Aggiungi un posto a tavola

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aggiungi un posto a tavola"

Transcript

1 Molfetta Quindicinale gratuito di informazione, Tiratura copie 2.. mercoledì 28 maggio 28 n 12 Politica Nominati 9 assessori su 1. Le reazioni della città e tutti i retroscena. Cronaca Maestro violento condannato dal tribunale. Lʼepisodio in una scuola elementare della città. Attualità Sicilia Libera sbarca a Bari grazie allʼassociazione Antiracket di Molfetta. Sport Obiettivo raggiunto per la Molfetta Volley: la Serie C è salva. da pagina 3 pagina 8 pagina 17 pagina 19 Giunta & Consiglio Aggiungi un posto a tavola In quattro, carabinieri e innocenti Allarme: salvate il parco di Levante Concluso a Potenza il processo contro quattro carabinieri che indagarono sull omicidio di Annamaria Bufi. Il tribunale li ha assolti tutti. I commenti e le reazioni dei quattro accusati e del padre della giovane uccisa a Molfetta nel Il Fatto da voce alla gente. Un cittadino ci scrive e segnala lo stato di abbandono in cui versa il parco di Levante. Le nostre foto gli danno ragione. Necessari interventi immediati per garantire sicurezza ai cittadini. Specie ai più piccoli. pagina 7 pagina 9

2 MOLFETTA Viale Pio XI VENDIAMO appartamento mq 1 di 4 vani + accessori + veranda mq 21 + balcone mq 24. MOLFETTA Via Ungaretti VENDIAMO appartamento mq 113 di 3 vani + accessori. MOLFETTA Via Maggiore Sallustio VENDIAMO appartamento mq 12 di 4 vani + accessori. MOLFETTA - Via Amente VENDIAMO appartamento mq 9 di 3 vani + accessori. MOLFETTA Via G. Mameli VENDIAMO appartamento mq 6 circa di 3 vani + accessori. - 2., -25., -13., -7., -1., MOLFETTA Via Peruzzi VENDIAMO appartamento mq 7 circa composto da 3 vani + accessori + cantinola mq , MOLFETTA Via Edoardo Germano AFFITTIAMO appartamento mq 1 di 3 vani + accessori. -1, MOLFETTA Via SantʼAngelo AFFITTIAMO appartamento di 13 mq di 4 vani + accessori e cantinola. -25, MOLFETTA S. Prov. Molfetta Terlizzi VENDIAMO villa mq 145 composta da 7 ani + accessori + seminterrato mq , TERLIZZI - Strada prov. Terlizzi - Molfetta VENDIAMO rifinita e prestigiosa villa dislocata su tre livelli di 185 mq circa + 6 verande di 126 mq e giardino di 4 mq. -2., MOLFETTA Contrada Torre Falcone VENDIAMO villa di 9 mq circa composta da 4 vani + acc + veranda di 76 mq e giardino di 15 mq. BISCEGLIE Via Sergio Sasso VENDIAMO rifinita villa mq 13 composto da 6 vani + accessori. MOLFETTA Via Domenico Picca VENDIAMO locale mq 65 circa di 2 vani. MOLFETTA Via Fratelli Rosselli VENDIAMO seminterrato di 151 mq circa composto da unica stanza con bagno. Ottima rendita. MOLFETTA Via S. Anna VENDIAMO locale mq 65 di 2 vani. -7., -1., -15., -9., -2., MOLFETTA Vico II Madonna dei Martiri VENDIAMO locale mq di interrato. MOLFETTA Via San Paolo VENDIAMO locale mq 85 di 3 vani. MOLFETTA Via Baccarini Zona Centrale, in una delle Vie principali di Molfetta VENDIAMO locale di 53 mq circa composto da 1 vano + bagno. MOLFETTA Strada Prov. Molfetta Terlizzi Zona 167, VENDIAMO locale di 28 mq circa dislocato su due livelli e dotato di tre ingressi. MOLFETTA Corso Umberto AFFITTIAMO locale ristrutturato mq 5 dotato di unica stanza + bagno. -15., -15., -45., -45., -15, MOLFETTA Via Tenente Paolo Poli AFFITTIAMO locale mq 1 composto da ambiente unico + bagno. -25, MOLFETTA - Via Ricasoli In zona commercialmente sviluppata, affittiamo ampio locale di 74 mq circa, composto da 2 vani ed accessori, inoltre dotato di ammezzato abitabile. -1, MOLFETTA Via SantʼOrsola Sul Mare: proponiamo unica ed originale soluzione di 7 mq circa, completamente ristrutturata, sviluppata su due livelli con annesso terrazzo panoramico di circa 16 mq e ingresso privato alla spiaggia. Per molti ma non per tutti. MOLFETTA Via Tenente Silvestri Sotto casa c'è tutto!! In zona levante VENDIAMO comodo appartamento di 65 mq circa composto da 2 vani + accessori. MOLFETTA - Via Rosa Picca VENDIAMO grazioso appartamento ristrutturato di 4 mq circa composto da 2 vani + accessori. MOLFETTA Via Foggia O questa o Niente! Vendiamo luminoso appartamento di circa 95 mq di 3 vani + accessori a prezzo affare!! MOLFETTA Via Rosa Picca VENDIAMO appartamentino di 4 mq circa composto da un vano + accessori. MOLFETTA Via Papa Montini AFFITTIAMO appartamenti di nuova costruzione da 1 a 4 vani + accessori con verande o terrazzi. MOLFETTA - Viale Pio XI AFFITTIAMO ampio appartamento di 15 mq circa composto da 4 vani + accessori. MOLFETTA Via Trieste AFFITTIAMO appartamento di 115 mq circa composta da 5 vani + accessori. MOLFETTA Comparto 15 In zona residenziale già urbanizzata e abitata, VENDIAMO appartamenti e uffici di imminente realizzazione. Rifiniture di pregio e interni personalizzabili. MOLFETTA Piazza Garibaldi Zona Centralissima AFFITTIAMO panoramico appartamento di 11 mq circa completamente ammobiliato. MOLFETTA Via Piscina DʼAmato In zona residenziale tranquilla e ben abitata proponiamo ampia e luminosa villa di 16 mq circa dislocata su tre livelli con verande e box di 4 mq. SE ESIBISCI IL PRESENTE CUPON ENTRO AGOSTO 28 TI OFFRIAMO UNA VALUTAZIONE GRATUITA DELLA TUA CASA. RITAGLIA IL PRESENTE COUPON MOLFETTA Str. Prov. Molfetta Terlizzi In zona residenziale VENDIAMO mini appartamenti con rifiniture di pregio di nuova costruzione. In realizzazione. VORRESTI APRIERE UNA AGENZIA IMMOBILIARE a Molfetta senza dover sostenere i costi di apertura e riducendo al minimo le spese mensili? ABBIAMO LA SOLUZIONE PER TE! Contatta direttamente 'Mondo Casa Immobiliare' Piazza Effrem, 12 - Molfetta - Tel Fax oppure a mezzo e - mail

3 mercoledì 28 maggio 28 Politica 3 Parte con una squadra incompleta la nuova avventura di Antonio Azzollini alla guida della città. Chi si aspettava colpi da maestro del sindaco-senatore nella costituzione della nuova giunta comunale, non solo è rimasto deluso visto le nomine ampiamente previste e preventivabili, ma è anche rimasto perplesso dalla mancanza di uno dei dieci assessori previsti ed ancor più dalla non immediata assegnazione delle deleghe. Insomma, come abbiamo già scritto sul nostro quotidiano on-line fatti gli assessori mancano gli assessorati. Almeno sino a quando non saranno risolte le ultime beghe interne alla maggioranza di centrodestra ed ai ruoli che dovranno ricoprire importanti esponenti politici come Francesco Nappi e Mauro Magarelli. Il sindaco Azzollini nel corso della conferenza stampa di presentazione della nuova squadra ha dichiarato che le deleghe saranno formulate sulla base di precisi indirizzi amministrativi e di linee programmatiche che la Giunta, come organo istituzionale collegiale, dovrà determinare, insomma i nuovi assessori decideranno tra loro come dividersi compiti e responsabilità amministrative. Per il momento, quindi, andranno ad affiancare Antonio Azzollini alla guida della città Pietro Uva, che è anche stato scelto come vicesindaco, Giacomo Spadavecchia, Giulio la Grasta, Luigi Roselli, Saverio Tammacco, Leo Petruzzella, Enzo Spadavecchia, Mimmo Corrieri e Mariano Cʼè posto ancora per uno 399 Caputo. Tutti provengono da precedenti esperienze politiche ed amministrative, trattandosi nella totalità dei casi di assessori o consiglieri comunali uscenti: un segno di netta continuità con la precedente, e breve, gestione del senatore Antonio Azzollini. Il nome del decimo assessore e l attribuzione delle deleghe, secondo quanto annunciato, avverrà comunque in tempi assai brevi, anche perché a questo punto l intera città si è stancata di dover attendere ancora a lungo prima di conoscere chi metterà in pratica il programma presentato in campagna elettorale dalla coalizione di centrodestra. Certo è che, come avevamo già preannunciato, il vice sindaco Pietro Uva continuerà ad avere compiti di pura rappresentanza: il sindaco è sempre colui che è scelto dal popolo ha ribadito Azzollini chiarendo, se mai ce ne fosse stato ancora bisogno, che le decisioni più importanti e la gestione della cosa pubblica avranno in lui il principale (ed unico? N.d.a) referente. Ribadite le priorità del nuovo governo cittadino: da una riorganizzazione funzionale dei servizi di pulizia della città ad un potenziamento, in termini di uomini e mezzi, del corpo di Polizia Muncipale. Non appena ci sarà possibile procederemo con le assunzioni ha detto Azzollini che ha però puntualizzato che esse avverranno non prima di un anno, abbiamo prima il dovere di stabilizzare il rapporto di collaborazione con oltre quaranta lavoratori precari che operano, alcuni da oltre venti anni, alle dipendenze dell amministrazione comunale; successivamente cercheremo di provvedere alle nuove assunzioni. Tra i primi provvedimenti da adottare i lavori urgenti di riqualificazione del tratto di spiaggia che, sul lungomare, si trova a ridosso dell edificio dell INPS: Si tratta ha detto Azzollini- di cinquanta metri di litorale che vogliamo immediatamente restituire alla balneazione. È inutile che vi prometta di riqualificare l intera costa molfettese ha continuato- in quel caso pochi giorni non basterebbero ma, vogliamo dare un primo segnale forte e che funga da punto di partenza per un progetto ben più ampio. Azzollini ha anche annunciato che si provvederà a valutare i rapporti di collaborazione con alcuni dirigenti comunali eventualmente sostituendo coloro che non rispondono più alle esigenze dell amministrazione. Esclusa l attribuzione, anche questa volta, di una delega alla cultura. Eʼ Francesco Nappi lʼuomo della discordia Lʼex presidente dellʼasm avrebbe voluto la continuità nellʼincarico ma per lui era pronta una poltrona da assessore. Francesco Nappi, presidente uscente dell Azienda Servizi Municipalizzati, in passato consigliere comunale ed assessore all agricoltura e pesca nell amministrazione guidata da Tommaso Minervini. Ed ancora consigliere di amministrazione della Società Trasporti Provinciale e presidente della commissione consiliare attività economiche e produttive. È lui, almeno sino a questo momento, il principale protagonista del giallo che ha tinto la nomina dei componenti della nuova giunta del comune di Molfetta. Un alleato divenuto scomodo nonostante o, soprattutto a causa, delle oltre 55 preferenze conseguite nell ultima tornata elettorale. Insomma uno di quelli che hanno i numeri e che pertanto, secondo la logica della politica, non può assolutamente essere messo da parte. Né, tantomeno, tenuto scontento. Ed invece Nappi la sua personale gratificazione non è ancora riuscito ad ottenerla: aveva chiesto a chiare lettere di poter tornare immediatamente alla guida dell ASM ed invece, almeno stando alle voci di corridoio, il sindaco aveva preparato per lui la comoda poltrona di un assessorato, destinando a Mauro Magarelli (già vice sindaco ed assessore comunale, candidato nell ultima tornata elettorale nella lista Molfetta in Azione) la presidenza della municipalizzata. Una scelta non accettata da Nappi che ha abbandonato il suo sindaco a pochi minuti dall inizio della conferenza stampa 4 di presentazione del nuovo governo cittadino. Una bella gatta da pelare che ha costretto il Senatore a presentare una squadra incompleta e, forse, a ritardare anche l assegnazione delle deleghe. Certo è che dopo l ammissione fatta da Antonio Azzollini in campagna elettorale riguardo una città sporca e che avrebbe bisogno di una rivoluzione nei servizi di pulizia, appare difficile che il primo cittadino possa riconfermare Nappi alla guida dell ASM: in quasi due anni i risultati prodotti dall azienda non sono stati eccezionali e forse il sindaco vorrebbe avviare una vera e propria inversione di tendenza. A cominciare da un nuovo presidente.

4 4 mercoledì 28 maggio 28 Politica Nuovi assessori e felicità per otto 41 Le nomine dei componenti della nuova giunta hanno aperto le porte del consiglio comunale ai primi dei non eletti di Popolo della Libertà, Molfetta in Azione e Movimento per lʼautonomia. per la pubblicita su questo giornale chiama Con le nomine dei nuovi assessori che faranno parte della giunta guidata da Antonio Azzollini, si delinea finalmente la composizione del consiglio comunale di Molfetta. Anche se, almeno sino allo scioglimento della riserva sul nome del decimo assessore, ancora qualche tessera del mosaico potrebbe essere variata. Ma, in attesa che il sindaco-senatore si esprima sull ultimo dei prescelti, possiamo analizzare la composizione del nuovo consiglio. Il presidente della massima assise cittadina, a questo punto dubbi non dovrebbero più essercene, sarà l avvocato Nicola Camporeale: un ritorno alla guida dell assemblea di Palazzo Giovene e che è un ulteriore forte segnale di continuità tra la vecchia e la nuova amministrazione Azzollini. Oltretutto, Camporeale potrebbe così continuare il suo percorso di crescita in attesa di una probabile, e da lui auspicata, candidatura alle prossime elezioni regionali. Per quanto riguarda il Popolo della Libertà sono cinque gli eletti consiglieri nominati successivamente assessori (Tammacco, Spadavecchia, Petruzzella, la Grasta e Roselli), si liberano quindi cinque poltrone che passano ai primi dei non eletti. Entrano quindi in consiglio comunale Vito de Ceglia, Giovanni Mezzina che torna a palazzo Giovene dopo la precedente esperienza amministrativa così come tornano Angelo Marzano e Mario Amato; new entry del partito Raffaele la Ghezza. Per quanto riguarda Molfetta in Azione, le nomine di Corrieri ed Enzo Spadavecchia lasciano spazio a Giovannangelo de Gennaro (già consigliere comunale nelle fila del Partito Repubblicano) e, salvo nomine dell ultima ora, Mauro Magarelli ex assessore con Antonio Azzollini sindaco e vice all epoca di Tommaso Minervini. La nomina di Mariano Caputo del Movimento per l Autonomia consentirà poi l esordio in consiglio comunale al giovane Mauro Giancaspro. A conti fatti, tra maggioranza ed opposizione, saranno otto gli esordienti in consiglio e due le rappresentanti del gentil sesso: Paola Latino per la maggioranza e Carmela Minuto per l opposizione. Tra le ulteriori curiosità segnaliamo la presenza nelle fila dell opposizione oltre che dei due ex alleati di Azzollini, Pino Amato e Carmela Minuto, anche di Pino de Candia, eletto nelle fila del Partito Democratico e in un passato non molto lontano assessore allo sport, cultura e turismo del comune di Bisceglie nell amministrazione di centrodestra guidata dal sindaco Francesco Spina. Interessante sarà verificare se l entusiasmo e la voglia di rinnovamento che i giovani consiglieri Pietro Mastropasqua ( erede in consiglio del bravo Sebastiano Gadaleta), Paola Latino e Mauro Giancaspro porteranno nell aula Carnicella produrrà i frutti sperati coinvolgendo nella gestione della cosa pubblica anche le fasce più giovani dell elettorato. Ed ancora: come si comporterà Antonello Zaza nella doppia veste di assessore provinciale, e pertanto punto di riferimento a Bari dell amministrazione comunale, e di consigliere di opposizione? Potranno sorgere interessanti forme di collaborazione oppure per evitare imbarazzi istituzionali Zaza rassegnerà le dimissioni consegnando lo scranno consiliare all ex segretario politico di Rifondazione Comunista, Gianni Porta? In attesa di poter verificare sul campo come opererà il nuovo consiglio comunale di Molfetta e, soprattutto, in quanto tempo riuscirà a recuperare la lunga pausa nella gestione amministrativa dettata dalla tornata elettorale, vi anticipiamo che, come avvenuto in occasione delle ultime riunioni della massima assise cittadina, le telecamere de Il Fatto torneranno a seguire i consigli comunali ed a trasmettere in differita le registrazioni delle sedute. I cittadini così, collegandosi al sito potranno seguire i lavori del consiglio ed essere ancor più partecipi della vita amministrativa della città. Come sempre gratis, come sempre grazie a Il Fatto.

5 mercoledì 28 maggio 28 Niente donne in giunta: la protesta 43 Politica 5 E arriva la presidenza di commissione 44 Nessuna quota rosa nella composizione del massimo organo di governo cittadino. E la Consulta Femminile alza la voce. La mancanza di presenze femminili nella nuova giunta comunale di Molfetta ha scatenato le sentite proteste dell elettorato rosa cittadino. A fare da portavoce delle donne, sentitesi ingiustamente escluse dal più importante organo amministrativo locale, è stata la professoressa Adele Mastropasqua, presidente della Consulta Femminile che ha annunciato finanche di volersi rivolgere al ministro delle pari opportunità, Mara Carfagna, per chiedere che il sindaco Azzollini si attenga a quanto previsto dallo statuto comunale che, appunto, prevede una rappresentanza dell elettorato femminile in giunta. Riteniamo che la presenza delle donne in Giunta sia indispensabile ha dichiarato Adele Mastropasqua- e tra l altro è prevista dallo statuto comunale. Non esistono ha continuato- pregiudiziali da parte nostra nei confronti degli uomini ma, riteniamo che le donne abbiano una sensibilità diversa nell affrontare le diverse situazioni e per questo possano apportare un contributo importante nell esecutivo. Nella passata giunta guidata da Antonio Azzollini le rappresentanti del gentil sesso erano state ben tre: Carmela Minuto che era anche vicesindaco, Anna Maria Brattoli, assessore alla socialità e Doriana Carabellese, responsabile dell annona e della polizia municipale. Azzollini ha comunque sottolineato che la mancanza di donne in giunta non vuol essere un segno di mancato rispetto o fiducia ma solo la conseguenza di quanto espresso dall elettorato in termini numerici e che, comunque, sia in consiglio comunale (Paola Latino) che in altri posti di responsabilità (e qui ha fatto i nomi di Anna Maria Brattoli, Piera Picaro e Lory Caputi) saranno presenti le donne che hanno contribuito alla sua vittoria elettorale. Insomma, nessun fiocco rosa in giunta ma, comunque, sensibilità femminile assicurata per la gestione della cosa pubblica. Come ampiamente previsto ed annunciato già da qualche settimana, il senatore Antonio Azzollini è stato eletto presidente (con 17 voti a favore) della V Commissione "Programmazione economica e Bilancio" del Senato. "Sono profondamente onorato per l importante responsabilità che il presidente Berlusconi, il gruppo Prestigioso incarico per il primo cittadino di Molfetta che torna a palazzo Madama con una marcia in più. parlamentare del Popolo della Libertà e tutti i membri della Commissione hanno voluto affidarmi" ha dichiarato Azzollini a conclusione dei lavori della prima seduta. Il 22 maggio, infatti, la Commissione permanente si è costituita per la XVI Legislatura in corso e oltre al presidente sono stati eletti anche i vice presidenti e i segretari. Per Azzollini senatore per la quarta legislatura consecutiva, si tratta di un ritorno al vertice della Commissione Bilancio: egli ne è stato membro per la prima volta dall' 11 dicembre 1997 al 29 maggio 21 (XIII Legislatura). L ha presieduta dal 26 giugno 21 al 7 ottobre 23 e dall'8 ottobre 23 al 27 aprile 26 durante i due precedenti esecutivi guidati da Berlusconi (XIV Legislatura), per poi farne parte ancora dal 28 aprile 26 al 5 marzo 27 (XV Legislatura).

6 6 In Cittaʼ mercoledì 28 maggio 28 Allarme personale al Pronto Soccorso A denunciarlo il sindacato USPPI che ha anche inviato un esposto denuncia al presidente della Regione ed allʼassessore regionale alla sanità. Un nuovo allarme arriva dal Pronto Soccorso dell'ospedale di Molfetta. Il problema sta nella cronica carenza di personale. A denunciarlo la federazione USPPI di Bari. "Il pronto soccorso di Molfetta -hanno dichiarato i vertici del sindacato- è al collasso. La carenza di personale e la inadeguatezza delle strutture, potrebbero mettere a rischio l'incolumità dei pazienti e non garantire i livelli essenziali di assistenza". Secondo quanto affermato dal sindacato, all'interno del Pronto Soccorso di Molfetta si è costretti ad assicurare il servizio con sei unità effettive (anzichè 12 unità che per legge dovevano essere in servizio) che turnano con turni masssacranti anche di 18 ore. Sulla vicenda è stato inviato anche un esposto denuncia al presidente della giunta regionale, Nichi Vendola e all'assessore alla sanità, Alberto Tedesco. L'assenza di personale porterebbe anche all'assenza del cosidetto triage, 45 ossia la classificazione dei pazienti in entrata al Pronto Soccorso, a seconda della urgenza e della gravità delle patologie. Inoltre sono rilevanti anche le carenze assolute di personale infermieristico e ausiliario oltre alla mancata attivazione dell'osservazione breve. Denunciata dal sindacato inoltre la inadeguatezza delle strutture dell unità operativa, la cronica mancanza di posti letto, l inopportuna gestione delle apparecchiature Tac. Ma i problemi non finiscono qui. Esisterebbe, infatti, l'impossibilità di godere dei congedi e riposi oltre che del previsto aggiornamento professionale. Alla luce di tutto ciò, i medici aderenti all'usppi Medici si sono detti esenti da ogni responsabilità per eventuali errori o mancanze nei confronti dell'utenza che potrebbero derivare dalla stanchezza psico fisica accumulata ed hanno chiesto urgenti provvedimenti da adottarsi in tempi brevissimi preannunciando in caso contrario clamorose azioni di protesta. Sessanta rilevatori pronti allʼuso Si tratta di volontari che contribuiranno a raccogliere i dati per elaborare la mappa dei bisogni della città. Sono stati consegnati a circa sessanta cittadini molfettesi gli attestati di partecipazione al Corso di Formazione per rilevatori nell ambito del progetto Città Sane - Oms. Il corso, promosso dal Comune di Molfetta in collaborazione con la Asl Ba, si è sviluppato, da febbraio ad aprile scorsi, con un programma didattico di 13 lezioni monotematiche con l obiettivo di formare esperti nella rilevazione degli indici demografici, sanitari, ambientali e socio-economici utili alla elaborazione e redazione del II Profilo di Salute della Città di Molfetta. Fra i volontari che hanno partecipato al corso, il più giovane dei quali ha 18 anni ed il più anziano oltre 7, anche 46 alcuni tecnici funzionari dei comuni limitrofi e numerosi appartenenti al corpo di Polizia Municipale. I neo rilevatori verranno a breve impiegati nella raccolta dei dati che serviranno alla elaborazione di una mappa dei bisogni della città. Si tratterà della seconda edizione di questo importante strumento dopo quella realizzata nel 21. Grande attenzione verso il progetto, fattivamente supportato dal Comune di Molfetta, è stata espressa dai vertici della ASL Bari e dalla Facoltà di Medicina dell'università degli Studi di Bari, rappresentate nel corso della cerimonia dal dottor Vito Piazzolla, dalla dottoressa Annalisa Altomare, dal dottor Francesco Schino e dal professor Giuseppe Palasciano. Stop the war: basta solo una mano! Un progetto che coniuga arte e impegno sociale attraverso unʼenorme immagine-mosaico composta da tante foto-tassello di mani nellʼatto di indicare lo stop alla guerra. Nonostante tutte le sue problematiche e contraddizioni, Molfetta continua ad esprimere interessanti proposte artisticoculturali che travalicano i suoi limiti territoriali e si proiettano su un palcoscenico più ampio. E il caso del progetto stopthewarwithyourhand, un interessante sperimentazione sull arte nell era del digitale, che fa di internet e del suo smisurato potenziale il proprio palcoscenico. Opera di un collettivo di artisti molfettesi che rispondono allo pseudonimo di Multiplosingolo, stopthewarwithyourhand ha alla base un idea molto semplice: coniugare arte e impegno sociale, creando un enorme immagine-mosaico composta da tante foto-tassello di mani nell atto di indicare lo stop alla guerra. La risposta del popolo della rete non si è fatta attendere e numerose sono le immagini di mani che stanno giungendo al sito da svariate parti del mondo intendendo esprimere l ideale di convivenza pacifica trai popoli nei modi più svariati e creativi. Così all interno del sito convivono le mani giunte di Myriam (Algeria) e le mani offerenti riprese da Marco in Sudan; c è chi pasticciando con i colori ha usato uno pseudonimo e chi invece ha puntato sull emotività e la tenerezza inviando la foto delle mani della propria nipotina o chi, ancora, ha giocato con la sensualità e la raffinatezza dello stile, infine, chi ha inviato vere e proprie opere d arte (a riguardo esiste una sezione apposita chiamata The most creative hands ). A conti fatti chiunque abbia inviato la propria immagine, sia che si sia attenuto strettamente al tema, sia che abbia inviato una generica immagine delle proprie mani, lo ha fatto per dire chiaramente una cosa: stop the war. Il mosaico presente sul sito raffigura una mano alzata in segno di stop e grazie alla presenza di uno speciale software, può essere esplorato tassello per tassello con un effetto che dà l impressione di entrarci dentro. Impegno sociale a braccetto con l arte quindi, in un divertente contenitore in cui ognuno, lasciando un segno del proprio impegno contro la guerra, si misura con artisti di tutto il mondo. Stampare un mosaico con le prime mille 47 mani giunte al sito è la prima concreta meta del progetto, ma l obiettivo è creare immagini mosaico sempre più grandi come testimonianza concreta di un adesione diffusa al desiderio di convivenza pacifica. Particolarmente ambizioso e suggestivo è anche il traguardo ultimo del progetto stopthewarwithourhand: stampare la più grande immagine mosaico mai realizzata contro la guerra e realizzare un tour itinerante che tocchi località capaci di dare risalto al messaggio. Ovviamente, considerati i natali degli autori, la prima tappa di questo tour non potrà che essere Molfetta. Il progetto, raggiungibile all indirizzo è in continua crescita (qualcuno pur di esserci ha inviato un MMS!) e si aggiorna giorno dopo giorno grazie alle immagini inviate all e mail

7 mercoledì 28 maggio 28 Assolti perché il fatto non sussiste Si è chiuso il processo di primo grado a carico di quattro carabinieri accusati di falso e favoreggiamento Sono stati assolti perché il fatto non sussiste, Pietro Rajola Pescarini, Antonio Rosato, Luigi Policastri e Vito Lovino, i quattro carabinieri accusati, a vario titolo, di falso e favoreggiamento, nell inchiesta per la morte di Anna Maria Bufi, avvenuto a Molfetta a febbraio del L assoluzione è stata disposta dal giudice monocratico del Tribunale di Potenza, dove si celebrava il processo, la dottoressa Lucia Gesummaria. Le motivazioni della sentenza saranno depositate tra tre mesi circa. In questi anni ha detto l avvocato Ragno, difensore di Pietro Rajola Pescarini e Antonio Rosato, due dei quattro imputati, commentando la sentenza questi quattro carabinieri hanno subito un danno che non è quantificabile. Sono stati calunniati e sono stati esposti ad ogni tipo di infamia con ripercussioni anche nelle loro carriere professionali. D altra parte mi preme sottolineare un fatto importante: quando sono stati iscritti nel registro degli indagati, la qual cosa risale al 23, i reati loro contestati continua l avvocato Ragno - erano già prescritti. Nonostante ciò il giudice è entrato nel merito della questione e li ha assolti per insussistenza dei fatti. Questo significa che negli atti a disposizione del 49 per la pubblicita su questo giornale chiama tribunale e della Procura ci sono prove che dimostrano questa circostanza. Quindi le accuse mosse erano infondate, non vere, false. I quattro erano accusati di falso perché in concorso tra loro Rajola in qualità di comandnate del nucleo operativo della Compagnia di Molfetta, Lovino quale comandante della stazione carabinieri di Molfetta, Policastri quale maresciallo capo e Rosato quale vice brigadiere, entrambi in servizio presso il medesimo nucleo operativo, nell ambito delle indagini sull omicidio di Bufi Anna Maria, avvenuto in Molfetta la notte tra il 3 e il 4 febbraio 1992, redigevano il verbale relativo alla perquisizione eseguita il 4 febbraio 1992 presso l abitazione dell indiziato Bindi Marino.attestando falsamente l esito negativo della stessa, omettendo di dare atto del rinvenimento da parte dell appuntato Caldarulo Antonio di un paio di scarpe, con fondo sporco di terra ; di favoreggiamento per aver, con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso ed in concorso tra loro, con violazione dei doveri inerenti la pubblica funzione esercitata, aiutato Bindi Marino a sottrarsi ad atti di investigazione e di indagine. Cronaca 7 Storia di una vita spezzata Da sedici anni cʼè un assassino in libertà. I momenti del ritrovamento del corpo della ragazza Anna Maria Bufi ha 23 anni quando viene uccisa. Il suo corpo viene trovato, all una e trenta del 4 febbraio del 1992, lungo il margine destro della carreggiata nord della SS16 bis, nei pressi dello svincolo che immette nella zona industriale di Molfetta. Da subito viene scartata l ipotesi di un incidente automobilistico: la posizione del cadavere non si spiegherebbe. Per lo stesso motivo viene subito esclusa la possibilità che possa trattarsi di un suicidio. Il medico legale, dopo una ispezione preliminare del cadavere, quando il corpo è ancora lì sull asfalto, rinviene frammenti di corpi estranei nel cranio fracassato della ragazza. Per queste, sulle prime, si pensa che le lesioni possano essere state causate anche da un arma da fuoco. L autopsia chiarirà che le ferite sono state provocate da un corpo contundente a limitata superficie, che non verrà mai ritrovato. Nel processo che si celebrerà dopo dodici 41 anni in Corte di Assise a Trani non verrà mai prodotta l arma del delitto. Ma chi è quella ragazza che qualcuno ha abbandonato sull asfalto? Si sospetta subito un collegamento fra il cadavere e la segnalazione di scomparsa di una ragazza pervenuta, nella tarda serata del 3 febbraio 1992, presso la caserma dei carabinieri di Molfetta. Il sospetto presto si trasforma in certezza. La ragazza rinvenuta cadavere è proprio Anna Maria Bufi. Sedici anni dopo quella notte il suo assassino è ancora libero. Il dolore e la rabbia di Franco Bufi, padre di Anna Maria L assoluzione dei Carabinieri dai reati di falso e favoreggiamento in omicidio dice Franco Bufi - mi lascia completamente indifferente anche se la rabbia che provo per una simile decisione non mi fermerà dal ricercare colpevoli e favoreggiatori dello spietato assassinio della mia povera figlia. Chi come me continua Bufi - ha visto distrutta la propria esistenza dal barbaro massacro di una figlia non teme nulla e nessuno. La mia ricerca costante della verità mi ha portato ad apprendere cose allucinanti in questi 16 anni di sofferenze, fatti che 411 sono ormai sotto gli occhi di tutti. Sono stato in parte premiato dalla Giustizia quando la Corte di Assise di Trani nel processo a carico del presunto assassino di mia figlia, ha definito l operato dei carabinieri caratterizzato da impreparazione, negligenza e sciatteria. Basta ed avanza in quanto la responsabilità morale e professionale delle Istituzioni in un caso di omicidio è molto peggio dei giudizi penali. Tante persone è da 16 anni che vivono con pesi sulle loro coscienze e continueranno a macerarsi dentro per tutta la vita. Le dichiarazioni di Luigi Policastri e Vito Lovino, due dei quattro carabinieri assolti 412 Io e il maresciallo Lovino sottolinea il maresciallo Luigi Policastri - non intendiamo affatto discostarci dalla ricostruzione dei fatti così come esposti della sentenza della Corte di Assise di Trani. Pur condividendo in pieno i rilievi espressi e cioè le sciatterie e le negligenze addebitate agli inquirenti non ci riconosciamo né per stile né per etica professionale tra costoro. E giusto precisare che Lovino non ha affatto partecipato alle indagini, essendosi limitato soltanto ad eseguire alcuni interrogatori delegatigli dai superiori, mentre io sono stato incaricato dagli stessi superiori di svolgere le indagini soltanto in un secondo momento e mi sono occupato di seguire soltanto alcuni filoni dell inchiesta che mi hanno portato ad investigare in tutta la provincia e sfido chiunque a contestare la professionalità del mio operato. Pertanto, sulla base della sentenza del Tribunale di Potenza, che ci ha assolto perché il fatto non sussiste- conclude - promuoveremo senz altro azioni legali contro tutti coloro che hanno voluto mettere in dubbio la nostra che mai nessuno aveva messo in discussione.

8 8 Cronaca mercoledì 28 maggio 28 In qualche modo lui, il maestro elementare protagonista di questa storia, ha già ammesso le sue responsabilità. Probabilmente si è accorto di averla fatta davvero grossa. Per questo, in sede penale, ha patteggiato la pena e si è fatto condannare ad un anno di reclusione. Per la legge ha abusato dei mezzi di correzione e disciplina tra i banchi di scuola. E ipotizzabile che l uomo, sessantuno anni suonati, sperasse che la cosa finisse così. Che l episodio di cui si è reso protagonista fosse archiviato nei cassetti della memoria. Invece, neanche a dirlo, i genitori di Michele (il nome è di fantasia) che all epoca dei fatti aveva dieci anni e frequentava la quinta elementare non la pensano affatto così. Il maestro, a maggio dell anno scorso, davanti a tutti i suoi compagni di classe, ha picchiato e umiliato il loro bambino. Lo ha costretto ad uscire dall aula a suon di calci nel sedere, poi, lo ha fatto rientrare e gli ha spinto la testa sul banco, lo ha colpito alla schiena con una serie di pugni, gli ha lanciato contro i libri, procurandogli ferite al viso e ad un gomito. Lo ha insultato e ha offeso anche la sua Maestro elementare picchia e insulta un alunno davanti ai compagni di classe 413 Lʼuomo patteggia la pena in sede penale: per la legge ha abusato dei mezzi di correzione e disciplina. Ora arriva la richiesta di risarcimento danni. mamma e la sua sorellina. Il bambino torna a casa e tra le lacrime racconta tutto. Ora i genitori di Michele hanno chiesto, per tramite del loro legale, l avvocato Marcello Magarelli, venticinquemila euro. Il maestro ha rilanciato e si è detto disposto ad arrivare al massimo a settemila euro comprese le spese legali. Il tribunale deciderà sulla questione a novembre prossimo. Resta da chiedersi però se, in qualche misura, si può quantificare l eventuale trauma psicologico subito dal bambino. Soprattutto se una somma di denaro, a prescindere dall entità della somma, può funzionare come una spugna e possa riuscire a cancellare ogni cosa. Intanto il maestro protagonista di questa storia insegna ancora nella stessa scuola elementare. Per i modi, decisamente discutibili, adottati con Michele è stato sottoposto a procedimento disciplinare dall autorità scolastica regionale e ne ha subito le conseguenze. Ha chiesto di essere trasferito con l inizio del prossimo anno scolastico in un altra scuola. Ma quel suo scatto d ira rischia di costargli davvero caro.

9 mercoledì 28 maggio 28 Cronaca 9 Parco di Levante: grido di allarme di un cittadino 414 Lʼarea verde completamente abbandonata è diventata terra di conquista per vandali e delinquenti. Necessari interventi immediati e riparatori. "Gentile Il Fatto, vorrei richiamare la vostra attenzione su di un "fatto" inacettabile per molti abitanti della zona Levante. Sopratutto per gli abitanti più piccoli del quartiere. Mi riferisco alle condizioni in cui si trova attualmente il giardinetto in via Calabrese, nei pressi dell'asilo-- nido comunale, l'unico spazio giochi nelle vicinanze (non tenendo conto della villa comunale, ove i nostri piccoli giocano "all'aria aperta" circondati dal carosello delle auto, respirando i gas di scarico, prodotti da esse; considerando l'intensità di trafffico cittadino è sicuramente molto "salutare"). Il Parco di Levante è in condizioni disastrose: non vi è una giostrina integra, dal punto di vista igienico la situazione è disperata. La scorsa estate, in occasione di una rassegna teatrale, Molfetta è stata nominata "La capitale dei bambini". Vedendo il Parco di Levante sorge qualche dubbio. Nel numero 6 de "Il Fatto" ho letto che il comune ha stanziato un millione di euro per l'arredo urbano e previsto nuovi parcheggi a pagamento. Sicuramente queste iniziative hanno priorità sulla ristruturazione dello spazio giochi e verde a disposizione della gente del futuro, cioè i bambini? I nostri figli non giocano più all'aria aperta, non socializzano se non nelle mura scolastiche, delle palestre, dei laboratori. Attività lodevoli, ma incomparabili con il gioco libero. Molti genitori sono dello stesso mio parere e spero tanto che qualcun'altro impugnerà la penna per sostenere questa causa. E' necessario richiamare l'attenzione dell'amministrazione comunale alle esigenze dei cittadini che anche se piccoli sono importanti. Forse ora è il momento adatto, considerando maggiore "sensibilità politica", cercare di ricostruire per i bambini lo spazio giochi per giocare in libertà e sicurezza". Questa è la lettera inviataci via mail da un lettore. Non si tratta certamente di un giornalista ma è riuscito in poche righe a descrivere lo stato di assoluto abbandono in cui versa attualmente il cosiddetto parco giochi di Levante. E del resto le foto scattate dal nostro reporter non fanno che confermare quanto denunciato dal cittadino e testimoniano l assoluta mancanza di interventi da parte dell amministrazione comunale. I numerosi danni rilevati all interno dell area verde non sono certamente comparsi nel breve periodo di interregno del commissario prefettizio, né tantomeno nel mese trascorso tra il turno di ballottaggio e la nomina della nuova giunta. I danni, e sono tanti, appaiono sin troppo datati: chi è il responsabile del mancato controllo? Ed ancor più chi è colui che avrebbe dovuto provvedere ad una messa in sicurezza del giardino e che sinora non lo ha ancora fatto preferendo piuttosto stare a poltrire in qualche ufficio del comune di Molfetta? Ai nostri nuovi amministratori chiediamo una risposta o, in alternativa, interventi immediati per riparare i danni. Magari poi allargando il campo di azione anche al parco di Ponente ed al mai aperto parco di Mezzogiorno. Anche quelle aree verdi che sembrano essere state del tutto dimenticate da chi ha il dovere di garantire a tutti, sempre, una città migliore.

10

11 mercoledì 28 maggio 28 Giunta & Consiglio 11 LA NUOVA GIUNTA COMUNALE SINDACO ANTONIO AZZOLLINI PIETRO UVA VICE SINDACO Nato a Molfetta il 25 ottobre 1955, 52 anni, laureato in Giurisprudenza presso lʼuniversità degli Studi di Bari, è avvocato civilista esperto in questioni urbanistiche. Già membro della Direzione Nazionale del Partito Repubblicano Italiano, diviene per la prima volta assessore allʼurbanistica nel 21 mantenendo la carica fino al 25. Nel 26 entra a far parte della giunta guidata da Antonio Azzollini con delega ancora allʼurbanistica. È portavoce del movimento Molfetta in Azione. SAVERIO TAMMACCO Nato a Molfetta il 23 settembre 1968, 39 anni, laureato in Economia e Commercio presso lʼuniversità degli Studi di Bari è Direttore Responsabile del Centro Studi Levante. Dal 21 al 25 ricopre la carica di assessore alle attività Produttive e ai Finanziamenti seguendo lʼistituzione dello Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di Molfetta. Nel 26 viene eletto Consigliere Comunale e diviene componente della II Commissione Consiliare Permanente alle Attività Produttive e allʼambiente. Alle ultime elezioni amministrative è stato eletto tra le fila del Popolo della Libertà con 714 preferenze. GIACOMO SPADAVECCHIA Nato a Bisceglie il 12 febbraio 1967, 41 anni, diplomato in ragioneria, è imprenditore. Dal 1996 al 21 è stato componente del Consiglio Direttivo cittadino di Forza Italia. Dal 21 al 25 è consigliere comunale di Forza Italia e membro della commissione permanente consiliare Urbanistica. Rieletto nel 26, viene nominato presidente della Commissione Urbanistica ricoprendo lʼincarico sino al 28. Alle ultime elezioni amministrative è stato eletto tra le fila del Popolo della Libertà con 636 preferenze. GIULIO LA GRASTA Nato a Molfetta il 25 settembre 1962, 46 anni, diplomato specializzato in Telecomunicazioni Marittime, è impiegato amministrativo presso gli uffici S.A.S.N. (Servizi Assistenza Sanitaria ai Naviganti - Ministero della Salute) di Molfetta. Dal 21 al 24 è presidente del IV Circolo didattico Don Cosmo Azzollini. È Consigliere comunale (nel gruppo Centro Cristiano Democratico) dallʼottobre del 24 fino al 26, durante i quali fa parte della V commissione permanente per le Politiche sociali, solidarietà, volontariato e politiche giovanili. Rieletto nel 26 con Forza Italia, assume fino al 28 la carica di assessore alle Attività Produttive e Mercati nella precedente Giunta comunale guidata da Antonio Azzollini. Alle ultime elezioni amministrative è stato eletto tra le fila del Popolo della Libertà con 668 preferenze. LEO PETRUZZELLA LUIGI ROSELLI DOMENICO CORRIERI Nato a Molfetta il 7 giugno 1949, 59 anni, è tecnico di laboratorio di analisi cliniche e microbiologiche presso lʼospedale di Molfetta. La sua esperienza politica inizia nel lontano 1981 come segretario amministrativo ed organizzativo del Psdi. Nel 1998 aderisce a Forza Italia come membro dellʼosservatorio Settore Sanità. Nel 21 è eletto Consigliere comunale diventando capogruppo di Forza Italia fino al 23. Dal 21 al 25 assume il ruolo di Consigliere Delegato del progetto Città Sane-Oms. Dal 23 al 25 è Presidente del Consiglio comunale. Nel 26, rieletto in Consiglio Comunale, diventa assessore con delega ai Fondi Europei, Turismo e Affari Generali. Alle ultime elezioni amministrative è stato eletto tra le fila del Popolo della Libertà con 549 preferenze. Nato a Molfetta il 16 gennaio 1966, 42 anni, ottico, è assessore uscente. È eletto per la prima volta Consigliere Comunale nel 21 assumendo la carica di capogruppo di Molfetta che Vogliamo. Nel 26, candidato con lʼunione di Centro, viene riconfermato nella massima assise cittadina rivestendo la carica di Assessore allo Sport nella precedente Giunta guidata dal sindaco Antonio Azzollini. Alle ultime elezioni amministrative è stato eletto tra le fila di Molfetta in Azione con 679 preferenze. Nato a Molfetta il 9 Giugno 1969, 39 anni, laureato in Medicina e Chirurgia, ha successivamente conseguito la specializzazione in Pediatria e il Perfezionamento in Immunoallergologia pediatrica. Dirigente medico presso lʼunità operativa di Pediatria a Barletta, è consulente scientifico del progetto Città sane Oms del Comune di Molfetta. Dirige il Centro di Formazione in PBLSD (Pediatric Basic Life Support Defibrillation) ed è esponente del Direttivo Regionale SIMEUP (Società Italiana Medicina, Emergenza, Urgenza Pediatrica). Roselli è dal 26 Consigliere Comunale e vanta la presidenza della Seconda Commissione Consiliare Permanente alle Attività Produttive. Alle ultime elezioni amministrative è stato eletto tra le fila di Molfetta in Azione con 59 preferenze. Nato a Molfetta il 2 Aprile 1969, 39 anni, laureato in Giurisprudenza presso lʼuniversità degli Studi di Bari (tesi di laurea in Scienze delle Finanze e Diritto Tributario), è avvocato. Eletto per la prima volta Consigliere Comunale nel 1998, fa parte della massima assise cittadina anche negli anni Nel 1996 è stato eletto Consigliere di amministrazione del Consorzio Area di Sviluppo industriale di Bari (Asi), carica che ha ricoperto sino al 21. Dal 1998 fino al 22 è vice presidente del Patto Territoriale per la Conca Barese. Nel 28 è stato eletto tra le file del Movimento per Autonomia Sud con 45 preferenze. Nato a Molfetta il 26 ottobre 1953, 55 anni, laureato in Scienze Politiche presso lʼuniversità degli Studi di Bari (discutendo una tesi su Lʼintervento straordinario nel Mezzogiorno ). Dal 1981 è Direttore Csf Enaip di Molfetta e docente di Alta Formazione in materia di cultura, lavoro e legislazione sociale. Dal 1981 al 1991 è assessore con delega allʼannona e Polizia Urbana, Servizi Sociali, Urbanistica e Lavori Pubblici, Attività Produttive e personale. Dal 22 ad oggi riveste la carica di Presidente del Nucleo di Valutazione dei dirigenti presso il Comune di Molfetta. Dal 26 al 28 ritorna a Palazzo di Città come assessore al Bilancio, Finanze e Programmazione. Alle ultime elezioni amministrative è stato eletto tra le fila di Molfetta in Azione con 418 preferenze. ENZO SPADAVECCHIA MARIANO CAPUTO MISTER X???

12 12 Giunta & Consiglio IL CONSIGLIO COMU Michele Palmiotti Giovanni Annese Pietro Mastropasqua Giuseppe de Bari Pasquale Giancola Mauro Spaccavento Nicola Camporeale Francesco Nappi Mario Amato Pino de Candia Saverio Patimo Giovanni Abbattista Leonardo Siragusa Adele Claudio Nicola Piergiovanni

13 mercoledì 28 maggio NALE DI MOLFETTA Paola Latino Giovanni Mezzina Vito de Ceglia Angelo Marzano Giovannangelo de Gennaro Mauro Magarelli Lele Sgherza Raffaele La Ghezza Mauro Giancaspro Michele di Molfetta Pino Amato Carmela Minuto Mauro de Robertis Mino Salvemini Consigliere PINCO PALLO Antonello Zaza

14 14 Giunta & Consiglio mercoledì 28 maggio 28 Per saperne di più 415 Il Consiglio Comunale è l'organo rappresentativo della comunità dalla quale è eletto. È composto dal Sindaco e da 3 consiglieri comunali. Spetta al Consiglio stabilire gli indirizzi politico-amministrativi dell'ente e controllarne l'attuazione. Il Consiglio comunale adotta gli atti fondamentali del Comune ed in particolare approva: gli Statuti dell'ente e delle aziende Speciali; i regolamenti; l'ordinamento degli uffici e dei servizi; i programmi di opere pubbliche, i piani territoriali urbanistici; i bilanci annuali e pluriennali, i conti consuntivi; le piante organiche del personale; le convenzioni tra i Comuni e quelle tra Comuni e Provincia; l'istituzione, i compiti e le norme sul funzionamento degli organismi di decentramento e di partecipazione; l'assunzione diretta dei servizi pubblici, la costituzione di aziende speciali, la concessione dei pubblici servizi, la partecipazione dell'ente locale a società di capitale, l'affidamento di attività o servizi mediante convenzione; l'istituzione e l'ordinamento dei tributi e la disciplina generale delle tariffe per la fruizione dei beni e dei servizi; la contrazione dei mutui e l'emissione dei prestiti obbligazionari; gli acquisti e le alienazioni immobiliari, le relative permute, gli appalti e le concessioni che non siano previsti espressamente in atti fondamentali del Consiglio o che non ne costituiscano mera esecuzione e che, comunque, non rientrino nella ordinaria amministrazione di funzioni e servizi di competenza della Giunta comunale, del Segretario o di altri funzionari; a definizione degli indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti del Comune presso Enti, Aziende ed istituzioni, nonchè la nomina dei rappresentanti del Consiglio presso enti, aziende ed istituzioni ad esso espressamente riservata dalla legge; l'adozione di risoluzioni, mozioni, ordini del giorno per esprimere gli orientamenti su temi ed avvenimenti di carattere politico, sociale, economico e culturale. Il Consiglio comunale si avvale per i suoi lavori di Commissioni consiliari. I Consiglieri comunali hanno diritto di iniziativa su ogni questione sottoposta alla deliberazione del Consiglio comunale. Hanno inoltre il diritto di presentare interrogazioni e mozioni. La Giunta Comunale è composta dal Sindaco, che la presiede, e da 1 assessori, nominati dal Sindaco. La Giunta collabora con il Sindaco nell'amministrazione del Comune ed opera attraverso deliberazioni collegiali. La Giunta comunale compie gli atti di amministrazione che non siano riservati dalla legge al consiglio e che non rientrino nelle competenze del sindaco, degli organi di decentramento, del segretario o dei funzionari dirigenti. La Giunta collabora con il Sindaco nella attuazione degli indirizzi generali del consiglio, riferisce annualmente, sempre al Consiglio comunale, sulla propria attività e svolge attività propositiva e di impulso nei confronti dello stesso Consiglio.

15 mercoledì 28 maggio 28 Cultura & Spettacoli 15 Fabio ed Ester: la danza scorre nelle loro vene I due ballerini molfettesi si sono laureati campioni italiani a San Sepolcro lo scorso 2 maggio. Corpo sinuoso e longilineo lei, armonico e asciutto lui. Questi probabilmente i primi ingredienti del successo strepitoso ottenuto in questi ultimi anni da due ballerini molfettesi Ester Spadavecchia e Fabio Sgherza, entrambi ventunenni con alle spalle un curriculum corposo e ineccepibile. Specializzati in danze latino-americane e caraibiche, tra cui la salsa portoricana, Ester e Fabio stanno continuando a macinare successi, regalandosi grandi soddisfazioni: l ultima in ordine di tempo, la vittoria nel campionato italiano di salsa portoricana, disputatosi il 2 maggio scorso a San Sepolcro, nella categoria amatori classe A. Quella del ballo, ci dicono Fabio ed Ester, è una passione nata sin da piccoli. Nonostante i due talenti molfettesi, che attualmente gareggiano insieme, si dicano inseparabili, per un lungo periodo hanno intrapreso professionalmente strade differenti seppur parallele, danzando con altri partner provenienti da tutta Italia. Questo spiega il diverso curriculum che entrambi sono lieti di sfoggiare con grande soddisfazione. Ester Spadavecchia ha vinto una competizione internazionale a Miami, è stata vicecampionessa mondiale a Riga (in Lettonia) per i balli latinoamericani e finalista al German Open; mentre tra i successi di Fabio Sgherza ricordiamo la conquista del campionato italiano di salsa portoricana e la vittoria della Salsa World Festival a Reggio Calabria. Sì è vero abbiamo percorso strade differenti affermano Fabio ed Ester ma tutto ciò ha contribuito a farci acquisire una maggiore completezza ed esperienza nelle varie categorie. Per ottenere simili risultati è necessaria tanta dedizione e sacrificio, non solo personale ma anche economico. Attualmente Ester e Fabio continuano a prendere lezioni da rinomati insegnanti internazionali e da due maestri molfettesi, Giuseppe Spadavecchia e Antonella Aurora, titolari della scuola di ballo Cayo Loco. Coltivano la passione del ballo, ma non vogliono sentire parlare della danza come unica scelta professionale. Da questo si evince l ambizione di Fabio, studente in ingegneria, e la determinazione di Ester, impiegata in un agenzia immobiliare. Non possiamo che augurare tanta fortuna ai due talenti molfettesi e un in bocca al lupo per una pronta guarigione a Fabio, costretto attualmente a camminare con l ausilio di stampelle a causa di un incidente stradale. 416 Le caricature femminili tipiche del suo linguaggio popolare e l irridente descrizione dei vezzi di un aristocrazia decadente, sono i temi portanti della sedicesima opera del commediografo Carlo Goldoni, I pettegolezzi delle donne, che andrà in scena il 2 giugno presso il Teatro Odeon di Molfetta grazie ad una singolare rappresentazione curata dalla compagnia teatrale molfettese Il Carro dei Comici. Proprio attraverso la rappresentazione dell ultima delle sedici commedie che il drammaturgo veneziano scrisse nel 175, si chiude il corso di teatro I Teoremi delle Maschere destinato agli allievi attori che già da quattro anni seguono Il Carro dei Comici. La particolarità dell opera, come ha tenuto a Il Carro dei Comici porta in scena Carlo Goldoni 417 Lʼappuntamento del 2 giugno a conclusione del corso di teatro tenuto dallʼassociazione teatrale molfettese. sottolineare il regista Francesco Tammacco, consiste nella totale sintonia di recitazione, musica e danza grazie alla partecipazione della scuola Artedanza di Bisceglie e alle musiche originali scritte e dirette da Federico Ancona ed eseguite dagli allievi del Da Vinci Modern ensamble. Quest opera rappresenta un vero e proprio esame di maturità per gli attori che hanno frequentato il corso -ha detto Francesco Tammacco in quanto abbiamo lavorato sulla grammatica teatrale e compiuto studi sul teatro, attuando, attraverso la commedia dell arte, una diversa modalità di produzione di spettacoli. Tra le difficoltà di questa rappresentazione in due atti ha proseguito Tammacco c è la capacità di mettere insieme recitazione, musica e danza, oltre al difficile apprendimento per gli attori del dialetto veneziano, ovvero la lingua originale utilizzata da Goldoni nelle sue opere. Le maschere sono state create dagli stessi attori all interno del laboratorio di costruzione di maschere in cartapesta e scenografia curato da Matteo Altomare; mentre i costumi sono stati concessi dall ITCGT Salvemini di Molfetta e curati da Mariella Binetti. I pettegolezzi delle donne è un opera in cui emerge tutta la singolarità e la semplicità della classe popolare, a volte maliziosa e spudorata. L opera stesse dipinge Venezia come una città viva che a tratti sorride di sé stessa, nella quale le ciacole femminili si attorcigliano e diventano motivo di scoppiettati litigi e di dolcissime riappacificazioni. Tutti aspetti che hanno indotto gli allievi de Il Carro dei Comici a studiare a fondo le caratteristiche dei personaggi interpretati, cercando nella continuità dell azione e nella costante ricerca dell espressività i motivi fondamentali dello scorrere della vicenda. Per chi avesse il piacere di assistere alla commedia goldoniana, ricordiamo che il costo del biglietto è di 7 euro in platea e 6 euro in galleria, acquistabile presso il Teatro Odeon o Ticonzero, nel Centro Storico, in Via Termiti, 21.

16 16 Cultura & Spettacoli mercoledì 28 maggio 28 Santa Cecilia : una banda, la sua musica, le sue tradizioni 418 Il complesso contribuisce a tenere viva un aspetto culturale della città da molti dimenticato. La Banda Musicale Santa Cecilia rappresenta oggi una che dà vita all Associazione Culturale Musicale Santa delle pochissime espressioni culturali della tradizione Cecilia Città di Molfetta, con lo scopo di creare una vera molfettese ancora esistenti. La sua storia però è abbastanza recente. Nasce soltanto nell 1996 grazie alla straordi- realtà l obiettivo finale: sfornare elementi nuovi da e propria scuola di musica, propedeutica a quello che è in naria intuizione di alcuni soci fondatori come Mino inserire nella Banda, la stessa che allieta con la sua Altamura, Felice Guarino, Girolamo de Ceglia e Domenico Camporeale. Un progetto davvero molto ambizioso contribuisce a tingere di mistero le processioni musica la stragrande maggioranza delle festività locali e pasquali attraverso l esecuzione delle marce funebri. L attuale Banda S. Cecilia è costituita da oltre 5 elementi e vede come maestro e direttore artistico Michele Consueto, titolare della cattedra di clarinetto presso il Conservatorio di Bari e quindi garanzia di professionalità. Il presidente dell omonima Associazione Culturale Musicale, ubicata in via S. Caterina 14, è invece Leonardo Scardigno. La nostra associazione ha affermato il vicepresidente Gaetano Calò è anche una scuola popolare di musica dove si insegna a suonare la tromba, l oboe, il clarinetto, il sassofono e le percussioni. Invece, parlando più propriamente della Banda, è bene precisare che è sempre viva al suo interno un intensa attività settimanale. Amo definire la banda ha continuato Calò vera e propria cultura a basso prezzo, capace di fare da colonna sonora a tutte le festività. A dire il vero però tutto rose fiori proprio non è, viste le continue ed onerose spese per mantenere in vita questa realtà. Questo è l aspetto che a volta ci scoraggia ha detto Calò- in quanto le spese da sostenere sono sempre più alte e i compensi ricevuti dopo le festività per cui ci esibiamo sono davvero ridicoli. Soltanto la passione ci permette di andare avanti. In questo senso proprio grazie ai ragazzi che frequentano la nostra scuola popolare in futuro potremmo garantire una certa continuità con le tradizioni molfettesi. Non sarebbe assolutamente male per il Comune di Molfetta, come aveva anche sottolineato lo stesso maestro Riccardo Muti, stanziare dei fondi per il sostegno delle bande cittadine, visto il bagaglio culturale che si portano dietro. I prossimi appuntamenti per la Banda S. Cecilia saranno quelli del 1 giugno per la processione della Visitazione, del 14 giugno per quella di S. Antonio e del 27 luglio per quella di S. Anna. Da non dimenticare naturalmente l appuntamento con i pezzi lirico-sinfonici con i quali la Banda S. Cecilia si esibirà durante la festa patronale della Madonna dei Martiri.

17 mercoledì 28 maggio 28 Attualitaʼ 17 Il vento di speranza di Sicilia libera travolge anche Bari 419 Lʼassociazione provinciale antiracket antiusura di Molfetta in primo piano nellʼorganizzazione della manifestazione itinerante che mette al bando il pizzo I pizzini come moneta ufficiale per poter fare acquisti. Piazza Ferrarese per due giorni, sabato 24 e domenica 25 maggio, si è colorata dei profumi e dei sapori di Sicilia. Dopo Campo de fiori a Roma la manifestazione Sicilia libera ha fatto tappa in Puglia superando ogni aspettativa: sono stati venduti ventimila pizzini. L iniziativa, promossa in favore della legalità e contro il racket, è stata organizzata dalla FAI (Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane) rappresentata da Tano Grasso, in collaborazione con l Antica Focacceria San Francesco, la Regione siciliana e le associazioni Libera ed Addiopizzo, da Confindustria Sicilia. In Puglia è stata sposata dalla Regione, dalla Provincia, dal Comune di Bari e dall associazione provinciale antiracket antiusura di Molfetta. Ringrazio tutti quelli che ha detto Renato De Scisciolo, presidente dell associazione - hanno animato questi due giorni. E evidente che Bari e la Puglia sono con noi. L obiettivo del programma è quello di dare maggiore enfasi al movimento di risveglio e di grande cambiamento che sta attraversando la nazione. E il capoluogo barese non poteva mancare tra l elenco delle città ospiti. Prossima tappa, l 8 e il 9 giugno, a Napoli. MESI Sicilia Libera 28 calendario di massima MARZO MAGGIO MAGGIO MAGGIO MAGGIO MAGGIO GIUGNO GIUGNO GIUGNO AGOSTO SETTEMBRE SETTEMBRE SETTEMBRE OTTOBRE OTTOBRE OTTOBRE NOVEMBRE NOVEMBRE NOVEMBRE ROMA BARI TORINO BOLOGNA MILANO CAPO DʼORLANDO BERLINO FIRENZE NAPOLI BARCELLONA MOSCA VERONA PARMA CHICAGO MIAMI NEW YORK CATANIA MESSINA GELA COMUNE L associazione provinciale antiracket opera sul territorio da oltre dieci anni. Numerosi sono i casi che ha trattato con successo. L associazione garantisce tutela legale; predispone direttive di intervento e strategie di ripresa economica; informa le vittime del racket e dell usura sulle modalità di accesso ai fondi di solidarietà che offrono sostegno economico alle vittime che hanno deciso di denunciare. La denuncia è un coraggioso atto di resistenza e opposizione al fenomeno illegale che richiede risolutezza e tempestività. La paura e la solitudine sono i principali freni alla ribellione. Adesso non sei più solo. Con l aiuto delle Associazioni antiracket vincerai la tua battaglia contro chi ti ha tolto la dignità ed il rispetto di te stesso. Contattaci al numero L iniziativa Sicilia Libera ha avuto il battesimo a Palermo il 9 Marzo 28. Consiste nell organizzazione di manifestazioni di piazza articolati in 22 appuntamenti che vedranno protagoniste le domeniche in 22 piazze italiane dove sarà allestito un impianto video per la proiezione di cortometraggi e documentari inerenti i temi della legalità, dell antimafia e dell antiracket; ed ancora saranno presenti con i loro stand e con materiale promozionale di vario genere (libri; magliette e gadget vari) le associazioni promotrici Libera, Addiopizzo, la Fondazione Caponnetto, la Fondazione Pino Puglisi e la Fondazione Rocco Chinnici. Numerosi anche gli artisti che, con varie performance di breve durata, hanno vivacizzato le due giornate. Più in dettaglio l iniziativa Sicilia Libera consiste nell allestimento di una serie di scenografiche e coloratissime bancarelle tipiche da mercato siciliano con relativi banconi per la vendita di tipico cibo da strada: u stigghiularo ; u purparo ; u meusaru ; u nsalataru ; u panillaru ; u sfinciunaru ; u dolciere. In piazza Ferrarese sono state allestite dall Antica Focacceria San Francesco scenografiche e coloratissime bancarelle tipiche da mercato siciliano con relativi banconi per la vendita di tipico cibo da strada. L Antica Focacceria San Francesco, storico locale palermitano, è oggi simbolo della lotta al racket per una libertà d impresa in Sicilia a seguito del gesto di Vincenzo Conticello, erede insieme al fratello Fabio dello storico locale, il quale opponendosi alle estorsioni della mafia ha denunciato e riconosciuto i suoi estorsori in tribunale. Caparezza ha aperto la manifestazione Con il suo contributo video piazza Ferrarese si è accesa Mi dispiace non essere in piazza con voi in questo momento ma sono in Sicilia, quella Sicilia che noi tutti auspichiamo libera dal problema del racket che però non è soltanto un problema siciliano. Purtroppo è un problema che riguarda anche noi pugliesi e in generale tutta la situazione italiana. Io credo che bisogna comunque non arrendersi e cercare di appoggiare le associazioni e le federazioni che, con manifestazioni come quella odierna, tentano di sollevare il problema e, in qualche modo, di risolverlo. Diamo una mano a queste realtà perché soltanto in questo modo potremmo migliorare il nostro Paese da tanti punti di vista soprattutto da quello culturale che purtroppo è il momento principale di questa nazione.

18 18 Offro Lavoro mercoledì 28 maggio 28 OFFRO LAVORO Il fatto.net ha selezionato per voi dai motori di ricreca alcuni annunci di lavoro. Alcuni annunci saranno ripetuti ma vale sempre la pena consultarli tutti. Negli annunci diretti troverete gli annunci fatti direttamente alla nostra redazione. Il servizio di annunci è totalmente gratuito e la radazione non si assume alcuna responsabilità circa la bontà delle inserzioni. Per maggiori informazioni e aggiornamenti consultate il sito nellʼarea OFFRO LAVORO. ANNUNCI DIRETTI La Elianto srl ricerca per il proprio call center in Molfetta, OPERATORI / TRICI TELEFONICHE, per la vendita dei propri prodotti. Si offre Contratto a Progetto, formazione professionale, ambiente giovane e dinamico e possibilità di assunzione a tempo indeterminato. Possibilità di part-time. Inviare curriculum a: Mail: - Fax: Telefono: Posta: Via Don Minzoni, 3/31 - Molfetta (BA) - Web: In vista della prossima stagione estiva il gruppo Jubilee ricerca personale per l'impiego nelle ore notturne nella discoteca Jubileebeach e nelle ore diurne nel Lido Villaggio Nettuno. Diverse le figure ricercate Jubilee beach Barlady (ragazze 2-27 anche prima esperienza, all'inizio della stagione sarà fornito corso gratuito di introduzione), Cassiere (ragazze di belle presenza 23-27, esperienze precedenti di contabilità saranno valutate),camerieri champagnerie (ambosessi 2-27, espererienze precedenti saranno valutate), Comies e raccolta bicchieri (ragazzi 2-25 anche prima esperienza), Ingresso privè (ambosessi di bella presenza 23-27) Lido villaggio nettuno Bagnini (brevettati), Animatori mini club (anche prima esperienza), Animatori adulti (Esperienze precedenti saranno valutate), Banconisti bar (ambosessi, esperienze precedenti saranno valutate), Addetti ai servizi igienici (anche prima esperienza) Per info inviare una mail all'indirizzo allegando foto e se necessario breve curriculum CAFFÈ AL DUOMO per la stagione estiva 28 ricerca personale qualificato con mansione di barman e cameriere. Si richiede grande predisposizione al lavoro di gruppo. Per informazioni contattare Josef al numero AGENZIA GENERALE DI MOLFETTA SELEZIONIAMO ASPIRANTI CONSULENTI ASSICURATIVI E FINANZIARI DI ETAʼ COMPRESA TRA I 25 ED I 45 ANNI. LʼATTIVITAʼ SARAʼ PRECEDUTA DA UN CORSO GRATUITO DI FORMAZIONE E AFFIANCAMENTO DI UN TUTOR. LA RETRIBUZIONE Eʼ COMPOSTA DA UN GARANTITO, PROVVIGIONI DʼACQUISIZIONE E INCENTIVI DI PRODUZIONE. CHIAMARE IL OPPURE IL PER APPUNTAMENTO. VILLAGGIO NETTUNO Per la nuova stagione estiva del Lido Villaggio Nettuno di Molfetta, cercasi Animatori/trici di contatto, con esperienza teatrale e/o musicale. Si ricercano inoltre animatori/trici per il mini club. Per informazioni e/o invio curriculum: - SWING PUB CERCA aiuto banconista anche prima esperienza, disponibilitaʼ partime full-time - info 8/ TIPOGRAFIA Stiamo cercando uno Stampatore Offset su Speed Master. Trattamento economico come da CCNL. Inviare curriculum. sede Molfetta PLAYA DEL SOL ricerca personale con esperienza per la nuova stagione. pizzaiolo, cuoco, aiuto cuoco, cameriere. chiamare al s.s. 16 molfetta - giovinazzo ORMANT SRL PER PROSSIMA APERTURA FILIALE DIRETTA IN GERMANIA CERCA RESPONSABILE VENDITE CON ESPERIENZA E OTTIMA CONOSCENZA DELLA LINGUA TEDESCA. - PER PROSSIMA APERTURA FILIALE DIRETTA IN GERMANIA CERCA RESPONSABILE MAGAZZINO CON ESPERIENZA E OTTIMA CONOSCENZA DELLA LINGUA TEDESCA. INVIARE CURRICULUM AL FAX 8/ O ACTIVA SRL CERCA PROGRAMMATORE ESPERTO IN LINGUAGGIO PHP5 - C - INVIARE CURRICULUM AL FAX O AIDA SERVIZI cerca operatori telefonici - requisiti - diploma e buona conoscenza del pc- per informazioni Aida service via stoccolma, 7 z.i. uscita sud s.s. 16 bis 752 bisceglie (ba) tel 8/ fax 8/ ALTER RICERCA MEDICI E INFERMIERI per la stagione estiva 28: COLLEGE ALLʼESTERO Inghilterra Irlanda Gaslles Scozia - Malta. CENTRI ESTIVI IN ITALIA Abruzzo Campania Puglia Lombardia. Il periodo di lavoro è compreso tra i mesi di giugno e di agosto.si richiede una disponibilità minima di 15 giorni. Retribuzione Vitto e alloggio sono a carico dellʼazienda. Per i soggiorni allʼestero il viaggio aereo è a carico dellʼazienda. I medici e gli infermieri interessati potranno richiedere ad Alter una job description relativa alla propria mansione e tutti i chiarimenti di cui necessitano, contattando la nostra nuova sede al numero ore 9. alle 13. oppure ALTER RICERCA PER LAVORO IN COLLEGE ALLʼESTERO 1 ANIMATORI SPORTIVI: (età minima 23 anni diploma ISEF o laurea in Scienze Motorie conoscenza dellʼinglese disponibilità minima 3gg.); 1 ANIMATORI RICREATIVO- CULTURALI: (età minima 23 anni diploma di maturità attestati relativi a corsi di teatro o altro conoscenza dellʼinglese disponibilità minima 3 gg.); 3 ACCOMPA- GNATORI GROUP LEADER: (età minima 23 anni diploma di maturità conoscenza dellʼinglese disponibilità minima 15 gg.); 1 ASSISTENTI PER DIVERSAMENTE ABILI: (età minima 23 anni diploma di maturità specializzazione e attestati per lavoro con svantaggiati conoscenza dellʼinglese disponib. minima 15 gg); 5 ADDETTI ALLA LAVANDERIA: (età minima 23 anni diploma di maturità conoscenza dellʼinglese disponibilità minima 3 gg.); PER LAVORO PRESSO SOGGIORNI ESTIVI IN ITALIA 1 ANIMATORI SPORTIVO: (età minima 21 anni diploma ISEF o laurea in Scienze Motorie disponibilità minima 3gg.); 1 ANIMATORI RICREATIVO-CULTURALI: (età minima 21 anni diploma di maturità attestati relativi a corsi di teatro o altro disponibilità minima 3 gg.); 2 ASSISTENTI : (età minima 19 anni diploma di maturità disponibilità minima 15 gg.); 1 ASSISTENTI PER DIVERSAMENTE ABILI: (età minima 21 anni diploma di maturità specializzazione e attestati per lavoro con svantaggiati disponib. minima 15 gg); Il periodo di lavoro è compreso tra i mesi di giugno e di agosto. Inviare c.v. a entro il 2/3/28 Alter Agenzia per il Lavoro sul territorio Via Rosa Picca, Molfetta (BA) Tel FONTE: JOBVRAWLER ESPERTI JAVA Importante e prestigiosa azienda specializzata nella realizzazione dei sistemi informatici, cerca esperti java tali profili saranno coinvolto in un processo di formazione di cinque settimane al termine del quale saranno valutati per una opportunità all'interno dell'azienda committente. si richiede: laurea in informatica o in ingegneria informatica, ottima conoscenza ed utilizzo di java. cos... Annuncio del :18 Fonte: Avantjob Tipologia: Aut. Min. Per inserire un'offerta di lavoro basta inviare il testo con l'inserzione nella nostra

19 mercoledì 28 maggio 28 Sport 19 Obiettivo centrato: la Molfetta Volley, storica società pallavolistica molfettese, battendo la Polisportiva Azzurra Lecce nel doppio confronto valido per i play out del campionato di serie C (3 a 1 all'andata in Salento, 3- nel ritorno a Molfetta) ha conquistato la meritata e sudata salvezza. Un traguardo raggiunto con tanto sacrificio da parte di tutto lo staff dirigenziale, dei tecnici e delle giocatrici che giorno dopo giorno hanno lavorato per raggiungere questo importante obiettivo. L ultimo set della stagione è stato decisamente il più bello e può essere ritenuto il sunto dell intero campionato biancorosso. Scambi avvincenti, recuperi al limite, attacchi spettacolari, si sono succeduti dall inizio alla fine e quando Giorgia Valente, una delle protagoniste di questa difficile stagione agonistica ha indirizzato il diagonale vincente del 25-23, il Pala Poli si è trasformato in un autentica bolgia. La storica società di pallavolo femminile molfettese per la quarta stagione consecutiva disputerà la massima serie regionale. "È stata un annata splendida, direi anche migliore di quella dell anno scorso" ha commentato a caldo Dino La Rocca, vice presidente del sodalizio. "Grandissimi meriti al mister Corrado Minervini che ha saputo valorizzare le nostre giovanissime atlete, dando loro fiducia in particolare nei periodi critici causati dagli infortuni che abbiamo avuto". "Avremmo voluto tutti avere qui con noi Salvezza centrata! La Molfetta Volley, storica società pallavolistica locale, ha centrato lʼobiettivo programmato ad inizio stagione. A breve di nuovo in attività per programmare il futuro. Michele Salvemini e gioire insieme a lui" ha poi sottolineato La Rocca, dedicando il successo allo storico dirigente biancorosso scomparso nei primi mesi del 28. Dopo i meritati festeggiamenti, i dirigenti biancorossi saranno chiamati prestissimo ad iniziare a programmare la nuova stagione, proseguendo quanto di buono intrapreso da quest anno. Tra gli obiettivi primari valorizzare le giovani e fare affidamento sulle giocatrici di esperienza che hanno saputo insegnare 42 molto, a cominciare da Anna Ciccolella, la bandiera di questa squadra. "Per la prima volta -ha concluso La Rocca- un intera società made in Molfetta riesce a conservare la categoria". Premiato quindi a pieni voti il lavoro di mister Corrado Minervini e di tutte le atlete. Nata nel 197 grazie all iniziativa di alcuni giovani liceali allo scopo di creare un serbatoio naturale di allieve destinate alla pratica della pallavolo femminile, l Associazione Molfetta Volley ha da sempre costituito a Molfetta una realtà viva e stimolante per coloro i quali vogliano avvicinarsi alla pratica di questo sport. Promotrice dapprima di attività amatoriali, l Associazione Molfetta Volley dal 1974 s è affiliata alla Federazione Italiana Pallavolo partecipando ai campionati federali di carattere provinciale, regionale e nazionale ed arrivando, nel 1997, a disputare anche il campionato nazionale di B1. Da sempre impegnata nella valorizzazione del settore giovanile, la Società, attraverso la creazione di un florido vivaio, ha partecipato a partire dai primi anni 9 a tutti i campionati di categoria, vincendo un campionato under 18, un campionato di III^ Divisione, un campionato di II^ Divisione, un campionato Primovolley, arrivando finalista nel campionato Minivolley. Attraverso l iniziativa dei Centri di Avviamento, frequentati da oltre 1 bambine dagli otto ai tredici anni, la Società ha da sempre svolto una notevole azione di promozione allo sport. Negli ultimi anni ha intrapreso attività promozionali e gratuite all interno delle scuole dell obbligo, mettendo a disposizione i propri tecnici. S è fatta promotrice di numerosi tornei di pallavolo che hanno visto scendere sul parquet del Palazzetto un grande numero di squadre di tutti i livelli, comprese quelle al vertice dei campionati di Serie A1 e Serie A2. Virtus in finale: tutta la città attende lʼimpresa I molfettesi superano per 3 a 2 lʼabramo Catanzaro e si preparano ad incontrare la corazzata ostunese. 421 Il basket molfettese entra nella storia e lo fa dalla porta principale battendo in una tiratissima serie di cinque gare l Abramo Catanzaro ed approdando alla finale del campionato di Serie B2 che potrebbe valere la promozione in quella che dall anno prossimo sarà la Serie A Dilettanti. I biancoazzurri guidati da coach Sergio Carolillo, stringendo i denti e puntando tutto su grinta e voglia di lottare, sono riusciti nella storica impresa e a cominciare da giovedì 29 e sabato 31 maggio (Pala Poli ore 2.3) dovranno vedersela contro la corazzata Ostuni per tentare di centrare un traguardo importantissimo. Dopo la sfortunata prestazione in gara 1, disputata sul parquet amico, che aveva visto vincente l Abramo, i biancoazzurri molfettesi hanno subito riportato in parità lo score delle gare. Nel secondo incontro casalingo capitan Francesco Teofilo e soci, imponendosi per 84 ad 8 in una gara dagli alti contenuti agonistici, riuscivano a ridare entusiasmo a tutto l ambiente ed a partire alla volta della Calabria con la convinzione di essere comunque superiori al gruppo guidato in panca da coach Tunno. Al Pala Giovino di Catanzaro però l accoglienza non era certo delle migliori e tra uova lanciate al pullman che trasportava i virtussini e più di uno sputo ai giocatori, andava in scena una gara condita solo da antisportività di giocatori e dirigenti di casa, convinti di poter ottenere un risultato positivo sfruttando minacce ed intimidazioni. Un obiettivo raggiunto solo in parte con la vittoria conquistata per 73 a 69 ma senza per questo intaccare il morale dei giocatori molfettesi. Morale che tornava alle stelle in occasione di gara 4, sempre a Catanzaro, dove in un palasport gremito in ogni ordine di posto dai tifosi locali, in più occasioni ammutoliti dai fantastici sostenitori molfettesi giunti in terra calabra per sostenere la squadra, i giocatori Virtussini disputavano una gara eccezionale vincendo per 79 a 67 e rimandando l esito del turno a Gara 5. Giovedì 22 maggio, così, in un Pala Poli pronto ad esplodere, andava in scena una gara brutta da vedersi in cui la paura e la stanchezza la facevano da padrone ma era la Virtus che alla fine la spuntava vincendo per 52 a 5 e conquistando il lasciapassare per la finale.

20 2 Sport mercoledì 28 maggio 28 LʼHockey Club pronto a scendere in pista 422 Milan Club: salvezza firmata Mininni 423 Il presidente Massimo de Palma ed i suoi collaboratori hanno già allestito la squadra per la prossima stagione. Conclusa l attività agonistica del campionato nazionale di serie A2, i vertici dell Hockey Club Molfetta si sono messi subito a lavoro per allestire in breve tempo la squadra che, senza mezzi termini, nel corso della prossima stagione dovrà puntare al salto di categoria. La qualificazione ottenuta quest anno ai play off, infatti, seppur importante e prestigiosa, ha comunque lasciato un po di amaro in bocca a chi aveva sperato di rientrare immediatamente nella massima serie nazionale. A confermare le fasi di programmazione oramai avviate (ed in molti casi già concluse) sono stati gli stessi vertici societari, il presidente Massimo de Palma ed il direttore sportivo Cosimo de Ceglia, nel corso di una conferenza stampa. Annunciati quindi i nuovi arrivi della società biancorossa che, in alcuni casi, sono piacevoli ritorni. A cominciare dal difensore materano Daniele Persia, già protagonista a Molfetta nell anno della A1 e nella passata stagione a disposizione della squadra della sua città. Sempre da Matera proviene l esperto e grintoso portiere Nicola Trombetta che nel corso della passata stagione ha avuto anche una parentesi in A1 a Giovinazzo. Da Giovinazzo proviene anche il centrale offensivo Giovanni Piscitelli. Unico straniero (lo impongono da quest anno le norme federali) alla corte del riconfermato mister Josè Vianna, sarà l attaccante David Vianna, già a Molfetta nel corso della passata stagione. Confermati anche Luigi Boccassini, Maurizio Sinisi, Antonio Cirilli e Cristiano Agrimi che, con tutta probabilità, indosserà la fascia di capitano per anni appartenuta a Corrado de Robertis che ha deciso di appendere i pattini al chiodo. Un addio il suo che arriva contestualmente a quello del cinese Onofrio Spadavecchia: due bandiere dell hockey molfettese che rimarranno nei cuori di tifosi ed appassionati. Accanto al calcio plurimilionario e pluricitato che occupa le pagine dei quotidiani e dei periodici, esiste un calcio di provincia, fatto di sano entusiasmo, sacrificio e tanta voglia di far bene. Molfetta questo mondo lo conosce assai bene viste le numerose compagini impegnate nei tornei di Seconda e Terza Categoria. E proprio di una di queste squadre vogliamo oggi parlarvi. Si tratta del Milan Club di mister Nico Mininni, approdato in Seconda Categoria l'anno scorso al termine di avvincenti spareggi La compagine impegnata nel campionato di Seconda Categoria salva dopo i play out. promozione e salvatosi quest'anno nella coda play out grazie soprattutto alla grinta e determinazione di tutti i suoi uomini. Dopo aver chiuso la stagione regolare (nello stesso girone anche il Bari Sport di patron Carlo Tattoli) al terzultimo posto con 28 punti accumulati, i "diavoli" molfettesi hanno dovuto conquistare la permanenza nella doppia sfida con il Putignano. Un avversario certamente ostico e pronto a vender cara la pelle. Ed invece Fabio de Robertis e soci hanno imposto il loro gioco all'avversario di turno vincendo il match di andata, disputato a Molfetta l'11 maggio, per 4 a e pareggiando per 1 a 1 sette giorni dopo a Putignano. Una salvezza che vale la vittoria di un campionato e che certamente ha nella tenacia e nella grinta di mister Mininni il suo ingrediente più importante. Il giusto punto di partenza in vista della prossima stagione che già si preannuncia ricca di interessanti e vincenti novità.

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (modificato con delibera di C.C. n. 77 del 26.10.2015) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 PRINCIPI L Amministrazione

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di L E C C E REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 04-12-2014 1 PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con deliberazione del

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

Regolamento Comunale. Istituzione Consiglio Comunale dei Ragazzi

Regolamento Comunale. Istituzione Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Laterza Provincia di Taranto Regolamento comunale Istituzione Consiglio Comunale dei ragazzi Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.27 del 5 Giugno 2007 1 REGOLAMENTO COMUNALE ISTITUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEL FORUM DEI GIOVANI Approvato con deliberazione consiliare n. 34 del 10.10.2008 Art. 1- Istituzione 1. Il Consiglio Comunale di Pontecagnano Faiano aderendo

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI CERRETO LAZIALE

COMUNE DI CERRETO LAZIALE COMUNE DI CERRETO LAZIALE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO SOCIALE PER ANZIANI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Le parlamentari di Fli e Pdl propongono di modificare le aggravanti dell'omicidio quando la violenza nasce da un atteggiamento discriminatorio".

Dettagli

D.C.C. N. 52 DEL 29/11/2005 OGGETTO: PROPOSTA DI REVISIONE DEL REGOLAMENTO-STATUTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE. IL CONSIGLIO COMUNALE

D.C.C. N. 52 DEL 29/11/2005 OGGETTO: PROPOSTA DI REVISIONE DEL REGOLAMENTO-STATUTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE. IL CONSIGLIO COMUNALE D.C.C. N. 52 DEL 29/11/2005 OGGETTO: PROPOSTA DI REVISIONE DEL REGOLAMENTO-STATUTO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE. IL CONSIGLIO COMUNALE RICHIAMATA la D.C.C. n. 22 in data 14/06/1996 con cui si approvava il

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI SALO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 07 del 25.03.2013 Pubblicato all Albo pretorio

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

STATUTO. L Associazione si affilia alla Federazione Italiana Giuoco Calcio, impegnandosi ad osservarne lo Statuto ed i Regolamenti.

STATUTO. L Associazione si affilia alla Federazione Italiana Giuoco Calcio, impegnandosi ad osservarne lo Statuto ed i Regolamenti. Art. 1 STATUTO E costituita l Associazione Sportiva dilettantistica. L Associazione in quanto non riconosciuta è disciplinata dagli art. 36 e seguenti del Codice Civile. L Associazione ha sede in Via.

Dettagli

STATUTO SOCIALE Associazione Sportiva Dilettantistica MOTOR IN MOTION

STATUTO SOCIALE Associazione Sportiva Dilettantistica MOTOR IN MOTION STATUTO SOCIALE Associazione Sportiva Dilettantistica MOTOR IN MOTION ART. 1 COSTITUZIONE E SEDE Nello spirito della Costituzione della Repubblica italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli artt.

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera consiliare n. 91 del 19 dicembre 2006 Comune di Prata di Pordenone Consiglio Comunale

Dettagli

STATUTO. della Associazione Polisportiva Dilettantistica CLUB ARIAPERTA

STATUTO. della Associazione Polisportiva Dilettantistica CLUB ARIAPERTA STATUTO della Associazione Polisportiva Dilettantistica CLUB ARIAPERTA TITOLO I Denominazione Sede Art. 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con delibera del CdZ4 N.127 del 09/05/2013 Parte prima PRINCIPI GENERALI Art. 1 PREMESSA Il presente regolamento definisce le finalità,

Dettagli

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO APERTO POLIVALENTE ANZIANI ART. 1

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA Premessa Il Comune di Colonna istituisce il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" (CCR), come previsto dall'art. 5 Bis dello Statuto Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI 1 TITOLO I 3 Disposizioni Generali 3 Art. 1 3 Finalità 3 Art. 2 3 Obiettivi 3 Art. 3 3 Funzionamento del Regolamento del C.C.R. 3 TITOLO II 4 Il Consiglio

Dettagli

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA Atto Constitutivo e Statuto del 1998, modificato nelle Assemblee del 09.06.10 e 11.06.12 ITALIANO STATUTO DELLA

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)

REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR) REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR) Premessa I Consigli Comunali dei ragazzi (CCR) sono una realtà in diversi Paesi Europei. Queste forme di rappresentanza dei giovani si stanno diffondendo

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

La Costituzione Italiana per i ragazzi

La Costituzione Italiana per i ragazzi The International Association of Lions Clubs Distretto 108 Ib2 La Costituzione Italiana per i ragazzi www.accademiasantagiulia.it Cari ragazzi, vi domanderete chi sono i Lions e perché distribuiscono opuscoli

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ DI BENEVENTO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Titolo I Principi generali Art. 1 Il Forum della Gioventù della Provincia di Benevento è un organismo di partecipazione, rappresentanza

Dettagli

Statuto dell Associazione sportiva Motoclub S.S. 309 Chioggia-Associazione dilettantistica

Statuto dell Associazione sportiva Motoclub S.S. 309 Chioggia-Associazione dilettantistica Statuto dell Associazione sportiva Motoclub S.S. 309 Chioggia-Associazione dilettantistica Titolo I Denominazione, Sede, Scopo, Durata Art. 1) E costituita con sede in Chioggia, l Associazione Motoclub

Dettagli

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Articolo 1 Nell'ambito del programma amministrativo rivolto alla formazione civica delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi e al

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio delle ragazze e dei ragazzi di Spinea. Le

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I TITOLO II

STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I TITOLO II STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I Denominazione - sede ART. 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto

Dettagli

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 Care e cari Sanganesi, egregi Assessori, egregi Consiglieri, caro Dott. Russo, carissima Flavia oggi si insedia il nuovo Consiglio

Dettagli

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Polverara Provincia di Padova Consiglio Comunale dei Ragazzi Premessa La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (28.11.89) ratificata a tutt'oggi da ben 191 paesi, racchiude

Dettagli

CITTÀ DI MOLFETTA PROVINCIA DI BARI

CITTÀ DI MOLFETTA PROVINCIA DI BARI CITTÀ DI MOLFETTA PROVINCIA DI BARI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione straordinaria d urgenza N. 49 del 26/10/2012 Piano generale degli impianti pubblicitari Regolamento di attuazione

Dettagli

Associazione SEMI Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus. Denominazione Sede Durata

Associazione SEMI Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus. Denominazione Sede Durata STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus Denominazione Sede Durata Art. 1 E costituita l Associazione SEMI Onlus secondo gli art. 11 e seguenti del c.c. e nello spirito della Costituzione repubblicana. Art.2

Dettagli

EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE STATUTO (Giugno 2011)

EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE STATUTO (Giugno 2011) EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE STATUTO (Giugno 2011) Art. 1 Natura giuridica e durata E Istituita dal Comune di Modena, dal Comune di Cesena, dalla Provincia di Modena, dalla Regione Emilia Romagna,

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Città di Racconigi ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI RACCONIGI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 42 del 25.10.2011 1 Art. 1 - Istituzione È

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Santa Maria a Vico, riconosciuta

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO

PROGETTO ORIENTAMENTO PROGETTO Istituto Comprensivo F. De Andrè San Frediano a Settimo ANNO SCOLASTICO 2015 2016 REFERENTE Prof. Maurizio Anna Maria PROGETTO CLASSI PRIME a. s. 2015/2016 REFERENTE: Prof.ssa Maurizio DESTINATARI

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE INDICE SISTEMATICO ART.1 CONSIGLI DI QUARTIERE ART.2 COMPOSIZIONE E NOMINA DEI CONSIGLI DI QUARTIERE E DETERMINAZIONE

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Comitato Genitori Istituto Comprensivo di Stezzano

Comitato Genitori Istituto Comprensivo di Stezzano Comitato Genitori Istituto Comprensivo di Stezzano In data di giovedì 4 giugno dalle ore 20.45 presso Auditorium Moscheni c/o la scuola secondaria F. Nullo si è tenuto il Comitato Genitori n. 4 per l anno

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS REGOLAMENTO GENERALE Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS Il Consiglio Direttivo (C.D.) dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta (AS.IT.O.I.) propone il presente regolamento

Dettagli

STATUTO DELLA CROSSFIT FAENZA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

STATUTO DELLA CROSSFIT FAENZA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO DELLA CROSSFIT FAENZA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TITOLO I Denominazione sede Articolo 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO II Municipalità Avvocata - Montecalvario Mercato - Pendino Porto - San Giuseppe REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO approvato nella seduta del Consiglio

Dettagli

- procacciare e prestare direttamente fideiussioni e garanzie sotto qualsiasi forma;

- procacciare e prestare direttamente fideiussioni e garanzie sotto qualsiasi forma; Repertorio n.67944 Rogito n.7886 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ANITA COSTITUZIONE SEDE DURATA ARTICOLO 1 E costituita un Associazione denominata ANITA con sede in Falconara Marittima, via Caserme n.3 e territorio

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 16/06/2016 Pagina 21 PIER LUIGI TROMBETTA Dipendente in prova denuncia il titolare:

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Comune di Paduli Provincia di Benevento

Comune di Paduli Provincia di Benevento Comune di Paduli Provincia di Benevento Regolamento di funzionamento del Forum dei giovani di Paduli (BN) per la partecipazione giovanile, in attuazione della carta europea della partecipazione dei giovani

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "ALBERT EINSTEIN" ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI e SCIENTIFICO TECNOLOGICO PERFEZIONAMENTO ENERGETICO-AMBIENTALE CORSO SERALE e EDUCAZIONE PER ADULTI 00168 ROMA -

Dettagli

Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361

Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361 LO STATUTO DI ITALIA NOSTRA onlus Approvato dalla Prefettura di Roma Iscritto nel registro delle persone giuridiche ai sensi dell art.2 del D.P.R. 10 febbraio 2000 n 361 Art. 1 L Associazione Italia Nostra,

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E

C O M U N E D I C A S T E L V E R D E C O M U N E D I C A S T E L V E R D E Provincia di Cremona ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 28 ADUNANZA DEL 21/07/2014 OGGETTO: PRESENTAZIONE DELLE LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

STATUTO WHITEAM SCI CLUB VERONA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

STATUTO WHITEAM SCI CLUB VERONA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO WHITEAM SCI CLUB VERONA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TITOLO I - Denominazione sede Articolo 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto

Dettagli

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo

Dettagli

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Istituzione della Consulta La Consulta Provinciale delle studentesse e degli studenti

Dettagli

STATUTO DELL' ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA YOGA JAY MA

STATUTO DELL' ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA YOGA JAY MA STATUTO DELL' ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA YOGA JAY MA TITOLO I Denominazione sede Articolo 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

UCIFNEWS. Una data importante 20 giugno 1973. giugno 2013

UCIFNEWS. Una data importante 20 giugno 1973. giugno 2013 UCIFNEWS N/2 giugno 2013 > 1973 2013 Una data importante 20 giugno 1973 Manuela Casali Presidente UCIF 17 aziende davano vita a UCIF, consapevoli della necessità di stare insieme per portare avanti programmi

Dettagli

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N. 35 del 29.04.2010 1 INDICE ART. 1: Oggetto del regolamento ART. 2: Valorizzazione della partecipazione

Dettagli

1. Nell anno 2011 addì 14 del mese di Giugno, in Monza, i sottoscritti signori

1. Nell anno 2011 addì 14 del mese di Giugno, in Monza, i sottoscritti signori 1. Nell anno 2011 addì 14 del mese di Giugno, in Monza, i sottoscritti signori - Arbizzoni Diego; - Arena Fabio; - Calabrese Michele; - Lauria Emanuele; - Moriggi Andrea; - Natale Giuseppe; - Santi Francesca;

Dettagli

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente Allegato n. 1 C.I. del 29.04.2014 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEMARCIANO MARINA Via G. Marotti, 26 60018 MONTEMARCIANO (AN) ic.montemarciano@libero.it - www.icsmontemarciano.it Tel. 071 915239 - Fax 071 915050

Dettagli

STATUTO ISTITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE I.N.S.F.O. P.C.

STATUTO ISTITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE I.N.S.F.O. P.C. STATUTO ISTITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE I.N.S.F.O. P.C. Associazione Professionale di Consulenti Tecnici di Pianificazione, Coordinatori dell Emergenza ed Istruttori

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA

REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA AREA ATTIVITA PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO FUNZIONE MOTORIZZAZIONE CIVILE REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTT DI SCUOLA GUIDA Approvato con Deliberazione

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Anno 2004-2005 REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Dettagli

Statuto del Gruppo Mineralogico Lombardo. Associazione Italiana di Mineralogia

Statuto del Gruppo Mineralogico Lombardo. Associazione Italiana di Mineralogia Statuto del Gruppo Mineralogico Lombardo Associazione Italiana di Mineralogia Titolo I Denominazione, oggetto, durata e sede Art.1 Il Gruppo Mineralogico Lombardo è stato fondato nel 1965 presso il Museo

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

STATUTO DELL' ASSOCIAZIONE CASTELNUOVO PER TE

STATUTO DELL' ASSOCIAZIONE CASTELNUOVO PER TE STATUTO DELL' ASSOCIAZIONE CASTELNUOVO PER TE TITOLO I DENOMINAZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI DELL'ASSOCIAZIONE- SIMBOLO Articolo 1 - Denominazione e durata - L Associazione denominata «Castelnuovo Per

Dettagli

E costituita il giorno l Associazione Universitaria denominata DISMI SQUAD, con sede legale in

E costituita il giorno l Associazione Universitaria denominata DISMI SQUAD, con sede legale in Associazione Universitaria Studentesca DISMI_cREw COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 E costituita il giorno l Associazione Universitaria denominata DISMI SQUAD, con sede legale in Reggio Emilia, via Amendola

Dettagli

Elezioni per il rinnovo del Parlamento

Elezioni per il rinnovo del Parlamento Elezioni per il rinnovo del Parlamento Candidati Partito Democratico di Como Camera dei Deputati Circoscrizione Lombardia II Partito Democratico Coordinamento Provinciale Como Chiara Braga 28enne, laureata

Dettagli

Statuto Art. 1 Art. 2. Art. 3.

Statuto Art. 1 Art. 2. Art. 3. Statuto Art. 1. - È costituita in Napoli l associazione politico-culturale denominata CAMPO LIBERO PER I DIRITTI E LE LIBERTA, con sede in Napoli. Trattasi di libera associazione senza scopo di lucro,

Dettagli

ART. 1 Generalità L Associazione porta il nome di Associazione degli Studenti di Scienze Politiche di

ART. 1 Generalità L Associazione porta il nome di Associazione degli Studenti di Scienze Politiche di STATUTO dell Associazione degli Studenti di Scienze Politiche - Forlì Presso la Scuola di Scienze Politiche sede di Forlì dell Alma Mater Studiorum, Università di Bologna, Italia. ART. 1 Generalità L Associazione

Dettagli

STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.)

STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.) STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.) Articolo 1 (Costituzione Denominazione Sede) 1. È costituita la Federazione Coordinamenti di Volontariato Siciliano, in breve VOL.SI.,

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SKIPPER ARMATORI TITOLO I. ART.1- Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SKIPPER ARMATORI TITOLO I. ART.1- Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SKIPPER ARMATORI Denominazione sede TITOLO I ART.1- Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli artt.36

Dettagli

oggetto: elezioni amministrative 2013. Regime delle spese di propaganda.

oggetto: elezioni amministrative 2013. Regime delle spese di propaganda. Prot. n. 7441/1.5.2 Circolare n. 4 bis/el A lista d inoltro Udine, 6 marzo 2013 TRASMESSA VIA MAIL e VIA PEC oggetto: elezioni amministrative 2013. Regime delle spese di propaganda. In vista delle elezioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA Pag. 1 di 5 SCUOLA D INFANZIA E PRIMARIA Il presente regolamento fa riferimento al testo Regolamento dell attività scolastica, redatto da CIOFS SCUOLA, aggiornato al 06 settembre 2008, depositato presso

Dettagli