IL PATTO DEI SINDACI: PERCORSO E STRUMENTI Impegni ed opportunità per una Comunità Locale Portoferraio 21 Marzo Giovanna Rossi, Roberto Bianco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PATTO DEI SINDACI: PERCORSO E STRUMENTI Impegni ed opportunità per una Comunità Locale Portoferraio 21 Marzo 2012. Giovanna Rossi, Roberto Bianco"

Transcript

1 IL PATTO DEI SINDACI: PERCORSO E STRUMENTI Impegni ed opportunità per una Comunità Locale Portoferraio 21 Marzo 2012 Giovanna Rossi, Roberto Bianco 1

2 INDICE: 1. Il Piano clima: il contesto europeo 1. Il Processo: attivazione, redazione, monitoraggio (implementazione delle azioni) 2. Isola d Elba: Prima Isola Italiana ad emissioni zero 1. Gli strumenti: Un alleanza pubblico privato per lo sviluppo delle azioni del PAES Il Progetto L.A.C.R.e 2

3 Il Piano Clima: il contesto europeo Pacchetto clima EU Il 29 gennaio 2008 la Commissione Europea ha lanciato il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) un iniziativa per coinvolgere attivamente le cittàeuropee nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale Questa iniziativa, su base volontaria, impegna le cittàeuropee a predisporre un Piano di Azione con l obiettivo di ridurre di oltre il 20% le proprie emissioni di gas serra attraverso politiche e misure locali che aumentino il ricorso alle fonti di energia rinnovabili, che migliorino l efficienza energetica e attuino programmi ad hoc sul risparmio energetico e l uso razionale dell Energia In Europa hanno aderito città(dato del 20/03/2012) In Italia hanno aderito finora comuni In Provincia di Livorno ha aderito solo 1 Comune (Marciana M.na) 3

4 Che cosa prevede il Patto dei sindaci: gli step principali 4

5 Come aderire: i primi step L iniziativa del Patto dei Sindaci viene presentata al Consiglio Comunale o ad un autorità decisionale equivalente; Il Consiglio Comunale adotta formalmente il Patto dei Sindaci e delega il Sindaco (o un altro rappresentante del Consiglio stesso) alla firma del modulo di adesione; Il Consiglio Comunale informa la Commissione in merito alla propria decisione inviando un alla casella di posta elettronica dell Ufficio del Patto dei Sindaci (www.eumayors.eu); Il Consiglio Comunale riceve conferma tramite , con le informazioni sulle fasi successive. 5

6 E dopo aver aderito? OUTPUT TEMPI L inventario delle Emissioni di gas serra del COMUNE (Baseline Emssion Inventory) Il Piano per l energia sostenibile approvato dal Consiglio Comunale (SEAP) Template da spedire dal sito del Patto Entro un anno dalla sottoscrizione del Patto Report di implementazione del Piano (Action Report) Monitoraggio dell inventario delle emissioni(monitoring Emission Inventory) Ogni due anni dopo l invio del SEAP 6 6

7 Che cos è il PAES Le cittàche hanno ratificato il Patto dei Sindaci, si impegnano a presentare, entro l anno successivo alla ratifica, il proprio Piano di Azione per l Energia Sostenibile (PAES), approvato dal Consiglio Comunale Il PAES delinea le politiche e le misure che la cittàintende realizzare per il raggiungimento degli obiettivi del Patto in termini di riduzionedelle emissioni di CO 2 entro il 2020 almeno il 20% di riduzione delle emissioni. il Template per redigere il PAES L AMBITO E I TEMPI DEL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Gli impegni del Patto riguardano l intera area geografica della città/regione, il Piano di Azione per l Energia Sostenibile deve includere azioni concernenti sia il settore pubblico che quello privato IL MONITORAGGIO Nei SEAP devono essere specificate le misure e gli indicatori previsti per monitorare i risultati sia in termini di misure attuate che di riduzione di CO2. L attuazione dei SEAP sarà monitorata regolarmente (con cadenza biennale). 7

8 Le opportunità dell adesione al Patto dei Sindaci Possibilitàdi accedere a fondi di finanziamento EU finalizzati esclusivamente ai membri del Patto dei Sindaci Possibilitàdi integrare le politiche giàin essere nel Comune in un ottica di sinergia con la campagna EU (Bilancio di sostenibilità, Piano Energetico ecc.) Possibilità di fare parte di un network europeo 8

9 Il percorso del Patto dei Sindaci FASE STEP A. Attivazione Commitment e firma del Patto Adattamento delle strutture amministrative della città Sviluppo del supporto degli stakeholders B. Pianificazione Valutazione della situazione attuale Definizione della visione di lungo periodo Redazione del Piano Approvazione del Piano C. Implementazione Implementazione delle azioni inserite nel piano D. Monitoraggio e reporting Monitoraggio Invio del report sull implementazione del Piano Review 9

10 A. ATTIVAZIONE COMMITMENT E FIRMA DEL PATTO 1. Per assicurare il successo dell intero processo di redazione e implementazione del PAES èfondamentale che ci sia un forte supporto da parte dei rappresentanti politici a livello della città 2. I decisori chiave del Comune devono predisporre le giuste risorse finanziarie e umane con un mandato adeguato e tempo sufficiente per redigere ed attuare il PAES 3. E essenziale che essi siano direttamente coinvolti nella elaborazione del PAES e che ci sia un filo diretto fra tecnici e politici. 10

11 A. ATTIVAZIONE ADATTAMENTO STRUTTURE AMMINISTRATIVE La realizzazione del PAES èun processo impegnativo sia a livello di risorse economiche che umane e per questo deve essere pianificato e gestito in modo adeguato. E particolarmente importante il coordinamento fra i vari settoricome ad esempio: o Settore ambiente o Settore urbanistica o Settore sviluppo economico o Settore mobilitàecc. Una chiara struttura organizzativa e una chiara divisione delle responsabilità è un prerequisito per attuare con successo il SEAP 11

12 A. ATTIVAZIONE SVILUPPO DEL SUPPORTO DEGLI STAKEHOLDERS Tutti i membri della societàhanno un ruolo chiave nella gestione dei problemi che derivano dal consumo di energia e nella lotta al cambiamento climatico Autorità locali e società civile devono quindi stabilire una comune visione per il futuro, devono definire un percorso che permetta a questa visione di realizzarsi e investire in modo adeguato con risorse finanziare ed economiche 12

13 B. PIANIFICAZIONE VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ATTUALE La valutazione della situazione attuale è formata da diversi step: 1.Analisi della legislazione rilevante in materia energetica o di cambiamento climatico 2.La redazione di una Baseline Review e del Baseline Emission Inventory 3.L analisi SWOT del Comune Il Baseline Emission Inventory: BEI E l inventario iniziale delle emissioni di CO 2 della città che identifica i settori maggiormente responsabili delle emissioni di CO 2 del territorio sui quali è necessario intervenire 13

14 INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI (Baseline Emission Inventory) L inventario di Base delle Emissioni ha origine dal Bilancio di Energia Primaria: [TEP] Civile Trasporti Agricoltura Industria Produzione energia elettrica Totale Combustibili solidi 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Prodotti petroliferi 341, ,8 48,7 11,2 0, ,8 Gas 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Fonti rinnovabili 2,2 0,0 0,0 0,0 2,4 4,6 Totale consumo energetico primario 343, ,8 48,7 11,2 2, ,4 TEP: Tonnellate Equivalenti di Petrolio 14

15 INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI un esempio CO 2 emissions [t] Category Electricity Heat cold Natural gas Liquid gas Heating oil Fossil Fuels Diesel Gasoline Lignite Coal Other fossil fuels Plant oil Biofuel Renewable Other biomass Solar thermal Geothermal Total BUILDINGS, EQUIPMENT / FACILITIES & INDUSTRIES Municipal buildings, equipment/facilities 0,0 0,0 0,0 45,1 5,4 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 50,4 Tertiary (non municipal) buildings, equipment/facilities 0,0 0,0 0,0 137,8 167,5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 305,3 Residential buildings 0,0 0,0 0,0 335,6 548,6 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 884,2 Municipal public lighting 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Industries (excluding industries involved in the EU Emission trading scheme - ETS) 0,0 0,0 0,0 0,0 35,9 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 35,9 Subtotal 0,0 0,0 0,0 518,5 757,4 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 1275,9 TRASPORT Municipal fleet 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 4,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 4,0 Public trasport 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 Private and commercial trasport 0,0 0,0 0,0 63,5 0,0 3255,3 1379,5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 4698,2 Subtotal 0,0 0,0 0,0 63,5 0,0 3255,3 1383,5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 4702,2 OTHER Waste management Water management please specify Subtotal 0,0 TOTAL 0,0 0,0 0,0 582,0 757,4 3255,3 1383,5 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 5978,1 15

16 B. PIANIFICAZIONE DEFINIZIONE DELLA VISIONE DI LUNGO PERIODO La visione di lungo periodo E importante stabilire una visione di lungo periodo che guidi la cittàverso gli obiettivi del Patto dei sindaci al La visione di lungo periodo deve indicare la direzione verso cuil autoritàlocale si vuole muovere. La visione deve essere in linea con gli impegni presi con il Patto dei Sindaci (almeno 20% di riduzioni di CO 2 al 2020), ma può essere anche piùambiziosa di così, molte cittàinfatti hanno giàpianificato di diventare carbon neutral nel lungo periodo. E importante definire obiettivi e target in modo chiaro 16

17 B. PIANIFICAZIONE REDAZIONE DEL PIANO La redazione del PAES èil momento cruciale di tutto il processo poichéèin questa fase che vengono definite le politiche e le misure che permetteranno di raggiungere gli obiettivi che sono stati precedentemente determinati. Gli step raccomandati per redigere il PAES: o Raccogliere le best practice o Definire delle priorità e selezionare azioni chiave e misure o Predisporre un analisi dei rischi o Specificare tempi, responsabilità, budget e risorse finanziarie per ogni azione oredigere una bozza del piano di azione oapprovare il piano e il budget ad esso associato oorganizzare delle review del PAES ad intervalli regolari Le linee guida individuano degli esempi di policies per i seguenti settori: oedifici otrasporti o Energie rinnovabili e generazione distribuita di energia oacquisti o Pianificazione urbanistica o Tecnologie informatiche 17

18 B. PIANIFICAZIONE APPROVAZIONE DEL PIANO La redazione del piano èseguita dall approvazioneche deve essere fatta dal Consiglio Municipale o da un organo ad esso equivalente. Il PAES deve essere poi inviato al referente della commissione EU per verifica e approvazione finale 18

19 C. IMPLEMENTAZIONE IMPLEMENTAZIONE DELLE AZIONI INSERITE NEL PIANO L implementazione èsicuramente la fase che richiede il maggior investimento di tempo, impegno e finanze. In questa fase èfondamentale avere un buon sistema di comunicazione sia interno che verso l esterno dell Amministrazione 19

20 D. MONITORAGGIO E REPORTING Il monitoraggio èuna parte fondamentale del processo che porta all attuazione del PAES; Un monitoraggio a scadenza regolare seguito da un adeguato adattamento del piano permette di avere un continuo miglioramento del processo di implementazione, esso include: Monitoraggio Reporting e invio dell implementation report Review del Piano I firmatari del Patto dei Sindaci si impegnano ad inviare un implementation report ogni due anni dopo l approvazione del piano per valutazione, monitoraggio e verifica ; Specifiche linee guida su monitoraggio e reporting verranno pubblicate dalla Commissione Europea a breve. 20

21 La Provincia di Livorno aderisce al Patto dei Sindaci Alleati chiave per l Ufficio del Patto dei Sindaci sono i coordinatori nazionali e territoriali (organi pubblici nazionali i primi, Province e Regioni i secondi) La Provincia di Livorno ha aderito al Patto dei Sindaci (deliberazione G.P. 15/Febbraio 2012) in qualità di struttura di coordinamento e di supporto ai comuni del territorio provinciale ed ha attivato la procedura per il riconoscimento da parte della Commissione Europea 21

22 La Provincia di Livorno aderisce al Patto dei Sindaci FUNZIONE E RUOLO DEL COORDINATORE ATTRIBUITO ALLE PROVINCE DAL PATTO DEI SINDACI Promuovere la conoscenza del Patto dei Sindaci fra le città della loro area e fornire supporto e coordinamento a tutti i firmatari Fornire assistenza strategica e tecnica alle città che vogliono partecipare al Patto dei Sindaci ma che mancano delle risorse necessarie per preparare un Piano di Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Supportare l implementazione dei PAES e l organizzazione di eventi per sensibilizzare sul tema Comunicare alla Commissione Europea i risultati ottenuti e partecipare alla implementazione strategica del Patto 22

23 Isola d Elba Un Piano di Azione per la Sostenibilità Si propone ai Sindaci elbani di: Aderire al Patto dei Sindaci sottoscrivendo il patto Adottare un Piano sulla sostenibilità dell intero territorio a partire dall elaborazione del PAES dell Elba, con la collaborazione di EALP (Agenzia Energetica della Provincia di Livorno), o dei singoli Comuni Sviluppare una specifica linea di progetto denominata: Isola d Elba, la prima isola ad emissioni zero in riferimento al settore turistico 23

24 Isola d Elba Un Piano di Azione per la Sostenibilità Obiettivo strategico: Rendere sostenibile il turismo elbano perseguendo l obiettivo delle emissioni zero del settore per un territorio più attrattivo e quindi più competitivo 24

25 Isola d Elba Un Piano di Azione per la Sostenibilità La Provincia intende sostenere il progetto favorendo lo sviluppo di partnership pubblico-privato sulla scorta della progettualità, azione e strumenti elaborati nell ambito del progetto LIFE/L.A.C.Re Local Alliance for Climate Responsibility, progetto che ha visto 5 Associazioni di categoria e 13 imprese del territorio provinciale impegnarsi, in modo volontario, in azioni tese a diminuire le emissioni di co2 ed incrementare il potenziale di innovazione green dei servizi offerti. 25

26 Alcune informazioni sul progetto L.A.C.R.e 26

27 Beneficiari Provincia di Livorno (Coord) Provincia di Ferrara Associazione LA21 Italiane Impronta Etica Indica (external techincal assistance) 27

28 Durata 01/01/ /12/2010 Budget ,00 28

29 Obiettivi Contribuire alla lotta ai cambiamenti climatici attraverso la realizzazione di partnership pubblicoprivato che facendo perno sulla Responsabilità Sociale di Impresa promuovano strategie efficaci per sviluppare una «low carbon economy» locale. In particolare, aiutare le imprese che sottoscrivono la partnership a: Dichiarare un obiettivo di riduzione delle emissioni climalteranti Definire un piano di interventi ad hoc per raggiungere tali obiettivi Misurare i risultati ottenuti attraverso una metodologia comune Instaurare un percorso di accountability e trasparenza che permetta di comunicare alla comunitàlocale gli impegni assunti, i risultati ottenuti e i benefici ambientali prodotti per la comunità 29

30 L idea Una partnership tra pubblico e privato Persone e organizzazioni provenienti dal settore pubblico, privato e dalla società civile, che si impegnano volontariamente e reciprocamente in relazioni innovative per perseguire obiettivi comuni attraverso la messa in comune delle loro risorse e competenze (Copenaghen Centre) per la protezione del clima e la promozione della 30 economia a basso impatto

31 La climate responsability Esiste una condivisione delle responsabilitàdi protezione del sistema terreste e del clima tra tutti i soggetti, pubblici e privati. 31

32 Gli attori di una PPP CHI Settore Privato Settore Pubblico Settore nonprofit Cosa porta - Competenze, tecnologie e soluzioni - Conoscenze degli utilizzatori finali - Conoscenza del territorio - Finanziamenti - Facilitatore privato - Fiducia - Conoscenza dell ambito di intervento Cosa acquisisce (benefici) - Migliora la conoscenza del mercato - Rafforza i rapporti con gli stakeholder e la reputazione -Dissemina valori positivi tra i dipendenti - Potenzia il know-how - Realizza con efficienza ed efficacia le proprie politiche sociali - Conosce nuovi metodi di lavoro (riduce i tempi burocratici) - Migliora la conoscenza del territorio - Riceve un supporto economico - Recupera il proprio ruolo nella società civile - Implementa i propri programmi attraverso il sostegno economico e il supporto pubblico - Ottiene legittimazione della propria attività - Migliora la comunicazione interna ed esterna 32

33 La partnership: una situazione win-win Cosa porta Cosa acquisisce Privato Potenziale di intervento sulle emissioni Soluzioni e tecnologie Migliora la propria efficienza; Innova la propria offerta; Migliora la conoscenza del mercato; Potenzia il know-how; Rafforza i rapporti con gli stakeholder e la reputazione Pubblico Conoscenza del territorio Garanzia degli accordi Risorse Attiva un rapporto diretto con le aziende; Rafforza e innova il proprio ruolo Coinvolge direttamente il settore produttivo nell attuazione delle proprie politiche ambientali 33

34 La partnership pubblico-privato Promotori Aderenti

35 Gli strumenti della PPP: primo monitoraggio Azienda CF iniziale (tonnco2 eq) Potenziale di riduzione su CF iniziale Riduzione da monitoraggio (tonnco2 eq) Riduzione % su CF iniziale 1 27,70 73,2 % 20,1 72,5 % ,00 5,4 % 274,8 5,4 % ,00 6,7 % 0,5 0,01 % ,00 9,9 % 94,8 8 % 5 205, % 219,9 100 % 6 In corso In corso In corso In corso 7 180,00 In corso In corso In corso , ,80 2,5 % In corso In corso ,00 23,1 % 596,2 23,1 % ,00 1,7 % In corso In corso ,50 1,6 % 0,2 0,003 % ,50 29,3 % 24,8 4 % , ,7

36 Una sintesi dei risultati Carbon foot-print 2009 totale aziende LACRE Emissioni totali CO2 Provincia ton CO2 eq ton CO2 eq Emissioni CO2 Provincia 2010 escluse centrali termoelettriche ton CO2 eq % imprese Lacre su totale emissioni 1,3 % % imprese Lacre su emissioni totali escluse centrali termoelettriche 3,3 % Interventi ed impegni aziende Lacre nella riduzione della CO2 ( ) ton CO2 eq % riduzione delle emissioni di CO2 delle aziende Lacre rispetto al ,0 %

37 Obiettivo dell iniziativa della Provincia tramite l adesione al Patto dei Sindaci dell Elba elaborazione di un piano d Azione per lo sviluppo di progetti per risparmio energia e utilizzo fonti rinnovabili contenere i consumi di energia, sviluppare l uso delle fonti rinnovabili ed accrescere la sostenibilità ambientale dell Isola migliorare le performance ambientali delle attivitàturistiche (coinvolgimento di un certo numero di imprese nella definizione di un percorso volontario) favorire la sostenibilità del turismo e perseguire il risultato zero emissioni del settore accrescere la competitivitàdel territorio qualificando le attività(a partire dal turismo) dal punto di vista ambientale

38 GRAZIE PER L ATTENZIONE!! Giovanna Rossi Roberto Bianco

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Maria Rosa Virdis ENEA - Unità Centrale Studi e Strategie Università Bocconi - Milano, 5 Dicembre 2012 1 SOMMARIO Le attività

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES)

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) indicazioni operative per la pianificazione energetica delle realtà comunali medio-piccole Maggio 2011 Con il patrocinio

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC Documento elaborato da: Roberto Vaccaro Adriano Bisello Daniele Vettorato Wolfram Sparber Collaboratori:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

LINEE GUIDA "COME SVILUPPARE UN PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES"

LINEE GUIDA COME SVILUPPARE UN PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES LINEE GUIDA "COME SVILUPPARE UN PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES" Paolo Bertoldi, Damian Bornás Cayuela, Suvi Monni, Ronald Piers de Raveschoot EUR 2436 IT - 21 L'IE ha l'obiettivo di fornire

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DELLA CITTÀ DI ROMA (Sustainable Energy Action Plan SEAP)

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DELLA CITTÀ DI ROMA (Sustainable Energy Action Plan SEAP) PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DELLA CITTÀ DI ROMA (Sustainable Energy Action Plan SEAP) ROMA CAPITALE - Piano d azione per l energia sostenibile (SEAP) Pagina 1 Verde - Protezione civile ROMA

Dettagli

Con il contributo dello strumento finanziario LIFE dell Unione europea LOWASTE. local waste market for second life products LAYMAN S REPORT

Con il contributo dello strumento finanziario LIFE dell Unione europea LOWASTE. local waste market for second life products LAYMAN S REPORT Con il contributo dello strumento finanziario LIFE dell Unione europea LOWASTE local waste market for second life products LAYMAN S REPORT INDICE LOWaste... Il progetto in 4 step... I numeri di LOWaste...

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Un nuovo paradigma energetico quale driver nei processi di rigenerazione urbana.

Un nuovo paradigma energetico quale driver nei processi di rigenerazione urbana. Un nuovo paradigma energetico quale driver nei processi di rigenerazione urbana. Da sempre, le città sono soggette a processi di adattamento/rinnovamento conseguenti al degrado fisico ed ambientale di

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra (Strategie di mitigazione delle emissioni) Antonio Caputo, APAT APAT Presentazione Gli accordi di Kyoto prevedono, per le nazioni firmatarie, la

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza

L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction. Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L utilizzo delle emoticon con altri strumenti di customer satisfaction Relatore Susi Ribon Capo Settore Servizi all Utenza L Agenzia delle Entrate La sua funzione strategica, a servizio dei cittadini e

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova

Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova Comune di Padova Settore Ambiente Capo Settore Patrizio Mazzetto Daniela Luise Simone Costantini Cinzia Rinzafri Ilaria Seresin Michele Zuin

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Il Patto dei Sindaci. In particolare il PAES definisce:

Il Patto dei Sindaci. In particolare il PAES definisce: COMUNE DI AGNONE 2 Indice Il Patto dei Sindaci... 5 Adesione e obiettivi... 7 Contesto normativo internazionale e nazionale... 8 Programmazione energetica regionale e provinciale... 10 I soggetti partner

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Nearly Zero Energy Building e Cost-Optimality : Norme Europee e loro recepimento

Nearly Zero Energy Building e Cost-Optimality : Norme Europee e loro recepimento Nearly Zero Energy Building e Cost-Optimality : Norme Europee e loro recepimento G.Grazzini, L.LEONCINI DIEF, Università di Firenze INTRODUZIONE Un edificio è un sistema il cui uso induce impatti a livello

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Green economy e green management : aziende e territori

Green economy e green management : aziende e territori Green economy e green management : aziende e territori di Edo Ronchi Presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile La coincidenza della grande recessione del 2008-2009,una crisi finanziaria e

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE VALLI S.O.L.

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE VALLI S.O.L. PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE VALLI S.O.L. 1 Comune di Campo Ligure Comune di Masone Comune di Mele Comune di Rossiglione Comune di Tiglieto Unione dei Comuni Stura Orba Leira PIANO D AZIONE

Dettagli

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni .4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 4Affrontare il Cambiamento climatico Spesso sentiamo

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli