Dicembre 2013 n. 48. Ricorda, Canta e Cammina. Inverno. Progetto Benessere Terza Età

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dicembre 2013 n. 48. Ricorda, Canta e Cammina. Inverno. Progetto Benessere Terza Età"

Transcript

1 Dicembre 2013 n. 48 Ricorda, Canta e Cammina Inverno Progetto Benessere Terza Età

2 Feste religiose importanti del periodo invernale Domenica 8 Dicembre - Immacolata Concezione Venerdì 13 Dicembre Santa Lucia Mercoledì25 Dicembre Natale di Gesù Giovedì 26 Dicembre Santo Stefano Mercoledì 1 Gennaio Santa Madre di Dio Lunedì 6 Gennaio Epifania del Signore Venerdì17 Gennaio Sant Antonio Venerdì 31 Gennaio San Giovanni Bosco Domenica 2 Febbraio Pres. di Gesù al Tempio Lunedì 3 Febbraio San Biagio Mercoledì 5 Marzo Le Ceneri Compagni di Viaggio Signore, grazie della loro preziosa presenza in mezzo a noi. Maria Martini Agostina Cesana Anno nuovo: VITA NUOVA!!! Stiamo per finire un anno e già pensiamo al futuro, al nuovo anno Certamente stiamo vivendo un momento particolarmente difficile, anche per la crisi economica, ma...come è nostra abitudine, guardiamo al positivo e cerchiamo insieme di costruire questo nuovo futuro per il bene nostro e di tutti! Mentre il progetto di domiciliarità continua la sua attività cercando di dare soluzioni positive affinché l anziano possa rimanere il più a lungo possibile nella sua dimora, già si sta pensando a nuove iniziative! 2

3 Stiamo infatti prendendo contatti per un gemellaggio con una struttura della vicina Liguria. Possiamo dire che questa scommessa si sta oggi per realizzare e già siamo in contatto con la Residenza Val Merula di Andora (SV). Al più presto potremo dare ulteriori notizie a riguardo. Per iniziare a vivere positivamente questo nuovo progetto desidero condividere con tutti voi l articolo che ci è stato inviato dalla Direzione della casa inerente una storia vissuta di uno dei loro ospiti, con l intento che questo sia il primo positivo scambio di informazioni reciproche per una proficua collaborazione. Ringrazio la Residenza Val Merula per la collaborazione. La direzione, gli ospiti, i famigliari, gli operatori e i volontari di Casa Don Dalmassoaugurano a tutti VOI BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO. Silvio Invernelli Dalla RESIDENZA VAL MERULA di Andora: La storia di una nostra Ospite... Dal nostro Laboratorio di storie di vita vorrei raccontarvi ciò che mi ha raccontato Viola, una signora molto simpatica e dall esistenza ricca di avventure. Lei è stata una delle prime persone che ha collaborato a questo interessante progetto e sono sicura che le sue storie incuriosiranno anche voi, buona lettura! Sono nata a Genova il 5/12/1920, non pesavo neanche 2 chili e mia madre non aveva latte, così i miei genitori hanno chiamato una balia, ma lei si è rifiutata di prendermi perché ero troppo piccola e sicuramente sarei morta; l unica persona che si è resa disponibile è stata una donna che viveva sul Monte Figonia sopra Genova e così sono stata lì un anno. I miei genitori lavoravano per i miei zii che possedevano un avviata panetteria, ma nel 22 gli zii hanno venduto la panetteria e hanno preso una pasticceria a Savona, così ci siamo trasferiti tutti. 3

4 Poco dopo gli zii hanno perso la loro unica figlia e hanno deciso di ritirarsi dal lavoro e di comprare una villetta sul mare ad Alassio. Zio Filippo voleva portarmi con loro in riviera perché ero molto cagionevole di salute e desideravano tanto una figlia, ma i miei genitori erano contrari, mi avevano già dovuto lasciare nel primo anno di vita e ora mi volevano con loro. Così zia Emma ha chiesto che almeno potessi accompagnarli al treno per salutarli e zia Teresa si è offerta di accompagnarmi in stazione. Quando il treno stava per partire, zia Emma voleva darmi ancora un bacio, così zia Teresa mi ha avvicinata al finestrino e la zia mi ha afferrata proprio mentre il treno stava partendo e mi ha rapita! Gli zii erano molto facoltosi e hanno mandato un medico a spiegare ai miei genitori che ero malata e se non avessi fatto una dieta particolare e non avessi preso molto sole non mi sarei mai rinforzata. Mamma e papà non hanno avuto scelta e io non gliene faccio una colpa, anche perché gli zii possedevano la pasticceria che loro gestivano e quindi proprio non potevano opporsi e in fondo ad Alassio io sono stata bene. Passavo tutto il giorno in spiaggia, ero una piccola monella con i capelli rasati ( perché la zia diceva che dovevo rinforzarli) e quando venivano i poveri a chiedere l elemosina con l organetto, io ballavo per loro e li aiutavo a fare più soldi. A gennaio del 25 siamo tornati a Savona perché mio padre si è ammalato ed è morto pochi mesi dopo. Per tutta la vita ho sentito la mancanza di mio padre, ma ho molti ricordi, come quella volta che è venuta a Varazze la Regina Margherita e mio padre mi ha messo sulle spalle per farmela vedere. Ho vissuto con gli zii e la mamma fino a dodici anni, poi mi hanno messa in collegio perché a scuola non ero diligente e amavo molto di più andare in bicicletta per la città. Il collegio era gestito da suore francesi severissime e tutte le ragazze erano di famiglie molto benestanti. Una discendente di una famiglia nobile si vantava sempre con me perché lei possedeva uno stemma di famiglia, così le ho detto che anche io ne avevo uno: una bella violetta su uno sfondo a quadretti (di cognome mi chiamo Quadri) e lei è rimasta di stucco! A gennaio del 40 abbiamo ceduto la pasticceria e siamo tornati tutti a vivere ad Alassio e a maggio dello stesso anno mi sono diplomata, ma senza dare l esame, perché nel frattempo è scoppiata la guerra e il collegio è stato chiuso. Passavo il tempo in bicicletta, sia per lavoro che per divertimento e ho iniziato a dare lezioni private ai bambini che dovevano fare i compiti delle vacanze. 4

5 Nell ottobre del 41 ho avuto la mia prima supplenza come maestra a Stellanello, poi negli anni successivi ho avuto numerosi incarichi in tutta la provincia di Savona. Nel 48 mi hanno mandata a Biestro un paesino sopra Carcare: da casa andavo in stazione ad A- lassio con la bici, lì prendevo il treno per Savona, dove partiva la coincidenza che ci portava a S. Giuseppe, poi salivamo sul tram a cavalli che ci conduceva sino a Carcare e da lì si proseguiva a piedi in salita per circa mezz ora! Il 28 aprile 1949 mi sono sposata con il mio Osvaldo e quando ho ripreso servizio, mio marito mi ha accompagnata a Biestro con la sua cinquecento nuova di zecca e tutta la scolaresca ci ha fatto festa! Dopo alcuni trasferimenti, nell ottobre del 58 sono stata finalmente assegnata alla scuola di Alassio dove ho lavorato 19 anni. In casa però non ho avuto vita facile, io e Osvaldo vivevamo con mia mamma e tre anziani che ci facevano penare: gli zii e mia suocera, ma nel giro di 4 anni sono venuti tutti a mancare e io e mio marito ci siamo concessi un po di tregua. Osvaldo amava la montagna, io adoravo il mare, così abbiamo alternato le nostre vacanze con serenità, fino alla morte di mio marito nell 86. I bambini li abbiamo cercati, ma non sono mai arrivati e dopo la dipartita di Osvaldo credevo di sentirmi completamente sola, ma la vita ha sempre delle sorprese. La mia vecchia collega di Biestro, saputo di Osvaldo, mi aveva ricontattato, era vedova anche lei e insieme abbiamo viaggiato in tutta l Italia e ci siamo tenute buona compagnia. La sento ancora a- desso, lei vive in una casa di riposo a Savona e ci chiamiamo una volta a settimana. Credo di averti detto tutto, io mi trovo molto bene qui, anche perché i nipoti di Osvaldo vivono vicino e vengono a trovarmi quasi tutti i giorni. Penso che Signore mi abbia dato un grande dono: l allegria ed è sicuramente il motivo per cui sono ancora qui nonostante le avversità. 5 L Animatrice Dott.ssa Lara Dalla Corte

6 COSTRUIAMO INSIEME LA PACE L anno nuovo inizia con l invito a pregare per la pace nel mondo. Il Sommo Pontefice è intervenuto più volte chiedendo uno sforzo comune per scongiurare le guerre e, insieme costruire la pace: La violenza e la guerra hanno il linguaggio della morte, ma è possibile seguire strade diverse, possiamo imparare a percorrere le vie della pace. Non dimentichiamoci che anche nelle nostre realtà, nelle nostre comunità possiamo diventare costruttori di pace, anche nei piccoli gesti della nostra vita quotidiana. Riprendiamo alcune frasi di Papa Francesco che ci invitano a riflettere a riguardo: Come costruire dunque una comunità? Perché sia pace in una comunità, in una famiglia, in un Paese, nel mondo, dobbiamo cominciare a essere con il Signore. E dov'è il Signore non c'è l'invidia, non c'è la criminalità, non ci sono le gelosie. C'è fratellanza. Chiediamo questo al Signore: mai uccidere il prossimo con la nostra lingua e essere con il Signore come tutti noi saremo nel cielo. La lingua, le chiacchiere, il pettegolezzo sono armi che ogni giorno insidiano la comunità umana, seminando invidia, gelosia e bramosia del potere. Con esse si può arrivare ad uccidere una persona. Perciò parlare di pace significa anche pensare a quanto male è possibile fare con la lingua. La guerra è pazzia. È il suicidio dell umanità. È un atto di fede nei soldi, che per i potenti della terra sono più importanti delle persone. Perché dietro una guerra sempre ci sono i peccati: c è il peccato dell idolatria, c è il peccato di sfruttare gli uomini, di sacrificarli all altare del potere. Facciamo nostre queste riflessioni e sforziamoci quindi, ogni giorno, ad essere anche noi veri strumenti di PACE. Silvio Invernelli 6

7 I frutti che infiammano l inverno Il nome di questo frutto dal colore caldo e solare dice parecchie cose della storia e dei lunghi viaggi che il suo genitore albero ha affrontato nel corso dei secoli per raggiungerci dalla lontana Asia orientale. Certo per noi il nome del kaki è davvero buffo: appena lo sentono i bimbi restano prima sorpresi, poi cominciano a ridere a crepapelle. Riderebbero ancora di più se conoscessero tutti ma proprio tutti i nomi con cui nel nostro paese chiamiamo il frutto del Kaki. Pensate un po : cachet, caccàra, cachisso, cachino, cachi, cach, cacu, cacche, cachigne, cachizze. Come si fa a non ridere?!gli antichi cinesi erano molto più gentili di noi quando parlavano del kaki: lo chiamavano Albero delle sette virtù. La prima virtù che gli attribuivano era la longevità (l albero del kaki infatti può vivere più di 50 anni), la seconda era di avere una grande ombra (molto apprezzata nelle giornate estive); la terza che non avesse nidi fra i rami, la quarta che fosse inattaccabile dai tarli, la quinta che d inverno i bimbi potessero giocare con le sue foglie intirizzite dal gelo, la sesta virtù era il bel fuoco vivo e allegro che produceva bruciando e la ricchezza delle sostanze concimanti quando le sue ceneri venivano sparse nei campi; la settima e ultima virtù era la soave dolcezza dei suoi frutti maturi. Sì, è proprio vero, gli antichi cinesi erano molto più gentili di noi verso il kaki: amavano quest albero cinese come loro, e mai lo avrebbero preso in giro. 7

8 Il fatto è che quest albero si fa facilmente amare: chi può resistere al suo fascino quando, d inverno, si spoglia di tutte le sue foglie e, nel vento, nel gelo, nelle tormente, sui rami grigi e bruni vediamo appesi, come palle di Natale, solo i suoi stupendi frutti di un arancio intenso?! Quel colore, quell arancio, è il segno inconfondibile della presenza di betacarotene, una sostanza che noi, mangiando il kaki, trasformiamo in vitamina A, molto potente nella protezione della nostra salute e della nostra vista. Il kaki ne contiene più di ogni altro frutto; ecco il primo motivo per cui dovremmo mangiarne, ben maturo, mi raccomando. Se ancora un po acerbo, il kaki allappa, lega la nostra lingua: nella sua polpa è presente una sostanza, il tannino, che scompare quando il frutto è giunto a maturazione. Il kaki fu impiantato in Giappone e fu molto amato, oggi è addirittura venerato per un fatto accaduto anni fa. Il 7 agosto 1945, quando già da circa 5 anni si combatteva la seconda guerra mondiale e anche il Giappone era in guerra, avvenne una cosa bruttissima: sulla città di Nagasaki fu lanciata una bomba atomica; la sua esplosione generò un onda di fuoco che distrusse uomini, a- nimali, case e quant altro trovò davanti a sé. Quando l onda di fuoco fu passata, tutto ciò che viveva e l intera città di Nagasaki erano andati completamente distrutti. In quello spettacolo di desolazione e- rano sopravissuti soltanto alcuni alberi, quelli dei kaki. Da allora il kaki è considerato l albero della Pace e i suoi frutti i più caldi messaggeri. 8

9 I segreti delle nonne per combattere il raffreddore Puntuale come un orologio svizzero, con il cambio di stagione e i primi freddi arriva il... raffreddore. Secondo il parere di qualcuno è il disturbo più fastidioso dell'autunno... serie infinite di starnuti, occhi che lacrimano, naso che cola, difficoltà respiratorie, mal di gola e, in alcuni casi, qualche lineetta di febbre. Cosa fare per alleviarne i disturbi? Ecco come le nostre nonne combattevano il raffreddore, attraverso piccoli accorgimenti naturali che riuscivano ad accelerare la guarigione. Tisane, decotti e fumenti fai-da-te per curarci in modo naturale; buoni, efficaci e con una storia lunga mille anni. Bere una tazza di brodo caldo (di pollo, ad esempio), con l'aggiunta di un po' di peperoncino e poi mettersi a letto, funge da antipiretico, perché aumenta la sudorazione. Il miscuglio di miele, limone e rum ha la capacità di ridurre le infiammazioni alle mucose. L'alcool in piccole dosi può avere effetti positivi: un bicchiere di vino rosso caldo con miele e cannella, oppure una tazza di latte caldo con due dita di cognac, e poi, subito a letto! Assumere piccoli pasti leggeri ad intervalli costanti durante il corso della giornata, mai digiunare, assumere grandi quantità di aglio, grazie alle sue proprietà antiossidanti e decongestionanti, può ridurre la durata delle malattie da raffreddamento. Si può masticare crudo, o metterne uno spicchio in un bicchiere di latte molto caldo. Sudare è il modo migliore per espellere le tossine e liberare le vie respiratorie. Una bella spremuta d'arancia, grazie all'alto contenuto di vitamina C, oltre a rafforzare le difese immunitarie, accelera il processo di guarigione. Infine, fare i vapori aiuta a liberare le vie respiratorie, sciogliendo il muco e decongestionando il naso. 9

10 La storia: La Bagna Caòda Molte località piemontesi si contendono la paternità di questo emblema della gastronomia regionale, ma in realtà nasce nella notte dei tempi sulle coste della Provenza, con il nome di "Anchoiade". Furono senza dubbio i mercanti astigiani medievali, durante le loro spedizioni per rifornirsi di sale e acciughe, a conoscerla e a introdurne l'uso in patria, diffondendolo poi in tutta la vasta area dei loro commerci (tutto il Piemonte meridionale e nord-occidentale). L'antica ricetta provenzale, fatta propria dai contadini astigiani, fu poi a- dattata agli usi ed alle risorse del territorio, in particolare con l'impiego degli ortaggi che erano alla base dell'alimentazione povera. Cibo rurale e popolare, a lungo aborrito dalle classi superiori per l'invadente presenza dell'aglio, ha lasciato pochissime tracce di sé nei testi gastronomici piemontesi, e solo nel 1875 il romanziere Roberto Sacchetti descrive a Montechiaro d'asti la Bagna Caòda come la conosciamo ancora oggi. Nel mondo contadino questo non è considerato un piatto povero della quotidianità: è quello della fraternità e dell'allegria, preparato per celebrare momenti di vita collettiva gioiosi, come ad esempio il termine della vendemmia. Ingredienti per 4 persone - 12 acciughe - 12 spicchi d aglio - 1/2 litro d olio extravergine d oliva grammi di burro vasto assortimento di verdure tipiche La preparazione La preparazione di questo intingolo a base di aglio, olio e acciughe ha regole precise, per non travisare la ricetta degli antichi vignaioli. Innanzitutto le acciughe devono essere rosse di Spagna, stagionate almeno un anno, appena tolte dalla salatura, pulite, lavate in acqua e vino, ben asciugate e diliscate (almeno 2 o 3 acciughe a testa). 10

11 L'aglio vera anima del piatto deve essere presente in misura di 2-3 spicchi a persona, non bolliti né nell'acqua né nel latte, soltanto liberati dal germoglio, tagliati a fettine sottili, lasciati qualche ora in una zuppiera di acqua fredda. L'olio deve essere extravergine di oliva e ne occorre non meno di mezzo bicchiere per persona; Le verdure da intingere nella salsa devono essere tutte quelle dell'habitat degli orti piemontesi, con l'esclusione di alcune inadatte perché troppo aromatiche (ad esempio il sedano, il finocchio, i rapanelli). La cottura e questo è il punto decisivo per una bagna caòda buona, sana e digeribile deve essere breve e tenuta sempre a calore basso: in un tegame grande di terraglia bisogna mettere tutto l aglio affettato e asciugato, con un mestolino soltanto di olio e un bel pezzo di burro. Bisogna cuocerlo a fuoco lento per almeno mezz'ora, sempre rimescolando l'aglio con un cucchiaio di legno, badando bene che non scurisca; le fettine d'aglio devono ammorbidirsi e sciogliersi formando una crema omogenea bianca e soffice. Alternativa: Bagna Caòda con ceci (più veloce da preparare e ricca di proteine) Imbiondire 5/6 spicchi d aglio in olio extravergine di oliva, quindi toglierli e aggiungere le acciughe (quanto basta). Fare cuocere a fuoco lento finché sono disfatte. Tritare dei ceci (anche quelli in scatola) nel mixer e aggiungerli al composto. Se necessario, aggiungere poca acqua e continuare la cottura per qualche minuto. 11

12 Cibi si e cibi no (a cura di Cinzia Basso) Ciao a tutti sono Cinzia la psicologa e vorrei condividere con voi un articolo trovato su internet sui cibi che fanno bene e male alla memoria. L alimentazione è la prima cosa che dobbiamo curare per star bene, perchè può incidere positivamente aiutando a combattere particolari problemi di salute. I cibi sono la nostra farmacia primordiale, ma possono anche essere fonte di guai. Non dobbiamo, infatti, pensare che l alimentazione incida solamente sulla nostra linea o sulle nostre capacità digestive: molti studi confermano che un alimentazione che eccede verso determinati cibi ha ripercussioni negative o positive anche sul nostro cervello. Ecco, quindi, i cibi che FANNO MALE al cervello: ALCOOL: effetti negativi sul cervello a breve e lungo termine (secondo una ricerca dell Università di Cincinnati sarebbe veramente tossico per i neuroni) CIBO SPAZZATURA (merendine, cibi ricchi di grassi, biscotti industriali ): determinano l insorgenza di depressione, ansia e creano una sorta di crisi di astinenza quando si smette di consumarli FRITTURE: qualsiasi cibo fritto contiene sostanze che spengono la concentrazione e la lucidità mentale; non solo, possono influenzare anche il comportamento. CEREALI: il glutine lì contenuto sembrerebbe ridurre l afflusso di sangue nelle parti anteriori del cervello determinando quindi depressioni, ansia e problemi di attenzione ZUCCHERI: insieme ai grassi saturi (il burro, strutto ) influenzerebbero negativamente memoria ed apprendimento. I cibi che, invece, FANNO BENE al cervello: OMEGA 3 (nel pesce, noci ): contengono il fosforo ed aiutano la memoria, migliorano l umore e mantengono flessibili le membrane del cervello. VITAMINE: quelle del gruppo B (pesce, lenticchie, asparagi, ) favoriscono la trasmissione delle informazioni nel cervello; la vitamina C (pomodori, broccoli, frutti di bosco, agrumi, ) non fanno invecchiare il cervello; la vitamina A (carote, albicocche, ) aumenta la memoria; la vitamina D (latticini, uova, pesce,alcuni cereali, )previene l invecchiamento del cervello. ZINCO (pesce, frutta secca, carne rossa, ): aumenta la memoria e favorisce il pensiero. ANTIOSSIDANTI (verdure a foglia scura, fragole, arance, peperoni rossi, ): sono potenti antinfiammatori, ci proteggono dall invecchiamento, aiutano il coordinamento e la memoria COLINA (rosso dell uovo): rafforza le membrane del cervello e ne favorisce lo sviluppo. Secondo uno studio riportato su La Stampa sembrerebbe che la Colina svolga un azione che contrasta l insorgenza dell Alzheimer. Si può quindi favorire la memoria e prenderci cura del nostro cervello con l alimentazione, ma soprattutto tenendoci impegnati mentalmente e fisicamente! 12

13 YOGA DELLA RISATA Ridere è una cosa seria A cura di Pietro Piumetti Nell antica cultura russa degli Kuzhebar umorismo e risata erano considerate la pratica spirituale più seria e psicoenergetica Lo Yoga della risata è stato ideato dal medico indiano Dottor Madan Kataria nel Yoga significa unire, armonizzare, integrare. Lo Yoga della risata crea un unione tra stretching, tecniche di respirazione ed esercizi per stimolare le risate e coltivare la giocosità. Questa attività riattiva le energie del corpo, porta positività, dà sicurezza aiutando a superare convinzioni limitanti, apre alle relazioni e stimola la creatività individuale. Lo Yoga della risata è un attività di gruppo, si svolge in cerchio o semicerchio, giocano un ruolo fondamentale il contatto visivo tra le persone e la libera espressione della propria giocosità. La disciplina che studia il ridere e le sue proprietà terapeutiche è la gelotologia. Dai suoi studi si è visto che chi è musone, triste, depresso non riesce a tener lontano le malattie. Cercare di vedere il bicchiere mezzo pieno è il modo più semplice ed efficace per rinforzare il nostro sistema immunitario (l unica difesa naturale per la nostra salute). Ridere, in particolare, è la migliore medicina per sopravvivere ai continui stress della vita quotidiana. I bambini ridono fino a quattrocento volte al giorno, gli adulti meno di venti volte. Nonostante gli standard qualitativi della vita siano migliorati, fisicamente ed emotivamente siamo messi male. La società ci fornisce tanti pretesti per essere tristi e pochi per essere felici. Per invertire questa tendenza la cura più semplice è ridere (della società, degli imprevisti, delle tasse, di noi stessi). La filosofia dello Yoga della risata è lasciare che la risata diventi lo sfogo di tutto. Ma come possiamo riconquistare il dono della risata? Madan Kataria, dopo aver sperimentato che anche le barzellette dopo un po non facevano più ridere, studiò a fondo il problema finchè trovò la soluzione: Il nostro corpo non distingue tra una risata autentica e una finta. Basta solo far finta di ridere e ben presto la risata si trasforma in autentica, da quell idea rivoluzionaria nasceva lo yoga della risata. 13

14 La risata è una cura potente, ma per ottenere i benefici è importante ridere almeno 15 minuti di fila (40/60 secondi di risate, respirazione, poi di nuovo risate e così via). Ecco perché sono stati creati degli esercizi per ridere senza motivo, che praticati a casa da soli o in gruppo permettono a ognuno di esprimersi liberamente. Paul Ekman e Robert Levenson (psicologi dell Università della California) hanno scoperto che le espressioni del viso inducono nel corpo le stesse reazioni. Ad esempio se sorridiamo e ci comportiamo da persone felici il nostro corpo produce endorfine, oppioidi naturali che ci fanno stare subito meglio, in quanto l endorfina ha un effetto calmante, antidolorifico ed euforizzante. Il loro motto: Indossa una faccia felice. L Analisi Transazionale ideata dallo psicologo Eric Berne ha individuato tre stati dell Io: Io Bambino, Io Genitore e Io Adulto. Per Madan Kataria la risata attiva l Io Bambino, la gioia che è dentro di noi, stimola una visione positiva. Per imparare a ridere e creare nella nostra mente un atteggiamento positivo è sufficiente usare il seguente mantra: HO HO HA HA HA, che viene cantato all unisono da tutto il gruppo, accompagnandolo da un battito ritmico delle mani. In altri momenti viene pronunciato: MOLTO BENE, MOLTO BENE, YEAH!. Questi esercizi, ripetuti nel tempo, sviluppano nel cervello nuove connessioni neuronali, stimolando automaticamente l atteggiamento positivo. Nello Yoga della risata un momento importante è lo stretching, che consiste in allungamenti per prevenire dolori articolari, il mal di schiena, ecc. Un altro momento importante è la respirazione. Normalmente quando una persona respira riempie il 25% della capacità polmonare, il restante 75% rimane pieno di aria stagnante. Per noi il respiro è quello che è l acqua per la pianta, l ossigeno è il nostro combustibile. Con lo stress il nostro respiro diventa corto e irregolare, uno dei motivi per cui ci ammaliamo è spesso legato alla carenza di ossigeno nel corpo. Otto Warburg vinse il premio Nobel per la medicina nel 1931 con la tesi: Quando le cellule acquisiscono abbastanza ossigeno il cancro non può attecchirle. Quando ridiamo respiriamo a pieni polmoni scaricando anche l aria che ristagna nell addome. Ridere riduce gli ormoni da stress come il cortisolo e favorisce la produzione delle cellule NK (natural killer), importanti per rinforzare il sistema immunitario e utili per individuare e distruggere le cellule tumorali o infette da virus. Secondo la tradizione yoga più si è in grado di allungare il proprio respiro e più tempo si rimarrà in salute e in vita. Gli esercizi praticati nelle sedute di Yoga della risata aiutano a svuotare completamente l aria nei polmoni contraendo la muscolatura addominale, non è facile ma viene facilitato dalla risata che stimola il movimento del diaframma e dei muscoli addominali. 14

15 Lo Yoga della risata stimola anche l emisfero destro attivando la nostra parte creativa, il regno del nostro bambino interiore. Il termine creatività è stato importato alla fine degli anni 50 dagli Stati Uniti, definita come la capacità di realizzare nuove e utili connessioni ricombinando il materiale presente in maniera nuova e originale, frutto di curiosità, immaginazione, domande e risposte. Per aprire un Club della risata è necessario avere almeno conseguito la certificazione di leader di Yoga della risata. I Club sono organizzazioni di volontariato a sostegno dei benefici sia sulla salute che sociali, dove si pratica lo Yoga della risata, e le persone si incontrano una volta alla settimana. Il leader spiega i punti chiave, guida il gruppo coinvolgendo tutte le persone, non sono richiesti particolari requisiti, è sufficiente che si abbia voglia di far ridere offrendo agli altri il proprio altruismo, l entusiasmo e la voglia di giocare. La prima giornata mondiale sullo Yoga della risata è stata realizzata a Mumbai l , con la partecipazione di persone, attualmente lo praticano milioni di persone in tutto il mondo. Nel 2003 è stato realizzato il primo workshop dello Yoga della Risata a Roma con Laura Toffolo. Nel 2008 è nata l Associazione Nazionale Italiana di Yoga della risata sempre per merito di Laura Toffolo che è l attuale presidente. Nel 2010 lo Yoga della risata è stato presentato al Festival delle Scienze di Genova. Lo Yoga della risata è stato sperimentato sul lavoro, con i bambini, con le persone disabili, con gli anziani, negli ospedali, riscontrando sempre risultati positivi. Madan Kataria dice infine: La risata è come il mangiare, piace ma non bisogna fare indigestione, se la risata diventa isterica e lo sforzo è eccessivo il corpo cessa di produrre endorfine e produce l ormone dello stress che vanifica il tutto. La risata non dovrebbe durare più di 20 minuti, poi respirazioni profonde. E inutile prendere la vita troppo sul serio tanto non se ne esce vivi Mark Twain 15

16 Tre personaggi in cerca d autore!!!!! Da qualche tempo la direzione/segreteria della casa di riposo don Dalmasso di Bernezzo, come molti hanno forse potuto notare, si è arricchita di alcuni nuovi, a dirla tutta, un po attempati, collaboratori. A fianco infatti del caro e volenteroso direttore Silvio e della vulcanica Paola, non è difficile incontrare tre curiosi personaggi in cerca d autore. Il primo, per diritto d anzianità, è Giovanni Delfino, sempre più somigliante, con quei capelli radi e irrequieti, al celebre Gargamella delle storie dei puffi così care ai nostri bimbi Noto ai più come Giuanin del Barutè, fece per tanti e tanti anni i mercati a Bernezzo e nei paesi vicini, ed il suo banco di frutta e verdura era sempre straripante, dicono le cronache del tempo, di giovani e laboriose massaie. E poi ecco la signora Matilde, che per tutti è Nella e basta, sino a un paio d anni fa residente a Caraglio, ospite di un centro residenziale; prima ancora, una vita fa, la si poteva vedere aggirarsi tra i tavoli pieni di risa e di vino dell antica osteria dei genitori. Nell ufficio ci si imbatte spesso nel contagioso sorriso di Nella, con le sue mani sempre da medicare per improbabili ferite con metri di cerotti di pazienza e garze di tenerezza da parte delle infermiere e delle operatrici socio-sanitarie della casa. Capita, quando si è fortunati, di scorgere lei e Giovanni seduti accanto, proprio come due vecchi amici su di una panchina di un viale d autunno coperto di foglie e di vento, mentre divorano avidamente a piene mani dolci, biscotti e cioccolatini, mentre macchie interminabili di cioccolato e di crema ne colorano allegramente i loro volti soddisfatti. Ma poi alzi gli occhi e, come per magia, vicino alla porta, ritto in piedi e petto in fuori, non puoi certo non accorgerti della presenza di un altro Silvio, originario della Val Maira e che di cognome fa Dao, anche lui proveniente da Caraglio. Silvio è solito indossare con grande orgoglio e puntiglio un cappello (assolutamente vero) da carabiniere, perché, così ci hanno raccontato, ha un autentico e viscerale debole per l Arma, che pare abbia geneticamente ereditato da suo nonno, che fu un vecchio alpino, fiero e rispettoso delle pubbliche istituzioni. Quando Paola si deve recare in farmacia per il consueto ritiro dei medicinali, quasi ogni giorno, il buon carabiniere Silvio l accompagna e le fa da scorta, perché è solito ripetere è meglio proteggerla dai pericoli della strada, non si sa mai 16

17 Qualche giorno fa ha deposto davanti alla statua in legno di don Bernardino Dalmasso, nell atrio della casa di riposo, una stella di Natale, il regalo che il club dell ACAT gli ha riservato per i vent anni e più di astinenza alcolica. La presenza dei tre citati collaboratori, che può apparire apparentemente buffa e strana, e quasi fuori luogo in un ufficio che per definizione dovrebbe essere un luogo serio e austero (ma la direzione di Bernezzo, non è mai stata, per nostra fortuna, un normale ufficio, ma piuttosto un centro di buone pratiche e un laboratorio di idee nuove ) dimostra giorno per giorno quanto Giovanni, Nella e Silvio, in varie circostanze, abbiano saputo e sappiano contribuire a creare un clima sereno e come, addirittura, siano in grado di smussare quelle piccole tensioni ed incomprensioni che inevitabilmente possono emergere nei colloqui con la gente e nei rapporti tra colleghi, perché i problemi degli anziani e delle loro famiglie non sempre hanno facili soluzioni, e perché le loro storie di malattia e di solitudine spesso portano con sé graffi e sofferenze nei cuori. Eppure la loro tranquillizzante presenza interroga ognuno di noi su quanto sia la semplicità, la mitezza ed il saper vedere, a volte con un sorriso il bicchiere, comunque e almeno un po, mezzo pieno, il senso profondo da ricercare in questo nostro tormentato, frettoloso e superficiale mondo. Il direttore e la nostra amica Paola, aprendo la porta nel loro lavoro quotidiano a questi nostri tre amici, vogliono forse indicare, quasi inconsciamente, che è nel rispetto dei più deboli, di chi non è forse al top della produttività e del culto dell immagine, purtroppo le false icone di questa società (ma conta poi così tanto essere ostinatamente produttivi ed altrettanto tristemente infelici?), di quelli che qualcuno chiamò un tempo i figli di un Dio minore, la strada che porta ad accoglierci giorno per giorno, e di credere a una vita che faccia della solidarietà, dell umanità, del saper offrirci l un l altro finalmente un sorriso, della lentezza piuttosto che di una vuota e inutile fretta, dell apprezzare infine la profonda semplicità delle cose che ci scorrono accanto, il significato vero del nostro vagare per il mondo. Un caro Natale a tutti noi! 17 Marco Giraudo

18 Immagini di VITA-lità a Casa Don Dalmasso Coro voci bianche In bocca al lupo Sabato 7 dicembre I bimbi della Scuola Materna San Rocco Venerdì 13 dicembre Spettacolo con Luigi d Alba Domenica 15 dicembre Concerto dei ragazzi della scuola media Giovedì 19 dicembre Gli operatori di Casa Don Dalmasso 18 Accanto all acquario.

19 Pensieri che ci aiutano a riflettere E' Natale - Madre Teresa di Calcutta E Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano. E Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l altro. E Natale ogni volta che non accetti quei principi che relegano gli oppressi ai margini della società. E Natale ogni volta che speri con quelli che disperano nella povertà fisica e spirituale. E Natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e la tua debolezza. E Natale ogni volta che permetti al Signore di rinascere per donarlo agli altri. %%%%%%%%%%%%% Quand'ero giovane e libero e la mia fantasia non aveva limiti, sognavo di cambiare il mondo. Diventato più vecchio e più saggio, scoprii che il mondo non sarebbe cambiato, per cui limitai un po' lo sguardo e decisi di cambiare soltanto il mio Paese. Ma anche questo sembrava immutabile. Arrivando al crepuscolo della mia vita, in un ultimo tentativo disperato, mi proposi di cambiare soltanto la mia famiglia, le persone più vicine a me, ma ahimé non vollero saperne. E ora mentre giaccio sul letto di morte, all'improvviso ho capito: se solo a- vessi cambiato prima me stesso, con l'esempio avrei poi cambiato la mia famiglia. Con la loro ispirazione e il loro incoraggiamento, sarei stato in grado di migliorare il mio Paese e, chissà, avrei anche potuto cambiare il mondo. (anonimo) 19

20 20

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Progetto Con Muu Muu a scuola di alimentazione. Classe 2 A Scuola Primaria di Serravalle Sesia

Progetto Con Muu Muu a scuola di alimentazione. Classe 2 A Scuola Primaria di Serravalle Sesia Progetto Con Muu Muu a scuola di alimentazione Classe 2 A Scuola Primaria di Serravalle Sesia Un viaggio veramente speciale La nostra amica Muu Muu, decide di andare in vacanza con i suoi amici, Quatto

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 L Isola che non c è Asilo Nido Via Dublino, 34 97100 Ragusa Partita Iva: 01169510888 Tel. / Fax 0932-25.80.53 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 Prima unità di apprendimento: Settembre

Dettagli

L alimentazione: Alla scoperta del gusto

L alimentazione: Alla scoperta del gusto L alimentazione: Alla scoperta del gusto Breve storia del cibo Anche se preferiamo un bel piatto di pasta siamo tutti accomunati dal bisogno di cibo.oggi non è fame ma è questione di gusto. L uomo primitivo

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

La Gazzetta di Emmaus

La Gazzetta di Emmaus E D I T O R E E M M A U S S P A A N N O 2 N U M E R O 2 2 La cucina dai sapori africani S O M M A R I O In Prima 1 Pulizie 2 Eventi 3 Manutenzione 3 Articolo 4 Fashion Pazzi di caffè 5 La cucina è il settore

Dettagli

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio Test A2 Carta CE Prove di comprensione del testo: LETTURA Primo esempio 1 Secondo esempio 2 Terzo esempio Leggi attentamente il testo, poi rispondi scegliendo una delle tre proposte. Segna la risposta

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Immagini dell autore.

Immagini dell autore. Sfida con la morte Immagini dell autore. Oscar Davila Toro SFIDA CON LA MORTE romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato ai miei genitori, che

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

Laboratorio di Psicologia dello Sviluppo Dipartimento di Psicologia & Scuola Universitaria Interfacoltà Scienze Motorie 1

Laboratorio di Psicologia dello Sviluppo Dipartimento di Psicologia & Scuola Universitaria Interfacoltà Scienze Motorie 1 Laboratorio di Psicologia dello Sviluppo Dipartimento di Psicologia & Scuola Universitaria Interfacoltà Scienze Motorie Università degli Studi di Torino a.a. 005/006 SILVIA CIAIRANO, EMANUELA RABAGLIETTI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

L ESERCITO DEI BISCOTTI

L ESERCITO DEI BISCOTTI L ESERCITO DEI BISCOTTI Siamo gli alunni del Convitto Nazionale Paolo Diacono, un Istituzione Educativa dello Stato, presente a Cividale del Friuli dal 1876. L offerta formativa del Convitto comprende:

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo S.p.E.S. Servizi per l educazione e la scuola - Onlus Sede legale: Corso Fanti, 89-41012 CARPI (Mo) Recapito postale: Corso Fanti, 44-41012 Carpi (Mo) Codice Fiscale: 90020120367 Tel/Fax 059.686889 Percorso

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012 Colori e pensieri per i Colori e pensieri per i bambini emiliani bambini emiliani 04/06/2012 04/06/2012 Ass. Culturale B-Side in Spazio Luce, Milano. Da una idea di: Dott.ssa Anna La Guzza, Psicologa Noi

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Esercizi pronomi diretti

Esercizi pronomi diretti 1. Completate con i pronomi diretti: Esercizi pronomi diretti 1. Marina ha la tosse, dobbiamo portar dal dottore. 2. Signorina, prego di salutare i Suoi genitori quando vedrà. 3. Caro, sei libero stasera?

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana il piacere di muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana Muoviti per la salute Scienziati, medici ed esperti di problemi legati all età anziana

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

L albero di cachi padre e figli

L albero di cachi padre e figli L albero di cachi padre e figli 1 Da qualche parte a Nagasaki vi era un bell albero di cachi che faceva frutti buonissimi. Per quest albero il maggior piacere era vedere i bambini felici. Era il 9 agosto

Dettagli

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI Quarta Domenica di Avvento 20 dicembre 2015 Accensione della Candela della Corona dell

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista. Al Comitato organizzatore Robocup Jr 2010 ITIS A.ROSSI VICENZA Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Bambini di strada. (Matteo Ticani)

Bambini di strada. (Matteo Ticani) Il progetto Con gli occhi di chi? Campagna di educazione allo Sviluppo contro lo sfruttamento del lavoro minorile a Nord e al Sud del mondo ha visto fra le sue attività principali, la realizzazione di

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.!

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.! Gli Aspetti Spirituali del Matrimonio nelle Letture di Cayce *** Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio. D: Il matrimonio come l abbiamo è necessario e consigliabile?

Dettagli

Enzo l incontro con Gesù

Enzo l incontro con Gesù Enzo l incontro con Gesù Enzo Casagni ENZO L INCONTRO CON GESÙ Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Enzo Casagni Tutti i diritti riservati A Gesù che mi ha sempre seguito fin dal seno

Dettagli

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!!

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! 1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! Dalla testimonianza di Alessandro: ho 15 anni, abito a Milano dove frequento il liceo. Vivo con i miei genitori ed una

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di.

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Le schede sono divise in due sezioni: La prima riporta la frase del Vangelo propria della domenica, il disegno da colorare relativo all opera

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli