Carta dei Servizi Asl CN1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carta dei Servizi Asl CN1"

Transcript

1 Carta dei Servizi Asl CN1 1

2 Consultando la Carta dei Servizi il cittadino dovrebbe ricevere tutte le informazioni necessarie ad utilizzare le strutture nel migliore dei modi, per ottenere efficaci ed efficienti risposte al suo bisogno di essere curato, sapendo di poter contare su un organizzazione che si prende cura di lui. Questa nuova edizione è stata redatta con l intenzione di rispettare questi concetti. Ci siamo impegnati nel costruire il documento con l intento di fornire a cittadini, degenti ed utenti una corretta immagine della nostra Azienda. Certi che sia i servizi che offriamo sia l attuale nostra organizzazione possano essere sempre migliorati, siamo aperti a ricevere suggerimenti e pareri, che terremo in gran conto come opportunità di miglioramento. Preghiamo pertanto i cittadini di comunicare le difficoltà oggettive o percepite che hanno incontrato, segnalandole all Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP). Consapevoli dei rapidi cambiamenti a cui possono essere soggetti procedure, recapiti telefonici e orari, consigliamo anche di consultare il sito dell ASL CN1 La presente Carta dei Servizi dell A.S.L. CN1 si articola in due sezioni: Presentazione dell Azienda o Delinea l ambito in cui opera l A.S.L.CN1, analizza la popolazione con l utilizzo di indicatori demografici e descrive i contesti di riferimento territoriale e normativo. o Evidenzia inoltre: l organizzazione dell Azienda lo scopo, la missione, i valori etici gli obiettivi generali/strategici perseguiti. Guida pratica o Offre un orientamento sulle strutture dell Azienda, descrivendo: i servizi erogati le relative modalità di accesso le sedi in cui recarsi. o Indica gli strumenti di tutela a disposizione dei cittadini: l Ufficio Relazioni con il Pubblico e la possibilità di presentare segnalazioni su eventuali disservizi. Indice Sezione 1: Presentazione dell Azienda Presentazione dell Azienda... 4 Sede legale, recapiti, elementi identificativi... 4 Contesto di riferimento... 5 Territorio e popolazione... 5 Contesto normativo Identità aziendale Organi e Organismi Aziendali - Relative funzioni Scopo, missione e visione strategica

3 Sezione 2: Guida Pratica La presente sezione è pubblicata in un apposito opuscolo ed aggiornata annualmente. 3

4 Presentazione dell Azienda Nell attuale assetto istituzionale e organizzativo della sanità piemontese l assistenza sanitaria pubblica è affidata ad Aziende, con personalità giuridica pubblica ed autonomia imprenditoriale, distinte in: - Aziende Ospedaliere (A.O.) che erogano assistenza ospedaliera ad alta specializzazione. - Aziende Ospedaliero-Universitarie (A.O.U.) multi specialistiche di eccellenza, integrate con Università e impegnate in attività di assistenza ospedaliera, insegnamento e ricerca scientifica. - Aziende Sanitarie Locali (ASL) a cui competono tre macro funzioni : assistenza ospedaliera, erogazione di servizi sanitari territoriali e attività di prevenzione. Il Servizio Sanitario Regionale, nell ambito della provincia di Cuneo, si articola in: due Aziende Sanitarie Locali questa ASL e l ASL CN2 di Alba-Bra l Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle di Cuneo. L ASL CN1 nasce il 1 gennaio 2008 dall unione delle ex Asl 15 di Cuneo, Asl 16 di Mondovì-Ceva e Asl 17 di Fossano-Saluzzo-Savigliano, da cui ha ereditato scopi, competenze territoriali, ospedali, risorse umane e strumentali. Sede legale, recapiti, elementi identificativi Sede legale ed amministrativa: Via Carlo Boggio Cuneo tel fax partita IVA/Cod.Fisc sito: twitter.com/aslcn1 4

5 Logo aziendale: Il simbolo identificativo dell ASL CN1 è costituito graficamente dall immagine derivante dalla fusione di numerose linee che identificano i percorsi all interno del sistema salute unendosi per formare una croce, simbolo della sanità. Sulla sinistra tre diversi quadrati rappresentano le tre precedenti realtà che si fondono per formare la nuova grande azienda. I colori (rosso, verde e blu) sono ripresi dal logo della Provincia di Cuneo per identificare l appartenenza territoriale dell azienda. A fianco dell immagine, è riportata la dicitura «A.S.L. CN1 Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano» come richiesto dalla Regione Piemonte. Contesto di riferimento Territorio e popolazione L Azienda Sanitaria Locale CN 1 esercita la propria competenza su un territorio che ricomprende 175 Comuni, suddivisi in 6 ambiti distrettuali in cui sono distribuiti gli ospedali e tutte le strutture che forniscono assistenza sanitaria territoriale e servizi di prevenzione. 5

6 L ASL CN 1 persegue la tutela della salute psico-fisica, quale bene primario dell individuo e interesse della collettività, secondo il seguente modello di gestione : 5 Ospedali, articolati i Dipartimenti 1, che garantiscono le prestazioni in regime di ricovero e le prestazioni ambulatoriali specialistiche per esterni: Ospedale SS. Annunziata di Savigliano Ospedale SS. Trinità di Fossano Ospedale Civile di Saluzzo Ospedale Poveri Infermi di Ceva Ospedale Regina Montis Regalis di Mondovì 1 Hospice, a Busca, centro residenziale di cure palliative dedicato all'accoglienza di pazienti in fase avanzata di malattia. 6 Distretti Sanitari, che costituiscono il punto di riferimento per le funzioni territoriali, come l assistenza dei medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, i servizi di continuità assistenziale notturna e festiva, l'assistenza farmaceutica, l'assistenza domiciliare- semiresidenziale- residenziale, l'assistenza integrativa (con fornitura di prodotti o presidi) e quella protesica. Ad essi è anche affidata l integrazione sociosanitaria con gli Enti gestori dei servizi socio assistenziali per garantire agli utenti una riposta completa e soddisfacente sia di tipo sanitario che di tipo sociale-assistenziale. Sono distinti in: Distretto Sanitario di Cuneo-Borgo San Dalmazzo Distretto Sanitario di Dronero Distretto Sanitario di Mondovì Distretto Sanitario di Ceva Distretto Sanitario di Fossano-Savigliano Distretto Sanitario di Saluzzo Il Dipartimento di Prevenzione preposto all organizzazione e alla promozione delle attività di prevenzione primaria in ambiente di vita e di lavoro e di sanità pubblica veterinaria Il Dipartimento Interaziendale di Oncologia/Screening (in collaborazione con l'azienda Ospedaliera S. Croce e Carle di Cuneo) Il Dipartimento Interaziendale di Salute Mentale (in collaborazione con l'azienda Ospedaliera S. Croce e Carle di Cuneo) Il Dipartimento delle Dipendenze (tossicodipendenza, alcolismo e altre dipendenze es. gioco d azzardo patologico) Varie Strutture organizzative, alcune in staff alla Direzione Aziendale 1 Il Dipartimento è un aggregazione di strutture omogenee, affini e complementari. 6

7 L Azienda si estende su un territorio alquanto vasto, nella zona sud ovest del Piemonte, corrispondente ad 1/5 di quello regionale e con scarsa densità abitativa (abitanti/km²) che è fra le più basse del Piemonte. Residenti 31/12/2012 Superficie Densità abitativa km² 73 residenti per km² Fonte: Anagrafica Aziendale. Il territorio è in gran parte (75%) situato in zone montane e collinari: superficie montana 57,14%; superficie collinare 18,73%; superficie in pianura 24,13%. Insistono sul territorio aziendale 175 Comuni suddivisi in 6 ambiti distrettuali: AMBITO DISTRETTUALE: CUNEO- BORGO SAN DALMAZZO E composto dal capoluogo di provincia e da 30 Comuni limitrofi. Comprende le Valli Gesso, Stura, Vermenagna e Pesio. Comuni: Aisone, Argentera, Beinette, Borgo San Dalmazzo, Boves, Castelletto Stura, Centallo, Chiusa di Pesio, Cuneo, Demonte, Entracque, Gaiola, Limone Piemonte, Margarita, Moiola, Montanera, Morozzo, Peveragno, Pietraporzio, Rittana, Roaschia, Robilante, Roccasparvera, Roccavione, Sambuco, Tarantasca, Valdieri, Valloriate, Vernante, Vignolo, Vinadio. La popolazione residente è pari a con una densità abitativa di 77 residenti per chilometro quadrato. N Comuni 31 Residenti Superficie in km² Densità Abitativa (residenti/km²) 77 AMBITO DISTRETTUALE: DRONERO Si estende sull'area a nord ovest del territorio dell'asl CN1 e comprende le Valli Maira e Grana, in un esteso contesto montano a bassa densità abitativa. I Comuni in quest area territoriale sono 22: Acceglio, Bernezzo, Busca, Canosio, Caraglio, Cartignano, Castelmagno, Celle di Macra Cervasca Dronero, Elva, Macra, Marmora, Montemale di Cuneo, Monterosso Grana, Pradleves, Prazzo, Roccabruna, San Damiano Macra, Stroppo, Valgrana, Villar San Costanzo. La popolazione residente è di con una densità abitativa di 46 residenti per chilometro quadrato. N Comuni 22 Residenti Superficie in km² 864 Densità Abitativa (residenti/km²) 46 7

8 È l area del Monregalese e comprende 30 Comuni, distribuiti nell area meno montuosa dell Alta Langa. Comuni: Bastia Mondovì, Belvedere Langhe, Bonvicino, Briaglia, Carrù, Cigliè, Clavesana, Dogliani, Farigliano, Frabosa Soprana, Frabosa Sottana, Lequio Tanaro, Magliano Alpi, Monasterolo Casotto, Monastero Vasco, Mondovì, Montaldo Mondovì, Niella Tanaro, Pamparato, Pianfei, Piozzo, Roburent, Rocca Cigliè, Rocca de' Baldi, Roccaforte Mondovì, San Michele Mondovì, Somano, Torre Mondovì, Vicoforte, Villanova. La popolazione residente è di con una densità abitativa di 89 residenti per chilometro quadrato. N Comuni 30 Residenti Superficie in km² 728 Densità Abitativa (residenti/km²) 89 AMBITO DISTRETTUALE: MONDOVI È l area del Cebano e comprende oltre al Comune di Ceva 33 Comuni facenti parte di due comunità montane: Alta Langa e Langa Valli Bormida Uzzone e Alto Tanaro Cebano Monregalese. Comuni: Alto, Bagnasco, Battifollo, Briga Alta, Camerana, Caprauna, Castellino Tanaro, Castelnuovo di Ceva, Ceva, Garessio, Gottasecca, Igliano, Lesegno, Lisio, Marsaglia, Mombarcaro, Mombasiglio, Monesiglio, Montezemolo, Murazzano, Nucetto, Ormea, Paroldo, Perlo, Priero, Priola, Prunetto, Roascio, Sale Langhe, Sale San Giovanni, Saliceto, Scagnello, Torresina, Viola. La popolazione residente è di con una densità abitativa di 30 residenti per chilometro quadrato. N Comuni 34 Residenti Superficie in km² 767 Densità Abitativa (residenti/km²) 30 AMBITO DISTRETTUALE: CEVA 8

9 AMBITO DISTRETTUALE: FOSSANO-SAVIGLIANO Fa riferimento ai Comuni di Fossano e Savigliano e comprende 17 altri Comuni, distribuiti in un territorio prevalentemente pianeggiante. Comuni: Benevagienna, Caramagna Piemonte, Cavallerleone, Cavallermaggiore, Cervere, Fossano, Genola, Marene, Monasterolo di Savigliano, Murello, Racconigi, Ruffia, Salmour, S. Albano Stura, Savigliano, Trinità, Villafalletto, Villanova Solaro, Vottignasco. La popolazione residente è di con una densità abitativa di 137 residenti per chilometro quadrato. N Comuni 19 Residenti Superficie in km² 654 Densità Abitativa (residenti/km²) 137 E l area del Saluzzese e comprende oltre a Saluzzo 38 Comuni, distribuiti nell area delle valli Po, Bronda, Infernotto e Varaita. Comuni: Bagnolo Piemonte, Barge, Bellino, Brondello, Brossasco, Cardè, Casalgrasso, Casteldelfino, Castellar, Costigliole Saluzzo, Crissolo, Envie, Faule, Frassino, Gambasca, Isasca, Lagnasco, Manta, Martiniana Po, Melle, Moretta, Oncino, Ostana, Paesana, Pagno, Piasco, Polonghera, Pontechianale, Revello, Rifreddo, Rossana, Saluzzo, Sampeyre, Sanfront, Scarnafigi, Torre San Giorgio, Valmala, Venasca, Verzuolo. La popolazione residente è di inseriti prevalentemente in un contesto montano e collinare. La densità abitativa è di 69 residenti per chilometro quadrato. N Comuni 39 Residenti Superficie in km² Densità Abitativa (residenti/km²) 69 AMBITO DISTRETTUALE: SALUZZO Nel territorio dell ASL CN1 il Comune più popolato è Cuneo con n residenti, a cui fanno seguito Fossano con n e, in ordine decrescente fino a n residenti, i Comuni di Mondovì, Savigliano, Saluzzo, Borgo S.Dalmazzo, Busca e Racconigi. I Comuni sotto n sino a n residenti sono 70, quelli sotto n sino a n.500 sono 32. I restanti 65 Comuni hanno un numero di residenti inferiore a 500, di cui quello meno popolato è Briga Alta (territorio Distretto Ceva) con 46 residenti. La popolazione dell ASL CN 1 corrisponde ai residenti nei 175 comuni di competenza. I residenti al 31/12/ tot. n risultano pari a n maschi (49%) e n femmine (51%) con la seguente suddivisione per ambito distrettuale di residenza, fasce di età e sesso: 9

10 RESIDENTI AL 31/12/2012 NEL TERRITORIO DELL'ASL CN1 Distretto 0-14 anni anni anni 65 anni e oltre TOT. CUNEO-BORGO S.D. FEMMINE MASCHI TOT DRONERO FEMMINE MASCHI TOT MONDOVI' FEMMINE MASCHI TOT CEVA FEMMINE MASCHI TOT FOSSANO-SAVIGLIANO FEMMINE MASCHI TOT SALUZZO FEMMINE MASCHI TOT TOT.GEN. FEMMINE MASCHI TOT Fonte: Anagrafica Aziendale Grafico sulla distribuzione per Sesso e Fasce d età: n n FEMMINE % 15% 27% 29% 35% 37% 25% 20% MASCHI anni anni anni 65 anni e oltre TOT. 10

11 Grafico sulla distribuzione per Sesso e Ambito Distrettuale di residenza: Grafico sulla distribuzione per Fasce d età e Ambito Distrettuale di residenza: Confronto del tot. al 31/12/2012 della popolazione residente distinta per sesso tra i valori dell ASL CN 1 con quelli Provinciali, Regionali e Nazionali: SESSO ASL CN 1 PROVINCIA DI CUNEO REGIONE PIEMONTE ITALIA Femmine (51%) (51%) (52%) (52%) Maschi (49%) (49%) (48%) (48%) TOTALE

12 Fonte: per i dati ASL CN1 = Anagrafica Aziendale per i dati provinciali/regionali/nazionali = Istat, Bilancio demografico A fronte di una popolazione umana pari al 9,6% di quella regionale, il patrimonio zootecnico, l entità della macellazione e della produzione degli alimenti per l uomo e per gli animali rappresentano complessivamente il 50% circa di quello del Piemonte. Confronto sulle fasce di età giovani (0-14 anni), adulti (15-64 anni) e anziani (65 anni e oltre) tra i valori dell ASL CN 1 con quelli Provinciali, Regionali e Nazionali : FASCE DI ETA ASL CN 1 PROVINCIA DI CUNEO REGIONE PIEMONTE ITALIA 0-14 anni anni 65 anni e oltre (14%) (63%) (23%) (14%) (64%) (23%) (13%) (63%) (24% (14%) (65%) (21%) TOTALE Fonte: per i dati ASL CN1 = Anagrafica Aziendale per i dati provinciali e regionali = Regione Piemonte Banca Dati Demografica Evolutiva per i dati nazionali = DemoISTAT Popolazione Straniera Il territorio dell ASL CN1 così come quello nazionale - è stato coinvolto, da alcuni anni, da un costante fenomeno migratorio. Questi flussi sono da attribuire, principalmente, all aspettativa di opportunità lavorative, che si realizzano in particolare nei settori meno appetibili agli italiani (es.agricoltura, edilizia, colf, badanze). Dei residenti stranieri registrati In Italia si trovano in Piemonte (8,77%), in Provincia di Cuneo (1,33%) e nel territorio di questa ASL (0,95%). Confronto sui residenti stranieri al 31/12/2012 tra i valori dell ASL CN 1 con quelli Provinciali, Regionali e Nazionali: TERRITORIO TOT.RESIDENTI RESIDENTI STRANIERI E RELATIVA % SU TOT.RESIDENTI (indice di immigrazione) ITALIA ,35 PIEMONTE ,80 PROVINCIA DI CUNEO ,91 ASL CN ,91 12

13 Fonte: per i dati ASL CN1 = Anagrafica Aziendale per i dati nazionali, provinciali e regionali = DemoISTAT Gli stranieri residenti nell ASL CN1 provengono dalle seguenti aree: Europa n , pari al 55,00% del tot. stranieri residenti nel territorio dell ASL CN1, provenienti soprattutto da Albania e Romania Africa n , pari al 29,82% del tot. stranieri residenti nel territorio dell ASL CN1, provenienti soprattutto dal Marocco Asia n , pari all 11,06% del tot. stranieri residenti nel territorio dell ASL CN1, in particolare cinesi America n , pari al 4,08% del tot. stranieri residenti nel territorio dell ASL CN1, provenienti soprattutto da Perù e Brasile Oceania n. 5, pari allo 0,01% del tot. stranieri residenti nel territorio dell ASL CN1 Apolidi n. 7, pari allo 0,02% del tot. stranieri residenti nel territorio dell ASL CN1 ======= Totale n Fonte: Anagrafica Aziendale Sono così suddivisi per ambito distrettuale di residenza e per sesso: Fonte: Anagrafica Aziendale Distretto di residenza Femmine Maschi Totale Cuneo-Borgo S.Dalmazzo Fossano- Savigliano Saluzzo Mondovì Dronero Ceva Totale

14 Grafico sulla distribuzione per Ambito Distrettuale di residenza: Grafico sulla distribuzione per Sesso e Ambito Distrettuale di residenza: Confronto sulle fasce di età giovani (0-14 anni), adulti (15-64 anni) e anziani (65 anni e oltre) tra gli stranieri residenti nell ASL CN 1 con il tot. della popolazione ivi residente: FASCE DI ETA TOT.STRANIERI RESIDENTI NELL'ASL CN1 TOT.RESIDENTI NELL'ASL CN anni anni anni e oltre TOT Fonte: = Anagrafica Aziendale 14

15 Indici demografici Si ricorre di seguito all utilizzo di alcuni specifici indici, presentati in termini di confronto con quelli regionali e nazionali. Indice di invecchiamento Rappresenta il grado di invecchiamento della popolazione. E il rapporto percentuale tra la popolazione anziana (65 anni e oltre) e i giovani fino a 14 anni. Nel 2012 l indice per la nostra ASL dice che ci sono 162 anziani ogni 100 giovani con età sino a 14 anni: Popolazione da 65 anni in su_ = Popolazione sino a 14 anni = * 100 = 162 ASL CN1 REGIONE PIEMONTE ITALIA per i dati ASL CN1 = Anagrafica Aziendale per i dati regionali = Regione Piemonte Banca Dati Demografica Evolutiva per i dati nazionali = DemoISTAT Indice di dipendenza Strutturale E un indice di notevole rilevanza economica, sociale ed assistenziale per la programmazione delle future politiche di sviluppo. Misura la dipendenza della popolazione che si presume non autonoma per ragioni demografiche (giovani 0-14 anni e anziani 65 anni e oltre) dalla popolazione che, si presume, debba sostenerla con la propria attività (15-64 anni). Nel 2012 l indice per la nostra ASL dice che ci sono 58 persone a carico ogni 100 che lavorano: Popolazione non attiva (0-14 anni e da 65 anni in su) n n = n Popolazione attiva (compresa tra i 15 e 64 anni) n * 100 = 58 15

16 ASL CN1 REGIONE PIEMONTE ITALIA per i dati ASL CN1 = Anagrafica Aziendale per i dati regionali = Regione Piemonte Banca Dati Demografica Evolutiva per i dati nazionali = DemoISTAT Indice di struttura della popolazione attiva Stima il grado di invecchiamento della popolazione in età lavorativa. E il rapporto percentuale tra la parte di popolazione in età lavorativa anni e quella più giovane anni, destinata a sostituire le generazioni in attività più anziane. Popolazione compresa tra i 40 ed i 64 anni pari a n Popolazione compresa tra i 15 ed i 39 anni pari a n * 100 = 128 ASL CN1 REGIONE PIEMONTE ITALIA per i dati ASL CN1 = Anagrafica Aziendale per i dati regionali = Regione Piemonte Banca Dati Demografica Evolutiva per i dati nazionali = DemoISTAT Saldo naturale E la differenza tra il numero dei nati e il numero dei deceduti nella popolazione residente. Nati Deceduti 4.909= ASL CN1 REGIONE PIEMONTE ITALIA per i dati ASL CN1 = Regione Piemonte Banca Dati Demografica Evolutiva per i dati regionali e nazionali = DemoISTAT Tasso di natalità E il rapporto tra il numero delle nascite nella popolazione residente e la quantità della popolazione residente. Residenti nati n Numero Nati Popolazione residente n * = 9 ASL CN1 REGIONE PIEMONTE ITALIA per i dati ASL CN1 = Regione Piemonte Banca Dati Demografica Evolutiva per i dati regionali e nazionali = DemoISTAT 16

17 Tasso di mortalità E il rapporto tra il numero delle morti nella popolazione residente e la quantità della popolazione residente. Residenti deceduti n Numero Nati Popolazione residente n * = 12 ASL CN1 REGIONE PIEMONTE ITALIA Crescita naturale Corrisponde alla differenza tra tasso di natalità + 9 e tasso di mortalità 12 = - 3 ASL CN1 REGIONE PIEMONTE ITALIA Contesto normativo Le norme e i provvedimenti di riferimento dell ASL CN 1 sono sostanzialmente riconducibili a: Articolo 32 Costituzione Italiana La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana. Legge n 833 richiama il diritto primario alla salute sancito dalla Costituzione: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività mediante il Servizio Sanitario Nazionale avvia una svolta radicale nell ambito della sanità Italiana, superando il concetto mutualistico dell assistenza istituisce il Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) definito come: il complesso delle funzioni, delle strutture, dei servizi e delle attività destinate alla promozione, mantenimento e al recupero della salute fisica e psichica di tutta la popolazione senza distinzioni di condizioni individuali o sociali e secondo modalità che assicurino l eguaglianza dei cittadini nei confronti del servizio. Legge n 421, Decreti Legislativi n 502, n 517, n 229 che introducono ed attuano l aziendalizzazione degli Enti del Servizio Sanitario Nazionale Legge Regionale n 10 che disciplina l organizzazione ed il funzionamento delle Aziende Sanitarie Regionali 17

18 Legge Regionale n 18 che ridefinisce le Aziende Sanitarie e Ospedaliere della Regione ed assicura lo sviluppo dei servizi di prevenzione, territoriali ed ospedalieri, riconoscendo un ruolo fondamentale agli Enti Locali ed al cittadino. Piano Sanitario Regionale è il programma attraverso il quale le Regioni definiscono i criteri di finanziamento e gli indirizzi programmativi per le proprie Aziende Sanitarie. Deliberazione Consiglio Regionale n che individua le Aziende Sanitarie Locali ed i relativi ambiti territoriali. Decreto Presidente Giunta Regionale n 84 con cui viene costituita la nuova Azienda Sanitaria Locale CN1. Atto Aziendale dell A.S.L.CN1 adottato con Deliberazione del Direttore Generale n del 25/09/08 e successive modifiche che disciplina l assetto organizzativo e il funzionamento dell Azienda. Identità aziendale Organi e Organismi Aziendali - Relative funzioni Direttore Generale E responsabile della gestione complessiva dell Azienda, esercita le funzioni di indirizzo politico, strategico e amministrativo - definendo gli obiettivi ed i programmi da attuare ed adottando gli altri atti rientranti nello svolgimento di tali funzioni - e verifica la rispondenza dei risultati dell attività amministrativa e della gestione agli indirizzi impartiti. Gli compete la nomina del Direttore Amministrativo e del Direttore Sanitario (v.sotto), la nomina dei responsabili delle strutture aziendali e il conferimento degli incarichi dirigenziali. Direttore Sanitario Dirige i servizi sanitari ai fini organizzativi ed igienico-sanitari ed è preposto al governo clinico dell Azienda. Coadiuva il Direttore Generale nel governo dell Azienda, fornendogli pareri obbligatori sugli atti relativi alle materie di competenza. Svolge attività di indirizzo, coordinamento e supporto nei confronti dei responsabili delle strutture dell Azienda. Assicura il puntuale svolgimento di eventuali ulteriori compiti e funzioni delegati e/o assegnati dal Direttore Generale. 18

19 Direttore Amministrativo Dirige i servizi amministrativi dell Azienda. Coadiuva il Direttore Generale nel governo dell Azienda, fornendogli pareri obbligatori sugli atti relativi alle materie di competenza. Svolge attività di indirizzo, coordinamento e supporto nei confronti dei responsabili delle strutture Aziendali. Assicura il puntuale svolgimento di eventuali ulteriori compiti e funzioni delegati e/o assegnati dal Direttore Generale. Collegio di Direzione Supporta il Direttore Generale nell espletamento delle funzioni di governo e di direzione strategica della gestione aziendale ed è composto da: - Direttore Sanitario - Direttore Amministrativo - Direttori dei Dipartimenti - Direttori degli Ospedali - Direttori dei Distretti - Responsabile del Servizio Infermieristico Consiglio dei Sanitari E un organismo elettivo con funzioni di consulenza tecnico-sanitaria ed è presieduto dal Direttore Sanitario d Azienda. Fornisce, nei casi previsti dalla legge, parere obbligatorio al Direttore Generale per le attività tecnico-sanitarie, anche sotto il profilo organizzativo, e per gli investimenti ad esse attinenti. Si esprime altresì sulle attività di assistenza sanitaria. Collegio Sindacale E organo dell Azienda, dura in carica 3 anni ed è composto da 5 membri, nominati dal Direttore Generale su designazione : n.1 della Conferenza dei Sindaci dell A.S.L. CN1 n.2 della Regione Piemonte n.1 del Ministero dell Economia e delle Finanze n.1 del Ministero della Salute. Il Collegio Sindacale vigila sull osservanza delle leggi e dei Regolamenti e verifica la regolarità amministrativa e contabile dell A.S.L. Può procedere, in qualsiasi momento, ad atti di ispezione e di controllo. Assetto Aziendale L ASL CN1 svolge la propria attività nei predetti 5 ospedali e in circa un centinaio di sedi dislocate nel territorio, in cui si svolgono prevalentemente attività di tipo sanitario ma anche di supporto tecnico ed amministrativo. Le strutture aziendali sono molteplici: si sintetizza l assetto organizzativo generale dell Azienda tramite il seguente organigramma (schema grafico): 19

20 Il Personale dipendente E una risorsa essenziale per il funzionamento dell A.S.L.CN1 e rappresenta la componente fondamentale per poter raggiungere lo scopo principale, quello di tutelare della salute dei cittadini. E' suddiviso in n.4 ruoli: RUOLO SANITARIO, in cui rientrano le seguenti qualifiche: Dirigente Medico Dirigente Farmacisti Dirigenti Veterinari - Dirigenti Biologi Dirigenti Psicologi Dirigente delle Professioni Sanitarie - Collaboratori Professionali Sanitari Esperti e non, per le varie specializzazioni (Ostetriche, Fisioterapisti, Tecnici Laboratorio, Tecnici Prevenzione, Assistenti Sanitari, Dietisti, Infermieri Generici, Puericultrici, Tecnici di Radiologia, Ortottisti). RUOLO PROFESSIONALE, in cui rientrano le seguenti qualifiche: Dirigente Avvocato Dirigente Ingegneri Dirigenti Analista Assistenti Religiosi. RUOLO TECNICO, in cui rientrano le seguenti qualifiche: Collaboratori Professionali Assistenti Sociali Collaboratori Tecnici Professionali Assistenti Tecnici Programmatori Operatori Socio Sanitari Operatori Tecnici Assistenza Operatori Tecnici Specializzati e non, Ausiliari Specializzati. RUOLO AMMINISTRATIVO, in cui rientrano le seguenti qualifiche: 20

21 Dirigenza Amministrativa, Collaboratori Amministrativi Professionali, Assistenti e Coadiutori Amministrativi, Commessi. Composizione del personale dipendente PERSONALE MEDICO, VETERINARIO 762 PERSONALE INFERMIERISTICO, RIABILITATIVO PERSONALE DIRIGENTE RUOLO TECNICO, AMMINISTRATIVO E PROFESSIONALE 38 PERSONALE COMPARTO RUOLO TECNICO, AMMINISTRATIVO E PROFESSIONALE TOT I Medici di Medicina Generale, i Pediatri di Libera Scelta e i Medici di Continuità Assistenziale L Azienda si colloca all interno di una rete complessa di relazioni e svolge un ruolo attivo con i Medici di Medicina Generale, i Pediatri di Libera Scelta ed i Medici di Continuità Assistenziale per governare ed orientare la domanda di salute espressa dal territorio. Medici di Medicina Generale suddivisi per Distretto Distretto di Cuneo e Borgo San Dalmazzo 77 Distretto di Dronero 29 Distretto di Mondovì 45 Distretto di Ceva 17 Distretto di Fossano Savigliano 58 Distretto di Saluzzo 57 Totale 283 Pediatri di Libera Scelta suddivisi per Distretto Distretto di Cuneo e Borgo San Dalmazzo 15 Distretto di Dronero 4 Distretto di Mondovì 7 Distretto di Ceva 0 Distretto di Fossano Savigliano 8 Distretto di Saluzzo 7 Totale 41 21

22 Medici di Continuità Assistenziale L ASL CN1 ha attuato una revisione completa della rete delle postazioni aziendale di Continuità Assistenziale e l accentramento delle chiamate degli utenti in un unico punto al numero telefonico unico aziendale , con certezza per il cittadino di ottenere sempre una risposta e garantendo sul territorio di riferimento un trattamento uniforme di tutti coloro che richiedono un intervento del Servizio di Continuità Assistenziale. Un giorno in Ospedale 570 Ricoveri ordinari e Day Hospital 300 Accessi al Pronto Soccorso Visite ambulatoriali 560 Prestazioni Radiodiagnostica Prestazioni Laboratorio Analisi Pasti serviti (pranzo e cena) Telefonate al C.U.P. Un giorno nel Territorio 300 Utenti in carico ai Servizi Psichiatrici 140 Utenti in carico al S.E.R.T. 22

23 480 Accessi presso utenti seguiti in cure domiciliari Anziani presenti in strutture residenziali per non autosufficienti 320 Disabili presenti in strutture Un giorno nella Prevenzione Accertamenti diagnostici su tutte le specie per la verifica delle malattie Soggette a controllo Unità Bovine Equivalenti (diverse specie pesate) ispezionate per la Macellazione 12 Campionamenti per la sicurezza alimentare 5 Controlli in Aziende per la sicurezza nei luoghi di lavoro 110 Vaccinazioni contro le malattie infettive di infanzia e adolescenza Scopo, missione e visione strategica Lo scopo principale dell AS.L.CN1 è quello di tutelare della salute dei cittadini con un organizzazione efficace ed efficiente. Attraverso il sistema e gli strumenti di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione, l Azienda si occupa della popolazione appartenente ad un territorio vasto e ricco di risorse (umane, professionali, ambientali, agricole, zootecniche e strutturali), che intende gestire, per quanto di competenza, in un ottica di miglioramento continuo. L AS.L.CN1 ritiene sostanziali il coinvolgimento e l integrazione di tutti gli attori del processo di governo del sistema sanitario del territorio (istituzioni locali, management e professionisti sanitari di ASL ed ASO, associazioni del volontariato e tutela, cittadini), indispensabili nel definire e realizzare il difficile ma auspicabile equilibrio tra costi e benefici per la popolazione servita. La Direzione considera i propri professionisti la maggior risorsa del sistema organizzativo e si impegna a perseguire ed incentivare la politica della valorizzazione professionale delle loro competenze e capacità relazionali. Considera essenziale che la collaborazione di ciascun operatore sia improntata alla specifica visione strategica, ispirata alla centralità del cittadino, alla cura della persona nella sua interezza, alla qualità dei servizi, alla massima efficienza, imparzialità e trasparenza. L azione aziendale si ispira ai seguenti Valori 23

24 Eguaglianza Conformemente ai principi stabiliti dall art. 3 della Costituzione, l Azienda si impegna, nell esercizio dei propri fini istituzionali, a rispettare la dignità della persona senza distinzioni di sesso, razza, nazionalità, religione, lingua e opinioni politiche. Viene riconosciuto il diritto all uniformità delle prestazioni, senza discriminazioni, con particolare attenzione alle necessità dei cittadini che presentano esigenze particolari di tutela in ordine allo stato di salute ed alla condizione sociale (principio di uguaglianza sostanziale). Imparzialità Il personale sanitario, tecnico ed amministrativo dell Azienda Sanitaria Locale CN1 è tenuto a ispirare il proprio comportamento a criteri di massima professionalità, obiettività, giustizia e imparzialità, nel rispetto della dignità dei pazienti, indipendentemente dal loro status sociale e dalle loro disponibilità economiche. Continuità I servizi vengono erogati dall Azienda in modo continuo, regolare e senza interruzioni, nel rispetto delle disposizioni di legge e di quanto previsto dai contratti collettivi nazionali di lavoro dei dipendenti. In caso di funzionamento irregolare o interruzione del servizio, l Azienda adotta misure atte a ridurre al minimo il disagio dei pazienti e ad evitare pregiudizi all assistenza. Diritto di Scelta L Azienda riconosce il diritto del cittadino di scegliere il luogo in cui desidera essere curato, nei limiti oggettivi dell organizzazione dei servizi sanitari e conformemente alla normativa vigente. Il cittadino ha inoltre diritto, sulla base delle informazioni in suo possesso e fatte salve le prerogative dei medici,a mantenere una propria sfera di decisionalità e di responsabilità in merito alla propria salute e alla propria vita. Partecipazione Ai sensi della Legge 241/90 e del D.Lgs. 502/92 (e successive modifiche e integrazioni), l Azienda promuove misure volte a garantire trasparenza, semplificazione e coinvolgimento del cittadino nei processi di umanizzazione del servizio e di miglioramento dell informazione e della gestione amministrativa. La gestione aziendale è ispirata a principi di: Efficienza ed efficacia efficacia, in quanto è finalizzata a realizzare pienamente gli obiettivi di assistenza sanitaria stabiliti dalla legge; efficienza, in quanto punta ad utilizzare al meglio le risorse disponibili. 24

25 L Azienda, conseguentemente ai principi enunciati, persegue i seguenti obiettivi generali: aggiornare costantemente gli strumenti diagnostici e terapeutici per garantire prestazioni di alto livello tecnico e scientifico; formare e aggiornare il personale per migliorare la qualità tecnica e relazionale; fornire informazioni chiare e comprensibili, per consentire al cittadino di decidere consapevolmente della propria salute e della propria vita; favorire il più possibile, durante il ricovero, il mantenimento dello stile di vita del cittadino, ad esempio garantendo ai pazienti in età infantile una particolare attenzione alla protezione della sfera affettiva, alla dimensione ludica ed alle necessità di studio e apprendimento; rispettare la dignità della persona, mettendola in condizione di superare il disagio nel manifestare le proprie necessità; accogliere con disponibilità e attenzione i suggerimenti e le osservazioni, nell ottica del miglioramento delle prestazioni erogate, dell organizzazione e della relazione; garantire un assistenza personalizzata globale, promuovendo tutte le azioni orientate alla centralità dell individuo RUOLO CENTRALE DEGLI UTENTI 25

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 ALTA VALLE PO E VAL VARAITA Comuni di: BELLINO, BROSSASCO, CASTELDELFINO, CRISSOLO, FRASSINO, ISASCA, MELLE, ONCINO, OSTANA, PAESANA, PONTECHIANALE, ROSSANA,

Dettagli

INFORMASALUTE CUNEO. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari

INFORMASALUTE CUNEO. I Servizi Sanitari di. e Provincia. Accesso al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA ISTITUTO NAZIONALE SALUTE, MIGRAZIONI E POVERTÀ MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELL INTERNO Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi INFORMASALUTE

Dettagli

Provincia di Cuneo DATA ATTO COMUNE

Provincia di Cuneo DATA ATTO COMUNE Provincia di Cuneo COMUNE ACCEGLIO 30/03/1940 AISONE 20/05/1934 AISONE 21/03/1940 ALBA 04/12/1934 ALBARETTO DELLA TORRE 06/02/1936 ALBARETTO DELLA TORRE 06/05/1939 ALTO 23/12/1934 ARGENTERA 19/05/1934

Dettagli

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio Le parole chiave SANITÀ SCHEDA Gennaio 2005 AVVERTENZA Quanto contenuto nei materiali di ogni parola chiave è stato raccolto nel secondo semestre del

Dettagli

Elenco dei comuni per i quali si propone l esonero dall adeguamento dello strumento urbanistico.

Elenco dei comuni per i quali si propone l esonero dall adeguamento dello strumento urbanistico. REGIONE PIEMONTE Elenco dei comuni per i quali si propone l esonero dall adeguamento dello strumento urbanistico. Ai sensi della DGR 60-2189 del 5.02.2001, si accerta che il Comune è dotato di un piano

Dettagli

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave APPROFONDIMENTO (II LIVELLO)

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave APPROFONDIMENTO (II LIVELLO) Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio Le parole chiave CREDITO APPROFONDIMENTO (II LIVELLO) Gennaio 2005 AVVERTENZA Quanto contenuto nei materiali di ogni parola chiave è stato raccolto

Dettagli

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio Le parole chiave FONDAZIONI BANCARIE Gennaio 2005 AVVERTENZA Quanto contenuto nei materiali di ogni parola chiave è stato raccolto nel secondo semestre

Dettagli

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio Le parole chiave UNIVERSITÀ SCHEDA Gennaio 2005 AVVERTENZA Quanto contenuto nei materiali di ogni parola chiave è stato raccolto nel secondo semestre

Dettagli

ALBO PROVINCIALE PRO LOCO

ALBO PROVINCIALE PRO LOCO ALBO PROVINCIALE PRO LOCO Legge Regionale 7 aprile 2000 n.36 recepita con delibera della Giunta Provinciale n.808 del 3 ottobre 2000 N. COMUNE DENOMINAZIONE PRO LOCO CAP ESTREMI DEL PROVVEDIMENTO DI ISCRIZIONE

Dettagli

PRIMARIE SEGGI IN PROVINCIA DI CUNEO

PRIMARIE SEGGI IN PROVINCIA DI CUNEO PRIMARIE 2017 - SEGGI IN PROVINCIA DI CUNEO PARTITO DEMOCRATICO PROVINCIA DI CUNEO GIOVEDÌ 20 APRILE 2017 Qui di seguito troverete i 28 seggi provinciali e i comuni di riferimento. Potete trovare il vostro

Dettagli

Settore politiche sociali e famiglia

Settore politiche sociali e famiglia Settore politiche sociali e famiglia Gli Istituti di protezione giuridica delle persone con ridotta autonomia nella competenza degli Enti Gestori dei servizi socio-assistenziali in Provincia di Cuneo.

Dettagli

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio Le parole chiave MOBILITÀ SCHEDA Gennaio 2005 AVVERTENZA Quanto contenuto nei materiali di ogni parola chiave è stato raccolto nel secondo semestre

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ TECHNICAL DESIGN S.R.L. CURRICULUM RIGUARDANTE LA PROTEZIONE CIVILE

PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ TECHNICAL DESIGN S.R.L. CURRICULUM RIGUARDANTE LA PROTEZIONE CIVILE PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ TECHNICAL DESIGN S.R.L. CURRICULUM RIGUARDANTE LA PROTEZIONE CIVILE Presentazione Technical Design S.r.l. La Technical Design S.r.l. opera nel settore dei servizi informatici

Dettagli

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave SCHEDA Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio Le parole chiave INNOVAZIONE SCHEDA Gennaio 2005 AVVERTENZA Quanto contenuto nei materiali di ogni parola chiave è stato raccolto nel secondo semestre

Dettagli

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave APPROFONDIMENTO

Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio. Le parole chiave APPROFONDIMENTO Il Piano Strategico della Città e del suo Territorio Le parole chiave SANITÀ APPROFONDIMENTO Gennaio 2005 AVVERTENZA Quanto contenuto nei materiali di ogni parola chiave è stato raccolto nel secondo semestre

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

SERVIZI SANITARI. Presidi Residenziali per anziani >65 anni

SERVIZI SANITARI. Presidi Residenziali per anziani >65 anni Presidi Residenziali per anziani >65 anni Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA): presidio extraospedaliero residenziale destinato a soggetti non autosufficienti non trattabili a domicilio. Residenza

Dettagli

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (SECONDA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI BORGO SAN DALMAZZO Provincia di CUNEO. Prot. n Borgo San Dalmazzo, lì 8 aprile 2013

COMUNE DI BORGO SAN DALMAZZO Provincia di CUNEO. Prot. n Borgo San Dalmazzo, lì 8 aprile 2013 COMUNE DI BORGO SAN DALMAZZO Provincia di CUNEO Prot. n. 4954 Borgo, lì 8 aprile 2013 PUBBLICAZIONE ELENCO DEGLI INCARICHI DI DI SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DI BORGO SAN DALMAZZO CONFERITI DAI SOCI

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI INSERVIZIO CIVILE NELLE SEDI C.R.I. DELLA PROVINCIA DI CUNEO - ANNO 2009-2010 ENTE: CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI CUNEO 1) Ente proponente il progetto:

Dettagli

PARTE PRIMA. Leggi e regolamenti regionali IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

PARTE PRIMA. Leggi e regolamenti regionali IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: 15656 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 29 marzo 2016, n. 4 Consiglio sanitario regionale. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE

Dettagli

LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE L. 1888 legge Pagliai (Legge Riforma sanitaria) istituzione Medici Comunali istituzione Medici Provinciali istituzione Direzione Generale Sanità L. 1890 legge

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA NOTA DI ACCOGLIENZA Gentile Signora, Gentile Signore, con la presente Le vogliamo fornire una Guida che Le sia di aiuto per orientarsi e conoscere la Struttura Sanitaria alla

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta LEGISLAZIONE ED ORGANIZZAZIONE Il Servizio Sanitario Nazionale Il Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) è nato con una legge n. 833 del 23 dicembre del 1978;

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

Esperienza della Registrazione EMAS dei Comuni del GAL Mongioie

Esperienza della Registrazione EMAS dei Comuni del GAL Mongioie Esperienza della Registrazione EMAS dei Comuni del GAL Mongioie LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DI ENTI LOCALI E TERRITORIALI ISO 14001 ed EMAS rappresentano strumenti efficaci per la gestione delle attività

Dettagli

IL QUADRO LEGISLATIVO

IL QUADRO LEGISLATIVO CAPITOLO TERZO IL QUADRO LEGISLATIVO 1. LA COSTITUZIONE Le leggi riportate in questo capitolo sono ordinate in senso cronologico per meglio mettere in evidenza la crescente sensibilità del legislatore

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

STESE INTEGRATIVE ESERCIZIO 2010 REPARTO ALBA MONDOVI CUNEO - SALUZZO ALLEGATO E

STESE INTEGRATIVE ESERCIZIO 2010 REPARTO ALBA MONDOVI CUNEO - SALUZZO ALLEGATO E STESE INTEGRATIVE ESERCIZIO 2010 REPARTO ALBA MONDOVI CUNEO - SALUZZO ALLEGATO E Classifica 4.24.816 LOTTO N. 1 - REPARTO DI ALBA- ESERCIZIO 2010. S.P. n. 3 tronco: Alba-Tre Stelle-Rondò Neive-Conf. Provincia

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CUNEO

UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CUNEO UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CUNEO POSTI DISPONIBILI PER SUPPLENZE POSTI ACCANTONATI N. 0 CLASSE DI CONCORSO A028 - ARTE E IMMAGINE Classe di concorso Posto orario SEDE Sede completamento DOCENTE

Dettagli

REGNO DI SARDEGNA - DEPUTATI DEI COLLEGI UNINOMINALI DELLA PROVINCIA DI CUNEO Collegio uninominale a suffragio ristretto

REGNO DI SARDEGNA - DEPUTATI DEI COLLEGI UNINOMINALI DELLA PROVINCIA DI CUNEO Collegio uninominale a suffragio ristretto REGNO DI SARDEGNA - DEPUTATI DEI COLLEGI UNINOMINALI DELLA PROVINCIA DI CUNEO 1848-1861 Collegio uninominale a suffragio ristretto 27 Aprile 1848 22 Gennaio 1849 15 Luglio 1849 9 dicembre 1849 8 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE e DEI LAVORI ASSEMBLEARI

REGOLAMENTO ELETTORALE e DEI LAVORI ASSEMBLEARI CONFARTIGIANATO FIDI CUNEO Società Cooperativa REGOLAMENTO ELETTORALE e DEI LAVORI ASSEMBLEARI Assemblea Generale Ordinaria dei Soci del 13 Maggio 2014 Proposta all Assemblea Soci del 12 Luglio 2017 NORME

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI E SOCIALI DI BASE

Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI E SOCIALI DI BASE Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI E SOCIALI DI BASE ART. 1 IL DISTRETTO SANITARIO SOCIALE Il distretto sanitario sociale è la struttura tecnico-funzionale di base per la erogazione dei servizi

Dettagli

^^^^^^^^^^^^^^^ Diploma di Ragioniere Commerciale conseguito presso l Istituto Franco Andrea Bonelli di Cuneo;

^^^^^^^^^^^^^^^ Diploma di Ragioniere Commerciale conseguito presso l Istituto Franco Andrea Bonelli di Cuneo; Cuneo lì, 08.11.2013 OGGETTO: Curriculum vitae personale e professionale del Dott. Rag. FANTINO Bernardo, nato a Cuneo il 7 Novembre 1938 e domiciliato in Cuneo, Via Gian Franco Borney, n 39 (tel. 0171/401605

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Legge regionale 19 marzo 2009, n. 7 (BUR n. 25/2009) DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Art. 1 - Finalità.

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

ELENCO DELLE STAZIONI METEOROLOGICHE AUTOMATICHE Provincia di CN

ELENCO DELLE STAZIONI METEOROLOGICHE AUTOMATICHE Provincia di CN Provincia di 28-11-1991 ACCEGLIO MAIRA 133 ACCEGLIO 339567 4927939 1610 14-06-1989 14-06-1989 26-08-2004 ACCEGLIO MAIRA S4062 ACCEGLIO COLLET 333703 4931975 2010 26-08-2004 26-08-2004 ACCEGLIO MAIRA 1004

Dettagli

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2.

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Alcuni dati di contesto 2 La S.O.C. Psicologia dell A.S.L. CN2 ha valenza territoriale ed ospedaliera; articola gli interventi sanitari su due Presidi Ospedalieri

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014

REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014 REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014 Comunicato dell Assessorato alla Tutela della salute e sanità, edilizia sanitaria, politiche sociali e politiche per la famiglia, coordinamento interassessorile delle politiche

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

San Raffaele Tuscolana. Carta dei Servizi

San Raffaele Tuscolana. Carta dei Servizi San Raffaele Tuscolana Carta dei Servizi 2015 Presentazione La Carta dei Servizi ha l intento di far conoscere le attività ed i servizi messi a disposizione dal nostro Centro e le modalità per accedervi.

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Allegato 1 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PROVINCIA DI CUNEO 2) Codice di accreditamento: 3) Classe di iscrizione all albo:

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione SCHEDE ALLEGATO A Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione Titolo 1 Nomine e designazioni da parte della regione,

Dettagli

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona www.ulss.tv.it Principi costituzionali Art. 2. La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi edizione anno 2011/2012 Presentazione della Cooperativa Sociale A.S.A.R. A.S.A.R Coop. Sociale Via Principe Nicola, 123 Catania Tel / Fax 095-533980 Cell. 3389273899

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I 1 CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004 I nidi d Infanzia e i servizi integrativi costituiscono il sistema dei servizi educativi e si configurano come centri territoriali

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CUNEO

UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CUNEO UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CUNEO POSTI DISPONIBILI PER RUOLO E SUPPLENZE POSTI ACCANTONATI N. 0 CLASSE DI CONCORSO A028 - ARTE E IMMAGINE legenda: R= ruolo UT=utilizzo AP= ass.provv. Classe di concorso

Dettagli

CADENZA PERIODICITÀ BANCHI ALIM. E NON ALIM.

CADENZA PERIODICITÀ BANCHI ALIM. E NON ALIM. ELENCO MERCATI AMBULANTI E ISOLATI CADENZA PERIODICITÀ ALIM. E ACCEGLIO Piazza Nais M DOM S STAG 5 13 4 22 22 AISONE Piazza Nuova M MAR S ANN 4 4 4 Borgo Moretta M MER S ANN 4 9 8 21 2 23 Borgo Piave M

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale OSPEDALE 88 Dipartimento di Salute Mentale Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO PSICHIATRIA CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) E AMBULATORI PERIFERICI Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della

Dettagli

L INFERMIERE DI FAMIGLIA. Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE

L INFERMIERE DI FAMIGLIA. Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE L INFERMIERE DI FAMIGLIA Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE Uno degli obiettivi di oggi RILEGGERE LO SVILUPPO DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA TERRITORIALE DAL PUNTO

Dettagli

Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale)

Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale) Modifiche alla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio sanitario regionale) Sommario Preambolo Art. 1 Modifiche all articolo 71 della l.r. 40/2005 Art. 2 Inserimento del capo II

Dettagli

Quaderni di ecologia applicata N. 10 IL BACINO SECONDARIO DI ENERGIA DEL TERRITORIO FOSSANESE, SALUZZESE E SAVIGLIANESE E LA ITS DI VILLAFALLETTO

Quaderni di ecologia applicata N. 10 IL BACINO SECONDARIO DI ENERGIA DEL TERRITORIO FOSSANESE, SALUZZESE E SAVIGLIANESE E LA ITS DI VILLAFALLETTO Quaderni di ecologia applicata N. 10 IL BACINO SECONDARIO DI ENERGIA DEL TERRITORIO FOSSANESE, SALUZZESE E SAVIGLIANESE E LA ITS DI VILLAFALLETTO Quaderni Ecodeco di ecologia applicata copyright Ecodeco

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/6 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità

Dettagli

I Fondi Sanitari: aspetti legali

I Fondi Sanitari: aspetti legali I Fondi Sanitari: aspetti legali Roma, 30 ottobre 2015 Relatore: Avv. Giuseppe Monaciello Il quadro normativo 2 I tre pilastri della sanità In Italia, al pari della previdenza, il sistema sanitario si

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5951 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE Articolo 1 Costituzione

Dettagli

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Art. 1 Finalità e compiti. Capo I - Finalità e compiti. 1) L'assistenza Psicologica si occupa degli aspetti psicologici attinenti la domanda

Dettagli

POLIZZA GLOBALE FABBRICATI CONSISTENZA FABBRICATI A.T.C. AL 16/06/2014

POLIZZA GLOBALE FABBRICATI CONSISTENZA FABBRICATI A.T.C. AL 16/06/2014 costruiti con il contributo dello Stato Codice tà fabbricato Indirizzo POLIZZA GLOBALE FABBRICATI CONSISTENZA FABBRICATI A.T.C. AL 16/06/2014 come ) 0005 Alba C.so Piave, 83/1 2 3 24,00 0014 Alba Str.

Dettagli

CONSULTORI SERVIZI OFFERTI DAI CONSULTORI

CONSULTORI SERVIZI OFFERTI DAI CONSULTORI CONSULTORI Il Consultorio Familiare è un servizio socio-sanitario a tutela della salute della donna, della coppia, della famiglia, dell adolescente. Al proprio interno operano differenti professionalità:

Dettagli

Bando. Progetto Potenzialità e Talento

Bando. Progetto Potenzialità e Talento Bando Art.1 Presupposti del progetto Banca Alpi Marittime Cred. Coop. Carrù SCpA pubblica sul proprio sito internet e rende disponibili presso le proprie filiali nelle province di Cuneo, Torino e Savona

Dettagli

ASPETTI STORICI DELLA LEGISLAZIONE SANITARIA

ASPETTI STORICI DELLA LEGISLAZIONE SANITARIA LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (PRIMA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

OGGETTO: PROPOSTA AFFIDAMENTO INCARICO Bando AmbientEnergia 2013

OGGETTO: PROPOSTA AFFIDAMENTO INCARICO Bando AmbientEnergia 2013 Arch. Rossella Cuncu Cell. 3332260581 Spett. le Sindaco Alfredo Vizio e p.c. Responsabile Ufficio Tecnico Geom. Osvaldo Demaria Comune di Ceva Piazza Vittorio Emanuele II,17 12073 Ceva CN OGGETTO: PROPOSTA

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILLO- FACCIALE DIPARTIMENTO CHIRURGICO

UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILLO- FACCIALE DIPARTIMENTO CHIRURGICO UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILLO- FACCIALE DIPARTIMENTO CHIRURGICO 1/6 Attività L unità operativa di Chirurgia Maxillo-Facciale rappresenta un centro di eccellenza nel suo settore e si rivolge ai cittadini

Dettagli

Udine, 30 ottobre 2015

Udine, 30 ottobre 2015 Udine, 30 ottobre 2015 2 CONVEGNO INTERREGIONALE CARD La Prevenzione nel distretto DIREZIONI TECNICHE REGIONALI: Stato dell arte nelle Regioni del Triveneto, della realizzazione delle leggi di riforma

Dettagli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale Docente: Paolo Barelli Day Hospital Centro Diurno CONTESTO Centro Salute Mentale: Ambulatori e Territorio SOCIALE Ospedale: Servizio Psichiatrico

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 17 MARZO 2015, N. 190 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE

Dettagli

Il Sistema di Sorveglianza PASSI D ARGENTO: una risposta ai bisogni di informazione agli operatori di Distretto

Il Sistema di Sorveglianza PASSI D ARGENTO: una risposta ai bisogni di informazione agli operatori di Distretto Il Sistema di Sorveglianza PASSI D ARGENTO: una risposta ai bisogni di informazione agli operatori di Distretto Dr. Luigi Barbero Distretto di Cuneo Borgo San Dalmazzo CARD Piemonte Ma, che cos è il Distretto?

Dettagli

Il Dipartimento di Salute Mentale e l Associazionismo dell Auto-Aiuto. dott. Corrado Rossi Coordinatore DSM ASL n. 5 - Pisa 18 maggio 2007

Il Dipartimento di Salute Mentale e l Associazionismo dell Auto-Aiuto. dott. Corrado Rossi Coordinatore DSM ASL n. 5 - Pisa 18 maggio 2007 Il Dipartimento di Salute Mentale e l Associazionismo dell Auto-Aiuto dott. Corrado Rossi Coordinatore DSM ASL n. 5 - Pisa 18 maggio 2007 I Servizi per la salute mentale sono costituiti in Dipartimento:

Dettagli

NUMERI UTILI ASL NO 0322 516300 0322 516227 FAX 0322 516322 CAP STUDIO MEDICI 0322 516258 118 SERVIZIO 118 118 LABORATORIO ANALISI

NUMERI UTILI ASL NO 0322 516300 0322 516227 FAX 0322 516322 CAP STUDIO MEDICI 0322 516258 118 SERVIZIO 118 118 LABORATORIO ANALISI PRENOTAZIONE TELEFONICA ESAMI E VISITE SPECIALISTICHE AL NUMERO VERDE 800 51 85 00 DALLE 9.00 ALLE 17.00 DA LUNEDÌ A VENERDÌ PRESIDIO TERRITORIALE DI ARONA VIA S. CARLO, 11 28041 ARONA SERVIZIO DI CONTINUITA

Dettagli

[SCUOLA SECONDARIA I GRADO] 11 agosto 2016

[SCUOLA SECONDARIA I GRADO] 11 agosto 2016 VISTA UDITO POSTI ESTERNI POTENZIA- IC ALBA - CENTRO STORICO SCUOLA MEDIA ALBA "CENTRO STORICO" - VIDA 4 IC ALBA - PIAVE SAN CASSIANO SCUOLA MEDIA ALBA "PIAVE SAN CASSIANO" - MACRINO 6 1 IC ALBA - QUARTIERE

Dettagli

Allegato B. Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA

Allegato B. Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA Allegato B Azienda Sanitaria Locale di Cuneo, Mondovì e Savigliano ORGANIGRAMMA ORGANIGRAMMA GENERALE Direttore Generale SC Legale SC Servizio Prevenzione Protezione dei Percorsi cardio respiratori dei

Dettagli

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime Rete sanitaria delle ASL Reti della sussidiarietà Rete delle RSA Le tre Reti a regime 1997 1999 2002 2004 2001 2004 2008 Soffermiamo l attenzione sul titolo: GOVERNO DELLA RETE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI

Dettagli

VIVERE MEGLIO A MILANO. La carta dei diritti dei cittadini malati

VIVERE MEGLIO A MILANO. La carta dei diritti dei cittadini malati Le giornate della salute per VIVERE MEGLIO A MILANO La carta dei diritti dei cittadini malati Milano, Sala Alessi - Palazzo Marino 19 maggio 2012, 9.00-12.30 Walter Locatelli Direttore Generale ASL Milano

Dettagli

Norme per la valorizzazione delle professioni sanitarie e sociali

Norme per la valorizzazione delle professioni sanitarie e sociali PREMESSA Salute Lazio,proposta legge bipartisan per valorizzazione professioni Roma, 10 NOV (il Velino/AGV) - "Una proposta di legge finalizzata alla valorizzazione delle professioni sanitarie e sociali,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli