DISCORSO DEL RETTORE MAGNIFICO ( ) Rev.mo P. Fr. José Rodríguez Carballo, Ministro Generale di tutto l'ordine dei Frati

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISCORSO DEL RETTORE MAGNIFICO (8.11.2011) Rev.mo P. Fr. José Rodríguez Carballo, Ministro Generale di tutto l'ordine dei Frati"

Transcript

1 DISCORSO DEL RETTORE MAGNIFICO ( ) Rev.mo P. Fr. José Rodríguez Carballo, Ministro Generale di tutto l'ordine dei Frati Minori e Gran Cancelliere della Pontificia Università Antonianum ; M. Rev. P. Fr. Michael Perry, Vicario Generale e Vice-Gran Cancelliere; MM. RR. PP. Definitori Generali e Segretario Generale per la Formazione e gli Studi Fr. Vidal Rodríguez López; Rev. P. Guardiano della Fraternità S. Antonio ; RR. PP. Guardiano e Rettore dei Frati Studenti della Fraternità Ven. P. Gabriele M. Allegra"; Confratelli tutti del Collegio Internazionale S. Antonio; Egregio Prof. Tobias Hoffmann, studioso e cultore della dottrina del B. Giovanni Duns Scoto; Professori, Studenti, Officiali, Personale Ausiliario della Pontificia Università Antonianum ; R. Presidente P. Barnaba Hechich e Soci della Commissione Scotista; Quanti altri, fratelli e sorelle, sono qui riuniti per la circostanza. A tutti, con i sentimenti e le parole del P. S. Francesco: "obsequium cum reverentia, pacem veram de coelo et sinceram in Domino caritatem" (EpFid II,1). L'inizio di questo nuovo anno accademico non può prescindere da una considerazione sui tanti altri che lo hanno preceduto e, in modo particolare, sull'ultimo di essi, contraddistinto dalla triennale visita canonica dell'università e, 1

2 quindi, dall'attuale rinnovo delle Autorità accademiche. Pertanto, quest'oggi, consentitemi anzitutto di esprimere i sensi della mia profonda gratitudine al Rev.mo Ministro Generale e Gran Cancelliere con il suo Definitorio, per avere ancora una volta scelto di nominare nostro Visitatore Generale un frate, Claude Coulot, che è altresì egli stesso un accademico (Fr. Claude è docente ed ex Vice Decano della Facoltà di Teologia di Strasburgo, Francia). I colloqui che molti di noi hanno avuto con lui si sono rivelati alquanto proficui, le parole che egli ci ha rivolto verbalmente e per iscritto hanno costituito un reale incentivo a farci prendere coscienza di essere non un monumento statico, bensì un organismo vivo che, come tale, ha inevitabilmente aspetti positivi che danno consolazione e speranza, e altri ancora incompiuti da sviluppare con attenzione. Un grazie riconoscente, dunque, al carissimo Fr. Claude Coulot per il prezioso servizio svolto con impegno, competenza e grande garbo, come pure - e di gran cuore! - alle Autorità accademiche che hanno lasciato l'ufficio al termine del rispettivo mandato: al Rettore Magnifico mio predecessore P. Johannes B. Freyer, al Vice-Rettore P. Manuel Blanco, ai Decani, tra i quali ero anch'io, ed a tutti gli altri che hanno portato con zelo e dedizione a un felice compimento il proprio impegnativo lavoro. Nello stesso tempo, desidero formulare fervidi auguri a quanti con me sono chiamati a collaborare nel nuovo triennio: in primo luogo il Vice Rettore e i Decani, che costituiscono il mio Consiglio, poi i Presidi, gli Officiali e il Personale Ausiliario; ben volentieri estendo gli auspici anche ai nostri Studenti, che sono la ragion d'essere della nostra missione accademica e della stessa istituzione universitaria, i primi e principali destinatari del nostro ideale di universitas e del nostro patrimonio culturale. Un patrimonio che, come ha ammonito il Santo Padre Benedetto XVI, rivolgendosi ai giovani docenti universitari convenuti a Madrid in occasione della XXVI Giornata Mondiale della Gioventù e da Lui incontrati, il , nello storico Monastero dell'escorial: "non deve snaturarsi, né a causa di ideologie chiuse al dialogo razionale, né per servilismi ad una logica utilitaristica di semplice mercato, che 2

3 vede l'uomo come semplice consumatore" di conoscenze funzionali piuttosto che come un ricercatore di verità. A tutti dico fin d'ora il mio grazie perché solo con il vostro apporto la Pontificia Università Antonianum potrà crescere nella giusta direzione, diventare sempre più "casa dove si cerca la verità piena [...] in un cammino dell'intelligenza e dell'amore, della ragione e della fede" (Benedetto XVI, Discorso ai giovani docenti universitari, Madrid, ) e offrire un valido e qualificato servizio all'ordine, alla Chiesa e al mondo contemporaneo. Ritengo, dunque, quanto mai significativa la consuetudine di celebrare il primo Atto solenne di ogni nuovo anno accademico, qual è appunto quello odierno, in coincidenza con la commemorazione del B. Giovanni Duns Scoto, uno dei grandi maestri e testimoni della ricerca della Verità secondo lo spirito e gli orientamenti propri del nostro Fondatore, i quali - a cominciare dal Protettore dell'università, S. Antonio di Padova - hanno portato nello studio lo spirito della santa orazione e devozione e sono cresciuti attraverso di esso. E invero, "La sapienza francescana non consiste tanto nel possedere molte verità, quanto soprattutto nell'essere posseduti dalla verità e nell'essere testimoni di quella verità che ci trascende" (P. John Vaughn, in occasione dell'inaugurazione dell'anno Accademico del PAA). Difatti lo studio, in primo luogo lo studio delle discipline sacre, è una via fondamentale per essere realmente posseduti dalla verità. In realtà, lo studio, in quanto attività intellettuale, così come lo hanno coltivato i nostri grandi Maestri, anziché alienare dalla realtà delle cose, e quindi dalla verità, ci conduce a contemplarla e possederla in maniera da coinvolgere insieme e totalmente intelligenza e cuore. 3

4 Lo studio è opera dello zelo per l' "intelligenza", l'esercitazione impegnata ed ordinata della capacità umana di "leggere dentro le cose" (intus legere), ovvero la capacità di vedere e cogliere la verità in esse e nel loro vicendevole rapportarsi, nel contesto degli avvenimenti, delle culture, della storia, dei comportamenti umani, ma sempre e comunque in relazione alla Verità sussistente, che è Dio. È l'uomo così impegnato che si può qualificare con il termine di "intellettuale". Essere intellettuale cristiano, pertanto, è vivere nella forza dello Spirito e nella sensibilità dell'intelligenza umana, acquistando la capacità di penetrare la superficie della realtà con ammirazione, amore, riverenza e di cogliere il cuore, la vita, la verità di ogni cosa, nel riferirla al suo Creatore e Redentore. L'intellettuale cristiano è capace di sostare (fare moratorium) e riflettere, opponendosi così al turbinio degli eventi, al fine di dare spazio ad una interiorità che è la ragione del fluire stesso delle cose. In questa prospettiva già S. Bonaventura offre allo studioso francescano una sintesi esemplare di ricerca e di azione, di parola e di silenzio, di volontà e di intelligenza, quando nel Prologo n. 4 dell' Itinerarium mentis in Deum, scrive: "non creda [chi si dedica allo studio] che gli basti la lettura senza l'unzione, la speculazione senza la devozione, la ricerca senza l'ammirazione, la prudenza senza la gioia, l'abilità senza la pietà, la scienza senza la carità, l'intelligenza senza l'umiltà, lo studio senza la grazia divina, lo specchio senza la sapienza divinamente ispirata". Questo testo del Dottore Serafico coglie perfettamente lo spirito di S. Francesco e rappresenta un metodo illuminante e perennemente valido per tutti i frati impegnati nel lavoro intellettuale. Aderendo perfettamente a questo insegnamento, Duns Scoto, che ha avuto il coraggio di rivedere un sistema del sapere giunto al crepuscolo e non ha avuto timore di porsi la questione della verità: che cosa posso sapere?; che cosa mi è lecito affermare?, ci ha mostrato l'importanza dell'intelletto quale mezzo per pervenire alla conoscenza e quale forza privilegiata per scoprire il Creatore nel mondo e nella storia, 4

5 per rivelarci Dio come il solo essere infinitamente amabile; ogni conoscenza serve dunque a guidare gli uomini sul cammino dell'amore di Dio. Sono sinceramente convinto che tramite lo studio dei nostri Maestri è possibile acquisire quella grandezza di spirito con la quale essi hanno studiato e lavorato. Questa eredità è il nostro compito nel mondo contemporaneo. A chi giudica in modo rapido e superficiale, può forse risultare difficile comprendere l'attualità di questa proposta e l'importanza di una simile qualificazione e caratterizzazione, soprattutto se si intende lo studio, anche quello delle sacre discipline, come un cumulo di conoscenze e di informazioni, illudendosi di potersi così inserire con maggiore efficienza nel mondo moderno; o se si pensa che lo studio sia null'altro che un mezzo per prepararci ed attrezzarci tecnicamente per un determinato compito o per rispondere con competenza scientifica alle aspettative ed alle esigenze della contemporaneità. Eppure noi vogliamo rivalutare il pensiero francescano proprio perché desideriamo contribuire a tali soluzioni e venire incontro ai problemi attuali, anche se - a prima vista - ciò potrebbe sembrare quasi paradossale. Il lavoro da fare è assai più consistente di quanto si possa immaginare: in realtà, conosciamo ancora poco del pensiero francescano. I testi tuttora inediti sono numerosi e comportano un intuibile lavoro preliminare: l'editoria francescana in genere, gli studi teologici, filosofici, giuridici e storici hanno ancor oggi vaste e affascinanti prospettive. Oltretutto, come sapete, da alcuni anni è in atto - nell'ambito universitario europeo, ma non solo - il cosiddetto "Processo di Bologna", a cui nel 2003 ha aderito anche la Santa Sede, finalizzato a rinvigorire l'attenzione verso la qualità accademica, nell'intento di giungere ad un migliore coordinamento dei diversi sistemi di istruzione superiore. Anche l' Antonianum è dunque coinvolto, insieme a tutti gli altri Atenei ecclesiastici, in questa dinamica di rinnovamento attraverso la messa in opera di nuovi strumenti e procedure, nella valutazione interna dei passi compiuti finora nell'incremento qualitativo dell'università e, allo stesso tempo, nell'offrire 5

6 suggerimenti e proposte per andare ancora avanti, "per passare dal bene al meglio". Siamo tutti consapevoli della complessità delle sfide che dovremo affrontare in relazione a tale processo, tuttavia sono fiducioso che si procederà alacremente nel cammino intrapreso, attraverso lo sviluppo di un efficace e coerente iter di promozione della qualità, che verta su un miglioramento costante, sostenga una cultura dell'eccellenza in tutte le attività e soddisfi gli standard e le linee-guida europee, coerentemente con l'indole peculiare dell'università ecclesiastica. Del resto, occorre riconoscere che la nostra Università non entra in questo processo come una tabula rasa oppure - e sarebbe peggio - operando una sorta di azzeramento, un reset. Siamo infatti eredi di un prezioso retaggio intellettuale lasciatoci dai nostri Maestri francescani, detentori dunque di un patrimonio culturale d'inestimabile valore; da oltre un secolo abbiamo anche una precisa identità e fisionomia accademica all'interno dell'ordine e della Chiesa e non siamo affatto nuovi ad esperienze di valutazione interna ed esterna, a progetti di rinnovamento e ad interventi di potenziamento. A tale proposito, basti pensare al recente organismo denominato "Gruppo di Coordinamento Permanente", costituito a tal fine dalla speciale sollecitudine del Governo generale dell'ordine dei Frati Minori nei confronti della Pontificia Università Antonianum ed in ossequio a precisi mandati ricevuti dai vari Capitoli generali. Il Gruppo in questione è composto - oltre che dalle nostre Autorità accademiche - da eminenti Membri della nostra Curia Generalizia, da Esperti e da Professori di provenienza internazionale. A questo riguardo mi sia consentito di esprimere la mia ammirazione per le persone e le istituzioni che vi sono state coinvolte e per il lavoro che hanno svolto, nonché la mia gratitudine per il prezioso ed insostituibile servizio di studio, di ricerca, di coordinamento e di sostegno. Ho accennato poc'anzi all'eredità carismatica e di pensiero di cui siamo depositari e custodi. In effetti, tra le diverse proposte emerse a vari livelli ed in ambiti 6

7 diversi, rimane costante quella di fare del pensiero francescano il punto di riferimento e la realtà che caratterizzi e qualifichi gli studi della nostra Pontificia Università Antonianum. Questo è un compito e una responsabilità che siamo chiamati ad espletare per l'intera Famiglia francescana, ad illustrazione ed approfondimento della sua identità; per la Chiesa, al servizio del legittimo pluralismo teologico, esito della sua ricca e variegata tradizione; a vantaggio della società tutta, in risposta ad una generazione che chiede ragione della fede che noi viviamo e professiamo e che si interroga sul senso degli eventi. L'attualità di S. Francesco di Assisi - nel momento in cui anche il mondo laico si richiama sempre più frequentemente alla sua figura e al suo pensiero in relazione ai temi della pace, della giustizia, dell'ecologia, del rispetto per l'uomo e per i suoi diritti, della fraternità universale - sta ad indicare che la nostra spiritualità e il nostro patrimonio culturale sono davvero un terreno fertile, nel quale dobbiamo mettere radici profonde per meglio comprendere la nostra missione nel presente. La semplicità, la sensibilità ed il profondo rispetto di S. Francesco per gli uomini e per tutte le creature è l'atteggiamento più giusto, e forse il più importante, per accostarci alle opere che dai grandi Maestri abbiamo ereditato e per lasciarci formare da esse. Ho fatto riferimento anche alla nostra identità e fisionomia accademica. Non è il caso qui di ripercorrere tutta la nostra storia in tal senso; bastino alcuni brevi cenni. Come sapete, la Pontificia Università Antonianum trova la sua origine nel Collegium S. Antonii Patavini in Urbe, voluto dall'allora Ministro Generale P. Bernardino da Portogruaro (la prima pietra fu benedetta il ) ed inaugurato dal suo successore P. Luigi da Parma ( ), per dare all'ordine dei Frati Minori uno Studio Generale che riprendesse la sua grande tradizione intellettuale in un'epoca di crisi dell'identità religiosa e talvolta di vera e propria persecuzione della Chiesa. Possiamo senz'altro affermare che, grazie a tale fondazione, l'ordine ha realizzato una 7

8 svolta nella sua storia culturale. L'antico patrimonio accademico e dottrinale, che rischiava dispersioni e gravose perdite, ha ritrovato nel Collegio (elevato tra il 1933/38 a Pontificio Ateneo ed infine assurto, nel 2005, al rango di Università Pontificia) la possibilità storica di concentrare in sé gli sforzi volti a ricostruire l'identità più nobile dell'ordine. P. Bernardino da Portogruaro comprese che per riuscire in quell'intento erano necessari due fondamenti: la pietà, o ricerca di un'autentica religiosità, e lo studio. E P. Raffaele Delarbre d'aurillac, che egli delegò a seguire il progetto/cantiere della nuova sede accademica, aveva concepito l'impresa come un ideale ritorno all'antica sede universitaria parigina, il Grande Convento dei Cordeliers, che aveva accolto Bonaventura, Duns Scoto e moltissimi dei loro epigoni fino all'epoca moderna. Che la restaurazione dell'ordine, decimato dagli eventi del secolo noto come "epoca delle rivoluzioni", sia iniziata dalle istituzioni accademiche è un dato che fa riflettere! Risulta pertanto evidente che la nostra Università ha ricevuto fin dalle origini una sua fisionomia ben delineata, ed è proprio questo che ci consente di ribadirla con qualche necessaria precisazione. La Pontificia Università Antonianum è lo Studio Generale o Università centrale dell'ordine dei Frati Minori, non certo per una bramosia di centralizzazione che tolga spazio al libero ed autonomo manifestarsi di altri centri universitari dell'ordine stesso, né per evitare il confronto con essi. Tali centri, ben definiti dalle proprie caratteristiche e finalità, sono semplicemente diversi, possono essere addirittura più robusti e superiori dal punto di vista del patrimonio tecnico-strutturale ed appunto per questo in grado di offrire il loro supporto alla Pontificia Università Antonianum con il loro avanzato know how. La Pontificia Università Antonianum è l'università centrale dell'ordine perché la sua peculiarità e la sua definizione identificatrice ne fanno un centro accademico di alta specializzazione nelle discipline ecclesiastiche bibliche e archeologiche, teologiche, filosofiche, canonistiche e storiche, unico nel suo genere 8

9 all'interno dell'ordine stesso. Anche se altrove nell'orbe serafico è possibile riscontrare luoghi accademici di alta ricerca, le origini, le modalità scientifiche perseguite dalla Pontificia Università Antonianum ed il patrimonio storico-dottrinale da essa custodito ed incessantemente promosso e sviluppato in accordo con i "segni dei tempi", la qualificano irrinunciabilmente come Alma Mater studiorum dell'ordine dei Frati Minori. Tale peculiarità non va intesa in senso restrittivo, quasi a volerne fare un'istituzione arroccata in difesa dell'esistente. Essa vuole al contrario significare il compito arduo ma esaltante che ci aspetta, per far sì che la Pontificia Università Antonianum risponda alle sue finalità: produrre e dispensare scienza, formare maestri per l'ordine, essere, in ragione della sua genetica internazionalità, un'autentica fucina di universalismo indispensabile per una "Fraternità-universale-in-missione" ad gentes et inter gentes qual è il nostro dell'ordine dei Frati Minori, proteso ed inviato, ormai da otto secoli, verso le "terre incognite" dell'uomo planetario con uno spirito, un'idea di esperienza, un percorso intellettuale, una metodologia di ricerca che è la cifra di comprensione della nostra identità e missione. D'altronde, il concetto stesso di globalizzazione, applicato alla missione con l'espressione "globalizzazione della fede", richiede "strutture ponte" tra periferie dislocate in punti differenti; il centro in questo caso non avrebbe più una connotazione geografica, ma culturale, antropologica, identitaria. Dal momento però che apparteniamo alla storia, costituita da spazi e tempi, è evidente che si debba ammettere la necessità di luoghi atti ad esercitare la specifica funzione di mediatori, luoghi che - in virtù della memoria in essi custodita - esprimono in modo peculiare una vocazione alla transculturalità. La specifica fisionomia della Pontificia Università Antonianum impone anche dei livelli al di sotto dei quali non si può andare, proprio per restare fedele a se stessa e per non incorrere in giustificate critiche dall'esterno. L'unica risposta è, oltre a quella 9

10 di fare opera d'informazione corretta dovunque ci troviamo, quella di offrire degli standard elevati: il corpo attuale dei docenti è all'altezza e le strutture, grazie soprattutto all'iniziativa generosa e perfino coraggiosa dei nostri più recenti Governi Generali, lo consentono. Naturalmente, per poter raggiungere e consolidare tali traguardi, è necessario da parte di tutti quell'anticipo di simpatia senza il quale non c'è alcuna comprensione. Parimenti, è doveroso il superamento di un certo "pragmatismo immediato" che tende a far combaciare il "progetto", per sua natura sempre eccedente, col raggiungimento contingente, per definizione invece sempre limitato e perfettibile, altrimenti si corre il rischio di guardare alla Pontificia Università Antonianum come ad un'impresa commerciale claudicante, mentre essa altro non è che un'istituzione accademica "che si sente unita a quella catena di uomini e di donne che si sono impegnati a proporre e a far stimare la fede davanti all'intelligenza degli uomini" (Benedetto XVI, Discorso ai giovani docenti universitari). La nostra Università è dunque proiettata verso il futuro, specialmente il futuro dell'ordine dei Frati Minori, a cui appartiene intimamente e, come tale, è una realtà in movimento da amare, da seguire e sostenere come una tenera vita in crescita. Del resto, come ha autorevolmente ricordato Papa Benedetto XVI nel suo discorso tenuto a San Marino il : "Il modo migliore di apprezzare un'eredità è quello di coltivarla ed arricchirla". * * * A questo punto del mio intervento, dovrei passare a una descrizione dettagliata dello stato della Pontificia Università Antonianum e menzionare i fatti e gli eventi accademici più salienti che, letti nella prospettiva da me sopra delineata, diventano segni significativi della vivacità attuale della nostra Università. Tuttavia, essendomi piuttosto dilungato - e di questo chiedo venia confidando nella vostra comprensione, giacché si tratta del mio discorso inaugurale - e non volendo illustrare sbrigativamente realtà importanti che meritano invece rispettosa attenzione, né tantomeno sottrarre 10

11 ulteriore tempo alle Illustri Personalità che parleranno di seguito, mi limito a riferire alcuni sintetici dati, permettendomi d'invitarvi per ulteriori e più particolareggiate informazioni alla lettura della mia relazione allorquando essa, come d'uso, verrà pubblicata integralmente dapprima sulla nostra rivista Antonianum e poi sull'organo ufficiale della Pontificia Università Antonianum che è il Liber Triennalis (inserire qui alcuni dati). * * * La duplice esigenza di fedeltà a Dio ed all'uomo ci stimolerà a trovare ancora nel patrimonio universale della Chiesa ed in quello che ci è stato lasciato in eredità dai grandi Maestri francescani le risposte più adeguate ai gravi problemi dell'uomo, della Chiesa e del mondo contemporanei. Consapevoli che la Pontificia Università Antonianum svolge un servizio qualificato nella Chiesa e nel mondo, vogliamo rinnovare la nostra volontà di servizio in spirito di minorità poiché "le questioni essenziali dell'essere umano continuano a reclamare la nostra attenzione e ci spingono ad andare avanti" (Benedetto XVI, Discorso ai giovani docenti universitari). Animati da questo spirito di servizio umile e paziente "che ci protegge dalla vanità che chiude l'accesso alla verità" (ibid.), saremo capaci di fare cultura, renderemo più incisiva l'azione dell'università, aiuteremo gli Studenti - ma siamo tutti discepoli della Verità e dell'amore - ad aprirsi alla speranza che non delude (Rm 5,5) ed a diventare anch'essi "testimoni viventi di quella Verità che ci trascende" e che tutte le altre racchiude: "Cristo, il Figlio di Dio, [che] è morto per salvare il mondo e illuminarlo di speranza» (B. Giovanni Paolo II, Allocuzione in occasione della Visita al PAA, ). Egli che è il centro del cosmo e della storia, la pietra angolare dell'universitas rerum et personarum, la bussola degli eventi. Dixi! 11

12 Intercedano per noi la Beata Vergine Maria, "in qua fuit et est omnis plenitudo gratiae et omne bonum" (SalBVM 3), il N. P. S. Francesco, S. Antonio di Padova, Dottore Evangelico e patrono della nostra Università, e il B. Giovanni Duns Scoto, "Doctor noster", teologo-cantore del primato assoluto di Cristo, Logos Incarnato, e dell'immacolata Concezione di Maria Santissima. 12

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Misericordiosi))come) il))padre) Esperienza)della)grazia)nell'unità)

Misericordiosi))come) il))padre) Esperienza)della)grazia)nell'unità) LetteradiNatale2015dell'AbateGeneraleOCist Misericordiosi))come))il))Padre) Roma,8dicembre2015 Solennitàdell'Immacolata Carissimi Vi scrivo questa lettera di Natale proprio mentre inizia il Giubileo della

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2014-2015 1 PREMESSA La SCUOLA CATTOLICA svolge la sua missione educativa

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Lo Spirito nei nostri cuori. Dalla catechesi del papa Benedetto XVI

Lo Spirito nei nostri cuori. Dalla catechesi del papa Benedetto XVI Lo Spirito nei nostri cuori Dalla catechesi del papa Benedetto XVI Lo Spirito Santo presente nella nostra vita San Paolo non si ferma ad illustrare soltanto la dimensione dinamica e operativa della terza

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA (Classe 1ª)

SCUOLA PRIMARIA INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA (Classe 1ª) SCUOLA PRIMARIA INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA (Classe 1ª) L'alunno sa riconoscere i dati fondamentali della vita e dell'insegnamento di Gesù a partire da un primo accostamento al testo sacro della Bibbia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana

Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Al Venerato Fratello Mons. ANGELO BAGNASCO Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Cade quest anno il centenario della prima Settimana Sociale dei Cattolici Italiani, svoltasi a Pistoia dal 23

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

CENTRO INTERDISCIPLINARE LAIKOS (CIL) REGOLAMENTO

CENTRO INTERDISCIPLINARE LAIKOS (CIL) REGOLAMENTO 1 CENTRO INTERDISCIPLINARE LAIKOS (CIL) Esistenza cristiana ed etica pubblica REGOLAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo in data 12 marzo 2010 Art.1 Natura e fine di Laikos 1. Il Centro Interdisciplinare

Dettagli

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.!

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.! Gli Aspetti Spirituali del Matrimonio nelle Letture di Cayce *** Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio. D: Il matrimonio come l abbiamo è necessario e consigliabile?

Dettagli

Dilecti amici Carissimi giovani

Dilecti amici Carissimi giovani 5 INDICE Dilecti amici 1. Auguri per l anno della gioventù 9 2. Cristo parla con i giovani 12 3. La giovinezza è una ricchezza singolare 15 4. Dio è amore 19 5. La domanda sulla vita eterna... 22 6....

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

GIORNATA DEL VOLONTARIATO. Torino 7 aprile 2013. regionale a tutti i volontari piemontesi che hanno accolto l invito a

GIORNATA DEL VOLONTARIATO. Torino 7 aprile 2013. regionale a tutti i volontari piemontesi che hanno accolto l invito a GIORNATA DEL VOLONTARIATO Torino 7 aprile 2013 Desidero porgere un caloroso saluto a nome dell intera Assemblea regionale a tutti i volontari piemontesi che hanno accolto l invito a partecipare a questa

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

MISSIONARIO VINCENZIANO

MISSIONARIO VINCENZIANO GMV: origini, identità, attività... GRUPPO MISSIONARIO VINCENZIANO Origine e storia Bisogna risalire ai primi anni del dopoguerra per trovare la fonte da cui scaturì il MOVIMENTO MISSIONARIO VINCENZIANO.

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

E il Signore ci dice:

E il Signore ci dice: E il Signore ci dice: mettetevi sulla strada buona (Paolo VI) Itinerario quaresimale con i Papi del Concilio Vaticano II: Giovanni XXIII e Paolo VI A cura di Mons. Battista Rinaldi Consulenza redazionale

Dettagli

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre.

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre. Non siamo i «cercatori» di sofferenza..., e nemmeno gli «entusiasti» per la sofferenza. Siamo persone che si sforzano di «vivere» la loro sofferenza «come Gesù»..., non solo nella contemplazione di Lui

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA DI RELIGIONE CATTOLICA Tenuto conto dei traguardi per lo sviluppo delle competenze e degli obiettivi di apprendimento al termine

Dettagli

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco)

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco) INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA (Nepi Veneto Grugliasco) ASSISI, 3 5 aprile 2009 Dal 3 al 5 aprile 09 ci siamo ritrovati ad Assisi come Laici Missionari della Consolata di Nepi,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Insegnando. Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA

Insegnando. Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA E d u c a r e Insegnando Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2012-13 (estratto) L istituzione scolastica è espressione

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE

TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE Oggi dobbiamo riflettere su una dimensione profonda della vita coniugale. Prima però di cominciare dobbiamo fare un piccolo sforzo di memoria nel ricordare ciò che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

(Signor Presidente,) Onorevoli Parlamentari, Autorità, Signore e Signori,

(Signor Presidente,) Onorevoli Parlamentari, Autorità, Signore e Signori, (Signor Presidente,) Onorevoli Parlamentari, Autorità, Signore e Signori, permettetemi innanzitutto di esprimere la mia gratitudine agli organizzatori per la possibilità che mi viene offerta di contribuire

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO I.O. A. MUSCO SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INS. PECI MARIA GIUSEPPA PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

Wired: http://blog.wired.it/codiceaperto/2013/06/30/e-se-linnovazione-passasse-dalluniversita.html

Wired: http://blog.wired.it/codiceaperto/2013/06/30/e-se-linnovazione-passasse-dalluniversita.html E se l'innovazione passasse dall'università? Intervista al nuovo rettore dell'università di Torino Intervistatrice: Flavia Marzano Wired: http://blog.wired.it/codiceaperto/2013/06/30/e-se-linnovazione-passasse-dalluniversita.html

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE Livorno, 3 dicembre 2011 Signor Ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i>

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin Anno 2004/2005 LA FIGURA DEL FORMATORE CSI -LE SUE PECULIARITÀ E LA SUA MISSION- CORSO SNES-CSI PER FORMATORI Bologna, 3 dicembre 2005 Lara Rossin 1 INTRODUZIONE Non si insegna e non si può insegnare,

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 GENNAIO 2014 Perché venga promosso un autentico sviluppo economico, rispettoso della dignità di tutti gli uomini e di tutti i popoli. Perché i cristiani

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

Rivista Diocesana Vigevanese

Rivista Diocesana Vigevanese Rivista 333 A n n o X C = N 9 = 3 0 N o v e m b r e 2 0 1 0 Lettera alla Diocesi per comunicare la nomina di S. E. Mons. Vincenzo Di Mauro Arcivescovo Titolare di Arpi a Vescovo Coadiutore di Vigevano

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI Quarta Domenica di Avvento 20 dicembre 2015 Accensione della Candela della Corona dell

Dettagli