HOEPLI TEST - Teoria ed esercizi LAUREE TRIENNALI DELL AREA SCIENTIFICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HOEPLI TEST - Teoria ed esercizi LAUREE TRIENNALI DELL AREA SCIENTIFICA"

Transcript

1

2 HOEPLI TEST - Teoria ed esercizi LAUREE TRIENNALI DELL AREA SCIENTIFICA

3

4 HOEPLI TEST - Teoria ed esercizi MANUALE DI TEORIA ED ESERCIZI LAUREE TRIENNALI DELL AREA SCIENTIFICA Per i corsi di laurea che prevedono un test di verifica delle conoscenze iniziali tra cui: BIOTECNOLOGIE INDUSTRIALI INFORMATICA - SCIENZE DELLA TERRA SCIENZE DELL AMBIENTE E DELLA NATURA SCIENZE E TECNOLOGIE CHIMICHE SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE SCIENZE E TECNOLOGIE FISICHE - SCIENZE GEOLOGICHE SCIENZE MATEMATICHE - SCIENZE NATURALI SCIENZE GEOLOGICHE E GESTIONE DEL TERRITORIO CHIMICA E TECNOLOGIE SOSTENIBILI EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO

5 Copyright Ulrico Hoepli Editore S.p.A via Hoepli 5, Milano (Italy) tel fax Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941, n Le fotocopie effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale, o comunque per uso diverso da quello personale, possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da CLEARedi, Centro Licenze e Autorizzazioni per le Riproduzioni Editoriali, Corso di Porta Romana 108, Milano, sito web ISBN Ristampa Elaborazione dati e impaginazione: Edigeo S.r.l., Milano Stampa: L.E.G.O. S.p.A., Stabilimento di Lavis (TN) Printed in Italy

6 INDICE Prefazione VII Biologia 1 Introduzione alla biologia 3 La chimica biologica 4 La cellula 12 Il metabolismo cellulare 14 La riproduzione cellulare 19 Genetica classica 23 Genetica umana 30 Evoluzione biologica 33 La classificazione degli esseri viventi 36 Il corpo umano 43 Esercizi svolti e commentati 64 Chimica 73 Introduzione alla chimica 75 Struttura dell atomo 79 Teoria atomica. Sistema periodico degli elementi 85 Il legame chimico 94 Composti inorganici 97 Stati di aggregazione della materia 104 Acidi, basi e ph 109 Chimica organica 117 Esercizi svolti e commentati 131 Matematica 139 Introduzione alla matematica 141 Insiemi, numeri e operazioni 141 Algebra 153 Radicali 159 Equazioni 163 Disequazioni 167 Geometria nel piano 173 Geometria solida 179 Geometria analitica 182 Esercizi svolti e commentati 188 Fisica 197 Grandezze fisiche e misure 199 Vettori e operazioni fra i vettori 201 Cinematica 205 Statica 213 Dinamica 215 Termodinamica 226 Elettricità e magnetismo 240 Esercizi svolti e commentati 251 Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Indice V

7 Ragionamento logico 261 Introduzione alla logica 263 Intelligenza e memoria 265 Analisi di problemi e Problem Solving 267 Esercizi di logica verbale 305 Esercizi di logica aritmetica 332 Esercizi di logica geometrica 344 Ragionamento logico legato al calcolo delle probabilità 357 Interpretazione di grafici e tabelle 374 Comprensione brani 393 Introduzione ai test di comprensione verbale 395 Tecniche di lettura veloce 398 Esercizi di comprensione dei brani 400 Lingua inglese 419 Richiami di grammatica inglese 421 Esercizi svolti e commentati 432 VI Indice Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

8 PREFAZIONE L esame di Stato è certamente uno dei traguardi più significativi nella vita di uno studente e il suo superamento è la brillante conclusione di un importante ciclo di studi. Ma poiché, come recita un noto adagio, gli esami non finiscono mai, a pochi giorni di distanza dalla maturità, i neodiplomati che vorranno proseguire gli studi dovranno affrontare un altro esame legato all accesso universitario. Chi decide, infatti, di iscriversi a uno dei tanti corsi di laurea dell area scientifica deve sostenere un altra prova, una prova che per le matricole ha la peculiare caratteristica di essere a test e di carattere valutativo e non selettivo. La collana Hoepli Test fornisce a coloro che devono affrontare una prova valutativa all inizio dell anno universitario le basi e i metodi per risolvere qualsiasi tipo di quesiti, nozionistici e logici. Questo volume vi consentirà di raggiungere in breve tempo una pluralità di obiettivi: «conoscere i contenuti principali della prova di ammissione; «esercitarsi con domande che simulano quelle ufficiali; «familiarizzare con le materie specifiche della prova d esame; «sviluppare le capacità di ragionamento logico per rispondere anche a domande a prima vista impossibili; «apprendere nozioni e strategie che possono contribuire a migliorare la prestazione. Questo Manuale di Teoria ed Esercizi per l accesso ai corsi di laurea triennale dell area scientifica ha come obiettivo primario aiutare fattivamente lo studente a prepararsi per la prova di verifica delle conoscenze iniziali. Il team di esperti che collaborano alla realizzazione della collana Hoepli Test ha realizzato la parte teorica e le domande all interno di questo volume parametrando tutto secondo gli ultimi programmi d esame, cercando di riportare tutti gli esempi di domande possibili, formulate con scientificità e attenzione, analizzando e assemblando esperienze maturate in varie Università. Le sei regole d oro per affrontare i test È innegabile che una certa familiarità con i test è fondamentale per affrontare con successo una prova: chi ha già avuto esperienze di test di fatto sa cosa aspettarsi ed è più sicuro di sé rispetto a chi non ne ha avute. Si segnalano in tal senso alcuni consigli e strategie che, se ben applicati, permetteranno di migliorare la performance nello svolgimento del test ufficiale. Infatti, anche se i quesiti variano di volta in volta, la logica con cui vengono formulati è analoga. Per risolvere qualsiasi tipo di quesito è bene dunque osservare i seguenti suggerimenti pratici: 1. Considerare sempre il tempo a disposizione per la risoluzione di ogni test. 2. Evitare gli errori relativi alla non corretta interpretazione delle istruzioni iniziali. 3. Procedere con calma e metodo alla risoluzione di ogni quesito. 4. Leggere attentamente la domanda e cercare di capirne il significato. 5. Scegliere la risposta ritenuta esatta tra le alternative fornite. 6. Segnare la risposta ritenuta esatta direttamente sulla scheda delle risposte qualora vi venisse fornita. Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Prefazione VII

9 A disposizione degli studenti, sul sito internet si trova una serie di ulteriori materiali utili alla preparazione del test: «aggiornamenti e integrazioni agli argomenti trattati; «ultime notizie su leggi e normative dei corsi di laurea a numero programmato o con test di verifica iniziale; «ulteriori simulazioni ed esercizi. Benché ogni cura sia stata messa nella realizzazione di questo volume della collana, si ringrazia fin d ora chi volesse segnalare eventuali errori e/o suggerimenti al seguente indirizzo di posta elettronica: L eventuale errata corrige, costantemente aggiornata, è disponibile, per ciascuno dei libri pubblicati, sul sito VIII Prefazione Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

10 BIOLOGIA...

11

12 BIOLOGIA Introduzione alla biologia «BIOLOGIA L oggetto di studio La biologia (dal greco bíos = vita e lógos = studio ) è lo studio dei fenomeni vitali e degli organismi viventi. A proporre il termine biologia fu, ai primi dell Ottocento, Jean- Baptiste de Lamarck. La biologia comprende uno spettro molto ampio di discipline, spesso considerate tra loro indipendenti, e studia le caratteristiche fisiche degli organismi e la loro classificazione, l origine e lo sviluppo delle specie, l interazione tra più organismi e tra organismi e ambiente. Nella biologia confluiscono molte sottodiscipline, per cui essa è strutturata in vari livelli: «livello molecolare: biologia molecolare, biochimica e genetica molecolare (studio delle molecole organiche, loro struttura e loro proprietà); «livello cellulare: citologia e biologia cellulare; «livello pluricellulare: fisiologia, anatomia e istologia; «singolo organismo: ontogenia (o biologia dello sviluppo); «popolazione di organismi: genetica delle popolazioni ed etologia (comportamento e adattabilità); «livello multispecie: sistematica (paragone e classificazione di organismi viventi ed estinti); «ambiente: ecologia (studia gli ecosistemi) e studio dell evoluzione. Questo rispecchia il fatto che la materia vivente è organizzata in livelli di complessità crescente: «atomo «molecola «organulo cellulare «cellula «tessuto «organo «apparato «organismo «popolazione «comunità «ecosistema «biosfera Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Biologia 3

13 BIOLOGIA «La chimica biologica Bioelementi e biomolecole Gli elementi chimici fondamentali nella costituzione degli esseri viventi sono chiamati bioelementi. Ossigeno, carbonio, idrogeno e azoto sono i più abbondanti, costituendo, insieme con fosforo e zolfo, oltre il 99% della massa totale della maggior parte delle cellule. Gli altri elementi essenziali, presenti in concentrazioni molto più piccole, sono il calcio, il cloro, il potassio, il sodio, il magnesio, lo iodio e il ferro. Presenti in piccolissime quantità (in tracce), sono i cosiddetti oligoelementi: rame, zinco, cobalto, manganese e fluoro. I composti contenenti carbonio vengono definiti composti organici, di cui fanno parte quelli che compongono gli organismi viventi: le biomolecole. Il carbonio svolge un ruolo essenziale nella costituzione delle biomolecole in quanto è capace di formare legami singoli, doppi o tripli stabili con altri atomi di carbonio, generando catene lineari, catene ramificate e strutture cicliche. La forma tridimensionale delle molecole organiche deriva principalmente dal loro scheletro carbonioso e dai gruppi funzionali sostituenti. Le biomolecole sono generalmente macromolecole di elevata massa molecolare, per la maggior parte derivate dalla polimerizzazione di monomeri semplici, e le classi principali sono quattro: carboidrati, proteine, lipidi e acidi nucleici. Le interazioni deboli In una soluzione acquosa sono tre i tipi di interazioni intermolecolari deboli che possono generarsi tra biomolecole: 1. legami a idrogeno; 2. interazioni idrofobiche; 3. interazioni di van der Waals. I legami a idrogeno sono legami che intercorrono fra un atomo fortemente elettronegativo (N, O o F) di una molecola e un atomo di idrogeno legato con legame covalente polare a un altro atomo elettronegativo di un altra molecola. La lunghezza media varia tra 0,26 e 0,31 nm e la forza del legame, data dall attrazione elettrostatica fra le due cariche elettriche parziali opposte, raggiunge l intensità massima se i tre atomi coinvolti sono disposti secondo una linea retta. Figura 1 Legami a idrogeno. 4 Biologia Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

14 Gli amminoacidi e le proteine Gli amminoacidi sono costituiti di carbonio, idrogeno, ossigeno come gli zuccheri ma contengono in aggiunta anche l azoto; presentano i gruppi funzionali amminico ( NH2 ) e carbossilico ( COOH). H O H R C a NH2 O O C H C N OH H C H H CH b Figura 2 a) formula generica di a-amminoacido; b) formula spaziale dell L-alanina. Il gruppo amminico e il gruppo carbossilico sono legati all atomo di carbonio centrale detto carbonio a e nella formula generale R rappresenta il gruppo caratteristico di ogni amminoacido (radicale). Essendo legato a quattro diversi atomi o gruppi, il carbonio a degli amminoacidi e un atomo di carbonio asimmetrico. Quindi tutti gli amminoacidi, tranne la glicina, che presenta come radicale un atomo di idrogeno, presentano due forme stereoisomere speculari che vengono indicate con le lettere D ed L. Gli amminoacidi presenti in natura appartengono alla categoria L. Gli amminoacidi presenti negli organismi viventi sono 20 e possono essere suddivisi in base alla natura del gruppo radicale, che li differenzia in: «amminoacidi con radicale apolare; «amminoacidi con radicale polare; «amminoacidi con radicale con carica negativa (acidi); «amminoacidi con radicale con carica positiva (basici). Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Biologia 5 «BIOLOGIA Le molecole che presentano questa interazione sono l acqua H 2 O, l ammoniaca NH 3 e i composti derivati come alcooli, acidi carbossilici, ammine. Le interazioni idrofobiche si originano fra le porzioni non polari delle molecole in seguito al tentativo del sistema di raggiungere la condizione di stabilita termodinamicamente piu favorevole, rappresentata dall esposizione all ambiente acquoso della minor superficie possibile di molecole idrofobiche. Le interazioni di van der Waals intercorrono fra molecole neutre, polari o apolari, le cui nuvole elettroniche si influenzino reciprocamente a causa della breve distanza che le separa. La distanza a cui attrazione e repulsione fra i due atomi sono perfettamente bilanciate corrisponde alla somma dei raggi di van der Waals dei due atomi. Tutte queste interazioni, denominate appunto deboli, sono molto meno forti di un legame covalente e sono caratterizzate da una minore stabilita, in quanto si formano e si rompono continuamente. Esse avvengono pero in gran numero e l effetto sinergico che ne deriva contribuisce significativamente alla stabilita molecolare riscontrata nei sistemi biologici, mentre la loro caratteristica di essere fluttuanti dona la versatilita e la dinamicita essenziale allo svolgersi delle principali funzioni metaboliche delle cellule.

15 BIOLOGIA «Figura 3 Formule di struttura dei 20 amminoacidi naturali. Gli amminoacidi sono gli elementi costitutivi delle proteine. Per eliminazione di una molecola di acqua (condensazione), il gruppo amminico di un amminoacido può legarsi al gruppo carbossilico di un altro. Il legame che unisce due amminoacidi prende il nome di legame peptidico. Figura 4 Formazione del legame peptidico. 6 Biologia Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

16 L unione di due o più amminoacidi lascia alle due estremità della catena altri due gruppi (amminico e carbossilico) liberi, che possono ulteriormente reagire legandosi ad altri amminoacidi (reazioni di questo genere rientrano nella classe più generale delle polimerizzazioni per condensazione).una catena di più amminoacidi legati attraverso legami peptidici prende il nome generico di polipeptide; uno o più polipeptidi legati tra loro, a volte accompagnati da altre molecole ausiliarie, costituiscono una proteina. Tra gli amminoacidi di interesse commerciale o farmacologico ricordiamo il glutammato sodico, usato nell industria alimentare come esaltatore di sapidità, e la L-diidrossifenilalanina (L-DOPA), che è un farmaco usato per il trattamento del morbo di Parkinson. Le proteine sono composti organici complessi, costituenti fondamentali di tutte le cellule animali e vegetali. Dal punto di vista chimico, una proteina è un polimero costituito di una combinazione variabile di 20 diversi monomeri spesso in associazione con altre molecole e/ o ioni metallici. Le proteine hanno un organizzazione tridimensionale (struttura) moltocomplessaacuiè associata sempre una funzione biologica. Le proteine fibrose svolgono funzioni generalmente biomeccaniche (unghie, peli, strato corneo epidermico ecc.). Le proteine globulari sono invece coinvolte in specifiche e molteplici funzioni biologiche: sono per esempio proteine gli enzimi, i pigmenti respiratori, molti ormoni e gli anticorpi, responsabili della difesa immunitaria. Una proteina può presentare quattro livelli di struttura. La struttura primaria è determinata dalla sequenza lineare degli amminoacidi, legati tra loro dal legame peptidico, un legame covalente. Ogni sequenza di amminoacidi ha proprietà chimiche specifiche, date dalla varietà dei gruppi R, che determinano il modo in cui la catena può ripiegarsi, adottando una struttura tridimensionale stabile da cui dipende la funzionalità della proteina. «BIOLOGIA Figura 5 Struttura primaria della ribonucleasi pancreatica di bovino. La struttura secondaria è determinata da un primo avvolgimento regolare di alcuni tratti della catena polipeptidica, stabilizzato dalla formazione di legami a idrogeno tra il gruppo amminico di un amminoacido e quello carbossilico di un altro amminoacido della stessa catena. Esistono due tipi principali di struttura secondaria. 1. Struttura ad a elica, in cui la catena polipeptidica è avvoltaaformareunaspirale destrogira con i gruppi R che sporgono lateralmente. Perché si formi l a elica i Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Biologia 7

17 BIOLOGIA «gruppi R devono essere poco voluminosi per non deformare la spirale e non ostacolare la formazione dei legami a idrogeno. Nel collagene la struttura tridimensionale è data da una tripla elica, formata da tre catene polipeptidiche avvolte l una sull altra. 2. Struttura a foglietto b, in cui tratti diversi della stessa catena polipeptidica o due catene diverse si dispongono gli uni di fronte agli altri in senso parallelo o antiparallelo, con legami a idrogeno tra il gruppo amminico di un amminoacido di una catena e quello carbossilico di un altro amminoacido dell altra catena. Sia le proteine globulari sia le proteine fibrose contengono regioni ad a elica e regioni a foglietto b, ma mentre le proteine fibrose sono spesso formate da più strutture rigide ad a elica, quelle globulari possono contenere, nella stessa catena polipeptidica, regioni ad a elica e regioni a foglietto b. Figura 6 Figura 7 Struttura terziaria di una molecola proteica. 8 Biologia Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

18 La struttura terziaria è determinata dal ripiegamento su se stessa della struttura secondaria. Dall integrità di questa struttura dipende la forma tridimensionale della molecola, che ne determina la funzionalità. Questa disposizione nello spazio è mantenuta da complesse interazioni tra i gruppi R dei singoli amminoacidi: «legami a idrogeno; «interazioni idrofobiche tra gruppi apolari; «legami ionici tra gruppi carichi; «legami covalenti S S detti ponti disolfuro tra due gruppi R dell amminoacido cisteina. «BIOLOGIA La struttura quaternaria è quella che deriva dall associazione di due o più unità polipeptidiche, unite tra loro da legami deboli in modo molto specifico, come per esempio avviene nell emoglobina, la molecola responsabile del trasporto dell ossigeno nell organismo. Figura 8 Struttura quaternaria di una molecola proteica (emoglobina). Una proteina può perdere la propria specifica attività biologica se esposta a valori estremi di ph o di temperatura; a tali condizioni essa subisce un processo di denaturazione, reversibile o irreversibile a seconda dei casi, che consiste nella rottura dei legami deboli e nella perdita della struttura tridimensionale della proteina. Denaturare una proteina significa distruggerne la conformazione spaziale, rompendo i legami a idrogeno per mezzo di acidi, basi, calore, radiazioni o agitazione (un esempio comune di denaturazione è la cottura di un uovo nel quale l albumina, che costituisce la maggior parte dell albume, viene denaturata). Una proteina denaturata, pur mantenendo intatta la sua struttura primaria, non è più in grado di esplicare la sua funzione, a meno che non si riesca a ristabilirne la struttura terziaria. Nucleotidi e acidi nucleici Gli acidi nucleici sono macromolecole polimeriche lineari i cui monomeri sono detti nucleotidi. Gli acidi nucleici sono le molecole organiche da cui ogni organismo vivente ricava le informazioni necessarie per la sintesi delle proteine e per lo svolgimento di tutti i processi metabolici cellulari. Un nucleotide è formato di tre parti: un gruppo fosfato, uno zucchero a cinque atomi di carbonio e una base azotata. Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Biologia 9

19 BIOLOGIA «NH 2 O HO CH 2 OH O N N HO P OH O N N OH OH H acido fosforico ribosio base azotata (adenina) Figura 9 I tre componenti del nucleotide. Con la reazione di idrolisi di un nucleotide si ottiene una molecola di acido fosforico e un nucleoside, ovvero la molecola formata dall unione dello zucchero con la base azotata. Il gruppo fosfato è uno ione dell acido fosforico (H 3 PO 4 )edèla parte del nucleotide che possiede proprietà acide (da qui il termine acido nucleico ). La base azotata è una molecola organica ad anello che ha proprietà basiche e che contiene azoto. Esistono due tipi di basi azotate: «le basi puriniche (o purine) derivano dalla purina e sono formate da due anelli condensati: sono l adenina (A) e la guanina (G); «le basi pirimidiniche (o pirimidine) derivano dalla pirimidina e sono formate da un solo anello: sono la citosina (C), la timina (T) e l uracile (U). Figura 10 Gli acidi nucleici sono principalmente DNA (acido desossiribonucleico) erna (acido ribonucleico) e sono detti polinucleotidi. Lo zucchero dell RNA è il ribosio, quello del DNA è il desossiribosio. Le quattro basi azotate sono adenina, guanina, citosina e timina nel DNA e adenina, guanina, citosina e uracile nell RNA. 10 Biologia Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

20 «BIOLOGIA Figura 11 Molecola di desossiribosio. Nei batteri e nelle cellule di organismi superiori, sono presenti entrambi gli acidi nucleici; alcuni virus possiedono solamente l RNA (quello della poliomielite e l HIV), altri solamente il DNA. Il DNA è contenuto all interno della cellula solitamente come molecola a doppio filamento intrecciato a formare un elica; l RNA invece si trova di solito sotto forma di molecola a singolo filamento. Figura 12 La catena polinucleotidica dell RNA. Negli eucarioti, il DNA si trova nel nucleo e nel mitocondrio, mentre l RNA si trova nel nucleo, ma soprattutto nel citoplasma. Il DNA è la sede dell informazione genetica (caratteri ereditari) e il punto di partenza della loro trasmissione, mentre all RNA spettano mansioni quale la trasmissione delle informazioni contenute nel DNA verso i siti di sintesi proteica. Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Biologia 11

21 BIOLOGIA «L RNA esiste infatti in tre varianti all interno della cellula: «RNA messaggero (o mrna), responsabile della trascrizione del codice genetico contenuto nel DNA; «RNA transfer (o trna), responsabile della traduzione in proteine dell RNA messaggero, attraverso il trasporto degli specifici amminoacidi; «RNA ribosomiale (o rrna), costituente i ribosomi deputati alla sintesi proteica. La polimerizzazione dei nucleotidi ha luogo tramite la reazione di condensazione tra lo zucchero di un nucleotide e il gruppo fosfato di quello adiacente, con formazione di un ponte fosfodiesterico. Alcuni nucleotidi svolgono anche altre funzioni, oltre a quella di componenti degli acidi nucleici; diventano, per esempio, trasportatori di energia per le reazioni chimiche negli organismi viventi. Il principale trasportatore dell energia necessaria per la maggior parte delle reazioni chimiche nella cellula è l adenosintrifosfato o ATP. L ATP è un nucleotide, formato dall esterificazione dell adenosina, nucleoside di ribosio legato ad adenina, con tre gruppi fosfato (fig. 13). È uno dei reagenti necessari per la sintesi dell RNA ma, soprattutto, è una sostanza chiave per il metabolismo energetico. Esso viene idrolizzato ad ADP (adenosindifosfato), che viene riconvertito in ATP mediante vari processi. Per formare i legami della molecola di ATP occorre energia, che viene così immagazzinata; la rottura dei legami, viceversa, libera energia utilizzabile nelle reazioni chimiche. Altre molecole trasportatrici di energia contenenti adenosina sono la nicotinammide adenin dinucleotide NAD e il flavin adenin dinucleotide FAD. N NH 2 N adenina O O O N N adenosina HO P~ O P~ O P OH OH OH O CH 2 O HOHO Figura 13 ATP: acido adenosintrifosforico. La cellula La teoria cellulare Uno dei princìpi fondamentali della biologia è la teoria cellulare, formulata nel XIX secolo da Schleiden e Schwann, che sostiene quanto segue: «la cellula è l unità di organizzazione strutturale e funzionale di tutti gli organismi viventi; «tutti gli esseri viventi sono costituiti di una o più cellule, dotate di proprietà comuni, all interno delle quali hanno luogo le reazioni chimiche tipiche di un organismo vivente; 12 Biologia Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

22 «ogni cellula si origina da un altra cellula preesistente, poiché le cellule contengono l informazione genetica ereditaria e questa informazione presente nel DNA viene trasmessa dalle cellule madri alle cellule figlie durante la divisione cellulare. Il nome cellula fu introdotto da Robert Hooke quando, nel 1665, osservando al microscopio un pezzo di sughero, notò delle cavità simili a piccole celle, le quali rappresentavano appunto gli spazi occupati in precedenza dalle cellule ormai degenerate. Esistono organismi unicellulari (cioè organismi formati da un unica cellula), però la maggior parte degli esseri viventi è costituita di organismi pluricellulari, che contengono fino a 100 tipi differenti di cellule specializzate per svolgere funzioni specifiche. Le cellule vengono divise, in base alla presenza o meno di un nucleo e a seconda del differente grado di organizzazione, in due gruppi: «cellule procariotiche; «cellule eucariotiche. Le cellule procariotiche sono più semplici e non contengono un nucleo definito, ma presentano la molecola di DNA costituente il patrimonio genetico libero nel citoplasma. Le cellule eucariotiche hanno una struttura interna complessa, con un nucleo racchiuso in una membrana. «BIOLOGIA La cellula procariotica La cellula procariotica è la più semplice cellula esistente, e presenta le seguenti caratteristiche: «ha dimensioni comprese fra 1 10 mm(con1mm = 1/ m); «è delimitata da una parete cellulare che riveste esternamente la membrana cellulare; «il fluido contenuto all interno della membrana cellulare costituisce il citoplasma; «è priva di organuli citoplasmatici delimitati da membrana e non possiede un vero nucleo; «gli enzimi respiratori sono legati alla membrana cellulare in una struttura che prende il nome di mesosoma; «il materiale genetico consiste in una singola molecola di DNA circolare, localizzata in una zona centrale detta nucleoide, non racchiusa all interno di una membrana ma libera nel citoplasma; «nel citoplasma sono presenti i ribosomi, aggregati di RNA e proteine in cui ha luogo la sintesi delle proteine; «si riproduce asessualmente per scissione binaria. Tutti i procarioti sono organismi unicellulari. Tra i procarioti troviamo i batteri e le alghe azzurre. parete cellulare mesosoma membrana cellulare citoplasma ribosomi nucleoide con materiale nucleare Figura 14 Struttura di una cellula procariotica batterica. Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Biologia 13

23 BIOLOGIA «La cellula eucariotica La cellula eucariotica è organizzata in maniera più complessa rispetto alla cellula procariotica. Le sue caratteristiche principali sono: «dimensioni comprese fra 10 e 100 mm; «sono presenti nel citoplasma numerosi tipi di organuli delimitati da membrane, con struttura e funzioni specifiche che permettono di svolgere le varie attività cellulari in compartimenti distinti; «è provvista di un nucleo, delimitato da una doppia membrana, che contiene il materiale genetico costituito da DNA che, complessato con proteine, costituisce i cromosomi; «presenta gli enzimi ossidanti responsabili della respirazione cellulare integrati nella membrana interna di particolari organuli detti mitocondri. Gli eucarioti possono essere sia unicellulari (protisti) che pluricellulari (piante, funghi e animali). membrana cellulare membrana nucleare reticolo endoplasmico liscio nucleolo nucleo glicogeno mitocondrio centrioli vescicola corpo di Golgi reticolo endoplasmico liscio reticolo endoplasmico rugoso ribosoma lisosoma Figura 15 Rappresentazione di cellula animale con indicazione degli organuli più significativi. Il metabolismo cellulare Metabolismo, autotrofia ed eterotrofia Si definisce metabolismo il complesso delle reazioni chimiche e fisiche che avvengono in una cellula o in un organismo. Queste trasformazioni della materia sono legate a variazioni della condizione energetica. 14 Biologia Ulrico Hoepli Editore S.p.A.

24 Il metabolismo si divide in due insiemi di processi: «anabolismo (o biosintesi): comprende tutto l insieme dei processi di sintesi delle mole-cole organiche (biomolecole) più complesse a partire da quelle più semplici o dalle sostanze nutritive; le reazioni anaboliche, per avvenire, richiedono energia, fornita loro dall idrolisi dell ATP; «catabolismo: processo opposto all anabolismo che comporta la degradazione di molecole complesse in molecole più semplici e povere di energia, liberando l energia prodotta sotto forma di energia chimica (mediante la sintesi dell ATP) ed energia termica. I processi anabolici sono dunque endoergonici (assorbono energia), mentre quelli catabolici sono esoergonici (sviluppano energia). Se i processi metabolici contengono sia una componente anabolica che una catabolica sono detti anfibolici. Gli organismi in grado di produrre sostanze organiche a partire da sostanze inorganiche semplici prelevate dall ambiente si dicono autotrofi. Essi si dividono in fotoautotrofi, che usano la luce solare come fonte di energia per produrre molecole organiche complesse a partire da acqua e anidride carbonica, e chemioautotrofi, che usano l energia liberata dall ossidoriduzione di sostanze inorganiche per sintetizzare sostanze organiche complesse. Sono organismi autotrofi tutte le piante, le alghe, sia eucariote sia procariote (alghe azzurre o cianobatteri), e molti batteri. Al contrario, gli organismi che non sono in grado di sintetizzare autonomamente molecole organiche partendo da molecole inorganiche semplici si dicono eterotrofi. Si cibano di autotrofi (consumatori primari), di altri eterotrofi (consumatori secondari), oppure di sostanza organica che ottengono da organismi viventi (parassiti) o da prodotti di rifiuto (saprofagi). Sono eterotrofi tutti gli animali (pluricellulari eterotrofi), i protozoi, i funghi e molti batteri. «BIOLOGIA Gli enzimi Gli enzimi sono catalizzatori biologici di natura proteica che aumentano la velocità (sia diretta sia inversa) delle reazioni biochimiche, senza essere consumati. Le sostanze che reagiscono grazie a un enzima sono dette substrati: il substrato si lega all enzima in un punto ben preciso, il sito attivo, inserendosi perfettamente in esso come un meccanismo di chiave-serratura (fig. 16), dando vita al complesso enzima-substrato. substrato (S) sito attivo enzima (E) complesso (ES) Figura 16 Modello chiave-serratura di Fisher. Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Biologia 15

Le idee della chimica

Le idee della chimica G. Valitutti A.Tifi A.Gentile Seconda edizione Copyright 2009 Zanichelli editore Capitolo 25 Le basi della biochimica 1. I carboidrati 2. I lipidi 3. Gli amminoacidi, i peptidi e le proteine 4. La struttura

Dettagli

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici La seta della tela di ragno è un insieme di macromolecole, dette proteine. Sono le caratteristiche fisico-chimiche di queste

Dettagli

I Composti Organici. Le Biomolecole

I Composti Organici. Le Biomolecole I Composti Organici I composti organici sono molecole tutte contenenti carbonio. Essi comprendono. 1. composti di interesse energetico che sono gli Idrocarburi ( i derivati del petrolio), 2. composti a

Dettagli

PROGRAMMA DI BIOLOGIA. CLASSE 2^ F a. s. 2014 2015. Prof.ssa RUBINO ALESSANDRA

PROGRAMMA DI BIOLOGIA. CLASSE 2^ F a. s. 2014 2015. Prof.ssa RUBINO ALESSANDRA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO "ENRICO FERMI" Via Luosi n. 23-41124 Modena Tel. 059211092 059236398 - (Fax): 059226478 E-mail: info@fermi.mo.it Pagina web: www.fermi.mo.it PROGRAMMA DI BIOLOGIA

Dettagli

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di LE BIOMOLECOLE LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI LE BIOMOLECOLE sono LIPIDI PROTEINE ACIDI NUCLEICI molecole complesse = POLIMERI formate dall'unione di molecole semplici = MONOMERI

Dettagli

NUCLEOTIDI e ACIDI NUCLEICI

NUCLEOTIDI e ACIDI NUCLEICI NUCLEOTIDI e ACIDI NUCLEICI Struttura dei nucleotidi Il gruppo fosfato conferisce carica negativa e proprietà acide FUNZIONI DEI NUCLEOTIDI MOLECOLE DI RISERVA DI ENERGIA L idrolisi dei nucleosidi trifosfato

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili

Protocollo dei saperi imprescindibili Protocollo dei saperi imprescindibili Ordine di scuola:professionale DISCIPLINA: Scienze integrate( Scienze della Terra e Biologia) RESPONSABILE: Meri Teti CLASSI SECONDE SEZIONE B INDIRIZZO: Grafico CONOSCENZE/CONTENUTI:

Dettagli

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Le Biomolecole I parte Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti LE BIOMOLECOLE Le biomolecole, presenti in tutti gli esseri viventi, sono molecole composte principalmente da carbonio, idrogeno, azoto e ossigeno.

Dettagli

CELLULE EUCARIOTICHE

CELLULE EUCARIOTICHE CELLULE EUCARIOTICHE Le cellule eucariotiche sono di maggiori dimensioni, rispetto a quelle procariotiche (almeno 10 volte più grandi) Oltre a: membrana plasmatica, citoplasma, DNA e ribosomi (comuni a

Dettagli

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole Prof. C. Guarino INTRO Ogni cellula vivente racchiude una pluralità di molecole diverse L acqua è l elemento dominante, nelle cellule vegetali e nei

Dettagli

Costituzione dei viventi

Costituzione dei viventi Costituzione dei viventi La materia e costituita da elementi chimici in forma pura o in combinazioni dette composti 25 dei 92 elementi naturali sono costituenti essenziali dei viventi 4 (C, O,, N) costituiscono

Dettagli

PROTEINE. sono COMPOSTI ORGANICI QUATERNARI

PROTEINE. sono COMPOSTI ORGANICI QUATERNARI PROTEINE sono COMPOSTI ORGANICI QUATERNARI Unione di elementi chimici diversi Il composto chimico principale è il C (carbonio) Sono quattro gli elementi chimici principali che formano le proteine : C (carbonio),

Dettagli

PROTEINE. Amminoacidi

PROTEINE. Amminoacidi PROTEINE Le proteine sono le macromolecole alla base delle attività cellulari. Sono oltre diecimila per cellula, dove svolgono differenti funzioni: Sono ad esempio: enzimi: aumentano la velocità delle

Dettagli

UNITÀ 1. Le molecole della vita

UNITÀ 1. Le molecole della vita Le principali molecole biologiche sono i carboidrati i lipidi le proteine monosaccaridi disaccaridi polisaccaridi grassi e cere fosfolipidi e glicolipidi steroidi Le proteine sono caratterizzate da diverse

Dettagli

Livello di organizzazione degli esseri viventi

Livello di organizzazione degli esseri viventi Livello di organizzazione degli esseri viventi _Organismo; _Apparato; _Organo; _Tessuti; _Cellule; _Organelli cellulari; _Molecole. Atomo, elemento, molecola, composto, formula, legame, elettronegativita.

Dettagli

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi.

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. DNA - RNA Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Esistono 4 basi azotate per il DNA e 4 per RNA Differenze

Dettagli

Le molecole della vita

Le molecole della vita Le molecole della vita Inorganici -Acqua -Ossigeno (O 2 ), Anidride carbonica (CO 2 ) -Elementi minerali quali Calcio (Ca), Fosforo (P), Magnesio (Mg), Sodio(Na), Potassio (K), Zolfo (S), Cloro (Cl), Ferro

Dettagli

Origine delle cellule e concetti generali

Origine delle cellule e concetti generali Istituto Comprensivo Massarosa 2 Percorsi per capire Laboratori del Sapere Scientifico Origine delle cellule e concetti generali Paolo Ercolini biologo Piano di Conca, 11 novembre 2013 Fonti internet rilevate

Dettagli

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE Tutti i tipi cellulari presenti sul nostro pianeta appartengono ad uno di due gruppi fondamentali: procarioti ed eucarioti. I termini procariota (dal greco pro

Dettagli

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani LE MOLECOLE INFORMAZIONALI Lezioni d'autore Treccani Introduzione (I) I pionieri della biologia molecolare, scoperta la struttura degli acidi nucleici, pensarono di associare al DNA una sequenza di simboli,

Dettagli

Riproduzione molecolare. Riproduzione cellulare. Riproduzione degli organismi. Gametogenesi (femminile e maschile) Fecondazione

Riproduzione molecolare. Riproduzione cellulare. Riproduzione degli organismi. Gametogenesi (femminile e maschile) Fecondazione ARGOMENTO STRUTTURA CELLULARE CONCETTO DI REGOLAZIONE GENICA REGOLAZIONE GENICA PROCARIOTI REGOLAZIONE GENICA EUCARIOTI trascrizione e maturazione RNA trasporto nucleo-citoplasma sintesi proteica via secretiva

Dettagli

Risposta: 2. Uracile. Risposta: 2. legami idrogeno. Adenina, Citosina e Guanina si trovano sia nell RNA che nel DNA.

Risposta: 2. Uracile. Risposta: 2. legami idrogeno. Adenina, Citosina e Guanina si trovano sia nell RNA che nel DNA. Risposta: 2. Uracile Adenina, Citosina e Guanina si trovano sia nell RNA che nel DNA. La Timina si trova soltanto nel DNA; l Uracile si sostituisce alla Timina nelle molecole dell RNA. Risposta: 2. legami

Dettagli

Biologia Cellulare e DNA «Bigino»

Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Giulio Barigelletti www.baveno.net Premesse 2 Sempre più frequentemente si sente parlare di DNA, Proteine, Amminoacidi, etc., relazionati all esistenza dell essere umano.

Dettagli

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi.

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi. Biologia generale Massolo Alessandro massolo@unifi.it; Tel. 347-9403330 BIOLOGIA GENERALE Facoltà di Scienze della Formazione Scienze della Formazione Primaria Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale

Dettagli

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale:

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: N 2 Il nome ordinario degli amminoacidi prevale su quello della nomenclatura IUPA. Si possono avere α-amminoacidi,

Dettagli

Dall RNA alle proteine. La traduzione nei procarioti e negli eucarioti

Dall RNA alle proteine. La traduzione nei procarioti e negli eucarioti Dall RNA alle proteine La traduzione nei procarioti e negli eucarioti Codice genetico La sequenza dell mrna viene decodificata a gruppi di tre nucleotidi, e tradotta in una sequenza di amminoacidi 4 x

Dettagli

Il flusso dell informazione genetica il ruolo dei polimeri di nucleotidi

Il flusso dell informazione genetica il ruolo dei polimeri di nucleotidi Il flusso dell informazione genetica il ruolo dei polimeri di nucleotidi trascrizione traduzione DNA RNA Proteina replicazione DNA replicazione: sintesi del DNA trascrizione: sintesi del RNA traduzione:

Dettagli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli Legami chimici Covalente Legami deboli Legame fosfodiesterico Legami deboli Legami idrogeno Interazioni idrofobiche Attrazioni di Van der Waals Legami ionici Studio delle macromolecole Lipidi

Dettagli

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule unità 2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule Il trasporto nelle cellule avviene senza consumo di energia con consumo di energia trasporto passivo trasporto attivo attraverso il doppio strato fosfolipidico

Dettagli

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri LA GENETICA DNA e RNA Prof. Daniele Verri L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico che contiene le informazioni necessarie per la formazione di RNA e proteine. LA GENETICA:

Dettagli

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1 Struttura e funzioni della cellula 1 Riferimenti Books and others Biological Physics (updated 1 st ed.), Philip Nelson, Chap. 2 Physical Biology of the Cell, Phillips et al., Chap. 2 Movies Exercise 2

Dettagli

Metabolismo: Introduzione

Metabolismo: Introduzione Metabolismo: Introduzione METABOLISMO Insieme delle reazioni chimiche coordinate e integrate che hanno luogo in tutte le cellule C A T A B O L I S M O Ossidazioni esoergoniche Alimenti: Carboidrati Lipidi

Dettagli

Claudia Borgioli Sandra von Borries GENESIS. Scienze della Vita

Claudia Borgioli Sandra von Borries GENESIS. Scienze della Vita Claudia Borgioli Sandra von Borries GENESIS Scienze della Vita UNITÀ 1 La chimica e la cellula elettroni si dispongono prima nei gusci più vicini al nucleo e poi in quelli più lontani.

Dettagli

Il DNA: la molecola della vita

Il DNA: la molecola della vita Il DNA: la molecola della vita Gli acidi nucleici comprendono il DNA (acido desossiribonucleico) e l RNA (acido ribonucleico). Sono costituiti da molecole molto grandi, formate da unità dette nucleotidi,

Dettagli

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica.

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica. I R I BOSOM I I RIBOSOMI sono organuli citoplasmatici presenti in tutte le cellule, sia procariotiche che eucariotiche. Sono visibili al M.O. solo quando presenti in gran numero, (come capita nelle cellule

Dettagli

Determinazione della struttura di una molecola di RNA tramite una sequenza di numeri primi

Determinazione della struttura di una molecola di RNA tramite una sequenza di numeri primi Università degli Studi di Milano Polo Didattico e di Ricerca di Crema Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Geometria Computazionale Determinazione della struttura di una molecola

Dettagli

Gerarchia della struttura delle proteine

Gerarchia della struttura delle proteine Si indica con CONFORMAZIONE la disposizione tridimensionale degli atomi di una molecola, cioè la loro organizzazione spaziale. Gerarchia della struttura delle proteine struttura primaria: sequenza degli

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

La cellula è l unità fondamentale di tutti gli organismi viventi ed è la più piccola struttura ad essere classificabile come vivente.

La cellula è l unità fondamentale di tutti gli organismi viventi ed è la più piccola struttura ad essere classificabile come vivente. CHE COS E LA CELLULA? La cellula è l unità fondamentale di tutti gli organismi viventi ed è la più piccola struttura ad essere classificabile come vivente. DA COSA SONO COSTITUITE LE CELLULE? Tutte le

Dettagli

GENETICA seconda parte

GENETICA seconda parte GENETICA seconda parte I cromosomi sono lunghe molecole di una sostanza l acido desossiribonucleico. DNA Il DNA è una lunga catena fatta da due lunghi fili avvolti su se stessi a doppia elica. Sembra una

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

Ingegneria delle tecnologie per la salute. Anatomia e istologia umana. Cenni di Biologia

Ingegneria delle tecnologie per la salute. Anatomia e istologia umana. Cenni di Biologia Ingegneria delle tecnologie per la salute Anatomia e istologia umana Cenni di Biologia Macromolecole: Glucidi Lipidi Proteine Acidi nucleici glucidi Monosaccaridi: glucosio, fruttosio, galattosio, desossiribosio,

Dettagli

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni;

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni; LE BIOMOLECOLE 1. IL CARBONIO E I SUOI COMPOSTI Il carbonio è l'elemento base del mondo vivente. Ciò si deve alla sua particolare capacità di formare 4 legami covalenti, in genere molto forti, o con altri

Dettagli

FUNZIONI DEI MITOCONDRI

FUNZIONI DEI MITOCONDRI FUNZIONI DEI MITOCONDRI La funzione principale dei mitocondri è di compiere le trasformazioni energetiche indispensabili per le funzioni cellulari. Metabolismo energetico: insieme delle reazioni chimiche

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA. Angela Chambery Lezione 2

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA. Angela Chambery Lezione 2 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery Lezione 2 Versatilità del carbonio nel formare legami covalenti La chimica degli organismi viventi è organizzata intorno al

Dettagli

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA.

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA. LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno scolastico 2012-2013 CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA 2 ore settimanali Docente: Prof.ssa Negri Maria Rosa Testo: Le basi della Biologia

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 CHIMICA NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

Niccolò Taddei Biochimica

Niccolò Taddei Biochimica Niccolò Taddei Biochimica VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono

Dettagli

CAP. 3 Molecole organiche degli organismi: carboidrati, lipidi, amminoacidi, proteine, acidi nucleici.

CAP. 3 Molecole organiche degli organismi: carboidrati, lipidi, amminoacidi, proteine, acidi nucleici. CAP. 3 Molecole organiche degli organismi: carboidrati, lipidi, amminoacidi, proteine, acidi nucleici. 3.1 Molecole organiche degli organismi 3.1.1 I carboidrati CARBOIDRATI: comprendono zuccheri semplici

Dettagli

TEST BIOLOGIA 1 ANNO ABEI Da inviare a connesso@alice.it entro e non oltre il 6 novembre 2015

TEST BIOLOGIA 1 ANNO ABEI Da inviare a connesso@alice.it entro e non oltre il 6 novembre 2015 1) I batteri sono organismi: a- bicellulari b- monocellulari c- pluricellulari 2) I virus: a- possono riprodursi solo nell acqua b- possono riprodursi solo sulla superficie di una cellula c- possono riprodursi

Dettagli

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA 0) CONCETTI BASE La trasformazione delle informazioni genetiche in proteine richiede due passaggi: la trascrizione del DNA in mrna e la traduzione dell mrna in una

Dettagli

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono evidenziate

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

BIOLOGIA GENERALE 22-24 ottobre 2007

BIOLOGIA GENERALE 22-24 ottobre 2007 Biologia generale Massolo Alessandro massolo@unifi.it; Tel. 347-9403330 BIOLOGIA GENERALE 22-24 ottobre 2007 Facoltà di Psicologia Tecniche di Psicologia Generale e Sperimentale Alessandro Massolo Dip.

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. Q a. s. 2013/2014

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. Q a. s. 2013/2014 CHIMICA LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. Q a. s. 2013/2014 NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

Helena Curtis N. Sue Barnes

Helena Curtis N. Sue Barnes Helena Curtis N. Sue Barnes LA RESPIRAZIONE CELLULARE INDICE Demolizione del glucosio Glicolisi Fermentazione lattica Fermentazione alcolica Respirazione cellulare Ciclo di Krebs Catena di trasporto degli

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO Liceo Scientifico Statale Vito Volterra - Ciampino PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 Finalità - Comprensione del testo e sua utilizzazione come strumento conoscitivo - Sviluppo

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

02/12/2014. Tutti gli esseri viventi sono composti da cellule LA CELLULA E L UNITA STRUTTURALE E FUNZIONALE DEGLI ORGANISMI VIVENTI

02/12/2014. Tutti gli esseri viventi sono composti da cellule LA CELLULA E L UNITA STRUTTURALE E FUNZIONALE DEGLI ORGANISMI VIVENTI Tutti gli esseri viventi sono composti da cellule Eubatteri Procarioti unicellulari Archebatteri LA CELLULA E L UNITA STRUTTURALE E FUNZIONALE DEGLI ORGANISMI VIVENTI -Autoconservazione mantenimento della

Dettagli

Prof.ssa Gamba Sabrina. Lezione 7: IL DNA. Duplicazione e sintesi delle proteine

Prof.ssa Gamba Sabrina. Lezione 7: IL DNA. Duplicazione e sintesi delle proteine Prof.ssa Gamba Sabrina Lezione 7: IL DNA Duplicazione e sintesi delle proteine concetti chiave della lezione Costituzione fisico-chimica del DNA Basi azotate Duplicazione Concetto di geni Rna Trascrizione

Dettagli

La traduzione: dall mrna alle proteine

La traduzione: dall mrna alle proteine La traduzione: dall mrna alle proteine Le infezioni batteriche sono una grave causa di malattie e morte in Europa e negli USA. Le infezioni batteriche si curano con antibiotici che colpiscono l espressione

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 7

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 7 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 7 La struttura delle proteine Concetti chiave: La struttura terziaria di una proteina descrive il ripiegamentodei suoi elementi

Dettagli

LA CLASSIFICAZIONE DEI COMPOSTI CHIMICI

LA CLASSIFICAZIONE DEI COMPOSTI CHIMICI LA CLASSIFICAZIONE DEI COMPOSTI CHIMICI Inorganici Acqua Sali minerali Composti chimici Idrocarburi Glicidi Organici Alcoli, aldeidi Molecole biologiche o biomolecole Lipidi Proteine Acidi nucleici Vitamine

Dettagli

REPLICAZIONE DEL DNA

REPLICAZIONE DEL DNA REPLICAZIONE DEL DNA La replicazione (o anche duplicazione) è il meccanismo molecolare attraverso cui il DNA produce una copia di sé stesso. Ogni volta che una cellula si divide, infatti, l'intero genoma

Dettagli

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine Il flusso dell informazione genetica DNA -->RNA-->Proteine Abbiamo visto i principali esperimenti che hanno dimostrato che il DNA è la molecola depositaria dell informazione genetica nella maggior parte

Dettagli

PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico

PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico Prof. Bozzato Andrea Prof.ssa Rosa Monica (Laboratorio) Il libro di testo è: Terra Ed. Verde, autori E.L.Palmieri, M.Parotto casa editrice

Dettagli

Criteri e modalità delle prove di ammissione ai corsi di laurea delle professioni sanitarie. D.M. Ministero Università e Ricerca 17 MAGGIO 2007

Criteri e modalità delle prove di ammissione ai corsi di laurea delle professioni sanitarie. D.M. Ministero Università e Ricerca 17 MAGGIO 2007 Criteri e modalità delle prove di ammissione ai corsi di laurea delle professioni sanitarie D.M. Ministero Università e Ricerca 17 MAGGIO 2007 Frequently Asked Questions Posso iscrivermi a più test in

Dettagli

BIOLOGIA. 10) Quale dei seguenti organismi è sprovvisto di vertebre? a) vipera b) squalo c) aragosta d) salamandra

BIOLOGIA. 10) Quale dei seguenti organismi è sprovvisto di vertebre? a) vipera b) squalo c) aragosta d) salamandra BIOLOGIA 1) I carboidrati sono costituiti da: a) carbonio, idrogeno ed ossigeno b) carbonio ed idrogeno c) carbonio, idrogeno ed azoto d) carbonio, ossigeno ed azoto 2) In che cosa il DNA si differenzia

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

CISIA PER LE PROVE DI AMMISSIONE A: INGEGNERIA

CISIA PER LE PROVE DI AMMISSIONE A: INGEGNERIA a 3 gl i ultimi an EDIZIONE ESERCIZI SVOLTI E COMMENTATI i del m m a r g o ato ai pr n r o i g g A T CISIA TES PER LE PROVE DI AMMISSIONE A: INGEGNERIA Per i corsi di laurea dell area politecnica tra cui:

Dettagli

proteasi (distrugge le proteine) batteri virulenti del ceppo S e del ceppo R

proteasi (distrugge le proteine) batteri virulenti del ceppo S e del ceppo R unità 1. La funzione del DN negli organismi La funzione del DN L acido desossiribonucleico o DN (dall inglese deoxyribonucleic acid) è la molecola informazionale delle cellule. Essa contiene e trasmette

Dettagli

Il DNA e la duplicazione cellulare. Acidi nucleici: DNA, materiale ereditario

Il DNA e la duplicazione cellulare. Acidi nucleici: DNA, materiale ereditario Il DN e la duplicazione cellulare Il DN, materiale ereditario Struttura del DN Replicazione del DN Dal DN alla proteina Il odice genetico iclo cellulare Mitosi Meiosi Da Figura 8-11 ampbell & Reece cidi

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE. Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO. a.s.

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE. Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO. a.s. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO a.s. 2O13-2014 Materia : Chimica e Biologia Classe : II sez. B Rimini,05/06/2014

Dettagli

Riprendiamo ora il cosiddetto dogma centrale della biologia: dal gene alla proteina

Riprendiamo ora il cosiddetto dogma centrale della biologia: dal gene alla proteina Riprendiamo ora il cosiddetto dogma centrale della biologia: dal gene alla proteina trascrizione traduzione L mrna lascia il nucleo e si posiziona sugli organelli chiamati ribosomi, contenenti rrna Trascrizione

Dettagli

Funzioni della membrana plasmatica

Funzioni della membrana plasmatica TRASPORTO M.P. -Omeostasi cellulare Funzioni della membrana plasmatica Mantenimento della conc. intracell. di ioni e molecole entro valori corretti Scambi interno - esterno Non c è consumo E Consumo E

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

amminico è legato all atomo di carbonio immediatamente adiacente al gruppo carbonilico e hanno la seguente

amminico è legato all atomo di carbonio immediatamente adiacente al gruppo carbonilico e hanno la seguente Gli amminoacidi naturali sono α-amminoacidi : il gruppo amminico è legato all atomo di carbonio immediatamente adiacente al gruppo carbonilico e hanno la seguente formula generale: gruppo funzionale carbossilico

Dettagli

La chimica della vita

La chimica della vita La chimica della vita -Elementi : Carbonio (C), Ossigeno (O), Idrogeno (H), Calcio (Ca), Fosforo (P), Magnesio (Mg), Sodio(Na), Potassio (K), Zolfo (S), Cloro (Cl), Ferro (Fe), Zinco (Zn), Rame (Cu), Iodio

Dettagli

Scuola Media Piancavallo 2

Scuola Media Piancavallo 2 LA CELLULA Una caratteristica di quasi tutti gli esseri viventi è quella di possedere una struttura più o meno complessa in cui parti diverse, gli organi, sono adatte a svolgere funzioni specifiche. Il

Dettagli

LICEO ARTISTICO PRETI - FRANGIPANE Reggio Calabria

LICEO ARTISTICO PRETI - FRANGIPANE Reggio Calabria LICEO ARTISTICO PRETI - FRANGIPANE Reggio Calabria Denominazione del Progetto: corso di Formazione Integrativa Per le Eccellenze (F.I.P.E.) Scopo: La finalità di questo progetto è quella di costruire una

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 9

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 9 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 9 Funzioni delle proteine Concetti chiave: La varietà strutturale delle proteine consente loro di svolgere un enorme quantità

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Traduzione dell informazione genetica (1)

Traduzione dell informazione genetica (1) Traduzione dell informazione genetica (1) 1 Traduzione dell informazione genetica (2) Il processo negli eucarioti richiede: 70 diverse proteine ribosomiali >20 enzimi che attivano i precursori degli amminoacidi

Dettagli

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione DNA RNA Trascrizione RNA PROTEINE Traduzione Dove avvengono? GLI EUCARIOTI I PROCARIOTI Cambell, Reece Biologia ZANICHELLI Trascrizione Sintesi di

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2001/2002

ANNO ACCADEMICO 2001/2002 ANNO ACCADEMICO 2001/2002 A partire dall anno accademico 2001/2002 verrà attivata la laurea triennale in Scienze e Tecnologie Viticole ed Enologiche. Contemporaneamente verrà disattivato il DU in Viticoltura

Dettagli

BIOMOLECOLE STRUTTURA E FUNZIONE

BIOMOLECOLE STRUTTURA E FUNZIONE BIOMOLECOLE STRUTTURA E FUNZIONE Lo studio delle relazioni tra struttura e funzione nelle biomolecole è uno degli aspetti più importanti per la comprensione del funzionamento dei processi biologici La

Dettagli

AMMINOACIDI E PROTEINE

AMMINOACIDI E PROTEINE AMMINOACIDI E PROTEINE Vengono chiamate amminoacidi quelle molecole organiche in cui sono contemporaneamente presenti sia un gruppo acido carbossilico -COO che un gruppo amminico -N2. Una molecola appartenente

Dettagli

Una proteina qualsiasi assume costantemente un unica conformazione ben definita, cui è legata la sua azione biologica.

Una proteina qualsiasi assume costantemente un unica conformazione ben definita, cui è legata la sua azione biologica. Concanavalina A Emoglobina subunità Trioso fosfato isomerasi Una proteina qualsiasi assume costantemente un unica conformazione ben definita, cui è legata la sua azione biologica. 1 La conformazione è

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Operare in situazioni reali e/o disciplinari con tecniche e procedure di calcolo L alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse e stima la grandezza

Dettagli

La regolazione genica nei eucarioti

La regolazione genica nei eucarioti La regolazione genica nei eucarioti Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri Differenziamento negli eucarioti pluricellulari Negli eucarioti le cellule specializzate dei vari tessuti contengono

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 24

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 24 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 24 Una panoramica del metabolismo Concetti chiave: Organismi diversi utilizzano strategie differenti per catturare l'energia

Dettagli

Acido oleico (C18): (nero: carbonio, bianco: idrogeno, rosso: ossigeno), al centro il doppio legame.

Acido oleico (C18): (nero: carbonio, bianco: idrogeno, rosso: ossigeno), al centro il doppio legame. 1 ACIDI GRASSI Gli acidi grassi sono acidi carbossilici con una catena alifatica (idrocarburica) con almeno 8 atomi di carbonio. Sono gli ingredienti costitutivi di quasi tutti i lipidi complessi e dei

Dettagli

ACIDI GRASSI INSATURI

ACIDI GRASSI INSATURI LIPIDI ACIDI GRASSI SATURI ACIDI GRASSI INSATURI TRIGLICERIDI TRIGLICERIDI Grassi neutri o lipidi semplici glicerolo + 1 acido grasso monogliceride glicerolo + 2 acidi grassi digliceride glicerolo + 3

Dettagli

PROGRAMMA DI CHIMICA E SCIENZE DELLA TERRA CLASSE V SEZ. D. Liceo A. Labriola a.s. 2015/2016

PROGRAMMA DI CHIMICA E SCIENZE DELLA TERRA CLASSE V SEZ. D. Liceo A. Labriola a.s. 2015/2016 PROGRAMMA DI CHIMICA E SCIENZE DELLA TERRA CLASSE V SEZ. D Liceo A. Labriola a.s. 2015/2016 CHIMICA: Testo in adozione: J. E. Brady, F. Senese, N. Taddei, H. Kreuzer, A. Massey Dal carbonio al biotech.

Dettagli