Preliminary LCA del sistema VIRGIN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Preliminary LCA del sistema VIRGIN"

Transcript

1 Preliminary LCA del sistema VIRGIN 05/11/2014 Filomena Ardolino, team di lavoro di AMRA s.c. a r.l.

2 design Life cycle assessment raw materials extraction production From CRADLE.. to CRADLE! packaging recycle distribution

3 L obiettivo dello studio di LCA è il confronto tra le prestazioni ambientali del sistema Virgin, soluzione innovativa per il trattamento dei prodotti postconsumo di assorbenti per l igiene intima (Absorbent Hygiene Products AHP) e quelle degli scenari di fine vita convenzionali di discarica e incenerimento.

4 LIFE CYCLE ASSESSMENT

5 Life cycle assessment LCA è strutturata in quattro fasi distinte: goal and scope definition stabilisce l obiettivo dello studio, la base comune per il confronto (unità funzionale) e i confini del sistema; life cycle inventory definisce una banca dati dei carichi ambientali (inventory table), attraverso la definizione e la quantificazione dei flussi di materia/energia che attraversano il sistema; life cycle impact assessment quantifica gli impatti ambientali servendosi di metodologie scientificamente riconosciute; interpretation consiste nell analisi critica dei risultati al fine di trarre delle conclusioni

6 FASE 1_GOAL AND SCOPE DEFINITION

7 Unità funzionale Trattamento di 500 kg di prodotti assorbenti per l igiene intima della persona postconsumo. La scelta tiene in conto il carico massimo dell autoclave del sistema VIRGIN, che è un sistema batch di cui ancora non sono noti i fattori di scala, in modo da conservare la validità dei dati primari raccolti presso l unità pilota in esercizio presso il centro sperimentale AMRA di Caserta. Si confronteranno tre sistemi di gestione (endof-life): riciclo con sistema VIRGIN, sistema integrato composto da un autoclave e un impianto di gassificazione, per il recupero delle frazioni riciclabili che compongono gli AHP-post use; combustione diretta, per il massimo recupero di energia dagli AHP post-use e la loro sterilizzazione completa; conferimento in discarica, con recupero energetico tramite la raccolta di biogas.

8 Scenari di confronto End-of-life AHP End-of-life AHP End-of-life AHP 500 kg 500 kg 500 kg Autoclave Incineration Landfill Separation Gasifier plastics Mild combustor steam electricity electricity (biogas) Average plastic production Steam generator Average electricity production a b c Average energy production

9 Composition kg/t AHPwaste % Ag 0, ,00% Al 0,225 0,02% As 0, ,00% B 0, ,00% Br 0, ,00% C 250,617 25,06% C biogenic 62,65 6,27% C fossil 187,26 18,80% Ca 3,656 0,37% Cd 0, ,00% Cl 2,0885 0,21% Co 0, ,00% Cr 0, ,00% Cs 0, ,00% Cu 0, ,00% F 0, ,00% Fe 0,812 0,08% H 2 37,933 3,79% Hg 0, ,00% I 0, ,00% K 2,0363 0,20% Li 0, ,00% Mg 0,0567 0,01% Mo 0, ,00% Mn 0, ,00% N 3,556 0,36% Na 47,530 4,75% Ni 0, ,00% O 125,450 12,54% P 0,221 0,02% Pb 0, ,00% S 0,887 0,09% Sb 0, ,00% Se 0, ,00% SiO 2 1,190 0,12% Sn 0, ,00% Sr 0, ,00% Rb 0, ,00% Te 0, ,00% Ti 0, ,00% V 0, ,00% W 0, ,00% Zn 0,0161 0,00% Bicarbonate 0,322 0,03% Ammonia 0,074 0,01% Other 17,725 1,77% Phosphate 2,460 0,25% S as SO 3 2,465 0,25% Moisture 497,03 49,7% TOTAL % Composizione elementare degli AHP waste Si è assunto che i prodotti postconsumo siano composti per il 50% da escrementi, di composizione nota da dati di letteratura. Si è quindi stimata la composizione elementare media degli AHP post-consumo e, in particolare, le percentuali di carbonio fossile e biogenico, oltre che il contenuto di ceneri e di umidità. Il potere calorifico inferiore è stato stimato pari a 9,37 GJ/t AHPwaste, tramite la correlazione di Sheng e Azevedo.

10 Metodologie Metodologia per la LCIA: Impact 2002 (v2.11) Metodo di allocazione: espansione dei confini del sistema per sostituzione (metodo dei carichi evitati) Approccio LCA: si sviluppa una LCA di tipo attributional, adatta a descrivere i principali flussi interagenti con il sistema in esame e spesso la più adeguata per il confronto tra impatti ambientali di processi differenti Riferimento spazio-temporale: dati rappresentativi del territorio Italiano nel contesto temporale attuale

11 Assunzioni Sono escluse, perlomeno in questa fase: fasi di trasporto, che in genere hanno un ruolo minore nei sistemi di gestione costi ambientali della raccolta differenziata che saranno inclusi nelle fasi successive dell analisi costi ambientali della costruzione degli impianti, da inserire eventualmente nelle fasi successive della LCA, con il prosieguo della sperimentazione sul processo VIRGIN.

12 Confini del sistema I confini del sistema per questo scenario includono: consumi e scarichi idrici relativi alla fase di sterilizzazione consumi relativi alla fase di separazione frazioni riciclabili recuperate carichi diretti ed evitati relativi alla fase di gassificazione. BACKGROUND Energy Water plastics End-of-life AHP 500 kg Autoclave Separation Gasifier Mild combustor FOREGROUND steam Wastewater Treatment Chemicals Solid Residues Underground deposit Average plastic production Steam generator

13 Confini del sistema I confini del sistema per questo scenario includono: fasi di uso della discarica emissioni a breve e lungo termine raccolta percolato e successivo trattamento presso un impianto di trattamento di acqua reflue raccolta biogas e invio a combustione diretta per la produzione di energia elettrica. BACKGROUND Chemicals Water Energy End-of-life AHP 500 kg Sanitary Landfill WtE unit Biogas Electricity Average energy production Leachate FOREGROUND Waste water treatment

14 Confini del sistema I confini del sistema per questo scenario includono: fasi di produzione dei consumabili fasi di trattamento e/o recupero dei residui solidi in uscita emissioni atmosferiche dirette dei processi energia elettrica esportata. BACKGROUND Underground deposit Chemicals APC residues Metals Production of metal Bottom ashes Ash treatment/disposal End-of-life AHP 500 kg WtE unit Inert Material Production of road backfilling FOREGROUND Electricity Electricity from grid

15 FASE 2_LIFE CYCLE INVENTORY

16 Combustione diretta

17 Combustione diretta Combustion-AHP post use DIRECT BURDENS for t waste Consumptions Soil occupation (m 2 ) 0.21 Urea (kg) 4.6 Hydrated lime (kg) 6 Activated carbon (kg) 0.6 Auxiliary fuels (kg) 4.03 Air emissions Carbon dioxide, biogenic (kg) 229 Carbon dioxide, fossil (kg) 699 Carbon monoxide (g) 90.3 Oxygen (kg) 596 Nitrogen (kg) 4800 Nitrogen oxides, as NO 2 (g) 516 Ammonia (g) 28.4 Sulphur dioxide (g) 51.6 VOC (g) 5.16 Cadmium (g) Lead (g) 0.12 Zinc (g) Aluminum (g) Copper (g) Hydrofluoric acid (g) 1.55 Hydrochloric acid (g) 23.2 Dust (g) 5.16 Dioxins and furans (ng) 20.6 Solid residues Bottom ash (kg) APC residues (kg) 9.1 AVOIDED BURDENS for t waste Combustion AHP post-use DIRECT BURDENS for t waste Bottom ash treatment kg/t waste Electricity (kwh e ) 0.08 Concrete for inert recovery (kg) 0.30 Iron sulfate for inert recovery (kg) 0.15 Aluminium scrap (kg) 0.58 Low-alloyed steel (kg) 2.09 Inert material landfill (kg) 59.7 APC residues disposal 9.11 kg/t waste Steel (kg) 0,893 Alkyd paint (kg) 0,010 Sawn timber (m 3 ) 0,000 Packaging film (kg) 0,039 Clay (kg) 0,000 Gravel (kg) 0,002 Brick (kg) 0,049 Cement mortar (kg) 0,059 Anhydrite (kg) 0,005 Plaster mixing (kg) 0,010 Electricity, medium voltage (kwh e ) 0,014 Occupied volume (m 3 ) 0,004 AVOIDED BURDENS for t waste Bottom ash material recovery Aluminium production (kg) 0.45 Steel production (kg) 1.89 Gravel for road construction (kg) 14.9

18 Discarica Il conferimento in discarica dei rifiuti AHP è stato modellato utilizzando specifiche banche dati. In particolare si sono utilizzati i tools disponibili dalla banca dati Ecoinvent che consentono la stima dei carichi ambientali di tale scenario a partire dalla composizione elementare del rifiuto. Per la produzione di energia elettrica si è fatto riferimento a dati di letteratura, assumendo che l efficienza di raccolta del biogas sia pari al 55% e che il 60% del biogas raccolto sia bruciato in un motore a gas con una efficienza di conversione del 35%.

19 Discarica

20 Sistema Virgin Il nuovo schema di riciclo proposto da Fater sarà valutato tramite l utilizzo di dati primari da raccogliere durante il prosieguo delle prove sperimentali presso l area di ricerca di Caserta, dove è collocato l impianto pilota.

21 FASE 3_LIFE CYCLE IMPACT ASSESSMENT

22 LCIA_Combustione 0,01

23 LCIA_Discarica 0,08 0,06 0,04 0,02 0,00-0,02 0,006 Treatment of waste paperboard (municipal incineration) Treatment of waste plastic, mixture (municipal incineration) Waste cement (treatment of residual material landfill) Electricity (exported) Natural gas, from high pressure network (1-5 bar), at service station Light fuel oil petroleum refinery operation Electricity transformation from medium to low voltage Heat, district or industrial, treatment of municipal solid waste, incineration Electricity treatment of municipal solid waste incineration Process-specific burden, sanitary landfill Aluminium sulfate, powder Iron sulfate production Chromium oxide, flakes Titanium dioxide {RER} production Natural gas, from high pressure network (1-5 bar), at service station Ammonia, liquid Cement, unspecified Chemical, inorganic -0,04 Carcinogens Non-carcinogens Respiratory inorganics Ionizing radiation Ozone layer depletion Respiratory organics Aquatic ecotoxicity Terrestrial ecotoxicity Terrestrial acid/nutri Land occupation Aquatic acidification Aquatic eutrophication Global warming Non-renewable energy Mineral extraction Total Chemical, organic Iron (III) chloride, without water, in 40% solution state Hydrochloric acid, without water, in 30% solution state Quicklime, milled, packed production Sodium hydroxide, without water, in 50% solution state Process-specific burdens, residual material landfill Process-specific burdens, slag landfill Process-specific burdens, municipal waste incineration Emissions

24 LCIA_Virgin

25 LCIA_Confronto 0,03 0,02 0,02 Landfill Combustion 0,01 0,01 0,00-0,01-0,01-0,02-0,02 Total Mineral extraction Non-renewable energy Global warming Aquatic eutrophication Aquatic acidification Land occupation Terrestrial acid/nutri Terrestrial ecotoxicity Aquatic ecotoxicity Respiratory organics Ozone layer depletion Ionizing radiation Respiratory inorganics Non-carcinogens Carcinogens

26 FASE 4_INTERPRETATION

27 Analisi sensitività sono state valutate ipotesi differenti per la modellazione dello scenario discarica ma non hanno influito sui risultati; è stato ipotizzato un recupero del 100% delle ceneri di fondo per lo scenario di combustione diretta, ciò influisce solo lievemente sulle prestazioni ambientali di questo scenario; saranno valutate le potenzialità dello schema Virgin su un impianto a scala maggiore.

28 VIRGIN è coordinato da FATER S.p.A. Sono partner del progetto Amra s.c. a r.l. e Kyoto Club. Fondata a Pescara nel 1958 ad opera della famiglia Angelini, Fater è dal 1992 una joint ventureparitetica fra il Gruppo Angelini e Procter&Gamble. Da oltre 50 anni Fater è presente nelle case delle famiglie italiane attraverso i suoi prodotti a marchio Pampers, Lines, Dignity, Linidor, Tampax, Infasil e Ace. Esempio raro e forse unico nel largo consumo di joint-venture di successo nel lungo periodo, Fater fonde in sé la profonda conoscenza del mercato italiano con le metodiche di lavoro di una multinazionale. È un azienda dinamica che crede nell innovazione, nella crescita sostenibile, nel dialogo continuo con i consumatori. AMRA è un Centro di Competenza nel settore dell Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale. È una struttura permanente di ricerca per lo sviluppo di metodologie innovative applicate alle problematiche ambientalirmanente di ricerca per lo sviluppo di metodologie innovative applicate alle problematiche ambientali. Kyoto Club è un organizzazione non profit, nata ufficialmente nel Febbraio del 1999, costituita da imprese, enti, associazioni e amministrazioni locali, impegnati nel raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas-serra assunti con il Protocollo di Kyoto. Per raggiungere tali obiettivi, Kyoto Club promuove iniziative di sensibilizzazione, informazione e formazione nei campi dell efficienza energetica, dell utilizzo delle rinnovabili e della mobilità sostenibile.

Consumi energetici ed impronta carbonica della mela nella fase di post-raccolta

Consumi energetici ed impronta carbonica della mela nella fase di post-raccolta Consumi energetici ed impronta carbonica della mela nella fase di post-raccolta Zanotelli D 1, Ciarapica F 1-2, Fadanelli L 3, Mazzetto F 1, Tagliavini M 1 1. Facoltà di Scienze e Tecnologie, Libera Università

Dettagli

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Università degli Studi di Trento Dipartimento di Ingegneria Industriale ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Relazione riassuntiva risultati del progetto OBIETTIVI DEL LAVORO

Dettagli

IL BIM A SUPPORTO DELLA PROGETTAZIONE SOSTENIBILE MEDIANTE L INTEGRAZIONE DI ANALISI LCA

IL BIM A SUPPORTO DELLA PROGETTAZIONE SOSTENIBILE MEDIANTE L INTEGRAZIONE DI ANALISI LCA IL BIM A SUPPORTO DELLA PROGETTAZIONE SOSTENIBILE MEDIANTE L INTEGRAZIONE DI ANALISI LCA Antonio SALZANO 1, Loredana NAPOLANO 1, 2, Domenico ASPRONE 1, Andrea PROTA 1 1 Dipartimento di Strutture per l

Dettagli

Analisi del Ciclo di Vita. I costi nascosti delle grandi opere inutili.

Analisi del Ciclo di Vita. I costi nascosti delle grandi opere inutili. LIFE CYCLE ASSESSMENT & HIDDEN COSTS Analisi del Ciclo di Vita. I costi nascosti delle grandi opere inutili. Sergio Ulgiati Università degli Studi Parthenope Napoli DEFINIZIONE L Analisi del Ciclo di Vita

Dettagli

Gian Andrea Blengini. Elena Garbarino Provincia di Torino

Gian Andrea Blengini. Elena Garbarino Provincia di Torino La gestione dei rifiuti da C&D nell ottica del ciclo di vita: esperienze locali e strategie nazionali Gian Andrea Blengini Politecnico di Torino Elena Garbarino Provincia di Torino INTRODUZIONE L estrazione

Dettagli

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI 28/10/2014 Duccio Bianchi, Ambiente Italia Ambiente Italia, istituto indipendente di analisi e ricerca ambientale, ha analizzato

Dettagli

VALUTAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI PARMA ATTRAVERSO IL METODO LCA

VALUTAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI PARMA ATTRAVERSO IL METODO LCA VALUTAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI PARMA ATTRAVERSO IL METODO LCA in collaborazione con: Provincia di Parma Relatore: Chiar.mo Prof. MARCO BERGONZONI Correlatore:

Dettagli

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio Esperienza metodologica: servizio di gestione mense scolastiche Scuola elementare "G.Bombonati" di Ferrara Applicazione dell'lca Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio L Analisi del Ciclo di Vita L Analisi

Dettagli

CONFRONTO FRA TRE METODI DI VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE APPLICATO AL CASO DELL ANALISI DEL CICLO DI VITA DI UN SERVIZIO.

CONFRONTO FRA TRE METODI DI VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE APPLICATO AL CASO DELL ANALISI DEL CICLO DI VITA DI UN SERVIZIO. CONFRONTO FRA TRE METODI DI VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE APPLICATO AL CASO DELL ANALISI DEL CICLO DI VITA DI UN SERVIZIO. R. PERGREFFI*, P. NERI**, G. SPADONI*** * Progetto SPINNER c/o ENEA, Via

Dettagli

GRUPPO RICICLA GRUPPO RICICLA

GRUPPO RICICLA GRUPPO RICICLA GRUPPO RICICLA La gestione della frazione organica dei rifiuti con digestione anaerobica: energia e fertilizzanti rinnovabili GRUPPO RICICLA Università degli Studi di Milano via Celoria 2, 20133 Milano

Dettagli

GRUPPO POLIGRAFICO TIBERINO S.R.L.

GRUPPO POLIGRAFICO TIBERINO S.R.L. PROGETTO CO-FINANZIATO DA REALIZZATO DAL CONSULENTE ESTERNO INCARICATO (COME DA BANDO): GREEN INNOVATION S.R.L. DOTT.SSA ING. FEDERICA LUNGHI VERIFICATO DA CERTIQUALITY S.R.L. PROGETTO DI: GRUPPO POLIGRAFICO

Dettagli

La metodologia LCA per la sostenibilità ambientale del processo conciario

La metodologia LCA per la sostenibilità ambientale del processo conciario La metodologia LCA per la sostenibilità ambientale del processo conciario Domenico Castiello 1, Monica Puccini 2, Maurizio Salvadori 1, Maurizia Seggiani 2, Sandra Vitolo 2 1 Po.Te.Co. Scrl Polo Tecnologico

Dettagli

Studio della sostenibilità del PLA mediante il Life Cycle Assessment (LCA)

Studio della sostenibilità del PLA mediante il Life Cycle Assessment (LCA) POLITECNICO DI TORINO Studio della sostenibilità del PLA mediante il Life Cycle Assessment (LCA) Pierluigi Freni Politecnico di Torino Dipartimento di Scienza Applicata e Tecnologia Opportunità Applicative

Dettagli

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi?

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? Dr Chimico Giuseppe Postorino Provincia di Reggio Calabria Reggio Calabria 30 maggio 2014 100 volume d affari dei servizi su base nazionale

Dettagli

Analisi ambientale della raccolta e del riciclo di prodotti sanitari assorbenti

Analisi ambientale della raccolta e del riciclo di prodotti sanitari assorbenti Analisi ambientale della raccolta e del riciclo di prodotti sanitari assorbenti 1 Risultati sintetici Fater ha proposto di avviare la raccolta differenziata e il riciclo dei prodotti sanitari assorbenti

Dettagli

STUDIO LIFE CYCLE ASSESSMENT (LCA) DEL CONFRONTO TRA UNA CARTUCCIA ORIGINALE HP 4000 E UNA CARTUCCIA CALLIGRAPHY RIGENERATA DA Sapi srl

STUDIO LIFE CYCLE ASSESSMENT (LCA) DEL CONFRONTO TRA UNA CARTUCCIA ORIGINALE HP 4000 E UNA CARTUCCIA CALLIGRAPHY RIGENERATA DA Sapi srl STUDIO LIFE CYCLE ASSESSMENT (LCA) DEL CONFRONTO TRA UNA CARTUCCIA ORIGINALE HP 4000 E UNA CARTUCCIA CALLIGRAPHY RIGENERATA DA Sapi srl TIPO DOCUMENTO: Rapporto Tecnico LCA SIGLA/IDENTIFICATIVO: RT_10

Dettagli

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali SCHEDE ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali IL CENTRO SVILUPPO MATERIALI S.P.A. IN BREVE 2 Missione CSM è un Centro di Ricerca Industriale

Dettagli

ETICHETTATURA AMBIENTALE: STRUMENTO ED OPPORTUNITÁ PER LA PROMOZIONE DELLA SOSTENIBILITÁ DEL SISTEMA ALIMENTARE

ETICHETTATURA AMBIENTALE: STRUMENTO ED OPPORTUNITÁ PER LA PROMOZIONE DELLA SOSTENIBILITÁ DEL SISTEMA ALIMENTARE : STRUMENTO ED OPPORTUNITÁ PER LA PROMOZIONE DELLA SOSTENIBILITÁ DEL SISTEMA ALIMENTARE Marco Trevisan Istituto Chimica Agraria e Ambientale Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza Paola Riscazzi

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO AMBIENTALE

BILANCIO ENERGETICO AMBIENTALE BILANCIO ENERGETICO AMBIENTALE ANNO 2012 Il bilancio è stato redatto in collaborazione con: ECOSISTEMI SRL Viale Liegi 32-00198 Roma Tel. +39.06.68301407 Fax +39.06.92912226 1 Indice 1. METODOLOGIA...

Dettagli

LCA comparativa di diversi sistemi di trattamento di fanghi da depurazione di reflui civili

LCA comparativa di diversi sistemi di trattamento di fanghi da depurazione di reflui civili AQUASER LCA comparativa di diversi sistemi di trattamento di fanghi da depurazione di reflui civili Dott.ssa Grazia Barberio 1, Ing. Laura Cutaia 1, Ing. Vincenzo Librici 2 1 ENEA, Roma; 2 AQUASER (ACEA

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI F.Cotana, F.Asdrubali, L.Frezzini Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università

Dettagli

LA STIMA DEGLI IMPATTI AMBIENTALI DELLA RIDUZIONE DEL RIFIUTO MEDIANTE L ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA - LIFE CYCLE ASSESSMENT

LA STIMA DEGLI IMPATTI AMBIENTALI DELLA RIDUZIONE DEL RIFIUTO MEDIANTE L ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA - LIFE CYCLE ASSESSMENT LA STIMA DEGLI IMPATTI AMBIENTALI DELLA RIDUZIONE DEL RIFIUTO MEDIANTE L ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA - LIFE CYCLE ASSESSMENT) in collaborazione con LA STIMA DEGLI IMPATTI AMBIENTALI DELLA RIDUZIONE

Dettagli

Solid waste management and treatment

Solid waste management and treatment Research activities in Environmental Technologies Solid waste management and treatment Mario Grosso The waste management team 2 full professors (M. Giugliano, S. Cernuschi) 2 researchers (, L. Rigamonti)

Dettagli

ANALISI DELL IMPRONTA DI CARBONIO DI GRAPPE PRODOTTE DA DISTILLERIE BONOLLO UMBERTO S.p.A.

ANALISI DELL IMPRONTA DI CARBONIO DI GRAPPE PRODOTTE DA DISTILLERIE BONOLLO UMBERTO S.p.A. ANALISI DELL IMPRONTA DI CARBONIO DI GRAPPE PRODOTTE DA DISTILLERIE BONOLLO UMBERTO S.p.A. Progetto co-finanziato dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Dr.ssa Marta Beggio

Dettagli

III-086 - CONFRONTO LCA DI DIVERSE POSSIBILITA DI TRATTAMENTO A FINE VITA

III-086 - CONFRONTO LCA DI DIVERSE POSSIBILITA DI TRATTAMENTO A FINE VITA III-086 - CONFRONTO LCA DI DIVERSE POSSIBILITA DI TRATTAMENTO A FINE VITA A. Corti (1) L. Lombardi A. Polettini C.Lubello P. Sirini Indirizzo (1) : Dipartimento di Energetica Sergio Stecco -Università

Dettagli

Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint

Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint Alessandra Fusi, Riccardo Guidetti alessandra.fusi@unimi.it Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint Introduzione all analisi LCA La metodologia LCA è definita come il procedimento

Dettagli

Alma Mater Studiorum Universita di Bologna

Alma Mater Studiorum Universita di Bologna Ecomondo Rimini, 4 Novembre 2010 Valutazione di sostenibilità di tecnologie: quale ruolo per l'lca? LCA di sistemi energetici per la produzione di energia da biomasse: come affrontare il problema dell

Dettagli

DNV BUSINESS ASSURANCE MANAGEMENT SYSTEM CERTIFICATE

DNV BUSINESS ASSURANCE MANAGEMENT SYSTEM CERTIFICATE Certificato No. / Certificate No. 144974-2013-AE-ITA-ACCREDIA Si attesta che / This is to certify that Il sistema di gestione per la qualità di / The quality management system of ACEGASAPSAMGA S.p.A. A

Dettagli

La via del Combustibile Solido

La via del Combustibile Solido La termovalorizzazione dei rifiuti per una strategia della sostenibilità Regione Lombardia Auditorio Gaber Palazzo Pirelli Milano 27 marzo 2014 La via del Combustibile Solido Secondario (CSS) Ing. Federico

Dettagli

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO Prof. Rampazzo Giancarlo CHE COS E LA GEOCHIMICA 1.La geochimica studia la composizione chimica

Dettagli

Dichiarazione Ambientale di Prodotto (EPD) delle materie prime seconde o aggregati di origine industriale

Dichiarazione Ambientale di Prodotto (EPD) delle materie prime seconde o aggregati di origine industriale Dichiarazione Ambientale di Prodotto (EPD) delle materie prime seconde o aggregati di origine industriale Rev. 01 - Marzo 2013 Numero di registrazione: S-P-00427 Data approvazione: 25 marzo 2013 Periodo

Dettagli

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO.

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. Allegato 2b VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. In questa memoria si analizzano le risultanze dello Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio Commissionata da Dicembre 2012 Sommario Elementi del Sistema...3 Infisso in Legno...8 Risultati...9 Infisso in PVC...13 Risultati...14 Infisso

Dettagli

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill LIFE ENVIRONMENT PROJECT LIFE05-ENV/IT/000874 GreenHouse Effect Reduction from Landfill Dipartimento di Energetica "Sergio Stecco", Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Dettagli

Il miglior rifiuto è il rifiuto che non si produce

Il miglior rifiuto è il rifiuto che non si produce Il miglior rifiuto è il rifiuto che non si produce 1 PIANO D AZIONE PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI URBANI IN REGIONE LOMBARDIA Giugno 2009 Regione Lombardia Direzione Generale Reti, Servizi di Pubblica Utilità

Dettagli

Raccogliere e riciclare in qualità e quantità per realizzare una gestione veramente sostenibili dei rifiuti

Raccogliere e riciclare in qualità e quantità per realizzare una gestione veramente sostenibili dei rifiuti Raccogliereericiclareinqualitàequantitàperrealizzareunagestioneveramente sostenibilideirifiuti UmbertoArena ProfessoreordinariodiImpiantidiTrattamentodeirifiutisolidi DipartimentodiScienzeAmbientali SecondaUniversitàdiNapoli

Dettagli

LIFE08 ENV/IT/000404 ECORUTOUR

LIFE08 ENV/IT/000404 ECORUTOUR EUTROFIZZAZIONE La crescita degli organismi viventi è naturalmente limitata dall apporto di sostanze nutrienti essenziali quali azoto e fosforo. Un rilascio di tali sostanze nell ambiente riduce questa

Dettagli

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi 1 - Analisi per la caratterizzazione energetica e chimico-fisica dei materiali 1.1 - Biomasse solide * 1 Umidità CEN/TS 14774 Ceneri a 550 C CEN/TS 14775 Potere

Dettagli

Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl

Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl Progetto Ecodens Progetto di filiera per lo sviluppo di un processo per la produzione di un combustibile ottenuto per co-densificazione di sanse con altre biomasse

Dettagli

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment Forum Internazionale degli Acquisti Verdi terza edizione - Fiera di Cremona, 8-10 ottobre 2009 www.forumcompraverde.it IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI

Dettagli

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Ciclo di convegni SOSTENIBILITA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI 18 giugno 2014 Organizza In collaborazione con Con il patrocinio di In cooperazione

Dettagli

CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO STANDARD ISO/TS 14067 PASTA FORMA OK LE ELICHE

CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO STANDARD ISO/TS 14067 PASTA FORMA OK LE ELICHE Analisi dell impronta del prodotto Le Eliche, la pasta della linea Forma OK di Ipafood S.r.l. Progetto co-finanziato dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare CARBON FOOTPRINT

Dettagli

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim PREMESSA Negli ultimi anni il settore delle costruzioni è stato interessato

Dettagli

Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2

Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2 Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2 Luca Leonardi, Climate Change Services Bureau Veritas Italia Spa ore 12.15 13.00 Sommario: Il carbon footprint Contabilizzazione delle emissioni di CO

Dettagli

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED EQUITA SOCIALE Introduzione La Carbon Footprint misura

Dettagli

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Valutazione del ciclo di vita LCA Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Life Cycle Analysis UNI EN ISO 14040-2006: LCA è un procedimento oggettivo di valutazione dei carichi energetici

Dettagli

LIFE CYCLE ASSESSMENT OF NANOPARTICLES USE IN MEMBRANE

LIFE CYCLE ASSESSMENT OF NANOPARTICLES USE IN MEMBRANE LIFE CYCLE ASSESSMENT OF NANOPARTICLES USE IN MEMBRANE Stefano Zuin, Andrea Brunelli, Petra Scanferla, Antonio Marcomini, Thomas Wintgens, Inge Genné 2 nd Dissemination Workshop of the Nano4water cluster

Dettagli

Analisi LCA dei possibili scenari di smaltimento delle materie plastiche

Analisi LCA dei possibili scenari di smaltimento delle materie plastiche Luca Ferrari* Paolo Neri** Riccardo Melloni*** Paolo Pozzi**** Analisi LCA dei possibili scenari di smaltimento delle materie plastiche * Laureato in Ingegneria Gestionale presso l Università di Parma

Dettagli

L impronta carbonica degli alimenti. Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano

L impronta carbonica degli alimenti. Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano L impronta carbonica degli alimenti Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano Fondazione Culturale San Fedele, Milano, 9 ottobre 2014 Indice Le emissioni di gas serra dalle

Dettagli

Relazione di Analisi del ciclo di vita del prodotto CALCINTO di VIMARK S.r.l.

Relazione di Analisi del ciclo di vita del prodotto CALCINTO di VIMARK S.r.l. 0 PROGETTO MARIE PA 3.2 Task 3 DOCUMENTO Relazione di Analisi del ciclo di vita del prodotto CALCINTO di VIMARK S.r.l. COMMITTENTE Regione Piemonte RESPONSABILE DI SETTORE STEFANO DOTTA RESPONSABILE DI

Dettagli

ANALISI AMBIENTALE ED ECONOMICA DEL RICICLO DELL ALLUMINIO CON IL METODO LCA (LIFE CYCLE ASSESSMENT)

ANALISI AMBIENTALE ED ECONOMICA DEL RICICLO DELL ALLUMINIO CON IL METODO LCA (LIFE CYCLE ASSESSMENT) ANALISI AMBIENTALE ED ECONOMICA DEL RICICLO DELL ALLUMINIO CON IL METODO LCA (LIFE CYCLE ASSESSMENT) G. OLIVIERI*, P. NERI**, A. ROMANI*** *Progetto SPINNER c/o ENEA (Ente Nuove tecnologie, Energia e Ambiente),

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

Dalla FORSU al Biometano. D. Mainero Acea Pinerolese

Dalla FORSU al Biometano. D. Mainero Acea Pinerolese Dalla FORSU al Biometano D. Mainero Acea Pinerolese Sommario Biometano indirizzi di politica europea evoluzione della normativa tecnica Sviluppo in UE Il quadro normativo italiano Il biometano in rete

Dettagli

ECOFINING Nuova tecnologia ENI/UOP per la produzione di Green Diesel

ECOFINING Nuova tecnologia ENI/UOP per la produzione di Green Diesel ECOFINING Nuova tecnologia ENI/UOP per la produzione di Green G. Faraci, F. Baldiraghi Eni Div. R&M Roma, 23 Maggio 2008 INTRODUZIONE A livello mondiale la produzione di carburanti da fonti CRUDE OIL PRICE

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

PORTFOLIO 7 BUONE PRATICHE PER LA RIDUZIONE, IL RICICLO E IL RIUTILIZZO DEI RIFIUTI

PORTFOLIO 7 BUONE PRATICHE PER LA RIDUZIONE, IL RICICLO E IL RIUTILIZZO DEI RIFIUTI LIFE10 ENV/IT/000367 PORTFOLIO 7 BUONE PRATICHE PER LA RIDUZIONE, IL RICICLO E IL RIUTILIZZO DEI RIFIUTI Buone pratiche di gestione sostenibile dei rifiuti: l esperienza di Sustainable Cruise Sustainable

Dettagli

IL CONCETTO DI SOSTENIBILITA. Causa: rivoluzione industriale, cambiamento consumi,, crescita economica e demografica anni 50

IL CONCETTO DI SOSTENIBILITA. Causa: rivoluzione industriale, cambiamento consumi,, crescita economica e demografica anni 50 IL CONCETTO DI SOSTENIBILITA Causa: rivoluzione industriale, cambiamento consumi,, crescita economica e demografica anni 50 1972: Club di Roma pubblica I I limiti dello sviluppo 1973 e 1979: crisi energetica

Dettagli

Pianificare il cambiamento

Pianificare il cambiamento Pianificare il cambiamento Giorgio Merlante This project is co---financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Green Economy Pianificare il cambiamento

Dettagli

LE NUOVE PROCEDURE PER LA SCELTA DELLE TUBAZIONI

LE NUOVE PROCEDURE PER LA SCELTA DELLE TUBAZIONI LE NUOVE PROCEDURE PER LA SCELTA DELLE TUBAZIONI Ing. Marco Piana UNO DEGLI ASPETTI PIÙ SENTITI DAGLI STAKEHOLDER È LA TRASPARENZA DELLE AZIENDE COME AND HAVE A LOOK ROUND! IL CONTESTO CHI COMUNICA A QUALE

Dettagli

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing.

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing. ENERGIA DA BIOMASSA sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011 Ing. Francesco Gallucci CRA-ING Monterotondo (RM) Ing. Fulvio Palmieri DIMI ROMA TRE Per informazioni, francesco.gallucci@entecra.it

Dettagli

Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti. Progetto a Tema 2011. Gli indicatori del recupero SINTESI

Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti. Progetto a Tema 2011. Gli indicatori del recupero SINTESI Centro studi e ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Progetto a Tema 2011 Gli indicatori del recupero SINTESI INDICE 1. PANORAMA NORMATIVO...3 1.1 Obiettivi per il recupero...3 1.2 Norme tecniche...4

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA

APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA IL RECUPERO ENERGETICO NELLA FILIERA DI PRODUZIONE DEL COMPENSATO - APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA G.L. Baldo*, M. Marino*; S. Rossi*; x ** *Life Cycle Engineering Torino; www.life-cycle-engineering.it

Dettagli

Le conseguenze dello smaltimento sulla salute umana e sull ambiente

Le conseguenze dello smaltimento sulla salute umana e sull ambiente 1 Le conseguenze dello smaltimento sulla salute umana e sull ambiente Impatti ambientali a confronto Federico Valerio Chimica Ambientale Istituto Nazionale Ricerca sul Cancro Genova 2 RISULTATI DI RECENTI

Dettagli

A PROPO SITO DELL AMBIE NTE

A PROPO SITO DELL AMBIE NTE 07/2015 07/2014 A PROPO SITO DELL AMBIE NTE La prestazione ambientale di un prodotto consiste nell impatto delle fasi del suo ciclo di vita. Se la fase di design è fondamentale, anche tutte le altre, dalla

Dettagli

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente 05 Aprile 2013 Contenuti Carbon Footprint delle organizzazioni e di prodotto (ISO 14064 e PAS 2050/ISO 14067) Misurare l importa idrica

Dettagli

NATURA E AMBIENTE. Il metodo lca applicato al ciclo di vita degli edifici

NATURA E AMBIENTE. Il metodo lca applicato al ciclo di vita degli edifici Il metodo lca applicato al ciclo di vita degli edifici NATURA E AMBIENTE Il metodo LCA OBIETTIVO UNITA FUNZIONALE FUNZIONE DEL SISTEMA CONFINI DEL SISTEMA ISO 14041 MATERIALI PROCESSI INVENTARIO ISO 14040

Dettagli

Modulo della PGQ 13 Revisione: 14 Direzione Laboratori Pagina 1 di 9 TARIFFARIO LABORATORIO SINAL N. 0072 PER ATTIVITÀ DI PROVA

Modulo della PGQ 13 Revisione: 14 Direzione Laboratori Pagina 1 di 9 TARIFFARIO LABORATORIO SINAL N. 0072 PER ATTIVITÀ DI PROVA Direzione Laboratori Pagina 1 di 9 1. PREMESSA I laboratori di prova della Direzione Laboratori del CTG, di seguito denominati LABORATORIO, sono accreditati SINAL. L elenco aggiornato delle prove accreditate

Dettagli

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Con il patrocinio

Dettagli

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile)

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) ELETTROCHIMICA Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) Uso di forza elettromotrice (fem) esterna per forzare reazioni chimiche non spontanee (Elettrolisi) Coppia redox: Ossidazione

Dettagli

LCA AND WASTE MANAGEMENT. a short smart guide

LCA AND WASTE MANAGEMENT. a short smart guide LCA AND WASTE MANAGEMENT a short smart guide LIFE CYCLE ASSESSMENT E WASTE MANAGEMENT Una delle chiavi di successo per la realizzazione di un prodotto ecosostenibile è quello di basare la propria azione

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI RENATO GAVASCI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI RENATO GAVASCI LA GESTIONE DEI RIFIUTI RENATO GAVASCI Università di Roma Tor Vergata Dip. di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Professore di Ingegneria Sanitaria Ambientale IL CICLO BIOLOGICO In un ambiente

Dettagli

Tecnologie di Recupero e Riciclo dei Materiali Alberto Simboli IL RECUPERO E IL RICICLO DEI MATERIALI

Tecnologie di Recupero e Riciclo dei Materiali Alberto Simboli IL RECUPERO E IL RICICLO DEI MATERIALI Tecnologie di Recupero e Riciclo dei Materiali Alberto Simboli 4. IL RECUPERO E IL RICICLO DEI MATERIALI 1. ASPETTI GENERALI Materiali: i fabbisogni sono elevati non ne abbiamo a sufficienza alcuni forse

Dettagli

Convegno Intelligenze per l energia

Convegno Intelligenze per l energia Convegno Intelligenze per l energia Gestione dell energia e dell efficienza Energetica L esperienza Fenice S.p.A. Gruppo EDF 28 Febbraio 2008 26/02/2008 1 Agenda 1. Fenice S.p.A. Principali dati Servizi

Dettagli

IL FUTURO DEL RECUPERO NELLA REGIONE DEL VENETO GESTIONE DEI PNEUMATICI FUORI USO: UN SISTEMA AL NASTRO DI PARTENZA GIOVANNI RIMONDI Treviso, 10 dicembre, 2009 ECOPNEUS: GESTIONE DEI PNEUMATICI FUORI USO

Dettagli

Produzione di energia da biomasse

Produzione di energia da biomasse Produzione di energia da biomasse Prof. Roberto Bettocchi Ordinario di sistemi per l energia e l ambiente Dipartimento di Ingegneria - Università degli Studi di Ferrara Produzione di energia da biomasse

Dettagli

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A.

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. ALLEGATO E al capitolato d'oneri ELENCO PREZZI LOTTO 1 Matrice Parametro

Dettagli

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI

6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6 SINTESI REGIONALE DEI RISULTATI 6.1 Ossidi di zolfo Per quanto riguarda gli ossidi di zolfo le emissioni sono dovute per il 93% ad Altre sorgenti/assorbenti in natura (con oltre 1.225.400 tonnellate)

Dettagli

I rifiuti organici: una fonte "rinnovabile" di energia chimica per l'agricoltura e di efficienza nel ciclo di produzione degli alimenti

I rifiuti organici: una fonte rinnovabile di energia chimica per l'agricoltura e di efficienza nel ciclo di produzione degli alimenti I rifiuti organici: una fonte "rinnovabile" di energia chimica per l'agricoltura e di efficienza nel ciclo di produzione degli alimenti DIBAF Dipartimento/per/l Innovazione/nei/sistemi/ Biologici,/Agroalimentari/e/Forestali

Dettagli

Analisi del ciclo di vita di servizi. LCA calcolati presso PROT-INN

Analisi del ciclo di vita di servizi. LCA calcolati presso PROT-INN Analisi del ciclo di vita di servizi LCA calcolati presso PROT-INN RISULTATI OTTENUTI DAL 1997 Metodo LCA Metodo Eco- Indicator Codice SimaPro 46 analisi del ciclo di vita di prodotti, processi e servizi

Dettagli

DNV BUSINESS ASSURANCE MANAGEMENT SYSTEM CERTIFICATE

DNV BUSINESS ASSURANCE MANAGEMENT SYSTEM CERTIFICATE Certificate No. / Certificato No. CERT-052-2005-AHSO-TRI-RvA This is to certify that / Si attesta che Fenice S.p.A. Via Acqui, 86-10098 Cascine Vica - Rivoli (TO) - Italy (Refer to Supplements A, B / Riferimento

Dettagli

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006 Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 99-26 28 gennaio 29 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 6 4673.2243-2244 Centro di

Dettagli

Life Cycle Assessment di sistemi per le auto elettriche

Life Cycle Assessment di sistemi per le auto elettriche Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Life Cycle Assessment di sistemi per le auto elettriche M. Cellura, S. Longo, A. Orioli,

Dettagli

Il bilancio energetico del progetto CEP REC della Regione Friuli Venezia Giulia

Il bilancio energetico del progetto CEP REC della Regione Friuli Venezia Giulia CEP REC Introduzione di modelli regionali per l energia Il bilancio energetico del progetto CEP REC della Regione Friuli Venezia Giulia Silvia Stefanelli Udine Palazzo della Regione 27 giugno 2014 La metodologia

Dettagli

EMISSION TRADING EFFICIENZA ENERGETICA E INNOVAZIONE. Ciclo integrale: problematiche attuali e sviluppi futuri

EMISSION TRADING EFFICIENZA ENERGETICA E INNOVAZIONE. Ciclo integrale: problematiche attuali e sviluppi futuri GIORNATE DI STUDIO AIM EMISSION TRADING EFFICIENZA ENERGETICA E INNOVAZIONE Bergamo 17 18 Aprile 2007 Ciclo integrale: problematiche attuali e sviluppi futuri (S. Fera Ilva S.p.A.) 1 Ciclo integrale: problematiche

Dettagli

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto ELV: criticità del sistema I trattamenti post frantumazione Ing. - Feralpi Siderurgica SpA Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA Obiettivi - Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche più promettenti

Dettagli

IL RECUPERO DI ENERGIA. Lidia Lombardi Università degli Studi Niccolò Cusano - Roma

IL RECUPERO DI ENERGIA. Lidia Lombardi Università degli Studi Niccolò Cusano - Roma IL RECUPERO DI ENERGIA Lidia Lombardi Università degli Studi Niccolò Cusano - Roma 1 Sommario - Gerarchia - RD e RUI - Contenuto energetico e potenzialità di recupero - Recupero energetico - Alcuni indicatori

Dettagli

Brochure e4 S.r.l. - Cleaning by pneumatic systems; - Waste treatment; - Water purification;

Brochure e4 S.r.l. - Cleaning by pneumatic systems; - Waste treatment; - Water purification; Brochure e4 S.r.l. Italiano E4 S.r.l. progetta, costruisce e installa impianti di: - Impianti di abbattimento polveri, completi di filtri a tessuto del tipo a maniche e a cartucce certificati Atex. - Impianti

Dettagli

Cogenerazione di biomasse su piccola scala: opportunità e criticità

Cogenerazione di biomasse su piccola scala: opportunità e criticità Cogenerazione di biomasse su piccola scala: opportunità e criticità Antonio M Pantaleo Dipartimento DISAAT, Università di Bari Centre for Process Systems Engineering, Imperial College London pantaleo.antonio@uniba.it

Dettagli

Green economy: ricerca, innovazione e simbiosi industriale

Green economy: ricerca, innovazione e simbiosi industriale Green economy: ricerca, innovazione e simbiosi industriale Rifiuti e rifiuti organici: nuovi indirizzi e strategie per la loro raccolta, gestione e valorizzazione Gestione sostenibile dell acqua L aria

Dettagli

Leo Breedveld - 2B 15/07/2008

Leo Breedveld - 2B 15/07/2008 LCA dell agroalimentare Introduzione alla Valutazione del Ciclo di Vita e potenzialità dello strumento nei settori agricolo e agroalimentare Camera di Commercio di Padova Centro Studi Leo Breedveld 15

Dettagli

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008)

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008) 1.2.1 Resource savings and CO2 reduction potential in waste management in Europe and the possible contribution to the CO2 reduction target in (Prognos, Ifeu, Infu 2008) http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf

Dettagli

Panoramica sullo smaltimento rifiuti e potenzialità energetica nazionale

Panoramica sullo smaltimento rifiuti e potenzialità energetica nazionale Milano 09 Aprile 2008 Panoramica sullo smaltimento rifiuti e potenzialità energetica nazionale Ing. S. Zannier WtE Unit Manager Tabella di confronto rifiuti RSU CDR * P.C.I. tal quale (MJ/kg) Frazione

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione

La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione La produzione di energia da biomasse Bilancio energetico di un impianto a combustione Costante M. Invernizzi costante.invernizzi@unibs.it San Paolo (BS), 29 maggio 2010 Outline 1 La biomassa 2 La utilizzazione

Dettagli

Consorzio di Bacino Salerno 1

Consorzio di Bacino Salerno 1 Consorzio di Bacino Salerno 1 Attività di internazionalizzazione e cooperazione internazionale Fabio Siani CEO 2 Consorzio Salerno 1 Regione Campania Located in southern Italy About 5 million people 5

Dettagli

Recupero di risorse da rifiuti: esperienze nel campo della pirolisi. Dr. S. Galvagno PROT-STP C. R. Enea Trisaia

Recupero di risorse da rifiuti: esperienze nel campo della pirolisi. Dr. S. Galvagno PROT-STP C. R. Enea Trisaia Recupero di risorse da rifiuti: esperienze nel campo della pirolisi Dr. S. Galvagno PROT-STP C. R. Enea Trisaia Il Processo di Pirolisi Il processo di pirolisi consiste in una degradazione termica in atmosfera

Dettagli

BOTTIGLIE in PET LIFE CYCLE ANALYSIS

BOTTIGLIE in PET LIFE CYCLE ANALYSIS BOTTIGLIE in PET LIFE CYCLE ANALYSIS Obiettivi dello studio oggetto d analisi: BOTTIGLIA DI PLASTICA da 1 lt ampiezza ciclo di vita: DALLE MATERIE PRIME AL RICICLO/RIUSO FINALITÀ: Dai risultati dello studio

Dettagli

Soluzioni disponibili oggi e domani per l impiego dell idrogeno come vettore energetico. Bartolomeo Marcenaro Catania, 28/10/2009

Soluzioni disponibili oggi e domani per l impiego dell idrogeno come vettore energetico. Bartolomeo Marcenaro Catania, 28/10/2009 Soluzioni disponibili oggi e domani per l impiego dell idrogeno come vettore energetico Bartolomeo Marcenaro Catania, 28/10/2009 Un storia antica... Company Confidential 2 ...antiche promesse Company Confidential

Dettagli

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Comunicazioni della Commissione Europea Comunicazione della Commissione al Consiglio

Dettagli