SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Psichiatria, Neuropsichiatria Infantile, Audiofoniatria e Dermatovenereologia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Psichiatria, Neuropsichiatria Infantile, Audiofoniatria e Dermatovenereologia"

Transcript

1 SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Psichiatria, Neuropsichiatria Infantile, Audiofoniatria e Dermatovenereologia Relazione Consuntiva Attività Scientifica ex. art. 5 Regolamento per la Ripartizione dei Fondi destinati alla Ricerca emanato con D.R. n del 13 novembre , 2008, 2009

2 I - Dati anagrafici del Dipartimento Dipartimento di Psichiatria, Neuropsichiatria Infantile, Audiofoniatria e Dermatovenereologia Indirizzo L.go Madonna delle Grazie Napoli Telefono Fax Sito web Direttore: prof. Francesco CATAPANO Professori di prima fascia 9 Professori di seconda fascia 7 Ricercatori 17 Tecnici 50 Amministrativi 8 Altro 18 Esterni 10 PROFESSORI DI PRIMA FASCIA # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 1 BARILLARI Umberto E.S. MED/32 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 2 CATAPANO Francesco MED/25 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 3 GALDERISI Silvana MED/25 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 4 MAJ Mario MED/25 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 5 MILITERNI Roberto MED/39 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno pieno pieno pieno Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.2

3 # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 6 MONTELEONE Palmiero MED/25 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 7 PASCOTTO Antonio MED/39 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 8 RICCIARDI Cristina MED/39 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 9 RUOCCO Vincenzo MED/35 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno pieno parziale PROFESSORI DI SECONDA FASCIA # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 1 ARGENZIANO Gabriele MED/35 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 2 COPPOLA Giangennaro MED/39 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 3 DEL VECCHIO Mario MED/25 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 4 GRITTI Paolo MED/25 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 5 MAZZONE Adriano MED/31 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 6 SATRIANO Rocco Alfredo MED/35 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 7 VOZZA Antonio MED/35 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia parziale pieno pieno pieno pieno parziale pieno RICERCATORI # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 1 ARGENZIANO Giuseppe MED/35 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.3

4 # Cognome Nome Sigla Area Facoltà Regime SSD CUN temporale 2 BARONI Adone MED/35 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 3 BUCCI Paola MED/25 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 4 BUONGIORNO Giovanna MED/26 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 5 CAROTENUTO Marco MED/39 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 6 COSTA Giuseppe MED/32 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 7 FABRAZZO Michele MED/25 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 8 FIORILLO Andrea MED/25 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 9 GRITTI Antonella MED/39 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 10 GUERRERA Vincenzo MED/35 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 11 IORIO Gennaro MED/25 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 12 IURASSICH Stefano MED/35 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 13 LO SCHIAVO Ada MED/35 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 14 MUCCI Armida MED/25 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia 15 RUOCCO Eleonora MED/35 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno pieno parziale pieno pieno pieno pieno pieno pieno pieno pieno pieno pieno pieno 16 TORTORELLA Alfonso Antonio Vincenzo MED/25 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno 17 VOLPE Umberto MED/48 06 Facoltà di Medicina e Chirurgia pieno Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.4

5 II - Composizione FDRS (Fondo Dipartimentale per la Ricerca Scientifica) relativo agli anni 2007, 2008, 2009 [comma 5-a] Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Ricerca di Ateneo , , ,95 Quote di finanziamento Ministero , , ,48 Quote di finanziamento o cofinanziamenti da enti pubblici Quote da convenzioni di ricerca senza compensi per docenti e ricercatori , , , , ,00 0,00 Indice FDRS 19,6775 8, ,0180 Indice FDRS del triennio: 16,3130 Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.5

6 III - Informazioni sulle modalità di utilizzazione e sulle destinazioni del fondo (FDRS) comprensive di una breve descrizione delle ricerche finanziate negli anni 2007, 2008, 2009 [comma 5.b] Titolo del progetto Responsabile scientifico: PERCETION OF BODY SHAPE AND FOOD STIMULI IN EATING DISORDERS: A FUNCTIONAL IMAGING STUDY Mario MAJ Durata: dal 01/10/2009 al 31/10/2012 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Partecipanti: Anno: ,00 - Ente Pubblico Compagnia San Paolo L anoressia nervosa (AN) e la bulimia nervosa (BN) sono disturbi psichiatrici frequentemente associati con complicanze mediche gravi, talora mortali. La diagnosi precoce di questi disturbi è difficile, le cause tuttora sconosciute e il loro trattamento spesso inefficace. Lo studio dei meccanismi neurobiologici alla base di queste malattie dovrebbe rappresentare una priorità per la ricerca scientifica. I pazienti con AN o BN attribuiscono un estrema importanza alla forma fisica, in particolare alla magrezza, fino a considerarsi indegni della stima propria e altrui quando ingrassano. Essi possono vedersi grassi anche quando sono sottopeso e frequentemente considerano il cibo e le situazioni ad esso correlate come disturbanti. Tali aspetti della malattia potrebbero riflettere una disfunzione delle aree cerebrali coinvolte nella percezione dell immagine del corpo e degli stimoli correlati al cibo. La conoscenza dei meccanismi alla base di tali alterazioni potrebbe favorire lo sviluppo di cure più efficaci per queste gravi malattie. Lo studio si propone di indagare, in 30 pazienti con AN, 30 pazienti con BN e 30 individui sani, quali aree cerebrali si attivano alla vista di parole che si riferiscono al cibo e alla vista dell immagine corporea propria o di persone sconosciute. Saranno indagate le relazioni tra le eventuali anomalie riscontrate nel funzionamento cerebrale e le caratteristiche genetiche, ormonali, cognitive e di personalità dei soggetti con AN o BN., CATAPANO F., VOLPE U., DI FILIPPO C., CAPUANO M., CHIEFFI M., SCOGNAMIGLIO P., MERLOTTI E. Titolo del progetto REWARD SYSTEM AND PRIMARY NEGATIVE Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.6

7 Responsabile scientifico: SYMPTOMS IN SCHIZOPHRENIA Silvana GALDERISI Durata: dal 01/10/2009 al 31/10/2012 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Partecipanti: Anno: ,00 - Ente Pubblico Compagnia San Paolo La schizofrenia è una malattia molto eterogenea, i sintomi come la mancanza di interesse e iniziativa (anche detti negativi) possono essere secondari o primari e sono caratteristici di un sottotipo di schizofrenia detto schizofrenia deficitaria (SD) che ha di solito un esito sfavorevole e non migliora con le cure. In pazienti con SD, rispetto a quelli con schizofrenia non deficitaria (SND), sono stati riportati livelli maggiori di anedonia, in presenza di punteggi confrontabili su misure della percezione delle emozioni negative; tali dati suggeriscono che l anedonia è indipendente dalla compromissione generalizzata dell affettività. La comprensione dei meccanismi fisiopatologici alla base dell anedonia potrebbe contribuire a chiarire l eziopatogenesi della SD e a migliorarne il trattamento. Negli ultimi anni, i dati di neuroimmagine sui sistemi neuronali coinvolti nell'esperienza e nell'anticipazione del piacere hanno aperto prospettive importanti nello studio dell'anedonia, così come la genetica dell'esperienza del piacere ha richiamato un crescente interesse. Questo studio ha lo scopo di dimostrare la presenza di una compromissione della capacità di anticipare il piacere nei pazienti affetti da SD e di indagare i substrati neurobiologici e i fattori genetici di rischio di tale compromissione. È prevista la valutazione di indici elettrofisiologici e di fmri, nonché una valutazione genetica, in pazienti affetti da SD e SND e in controlli sani. GALDERISI S., BUCCI P., FIORILLO A., DI CERBO A., PLAITANO E., PIEGARI G. Titolo del progetto Responsabile scientifico: STUDIO RANDOMIZZATO CONTROLLATO SULL EFFICACIA DELL INTERVENTO PSICOEDUCATIVO FAMILIARE NEL DISTURBO BIPOLARE TIPO I Mario MAJ Durata: dal 02/04/2009 al 31/03/2012 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Anno: ,00 - Ministero Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.7

8 Breve descrizione: Partecipanti: Questo studio, finanziato dal Ministero della Salute e coordinato dal Dipartimento di Psichiatria dell Università di Napoli SUN, intende favorire la diffusione dell intervento psicoeducativo familiare nei pazienti con disturbo bipolare tipo I in carico a 11 centri di salute mentale (CSM) italiani. La diffusione e l efficacia dell intervento verranno valutate in termini di: a) numero di operatori che completano la formazione; b) numero di famiglie che ricevono l intervento; c) miglioramento dello stato clinico e del funzionamento sociale dei pazienti; d) riduzione del carico e rinforzo della rete sociale dei familiari. L intervento sarà attuato secondo i principi di Falloon adattati al disturbo bipolare e al contesto assistenziale italiano. In ciascuno degli 11 CSM selezionati, due operatori, dopo essere stati adeguatamente formati, forniranno l intervento ad otto famiglie di utenti con disturbo bipolare. Lo studio si articola nelle seguenti fasi: a) sviluppo del materiale informativo sul disturbo bipolare tipo I, i trattamenti, il riconoscimento dei segni iniziali di crisi e il rischio suicidario; b) formazione degli operatori all uso dell intervento psicoeducativo in famiglie di pazienti con disturbo bipolare tipo I e supervisione del lavoro familiare nell anno successivo alla formazione; c) conduzione dell intervento con famiglie di utenti con disturbo bipolare tipo I; d) valutazione dell efficacia dell intervento e della sua applicabilità nella pratica clinica., FIORILLO A., MALANGONE C., DEL VECCHIO V., DE ROSA C., GIACCO D., LUCIANO M., VINCI V. Titolo del progetto Responsabile scientifico: ANALISI DEI DATI SPETTROGRAFICI PER LA DIAGNOSI DI PATOLOGIE A CARICO DELLE CORDE VOCALI Umberto E.S. BARILLARI Durata: dal 01/11/2009 al 31/12/2011 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,24 - Ateneo - S.U.N. L'obiettivo della ricerca è quello di valutare la possibilità di utilizzare i parametri acustici della spettrografia nella valutazione della presenza di patologie organiche a carico delle corde vocali, mediante l'elaborazione di un software innovativo. Ciò renderebbe la spettrografia vocale l'indagine di elezione nella pratica clinica e nei programmi di screening rispetto alle attuali metodiche di indagine, Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.8

9 Partecipanti: per una serie di indiscutibili vantaggi: nessun fastidio per il paziente, nessun rischio di contagio per il paziente e per l'operatore, costi relativamente limitati, minor addestramento del personale, maggiore obiettività dei risultati. Si arruolerà per questo studio un campione statisticamente rappresentativo della popolazione. A tutti gli appartenenti al campione si effettuerà un esame obiettivo, al fine di poter diagnosticare la presenza o meno di patologie a carico delle corde vocali, utilizzando una laringostroboscopia. Successivamente si effettuerà una spettrografia vocale, dopo aver accuratamente standardizzato la procedura al fine di ridurre il più possibile la variabilità intra- ed inter-individuale. Si realizzerà quindi un software basato sull'elaborazione di indici di riferimento specifici, che sfrutterà anche innovative metodiche di autoapprendimento basate sulle reti neurali artificiali. BARILLARI U. E., ANGELILLO N., COSTA G., DI COSTANZO B., ANGELILLO M., BARILLARI M., VITIELLO A., FASANO V., TOZZI E. Titolo del progetto Responsabile scientifico: L UTILIZZO DELLA STIMOLAZIONE TRANSCRANICA A CORRENTI DIRETTE (DCS) IN PAZIENTI ADOLESCENTI AFFETTI DA SINDROME DI TOURETTE O EPILESSIE FARMACO RESISTENTI Antonio PASCOTTO Durata: dal 01/11/2009 al 31/12/2011 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,24 - Ateneo - S.U.N. La stimolazione transcranica con correnti dirette (tdcs) è una tecnica di stimolazione che consiste nell applicazione in prossimità dell area di interesse di elettrodi eroganti una corrente di bassissima intensità non percepibile dalla persona e in grado di interferire e modulare in modo non invasivo la funzione delle aree cerebrali sottostanti influendo anche sui processi cognitivi, come memoria e linguaggio, e su variabili comportamentali, come il tempo di reazione e la capacità di operare scelte di vario tipo. Attualmente diversi studi condotti su patologie differenti (alzheimer, depressione,afasia) hanno dimostrato che la tdcs è una metodica semplice, sicura e a basso costo che rappresenta uno strumento di esplorazione sperimentale dei processi cognitivi e mentali in condizioni normali e patologiche. Il nuovo trattamento aiuterebbe anche a risolvere l'annoso problema della farmacoresistenza Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.9

10 Partecipanti:. Per tale motivo lo studio sarà finalizzato all utilizzo della tdcs in pazienti adolescenti farmacoresistenti affetti sia da sindrome di tourette o da epilessie PASCOTTO A., COPPOLA G., CAROTENUTO M., TORALDO R. Titolo del progetto Responsabile scientifico: LA DERMATOSCOPIA NELLA DIAGNOSI DELLE PATOLOGIE DEL CUOIO CAPELLUTO Antonio VOZZA Durata: dal 01/11/2009 al 31/12/2011 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,23 - Ateneo - S.U.N. Lo studio si prefigge di valutare le possibilità diagnostiche, come metodica diagnostica strumentale di secondo livello posizionata fra la clinica e l'istologia, della dermatoscopia nella diagnosi di alcune delle più frequenti patologie a carico del capillizio. Fra le più frequenti patologie osservabili: Alopecie Cicatriziali a varia eziologia (Lichen, LED, ecc..), Alopecia Triangolare Congenita, Telogen Effluvium, Tricotillomania, Dermatite seborroica del cuoio capelluto, Psoriasi del cuoio capelluto, Alopecia androgenetica, Alopecia Areata ed Alopecia Areata Incognita. Un corretto inquadramento delle patologie di cui sopra ci permetterà poi una corretta prognosi con una adeguata scelta terapeutica. Partecipanti: VOZZA A., D'ANDREA F., NICOLETTI G., VOZZA G. Titolo del progetto Responsabile scientifico: VALUTAZIONE DELLA RISPOSTA NEUROENDOCRINA AL PIACERE DEL CIBO IN PAZIENTI CON DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Palmiero MONTELEONE Durata: dal 01/11/2009 al 31/12/2011 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Anno: ,24 - Ateneo - S.U.N. Breve descrizione: I disturbi del comportamento alimentare (DCA) anoressia nervosa (AN), bulimia nervosa (BN), binge eating disorder (BED) ed altri disturbi al momento non classificati rappresentano un problema socio- Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.10

11 Partecipanti: sanitario della massima rilevanza in tutti i paesi occidentali. Essi colpiscono soprattutto le adolescenti e le giovani donne con età d esordio tra i 10 e 30 anni. Non esiste, al momento, un modello etiopatogenetico soddisfacente per i DCA, anche se è opinione condivisa dalla maggior parte degli studiosi che essi insorgano in seguito ad una complessa e ancora poco nota interazione tra fattori predisponenti (individuali e familiari) e fattori precipitanti (socio-culturali). I sistemi cerebrali che sottendono il meccanismo della ricompensa sono coinvolti nella regolazione del comportamento alimentare sia fisiologico che patologico. La fame è composta da una componente omeostatica ed una edonistica legata non alla nutrizione, ma alla gratificazione.ipotizzando un alterato meccanismo della ricompensa in pazienti affetti da DCA, il nostro studio mira ad approfondire le attuali conoscenze sulle risposte ormonali dell organismo a cibi altamente appetibili in pazienti con DCA in confronto a controlli sani. MONTELEONE P., SCOGNAMIGLIO P., CANESTRELLI B., MASTROMO D., PERILLO D. Titolo del progetto Responsabile scientifico: CLINICAL DECISION MAKING AND OUTCOME IN ROUTINE CARE FOR PEOPLE WITH SEVERE MENTAL ILLNESS (CEDAR) Mario MAJ Durata: dal 22/04/2009 al 22/04/2011 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,00 - Ente Pubblico Comunità Europea Diversi fattori, quali il tempo a disposizione, l importanza delle decisioni da prendere e i mezzi a disposizione possono influenzare il processo decisionale in sanità. Anche l interazione tra paziente e terapeuta gioca un ruolo determinante in questo processo. Numerosi studi su questi aspetti sono stati condotti nel campo della medicina d urgenza, dove il fattore tempo gioca un ruolo fondamentale. Solo pochi studi, invece, sono stati condotti nei disturbi mentali gravi. Lo studio Clinical decision making and outcome in routine care for people with severe mental illness (CEDAR), finanziato dalla Comunità Europea nell ambito del VII programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico (Research area HEALTH Improving clinical decision making; Grant no ), coordinato dall Università di Ulm e attualmente in fase di svolgimento in 6 paesi europei Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.11

12 Partecipanti: (Germania, Danimarca, Svizzera, Ungheria, Italia, Gran Bretagna), si propone di mettere a punto una metodologia per valutare le modalità con cui vengono prese le decisioni cliniche nell ambito della relazione tra pazienti con disturbi mentali gravi e operatori psichiatrici. Lo studio prevede due fasi: nella prima fase verranno sviluppati degli strumenti per valutare il CDM nella pratica clinica quotidiana; nella seconda fase, invece, verrà effettuata l analisi dell effetto dei diversi stili di CDM sull esito clinico dei pazienti con disturbi mentali gravi., CATAPANO F., FIORILLO A., DE ROSA C., PERRIS F., DEL VECCHIO V., GIACCO D., LUCIANO M., VINCI V. Titolo del progetto Responsabile scientifico: ASSEGNAZIONE COFINANZIAMENTO PRIN NOTA UFFICIO RAGIONERIA PROT. N Francesco CATAPANO Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2010 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,48 - Ministero ASSEGNAZIONE COFINANZIAMENTO PRIN NOTA UFFICIO RAGIONERIA PROT. N Partecipanti: Titolo del progetto Responsabile scientifico: STATUS SOCIO-ECONOMICO, URBANIZZAZIONE E SALUTE MENTALE Mario MAJ Durata: dal 06/12/2008 al 06/12/2010 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,00 - Ente Pubblico Regione Veneto È stato dimostrato che l'incidenza e la prevalenza dei disturbi mentali sono legate a un gradiente urbano-rurale. Per quanto riguarda l'eziologia della schizofrenia, si tratta di un disturbo complesso con un importante componente genetica, in cui i fattori ambientali possono interagire con quelli genetici per produrre una variazione nella sua espressione fenotipica. Molti studi hanno sottolineato l'effetto dell'esposizione prenatale e dei primi anni di vita come determinante del livello di salute mentale, e diversi studi epidemiologici hanno analizzato il legame tra urbanizzazione e schizofrenia. Il rischio relativo per le persone che vivono in siti urbani è Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.12

13 Partecipanti: circa il doppio rispetto a chi vive in aree rurali. Il numero di persone esposte al rischio è destinato a crescere, dato che la popolazione urbana sta crescendo nei paesi sviluppati ed in quelli in via di sviluppo. Lo status socio-economico e la distanza dai servizi non dovrebbero impedire agli individui l'accesso alle cure, ma i risultati di alcuni studi suggeriscono che la vicinanza tra residenza e servizi incide sull utilizzo di questi ultimi. Questo studio, finanziato dalla Regione Veneto e coordinato dall Università di Verona, si propone di valutare in tre centri di salute mentale italiani l effetto dell urbanizzazione, dello status socio-economico e della distanza dai servizi sull incidenza e la prevalenza dei pazienti trattati e sull utilizzazione dei servizi per la salute mentale., FIORILLO A., DE ROSA C., DEL VECCHIO V., GIACCO D., LUCIANO M., VINCI V. Titolo del progetto Responsabile scientifico: ANSIA DI SEPARAZIONE IN ETÀ ADULTA: VALIDAZIONE DELLA DIAGNOSI, DECORSO CLINICO, CORRELATI GENETICI E NEUROPSICOFISIOLOGICI Francesco CATAPANO Durata: dal 01/01/2007 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. Il disturbo d'ansia di separazione dell'adulto (ASAD) sembra costituire un'entità diagnostica indipendente da altri disturbi d'ansia con i quali spesso si presenta associata ed esercita un impatto negativo sul funzionamento sociale e lavorativo. Meno chiaro è il decorso clinico di questa condizione e se ci siano differenze tra la forma ad esordio in età infantile e quella ad esordio in età adulta. Il presente progetto si propone di il decorso clinico dell ASAD attraverso valutazioni prospettiche (follow-up) nell'arco di tempo di 12 mesi. Inoltre sarà condotto uno studio di associazione di due varianti alleliche del gene del TSPO, che determinano il cambiamento di due aminoacidi del dominio CRAC, e di due varianti alleliche del recettore per l'ossitocina con l'ansia da separazione nell'adulto in un ampio campione di individui con ASAD. La nostra unità condurrà anche uno studio neuropsicofisiologico per valutare la regolazione emozionale nei soggetti con ASAD. A tale scopo, saranno indagati: 1) l'interferenza causata dalla presentazione di stimoli a contenuto emozionale positivo o negativo sulla denominazione di colori con Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.13

14 Partecipanti: l'emotional Stroop test; e 2) l'attività di generatori corticali e limbici di alcune componenti dei potenziali evento-correlati, registrati nel corso della presentazione di stimoli a contenuto emozionale positivo o negativo, usando la Low-Resolution Electromagnetic tomography (LORETA) CATAPANO F., BUCCI P., MAGLIANO L., DI FILIPPO C., MANSUETO S., PICCIRILLO M., MADDALENA F. Titolo del progetto Responsabile scientifico: ASSEGNAZIONE COFINANZ. PRIN NOTA UFFICIO RAGIONERIA PROT DEL 03/11/2008 Mario MAJ Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,40 - Ministero ASSEGNAZIONE COFINANZ. PRIN NOTA UFFICIO RAGIONERIA PROT DEL 03/11/2008 Partecipanti: Titolo del progetto Responsabile scientifico: CARATTERIZZAZIONE DI PREDITTORI GENETICI, CLINICI E NEUROPSICOLOGICI DELLA FLUTTUAZIONE DIAGNOSTICA IN PAZIENTI CON DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Palmiero MONTELEONE Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,00 - Ateneo - S.U.N. I disturbi del comportamento alimentare (DCA) includono l anoressia nervosa (AN), la bulimia nervosa (BN) e i disturbi dell alimentazione non altrimenti specificati (DANAS). Si tratta di affezioni che insorgono generalmente in età adolescenziale e sono caratterizzate da decorsi diversi da un caso all altro e, soprattutto, da una frequente fluttuazione diagnostica tra una categoria e l altra. La quasi totalità di queste fluttuazioni diagnostiche avviene entro i 5 anni dall esordio della malattia. Se il fenomeno del crossover diagnostico è ben noto, non altrettanto conosciuti sono i fattori clinici, psicopatogici e biologici che possono favorirlo. Il presente progetto si propone pertanto di: a) esplorare il crossover diagnostico tra pazienti con Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.14

15 Partecipanti: AN, BN o DANAS; b) valutare le possibili associazioni tra detto crossover e indici psicopatologici, neuropsicologici, e genetici; c) valutare il ruolo della comorbilità psichiatrica di Asse I e II nel determinismo del crossover diagnostico; d) valutare il ruolo di specifici fattori ambientali, come i fattori perinatali e gli eventi stressanti, nel rischio di crossover diagnostico., MONTELEONE P., TORTORELLA A., FABRAZZO M., SERRITELLA C., CASTALDO E., DI FILIPPO C., IODICE V., MARTIADIS V., AMATO E., INIZIATO V. Titolo del progetto Responsabile scientifico: DETERMINANTI DELLA SINDROME METABOLICA IN PAZIENTI IN TRATTAMENTO CON FARMACI ANTIPSICOTICI: ASPETTI DEMOGRAFICI, CLINICI, GENETICI E BIOCHIMICI Silvana GALDERISI Durata: dal 01/01/2007 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. L obiettivo del progetto è quello di individuare le variabili cliniche, demografiche, biochimiche e genetiche che concorrono all induzione della sindrome metabolica, o delle sue sue principali componenti, in una vasta popolazione di soggetti trattati con farmaci antipsicotici. Lo studio sarà attuato su 1000 pazienti con diagnosi di Schizofrenia, Disturbo schizofreniforme, schizoaffettivo o bipolare, reclutati presso le Cliniche Psichiatriche della Seconda Università di Napoli, dell Università di Foggia, dell'università di Brescia, dell'università de L'Aquila, dell'università di Pisa e dell Università di Torino. Lo studio focalizzerà l attenzione sul ruolo delle seguenti variabili: a) diagnosi di schizofrenia e di disturbi dello spettro schizofrenico; b) presenza di fattori di rischio non farmacologici per la sindrome metabolica, quali la familiarità per malattie metaboliche, consumo di sigarette e alcool, ridotta attività fisica e anamnesi positiva per malattie cardiovascolari e metaboliche; c) tipo e dosi degli antipsicotici utilizzati per il trattamento dei pazienti; d) terapia concomitante con farmaci che possono influenzare il metabolismo; e) livelli basali dei peptidi periferici (leptina, ghrelina, adiponectina e obestatina) e di alcune citochine sia pro che antinfiammatorie [interleuchine 18 (IL-18), 10 (IL-10) e 1 (IL-1) e fattore di necrosi tumorale (TNF)]. Dal punto di vista genetico, lo studio intende verificare se i polimorfismi di alcuni geni candidati Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.15

16 Partecipanti: [(recettore, GALDERISI S., FABRAZZO M., MUCCI A., RUSSO D., AVOLIO D., MENNELLA A., DI CERBO A. Titolo del progetto Responsabile scientifico: DETERMINANTI NEUROBIOLOGICI DEI DISTURBI DELL'UMORE E STATI DI COMORBILITÀ CON DISTURBI D'ANSIA Mario MAJ Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Partecipanti: Anno: ,00 - Ministero Il progetto, su base multicentrica nazionale, si propone di caratterizzare le basi genetiche dei disturbi dell'umore e d'ansia relativamente alla risposta ai trattamenti farmacologici e al decorso. Le varie unità di ricerca coinvolte recluteranno ciascuna 30 soggetti adulti affetti da disturbi dell'umore, con e senza comorbilità con disturbi d'ansia (ospedalizzati o seguiti ambulatorialmente), 10 soggetti adulti affetti da disturbo ossessivo-compulsivo e 10 soggetti con disturbo di panico. Le condizioni cliniche e psicopatologiche dei pazienti depressi saranno valutate nel corso della terapia farmacologica mediante scale di valutazione psicometriche., MONTELEONE P., GALDERISI S., MUCCI A., TORTORELLA A., FABRAZZO M. Titolo del progetto Responsabile scientifico: ESITI DEI TRATTAMENTI FARMACOLOGICI O RESIDENZIALI DRUG-FREE IN RELAZIONE ALLA COMORBILITA' PSICHIATRICA IN SOGGETTI CON ABUSO DI SOSTANZE OPPIOIDI Mario MAJ Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,00 - Ente Pubblico Presidenza dei Ministri E noto che i soggetti assuntori di oppioidi hanno un elevata comorbilità per altre sindromi psichiatriche sia di Asse I sia di Asse II ed è stato suggerito che la presenza di tali comorbilità si associa più frequentemente ad un esito sfavorevole dei trattamenti di disassuefazione, ma i dati della letteratura sono controversi. La presente ricerca è Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.16

17 Partecipanti: focalizzata sulla valutazione degli effetti della comorbilità psichiatrica sugli esiti dei trattamenti di disassuefazione farmacologici o residenziali drugfree di soggetti affetti da disturbo d abuso di sostanze oppioidi., MONTELEONE P., TORTORELLA A., FABRAZZO M., MARTIADIS V. Titolo del progetto Responsabile scientifico: EZIOPATOGENESI DELL ANORESSIA NERVOSA: IDENTIFICAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO GENETICI, NEUROPSICOLOGICI E AMBIENTALI Palmiero MONTELEONE Durata: dal 01/01/2007 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Partecipanti: Anno: ,68 - Ateneo - S.U.N. L'anoressia nervosa (AN) è una patologia psichiatrica con alti tassi di cronicità e mortalità che colpisce principalmente le giovani donne. Si tratta di una malattia di origine multifattoriale la cui eziopatogenesi coinvolge i sistemi neurotrasmettitoriali, i meccanismi di regolazione del peso, della fame e della sazietà, le caratteristiche neuroendocrine e, come suggerito da studi recenti, i meccanismi del neurosviluppo. Lo scopo del presente progetto è aumentare le conoscenze scientifiche nel campo dell'eziopatogenesi dell'an attraverso 1) l'identificazione di possibili endofenotipi ipotizzati sulla base delle attuali conoscenze scientifiche; 2) lo studio dei fattori genetici, neuropsicologici e ambientali che determinano la presenza dell'anoressia nervosa e dei suoi endofenotipi; 3) l'effettuazione di uno studio pilota attraverso una tecnica di neuroimaging funzionale per valutare le anomalie nella elaborazione dell'immagine corporea. L'Unità di Ricerca di Napoli prevede il reclutamento di almeno 30 soggetti con anoressia nervosa lifetime, i loro genitori e le sorelle non affette, e 30 soggetti asintomatici di sesso femminile. Tutti i soggetti inclusi nel protocollo effettueranno una valutazione che comprende: 1) inquadramento diagnostico e della comorbilità psichiatrica; 2) valutazione del temperamento e del perfezionismo infantile; 3) valutazione neuropsicologica di funzioni esecutive; 4) valutazione del disturbo dell'immagine corporea e dei suoi correlati neurofisiol MONTELEONE P., TORTORELLA A., FIORILLO A., IODICE V., INIZIATO V., CAPUANO M., RABASSA M. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.17

18 Titolo del progetto Responsabile scientifico: FARMACI E VIRUS CO-INDUTTORI DI PEMFIGO: POSSIBILI MECCANISMI PATOGENETICI Vincenzo RUOCCO Durata: dal 01/01/2007 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Partecipanti: Anno: ,01 - Ateneo - S.U.N. Non esistono attualmente dati precisi sull incidenza e la prevalenza in Italia delle malattie bollose autoimmuni, in particolare pemfigo e pemfigoidi. Tali malattie condividono un accertata patogenesi autoimmune, ma ancora sussistono dubbi sul ruolo svolto dai fattori inducenti. Il nostro progetto si propone di stabilire la reale incidenza del pemfigo nel nostro Paese e di chiarire il ruolo di farmaci e virus nell induzione della malattia. RUOCCO V., LO SCHIAVO A., BARONI A., PUCA R., AVALA F., SUPPA F. Titolo del progetto Responsabile scientifico: FARMACI E VIRUS CO-INDUTTORI DI PEMFIGO: POSSIBILI MECCANISMI PATOGENETICI Vincenzo RUOCCO Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Partecipanti: Anno: ,00 - Ministero COFINANZIAMENTO PRIN (v. Ricerca Ateneo) RUOCCO V., LO SCHIAVO A., BARONI A., PUCA R., AVALA F., SUPA F. Titolo del progetto Responsabile scientifico: IMPATTO DEGLI INTERVENTI PSICOEDUCATIVI FAMILIARI SULLO STATO CLINICO E LA DISABILITA DEI PAZIENTI CON DEPRESSIONE MAGGIORE, SUL CARICO FAMILIARE E SUL RISCHIO DI DISTURBI PSICOLOGICI NEI FIGLI MINORENNI Lorenza MAGLIANO Durata: dal 01/01/2007 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,00 - Ministero Questo studio intende confrontare l effetto di un intervento psicoeducativo familiare per la depressione maggiore rispetto ad un trattamento Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.18

19 Partecipanti: individuale di routine sulle seguenti variabili: a) lo stato clinico e la disabilità dei pazienti con depressione maggiore; b) il carico e la rete sociale della famiglia; c) il benessere psicologico e la comprensione delle caratteristiche della depressione e delle sue conseguenze da parte dei figli minorenni dei pazienti. Lo studio sarà condotto in 6 Centri di Salute Mentale che dispongono di almeno due operatori che abbiano in precedenza ricevuto una formazione specifica agli interventi psicoeducativi familiari per le psicosi e li abbiano messi in pratica con almeno due famiglie di utenti con schizofrenia, documentandone i risultati., MAGLIANO L., FIORILLO A., DEL VECCHIO H., MALANGONE C., ORRICO A., CAPUANO V., CASTIELLO G. Titolo del progetto Responsabile scientifico: INTEGRAZIONE CONVENZIONE SEIZURE THRESHOLD, BRAIN NEUROTRANSMITTERS AND GENE REGULATION AND THE ASSOCIATION OF THE KETOGENIC DIET AND LEVETIRACETAM IN RATS Giangennaro COPPOLA Durata: dal 01/01/2009 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,00 - Conto terzi UCB Pharma INTEGRAZIONE CONVENZIONE UCB Pharma Partecipanti: COPPOLA G., ARCIERI S., D'ANIELLO A. Titolo del progetto Responsabile scientifico: INTEGRAZIONE CONVENZIONE STUDIO PILOTA MULTICENTRICO SULLA SICUREZZA E LA TOLLERABILITA DELL UTILIZZO DEL KETOCAL IN PAZIENTI EPILETTICI RESISTENTI AL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO Giangennaro COPPOLA Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,00 - Conto terzi SHS International INTEGRAZIONE CONVENZIONE SHS International Partecipanti: COPPOLA G., AMMENDOLA E., OPERTO F. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.19

20 Titolo del progetto Responsabile scientifico: LA DIAGNOSI E RIABILITAZIONE DEL DISTURBO SEMANTICO-PRAGMATICO NEI SOGGETTI NORMOACUSICI ED AFFETTI DA IPOACUSIA GENETICA Umberto E.S. BARILLARI Durata: dal 01/01/2007 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Partecipanti: Anno: ,01 - Ateneo - S.U.N. Il progetto di ricerca nasce con lo scopo di attuare una presa in carico globale del paziente, che preveda un inquadramento diagnostico completo ed un programma di riabilitazione logopedica quanto più possibile personalizzato alla risoluzione delle difficoltà incontrate nella vita comune. L inquadramento diagnostico prevede: anamnesi e valutazione delle difficoltà linguistiche ed extralinguistiche; esame funzionale foniatrico e logopedico; test di livello per la valutazione del linguaggio in produzione ed espressione test per valutare le abilità cognitive test per valutare le competenze accademiche test per valutare le specifiche difficoltà in ambito semantico-pragmatico. BARILLARI U., VOLPE E., ANGELILLO N., DI COSTANZO B., ANGELILLO M., COSTA G., TOZZI E., VITELLO A., BARILLARI R. Titolo del progetto Responsabile scientifico: LA VULNERABILITA' GENETICA NEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: UN'ANALISI DI GENI CANDIDATI Palmiero MONTELEONE Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Anno: ,00 - Ateneo - S.U.N. Breve descrizione: I disturbi del comportamento alimentare (DCA) anoressia nervosa (AN), bulimia nervosa (BN), binge eating disorder (BED) rappresentano un problema socio-sanitario della massima rilevanza in tutti i paesi occidentali. Non esiste, al momento, un modello etiopatogenetico soddisfacente per i DCA, anche se è opinione condivisa dalla maggior parte degli studiosi che esista una vulnerabilità biologica per tali disturbi su base geneticamente determinata. Non è ancora chiaro, tuttavia, quali siano i geni coinvolti nel Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.20

21 Partecipanti: determinismo di tale vulnerabilità. Lo studio dei "geni candidati", ossia di quei geni che codificano per fattori (serotonina, catecolamine, peptidi regolatori della fame/sazietà) direttamente coinvolti nella regolazione del comportamento alimentare è una delle strategie più adoperate per tale tipo di indagini. Il presente progetto si propone, pertanto, di studiare in un ampio campione di pazienti con AN, BN e BED: A) il ruolo etiopatogenetico di alcuni geni candidati, quali i geni che codificano per la TPH-1, la TPH-2, la COMT, il trasportatore della serotonina, la ghrelina e il BDNF; B) le relazioni tra i fattori genetici e gli aspetti personologici, neuropsicologici e clinici., MONTELEONE P., TORTORELLA A., FABRAZZO M., CASTALDO E., DI FILIPPO C., MARTIADIS V., AMATO E., SERRITELLA C. Titolo del progetto Responsabile scientifico: MONITORIZZAZIONE DEL RISCHIO PSICOPATOLOGICO E PREVENZIONE DEI DISTURBI PSICHICI IN ETÀ SCOLARE Antonio PASCOTTO Durata: dal 01/01/2007 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,24 - Ente Pubblico Regione Campania L obiettivo dello studio è di promuovere interventi preventivi di natura predittiva nelle scuole elementari. Il progetto è rivolto a studenti di 3 e 4 elementare (8-9 anni) che rientrano in una fascia a rischio psicopatologico.viene considerato a rischio un soggetto che ottiene punteggi compresi tra la fascia clinica e quella non clinica alla valutazione mediante CBCL, ovvero punteggi definiti borderline dalla medesima scala. L intervento di prevenzione si articola nelle seguenti fasi: a)ad un gruppo di soggetti a rischio, scelti in modo casuale, si propone un intervento di consultazione breve rivolto ai genitori e al bambino, unitamente all intervento con i docenti di cui al punto b. b)a tutti i docenti coinvolti nello studio si propone un intervento di formazione, chiarificazione ed indirizzo. Si ipotizza che l intervento di cui ai punti a e b possa prevenire il passaggio del bambino dalla fascia borderline a quella clinica. Si ipotizza, inoltre, che l intervento di cui al punto b, possa migliorare le prestazioni di tutti i bambini coinvolti (clinici, non clinici, borderline) nello studio, alla Scala delle Competenze, con particolare Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.21

22 riguardo alle Funzioni Scolastiche e Funzioni Sociali. Partecipanti: PASCOTTO A., GRITTI A. Titolo del progetto Responsabile scientifico: PERCEZIONE DELL IMMAGINE CORPOREA ED ELABORAZIONE EMOTIVA NEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: UNO STUDIO DI RISONANZA MAGNETICA FUNZIONALE Silvana GALDERISI Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Partecipanti: Anno: ,00 - Ateneo - S.U.N. Lo studio si propone di indagare le basi neurofisiologiche della distorsione dell immagine corporea presente nei soggetti con disturbo del comportamento alimentare, attraverso l utilizzazione della risonanza magnetica nucleare funzionale e di una metodica di neuroimmagine ad alta risoluzione temporale per lo studio dei generatori corticali dei potenziali evento-correlati. Lo studio intende, inoltre, investigare i rapporti della distorsione dell immagine corporea con le disfunzioni cognitive e neuroendocrine spesso osservate negli stessi soggetti., GALDERISI S., MONTELEONE P., MAGLIANO L., BUCCI P., FRABRAZZO M., MUCCI A., TORTORELLA A., DI LIETO A., FIORILLO A., FUSCHINO A., MASELLA M., PERRIS F., PIEGARI G., ROSSANO F., VOLPE U. Titolo del progetto Responsabile scientifico: PROBLEMATICHE FAMILIARI CONNESSE ALL HANDICAP, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA TEMATICA DELL AUTISMO Roberto MILITERNI Durata: dal 01/01/2007 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,00 - Ente Pubblico Provincia di Napoli A)Finalità epidemiologica Attraverso una indagine conoscitiva estesa al territorio provinciale di Napoli, ci si propone di: avere una stima sufficientemente attendibile dei valori di prevalenza dell autismo; effettuare un censimento delle strutture attualmente preposte alla presa in carico di bambini autistici; definire gli attuali percorsi diagnostico-terapeutici; Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.22

23 Partecipanti: MILITERNI R. valutare gli orientamenti tecnico-operativi delle figure professionali attualmente impegnate nel trattamento dei soggetti artistici. B)Finalità formativa-riabilitativa (parent training) Attraverso un programma di informazione e formazione rivolto ai genitori di bambini autistici, ci si propone di attivare le loro naturali risorse e di coinvolgerli attivamente nell implementazione di interventi riabilitativi precoci. Il progetto ha la durata di 24 mesi. Titolo del progetto Responsabile scientifico: SEIZURE THRESHOLD, BRAIN NEUROTRANSMITTERS AND GENE REGULATION AND THE ASSOCIATION OF THE KETOGENIC DIET AND LEVETIRACETAM IN RATS Giangennaro COPPOLA Durata: dal 01/01/2007 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,00 - Conto terzi UCB Pharma Tale studio ha lo scopo di valutare l'effetto sulla soglia epilettogena, mediante somministrazione sottocutanea di pentilentetrazolo, dell'associazione costituita dalla dieta chetogena+ dosi crescenti di levetiracetam in ratti wistar di 8 settimane di vita. Gruppi di controllo sono costituiti da ratti trattati con acido valproico + dieta chetogena e ratti solo a dieta chetogena. Per attuare quanto premesso, 7 gruppi di ratti wistar di 4 settimane di età verranno alimentati con dieta chetogena per 1 mese; all'età di 8 settimane postnatali si effettuerà la valutazione sulla soglia epilettogena. Tutti gli animali verranno poi alimentati con dieta chetogena per altre 4 settimane e trattati giornalmente con dosi stabilite di levetiracetam o acido valproico (farmaco di controllo); a 12 setimane di vita si valuteranno gli effetti di tale trattamento combinato sulla up- o down regulation di alcuni geni prestabiliti, nonchè l'effetto sulla substantia nigra, sui neurotrasmettitori cerebrali e su alcune funzioni mitocondriali mediante microdialisi. Partecipanti: COPPOLA G., ARCIERI S., D'ANIELLO A. Titolo del progetto STUDIO CON ARRAY-CGH DI SOGGETTI CON RITARDO MENTALE IDIOMATICO. Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.23

24 Responsabile scientifico: INDIVIDUAZIONE DI ANOMALIE CROMOSMOMICHE CRIPTICHE E RUOLO DEGLI ESO-ENDOFENOTIPI NEUROPSICHICI Antonio PASCOTTO Durata: dal 01/01/2007 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,01 - Ateneo - S.U.N. Studio con Array-CGH di soggetti con ritardo mentale idiomatico:individuazione di anomalie cromosomiche criptiche e ruolo degli eso-endofenotipi neuropsichici. I soggetti dovranno presentare storia familiare per ritardo mentale compatibile o incompatibile con ereditarietà mendeliana. Verranno effettuate indagini strumentali genetiche di base: cariotipo e FISH. Dopo aver escluso tutti i casi riferibili a sindromi/patologie note e ovviamente a patologie acquisite presumibilmente tali, verranno sottoposti a array-cgh (presso l unità IV) non solo i casi rientranti nei criteri di De Vries et al. (2001) o in quelli di Walter et al.(2004), ma anche quelli che presentano almeno due anomalie nell ambito degli aspetti indagati, come indicato sopra, e quelli che presentano alterazioni strutturali del sistema nervoso evidenziabili alla risonanza magnetica (esclusa l'eventuale atrofia cerebrale). Partecipanti: PASCOTTO A., MILITERNI R., GRITTI A. Titolo del progetto Responsabile scientifico: STUDIO PILOTA MULTICENTRICO SULLA SICUREZZA E LA TOLLERABILITA DELL UTILIZZO DEL KETOCAL IN PAZIENTI EPILETTICI RESISTENTI AL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO Giangennaro COPPOLA Durata: dal 01/01/2007 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,00 - Conto terzi SHA International Lo studio si propone di valutare la tollerabilità e l'efficacia della formulazione in polvere denominata Ketocal prodotto dalla ditta SHS/Nutricia, per l'effettuazione della dieta chetogenica in bambini affetti da epilessie farmacoresistenti. Tale latte verrà somministrato quale unico costituente la dieta oppure almeno all'80%. I pazienti reclutati verranno sottoposti ad una valutazione clinicoelettroencefalografica al momento del reclutamento Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.24

25 e, successivamente, seguiti con controlli periodici al 1, 3, 6 9 e 12 mese; si porrà particolare attenzione ai parametri di crescita e di funzionalità epatorenale per valutare il grado di sicurezza ed il potere chetogeno della formulazione in studio. Partecipanti: COPPOLA G., AMMENDOLA E., OPERTO F. Titolo del progetto Responsabile scientifico: Valutazione del profilo psicofisiolgico in un campione di bambini affetti da disturbo da deficit d'attenzione e/o iperattività Antonio PASCOTTO Durata: dal 01/01/2008 al 31/12/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Partecipanti: Anno: ,00 - Ateneo - S.U.N. Gli stati emotivi, sperimentati soggettivamente, provocano nell'organismo dei cambiamenti fisiologici. La risposta emotiva è, quindi, accompagnata da una serie di modificazioni fisiologiche che sono sotto il controllo del sistema nervoso autonomo. La ricerca sarà finalizzata a valutare il profilo psicofisiologico dei soggetti affetti da disturbo da deficit d'attenzione e/o iperattività. Tutti i soggetti, sia con sottotipo disattento, che con sottotipo iperattivo, saranno sottoposti ad una monitorizzazione dei processi psicofisiologici tramite l'uso dell'apparecchio di biofeedback.tali valutazioni saranno replicate anche in un gruppo di controllo sano uguale per età e sesso PASCOTTO A., GRITTI A., CAROTENUTO M., TORALDO R., POLIZZI M. Titolo del progetto Responsabile scientifico: AN ITALIAN RANDOMISED, DOUBLE-BLIND PLACEBO CONTROLLED STUDY OF THE EFFICACY OF ATOMOXETINE HYDROCHLORIDE IN THE TREATMENT OF CHILDREN AND ADOLESCENTS WITH ATTENTION- DEFICIT/HYPERACTIVITY DISORDER AND COMORBID OPPOSITIONAL DEFIANT DISORDER. Antonio PASCOTTO Durata: dal 01/01/2007 al 20/09/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,00 - Conto terzi Eli Lilly Lo studio è finalizzato a verificare l ipotesi che l atomoxetina sia superiore al placebo nel migliorare Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.25

26 Partecipanti: la sintomatologia dell ADHD dopo 8 settimane di trattamento in doppio cieco, ad un dosaggio fisso di 1.2 mg/kg/die, una volta al giorno, in pazienti pediatrici ambulatoriali affetti da ADHD con associato ODD. PASCOTTO A., BRAVACCIO C., SPIGAPIENA R., SANTANGELO M., D'AMICO F. Titolo del progetto Responsabile scientifico: CARATTERIZZAZIONE CLINICA E NEUROPSICOFISIOLOGICA DEL DISTURBO D'ANSIA DI SEPARAZIONE DELL'ADULTO Mario MAJ Durata: dal 01/01/2007 al 30/06/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Partecipanti: Anno: ,00 - Ente Pubblico Ass. IDEA Lo studio sarà condotto in pazienti con diagnosi di disturbo di panico con o senza agorafobia, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbo depressivo maggiore, disturbo bipolare I (fase depressiva), ansia di separazione nell adulto (ASAD) e controlli sani. Gli obiettivi del progetto di ricerca includono: 1) la caratterizzazione clinica dell'ansia di separazione nell'adulto (ASAD), sulla base dell'ipotesi che tale condizione debba essere opportunamente identificata e differenziata da altri disturbi d'ansia e dell'umore; 2) lo studio del recettore periferico delle benzodiazepine, dei livelli ematici di alcuni neuropeptidi e dei polimorfismi genetici dell'ossitocina e della vasopressina come potenziali marker biologici di ASAD; 3) la valutazione di indici neuropsicofisiologici di regolazione emozionale quali lo startle reflex, i potenziali evento-correlati e l emotional stroop test., CATAPANO F., BUCCI P., FABRAZZO M., MUCCI A., TORTORELLA A. A. V., MERLOTTO E., CASTALDO E., ESPOSITO L., GARRAMONE S., DDALENA F., MANCUSO F., AMATO E. Titolo del progetto Responsabile scientifico: DEFINIZIONE E VALIDAZIONE DEI PERCORSI DIAGNOSTICI E TERAPEUTICI RIABILITATIVI/ABILITATIVI PER LE DISABILITA EVOLUTIVE, CON PARTICOLARE RIGUARDO AI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Roberto MILITERNI Durata: dal 01/01/2007 al 30/06/2009 Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.26

27 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Anno: ,00 - Ente Pubblico Azienda sanitaria Locale Napoli 2 Lo scopo di questo studio è la definizione e la validazione dei percorsi diagnostici e terapeutici riabilitativi/abilitativi per le Disabilità Evolutive, con particolare riguardo ai Disturbi Pervasivi dello Sviluppo. Partecipanti: MILITERNI R. Titolo del progetto Responsabile scientifico: THE EUROPEAN FIRST EPISODE SCHIZOPHRENIA TRIAL (EUFEST). COMPARISON OF OUTCOME IN FIRST EPISODE SCHIZOPHRENIA WITH DIFFERENT LOW DOSE ANTIPSYCHOTIC DRUG REGIMENS Silvana GALDERISI Durata: dal 01/01/2007 al 30/06/2009 Enti finanziatori e importo dei finanziamenti: Breve descrizione: Partecipanti: Anno: ,27 - Conto terzi Società Stichting European Group for Research Il protocollo sperimentale ha previsto uno studio europeo, multicentrico, naturalistico, in aperto, randomizzato con 5 bracci in parallelo ed un numero di pazienti pari a circa 500, corrispondente ad un minimo di pazienti per centro. Sono state coinvolte 15 nazioni europee con 55 centri. Il protocollo di ricerca ha inteso verificare: 1) se esiste una superiorità dei nuovi antipsicotici, rispetto a quelli standard usati a basse dosi, nel determinare una migliore prognosi della malattia in pazienti al primo episodio di schizofrenia, disturbo schizofreniforme o schizoaffettivo; 2) gli effetti dei nuovi antipsicotici, rispetto al farmaco di riferimento, sulle disfunzioni cognitive dei pazienti al primo episodio di malattia; 3) i determinanti genetici della risposta al trattamento con farmaci antipsicotici e del decorso clinico naturale della malattia. GALDERISI S., BUCCI P., MUCCI A., SORRENTINO D., AMATI G., DI BENEDETTO R., MERLOTTI E., TONNI A. Titolo del progetto Responsabile scientifico: UN NUOVO SISTEMA DI FINANZIAMENTO PER I DIPARTIMENTI DI SALUTE MENTALE. DEFINIZIONE DELLE PRESTAZIONI E DELLE FUNZIONI ASSISTENZIALI Francesco CATAPANO Servizio Anagrafe Ricerca di Ateneo. Documento generato il 03/03/2010 alle pag.27

SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Psichiatria, Neuropsichiatria Infantile, Audiofoniatria e Dermatovenereologia

SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Psichiatria, Neuropsichiatria Infantile, Audiofoniatria e Dermatovenereologia SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Psichiatria, Neuropsichiatria Infantile, Audiofoniatria e Dermatovenereologia Relazione Consuntiva Attività Scientifica ex. art. 5 Regolamento

Dettagli

SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Psichiatria, Neuropsichiatria Infantile, Audiofoniatria e Dermatovenereologia

SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Psichiatria, Neuropsichiatria Infantile, Audiofoniatria e Dermatovenereologia SECONDA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI Dipartimento di Psichiatria, Neuropsichiatria Infantile, Audiofoniatria e Dermatovenereologia Relazione Consuntiva Attività Scientifica ex. art. 5 Regolamento

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall età evolutiva all età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009

AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall età evolutiva all età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009 AUTISMO Percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali dall et età evolutiva all et età adulta Torino, 7 MAGGIO 2009 Paolo Bailo, Marina Gandione Ricerche recenti hanno indicato una prevalenza dei DPS

Dettagli

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Prof. Lucio Moderato Psicologo Psicoterapeuta - Direttore Servizi Diurni e Territoriali Fondazione

Dettagli

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE (DA) Disturbi del comportamento alimentare o di comportamenti finalizzati al controllo del peso corporeo, che danneggiano in modo significativo

Dettagli

La ricerca italiana sulle psicosi: il Network e le nuove prospettive terapeutiche

La ricerca italiana sulle psicosi: il Network e le nuove prospettive terapeutiche Corso ECM La ricerca italiana sulle psicosi: il Network e le nuove prospettive terapeutiche Napoli, 30 Giugno - 1 Luglio 2015 Hotel Royal Continental Responsabile scientifico Andrea Fiorillo Dipartimento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 143 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BIONDELLI, ANTEZZA, BINI, BOCCIA, CARRA, COCCIA, COVA, D INCECCO, FEDI, FIANO, CINZIA MARIA

Dettagli

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Disturbi del Comportamento Alimentare DCA Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Binge Eating Disorder DCA Non Altrimenti Specificati Anoressia Nervosa

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

DDAI. DDAI:diagnosi differenziale e associata DDAI DDAI DDAI DDAI

DDAI. DDAI:diagnosi differenziale e associata DDAI DDAI DDAI DDAI :diagnosi differenziale e associata Renata Rizzo Neuropsichiatria Infantile Dipartimento di Pediatria, Università di Catania è una sindrome neurocomportamentale. I sintomi principali sono classificati

Dettagli

CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD

CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD Azienda Ospedaliera G. Salvini Garbagnate Milanese Unità Operativa di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza. CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD Direttore: prof. Giuseppe

Dettagli

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa Linee guida per curare con efficacia i disturbi dell alimentazione e del peso. Cause e conseguenze del disturbo, i soggetti a rischio, l informazione e le terapie più adeguate per la cura e la risoluzione

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Emiatrofia cerebrale e microftalmia

Emiatrofia cerebrale e microftalmia Emiatrofia cerebrale e microftalmia TROMBOSI TROMBOSI Prevenzione dell handicap congenito Nel 1 gruppo di casi genetici con rischio di ricorrenza, la prevenzione può attuarsi attraverso una corretta diagnosi

Dettagli

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Prevalenza e incidenza delle malattie psichiatriche, psichiatriche sistemi di classificazione lassificazione e principi per la valutazione Unità 1 Clinica

Dettagli

Il disagio psichiatrico in Università Disagio psichico e malattie psichiatriche: quadro introduttivo e differenze. Università BOCCONI :

Il disagio psichiatrico in Università Disagio psichico e malattie psichiatriche: quadro introduttivo e differenze. Università BOCCONI : Il disagio psichiatrico in Università Disagio psichico e malattie psichiatriche: quadro introduttivo e differenze Università BOCCONI : PRESENTAZIONE DEL DOTT. ANDREA FREDIANI MILANO, 10 D ICEMBRE 2014

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE N. 1- SASSARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE N. 1- SASSARI Prot. n /DG Sassari, Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula 1. Soggetto Proponente (Operante in Sardegna) Ragione Sociale U.O. Territoriale di Neuropsichiatria

Dettagli

Disabilità intellettiva e/o autismo La presa in carico, il progetto individuale, il rapporto con i servizi diurni e residenziali.

Disabilità intellettiva e/o autismo La presa in carico, il progetto individuale, il rapporto con i servizi diurni e residenziali. Disabilità intellettiva e/o autismo La presa in carico, il progetto individuale, il rapporto con i servizi diurni e residenziali Roberto Keller Ambulatorio Disturbi spettro autistico in età adulta Centro

Dettagli

Adozione e ADHD: criticità nel trattamento e proposte di lavoro. Dott.ssa G. Menchetti Dott.ssa S. Rota Dott.ssa B. R. Berti U.F.S.M.I.A.

Adozione e ADHD: criticità nel trattamento e proposte di lavoro. Dott.ssa G. Menchetti Dott.ssa S. Rota Dott.ssa B. R. Berti U.F.S.M.I.A. Adozione e ADHD: criticità nel trattamento e proposte di lavoro Dott.ssa G. Menchetti Dott.ssa S. Rota Dott.ssa B. R. Berti U.F.S.M.I.A. ASL 5 Pisa Eziologia L ADHD è un disturbo ad eziologia multifattoriale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

Quando un sintomo non è solo fisico

Quando un sintomo non è solo fisico SEMINARIO Quando un sintomo non è solo fisico Luciana Biancalani & Alessandra Melosi 16 Convegno Pediatrico Firenze 11-12 novembre 2011 Disturbi non solo fisici problemi psicologici conseguenti a disturbi

Dettagli

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013 MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013 PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI Sintomi, criteri, diagnosi CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 48 ORE 20 CREDITI ECM Obiettivi Obiettivi L obiettivo

Dettagli

Valutare l efficacia della Psicoterapia

Valutare l efficacia della Psicoterapia Valutare l efficacia della Psicoterapia Premessa: Le sempre più limitate risorse economiche (da parte di enti pubblici e privati) e l esigenza di un giudizio di impatto economico per ogni specifico intervento

Dettagli

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni

La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni La percezione dello stato di salute e la depressione nella ASL di Terni Come si misura la qualità della vita in relazione alla salute La definizione di salute dell Oms indica uno stato ideale, con un concetto

Dettagli

Presentazione progetti di ricerca Struttura Complessa Neuropsichiatria Infantile

Presentazione progetti di ricerca Struttura Complessa Neuropsichiatria Infantile Presentazione progetti di ricerca Struttura Complessa Neuropsichiatria Infantile Studio Epidemiologico su Mucopolisaccaridosi Ricerca Geni Coinvolti in alcune forme di paraplegia spastica ereditaria Screening

Dettagli

Disturbi dell Alimentazione

Disturbi dell Alimentazione Disturbi dell Alimentazione Annamaria Petito Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Foggia Disturbi dell Alimentazione Sono caratterizzati da macroscopiche alterazioni del comportamento

Dettagli

Colloquio clinico in età evolutiva

Colloquio clinico in età evolutiva Colloquio clinico in età evolutiva Le capacità cognitive e il linguaggio dei bambini sono meno sviluppati I bambini e gli adolescenti sono accompagnati dagli adulti, generalmente i genitori, e raramente

Dettagli

Madre adolescente: due minori a rischio. Scheda di sintesi del progetto

Madre adolescente: due minori a rischio. Scheda di sintesi del progetto Madre adolescente: due minori a rischio Scheda di sintesi del progetto 1 Il progetto Madre adolescente: due minori a rischio. Sostegno alla genitorialità in adolescenza per la tutela dei minori è promosso

Dettagli

Protocollo d Intesa. tra

Protocollo d Intesa. tra Allegato 1 delib. As n. 2_2015 Protocollo d Intesa tra l Associazione ONLUS La vita oltre lo specchio, il Comune di Pisa, la Società della Salute di Pisa e l Azienda USL 5 di Pisa. PREMESSO - che nel Gennaio

Dettagli

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO Novembre 2014 - Gennaio 2015

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO Novembre 2014 - Gennaio 2015 MILANO Novembre 2014 - Gennaio 2015 PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI Sintomi, criteri, diagnosi CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 48 ORE 20 CREDITI ECM NOVITAʼ: Analisi e studio

Dettagli

GLI INTERVENTI PSICOEDUCATIVI FAMILIARI NELLA DEPRESSIONE MAGGIORE Lorenza Magliano ! " # $ $%$$& ' $ ( ( ) * +,-.,-,- ) / ,) 01 (/ ) 0 2. ( 3 1.! 0 (," $ '31415+*67899:;7

Dettagli

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE 4 Congresso Sezione Regionale Triveneto Società Italiana dell Obesità OBESITA E DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE R.Siani, L. Ravazzin, D. De Pauli Binge Eating Disorder e Comorbilità Psichiatrica

Dettagli

Alimentazione e Nutrizione

Alimentazione e Nutrizione Alimentazione e Nutrizione Dr. Augusto Innocenti, PhD Biologo Nutrizionista Prof. a contratto Università di Parma Perfezionamento in Biochimica e Biologia Molecolare Phd in Neurobiologia e Neurofisiologia

Dettagli

L alunno con ADHD (disturbo dell attenzione e/o iperattività) a scuola: Costruzione del Piano Didattico Personalizzato e gestione in classe

L alunno con ADHD (disturbo dell attenzione e/o iperattività) a scuola: Costruzione del Piano Didattico Personalizzato e gestione in classe L alunno con ADHD (disturbo dell attenzione e/o iperattività) a scuola: Costruzione del Piano Didattico Personalizzato e gestione in classe Corso di Alta Formazione Facoltà di Psicologia SPAEE - Servizio

Dettagli

Trattamento integrato dei disturbi mentali nelle Cure Primarie: il Programma Regionale G. Leggieri

Trattamento integrato dei disturbi mentali nelle Cure Primarie: il Programma Regionale G. Leggieri SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia Trattamento integrato dei disturbi mentali nelle Cure Primarie: il Programma Regionale G. Leggieri Dr.ssa Marina

Dettagli

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri B.E.S. Anno 2014 Fortunata La didattica inclusiva per il I DESTINATARI ALUNNI CON B. E. S. BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E più facile rompere un atomo che un pregiudizio A. Einstein Gli studenti con B. E.

Dettagli

Indice. Presentazione. Parte I - Gli aspetti teorici 1 Franco Baldini. 1. Gli homework nella psicoterapia 3

Indice. Presentazione. Parte I - Gli aspetti teorici 1 Franco Baldini. 1. Gli homework nella psicoterapia 3 02Indice(V-X) 4-05-2004 10:49 Pagina V Indice Autori Presentazione Prefazione Ringraziamenti XI XIII XVII XXI Parte I - Gli aspetti teorici 1 Franco Baldini 1. Gli homework nella psicoterapia 3 2. La tradizione

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona

XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona Reggio Emilia, 24-26 settembre 2009 PROGETTO Progetto di prevenzione, informazione e cura su Psicosi e Depressione Post Partum Dipartimento

Dettagli

4 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

4 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 4 novembre 2004 a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta E' stato stimato che in Italia il 2% circa della popolazione è affetta da anoressia e bulimia. A questa percentuale, comunque, va aggiunto

Dettagli

ATTIVITA' MOTORIA ADATTATA. Terzo Modulo. online

ATTIVITA' MOTORIA ADATTATA. Terzo Modulo. online ATTIVITA' MOTORIA ADATTATA Terzo Modulo online In questo terzo modulo online vi viene presentato il ritardo mentale come definizione e quadro patologico. Il ritardo mentale è una delle categorie di disabilità

Dettagli

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Screening Psicometrico psicometria L approccio globale Il test di psicometria giunge a complemento della produzione Dietosystem nell Area Nutrizionale. Esso va ad

Dettagli

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Congresso: La psicologia e il sistema socio-sanitario regionale L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Mauro Percudani, Dipartimento di Salute Mentale A.O. G. Salvini Garbagnate Milanese

Dettagli

ELENCO CENTRI ACCREDITATI PER VALUTAZIONE ALUNNI CON DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO, DISTURBI SPECIFICI, DISABILITA E PROBLEMATICHE DI VARIO GENERE

ELENCO CENTRI ACCREDITATI PER VALUTAZIONE ALUNNI CON DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO, DISTURBI SPECIFICI, DISABILITA E PROBLEMATICHE DI VARIO GENERE ELENCO CENTRI ACCREDITATI PER VALUTAZIONE ALUNNI CON DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO, DISTURBI SPECIFICI, DISABILITA E PROBLEMATICHE DI VARIO GENERE CENTRO Lab.D.A. Laboratorio per i Disturbi dell'apprendimento

Dettagli

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO OSSESSIVO- COMPULSIVO Prof.ssa Lorettu DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO Caratteristica essenziale di questo disturbo

Dettagli

IL DISTURBO BIPOLARE: DAI TRATTAMENTI DI FASE ALLA PREVENZIONE DELLE RICADUTE 27 MARZO 2012 TENUTA MORENO - MESAGNE (BR) Con il Patrocinio di:

IL DISTURBO BIPOLARE: DAI TRATTAMENTI DI FASE ALLA PREVENZIONE DELLE RICADUTE 27 MARZO 2012 TENUTA MORENO - MESAGNE (BR) Con il Patrocinio di: Con il Patrocinio di: Dipartimento Salute Mentale Regione Puglia IL DISTURBO BIPOLARE: DAI TRATTAMENTI DI FASE ALLA PREVENZIONE DELLE RICADUTE 27 MARZO 2012 TENUTA MORENO - MESAGNE (BR) Razionale ll disturbo

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

La Giunta regionale toscana è intenzionata

La Giunta regionale toscana è intenzionata 10 Toscana: Alimentazione e salute La Giunta regionale toscana è intenzionata a rafforzare il progetto di studio già in atto sul rapporto tra alimentazione e salute. Lo scopo è di monitorare i comportamenti

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche (OEAc-LPPsi) Modifica del 18 novembre 2015 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina:

Dettagli

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013

Appropriatezza clinica, strutturale e operativa nella prevenzione, diagnosi e terapia dei disturbi dell alimentazione n. 17/22, Luglio-Agosto 2013 Percorsi di cura dei disturbi dell alimentazione nella Regione Veneto Paolo Santonastaso Centro Regionale per i Disturbi Alimentari Dipartimento di Neuroscienze Università di padova Appropriatezza clinica,

Dettagli

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3 INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA X XII XIII PREFAZIONE 3 C A P I T O L O 1 PROSPETTIVE EPISTEMOLOGICHE IN PSICOLOGIA CLINICA 9 1.1 Ragioni e necessità di un

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico La prevenzione del suicidio in Ospedale Dr. Maurizio Belligoni Direttore Generale Agenzia Regionale Sanitaria Definizione di evento

Dettagli

DEPRESSIONE POST PARTUM Chi è a rischio?

DEPRESSIONE POST PARTUM Chi è a rischio? DEPRESSIONE POST PARTUM Chi è a rischio? Maria Elena Gattoni, Laura Andreoni e Antonio Giampiero Russo Osservatorio Epidemiologico e Registri Specializzati DIPARTIMENTO GOVERNANCE ASL Milano 1 Definizione

Dettagli

NUOVE PROSPETTIVE PER IL RIPRISTINO DELLO SVILUPPO CEREBRALE NELLA SINDROME DI DOWN

NUOVE PROSPETTIVE PER IL RIPRISTINO DELLO SVILUPPO CEREBRALE NELLA SINDROME DI DOWN NUOVE PROSPETTIVE PER IL RIPRISTINO DELLO SVILUPPO CEREBRALE NELLA SINDROME DI DOWN GRUPPO DI RICERCA Coordinamento Università Partner Progetto realizzato con il contributo di Assicurazioni Generali ABSTRACT

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Novate, 20 Aprile 2015 Programma 1 parte Competenza linguistica Sviluppo linguistico Indici di riferimento Parlatori

Dettagli

FACOLTÀ di FARMACIA E MEDICINA

FACOLTÀ di FARMACIA E MEDICINA FACOLTÀ di FARMACIA E MEDICINA BANDO DI CONCORSO ANNO ACCADEMICO 2014/2015 MASTER DI II LIVELLO IN STRESS, SPORT, NUTRIZIONE: NUOVI APPROCCI DIAGNOSTICI E TERAPEUTICI PER WELLNESS,FITNESS, PREVENZIONE

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

BUONE NORME PER L INSERIMENTO SCOLASTICA PROGETTO PILOTA PER L INSERIMENTO IN CLASSE DI UN BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI

BUONE NORME PER L INSERIMENTO SCOLASTICA PROGETTO PILOTA PER L INSERIMENTO IN CLASSE DI UN BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI BUONE NORME PER L INSERIMENTO SCOLASTICA PROGETTO PILOTA PER L INSERIMENTO IN CLASSE DI UN BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI QUADRO GENERALE L art.12 della legge quadro 104/92, diritto all'educazione e

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

GTTFPP66E28B157P. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia

GTTFPP66E28B157P. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Filippo Gitti Indirizzo Via Boccacci 83 Brescia Telefono 0302090625 Fax 0303704436 E-mail filippo.gitti@spedalicivili.brescia.it Nazionalità

Dettagli

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof.

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Neuropsichiatria Infantile Direttore Prof. Paolo Curatolo ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCELLA VILLANOVA Indirizzo / Telefono / Fax / E-mail / Nazionalità Italiana Data di nascita 17/05/1981

Dettagli

AUTISMO : COME E COSA FARE

AUTISMO : COME E COSA FARE AUTISMO : COME E COSA FARE Quale formazione? Florinda Ferrara Psicologa 25/09/2015 Obiettivi del corso Introdurre alla problematica dell autismo e del suo trattamento Offrire stimoli per la programmazione

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web Obiettivo formativo: contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifici

Dettagli

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com

TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI. GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com TEMPI, LUOGHI, PERSONE E FARMACI NELLA CURA DEI CASI CON DOPPIA DIAGNOSI GIUSEPPE ZANDA www.psichiatragiuseppezanda.com Lucca, 7 settembre 2013 Definizione Problemi correlati Modelli di trattamento Principi

Dettagli

Il riconoscimento precoce dei disturbi dell alimentazione. Dr. Riccardo Dalle Grave

Il riconoscimento precoce dei disturbi dell alimentazione. Dr. Riccardo Dalle Grave Il riconoscimento precoce dei disturbi dell alimentazione Dr. Riccardo Dalle Grave Agenda Disturbi dell alimentazione Come definiamo il problema La dimensione del problema Le conseguenze Screening e diagnosi

Dettagli

Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina

Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina Cristiano Chiamulera Professore Associato di Farmacologia Sezione di Farmacologia Dipartimento

Dettagli

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE Cardiologia Il servizio di Cardiologia si rivolge ai pazienti che presentano le principali forme di patologia cardiologica e cardiovascolare, attraverso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI CORSO DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN I DISTURBI COGNITIVI DEL PAZIENTE NEUROLOGICO ED IL RUOLO DEL TEAM ( SEDI DI MANTOVA E VERONA III EDIZIONE ) ANAGRAFICA DEL CORSO - A CFU 12

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI Allegato parte integrante Programmazione della formazione ASSESSORATO ALLA SALUTE E POLITICHE SOCIALI Organizzazione e Qualità delle sanitarie Ufficio formazione e sviluppo delle risorse umane PROGRAMMAZIONE

Dettagli

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Chiara Cantiani Psicologa Dottore di ricerca in Psicologia chiara.cantiani@bp.lnf.it chiara.cantiani@lanostrafamiglia.it IRCCS «E. Medea» Associazione La Nostra

Dettagli

Le proposte di modifiche sono relative: alla chiarificazione di alcuni passaggi e al loro allineamento alle Linee di Indirizzo;

Le proposte di modifiche sono relative: alla chiarificazione di alcuni passaggi e al loro allineamento alle Linee di Indirizzo; Parere delle Regioni e delle Province autonome sul Testo base adottato dalla Commissione Igiene e Sanità del Senato concernente Disposizioni in materia di prevenzione, cura, riabilitazione delle persone

Dettagli

LE STRATEGIE ORGANIZZATIVE DEL BAMBINO CON PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: Dott.ssa Paola Vichi Istituto di Ortofonologia Roma 10 Novembre 2012

LE STRATEGIE ORGANIZZATIVE DEL BAMBINO CON PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: Dott.ssa Paola Vichi Istituto di Ortofonologia Roma 10 Novembre 2012 LE STRATEGIE ORGANIZZATIVE DEL BAMBINO CON PROBLEMI DI APPRENDIMENTO: Dott.ssa Paola Vichi Istituto di Ortofonologia Roma 10 Novembre 2012 OSSERVAZIONI CLINICHE - MOTIVO DELLA CONSULTAZIONE : DISTURBO

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome e nome Indirizzo Telefono 3281728061 E-mail Via Savoia 40, 73027, Minervino di Lecce, Lecce, Italia giusi.guglielmo@gmail.com Nazionalità italiana

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Sistemi Internazionali di classificazione dei disturbi mentali Il

Dettagli

LA FORMAZIONE DELL ASSISTENTE SANITARIO

LA FORMAZIONE DELL ASSISTENTE SANITARIO BRESCIA 6 OTTOBRE 2006 LA FORMAZIONE DELL ASSISTENTE SANITARIO PROF. FRANCESCO DONATO Sezione di Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Brescia

Dettagli

Terapia Occupazionale (abilitante alla professione sanitaria in Terapista

Terapia Occupazionale (abilitante alla professione sanitaria in Terapista Scheda informativa Università Classe Universita' degli Studi di PADOVA Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 04/05/2004 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 05/05/2004

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA PREVALENZA DELLE PIU COMUNI PATOLOGIE UROLOGICHE E DEL LORO IMPATTO SULLA QUALITA DI VITA IN PAZIENTI

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA PREVALENZA DELLE PIU COMUNI PATOLOGIE UROLOGICHE E DEL LORO IMPATTO SULLA QUALITA DI VITA IN PAZIENTI STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA PREVALENZA DELLE PIU COMUNI PATOLOGIE UROLOGICHE E DEL LORO IMPATTO SULLA QUALITA DI VITA IN PAZIENTI SOTTOPOSTI A DIALISI. Introduzione 2 Obiettivo dello studio 4 Materiali

Dettagli

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Bologna 13 dicembre 2014 Definizione del concetto di disabilità cognitiva La normativa relativa

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AGGIORNAMENTO: OLTRE I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Corso di formazione per docenti Scuole Cattoliche Scuole Primarie e Secondarie di I grado Dott.ssa Michela Rampinini

Dettagli

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca:

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca: UN PROGETTO DI RICERCA IN MATERIA DI TERAPIA E ATTIVITA ASSISTITA DAGLI ANIMALI NEL CENTRO SERVIZI ALZHEIMER DELLA VILLA GIOVANNI XXIII DI BITONTO IN COLLABOTRAZIONE CON L ASSOCIAZIONE WILLIE.IT * Nicola

Dettagli

Attention Deficit Hyperactivity Disorder

Attention Deficit Hyperactivity Disorder Attention Deficit Hyperactivity Disorder ADHD Disturbo da deficit dell attenzione con iperattività/impulsività Dott.ssa Caterina Rosa Dott.ssa Elisa D Agati Neuropsichiatria Infantile Università di Roma

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

Salute e Scienze Sclerosi multipla, SLA, Alzheimer e Parkinson: novità diagnostiche e terapeutiche

Salute e Scienze Sclerosi multipla, SLA, Alzheimer e Parkinson: novità diagnostiche e terapeutiche www.aggm.it Agenzia Giornalistica Global Media Salute e Scienze Sclerosi multipla, SLA, Alzheimer e Parkinson: novità diagnostiche e terapeutiche A Napoli il Congresso mondiale della Società Internazionale

Dettagli

L AUTISMO NELLE MARCHE

L AUTISMO NELLE MARCHE 26 novembre 2015, Anna Maria Cirolla L AUTISMO NELLE MARCHE Dalla scoperta della sindrome alla realtà marchigiana. 1 Anna Maria Cirolla STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE Cos è l autismo? Passaggi storici nella

Dettagli

Sintesi relazione conclusiva del progetto

Sintesi relazione conclusiva del progetto Sintesi relazione conclusiva del progetto Valutazione della performance dei Servizi del Dipartimento delle Dipendenze della ASL della Provincia di Milano 1 Lo svolgimento del progetto di ricerca Valutazione

Dettagli

AIIDA Associazione Italiana per l Infanzia nelle Difficoltà di Apprendimento

AIIDA Associazione Italiana per l Infanzia nelle Difficoltà di Apprendimento Associazione Italiana per l Infanzia nelle Difficoltà di Apprendimento INDIVIDUARE PER PREVENIRE E INTERVENIRE PROGETTO PER LA PREVENZIONE E VALUTAZIONE PRECOCE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA DELLE DIFFICOLTA

Dettagli