Risorsa Accertamenti Previsioni Avanzo di Amministrazione 376.60 875.00

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 5.3 SETTORE STATALE 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 Il settore statale ha registrato nel 2007 un fabbisogno di 29.563 milioni e un avanzo primario di 38.038 milioni (nel 2006 rispettivamente

Dettagli

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1

COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2014 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 GESTIONE DELLE ENTRATE 22/04/2015 11:13 Pag. 1 Residui conservati N. di Conto del tesoriere Determinazione dei Maggiori o e stanziamenti riferimento residui minori CODICE DESCRIZIONE definitivi allo Riscossioni

Dettagli

COMUNE DI POLLA. Provincia di SALERNO. BILANCIO di PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017

COMUNE DI POLLA. Provincia di SALERNO. BILANCIO di PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017 Provincia di SALERNO BILANCIO di PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE 2015-2017 ENTRATE TITOLO TIPOLOGIA RESIDUI PRESUNTI AL TERMINE DELL'ESERCIZIO 2014 DEFINITIVE DELL'ANNO

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Comune di Modena 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Ex D.Lgs 118/2011 Approvato con Delibera di Consiglio n. 17 del 05/03/2015 Pag. 1 Allegato n. 9 al D.Lgs. 118/2011 Bilancio di Previsione

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

Certificati. untivo. Novembre 2015

Certificati. untivo. Novembre 2015 Certificati di conto consu untivo 2013 Dati relativi ai comuni italiani con più di 200.000 abitanti Novembre 2015 I dati presenti nella pubblicazione sono tratti dal sito del Ministero dell'interno Dipartimento

Dettagli

Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014

Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014 Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014 La scadenza ordinaria per l approvazione del bilancio di previsione è stabilita al 31 dicembre di ogni anno (art. 151 del D. Lgs. n. 267/2000). Entro tale

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico COMUNE DI BASTIA UMBRA Prov. (PG) BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2013 Sintetico AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 170.096,84 170.096,84 di cui: - Vincolato - Finaziamento Investimenti - Fondo Ammortamento

Dettagli

Ente 20553 - Comune di Massarosa CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2011 - GESTIONE DELLE ENTRATE. Conto del tesoriere. N di riferimento allo svolgimento

Ente 20553 - Comune di Massarosa CONTO DEL BILANCIO - Esercizio 2011 - GESTIONE DELLE ENTRATE. Conto del tesoriere. N di riferimento allo svolgimento CONO DEL BILANCIO - Esercizio 2011 - GESIONE DELLE ENRAE Pag.1 conservati e da riportare otale otale al 31 dicembre Avanzo di amministrazione 1.130.134,24 di cui: avanzo di amministrazione 1.130.134,24

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

C.O.VE.VA.R. PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE. Dr. Tino Candeli

C.O.VE.VA.R. PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE. Dr. Tino Candeli C.O.VE.VA.R. Consorzio Obbligatorio Comuni del Vercellese e della Valsesia per la gestione dei rifiuti urbani della Provincia di Vercelli PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE PARTE I : ENTRATA

BILANCIO PLURIENNALE PARTE I : ENTRATA BILANCIO PLURIENNALE PARTE I : ENTRATA BILANCIO PLURIENNALE 2011-201 Pag. 1 / 20 201012 201 PREVISIONI DEL BILANCIO PLURIENNALE 2011-201 Avanzo di amministrazione di cui: VINCOLATO FINANZIAMENTO INVESTIMENTI

Dettagli

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Linee generali Il bilancio di previsione 2012 si caratterizza proprio per un forte elemento «previsionale», legato ai recenti interventi legislativi

Dettagli

Comune di Rodengo Saiano

Comune di Rodengo Saiano Comune di Rodengo Saiano RELAZIONE DELLA GIUNTA AL 2013 Prospetti di confronto e considerazioni sul Rendiconto dell esercizio 2013 Analisi dei dati di rendiconto Risultato economico e Stato patrimoniale

Dettagli

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI - BILANCIO 2011. Parte I - ENTRATA

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI - BILANCIO 2011. Parte I - ENTRATA Parte I - ENTRATA Categorie Stanziamento Accertamenti Proiezione al 31/12 1 ENTRATE TRIBUTARIE 2 ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI

Dettagli

BILANCIO TRIENNALE 2015 2017

BILANCIO TRIENNALE 2015 2017 BILANCIO TRIENNALE 2015 2017 Bilancio di previsione triennale 2015 2017 - entrata pag 1 Riepilogo generale per missione - spesa pag 51 Bilancio di previsione triennale 2015 2017 - spesa pag 13 Quadro generale

Dettagli

COMUNE DI BUSTO GAROLFO PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio

COMUNE DI BUSTO GAROLFO PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2014. Stampa per Codice di Bilancio Stampa per Codice di Bilancio 1 0 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 0.00.0000 1 1 AVANZO AMMINISTRAZIONE: VINCOLATO 0,00 682.808,90 92.602,01 0,00 775.410,91 0.00.0000 1 2 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE FINANZIAMENTO

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO, - STRUMENTO di GESTIONE - STRUMENTO di PROGRAMMAZIONE delle RISORSE di una ORGANIZZAZIONE Bilancio preventivo 1) Strumento per determinare bisogni

Dettagli

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline

28/07/2014. In collaborazione con. www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo delle Stelline il BILANCIO dell Ente Locale e i vincoli del PATTO di STABILITA interno In collaborazione con 26 luglio 2014 / MILANO MILANO, Palazzo delle Stelline www.risorsecomuni.it 7 novembre 2013 / MILANO, Palazzo

Dettagli

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser.

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser. BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013 Stampa per Codice di Bilancio R I S O R S A Accertamenti ult. eser. chiuso 1 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO 0,00 33.001,17 0,00-33.001,17 0,00 0.00.0000

Dettagli

COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano

COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO Relazione Al Rendiconto Comune Di Modolo 1 Premessa La relazione al rendiconto della gestione costituisce il documento

Dettagli

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010

Relazione sullo stato di. realizzazione dell attività. programmata nell anno 2010 COMUNE DI CALATAFIMI SEGESTA (TRAPANI) Relazione sullo stato di realizzazione dell attività programmata nell anno 2010 1 - LA LETTURA DEI RISULTATI DELLA GESTIONE 1.1 - Il risultato della gestione di competenza

Dettagli

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili QUADERNO tecnico n.2 2015 dell edilizia n.3 2015 FUORI DAL TUNNEL primo identikit delle imprese edili sommario Introduzione p. 3 Le cartine di tornasole dell edilizia p. 4 I segnali positivi p. 5 Identikit

Dettagli

Comune di Corneliano d'alba

Comune di Corneliano d'alba Comune di Corneliano d'alba Tipo: ENTRATA Avanzo di Amministrazione + Fondo Pluriennale Vincolato iscritto in Entrata di cui: - Fondi Vincolati - Finanziamento Investimenti - Fondo Ammortamento 18.912,00

Dettagli

Comune di Villa Guardia. Bilancio preventivo 2004

Comune di Villa Guardia. Bilancio preventivo 2004 Comune di Villa Guardia Bilancio preventivo Entrate Quadro generale riassuntivo Spese Titolo I: Entrate tributarie 2.345.977,46 Titolo I: Spese correnti 3.626.368,07 Titolo II: Entrate da contributi e

Dettagli

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale 2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale La sostenibilità economica La sostenibilità economica che caratterizza l Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna viene rappresentata attraverso

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2015 Sintetico

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2015 Sintetico COMUNE DI ALBIANO Prov. (TN) BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE - Anno 2015 Sintetico AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 426.343,00 92.068,00 518.411,00 di cui: - Vincolato - Finaziamento Investimenti 518.411,00 -

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO ENTRATE COMUNE DI BRUGHERIO - ESERCIZIO 2012 BILANCIO DI PREVISIONE PARTE I - ENTRATA Valuta: EURO Pag.1

Dettagli

RENDICONTO 2012 FIDELIS ELABORAZIONI GRAFICHE. Comune di Brescia

RENDICONTO 2012 FIDELIS ELABORAZIONI GRAFICHE. Comune di Brescia XIA FIDE L I S ELABORAZIONI GRAFICHE Comune di Brescia B RIXIA FIDELIS ELABORAZIONI GRAFICHE INDICE Risultato della gestione finanziaria esercizio 2012 pag. 3 Andamento dell avanzo di amministrazione nel

Dettagli

CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013

CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013 CODICE ENTE 1 0 1 0 8 1 1 7 0 0 COMUNE OSASCO UNIONE DI COMUNI SIGLA PROV. TO CERTIFICATO DEL RENDICONTO AL BILANCIO 2013 Pag. 3 CODICE ENTE 1 0 1 0 8 1 1 7 0 0 COMUNE o UNIONE DI COMUNI DI OSASCO SIGLA

Dettagli

PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO (3) previsione di competenza. previsione di competenza

PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO (3) previsione di competenza. previsione di competenza DI PREVISIONE 2015 - ISTITUZIONE CENTRO OLIMPIA COMUNALE Allegato n.9 - Bilancio di previsione al D.Lgs 118/2011 DI PREVISIONE ENTRATE TITOLO TIPOLOGIA RESIDUI PRESUNTI AL TERMINE DELL'ESERCIZIO PRECEDENTE

Dettagli

Comune di Bagno a Ripoli. Città metropolitana di Firenze

Comune di Bagno a Ripoli. Città metropolitana di Firenze Comune di Bagno a Ripoli Città metropolitana di Firenze R E N D I C O N T O D E L L A G E S T I O N E A R M O N I Z Z A T O D. L G S. 1 1 8 / 2 0 1 1 2 0 1 5 Entrate Quadro gestione delle entrate Quadro

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI _MOLINO DEI TORTI Provincia di _Alessandria PARERE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI: riapprovazione BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI Espresso il _07/07/2014 Richiesta

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

Comune di Santa Lucia di Piave (TV) BILANCIO 2011

Comune di Santa Lucia di Piave (TV) BILANCIO 2011 ENTRATE: PREVISIONE 2011 Quota avanzo dell'anno precedente (Titolo 0) 150.000,00 Entrate Tributarie (Titolo 1) 2.152.100,00 Entrate derivanti da contributi e trasferim. correnti dello Stato (Titolo 2)

Dettagli

COMUNE DI LAURIA. L Assessore al Bilancio Rocco Fabrizio Boccia

COMUNE DI LAURIA. L Assessore al Bilancio Rocco Fabrizio Boccia COMUNE DI LAURIA Bilancio Armonizzato Il FONDO PLURIENNALE VINCOLATO - esempio In sede di programmazione per l esercizio x, il Comune decide di realizzare la ristrutturazione di una scuola

Dettagli

Comune di Mendicino Esercizio: 2012 CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE ENTRATE Data: 21-01-2014 Pag. 1

Comune di Mendicino Esercizio: 2012 CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE ENTRATE Data: 21-01-2014 Pag. 1 Comune di Mendicino Esercizio: 2012 CONTO DEL BILANCIO - GESTIONE DELLE ENTRATE Data: 21-01-2014 Pag. 1 1 - ENTRATE TRIBUTARIE 01 - IMPOSTE 1.01.0010 - I.M.U. RS 0,30 1 0,00 0,00 0,00-0,30 INS CP 1.097.859,00

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE Si differenziano soprattutto per il trattamento delle poste patrimoniali. Il criterio della liquidità/esigibilità: attività in ordine di liquidità decrescente, passività

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE

BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE Pagina di 7 DI PREVISIONE ENTRATE TIPOLOGIA DEFINITIVE 06 07 Fondo pluriennale vincolato per spese correnti previsioni di competenza Fondo pluriennale vincolato per spese in conto capitale Utilizzo avanzo

Dettagli

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari Il Servizio Finanziario ESERCIZIO 2011 Relazione tecnica predisposta dal Responsabile del Servizio Finanziario. Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 299445,52 894198,75 878007,23 880610,48 827698,76 798342,36 0,30 Contributi e trasferimenti correnti 1121378,08

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 4882257,22 7796539,38 9231139,44 8414080,00 8731772,96 8840675,26 8,85- Contributi e trasferimenti correnti

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO: 2013

BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO: 2013 BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO: 0 AVANZO AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 0,00 98.80,00 0,00 98.80,00 0,00 Totale Avanzo di Amministrazione 0,00 98.80,00 0,00 98.80,00 0,00 Pagina di BILANCIO DI PREVISIONE

Dettagli

Rendiconto Incassi per Codice Siope Anno 2012. Comune di Romagnano Sesia. % Scostamento. Totali Banca d'italia. Totali Ente.

Rendiconto Incassi per Codice Siope Anno 2012. Comune di Romagnano Sesia. % Scostamento. Totali Banca d'italia. Totali Ente. Rendiconto Incassi per Codice Siope Anno 2012 Comune di Romagnano Sesia Totali Ente Totali Banca d'italia Differenza % Scostamento TITOLO 1 : Entrate Tributarie 3.044.320,98 3.044.328,16-7,18 1101 ICI

Dettagli

Finanza locale e negoziazione sociale: come leggere i bilanci comunali

Finanza locale e negoziazione sociale: come leggere i bilanci comunali Emanuele Padovani* Finanza locale e negoziazione sociale: come leggere i bilanci comunali Spingersi oltre In ambito locale, la negoziazione sociale svolta nei confronti delle amministrazioni locali dalle

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2012. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser.

COMUNE DI CISLIANO PROVINCIA DI MILANO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2012. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser. Stampa per Codice di Bilancio 1 0 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE 0.00.0000 1 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE - FONDO INVESTIMENTO 0,00 38.560,00 0,00-38.560,00 0,00 0.00.0000 1 2 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE - FONDO

Dettagli

Il Bilancio 2013 in sintesi

Il Bilancio 2013 in sintesi Il Bilancio 2013 in sintesi Analisi dei principali aggregati di entrata e di spesa Giugno 2013 ENTRATE IL BILANCIO IN POCHI NUMERI Il bilancio dell anno 2013 della Provincia di Milano ammonta a 848,6 milioni

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Voce Entrate correnti di natura tributaria,contributiva e perequativa Tributi imposte, tasse e proventi assimilati tributi destinati al finanziamento

Voce Entrate correnti di natura tributaria,contributiva e perequativa Tributi imposte, tasse e proventi assimilati tributi destinati al finanziamento Voce Entrate correnti di natura tributaria,contributiva e perequativa Tributi imposte, tasse e proventi assimilati tributi destinati al finanziamento della sanità tributi devoluti e regolati alle autonomie

Dettagli

- ALLEGATO 5 - CONTO CONSUNTIVO IN TERMINI DI CASSA ESERCIZIO 2014 SPESE

- ALLEGATO 5 - CONTO CONSUNTIVO IN TERMINI DI CASSA ESERCIZIO 2014 SPESE - ALLEGATO 5 - CONTO CONSUNTIVO IN TERMINI DI CASSA ESERCIZIO 2014 SPESE (USCITE) Livello Descrizione codice economico 1.5 4.5 4.7 8.2 Totale uscite I Spese correnti 0,00 II Redditi da lavoro dipendente

Dettagli

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni VIII RAPPORTO DI RICERCA NOBEL - Sintesi - A cura di Pierangelo Spano e Federica Vanin 26 settembre 2007 Villa Widmann Foscari Mira (VE) Nobel è un progetto dell

Dettagli

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara)

COMUNE DI FORMIGNANA. (Provincia di Ferrara) COMUNE DI FORMIGNANA (Provincia di Ferrara) VERBALE N. 4 DEL 3 APRILE 2014 Il giorno tre del mese di aprile dell anno duemilaquattordici, alle ore 15,00 il Revisore dei Conti: Dott.ssa Angela Caselli,

Dettagli

COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013. Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione

COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013. Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione COMUNE DI FUSIGNANO PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI FUSIGNANO RENDICONTO ESERCIZIO 2013 Conto economico Stato patrimoniale Prospetto di concilazione CONTO ECONOMICO STATO PATRIMONIALE TIT. I - ENTRATE TRIBUTARIE

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017 Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 1 2 Bilancio di Previsione armonizzato Indice Pagina 1 Il Bilancio armonizzato - Entrate 5 2 Il Bilancio armonizzato

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO TECNICO DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO ENTRATE PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIIE

ALLEGATO AL DOCUMENTO TECNICO DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO ENTRATE PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIIE Regione Calabria ALLEGATO AL DOCUMENTO TECNICO DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO ENTRATE PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIIE (Art. 11 e allegato 4/1 decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118) CON FUNZIONE

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli