Domenica delle palme a Gangi (PA) Amedeo VERGANI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Domenica delle palme a Gangi (PA) Amedeo VERGANI"

Transcript

1 GALLERIALUIGIGHIRRI F O T O G R A F I C A _ C A L T A G I R O N E _ C T C O M U N I C A T O S T A M P A SPAZIO ESPOSITIVO: Via Duomo 11 c/o Corte Capitaniale, CALTAGIRONE CT 09 aprile 22 maggio 2011 FESTE RELIGIOSE IN SICILIA: TRA FEDE CRISTIANA E RITI PAGANI Domenica delle palme a Gangi (PA) Amedeo VERGANI Fotografie di Amedeo VERGANI Ricordo più dolce, mio padre narrava che l'anno della fame, 1811, essendo egli fanciullo, la gente si nutriva di certe mandorle grosse come un pollice, portate da lontano da lontano dalla Sicilia. E che cosa è la Sicilia? domandavamo noi fanciulli. E lui: Una terra che brucia in mezzo al mare. Giuseppe Cesare ABBA, da Quarto al Volturno, Gherardo CASINI Editore 2010 SPAZIO ESPOSITIVO: Galleria Fotografica Luigi GHIRRI, via Duomo 11 c/o Corte Capitaniale (95041) Caltagirone CT, info TITOLO DELL EVENTO: FESTE RELIGIOSE IN SICILIA: TRA FEDE CRISTIANA E RITI PAGANI DATA DEL VERNISSAGE: sabato , ore DATA DI CHIUSURA: domenica ABSTRACT DI PRESENTAZIONE: le oltre quaranta fotografie di questo reportage, che indaga per immagini la natura sincretica a tratti inquietante e non di rado spiazzante degli apparati e dei riti religiosi siciliani, ci riporta nell isola continente con la prima mostra postuma dedicata, a circa un anno dalla sua scomparsa, ad Amedeo VERGANI. ORARI D APERTURA: lun./dom , BIGLIETTO: ingresso libero APPARATO CRITICO: Marina BENEDETTO, Pippo PAPPALARDO, Ferdinando SCIANNA PATROCINI: Comune di Caltagirone CT COMUNICATO STAMPA: Attilio GERBINO, CURATORE: Sebastiano FAVITTA, Attilio GERBINO, AUTORE: Amedeo VERGANI RINGRAZIAMENTI: la famiglia VERGANI e il fotoreporter Fausto GIACCONE, per la disponibilità e l attivo sostegno. Sergio VINCI di Riesi senza la cui disponibilità ultima, sarebbe arduo dar seguito alle mostre della Galleria Ghirri

2 L'Italia senza la Sicilia non lascia immagine nello spirito: soltanto qui è la chiave di tutto. Johann Wolfgang von GOETHE, Viaggio in Italia, 1817 La Galleria Fotografica Luigi Ghirri di Caltagirone CT, nasce in Sicilia oltre dieci anni fa e in Sicilia oggi torna a specchiarsi attraverso le fotografie di uno splendido reportage che l obiettivo e lo sguardo di Amedeo VERGANI fotoreporter comasco, globetrotter accorto e curioso avevano sapientemente composto percorrendo, da Oriente a Occidente, l isola per città, paesi e villaggi teatro di enfatiche feste religiose, successivamente illustrate su prestigiose riviste internazionali. Una mostra preziosa, questa proposta in concomitanza con la XIII Settimana della Cultura promossa dal MIBAC, che, grazie ad una nuova e lungimirante intuizione della Ghirri, ha trovato la pronta disponibilità dei famigliari del fotografo scomparso nonché l attiva collaborazione di Fausto GIACCONE, fotoreporter amico recentemente ospitato in Galleria. A tutti loro, pubblicamente, qui esprimiamo la nostra gratitudine. Noi non abbiamo avuto la ventura di conoscere personalmente Amedeo VERGANI. Il nostro immaginario visivo però certamente conosce anzi riconosce il codice cifrato della sua tavolozza fotografica dai colori saturi, la gamma mutevole e atmosferica delle luci, i tagli sapienti e la maestria di chi, per sensibilità innata ed esperienza acquisita sul campo, sa come trattare con le innumerevoli possibilità che la visione sottopone allo sguardo. Amedeo il fotografo, come tanti prima e dopo di lui qui compie il suo tour antropologico in uno dei luoghi, forse, più rischiosamente impregnati di storia del pianeta: in questa terra che brucia in mezzo al mare, dove il presente continua a crepitare in cortocircuiti di dubbia matrice interculturale, pur componendo abilmente i suoi scatti stranianti professionalmente ritagliati sui format editoriali quante di queste fotografie rimandano ad altre latitudini e culture? lui, VERGANI, tratteggia la sua ricerca che non è mai freddo inventario o distaccata documentazione ma anzi tradisce l incanto, la meraviglia e la sorpresa che poi ritornano in chi si ferma a indugiare su quei cieli infiniti, quegli orizzonti smisurati, quelle luci taglienti o quegli sguardi profondi. Lui, VERGANI, è uomo anche se fotografo: anche se professionalmente impegnati, in queste immagini, i suoi occhi restano umani di fronte allo stupore di una terra dove la stratificazione e la contaminazione di riti, culture, teatralità e gestualità contribuiscono ancora a rimescolare date e coordinate geografiche. Fotografare la Sicilia, forse, è più facile per un siciliano. Forse il fantasma della cartolina e l ombra del cliché, sedimentati da secoli di raffigurazioni dell isola e dei suoi abitanti non sono mai realmente attecchiti nei siciliani che quest isola la vivono e la vedono dall interno. Forse come Fabrizio, il principe Gattopardo, la visione come l obiettivo di un siciliano, uomo e fotografo, non possono non esprimere quella disillusione atavica che ne vela e frena la curiosità e la fantasmagoria. Ma nessuno conosce il proprio volto se non toccandolo o guardandone il riflesso o la sua raffigurazione. Forse sta proprio qui la chiave dell inganno affabulatore delle fotografie di VERGANI: anche un siciliano, per quanto disilluso, necessita di uno specchio ove guardare e riconoscere i suoi volti millenari. E Amedeo, con la sua fotografia, ci dona la sua quintessenza della nostra immagine riflessa. Sebastiano FAVITTA e Attilio GERBINO Galleria Fotografica Luigi GHIRRI Caltagirone, aprile 2011 Dove c'è molta luce, l'ombra è più nera. Johann Wolfgang von GOETHE, dal Götz von Berlichingen, Atto I, 1773 In Sicilia non importa far male o far bene: il peccato che noi siciliani non perdoniamo mai è semplicemente quello di 'fare'. Siamo vecchi, Chevalley, vecchissimi. Sono venticinque secoli almeno che portiamo sulle spalle il peso di magnifiche civiltà eterogenee, tutte venute da fuori, nessuna germogliata da noi stessi, nessuna a cui noi abbiamo dato il 'la'; noi siamo dei bianchi quanto lo è lei Chevalley, e quanto la regina d'inghilterra; eppure da duemilacinquecento anni siamo colonia. Non lo dico per lagnarmi: è colpa nostra. Ma siamo stanchi e svuotati lo stesso." Giuseppe TOMASI di LAMPEDUSA, il Principe Fabrizio ad Ainone Chevalley di Montezemolo ne Il Gattopardo, Feltrinelli, 1958

3 C'è almeno una strada che si fa sovrappensiero alle processioni si va sovrappensiero tutte le ossessioni sono un sovrappensiero quello che non faccio è sovrappensiero ai funerali si va sovrappensiero una canzone serve al sovrappensiero la visione è un sovrappensiero, le azioni non la rappresentano e finché sarò in vita, la mia morte sarà un sovrappensiero BLUVERTIGO, Sovrappensiero, 1999 Amedeo VERGANI Nasce ad Erba (CO) il 29 ottobre 1944 e muore, nella sua casa a Merone (CO), il 1 maggio Giornalista professionista, esercita il suo lavoro attraverso la libera professione come fotogiornalista. Studente del classico, inizia la carriera giovanissimo collaborando col locale quotidiano: La Provincia di Como. Compiuti gli studi diviene cronista e in seguito direttore dell'appena istituita redazione di Lecco. Tra i vari problemi si trova a organizzare un servizio di fotoreporters - collaboratori e intanto, per alcuni mesi, provvede personalmente a realizzare le immagini a corredo dei suoi articoli di cronaca. Parallelamente inizia una collaborazione fotografica con l agenzia internazionale Associated Press. Nel 1971, divenuto giornalista professionista e lasciata Lecco, entra a far parte della redazione centrale del quotidiano e diviene corrispondente, dalla provincia di Como, di una serie di testate: il Corriere della Sera, il Corriere d'informazione, il Corriere del Ticino di Lugano nonché dell'agenzia Nea e Aga per l'area nord-ovest della Lombardia e la Svizzera italiana. In questa prima fase, il lavoro da cronista si alterna ad una serie di esperienze da inviato con viaggi all estero per la realizzazione di reportage fotografici e d attualità.

4 Nel 1968, è tra i primi reporter occidentali a visitare l'albania maoista di Hoxa, per l'epoca un vero scoop che porta alla pubblicazione delle sue foto sulle più importanti testate. Seguono i Balcani, il Medio Oriente, i Paesi dell'area islamica sub-sahariana e del Nord Africa dove documenta, in particolare, la vita delle popolazioni nomadi nei territori al centro di guerre e guerriglie come il Kurdistan o il Sahara Spagnolo nel periodo della decolonizzazione e delle prime azioni del fronte Polisario. Intanto avvia un intensa collaborazione con il Centro Iconografico dell'istituto Geografico De Agostini per il quale realizza servizi sulla vita e le tradizioni di alcuni paesi europei e del Medio Oriente e collabora ad una serie di volumi sull'italia, rivisitando il Paese attraverso gli Italiani. Nel 1977 lascia il giornale, del quale era dipendente e cronista, per dedicarsi, da libero professionista, al giornalismo fotografico come inviato sui temi di carattere geografico, sociale, culturale e folklorico in Italia e in vari paesi del mondo. Questa scelta gli consentirà, al di là delle barriere linguistiche, di ampliare il raggio d azione e il ventaglio di riviste alle quali proporre i suoi reportages freelance realizzati in giro per il mondo: dalle testate storiche italiane come Atlante, Gente Viaggi, Natura Oggi, Week End, A Tavola, Epoca, Meridiani, Capital, Focus, Airone, Bell'Italia e Bell'Europa a importanti riviste straniere come Bunte, Merian, Geo e in particolare la tedesca Geo Saison della quale, per anni, diviene un collaboratore di staff. Tra i tanti riconoscimenti, nel 1984 la rivista fotografica francese Photo premia un suo scatto, usato dalla tedesca Stern, come una delle più belle doppie pagine pubblicate nell'anno e in settembre, per un servizio su Atlante, gli viene assegnato il primo premio, settore giornalismo, del Premio Lago Maggiore. Nel febbraio 1986, la rivista tedesca Geo, nel dedicargli la copertina e pubblicando uno dei suoi numerosi servizi, mette in risalto il grande successo con il quale egli porta avanti, a livello internazionale, la sua professione. L archivio fotografico di Amedeo VERGANI, nel tempo, fornisce immagini per le più disparate iniziative editoriali in Italia e all'estero, come libri e volumi illustrati: da Majestuese Italie, edito a Parigi da Atlas, a Ägypten e Sűdtirol, entrambi nella Collection Merian tedesca (serie sul mondo, visto attraverso le immagini dei più prestigiosi fotografi); da Giobbian, edito da Electa a Fiere, Santi, Miracoli nell'alta Brianza, Il palio di Feltre, L acropoli di Atene, I palazzi di Creta, I palazzi del Canal Grande e Cina: il volto di un grande Paese tutti volumi editi dall Istituto Geografico De Agostini e Lavoro artigiano in Lombardia. Notevole anche la collaborazione per illustrare importanti opere grafiche come Il Milione, edito da IGDA Novara, Il Grande Atlante e La Geografia di Enzo BIAGI, edita da Rizzoli Milano. Le sue immagini vengono esposte in moltissime mostre e in svariate parti del mondo: dagli Stati Uniti, alla Germania, la Cina, la Francia, il Giappone e l Italia, tra gli altri, in contesti prestigiosi come la Triennale, il Sicof Cultura e la galleria Il Diaframma di Milano, la Biennale e il Guggenheim di Venezia, il Vitra Design Museum di Weil am Rhein, vicino a Basilea, il Centre Georges Pompidou a Parigi, il Museo d'arte Moderna di Pechino e la Neikrug Gallery di New York. Amedeo VERGANI, negli anni, accetta anche incarichi professionali legati alla conduzione di stage e corsi di specializzazione per condividere, con i colleghi più giovani, le esperienze acquisite durante la sua carriera di fotogiornalista. Intanto matura un crescente impegno in organismi istituzionali legati alla sua professione e, in particolare, nel sindacato dei giornalisti e in aggregazioni tese a difendere e qualificare il lavoro di chi si occupa di informazione visiva e di fotografia. L impegno sindacale, lo porta per molti anni nella Federazione Nazionale della Stampa Italiana, prima quale consigliere poi come dirigente nel Gruppo dei Giornalisti dell'informazione visiva nell ambito del quale, con altri, si impegna a creare un Centro analisi e documentazione sui problemi dell informazione e del giornalismo da cui nasce LSDI Libertà di Stampa / Diritto all informazione, l organismo spontaneo e autonomo che lo vede attivo anche su problemi non specificatamente legati al giornalismo. Da ricordare ancora, oltre l impegno nella commissione contratto, il ruolo di consigliere nell'associazione Lombarda dei giornalisti presso la quale fonda la sezione regionale del GSGIV Gruppo di Specializzazione dei Giornalisti dell Informazione Visiva dove, col lavoro volontario di presidente, continuerà a denunciare le drammatiche condizioni della categoria, per maturare nei colleghi una sorta di maggiore consapevolezza riguardo al proprio mestiere. Dopo il gruppo lombardo nasceranno GSGIV in Veneto e Liguria. L ultima battaglia di VERGANI si combatterà per il riconoscimento di un tariffario minimo per i giornalisti per i quali sarà un punto di riferimento per il talento e la totale dedizione al bene comune della categoria. Fotografare è porre sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi ed il cuore. E' un modo di vivere" Henry CARTIER-BRESSON

5 L attimo d anticipo di Amedeo VERGANI Con molti suoni e molti balli, quest oggi il Santo celebra la sua sagra nel fervore dei vivi. Calano, allegri rivi dal teatro dei monti ruvidi, i trafelati cori. Mentre acri roghi bruciano fra gli spari, al centro dei fatui giochi puerili s appaiano gai i giovani ai subitanei fuochi. (Col viso secco, e senza riso, è cieca intanto chiusa nella sua urna la reliquia del Santo). Giorgio CAPRONI, Sagra, Apro questa riflessione sull opera di Amedeo VERGANI, oggi in esposizione alla Galleria Luigi GHIRRI di Caltagirone, con una poesia di Giorgio CAPRONI che mi pare significativa nel fornire una delle possibili chiavi di lettura delle sue fotografie. La poesia di CAPRONI può essere letta, in un gioco di specchi, come una sequenza di immagini colte in una sagra paesana: è possibile figurarsi quasi si possano vedere e annusare una processione, dei balli, la banda, i cori, i falò che incendiano la notte di fumo acre, spari, fuochi d artificio, giochi di bambini. E in questa festa, colta nel fervore della vita, la reliquia del Santo ha un viso secco, senza riso, e viene chiusa cieca nella sua urna. Stride il contrasto fra la vita che pulsa nel cuore di una festa paesana, e la fissità assente delle reliquie portate proprio nella processione per cui la sagra è celebrata. Questo è ciò che mi colpisce nelle fotografie di Amedeo VERGANI: la vita che vibra da ogni immagine al di là del rituale che viene messo in scena. Può essere l occhio che guarda nell obiettivo attraverso il cappuccio della tonaca di un confratello, il giovane appoggiato a un portone che osserva la ragazza in abito popolare, il bambino che sbuca da un fianco dell anziano portatore di una corona di datteri. E se di persone non si tratta, la vita freme nel ritaglio di una pin-up inaspettatamente sorpresa sul cimiero di uno dei Giudei di San Fratello, nella coppia di danzatori ricamati sulla giubba di un altro, nelle colombe che si librano in cielo. La vita palpita in sapienti giochi di luce e di ombra, nei cieli gonfi di nubi, nel sole che riscalda e riluce in un cuore votivo appuntato sul petto di una devota, nella luce di un viso tagliato di tre quarti, splendente quanto la gloria dietro alla quale si ripara. Urge il contrasto fra la fissa immobilità dei Cristi lignei, e i volti intensi di donne in preghiera, di persone anziane segnate dalle rughe che la vita ha inciso sui loro volti. Volti intensi, su sfondi di paesi e panorami siciliani, velluti, broccati, tabarri e perfino fucili in questo reportage che si dipana fra liturgia e humanitas. E un vento che rotola, tiepido, a primavera veste di sé i fiori e di colori i bastioni. Franano le pietre e quel che resta io colgo sul ciglio dell acque. E il canto delle cose perdute si fa vivo tra oleandri e fichi d India. La mia gente. La mia piazza. E dai balconi, l eco dei singhiozzi avvolti in scialli neri di donne sole. Riemersa malinconia riappari e non sei più qui. Alfonso MICELI, A sud del mio cuore, 2010

6 E nato in Sicilia il poeta che in questa lirica celebra la sua terra, e ci fa riflettere come l eco dei poeti si annidi fra le luci e le ombre di qualsiasi iconografia, tanto quanto molte poesie si trasfigurano nella nostra immaginazione nella visione di ciò che il poeta ha scelto di cantare. E con una poesia, quindi, che voglio chiudere questa riflessione dedicata ad Amedeo VERGANI, questo artista che ha celebrato la vita in forme così intense, e la cui vita è stata interrotta in modo inatteso e improvviso. Amedeo VERGANI ci ha lasciati fisicamente, ma la sua vita e il suo pensiero, quel pensiero passante per l obiettivo della sua camera, innamorato della vita stessa, non smettono di palpitare attraverso le sue fotografie, eredità vibrante con la quale egli ha sconfitto la morte, arrivata comunque in ritardo di un attimo, incapace di sottrargli i traguardi raggiunti. I cuori battono nelle uova. Crescono gli scheletri dei neonati. Dai semi spuntano le prime due foglioline, e spesso anche grandi alberi all'orizzonte. Chi ne afferma l'onnipotenza è lui stesso la prova vivente che essa onnipotente non è. Non c'è vita che almeno per un attimo non sia immortale. La morte è sempre in ritardo di quell'attimo. Invano scuote la maniglia d'una porta invisibile. A nessuno può sottrarre il tempo raggiunto. Wislawa SZYMBORSKA, Sulla morte, senza esagerare, 1986 Marina BENEDETTO Galleria Fotografica Luigi GHIRRI Savona, marzo 2011 Processione del Martedì Santo a Palazzo Adriano (PA) Amedeo VERGANI

7 È festa Nella liturgia, pubblico servizio offerto dalla comunità per custodire la memoria, è facile riconoscere e distinguere le forme dei segni che ci siamo inventati: innanzi tutto, il teatro, odèon laddove un uomo immola il tragos chiedendo al dramma il senso della propria esistenza; poi, il cammino, itinerario entro cui risolvere l attenzione alla natura, al tempo ed al suo volgersi e mutarsi; ed infine il rito, cerimonia per rendere e restituire l espressione visiva e sonora dell evento. Ritorna, quindi, l immagine quale eterna mediatrice tra la vita e la morte, tra il visibile e l invisibile. Torna l imago che nell antichità è la maschera funebre, il legame con la morte che trapassa agevolmente dal mondo pagano nel mondo cristiano proprio perché le immagini difendono il significato diverso della morte, ne preservano la memoria e quell identità che ha intrappolato tempo e spazio e che, ormai, attende solo chi la liberi e gli dia vita ed espressione. La rappresentazione diventa, allora, l occasione che rende presente l assente, assumendo quel valore simbolico chiaro ed evidente nell etimo di simbòlon, la tessera spezzata le cui metà si utilizzano per il reciproco riconoscimento. Nella Passione Santa la comunità si riconosce, s immedesima, diventa interprete di ogni momento di quest intreccio di festa e teatro; penetra fiduciosamente l evento del mondo con gli strumenti della recitazione e della rappresentazione, fa partecipare al rito la natura stessa. BUFALINO vi individuerà il desiderio tutto siciliano di sentirsi attore prima dolente, poi esultante, di un mistero che è la sua stessa esistenza. Ma questo mistero dell esistenza trova nella rappresentazione dei misteri pasquali morte, resurrezione ed ascesa al cielo la più sincera rivelazione: tutto è segno. Segno è sema, pietra tombale, e nella lingua di Omero sema chein significa erigere un sepolcro. Nella liturgia della Passione Santa (ed ancor più nella tradizione greca ortodossa) non facciamo altro che recuperare queste evidenze e somiglianze per riaffermare che la discesa agli inferi di Gesù attesta che lui è morto veramente. Lo sa per prima sua madre che, addolorata, ne accompagna il corpo alla sepoltura. La Madre è assolutamente consapevole che quel figlio ha conosciuto la vera morte: è la morte, infatti, quella che ormai si è spenta nel corpo di suo figlio. La morte vera ha colpito solo lui che è morto di una morte che nessuno prima di lui aveva redento. Oltre questa morte c è la vita, ed è realtà tutta ed ancora da rappresentare. Non è per questa ragione che cerchiamo, nelle Settimane di Sante Passioni, in Sicilia e dappertutto, la contemplazione che contrasti la rappresentazione di una morte mero orizzonte del nulla? Si, è vero, tutto muore nello stesso attimo in cui vive, e passa e svanisce. E questa morte contrassegna i nostri sentimenti e definisce i nostri pensieri ed i nostri atti segnandoli con l esperienza dolorosa del limite. Ma oggi camminiamo tutti per accompagnare la nostra umanità che, come quella di Cristo, vuol tornare alla casa del padre. E vogliamo conservare l immagine del nostro cammino. Qualche anno addietro, annotando gli illustri contributi dei fotografi, chiudevo con queste considerazioni il mio lavoro sulle Feste Religiose in Sicilia. Ma, nel tempo circolare della festa, e di tutte le feste, ecco, inaspettata, giungere una nuova visione. E tale novità giunge provvidenziale non tanto a riconciliarci con quanto ogni festa riesce ancora a rappresentare o effettualmente rappresenta (io amo le feste sempre e comunque) quanto con il loro desiderio di sopravvivere che, se un tempo trovava nella mediazione tra memoria pagana e metamorfosi cristiana una logica di continuità, oggi incredibilmente riafferma la propria vitalità tra un non voler scomparire agli occhi di chi vuole fare festa ed un apparentamento con le istituzioni civili che ne amministrano, in modo interessato, la memoria. Alla loro vitalità, in ogni caso, contribuiscono gli sguardi fotografici che spingono la bella rappresentazione verso il documento di una vicenda nuova che riesce a raccogliere gli elementi di un paesaggio ancora bellissimo, l umano contesto urbano che un tempo ebbe un senso anche in funzione di una processione, una comunità che intende ritornare protagonista della propria esistenza, e i simboli, tanti simboli, senza i quali saremmo costretti a fare sempre domande, troppe domande. VERGANI aggiunge il suo sguardo attento, curioso, benevolo, a volte stupito. Sa dove trovare il momento vitale della festa, il cardine emotivo, il fulcro della passione. Lo fa con gentilezza, con cortesia rispettando i volti che ha davanti, i loro tempi, le loro emozioni. Per sé, trattiene il tempo della discrezione, del rispetto, ed ancora, la ricerca del dettaglio prezioso, del contrappunto visivo, dell affioramento del peculiare. Perché fotografando le feste religiose in Sicilia, di là delle considerazioni di natura demologica o antropologica o religiosa, di questo, se si è fotografi, si tratta: attendere che qualcosa affiori, che si manifesti, che si renda visibile. VERGANI in queste immagini sorride ancora (e per sempre) nell attesa di questo affiorare. Conseguentemente le sue immagini ci parlano ancora (e per sempre) della fiducia nella comune, convissuta esistenza. Pippo PAPPALARDO per la Galleria Fotografica Luigi GHIRRI Catania, marzo 2011 È facile essere felici in Sicilia, ma è un operazione che richiede un adattamento biologico oltre che culturale: bisogna imparare a vivere il tempo alla maniera siciliana. Francine PROSE, Odissea siciliana, Feltrinelli 2004

8 Lo conoscevo già e conoscevo il suo lavoro Ma sono convinto che sia determinante, per capire un fotografo, il suo approccio alla vita, al fatto, al mestiere, vederlo lavorare. Una certa maniera di stare lì, apparentemente distratto, imbambolato, e poi vederlo improvvisamente scattare come un centometrista, fare quella danza misteriosa, tre passi veloci, uno indietro, una piccola flessione. Quel sollevarsi in punta di piedi e a te, che sei del mestiere, sembra di capire esattamente che cosa ha visto, che inquadratura farà, che obiettivo ha sulla macchina, perché quel momento e non un altro, quel particolare, e magari senti una fitta di invidia. E di amicizia, se hai scoperto una sintonia, psicologica, tecnica, etica, narrativa. Uno lo annusa subito un buon fotografo, e dico un fotografo consapevole, onesto, che non ciurla per il manico, che non vuol darla a bere. Amedeo era un buon fotografo, e onesto. Lo testimoniano le sue fotografie. Lo ha testimoniato, fino alla fine, la sua vita. Ferdinando SCIANNA per la Galleria Fotografica Luigi GHIRRI Milano, marzo 2011 Numquam est tam male Siculis, qui aliquis facete et commode dicant (Qualunque cosa possa accadere ai Siciliani, essi lo commenteranno con una battuta di spirito) Marco Tullio CICERONE, filosofo, scrittore e poeta latino STAMPA vinci.com_04 IV 2011

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Leggere, ascoltare, navigare

Leggere, ascoltare, navigare Leggere, ascoltare, navigare L AMORE CONTA di Maurizio Ermisino Fausto Podavini ha seguito per due anni una coppia: un marito malato di Alzheimer, una moglie che l ha seguito con devozione. È nato così

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

informa giugno 15 n. 1 I

informa giugno 15 n. 1 I DUE SGUARDI: UN AFRICA Mostra fotografica - Trento, piazza Fiera - 30 maggio - 2 giugno 2015 informa A febbraio 2012 noi studenti e studentesse trentine abbiamo potuto conoscere la realtà ugandese in un

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

quaresima, cammino verso la pasqua.

quaresima, cammino verso la pasqua. quaresima, cammino verso la pasqua. Siamo in cammino verso la Pasqua. Nelle nostre comunità accoglieremo, con la fatica di una umanissima e trepidante attesa, la gioia della resurrezione: Cristo, nostra

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

Una copertina a dir poco intrigante

Una copertina a dir poco intrigante 21:20 Pagina 1 pellebeauty16 Una copertina a dir poco intrigante Intrigante. Questo l aggettivo che a Cinzia Mele Fotografa parer nostro meglio si adatta al bellissimo scatto della copertina di questo

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 1 Unità di apprendimento: La creazione del mondo Motivazione Aiutare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

C è chi la usa soprattutto come una rivista:

C è chi la usa soprattutto come una rivista: 1 C è chi la usa soprattutto come una rivista: uno sfoglio veloce al ricevimento alla ricerca delle novità le anteprime dei film e delle serie, soprattutto; per qualcuno (chi non segue lo sport in modo

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!!

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Anno Scolastico 2011/2012 Progetto Educativo Didattico

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Crescere figli con autostima

Crescere figli con autostima Crescere figli con autostima Come infondere fiducia in se stessi e autostima nelle varie fasi della loro vita (sotto i 3 anni, dai 3 agli 8 anni, dagli 8 ai 13, dai 13 in poi) IlTuoCorso - Ermes srl Via

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola)

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola) P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE ( Coro per voce sola) Di Marco Brovia Enzo Massa Simona Colonna Mauro Fede IL LIBRO TITOLO: TESTI: IMMAGINI: FORMATO: EDITRICE: STAMPA: IL PESO DELLE PAROLE (Coro per

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di.

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Le schede sono divise in due sezioni: La prima riporta la frase del Vangelo propria della domenica, il disegno da colorare relativo all opera

Dettagli

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO I.O. A. MUSCO SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INS. PECI MARIA GIUSEPPA PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

L albero di cachi padre e figli

L albero di cachi padre e figli L albero di cachi padre e figli 1 Da qualche parte a Nagasaki vi era un bell albero di cachi che faceva frutti buonissimi. Per quest albero il maggior piacere era vedere i bambini felici. Era il 9 agosto

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori La Scuola Primaria PAOLO NEGLIA di Vanzago, nell ambito delle manifestazioni organizzate per la Festa di fine anno scolastico, ha promosso la seguente iniziativa frutto della collaborazione fra Volontari

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

Attraversando il deserto un cammino di speranza

Attraversando il deserto un cammino di speranza Attraversando il deserto un cammino di speranza Kusi Evans e Albert Kwabena mi colpiscono da subito in una burrascosa giornata di febbraio lungo le rive di un canale che stanno disboscando con la loro

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

Ci vuole un fiore. Anno scolastico 2007/2008 Concorso nazionale : La classe quinta ha vinto!

Ci vuole un fiore. Anno scolastico 2007/2008 Concorso nazionale : La classe quinta ha vinto! Anno scolastico 2007/2008 Concorso nazionale : Ci vuole un fiore La classe quinta ha vinto! Sul numero 7 del giornale Scuola Italiana Moderna, la maestra Milena ci legge il bando del concorso nazionale

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista DISABILITA E CONTESTI a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista obiettivi e contenuti dell incontro Considerare l importanza del contesto nella professione docente e non docente L incontro delle professionalita

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti'

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Merate Hanno deciso di condividere con studenti, professori, amici e parenti

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Voci dall infinito. richiami per l Anima

Voci dall infinito. richiami per l Anima Voci dall infinito richiami per l Anima Copertina di Rocco Vassallo. Disegni di Mario G. Galleano. Mario Giovanni Galleano VOCI DALL INFINITO richiami per l Anima www.booksprintedizioni.it Copyright 2013

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

Istituto Comprensivo NOTARESCO Istituto Comprensivo "NOTARESCO" Anno Scolastico 2015/2016 PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA Insegnante Testa Maria Letizia MAPPA CONCETTUALE DIO HA POSTO IL MONDO NELLE NOSTRE

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli