REPUBBLICA ITALIANA. PARTE SECONDA Genova - Via Fieschi 15

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA. PARTE SECONDA Genova - Via Fieschi 15"

Transcript

1 Mercoledì 9 agosto 2006 Anno XXXVII - N. 32 REPUBBLICA ITALIANA Direzione, Amministrazione: Tel Redazione: Tel Fax Abbonamenti e Spedizioni: Tel Internet: PARTE SECONDA Genova - Via Fieschi 15 CONDIZIONI DI VENDITA: Ogni fascicolo. 3,00. La vendita è effettuata esclusivamente in Genova presso la Libreria Giuridica- Galleria E. Martino 9. CONDIZIONI DI ABBONAMENTO: Con decorrenza annuale: Canone globale:. 160,00 - Parte I:. 40,00 - Parte II:. 80,00 - Parte III:. 40,00 - Parte IV:. 35,00 - Sconto alle librerie: 10% - È esclusa la fatturazione. I Supplementi Straordinari (Leggi finanziarie, Ruolo nominativo S.S.n.,...) non sono compresi nei normali canoni di abbonamento, il singolo prezzo viene stabilito dall Ufficio di Presidenza; degli atti in essi contenuti ne viene data notizia sul corrispondente fascicolo ordinario. Il costo dei fascicoli arretrati è il doppio del prezzo di copertina. I fascicoli esauriti sono prodotti in fotocopia il cui prezzo è di. 0,13 per facciata. I fascicoli non recapitati devono essere richiesti entro 30 giorni. CONDIZIONI DI PUBBLICAZIONE E TARIFFE: Tutti gli annunzi e avvisi dei quali si richiede la pubblicazione sul B.U.R.L. devono essere prodotti in originale, redatti in carta da bollo nei casi previsti dal D.p.r n. 642 e s.m., con allegate due fotocopie, firmati dalla persona responsabile che richiede la pubblicazione, con l indicazione della qualifica o carica sociale. Il costo della pubblicazione è a carico della Regione quando la pubblicazione è prevista da leggi e regolamenti regionali - Alle richieste di pubblicazione onerosa deve essere allegata la ricevuta del versamento sul c/c postale dell importo dovuto, secondo le TARIFFE vigenti: diritto fisso di intestazione. 5,00 - Testo. 2,00 per ciascuna linea di scrittura (massimo 65 battute) o frazione, compresa la firma dattiloscritta. Sconto del 10% sui testi anticipati per posta elettronica. TERMINI DI PUBBLICAZIONE: Si pubblica di regola il mercoledì, se coincidente con festività, il primo giorno successivo non festivo. Gli annunzi, avvisi e bandi di concorso da pubblicarsi entro i termini stabiliti devono pervenire alla Redazione del B.U.R.L. Via Fieschi Genova, entro le ore 12 dei due mercoledì precedenti 1 uscita del Bollettino, la scadenza indicata deve essere di almeno 15 giorni dalla data di pubblicazione, pena la mancata pubblicazione. CONDIZIONI DI PAGAMENTO: Il pagamento degli abbonamenti e delle inserzioni deve avvenire esclusivamente mediante versamento sul c/c postale N intestato al Bollettino Ufficiale Regione Liguria, Via Fieschi, Genova indicando a tergo del certificato di allibramento, la causale del versamento. L Amministrazione non risponde dei ritardi causati dalla omissione di tale indicazione. Poligrafica Ruggiero s.r.l. - Nucleo Industriale Pianodardine AVELLINO Pubblicazione settimanale - Poste Italiane S.p.A. - Spedizioni in A.P. - 70% - DBC Avellino - n. 181/2005 PARTE SECONDA Atti di cui all art. 4 della Legge Regionale 24 Dicembre 2004 n. 32 SOMMARIO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE N. 21 Rendiconto del bilancio del Consiglio regionale di cui agli articoli 26, 27 e 28 del Regolamento regionale 19 novembre 2002 n. 7 (regolamento di contabilità del Consiglio regionale) Esercizio finanziario pag. 2848

2 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE N. 22 Nomina di due rappresentanti regionali nel Consiglio di Amministrazione della Società Sviluppo Genova. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 732 Approvazione schema protocollo d intesa per progetto Adhoc Turismo finalizzato a forme di finanziamento a favore delle P.M.I. del settore turistico ligure. pag pag DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 733 Attuazione DGR n. 223/04 - Misura c (3) progetti dimostrativi del PSR: rideterminazione della scadenza per la presentazione della rendicontazione consuntiva. pag DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 758 Dichiarazione di decadenza della Immobiliare Val Lerone S.p.A. dal diritto a derivare e utilizzare acqua pubblica assentito con DPGR , n pag DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 760 Variazioni per euro ,00 al bilancio 2006 ai sensi art. 8 L.R , n.3 Fondo Sanitario Nazionale 2004 parte corrente: stanziamento per riequilibrio tra le Regioni - Accordo Stato-Regioni (21 provvedimento). pag DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 761 Variazioni per euro ,00 al bilancio 2006 ai sensi art.8 L.R. 24/1/2006, n. 3 Fondo Sanitario Nazionale Parte corrente: fondo per l esclusività del rapporto per i dirigenti sanitari - Art.72 L.448/1998 (22 provvedimento). pag DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 766 Interventi in materia ambientale. Riprogrammazione fondi 2006 di cui alla D.G.R. 393/2006 e relative modifiche. pag DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 769 Nuovi criteri e modalità per la concessione di contributi agli Enti Locali per il risanamento e la costruzione di ricoveri per animali - revoca della D.G.R. 154/2002. pag. 2870

3 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE SERVIZIO BILANCIO N. 258 Variazioni compensative al bilancio di previsione per l anno finanziario 2006 ai sensi art. 37, comma 2, della L.R. 15/2002 euro ,00 (44 provvedimento). pag DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE SERVIZIO BILANCIO N. 259 Variazioni compensative al bilancio di previsione per l anno finanziario 2006 ai fini delle codificazioni SIOPE - art. 37, comma 2, della l.r. 15/ euro ,00 (46 provvedimento). pag DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE SERVIZIO BILANCIO N. 260 Variazioni compensative al bilancio di previsione per l anno finanziario 2006 ai sensi art. 37, comma 2, della L.R. 15/2002 euro ,00 (47 provvedimento). pag DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE SERVIZIO BILANCIO N. 261 Variazioni compensative al bilancio di previsione per l anno finanziario 2006 ai sensi art. 37, comma 2, della L.R. 15/2002 euro ,00 (48 provvedimento). pag DECRETO DEL DIRIGENTE SERVIZIO SERVIZI ALLE IMPRESE AGRICOLE N Legge regionale n. 36/99, art. 10. Elenco regionale operatori biologici aggiornato al 31 dicembre DECRETO DEL DIRIGENTE SERVIZIO PREVENZIONE N Aggiornamento elenco regionale per l inserimento degli stabilimenti e dei centri riconosciuti per la raccolta o la trasformazione del latte e dei prodotti a base di latte ai sensi dell art. 10 D.P.R. 54/97. pag pag DECRETO DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLITICHE GIOVANILI E COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO N L.R. 11 maggio 2006 n. 11. Adeguamento dell accreditamento del Comune di Genova nell Albo Regionale degli Enti di Servizio Civile Nazionale in classe 2^ - Codice regionale LIG/A/0010. pag. 2904

4 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag DECRETO DEL DIRIGENTE SETTORE ECOSISTEMA COSTIERO N Autorizzazione a Ministero Infrastrutture e Trasporti - Settore Infrastrutture Lombardia e Liguria per immersione in mare di sedimenti provenienti da alveo Torrente Bisagno per protezione al piede della scogliera antistante P.le Kennedy a Genova pag DECRETO DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLITICHE GIOVANILI E COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO N L.R. 11 maggio 2006 n. 11.Accreditamento nell Albo regionale degli Enti di servizio Civile Nazionale dell associazione CIVITAS - Onlus - in 3^ classe - codice regionale LIG/A/0046. pag DECRETO DEL DIRIGENTE SERVIZIO POLITICHE GIOVANILI E COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO N L.R. 11 maggio 2006 n. 11. Accreditamento nell Albo regionale degli Enti di servizio Civile Nazionale del Comune di Santa Margherita Ligure (GE) - in 4^ classe - codice regionale LIG/A/0047. pag DECRETO DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROCEDIMENTI CONCER- TATIVI N Comune di Alassio (SV) - Conferenza di Servizi ex art. 6 l.r. 13/1999 e s.m. e art. 14 L. 241/1990 e s.m. e i. per l approvazione del progetto definitivo volto alla realizzazione di un intervento stabilizzatore della spiaggia di S. Anna. pag DECRETO DEL DIRIGENTE SERVIZIO STAFF DEL DIPARTIMEN- TO AGRICOLTURA E PROTEZIONE CIVILE E AFFARI GIURIDICI N Comune di Castelvecchio di Rocca Barbena (SV) - Usi civici autorizzazione all utilizzo della somma di euro ,77. pag PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE UFFICIO DERIVAZIONE ACQUA E LINEE ELETTRICHE DELLA PROVINCIA DI GENOVA N Pratica D/4039. Corso d acqua: sorgente tributaria T. Varenna. Titolare: Baldi Teresa ed altri. Domanda in data: di variante d uso della concessione di cui al DDS n. 23 del in Comune di Genova. pag. 2910

5 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE UFFICIO DERIVAZIONE ACQUA E LINEE ELETTRICHE DELLA PROVINCIA DI GENOVA N Pratica D/1216. Corso d acqua: T. Branega. Titolare: Marchese Gerolamo ed altri. Domanda in data: di subentro in quota parte della concessione di cui al DDS n. 51 del in Comune di Genova. pag PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE UFFICIO DERIVAZIONE ACQUA E LINEE ELETTRICHE DELLA PROVINCIA DI GENOVA N Pratica D/4534. Corso d acqua: Sorg.te trib. Rio senza nome trib. Rio Railasco (bacino T. Secca). Titolare: Arvigo Santo Claudio e Ghiglino Claro. Domanda di concessione in sanatoria di derivazione acqua in data Comune di Genova, per uso irriguo. pag PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE UFFICIO DERIVAZIONE ACQUA E LINEE ELETTRICHE DELLA PROVINCIA DI GENOVA N Pratica D/4491. Corso d acqua: Ri. Stagnoni (bacino T. Leiro). Titolare: Parodi Maria ed altri. Domanda in data , di subentro in quota parte della concessione di cui al P.D. n. 265 del Comune: Mele; uso: irriguo. pag PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE SETTORE URBANISTICA E DIFESA DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI IMPERIA N. 685 Bacino del torrente Arroscia. Domanda di concessione di derivazione acqua ad uso potabile. Ditta: Comune di Pieve di Teco. Pratica n. 203 Rinnovo. Sanatorie. Unificazione pratiche. (ex ). pag PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE SETTORE URBANISTICA E DIFESA DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI IMPERIA N. 691 Bacino del torrente Arroscia. Domanda di concessione di derivazione acqua ad uso potabile. Ditta: Comune di Montegrosso Pian Latte. Pratica n. 82. Sanatoria. pag. 2913

6 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE SETTORE URBANISTICA E DIFESA DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI IMPERIA N. 694 Bacino del torrente Arroscia - fiume Tanaro. Domanda di concessione di derivazione acqua ad uso potabile. Ditta: Comune di Medatica. Pratica n Sanatoria. pag PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE SETTORE URBANISTICA E DIFESA DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI IMPERIA N. 704 Bacino del fiume Tanaro. Domanda di concessione di derivazione acqua ad uso potabile. Ditta: Comune di Medatica. Pratica n. 10. Sanatoria. pag PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE SETTORE URBANISTICA E DIFESA DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI IMPERIA N. 778 Comune di San Bartolomeo al Mare. Variante al Piano Regolatore Generale relativa agli articoli 11 e 12 delle Norme Tecniche di Attuazione. pag PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE SETTORE URBANISTICA E DIFESA DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI IMPERIA N. 779 Comune di Imperia. Variante parziale al P.R.G. relativa alla zona da destinarsi ad attività miste, produttive, terziarie e commerciali in Via Nazionale da DAM4D a DM7D. PROVINCIA DI IMPERIA Ditta: Elena Claudio. Domanda per concessione derivazione acqua. pag pag DECRETO DEL DIRIGENTE SETTORE DIFESA DEL SUOLO DELLA PROVINCIA DI SAVONA N Derivazione d acqua ad uso irriguo dal torrente Letimbro in località Giasone - Frazione Santuario del Comune di Savona. Concessionario: Signora Pollero Teresa. Fascic. 37/2006. pag DECRETO DEL DIRIGENTE SETTORE DIFESA DEL SUOLO DELLA PROVINCIA DI SAVONA N Richiedente: Comune di Garlenda. Corsi d acqua: nei Comuni di

7 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag Garlenda e Villanova d Albenga. Concessione demaniale per n. 42 attraversamenti di ritani demaniali (n. 15 di nuova realizzazione e n. 27 per tratti di viabilità da ripristinare) relativi al Progetto di inteventi di lotta e prevenzione degli incandi boschivi. pag DECRETO DEL DIRIGENTE SETTORE DIFESA DEL SUOLO DELLA PROVINCIA DI SAVONA N Derivazione d acqua ad uso irriguo dal torrente Giustenice o Scalincio in località Pian Boetto del Comune di Giustenice. Concessione già assentita con D.M. n in data Concessionari: Berrini Bruno e Nicolino, Boasso Bruno, Serrato Aldo, Bova Giovanni, Borro Cristoforo. Fascic. 189/2003. pag DECRETO DEL DIRIGENTE SETTORE DIFESA DEL SUOLO DELLA PROVINCIA DI SAVONA N Derivazione d acqua ad uso irriguo dal torrente Scalincio o Giustenice in località Pian Boetto del Comune di Giustenice. Concessionari: Boasso Bruno e Trucco Pietrino. Fascic. 653/2001. pag DECRETO DEL DIRIGENTE SETTORE VIABILITÀ SERVIZIO PRO- GRAMMAZIONE ED ESPROPRI DELLA PROVINCIA DI SAVONA N Interventi di potenziamento del sottopasso ferroviario Torino-Savona e adeguamento intersezione con S.P. N. 42 al km della S.P. N. 29 del Colle di Cadibona. Liquidazione dell indennità provvisoria di espropriazione. pag DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO OPERE IDRAULI- CHE - RISORSE IDRICHE E LINEE ELETTRICHE DELLA PROVIN- CIA DELLA SPEZIA N. 300 Pratica n Corso d acqua: Fiume Magra e Fosso Ghiaretolo. Autorizzazione ai fini idraulici e demaniali relativa all attraversamento del Fiume Magra e del Fosso Ghiaretolo con elettrodotto in cavo aereo a media tensione (15000 V) e la posa di conduttura interrata su terreni demaniali, nel Comune di Vezzano Ligure. Ditta: Enel Distribuzione S.p.A. pag DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO OPERE IDRAULI- CHE - RISORSE IDRICHE E LINEE ELETTRICHE DELLA PROVIN- CIA DELLA SPEZIA N. 307 Autorizzazione ai fini idraulici e demaniali per l attraversamento del

8 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag Canale Gonfiadelli con elettrodotto in cavo aereo a bassa tensione (400 V) in località Navonella nel Comune di Sarzana. Pratica n Ditta: Enel Distribuzione S.p.A. pag DECRETO DEL DIRIGENTE UFFICIO PER LE ESPROPRIAZIONI DEL COMUNE DI ALBENGA N. 1 Lavori di allargamento, rettifica e miglioramento della strada comunale in sponda destra del torrente Neva da Bastia a confine con il Comune di Cisano sul Neva. pag DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER LA DETERMINAZIONE DELLE INDENNITA DI ESPRORPIO DELLA SPEZIA N. 14 Lavori di allargamento curve sulla strada provinciale n.8 Martinello Calice al Cornoviglio in territorio del Comune di Calice al Cornoviglio. Ente espropriante: Provincia della Spezia. pag DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER LA DETERMINAZIONE DELLE INDENNITA DI ESPRORPIO DELLA SPEZIA N. 15 Lavori per l eliminazione dei punti neri sulla strada provinciale di Arcola II lotto completamento. Ente espropriante: Provincia della Spezia. Ditte espropriande: Orlandi Marisa e Sermi Giancarlo. NCT Arcola Foglio 5 mappale 1439 Uliveto vigneto sup. mq. 40. pag DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER LA DETERMINAZIONE DELLE INDENNITA DI ESPRORPIO DELLA SPEZIA N. 16 Lavori di sistemazione del tratto focivo del fiume Magra finalizzata alla messa in sicurezza idraulica delle aree prospicienti. Comune di Ameglia. Ente espropriante: Provincia della Spezia. pag DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER LA DETERMINAZIONE DELLE INDENNITA DI ESPRORPIO DELLA SPEZIA N. 17 Lavori di adeguamento della ex SS AAurelia per l eliminazione della strettoia in Comune di Riccò del Golfo 1 stralcio. Ente espropriante: Provincia della Spezia. pag. 2925

9 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER LA DETERMINAZIONE DELLE INDENNITA DI ESPRORPIO DELLA SPEZIA N. 18 Lavori di miglioramento della strada ex Statale n. 370 e la Strada Provinciale Litoranea. Ente espropriante: Provincia della Spezia. pag DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER LA DETERMINAZIONE DELLE INDENNITA DI ESPRORPIO DELLA SPEZIA N. 19 Esproprio aree interessate al S.U.A nell area di via Carducci via della Pianta via del Canaletto e via Federici per la realizzazione centro espositivo- fieristico e strutture sportive ricreative. Ente espropriante: Comune della Spezia. pag DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER LA DETERMINAZIONE DELLE INDENNITA DI ESPRORPIO DELLA SPEZIA N. 20 Esproprio per lavori di sistemazione ed ammodernamento della strada provinciale di Arcola I e II lotto determinazione indennità di esproprio. Ente espropriante: Provincia della Spezia. pag DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER LA DETERMINAZIONE DELLE INDENNITA DI ESPRORPIO DELLA SPEZIA N. 21 Esproprio lavori di urbanizzazione primaria all interno del P.R.U. del Favaro. Ente espropriante: Comune della Spezia. pag. 2927

10 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE N. 21 Rendiconto del bilancio del Consiglio regionale di cui agli articoli 26, 27 e 28 del Regolamento regionale 19 novembre 2002 n. 7 (regolamento di contabilità del Consiglio regionale) Esercizio finanziario IL CONSIGLIO REGIONALE omissis D E L I B E R A di approvare, per i motivi di cui in premessa, il rendiconto della gestione del bilancio del Consiglio regionale riguardante l esercizio finanziario 2005; di dare atto che all approvazione dei rendiconti dei Gruppi consiliari per il medesimo esercizio si provvederà con atto separato, non appena trasmessi dalla Commissione di cui all articolo 3 della l.r. 9/1996; di restituire alla Giunta regionale l importo complessivo di euro ,18 (unmilionetrecentonovantatremilatrecento/18) così come specificato in premessa; di demandare alla competente Struttura del Consiglio gli adempimenti conseguenti. IL PRESIDENTE Giacomo Ronzitti IL CONSIGLIERE SEGRETARIO Patrizia Muratore (allegato omesso) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE N. 22 Nomina di due rappresentanti regionali nel Consiglio di Amministrazione della Società Sviluppo Genova. IL CONSIGLIO REGIONALE omissis D E L I B E R A di nominare membri in seno al rinnovando Consiglio di Amministrazione della Società Sviluppo Genova S.p.A. i signori Casanova Sergio e Pisani Giovanni. IL PRESIDENTE Giacomo Ronzitti IL CONSIGLIERE SEGRETARIO Patrizia Muratore DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 732 Approvazione schema protocollo d intesa per progetto Adhoc Turismo finalizzato

11 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag a forme di finanziamento a favore delle P.M.I. del settore turistico ligure. LA GIUNTA REGIONALE PREMESSO che l Accordo internazionale Basilea 2, ha messo a punto un nuovo quadro di disciplina delle attività bancarie, fondato primariamente sul rispetto di requisiti patrimoniali minimi da parte delle banche medesime; CONSIDERATO che detto Accordo innova profondamente, la precedente normativa incidendo sulle politiche di concessione del credito, e proponendo all impresa italiana un nuovo modello di rapporto col sistema bancario e con il mercato finanziario; VALUTATO che proprio il rapporto banca/impresa rappresenterà, in futuro, un fattore-chiave di competitività, e che la qualità di questo rapporto assumerà maggior rilevanza anche in funzione di appositi strumenti volti, attraverso la concertazione, a promuovere e incentivare detto rapporto; RITENENDO altresì necessario dover adeguare l offerta turistica ligure sia ai parametri fissati dall Accordo Basilea 2, sia agli sviluppi del mercato in scala nazionale ed internazionale, anche attraverso appositi protocolli di intesa che coinvolgano la Regione Liguria, gli operatori del Turismo unitamente alle associazioni di settore e agli istituti di credito; CONSIDERATO che le politiche della Regione, per venire incontro alle esigenze degli operatori turistici, sono volte al conseguimento dei seguenti obiettivi: ridare redditività alle imprese turistiche mediante il sostegno degli interventi di riqualificazione; sviluppare insieme agli istituti di credito forme congiunte di finanziamento agevolato; creare e promuovere azioni sinergiche tra i principali soggetti che hanno interesse a sostenere la competitività e lo sviluppo dell economia turistica ligure; RITENUTO necessario che per una sostanziale riqualificazione dell offerta turistica gli operatori possano disporre nuovi e più flessibili flussi di finanziamento, in particolare a lungo termine, soprattutto per i seguenti tipi di intervento: acquisto dell immobile da parte del gestore (limitatamente alle imprese alberghiere); ristrutturazione; arredi e impianti; liquidità aziendale; credito d esercizio; VALUTATA l opportunità di promuovere un iniziativa finalizzata a canalizzare verso le imprese del settore turistico flussi aggiuntivi di finanziamento, con lo scopo di fornire una corretta risposta ai relativi fabbisogni, attraverso la sottoscrizione di un protocollo d intesa tra la Regione Liguria, FI.L.S.E. s.p.a, le Associazioni di categoria, l Associazione Bancaria Italiana, la Rete Fidi Liguria s.c.p.a. e Unioncamere Liguri; RITENUTO opportuno di dare mandato all Assessore al Turismo Margherita Bozzano a sottoscrivere per la Regione Liguria l allegato protocollo d intesa che forma parte integrante e necessaria del presente atto e che contiene le modalità attuative che regoleranno i rapporti tra i soggetti aderenti; Su proposta dell Assessore al Turismo per quanto in premessa esplicitato: DELIBERA

12 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag di approvare lo schema di Protocollo d intesa per l attuazione del progetto Adhoc Turismo secondo il testo allegato che forma parte integrante e necessaria del presente atto; di dare mandato all Assessore al Turismo Margherita Bozzano a sottoscrivere l allegato Protocollo di intesa; di pubblicare il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Liguria. IL SEGRETARIO Mario Martinero PROGETTO ADHOC Turismo PROTOCOLLO D INTESA tra (segue allegato) Regione Liguria, con sede in Genova, Piazza De Ferrari 1, in persona dell Assessore al Turismo Margherita Bozzano (di seguito denominata anche semplicemente Regione ) FI.L.S.E S.p.A., con sede in Genova, via Peschiera 16, in persona del Presidente Edoardo Bozzo (di seguito denominata anche semplicemente FI.L.S.E. ) Associazione Bancaria Italiana Comitato Regionale ABI della Liguria con sede in Genova,., in persona del Presidente Riccio Da Passano (di seguito denominata anche semplicemente ABI ) Confcommercio Liguria, con sede in Genova, via Cesarea 8, in persona del Presidente Vincenzo Bertino (di seguito denominata anche semplicemente Confcommercio ) Confesercenti Regionale Ligure, con sede in Genova, via Cairoli 11, in persona del Presidente Patrizia De Luise (di seguito denominata anche semplicemente Confesercenti ) Confindustria Liguria, con sede Genova,., in persona di (in di seguito denominata anche semplicemente Confindustria ) Unioncamere Ligure, con sede in Genova, Via San Lorenzo, 15, in persona del Presidente Giovanni Danio(di seguito denominata anche semplicemente Unioncamere ) Rete Fidi Liguria S.c.p.a., con sede in Genova, Via XX Settembre 41, in persona dell Amministratore Delegato Paolo Parini, (di seguito denominata anche semplicemente Rete Fidi ); SI CONVIENE QUANTO SEGUE Articolo 1 Le parti del presente protocollo d intesa, ed i soggetti che potranno successivamente aderirvi, sono interessati a collaborare, nell ambito dei rispettivi compiti istituzionali e nel pieno rispetto della autonomia operativa di ciascuno, per favorire la canalizzazione a condizioni di mercato di risorse finanziarie aggiuntive a favore delle PMI. del settore turistico della Liguria, come descritte nell allegato A. I soggetti di cui al primo comma opereranno nella logica condivisa di promuovere un nuovo modello di finanziamento dello sviluppo delle stesse imprese, orientato ad un più ampio ricorso al credito a medio-lungo termine ed al miglioramento della capitalizzazione delle stesse, nel quadro dell evoluzione in corso a livello nazionale dei rapporti banca-impresa, in sintonia con i principi del Nuovo Accordo di Basilea ed in un ottica di competitività e di reciproca trasparenza. Inoltre, al fine di promuovere e sperimentare in Liguria anche un nuovo modello di rapporto bancaconfidi, i finanziamenti erogati a valere sul presente protocollo d intesa saranno sistematicamente assistiti dalla garanzia di un confidi ligure, per una quota di rischio variabile tra un minimo del 25% ed un

13 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag massimo dell 80%, ovvero integrativa di ipoteca per un importo congruo. I singoli rapporti di garanzia saranno regolati dalle ordinarie convenzioni in essere tra le banche ed i confidi. I confidi potranno ricorrere alla controgaranzia del Fondo Nazionale presso il Mediocredito Centrale. Articolo 2 Gli obiettivi e i contenuti di cui al precedente art. 1 e, più in generale, del presente protocollo di intesa saranno presentate all esterno con i seguenti logo e appellativo: ADHOC Turismo Tali logo ed appellativo potranno essere utilizzati esclusivamente dalle parti aderenti al presente protocollo d intesa e dai soggetti che potranno successivamente aderirvi. Articolo 3 La Regione opererà, nell ambito delle proprie competenze istituzionali in materia di sviluppo turistico, per promuovere ed orientare gli sforzi di tutte le parti contraenti verso gli obiettivi di cui all art. 1, in un ottica di governo del sistema economico ligure. La Regione potrà, con separate disposizioni, effettuare interventi di sostegno ed incentivazione finanziaria a favore delle imprese e dei confidi liguri. Articolo 4 La FI.L.S.E. coordinerà per conto della Regione gli aspetti attuativi degli obiettivi e dei contenuti del presente protocollo d intesa, curando i rapporti con tutte le altre parti contraenti. Articolo 5 L ABI parteciperà al presente protocollo d intesa come capofila delle Banche interessate con il compito di promuovere la loro adesione agli obiettivi dello stesso. Ciascuna Banca interessata provvederà autonomamente quindi a trasmettere alla FI.L.S.E., attraverso lo schema di cui all allegato B, il quadro dei prodotti di finanziamento offerti e delle relative condizioni economiche, sulla base delle quali opererà nei confronti delle p.m.i. turistiche oggetto del presente protocollo d intesa. Articolo 6 Le Associazioni regionali liguri di categoria Confcommercio, Confesercenti e Confindustria promuoveranno in via prioritaria presso i propri associati le opportunità di finanziamento offerte dalle Banche aderenti all iniziativa di cui all art. 5. Esse svolgeranno altresì presso le imprese un opera capillare di sensibilizzazione e di formazione in merito al nuovo modello di finanziamento dello sviluppo ed alla nuova logica di rapporto banca-confidi-impresa, organizzando, anche d intesa con FI.L.S.E. e Rete Fidi, incontri pubblici e privati con le imprese stesse. Articolo 7 Unioncamere parteciperà al presente protocollo d intesa come capofila delle Camere di Commercio liguri, con l obiettivo di promuovere la loro adesione agli obiettivi dello stesso. Unioncamere e le singole Camere di Commercio Liguri svolgeranno, nell ambito dei rispettivi compiti istituzionali, un attività di promozione degli obiettivi del presente protocollo d intesa, e potranno, con separate iniziative, effettuare interventi di sostegno ed incentivazione finanziaria a favore delle imprese e dei confidi liguri.

14 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag Articolo 8 Rete Fidi Liguria parteciperà al presente protocollo d intesa come capofila dei confidi aderenti operanti a favore delle imprese del settore turistico, con il compito di promuovere l adesione degli stessi agli obiettivi del progetto. Rete Fidi Liguria svolgerà, ai sensi del proprio Statuto e Regolamento e dei rapporti convenzionali in essere con i confidi aderenti, un opera di contatto e di interfaccia con le banche di cui all art. 5, con le associazioni di categoria di cui all art. 6 e con le imprese potenziali utilizzatrici dei finanziamenti promossi ai sensi dei presenti accordi, con lo scopo di perseguire gli obiettivi di cui all art. 1 canalizzando un adeguata offerta di garanzia a favore delle banche di cui all art. 5. Articolo 9 Il presente protocollo d intesa avrà durata fino al e potrà essere rinnovato con eventuali modifiche mediante scambio di lettere tra le parti. Ciascuna della parti potrà comunque recedere senza oneri in qualsiasi momento con semplice comunicazione scritta alle altre.

15 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag ALLEGATO A) Imprese beneficiarie - strutture ricettive alberghiere ed extra-alberghiere - stabilimenti balneari - imprese di somministrazione di alimenti e bevande - agenzie di viaggio - tour operators - altri servizi in grado di costituire fattori di attrattiva turistica (acquapark, discoteche, etc )

16 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag ALLEGATO B) TIPOLOGIE DI FABBISOGNO E DI FINANZIAMENTI E CONDIZIONI DA QUOTARE DA PARTE DELLA SINGOLA BANCA Fabbisogno finanziario Acquisto muri (limitatamente alle imprese alberghiere) Tipo operazione mutuo ipotecario % max di finanziamento su investimento Durata min/max Importo max per operazione Rapporto esposizione/garanzi a reale Tasso banca (per diversi livelli di rating e diverse quote di garanzia Confidi) Ristrutturazione mutuo ipotecario Spese arredi ed impianti Finanziamento chirografario Liquidità aziendale anticipo fatture Credito d'esercizio Finanziamento chirografario Commissioni e spese accessorie

17 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag ALCUNI LIVELLI MINIMI E MASSIMI DI IMPORTO E DURATA CHE SI POSSONO RITENERE IMPORTANTI DA RAGGIUNGERE AI FINI DEL SUCCESSO DELL INIZIATIVA Fabbisogno finanziario Tipo operazione Acquisto muri mutuo ipotecario Durata minima 20 anni; durata obiettivo 30 anni Minimo 80% dell investimento; obiettivo 90% Importo massimo obiettivo 10 mil euro Rapporto esposizione/garanzia considerata la quota di rischio confidi minimo 60%; obiettivo 80% Ristrutturazione mutuo ipotecario Durata minima 10 anni; durata obiettivo 15 anni Minimo 80% dell investimento; obiettivo 90% Importo massimo obiettivo 10 mil euro Rapporto esposizione/garanzia considerata la quota di rischio confidi minimo 60%; obiettivo 80% Spese arredi ed impianti Finanziamento chirografario Durata minima 5 anni, durata obiettivo 7 anni compreso 1 anno di preammortamento Importo massimo obiettivo 2,5 mil. di euro con garanzia confidi all 80% Tasso di interesse parametrato al rating ed alla quota di rischio coperta dal confidi Liquidità aziendale anticipo fatture Tasso di interesse parametrato al rating ed alla quota di rischio coperta dal confidi Credito d'esercizio Finanziamento chirografario Tasso di interesse parametrato al rating ed alla quota di rischio coperta dal confidi

18 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag TIPOLOGIE DI FABBISOGNO E DI FINANZIAMENTI E CONDIZIONI DA QUOTARE DA PARTE DELLA SINGOLO CONFIDI Fabbisogno finanziario Tipo operazione Garanzia a quota rischio Garanzia a primo rischio Quote e costi per garanzia Confidi Acquisto muri mutuo ipotecario Ristrutturazione mutuo ipotecario Spese arredi ed impianti Finanziamento chirografario Liquidità aziendale anticipo fatture Credito d'esercizio Finanziamento chirografario

19 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 733 Attuazione DGR n. 223/04 - Misura c (3) progetti dimostrativi del PSR: rideterminazione della scadenza per la presentazione della rendicontazione consuntiva. LA GIUNTA REGIONALE VISTA la DGR n. 223 del , con la quale sono state approvate le modalità ed i termini di presentazione delle domande relativamente ai progetti dimostrativi ai sensi del Reg. CE n. 1257/99 - misura c (3), sottomisura 3.3; ATTESO che la citata DGR n. 223/2004 stabilisce che i suddetti progetti dimostrativi, di durata biennale, devono essere conclusi e rendicontati entro il 15 luglio 2006; VISTO il Decreto del Dirigente n del con la quale è stato approvato l elenco delle domande ammissibili e finanziabili di cui alla citata DGR n. 223/2004; VISTA inoltre la DGR n del con la quale la Giunta regionale ha consentito ai soggetti intermediari di realizzare i progetti dimostrativi, in possesso dei requisiti di ammissibilità di cui al citato Decreto n. 1678/2004 e per i quali non è stato possibile provvedere alla prenotazione di spesa; VISTA la nota del con la quale le Organizzazioni Professionali Agricole, (Coldiretti, Confederazione Italiana Agricoltori, Confagricoltura) maggiormente rappresentative a livello regionale, hanno richiesto di prorogare la scadenza sopracitata solamente per la presentazione della rendicontazione consuntiva dei sopracitati progetti dimostrativi; RITENUTO opportuno accogliere le suddette richieste e pertanto prorogare la data di scadenza dal al al fine di garantire una migliore predisposizione della documentazione consuntiva; rimangono invariati i termini per la conclusione delle attività dei progetti dimostrativi; SU PROPOSTA dell Assessore all Agricoltura, Floricoltura, Caccia e Pesca, Protezione Civile e Antincendi boschivi D E L I B E R A 1. di prorogare, per i motivi in premessa indicati, la data di scadenza dal 15/07/2006 al 24/07/2006 per la presentazione della rendicontazione consuntiva dei progetti dimostrativi approvati ai sensi della DGR n. 223/2004 nell ambito della misura c (3) sottomisura 3.3 del Piano di Sviluppo Rurale; 2. di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Liguria. IL SEGRETARIO Mario Martinero DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 758 Dichiarazione di decadenza della Immobiliare Val Lerone S.p.A. dal diritto a derivare e utilizzare acqua pubblica assentito con DPGR , n LA GIUNTA REGIONALE RICHIAMATO il R.D. 11 dicembre 1933, n.1775, recante Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e impianti elettrici, e, in particolare, l articolo 55: comma 1, lettera e), dove è previsto, tra l altro, che possa essere dichiarata la decadenza dal diritto di derivare e utilizzare l acqua pubblica nel caso del mancato pagamento di tre annualità del canone;

20 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag comma 6, dove è stabilito che nei casi di decadenza o rinuncia l obbligo del pagamento del canone cessa allo spirare dell annualità, che trovasi in corso alla data del decreto che pronuncia la decadenza, o alla data della notifica della rinuncia; PREMESSO che il prospetto delle grandi derivazioni pervenuto dall Agenzia del Demanio, con nota n del 25/7/2002, fa riferimento al D.P.G.R.L. 16/10/1984, n.1154, con cui è stato concesso alla Luigi Stoppani S.p.A. il subingresso alla Società Luigi Stoppani di Plinio Stoppani & C. ed il rinnovo della concessione trentennale assentita con D.P. 27/9/1957, n.17039, per derivare dal torrente Lerone e dall affluente Rio Loaga, in località Castelluzzo del Comune di Cogoleto, una portata non superiore a moduli 2,65 di acqua per uso industriale con restituzione delle colature; la concessione è stata rinnovata dal citato D.P.G.R.L. n.1154/1984 per anni 30 successivi e continui, decorrenti dal 1 gennaio 1983, subordinatamente all osservanza di tutte le norme e condizioni contenute nel disciplinare n. 91 di repertorio sottoscritto in data 21/5/1984; l articolo 9 del disciplinare sottoscritto in data 21/5/1984 prevede che in caso di decadenza della concessione l Amministrazione regionale ha il diritto di obbligare il concessionario a rimuovere le opere costruite per attuare la derivazione e ad eseguire i lavori per il ripristino dell alveo, delle sponde e delle arginature nelle condizioni richieste dal pubblico generale interesse; in data 15 gennaio 2004 la Luigi Stoppani S.p.A. ha assunto la nuova denominazione di Immobiliare Val Lerone S.p.A.; la variazione di denominazione sociale non è stata comunicata all Ufficio regionale competente in materia di grandi derivazioni idriche; PREMESSO, inoltre, che la derivazione si doveva attuare, secondo quanto previsto dall articolo 4 del disciplinare sottoscritto in data 21/5/1984 dalla Luigi Stoppani S.p.A., con le seguenti modalità: dal torrente Lerone per mezzo di un canale in muratura di pietrame della sezione di m 0,80 x 0,50 con pendenza dello 0,0057 che scarica l acqua nel rio Loaga a circa m 60 a monte della briglia; dal rio Loaga per mezzo di una prima tratta di canale, munito di sghiaiatore e dell anzidetto limitatore di portata, della sezione di m 1 x 1 per una lunghezza di m 225; una seconda tratta della lunghezza di m 325 in tubi di cemento del diametro di mm 1000; una terza tratta lunga m 134 della sezione di m 1 x 1; lungo il suddetto canale è posta una serie di bocche di presa per l adduzione dell acqua agli impianti; DATO ATTO che l assunzione di diversa denominazione sociale non ha comportato la costituzione di nuova società e, pertanto, la Immobiliare Val Lerone S.p.A. è subentrata alla Luigi Stoppani S.p.A. in tutti i rapporti attivi e passivi a questa ultima facenti capo; PRESO ATTO che né la Luigi Stoppani S.p.A., né la Immobiliare Val Lerone S.p.A., nonostante i ripetuti solleciti (raccomandate a.r. n.3800/15 del 10/1/2006, n /185 del 24/10/2005, n.65811/670 del 14/4/05, n.37159/411 del 22/2/05, n /1340 del 23/9/04, n.87048/1013 del 10/6/03 e n.13943/176 del 28/1/03) e l ingiunzione di pagamento di cui al Decreto dirigenziale n.176 del 20/1/2006 (raccomandata a.r. n.172 del 3/2/2006), hanno provveduto al pagamento dei canoni spettanti alla Regione per le annualità 2003, 2004 e 2005; PRESO ATTO, inoltre, che è stato notificato alla Immobiliare Val Lerone S.p.A. con nota n /333 del 7/4/2006 l avvio del procedimento di decadenza della concessione a derivare l acqua pubblica assentita con D.P.G.R.L. 16/10/1984 n.1154; RITENUTO, pertanto, che sussistano i presupposti per 1. dichiarare la Società Immobiliare Val Lerone S.p.A. decaduta, ai sensi dell articolo 55, comma 1 lettera e), del R.D. 11 dicembre 1933, n.1775, dal diritto attribuito con D.P.G.R.L. 16/10/1984, n.1154 a derivare acqua pubblica dal torrente Lerone e dall affluente Rio Loaga in località Castelluzzo del Comune di Cogoleto; 2. riservarsi la facoltà di prescrivere alla Società Immobiliare Val Lerone S.p.A., in considerazione del

21 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag possibile reimpiego futuro delle opere di derivazione, l obbligo di provvedere a proprie spese, come previsto dall articolo 9 del disciplinare n.91 del 10 settembre 1984, alla rimozione delle opere di presa e all esecuzione dei lavori per il ripristino dell alveo, delle sponde e delle arginature nelle condizioni richieste dal pubblico generale interesse; 3. di dichiarare la Immobiliare Val Lerone S.p.A. comunque tenuta, ai sensi dell articolo 55, comma 6, del R.D. n.1775/1933, al pagamento del canone previsto per l intera annualità 2006; SU PROPOSTA dell Assessore all Ambiente Per i motivi di cui in premessa: D E L I B E R A 1. di dichiarare la Società Immobiliare Val Lerone S.p.A. decaduta, ai sensi dell articolo 55, comma 1 lettera e), del R.D. 11 dicembre 1933, n.1775, dal diritto attribuito con D.P.G.R.L. 16/10/1984, n.1154 a derivare acqua pubblica dal torrente Lerone e dall affluente Rio Loaga in località Castelluzzo del Comune di Cogoleto; 2. di riservarsi la facoltà di prescrivere alla Società Immobiliare Val Lerone S.p.A., in considerazione del possibile reimpiego futuro delle opere di derivazione, l obbligo di provvedere a proprie spese, come previsto dall articolo 9 del disciplinare n.91 del 10 settembre 1984, alla rimozione delle opere di presa e all esecuzione dei lavori per il ripristino dell alveo, delle sponde e delle arginature nelle condizioni richieste dal pubblico generale interesse; 3. di dichiarare la Immobiliare Val Lerone S.p.A. comunque tenuta, ai sensi dell articolo 55, comma 6, del R.D. n.1775/1933, al pagamento del canone previsto per l intera annualità 2006; 4. di disporre la pubblicazione del presente atto sul Bollettino Ufficiale della Regione. Contro il presente provvedimento è ammesso ricorso al Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche entro 60 giorni dalla pubblicazione dello stesso. IL SEGRETARIO Mario Martinero DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 760 Variazioni per euro ,00 al bilancio 2006 ai sensi art. 8 L.R , n.3 Fondo Sanitario Nazionale 2004 parte corrente: stanziamento per riequilibrio tra le Regioni - Accordo Stato-Regioni (21 provvedimento). LA GIUNTA REGIONALE Vista la legge 23/12/1978, n.833, istitutiva del servizio sanitario nazionale; Visto il decreto legislativo 30/12/1992, n.502, e successive modificazioni ed integrazioni, recante Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell articolo 1 della L. 23 ottobre 1992, n. 421 ; Visto l accordo Stato-Regioni del 08/08/2001 in materia sanitaria, ed in particolare il punto 16 secondo il quale In base all accordo sui livelli, il riparto delle risorse verrà operato tra le regioni, tenendo conto della necessità di addivenire ad un riequilibrio tra le regioni medesime in un arco di tempo predefinito, che tenga anche conto della necessità di incentivare i comportamenti virtuosi, di rimuovere le situazioni di svantaggio e migliorare la qualità dei servizi. ;

22 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag Visto altresì il punto 17 del suddetto accordo secondo il quale nell ambito della somma destinata al riequilibrio tra le regioni sono ricomprese risorse per far fronte ai maggiori oneri relativi alle spese per l esclusività di rapporto per gli ospedali classificati religiosi, gli IRCCS, la componente universitaria delle aziende miste e dei policlinici; Vista la Deliberazione CIPE n.26 del 29/09/2004 Fondo Sanitario Nazionale 2004 ripartizione quota parte corrente che assegna alle regioni interessate complessivi euro ,00, di cui euro ,00 alla Regione Liguria, per il riequilibrio tra le regioni; Rilevato che nello stato di previsione dell entrata del bilancio 2005 all U.P.B capitolo 1277 e corrispondentemente nello stato di previsione della spesa all U.PB capitolo 5129 è stata iscritta, la somma di euro ,00, che non risulta né accertata né impegnata; Rilevato altresì che la medesima somma di euro ,00, non è stata riproposta nel bilancio di previsione 2006; Visti la legge regionale 24/1/2006, n.3 Bilancio di previsione della Regione Liguria per l anno finanziario 2006 nonché il Documento Bilancio per capitoli esercizio finanziario 2006 allegato alla Deliberazione della Giunta Regionale 27/1/2006, n.39 Ripartizione in capitoli delle unità previsionali di base relative al bilancio di previsione della Regione Liguria per l anno finanziario 2006 ; Rilevato che dagli stati di previsione dell entrata e della spesa del bilancio 2006 e, di conseguenza, del Documento Bilancio per capitoli esercizio finanziario 2006, non risulta iscritta la suddetta assegnazione; Visto l art.37, comma 1, lett.a) della legge regionale 26/3/2002, n.15 Ordinamento contabile della Regione Liguria ; Visto l art.8 comma 1, lett.a) della suddetta l.r. 3/2006; Ritenuto pertanto di dover iscrivere nel bilancio 2006, nello stato di previsione dell entrata e corrispondentemente nello stato di previsione della spesa la somma di euro ,00 per accogliere e destinare la suddetta assegnazione; Ritenuto altresì che ricorrano le condizioni per poter provvedere alla iscrizione della predetta assegnazione con atto amministrativo negli stati di previsione dell entrata e della spesa del bilancio per l anno finanziario 2006, con conseguente variazione agli stati di previsione dell entrata e della spesa del Documento Bilancio per capitoli - esercizio finanziario 2006 ; Su proposta dell Assessore all Organizzazione, Risorse Umane, Finanziarie, Strumentali e Informatica D E L I B E R A a) di apportare le seguenti variazioni al bilancio di previsione per l anno finanziario 2006, in termini di competenza e di cassa: Variazione allo stato di previsione dell entrata: U.P.B Trasferimenti dal fondo sanitario nazionale di parte corrente ,00 euro Variazioni allo stato di previsione della spesa: U.P.B Finanziamento di parte corrente del servizio sanitario nazionale arretrati ,00 euro

23 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag b) di apportare le seguenti variazioni al Documento Bilancio per capitoli - esercizio finanziario 2006, in termini di competenza e di cassa: Variazioni allo stato di previsione dell entrata: U.P.B al capitolo 1277 Quota integrativa del fondo sanitario nazionale destinata al riequilibrio tra le regioni nonché ai maggiori oneri relativi alle spese per l esclusività di rapporto per gli ospedali classificati religiosi, gli IRCCS, la componente universitaria delle aziende miste e dei policlinici - arretrati (accordo stato-regioni 8/8/2001) è iscritta la previsione di euro ,00 (settemilionisettecentosessantaquattromilaottocentosettantacinque/00); Variazioni allo stato di previsione della spesa: U.P.B al capitolo 5129 Ripartizione della quota integrativa del fondo sanitario nazionale destinata al riequilibrio tra le regioni nonché ai maggiori oneri relativi alle spese per l esclusività di rapporto per gli ospedali classificati religiosi, gli IRCCS, la componente universitaria delle aziende miste e dei policlinici anno 2004 (accordo stato-regioni 8/8/2001) è iscritto lo stanziamento di euro ,00 (settemilionisettecentosessantaquattromilaottocentosettantacinque/00); Il presente provvedimento è pubblicato per esteso sul Bollettino Ufficiale della Regione Liguria. IL SEGRETARIO Mario Martinero DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 761 Variazioni per euro ,00 al bilancio 2006 ai sensi art.8 L.R. 24/1/2006, n. 3 Fondo Sanitario Nazionale Parte corrente: fondo per l esclusività del rapporto per i dirigenti sanitari - Art.72 L.448/1998 (22 provvedimento). LA GIUNTA REGIONALE Vista la legge , n.833, istitutiva del servizio sanitario nazionale; Visto il decreto legislativo 30/12/1992, n.502, e successive modificazioni ed integrazioni, recante Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell articolo 1 della L. 23 ottobre 1992, n. 421 ; Visto l art.72, comma 6, della legge 23/12/1998, n.448 che, al fine di promuovere il miglioramento qualitativo delle prestazioni sanitarie ed in relazione al conseguimento degli obiettivi previsti dal Piano sanitario nazionale, istituisce un fondo per l esclusività del rapporto dei dirigenti del ruolo sanitario che hanno optato per l esercizio della libera professione intramuraria; Visto l art.28, comma 8, della legge 23/12/1999, n.488 (legge finanziaria 2000) che integra di 70 miliardi di lire annui a decorrere dall anno 2000 il suddetto fondo; Vista la Deliberazione CIPE n.30 del 22/03/2006 che ripartisce, per l anno 2005, euro ,00 destinate al fondo per l esclusività di cui al predetto art.72, comma 6, della legge 448/1998, assegnando alla Regione Liguria la somma di euro ,00;

24 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II pag Visti la legge regionale 24/1/2006, n.3 Bilancio di previsione della Regione Liguria per l anno finanziario 2006 nonché il Documento Bilancio per capitoli esercizio finanziario 2006 allegato alla Deliberazione della Giunta Regionale 27/1/2006, n.39 Ripartizione in capitoli delle unità previsionali di base relative al bilancio di previsione della Regione Liguria per l anno finanziario 2006 ; Rilevato che dagli stati di previsione dell entrata e della spesa del bilancio 2006 e, di conseguenza, del Documento Bilancio per capitoli esercizio finanziario 2006, non risulta iscritta la suddetta assegnazione; Visto l art.37, comma 1, lett.a) della legge regionale 26/3/2002, n.15 Ordinamento contabile della Regione Liguria ; Visto l art.8 comma 1, lett.a) della suddetta l.r. 3/2006; Ritenuto pertanto di dover iscrivere nel bilancio 2006, nello stato di previsione dell entrata e corrispondentemente nello stato di previsione della spesa la somma di euro ,00 per accogliere e destinare la suddetta assegnazione; Ritenuto altresì che ricorrano le condizioni per poter provvedere alla iscrizione della predetta assegnazione con atto amministrativo negli stati di previsione dell entrata e della spesa del bilancio per l anno finanziario 2006, con conseguente variazione agli stati di previsione dell entrata e della spesa del Documento Bilancio per capitoli - esercizio finanziario 2006 ; Su proposta dell Assessore all Organizzazione, Risorse Umane, Finanziarie, Strumentali e Informatica D E L I B E R A a) di apportare le seguenti variazioni al bilancio di previsione per l anno finanziario 2006, in termini di competenza e di cassa: Variazione allo stato di previsione dell entrata: U.P.B Trasferimenti dal fondo sanitario nazionale di parte corrente ,00 euro Variazioni allo stato di previsione della spesa: U.P.B Finanziamento di parte corrente del servizio sanitario nazionale arretrati ,00 euro b) di apportare le seguenti variazioni al Documento Bilancio per capitoli - esercizio finanziario 2006, in termini di competenza e di cassa: Variazioni allo stato di previsione dell entrata: U.P.B al capitolo 1259 Fondi provenienti dallo stato per l esclusività del rapporto per il personale dirigente del ruolo sanitario - arretrati L. 23/12/1998, n. 448, art.72 è iscritta la previsione di euro ,00 (unmilionequattrocentodiciottomilaseicentosettantaquattro/00); Variazioni allo stato di previsione della spesa: U.P.B è istituito il capitolo 5275 Ripartizione del fondo per l esclusività del rapporto per

REPUBBLICA ITALIANA PARTE PRIMA. Atti di cui all art. 3 della Legge Regionale 24 Dicembre 2004 n.32 SOMMARIO

REPUBBLICA ITALIANA PARTE PRIMA. Atti di cui all art. 3 della Legge Regionale 24 Dicembre 2004 n.32 SOMMARIO Mercoledì 16 Aprile 2014 Anno XLV - N. 5 REPUBBLICA ITALIANA Direzione, Amministrazione: Tel. 010 54.851 Redazione: Tel. 010 5485663-4974 - Fax 010 5485531 Abbonamenti e Spedizioni: Tel. 010 5485363 Internet:

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA Poste Italiane - Spedizione in a.p. Tab. D Aut. DCO/DC - CZ/038/2003 valida dal 4 febbraio 2003 Supplemento straordinario n. 1 al n. 13 del 2 aprile 2010 Parte III - Anno XLI REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Genova - Via Fieschi 15

REPUBBLICA ITALIANA. PARTE PRIMA Genova - Via Fieschi 15 Mercoledì 7 Marzo 2012 Anno XLIII - N. 3 REPUBBLICA ITALIANA Direzione, Amministrazione: Tel. 010 54.851 Redazione: Tel. 010 5485663-4974 - Fax 010 5485531 Abbonamenti e Spedizioni: Tel. 010 5485363 Internet:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. PARTE QUARTA Genova - Via Fieschi 15

REPUBBLICA ITALIANA. PARTE QUARTA Genova - Via Fieschi 15 Mercoledì 20 Gennaio 2010 Anno XLI - N. 3 REPUBBLICA ITALIANA Direzione, Amministrazione: Tel. 010 54.851 Redazione: Tel. 010 5485663-4974 - Fax 010 5485531 Abbonamenti e Spedizioni: Tel. 010 5485363 Internet:

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Mercoledì 5 Settembre 2001 Anno XXXII - Numero 9 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Direzione, Amministrazione: Tel. 54.851 Internet: www.regione.liguria.it Redazione: Tel.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. PARTE SECONDA Genova - Via Fieschi 15

REPUBBLICA ITALIANA. PARTE SECONDA Genova - Via Fieschi 15 Mercoledì 24 gennaio 2007 Anno XXXVIII - N. 4 REPUBBLICA ITALIANA Direzione, Amministrazione: Tel. 010 54.851 Redazione: Tel. 010 5485663-5068 - Fax 010 5484815 Abbonamenti e Spedizioni: Tel. 010 5485363

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA. Provincia di Rimini - Corso d'augusto, 231 - Rimini

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA. Provincia di Rimini - Corso d'augusto, 231 - Rimini Progr.Num. 1329/2015 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 14 del mese di settembre dell' anno 2015 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

Alla stregua dell istruttoria degli uffici del Settore Urbanistica, dichiarata la regolarità tecnica; DECRETA

Alla stregua dell istruttoria degli uffici del Settore Urbanistica, dichiarata la regolarità tecnica; DECRETA A.G.C. 16 - Governo del Territorio, Tutela Beni, Paesistico-Ambientali e Culturali - Settore Urbanistica - Decreto dirigenziale n. 1 del 14 gennaio 2010 Legge Regionale 16/2004 articolo 40 comma 2 - Contributi

Dettagli

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra Allegato A alla delibera avente per oggetto: Piano nazionale di edilizia abitativa. D.P.C.M. 16 luglio 2009. Accordo di Programma tra il Ministero delle Infrastrutture e i Trasporti e la Regione Piemonte

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA Poste Italiane - Spedizione in a.p. Tab. D Aut. DCO/DC - CZ/038/2003 valida dal 4 febbraio 2003 Supplemento straordinario n. 6 al n. 6 dell 1 aprile 2006 Parti I e II - Anno XXXVII REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA Poste Italiane - Spedizione in a.p. Tab. D Aut. DCO/DC - CZ/038/2003 valida dal 4 febbraio 2003 Supplemento straordinario n. 5 al n. 4 dell 1 marzo 2005 PartiIeII-Anno XXXVI REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO

Dettagli

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE

L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 1579 del 17/06/2008 pag. 1/7 L.R. 9.3.2007, n. 4 INIZIATIVE A FAVORE DELL EDILIZIA SOSTENIBILE Modalità per la concessione e la liquidazione delle agevolazioni

Dettagli

il sistema delle piccole e medie imprese (PMI) costituisce uno degli assi portanti dell economia piemontese;

il sistema delle piccole e medie imprese (PMI) costituisce uno degli assi portanti dell economia piemontese; REGIONE PIEMONTE BU47 22/11/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 31 ottobre 2012, n. 45-4869 DGR n. 10-12155 del 21/9/2009 e DGR n. 24-1837 del 07/04/2011. Concessione di euro 2.000.000,00 al patrimonio

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE Industria, Commercio Artigianato

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE Industria, Commercio Artigianato REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE Industria, Commercio Artigianato DECRETO (ASSUNTO IL 30/04/2015 PROT. N. 654) " Registro

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 ART. 1 - FINALITA E DESTINATARI La Camera di commercio di

Dettagli

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO ALL. A REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO Criteri e modalità per la presentazione e verifica di ammissibilità

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 del 21 gennaio 2016

BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 del 21 gennaio 2016 BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 del 21 gennaio 2016 Accordi con soggetti privati o altre PA Determina dirigenziale 20 Ottobre 2015, n. 2670 Convenzioni regolanti i rapporti con le organizzazioni di volontariato

Dettagli

Il Dirigente Carlo Chiostri

Il Dirigente Carlo Chiostri 30.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 44 di certificazione del presente decreto che prevedano scadenze successive al 30/4/2014 che pertanto risultano confermate e per le quali si

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA Erogazione di contributi in conto capitale alle P.M.I. del settore turistico e del settore agricolo localizzati nel territorio provinciale

Dettagli

Il giorno 9 luglio dell anno 2013 tra:

Il giorno 9 luglio dell anno 2013 tra: Oggetto: Convenzione tra il Comune di Capannori e la Banca del Monte di Lucca S.p.a. finalizzata alla concessione di finanziamenti agevolati sotto forma di contributo alle imprese Il giorno 9 luglio dell

Dettagli

DGR 2889 DD. 26.9.2003

DGR 2889 DD. 26.9.2003 DGR 2889 DD. 26.9.2003 VISTO il documento di indirizzo programmatico per l anno 2003 predisposto, ai sensi dell art. 6 della L.R. 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni, dalla

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE E D I Z I O N E S T R A O R D I N A R I A ANNO XLII NUMERO 24 REGIONE MOLISE R E P U B B L I C A I T A L I A N A BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE Parte I CAMPOBASSO, 9 SETTEMBRE 2011 Si pubblica

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE REGIONE LIGURIA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI AGEVOLAZIONI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE CON ALMENO UN FIGLIO MINORE PER LA RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA

Dettagli

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA CONVENZIONE CON ISTITUTI DI CREDITO Tra: Sviluppo Lazio S.p.A. (di seguito Sviluppo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CONTROLLO DIREZIONALE Contributi Opere Pubbliche

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE CONTROLLO DIREZIONALE Contributi Opere Pubbliche REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE CONTROLLO DIREZIONALE Contributi Opere Pubbliche Proposta nr. 37 del 22/04/2014 - Determinazione nr. 1015 del 22/04/2014 OGGETTO: L.R. 10/1988 art. 37,

Dettagli

Comune di Livorno U. O. Servizi Sociali Ufficio Promozione Sociale

Comune di Livorno U. O. Servizi Sociali Ufficio Promozione Sociale Comune di Livorno U. O. Servizi Sociali Ufficio Promozione Sociale BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI AD ASSOCIAZIONI, ENTI, COMITATI E ALTRI SOGGETTI SENZA FINALITÀ DI LUCRO PER L

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 9458 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 229 PO FESR 2007 2013. Asse I Linea di Intervento: 6.1 Azione 6.1.1 Avviso D.D. n. 590 del 26.11.2008, pubblicato sul BURP n. 191 del 10.12.2008.

Dettagli

L.R. 28/99 art. 18 comma 1 lett. b) - L.R. 1/09 e s.m.i. artt. 7 e 10. Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese

L.R. 28/99 art. 18 comma 1 lett. b) - L.R. 1/09 e s.m.i. artt. 7 e 10. Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese Allegato 1 L.R. 28/99 art. 18 comma 1 lett. b) - L.R. 1/09 e s.m.i. artt. 7 e 10 Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese SEZIONE EMERGENZE MODULO DI DOMANDA (da inoltrare

Dettagli

l estensione all imprenditoria giovanile del Fondo di garanzia già costituito a favore dell imprenditoria

l estensione all imprenditoria giovanile del Fondo di garanzia già costituito a favore dell imprenditoria interventi inseriti nell Accordo di Programma Quadro Potenziamento delle infrastrutture dei Patti Territoriali - Delibera CIPE n. 20/2004 (acc. n. 101249 e acc. n. 101250). La presente deliberazione sarà

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Anno XLI REPUBBLICA ITALIANA N. 32 Ordinario BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE ABRUZZO L AQUILA, 19 MAGGIO 2010 Anno XLI - N. 32 (19.05.2010) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 159 IL DIRIGENTE

Dettagli

In data 23/08/2013 il/la sottoscritto/a FEZZARDI MARCO ha adottato la Determinazione Dirigenziale di seguito riportata.

In data 23/08/2013 il/la sottoscritto/a FEZZARDI MARCO ha adottato la Determinazione Dirigenziale di seguito riportata. PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AFFARI GENERALI, SERVIZI INFORMATIVI, POLIZIA PROVINCIALE SERVIZIO COORDINAMENTO TERRITORIALE Prot. Generale N. 0087553 / 2013 Atto N. 3785 OGGETTO:

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3493 Seduta del 23/05/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3493 Seduta del 23/05/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3493 Seduta del 23/05/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA REGIONE LAZIO STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO PROGRAMMAZIONE TURISTICA DETERMINAZIONE N. G01236 del 29/10/2013 Proposta n. 16879 del

Dettagli

DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.486 DEL 23/7/2015

DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.486 DEL 23/7/2015 azienda regionale pro s edilitzia abitativa DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.486 DEL 23/7/2015 Oggetto: DELIBERAZIONE G.R. N 21/9 DEL 06/05/2015 INTERVENTO DI ACQUISTO E RECUPERO

Dettagli

Cod. Fisc. e Part. IVA, iscritta all albo di cui all articolo 13 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, in persona In qualità di

Cod. Fisc. e Part. IVA, iscritta all albo di cui all articolo 13 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, in persona In qualità di SCHEMA DI CONVENZIONE per la regolamentazione della gestione ed erogazione delle agevolazioni in abbuono interessi in favore degli imprenditori del settore agricolo beneficiari degli aiuti previsti dalla

Dettagli

Burc n. 16 del 7 Aprile 2014

Burc n. 16 del 7 Aprile 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE DECRETO (ASSUNTO IL 24/02/2014 PROT. N. 101 ) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N. 1912 del 26 febbraio 2014

Dettagli

che prevede l obbligo di sostituire la pubblicazione tradizionale all Albo ufficiale con la pubblicazione di documenti digitali sui siti informatici;

che prevede l obbligo di sostituire la pubblicazione tradizionale all Albo ufficiale con la pubblicazione di documenti digitali sui siti informatici; 12094 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 49 del 09 04 2015 Il presente provvedimento, composto da n. 4 pagine: è redatto in unico esemplare è immediatamente esecutivo; si dà atto che per il presente

Dettagli

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738 Identificativo Atto n. 738 7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA DI PRE-SELEZIONE DEI PROGETTI DI CUI ALL AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres. L.R. 13/2002, art. 7, c. 15 e 16 B.U.R. 23/7/2003, n. 30 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres. Regolamento recante criteri e modalità applicabili nella concessione degli aiuti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia

FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia FOGLIO INFORMATIVO del 01/01/2010 Numero 6 aggiornato al 02/07/2013 Relativo al rilascio di garanzia INFORMAZIONI SUL CONFIDI CONFIDI IMPRESE TOSCANE Società Cooperativa di garanzia collettiva dei fidi

Dettagli

(Provincia di Caserta)

(Provincia di Caserta) (Provincia di Caserta) Regolamento comunale per la concessione di contributi ad Enti, Associazioni e Comitati operanti nel campo culturale, della storia, della solidarietà, turistico, sportivo, ricreativo

Dettagli

applicabili ai trattamenti effettuati dai soggetti pubblici;

applicabili ai trattamenti effettuati dai soggetti pubblici; 6374 sarà trasmesso in copia conforme all originale alla Segreteria della Giunta Regionale; sarà disponibile nel sito ufficiale della regione Puglia: www.regione.puglia.it; sarà trasmesso in copia all

Dettagli

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI. Convenzione per l attuazione del Regolamento per la concessione dei contributi

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI. Convenzione per l attuazione del Regolamento per la concessione dei contributi CONTRIBUTI ALLE IMPRESE IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI (Prorogato con delibera della Giunta camerale n. 4 del 20.1.2010 fino al 31.3.2010) (Prorogato con delibera della Giunta camerale n.51

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

La modifica è conseguenza delle mutate condizioni dei mercati finanziari rispetto all epoca della formazione del bilancio 2009.

La modifica è conseguenza delle mutate condizioni dei mercati finanziari rispetto all epoca della formazione del bilancio 2009. D.L. N.457 Modifiche e integrazioni alla L.R. 24.12.2008 n. 43 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge finanziaria 2009). Articolo 1 L articolo stabilisce

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA Spedizione in a.p. - Art. 2 comma 20c legge 662/96 - Filiale di Catanzaro REPUBBLICA Supplemento straordinario n. 2 al n. 2 dell 1 febbraio 2003 PartiIeII-Anno XXXIV ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Supplemento Ordinario n. 2 al B.U.R.M. del 16 marzo 2007, n. 7 ANNO XXXVIII NUMERO 7 REGIONE MOLISE R E P U B B L I C A I T A L I A N A BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE Parte I CAMPOBASSO, 16

Dettagli

PARTE SECONDA SOMMARIO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA DELLA LIGURIA 27.06.2007 N. 24

PARTE SECONDA SOMMARIO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA DELLA LIGURIA 27.06.2007 N. 24 Mercoledì 29 agosto 2007 Anno XXXVIII - N. 35 REPUBBLICA ITALIANA Direzione, Amministrazione: Tel. 010 54.851 Redazione: Tel. 010 5485663-4974 - Fax 010 5485531 Abbonamenti e Spedizioni: Tel. 010 5485363

Dettagli

Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001.

Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001. Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001. Art. 1 (Finalità) 1. Il presente regolamento viene

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

MODALITA ATTUATIVE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI 2 ALLEGATO A) UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO

Dettagli

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata;

-gli artt. 1, 36, 38 e 41 della legge 5.8.1978, n. 457, prevedono il finanziamento di programmi di edilizia agevolata; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Codice DB0803 D.D. 26 novembre 2014, n. 638 Contributi semestrali a favore degli Enti Mutuanti a copertura dei mutui agevolati disposti ai sensi delle leggi 457/78, 94/82

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AI DIPENDENTI DELLA CITTA' METROPOLITANA DI MILANO CON ESTINZIONE MEDIANTE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO L anno nel mese di il giorno.in

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta

Provincia Regionale di Caltanissetta Provincia Regionale di Caltanissetta REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL FONDO PER IL SOSTEGNO ANNUALE ALLE ASSOCIAZIONI ANTIRACKET ED ANTIUSURA DI CUI ALL ART.13 DELLA LEGGE N.44/99 CON SEDE LEGALE ED OPERANTI

Dettagli

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2.

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2. 12 5.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29 dell articolo 2, commi 60, 61 e 62, del decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262 (Disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria),

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Approvato con delibera consiliare n. 49 del 23 aprile 2004 Modificato con delibera

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore DE ANGELIS LORENZO. Responsabile del procedimento LUIGI CONTE. Responsabile dell' Area R. FIORELLI

DETERMINAZIONE. Estensore DE ANGELIS LORENZO. Responsabile del procedimento LUIGI CONTE. Responsabile dell' Area R. FIORELLI REGIONE LAZIO Dipartimento: Direzione Regionale: Area: DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO TRASPORTI PORTI E TRASPORTO MARITTIMO DETERMINAZIONE N. A10161 del 09/10/2012 Proposta n. 19582 del 24/09/2012

Dettagli

REGIONE TOSCANA_PROGRAMMA REGIONALE POR-CReO FESR 2007/2013_Attività 1.5.a e 1.6_BANDO UNICO R&S 2012 (PARTENARIATO)

REGIONE TOSCANA_PROGRAMMA REGIONALE POR-CReO FESR 2007/2013_Attività 1.5.a e 1.6_BANDO UNICO R&S 2012 (PARTENARIATO) NB: "La presente garanzia fideiussoria può essere rilasciata soltanto da banche, imprese di assicurazione indicate nella L 348/1982, intermediari finanziari iscritti nell'elenco speciale di cui all'art.

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Finalità. Art. 3 Costituzione Fondo Regionale. Art. 4 Durata. Art. 5 Beneficiari del Fondo. Art. 6 Iniziative ammissibili

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Finalità. Art. 3 Costituzione Fondo Regionale. Art. 4 Durata. Art. 5 Beneficiari del Fondo. Art. 6 Iniziative ammissibili REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL FONDO REGIONALE DI GARANZIA Art. 1 Definizioni Art. 2 Finalità Art. 3 Costituzione Fondo Regionale Art. 4 Durata Art. 5 Beneficiari del Fondo Art. 6 Iniziative ammissibili

Dettagli

Visto il Programma attuativo regionale PAR FSC adottato dalla Giunta regionale, con deliberazione n. 8-6174 del 29 luglio 2013;

Visto il Programma attuativo regionale PAR FSC adottato dalla Giunta regionale, con deliberazione n. 8-6174 del 29 luglio 2013; REGIONE PIEMONTE BU51S2 18/12/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 24 novembre 2014, n. 60-659 Fondi PAR - FSC 2007-2013 Asse III Riqualificazione Territoriale, Linea III.6 "Turismo". Leggi regionali

Dettagli

Requisiti e standard strutturali per l esercizio delle strutture ricettive alberghiere e delle relative specificazioni tipologiche aggiuntive

Requisiti e standard strutturali per l esercizio delle strutture ricettive alberghiere e delle relative specificazioni tipologiche aggiuntive Parte seconda - N. 135 Euro 2,46 Anno 40 6 novembre 2009 N. 188 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 luglio 2009, n. 1017 Requisiti e standard strutturali per l esercizio delle strutture ricettive alberghiere

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

Associazioni Sportive Dilettantistiche - ammissione al beneficio del 5 per mille

Associazioni Sportive Dilettantistiche - ammissione al beneficio del 5 per mille Segreteria Federale Roma, 3 aprile 2015 Circolare n. 46/2015 A tutte le Società affiliate Organi Centrali e Territoriali Ufficiali di Gara LORO INDIRIZZI OGGETTO: Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

2002 - Aggiornamento CE0601ur11 VOCE E 6.1 LRG/XI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 27 giugno 1988,n. 36

2002 - Aggiornamento CE0601ur11 VOCE E 6.1 LRG/XI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 27 giugno 1988,n. 36 LEGGE REGIONALE 27 giugno 1988,n. 36 «Incentivi per l ammodernamento,potenziamento e qualificazione delle strutture ed infrastrutture turistiche in Lombardia». (B.U. 29 giugno 1988, n. 26, 2º suppl. ord.)

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1186 del 10/06/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 314/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 314/E QUESITO RISOLUZIONE N. 314/E Roma, 05 novembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: IVA. - Svolgimento in forma associata di funzioni e servizi da parte di enti locali. - Decreto del Presidente

Dettagli

COMUNE DI MONTEROTONDO

COMUNE DI MONTEROTONDO COMUNE DI MONTEROTONDO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, NELL AMBITO DELLE ATTIVITA PROMOZIONALI DELL ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE Approvato con delibera C.C.n.117 del 28/11/2006 Art.

Dettagli

23.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 14 novembre 2011, n. 983

23.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 14 novembre 2011, n. 983 23.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 14 novembre 2011, n. 983 Approvazione dell Accordo di Progetto tra la Regione Toscana ed il sistema bancario finalizzato alla

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. di concerto con IL MINISTRO PER LE POLITICHE AGRICOLE

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. di concerto con IL MINISTRO PER LE POLITICHE AGRICOLE DECRETO 19 marzo 1999, n. 147 (pubblicato nella G.U.R.I. del 24 maggio 1999, n. 119 - avviso di rettifica pubblicato nella G.U.R.I. del 20 luglio 1999, n. 168) "Regolamento recante criteri e modalità di

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU9 27/02/2014

REGIONE PIEMONTE BU9 27/02/2014 REGIONE PIEMONTE BU9 27/02/2014 Codice DB1100 D.D. 29 novembre 2013, n. 1138 L.R. n. 63/78 art. 47. Contributi per studi, indagini, ricerche e programmi di sperimentazione agraria applicata. Impegno di

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 Anno legislazione: 2002 Oggetto legislazione: promozione del progresso e delle

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014 11 D.g.r. 7 febbraio 2014 - n. X/1339 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso l adeguamento al regolamento regionale n. 2/2011 recante Definizione

Dettagli

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO RISERVATO AI CENTRI ANZIANI DI ROMA E PROVINCIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SETTORE (ASSUNTO il / prot. n.

Dettagli

48 18.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

48 18.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 48 18.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze Area di Coordinamento Industria, Artigianato,

Dettagli

3(5&2175,%87,&2081$/,),1$/,==$7,$/

3(5&2175,%87,&2081$/,),1$/,==$7,$/ 5(*2/$0(172 3(5&2175,%87,&2081$/,),1$/,==$7,$/ 5(&83(52'(/&(17526725,&2', 021'2/)2 - Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 41 del 01.06.1998 esaminato dal CO.RE.CO. di Ancona nella seduta del

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU53 31/12/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 5 dicembre 2014, n. 33-743 Assegnazione di contributi per l'anno 2014 a favore degli Organismi di collegamento e coordinamento, formati

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO CONTROLLO E GESTIONE DEL TERRITORIO

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO CONTROLLO E GESTIONE DEL TERRITORIO PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO CONTROLLO E GESTIONE DEL TERRITORIO Prot. Generale N. 0113911 / 2013 Atto N. 5050 OGGETTO: CI08166

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU28 16/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 15 giugno 2015, n. 23-1569 Specificazioni in merito all'utilizzo delle risorse finanziarie residuate alla chiusura del Docup 2000/2006

Dettagli

Interventi finanziari urgenti per l anno 2009 e disposizioni per l occupazione. Autorizzazione per l esercizio provvisorio per l anno 2010.

Interventi finanziari urgenti per l anno 2009 e disposizioni per l occupazione. Autorizzazione per l esercizio provvisorio per l anno 2010. LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 29-12-2009 REGIONE SICILIA Interventi finanziari urgenti per l anno 2009 e disposizioni per l occupazione. Autorizzazione per l esercizio provvisorio per l anno 2010. Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

Tipo atto: Decreto dirigenziale soggetto a controllo contabile e di legittimità. n 224 del 31/05/2013. Oggetto:

Tipo atto: Decreto dirigenziale soggetto a controllo contabile e di legittimità. n 224 del 31/05/2013. Oggetto: Tipo atto: Decreto dirigenziale soggetto a controllo contabile e di legittimità n 224 del 31/05/2013 Struttura organizzativa : Settore bilancio e finanze Dirigente responsabile : Dirigente Mascagni Fabrizio

Dettagli

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati.

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati. Regolamento concernente la concessione di finanziamenti a favore delle Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e

Dettagli

OGGETTO: NOTE PER LA TRASPARENZA:

OGGETTO: NOTE PER LA TRASPARENZA: OGGETTO: Approvazione piano di riparto dei finanziamenti relativamente al progetto Scuola sport e territorio: Più sport @ scuola per l incentivazione dell avviamento all'attività motoria e alla pratica

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ABITATIVE Divisione V Direzione Programmazione

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli