IL PATTO DEI SINDACI: PERCORSO E STRUMENTI Impegni ed opportunità per una Comunità Locale Portoferraio 21 Marzo Giovanna Rossi, Roberto Bianco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PATTO DEI SINDACI: PERCORSO E STRUMENTI Impegni ed opportunità per una Comunità Locale Portoferraio 21 Marzo 2012. Giovanna Rossi, Roberto Bianco"

Transcript

1 IL PATTO DEI SINDACI: PERCORSO E STRUMENTI Impegni ed opportunità per una Comunità Locale Portoferraio 21 Marzo 2012 Giovanna Rossi, Roberto Bianco 1

2 INDICE: 1. Il Piano clima: il contesto europeo 1. Il Processo: attivazione, redazione, monitoraggio (implementazione delle azioni) 2. Isola d Elba: Prima Isola Italiana ad emissioni zero 1. Gli strumenti: Un alleanza pubblico privato per lo sviluppo delle azioni del PAES Il Progetto L.A.C.R.e 2

3 Il Piano Clima: il contesto europeo Pacchetto clima EU Il 29 gennaio 2008 la Commissione Europea ha lanciato il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) un iniziativa per coinvolgere attivamente le cittàeuropee nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale Questa iniziativa, su base volontaria, impegna le cittàeuropee a predisporre un Piano di Azione con l obiettivo di ridurre di oltre il 20% le proprie emissioni di gas serra attraverso politiche e misure locali che aumentino il ricorso alle fonti di energia rinnovabili, che migliorino l efficienza energetica e attuino programmi ad hoc sul risparmio energetico e l uso razionale dell Energia In Europa hanno aderito città(dato del 20/03/2012) In Italia hanno aderito finora comuni In Provincia di Livorno ha aderito solo 1 Comune (Marciana M.na) 3

4 Che cosa prevede il Patto dei sindaci: gli step principali 4

5 Come aderire: i primi step L iniziativa del Patto dei Sindaci viene presentata al Consiglio Comunale o ad un autorità decisionale equivalente; Il Consiglio Comunale adotta formalmente il Patto dei Sindaci e delega il Sindaco (o un altro rappresentante del Consiglio stesso) alla firma del modulo di adesione; Il Consiglio Comunale informa la Commissione in merito alla propria decisione inviando un alla casella di posta elettronica dell Ufficio del Patto dei Sindaci (www.eumayors.eu); Il Consiglio Comunale riceve conferma tramite , con le informazioni sulle fasi successive. 5

6 E dopo aver aderito? OUTPUT TEMPI L inventario delle Emissioni di gas serra del COMUNE (Baseline Emssion Inventory) Il Piano per l energia sostenibile approvato dal Consiglio Comunale (SEAP) Template da spedire dal sito del Patto Entro un anno dalla sottoscrizione del Patto Report di implementazione del Piano (Action Report) Monitoraggio dell inventario delle emissioni(monitoring Emission Inventory) Ogni due anni dopo l invio del SEAP 6 6

7 Che cos è il PAES Le cittàche hanno ratificato il Patto dei Sindaci, si impegnano a presentare, entro l anno successivo alla ratifica, il proprio Piano di Azione per l Energia Sostenibile (PAES), approvato dal Consiglio Comunale Il PAES delinea le politiche e le misure che la cittàintende realizzare per il raggiungimento degli obiettivi del Patto in termini di riduzionedelle emissioni di CO 2 entro il 2020 almeno il 20% di riduzione delle emissioni. il Template per redigere il PAES L AMBITO E I TEMPI DEL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Gli impegni del Patto riguardano l intera area geografica della città/regione, il Piano di Azione per l Energia Sostenibile deve includere azioni concernenti sia il settore pubblico che quello privato IL MONITORAGGIO Nei SEAP devono essere specificate le misure e gli indicatori previsti per monitorare i risultati sia in termini di misure attuate che di riduzione di CO2. L attuazione dei SEAP sarà monitorata regolarmente (con cadenza biennale). 7

8 Le opportunità dell adesione al Patto dei Sindaci Possibilitàdi accedere a fondi di finanziamento EU finalizzati esclusivamente ai membri del Patto dei Sindaci Possibilitàdi integrare le politiche giàin essere nel Comune in un ottica di sinergia con la campagna EU (Bilancio di sostenibilità, Piano Energetico ecc.) Possibilità di fare parte di un network europeo 8

9 Il percorso del Patto dei Sindaci FASE STEP A. Attivazione Commitment e firma del Patto Adattamento delle strutture amministrative della città Sviluppo del supporto degli stakeholders B. Pianificazione Valutazione della situazione attuale Definizione della visione di lungo periodo Redazione del Piano Approvazione del Piano C. Implementazione Implementazione delle azioni inserite nel piano D. Monitoraggio e reporting Monitoraggio Invio del report sull implementazione del Piano Review 9

10 A. ATTIVAZIONE COMMITMENT E FIRMA DEL PATTO 1. Per assicurare il successo dell intero processo di redazione e implementazione del PAES èfondamentale che ci sia un forte supporto da parte dei rappresentanti politici a livello della città 2. I decisori chiave del Comune devono predisporre le giuste risorse finanziarie e umane con un mandato adeguato e tempo sufficiente per redigere ed attuare il PAES 3. E essenziale che essi siano direttamente coinvolti nella elaborazione del PAES e che ci sia un filo diretto fra tecnici e politici. 10

11 A. ATTIVAZIONE ADATTAMENTO STRUTTURE AMMINISTRATIVE La realizzazione del PAES èun processo impegnativo sia a livello di risorse economiche che umane e per questo deve essere pianificato e gestito in modo adeguato. E particolarmente importante il coordinamento fra i vari settoricome ad esempio: o Settore ambiente o Settore urbanistica o Settore sviluppo economico o Settore mobilitàecc. Una chiara struttura organizzativa e una chiara divisione delle responsabilità è un prerequisito per attuare con successo il SEAP 11

12 A. ATTIVAZIONE SVILUPPO DEL SUPPORTO DEGLI STAKEHOLDERS Tutti i membri della societàhanno un ruolo chiave nella gestione dei problemi che derivano dal consumo di energia e nella lotta al cambiamento climatico Autorità locali e società civile devono quindi stabilire una comune visione per il futuro, devono definire un percorso che permetta a questa visione di realizzarsi e investire in modo adeguato con risorse finanziare ed economiche 12

13 B. PIANIFICAZIONE VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ATTUALE La valutazione della situazione attuale è formata da diversi step: 1.Analisi della legislazione rilevante in materia energetica o di cambiamento climatico 2.La redazione di una Baseline Review e del Baseline Emission Inventory 3.L analisi SWOT del Comune Il Baseline Emission Inventory: BEI E l inventario iniziale delle emissioni di CO 2 della città che identifica i settori maggiormente responsabili delle emissioni di CO 2 del territorio sui quali è necessario intervenire 13

14 INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI (Baseline Emission Inventory) L inventario di Base delle Emissioni ha origine dal Bilancio di Energia Primaria: [TEP] Civile Trasporti Agricoltura Industria Produzione energia elettrica Totale Combustibili solidi 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Prodotti petroliferi 341, ,8 48,7 11,2 0, ,8 Gas 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Fonti rinnovabili 2,2 0,0 0,0 0,0 2,4 4,6 Totale consumo energetico primario 343, ,8 48,7 11,2 2, ,4 TEP: Tonnellate Equivalenti di Petrolio 14

15 INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI un esempio CO 2 emissions [t] Category Electricity Heat cold Natural gas Liquid gas Heating oil Fossil Fuels Diesel Gasoline Lignite Coal Other fossil fuels Plant oil Biofuel Renewable Other biomass Solar thermal Geothermal Total BUILDINGS, EQUIPMENT / FACILITIES & INDUSTRIES Municipal buildings, equipment/facilities 0,0 0,0 0,0 45,1 5,4 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 50,4 Tertiary (non municipal) buildings, equipment/facilities 0,0 0,0 0,0 137,8 167,5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 305,3 Residential buildings 0,0 0,0 0,0 335,6 548,6 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 884,2 Municipal public lighting 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Industries (excluding industries involved in the EU Emission trading scheme - ETS) 0,0 0,0 0,0 0,0 35,9 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 35,9 Subtotal 0,0 0,0 0,0 518,5 757,4 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 1275,9 TRASPORT Municipal fleet 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 4,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 4,0 Public trasport 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Private and commercial trasport 0,0 0,0 0,0 63,5 0,0 3255,3 1379,5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 4698,2 Subtotal 0,0 0,0 0,0 63,5 0,0 3255,3 1383,5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 4702,2 OTHER Waste management Water management please specify Subtotal 0,0 TOTAL 0,0 0,0 0,0 582,0 757,4 3255,3 1383,5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 5978,1 15

16 B. PIANIFICAZIONE DEFINIZIONE DELLA VISIONE DI LUNGO PERIODO La visione di lungo periodo E importante stabilire una visione di lungo periodo che guidi la cittàverso gli obiettivi del Patto dei sindaci al La visione di lungo periodo deve indicare la direzione verso cuil autoritàlocale si vuole muovere. La visione deve essere in linea con gli impegni presi con il Patto dei Sindaci (almeno 20% di riduzioni di CO 2 al 2020), ma può essere anche piùambiziosa di così, molte cittàinfatti hanno giàpianificato di diventare carbon neutral nel lungo periodo. E importante definire obiettivi e target in modo chiaro 16

17 B. PIANIFICAZIONE REDAZIONE DEL PIANO La redazione del PAES èil momento cruciale di tutto il processo poichéèin questa fase che vengono definite le politiche e le misure che permetteranno di raggiungere gli obiettivi che sono stati precedentemente determinati. Gli step raccomandati per redigere il PAES: o Raccogliere le best practice o Definire delle priorità e selezionare azioni chiave e misure o Predisporre un analisi dei rischi o Specificare tempi, responsabilità, budget e risorse finanziarie per ogni azione oredigere una bozza del piano di azione oapprovare il piano e il budget ad esso associato oorganizzare delle review del PAES ad intervalli regolari Le linee guida individuano degli esempi di policies per i seguenti settori: oedifici otrasporti o Energie rinnovabili e generazione distribuita di energia oacquisti o Pianificazione urbanistica o Tecnologie informatiche 17

18 B. PIANIFICAZIONE APPROVAZIONE DEL PIANO La redazione del piano èseguita dall approvazioneche deve essere fatta dal Consiglio Municipale o da un organo ad esso equivalente. Il PAES deve essere poi inviato al referente della commissione EU per verifica e approvazione finale 18

19 C. IMPLEMENTAZIONE IMPLEMENTAZIONE DELLE AZIONI INSERITE NEL PIANO L implementazione èsicuramente la fase che richiede il maggior investimento di tempo, impegno e finanze. In questa fase èfondamentale avere un buon sistema di comunicazione sia interno che verso l esterno dell Amministrazione 19

20 D. MONITORAGGIO E REPORTING Il monitoraggio èuna parte fondamentale del processo che porta all attuazione del PAES; Un monitoraggio a scadenza regolare seguito da un adeguato adattamento del piano permette di avere un continuo miglioramento del processo di implementazione, esso include: Monitoraggio Reporting e invio dell implementation report Review del Piano I firmatari del Patto dei Sindaci si impegnano ad inviare un implementation report ogni due anni dopo l approvazione del piano per valutazione, monitoraggio e verifica ; Specifiche linee guida su monitoraggio e reporting verranno pubblicate dalla Commissione Europea a breve. 20

21 La Provincia di Livorno aderisce al Patto dei Sindaci Alleati chiave per l Ufficio del Patto dei Sindaci sono i coordinatori nazionali e territoriali (organi pubblici nazionali i primi, Province e Regioni i secondi) La Provincia di Livorno ha aderito al Patto dei Sindaci (deliberazione G.P. 15/Febbraio 2012) in qualità di struttura di coordinamento e di supporto ai comuni del territorio provinciale ed ha attivato la procedura per il riconoscimento da parte della Commissione Europea 21

22 La Provincia di Livorno aderisce al Patto dei Sindaci FUNZIONE E RUOLO DEL COORDINATORE ATTRIBUITO ALLE PROVINCE DAL PATTO DEI SINDACI Promuovere la conoscenza del Patto dei Sindaci fra le città della loro area e fornire supporto e coordinamento a tutti i firmatari Fornire assistenza strategica e tecnica alle città che vogliono partecipare al Patto dei Sindaci ma che mancano delle risorse necessarie per preparare un Piano di Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Supportare l implementazione dei PAES e l organizzazione di eventi per sensibilizzare sul tema Comunicare alla Commissione Europea i risultati ottenuti e partecipare alla implementazione strategica del Patto 22

23 Isola d Elba Un Piano di Azione per la Sostenibilità Si propone ai Sindaci elbani di: Aderire al Patto dei Sindaci sottoscrivendo il patto Adottare un Piano sulla sostenibilità dell intero territorio a partire dall elaborazione del PAES dell Elba, con la collaborazione di EALP (Agenzia Energetica della Provincia di Livorno), o dei singoli Comuni Sviluppare una specifica linea di progetto denominata: Isola d Elba, la prima isola ad emissioni zero in riferimento al settore turistico 23

24 Isola d Elba Un Piano di Azione per la Sostenibilità Obiettivo strategico: Rendere sostenibile il turismo elbano perseguendo l obiettivo delle emissioni zero del settore per un territorio più attrattivo e quindi più competitivo 24

25 Isola d Elba Un Piano di Azione per la Sostenibilità La Provincia intende sostenere il progetto favorendo lo sviluppo di partnership pubblico-privato sulla scorta della progettualità, azione e strumenti elaborati nell ambito del progetto LIFE/L.A.C.Re Local Alliance for Climate Responsibility, progetto che ha visto 5 Associazioni di categoria e 13 imprese del territorio provinciale impegnarsi, in modo volontario, in azioni tese a diminuire le emissioni di co2 ed incrementare il potenziale di innovazione green dei servizi offerti. 25

26 Alcune informazioni sul progetto L.A.C.R.e 26

27 Beneficiari Provincia di Livorno (Coord) Provincia di Ferrara Associazione LA21 Italiane Impronta Etica Indica (external techincal assistance) 27

28 Durata 01/01/ /12/2010 Budget ,00 28

29 Obiettivi Contribuire alla lotta ai cambiamenti climatici attraverso la realizzazione di partnership pubblicoprivato che facendo perno sulla Responsabilità Sociale di Impresa promuovano strategie efficaci per sviluppare una «low carbon economy» locale. In particolare, aiutare le imprese che sottoscrivono la partnership a: Dichiarare un obiettivo di riduzione delle emissioni climalteranti Definire un piano di interventi ad hoc per raggiungere tali obiettivi Misurare i risultati ottenuti attraverso una metodologia comune Instaurare un percorso di accountability e trasparenza che permetta di comunicare alla comunitàlocale gli impegni assunti, i risultati ottenuti e i benefici ambientali prodotti per la comunità 29

30 L idea Una partnership tra pubblico e privato Persone e organizzazioni provenienti dal settore pubblico, privato e dalla società civile, che si impegnano volontariamente e reciprocamente in relazioni innovative per perseguire obiettivi comuni attraverso la messa in comune delle loro risorse e competenze (Copenaghen Centre) per la protezione del clima e la promozione della 30 economia a basso impatto

31 La climate responsability Esiste una condivisione delle responsabilitàdi protezione del sistema terreste e del clima tra tutti i soggetti, pubblici e privati. 31

32 Gli attori di una PPP CHI Settore Privato Settore Pubblico Settore nonprofit Cosa porta - Competenze, tecnologie e soluzioni - Conoscenze degli utilizzatori finali - Conoscenza del territorio - Finanziamenti - Facilitatore privato - Fiducia - Conoscenza dell ambito di intervento Cosa acquisisce (benefici) - Migliora la conoscenza del mercato - Rafforza i rapporti con gli stakeholder e la reputazione -Dissemina valori positivi tra i dipendenti - Potenzia il know-how - Realizza con efficienza ed efficacia le proprie politiche sociali - Conosce nuovi metodi di lavoro (riduce i tempi burocratici) - Migliora la conoscenza del territorio - Riceve un supporto economico - Recupera il proprio ruolo nella società civile - Implementa i propri programmi attraverso il sostegno economico e il supporto pubblico - Ottiene legittimazione della propria attività - Migliora la comunicazione interna ed esterna 32

33 La partnership: una situazione win-win Cosa porta Cosa acquisisce Privato Potenziale di intervento sulle emissioni Soluzioni e tecnologie Migliora la propria efficienza; Innova la propria offerta; Migliora la conoscenza del mercato; Potenzia il know-how; Rafforza i rapporti con gli stakeholder e la reputazione Pubblico Conoscenza del territorio Garanzia degli accordi Risorse Attiva un rapporto diretto con le aziende; Rafforza e innova il proprio ruolo Coinvolge direttamente il settore produttivo nell attuazione delle proprie politiche ambientali 33

34 La partnership pubblico-privato Promotori Aderenti

35 Gli strumenti della PPP: primo monitoraggio Azienda CF iniziale (tonnco2 eq) Potenziale di riduzione su CF iniziale Riduzione da monitoraggio (tonnco2 eq) Riduzione % su CF iniziale 1 27,70 73,2 % 20,1 72,5 % ,00 5,4 % 274,8 5,4 % ,00 6,7 % 0,5 0,01 % ,00 9,9 % 94,8 8 % 5 205, % 219,9 100 % 6 In corso In corso In corso In corso 7 180,00 In corso In corso In corso , ,80 2,5 % In corso In corso ,00 23,1 % 596,2 23,1 % ,00 1,7 % In corso In corso ,50 1,6 % 0,2 0,003 % ,50 29,3 % 24,8 4 % , ,7

36 Una sintesi dei risultati Carbon foot-print 2009 totale aziende LACRE Emissioni totali CO2 Provincia ton CO2 eq ton CO2 eq Emissioni CO2 Provincia 2010 escluse centrali termoelettriche ton CO2 eq % imprese Lacre su totale emissioni 1,3 % % imprese Lacre su emissioni totali escluse centrali termoelettriche 3,3 % Interventi ed impegni aziende Lacre nella riduzione della CO2 ( ) ton CO2 eq % riduzione delle emissioni di CO2 delle aziende Lacre rispetto al ,0 %

37 Obiettivo dell iniziativa della Provincia tramite l adesione al Patto dei Sindaci dell Elba elaborazione di un piano d Azione per lo sviluppo di progetti per risparmio energia e utilizzo fonti rinnovabili contenere i consumi di energia, sviluppare l uso delle fonti rinnovabili ed accrescere la sostenibilità ambientale dell Isola migliorare le performance ambientali delle attivitàturistiche (coinvolgimento di un certo numero di imprese nella definizione di un percorso volontario) favorire la sostenibilità del turismo e perseguire il risultato zero emissioni del settore accrescere la competitivitàdel territorio qualificando le attività(a partire dal turismo) dal punto di vista ambientale

38 GRAZIE PER L ATTENZIONE!! Giovanna Rossi Roberto Bianco

Il Patto dei sindaci contro i cambiamenti climatici:

Il Patto dei sindaci contro i cambiamenti climatici: Il Patto dei sindaci contro i cambiamenti climatici: Uscire dalla crisi investendo sul territorio Il Patto dei Sindaci e l e-book della Rete A21L della Toscana Aldo Nepi Regione Toscana DG Governo del

Dettagli

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno

Un progetto territoriale condiviso. Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno Il Piano di Azione Congiunto per l Energia sostenibile dell Isola d Elba Un progetto territoriale condiviso Giovanna Rossi Enrico Bartoletti Provincia di Livorno LA RISPOSTA DEL JRC 2 Gli Interventi previsti

Dettagli

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI Giovanni Vicentini La strategia europea al 2020 20% di fonti rinnovabili nei consumi energetici per usi finali 20% in meno (rispetto al livello tendenziale al 2020) nei consumi

Dettagli

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile.

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. C.C. n. 12 del 14/04/2010 Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. Il Sindaco-Presidente riferisce che: 1. nel novembre 2005 la Commissione Europea ha lanciato

Dettagli

Il Patto dei Sindaci: una grande opportunita' di cambiamento

Il Patto dei Sindaci: una grande opportunita' di cambiamento Provincia Autonoma di Bolzano, 20 marzo 2015 L'Alto Adige verso KlimaLand - 2 giornata dell'energia in Alto Adige Il Patto dei Sindaci: una grande opportunita' di cambiamento Paolo Zancanella European

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60. COMUNE DI CAMUGNANO (Provincia di Bologna) Adunanza straordinaria di prima convocazione Sessione pubblica

DELIBERAZIONE N. 60. COMUNE DI CAMUGNANO (Provincia di Bologna) Adunanza straordinaria di prima convocazione Sessione pubblica DELIBERAZIONE N. 60 COMUNE DI CAMUGNANO (Provincia di Bologna) Adunanza straordinaria di prima convocazione Sessione pubblica C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: ADESIONE

Dettagli

Procedura di adesione

Procedura di adesione Questa è la traduzione delle Domande più frequenti che potete trovare nella sua versione originale in lingua inglese all indirizzo: http://www.eumayors.eu/faq/index_it.htm Che cos è il Patto dei Sindaci?

Dettagli

COMUNE DI MEANA SARDO PROVlNClA DI NUORO

COMUNE DI MEANA SARDO PROVlNClA DI NUORO N. 02 Registro Generale delle Deliberazioni in seduta del 22.02.2013 Prot. Gen. N. 861 del 25.02.2013 COMUNE DI MEANA SARDO PROVlNClA DI NUORO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: PAES - ADESIONE

Dettagli

Il ruolo della Rete Nazionale delle. promozione del Patto dei Sindaci. Michele Macaluso Presidente RENAEL

Il ruolo della Rete Nazionale delle. promozione del Patto dei Sindaci. Michele Macaluso Presidente RENAEL Il ruolo della Rete Nazionale delle Agenzie per l Energia per la promozione del Patto dei Sindaci Michele Macaluso Presidente RENAEL IL TARGET 20 20-20 DELL UNIONE EUROPEA PREVEDE ENTRO IL 2020 DI ridurre

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici MAYORS ADAPT Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici Webinar, Pratiche di sostenibilità, 30 Aprile 2014 Karl-Ludwig Schibel, Alleanza per il Clima Italia Indice presentazione

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci

Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Le Linee Guida dei SEAP all interno del Patto dei Sindaci Congresso Internazionale Klimaenergy 2010 I SEAP Piani di Azione Energia Sostenibile. Rassegna di metodologie ed esperienze Bolzano, 23 settembre

Dettagli

P.A. in tema di rinnovabili. Franco Colombo Presidente CONFAPI Varese

P.A. in tema di rinnovabili. Franco Colombo Presidente CONFAPI Varese Sinergie i tra aziende private e P.A. in tema di rinnovabili Franco Colombo Presidente CONFAPI Varese La sfida industriale dell energia rinnovabile Tecnologie a basso impatto ambientale ancora poco competitive

Dettagli

WORKSHOP. Bilanci energetici e stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità (Milano, 17 Maggio 2010)

WORKSHOP. Bilanci energetici e stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità (Milano, 17 Maggio 2010) WORKSHOP Bilanci energetici e stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità (Milano, 17 Maggio 2010) Politiche di mitigazione dei cambiamenti climatici alla scala locale:

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

I comuni di fronte all energia

I comuni di fronte all energia I comuni di fronte all energia Ruolo, opportunità, strumenti Alessandro Rossi ANCI Emilia Romagna - Energia e innovazione alessandro.rossi@anci.emilia-romagna.it Rilevazione in corso http://energiaer.blogspot.com/

Dettagli

PAES. Relazione _ PAES. piano d azione per l energia sostenibile. comune di Casalbuttano ed Uniti Provincia di Cremona.

PAES. Relazione _ PAES. piano d azione per l energia sostenibile. comune di Casalbuttano ed Uniti Provincia di Cremona. comune di Casalbuttano ed Uniti Provincia di Cremona PAES piano d azione per l energia sostenibile Relazione _ PAES Febbraio 2013 Delibera di C.C. per l approvazione Estensori TERRARIA srl Via M. Gioia

Dettagli

Joint Research Center (JRC)

Joint Research Center (JRC) Milano 17 Maggio 1 Joint Research Center (JRC) Bilanci Energetici e Stima delle emissioni di gas serra alla scala locale: potenzialità e criticità Workshop Regione Lombardia Milano, 17 Maggio 2010 Linee

Dettagli

PAES PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

PAES PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CINTO CAOMAGGIORE PAES PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Committente Redazione Comune di Cinto Caomaggiore Piazza San Biagio n.1 30020 Cinto Caomaggiore

Dettagli

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade.

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. Cloros è una società certificata ISO 9001 e UNI CEI 11352, che ha

Dettagli

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme

This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Obiettivi dell incontro Il percorso Cosa è stato fatto Opportunità di visibilità

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

Relazione Introduttiva. FABRIZIO TOLLARI Osservatorio Green Economy Emilia-Romagna

Relazione Introduttiva. FABRIZIO TOLLARI Osservatorio Green Economy Emilia-Romagna Relazione Introduttiva FABRIZIO TOLLARI Osservatorio Green Economy Emilia-Romagna LOW CARBON ECONOMY EU ROADMAP 2050 Comunicazione 2011/112 Una tabella di marcia verso un economia competitiva a basse emissioni

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate.

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate. Piani d Azione per l Energia Sostenibile Aspetti tecnici ed operativi Trento, 15 maggio 2014 SalaBelli,PiazzaDanten.15 La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi:

Dettagli

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 3x3 buone ragioni per Emas Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 1 2 3 4 5 6 7 8 9 INDICE INTRODUZIONE 3X3 BUONE RAGIONI PER EMAS INTRODUZIONE pag. 1 EMAS

Dettagli

Rapporto Attività 2011

Rapporto Attività 2011 Rapporto Attività 2011 Via G. Marconi, 8 06012 Città di Castello (PG) Te. +39 075.8554321 Fax +39 075.8520429 coordinamento@climatealliance.it www.climatealliance.it www.bilancio-co2.it 2 Alleanza per

Dettagli

Il ruolo della cogenerazione nello scenario energetico italiano al 2020

Il ruolo della cogenerazione nello scenario energetico italiano al 2020 Il ruolo della cogenerazione nello scenario energetico italiano al 2020 Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo Sistemi Elettrici Cogenerazione 2012 L Italia e l Europa a confronto Milano, 14

Dettagli

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Contesto di riferimento Framework Lo standard

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

Enti Locali Resilienti: La normativa UE 20-20-20 e Roadmap 2050. Elaborazione a cura di: Piero Pelizzaro Kyoto Club 1

Enti Locali Resilienti: La normativa UE 20-20-20 e Roadmap 2050. Elaborazione a cura di: Piero Pelizzaro Kyoto Club 1 Enti Locali Resilienti: La normativa UE 20-20-20 e Roadmap 2050 Elaborazione a cura di: Piero Pelizzaro Kyoto Club 1 Negli ultimi anni diversi comuni hanno sperimentato attività volte alla riduzione delle

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

ATLANTE DELLE ENERGIE RINNOVABILI ALTA UMBRIA

ATLANTE DELLE ENERGIE RINNOVABILI ALTA UMBRIA Presentazione del volume ATLANTE DELLE ENERGIE RINNOVABILI ALTA UMBRIA La campagna Energia sostenibile per l Europa (SEE) e il Patto dei Sindaci (Perugia, 18 Gennaio 2010 ) Antonio Lumicisi Ministero dell

Dettagli

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE *** COPIA *** numero 20 del 27-09-2011 SEDUTA: ORDINARIA- CONVOCAZIONE:PRIMA OGGETTO: ADESIONE DEL COMUNE DI SALA CONSILINA

Dettagli

L importanza dell efficienza energetica per l industria

L importanza dell efficienza energetica per l industria L importanza dell efficienza energetica per l industria Massimo Di Domenico Responsabile Unità Energia Assolombarda Sesto San Giovanni, 26 marzo 2015 Copyright 2015 Assolombarda L evoluzione normativa

Dettagli

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile Paolo Fabbri Alberto Rossini Il Patto dei Sindaci L Unione Europea guida la lotta contro il cambiamento climatico e

Dettagli

Il marchio di sostenibilità ambientale

Il marchio di sostenibilità ambientale Giunta Regionale Direzione Programmazione, innovazione e competitività dell'umbria Ambito di coordinamento: Imprese e lavoro Servizio Politiche per il credito e Internazionalizzazione delle imprese Il

Dettagli

Roberto Pelosi Fondazione Sviluppo Sostenibile

Roberto Pelosi Fondazione Sviluppo Sostenibile Roberto Pelosi Fondazione Sviluppo Sostenibile BUSINESS IS A RISKY BUSINESS Vita media delle imprese: 12,5 anni Vita media delle organizzazioni multinazionali: 45 anni 90% delle aziende non sono in grado

Dettagli

La progettazione delle azioni nel SEAP

La progettazione delle azioni nel SEAP La progettazione delle azioni nel SEAP Modelli per costruire un Piano d Azione per l Energia Sostenibile Napoli 4-5 Dicembre 2013 Ing. Michele Macaluso Direttore ANEA Il target 20 20-20 dell Unione Europea

Dettagli

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Sviluppo di capacità di gestione integrata per un azione locale efficace nella lotta ai cambiamenti climatici SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Il piano di azione

Dettagli

BEI Baseline Emission Inventory Bilancio di energia e CO2

BEI Baseline Emission Inventory Bilancio di energia e CO2 Comune di Narni BEI Baseline Emission Inventory Bilancio di energia e CO2 Allegato I - Fattori di Emissione in ECORegion Elaborazione Fattori di Emissione in ECORegion confronto con le linee guida per

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI VILLA Provincia di Como GUARDIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 21 del registro delle deliberazioni Codice ISTAT: 013245 OGGETTO: Approvazione Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Dettagli

Incontro di progeazione Programma Life 2014-2020. Ancona, 15 settembre 2014

Incontro di progeazione Programma Life 2014-2020. Ancona, 15 settembre 2014 Incontro di progeazione Programma Life 2014-2020 Ancona, 15 settembre 2014 Il Programma Life 2014-2020 Il Programma per l ambiente e l azione per il clima (2014-2020) persegue gli obiettivi di contribuire

Dettagli

Il Patto dei Sindaci: il ruolo della Commissione Europea -Centro

Il Patto dei Sindaci: il ruolo della Commissione Europea -Centro Il Patto dei Sindaci: il ruolo della Commissione Europea -Centro Comune di Ricerca Giulia Melica Commissione Europea Centro Comune di Ricerca (CCR) 1 Indice 1.Alcuni dati sull iniziativa 2.Il ruolo del

Dettagli

L anno il giorno ( ) del mese di, TRA

L anno il giorno ( ) del mese di, TRA CONVENZIONE DI INCARICO PROFESSIONALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI REDAZIONE DEL SEAP (Sustainable Energy Action Plan)- PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI L anno il giorno ( )

Dettagli

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013 AZIENDE ED EMISSIONI DI C0 2 EcoWay - primo operatore italiano attivo nella gestione e nel trading dei certificati di CO 2 - presenta il Report emissioni 2013 1 di gas serra delle aziende italiane sottoposte

Dettagli

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA PERCORSI PER UN COMUNE ILLUMINATO L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PATTO DEI SINDACI, IL PROGETTO ENEA LUMIERE, LE ESCO, E TANTO ALTRO ANCORA Spendiamo

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

L esperienza del Comune di Reggio Emilia

L esperienza del Comune di Reggio Emilia Convegno di presentazione IL PATTO DEI SINDACI PER I COMUNI DELL UNIONE VAL D ENZA L esperienza del Comune di Reggio Emilia Montecchio, 16 febbraio 2013 I firmatari del Patto si impegnano a ridurre di

Dettagli

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012 TORINOSMARTCITY DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY: IL PERCORSO DELLA CITTA DI TORINO ROMA - 9 Febbraio 2012 1 LE TAPPE 29 gennaio 2008 nell ambito della seconda edizione della Settimana Europea dell energia

Dettagli

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA COMUNE DI GIULIANOVA METHODOLOGY FOR THE DEFINITION OF THE BASELINE EMISSION INVENTORY OF THE MUNICIPALITY

Dettagli

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Sebastiano Serra Ministero dell Ambiente della tutela del

Dettagli

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi Politiche energetiche e Comuni Maurizio Mangialardi 1 L eccellenza del nostro territorio marchigiano è fatta di sapiente equilibrio tra la sua crescita, la necessaria innovazione, e la curadel suo prezioso

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: LAVENO MOMBELLO ANGERA, BESOZZO, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, CADREZZATE, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la

Dettagli

Benefici sui cambiamenti climatici, l efficienza energetica e le emissioni

Benefici sui cambiamenti climatici, l efficienza energetica e le emissioni Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Conto termico e titoli di efficienza energetica per le biomasse Benefici sui cambiamenti climatici, l efficienza energetica e le emissioni

Dettagli

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari La riqualificazione energetica del patrimonio edilizio L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari Edo Ronchi Presidente della

Dettagli

I RISULTATI DEL PROGETTO Strategie di gestione integrata per la lotta al cambiamento climatico

I RISULTATI DEL PROGETTO Strategie di gestione integrata per la lotta al cambiamento climatico I RISULTATI DEL PROGETTO Strategie di gestione integrata per la lotta al cambiamento climatico Marzio Marzorati Coordinamento Agende 21 locali italiane Orsola Bolognani - Ambiente Italia Rimini, 10 novembre

Dettagli

Comune di Dolceacqua. SEAP Sustainable Energy Action Plan Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Comune di Dolceacqua. SEAP Sustainable Energy Action Plan Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Dolceacqua SEAP Sustainable Energy Action Plan Piano d Azione per l Energia Sostenibile Coordinamento Sindaco Fulvio Gazzola Responsabile Ufficio Tecnico Arch. Davide Gibelli Consulente Arch.

Dettagli

La responsabilità sociale d impresa in pillole

La responsabilità sociale d impresa in pillole La responsabilità sociale d impresa in pillole Contenuti - RSI: definizione ed evoluzione storica - RSI: da teoria a prassi d impresa - RSI: i benefici e gli strumenti 2 La definizione UE di RSI La responsabilità

Dettagli

PIANO di AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (SEAP)

PIANO di AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (SEAP) AGENZIA PER L ENERGIA LO SVILUPPO SOSTENIBILE di Modena A.E.S.S. Via Razzaboni, 80 41122 Modena Tel. 059-451207 Fax 059-3161939 P.Iva/Cod.Fisc. 02574910366 E-mail: info@aess-modena.it Web: www.aess-modena.it

Dettagli

Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica.

Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica. Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica. La figura dell Energy Manager (EM) è stata introdotta con la Legge 10/91. L articolo 19 dispone infatti la nomina annuale di un tecnico responsabile

Dettagli

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi Empowerment delle Pubbliche Amministrazioni nella gestione e nell utilizzo di Strumenti innovativi e di ingegneria finanziaria per lo sviluppo economico locale Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie,

Dettagli

PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Linee Guida Novembre 2010

PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Linee Guida Novembre 2010 PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Linee Guida Novembre 2010 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community Partnership locale per la protezione del clima

Dettagli

legate al Piano Energetico Europeo

legate al Piano Energetico Europeo Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali UNIVERSITA DI BOLOGNA Nuove prospettive e responsabilità locali legate al Piano Energetico Europeo Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna

Dettagli

URBACT III e il ruolo delle città per lo sviluppo urbano sostenibile in Europa

URBACT III e il ruolo delle città per lo sviluppo urbano sostenibile in Europa URBACT III e il ruolo delle città per lo sviluppo urbano sostenibile in Europa Il programma URBACT III Obiettivi e attività Aree tematiche 3 Tipi di network Beneficiari Come partecipare Calendario previsto

Dettagli

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Con il patrocinio

Dettagli

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY Territorio Energia Ambiente Comune di Conegliano WP 5.1.1 BEI - Baseline Emission Inventory Programma Central Europe - Progetto MANERGY renewable energy sources WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory -

Dettagli

le strutture di supporto trasformano il patto in realtà Per tutti i comuni www.eumayors.eu 1

le strutture di supporto trasformano il patto in realtà Per tutti i comuni www.eumayors.eu 1 le strutture di supporto trasformano il patto in realtà Per tutti i comuni www.eumayors.eu 1 INDICE Pubblicazione diretta da l Ufficio del Patto dei Sindaci. E gestita da un consorzio di governi locali

Dettagli

Risultati del bando Promuovere la sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi Presentazione della Banca Dati PAES

Risultati del bando Promuovere la sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi Presentazione della Banca Dati PAES Risultati del bando Promuovere la sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi Presentazione della Banca Dati PAES Elena Jachia Direttore Area Ambiente Fondazione Cariplo Milano, 24 novembre 2010

Dettagli

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità 1 Bologna, 4 maggio 2012 Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità UNCEM Green Communities Cofinanziamento: Produzione: 2 Obiettivi Generali di progetto Promuovere lo sviluppo sostenibile come

Dettagli

Comunicazione e partecipazione: elementi strategici per lo sviluppo sostenibile locale.

Comunicazione e partecipazione: elementi strategici per lo sviluppo sostenibile locale. Comunicazione e partecipazione: elementi strategici per lo sviluppo sostenibile locale. Provincia Energia: il progetto strategico della Provincia di Genova Provincia Energia è lo strumento con cui la Provincia

Dettagli

L'esperienza del Comune di Vicenza nella stesura del PAES, tra conurbazione ed aree industriali

L'esperienza del Comune di Vicenza nella stesura del PAES, tra conurbazione ed aree industriali L'esperienza del Comune di Vicenza nella stesura del PAES, tra conurbazione ed aree industriali UnionCamere del Veneto Giornata delle Energie Rinnovabili GBE Factory: edifici industriali e commerciali

Dettagli

Crescita sostenibile e intelligente

Crescita sostenibile e intelligente Crescita sostenibile e intelligente per lo sviluppo locale Per la realizzazione di questo documento sono state utilizzate immagini di: Archivio Parlamento europeo Avete un tesoro verde. Approfittatene.

Dettagli

Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE Provincia di Torino Città di Orbassano VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 59 OGGETTO: CONVENZIONE PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI RAPPORTI RECIPROCI TRA LA PROVINCIA DI TORINO E IL

Dettagli

DELIBERA C.C. N. 49 DEL 25.06.2013. Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale SESSIONE ORDINARIA SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE

DELIBERA C.C. N. 49 DEL 25.06.2013. Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale SESSIONE ORDINARIA SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE ORIGINALE COMUNE DI ALBINEA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA DELIBERAZIONE N. 49 Data deliberazione 25.06.2013 Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale SESSIONE ORDINARIA SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE

Dettagli

I lavori preparatori all inventario delle emissioni provinciali

I lavori preparatori all inventario delle emissioni provinciali PIANO DI AZIONE AMBIENTALE PER UN FUTURO SOSTENIBILE 2008/2010: PIANI "CLIMA LOCALE" I lavori preparatori all inventario delle emissioni provinciali Fiera Ecomondo 11 novembre 2011 Dott.ssa Claudia Ozzi

Dettagli

Bilancio Sociale 2013

Bilancio Sociale 2013 Bilancio Sociale 2013 Allegato Ambiente & Energy Management Colophon Coordinamento: Valentina Cicinelli Editing: Linda Patumi Grafica: Marco Binelli, Tadzio Malvezzi Foto: ActionAid, G.M.B. Akash/Panos/ActionAid,

Dettagli

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE

LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE LA CARTA DEI PRINCIPI PER LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: CONTESTO ED OBIETTIVI DELL INIZIATIVA CONFEDERALE Annalisa Oddone, Confindustria Confindustria Sardegna Meridionale 12 giugno 2012 CARTA DEI PRINCIPI

Dettagli

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali

Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Piccole comunità sostenibili per l energia: best practices e modelli di sviluppo locali Workshop rivolto ai Comuni beneficiari del progetto Alterenergy Udine, 30 maggio 2013 Sala Pasolini Silvia Stefanelli,

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

La riqualificazione energetica nello scenario normativo europeo

La riqualificazione energetica nello scenario normativo europeo Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali UNIVERSITA DI BOLOGNA La riqualificazione energetica nello scenario normativo europeo Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Comune di Ferrara. Progetto PRO-EE. Work Package 3 Joint Procurement Schemes

Comune di Ferrara. Progetto PRO-EE. Work Package 3 Joint Procurement Schemes Comune di Ferrara Progetto PRO-EE Work Package 3 Joint Procurement Schemes Sintesi delle principali tipologie di joint procurement e delle possibili forme di finanziamento Cremona, 10 ottobre 2008 Forum

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Materiali didattici «Smart City» FIRENZE SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Materiali didattici «Smart City» FIRENZE SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Materiali didattici «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento INTRODUZIONE Firenze conquista la terza posizione grazie in particolare all ottima performance in termini di governance e una forte

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Progetto europeo AlpBC

Progetto europeo AlpBC Progetto europeo AlpBC Alpine Building Culture Raccomandazioni e Linee guida per la pianificazione energetica a scala comunale e intercomunale COA energia di Finaosta S.p.A. in collaborazione con Sistema

Dettagli

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Daniela Luise Padova Verifica dello stato di avanzamento delle iniziative in corso di realizzazione e programma delle attività per il 2008 Rimini, 6 giugno 2008

Dettagli

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Maria Rosa Virdis ENEA - Unità Centrale Studi e Strategie Università Bocconi - Milano, 5 Dicembre 2012 1 SOMMARIO Le attività

Dettagli

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Regione Liguria Dipartimento Ambiente Patrizia Costi Settore aria clima e ciclo integrato dei rifiuti INDICE Accesso alle informazioni

Dettagli

Patto dei sindaci. Comune di Genova. Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Milano, 28 Novembre 2011

Patto dei sindaci. Comune di Genova. Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Milano, 28 Novembre 2011 Patto dei sindaci Comune di Genova Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Milano, 28 Novembre 2011 Dati caratteristici della città di Genova Superficie città Superficie urbanizzata

Dettagli