IL PROGETTO IEE Come2COM E LE BUONE PRATICHE PER LA GESTIONE DELL ENERGIA NEI COMUNI. SPES CONSULTING ENERGY DAY - Firenze, 13 Aprile 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PROGETTO IEE Come2COM E LE BUONE PRATICHE PER LA GESTIONE DELL ENERGIA NEI COMUNI. SPES CONSULTING ENERGY DAY - Firenze, 13 Aprile 2011"

Transcript

1 IL PROGETTO IEE Come2COM E LE BUONE PRATICHE PER LA GESTIONE DELL ENERGIA NEI COMUNI SPES CONSULTING ENERGY DAY - Firenze, 13 Aprile 2011

2 SPES CONSULTING SRL SPES è una Società privata di consulenza che opera nel settore energia principalmente per conto di Enti Pubblici. Svolgiamo attività di assistenza tecnica nella fase di individuazione delle potenzialità di intervento, eseguiamo studi di fattibilità e progettazione, forniamo assistenza per la contrattualistica e la gestione degli interventi. L innovazione è il motore delle nostre azioni. azioni Ricerchiamo metodologie e strumenti a livello internazionale da applicare ai nostri clienti rimanendo in costante contatto con la UE grazie ai numerosi progetti cofinanziati.

3 SPES CONSULTING SRL: I nostri migliori progetti Interreg IT CH EEA la certificazione energetica dei Comuni (oltre 40 Comuni in Piemonte e Valle d Aosta) ECCC Competizione europea per famiglie per risparmiare CO2 Progettazione esecutiva, Direzione Lavori, supporto tecnico Teleriscaldamento a biomassa PV e Solare termico Mini eolico Efficientamento involucri ed impianti edifici pubblici ISO e EN 16001

4 Cos è il progetto Come2CoM? Si tratta di un progetto europeo della durata di 2 anni che promuove e supporta l iniziativa del Patto dei Sindaci Il supporto è fornito da 12 partner tecnici selezionati in 11 paesi: Austria Belgio Repubblica Ceca Danimarca Germania Italia Polonia Portogallo Slovenia Svezia Regno Unito Il progetto è cofinanziato dal programma Intelligent Energy Europe

5 Come può Come2CoM esservi di aiuto? Accompagnandovi nella procedura di adesione, a superare le barriere burocratico-amministrative Fornendo esperti per: preparare l inventario delle emissioni preparare il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES / SEAP) creare un sistema di supporto all implementazione del Piano ed al monitoraggio dei risultati Facilitando il coinvolgimento degli attori ad ogni passo Promuovendo la comunicazione degli sforzi e dei risultati conseguiti Facilitando il mutuo supporto e scambio tra membri di diversi paesi

6 PattodeiSindaci: le lineeguidadel JRC Obiettivo delle linee guida : aiutare i comuni nello sviluppo ed implementazione del PAES. Elaborate dal JRC con il supporto di esperti europei e del Covenants of Mayor s Office 3 capitoli: Parte I : Come redigere ed applicare un PAES? Part II: Come calcolare un inventario della CO2? Part III : Misure possibili

7 Scegliere un coordinatore/referente di progetto Pianificare le risorse necessarie creando un gruppo di lavoro che includa: Tecnici esperti Rappresentanti politici Attori locali rilevanti Supporto alla struttura interna

8 Inventario delle Emissioni: la Baseline BEI L anno di riferimento: l obiettivo UE -20% si riferisce al 1990 ma se i dati al 90 non sono disponibili si deve scegliere l anno meno recente. Il valore delle emissioni può essere calcolato in valore assoluto o pro capite

9 Inventario delle Emissioni: la Baseline BEI In sintesi: EMISSIONI (tco2/anno)= consumi (MWh( MWh/anno) * fattore di emissione Consumi: I dati devono essere significativi per il comune (le medie nazionali sono poco utili, meglio approccio bottom-up) Il processo di acquisizione/raccolta dei dati richiede parecchio tempo e risorse Fonti (linee guida pag 70) bollette (edifici e servizi pubblici) operatori di mercato (fornitori, distributori, ) Ministeri (ambiente, attività produttive) Altri enti pubblici sondaggi fra i principali settori di consumo Stime basate su dati parziali (ISTAT, ENEA, agenzie, altri enti di ricerca, ) NB : assicurarsi che le fonti siano disponibili negli anni a venire per la redazione degli aggiornamenti (MEI)!

10 Inventario delle Emissioni: i settori Focus sui CONSUMI FINALI di edifici, servizi e trasporti Le altre fonti di emissione non sono obbligatorie (es. industria, agricoltura, gestione rifiuti ) La produzione di energia solo Locale e su piccola scala (<20 MW)

11 Piano d Azione «SEAP-PAES» Il SEAP/PAES mostra il percorso con cui il firmatario pensa di raggiungere gli obiettivi entro il Il piano si basa sui risultati dell inventario delle emissioni nell anno base - Baseline Emission Inventory per identificare le priorità di intervento e le potenzialità di riduzione dell ente locale. Il Piano definisce misure concrete di riduzione ed i tempi di realizzazione assieme alle responsabilità ed ai relativi budget necessari. Il SEAP/PAES non deve essere visto come un documento rigido: con il modificarsi del contesto, con l acquisizione di esperienza e di dati sulle ricadute delle varie azioni in essere può essere utile/ necessario rivedere lo strumento di pianificazione regolarmente.

12 -inizializzazione - Pianificazione - Implementazione come un ciclo Deming - Monitoraggio (compatibilità ISO ed eea ) - eventuale revisione Il Processo

13 I 10 principi fondamenali 1. SEAP approvato dal CONSIGLIO COMUNALE 2. Impegno alla riduzione delle emissione di CO2 almeno del 20% al 2020 Se ci sono obiettivi più a lungo termine (ad esempio al 2030) bisogna fissare uno step intermedio al 2020

14 I 10 principi fondamenali 3. Sulla base dell inventario della CO2 (BEI) 4. Interventi su almeno settori chiave: Edifici e servizi gestiti dalla PA Settore residenziale Terziario Trasporto pubblico e privato industria (opzionale) 5. Il PAES deve delineare chiaramente la strategia che la PA intende perseguire e gli obiettivi prefissati al Deve comprendere: La strategia a LUNGO TERMINE e gli obiettivi al 2020 (>20%) Misure di dettaglio per i successivi anni con: Descrizione Responsabile (settore, dipartimento o persona) Cronoprogramma (inizio, milestones,, fine) Costo e fonti di finanziamento Stima dei risparmi in termini di energia ed emissioni

15 I 10 principi fondamenali 6. Adeguamento della struttura interna dell ente locale 7 Mobilitazione della società civile 8 Finanziamento Un piano non può essere messo in atto senza risorse finanziarie: bisogna identificare le fonti che potranno essere utilizzate per implementare le diverse azioni. 9. Monitoraggio e report Il PAES deve prevedere a grandi linee come la PA intende assicurare il controllo dell avanzamento e la valutazione dei risultati. 10. Invio del SEAP attraverso il formato standard Il Paes può essere inviato nella lingua di origine o in inglese ma deve essere riassunto nel formato standard in inglese disponibile on line.

16 Gli strumenti a supporto individuati da SPES Baseline (xls, software,..) SEAP (eea) Monitoraggio (eea, EN 16001)

17 L European Energy Award eea L European Energy Award è stato applicato con successo in oltre 700 Comuni in Europa. E nato da una collaborazione tra Svizzera, Austria e Germania e la Commissione Europea, ritenendolo uno strumento utile alla estensione delle proprie politiche a livello locale (è uno dei Benchmark of Excellence del Patto dei Sindaci), ne ha diffuso l applicazione anche in Irlanda, Olanda, Francia, Lituania, Slovacchia, Spagna, Repubblica Ceca ed Italia.

18 L eea Il processo, un total quality management system, consiste in quattro elementi principali: 1. L istituzione di un energy team che coinvolga tutti i settori comunali inerenti l energia 2. La certificazione e riconoscimento per i risultati ottenuti in campo energetico successivamente ad un audit esterno 3. La programmazione delle attività per un continuo progresso dell efficienza energetica 4. La creazione di un network all interno dei Comuni e fra di loro per migliorare la collaborazione e la comunicazione.

19 L European Energy Award eea Il processo comporta un lavoro interdisciplinare all interno della Amministrazione e permette un controllo sistematico delle attività energetiche (sia in termini di consumi che di spesa o di impatto ambientale ed accettabilità sociale) e dei risultati raggiunti.

20 It fits together CoM - Process eea - Process Signature of the Covenant of Mayors Polit. descison of participation in the eea progr. Creation of adequate administrative structures CO 2 -Baseline Emissions Inventory SEAP development with stakeholders Submission of SEAP Implementation of SEAP Creation of adequate administrative structures (energy team) CO 2 -Baseline Emissions Inventory (ECORegion smart) Developmentof an anual Energy Action Plan and Energy Policy Plan with stakeholders Implementation of the Energy Policy Plan Implementation of Annual Energy Action Plan Monitoring and reporting Monitoring and reporting Internal Audit internal eea-report Regular submission of the implementation reports External Audit (Certification) external eea-report 20% CO 2 by % Defining short, mid and long term aims 75%

21 La situazione dell eea eea in Italia Attualmente sono più di 60 i comuni che applicano il metodo in tutta Italia (il più grande attualmente è Alessandria con abitanti mentre il più piccolo è Chamois con 100 abitanti). Il livello di partenza (first review) del punteggio dei nostri Comuni nella maggior parte dei casi è basso ma ci sono grandi spazi di miglioramento (il punteggio più alto è di Montaione che raggiunge il 70%). La situazione di crisi finanziaria spinge i comuni a puntare sull efficienza energetica (ridurre i consumi energetici) e all utilizzo delle rinnovabili come nuova fonte di reddito anche ricorrendo all intervento dei privati.

22 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Montaione Brunico Ronsecco Arquata Scrivia Morgex Ovada Pasturana Verbania Montemarzino carrosio Alessandria Casale Monferrato Antey Saint-Andrè Fontanetto Po Tassarolo Cigliano Cerano Lesa Moncrivello Belgirate Francavilla Bisio Candelo Meina Chamois Occhieppo Inferiore Livorno Ferraris Vignone La madeleine Crosa Chambave Soriso Briga Novarese Saint Denis Valle mosso Maggiora Bianzé Borgo D'Ale Saluggia Baveno Domodossola Stresa Arona Naturno Valdaora Ghiffa Bée San Bernardino Crescentino Trino il modello EEA che viene applicato attualmente in 50 COMUNI in Piemonte, Valle d Aosta, Toscana e Trentino Alto Adige

23 Le buone pratiche dal network eea in Italia Montaione Edifici pubblici 100% energia rinnovabile Processo partecipativo per intervento turistico (> 60 % RES) Inserimento nel bilancio di una quota del 3 % per politiche energetiche ed ambientali Brunico Teleriscaldamento per il 100 % degli edifici (34 MW a biomassa forestale) Solare termico, fotovoltaico e idroelettrico Mobilità (posizione di eccellenza a livello europeo: sevizio pubblico a metano, accessibile e frequente, percorsi pedonali, info pack and office, introiti parcheggi per mobilità sostenibile )

24 Le buone pratiche dal network eea in Italia Pasturana Impianto PV per il 100% dei consumi comunali Ovada Regolamento edilizio Pedonalizzazione centro storico Chamois Comune senza auto Realizzazione di pista ciclabile Rapolano Terme Solarizzazione edifici pubblici e parcheggi (oltre 1 MW già installato) Alessandria Piano di comunicazione: helpdesk fisico e telematico, corsi per progettisti, indagine sulla percezione dei cittadini, estensione delle buone pratiche ai comuni confinanti Villaggio fotovoltaico (progetto concerto al piano)

25 ALCUNI ESEMPI DI SEAP A LIVELLO EUROPEO Porto (P) Vitoria Gasteis (ES) Dublin (Ir) Vaxjo (S) Hamburg (D)

26 Base di partenza: Energy Matrix 2007, Porto Sustainibility Strategy 2009 Anno di riferimento: ,37 M.ni t/co2 Obiettivo di riduzione delle emissioni del 45 % Efficientamento del sistema energetico a livello paese Effetti delle azioni del SEAP

27 Azioni individuate Realizzazione di importanti progetti di teleriscaldamento e tele raffrescamento Impianti di cogenerazione alimentati a biomassa Programma ambizioso di solare termico e fotovoltaico (generazione diffusa) Nel settore residenziale misure e programmi specifici: Nuovi edifici SIM Porto Ristrutturazione- Approvate linee guida per gli interventi nella parte storica della città e una estensione per tutti gli altri interventi Trasporti Realizzazione Metro do Porto Piste ciclabili Incremento delle aree pedonali

28 Abitanti: (2008)

29

30 Interventi di rifacimento impianti termici, condizionamento Illuminazione, recupero acqua. Rinnovabili (PV, solare termico, ecc)

31 Riduzione dell utilizzo del mezzo privato dal 36,6 al 23,5 % Potenziamento piste ciclabili e zone pedonali Nuova rete di autobus e tramvia (incremento utenti del 40 %

32 the greenest city in Europe sign up to the CoM and set up a Sustainable Energy Action Plan Obiettivo di riduzione dal 1993 al 2020: - 62 %

33 The SEAP was developed over a long period of time and is part of the Fossil Fuel Free Växjö programme. When the programme was established in the 90s, the involvement of politicians, companies, authorities, NGOs, the university and citizens was crucial. The target for Växjö is now planning to become a Fossil Fuel Free City by It is tough - 80 % of all emissions in Växjö come from transport and machinery, while the rest is from energy.

34 Dublino (Ir) abitanti nel 2006 Documento preparato nel dicembre 2010 ed approvato dalla Unione Europea

35 Struttura dei consumi bilanciata Prevalenza del residenziale, dei Trasporti e terziario 9,8 tco2 per ab (7,4 senza ind.) Le energie rinnovabili coprono il 19 % dei consumi del comparto Pubblico -4 MW biogas da depurazione -90 kw mini idroelettrico -50 kw mini eolico -PV e solare termico

36 Approccio utilizzato Studio del potenziale di risparmio Valutazione degli investimenti Calcolo benefici ambientali ed Economici nel periodo Graduatoria dell efficacia delle Diverse misure Definire le priorità tecniche di Intervento

37 Misure più convenienti -Comportamento res. -Illuminazione comm. -Bicicletta -Eco driving -Coibentazione coper. -Illuminazione res

38

39 Le Azioni individuate Piano di sviluppo della Municipalità di Dublino Free Parking per veicoli elettrici ed ibridi Utilizzo di Finanziamenti Europei (ELENA, Interreg, altri EACI) Comportamento Campagna Switch - off Campagna Minus 3 % annuo (-33% al 2020) Misure tecnologiche Nuovi edifici carbon neutral Ristrutturazione (impianti e involucro) Edilizia popolare (social housing) Teleriscaldamento

40 TRASPORTI Settore che ha incrementato i veicoli del 104 % dal 1994 al % CO2 Programma T21 investimenti di 14 M.ni -Trasporto pubblico (bus, treni, metro) -Port Tunnel, Bus corridors -Greater Dublin Strategic Cycle Network -Incremento infrastrutture esistenti mobilità sostenible -Mobility Manager RINNOVABILI - Potenziamento impianto biogas da depurazione -Generazione diffusa - micro cogenerazione - Solare PV e termico - mini eolico e min idro - geotemico

41 Conclusioni SEAP Dublino Il mantenimento dell attuale approccio non permette il raggiungimento di obiettivi energetici ed ambientali Il raggiungimento dell obiettivo del 20 % può avvenire attraverso la combinazione di misure a breve medio termine sull efficienza energetica con interventi ed investimenti sulle infrastrutture sostenibili a medio lungo termine PRIMO PASSO EFFICIENZA ENERGETICA Interventi semplici come la coibentazione, illuminazione, apparecchiature possono essere effettuate a breve entro i prossimi 5 anni (entro il 2014). Queste misure permettono di risparmiare risorse che possono essere re investite in nuove tecnologie sull efficienza energetica su illuminazione, apparecchiature e attrezzature di ufficio Il cambiamento del comportamento è essenziale per raggiungere gli obiettivi

42 Amburgo (Germania) 1,7 Milioni di abitanti Il percorso verso la sostenibilità è Stato intrapreso da molto tempo L obiettivo del SEAP è di ridurre Le emissioni del 40 % al 2020 Dell 80 % al 2050

43 Approccio strategico forte sulla riduzione delle emissioni accompagnato da forti investimenti Forte impulso dalla RICERCA Azioni forte sulla generazione di energetica (tradizionale) e sull utilizzo delle energie Rinnovabili LA CITTA COME MODELLO Nei settori degli edifici pubblici, nella produzione di energia, negli impianti e nei mezzi, Cambiamento del comportamento, acquisti, nella gestione del territorio

44 Un esempio degli Investimenti 2009: 26,7 M.ni

45 COMPARTO ENERGETICO European Green Capital 2011 Generazione passaggio a tecnologie più efficienti low carbon, utilizzo di Biogas Possibile opzione di controllo pubblico delle reti energetiche Favorire lo sviluppo di un cluster di produttori di energie rinnovabili (140 operatori) Programmi di investimento su termico, fotovoltaico e bioenergia

46 EDIFICI coibentazione degli appartamenti in affitto coibentazione degli edifici esistenti, storici nuove costruzioni a basso consumo TRASPORTI Interventi su TPL e taxi Piano delle Piste Ciclabili (tracciato, parcheggi, collegamenti con il TPL, sicurezza, Utilizzo del potenziale turistico, servizi per i ciclisti, strutture di supporto, monitoraggio e controllo di qualità dei risultati) 830 km Veicoli elettrici Car sharing - Car free Sundays Portale car pooling Infrastrutture Riduzione delle emissioni nel Porto Utilizzo delle vie d acqua per TPL Promozione della generazione hi-tech per i mezzi Aeroporto (misure specifiche)

47 LA CITTA COME MODELLO Edifici Pubblici Intervento sui teatri (5) Rifiuti riciclo materiali, interventi sui depuratori Green ICT Interventi sulle attrezzature informatiche, acquisti Climate Model District Quartieri modello sotto il profilo energetico Interventi sulle scuole no scuole sopra 200 gestione pubblica private delle scuole nuovi edifici a zero emissioni Programma di efficientamento della flotta dei mezzi pubblici Interventi sul cambiamento del comportamento e su acquisti Programmi di forestazione del territorio

48 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE Esiste un potenziale CERTO di recupero nei diversi settori (sia sotto il profilo energetico che ambientale) Se non modifichiamo le nostre abitudini sotto il profilo energetico non invertiamo Il TREND di crescita. Il Patto dei Sindaci è un opportunità per cambiare sostanzialmente il nostro comportamento Vi sono numerosi esempi di altre città che hanno predisposti piani articolati ed efficaci Partiamo dalla situazione esistente e delineiamo azioni CONCRETE, FATTIBILI Il Pubblico DEVE dare l esempio Il coinvolgimento degli attori è indispensabile (prima di tutto i cittadini ed il terziario) SEAP è un grande strumento di comunicazione

49 Contatti SPES Consulting Ing. Adriano Pessina / Ing. Chiara Tavella Tel

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES)

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) indicazioni operative per la pianificazione energetica delle realtà comunali medio-piccole Maggio 2011 Con il patrocinio

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

LINEE GUIDA "COME SVILUPPARE UN PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES"

LINEE GUIDA COME SVILUPPARE UN PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES LINEE GUIDA "COME SVILUPPARE UN PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES" Paolo Bertoldi, Damian Bornás Cayuela, Suvi Monni, Ronald Piers de Raveschoot EUR 2436 IT - 21 L'IE ha l'obiettivo di fornire

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova

Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova Comune di Padova Settore Ambiente Capo Settore Patrizio Mazzetto Daniela Luise Simone Costantini Cinzia Rinzafri Ilaria Seresin Michele Zuin

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione.

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Da dove viene remac... remac è un'iniziativa a seguito del progetto EUCO2

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PAES

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PAES Comune di Martano PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PAES The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE - Soustainable Energy for Europe PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC Documento elaborato da: Roberto Vaccaro Adriano Bisello Daniele Vettorato Wolfram Sparber Collaboratori:

Dettagli

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Maria Rosa Virdis ENEA - Unità Centrale Studi e Strategie Università Bocconi - Milano, 5 Dicembre 2012 1 SOMMARIO Le attività

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION digitale La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli