2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine."

Transcript

1 Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil. Non fornirmo una costruzion rigorosa dll insim R. Ciaccontntrmodidscrivr in modo prciso l proprità dll oprazioni di somma, prodotto rlazion d ordin ch lo carattrizzano. 2.1 Proprità fondamntali di numri rali 1. Elnchiamo sparatamnt l proprità dll addizion, moltiplicazion rlazion d ordin. 1. Oprazion di addizion. Èdfinitaunafunzions : R R! R ch ad ogni coppia di numri x, y associa il numro s(x, y) indicato con x + y (dtto addizion o somma di x y) inmodotalchvalganoisguntifatti: (a) x + y = y + x pr ogni x, y 2 R; (b) (x + y)+z = x +(y + z) prognix, y, z 2 R; (c) sist un lmnto 0 in R tal ch 0 + x = x pr ogni x 2 R; (d) pr ogni x 2 R sist un lmnto y dtto opposto di x tal ch y + x =0. La proprità (i) vin dtta proprità commutativa dll addizion, mntr qulla (ii) vin dtta proprità associativa. Con un linguaggio algbrico, l proprità prcdnti si riassumono dicndo ch R è un gruppo abliano risptto all addizion. L lmnto opposto risulta unico si indica con x. 2. Oprazion di moltiplicazion. Èdfinitaunafunzionp : R R! R ch ad ogni coppia di numri x, y associa il numro p(x, y) indicatoconxy (dtto moltiplicazion o prodotto di x y) inmodotalchvalganoisguntifatti: 15

2 2.1. PROPRIETÀ FONDAMENTALI DEI NUMERI REALI A.A (a) xy = yx pr ogni x, y 2 R; (b) (xy)z = x(yz) prognix, y, z 2 R; (c) sist un lmnto 1 in R tal ch 1x = x pr ogni x 2 R; (d) pr ogni x 6= 0sistunlmntoy dtto invrso di x tal ch yx =1; () pr ogni x, y, z 2 R si ha x(y + z) =xy + xz. L ultima proprità lga l oprazioni di addizion moltiplicazion. Globalmnt, tnndo conto dll proprità dll addizion dlla moltiplicazion, possiamo dir con linguaggio algbrico ch R è un campo risptto a somma prodotto. L lmnto invrso di x 6= 0risultaunicosiindicaconx Rlazion d ordin. Ogni coppia di numri x, y 2 R vrifica una (o tutt du) dll rlazioni x appl y (ch si lgg x minor o ugual a y) oy appl x ch godono dll sgunti proprità : (a) x appl x pr ogni x 2 R, dax appl y y appl x discnd x = y; (b) da x appl y y appl z sgu ch x appl z; (c) da x appl y sgu ch x + z appl y + z pr ogni z 2 R; (d) da 0 appl x 0appl y sgu ch 0 appl xy. Il fatto ch du lmnti di R siano smpr confrontabili tra loro ch valgano l proprità (i) (ii), vinriassunto dicndo chlarlazionappl è una rlazion di ordin total su R. L proprità (iii) (iv) lgano tal rlazion all proprità di somma prodotto sopra dfinit. La rlazion x appl y si può anch scrivr nlla forma y x (y maggior o ugual a x). La rlazion x appl y x 6= y si indica con x<y(x minor strtto di y) oy>x(y maggior strtto di x). 4. Assioma di Ddkind. Siano A, B R non vuoti tali ch pr ogni x 2 A y 2 B si abbia x appl y. Allora sist un lmnto z 2 R ch spara A B, cioètal ch pr ogni x 2 A y 2 B x appl z appl y. 2. Usrmo la sgunt trminologia. S x 0(x>0), dirmo ch x è un numro non ngativo (positivo); x appl 0(x<0), dirmo ch x è u n n u m r o non positivo (ngativo). Il numro 0 è contmporanamnt non positivo non ngativo. S x è positivo, allora x è ngativo ; s x è ngativo, allora x è positivo. Indichrmo R con + l insim di numri rali positivi. 16

3 A.A ESTREMI SUPERIORE ED INFERIORE DI UN INSIEME 3. ÈutilrapprsntargomtricamntR su una rtta orintata: poniamo i numri positivi adstradi0, posizionandox > 0adistanzax da 0. Similmnt poniamo i numri ngativi asinistradll origin,posizionandox < 0adistanza x da 0. L assioma di Ddkind può rapprsntarsi gomtricamnt nl sgunt modo: A z B L assioma di Ddkind implica ch a tutti i punti dlla rtta corrispondono numri rali: dunqu la rtta ral forma un continuo di punti. 4. Nl sguito saranno importanti i sgunti sottoinsimi di R: pr ogni a, b 2 R con a appl b poniamo [a, b] ={x 2 R : a appl x appl b}, ]a, b[= {x 2 R : a<x<b}, ]a, b] ={x 2 R : a<xappl b}, [a, b[= {x 2 R : a appl x<b}. [a, b] sidicintrvallo chiuso di strmi a b. ]a, b[ sidicinvcintrvallo aprto di strmi a b. Infin [a, b[ ]a, b] sidiconointrvalli chiusi/aprti a sinistra aprti/chiusi a dstra. Dagli assiomi prcdnti discndono l usuali rgol di calcolo pr i numri rali riguardanti l oprazioni lmntari. 2.2 Estrmi suprior d infrior di un insim In qusta szion ci occupiamo di conctti fondamntali di massimo minimo pr un insim di numri rali dlla loro gnralizzazion all nozioni di strmo suprior d strmo infrior. 1. La dfinizion di massimo minimo di un sottoinsim di numri rali è la sgunt. Dfinizion 2.1. Sia E R un insim. Diciamo ch M 2 E è il massimo di E s Diciamo ch m 2 E è il minimo di E s 8x 2 E : x appl M. 8x 2 E : m appl x. S il massimo o il minimo di E sistono, ssi sono unici: infatti s M 1 M 2 sono ad smpio du massimi di E, dvssrm 1 appl M 2 M 2 appl M 1,cioèM 1 = M 2. Il massimo d il minimo si indicano con i simboli max E mine. 17

4 2.2. ESTREMI SUPERIORE ED INFERIORE DI UN INSIEME A.A Non è dtto ch un insim E in R ammtta massimo o minimo (vdi l smpio sgunt). Gomtricamnt, il massimo max E (s sist) di un insim E sulla rtta ral è il punto di E ch si trova più a dstra di tutti gli altri punti di E. Similmnt,ilminimominE (s sist) è il punto di E ch si trova più a sinistra di tutti gli altri punti di E. Esmpio 2.2. S E =[0, 1], si ha min E =0 maxe =1 S invc F =]0, 1], F non ammtt minimo, mntr il massimo val 1. S G =[0, 1[, si ha ch min G =0,mntrG non ammtt massimo. Infin H =]0, 1[ non ammtt né massimo né minimo. Iconcttidistrmosupriordstrmoinfriordiuninsimgnralizzanola nozion di massimo minimo quando qusti ultimi non sistono. 2. Iniziamo con la dfinizion di maggiorant minorant di un insim. Dfinizion 2.3. Sia E R. Diciamo ch M 2 R è un maggiorant pr E s 8x 2 E : x appl M. Diciamo ch m 2 R è un minorant pr E s 8x 2 E : m appl x. L insim di maggioranti l insim di minoranti di E potrbbro anch ssr vuoti. S ciò non avvin, si pon la sgunt dfinizion. Dfinizion 2.4. Sia E R. Diciamo ch E è supriormnt limitato s E ammtt un maggiorant M 2 R. Similmnt, diciamo ch E è infriormnt limitato s E ammtt un minorant m 2 R. Infin, s E è limitato sia supriormnt ch infriormnt, E si dic limitato. Gomtricamnt, un insim E sulla rtta ral è supriormnt limitato s si trova tutto a sinistra di un punto M; similmnte è i n f r i o r m n t l i m i t a t o s s i t r o v a t u t t o a dstra di un punto m. E M Un insim E non limitato supriormnt si dic illimitato supriormnt: progni M 2 R sist smpr un x 2 E tal ch x M. Similmnt un insim E non limitato infriormnt si dic illimitato infriormnt: prognim 2 R sist smpr un x 2 E tal ch x appl m. 3. Il torma fondamntal dlla szion è il sgunt. 18

5 A.A ESTREMI SUPERIORE ED INFERIORE DI UN INSIEME E Torma 2.5. Sia E R un sottoinsim non vuoto. (a) S E è supriormnt limitato, allora l insim di maggioranti di E è non vuoto ammtt minimo. (b) S E è infriormnt limitato, allora l insim di minoranti di E è non vuoto ammtt massimo. Dimostrazion. Dimostriamo il caso (a), ssndo la dimostrazion di (b) dl tutto simil. Supponiamo dunqu ch E sia supriormnt limitato. Pr dfinizion, l insim di maggioranti di E è u n i n s i m M(E) non vuoto. Notiamo ch 8x 2 E, 8y 2M(E) :x appl y. Pr l assioma di Ddkind, sist z 2 R tal ch (2.1) 8x 2 E, 8y 2M(E) :x appl z appl y. La prima disuguaglianza in (2.1) ci dic ch z un maggiorant di E: dunqu z 2M(E). La sconda disuguaglianza in (2.1) ci dic ch z è i l p i ù p i c c o l o d i m a g g i o r a n t z i =, c i o è min M(E). La tsi è dunqu dimostrata. Grazi al torma prcdnt, la sgunt dfinizion è bn posta. Dfinizion 2.6. Sia E R un insim non vuoto. S E è supriormnt limitato, diciamo strmo suprior di E il minimo di maggioranti di E. Similmnt, s E è infriormnt limitato, diciamo strmo infrior di E il massimo di minoranti di E. Indichrmo l strmo suprior con sup E l strmo infrior con inf E. Chiaramnt, s E è l i m i t a t o, s i h Ea appli n sup f E. Val la sgunt carattrizzazion pr gli strmi suprior d infrior. Proposizion 2.7. Sia E R un sottoinsim non vuoto. (a) S E è limitato supriormnt, l 2 R è l strmo suprior di E s solo s 8x 2 E : x appl l 8" >0 9x 2 E : l "<x. 19

6 2.2. ESTREMI SUPERIORE ED INFERIORE DI UN INSIEME A.A (b) S E è limitato infriormnt, l 2 R è l strmo infrior di E s solo s 8x 2 E : l appl x 8" >0 9x 2 E : x<l+ ". Dimostrazion. Vdiamo il punto (a), la dimostrazion di (b) ssndo simil. Sia l =supe. Allora chiaramnt si ha 8x 2 E : x appl l ssndo l un maggiorant pr E. Essndol "<l,sihachl " non è un maggiorant pr E, ssndol il minimo di maggioranti. Allora dv sistr x 2 E con l "<x. Supponiamo vicvrsa ch valgano l du proprità. Allora la prima implica ch l è u n maggiorant pr E. DunqusihasupE appl l. Sia">0x 2 E tal ch valga la sconda proprità : allora l "<xappl sup E da cui 0 appl l sup E<". Essndo ">0arbitrario,dvssrl =supe, dacuilatsi. Ossrvazion 2.8 (Estrmo suprior/infrior massimo/minimo). Notiamo ch un insim non vuoto E ammtt massimo s solo s è supriormnt limitato sup E 2 E: intalcasomaxe =supe. Similmnt,E ammtt minimo s solo s è infriormnt limitato inf E 2 E: intalcasomine =infe. 4. Ci sarà util nl sguito il sgunt risultato. Dirmo ch una famiglia I di intrvalli è una famiglia di intrvalli inclusi s pr ogni I 1,I 2 2Isi ha I 1 I 2 o I 2 I 1. Proposizion 2.9 (Principio dgli intrvalli inclusi di Cantor). Sia I una famiglia non vuota di intrvalli inclusi dl tipo [a, b] (cioè intrvalli chiusi). Allora sist almno un x 2 R tal ch x appartin ad ogni intrvallo dlla famiglia I. Dimostrazion. Siano E = {c 2 R :[c, d] 2Ipr qualch d 2 R} F = {f 2 R :[, f] 2Ipr qualch 2 R}. Gli insimi E F sono non vuoti pr ogni c 2 E f 2 F si ha c appl f: infatticiòèdovuto all ipotsi ch I sia una famiglia di intrvalli inclusi prché s I 1 =[c, d] 2I I 2 =[, f] 2I sono gli intrvalli associati a c f, ssndounoinclusonll altrosihacrtamntc appl f. 20

7 A.A I NUMERI NATURALI, INTERI E RAZIONALI c f d c d f Pr l assioma di Ddkind, sist x 2 R ch spara E F.S[a, b] 2I,ssndoa 2 E b 2 F,siha a appl x appl b cioè x 2 [a, b]. La tsi è dunqu dimostrata. 2.3 I numri naturali, intri razionali In qusta szion dscriviamo alcuni sottoinsimi notvoli di R. 1. I numri naturali sono i numri dl tipo 0, 1, 2, 3, 4,... Tal insim ha la proprità ch ogni succssivo n +1 di un numro n ch vi appartin risulta a sua volta un lmnto dll insim. Chiaramnt s un insim di numri rali A contin 0 soddisfa alla proprità prcdnt, allora 0, 1, 2, 3, 4,... sono lmnti di A. Quindi il più piccolo insim A ch god dll prcdnti proprità risulta proprio ciò ch noi intndiamo pr insim di numri naturali. Possiamo formalizzar tal ida nlla sgunt dfinizion. Dfinizion L insim di numri naturali N è il più piccolo sottoinsim di R ch god dll sgunti proprità : N; 2. s n 2 N, allora n +12 N. Somma prodotto di numri naturali sono ancora numri naturali. Inoltr N è illimitato supriormnt: in particolar pr ogni x>0y>0sistn 2 N tal ch nx > y. Qusta vin dtta la proprità archimda di N. Infin ogni sottoinsim di N ammtt minimo: si dic ch N è bn ordinato. 2. Pr dimostrar ch un sottoinsim B di N coincid con N stsso basta vdr ch B soddisfa all proprità (a) (b) dlladfinizion2.10. InfattiintalcasosiavrbbN B da cui B = N. Su tal ragionamnto, ch poggia sulla dfinizion stssa di insim di numri naturali, si basa il sgunt principio dtto di induzion matmatica. Principio di induzion matmatica. Sia P(n) una proprità (prdicato) dipndnt da un numro natural n. PrdimostrarchP(n) risultavraprognin 2 N è s u c i n t vdr ch: 21

8 2.3. I NUMERI NATURALI, INTERI E RAZIONALI A.A P(0) è vra; 2. s P(n) èvra,allorap(n +1)èvra. Vdiamo un smpio di applicazion dl principio di induzion matmatica. Esmpio Dimostriamo ch la somma di primi n numri naturali è data da n(n +1). 2 La formula è vra pr n =0. Supponiamolavraprn dimostriamolaprn +1. Siha ch la somma di primi n +1numrièdatada n +(n +1)=[ n]+(n +1). Pr l ipotsi induttiva si ha n = n(n+1) 2 così ch n +(n +1)= n(n +1) 2 +(n +1)= n(n +1)+2(n +1) 2 = (n +1)(n +2) 2 cioèsihalaformulavolutaconn +1alpostodin. Latsièdunqudimostrata. 3. Diciamo insim di numri rlativi l insim Z = N [ ( N). Si ha chiaramnt ch somma, prodotto d opposto di lmnti di Z sono ancora lmnti di Z. Inoltr Z è illimitato sia supriormnt ch infriormnt. 4. Diciamo insim di numri razionali l insim Q = x 2 R : x = p con p, q 2 Z,q 6= 0. q Somma, prodotto, opposti invrsi di lmnti di Q sono ancora lmnti di Q. Contnndo l insim di numri rlativi, Q risulta illimitato supriormnt d infriormnt. Valgono inoltr l sgunti proprità : (a) pr ogni a, b 2 R con a<bsi ha (b) pr ogni a 2 R si ha ]a, b[ \ Q 6= ;; sup{x 2 Q : x<a} = a inf{x 2 Q : x>a} = a. 22

9 A.A I NUMERI NATURALI, INTERI E RAZIONALI La proprità (a) vin solitamnt indicata com la dnsità di Q in R. La proprità (b), consgunza di (a), dic invc ch ogni numro ral può ssr approssimato pr ccsso o pr diftto con prcision grand a piacr tramit numri razionali. 5. La dnsità di Q in R insim all approssimabilità di ogni numro ral tramit un numro razional con prcision grand a piacr può far sorgr il dubbio ch Q saurisca tutto R. Qusto non accad: ci sono oprazioni ch sono bn post in R ma non in Q. Un smpio è dato dall strazion dlla radic quadrata. Proposizion 2.12 (Esistnza dlla radic quadrata). Sia a d un solo x 0 tal ch x 2 = a. 0. Allora sist uno Dimostrazion. Il caso a =0èbanal,portandoax =0(chèsoluzionunicagrazialla lgg dll annullamnto dl prodotto). Sia dunqu a>0crchiamosoluzioniconx>0. Poiché s 0 <x<ysi ha x 2 <y 2,dduciamochsistalpiùunasoluziondll quazion. Vdiamo di dimostrarn dunqu l sistnza. Sia E = {y 2 R : y 2 appl a}. L insim E è non vuoto poiché 02 E. Inoltr E è limitato supriormnt. Sia infatti n 2 N tal ch n>a.essndon 2 n,abbiamochn è u n m a g g i o r a n t d ie, prchéssi avss y 2 E con y>n,allora y 2 >n 2 n>a ch è assurdo. Sia x =supe. Notiamo ch x>0: infatti s " 2]0, 1[ è tal ch "<a,allora" 2 <"<a, cioè " 2 E: dunqux ">0. Vdiamo ch x è il numro crcato procdndo pr assurdo. Sia pr assurdo x 2 <a. Notiamo ch s h 2]0, 1[ si ha (x + h) 2 = x 2 +2xh + h 2 <x 2 +2xh + h = x 2 + h(2x +1). Allora scglindo h>0talchh(2x +1)<a x 2 si avrbb (x + h) 2 <x 2 + a x 2 = a cioè x + h 2 E, ilchèassurdossndox =supe. Sia pr assurdo x 2 >a.sihaprh 2]0, 1[ (x h) 2 = x 2 2hx + h 2 >x 2 2xh h = x 2 h(2x +1). Scglindo h così piccolo ch h(2x +1)<x 2 a x h>0, si ottrrbb (x h) 2 >x 2 x 2 + a = a. Pr la carattrizzazion dl sup, sist y 2 E con y>x h: maalloray 2 > (x h) 2 >a, il ch è assurdo. 23

10 2.3. I NUMERI NATURALI, INTERI E RAZIONALI A.A Concludiamo ch dv ssr x 2 = a così ch la dimostrazion è conclusa. Si scriv p a pr indicar l unico x 0talchx 2 = a. Si può considrar anch il problma x n = a con n 3: in modo analogo a quanto visto sopra, sist una d una sola soluzion non ngativa: ssa si indica con np a sidiclaradicn-sima di a. Possiamo ora vdr ch Q è un sottoinsim proprio di R. Torma Si ha p 2 62 Q. In particolar Q R. Dimostrazion. S foss p 2 2 Q, siavrbb pr qualch n, m 2 N. Inparticolar n 2 m 2 =2 n 2 =2m 2. Il numro n 2 risulta così divisibil pr 2 un numro dispari di volt, ciò è assurdo poiché ssndo il quadrato di numro natural, sso risulta divisibil pr 2 al più un numro pari di volt. 6. Il fatto ch R sia più grand di Q discnd anch dal fatto ch l insim di numri rali ha un grado di infinito maggior risptto a qullo di numri razionali. Il trmin di paragon pr il confronto è dato dall insim più smplic con infiniti lmnti, l insim di numri naturali N. Dfinizion Sia A un insim. Diciamo ch A è numrabil s sist una funzion bittiva f : N! A. In trmini intuitivi, A è n u m r a b i l s h a i n fi n i t i l m n t i d s s i s i p o s s o n o c o n t a - r, cioè si ha A = {a 0,a 1,a 2,...}. Chiaramnt un sottoinsim infinito di un insim numrabil è a sua volta numrabil. Proposizion L union di una famiglia finita o numrabil di insimi numrabili è numrabil. Dimostrazion. scrivr Nl caso di una famiglia numrabil A 1,A 2,... di insimi, possiamo A 1 = {a 10,a 11,a 12,a 13,...} A 2 = {a 20,a 21,a 22,a 23,...}. A k = {a k0,a k1,a k2,a k3,...}. 24

11 A.A I NUMERI NATURALI, INTERI E RAZIONALI Gli lmnti dll union possono contarsi in qusto modo a 10,a 11,a 20,a 12,a 21,a 30,a 13,a 22,a 31,a 40,a 14,a 23,a 32,a 41,a con S la prcauzion di assgnar un solo indic agli lmnti riptuti. 1 n=1 A n è n u m r a b i l. Concludiamo ch Corollario Gli insimi Z Q sono numrabili. Dimostrazion. Infatti si ha Z = N [ ( N) L insim N è numrabil poiché è in corrispondnza biunivoca N tramit con l oprazion di opposto. Dunqu Z è numrabil ssndo union di du insimi numrabili. Si ha invc ch Q = [ n2n,n 1 A n dov A n = n m n : m 2 Z o. Ogni A n è n u m r a b i l s s n d o q u i v a l n Z. t Dunqu a Q è numrabil, ssndo union numrabil di insimi numrabili. L insim R è invc sostanzialmnt divrso N, Zda Q: ssorisultanonnumrabil. Torma L insim R non è numrabil. Dimostrazion. Sia pr assurdo R numrabil. Allora l intrvallo [0, 1] sarbb a sua volta numrabil, cioè [0, 1] = {x 0,x 1,x 2,x 3,...}. Dividiamo [0, 1] in tr parti, sia I 0 uno di tr sottointrvalli chiusi ch non contin x 0. Dividiamo poi I 0 in tr parti, sia I 1 uno di sottointrvalli chiusi ch non contin x 1. Dividiamo ora I 1 in tr parti, sia I 2 uno di sottointrvalli chiusi ch non contin x 2. Costruiamo allo stsso modo I 3,I 4,... La famiglia I = {I 0,I 1,I 2,...,I n,...} è u n a f a m i g l i a d i i n t r v a l l i c h i u s Ii 0 t a l c h I 1 I 2 I 3... Quindi I è una famiglia di intrvalli inclusi. Pr il principio di Cantor, sist un numro ral x appartnnt a tutti gli intrvalli dlla famiglia. Tal x non può ssr ugual a nssuno dgli x n poiché pr costruzion di ha x n 62 I n.essndopròx 2 [0, 1], ciò è assurdo la tsi è dimostrata. 25

12 2.4. INSIEME DEI NUMERI REALI ESTESI A.A Insim di numri rali stsi In vista dlla toria di limiti ch trattrmo nl prossimo capitolo, è opportuno ampliar l insim di numri rali introducndo du oggtti ch intuitivamnt rapprsntano un numro infinitamnt grand d il suo opposto. Poniamo R = R [ { 1} [ {+1}. Isimboli 1 +1 indicano du oggtti ch supporrmo tali ch 8x 2 R : 1 <x 8x 2 R : x<+1. L insim R si dic insim di numri rali stsi. 1. Stabiliamo l sgunti rgol di calcolo algbrico in R: (a) pr ogni x 2 R +1 + x = x + 1 = x = x +( 1) = 1; (b) pr ogni x 2 R con x>0 (+1) x = x (+1) =+1 ( 1) x = x ( 1) = 1, mntr pr ogni x 2 R con x<0 (+1) x = x (+1) = 1 ( 1) x = x ( 1) =+1; (c) si ha (+1)+(+1) =+1 ( 1)+( 1) = 1 (+1) = 1 ( 1) =+1 (+1)(+1) =( 1)( 1) =+1 (+1)( 1) =( 1)(+1) = 1. 26

13 A.A FUNZIONI DI VARIABILE REALE Grazi all convnzioni prcdnti, è possibil vrificar ch l proprità di bas di somma prodotto(adsmpiolpropritàcommutativaassociativa)risultanoancoravalidin R non appna l oprazioni in gioco sono bn dfinit. 2. Estndiamo i conctti di strmo suprior d strmo infrior a sottoinsimi E R non vuoti ma illimitati nl sgunt modo: (a) s E è supriormnt illimitato, dirmo ch sup E = +1; (b) s E è infriormnt illimitato, dirmo ch inf E = 1. In bas all dfinizioni prcdnti, ogni sottoinsim non vuoto di R ammtt strmo infrior d strmo suprior inf E supe in R tali ch inf E appl sup E. In bas a quanto visto in prcdnza, tali numri si carattrizzano mdiant l sgunti proprità. L lmnto l 2 R è l s t r m o s u p r i o r E s d i solo s 8x 2 E : x appl l 8l 0 <l9x 2 E : l 0 <x. Similmnt l lmnto l 2 R è l s t r m o i n f r i o Er sd i solo s 8x 2 E : l appl x 8l 0 >l9x 2 E : x<l Usrmo infin la sgunt notazion pr gli intrvalli: [a, +1[ ={x 2 R : x a} ]a, +1[ ={x 2 R : x>a} ] 1,a]={x 2 R : x appl a} ] 1,a[={x 2 R : x<a}. Talvolta si scriv anch ] 1, +1[ pr indicar l insim R. 2.5 Funzioni di variabil ral Nl corso ci occuprmo dllo studio dll funzioni rali di variabil ral, cioè studirmo funzioni f : E! R con E R. Ess si prsntano in modo natural nllo studio di alcun qustioni di gomtria analitica di fisica. 27

14 2.5. FUNZIONI DI VARIABILE REALE A.A Da un punto di vista gomtrico, una funzion f : E! R può rapprsntarsi attravrso il suo grafico y = f(x): si tratta di punti dl piano dlla forma (x, f(x)) con x 2 E. Formalmnt scriviamo G(f) ={(x, y) 2 R 2 : x 2 E,y = f(x)}. y a b c x E =[a, b] [{c} G(f) èingnralunalina curva nl piano con la proprità ch ogni rtta vrtical x = x 0 con x 0 2 E intrsca G(f) inunsolopunto,ilpunto(x 0,f(x 0 )). Èdunquchiaro ch non tutt l lin curv nl piano sono il grafico di una funzion di variabil ral. Iconcttignraliintrodottiinprcdnzapossonointrprtarsigomtricamntnl caso dll funzioni di variabil ral utilizzando il loro grafico. (a) Un valor c appartin all immagin di f s sist x 0 2 E tal ch c = f(x 0 ). Ciò significa ch (x 0,c) 2G(f), cioè la rtta y = c intrsca G(f). Quindi Im(f) si carattrizza com l insim dll quot c (visualizzabili sull ass dll ordinat) tali pr cui la rtta y = c intrsca G(f). L primmagini di c 2 Im(f) sonodatdall asciss di punti di intrszion di y = c con G(f). (b) In bas al punto (a), vdiamo ch f è inittiva s solo s l rtt orizzontali intrscano G(f) alpiùinunpunto. (c) S f è invrtibil, allora il grafico dlla funzion invrsa f 1 : f(e)! R si ottin da qullo di f oprando una simmtria risptto alla bisttric y = x. Più in gnral, i conctti dl calcolo infinitsimal ch introdurrmo si potranno intrprtar in trmini di proprità gomtrich di grafici dll funzioni di variabil ral potranno utilizzarsi pr capirn l proprità qualitativ quantitativ. 2. Spsso l funzioni di variabil ral vngono assgnat tramit una lgg x 7! f(x) ch coinvolg l oprazioni tra numri rali sopra introdott, snza spcificar splicitamnt 28

15 A.A FUNZIONI DI VARIABILE REALE il dominio E su cui sono dfinit: si intnd in tal caso ch E è i l m a s s i m o i n s i m s u c u i l oprazioni scritt si possono svolgr. Ad smpio, scrivndo f(x) = 2x +7 x 3 si intnd ch il dominio E di f è dato da E = R \{3}. 3. Un modo pr gnrar nuov funzioni a partir da alcun dat è qullo di utilizzar l oprazioni introdott pr i numri rali. Dat du funzioni f : E! R g : E! R, sidic funzion somma di f g la funzion f + g : E! R x 7! f(x)+g(x) mntr si dic funzion prodotto di f g la funzion fg : E! R x 7! f(x)g(x). Così ad smpio l funzioni f : R! R g : R! R dat da f(x) =x g(x) =7ammttono com somma la funzion h : R! R data da h(x) =x +7comprodottolafunzion t : R! R data da t(x) =7x. La funzion di rnza di f g si dfiniscin modosimil. Si può parlardifunzion quozint s g(x) 6= 0prognix 2 E: intalcasosipon f/g : E! R x 7! f(x) g(x). Si può infin parlar si funzion potnza s f(x) > 0prognix 2 E: intalcasosipon f g : E! R x 7! f(x) g(x). 4. I valori massimo minimo di una funzion con i rlativi punti di strmo sono dfiniti nl sgunt modo. Dfinizion 2.18 (Massimo minimo assoluti). Siano E R f : E! R una funzion. (a) Diciamo ch x 0 2 E è punto di minimo di f su E s 8x 2 E : f(x 0 ) appl f(x). In tal caso si dic ch f ammtt minimo su E d il valor corrispondnt si indica con min E f. 29

16 2.5. FUNZIONI DI VARIABILE REALE A.A (b) Diciamo ch x 0 2 E è punto di massimo di f su E s 8x 2 E : f(x) appl f(x 0 ). In tal caso si dic ch f ammtt massimo su E d il valor corrispondnt si indica con max E f. I punti di massimo minimo di f su E si dicono punti di strmo di f. y max E f punti di minimo x min E f punto di massimo Esmpio La funzion x 7! sin x ammtt infiniti punti di massimo minimo: i punti di massimo sono qulli dlla forma x = /2+2k con k 2 Z qullidiminimosono dlla forma x =3/2 +2k con k 2 Z. Esmpio La funzion x 7! x 2 ammtt x = 0 com punto di minimo, ma non ha massimo. 5. L nozioni di massimo minimo possono localizzarsi nl sgunt modo. Dfinizion 2.21 (Punti di strmo local). Siano E R un insim, f : E! R una funzion sia x 0 2 E. (a) Diciamo ch x 0 è un punto di minimo local pr f s sist ">0 tal ch 8x 2 ]x 0 ", x 0 + "[ \ E : f(x 0 ) appl f(x). 30

17 A.A FUNZIONI DI VARIABILE REALE (b) Diciamo ch x 0 è un punto di massimo local pr f s sist ">0 tal ch 8x 2 ]x 0 ", x 0 + "[ \ E : f(x) appl f(x 0 ). S x 0 è un punto di minimo o massimo local, si dic ch x 0 è un punto di strmo local. Notiamo ch i punti di strmo di f su E (s sistono) sono chiaramnt di strmo local; il vicvrsa non è vro in gnral. y punto di massimo assoluto punto di massimo rlativo x punto di minimo rlativo punto di minimo assoluto 6. Com nl caso dgli insimi, s i valori massimo minimo di una funzion non sistono, si parla strmi suprior d infrior. La dfinizion è la sgunt. Dfinizion Siano E R f : E! R una funzion. Diciamo strmo suprior di f su E l lmnto sup E f 2 R dato da sup f =supf(e). E Diciamo strmo infrior di f su E l lmnto inf E f 2 R dato da inf E f =inff(e). Da un punto di vista gomtrico, sup E f si carattrizza in qusto modo. S risulta finito, si tratta dlla soglia tal ch ogni rtta y = c 0 con c 0 > sup E f non intrsca il grafico di f, mntrognirttay = c 00 con c 00 < sup E f è t a l c h s i s t o n o p u n t i d l g r a fi c o di f sopra di ssa. 31

18 2.5. FUNZIONI DI VARIABILE REALE A.A y y = c 0 sup E f y = c 00 x S risulta infinito, significa ch fissata una qualsiasi rtta orizzontal y = c 0,cisono punti dl grafico di f ch si trovano sopra di ssa. y y = c 0 x Un intrprtazion gomtrica simil val pr inf E f. Chiaramnt, f ammtt massimo su E s solo s sup E f 2 R d sist x 0 2 E tal ch f(x 0 ) = sup E f.intalcasosup E f =max E f.similmntf ammtt minimo su E s solosinf E f 2 R d sist x 0 2 E tal ch f(x 0 )=inf E f.intalcasoinf E f =min E f. Si pon la sgunt dfinizion. Dfinizion Siano E R f : E! R una funzion. (a) f si dic limitata supriormnt su E s sup E f 2 R. (b) f si dic limitata infriormnt su E s inf E f 2 R. (c) f si dic illimitata supriormnt su E s sup E f =+1. (d) f si dic illimitata infriormnt su E s inf E f = 1. () f si dic limitata su E s è limitata sia supriormnt ch infriormnt, cioè s inf E f 2 R sup E f 2 R. 32

19 A.A FUNZIONI DI VARIABILE REALE Dunqu s f è l i m i t a t a Es u sist M>0talch 8x 2 E : M appl f(x) appl M. Da un punto di vista gomtrico, ciò significa ch il grafico di f è contnuto nlla striscia dtrminata dall rtt orizzontali y = M y = M. y y = M y = f(x) x y = M S f è limitata infriormnt E, sistm>0talch su 8x 2 E : M appl f(x). Da un punto di vista gomtrico, ciò significa ch il grafico di f si trova sopra la rtta orizzontal y = M. y y = f(x) x y = M Intrprtazioni simili possono farsi anch pr l altr situazioni. 7. Una class important di funzioni è data dall funzioni lmntari ch di sguito ricordiamo. 33

20 2.5. FUNZIONI DI VARIABILE REALE A.A Polinomi. Sitrattadllapplicazionif : R! R tali ch pr ogni x 2 R f(x) =a 0 x n + a 1 x n a n 1 x + a n dov a 0,a 1,...,a n 2 R, a 0 6= 0. Il numro n si dic il grado dl polinomio così ch f è dttopolinomio di grado n nlla variabil x. I polinomi sono l più smplici funzioni ch si possono costruir a partir dalla somma dal prodotto di numri rali; prtanto ssi sono molto studiati in algbra svolgono un ruolo di rilivo anch in gomtria. 2. Funzioni razionali fratt. Sitrattadllfunzionidltipo f : R \ C! R x 7! a 0x n + a 1 x n a n 1 x + a n b 0 x m + b 1 x m b m 1 x + b m dov C è l insim dll radici dl polinomio ch appar a dnominator. Tali funzioni nascono dunqu com quozinti di polinomi. Sono smpi di funzioni razionali fratt l funzioni f : R \{0, 1}! R x 7! x3 +3x +2 x(x 1) g : R! R x 7! x x 2 +1 Dirmo ch una funzion razional fratta è propria s il polinomio a numrator ha grado strttamnt minor di qullo ch compar a dnominator. In bas alla divisibilità tra polinomi, si ha ch ogni funzion razional fratta può vdrsi com somma di un polinomio di una funzion razional fratta propria. Ad smpio si ha x 3 x 2 +1 = x x x Potnz radici. Dallatoriadllpotnzprinumriralisihachrisultabn dfinita la funzion f : R +! R + x 7! x dov 2 R R + = {x 2 R : x>0}. S =0,sitrattadllafunzioncostantmnt ugual a 1. Nl caso in cui = 1 con n 2 N, n>0, ottniamo la funzion radic n n-sima: distingundo tra indic pari indic dispari, si tratta dll funzioni 2m p : R +! R + 34 x 7! 2mp x

21 A.A FUNZIONI DI VARIABILE REALE (potndosisnzaproblmiallargarildominio) 2m+1 p : R! R x 7! 2m+1p x. 4. La funzion modulo: prognix 2 R poniamo x = ( x s x 0 x altrimnti. Il numro x si dic il modulo di x. Valgonolsguntipropritàdifacilvrifica: (a) x 0prognix 2 R x =0ssolosx =0; (b) s a 2 R, ladisuguaglianza x appla quival all rlazioni a appl x appl a; (c) s a 2 R, ladisuguaglianza x a quival all rlazioni x appl a [ x a; (d) disuguaglianza triangolar dl modulo: prognia, b 2 R si ha a + b appl a + b. Dirmo funzion modulo la funzion R! R + [{0} x 7! x. 5. La funzion sponnzial. Dato a>0, dalla toria di numri rali si ha ch risulta bn dfinita la funzion R! R + x 7! a x. Tal funzion è dtta funzion sponnzial di bas a. S a = 1,la funzion si riduc alla funzion costant pari a 1. Nl caso in cui la bas dll sponnzial sia il numro di Npro (ch incontrrmo più avanti nlla toria di limiti), si parla di funzion sponnzial: sitrattadllafunzion xp : R! R + x 7! x. Qusta particolar sclta dlla bas si rivla util in analisi matmatica, poiché molt formul dl calcolo di rnzial intgral risultano smplificat. 35

22 2.5. FUNZIONI DI VARIABILE REALE A.A La funzion logaritmica. Grazi all proprità di inittività surittività dlla funzion sponnzial x 7! a x con a 6= 1, è possibil dfinir la funzion invrsa log a : R +! R x 7! log a x dov log a x è l u n i c a s o l u z i o n d l l q au y a z = i o x. n Talnumrosidicillogaritmo in bas a di x. S la bas è ugual al numro di Npro, siparladilogaritmo natural osmplicmntlogaritmo siscrivlnx. La funzion associata si dic la funzion logaritmica ln : R +! R x 7! ln x. 7. L funzioni circolari. Nl piano R 2 considriamo la circonfrnza di cntro l origin raggiounitario. Prcorriamolacirconfrnzainsnsoantiorarioapartirdalpunto A =(1, 0) muovndoci di un arco di lunghzza x fino ad arrivar nl punto P =(a, b). P =(a, b) x Poniamo cos x = a sinx = b. S x è ngativo, convniamo di prcorrr la circonfrnza in snso orario di porr ancora P =(cosx, sin x). L funzioni sin : R! R x 7! sin x cos : R! R x 7! cos x 36

23 A.A FUNZIONI DI VARIABILE REALE si dicono l funzioni sno cosno. Si parla anch di funzioni trigonomtrich o circolari, dal momnto ch il gnrico punto dl crchio unitario vin paramtrizzato tramit ss: val così la rlazion fondamntal sin 2 x +cos 2 x = 1 pr ogni x 2 R. Diciamo funzion tangnt l applicazion n o tan : R \ 2 + k : k 2 Z! R x 7! sin x cos x. L rstrizioni di sno cosno su [ /2, /2] [0, ]sonobittivavalorisu[ 1, 1]: è possibil dunqu dfinir l funzioni arcosno invrs arcocosno dtrminat dalla proprità arcsin : [ 1, 1]! [ /2, /2] arccos : [ 1, 1]! [0, ] y =arcsinx, x =siny y =arccosx, x =cosy. Similmnt, la funzion tangnt è bittiva tra ] /2, /2[ a valori in R: èpossibil prtanto dfinir la funzion invrsa arcotangnt arctan : R! ] /2, /2[ dtrminata dalla proprità y =arctanx, x =tany. 8. L funzioni iprbolich. Dfiniamo l funzioni sno iprbolico cosno iprbolico tramit l formul sinh : R! R x 7! x x 2 cosh : R! R x 7! x + x. 2 37

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04 I numeri reali Note per il corso di Analisi Matematica 1 G. Mauceri a.a. 2003-04 2 I numeri reali Contents 1 Introduzione 3 2 Gli assiomi di campo 3 3 Gli assiomi dell ordine 4 4 Valore assoluto 5 5 I

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali.

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Premessa Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire solamente i concetti

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti

Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Esercizio 1 Sviluppi di Taylor Esercizi risolti Utilizzando gli sviluppi fondamentali, calcolare gli sviluppi di McLaurin con resto di Peano delle funzioni seguenti fino all ordine n indicato: 1. fx ln1

Dettagli

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile di funzioni reali di una variabile Corso di Analisi Matematica - capitolo VI Facoltà di Economia, UER Maria Caterina Bramati Université Libre de Bruxelles ECARES 22 Novembre 2006 Intuizione di ite di funzione

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

Nota: Eventi meno probabili danno maggiore informazione

Nota: Eventi meno probabili danno maggiore informazione Entropia Informazione associata a valore x avente probabilitá p(x é i(x = log 2 p(x Nota: Eventi meno probabili danno maggiore informazione Entropia di v.c. X P : informazione media elementi di X H(X =

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

Le Derivate delle Funzioni Elementari

Le Derivate delle Funzioni Elementari Capitolo 4 Le Derivate delle Funzioni Elementari In questo Capitolo impareremo a trovare la formula per la funzione derivata di una funzione elementare, cioè di una funzione costruita con ingredienti di

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind

Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind Il problema della fattorizzazione nei domini di Dedekind Stefania Gabelli Dipartimento di Matematica, Università degli Studi Roma Tre Note per i corsi di Algebra Commutativa a.a. 2010/2011 1 Indice 1 Preliminari

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1

INTRODUZIONE ALLA BUSINESS PROCESS MODELING NOTATION (BPMN) 1 ITRODUZIOE ALLA BUSIESS PROCESS MODELIG OTATIO (BPM) 1 1. Prsntazin La ntazin BPM (http://www.bpn.rg) è sviluppata dalla Businss Prcss Managnt Initiativ dall Objct Managnt Grup (http://www.g.rg), assciazini

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

LEZIONE 17. B : kn k m.

LEZIONE 17. B : kn k m. LEZIONE 17 17.1. Isomorfismi tra spazi vettoriali finitamente generati. Applichiamo quanto visto nella lezione precedente ad isomorfismi fra spazi vettoriali di dimensione finita. Proposizione 17.1.1.

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione POLITECNICO di BARI - A.A. 0/03 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione Problema Sia f :[0, +[! R una funzione continua. La funzione composta g() =f(kk) è c o n t i n u a? Problema

Dettagli

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Alberi binari Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione A.A. 2009/2010 I. Castelli Alberi binari, A.A. 2009/2010 1/20 Alberi binari

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro Lo Spettro primo di un anello Carmelo Antonio Finocchiaro 2 Indice 1 Lo spettro primo di un anello: introduzione 5 1.1 Le regole del gioco................................ 5 1.2 Prime definizioni e risultati

Dettagli

Dispensa sulle funzioni trigonometriche

Dispensa sulle funzioni trigonometriche Sapienza Universita di Roma Dipartimento di Scienze di Base e Applicate per l Ingegneria Sezione di Matematica Dispensa sulle funzioni trigonometriche Paola Loreti e Cristina Pocci A. A. 00-0 Dispensa

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI.

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. PH. ELLIA Indice Introduzione 1 1. Divisori di un numero. 2 2. Numeri primi: definizioni. 4 2.1. Fare la lista dei numeri primi.

Dettagli

Le funzioni reali di variabile reale

Le funzioni reali di variabile reale Prof. Michele Giugliano (Gennaio 2002) Le funzioni reali di variabile reale ) Complementi di teoria degli insiemi. A) Estremi di un insieme numerico X. Dato un insieme X R, si chiama maggiorante di X un

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE

VARIABILI ALEATORIE CONTINUE VARIABILI ALEATORIE CONTINUE Se X è una variabile aleatoria continua, la probabilità che X assuma un certo valore x fissato è in generale zero, quindi non ha senso definire una distribuzione di probabilità

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

Lezioni del corso AL430 - Anelli Commutativi e Ideali

Lezioni del corso AL430 - Anelli Commutativi e Ideali Lezioni del corso AL430 - Anelli Commutativi e Ideali a.a. 2011-2012 Introduzione alla Teoria delle Valutazioni Stefania Gabelli Testi di Riferimento M. F. Atiyah and I. G. Macdonald, Introduction to Commutative

Dettagli